Decor






 
 
 

Cuscini per cucina open space in muratura

Pubblicato da blog ospite in Decor, Nell'Essenziale
Cuscini per cucina open space in muratura

E’ da un po di giorni che medito su quale modello scegliere  per i copri sedia o cuscini per cucina open space in muratura. La cucina è in ambiente aperto con salotto, al momento il tavolo ancora non c’è, ma c’è un’isola che adoro! … Ed  il dubbio su quali cuscini segliere per la mia cucina rimane! So che posso sempre cambiarli, modificarli o rifarli, ma non riesco a decidermi sui colori.

Cuscini per cucina open space in muratura

Sgabelli con cuscini per cucina open space in muratura

Questi che vedete in foto sono stupendi, ma non sono per la mia cucina! Sono partiti qualche giorno fa e sono stati realizzati su misura per delle sedie modello Viennese. Per i miei sgabelli da isola continuo a pensare di utilizzare solo tessuto bianco (in puro cotone) per dare più luce. Infatti, nonostante nella stanza ci siano 4 finestre, il pavimento scuro, il muro in pietra e la muratura della cucina color cappuccino tendono a scurire molto l’ambiente. Con tutti i tessuti bianchi vorrei illuminare maggiormente la stanza.

sgabelli con Cuscini per cucina open space

Sgabelli per la mia cucina open space Zappalorto in muratura

Gli sgabelli dell’isola sono color avorio, e con il nocciola starebbero davvero bene, ma nel complesso la stanza sembra più scura. Il bianco dovrebbe illuminare il tutto!

sgabelli cucina open space zappalorto

Quali cuscini mettere in una cucina open space in muratura?

Ti ho già parlato del modello di questi cuscini per sedie in stile romantico in questo post:

Cuscini per sedie in stile romantico

Questi cuscini del precedente post erano per una cameretta, ma il modello si presta benissimo per degli sgabelli inseriti in un contesto tra shabby e country chic. La mia cucina infatti è una unione tra stile country e shabby. Il country è molto soft e non eccessivo e si sposa benissimo con le sfumature shabby che ho voluto riportare. La balza lunga a pois ed i fiocchi in tessuto rustico addolciscono lo stile country e fanno da ponte tra la muratura più rustica ed il divano più shabby.

Direi che sono quasi convinta, ma si sa … il calzolaio va sempre con le scarpe rotte.. e chissà quando realizzerà i cuscini per me!

Se i miei cuscini ti piacciono puoi prenotarli sul mio Etsy in tutti i colori e misure che desideri. A breve potrai anche comprare il cartamodello per realizzarli da sola.

Oggi ti ho raccontato tutto e… non so se hai notato i fiori di cotone che ho messo sulla mensola di fianco alla cappa! non sono stupendi??

Ciao

A prestissimo

Rosa

 

 

L’articolo Cuscini per cucina open space in muratura sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

Tags:

 
 

I #5 colori da usare con calma e gesso in casa

Pubblicato da blog ospite in Decor, VDR Home Design

Di solito quando si parla di colori per casa si danno consigli solo sui colori da usare in ciascuna stanza, ma non si parla mai di quelli da usare con molta cautela. Ne parliamo oggi.

……….

Se cercate nel web consigli per imparare a scegliere i colori e come dosarli in casa, ne troverete davvero tanti, che parlano di quali usare. Però non si pone mai l’attenzione sui colori da usare con cautela e parsimonia, perché potrebbero creare un effetto disastroso.

Ci sono molti colori, quelli super saturi ad esempio, che vanno dosati per evitare spiacevoli effetti “zero luce” e “stanza micro”. Nessuno dice che non si possano scegliere, sia chiaro, solo bisogna accoppiarli con i giusti colori neutri / pastello e freddo / caldo, a seconda del colore di partenza.

Volete vedere un po’ quali sono?

COLORI DA USARE CON CAUTELA #1: GIALLO, ARANCIONE E ROSSO

Comincio subito dicendo che questi colori sono bellissimi e mi piacciono davvero tanto. Solo che il vederli spalmati in ogni angolo e in ogni dettaglio di una stanza mi fa venire mal di testa. Se scegliete uno di questi colori per tinteggiare le pareti, non potete usarlo anche per i mobili. O uno o l’altro.

