BlogArredamento Aziende



Guida all’acquisto di un tavolino trasformabile

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende

“Guida all’acquisto di un tavolino trasformabile” alias “come scegliere il tavolino trasformabile giusto” alias “quali sono i migliori tavolini trasformabili per salotto”.

Perché acquistare un tavolino da salotto trasformabile

Per ottimizzare e valorizzare gli ambienti, per rispondere alla mancanza di spazio in case sempre più piccole. Negli ultimi anni gli arredi trasformabili, multiuso e salvaspazio hanno scalato la classifica dell’interior design e sono diventati dei must have dalle grandi prestazioni. Mobili e complementi che da chiusi occupano poco spazio e da aperti possono essere usati per svolgere più attività.

Tavolino trasformabile: come utilizzarlo e dove posizionarlo

Generalmente il tavolino da salotto ha un’altezza compresa tra i 30 e i 50 cm, il vantaggio dei modelli trasformabili sta nel poter modificare questa misura, alzando e abbassando il piano. A seconda dell’altezza in cui viene utilizzato può diventare:

  • tavolino basso per salotto da posizionare nella zona fronte divano;
  • tavolino ad uso poggiapiedi per allungare le gambe quando si è seduti sul divano;
  • tavolo da pranzo da utilizzare tutti i giorni;
  • tavolo da pranzo da utilizzare in caso di ospiti;
  • piano d’appoggio per lavorare al pc, leggere, scrivere.

Il tavolino trasformabile è pensato per monolocali o appartamenti piccoli o piccolissimi dove la metratura limitata obbliga la selezione degli arredi. In questi ambienti il tavolino si adatta alle esigenze del momento e si presta ad essere utilizzato per gli scopi più disparati: tavolo per colazione, pranzo e cena; piano d’appoggio per bicchieri, telecomando e altri piccoli oggetti quando ci si siede sul divano; tavolo per quando si lavora al computer, si legge un libro o si scrive; tavolino per appoggiare vasi di fiori, stereo o lampade.

In case grandi e dove non ci sono problemi di spazio la praticità non guasta mai. Un tavolino trasformabile può essere utilizzato come: tavolino di emergenza da affiancare al tavolo da pranzo in caso di ospiti numerosi; tavolo da destinare ai bambini piccoli per via dell’altezza regolabile e adattabile; tavolino d’appoggio per mangiare seduti sul divano; tavolino di servizio da avvicinare al divano per avere sempre a portata di mano il bicchiere di birra o la tazza di tè.

I modelli di tavolini trasformabili in commercio

Diamo un’infarinatura sui modelli più diffusi in vendita online e nei migliori negozi d’arredamento senza inoltrarci nella giungla di tutti i modelli effettivamente disponibili.

Ci sono tavolini che si alzano automaticamente e modelli con sistema d’apertura manuale, ci sono tavolini con una leva da girare e dei pomelli da allentare, tavolini con meccanismi a gas o ancora modelli che si sollevano con una mano.
In generale possiamo classificare i tavolini da salotto trasformabili in modelli con piano: 

  • alzabile: tavolini dotati di meccanica saliscendi generalmente con pistoni a gas. L’altezza è regolabile al millimetro in tutte le misure intermedie e può essere modificata ogni volta che si desidera.
  • apribile a libro: tavolini che prevedono un piano raddoppiabile in pochi gesti. Da chiuso il piano si presenta doppio, per trasformalo è sufficiente ribaltare la parte superiore e aprirla come se fosse un libro. Le gambe ruotano e offrono un appoggio alla porzione di piano aperta.
  • allungabile: tavolini dotati di allunghe laterali nascoste sotto il piano o all’interno della struttura, da estrarre all’occasione. Alcuni modelli sono dotati di allunghe dello stesso materiale e colore del piano, altri invece prevedono soluzioni standard uguali per tutte le finiture.
  • ruotabile: tavolini con piano che ruota sopra la struttura. Il movimento di rotazione è generalmente associato all’apertura a libro del piano.

Ovviamente per trasformare un tavolino basso da salotto in tavolo alto multiuso è indispensabile combinare i movimenti. A seconda del modello è necessario alzare, ribaltare, allungare, ruotare il piano.

Approfondimento: come funzionano i pistoni a gas
Il pistone a gas è un cilindro generalmente in acciaio contenente gas azoto in pressione e completo di una piccola asta in metallo. Quando si esercita pressione e l’asta entra nel pistone il gas si comprime e si comporta come una molla restituendo una spinta. La spinta generata permette di sollevare il piano del tavolino.

Foto gallery: 8 modelli a 8 prezzi

Tavolini: quali scegliere? Quanto costano? Ecco 8 modelli in ordine di prezzo.

A chi è in cerca di soluzioni economiche possiamo assicurare che investendo un budget contenuto si può avere un tavolino sicuro e affidabile, dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, personalizzabile per materiali e colori. Risparmiare si ma in modo intelligente, prestando attenzione a estetica e sicurezza.

Tavolini trasformabili a meno di 800 euro

Chi cerca un tavolino facile e veloce da trasformare senza meccaniche che potrebbero usurarsi nel tempo può andare sul sicuro con un tavolino che si trasforma manualmente. È sufficiente alzare il piano e far guadagnare altezza alla struttura, ruotare di 90° il piano, ribaltarlo a libro e appoggiarlo sul telaio di sostegno. Voilà il gioco è fatto! Ecco un tavolo quadrato di cm 120 perfetto per improvvisare una cena a 4 in salotto.

Camaleonte è un tavolino trasformabile in tavolo quadrato cm 120

 

Per 6 o 8 persone è consigliato scegliere un tavolo che raggiunge dimensioni maggiori, sono sufficienti cm 136×100 per 6 persone e cm 186×68 per 8 persone. Il sistema d’apertura che vede l’abbinamento dei movimenti “alza-gira-apri” è molto efficiente ma permette di raggiungere una dimensione massima di cm 136. Per raggiungere i cm 186 è necessario impiegare un altro sistema che prevede i movimenti “alza-tira-apri”. Nel seguente video è mostrato passo dopo passo come aprire un tavolino trasformabile simile.

 

Tavolini trasformabili a meno di 1000 euro

Da chiuso è perfetto di fronte al divano come tavolino da salotto per appoggiare giornali e riviste, piccoli suppellettili, telecomando, lampada da tavolo, tazze e bicchieri. Alzando e aprendo il piano si ottiene un comodo tavolo da pranzo. È inoltre possibile alzare il piano senza allungarlo e utilizzare questo tavolino come piano di lavoro. Allungando il piano senza alzarlo invece si ottiene un tavolo per un veloce aperitivo o cene all’orientale.

Rebus è un tavolino da salotto trasformabile in tavolo per massimo 6 persone

 

Ci piace definire questo modello “tavolino magico” perché ad un primo sguardo qualcosa non quadra ma di magico e fatato c’è ben poco. Uno sguardo attento può notare che è tutto un gioco di livelli, di incastri e di bracci che sostengono piani. Da chiuso appare come un tavolino quadrato o rettangolare, sollevando il piano si svelano due bracci: uno sostiene il piano doppio e allungabile, l’altro sorregge un piano più piccolo sopra il quale può essere ribaltato il piano allungabile.

