1 Agosto 2019 / / Case e Interni

Lineazero-Quee: Lampada senza fili a batteria ricaricabile

Cenare fuori o semplicemente avere un angolo all’aperto dove riunirsi con gli amici è impareggiabile. L’illuminazione di questi spazi è molto importante e può avere un grande impatto nell’arredamento. Ecco una soluzione di design (e scontata) per fare un regalo alla nostra casa. Un’occasione riservata ai lettori del blog!

Il LED è diventato la fonte di luce principale grazie alla sua notevole efficienza luminosa e lunga durata. Con la tecnologia LED puoi anche dire addio alle bollette salate. Se poi la lampada LED è anche di tipo ricaricabile, ci si può sbarazzare di fili e prese elettriche, molto utile quando si tratta di illuminare un tavolo o una zona relax all’aperto.

Come una moderna e raffinata lanterna, una lampada senza fili a batteria ricaricabile non dipende dall’alimentazione di rete. È quindi possibile illuminare gli angoli bui della casa, del balcone, del terrazzo o del giardino in un istante.

La lampada Queen di Linea Zero è leggera e semplice da trasportare da una stanza all’altra della casa e soprattutto dall’interno all’esterno. La lampada oltre che funzionale, ha un’elegante design ed è di facile inserimento in ogni contesto abitativo. Eccola qui, posizionata nel nostro balcone!

Lineazero-Quee: Lampada senza fili a batteria ricaricabile

E’ composta da 24 strisce di Polilux, un esclusivo materiale ideato da Linea Zero, che la rende adatta anche all’esterno.

Lineazero-Quee: Lampada senza fili a batteria ricaricabile

Il modulo LED per esterni è dimmerabile, con durata di quasi 7 ore di funzionamento a massima potenza. Quest’ultima può essere regolata tramite un comodo telecomando. La batteria è facilmente ricaricabile con la base in dotazione (con presa mini USB).

La luce calda crea un’atmosfera accogliente e socievole, ad esempio durante una festa all’aperto o una cena con la famiglia e gli amici. La puoi posizionare sul tavolo o a terra, persino su un albero!

Utile anche in caso di mancanza di elettricità, come è successo a noi dopo uno degli ultimi temporali!

Ideale da regalare ed eccellente da inserire nell’arredamento della propria casa.

Codice sconto per i lettori di Case e Interni

Per i lettori del nostro blog è disponibile il codice sconto CASEINTERNI2019 per l’acquisto della lampada Queen con uno sconto del 25%. Basta andare sul sito Linea Zero e inserire il codice nel carrello.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

27 Luglio 2019 / / Case e Interni

Come rinnovare la casa con la carta da parati

Le carte da parati stanno vivendo un momento di rinascita e se continuano ad essere alla moda non c’è da meravigliarsi: sono un elemento decorativo versatile e molto utile per rinnovare un ambiente, dare una nota di colore, aggiungere personalità alla casa.

Quando vogliamo rinnovare un ambiente della casa, la decorazione delle pareti con carta da parati è una delle opzioni possibili tra le più creative. Considerata per anni una decorazione demodè (dopo il boom degli anni ’60 e ’70), la carta da parati oggi sta rientrando nelle nostre case, grazie anche alle nuove tecnologie, che le permettono di essere così varia e versatile da soddisfare tutte le esigenze.

Come rinnovare la casa con la carta da parati

Il tuo ingresso, il soggiorno e la camera da letto sono solo alcuni degli spazi della casa che possono beneficiare di un tocco di colore e fantasia dato dalla carta da parati. Quindi, scopri come intendi utilizzare la carta da parati nella tua casa a seconda dell’effetto che vuoi ottenere. Ecco le varie opzioni:

Copri tutte e quattro le pareti. Un classico e semplice disegno, come le strisce verticali, su tutte e quattro le pareti conferisce un aspetto elegante, fresco e contemporaneo.

Personalizza una sola parete. Per mettere in risalto una parete di una stanza, ad esempio dietro il divano, il letto, in ingresso o sulle scale, scegli una carta da parati decorativa, in stile con il tuo arredamento.

Carta da parati con boiserie. Per un look classico o romantico, crea un effetto boiserie con una cornice di legno o gesso che divide il muro in senso orizzontale. Puoi dipingere la parte sotto la cornice di un colore tinta unita e posare una carta da parati floreale o a righe nella parte superiore.

Nicchie o porzioni di parete. Se un intero muro tappezzato ti intimorisce o è fuori dal tuo budget, prendi in considerazione la possibilità di utilizzare la carta da parati come accento per evidenziare un’area di una stanza: una nicchia usata come libreria, una porzione di parete da usare come testata del letto. La carta da parati può anche aiutare a definire uno spazio, che ha una funzione completamente diversa, pensiamo ad esempio ad un rettangolo che permette di delimitare visivamente l’area dedicata all’angolo studio.

