Idee






 
 
 

Il design e il benessere alla portata di tutto con le poltroncine montascale

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

montascale

Sapete quanto ci piaccia parlare di design ma ancora di più ci piace parlare di cose che possono rendere migliore la vita in casa per chiunque e ciò, prima di tutto, passa attraverso la sicurezza e l’autonomia, è per questo che oggi vogliamo parlarvi delle poltroncine montascale.

Dover limitare la propria quotidianità, non poter più avere le stesse abitudini di prima, può aggravare il danno fisico di chi ha una mobilità ridotta, con un danno psicologico, per il fatto di sentirsi a disagio e dipendente da altri, persino nella propria casa.

In molti casi abbattere le barriere, grazie a una poltroncina montascale, può rendere la vita nella propria abitazione autonoma e confortevole, anche per chi ha problemi di movimento.

Chi abita in una casa a due piani o deve accedere al proprio appartamento tramite una scala potrà usufruire di apparecchiature dal semplice utilizzo e dall’aspetto estetico piacevole, per muoversi autonomamente dentro e fuori la propria abitazione.

La casa è il nostro nido, il luogo dove vogliamo e dobbiamo sentirci a nostro agio e liberi, dunque, una poltroncina montascale è una risposta immediata al bisogno di autonomia e sicurezza. Questi meccanismi permettono di raggiungere i piani superiori, senza il minimo sforzo, senza difficoltà nei comandi e senza bisogno di essere degli esperti di tecnologia. Si tratta di macchine realizzate con materiali di pregio e molti accorgimenti di tipo tecnico ma che non trascurano e non tralasciano assolutamente l’estetica perché, non dimentichiamolo mai, anche l’occhio vuole la sua parte.

montascale

montascalemontascale

Ogni poltroncina è un prodotto personalizzabile sia dal punto di vista della tecnologia, in quanto le disabilità, come le abilità, sono tutte diverse e necessitano di accorgimenti mirati, sia dal punto di vista estetico, si può infatti scegliere tra diversi colori di rivestimento per permettere un perfetto inserimento della poltroncina nei vari ambienti della casa.

Il rivestimento è in tessuto vinilico, resistente al fuoco e ai detergenti aggressivi e facile da pulire e ha un’ottima resa estetica.

La poltroncina montascala migliore è quella ergonomica, comoda, silenziosa, facile da usare, poco ingombrante e bella!

Esistono modelli per scale dritte e scale curve ed è possibile l’istallazione anche all’esterno, poiché tutte le componenti sono realizzate in alluminio e con materiali estremamente resistenti alle condizioni più estreme; è possibile inoltre dotare le sedie di una cintura di sicurezza. Se la poltroncina rimane inutilizzata per alcuni mesi durante l’anno, è consigliabile comunque coprirla con un telo protettivo per esterni.

montascale

montascalemontascale

montascale

Se è vero che, come dice il piccolo principe, l’essenziale è invisibile agli occhi, come lo è la meravigliosa sensazione di sentirsi autonomi e liberi in casa propria, è vero anche che l’aspetto estetico delle cose ha il suo valore indiscutibile e non sarebbe giusto doverci rinunciare, nemmeno per chi ha bisogno di attrezzature tecnologiche per mobilità ridotta.

Una progettazione attenta riguarda sia le componenti tecnologiche che il design di un prodotto e aziende di qualità sono in grado di offrire montascale, elevatori e mini ascensori dall’estetica assolutamente accattivante. Questo significa poter installare all’interno di qualsiasi contesto abitativo una macchina che non è solo un ausilio sanitario, ma anche un oggetto d’arredo. In questo modo il colpo d’occhio sarà piacevole e l’armonia con gli interni renderà la macchina più gradita a chi ne deve usufruire.

Un buon prodotto è anche quello che si installa in modo semplice, in poco tempo e senza particolari lavori di muratura o legati agli impianti elettrici.

montascalemontascalemontascalemontascale

 

È vero che la caratteristica principale di molti elementi deve essere la loro utilità e usabilità, ma non per questo si deve rinunciare all’estetica soprattutto in un’epoca che è in grado di realizzare prodotti che nascono dall’incontro perfetto tra sicurezza, comodità e design. La tecnologia abbraccia la semplicità di utilizzo per offrire strumenti affidabili, dal minimo ingombro e dal design accattivante, in grado di inserirsi armonicamente in qualsiasi ambienti, non dovendo per forza rimarcare l’aspetto da attrezzatura medica ingombranti e dall’estetica scadente, ma anzi proponendo prodotti dalle linee moderne e di design.

Cerchiamo sempre di rendere il nostro ambiente il più confortevole e bello possibile, anche la possibilità di scegliere il colore di un rivestimento o un dettaglio e un confort in più miglioreranno la qualità della nostra vita in casa.

L’articolo Il design e il benessere alla portata di tutto con le poltroncine montascale proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Trasformare il salotto in cinema: consigli per veri tv-dipendenti

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Il salotto ideale di chi ama passare ore davanti alla tv è composto da:

  • divano comodo / poltrona accogliente
  • tavolino per appoggiare cibo e bevande
  • lampade e luci d’atmosfera, meglio se soffuse e non dirette
  • televisore, ovviamente, meglio se con maxi schermo ad alta definizione e impianto audio home theatre.