Quixo è un tavolino multiuso: da una parte tavolo da pranzo dall'altra piano d'appoggioQuixo è un tavolino trasformabile rettangolare o quadrato

 

All’aumentare del prezzo aumenta la qualità del prodotto e migliora la sua estetica. Chi cerca la funzionalità abbinata a materiali di qualità, meccaniche all’avanguardia e dettagli studiati ha l’imbarazzo della scelta.

Tavolini trasformabili a meno di 1200 euro

Quando in salotto hai un tavolino che si trasforma in tavolo per 14 persone non hai scuse, devi per forza invitare il fidanzato della tua amica, si proprio quello che ti sta poco simpatico. Il tavolino può essere alzato facilmente e regolato al millimetro grazie ad un pratico meccanismo di alzata a gas. Il piano del tavolino nasconde prolunghe interne pronte all’uso, da sistemare all’occorrenza sul meccanismo telescopico. Quando il piano è allungato al massimo necessita di un sostegno ai lati, come supporto è sufficiente utilizzare le gambe laterali richiudibili.

Lucas è un tavolino da salotto trasformabile in tavolo per 14 persone

Nell’immaginario comune un tavolino da salotto si trasforma in tavolo da pranzo rettangolare o quadrato. Se ti dicessi che è possibile avere anche un tavolino sagomato trasformabile in tavolo rotondo? Un piano dritto su due lati e curvo sugli altri due può avere due settori laterali, chiamiamole alette, che quando non sono utilizzate si possono richiudere e piegare sotto il piano. Aprendo queste alette si ottiene un piano unico perfettamente rotondo.

 

Globe è un tavolino sagomato trasformabile in tavolo rotondo

Tavolini trasformabili a meno di 1500 euro

Comodo sempre, facile e sicuro da aprire, stabile da aperto. Un tavolino trasformabile che si rispetti deve avere tutte queste caratteristiche. Ancor meglio se è personalizzabile per finiture e colori e se dotato di un meccanismo saliscendi con pistone a gas e ruote a scomparsa. Cosa volere di più? Forse delle allunghe laterali nascoste sotto il piano con apertura a libro!

Planet è un tavolino trasformabile con pistone a gas e ruote a scomparsa

 

Chi non vuole farsi mancare nulla può optare per un tavolino da salotto che si trasforma in tavolo con panca integrata. Come è possibile? Facile: una parte del piano rimane bassa e ancorata alla struttura e può essere utilizzata come panca, l’altra parte si alza fino a raggiungere l’altezza adatta per essere utilizzata come piano d’appoggio e tavolo.

Markus è un tavolino da salotto trasformabile con comoda panca integrata

I dettagli che fanno la differenza…

…anche a livello di prezzo. Per chi non vuole cedere a compromessi ed è disposto a spendere di più.

Piano del tavolino realizzato in pietra naturale: forte impatto visivo, aspetto irregolare, materico, ruvido al tatto, duro, resistente, estremamente ricercato ed elegante. Attenzione agli urti, soprattutto sugli spigoli.

Box è un tavolino da salotto con piano in pietra naturale trasformabile in elegante tavolo da pranzo

 

Il piano del tavolino si alza elettronicamente tramite un meccanismo a pulsante posizionato sotto al piano. Per un complemento ultra moderno e di tendenza è possibile completare il tavolino con un kit di luci a led ricaricabili a batteria che cambiano colore.

E-Motion è un tavolino trasformabile, regolabile e alzabile elettronicamente

 

Vuoi ricevere un preventivo per un tavolino trasformabile?

Clicca qui sotto


 
 

Come ricavare un angolo studio in soggiorno

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Napol Arredamenti

Le case di un tempo erano grandi e organizzate, c’erano ambienti nettamente suddivisi, ogni stanza era destinata ad un momento del giorno e ad una attività. Oggi le dimensioni delle abitazioni sono diminuite di molto, gli stili di vita sono cambiati, chi lavora in ufficio spesso porta a casa il lavoro da terminare. Oggi arredare il soggiorno significa progettare uno spazio nel quale svolgere più attività e per soddisfare questa esigenza è indispensabile avere mobili multifunzione. Parliamo per esempio di tavolini da salotto trasformabili in tavoli da pranzo, consolle da ingresso che diventano tavolo per tutti i giorni, mobili con letti a scomparsa o ancora pareti attrezzate che svolgono funzione contenitiva, espositiva e possono essere usate anche come scrivania.
Il soggiorno è diventato il centro nevralgico della casa, luogo di piacere e di dovere in cui ritrovarsi con amici e parenti, rilassarsi sul divano davanti alla tv o ad un libro, lavorare e studiare.

Avere un angolo studio in soggiorno è indispensabile per grandi e bambini. I più piccoli hanno una scrivania dove appoggiarsi per studiare, fare i compiti, leggere e colorare; i più grandi hanno una zona ufficio con angolo pc per lavorare da casa.
L’ufficio casalingo è una richiesta molto gettonata: in molti desiderano uno spazio home office pronto ad ospitare tutto il necessario per un lavoro full time da casa; altri invece desiderano una mini postazione di lavoro da sfruttare solo per qualche ora al computer portatile.

Per rispondere alle esigenze e alle tendenze dell’abitare moderno abbiamo progettato una parete attrezzata con angolo home office. Si tratta di un mobile da soggiorno in cui scrivania, libreria e contenitori si uniscono in un unico sistema. In questa soluzione c’è spazio per contenere e nascondere, per mettere in bella mostra e c’è anche un pratico piano d’appoggio e di lavoro.

Parete attrezzata con scrivania integrata

Per chi vive in una casa piccola è fondamentale occupare poco spazio e scegliere arredi versatili e multiuso. È tuttavia importante che questa necessità di spazio organizzato non vada a discapito delle dimensioni della scrivania che deve rivelarsi sempre comoda e funzionale.
La soluzione nell’immagine propone una scrivania lunga 245,3 cm, larga (nel lato più grande) 70 cm e alta 77 cm.

Dettaglio della scrivania sagomata integrata nel mobile da soggiorno 702

La parete attrezzata proposta nelle immagini è pensata per arredare soggiorni di almeno 5 metri di larghezza ma le dimensioni possono essere riviste a seconda dell’effettivo spazio a disposizione. Tutti i nostri arredi sono componibili e realizzabili praticamente su misura, pronti a soddisfare tutte le esigenze e ad arredare qualsiasi casa.

Chi ha necessità di avere un soggiorno completo e super organizzato può optare per la parete attrezzata con angolo studio con scrittoio porta computer e numerosi contenitori.

Sotto, sopra e di fianco al piano di lavoro sono presenti vani libreria e vani chiusi con ante da utilizzare per risme di fogli, cartellette portadocumenti, fascicoli, cassette per corrispondenza o ancora libri e manuali. Insomma, tanto spazio per organizzare e riporre tutto quello che serve avere a portata di mano quando si è seduti alla scrivania a lavorare o studiare. Con un mobile così organizzato è facile allestire un mini ufficio in soggiorno.