Carta da parati sul soffitto. In alcuni casi (soprattutto in case dai soffitti alti) la carta da parati può essere posata anche sul soffitto per ottenere un effetto decorativo particolare e d’effetto. Ma c’è da dire che non è per tutti.

Rinnovare mobili o complementi. Con gli avanzi dei rotoli di carta da parati puoi rinnovare alcuni mobili o realizzare progetti di decorazione. Un vecchio buffet, una cassettiera o uno sgabello, tutto acquisterà carattere e personalità! Per evitare che il mobile così decorato si sporchi si può proteggere con una vernice trasparente ed impermeabile. Un’altra idea decor facile è quella di incorniciare alcuni pezzi di carta da parati, che diventano creative opere d’arte. Le possibilità sono infinite!

Più che una tendenza, la carta da parati non smette mai di reinventarsi, di sorprenderci e soddisfare le nostre aspettative, così da inserirsi perfettamente negli interni contemporanei. I nuovi designer di carte da parati, anticipando spesso le nuove tendenze, creano meravigliose opere d’arte per le nostre pareti. La gamma di colori, fantasie, trame ed effetti è più ampia che mai ed aiuta a mette in risalto l’intero arredo, rafforzando lo stile della casa.

Rinnovare la casa con la carta da parati a strisce

La carta da parati a strisce chiare contribuisce a dare carattere e crea un’atmosfera raffinata e rilassante.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati geometrica

Molto trendy in questo periodo, la carta da parati geometrica. Se nei toni neutri o pastello, può accentuare lo stile nordico di alcuni mobili.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati anni 70

E se amiamo lo stile vintage possiamo arrivare ai macro disegni geometrici anni 70.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati floreale

Rinnovare la casa con la carta da parati floreale

La carta da parati floreale, è sempre molto amata e a seconda del disegno, delle proporzioni e dei colori può adattarsi ad ambienti romantici e country chic a quelli eclettici boho chic, fino a quelli più contemporanei.

 

Rinnovare la casa con la carta da parati cemento

Rinnovare la casa con la carta da parati mattoni a vista

Ci sono poi alcune carte da parati che sembrano sfondi realistici. Se ti piace, ad esempio, lo stile industriale con la carta da parati puoi arrivare ad avere un muro di mattoni o di cemento più economico, pratico e di facile manutenzione rispetto ad un muro “vero” di questo tipo.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati design

Una carta da parati design è più contemporanea e glamour, soprattutto quando si spinge su toni scuri con dettagli lucidi e metallici di gran classe.

Infine, alcuni consigli prima di acquistare la carta da parati:

  • Richiedi un campione. Appendilo al muro per avere un’idea di come apparirà il disegno nella scala reale e a seconda della luce che lo illumina, vedrai se rispetta le tue aspettative.
  • Prova prima di acquistare. Se hai molti dubbi riguardo la carta da parati da scegliere e non riesci a prendere una decisione, fai un piccolo investimento e compra un rotolo. Appoggialo lungo la parete e guarda che impressione ti fa. E’ sempre meglio che posare la carta ovunque e scoprire poi che non è come te la immaginavi.
  • Considera lo stile della casa. Osserva bene tutto il tuo arredamento, se hai già una tavolozza di colori ben definita o fantasie evidenti su tende, copriletti e divani, per cercare di non creare troppi contrasti.
  • Pensa alla scala. In generale, un motivo della carta da parati fantasia su piccola scala crea una sensazione di spaziosità, ma può “perdersi” in stanze più grandi. Modelli in scala più grandi possono rendere la stanza più intima.

   Anna e Marco – CASE E INTERNI

20 Luglio 2019 / / Case e Interni

divani letto per la tua casa di vacanza
I divani letto sono un’ottima soluzione per aggiungere posti letto in una casa di vacanza. Trovane uno che sia un comodo divano durante il giorno e un letto facile da preparare per la notte. Cerca nella nostra selezione quello che fa per te.

Piccola o grande che sia, la casa di vacanza (anche quella destinata all’ affitto breve) sarà sempre un piacevole rifugio ed ha bisogno di comodità. Che sia al mare, in montagna o in campagna, nello scegliere mobili e complementi bisogna tener conto di alcune questioni basilari. Primo fra tutti quello di ottimizzare lo spazio per ospitare più persone.