Ma anche se scegliete di dipingere le pareti di giallo, arancione o rosso, è meglio scegliere una parete sola o un pezzo di parete e tinteggiare. Potete alternare con righe bianche e colorate, oppure ancora dividere il muro orizzontalmente e usare il colore saturo sotto (così sopra il bianco contribuirà a riflettere la luce).

Oppure scegliete la parete focus della stanza e colorate. Vi dico di non esagerare con questi colori perché in stanze di dimensioni normali (quindi non immense e neanche alte 4 metri) questi colori assorbono tutta la luce, rendendole buie e facendo sembrare la stanza ancora più piccola.

colori da usare

Maison du Monde

colori da usare

Maison du Monde

È molto importante definire uno schema colori partendo dai pavimenti, per trovare le tonalità che ne facciamo risultare i pregi mascherando i difetti. Pavimenti dai toni caldi saranno ben bilanciati da colori freddi e così via. Una volta che avete definito i 4/5 colori per casa vostra potete cominciare a ragionare su come distribuirli per le stanze.

Anche se ribaltate l’uso dei colori da una stanza all’altra, il fatto di avere continuità cromatica per tutta casa contribuirà a rendere tutto l’insieme molto gradevole.

Questi tre colori sono altamente energetici e stimolanti e quindi adatti a zone studio / lavoro, alla cucina e al soggiorno. Nella zona notte dovranno essere relegati ai colori degli accessori (tende, cuscini, coperte, lenzuola e tappeti).

colori da usare

Ikea

colori da usare

Ikea

COLORI DA USARE CON CAUTELA #2: BLU E VIOLA

E finiamo con altri due colori molto apprezzati: il blu e il viola. Lo so che quando guardate le foto dei cataloghi le stanze con le pareti blu sembrano ultra luminose, ma dovete tenere conto che si tratta di ambienti in set fotografici, con luci posizionate apposta per far risaltare i prodotti.

Voi in casa non avete luci da stadio, quindi se fate tutte le pareti viola e tutti gli accessori anche, il risultato sarà più effetto teatro a luci soffuse.

Quindi ok a una o due pareti in queste tonalità a patto però che il resto dell’ambiente sia rischiarato da toni pastello e chiari. Un buon contraltare al viola è il verde oliva ad esempio. Mentre un buon contraltare del blu è il giallo / giallo senape.

 

colori da usare

Ikea

L’articolo I #5 colori da usare con calma e gesso in casa sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Scatole di latta : idee e shopping.

Pubblicato da blog ospite in Decor, Le Cose Semplici

Una delle mie svariate passioni e collezioni riguarda le scatole di latta vintage.

f69976efec35cac5b2ee48e3536ab727

32e3043a5cf8523a96e868edfea6648d

Ai mercatini se ne trovano tantissime: più o meno rovinate e usurate.

f6d4fd9e85a6a75112f716fac95c8179

67e9b4a238e8fc39ad2efcd2b3798e9c

Mi piacciono tantissimo, anzi più sono ammaccate e più mi incuriosiscono.

e7c9c5c83f6a8580dff90dfc3788ead4

330e8b91b1658a8ae7063c5cc7f87f47

I veri collezionisti le cercano vecchie,rare e in buone condizioni. Io che sono solo un appassionata le scelgo in base ai miei gusti e a come secondo me possono ” stare” nel contesto.

b433a8a1808cbbe8ff6a9f9a6efff2e8

337b7a73e767cf4ea5b764c247d3c949

Parliamo di questo contesto: non è detto che debbano per forza essere inseriti in soli ambienti arredati in stile vintage-retrò.

2ced2428cfa13636418a697a992a998f

Anche gli stili shabby e provenzale si addicono.

38a59c9bd802a1ede038856dc600280d

Ma vi possono anche stupire in ambienti prettamente moderni o in stile nordico.