Parete attrezzata con scrittoio e numerosi spazi contenitivi

 

Cosa non bisogna assolutamente trascurare quando si acquista una parete attrezzata con scrivania integrata?

  • Seduta

Fissa o girevole, con o senza ruote, regolabile in altezza, con o senza braccioli, con o senza poggiatesta. Prima di acquistare una sedia per scrivania è bene valutare numerose caratteristiche.
Chi rimane molte ore seduto alla scrivania deve assicurarsi di assumere sempre posizioni ergonomiche, comode e corrette per preservare la salute della schiena e della colonna vertebrale e per favorire la concentrazione.
La posizione corretta mentre si utilizza il pc prevede: schiena dritta, avambracci orizzontali e appoggiati sul piano di lavoro, mani parallele alla scrivania, ginocchia piegate a 90°, piedi a terra meglio se appoggiati su un poggiapiedi.

  • Illuminazione

L’area di lavoro dev’essere sempre ben illuminata per non sforzare mai la vista. La luce non deve illuminare direttamente lo schermo del computer o il libro, deve piuttosto essere diffusa su tutta la zona di lavoro. Quando la luce naturale proveniente dalle finestre non è sufficiente è consigliato scegliere tra: lampada da tavolo con braccio flessibile e punti snodabili, lampada da muro con braccio flessibile che non occupa spazio sul piano, strisce led da incollare ai pensili sopra la scrivania. Attenzione alle ombre che si potrebbero creare sul piano. Importante: la luminosità dello schermo dev’essere regolata in relazione a quella dell’ambiente.

 

    Desideri maggiori informazioni sulle soluzioni giorno con scrivania integrata di Napol Arredamenti? Desideri conoscere il prezzo e avere un preventivo su misura? Contatta il rivenditore più vicino a casa tua.


     
     

    Letto alla francese: le misure e i modelli più amati

    Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

    Ti è mai capitato di leggere nella descrizione della camera di un albergo “letto alla francese” e non conoscere modello e caratteristiche?
    Facciamo un po’ di chiarezza su questo termine e sulle dimensioni di questo letto così da aiutarti a capire se fa al caso tuo.

    Devi sapere che: il letto alla francese è più grande di un letto singolo e più grande di un letto ad una piazza e mezza ma più piccolo di un letto matrimoniale.

    Letto alla francese: quali misure

    Le misure standard di un letto alla francese sono cm 140 x 190. A seconda del produttore queste dimensioni indicative possono variare leggermente. In generale, le misure dei letti alla francese in commercio online e in vendita in quasi tutti i negozi d’arredamento possono essere le seguenti:

    • cm 138 x 198
    • cm 140 x 190 (la più diffusa quando si parla di letto francese)
    • cm 140 x 195
    • cm 140 x 200
    • cm 142 x 200
    • cm 142 x 205

    È bene specificare che tutte queste dimensioni sono espresse in centimetri e si riferiscono alle misure della rete letto, in pratica alle dimensioni del materasso. Le misure del letto nella sua interezza, ovvero il suo ingombro totale, non coincidono necessariamente con le misure del materasso e non influenzano la classificazione di un letto in letto alla francese.

    Chi dovrebbe scegliere un letto alla francese

    Questo tipo di letto è la scelta ideale se:

    • dormi da solo: ami avere tanto spazio a disposizione, ti muovi molto durante il sonno, hai una camera da letto singola di dimensioni generose;
    • dormi in coppia: siete affiatati e amate dormire uno molto vicino all’altro, siete freddolosi e volete scaldarvi a vicenda.

    Il letto alla francese è molto diffuso anche:

    • nelle camere d’albergo, spesso sia in quelle singole sia in quelle matrimoniali, in hotel internazionali e non.
    • tra le coppie che preferiscono dormire in camere separate per i motivi più vari: uno dei due russa molto forte, uno preferisce addormentarsi con la luce l’altro al buio, uno ama dormire con la finestra aperta e il condizionatore accesso l’altro non si separa dal lenzuolo nemmeno in piena estate.
    • in camere da letto matrimoniali piccole nelle quali un letto matrimoniale di dimensioni standard cm 160 occuperebbe troppo spazio e non garantirebbe agevoli spostamenti.

    Il consiglio dell’arredatore: chi sceglie un letto alla francese per problemi di spazio e di ambienti di piccole dimensioni dovrebbe valutare un modello con box contenitore che aiuta ad organizzare e ordinare la camera.

    Best seller: i letti alla francese più amati

    1.
    Per chi vuole andare sul sicuro un letto alla francese imbottito è sempre la soluzione migliore. Tessuto, pelle, ecopelle sono disponibili in una grande varietà di colori e offrono l’imbarazzo della scelta, per un letto tessile da personalizzare secondo i propri gusti.

    Letto Dundee: imbottito e rivestito, anche con box contenitore

    2.
    Tutto in ordine nel letto alla francese contenitore: il box può essere utilizzato per riporre lenzuola, coperte e cuscini.
    Per il massimo dell’igiene e per evitare il contatto con la polvere è consigliato riporre la biancheria in sacche e custodie ben chiuse.

    Letto Karisma: con rete letto cm 140, senza contenitore o con box ad alzata semplice o doppia

    3.
    Chi aspira al massimo dell’eleganza e non è disposto a cedere a compromessi può valutare un letto alla francese in vera pelle con testiera capitonnè. Materiali di prima scelta, dettagli finemente realizzati e preziose lavorazioni non si fanno togliere gli occhi di dosso.

    Letto Lauderdale: in pelle, ecopelle, tessuto con testiera alta con lavorazione capitonnè

    4.
    Il letto alla francese classico in ferro battuto o laccato arreda da tempi immemori le camere da letto. Linee dalla forte ispirazione classica, materiali di qualità sapientemente lavorati e dettagli rubati alla tradizione continuano ad affascinare e a farsi amare.

    Letto Oliver: letto con struttura in ferro pieno, arco e pomoli in ottone

    5.
    Il letto alla francese non si fa mancare nulla e tra i modelli più richiesti balza ai primi posti un letto moderno con piedini alti, cuscini di testiera reclinabili e box contenitore.  Complici del successo l’alta personalizzazione, un design accattivante e un meccanismo alzaletto manuale (comodo per sollevare e spostare tutta la struttura per pulire il pavimento sottostante) e soprattutto un prezzo vantaggioso.

    Letto Winnipeg: letto contenitore con piedini alti sottili e testiera con due cuscini reclinabili

    6.
    Un altro intramontabile best seller è il letto alla francese sommier, il salvaspazio per eccellenza se scelto nella versione con contenitore. La mancanza della testiera è un dettaglio particolarmente vantaggioso in camere piccole: i centimetri guadagnati possono essere destinati ad altri arredi o sfruttati per spostarsi agevolmente nella stanza.

    Letto Cinnamon: sommier con rete letto cm 140 e giroletto slim, medium, large

    7.
    Il materiale ancestrale per eccellenza non manca (e non stanca) mai. Il letto alla francese in legno è un modello sempre attuale che colpisce per linee essenziali e forme semplici, particolarmente consigliato a chi soffre di allergie alla polvere poiché è facile e veloce da pulire con un panno antistatico. Le stesse caratteristiche sono proposte in un letto alla francese in laccato.