Il re del salotto: sua maestà il DIVANO >>>

Per il massimo del comfort ti consiglio di scegliere un modello di divano con seduta profonda con cuscinature ampie ed accoglienti. Più spazio per sedersi e per stendersi, più comodità.

Attenzione alla consistenza delle imbottiture e ai materiali con i quali sono realizzate. Un divano dev’essere comodo anche dopo molte ore che lo si utilizza, non ci sia alza da un divano di qualità con mal di schiena, torcicollo o dolori alla cervicale. L’imbottitura dovrebbe garantire il giusto mix di morbidezza e resistenza, dovrebbe essere più consistente sulle sedute perché devono sostenere il peso del corpo e più morbida sugli schienali perché hanno solo funzione di appoggio. I materiali sono diversi: poliuretano espanso indeformabile anche a quote differenziate, piuma sintetica, vera piuma d’oca, memory foam. Per maggiori informazioni chiedi all’arredatore: il servizio clienti ArredaClick è a disposizione per approfondimenti e spiegazioni.
Diffida di divani economici con imbottiture poco sostanziose realizzate con materiali scadenti.

Divani in pelle e divani in ecopelle hanno un look davvero invidiabile ma attenzione in estate, con il caldo potresti avere la sensazione di “appiccicarti” alla seduta. Se non ti interessa l’estetica ma punti tutto sulla comodità (e la freschezza) basta stendere un lenzuolo o un telo di cotone; se non vuoi intaccare la bellezza del tuo divano opta per un modello in tessuto ed elimina a priori questo fastidioso dettaglio.

Se trascorri davvero molte ore seduto sul divano è bene pulirlo molto frequentemente, per questo motivo ti consiglio di valutare un divano sfoderabile e lavabile. Di solito i salotti in tessuto sono sfoderabili e quelli in pelle non sono sfoderabili ma è bene approfondire questo dettaglio in fase d’acquisto e verificare quali sono i metodi di pulizia corretti per non rovinare il rivestimento.

Un imbottito può essere reso ancor più comodo se scelto nella versione con sedute e schienali regolabili ed estraibili. Una seduta con cuscini indipendenti può scorrere in avanti e può essere allungata così da aumentare la profondità di seduta, uno schienale con meccanismo basculante può essere reclinato a discrezione, un poggiatesta può essere regolato per offrire un diverso sostengo a collo e testa e per garantire un corrette supporto anche a persone di alta statura.
L’unico rischio nel quale si potrebbe incappare è quello di addormentarsi davanti allo schermo…ma se sei un vero tv-addicted questo pericolo è scongiurato.

Salotto piccolo, spazio solo per un divano a 2 o 3 posti ma ti piacere guardare la televisione in compagnia? Acquista un morbido e caldo tappeto e circondati di cuscini da pavimento grandi e colorati. Probabilmente tu non ti sogneresti mai di sdraiarti per terra a guardare la tv ma qualcuno si, soprattutto i più piccoli… a mali estremi estremi rimedi. Sapersi adattare è un’abilità, un’arte da non sottovalutare.

Divano con cuscino di seduta unico e schienali in piuma - modello LEVIODivano lineare a tre posti in tessuto scuro - modello BALTIMORADivano con penisola con seduta profonda - modello CORAL

Non c’è re senza regina: sua maestà la POLTRONA DA SALOTTO >>>

Se non hai mai pensato di sostituire il tuo divano con una morbida poltrona è ora che tu ci pensi. Abbandonati a soffici imbottiture, lasciati abbracciare da schienali arrotondati e avvolgenti e perché no, allunga i piedi su una panchetta poggiapiedi coordinata o un pouf.
Il vero vantaggio di una poltrona è che puoi ritagliarti un angolo di relax solo per te senza rischiare che qualcuno ti rubi spazio, cuscino e coperta.

Esistono poltrone relax reclinabili elettronicamente che permettono di trovare la posizione più comoda semplicemente azionando un tasto. I meccanismi motorizzati consentono di abbassare lo schienale, allungare la seduta, alzare il poggiapiedi tutte le volte che si desidera. Piccoli gioielli all’insegna del comfort assoluto.

Poltrona con schienale morbido e avvolgente - modello ILARYPoltrona relax - modello DENVER

Rifarsi gli occhi…e lo stomaco! Bibite e vivande sul TAVOLINO >>>

“Sul divano non si mangia e non si beve!”. Tutti siamo stati rimproverati almeno una volta con questa frase…ma quanto è bello restare comodamente sdraiati sul divano a sorseggiare una calda tazza di tè con biscotti o a gustarsi una birra ghiacciata sgranocchiando patatine e noccioline!? È ancora più bello farlo quando si ha un piano vicino, un tavolino sul quale appoggiare tutto quello che vogliamo avere a portata di mano. Via libera a merende e spuntini ma attenzione alle briciole!