0f8653ed70353514bcc9696bfdde0054

Personalmente amo le scatole vintage ma in commercio ce ne sono di molto carine anche nuove.

5100d88ea5e39d46dd43eea83e476b9f

446ed75df97aa1b6af76428762b2bced

Per chi vorrebbe farne regalo o auto-regalarsele qui vi propongo una carrellata di quelle che ho scovato in vendita:

il_570xN.678089340_ttci
INFO QUI
il_570xN.1153764554_elng
INFO QUI
il_570xN.1177728974_gtuu
INFO QUI
il_570xN.1337345404_3arq
INFO QUI

 

 

il_570xN.1467811323_1uyd
info qui

 


FOTO TRATTE DA PINTEREST E ETSY
Tags:

 
 

Stile industriale e carta da parati. Un binomio infallibile

Pubblicato da blog ospite in Decor, GiCiArch

Non ci sono dubbi. Da qualche tempo a questa parte lo stile industriale sta prendendo il sopravvento nell’arredo di case e locali.

carte-da-parati-effetto-cemento-parete-rovinata-2-265

Carta da Parati Artistica, collezione Effetto cemento, Parete rovinata

Che si tratti di un bar, di un negozio di abbigliamento oppure di un monolocale, la tendenza è quella di far prevalere le materie grezze e a vista, come mattoni e cemento.

carte-da-parati-new-york-wall-street-2-156

Carta da Parati Artistica, collezione Effetto cemento, Wall Street

Integrare elementi in stile industriale può essere più semplice del previsto. Come? Affidandosi a una soluzione rapida e poco invasiva: la carta da parati. I costi si ridurranno notevolmente, così come i tempi di lavorazione, ma il risultato sarà sorprendente.

carte-da-parati-effetto-legno-assi-in-mogano-2-135

Carta da Parati Artistica, collezione effetto legno, Assi in mogano

Esistono diverse tipologie di carte da parati, e poiché anch’esse si adattano alle mode del momento, non mancano quelle in stile industriale. Ci sono carte da parati per tutte le esigenze, e per questo tipo di stile l’effetto cemento è perfetto: pareti rovinate, blocchi di cemento, oppure le piastrelle in stile retrò. Tutte queste fantasie sono ideali per la zona living, ma possono integrarsi senza alcuna difficoltà anche nella zona notte.

carte-da-parati-vintage-balilla-2-209

Carta da Parati Artistica, collezione Vintage, Balilla

La nudità dei materiali e la visibilità della loro struttura è il punto chiave di questo stile urbano che ricerca l’essenziale e la riscoperta della materia. Uno stile che nasce tra i giovani artisti newyorkesi degli anni ‘50, che decidono di vivere in fabbriche dai soffitti alti e dalle grandi finestre, dove a dominare la scena sono i mattoni e il cemento. Elementi di design vissuti completano l’arredo, per questo lo stile industriale si sposa spesso con lo stile retrò. Mobili invecchiati e arrugginiti, tubi e travi a vista sono alla base di un ambiente che rispetti le regole della moda newyorkese. Il legno è un materiale accettato, ma ovviamente solo se non trattato. La combinazione tra metallo e legno contribuisce a rendere questi ambienti molto più accoglienti.

carte-da-parati-vintage-segni-del-tempo-2-58

Carta da Parati Artistica, collezione Vintage, Segni del tempo

La luce è molto importante, ed è proprio per questo sono bandite le tende e le finestre sono lasciate libere da ostacoli che possano compromettere la luminosità della stanza.

Per ovviare al problema della luminosità, si può optare per muri in grigio chiaro, e anche in questo caso le carte da parati sono un ottimo alleato. Buona parte dei locali ridisegnati secondo le regole dello stile industriale, ricorrono alla carta da parati proprio in virtù dei motivi espressi sopra. Un ulteriore vantaggio riguarda la manutenzione, perché la carta da parati è lavabile e si mantiene pulita senza troppe difficoltà.