Le seconde case, spesso, hanno delle dimensioni ridotte rispetto agli appartamenti di città. In un piccolo appartamento lo spazio è un lusso da non sprecare. Ecco perché i mobili devono soddisfare più di una funzione senza perdere di vista lo stile e se sono a buon prezzo, tanto meglio. Per questo motivo puoi pensare di sostituire il tuo vecchio divano con un nuovo comodo divano letto.  

divani letto per la tua casa di vacanza

Un divano trasformabile può aggiungere qualche posto letto in più per ospitare amici e pareti durante la vacanza. E se la casa è molto piccola (monolocale o bilocale) allora potrà diventare il letto principale per alcuni componenti della famiglia. In entrambi i casi, occorre prestare molta attenzione ai modelli e alle misure dell’ampia offerta che si trova nei negozi.

Prima di scegliere il divano letto dovresti considerare tre cose: 
  • Cerca un divano che si adatti al tuo stile e al resto della decorazione del soggiorno. Non comprare un divano solo perché è in offerta o costa poco, se non si integra con il tuo arredamento. Te ne pentiresti a breve.
  • Opta per un divano comodo, se alla fine lo userai molto come divano piuttosto che come letto. Se invece il divano letto diventa uno dei letti principali della famiglia, sceglilo con un comodo materasso e che sia facile da fare e disfare ogni giorno.
  • Considera le misure e gli ingombri, in modo che, quando vuoi trasformarlo in un letto hai abbastanza spazio, senza dover spostare tutti i mobili della casa.

In questa selezione puoi vedere divani letti di tutti i prezzi e stili (molti sono in sconto ora). Trova quello che soddisfa le tue esigenze e che sarà adatto al tuo appartamento o casa di vacanza.

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Tuske di La Redoute, misura divano: 85×212 cm misura letto: 108×189 cm – prezzo: €469

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Edland di Beliani, misura divano: 96×152 cm misura letto: 146×200 cm – prezzo: €449

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Duke di Maisons du Monde, misura divano: 82×216 cm misura letto: 142×186 cm – prezzo: €699

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Flottebo di Ikea, misura divano: 120×200 cm misura letto: 120×200 cm (foto anche nell’immagine di copertina) – prezzo. €449

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Alix di Habitat, misura divano: 100×176 cm misura letto: 142×194 cm (foto divano aperto più in alto)  – prezzo: €778

divani letto per la tua casa di vacanza

Divanetto letto Nio di Maisons du Monde, misura divano: 91×107 cm misura letto: 105×193 cm – prezzo: €199

divani letto per la tua casa di vacanza

Divano letto Holmsund di Ikea, misura divano: 99×230 cm misura letto: 140×200 cm – prezzo: € 399

Anna e Marco – CASE E INTERNI

6 Luglio 2019 / / Case e Interni

Country chic per un casa in campagna firmata Ikea
L’elegante e fresca residenza di campagna nella località del West Sussex, che presentiamo oggi, è la casa che la blogger Natalie ha ristrutturato per abitarci. Questo rifugio bianco e luminoso ha un aspetto moderno, che include anche alcuni dettagli rustici. Ikea l’ha scelto per mettere in risalto alcuni dei suoi prodotti.

A differenza di altri marchi di arredamento, Ikea punta tutto sulla versatilità, per cui gli arredi e complementi del colosso svedese trovano spazio in ambienti dagli stili più disparati: classico, contemporaneo, industriale, vintage… Qui vediamo come alcuni elementi, scelti da Natalie, si inseriscono alla perfezione in questa bella casa di campagna.

Secondo noi, i migliori interni di campagna trovano un perfetto equilibrio tra rustico e modernità. Abbiamo già parlato in modo approfondito del Country Chic. Questo stile di arredamento sottolinea l’autentica bellezza dei materiali naturali, celebra i gusti senza fronzoli e semplicemente ci fa sentire a casa.

Lo stile di questa casa si basa sull’uso preponderante del colore bianco, abbinato a pezzi dai materiali naturali (legno, cocco, rattan), arredi poco formali, che la rendono così rilassante ed accogliente. Specchi, stampe ed oggetti scovati nei mercatini, aggiungono quei dettagli di carattere e personalità, che fanno la differenza. Un’ispirazione che possiamo cogliere per arredare le case di vacanza per l’estate.
 

Se vuoi copiare lo stile, i prodotti Ikea utilizzati:

EKTORP – Divano a 3 posti €349
NORRÅKER – Panca € 64,95
FANBYN – Sedia con braccioli € 64,95
HEKTAR – Lampade, sia a sospensione (€19,95) che da tavolo (€49,95)
LOHALS – Tappeto € 69,95
MATHEA – Plaid € 9,95
JOFRID – Fodera per cuscino € 9,95
FLÅDIS – Cestino € 9,95
SÄVEDAL – Anta cucina

Interior stylist: Carl Braganza
Foto: Dan Duchars
fonte: Ikea

Anna e Marco – CASE E INTERNI

23 Giugno 2019 / / Case e Interni

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

D’estate la vita si sposta all’aperto, per cui concentriamoci sull’esterno questa volta. Tutto ciò di cui hai bisogno è un balcone chic. Anche un piccolo balcone può diventare un angolo da sogno per la stagione estiva.