    Letto Marlin: letto in legno essenza, rovere laccato, laccato opaco o nobilitato

    8.
    Il letto alla francese a scomparsa, una soluzione intelligente e salvaspazio per monolocali, case di villeggiatura, piccole abitazioni per studenti. Quando il mobile è chiuso sembra un semplice armadio, da aperto svela un comodo letto con materasso.

    Letto Poker: letto abbattibile, a scomparsa, nascosto in un mobile trasformabile

     

    Il consiglio in più: rendi accogliente questo letto, scegli un materasso alla francese e della biancheria per letto alla francese.

    Hai trovato il letto alla francese che fa per te o vuoi scoprire altri modelli? Vuoi conoscere le dimensioni esatte e tutti i colori disponibili? Non sai quale materasso scegliere? Vuoi conoscere il prezzo compreso di spedizione? Clicca qui sotto e chiedi aiuto ai nostri arredatori.

     

    Vuoi conoscere di più sugli altri modelli di letto e le loro dimensioni? Leggi gli approfondimenti su:

    Tags:

     
     

    La camera da letto bianca

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

    La camera da letto è lo spazio privato per eccellenza, un luogo di riposo in cui ci si deve sentire sempre a proprio agio. L’arredamento contribuisce a creare l’atmosfera che desideriamo, insieme ad un uso studiato dei colori delle pareti, degli arredi e degli accessori.
    Fantasia e gusti personali sono alla base di tutte le scelte in casa ma la psicologia del colore consiglia di scegliere tinte tenui e colori pastello per la zona notte, tonalità accese e vivaci per la zona giorno. Le tendenze degli ultimi anni ci hanno mostrato soluzioni diverse e molto lontante tra loro ma tra tutte le mode del settore arredamento, ai primi posti permane la camera da letto bianca. Una stanza rasserenante dal punto di vita cromatico perché pensata per conciliare il relax totale, infondere calma e pace, rilassare.

     

    Camera bianca 8030 con letto, comodini e settimanale

     

    Una camera con mobili bianchi piace a tutti, non stanca mai e il suo look può essere rivoluzionato tutte le volte che si desidera senza incorrere in spese eccessive. È possibile cambiare la biancheria del letto, giocare con le tende o il tappeto, scegliere un nuovo colore per una o più pareti della stanza.

    Da notare in questa foto la presenza di letto, comodini e comò bianchi in abbinamento ad una parete d’accento color rame e ad accessori e complementi grigio / neri.

     

    Camera matrimoniale 4022 con mobili in laccato bianco

     

    Spesso il colore bianco viene visto come un colore di ripiego low cost ed economico, che va bene con tutto, da scegliere quando non si hanno idee e si vuole andare sul sicuro. È riduttivo pensare al bianco in quest’ottica, piuttosto è bene trovare il modo di sfruttare questa sua grande versatilità. Da dosare e usare con criterio, in modo equilibrato e studiato, il bianco diventa a volte il miglior alleato della camera da letto. Pensate allo stile scandinavo, questo colore / non colore la fa decisamente da padrone e abbinato alle calde sfumature del legno arreda in modo lodevole.

    Camera da letto bianca, ma bianco come? Puro, latte, panna, avorio, ghiaccio, freddo, sporco? Chi più ne ha più ne metta.
    Chi pensa che esiste un’unica sfumatura di bianco si sbaglia. Scegliere e acquistare mobili bianchi può rivelarsi più arduo del previsto, soprattutto quando si inizia a ragionare anche sul materiale.

     

    Camera da letto 1000 in rovere laccato poro aperto bianco segnale. Armadio con dettagli in vetro millerighe bianco

     

    Camera 2532 con letto bianco, comodini bianchi, comò bianco

     

    Quelli che potete notare qui sotto sono campioni di diversi materiali bianchi presenti nel nostro campionario online. Da notare come l’impatto visivo cambia a seconda del materiale e della texture.

    Dal campionario Napol, campioni in bianco

     

    Naturalmente tutte le nostre camere da letto possono essere completate da armadi coordinabili per finiture e colori a letti, comò, comodini e settimanali. Chi ama il look total white può scegliere tra armadi ad ante battenti o scorrevoli bianchi, soluzioni componibili al centimetro e realizzabili praticamente su misura.

     

    Armadio bianco Cono, componibile al centimetro e su misura

     

    Armadio scorrevole bianco Greta con fascia decorativa in vetro bianco

     

    Vi piacciono le soluzioni proposte in questo articolo? Vorreste conoscere dimensioni, finiture e prezzi? Prendete un appuntamento gratuito con un arredatore, pronto a rispondere a tutte le vostre domande e consigliarvi il miglior acquisto.

    Tags:

     
     

    Mobile bagno 70 cm, compatto e funzionale

    Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

    70 centimetri sono un buon compromesso per un mobile bagno funzionale e compatto. Un mobile bagno di 70 cm non richiede grosse rinunce: nel mobile c’è spazio per il lavandino e per i numerosi oggetti indispensabili, nel bagno c’è spazio per tutti gli altri arredi.

    Guarda come la semplice organizzazione del cassettone può far la differenza a livello di ordine e contenimento. Asciugamani per il viso, trousse di trucchi, sapone, pettine, spazzola, mollette e addirittura phon, creme, profumi, prodotti per la cura dei capelli e del corpo. Tutto quello che serve trova il suo posto in un unico mobile lungo 70 centimetri, profondo 50,5 e alto 48.

    Particolare dell'ampio cassettone della base lavabo, organizzato con contenitori e divisori

    Mobile bagno 70 cm con base lavabo con cassettone con apertura ad unghiatura
    Per piccolo che sia, il bagno merita mobili capaci di valorizzarlo e di ottimizzarne gli spazi. In soli 70 cm è possibile inserire un arredo compatto e salvaspazio, con ante, cassetti o cestoni.
    A seconda di gusti e necessità è possibile scegliere tra mobili in appoggio a terra e mobili sospesi.

    Questo mobile misura cm 70 p.51 h.56 ed è dotato di base lavabo 1 cestone e 1 cassetto, entrambi con unghiatura

    Questo mobile misura cm 70 p.50 h.75 ed è dotato di 1 cestone e 1 cassetto, entrambi con maniglia lunga e sottile

    Mobile bagno moderno con lavabo integrato nel piano a consolle

    Il consiglio dell’arredatore…

     

    Sfrutta lo spazio in altezza e abbina al mobile largo 70 cm una specchiera contenitore capiente. Se scegli una specchiera più lunga del mobile bagno hai ancora più spazio a disposizione per organizzare tutti i tuoi oggetti.
    Ricordati: una superficie a specchio fa sembrare l’ambiente più grande e luminoso.

    Specchiera bagno con vani contenitore Simply. Disponibile cm 50, 70, 90.

    Specchiera contenitore da bagno con mensola inferiore Stocky. Disponibile cm 70, 85, 95, 105.