Ma non è tutto. Per chi ritiene fondamentale i mattoni a vista, esistono carte da parati anche con questo motivo. In questo modo, senza rompere i muri, si avrà a disposizione una trama di mattone impeccabile, per un effetto totalmente autentico. Per l’installazione è sempre bene affidarsi a professionisti, soprattutto se non si è esperti in tema di bricolage e lavori domestici. Come sempre, meglio investire nella qualità piuttosto che ricevere spiacevoli sorprese. Materiali di prima scelta, una buona consulenza, ed installatori di fiducia sono la garanzia di un ambiente in autentico stile industriale.

Tags:

 
 

Tende glamour ma economiche

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, Decor

Sul blog mi piace affrontare temi che sono del mio quotidiano d’architetto.

I clienti ti pongono domande relative alle loro perplessità o ai loro problemi ed è molto stimolante per me cercare di risolverli e trovare le strade corrette per accontentarli.

Uno degli argomenti più ricorrenti che il cliente mi pone è quello del costo delle tende.

In effetti è un fattore che si fa sentire sul budget della ristrutturazione o del restyling perché, oltre al tessuto, bisogna considerare che ci sono da mettere in conto i bastoni/binari e il montaggio.

Mi è stato chiesto in più occasioni come si può risparmiare, dove si possono comprare delle tende economiche. Ci sono aziende in realtà per tutti i budget e la scelta del filato influisce tantissimo sulla resa estetica e sul costo finale. Per chi non può affrontare spese elevate si possono trovare delle soluzioni che appagano sia l’occhio che il portafoglio e cercherò di mostrarvi qualche possibilità.

Premesso che chi sceglie ad esempio una tenda di lino non sbaglia mai, mi trovo concorde con chi vorrebbe un qualcosa di più particolare ed elegante.

Parto nel mostrarvi quindi una tenda di lino o di cotone a seconda della trasparenza che si vuole avere. Un modo molto sofisticato e semplice da realizzare per impreziosire la tenda è quella di aggiungere una fascia nella parte bassa. Sobria se si resta nella stessa gamma di colori, più di impatto se si va con colori forti o a contrasto.

Lo stacco di colore rende la tenda più ricercata rispetto ad una monocolore.

Ancora meglio a mio avviso quando c’è un cambio di tessuto. Accostare ad esempio il velluto a una stoffa più grezza o più leggera rende il risultato estremamente efficace.

 

Un’altra soluzione che trovo molto piacevole è quella di decorare sui bordi la tenda.

Un valido aiuto sono le passamanerie sia semplici che decorate.

Ad esempio C&C Milano ha delle tipologie molto particolari e colori che appagano qualsiasi abbinamento.

via C&C Milano

 

Si potrebbero aggiungere anche le frange, molto di moda negli ultimi anni.

Bellissime quelle di Colefax and Fowler.

Via Colefax and Fowler

O quelle meno tradizionali di Elitis. Queste ad esempio le ho fotografate nel loro showroom a Milano.

 

Altra variazione sul tema del bordo basso potrebbe essere aggiungere un motivo ricamato.

Oppure optare per una fascia superiore.

 

Secondo me basta veramente poco per creare una tenda elegante, non scontata e soprattutto a costi contenuti. Vedrete che con un po’ di fantasia le soluzioni con mancheranno 😉

Se avete altre perplessità scrivetemi nei commenti sarò felice di rispondervi.

 

Le immagini, dove non è indicato, sono tratte da Pinterst.

Tags:

 
 

Come fare un cuscino per San Valentino

Pubblicato da blog ospite in Decor, Nell'Essenziale
Come fare un cuscino per San Valentino

Ormai a San Valentino è quasi d’obbligo regalare cuori … ma ci sono cuori e cuori… oggi ti mostro come fare un cuscino per San Valentino con un cuore in rilievo!

Il cuscino che realizzerai da sola è senza cerniera ed è coordinato al cuscino termico a forma di cuore di troppotogo! insieme sono meravigliosi ed io me ne sono davvero innamorata!

Con questi cuscini la tua casa, ma soprattutto la tua camera da letto sarà davvero romantica!

