Idee






 
 
 

Del perché acquistare online arredi 100% Made in Italy non è mai stato così semplice

Pubblicato da blog ospite in Design, Idee, VDR Home Design

Acquistare online: che ne pensate? Sono sicura che molti di voi non comprerebbero neanche la ricarica del telefono via internet. E i mobili?

English version >> http://bit.ly/2mW07w7

……….

Avanti, voglio sapere cosa pensate di questa cosa: comprare mobili online. Già vi sento: ma sei pazza? Ma chi sono questi che si propongono a vendere mobili via internet?


E se poi mi arriva un mobile di cartone, che non è quello che volevo?
Condividi il Tweet


Però vorrei farvi riflettere su una cosa: anche quando andate da un rivenditore dovete fidarvi sulla parola. Non è che i rivenditori hanno in esposizione tutti i mobili a catalogo che vi fanno vedere.

Quindi, perché se andate da un rivenditore vi fidate e comprate qualsiasi cosa e online no?

Perché siete sicuri che il rivenditore esiste davvero, perché avete visto con i vostri occhi che gli arredi che volete acquistare esistono e in caso di problemi sapreste a chi rivolgervi.

Questo è il tasto dolente: in caso di problemi sapreste a chi rivolgervi.

E se vi dicessi che esistono brand online che forniscono questi servizi, a prezzi veramente competitivi?

HOMEPLANEUR: ACQUISTARE ONLINE ARREDI SU MISURA

Venerdì 03 marzo io e altri colleghi blogger siamo stati invitati ad un evento di presentazione davvero molto interessante.

Un brand nuovo di zecca: HomePlaneur, tutto italiano, che vende mobili personalizzabili, di altissima qualità.

Che figata, ma dov’è la fregatura? Ci deve essere per forza qualcosa che non va. Invece no: tutto è per come lo vedete.

Materiali di altissima qualità, finiture di pregio, fattura artigianale: insomma, quanto di meglio si possa desiderare, se  il design vi piace davvero.

acquistare online

Evento HomePlaneur

HomePlaneur non è solo un brand smaterializzato e inesistente: a Lentate sul Seveso esiste davvero il loro showroom, anzi no, scusate il loro Lounge.

Uno spazio in cui poter ammirare i loro pezzi migliori, insieme ai campioni fisici delle finiture e dei materiali. Così non potete avere scuse: se siete come san Tommaso qui avrete lo spazio ed il tempo di soddisfare tutti i vostri dubbi.

Ovviamente siccome ogni ospite è sacro (e più il cliente è soddisfatto e più volentieri spende), bisogna prendere appuntamento.

Almeno potete essere sicuri che il tempo che prenotate sarà dedicato solo a voi e alla vostra soddisfazione. Avanti, siate sinceri: non è meraviglioso?

acquistare online

Alcuni dei mobili in vendita su HomePlaneur.com

Il mio entusiasmo magari potrà sembrarvi sospetto, in realtà deriva semplicemente dalla sorpresa ricevuta dall’evento a cui abbiamo assistito.

Il fatto di aver visto con mano la realtà di HomePlaneur e il loro modo di lavorare davvero ha eliminato anche quegli ultimi dubbi che avevo, legati al comprare online.

Devo ammetterlo: anche io sono una romantica e prima di comprare devo vedere con i miei stessi occhi. Tante volte però ammetto che il comprare sia facilitato dal fatto di conoscere il brand: se dovessi comprare online un mobile da Ikea, lo farei senza troppi pensieri.

Questo perché Ikea esiste da decenni e siete sicuri che non potrebbe mai darvi una sola, e comunque in ogni caso sapreste a chi rivolgervi e dove andare.

Ma se il brand online che trovate vi offrisse gli stessi servizi, magari con una qualità maggiore? Che fareste, non lo utilizzereste?

Date un occhio voi stessi al sito: vedere per credere.

acquistare online

HomePlaneur.com

http://www.homeplaneur.com/

L’articolo Del perché acquistare online arredi 100% Made in Italy non è mai stato così semplice sembra essere il primo su VHD.