I tavolini servetto si rivelano il modello più comodo: per la loro forma a “C” con basamento sottile possono essere affiancati facilmente alla seduta ed essere sfruttati come tavolini di servizio. Altrettanto funzionali sono i modelli alti pensati per il lato divano: in questo caso è sufficiente allungare una mano ed voilà, bicchiere afferrato. Infine ci sono i modelli bassi da posizionare nella zona davanti al divano, questi sono leggermente più lontani ma comunque facilmente raggiungibili e in più possono avere dimensioni maggiori ed ospitare più oggetti.

Tavolino servetto - modello VICTORTavolino contenitore bianco - modello DOUBLETavolino rotondo alto per lato divano - modello CORA

Senza lui non si può stare: MOBILE PORTA TV >>>

Dove posizionare il televisore?
Perfettamente davanti a te. La visione dello schermo dovrebbe essere il più possibile frontale per permettere al collo e alla schiena di tenere una posizione il più naturale possibile. Non troppo in alto, non troppo in basso, non di lato, dritto.

Quale modello di mobile porta tv scegliere?
Scegli un modello fisso a terra con cassetti, cassettoni e ripiani se desideri che il mobile porta tv sia anche un contenitore. Potresti riporre cd, dvd, joystick e numerosi altri oggetti.
Se la forma del tuo salotto non ti consente di posizionare il televisore esattamente sulla parete di fronte al divano scegli un porta tv orientabile e girevole. All’occasione basta spostare il pannello e indirizzarlo verso la tua postazione, quando il televisore è spento puoi riposizionare il pannello al suo posto.
Opta per un televisore su ruote se ti piace stravolgere il look del tuo soggiorno e cambiare frequentemente la disposizione dei mobili. Se invece il salotto è davvero tanto piccolo è bene sfruttare le pareti in altezza e appendere il televisore al muro.

Come illuminare il televisore?
La tv non si guarda al buio per non affaticare la vista e non stancare gli occhi. È bene direzionare la luce verso l’alto, il basso o verso la parete e non direttamente contro lo schermo. Sono da preferire luci soffuse, lampade ad intensità regolabile, faretti direzionabili. Per approfondire questo aspetto leggi > come illuminare la zona tv.

Porta tv tecnologico - modello COCOONPorta tv a muro girevole ed orientabile - modello RACK

Ssshhh, sta per iniziare il programma. Tutti sintonizzati su…
www.arredaclick.com

Acquista online arredamento italiano di qualità, mobili personalizzabili per rendere il tuo salotto unico. Sfoglia il catalogo digitalizzato, divertiti a personalizzare i prodotti, calcola velocemente il preventivo e contatta gli arredatori per qualsiasi informazione. 

 

Contatti ArredaClick

Il salotto è organizzato, ogni mobile è al suo posto, che la maratona tv abbia inizio!
Non importa che tu sia appassionato di Gomorra, Blacklist o Black Mirror, non importa se ti piacciono i film d’azione, le commedie romantiche o i polizieschi, non importa se conosci a memoria tutte le puntate de La Signora In Giallo e nemmeno se passi ore a guardare i documentari sui predatori della savana o le dirette del tuo reality show preferito. Se sei un televisore-dipendente, una di quelle persone che preferisce sprofondare nel divano in salotto piuttosto che mettere la testa fuori di casa, allora sei in ottima compagnia . 😉

Tags:

 
 

Valentine’s day wish list

Pubblicato da blog ospite in Idee, Room by Room
Poco tempo per pensare ad un regalo originale per il giorno di San Valentino? Ecco che Room by Room ti può dare qualche idea, pezzi “unici” e di design per comunicare un messaggio d’amore diverso dal solito. Oggetti d’arredo dove la tecnologia si combina con il romanticismo e la passione, che potranno colorare le stanze di ogni casa riempiendole di un’atmosfera calda ed accogliente!

SELETTI | LOVE IN BLOOM
design by Marcantonio

Un cuore che batte o un vaso per fiori? Scegli tu…
MINEHEART | DAME GIRALDA cushion
design by Angela Rossi in collaboration with Young & Battaglia

Riempi il tuo divano di soffici cuscini d’arte! Pezzi unici e inusuali dalle stampe provocanti.
VONTREE | BEAR
Riproduzione poetica di un orso in legno massello di tiglio con palloncino in legno sostenuto da un sottile filo d’acciaio oscillabile. La scultura, rifinita completamente a mano, è un multiplo numerato a 100 esemplari.
SYGNS | WOW

Noi abbiamo scelto WOW e tu che messaggio luminoso regaleresti?
ARFLEX | KATRIN
designed by Carlo Colombo

E chi non sognerebbe di sprofondare a fine giornata su di una poltrona così soffice?
Tags:

 
 

30 modi per aggiungere colore alla tua casa senza dipingere

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Idee

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (7)

Uno dei modi più veloci (e più divertenti) per dare alla tua casa un makeover veloce è l’uso del colore… ma non stiamo parlando di pittura! [fonte immagine di apertura qui]

L’idea che dipingere le pareti sia il modo migliore per introdurre il colore in una stanza è un mito da sfatare. È certamente efficace, ma non è l’unico modo.  Prova ad aggiungere il colore attraverso i complementi d’arredo e gli oggetti che completano e danno personalità alla casa. E vedrai come è facile aggiungere colore in una stanza senza usare la vernice.