Nei mesi più caldi tutti amano vivere all’aperto, respirando aria fresca, immergendosi nella luce del sole o al chiaro di luna.

Se sei abbastanza fortunato da avere un balcone, allora devi sfruttarlo al massimo. Ciò significa fare di più che mettere una sedia a sdraio ed usarla un solo giorno al mese. Non importa quanto sia piccolo, il tuo balcone ha un sacco di potenzialità!

E’ giunto il momento di rendere il tuo balcone più accogliente, soprattutto se hai qualche limite dimensionale. In fondo, cosa ti serve per goderti l’aria fresca nel tuo balcone d’estate? Un paio di sedie o una panca con dei cuscini, un tavolino per prendere un caffè, leggere o usare il tuo laptop all’aperto, alcune lanterne o lucine per creare l’atmosfera serale e naturalmente un po’ di verde rinfrescante. Ecco alcuni consigli:

1. Aggiungi un piano d’appoggio

Tutto quello che ti serve per gustare il ​​caffè del mattino sul tuo balcone è un tavolino e una sedia. Scegline uno che si ripiega facilmente in modo da poterlo riporlo all’interno, se necessario.

2. Panche invece di sedie

Ottimizza la tua poca metratura con panche. Non dovrai nemmeno preoccuparti del temporale o del forte vento che porta via le tue sedie leggere.

3. Un po’ di verde

Prepara il tuo balcone con fioriere piene di piante per creare la sensazione di quel terrazzo che hai sempre desiderato. Aggiungi alcune erbe aromatiche per far sì che il tuo balcone sia profumato. E se proprio non hai il pollice verde succulente e cactus di varie altezze sono tue amiche. Le piante ti faranno sentire in campagna anche se sei in città.

4. Cuscini sul pavimento

Non è necessario investire in un costoso arredo da giardino, specialmente se sei in affitto. Prendi dei grandi cuscini colorati e comodi che, con un cambio di fodera, possono fare il doppio lavoro anche all’interno dell’appartamento.

5. Aggiungi un tappeto per esterni

Non tutti lo prendono in considerazione, ma un tappeto ti aiuta ad amplificare la tua zona giorno verso l’esterno. Assicurati di sceglierne uno che resista agli agenti atmosferici.

6. Sfrutta la parete

Appendi piante o opere d’arte resistenti alle intemperie per rendere ancora  il tuo balcone di più un’estensione del tuo appartamento.

7. Illumina

Aggiungi un po’ di luce per i ritrovi notturni. Se non puoi intervenire sull’impianto elettrico, scegli lampade led per esterni, lanterne o ghirlande di lucine.

8. Opta per mobili pieghevoli

Se sei a corto di spazio, prova a sistemare mobili che possono essere piegati quando non sono in uso.

9. Un angolo cocktail

Cosa c’è di meglio dell’happy hour all’aperto? Un tavolino e due sedie sono tutto ciò che serve per creare uno spazio per rilassarsi dopo il lavoro. Puoi anche usare un pouf con un vassoio, al posto del tavolino: può diventare un posto a sedere extra.

10. Concediti un po’ di privacy

Se il tuo balcone è troppo in vista, aggiungi piante alte come il bambù per creare un muro verde naturale. Puoi anche montare tende che possono essere sollevate e abbassate secondo necessità. Le tende possono proteggerti anche da sole e pioggia.

Guarda le idee interessanti qui sotto e lasciati ispirare!  

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

[fonte foto]

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

[fonte foto]

Anna e MarcoCASE E INTERNI

15 Giugno 2019 / / Architettura

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Colori neutri, morbidi tessuti, materiali naturali e una soluzione per separare lo spazio unico con un divisorio in ferro e vetro, sono i punti di forza dell’arredamento scandinavo di un appartamento di soli 40 mq. Tutti spunti da tenere a mente se il tuo open space risulta spoglio e freddo.

Questo monolocale svedese, grazie a piccoli accorgimenti ed interventi, è divento la casa ideale per una persona single o una giovane coppia, ma può offrire spunti anche per le piccole case di vacanza o per gli appartamenti destinati all’ affitto breve.

Vedremo ancora una volta, come sia possibile arredare un monolocale con successo, ponendo in stretta correlazione il soggiorno con la zona notte, pur operando una divisione delle funzioni.

Molto luminoso, grazie alle sue ampie finestre, l’appartamento ha un arredamento dai colori neutri freschi e moderni, che invitano al relax.