Tags: ,

 
 

Porta blindata da interni Neko: personalizzazione e sicurezza

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

Pensare alla nostra casa evoca le sensazioni più piacevoli. Il “nido” dove vivono i nostri affetti.

La tranquillità di esprimere le nostre emozioni. Il calore e la simpatia delle serate divertenti. L’entusiasmo di concepire nuovi sogni da realizzare. Studiare per prepararsi al futuro. La nostra casa, dove riposare sereni e sentirsi protetti.

Una porta blindata riesce a garantire tutto ciò.

NEKO

ALBA DOORS propone NEKO, un nuovo concetto di protezione che nasce dall’esigenza di offrire in casa, un sistema di sicurezza che abbia la stessa efficacia di una vera porta blindata unita all’eleganza ed allo stile di una porta d’interni.

neko1

Nonostante le sue ridotte dimensioni riesce a vantare una resistenza all’effrazione CLASSE 3 ed un isolamento acustico di ben 38 dB (Neko Plus).

Questo tipo di porta offre sicurezza con un semplice click. Alzando verso l’alto la maniglia interna, il meccanismo attiva i catenacci in acciaio della serratura che vanno a posizionarsi all’interno del telaio.
Dall’esterno risulterà bloccata a doppia mandata, ma abbassando la maniglia interna la porta si aprirà in maniera semplice e rapida.
neko2
neko4
NEKO è disponibile in quattro diversi allestimenti: Neko Privacy, Neko Secure, Neko Glass e Neko Plus.
neko3

Salva

Tags:

 
 

5 comodini salvaspazio per camere piccole

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Le dimensioni standard di un comodino sono: larghezza 45-50 cm, profondità 30-40 cm, altezza 40-50 cm. Queste misure indicative si rivelano molto lontane dalla realtà quando si deve arredare una camera da letto piccola o piccolissima. E allora cosa usare al posto dei comodini quando le dimensioni della camera sono davvero ridotte? Per aiutarti a risolvere i problemi di spazio abbiamo selezionato 5 comodini salvaspazio per camere da letto piccole. Queste cinque proposte non sono veri e propri comodini ma possono essere affiancati al letto e utilizzati come se lo fossero. Sono poco ingombranti, occupano uno spazio davvero ridotto, sono piccoli ma tanto utili e funzionali.

1. Comodino / mensola sospesa
Quando lo spazio è davvero risicato (o quando si preferisce occupare i pochi centimetri a disposizione con soluzioni minimaliste) è consigliato optare per mensoline sospese da integrare alla struttura e al giroletto dei letti HomePlaneur.
Il piano d’appoggio è molto esiguo ma d’altronde il comodino dovrebbe servire ad appoggiare solo quei piccoli e pochi oggetti che si vuole avere a portata di mano durante la notte, non sei d’accordo?

Mensola sospesa Plano per letti HomePlaneur

 

2. Comodino integrato nella struttura del letto
Due in uno, il letto si trasforma anche in comodino. La struttura imbottita del letto con comodini integrati Tokyo ha dimensioni generose, maggiori rispetto a quelle del vano rete e del materasso. Il piano d’appoggio può essere utilizzato per appoggiare libri, occhiali, smartphone e acqua.

Letto Tokyo con comodini integrati nella testiera e giroletto largo

 

3. Comodino servetto
Si può pensare di sostituire il classico comodino a cassetti con un tavolino servetto da posizionare al fianco del letto. Piccolo, compatto, leggero, maneggevole e facile da avvicinare o allontanare quando serve, questo comodino a giorno sagomato ha un piano leggermente ruotato rispetto alla base.

Comodino tavolino servetto Duffy, leggero e facile da spostare

 

4. Tavolino ad uso comodino
Libero sfogo alla fantasia e alle soluzioni d’ingegno. Se scegli di affiancare al letto un tavolino ad uso comodino puoi essere certo di avere un arredo di tendenza, flessibile e versatile. Quando vorrai cambiare il look della camera potrai semplicemente spostare il tavolino in soggiorno e sostituire i comodini. Attenzione: ricordati di scegliere un modello dalle dimensioni compatte, meglio se con sviluppo in altezza.