Se l’ambiente total white o sui toni neutri ti ha stancato, si può giocare con il colore, senza fare cambiamenti troppo costosi. Niente di eccessivo nè esagerato, solo alcuni accenti, che attirano l’attenzione, creano interesse, danno personalità.

Ci sono tanti piccoli, semplici ed immediati modi per aggiungere più colore a qualsiasi stanza senza dipingere. Ecco 30 dei nostri modi preferiti per aggiungere note di colore in casa, senza stravolgimenti. Basta sostituire uno o più di questi elementi:

– Cuscini (tinta unita o fantasia)
– Plaid, copriletti o copripiumoni
– Tappeti
– Tende
– Soprammobili (piccole sculture, forme metalliche o in ceramica ecc)
– Candele
– Porta-candele e porta-lumini (con candele dai colori neutri)
– Fiori freschi o piante con fogliame colorato
– Vasi
– Ciotole
– Vassoi
– Scatole decorative
– Quadri e stampe
– Cornici e fotografie (cornice colorata o cornice neutra con immagini colorate)
– Specchi con cornici colorate
– Lampade
– Cavi elettrici colorati
– Lanterne
– Libri (una pila coordinata a colori o vecchi libri rivestiti con con carta o tessuto)
– Pomoli dei cassetti
– Reggilibri
– Lettere monogrammi o numeri
– Ghirlande luminose con lampioncini colorati
– Piccoli mobili colorati (sgabello, pouf, tavolino…)
– Orologi
– Cesti (dipinti o di tessuto)
– Runner da tavolo o tovagliette
– Strofinacci
– Asciugamani e teli da bagno
– Porta sapone o dispenser

Ed ora ecco alcune ispirazioni…

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (2)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (1)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (3)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (5)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (9)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (6)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (10)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (8)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (4)
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (4)b
[fonte qui]

arredamento-aggiungere-colore-senza-dipingere (11)
[fonte qui]

Ora, se ti stai chiedendo “sì ma che colori stanno bene insieme?”, non ti preoccupare, leggi i nostri post dedicati all’ uso del colore e i possibili abbinamenti.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

I #5 errori che tutti commettiamo imbiancando casa

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Anche se tutti noi ci cimentiamo con il pitturare casa non è detto che lo facciamo correttamente. Molto spesso commettiamo tutti gli stessi errori, senza neanche accorgercene. Quali?

……….

Si sa, noi Italiani siamo un popolo di arrangiatori e risparmiatori. Qualsiasi cosa ci sia da fare in casa, la improvvisiamo e la facciamo in qualche modo. Ecco appunto, in qualche modo. Perché è vero che la soddisfazione di portare a termine un lavoro che non avevamo mai fatto prima ci fa sentire dei professionisti, ma non sempre significa che il risultato sia perfetto.

Ci rivolgiamo a chi il lavoro lo sa fare quando abbiamo il budget o davvero ci rendiamo conto che per noi è troppo. Lo sforzo non vale la candela. Anche perché ne uscirebbe consumata, povera candela. E questo vale per tutto: dal campo elettrico a quello idraulico, passando per la verniciatura di casa.

Ed eccoci al punto: io sono sicura che tutti noi che puntualmente ogni 4/5 imbianchiamo casa, siamo convinti di essere degli imbianchini coi fiocchi. Ma non è così. Tutti noi facciamo errori, vediamo quali.

QUALI SONO GLI ERRORI CHE SI COMMETTONO IMBIANCANDO CASA?

Secondo voi quali sono gli errori più frequenti, quelli di cui non ci accorgiamo anche se sappiamo che non vanno fatti?

errori

Ed eccoli qui sopra, facili facili. Il primo e lampante: non proteggere mobili e pavimenti. Come capita a tutti, è molto difficile riuscire a spostare o smontare i mobili per imbiancare. Quasi sempre ci si passa sopra / di fianco e via. Però anche se vi annoia da morire perché vi sembra di perdere tempo, è la parte fondamentale del lavoro. Coprite con i teli di plastica tutti i mobili e assicurate i teli con un po’ di nastro carta. E il pavimento!

Copritelo quanto più potete: pensate alle macchie di vernice secca che dovrete grattare via dal pavimento poi, in ginocchio sui ceci. Non dimenticate di coprire con il nastro carta tutti gli zoccolini, le prese e gli stipiti delle porte. La moglie ringrazia.

Altro errore: avete finalmente finito di imbiancare, ma la superficie dei muri è tutt’altro che regolare. Bozzi e collinette ovunque. Molto probabilmente buchi mal stuccati e parti di muro non rasate bene hanno portato a questo. Preparate bene i muri prima di verniciare, vedrete che differenza.

errori

Photo by William Felker on Unsplash

Un punto davvero difficile è la scelta dei colori e degli effetti artistici. Resistete all’effetto arcobaleno ed evitate di fare ogni stanza di un colore diverso. Partite dai colori dei pavimenti e dei mobili e scegliete 4/5 colori che stiano bene con tutto, contribuendo ad armonizzare l’insieme.