    Un mobile bagno di 70 cm per la lavanderia

    In meno di due metri quadri è possibile organizzare un angolo lavanderia attrezzato: sono sufficienti un mobile bagno lavatoio di 70 cm, qualche contenitore, una lavatrice e, per chi lo desidera, un’asciugatrice. Nel mobiletto si possono riporre detersivi e smacchiatori per il bucato, spray detergenti, strofinacci, spugnette. In alternativa è possibile riporre tutti questi oggetti in pensili contenitore o sopra le mensole. Il mobile può essere reso ancora più funzionale con un’asse lavapanni in legno utile per sciacquare il bucato a mano.

    Mobile per lavanderia cm 70 con lavatoio

    Mobile bagno 70 cm con lavatoio, ideale nella zona lavanderia

     

    Cerchi un mobile bagno di cm 70? Scegli il tuo modello preferito, personalizzalo, acquistalo online e ricevilo a casa.
    Contatta i nostri arredatori per maggiori informazioni e un preventivo gratis. Clicca qui sotto >>>

    Tags:

     
     

    Credenza noce: caratteristiche, lavorazioni, foto gallery

    Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

    In questo articolo parliamo di:

    Il legno noce: caratteristiche e proprietà

    Il legno noce è un legno semiduro, facile da lavorare e assemblare. Per tagliarlo è consigliato seguire il senso delle fibre e delle venature.
    Il legno noce è sensibile all’umidità ma non si deforma facilmente, ha una buona stabilità dimensionale e nel tempo mantiene la forma.
    Ha una buona resistenza alle sollecitazioni e un’ottima resistenza a torsione, flessione e compressione.
    Non si impregna con vernici e cere, le sostanze agiscono solo sulla superficie e non intaccano la parte interna del legno.

    Per tutte queste proprietà il legno noce è spesso impiegato nella realizzazione di mobili e arredamento. Avere una credenza in noce significa avere un mobile di qualità, dall’eleganza senza tempo, prezioso e dalla presenza calda e affascinante.

    Immagini di credenze moderne in legno noce

    SCOPRI DOKI: credenza a 3 ante cm 200 in legno noce naturale

    SCOPRI AIKO: credenza a 3 ante cm 192 in legno noce naturale con frontali effetto sega

    SCOPRI SEKI: credenza a 3 ante cm 188 in legno noce con frontali ondulati

    SCOPRI KEITA: credenza a 2-3 ante in radica di noce

    Lavorazione delle ante delle credenze

    Alcune credenze in vendita online su ArredaClick propongono nuovi ed innovativi concetti stilistici, soluzioni lontane dalle credenze in legno noce classiche, vicine piuttosto ai concetti di moderno e contemporaneo.
    Per rispondere alle richieste dei clienti e per stare al passo con i tempi e le tendenze dell’interior design, vengono appunto realizzate credenze moderne in legno. Dalle mani esperte di maestri artigiani e con l’impiego di macchinari all’avanguardia prendono forma credenze di qualità, massima espressione dell’eccellenza qualitativa Made in Italy. Mobili di stile, dal sapore autentico che si fanno notare sia per venature e texture sia per la lavorazione delle ante in legno. Lisce, curve, ondulate, a listelli di legno, in radica di noce, con giochi di spessori, intagliate, segate, con lavorazione patchwork o pantografate. Chi più ne ha più ne metta. Insomma, il legno al centro di tutta la produzione, proposto in un’ottica moderna.

     

    Credenza in legno noce con ante lisce
    Ante in massello di noce “scortecciato” con bordo irregolare e piacevolmente imperfetto che ricorda la forma discontinua del tronco di legno. Per aprirle è sufficiente afferrare il bordo superiore e tirare verso di sè.

    Credenza ante scortecciate Doki

     

    Credenza in radica di noce
    Ante in radica di noce, un legno pregiato tratto dalla radice del noce. L’anta è formata da un pannello sul quale sono stati incollati pezzettini di cortecce. Un artigiano esperto ha realizzato un difficile gioco di incastri ricercando i pezzi migliori, rompendoli se necessario e abbinandoli uno ad uno. Il risultato è un anta fatta a mano, unica, mai uguale a sè stessa, sempre diversa dalle altre.

    Credenza in radica di noce Keita

    Credenza con ante curve a listelli di legno noce
    Ante ondulate formate da un doppio legno, un listello in noce e un listello in wengè. Questa particolarità si nota aprendo l’anta e guardandola dall’interno. Dall’esterno la credenza sembra avere ante lavorate e giochi di luce/ombra – chiaro/scuro. I listelli sagomati diventano anche delle pratiche maniglie che agevolano l’apertura dell’anta.Credenza in legno con ante a listelli Seki

     

    Credenza noce con ante ad effetto segato
    L’anta è formata da un pannello di legno massello sopra il quale vengono incollati altri pannelli più piccoli e di spessore differente. I pannelli vengono applicati da entrambi i lati per mantenere l’anta dritta e stabile ed evitare che si pieghi e si muova. L’abbinamento di pannelli di profondità diversa dona alla credenza un effetto lavorato e scavato.

     

    Credenza in legno massello di noce Aiko

     

    Credenza in legno con ante con disegno geometrico
    Ante lavorate e incise a mano caratterizzate da linee regolari in rilievo che formano decori geometrici. Un’anta dall’aspetto elegante e raffinato che dimostra tutta la maestria artigianale degli esperti artigiani che la realizzano a mano.

    Credenza moderna in legno noce Keita

    Come pulire una credenza in legno noce

    Le credenze in legno noce sono di solito rifinite con un olio che non modifica nè l’aspetto nè la texture. Si tratta di un olio protettivo naturale che mantiene la naturalezza del legno e ne esalta la brillantezza, sempre nel rispetto dell’ambiente e della salute.

    Per la pulizia quotidiana è sufficiente spolverare la credenza con un panno morbido asciutto, meglio se antistatico.
    Per mantenere la lucidità del mobile è consigliato utilizzare mensilmente un cera spray già pronta per l’uso.
    Per pulire e nutrire il legno, per togliere eventuali graffi e per rinnovare l’originale bellezza e brillantezza consigliamo, una o due volte l’anno, di passare sulla credenza una soluzione di cera d’api e acquaragia, lasciare agire per circa 24 ore e poi lucidare con un panno di lana.

    Desideri maggiori informazioni sulle credenze mostrate in questo articolo? Vuoi sapere dove e come acquistarle? Vuoi un preventivo?
    Clicca qui sotto e chiedi all’Arredatore. Consulenza gratuita e senza obbligo d’acquisto.

    Tags: ,

     
     

    Tavolo in legno particolare: il piano bicolore

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

    Se cerchi un tavolo in legno moderno e particolare sei nel posto giusto; questi tavoli in legno con piano bicolore fanno al caso tuo e ce n’è per tutti i gusti: dai decori centrali ad onda a quelli geometrici con linee rette, dall’alternanza di due colori ad abbinamenti inediti di più materiali.