Tavolino rotondo uso comodino Banks

 

5. Comodino ricavato da una nicchia nel muro
Il comodino non esiste, è completamente sostituito da una nicchia nel muro attrezzata con mensole e ripiani. Creare un vano con piani d’appoggio richiede una progettazione preliminare della stanza e qualche lavoro di costruzione ma si rivela un’alternativa valida ed intelligente per sfruttare al meglio lo spazio… soprattutto quando è poco.

Nicchia nel muro attrezzata con mensole lineari su misura Alma

 

Cosa pensi di questi comodini salvaspazio? Se desideri maggiori informazioni sui prodotti o un preventivo personalizzato clicca sul banner qui sotto.
Se non hai ancora trovato il comodino giusto per la tua camera da letto piccola chiedici aiuto. I nostri esperti arredatori ed architetti sapranno consigliarti delle valide alternative.

Tags:

 
 

Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, Non Ditelo all'Architetto

Arriva la primavera e con essa la Pasqua, due eventi accomunati a mio parere dai bellissimi rami di pesco in fiore

albero di pasquaghirlanda pasquale composizione pasquale con rami di pesco e conigli di ceramica.

cocktail pasquale

Cocktail pasquale!

centrotavola pasquale

tenere decorazioni per il pranzo di pasqua
albero di pasqua

Interpretazione romantica e moderna dell’albero di Pasqua

Graziosi rametti di fiori di pesco per composizioni pasquali… e non! Li trovate QUI

Il pesco, oltre ad essere legato all’immaginario decorativo della Pasqua, suggerisce anche atmosfere orientali ed, infatti, non tutti lo sanno, il pesco è originario della Cina!

Nasce come pianta selvatica e solo nei secoli è stato addomesticato; secondo me mantiene in sè la bellezza delicata, romantica e selvaggia della sua natura ed è davvero uno degli alberi dai fiori più belli, ancora più affascinanti quando composti in rami.

Un tè alla pesca in stile orientale con le tazza in porcellana dipinta a mano che trovate QUI
e QUI

carta da parati

Carta da parati “Sakura”, Collezione Natural Instinct su mycollection.it

decorazione

profumo d’oriente con le lanterne in di carta ed i fiori di pesco riprodotti su rametti secchi con carta velina rosa pallido. Piegate un quadrato di carta velina lungo la diagonale 3 volte così da ottenere un triangolino. Ritagliate con le forbici una forma a goccia, aprite il triangolino e voilà, il fiore è pronto. Realizzane diversi e applicali sui rami con colla a caldo.

olio su tela

Classica decorazione ad olio su tela in stile orientale con uccello su dei fiori di pesco.

stickers fiori di pesco

Di Ling@ fiori di pesco sticker da parete in pvc, disponibile QUI

I rami di pesco vengano usati in particolare per le decorazioni pasquali perché proprio in quel periodo, di solito, sono in piena fioritura gli alberi, che con i loro meravigliosi fiori sono particolarmente rappresentativi della primavera e del concetto di rinascita.

Il fiore di pesco è una decorazione particolarmente amata anche dallo stile shabby , che lo usa per composizioni d’arredo spesso utilizzando brocche e vasi di vetro , metallo o ceramica, o come stampa, stickers e decorazione per pareti e tessuti.

 

Composizioni di rami di pesco in contenitori di vetro

composizione shabby

Composizione in stile shabby in vaso dimetallo zincato

Rami di pesco in contenitori di ceramica.

ghirlanda shabby

Bellissima ghirlanda shabby perfetta non solo per la Pasqua ma per tutta la primavera.

