BlogArredamento Aziende



Armadio a specchio: luce e profondità in camera

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

Avete mai pensato a come sarebbe la vostra camera da letto con un armadio a specchio? Ve lo diciamo noi: molto luminosa e più grande. Le superfici a specchio riflettono la luce dell’ambiente, sia che si tratti di una luce naturale proveniente dalla finestra sia che si tratti della luce artificiale di una lampada. Gli specchi danno l’impressione di una stanza più ampia, modificano la percezione visiva e fanno sembrare l’ambiente più largo e spazioso.
Per tutti questi motivi l’armadio con ante a specchio è un’alternativa da considerare quando si sta per arredare casa, soprattutto se si ha a che fare con stanze piccole e metrature ridotte.
Lo specchio inoltre arreda con stile, dona carattere ed eleganza alla stanza ed è la scelta ideale per arredamenti sia moderni sia classici.

Quando si parla di armadi con specchio si può fa riferimento a diversi modelli: armadio tutto a specchio, armadio con ante centrali a specchio, armadio con ante in legno e specchio. Le alternative sono numerose, pronte a soddisfare i gusti e le esigenze di tutti.

Per le nostre collezioni di armadi battenti e scorrevoli abbiamo selezionato 5 tipi di specchi: specchio naturale, bronzato, brunito, specchio Nuvola e specchio Acqua.

  • Specchio naturale: è la classica superficie a specchio riflettente dall’effetto chiaro e molto luminoso
  • Specchio bronzato: specchio con riflesso bronzeo che ricorda le foto “effetto seppia”
  • Specchio brunito: specchio con una sfumatura scura tendente al grigio
  • Specchio Nuvola: la superficie ha un effetto spugnato, vedo-non-vedo
  • Specchio Acqua: specchio decorato con righe irregolari verticali

Le 5 finiture a specchio per gli armadi di Napol Arredamenti

    Vi state forse chiedendo come appaiono questi specchi e quale effetto può donare un armadio a specchio alla vostra camera?
    Guardate la gallery di immagini qui sotto.

    ATTENZIONE

    1. Usare le immagini con moderazione. Lasciare libero sfogo alla fantasia, consultare le schede prodotto, contattare i Rivenditori Napol per informazioni, varianti e preventivi
    2. Realizziamo armadi componibili al centimetro, personalizzabili per dimensioni, materiali e finiture. La nostra collezione di armadi su misura include armadi battenti e scorrevoli, con maniglie applicate, integrate o a gola. Tutti gli armadi hanno un’anima in tamburato e sono impiallacciati in vero legno, esternamente e internamente, in varie essenze di tendenza che spaziano dal rovere laccato poro aperto ai laccati. È possibile avere ante interamente a specchio, ante in legno e vetro, ante in legno e specchio, ante con inserti in vetro o specchio.

      Dora è un armadio scorrevole con ante centrali a specchio brunito con profili laterali rovere laccato poro aperto, in tinta con la struttura e le ante laterali. Dora è proposto in laccato bianco segnale e in legno olmo perla, per il massimo dell’eleganza e della raffinatezza.

      Ada è un armadio scorrevole con due ante a specchio Acqua, un’elegante e appariscente finitura ideale per camere da letto moderne, classiche e contemporanee. La decorazione dello specchio può essere sdrammatizzata o accentuata scegliendo un particolare colore della struttura.

      Bai è un armadio scorrevole con anta centrale in specchio bronzato impreziosita da scanalature orizzontali che proseguono sulle ante laterali in legno. Ante laterali, telai e struttura sono qui proposti in vero legno ciliegio, per un look ispirato al passato e rivisitato in chiave moderna.

      Bai è anche un armadio con anta centrale in specchio Nuvola, sempre impreziosita da scanalature orizzontali. La particolare decorazione dello specchio crea un piacevole effetto “vedo-non-vedo”, o meglio “rifletto-non-rifletto”.

      Dia è un armadio scorrevole particolare e originale con due ante divise in quattro pannelli ciascuna. I pannelli possono essere realizzati in legno, vetro, specchio. L’abbinamento di diversi materiali e colori dà vita ad un armadio moderno e contemporaneo, capace di diventare il protagonista della camera.

       

       

      Volete vedere dal vivo i nostri armadi? Volete toccare con mano i nostri materiali? Vi piacciono i modelli che avete visto in questo articolo ma non sapete dove acquistarli? Volete un preventivo? Contattate il Rivenditore Napol più vicino a voi e prenotate un appuntamento (gratuito e senza impegno d’acquisto) con un esperto Arredatore.

      Tags:

       
       

      Un armadio moderno particolare? Personalizzalo!

      Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

      Se per arredare la camera da letto cercate un look diverso dal solito, il nostro primo consiglio è quello di scegliere un armadio particolare e originale. L’armadio, grazie alle sue grandi superfici lisce, è l’arredo che più si presta ad essere personalizzato. Per creare una zona notte davvero unica, le ante dell’armadio dovrebbero permettervi di abbinare colori e materiali diversi: solo con questa libertà potrete realizzare un arredo davvero personale, esprimere i vostri gusti e dire davvero di non avere “il solito armadio“.

      Senza nulla togliere ai più classici modelli in legno, vetro o laccato tinta unita, un armadio a due, tre o quattro colori permette di esprimere la propria personalità attraverso mix inediti e perfettamente in linea con il mood che volete dare alla vostra stanza da letto. Il legno può essere accompagnato dal laccato opaco in colori in tinta o completamente a contrasto, il rovere laccato poro aperto può essere abbinato con il corrispettivo colore nella versione liscia del laccato, le varie nuance possono essere accostate in combinazioni tono su tono che sfumano l’una nell’altra. Insomma l’unico limite è, come si suol dire, la fantasia.

      Armadio particolare? Parola d’ordine: personalizzare

      Siamo abituati a vedere armadi scorrevoli con grandi ante lisce in legno, laccate o con specchi e inserti in vetro. Ma cosa succede quando metti tutti questi materiali insieme?

      Noi l’abbiamo fatto con l’armadio scorrevole personalizzabile Dia che si caratterizza per le ante composte da 4 sezioni irregolari realizzabili in varie finiture e materiali diversi: essenza legno, rovere laccato poro aperto in vari colori, laccato opaco e vetro. Le infinite possibilità di scelta e di abbinamento consentono di creare un armadio unico, versatile e pronto per arredare camere da letto in qualsiasi stile. Senza contare che tutti i nostri armadi sono componibili al centimetro e garantiscono una grande flessibilità progettuale.

      Un armadio dallo stile particolare e ricercato va ben oltre la basica esigenza dell’arredare la propria stanza, diventa oggetto da esibire, pezzo decorativo da utilizzare anche in altri ambienti come se fosse una scultorea opera d’arte. Non per niente lo abbiamo progettato senza maniglie visibili, lasciando alle ante il ruolo da protagonista. Tocco prezioso in più: la presenta di inserti in vetro o a specchio, anche questi da personalizzare scegliendo tra varie finiture molto speciali.