E poi i vari effetti spatolati / spugnati / brillantinati: lo so che quando li vedete nei negozi vi piacciono da morire, ma pensateli su una parete intera. Innanzitutto sono molto difficili da realizzare se non siete pratici e rischiate di dare vita ad una parete mostruosa. In secondo luogo certi effetti su grandi superfici e con colori importanti riducono visivamente gli spazi, contribuendo a rimpicciolire la stanza.

Se proprio non potete resistere, magari scegliete un effetto artistico ma con un colore pastello e provate prima su una piccola superficie. In questo modo sarà più facile coprire col bianco se il risultato non vi piace.

E finiamo con gli attrezzi del mestiere: pennello e rullo. Ve lo dico subito: il pennello è difficilissimo da usare, perché se non passato correttamente farà vedere tutte le diverse pennellate. Usatelo per i dettagli o se volete fare una parete a righe. Molto meglio il rullo, ma con le dovute precauzioni. Quando prendete la vernice poi scaricate il rullo. Evitiamo l’effetto colata di colore involontaria.

E a voi quali altri errori vengono in mente?

 

L’articolo I #5 errori che tutti commettiamo imbiancando casa sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Ad ogni stanza (mansardata) la sua luce

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Le mansardine mi hanno sempre affascinata. Quei soffitti spioventi creano un ambiente intimo ed ospitale. E poi, mi piacciono quei ripostigli con le mini-porte: a volte collegano una stanza con un’altra, come dei passaggi segreti!


Arredarle è tanto divertente quanto impegnativo. La struttura obliqua delle pareti rende necessario scegliere mobili bassi, soluzioni su misura e sistemi intelligenti per massimizzare gli spazi. 
Un aspetto da non trascurare in una mansarda è la luce. Sì, perchè i soffitti bassi restringono visivamente gli ambientii. Per renderli più ariosi non c’è nulla di più efficace della luce naturale!
Spesso tendiamo a trascurarla, ma la scelta delle tende gioca un ruolo importante in quest’ambito.

Le tende adatte per i vasistas degli attici sono quelle a rullo oppure quelle a pacchetto. Io non avevo idea che ne esistessero di così tante tipologie in commercio, credevo fossero più o meno tutte uguali. Poi, cercando sul web una tenda a rullo per la mia cucina, ho scoperto il sito di Velux, un’azienda specializzata in finestre per mansarde. Spulciando le pagine dello shop online mi si è letteralmente aperto un mondo!
Esistono tecnologie in grado di programmare l’apertura e la chiusura delle tende, sistemi che proteggono l’attico dal calore estivo e una vasta gamma di tessuti, anche abbinabili tra loro per garantire che ogno stanza riceva la quantità di luce adatta alla sua funzione.

I materiali sono adorabili e le texture super trendy. 
Stanza per stanza, ecco la mia selezione di tende per la mansarda.

La zona giorno necessita di una buona luce che, però, deve restare piuttosto tenue, per addolcire le ore di relax  in salotto. La tenda giusta per questo ambiente è semi – trasparente. Ho scelto una tenda a pacchetto, posizionabile liberamente sulla lunghezza della finestra. Il tessuto che preferisco qui è ispirato alla natura e diffonde una luce calda senza tratenerne troppo l’intensità. Si apra il sipario, questo è Bombay beige!

In camera da letto, la tenda deve essere in grado di lasciare spazio al buio, per i pisolini pomeridiani o per concedersi qualche ora di sonno in più nei giorni di riposo, anche quando fuori il sole splende alto.
L’ideale è una tenda oscurante, che protegga non solo dalla luce, ma anche dalle temperature esterne. Si tratta del modello Blackout di Velux, che grazie ad una superficie riflettente respinge i raggi solari e permette di risparmiare energia.
Il mio colore preferito per questo prodotto? Una tinta di azzurro desaturato, molto vicino al colore dell’anno 2017, Denim Drift.

Credo che la luce abbia influenza sulle idee e sulle emozioni. Quando sono in un ambiente luminoso sono più creativa e produttiva. Ecco perchè, per la zona studio ho selezionato una tenda a rullo filtrante e total white. 
Da sostenitrice della filosofia “lagom”, accendo la luce solo quando fuori è buio. Le tende filtranti reiscono a mantenere la privacy, ma, allo stesso tempo, permettono alla luce di passare.

Il ruolo della tenda è super-imoportante nella stanza da bagno. Qui la luce serve tanto quanto la privacy. La scelta perfetta è lun sistema notte e giorno: la combinazione di due tessuti su una stessa tenda a rullo. Il primo, plissettato e filtrante, permetterà all’ambiente di essere pieno di luce. Il secondo, coprente, manterrà una certa riservatezza. Nella mia stanza da bagno ideale, le tinte sono neutre e riposanti. Per questo ho scelto una delicata sfumatura di grigio per il tessuto oscurante.

Sul sito, sono presenti un sacco di tinte e pattern per personalizzare le tende e completare le finestre Velux. Ce n’è per tutti i gusti!