Stickers ai fiori di pesco per tutti i gusti e tutti gli ambienti. In alto a sinistra decorazione della giapanese e korean collection che trovate su degournaycom di seguito una graziosa decorazione per la cameretta disponibile su http://www.stikid.com. In basso a destra stickers con rami di pesco ed uccelli disponibile QUI ed in fine romantica decorazione in camera da letto con lo stickers di Decoidea

stampa su tela

Una bella stampa 70x50cm rafigurante profumati fiori pesco disponibile QUI

carta da parati

Ha il sapore shabby questa bellissima carta decorativa paper Moon prfetta per rivestire mobili e cassetti o fare piccole decorazioni. fogli da 50x70cm disponibili QUI

completo letto shabby

Completo matrimoniale con fiori di pesco, per notti romantiche! Disponibile QUI
stickers shabby

Un allegro albero in fiore disponibile QUI
in due colori a soli 7.99€

Si tratta di un tema molto romantico e forse un po’ femminile, anche perché la maggior parte delle volte declinato nei colori rosati, ma se ne trovano anche versioni in bianco e delle bellissime interpretazioni contemporanee come quelle della carta da parati di Inchiostro Bianco.

minimale e contemporaneo

Composizione minimale, contemporanea, con ramo di pesco.

art

Dipinto realizzato su pannello ligneo ed impreziosito da cristalli Swarovski by superopera

carta da parati moderna fior di pesco

Carta da parati “Natzumi” di Inkiostro bianco, evocazione del giappone  

Cuscino in cotone bianco con motivo di fiori di pesco di Coin casa,  perfetto per armonizzare un salotto contemporaneo total white e dare un tocco di colore.

Una bella tovaglia per portare la primavera in casa in modo fresco e giovane, la trovate http://www.unicj.com

Molto blla la carta da parati con fiori di pesco bianchi su sfondo grigio nuvolato di domusarrdilissone

Un quadro fresco, moderno e primaverile che raffigura un ramo di pesco in fiore per portare la primavera in casa. Lo trovate QUI, 152x78cm.

Parure matrimoniale in bianco per il letto di primavera. Disponibile QUI

Il color pesca è una variante molto speciale del colore rosa, ricercata, elegante ed originale, adatta anche a chi non ama particolarmente questo colore; perfetta per creare atmosfere speciali, calde, accoglienti e ovattate.

Bellissimi gli arredi declinati in questo colore dal gusto bohemien, molto decorativi e che certamente non passeranno inosservati. Possiamo decidere di dipingere in questa tonalità un vecchio mobile e farlo rinascere a nuova vita proprio come ci insegna lo spirito della primavera e della Pasqua.

cameratta rosa pesca

Il rosa pesca è il colore perfetto per rinnovare gli arredi della cameretta delle nostre piccole principesse, più elegante e ricercato del rosa confetto.

 

Rosa pesca, più intenso o meno inteso, per ogni ambiente della casa, dalla camera da letto alla cucina.

Classico o moderno, tutti gli ambienti si sposano bene con il color pesca.  

Gli arredi rinasco a nuova vita, eccentrica, briosa e piena di gioia, con una mano di pittura color pesca.

Un piccolo ambiente minimale reso speciale dal colore.

Romantico, raffinato, elegante e speciale, è il rosa pesca, iol colore che stavamo cercando per la nostra casa.

Un abbinamento moderno? Il rosa pesca con il grigio, a dir poco perfetto!

Anche gli elementi archittetonici come una scala o la facciata della nostra casetta possono diventare speciali con un tocco di rosa pesca.

Bellissimo il pesca sugli elementi in velluto che richiamo ancora di più la trama del frutto.

In fine, questo tema è proprio perfetto per un matrimonio, con la sua fresca delicatezza, il romanticismo e il “candore” che gli appartiene; decorazioni per la chiesa, la tavola, torte, bouquet, il color pesca e i bellissimi fiori potrebbero essere la caratteristica che stavate cercando per rendere il vostro matrimonio unico!

 

Matrimonio in rosa pesca per lei e per lui. A destra cravattino by design Tie, lo trovate QUI

matrimonio rosa pesca

decorazioni.

matrimonio rosa pesca

La torta

matrimonio rosa pesca

Il rosa pesca è di certo uno dei colori più adatti al giorno del matrimoniomatrimonio rosa pesca

Suggestioni.
matrimonio rosa pesca

La tavola.