      Sempre attenti a tutte le esigenze, non potevamo certo trascurare chi preferisce l’armadio con ante battenti. Anche in questo caso abbiamo voluto giocare con le linee per conferire un tocco di maggiore dinamicità ad un arredo che, per le sue dimensioni importanti, viene spesso percepito come una presenza ingombrante (nonostante il suo ruolo fondamentale all’interno della zona notte!).
      È nato così Taj, armadio componibile su misura dalle ante bicolore tricolore e perfino “quadricolore”.

      Pensato per arredare stanze moderne e, perché no, un ingresso o una cameretta, questo particolare armadio a battente consente di abbinare tra loro in totale libertà olmo Perla, olmo Brown, rovere laccato a poro aperto e tutti i colori del laccato opaco. Una palette straordinaria con cui giocare attraverso accostamenti originali, in netto contrasto o in assoluta armonia. La cosa importante è solo una: dar sfogo alla propria fantasia per arredare con un armadio diverso da tutti gli altri.

      Se state cercando idee su come abbinare colori e finiture, ecco alcuni consigli.

      State cercando un armadio particolare per arredare una camera da letto davvero unica? Vi piacciono i modelli che avete visto in questo articolo ma non sapete come personalizzarli? Prendete un appuntamento con un arredatore e lasciatevi consigliare dai professionisti.

      Tags:

       
       

      Il progetto: un’idea per dividere cucina e sala da pranzo

      Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

      Cucina e sala da pranzo insieme. Open space con cucina a vista. Duplex con angolo cucina e sala da pranzo in un’unica stanza. Salotto, soggiorno e angolo cottura tutti insieme.

      Tante casistiche, un solo quesito: come dividere cucina e sala da pranzo?

      Quando cucina e sala sono in un’unica stanza il dilemma di come separare queste due aree è praticamente inevitabile. L’open space è bello, arioso, fa tanto loft tra i tetti di New York, ma il dubbio di come poter nascondere all’occorrenza la cucina rimane: può essere perché avete cucinato tutto il giorno, gli ospiti sono in arrivo e non avete avuto tempo di sistemare e pulire i fornelli, oppure i resti della colazione sono ancora lì sulla penisola e avete invitato i colleghi per un drink dopo il lavoro. Le ragioni per celare alla vista la cucina, spazio tra i più utilizzati della casa, sono svariate.

      Questo era anche il problema dei clienti di cui parleremo in questo articolo: una coppia con 3 figli alle prese con la ristrutturazione e riorganizzazione della loro villetta, in particolare con la separazione dell’area cucina e zona pranzo collocate a piano terra. Ma entriamo nel dettaglio.

      Le richieste: nascondere la cucina quando serve, tanti contenitori e un mix di colori

      Progettare l’organizzazione ed arredare l’intero piano terra di una villetta non è un gioco da ragazzi, in particolare quando si parla di suddivisione degli ambienti e di colore.

      Le richieste dei clienti sono state chiare fin dal primo momento:

      • trovare una soluzione per dividere sala da pranzo e cucina senza doversi imbarcare in lavori di muratura
      • arredare la zona pranzo con un grande tavolo e con mobili contenitori per piatti, bicchieri, tessili per la tavola
      • nascondere un modem – con relativi cavi – che non era possibile ricollocare
      • creare un ambiente giorno allegro e molto colorato

      I committenti si sono rivolti alla nostra partner di Easy Relooking ed hanno usufruito del suo servizio di progettazione di interni online. Grazie a questa collaborazione hanno ricevuto uno sconto aggiuntivo su ArredaClick.com e l’assistenza gratuita della nostra architetto e arredatrice professionista Chiara, che li ha accompagnati durante tutto il processo di acquisto.

      Dividere cucina e sala da pranzo: il progetto step by step

      #1. Dividere senza l’ausilio di pareti fisse in muratura o cartongesso.

      Soluzione proposta ed ideata da Easy Relooking: un pannello scorrevole divisorio tra cucina e soggiorno, con binario a soffitto.

      La flessibilità offerta da un pannello è trasversale: semplice da realizzare, personalizzabile, leggero e rimovibile, questa sorta di quinta scorrevole arreda, divide e diventa al contempo elemento decorativo della stanza. Il pannello è ricoperto da una carta da parati che riprende i colori scelti per l’ambiente circostante, una scelta molto intelligente anche perché la carta può essere cambiata nel momento si decida di cambiare il look della stanza o tinteggiarla di un colore diverso.

      Il render realizzato da Easy Relooking

      Un altro render con vista sulla parete che ospita la credenza

      #2. Attrezzare la sala da pranzo con tavolo e capienti mobili contenitori + nascondere il modem

      In sala da pranzo non possono mancare dei capienti contenitori da utilizzare per organizzare e tenere in ordine tutto quello che serve. Dai piatti alle posate, passando per bicchieri, calici, tessili per la tavola e bottiglie di liquori da offrire agli ospiti: madie e credenze sono mobili tuttofare.

      Per la parete con le foto di famiglia è stata scelta una credenza laccata multicolore personalizzata seguendo i colori scelti per quest’area della casa.

      La parete di fronte, dove si trova anche il modem che i committenti vogliono nascondere, è stata arredata con una soluzione particolare che vediamo subito qui sotto.

      Per il muro dietro il tavolo Elisa ha disegnato e ideato per i clienti una speciale madia sospesa composta da vari elementi con ante e a giorno.
      L’idea geniale è stata quella di realizzare questo capiente mobile contenitore attraverso una composizione di pensili per pareti attrezzate abbinati liberamente tra loro per creare una parete contenitiva su misura.

      Esempio di composizione a terra
      Esempio di composizione sospesa

      Il pensile in basso a destra è stato montato senza fianco laterale per permettere il posizionamento del modem al suo interno. La presa di corrente si trova infatti subito al di sotto.

      #3. Creare un ambiente colorato e bilanciato

      Il colore comunica emozioni ed una casa colorata con tonalità d’accento ha sicuramente l’effetto di mettere di buon umore. Quando si vogliono usare molti colori è bene chiedere l’opinione di un esperto per evitare un mix caotico e poco rilassante. Dopotutto la casa è il luogo dove ci riposiamo e dove ritroviamo i nostri affetti, motivo per cui l’ambiente che ci circonda deve essere armonioso e piacevole: basta saper abbinare e bilanciare bene i colori.
      Easy Relooking si occupa anche di effettuare uno studio sui colori e sull’illuminazione, due cose che se ben progettate sono capaci di cambiare il volto di qualsiasi abitazione. Come spiega anche Elisa, interior designer e ingegnere, “Quando si vuole inserire tanto colore, è importante avere una linea guida da seguire!”

      Il prima e il dopo

      Il risultato finale non si allontana dal progetto presentato attraverso i render fotorealistici realizzati da Easy Relooking. Cucina e sala “dal vero” sono davvero sorprendentemente simili a quanto presentato in fase di progettazione.