Come fare un cuscino per San Valentino

Il regalo perfetto per San Valentino: i cuori

Si narra che San Valentino fu il primo religioso che celebrò l’unione tra una giovane cristiana ed un legionario pagano e per questo è fu considerato il patrono degli innamorati. E cosa c’è di meglio di un cuore realizzato con le proprie mani per festeggiare questo evento?

Allora cosa aspetti? ecco di seguito i materiali che ti saranno necessari!

tutorial cuscino con cuore

Materiale occorrente per realizzare un cuscino senza cerniera

  • 70x180cm di tessuto bianco
  • 40x30cm di tessuto rosso
  • Imbottitura piatta 20 x 30cm
  • Interno Cuscino 40x40cm
  • 35 cm di nastro rosso .
  • Macchina da cucire.
  • Ago, filo trasparente,filo bianco, mulinè bianco, spilli, forbici.

Tutorial su come fare un cuscino per San Valentino

Step 1 su come fare un cuscino per San Valentino

Stampare il cartamodello del cuore e Tagliare tutti i tessuti.

Tessuto bianco:

  • una sezione 42×42
  • due sezioni 42×30
  • una sezione 180×20

Tessuto rosso:

  • due sezioni 20×30

Immbottitura piatta

  • una sezione 20 x30

Step 2 su come fare un cuscino per San Valentino

Disegnare il cartamodello del cuore sul tessuto rosso. Posiziona dritto su dritto le due sezioni di tessuto, inserire come ultimo strato l’imbottitura piatta e cucire lungo il disegno del cartamodello. Tagliare la stoffa in eccesso, realizzare un taglio nella parte centrale del cuore e dei taglietti sulle zone curve. Rivoltare il cuore sul diritto tramite il taglio fatto sulla parte centrale.

Come fare il cuore da applicare

Step 3 su come realizzare un cuscino per San Valentino

Posizionare il cuore sul tessuto bianco 42x42cm e cucirne il bordo con un punto a zig zag utilizzando il filo trasparente.

Come fare l'applique su un cuscino

Step 4

Piegare in due il tessuto bianco 180x20cm, stirarlo e pieghettarlo per realizzare la balza. Puoi pieghettare con il piedino pieghettatore, o realizzare le pieghe a mano. Chiudi la fascia su se stessa ed applica la balza intorno al quadrato con il cuore applicato spillando bene il tutto.

Come fare un cuscino con cuore

Step 5

Realizzare un orlo do 0,5cm sui tessuti bianchi 42x30cm e posizionarli dritto su dritto sopra il tessuto quadrato con il cuore. Spillare bene e cucire tutto intorno lasciando un margine di1 cm. Togliere gli spilli e rivoltare.

Come fare un cuscino senza cerniera

Step 6

Realizzare un fiocco con il nastro e cucirlo con qualche punto nell’angolo in alto a destra. Realizzare un punto filza intorno al perimetro interno del cuore.

Come fare un cuscino con fiocco

 

Il cuscino per San Valentino, senza cerniera e con cuore in applique è pronto per ornare la tua casa!

E tu hai iniziato a pensare a cosa regalerai o vorresti ricevere come regalo di San Valentino?

A questo proposito ti segnalo il fantastico contest di Troppotogo!

Partecipare al contest  è semplice, ti basta fare una foto, anche un selfie, con il biglietto scaricabile dal blog di Troppotogo. Infine dovrai condividere la foto sui social con l’hastag #sanvalentinotroppotogo. Puoi vincere un buono per i tuoi regali! Maggiori dettagli del contest li troverai nel post.

Con questo Post su come fare un cuscino per San Valentino partecipo alla raccolta di progetti per San Valentino di Troppotogo, ecco di seguito la rivista online!

Per oggi è tutto!

Infine ti invito a realizzare questo cuscino e ti saluto aspettando un parere sul mio progetto romantico!