Semplici decorazioni che diventano magiche con il color pesca. A destra lanterna giapponese di carta color pesca diametro 35cm disponibile QUI a 3.59€

Tulle e nastro di raso color pesca per le vostre decorazioni potte trovarli QUI e QUI
.

Ghirlanda composta da 12 pon pon color pesca disponibile QUI a 4.99€

Lasciamoci l’inverno alle spalle e salutiamo l’arrivo della primavera con questo bellissimo fiore e il suo inimitabile colore.

L’articolo Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Arredare il bagno: preziosi suggerimenti per creare un ambiente unico

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto, Idee
Vuoi sapere come rendere perfetto un bagno?
Ce lo racconta Serena Pagana che firma il suo primo consiglio d’arredo per Arredamento Perfetto.

La scelta della rubinetteria è essenziale per un bagno unico e accattivante

Scegliere con quale stile arredare la propria casa, classico, moderno, contemporaneo o ancora, vintage, spesso genera parecchia confusione, ma quello che è molto importante è che, una volta scelto lo stile di arredamento, quest’ultimo venga curato con attenzione massima per qualsiasi ambiente  della casa, tenendo in consisderazione ogni particolare.

Molto importante è anche la scelta relativa all’arredamento del bagno, sapere cosa va fatto e cosa va assolutamente evitato. In generale va precisato che il bagno dovrà essere molto luminoso. Sotto il lavabo, andrà posizionato un mobiletto con cassetti o ripiani e non devono assolutamente mancare gli specchi. Ad esempio, se sceglierete di arredare il vostro bagno seguendo uno stile moderno, afficnhé tale stanza diventi un luogo molto bello e soprattutto dove potervi concedere momenti di sano relax, dovete fare attenzione alla scelta dei colori e dei componenti e, poi ancora, alla rubinetteria e agli accessori.
La rubinetteria e i sanitari coordinati per avere un bagno moderno di stile

Per prima cosa dovrete concentrare la vostra attenzione su piastrelle e sanitari. Per un ambiente moderno, sono maggiormente indicati rivestimenti in pvc e gres effetto parquet. Sono molto di tendenza, in un bagno moderno, l’effetto pietra o mosaico dai colori particolarmente accessi, anche se è preferibile mantenersi su colori chiari e neutri.
La scelta dei sanitari, in un bagno moderno, potrebbe invece ricadere su quelli senza base, sospesi, che presentano un design davvero molto elegante, ovviamente il colore preferito è il bianco.
Per valorizzare i sanitari andrà poi abbinata una bellissima ed efficiente rubinetteria in acciaio lucido oppure opaco o ancora di colore bianco.
L'arredo bagno sospeso e un adeguata rubinetteria caratterizzano un bagno moderno

Non possono mancare gli specchi con finiture in acciaio o “nude”, sospensioni dalle forme particolari, ad esempio tonde, e mobili dalle linee pulite.

Arredo bagno classico

Quando si decide di arredare un bagno in stile classico invece si deve tenere conto che in tali bagni vi è maggiormente presente la vasca e non la doccia, mentre i sanitari hanno forme ovali e i colori scelti sono in genre il bianco o il crema. I rivestimenti in un bagno classico sono in legno scuro e molto spesso presentano delle particolari decorazioni.

Scegliere la rubinetteria adeguata per un bagno unico e di qualità

Anche il questo caso, molto importante è la scelta della rubinetteria che dovrà essere di qualità oltre ad avere una certa importanza a livello estetico; a tal proposito i rubinetti Grohe sono in grado di adattarsi a qualsiasi ambiente e allo stesso tempo soddisfare le diverse e sigenze del cliente, anche le più particolari.

Tags:

 
 

Ristrutturare casa: impianto elettrico a norma

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee
I requisiti che rendono un impianto elettrico a norma

Quando si deve ristrutturare una vecchia casa è molto importante non sottovalutare l’impianto elettrico. Per mettere a norma un impianto elettrico esistente a volte può essere sufficiente intervenire solo su alcuni componenti, ma nella maggior parte dei casi è necessario rifarlo completamente, affrontando così un costo più elevato.  