Questo post è stato scritto in collaborazione con Velux.

Credits rooms’ pics: Zona giorno, Camera da letto, Studio, Bagno
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags: ,

 
 

Maison du Monde, tendenze SS 2018x

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Idee
Ecco le nuove tendenze nell’arredo per la primavera-estate 2018 di Maison du Monde: le novità comprendono la tendenza Golden Oasis, caratterizzata dai caldi colori del deserto e dall’oro, la tendenza Green Market, con idee verdi che arrivano fresche fresche dai mercatini, ed infine la tendenza Cabane, con materiali come vimini e colori come il blu e il bianco, insomma mood spiaggia.
Nel frattempo, per chi non ama cambiare radicalmente ogni stagione ma vuole aggiungere qualche tocco nuovo ai propri interni, tante ispirazioni per lo stile industriale, vintage e moderno!

Maison du Monde, trends SS 2018

Here are the new trends in the furnishing for the spring-summer 2018 of Maison du Monde: the new trends include the Golden Oasis style, characterized by the warm colors of the desert and gold, the Green Market mood, with green ideas coming fresh fresh from the markets, and finally the trend of Cabane, with materials like wicker and colors like blue and white, directly from the beach.
In the meantime, for those who do not like to radically change every season but want to add a few new touches to their interiors, many inspirations for the industrial, vintage and modern style!

 

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags: ,

 
 

Le idee regalo per la casa per sorprendere amici e parenti

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Non avere delle idee regalo in concomitanza con qualche festa o ricorrenza è normale, quando servono sembra quasi che spariscano di proposito.
Capita spesso di avere delle eccellenti idee, peccato che quasi sempre arrivino in clamoroso ritardo, e ormai la festa è passata e con il regalo vi siete dovuti arrangiare con la prima cosa che vi è sembrata valida.
Per fare dei regali belli e graditi però non ci si può accontentare, bisogna cercare sempre il meglio e in questo caso bisogna trovare il modo di farsi venire in mente qualcosa. La soluzione migliore è Internet, un risorsa preziosissima anche per chi è in cerca di qualcosa di particolare da regalare. Siti come DoxBox sono nati proprio per risolvere il problema dei regali banali, come cravatte, calzini, scatole di cioccolatini e altri doni classici ma di cui si potrebbe fare ampiamente a meno.
Su doxbox.it trovate anche molte proposte per la casa, perché dei piccoli elementi di arredo possono essere delle eccellenti idee regalo per tutte le occasioni. Magari la scelta potrebbe risultare un po’ difficoltosa, ma solo per la quantità esagerata di cose belle da regalare. Ecco perché ho selezionato per voi qualche regalo per la casa, così da darvi qualche spunto per trovare ancora più velocemente delle idee regalo originali.

Sfere di neve alternative
Non sono sfere e non hanno dentro la neve finta, ma in fatto di originalità non temono confronti. L’idea è nata per soddisfare un’esigenza di molte persone: rendere le sfere di neve adatte per tutto l’anno. Difatti i globi innevati sono un tipico elemento di arredo stagionale, perfetto per l’inverno, fuori tema nelle altre stagioni. Con le nuove proposte di DoxBox invece avrete degli elementi che puntano tutto sullo stile, con le sfere che fanno posto a dei vasi per conserve a testa in giù, la neve a dei granelli glitterati e i diorami invernali diventano decisamente più fashion. Al momento ci sono a catalogo due proposte: il Barattolo sfera di neve Fenicottero e il Barattolo sfera di neve Cactus. A voi la scelta su quale sia il migliore o il più adatto da regalare.


Specchio a forma di cuore Infinity
Visto il periodo, con San Valentino alle porte, non poteva mancare almeno un’idea regalo romantica. In questo caso si tratta di un elemento di arredo che unisce il classico – con un prodotto a forma di cuore – al moderno. Lo specchio misura 22,8 x 25 x 4,9 cm e a prima vista potrebbe sembra un semplice elemento riflettente. In realtà lo specchio nasconde un segreto e sotto la superficie riflente ci sono tante piccole luci a LED rosse. Accendendo le luci appare un corridoio luminoso che sembra protendersi all’infinito dentro allo specchio, e da qui il nome dello Specchio Cuore Infinity. Questa caratteristica non è una mera soluzione estetica per un gadget originale, è anche un modo per mandare un messaggio metaforico alla vostra dolce metà: “Il mio amore non ha fini, è infinito”. Insomma, come regalo per San Valentino, per un anniversario o qualche altra festa romantica è a dir poco perfetto.


Portachiavi in stile LEGO
Per chi cerca un’idea regalo piccola, economica ma di grande effetto consigliamo il set di Portachiavi in stile LEGO. Si tratta di un set che include 4 portachiavi con le forme del mattoncino più comune del celebre gioco di costruzioni. Ogni mattoncino portachiavi ha un colore differente (rosso, blu, verde e giallo) così che ogni membro della famiglia possa riconoscere facilmente le sue chiavi. Già così sarebbe una bella proposta ma il colpo di genio è la striscia in gomma adesiva che trovate inclusa con i 4 portachiavi. La striscia ha la superficie in stile LEGO, si può appiccicare alla parete e serve per attaccare proprio i 4 mattoncini portachiavi. In questo modo c’è un posto speciale dove lasciare le chiavi, e si aggiungono anche i colori e lo stile dei mattoncini all’ingresso.