Rosa

L’articolo Come fare un cuscino per San Valentino sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

Tags: ,

 
 

[DIY] Ikea Ivar trasformazione

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Decor, Idee

22-ikea-ivar-disegno-colori-pastello

La serie IVAR, una delle più pratiche e funzionali di Ikea, compie 50 anni. Le sue strutture, ripiani, cassetti e contenitori ti permettono di creare lo scaffale più adatto alle tue esigenze e al tuo spazio. In più è in legno grezzo, pertanto, non sorprende che sia anche uno dei pezzi che meglio si presta alle trasformazioni ovvero agli “hackeraggi”, sia che lo si personalizzi con il colore sia che si crei nuovi mobili e nuove funzioni con alcuni dei suoi elementi.

La maggior parte delle persone che conosciamo, che hanno scelto di avere Ivar per la loro casa, lo ha usato come semplice scaffalatura per il ripostiglio, la dispensa, il garage o simili. Eppure un arredo così “basico” ha tantissime altre potenzialità, perchè si presta perfettamente alla personalizzazione, tanto da diventare il preferito dagli appassionati di fai-da-te.

Abbiamo raccolto alcuni dei progetti fai da te più originali che abbiamo trovato sul web. Sono molti quelli che ci piacerebbe provare!

Nella foto in alto: Vernice color pastello e un disegno a zig zag irregolare, crea subito un elemento di arredo molto scenografico per “mascherare” questi otto capienti contenitori pensili. [fonte: qui]

24-ikea-ivar-stile-scandinavo

Se è il design scandinavo la tua passione, non puoi che trasformare Ivar in un mobile contenitore nero e bianco. [fonte qui]

04-ikea-ivar-mobile-originale-decoupage

Cerchi qualcosa di unico ed originale? Puoi trovare una palette di colori di moda in accoppiata a carte da decoupage moderno. Bella l’idea dei maxi pomoli centrati. [fonte qui]

14-ikea-ivar-colore-uniforme-boiserie

Ivar è talmente discreto che può anche mimetizzarsi con il colore scelto per la tua parete. [fonte qui]

21-ikea-ivar-rivestito-carta-botanica

Se la pittura non è il tuo forte, un’altra buona idea è quella di trovare una carta che ti piace e rivestire le ante. Ecco una personalizzazione a tema “erbario”. [fonte qui]

28-ikea-ivar-mobile-grafica

La grafica in bianco e nero su legno di pino grezzo diventa una combinazione perfetta per un look pulito, ma d’effetto. [fonte qui]

25-ikea-ivar-sospeso-colori

Più semplice di così  è impossibile! Prendi tre elementi con ante, dipingili in diversi colori e otterrai una combinazione vincente per la camera dei bambini.  [fonte qui]

26-ikea-ivar-mobile-bagno

Hai una casa in affitto o un budget ridotto? Copia questa idea per il mobile del lavabo. Per sostenere il peso del lavandino, rinforza il top con un doppio ripiano. [fonte qui]

19-ikea-ivar-paravento

Facile creare un pratico paravento! Materiali necessari: tre montanti per libreria, alcune cerniere e il tuo tessuto preferito. [fonte qui]

02-ikea-ivar-porta-asciugamani-in-bagno

Un montante per scaffale Ivar può essere molte cose. Ad esempio, un portasciugamani molto funzionale. Il potere della fantasia! [fonte qui]

27-ikea-ivar-mobile-bagno

C’è chi persino ha visto in questo arredo componibile Ikea la possibilità di farlo diventare un mobile tradizionale cinese. [fonte qui]

09-ikea-ivar-armadio-lavagna-per-cameretta

Se i tuoi figli amano disegnare, lasciali esprimere liberamente: dipingi le porte con una vernice effetto lavagna e voilà! [fonte qui]

13-ikea-ivar-letto-per-cameretta

Incredibile a pensarci, ma Ivar può diventare anche una struttura per letto. I cassetti della linea possono reggere una rete per il letto dei bambini, trovando così anche spazio per i giochi. [fonte qui]

08-ikea-ivar-credenza-moderna

Un po’ di vernice grigio scuro per le ante, mordente per il ripiano, maniglie brunite possono trasformare un paio di contenitori Ivar in una credenza molto elegante e raffinata. [fonte qui]

23-ikea-ivar-colori-per-cameratta-bambino

Se per la camera dei ragazzi vuoi evitare un risultato monotono, dipingi ogni anta di una tonalità  diversa, mantenendoti su una palette di due colori. [fonte qui]

Il viaggio verso le mille trasformazioni di Ivar finisce qui, ma se vuoi altre idee per personalizzare i mobili Ikea, leggi anche questi articoli:

– vai qui per vedere le metamorfosi di Ikea Expedit – Kallax

qui per scoprire i makeover di Ikea Tarva

– mentre puoi andare qui per trovare come personalizzare la scaletta/sgabello Bekvam

Felice makeover!