Il progetto di un impianto elettrico deve essere eseguito da personale esperto, tenendo conto della disposizione dell’arredamento e degli elettrodomestici, che attraverso la planimetria della casa valuta come deve avvenire l’installazione dell’impianto elettrico.  La progettazione, infatti, va fatta tenendo conto della disposizione dell’arredamento e degli elettrodomestici più grandi, prevedendo una distribuzione uniforme delle prese di corrente sulle pareti per un’efficiente funzionalità di tutto l’impianto.


La progettazione di un impianto elettrico non è un lavoro semplice da realizzare “fai da te”, occorrono competenze specifiche, conoscere le normative in vigore e sapere esattamente quale materiale elettrico acquistare perché un impianto moderno ed efficiente, per risultare a norma, deve rispettare i canoni di sicurezza indicati dalla normativa CEI.  
I requisiti che rendono un impianto elettrico a norma

Ma vediamo nel dettaglio i requisiti necessari che rendono un impianto elettrico a norma.

1. Innanzitutto il lavoro di progettazione e installazione deve essere effettuato da professionisti del settore impiantistica in possesso dei requisiti previsti dalla legge che dovranno essere iscritti all’albo regionale installatori impianti elettrici o riconosciuti da UNAE o ANIE.


2. L’impianto elettrico a norma deve essere obbligatoriamente dotato di un dispositivo salvavita e della protezione diretta dei suoi componenti che ne impediscono il contatto fisico.  Gli impianti, così come le relative protezioni, vanno definiti in base a quelle che sono le caratteristiche dell’ambiente, come ad esempio l’umidità o la presenza di polvere.

3. Oltre al salvavita è necessario aggiungere gli interruttori magnotermici, che entrano in gioco in caso di cortocircuito o sovracorrente. 

4. I cavi elettrici devono essere sistemati in tutta sicurezza all’interno delle apposite canaline, sotto traccia oppure a vista.  La sezione dei cavi dovrà essere proporzionata alla potenza dell’impianto elettrico, che andrà calcolata in base al numero di inquilini, agli elettrodomestici e alle dimensioni della casa. L’impianto elettrico deve essere sezionato in più parti, per poterne eventualmente isolare la parte affetta da un malfunzionamento
I requisiti che rendono un impianto elettrico a norma
5. Le prese e gli interruttori dell’impianto elettrico devono essere fissati al muro e dotati delle apposite placche.  Le prese volanti sono da evitare assolutamente in quanto riducono notevolmente la sicurezza di un impianto.


6. Evitare il collegamento di fili con il nastro isolante ma utilizzare i piccoli contenitori di materiale isolante.

7. Fare una costante manutenzione dell’impianto elettrico, sostituendo immediatamente eventuali componenti elettrici, come prese o interruttori, non più funzionanti. Così facendo si manterrà sempre ottima l’efficienza e la sicurezza dell’impianto elettrico.


Una volta completato il nuovo impianto, il professionista che lo ha eseguito rilascia il certificato di conformità, documento che indica come è stato fatto l’impianto, i materiali elettrici utilizzati, dove si trova e i relativi richiami alle norme vigenti. Entro 30 giorni tale documento dovrà quindi essere presentato al comune di appartenenza, che provvederà a inoltrarlo alla Camera di Commercio.

Vi ricordiamo che grazie al Bonus Ristrutturazioni 2017 anche per la sola “messa a norma” dell’impianto elettrico si possono ottenere delle agevolazioni fiscali. 

Tags:

 
 

Tendenze arredo 2017: arredare con il verde

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto
tendenze arredo 2017 verde
Ⓒ decocrush.fr

Come vi avevo già raccontato in questo post di gennaio, il verde è uno dei colori top per l’arredamento nel 2017. 
Dal fresco e primaverile Greenery eletto da Pantone colore dell’anno, all’intenso Fortune Green di Dulux, il verde è il colore della natura e del benessere, e si può declinare in tutte le stanze della casa. Perfetto abbinato al bianco, al rosa, al giallo, al nero e al blu, esalta il calore e la bellezza del legno, soprattutto se chiaro.
Tuttavia, essendo un colore di carattere, va dosato con attenzione e con particolare cura nella scelta degli abbinamenti cromatici.