    Senza nulla togliere ai modelli più classici, un tavolo in legno con piano decorato e bicolore permette di giocare con i materiali e i dettagli e di creare soluzioni e abbinamenti mai banali e sempre originali. Si possono accostare finiture in tinta o a contrasto, nuance accese o tinte sobrie, si possono scegliere soluzioni tono su tono o sperimentare accattivanti contrasti, è possibile abbinare il legno al laccato o anche al vetro. Insomma, se l’obiettivo è quello di arredare casa con arredi diversi dal solito, via libera a fantasia, voglia di sperimentare e soprattutto ai tavoli che permettono di farlo.
    Noi di Napol Arredamenti abbiamo pensato a tutto questo e abbiamo progettato quattro tavoli da pranzo con una marcia in più. Lasciatecelo dire.

    Tavolo con piano con decoro ad onda Slalom
     

    Tavolo con piano con decoro centrale obliquo Taj 1

    Tavolo con piano bicolore Taj 2

    Tavolo con piano a sezioni trapezoidali Dia

     

    Per rispettare lo stile e l’unicità di questi tavoli è consigliato abbinare materiali, finiture e colori diversi. È possibile scegliere tra legno essenza olmo Perla e olmo Brown, Cherry (o “ciliegio europeo”), Briccola Venezia (legno di recupero proveniente dai pali che costellano la laguna veneziana), Fresno (legno ricavato dal frassino), laccato opaco e laccato lucido. Queste ultime tre finiture sono disponibili in una grande varietà di colori, tra i più venduti possiamo citare bianco perla, canapa, nocciola, moka, ghiaccio, grigio piombo, nero, porpora, giallo, petrolio, bruno, cenere e carbone. Per l’elenco completo di tutti i colori disponibili è possibile far riferimento al campionario materiali online.
    Il tavolo Dia è l’unico tavolo che permette l’abbinamento di vetro e legno. Oltre a tutte le finiture già citate è possibile optare anche per specchio Nuvola, specchio Acqua, vetro Rami Bianco, vetro Rami Grigio e vetro verniciato in diversi colori.

     

    Quali sedie abbinare ad un tavolo in legno bicolore?

    Per creare un ambiente curato nei dettagli, elegante e raffinato consigliamo di scegliere sedie e tavoli in abbinamento tra loro. Partendo dallo stesso campionario materiali è facile giocare con i colori e creare piacevoli abbinamenti. Ad esempio è possibile optare per:
    A – gambe della sedia in tinta con il decoro del tavolo
    B – gambe della sedia in tinta con la struttura del tavolo
    C – alcune sedie in legno in tinta con il decoro sul piano, altre sedie in legno in tinta con la struttura del tavolo
    D – struttura della sedia in legno in tinta con il decoro del tavolo, seduta della sedia imbottita in tinta con la struttura del tavolo
    E – sedia con struttura in legno e seduta imbottita, entrambe in tinta tra loro e con il decoro del piano del tavolo.

    Per avere un’idea di queste soluzioni e per scegliere la tua preferita dai un’occhiata alle sedie proposte nelle immagini qui sopra. Presta attenzione agli accostamenti equilibrati e misurati e non esitare a contattarci per qualsiasi dubbio o consiglio.

    Ti piace l’effetto bicolore di questi tavoli? Potresti riproporre gli stessi motivi decorativi acquistando tavolini da salotto e armadi ad ante battenti e scorrevoli. Le collezioni Slalom, Taj 1, Taj 2 e Dia comprendono ciascuna tavolo da pranzo, tavolino basso per fronte divano e armadio per camera da letto.

    Stai cercando un tavolo da pranzo particolare con piano bicolore o decorato e hai visto un modello che ti piace? Vorresti sapere dimensioni e costo? Contatta il rivenditore Napol più vicino a casa tua. Prendi un appuntamento con un arredatore professionista e lasciati consigliare.

     

    Tags:

     
     

    Il progetto di Francesca: monolocale con letto trasformabile

    Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Interiors

    Qualche mese fa abbiamo ricevuto questo messaggio:Devo arredare il mio nuovo monolocale, vorrei un letto trasformabile a scomparsa, un armadio compatto ma capiente e una piccola libreria. Allego piantina e alcuni scatti della mia piccola casa”.

    Piantina monolocaleFotografia monolocale: parete per letto trasformabileFotografia monolocale: zona giorno e notte

    Francesca del Servizio Clienti si è prontamente messa all’opera e dopo un’analisi preliminare dell’ambiente e vari confronti con il cliente ha progettato il mobile per monolocale richiesto.
    Procediamo con ordine.

    Arredi indispensabili in un monolocale

      • Cucina: il modello già in possesso del cliente è una cucina lineare lunga 3 metri con basi a terra in laccato opaco grigio ghiaccio, pensili legno olmo bianco, top in quarzo bianco. La cucina è completa di elettrodomestici (forno, frigorifero, freezer), lavello ad una vasca con gocciolatoio, piano cottura ad induzione. Piastrelle nere/antracite.

    Progetto cucina lineare completa lunga 3 metri

    • Bagno: già in possesso del cliente. Sanitari sospesi, lavandino, doccia con soffione e doccetta.
    • Letto: da progettare e acquistare online. Oltre al letto il cliente vorrebbe un armadio capiente e una piccola libreria.

    Prendiamo le misure

    La cucina è stata predisposta sul lato corto del monolocale, tra la porta d’ingresso e una finestra. La parete libera sulla quale disporre il mobile trasformabile con letto a scomparsa è lunga 5,85 m. L’altezza utilizzabile massima è 2,43 m. La spalletta che si vede dalla piantina vicino alla porta dell’antibagno è un cartongesso contenente l’impianto di aerazione.

    Per soddisfare le richieste del cliente e per arredare al meglio il monolocale Francesca ha previsto arredi salvaspazio, funzionali e poco ingombranti, che agevolano la percorribilità all’interno dell’ambiente.

    Il letto trasformabile a scomparsa

    Quali caratteristiche deve avere un letto trasformabile per monolocale? Dev’essere: bello da vedere, facile e sicuro da aprire, comodo per dormire, multifunzione. Insomma, dev’essere uguale al letto trasformabile con divano Blackjack.

    Bello da vedere
    Blackjack può avere struttura in melaminico, laccato opaco o laccato lucido in quasi 30 colori. La forma delle maniglie può essere scelta tra 3 modelli. Il letto può essere completato con una testiera in tessuto o in ecopelle imbottita, liscia, trapuntata o capitonnè.

    Facile e sicuro da aprire
    Blackjack è dotato di un sistema d’apertura sicuro ed affidabile con meccanismo frenante. È sufficiente tirare la maniglia per far scendere il letto automaticamente, in modo rallentato fino ad appoggiarsi a terra. Per ragioni di sicurezza è obbligatorio il fissaggio della struttura ad una parete in muratura.

    Comodo per dormire
    Blackjack è disponibile nelle versioni singolo, matrimoniale francese o matrimoniale standard. Può essere acquistato completo di materasso a molle o in memory h.20 cm con peso compreso tra 25 e 30 kg. Con un materasso di 20 cm rimangono 10 cm tra il materasso e lo schienale: questo spazio libero risulta molto comodo per inserire una testiera imbottita e per lasciare la biancheria e le coperte sul letto quando lo si chiude.