      La realtà non ha nulla da invidiare al render: una foto scattata a progetto terminato

      La sala da pranzo con tavolo, credenza e contenitori sospesi a parete

      Se dividere un open space con cucina e sala da pranzo in un unico ambiente è anche il vostro problema, il nostro consiglio è di valutare varie opzioni: i lavori di muratura possono essere molto costosi e non sempre realizzabili, sono fissi e non potete tornare indietro o cambiare look alla stanza in qualsiasi momento. L’idea di separare i due ambienti giorno-cucina con un pannello scorrevole decorativo apporta vari benefici tra cui quello di risparmiare tempo e denaro (la realizzazione è semplice e se avete un po’ di manualità potete farlo voi stessi). La copertura con carta da parati vi permette inoltre di scegliere tra infiniti colori, fantasie e immagini fotografiche, con il grande vantaggio di poter cambiare il look scelto in qualsiasi momento.

      L’idea in più…

      Un’altra idea per separare cucina e sala da pranzo in maniera flessibile e non definitiva è l’uso di librerie passanti. Potete scegliere una libreria a terra bifacciale o ancora una soluzione a pali terra-soffitto con ripiani e contenitori da posizione come desiderate ed utilizzare da entrambi i lati per contenere ed esporre.

      Vi piace il progetto presentato in questo articolo e vorreste ricevere una consulenza per la vostra casa? Avete altri quesiti sulla progettazione d’interni? Volete un progetto personalizzato per qualsiasi altra stanza della casa?

      Cliccate qui sotto e chiedete aiuto ai nostri Arredatori!

      Volete un progetto d’interni personalizzato con render fotorealistici e book di progetto? Easy Relooking e ArredaClick sono sempre a portata di click >>> contatta Easy Relooking

      Tags:

       
       

      Design per bambini: mobili o giochi?

      Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

      Il design non ha età.
      Ci ho pensato a lungo e sono convinta che questo sia l’incipit perfetto per un articolo che parla di arredamento di design per bambini. Cinque parole che rompono le convenzioni del design tradizionale e proiettano in un mondo a misura di bambino.
      Ma facciamo un passo indietro, tutti ne parlano e tutti lo decantano ma cos’è il “design”? Il dizionario online Treccani docet: “Quando diciamo che un pezzo d’arredo o un elettrodomestico sono oggetti di design significa che vi abbiamo riconosciuto alcune caratteristiche: che non sono eseguiti a mano ma industrialmente, che sono funzionali, cioè adatti alla finalità per cui sono stati concepiti, e che hanno una forma originale, tavolta fantasiosa, tavolta semplice e priva di decorazioni superflue.”

      I mobili di design per bambini non sono riproduzioni rimpicciolite di arredi per adulti e non sono riduzioni in scala di mobili già presenti sul mercato. Sono piuttosto prodotti a misura di bambino realizzati da designer e pedagogisti che si sono calati nel mondo dei più piccoli e si sono sforzati di vedere le cose con i loro occhi. Gli arredi di design per bambini entrano quindi in un mondo fatto di semplicità, colore, genuinità e praticità, un mondo lontano dai gusti, dai bisogni e dalle sensazioni degli adulti.
      I mobili per bambini sono colorati, hanno forme strane, ispirano la creatività, sviluppano la fantasia, fanno divertire, coinvolgono in diverse attività, affiancano il bambino nella crescita e nella scoperta del mondo che lo circonda. Quando un bambino utilizza un prodotto realizzato appositamente per lui cresce divertendosi e sviluppando allo stesso tempo capacità creative, manuali e intellettive.

       

      Nell’immagine qui sopra:
      – Seggiolina Pop, una sedia bassa colorata per bambini, stabile, leggerissima (pesa solo 1,2 kg) e facile da spostare da chiunque. Estremamente resistente, è ideale anche in luoghi pubblici come asili, scuole materne e parchi giochi.
      – Trioli, una sedia poltroncina multifunzione per bambini che può essere utilizzata come sedia con seduta alta cm 37 o bassa cm 27 o come dondolo “da cavalcare”. È sufficiente girarla, ribaltarla, capovolgerla per cambiare il suo utilizzo e permettere ai bambini di stare seduti in modo composto o di divertirsi.
      – Puppy, un pouf a forma di cane stilizzato color arancione, bianco, verde o ad effetto “dalmata” bianco con macchie nere. È disponibile in quatto dimensioni che si adattano a tutte le età. È realizzato in materie plastiche resistenti anche all’esterno e in giardino. I bambini possono giocare con Puppy, cavalcarlo, sedersi sopra, trascinarlo o anche scavalcarlo e girarci attorno.
      – Eur, una libreria componibile per la cameretta e la stanza dei giochi composta da pezzi di diversa forma e colore. È ideale per riporre in modo ordinato libri e giocattoli di ogni forma e grandezza.

       

      Nella galleria di immagini qui sotto trovi una speciale selezione di arredi e giochi di design per bambini.

      Letto per bambini singolo o a castello. Bunky è componibile ed è costituito da elementi indipendenti facili da assemblare, come un gioco di costruzioni. Colorato nelle tinte dell’arancione e del blu, è perfetto per la cameretta di uno o due bimbi.

      Appendiabiti colorato per cameretta. Paradise Tree ricorda un albero magico, alto cm 189, con rami / ganci dalla forma originale ed insolita. I bambini possono trasformarsi in “piccoli designer” e stravolgere il look dell’appendiabiti tutte le volte che vogliono, semplicemente cambiando la disposizione dei tre elementi centrali.

      Libreria componibile per bambini. Ladrillos può essere personalizzata per forma, dimensioni, colori e… “mostriciattoli”. Puoi scegliere insieme al tuo bambino la composizione preferita, ricordati che per ogni piano sono sempre necessari due elementi di sostegno e che per maggior sicurezza è richiesto l’ancoraggio a muro della struttura.

      Sedia in plastica resistente a forma di animale. Libero sfogo alla fantasia del bambino, Julian ricorda un gatto o un lupacchiotto. Le quattro gambe sono le quattro zampe, il musino è un divertente schienale. Julian è disponibile in quattro colori vivaci.

      Libreria per cameretta a forma di grattacielo. Downtown è alta 183 cm, ha 5 vani contenitore sovrapposti di diversa capienza, è ideale per riporre libri da colorare, giocattoli e giornalini. Ironica e fantasiosa, questa libreria vuole portare “una “grande metropoli” all’interno del “piccolo mondo dei bambini”.

      Sedia con tavolino per disegnare. Le Chien Savant ha le sembianze di un cagnolino ma è una comoda seduta con tavolino per i bambini che amano disegnare, sfogliare giornalini o giocare comodamente seduti. È disponibile in quattro colori: verde, arancio, giallo, rosa.

      Sedia bassa, colorata, resistente, impilabile. Alma è leggera e pratica da spostare, caratterizzata da uno schienale con decori floreali intrecciati. Può diventare la compagna di giochi di tutti i giorni, in casa, sul terrazzo o in giardino.