Il trucco per non sbagliare mai consiste nel l’usare toni neutri per le superfici dominanti (pareti, pavimenti), colori medi per le superfici medie (porzioni di pareti, mobili e rivestimenti in tessuto) e, per completare, pennellate di colori vivaci nei complementi. 

Se desiderate tinteggiare tutte le pareti in verde, è meglio quindi scegliere le tonalità più chiare, come il verde acqua o il polveroso verde salvia, mentre un verde più intenso, come il verde foresta, é più adatto per tinteggiare un’unica parete o per creare una boiserie; il verde acido è perfetto per piccoli tocchi.

Ⓒ catview.com.br/2014/06/29/interiores-wes-anderson
Ⓒ alvhemmakleri.se 
© Pernille Kaalund
Ⓒ artformaus.com.au

Se non ve la sentite di dipingere le pareti di verde, potete optare per mobili e complementi, dai bellissimi divani in velluto ai tessili con motivi geometrici o botanici. Per la cucina, il verde scuro che fa tanto country inglese è una scelta di stile, mentre il verde salvia e il greenery sono perfetti per ambienti minimalisti o moderni.




hughesdevelopments.co.uk/portfolio/ormeley-road-balham


Il verde è molto adatto anche a stili che solitamente prediligono altre tinte, come lo shabby chic e l’industrial: un mobile in legno con la vernice decapata in alcuni punti è molto raffinato, mentre per lo stile industriale sono perfetti i vecchi mobili in metallo dipinti di verde. Infine, per chi ama gli accostamenti audaci, da provare il tandem verde-viola.




Ecco qualche suggerimento per gli abbinamenti:


Tags: ,

 
 

Piccoli giardini creativi

Pubblicato da blog ospite in Decor, Dettagli Home Decor, Idee
5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te

5 idee originali per realizzare giardini e orti creativi rigorosamente fai da te  riutilizzando qualche complemento d’arredo

Non occorre disporre di un grande spazio esterno per creare un giardino creativo dove piantare fiori, piante verdure e ortaggi. Con un po’ di fantasia e creatività anche in poco spazio si può creare un orto e giardino fai da te!
5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
Se siete a corto di spazio, utilizzate le pareti per creare un giardino verticale fai da te


5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
I contenitori di plastica IKEA sono perfetti per coltivare un piccolo orto domestico. Sono facili da trasportare e riorganizzare ma ricordatevi di  creare qualche foro nella parte inferiore per permettere all’acqua di defluire


5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
Anche il carrello Rasgok di IKEA può risultare utile per realizzare un piccolo giardino. Ogni ripiano può essere sfruttato in base alle proprie esigenze. Naturalmente nella parte superiore andranno piantati i semi, il ripiano centrale può ospitare vasi e attrezzi, mentre il sacchetto di terra può andare nel ripiano in basso.  

Le cassette di legno sono perfette se si hanno tante piante. Rinnovatele nel look con il colore che preferite, riempitele di terra e piantate tutto ciò che desiderate!


immagini via Pinteres


Tags: ,

 
 

Pulizie di primavera…di design!

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Scommetto che anche tu le hai già iniziate e ti ritrovi a girare per casa con capelli legati in modo molto instabile. 
Cito la mia vicina di casa, che trovandomi intenta a spazzare ha esclamato in dialetto (traduco solo per una questione di chiarezza, ma in italiano, si sa, la frase è meno incisiva) “è questo che tocca fare alle donne!”.
Non mi annoia pulire casa, perchè sono riuscita a trovare un certo ritmo organizzativo, e si sa, in una casa che profuma si vive meglio.
La luce che filtra dalle finestre in questi primi giorni di sole mette a nudo ogni minima zona trascurata nella routine invernale. Ho avuto la triste idea di scegliere il bianco per pareti, divano, cucina e (udite udite…) pavimento. Credo di passare almeno la metà della mia giornata “in piedi”, ad aspirare, lavare e strofinare.