    Multifunzione
    Blackjack può essere dotato di sacca portaoggetti e di coppia di luci led. Per il massimo della funzionalità è possibile abbinare al letto il divano Holdem con schienale ribaltabile manuale o automatico: nel primo caso è necessario rimuovere i cuscini di schienale prima di aprire il letto, nel secondo caso lo schienale del divano si abbassa automaticamente quando si apre il letto.

    Nell’immagine qui sotto una possibile configurazione del letto a scomparsa Blackjack con divano Holdem.

    Letto a scomparsa Blackjack con divano Holdem

    L’armadio scorrevole compatto e capiente

    Alla destra del mobile trasformabile in letto Francesca ha previsto un armadio scorrevole della collezione Tilt. Collezione di punta in vendita online su ArredaClick, ottimo rapporto qualità/prezzo, prezzi competitivi, perfettamente abbinabile per stile, finiture e colori ad altri arredi per monolocale, ad esempio ripiani libreria e moduli a giorno.

    Per questo monolocale è stato scelto un armadio a due ante scorrevoli cm 183 (con due moduli cm 87+87) p.65 h.222,8 già provvisto internamente di un ripiano e due tubi appendiabiti per ciascun modulo. I fianchi dell’armadio all’interno sono forati a grappolo per permettere l’inserimento di altri ripiani. L’armadio può essere dotato di altre attrezzature interne come cassettiera, divisori, porta camicie, porta scarpe, cestello estraibile, servetto estraibile.

    L’armadio raggiunge un’altezza di cm 222,8 con uno scarto di cm 20,2 rispetto all’altezza totale della parete. Questi centimetri risultano preziosi ed indispensabili in fase di montaggio.

    Nell’immagine qui sotto una possibile configurazione dell’armadio ad ante scorrevoli Tilt, qui proposto nella versione a tre ante con maniglione a tutta altezza. L’armadio Tilt è disponibile a 2, 3, 4 ante, da cm 183 a 483. È possibile prevedere tagli su misura in altezza, larghezza e profondità.

    Armadio scorrevole Tilt componibile e personalizzabile per materiali e colori

    La colonna libreria

    Alla sinistra del letto matrimoniale a scomparsa Francesca ha previsto una colonna libreria cm 48 p.32,8 h.222,8 con 5 ripiani e schienale a tutta altezza. Il modello scelto è Almond, una libreria che appartiene all’omonima collezione e che si abbina perfettamente a stile, finiture e colori dell’armadio Tilt. La libreria può essere accessoriata con ripiani aggiuntivi, ante battenti o a ribalta, cestoni e cassetti.

    Almond è una libreria componibile realizzabile praticamente su misura, una libreria autoportante il cui montaggio non richiede un fissaggio a muro ma un semplice ancoraggio a parete con squadrette.
    Nell’immagine qui sotto una delle infinite configurazioni della libreria componibile Almond.

    Libreria Almond, componibile e su misura

    Il progetto finale

    Ecco uno schema del mobile trasformabile per monolocale che comprende letto trasformabile, armadio scorrevole, colonna libreria.

    Mobile trasformabile per monolocale con letto trasformabile, armadio scorrevole, colonna libreria

    Gli abbinamenti di colore scelti dal cliente sono i seguenti:
    – armadio scorrevole con ante e fianchi in laccato opaco Perla, inserto laccato opaco Ardesia, interni color Neve
    – mobile letto trasformabile in laccato opaco Neve con maniglione in nichel opaco, testiera in ecopelle Dakota colore 7EM
    – divano ecopelle Dakota colore 7EM
    – libreria con fianchi e ripiani in laccato opaco Ardesia, schienali in laccato opaco Perla

    Abbinamenti di colore letto trasformabile per monolocale

     

    Un altro progetto è stato brillantemente portato a termine dal nostro Staff.

    Vorresti maggiori informazioni sui prodotti presentati? Vorresti un preventivo su misura? Ti piacerebbe ricevere una consulenza gratuita per arredare la tua casa? Clicca qui sotto e chiedici aiuto >>>

     

    Tags:

     
     

    Arredamento soggiorno: meglio la parete attrezzata o la libreria?

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

    In soggiorno è meglio avere una parete attrezzata o una libreria?

    A sinistra i sostenitori della parete attrezzata, a destra quelli della libreria, al centro gli indecisi, chi vorrebbe saperne di più e chi vorrebbe rispondere “dipende” o “tutte e due”. Io mi schiero al centro e ti invito a leggere fino alla fine questo articolo per scoprire il perchè.

    Le funzioni sono pressochè le stesse: contenere, organizzare, conservare, sistemare, appoggiare, arredare. Chi più sinonimi ha più ne metta. Quello che cambia è l’aspetto. La libreria è dotata di ripiani, scaffali e mensole per lo più a giorno; può cambiare la forma ma l’obiettivo è quello di lasciare molti oggetti in bella vista. La parete attrezzata è composta da un mix di elementi tra cui basi d’appoggio con cassetti o cestoni, pensili contenitori con ante, mensole, vetrinette, teche, inserti a giorno, pannelli porta tv. Insomma sia spazi contenitivi nascosti, sia spazi espositivi per oggetti da lasciare in mostra.
    Non si dice forse che “la verità sta sempre nel mezzo”?! In soggiorno servono entrambe queste soluzioni, servono contenitori e ripiani, serve spazio per gli oggetti che si utilizzando quotidianamente e che è bene avere sempre a portata di mano, serve spazio gli oggetti poco usati. Nell’arredamento del soggiorno le mezze misure esistono e sono un ottimo compromesso tra funzionalità ed estetica. Chiamatela parete attrezzata con colonne libreria oppure libreria a parete attrezzata, poco cambia, quello che è certo è che se ne acquistate una non ve ne pentirete.

    Come scegliere la parete attrezzata e la libreria?

    VALUTA GLI SPAZI

    Prendi le misure della stanza e in particolare dell’area in cui vuoi posizionare il mobile. Considera anche l’ingrombro massimo del mobile da acquistare. Ricordati soprattutto di accertarti della presenza di eventuali parti sporgenti come ad esempio le maniglie.
    Qualsiasi sia lo spazio a tua disposizione esiste un mobile ideale. Se i mobili in vendita in stock non ti soddisfano acquista pareti attrezzate e librerie componibili e modulari. I mobili su misura soddisfano qualsiasi esigenza e aiutano ad arredare qualsiasi ambiente.

    Libreria grande, lunga, alta per soggiorno ampio. Personalizzabile per dimensioni, materiali, colori e disposizione degli elementi.Libreria piccola e compatta per soggiorni piccoli e contenuti. Libreria componibile e modulare.

    Il consiglio dell’arredatore: se acquisti un mobile di grandi dimensioni considera la possibilità di lasciare le altre pareti della stanza abbastanza libere. Non riempire troppo gli spazi, non renderli “soffocanti”, non appesantire inutilmente l’ambiente.