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

Il salotto al piano di sopra: moodboard reveal

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Decor

Sono pronta a svelarti le nostre scelte per il salotto al piano di sopra!

Adesso, questa stanza è piena di tubi, mattoni e piastrelle. Ci sono fori nelle pareti ed attrezzi qua e là.  Presto, però sarà una zona relax + angolo studio. Te ne parlo procedendo per gradi.


Perchè un salotto al piano di sopra?
Il soggiorno al piano terra racchiuderà sala da pranzo ed un piccolo divano. 
Il piano superiore si apre su un ampio spazio lumioso, attorno al quale si sviluppano la stanza da letto, il bagno e la lavanderia. Abbiamo pensato di sfruttare questo spazio per organizzare un salotto che possa ospitare una zona tv ed un comodo divano a quattro posti ed uno studio aperto sul living.

La funzione della stanza
Il divano è grande abbastanza per ospitare me e la mia dolce metà, sdraiati a guardare una serie tv a fine giornata, e capiente al punto giusto, per riunire tutta la famiglia a guardare la partita.
Lo studio sarà composto dalla scrivania e da una libreria formata sia da mensole sia da armadietti. La volevamo proprio così. Gli armadietti servono a tenere nascosti gli oggetti che non sono belli da tenere a vista. Le mensole, invece, sorreggeranno portadocumenti e libri.
Qui lavorerò ai post sul blog, studierò e farò progetti per il futuro. Da qui partiranno milioni di idee!
Dulcis in fundo: la stufa a pellet sarà collocata proprio in questa stanza. Ne approfitteremo per godere al meglio dei momenti di relax, davanti al fuoco acceso.

Lo stile
Abbiamo scelto un mood minimal per tutta la casa. I toni sono neutri ed i materiali naturali fanno da padrone. L’abbondanza di legno massello scalda l’ambiente e lo rende accogliente. 



Non vedo l’ora che sia pronta! Non ho mai avuto uno spazio adibito esclusivamete alla scrittura finora. Lo facevo sul tavolo della cucina oppure in sala da pranzo. La zona tv, invece è attesa soprattutto dalla mia dolce metà, che finora, non aveva uno posto comodo, nella Casetta, per guardare le sue serie preferite e, soprattutto, le partite di calcio!
Ecco l’elenco dei prodotti che abbiamo scelto per creare questo look.

Il living
1. Wilson & Morris, Duck Egg 2010. Un delicato verde salvia, riposante e dal sapore vintage. Ricoprirà, fino a metà altezza, la parete dietro il divano.
2. Divano Clyde, 4 posti. Il rivestimento sarà in velluto, in una chiara sfumatura di grigio.Ti avevo parlato qui della mia passione per i divani cicciotti e qui del mio amore nei confronti dei divani in velluto. Clyde ha esaudito entrambi i desideri!
3. Edilkamin, stufa a pellet Cherie Up, acciaio. Non è stato facile, ma alla fine siamo riusciti ad arrivare ad una scelta. Il merito, è della mia dolce metà. Ha scelto lui questo modello, che ha trovato anche la mia approvazione! 
4. Tappeto Lodge, Maisons du Monde. Un intreccio di iuta e cotone con piccole frange laterali che ne esaltano il look natural. Richiamerà la tinta del legno dell’home office legando visivamente gli ambienti.
5. Mobile TV Cannè Contemporain, Woodjam. Dal look scandinavo, questo mobile tv ha rubato i nostri cuori. La struttura è in legno di mango mentre le ante scorrevoli sono contraddistinte da un intreccio di giunco. 