Rendere le pulizie domestiche un momento emozionante SI PUÒ’!
Hai presente l’irrefrenabile voglia di lavare i pavimenti che viene quando hai appena comprato un detersivo nuovo? 
Beh, succede lo stesso se ti regali, o meglio ancora, ti fai regalare, un set di design per le pulizie di primavera!
Ho raccolto per te i miei 5 utensili preferiti in una moodboard.

via 1.  2.  3.  4.  5.


1. CIOTOLA CON SPAZZOLA, NORMANN COPENHAGEN. Un contenitore da riempire di acqua e sapone ed una spazzola adatti a mille usi diversi. Dal design Scandinavo, è disponibile in molti colori. €68 su normanncopenhagen
2. MENU, PALETTA  E SCOPINO. Per il camino, set di scopino e paletta. Lo scopino è in legno e crini di cavallo, mentre la paletta è in plastica. Quando non sono utilizzati, lo scopino può essere incastrato nella paletta per risparmiare spazio. Disponibile anche in nero. € 69,90 su lovethesign.

3. SPAZZOLA PER COMPUTER, HAY. Due spazzole per raggiungere le aree più nascoste del tuo computer. Le setole in crini di capra e di cavallo sono delicate e pensate per non “graffiare” i supporti, mantenendoli puliti e privi di polvere. 35€ su COS

4. PEDAL BIN NEW ICON BY BRABANTIA, PATTUMIERA. Compatto e trendy, dalla finitura opaca. Questo cestino è dotato di una pratica apertura a pedale. Il cilindro interno è estraibile per facilitare la pulizia e la chiusura è mirata a non far fuoriuscire i cattivi odori. Quella in foto è la colorazione Clay Pink, ma i colori tra cui scegliere sono svariati!  € 24 su brabantiastore

5. PULA BY GIULIO IACCHETTI, SCOPA. La struttura è in legno di faggio, le setole in fibra di saggina o cocco, a seconda se deve essere utilizzata outdoor o indoor. € 68 su internoitaliano.

Se ti piace l’idea condividi questo post sui tuoi canali social per far sapere al mondo di quali regali hai bisogno!




http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

DKUK Studio

Pubblicato da blog ospite in +deco, Idee

Alcuni dei miei migliori amici vive a Peckham, nel sud di Londra. La nostra amicizia è nata a Brixton e Clapham e circa 10 anni dopo ci ritroviamo ancora a sud, solo che a volte a Sud di Roma e a volte a Sud di Londra 🙂

Peckham è cambiata tantissimo da quando vivevo a Londra, in un modo cos’ veloce e radicale che è possibile solo nella capitale britannica.

E’ adesso un posto pieno di bar e negozi cool, popolato da molte persone  vestite vinateg e con barbe lunghe quanto il Tamigi.

I  miei amici hanno un pub molto vivo qui, chiamato The Montpelier; se siete in zona e volete vedere la vera Londra, fateci un salto (per una pinta o due).

Un buon esempio della nuova vita a Peckham è DKUK Salon , un parrucchiere dove si espongono quadri  che propone un nuovo concetto e degli interni che colpiscono firmati da Sam Jacob StudioDKUK Salon è stato aperto nel 2014 da Daniel Kelly, un artista e parrucchiere che ha avuto l’idea di attaccare quadri invece che specchi nel suo Salone di modo che i clienti potessero apprezzare senza fretta le opere invece che fissare la propria immagine. E’ un’idea concettualmente molto carina ed in questo caso anche ben presentata (anche se devo ammettere, la sensazione di non essere in controllo sull’operato della forbice del parrucchiere, mi mette l’ansia). Questo piccolissimo negozio cattura con muri coperti di assi bianche e un dettagli gialli ispirati agli anni ottanta.

Le foto sono di Jim Stephenson.

The post DKUK Studio appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 




Torna su