Le pareti sono dipinte di un grigio-beige caldo, mentre nella zona cucina troviamo un rivestimento in legno. A terra è stato posato parquet in rovere a spina di pesce, di grande classe. Il tavolo e le sedie sono dipinte di un delicato verde salvia, mentre i cuscini del soggiorno e la biancheria da letto si arricchiscono di tenui tonalità pastello.

Tutto ciò contribuisce a dare a questo spazio unico, una delicata raffinatezza. Lo stile, infatti, prevede l’utilizzo di mobili lineari e poco ingombranti, rendendo lo spazio più leggero e arioso. Tutti spunti da tenere a mente se il tuo open space risulta troppo freddo.

Oltre all’uso dei colori, l’ampio monolocale è stato trasformato in una sofisticata abitazione grazie ad una parete in ferro e vetro, che divide la zona giorno dalla zona notte, senza chiudere completamente lo spazio. In questo modo, la stanza che si crea (che non avrebbe finestre) può trarre beneficio dalla luce proveniente dalle grandi finestre.

Grazie alla creazione della parete in ferro e vetro di stile industriale, la luce diventa protagonista di tutto lo spazio, creando una sorta di dialogo tra le zone night & day pur garantendo, al contempo, il mantenimento della privacy grazie anche a comode tende a pacchetto.

La rilassante tavolozza cromatica,  il legno, i materiali naturali, la presenza di molte piante e la seducente parete vetrata trasformano questo appartamento in uno spazio pratico, confortevole e accogliente.

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Fonte: Bjurfors

Anna e Marco – CASE E INTERNI

8 Giugno 2019 / / Architettura

Casale Country Chic alle Baleari

Con l’avvicinarsi delle belle giornate, arriva il tempo per occuparsi della casa di vacanza. Se non ne abbiamo una, possiamo almeno sognare di averla e di arredarla! Oggi viaggiamo fino alle Baleari, le fantastiche isole spagnole, per visitare insieme questa splendida villa in pietra in stile country chic, sulle colline di Maiorca.

L’architetto ha lavorato con il team di interior design per fondere le influenze del Mediterraneo con il tradizionale arredamento spagnolo, pur rimanendo nella contemporaneità. Il risultato è una casa vacanza Country chic confortevole e rassicurante, oltre che estremamente funzionale.

Per ragioni strutturali e normative, sono state fatte solo lievi modifiche alla distribuzione interna: al piano terra troviamo soggiorno, cucina, studio e bagno; al primo piano abbiamo quattro camere da letto. È in quest’ultima parte che ha avuto luogo la più grande trasformazione: ogni camera è stata dotata di un moderno bagno privato, per la comodità di tutta la famiglia.

Per il resto, gli elementi architettonici che erano in buone condizioni sono stati conservati e per quelli in cui è stato necessario intervenire, sono stati usati materiali tradizionali della zona. La presenza della pietra in ogni stanza conferisce a questo casale l’atmosfera rustica perfetta, pur mantenendo tutti i comfort moderni.

L’interior designer ha ricercato un mix di stili tra contemporanei, rustici, industriali e mediterranei attraverso mobili moderni e lineari, abbinati ad altri più tradizionali e vintage. Come ad esempio, le sedie Tolix di stile industriale che accompagnano un tavolo in legno dall’aspetto vissuto.

Dai un’occhiata a tutta la casa…

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Casale Country Chic alle Baleari

Fonte: nuevo estilo

Anna e Marco – CASE E INTERNI

1 Giugno 2019 / / Case e Interni

L’interior design è soggetto alle mode. E’ difficile, però, adeguare il nostro budget ai desideri indotti dalle tendenze dell’arredamento. Ecco che oggi parliamo di Up-cycling, cioè il recupero, ma anche la personalizzazione degli oggetti per renderli belli e funzionali ed arredare la nostra casa in modo economico con stile.

Se vuoi semplicemente una casa più bella perché te ne meriti una, senza rovinare il conto in banca, puoi scoprire che è sorprendentemente facile. In questo post ci sono nove cose che puoi fare abbastanza rapidamente che costano molto poco.

Viviamo in un mondo che è in costante cambiamento. Se una volta comprare di seconda mano sembrava riservato soltanto a chi aveva poche risorse economiche, ora è universalmente accettato che riciclare e riutilizzare vecchi mobili ed oggetti non è solo intelligente, ma anche eco-compatibile, oltre che essere un ottimo modo per risparmiare. [fonte immagine di apertura qui]

Insomma riusare, recuperare, riciclare è diventato “cool” ed è sicuramente il modo giusto per avere qualcosa di originale e personale nel proprio arredamento.