      Giocattolo per bimbi e bambini. Happy Bird è un arredo multifunzione a forma di uccello con testa, corpo e zampette. Due dimensioni, tre colori, infinite possibilità di utilizzo: Happy Bird è un oggetto ludico e divertente, un complemento d’arredo per cameretta e stanza dei giochi, una sedia originale.

      Chaise longue per bambini. Flying Carpet ricorda il tappeto volante di Aladin e come lui si muove e sembra fluttuare. La piattaforma garantisce un movimento oscillatorio circolare che porta in un mondo incantato, fatto di sogno e magia.

      Nascondiglio per bambini in casa. Nido è una piccola casetta gioco per bambini realizzata in polietilene. La sua forma ricorda un divertente pesce con la bocca aperta decorato all’interno con fantasiosi graffitti e completato da un pavimento verde che ricorda il prato.

       

      Questi mobili di design appartengono alla collezione “Me Too” di Magis, una serie di arredi e complementi a misura di bambino che l’azienda stessa ama descrivere come “…un mondo colorato, sorprendente, felice…”.

      >>> Tutti i prodotti mostrati in questo articolo sono in vendita online su arredaclick.com <<<

       

      Hai trovato il mobile di design perfetto per il tuo bambino? Hai dubbi o richieste particolari? Vuoi conoscere i prezzi?
      Clicca qui sotto e chiedi aiuto ai nostri Arredatori. La consulenza è gratuita.

      Tags: , ,

       
       

      Letto contenitore in legno: 5 motivi per sceglierlo

      Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

      Se state arredando la vostra camera da letto o volete rinnovarla vi starete sicuramente chiedendo quale modello di letto scegliere. Meglio un letto matrimoniale in legno o un imbottito? Se in legno, quale essenza? Se imbottito, meglio il tessuto, l’ecopelle o la pelle? Contenitore sì o no?

      Il nostro consiglio è: letto contenitore in legno. Qui sotto vi spieghiamo il perché in 5 semplici punti.

      1. Il contenitore: soluzione salvaspazio perfetta

      Scegliere il contenitore vi permette di guadagnare spazio laddove andrebbe altrimenti sprecato: sotto il letto.

      In una camera da letto di dimensioni standard (per legge una camera matrimoniale deve misurare minimo 14 metri quadrati) un letto con box aiuta ad ovviare alla mancanza di spazio. In una stanza piccola è difficile ci sia posto per grandi armadi in grado di contenere vestiti, cappotti, cambi di stagione e biancheria. Senza dimenticare i gruppi letto completi composti da comodini e comò o settimanali, che sempre più spesso non trovano collocazione nelle abitazioni di nuova costruzione: se i comodini sono intoccabili, comò e settimanali sembrano essere passati in seconda posizione quando si parla di arredi necessari. 

      Tra tutti gli arredi per la zona notte, il letto è quello che occupa la superficie maggiore: perché non sfruttarla al meglio ottimizzando lo spazio al di sotto?

      Inoltre, per rendere più facile l’accesso al vano sottorete, i letti con contenitore moderni sono disponibili sia con apertura verticale sia con meccanismo a “doppia alzata” o ad “alzata orizzontale”. Questo tipo di apertura permette di sollevare la rete e portarla in posizione orizzontale, rendendo agevole l’organizzazione di tutti gli spazi del contenitore oltre che il rifacimento del letto.

      2. Materiale di qualità: resistenza e bellezza duratura

      Di mobili in legno abbiamo parlato tantissime volte nel blog e all’interno di ogni pagina dedicata ai nostri prodotti. Stiamo parlando di un prezioso materiale che da secoli arreda le nostre case, bello, resistente, caldo e dall’allure sempre famigliare. I letti in legno impiallacciato sono realizzati utilizzando legname proveniente da foreste certificate. Il piallaccio in vero legno consente di conservare intatte le venature ed i naturali, leggeri cambi di colore.

      Se vi state chiedendo cosa c’è sotto l’impiallacciatura vi rispondiamo subito: altro legno.

      Ad eccezione dei due imbottiti e del modello Magnus, tutti i letti in legno di nostro produzione prevedono testiere realizzate in legno multistrato: solo questo tipo di pannello semilavorato composto da sottili fogli di legno pressati insieme ci permette di plasmare e creare le caratteristiche testiere curvate.

      3. Personalizzazione (perché il legno non è solo “marrone”!)

      I legni di qualità più utilizzati per la produzione di letti, armadi e altri arredi per soggiorno e camera da letto, sono tradizionalmente il rovere, il noce e il ciliegio. Negli ultimi anni sono venuti alla ribalta nuovi legni come il frassino e l’olmo, che piacciono molto per le loro venature fitte sporadicamente interrotte da eleganti fiammature. Dal punto di vista tecnico di questi ultimi è particolarmente apprezzabile la resistenza meccanica, la facilità di lavorazione, la stabilità e la predisposizione alle finiture.

      Le tonalità tipicamente associate al legno sono il bruno, il biondo, il rosato e il rossastro. Ma ricordiamo che oltre a queste declinazioni di marrone, il legno può essere laccato a poro aperto bianco ed in numerosi altri colori. Per un twist moderno, o se siete amanti del look total white, il vostro letto contenitore in legno può essere personalizzato in tantissime nuance.

      Per la nostra collezione di letti matrimoniali abbiamo scelto un campionario di legni che include l’olmo nei colori Perla e Brown, il rovere laccato poro aperto in numerosi colori e l’intramontabile ciliegio.

      4. Una scelta sempre al passo coi tempi

      Che sia un letto contenitore in legno di rovere, di ciliegio o di olmo, un letto moderno impiallacciato in essenza non passerà mai di moda. Le linee proposte dalle collezioni più attuali sono essenziali, dal design pulito e dai dettagli accurati. Difficile stancarsi della semplicità!

       

      5. NO a polvere e acari

      Il legno non ha bisogno di grande manutenzione e basta spolverare periodicamente le superfici del letto contenitore, dentro e fuori, per garantire il massimo livello di igiene. Questo è particolarmente importante per chi soffre di allergie: non si può godere dello stesso livello di pulizia se si sceglie un letto imbottito, in particolare se rivestito in tessuto. Certo, l’estetica a volte vince sulla praticità, ma bisogna ammettere che i letti in legno contemporanei non hanno nulla da invidiare agli imbottiti!

      Vi abbiamo convinto? Se ancora avete dei dubbi sui letti in legno, con o senza contenitore, vi consigliamo di leggere la guida “5 cose che devi sapere sui letti Napol”: un approfondimento su come sono realizzate le strutture letto e le reti.

      Per assistenza personalizzata e per toccare con mano i materiali di cui vi abbiamo parlato potete inoltre recarvi presso uno dei Rivenditori Partner Napol.

      Tags: ,

       
       

      Letto matrimoniale: le misure e gli stili preferiti

      Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

      Letto matrimoniale: quali misure? Lo prendo francese, italiano, americano o giapponese…in tal caso si chiamerebbe futon e mi costringerebbe a dormire per terra.