Tutankhamon porta fazzoletti
Per un’idea regalo utile ma dallo stile esagerato il Tutankhamon dispenser per fazzoletti è la perfezione fatta gadget. Si tratta di una rivisitazione dissacrante della famosissima maschera d’oro del faraone Tutankhamon. Una replica perfetta in scala 1:1 sarebbe tanto appariscente quanto pacchiana, ma una versione alternativa potrebbe essere vista in tutt’altro modo. Nel caso del porta fazzoletti la maschera è stata leggermente modificata per donarle un nuovo uso. La parte posteriore è cava e può ospitare i dispenser di fazzoletti di carta di forma rettangolare, il naso invece è più largo e serve per prelevare proprio i fazzoletti. Cosa ci dice questo elemento di arredo? Forse che nell’Antico Egitto soffrivano di raffreddore? Certo che no, vuole solo dimostrare quanto possano essere versatili le grandi icone dell’arte e della storia. Basta qualche piccola modifica e la Maschera d’oro di Tutankhamon può diventare un divertentissimo dispenser per fazzoletti di carta.


Cuscini Boombox
L’ultima idea regalo per la casa che ho scelto è una rievocazione degli anni 80 adatta sia per il salotto che per la camera da letto. Si tratta di un set di cuscini che grazie allo stile delle fodere ricorda uno stereo Boombox o un impianto Hi-Fi. Il set offre 3 cuscini quadrati da divano resi speciali da delle fodere stampate con una qualità pazzesca. La loro bellezza e particolarità però è tutta nei soggetti, con un cuscino che raffigura il mangiacassette, il sintonizzatore della radio e le varie manopole per le regolazioni, mentre gli altri due sono gli altoparlanti (con stile speculare) da posizionare ai lati del cuscino principale. Per aggiungere un tocco musicale al salotto sarà molto difficile trovare qualcosa di meglio, almeno per quanto riguarda il settore dei cuscini.

Tags:

 
 

RESTYLING INGRESSO – parte prima-

Pubblicato da blog ospite in Idee, Una casa non è un iglù
Sono giorni che convivo con un immagine più strutturata e definita di ordine e pulizia, chi di voi mi segue su istagram saprà della mia ultima lettura che mi ha folgorato,  Il magico potere del riordino di Marie Kondo. Non mi soffermerò a spiegarvi il succo del libro, magari ne uscirà un post un giorno ; quello che voglio invece condividere con voi è l’idea di un restyling dell’ingresso nata dalla necessità di fare spazio e soprattutto ordine nella mia casa.
In cantiere c’è un progetto più grande, la ristrutturazione della casa del mio compagno dove pensavamo di andare a vivere quest’anno, ma ,per problemi burocratici, il tempo di attesa si sta prolungando a dismisura… nel frattempo, però mi sono detta, perché aspettare casa nuova per un cambiamento? Perché non cerchiamo di vivere meglio ora nella  piccola casa che ormai da 5 anni ci ospita e ha visto crescere Lorenzo? Ecco quindi che ho cominciato una grande operazione di decluttering e di spostamento  mobili, il mio hobby preferito! E finalmente ho ripreso a respirare! 
Perché il restyling dell’ingresso? Prima di tutto perché è il biglietto da visita di una casa e come scrivevo tempo fa in uno dei primissimi post è un luogo di fondamentale importanza, secondo perché non è per niente funzionale così come si presenta. Ho bisogno di radunare le scarpe tutte in unico punto, ora invece mi trovo scarpe sparse qua e là per tutta casa… ho bisogno di un punto di appoggio per chiavi, posta, ecc…e ho bisogno di spazio in più per libri perché al momento la mia libreria è invasa dai giochi di Lorenzo (anche a questo troverò una soluzione!).

Intanto, prima che l’ingresso sia pronto per un nuovo servizio, vediamo insieme un po’ di ispirazioni che mi hanno fatto sognare …

1234

In questi ingressi protagonista è il legno chiaro, essenze che vanno dalla betulla all’abete, a volte confondibili con compensato marino…beh il dilemma che mi si ripropone ogni volta davanti alla scelta dei colori è proprio questo: optare per mobili total white o scaldare l’atmosfera con del legno naturale?

1234

Il mio ingresso fa parte di un lungo corridoio, a destra la cucina e a sinistra ci sono le scale in marmo che portano al soggiorno. Per enfatizzare la sua posizione centrale, quando ristrutturai l’appartamento, optai per due colori accesi  per le pareti : mostarda e azzurro carta da zucchero; contro ogni previsione, questi colori continuano a piacermi, quindi, per ora, il restyling non comporterà variazioni di tono delle pareti. Il lato che sarà oggetto di cambiamento è quello dove si trova il portone, colore mostarda che, tra l’altro è un colore trend della stagione.
Così è ora il mio ingresso, le foto sono volutamente tristi! Ci sarà più gusto poi a farvi vedere come si sarà rallegrato dopo il relook!
Ah dimenticavo di dire che il restyling dovrà essere a costo quasi zero, la sfida sarà quella di utilizzare mobili e oggetti già presenti in casa… mi diverto con poco io! 