Arredi tutti nuovi non necessariamente fanno una bella casa. Noi come progettisti d’interni pensiamo che le case migliori siano quelle che hanno un mix di oggetti e mobili, come una lampada vintage, un tavolo ereditato o il tappeto della tua infanzia. Queste sono le cose che aggiungono carattere e vita ad una stanza.

Questi pezzi recuperati portano facilmente una nota in stile “vissuto” shabby chic, vintage, boho chic o persino industriale nell’arredamento della nostra casa.

Un po’ di immaginazione può fare molto, ma ecco alcune foto da cui prendere ispirazione per ottenere un’estetica più contemporanea e fresca anche con elementi recuperati.

La magia del bianco

Se dopo numerosi traslochi oppure nella casa in affitto ti ritrovi con un accozzaglia di mobili, di stili ed epoche differenti, prova a dipingere tutto di bianco. Una mano di vernice bianca o neutra, crea immediatamente un insieme armonioso, anche nel più eterogeneo gruppo di arredi e complementi.

Puoi dare la vernice in modo uniforme come avviene nello stile scandinavo oppure dare un look shabby chic con la tecnica che imita l’usura.

La vecchia testata in noce scuro della nonna, la sedia anni ’70, il tavolo senza particolare charme, la cassettiera in legno di pino anonima, assumeranno tutti un aspetto più fresco con una mano di vernice chiara e verranno uniti gli uni agli altri grazie all’uniformità del colore.

Ma ricorda: in un ambiente total white, c’è bisogno di un tocco più scuro per dare profondità.

  [guarda tutta la casa qui]
 

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Mix & match di sedie

Una tendenza molto attuale prevede di creare una zona pranzo con un tavolo semplice e alcune sedie recuperate in soffitta o acquistate per pochi soldi nei mercatini dell’usato, purchè una diversa dall’altra. Le sedie spaiate possono essere di diversi materiali (legno, metallo, plastica…), di diverse epoche e anche provenienze differenti. L’importante è che si riescano ad amalgamare perfettamente.

Se l’essenza dei vari legni contrastano o i colori sono troppo differenti, puoi anche pensare di dare una mano di vernice. Se ami il colore le sedie dipinte in tonalità diverse, ti faranno ottenere un risultato allegro e giocoso. Con una sola tonalità di colore, ma in gradazione, otterrai qualcosa di assolutamente originale.

Se invece ami i colori neutri, sedie diversissime tutte bianche o grigie o nere ti faranno avere una zona pranzo, che tutti vorrebbero copiare. In particolar modo una palette di colori chiari e neutri, con alcuni accenti scuri, ti aiuterà a dare profondità e rendere più interessante l’insieme.

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]
 

Il famoso pallet

Lo vediamo ormai spesso tra i blog e le riviste di interior design, il riutilizzo creativo dei pallet in legno, in origine destinati al trasporto delle merci, è una delle principali tendenze del Up-cycling. Sono green e versatili (perchè modulari) e gli amanti del fai-da-te li utilizzano in molti modi differenti: tavolini su ruote, base di un letto o di un divano, scrivanie ecc. Insomma, non mancano le ispirazioni, leggi anche: 8 idee per arredare con i pallet.

[fonte qui]

[guarda tutta la casa qui]

Vecchi mobili

Abbinare mobili rustici, old style, vintage ad elementi più contemporanei è una delle tendenze più attuali. In questo modo renderanno unico il tuo ambiente, lontano dall’immagine perfetta e stereotipata di un catalogo di arredamento. Parliamo di armadi, credenze, cassettoni, comodini…

Tutti questi mobili (soprattutto quelli di poco pregio) se non sono in buono stato, possono cambiare aspetto con la vernice. Giocando con la finitura, si ottiene il look desiderato!   
   

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Vecchie porte e persiane

Abbiamo imparato dallo stile provenzale a recuperare le vecchie persiane per creare testate per i letti o pannelli decorativi in soggiorno.

Le vecchie porte possono servire per gli stessi scopi, ma anche come piani per tavoli e scrivanie (bastano due cavalletti). Con un po’ di carteggiatura e verniciatura si possono ottenere appendiabiti per l’ingresso, portafoto, lavagne, pannelli decorativi…

Insomma non trascuriamo anche questi elementi, generalmente destinati alla discarica, che con poco aiutano a dare personalità ad ogni ambiente. Trova altre ispirazioni qui: 12 nuovi usi per vecchie porte.

[fonte qui]

Vecchie finestre

Come per le porte e persiane, anche le vecchie finestre possono trovare nuovi ed originali usi nelle nostre case.

Uno dei più interessanti è quello di utilizzarle come pareti divisorie trasparenti, che richiamano le belle pareti vetrate di tipo industriale così di moda ultimamente.