      Quali sono le dimensioni standard del classico letto a due piazze, dove è possibile dormire – comodissimi da soli – e molto comodi in due? La camera da letto è veramente piccola, come faccio ad arredarla al meglio facendoci entrare anche un grande armadio, comodini e comò?

      Queste sono solo alcune delle domande che tutti ci siamo posti al momento di arredare la camera da letto matrimoniale. Keep Calm: rispondiamo ad una domanda alla volta.

      Letto imbottito matrimoniale Pixel

      Partiamo dalle basi e vediamo quali sono le misure in commercio.

      Ma prima di vederle nel dettaglio è doveroso ricordare che stiamo parlando della grandezza della rete letto, in pratica della dimensione del materasso matrimoniale e non del mobile letto nella sua interezza.

      Letti matrimoniali: modelli e dimensioni standard

       

      Letto Matrimoniale Francese

      140 x 190 / 200


      Letto Matrimoniale Queen Size

      150 x 190 / 200


      Letto Matrimoniale Standard

      160 x 190 / 200


      Letto Matrimoniale King Size

      190 x 190 / 200
      200 x 190 / 200

       

      Non ci inoltriamo nella giungla delle misure extra internazionali per non perderci nell’incomprensibile marasma dei vari California King Size, Super King, Double e Full Size: nella tabella qui sopra trovate le dimensioni in centimetri dei più diffusi letti matrimoniali attualmente in vendita online e in quasi tutti i negozi di arredamento. I produttori italiani si sono ormai adeguati alla sempre più crescente richiesta di modelli come il francese, il queen e il king size. Infatti, mentre le precedenti generazioni potevano accontentarsi di una lunghezza di 180 o 190 cm, le successive generazioni sono di corporatura più robusta e più alta: da qui la necessità di adeguare la profondità dei materassi matrimoniali fino ai 200 cm e oltre.

      Scegliere un letto matrimoniale della misura giusta

      Prima di comprare un letto matrimoniale meglio mettersi a tavolino e capire quali misure e quale stile fa per voi. Il letto non si cambia tutti i giorni e l’arredo della camera matrimoniale è tra i più importanti della casa perché questa è la stanza più intima, quella che parla di voi e dove potete esprimere la vostra personalità e i vostri gusti.

      Sognate un king ma la vostra camera misura 14 metri quadrati giusti giusti? Ci starà l’armadio? E la cassettiera?

      Per legge in Italia le camere da letto matrimoniali devono misurare minimo 14 mq. Questa superficie è stata accuratamente studiata per permettere l’inserimento dei mobili essenziali (letto, armadio, comodini e comò) e per consentire di spostarsi agevolmente al suo interno. Il calcolo della dimensione ideale minima è stato effettuato in base all’analisi dei dati antropometrici (ovvero le misure del corpo di uomo e donna e dei normali movimenti degli arti nello spazio): due persone devono infatti potersi muovere insieme nella camera da letto, compiendo azioni come camminare, spostarsi da una parte all’altra, aprire ante e cassetti.

      Lo schema qui sotto illustra come sia possibile arredare una camera matrimoniale completa, seppur costruita secondo la misura minima di legge.

       

      Via: Web ARCHITETTO

      Da notare che il letto inserito nello schema illustrativo è un matrimoniale dell’ingombro totale di 200 x 220 cm. Calcolando le dimensioni della struttura del mobile, si potrebbe trattare di un modello standard con materasso da 190 x 200. Come detto all’inizio, distinguiamo sempre tra misure del materasso e misure effettive della struttura dell’arredo nel suo complesso.

      Ma non è detto!

      Se non volete rinunciare al king size allora optate per un letto king compatto con giroletto sottile e testiera dello stesso ingombro che, sporgendo di poco rispetto alla larghezza del materasso, vi consentirà di collocarlo anche in camere da letto piccole. I letti matrimoniali moderni sono sempre più frequentemente progettati tenendo in mente la mancanza di spazio tipica delle case di recente costruzione, quindi non sarà difficile trovare un modello con materasso grande ma dall’ingombro contenuto.

      Dylan è un letto matrimoniale king size della larghezza totale di soli 195 cm

      Consiglio in più: se la camera è piccola ma il lettone extra large è per voi un must, optate per un letto king size con contenitore. In questo modo potrete rubare spazio ad un comò o ad una cassettiera, ma lo recupererete con un capiente contenitore (un buon letto contenitore fa le veci di un guardaroba a due ante!).

      BEST SELLER TIME! I letti matrimoniali più amati

      Complici (o colpevoli) le camere da letto di dimensioni ridotte delle case contemporanee, i letti matrimoniali preferiti rimangono gli standard da 160 x 200 cm. Il supporto ormai prevalente è sicuramente la rete a doghe, sempre più spesso dotata di particolari inserti autoregolanti o regolabili manualmente in base al proprio peso o alle proprie esigenze in fatto di rigidità e fermezza di sostegno. Per i materassi c’è l’imbarazzo della scelta tra schiume, lattici e anatomici a molle, anche se a contendersi lo scettro sono il memory e le molle indipendenti insacchettate.

      Sciorinati i dati statistici, passiamo ai modelli più amati.

      Letto matrimoniale senza testiera: spazio…al salvaspazio!

      Il letto salvaspazio per eccellenza, conosciuto anche come sommier matrimoniale, permette di risparmiare spazio in lunghezza. Se ne guadagna così per accedere, ad esempio, all’armadio posto di fronte al letto o per inserire su questa parete un comò, una composizione di cassettiera e scrivania o due settimanali. Naturalmente per il massimo dell’ottimizzazione, scegliete un modello con contenitore.

      Letto sommier matrimoniale More&Plus

      Letto matrimoniale in legno: il fascino essenziale

      Un classico che non stanca mai, piace molto se rivisitato in chiave moderna. Naturalmente gli amanti dello stile arte povera sono ancora tantissimi, ma un letto in legno in stile moderno è una scelta sempre più attuale: le sue linee semplici non annoiano e non appesantiscono l’ambiente, inoltre rispetto ai classici in legno massello è più facile che sia disponibile nelle misure standard ed in quelle francese, queen o king. Il legno è l’opzione ideale per chi soffre di allergie perché basta una passata con un panno in microfibra per eliminare la polvere. Le forme disponibili sono sempre più moderne e vanno dai look più essenziali ai virtuosismi formali più ricercati (intagli, lavorazione laser, sovrapposizione di materiali, testiere in multistrato curvato).

      Letto matrimoniale in legno moderno Oscar

      Nelson è un letto in legno con testiera in pelle

      Letto matrimoniale in ferro battuto: classici senza tempo

      Resistente, bello e fantasioso, il letto in ferro battuto è quello che più degli altri può essere declinato in look particolari e sempre diversi. Ogni letto in ferro è un vero e proprio pezzo unico, con le sue peculiarità e con una forte impronta artigianale sempre presente. Perfetto per camere di qualsiasi stile, dalle più classiche alla più contemporanee, oggi viene prodotto anche in metallo, tagliato al laser, levigato e rifinito manualmente. Nel caso di letti in foglia oro o argento, la lavorazione si fa ancor più minuziosa e preziosa, poiché ogni sottile foglio deve essere applicato e steso esclusivamente a mano.