L’home office
A. Libreria Danube, Maisons du Monde. Le venature a vista ci hanno affascinati! Questa libreria è interamete realizzata in legno di quercia ed ha una struttura dal design minimal. Non è meravigliosa?
B. Scrivania Ghost, Maisons du Monde. Anche la scrivania è in quercia, come la libreria. Sorretta da due strutture a cavalletto, il piano ha una comoda cornice che mi impedirà di far cadere tutto giù, come faccio sempre!
C. Sedia Clyde, Maisons du Monde. Ero già innamorata della versione in pelle, ma quando ho visto il nuovo rivestimento in velluto, non ho resistito. Il colore poi, verde eucalipto, è uno dei miei preferiti e si intona con il colore della parete dietro il divano.

Se hai voglia di seguire i lavori in corso, segui l’hashtag #Casettaprep su Instagram!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

DECORARE I MURI: righe alternative

Pubblicato da blog ospite in Decor, Voglia Casa

Le righe sono davvero un “segno” impegnativo, specialmente se si decide di realizzarle come decorazione sulle pareti. Non a tutti piace osservare emblematiche strisce tutte a uguale distanza che assomigliano quasi ad un gioco ipnotico.

Perchè non pensare quindi a soluzioni alternative che renderanno il vostro muro meno monotono e con carattere?

24a3e8b764ed90a2586f9725b05a87d4Le righe non devono necessariamente essere equidistanti e verticali…potranno essere semplicemente due, in orizzontale, non realizzate alla medesima altezza, di differente spessore, che si prolunghino sul soffitto…insomma tante idee e colori da mescolare per progetti studiati per ogni situazione.

ecef58c3e87ca11f77a4be59c4573dbc

 

 

 

 

 

Tags:

 
 

Le vecchie damigiane.

Pubblicato da blog ospite in Decor, Le Cose Semplici

Se vi piace un certo stile di arredo, che strizza l’occhio al brocante, avrete ormai notato che da quasi due anni il vetro “vissuto” ha avuto un boom di consensi: sotto forma,sopratutto di vecchie bottiglie e damigiane.

6da0da4a64b2d63b2ee7c926918ff23f

Pinterest ed Instagram sono invasi di foto al riguardo.

damigiane-stile-rustico-312759

Tempo fai vi raccontai la mia grande passione per le vecchie bottiglie.

be959e6cf265863c30735a3b9cfb5da1

Oggi vi voglio raccontare  questa mia nuova iniziativa, riguardante le damigiane.

bc508327e8d9797e8f63f790d66cc6e7

Da mia mamma ne ho svariate e questo autunno mi sono detta che è un vero peccato lasciarle lì a marcire in cantina: perché non darle nuova vita svestendole della loro paglia e inserendole( per la gioia del marito) in giro per il giardino?

0897c29e76bbc42376da5dfe80c202de

In questi giorni sto cercando di immaginarne la nuova collocazione e mi aiuto facendomi ispirare da Pinterest.

acd026d33ac608d855d2f4248207122c

a6a26241d23ebff012ae073e132e97b6

Per questo ho pensato di condividere con voi il frutto delle mie ricerche.

b72450da64c7b5412a8b91b667ada307

Con l ‘arrivo poi della bella stagione vi farò un piccolo reportage fotografico per farvi vedere il risultato vero e proprio.

7f18983b24741ae339816b4855059001

Le damigiane hanno moltissimo fascino: si possono lasciare anche così come sono con la paglia, soprattutto se collocate fuori, per esempio sotto qualche portico.

6c7da868180c167e4810e500b2fb512a

6a591c480cf1d174f4b958ce0447c353

2a35c1858220a56d7b4f6252c25d4966

3ebdc0371ad35aa366f142f992743e0a

5af368943597e8880347e775413f623c

Anche in casa ,ben pulite, accostate a pezzi dal design moderno,riescono a creare una bellissima mise en place.

1d59462a10cfe431f60c9314abd59416

ef83d8c42160af9999bf5d6dedf1b890

foto tratte da Pinterest
Tags:

 
 




Torna su