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Vecchie valigie e bauli

Portano con sé l’idea del viaggio e il loro aspetto vissuto non è meno interessante. Ci trasformano immediatamente in avventurosi globetrotters e sono perfetti da usare in camera da letto, come in soggiorno.

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Dipinti e manifesti

Non cercare di trovare un Van Gogh tra i quadri e le stampe venduti nei mercatini! E’ sufficiente che ti piaccia il paesaggio o la scena e che la cornice sia bella (sì sì puoi usare anche la cornice vuota). Posizionali sul muro o sul pavimento, si animeranno di nuova luce nella tua stanza.

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Collezioni

Non occorre molto per creare una piccola collezione che aggiunga personalità e carattere ad un angolo della tua casa, come un insieme di specchi, vasi, tazze, bottiglie di vetro o altri oggetti che attirino l’attenzione.

Si comprano per poco nei mercatini dell’antiquariato o di seconda mano. Basta semplicemente scegliere un tema comune, come il colore per esempio.
   

[guarda tutta la casa qui]

[guarda tutta la casa qui]

Anna e Marco – CASE E INTERNI

25 Maggio 2019 / / Case e Interni

Le cucine nere hanno carattere, eleganza e una certa raffinatezza
Non so tu, ma noi abbiamo visto cucina nere un po’ ovunque ultimamente. Le cucine nere hanno carattere, eleganza e una certa raffinatezza, eppure il nero non è il primo colore che viene in mente quando si progetta una cucina.

Ci eravamo abituati a cucine bianche e luminose, abbinate a legno chiaro, come il latte e i biscotti della colazione, ma ora la cucina nera è diventata uno dei trend di quest’anno.

Nell’arredamento moderno la cucina color inchiostro contemporanea rimane al top delle scelte decor viste su instagram. La tendenza più cool prevede un look total black, che include anche il rivestimento a parete. I maggiori marchi di design scommettono che il nero diventerà così comune nella nostra casa quanto nei nostri guardaroba.

Certo, al momento non sappiamo se l’aspetto del blocco cucina contemporanea nera, che è così popolare ora, possa essere una tendenza duratura. Chissà se tra dieci anni entreremo in una cucina del genere e sapremo esattamente da quale decennio proviene.

Tuttavia l’amore per il nero in cucina non nasce oggi, ma ha una lunga tradizione.

Stile scandinavo

Come ci insegnano gli scandinavi, il nero aggiunge dimensione e profondità a qualsiasi stanza dipinta di bianco ed è fantastico abbinato alle tonalità del legno. Nel design d’interni pulito e semplice, come quello nordico-scandinavo, una cucina nera riesce a spiccare in mezzo al candore. Spesso è abbinata a piastrelle bianche quadrate con posa sfalsata e fughe scure (effetto mattoncino – vedi foto sotto). Non possono mai mancare collezioni di taglieri e piantine aromatiche.

Stile classico

Se è un po’ di romanticismo che vuoi ottenere, nello stile classico o country la cucina nera o meglio ancora black & white è molto elegante. Ha spesso pregiati piani in marmo bianco, pensili a vetrina e maniglie e rubinetteria dorata o anticata. Anche in una cucina completamente bianca, un blocco cottura a libera installazione nero richiama il design dei tempi passati. Per un effetto davvero chic il rivestimento a parete è costituito da piastrelle diamantate candide.

Stile industriale

Con la duratura moda dello stile industriale, dove le pareti vetrate con telaio in ferro nero (stile ex-fabbrica) vanno per la maggiore, la cucina nera trova un ambiente ideale tra pareti in mattoni o piastrelle stile metropolitana posate a tutta parete. Gli arredi neri possono abbinarsi anche a piani, mensole o ante in caldo legno dall’aspetto vissuto.

Stile Boho chic

In uno stile eclettico, come quello boho chic la cucina può avere parti di colore nero ed altre colorate oppure belle maioliche o cementine a parete. A completare il look un tappeto orientale, sedie spaiate e ripiani a vista con esposta una collezione eterogenea di piatti e bicchieri.

Insomma, se stai cercando un rinnovamento chic in cucina con una tonalità neutra, prendi in considerazione il nero. Dalle basi alle piastrelle, dalla pittura delle pareti al total black, fino ad alcuni elementi  (come la cappa, il blocco cottura, le lampade…) ci sono diversi modi con cui puoi lavorare con la tonalità dell’inchiostro nel tuo spazio cucina.

Abbiamo selezionato una serie di cucine nere, una raccolta di meravigliosi spazi per cucinare, intrattenere e mangiare, tra i più intriganti visti sul web. Questi ambienti hanno ciò che le cucine bianche non possono avere: un fascino misterioso e seducente, che è allo stesso tempo raffinato ed unico.