      Gabriel è realizzato in ferro piatto trafilato e tagliato a laser

      Daniel è espressione del ferro battuto in versione moderna

      Letto matrimoniale imbottito: una morbida comfort zone super personalizzabile

      Senza dubbio uno dei modelli più amati: è il letto imbottito rivestito in tessuto, ecopelle o pelle. Le sue forme morbide lo rendono il matrimoniale per eccellenza, sempre pronto ad accogliervi in un confortevole nido. Il suo punto di forza è sicuramente l’ampissima gamma di colori con cui personalizzare il rivestimento della struttura. Se soffrite di allergie meglio optare per le versioni in ecopelle e pelle, materiali che non essendo porosi come le trame che ricoprono i letti tessili, non raccolgono polvere e sono facili da mantenere puliti.

      Sharpei: un vero e proprio super imbottito

      Letto design imbottito e rivestito in pelle Cuff

      Letto matrimoniale capitonné: icona di stile

      Il famoso letto coi bottoni ispirato agli ancor più celebri divani Chesterfield è un altro intramontabile best seller. Arreda le nostre camere da secoli, prima come letto dei nobili, successivamente come modello apprezzatissimo in case formali, informali, elegantissime o giovanili e anticonformiste. L’antica tecnica del capitonnage viene infatti oggi proposta sia nella versione più classica con losanghe a rombi fermate da bottoni, sia in declinazioni moderne e di design a cuciture quadrate o impunture, spesso prive di bottoni, in svariate forme e fantasie. C’è anche il capitonné che vede cristalli Swarovski o bottoncini coloratissimi a sostituzione del tipico tondino ricoperto in tessuto o pelle.

      Varsavia è un letto capitonné elegante e raffinato

      Testiera alta con lavorazione capitonné moderna per Glasgow

      Letto a baldacchino: una camera matrimoniale da mille e una notte

      Questo letto da favola non ha bisogno di spiegazioni. Considerato sinonimo di romanticismo, è un piccolo rifugio principesco e scommetto che tutte le donne l’hanno sognato da piccole (prima che la cabina armadio di Carrie Bradshaw diventasse la VERA ossessione). Se questo letto da mille e una notte vi affascina, sappiate che ci sono anche letti matrimoniali a baldacchino molto moderni…anche se dobbiamo ammettere che questo mobile raggiunge la sua massima espressione nello stile shabby chic più femminile.

      Letto a baldacchino Seoul dal design minimalista

      Raphael è un letto a baldacchino romantico, in perfetto stile shabby

      Letto matrimoniale classico

      Legno, intarsi, intagli e preziose lavorazioni di ebanisteria. Il letto classico si ispira ad arredi di altri tempi, ci fa fare un salto in un passato in cui tutto era accuratamente realizzato a mano da falegnami, tappezzieri e artigiani specializzati. Abbiamo scelto due modelli che secondo noi rappresentano perfettamente questo filone: da una parte il letto in legno di noce sapientemente intagliato a fantasie floreali, dall’altra un principesco capitonné matrimoniale dalla testiera coronata.

      Letto di lusso in stile classico Amburgo

      Rosita: un letto in legno intagliato dal fascino antico

      Letto matrimoniale rotondo: parola d’ordine distinguersi

      Questa è l’alcova di chi si vuol sentire davvero Re e Regina di casa. Lussuoso, originale e sicuramente pensato per stupire ed arredare con un pizzico di irriverenza, il letto matrimoniale rotondo è protagonista assoluto della camera da letto. Non pensate di poterlo tenere nascosto, perché questo è un letto scenografico da mostrare agli ospiti!

      Letto rotondo Soleil con testiere relax reclinabili

      Letto matrimoniale a scomparsa: trasformismo e funzionalità

      Ultimo, ma non per importanza, è il letto richiudibile a ribalta. La scelta perfetta per monolocali, per la casa al mare o in montagna, per ambienti contract o piccole case per studenti: il letto matrimoniale a scomparsa è una soluzione intelligente e salvaspazio, soprattutto se integra divani e tavoli. Una volta chiuso sembra un semplice armadio ed è sufficiente personalizzarlo nei colori preferiti per renderlo parte integrante del vostro progetto d’arredo.

      Poker è un matrimoniale che scompare rivelando un tavolo da pranzo

      Abbiamo visto quali sono le misure principali dei letti matrimoniali in commercio e ad oggi prodotti da quasi tutte le aziende di imbottiti. Il king size, o letto “americano”, è stato ormai sdoganato ed è sempre più facile da trovare, mentre se siete alla ricerca di dimensioni più classiche ricordate che il matrimoniale standard ha una rete da 160 x 190 o 160 x 200. Ci sono aziende che propongono anche i cosiddetti fuori misura, sia in larghezza che in lunghezza, spesso senza eccessivi sovrapprezzi. Queste vi possono tornare utili se avete particolari esigenze in fatto di altezza e peso, o semplicemente se la vostra camera ha una dimensione o una configurazione che vi costringono a scendere a patti con la progettazione di interni della zona notte.

      Avete trovato il matrimoniale che fa per voi? Oppure avete particolari esigenze in fatto di misure, colori o materiali? Non sapete quale materasso scegliere per un riposo notturno coi fiocchi?

      Cliccate qui sotto e chiedete ai nostri Arredatori di darvi una mano!

      Scoprite tutto quello che c’è da sapere sui letti singoli: “Letto singolo: le misure e i modelli più amati

      E qui un approfondimento sui letti ad una piazza e mezza: “Letto ad una piazza e mezza: le misure e i modelli più amati

      Tags:

       
       

      Armadio in vetro fumé: tutto il fascino del vedo non vedo

      Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

      Non abbiamo mai nascosto il nostro amore per il legno, ma non possiamo certo disdegnare un altro materiale principe dell’arredo di casa: il vetro. Lo abbiamo inserito sia nella zona giorno che nella zona notte ed è di quest’ultima che vogliamo parlarvi oggi. Andiamo alla scoperta di una finitura particolare, raffinata e dal grande impatto scenografico: il vetro fumé.

      Nelle sue varie forme e colori, nelle svariate possibilità di personalizzazione e decorazione, nelle sue infinite varianti, il vetro arreda con intramontabile stile, donando un tocco di eleganza a qualsiasi ambiente. Scelta ideale per tutte le stanze della casa, è particolarmente apprezzato in camera da letto. Qui infatti le grandi superfici delle ante di armadi battenti e armadi con ante scorrevoli permettono di metterlo in evidenza in tutto il suo splendore: questo materiale, capace di trasformarsi da semplice materia ad elemento di design e decorazione, impreziosisce con i suoi riflessi cangianti, rendendo la camera più luminosa e creando un effetto vedo non vedo che, grazie all’illusione di maggior profondità, dà l’impressione di una stanza più ampia, con porte dietro le quali si nasconde un secondo ambiente, un angolo spogliatoio o una cabina armadio attrezzata.