     

    VALUTA I DETTAGLI

     – Nello spazio in cui andrai a collocare il tuo mobile ci sono prese elettriche? Sfruttale per collegare televisore, stereo o lampade.
    – Sulla parete c’è un calorifero? Opta per elementi componibili e posizionabili dove preferisci e dove c’è spazio.
    – Ci sono porte o finestre che si aprono verso la parete attrezzata libreria? In quella zona non inserire antine o cestoni ma prevedi solo mensole e ripiani a vista.
    – I battiscopa sono facilmente rimovibili? Se non lo sono valuta soluzioni sospese a parete.
    – La parete presenta colonne o elementi strutturali sporgenti? Fai in modo di nascondere questi elementi integrandoli nel mobile oppure mettili in risalto cambiandone il colore.
    – La parete è abbastanza solida e stabile per sostenere un mobile sospeso e il peso degli oggetti? Se non lo è opta per soluzioni in appoggio a terra e valuta se è necessario / possibile l’ancoraggio a parete.

    Questa parete attrezzata sospesa è formata da elementi singoli posizionabili a piacere sulla parete.In caso di colonna in soggiorno è possibile prevedere due mobili componibili distinti, uno a destra della colonna e uno a sinistra.

     

    VALUTA LE FUNZIONI

    – Quanti libri hai? Fai una cernita e prevedi il giusto numero di ripiani e mensole
    – In soggiorno c’è un angolo tv distinto o il televisore andrà integrato nella parete attrezzata o libreria? Preferisci un televisore sospeso o in appoggio? Vuoi un pannello tv fisso, girevole, estraibile? Ci sono gli attacchi per la corrente e l’antenna?
    – Ti piacerebbe avere un piccolo angolo bar? Prevedi alla giusta altezza uno vano con anta a ribalta.
    – Sei un collezionista e vuoi esporre in bella vista i tuoi oggetti preziosi? Hai bisogno di vetrinette e teche.
    – Il soggiorno verrà sfruttato anche come home office? In questo caso prevedi scrivanie o scrittoi integrati, mensole e contenitori per fogli, documenti e cancelleria.

    Parete attrezzata con scrivania integrata, per un angolo home office organizzato in soggiornoParete attrezzata con pannello porta tv girevole per uno schermo ben visibile da più punti della stanzaMobile soggiorno completo di colonne libreria, pensili contenitore con ante battenti e basi a terra con cestoni capienti.Arredamento soggiorno con teche in vetro con luci a led RGB colorate.

    Ti sai ancora chiedendo se in soggiorno è meglio una libreria o una parete attrezzata o ti ho convinto che le risposte giuste sono “dipende” e “tutte e due”?!

    Vuoi avere maggiori informazioni sui prodotti fotografati? Vuoi ricevere un preventivo? Ti piacerebbe acquistare una parete attrezzata? Vorresti ordinare una libreria? Contatta subito il Rivenditore Napol più vicino a casa tua. Consulenza e preventivo sono gratuiti.

    Tags: ,

     
     

    Armadio a specchio: luce e profondità in camera

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

    Avete mai pensato a come sarebbe la vostra camera da letto con un armadio a specchio? Ve lo diciamo noi: molto luminosa e più grande. Le superfici a specchio riflettono la luce dell’ambiente, sia che si tratti di una luce naturale proveniente dalla finestra sia che si tratti della luce artificiale di una lampada. Gli specchi danno l’impressione di una stanza più ampia, modificano la percezione visiva e fanno sembrare l’ambiente più largo e spazioso.
    Per tutti questi motivi l’armadio con ante a specchio è un’alternativa da considerare quando si sta per arredare casa, soprattutto se si ha a che fare con stanze piccole e metrature ridotte.
    Lo specchio inoltre arreda con stile, dona carattere ed eleganza alla stanza ed è la scelta ideale per arredamenti sia moderni sia classici.

    Quando si parla di armadi con specchio si può fa riferimento a diversi modelli: armadio tutto a specchio, armadio con ante centrali a specchio, armadio con ante in legno e specchio. Le alternative sono numerose, pronte a soddisfare i gusti e le esigenze di tutti.

    Per le nostre collezioni di armadi battenti e scorrevoli abbiamo selezionato 5 tipi di specchi: specchio naturale, bronzato, brunito, specchio Nuvola e specchio Acqua.

    • Specchio naturale: è la classica superficie a specchio riflettente dall’effetto chiaro e molto luminoso
    • Specchio bronzato: specchio con riflesso bronzeo che ricorda le foto “effetto seppia”
    • Specchio brunito: specchio con una sfumatura scura tendente al grigio
    • Specchio Nuvola: la superficie ha un effetto spugnato, vedo-non-vedo
    • Specchio Acqua: specchio decorato con righe irregolari verticali

    Le 5 finiture a specchio per gli armadi di Napol Arredamenti

      Vi state forse chiedendo come appaiono questi specchi e quale effetto può donare un armadio a specchio alla vostra camera?
      Guardate la gallery di immagini qui sotto.

      ATTENZIONE

      1. Usare le immagini con moderazione. Lasciare libero sfogo alla fantasia, consultare le schede prodotto, contattare i Rivenditori Napol per informazioni, varianti e preventivi
      2. Realizziamo armadi componibili al centimetro, personalizzabili per dimensioni, materiali e finiture. La nostra collezione di armadi su misura include armadi battenti e scorrevoli, con maniglie applicate, integrate o a gola. Tutti gli armadi hanno un’anima in tamburato e sono impiallacciati in vero legno, esternamente e internamente, in varie essenze di tendenza che spaziano dal rovere laccato poro aperto ai laccati. È possibile avere ante interamente a specchio, ante in legno e vetro, ante in legno e specchio, ante con inserti in vetro o specchio.

        Dora è un armadio scorrevole con ante centrali a specchio brunito con profili laterali rovere laccato poro aperto, in tinta con la struttura e le ante laterali. Dora è proposto in laccato bianco segnale e in legno olmo perla, per il massimo dell’eleganza e della raffinatezza.

        Ada è un armadio scorrevole con due ante a specchio Acqua, un’elegante e appariscente finitura ideale per camere da letto moderne, classiche e contemporanee. La decorazione dello specchio può essere sdrammatizzata o accentuata scegliendo un particolare colore della struttura.

        Bai è un armadio scorrevole con anta centrale in specchio bronzato impreziosita da scanalature orizzontali che proseguono sulle ante laterali in legno. Ante laterali, telai e struttura sono qui proposti in vero legno ciliegio, per un look ispirato al passato e rivisitato in chiave moderna.

        Bai è anche un armadio con anta centrale in specchio Nuvola, sempre impreziosita da scanalature orizzontali. La particolare decorazione dello specchio crea un piacevole effetto “vedo-non-vedo”, o meglio “rifletto-non-rifletto”.

        Dia è un armadio scorrevole particolare e originale con due ante divise in quattro pannelli ciascuna. I pannelli possono essere realizzati in legno, vetro, specchio. L’abbinamento di diversi materiali e colori dà vita ad un armadio moderno e contemporaneo, capace di diventare il protagonista della camera.

         

         

        Volete vedere dal vivo i nostri armadi? Volete toccare con mano i nostri materiali? Vi piacciono i modelli che avete visto in questo articolo ma non sapete dove acquistarli? Volete un preventivo? Contattate il Rivenditore Napol più vicino a voi e prenotate un appuntamento (gratuito e senza impegno d’acquisto) con un esperto Arredatore.

        Tags:

         
         




        Torna su