Non rimane ora che mettersi all’opera…Non vedo l’ora di mostrarvi la nuova veste del mio ingresso!
A presto amici dell’iglù!

Tags:

 
 

OGGI BARBA E CAPELLI. E UN TABLET …

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano, Idee

Il brand Amerigo Milano sta esplorando sempre più nuovi metodi per raggiungere direttamente i suoi utenti finali, mischiando il mondo digitale con quello reale.

In quest’ottica, il brand brianzolo ha recentemente fatto nascere nuove sinergie di collaborazione trasversale: unendo le forze con una serie di Barber Shop e Saloni di Bellezza che propongono ai propri clienti i prodotti Home & Lifestyle di Amerigo Milano.

barber shop amerigo milano

Realmente digitalmente, ossia: il marchio digitale Amerigo Milano fa squadra con il partner ‘reale’ (il Salone di Bellezza o Barber Shop), che rende tangibile i propri prodotti, ma poi invita i clienti a tornare ad “essere digitali”, per perfezionare l’acquisto.

slipper amerigo milano

Ciò che ne determina il successo in pratica, dipende anche dall’indole particolare del partner selezionato:

1) Comodamente sulla sua poltrona, durante un taglio o un altro trattamento, il cliente può visionare l’intera collezione Home & Lifestyle di Amerigo Milano su un tablet. Per stimolare l’interesse, all’interno dei Saloni partner, vengono creati dei corner display dov’è possibile visionare e toccare con mano la collezione. In questa area dedicata, i prodotti Amerigo Milano vengono raccontati, fatti provare e customizzati ad hoc, assecondando così le varie preferenze estetiche.

2) Durante la visita dal parrucchiere o al salone di bellezza, il cliente è predisposto all’ascolto; il parrucchiere o estetista è una figura di fiducia, che dialoga molto con il suo cliente e che diventa una specie di stilista personale, il quale oltre al look può anche indicare uno stile di vita.

3) Utilizzando un tablet o anche solo il proprio smartphone, il cliente può fare un ordine, inviare una richiesta di personalizzazione o chiedere ulteriori informazioni direttamente alla produzione con sede in Monza Brianza.

e-commerce amerigo milano

La fusione delle attività partner è basata su dei valori di business analoghi e su un target condiviso.

In tal modo, il cliente che entra in contatto con il prodotto, è già stato ‘pre-qualificato’. Il filo conduttore che lega le due attività è la cura dell’immagine, l’eterna continua ricerca di bellezza e stile.

leopoldo bike

Matteo Perego, Fondatore di Amerigo Milano, primo #dnvb italiano nel settore Luxury Home & Lifestyle Accessories, spiega perché:

“In un’era in cui la sharing economy sta dettando nuove logiche commerciali al business di tutto il mondo, è fondamentale adattare le dinamiche operative, in modo da poter continuare ad offrire un servizio rilevante ai propri clienti, nel nostro caso sparsi in tutto il mondo. Noi osserviamo le tendenze digitali e di acquisto a livello globale, al fine di poter (cor-)rispondere alle sempre più nuove esigenze. Siamo stati tra i primi a espandere le dinamiche dell’e-commerce al mondo tangibile, inserendo i nostri tablet di acquisto nei touchpoints firmati Amerigo Milano. Il cliente è anche un essere digitale, è un utente.”

La logica dell’acquisto digitale si sta manifestando non solo in niche-businesses innovativi come Amerigo Milano, ma ormai raggiunge i ‘giganti’ come Zara, che da poco ha messo a disposizione dei propri clienti degli instore-tablets (per ora in alcuni dei suoi flagship stores), permettendogli di perfezionare i loro acquisti online, rimanendo sempre inhouse.

e-commerce amerigo milano

 Mentre Zara parte dal concetto degli stores, per arrivare al digitale, Amerigo Milano è partito dal digitale per trovare la giusta via di mezzo attraverso i suoi diversi touchpoints. Detto ciò, entrambe le attività hanno colto la necessità di mischiare il mondo digitale con quello reale, per poter soddisfare il cliente-utente.

L’acquisto digitale, nelle sue mille sfumature, sta facendo passi da gigante in questo periodo, rivoluzionando sempre più il mo(n)do in cui noi facciamo shopping.

 Ad oggi, Amerigo Milano ha avviato delle partnerships con alcuni dei migliori Barber Shop e Saloni di Bellezza, tra cui:

◦ Barberino’s (Milano: Corso di Porta Romana, 72; Corso Magenta, 10; Via Cerva, 11)
◦ Maison Cò (Brescia, Ponte di Legno)
◦ Italian Style Factory (Seveso)
◦ Modeline (Meda)
◦ Gianni Marcon (Seregno)

Stay tuned !

www.amerigomilano.com

Tags:

 
 




Torna su