      Ma l’effetto che un armadio in vetro fumé può donare alla vostra camera da letto è ancora più affascinante.

      Particolarmente in voga negli anni ’70, questo tipo di vetro dalla colorazione scura può essere declinato in grigio o in una tinta bronzata. La finitura scelta per l’armadio con ante in vetro Reflex ad esempio, è una nuance di fumé dall’effetto scenografico unico. Si possono indovinare i profili di abiti e vestiti, ma una volta spente le luci interne la superficie nasconde quasi completamente ciò che sta dentro l’armadio restituendovi il riflesso di ciò che si trova nell’abitazione.

      Un gioco di trasparenze e riflessi che vi regala quel tocco di mistero che in una camera da letto matrimoniale non guasta mai.

      Per le nostre collezioni abbiamo scelto 3 tipi di vetro fumé, pensati per soddisfare tutti i gusti ed abbinarsi ai materiali preferiti per l’arredo della zona notte: il legno e il laccato.

      Oltre al vetro bronzato abbiamo introdotto gli specchi fumé in due nuance: il brunito e il bronzato. La differenza, come è possibile vedere dai campioni fotografati, è il livello di trasparenza e la capacità di riflessione. Il vetro è infatti semi trasparente (è possibile vedere attraverso le superfici bianca e grigia sottostante) ed al contempo riflettente. I due specchi non sono trasparenti e riflettono perfettamente l’oggetto posto di fronte. Qui sotto due modelli di armadio con ante scorrevoli specchio fumé nelle due finiture brunito e bronzato.

      Armadio scorrevole con ante in specchio brunito

      Armadio scorrevole con anta in specchio bronzato

      Specchio e vetro, siano fumé, naturali, trasparenti o laccati colorati, sono un’ottima scelta d’arredo per camere da letto di qualsiasi dimensione e stile. Sempre attuali, questi materiali si adattano alla perfezione ad un arredamento classico o moderno, donando alla stanza un tocco di eleganza senza tempo, luminosità ed un senso di maggiore ampiezza nel caso di ambienti dalle misure ridotte.

      Vuoi vedere i nostri armadi dal vivo? Vuoi toccare con mano i vetri della collezione notte? Contatta il Rivenditore Partner più vicino a te per un appuntamento con un Arredatore.

      Tags: ,

       
       

      Mobile soggiorno in bianco e nero

      Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

      Sapete tutti che siamo fedeli amanti del legno, ma dobbiamo ammettere che arredare il soggiorno in bianco e nero è sempre una scelta azzeccata. Che la vostra casa sia moderna, elegante, informale, giovane o super chic, il connubio tra i due colori-non-colori è un abbinamento di cui non ci si stanca mai.

      Total look bianco e nero

      Naturalmente, tra i suggerimenti su come arredare in bianco e nero e su come abbinare questo duo, non poteva mancare quello che per noi è il materiale principe della casa: il legno. È questo accostamento che ci ha ispirati nella progettazione della parete attrezzata bianca e nera 588, soluzione per l’arredamento di un soggiorno moderno e completo di tutti i contenitori che servono per la corretta organizzazione degli spazi del living e dell’area relax.

      Composta da basi a terra con capienti cassetti e pensili quadrati e rettangolari con ante battenti, si caratterizza per l’integrazione del mensolone in legno di recupero. Con la loro superficie segnata dal lavorio di flora e fauna marine, sono le bellissime scanalature ed imperfezioni del legno ricavato dalle briccole veneziane a completare una palette che gioca con luce e ombra.

      Sempre attuale, applicabile sia allo stile classico che al design contemporaneo, il black&white può essere adottato sia come total look, quasi optical, sia stemperato dall’accostamento con colori neutri tono su tono come le numerosissime tonalità del grigio e del bianco.

      Eleganti alternative al soggiorno bianco e nero

      Se per voi nero è sinonimo di eleganza, ma non volete abbinarlo al bianco, vi consigliamo di optare per le tonalità del grigio. Un esempio è la parete attrezzata nera e frassino grigio 803 per cui abbiamo scelto strutture laccate opache nere e frontali in “fresno” grigio cenere ed un più caldo color creta.

      Se il soggiorno è giocato tutto sull’accostamento tra nero e bianco, per i mobili o la parete attrezzata potreste preferire un abbinamento che smorzi le due principali tinte contrastanti. Per mantenere comunque un ambiente elegante e formale potete optare per un mood tono su tono puntando sul grigio. Noi l’abbiamo fatto con la parete attrezzata bianca e grigio scuro 587 ed anche con la nuovissima composizione giorno 802 grigio chiaro e grigio scuro

      Se invece volete aggiungere tocchi d’accento per spezzare la monotonia del bicolore nero e bianco consigliamo il rosso, l’oro ma anche il giallo senape o un bel divano in pelle marrone. Decisamente la scelta più adatta a fare da contraltare alla rigorosa presenza dei due toni neutri per eccellenza.

      E se il soggiorno è anche sala da pranzo?

      Nelle case moderne sempre più spesso salotto, soggiorno e sala da pranzo convivono nella stessa stanza, a volte anche con cucina a vista. Il tavolo da pranzo può essere abbinato alla parete attrezzata porta tv o semplicemente seguire i colori principali scelti per l’arredo dell’ambiente circostante. A nostro parere in un soggiorno bianco e nero è meglio optare per un tavolo in legno laccato bianco o laccato opaco, completato da sedie in tinta o a contrasto nei toni del grigio o del nero per riprendere il leit motiv dell’arredo del living.

      La scelta di arredare il soggiorno in bianco e nero è perfetta sia per ambienti piccoli che per i più spaziosi. In un salotto di piccole dimensioni il nostro consiglio è quello di equilibrare le due tonalità dando predominanza al bianco: in questo modo l’area sembrerà più grande e luminosa. Una presenza esagerata di nero in un ambiente piccolo, magari poco luminoso, è da sconsigliare. Aggiungete poi qualche tocco di colore qua e là attraverso complementi, oggetti decorativi, libri, tessili e soprammobili.

      Avete trovato il mobile soggiorno che fa per voi? Oppure siete alla ricerca di una parete attrezzata diversa da quelle mostrate? Sul portale potete scoprire alcune varianti oppure potete contattare uno dei nostri Rivenditori Partner per ricevere assistenza completa nella progettazione e nella configurazione della collezione.

      Tags:

       
       

      Il progetto #2: bagno per due in mansarda

      Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

      Vi ho già raccontato la prima parte di questo progetto: una villa unifamigliare in Trentino, progettata dalla nostra partner Elisa Monico, la bravissima autrice del blog Easy Relooking e titolare dell’omonimo studio di progettazione di interni online. Grazie alla partnership con ArredaClick, Elisa offre ai suoi clienti – oltre alla favolosa professionalità che le ha fatto guadagnare il Best of Houzz per il secondo anno consecutivo! – uno sconto extra su tutti i prodotti acquistati sul portale.

      Oggi vediamo il progetto per un bagno per due in mansarda.