Qualunque sia il tuo stile di arredamento preferito, dai uno sguardo a questi fantastici interni per vedere se è il caso di puntare sul colore nero per la tua nuova cucina.
 

Le cucine nere sono uno dei trend di quest'anno. Hanno carattere, eleganza e una certa raffinatezza, eppure il nero non è il primo colore che viene in mente quando si progetta una cucina. Qualunque sia il tuo stile di arredamento, dai uno sguardo a questi fantastici ambienti tra i più intriganti visti sul web

   

[guarda tutta la casa qui]     
       

[guarda tutta la casa qui]       
      
   

[fonte qui]       
      
   

[guarda tutta la casa qui]       
      
   

[fonte qui]       
      
   

[guarda tutta la casa qui]     
      
   

[fonte qui]       
      
   

[guarda tutta la casa qui]    

[fonte qui]       
      
   

[fonte qui]       
      
   

[fonte qui]       
      
     
Anna e Marco – CASE E INTERNI

18 Maggio 2019 / / Case e Interni

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

Ci sono così tanti stili nell’arredamento e alcuni di loro si combinano perfettamente l’uno con l’altro. Questo è il caso dello stile scandinavo e di quello industriale. Quindi, se ti piacciono entrambi e non sai quale scegliere, punta su una combinazione dei due, come nel caso di questo appartamento. Il mix è di tendenza!

E’ sempre più frequente vedere interni scandinavi in cui è stato aggiunto un tocco industriale.

Lo stile nordico è abbastanza versatile ed è anche uno dei più adatti a combinarsi con lo stile loft-industriale. In questo caso, il risultato è perfettamente equilibrato grazie alla giusta dose di elementi dallo stile industriale che danno un tono eclettico pur mettendo in evidenza la semplicità e la funzionalità dello stile scandinavo.

Noi di Case e Interni cerchiamo, quando è possibile, di aggiungere la planimetria delle case che presentiamo qui sul blog, in modo tale che si possa comprendere meglio la distribuzione dei locali, per prenderne ispirazione. Questo ci è reso più facile se le foto dell’appartamento provengono da una agenzia immobiliare, come nel post di oggi.

In realtà, è una deformazione professionale, perchè in quanto architetti ed interior designer siamo molto interessati a come gli appartamenti sono stati progettati e anzi spesso guardiamo le immagini della pianta prima delle foto degli interni.

In questo caso, l’appartamento di soli 60 m², si trova in un edificio storico di una grande città svedese e purtroppo non ha subito grandi modifiche, per cui la distribuzione non è “perfetta” (anzi) e non sarebbe nemmeno conforme alle normative italiane. Tuttavia è interessante vedere, come con budget ridotto e senza fare modifiche murarie, si è riusciti a creare degli ambienti ricchi di carattere.

Partendo dalle basi tipiche dello stile nordico, con toni prevalentemente bianchi e grigi, in questo normale appartamento svedese, che non è un loft come puoi vedere, si sono piano piano aggiunti elementi di arredo ispirati alle vecchie fabbriche e tutto funziona perfettamente.

La cucina è uno degli spazi che ci ha colpito di più. E’ bastato osare una palette in bianco e nero, lasciare solo mensole a vista, lampade da ufficio a parete e barre dove appendere padelle ed utensili, per offrire una perfetta fusione tra stile industriale e nordico. Le piastrelle bianche quadrate posate sfalsate (a mattoncino) con una fuga scura ricordano subito le piastrelle metropolitana, tanto amate nello stile industriale. Anche il mattone a vista, recuperato da una delle pareti portanti in muratura, rafforza lo stile. Così come l’infisso in legno da edificio storico, che dipinto di nero acquisisce tutto un altro sapore.

In soggiorno l‘insegna luminosa di tipo industriale appesa alla parete, la collezione di stampe e poster, le sedie spaiate tra cui alcune da ufficio, aiutano a spostare il mood scandinavo verso quello dei loft. Anche il pavimento in legno tipicamente nordico è stato scurito per dare più calore. A questo proposito facciamo notare che, in appartamenti piccoli come questo, l’uniformità di pavimentazione è molto importante, perchè aiuta a dilatare gli spazi e a dare continuità.

La camera da letto offre la calma perfetta per il riposo, tipica degli interni nordici. Le pareti grigio-verde sono abbinate al bianco di finestra e soffitto, al nero di alcuni complementi e al calore del legno del pavimento.

Guarda tutte le foto e scopri come la combinazione di entrambi gli stili, scandinavo e industriale, sia decisamente semplice da attuare!

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

La facile fusione tra stile scandinavo e industriale

Fonte qui

Anna e Marco – CASE E INTERNI