      Partiamo dalla piantina:

      Ed ecco la moodboard proposta per l’arredo:

      Come per la zona giorno e la cucina al piano terra, anche qui torna l’ispirazione scandinava, con pavimento e soffitto in legno accostato a bianco, grigio e tonalità del blu. Il design nordico la fa da padrone e non c’è luogo migliore per metterlo in pratica che una casetta di famiglia nelle Alpi Atesine.

      Arredare un bagno padronale per due (+ 1) in mansarda

      Ci troviamo al piano superiore della villa famigliare, tutto completamente mansardato con belle travi a vista di colore chiaro.
      La stanza da bagno padronale è ampia ed ha infatti permesso l’inserimento di vasca e doccia. La vasca è stata intelligentemente collocata nell’angolo in cui il soffitto raggiunge la sua altezza minima: una delle zone più critiche delle abitazioni in mansarda, quella dove non si sa mai cosa mettere, è stata qui sfruttata al meglio.

      La parete opposta rispetto alla vasca ospita un mobile bagno doppio personalizzato.

      Questa composizione è stata infatti creata accostando due mobili bagno con lavabo in appoggio in finitura frassino bianco a cui è stato applicato un unico top in vetro satinato color nebbia.

      La casa è occupata da tre persone: una giovane coppia con una bambina. Il secondo bagno si trova a piano terra, di conseguenza il bagno padronale al primo piano è condiviso da tutta la famiglia. Avere un bagno con doppio lavabo e molti contenitori è una scelta intelligente e imprescindibile per poter organizzare al meglio tutto quello che serve ad ogni componente della famiglia.

      La scelta di un mobile sospeso permette un’agevole pulizia del pavimento, lasciando inoltre uno spazio vuoto al di sotto dove è possibile collocare scarpe, ciabatte, una bilancia o cesti per contenere oggetti e accessori (utensili per la pulizia di casa, prodotti, tappetini di ricambio, phon, piastre…e tutto quello che volete tenere a portata di mano ma ben nascosto dentro cesti o scatole decorative).

      I contenitori e le soluzioni salvaspazio in casa non bastano mai, meglio saper sfruttare al meglio tutti gli ambienti a disposizione.

      Il mobile presenta 4 ante e cassetti laterali, due per ogni lato, con porta asciugamani integrato sui due fianchi. Una grande specchiera rettangolare copre l’intera larghezza del bagno, completata da 3 faretti.

      Sulla parete contigua è stato posizionato un pensile quadrato con anta e due mensole contenitore con divisori e piccoli ripiani, ideali per tenere a portata di mano profumi e creme.

      Vuoi qualche idea in più per un mobile bagno con lavabo doppio? Ecco una piccola gallery che può aiutarti a trovare l’ispirazione.

      Mobile bagno Atlantic N18
      Mobile con doppio lavabo Atlantic N11

       

      Mobile bagno con ante curve Aquna 10
      Mobile colorato con due lavabi Aquna 16

       

      Mobile bagno piccolo doppio Hour K01
      Bagno con due lavabi in appoggio Atlantic N49

       

      Stai cercando una soluzione per il tuo bagno in mansarda? Ti piace il mobile bagno che hai visto in questo articolo ma vorresti una soluzione su misura per te? Hai bisogno di consigli per un bagno piccolissimo…o grandissimo e non sai da dove partire? Clicca qui sotto:

      Se stai cercando un professionista che ti segua nella progettazione d’interni della tua casa, o solo di alcune stanze, e lo stile di Elisa ti ha colpito: contatta Easy Relooking.

      Tags: ,

       
       

      5 comodini salvaspazio per camere piccole

      Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

      Le dimensioni standard di un comodino sono: larghezza 45-50 cm, profondità 30-40 cm, altezza 40-50 cm. Queste misure indicative si rivelano molto lontane dalla realtà quando si deve arredare una camera da letto piccola o piccolissima. E allora cosa usare al posto dei comodini quando le dimensioni della camera sono davvero ridotte? Per aiutarti a risolvere i problemi di spazio abbiamo selezionato 5 comodini salvaspazio per camere da letto piccole. Queste cinque proposte non sono veri e propri comodini ma possono essere affiancati al letto e utilizzati come se lo fossero. Sono poco ingombranti, occupano uno spazio davvero ridotto, sono piccoli ma tanto utili e funzionali.

      1. Comodino / mensola sospesa
      Quando lo spazio è davvero risicato (o quando si preferisce occupare i pochi centimetri a disposizione con soluzioni minimaliste) è consigliato optare per mensoline sospese da integrare alla struttura e al giroletto dei letti HomePlaneur.
      Il piano d’appoggio è molto esiguo ma d’altronde il comodino dovrebbe servire ad appoggiare solo quei piccoli e pochi oggetti che si vuole avere a portata di mano durante la notte, non sei d’accordo?

      Mensola sospesa Plano per letti HomePlaneur

       

      2. Comodino integrato nella struttura del letto
      Due in uno, il letto si trasforma anche in comodino. La struttura imbottita del letto con comodini integrati Tokyo ha dimensioni generose, maggiori rispetto a quelle del vano rete e del materasso. Il piano d’appoggio può essere utilizzato per appoggiare libri, occhiali, smartphone e acqua.

      Letto Tokyo con comodini integrati nella testiera e giroletto largo

       

      3. Comodino servetto
      Si può pensare di sostituire il classico comodino a cassetti con un tavolino servetto da posizionare al fianco del letto. Piccolo, compatto, leggero, maneggevole e facile da avvicinare o allontanare quando serve, questo comodino a giorno sagomato ha un piano leggermente ruotato rispetto alla base.

      Comodino tavolino servetto Duffy, leggero e facile da spostare

       

      4. Tavolino ad uso comodino
      Libero sfogo alla fantasia e alle soluzioni d’ingegno. Se scegli di affiancare al letto un tavolino ad uso comodino puoi essere certo di avere un arredo di tendenza, flessibile e versatile. Quando vorrai cambiare il look della camera potrai semplicemente spostare il tavolino in soggiorno e sostituire i comodini. Attenzione: ricordati di scegliere un modello dalle dimensioni compatte, meglio se con sviluppo in altezza.

      Tavolino rotondo uso comodino Banks

       

      5. Comodino ricavato da una nicchia nel muro
      Il comodino non esiste, è completamente sostituito da una nicchia nel muro attrezzata con mensole e ripiani. Creare un vano con piani d’appoggio richiede una progettazione preliminare della stanza e qualche lavoro di costruzione ma si rivela un’alternativa valida ed intelligente per sfruttare al meglio lo spazio… soprattutto quando è poco.

      Nicchia nel muro attrezzata con mensole lineari su misura Alma

       

      Cosa pensi di questi comodini salvaspazio? Se desideri maggiori informazioni sui prodotti o un preventivo personalizzato clicca sul banner qui sotto.
      Se non hai ancora trovato il comodino giusto per la tua camera da letto piccola chiedici aiuto. I nostri esperti arredatori ed architetti sapranno consigliarti delle valide alternative.

      Tags:

       
       




      Torna su