1 Aprile 2020 / / Case e Interni

5 modi per creare un elegante piccolo ufficio in casa

Pensi di non avere uno spazio per uno studio in casa? Con po' di creatività e qualche piccolo sforzo è possibile ritagliarsi uno spazio con tutto ciò che serve per lo smart working. Queste idee ti aiuteranno a creare un piccolo studio sorprendentemente organizzato ed elegante.

Indipendentemente dal fatto che, in questo periodo di lockdown, tu abbia spostato il tuo lavoro a casa o abbia semplicemente bisogno di un posto dove controllare le e-mail, organizzare le bollette o creare, leggere e scrivere, sarai più produttivo/a con un'area di lavoro ben progettata. E se non avessi spazio per un vero studio? Non sarà un problema se riesci a trovare il tuo angolo ideale. Oggi ti offriamo qualche ispirazione e soluzione per la creazione dell'home office perfetto in spazi ridotti.

Come progettisti di interni, il nostro ufficio è già in casa, proprio per ottimizzare i tempi, visto che spesso il nostro lavoro si svolge fuori casa. Non è facile mantenere l’ordine, ma i nostri spazi di lavoro, dove la creatività deve essere stimolata, devono esprimere al massimo la funzionalità. La nostra scrivania è volutamente posizionata vicino alla finestra che si affaccia sul cortile, così la visione di alberi e fiori ci ispira continuamente.

5 modi per creare un elegante piccolo ufficio in casa

Anche se non riesci a ricavare una vera stanza studio in casa, abbiamo compilato un elenco di suggerimenti che ti aiuteranno a creare un ufficio domestico che sia ugualmente funzionale e accogliente, anche in spazi multifunzionali.

1. Come creare un angolo studio in casa

Nessuno ha detto che i piccoli uffici domestici debbano essere spazi a sé stanti. Pensa al di fuori del concetto delle quattro mura e pensa a come trasformare una zona del tuo soggiorno o camera da letto. Se ci sono più membri della famiglia che hanno bisogno di condividere lo spazio, cerca di tenere le cose in ordine ed organizzate, dando ad ogni persona un posto individuale per lavorare o studiare.

Puoi comprare scrivanie o consolle di ogni dimensione e stile, quindi non è difficile trovare mobili discreti che si abbinino alla tua stanza e ai tuoi mobili esistenti. Durante questo periodo in molti siti è ancora possibile continuare ad acquistare semplici mobili online (anche se i tempi di consegna potrebbero essere più lunghi del previsto). Un alternativa fai da te: puoi sempre recuperare in cantina una vecchia porta o piano di legno e due cavalletti o due cassettiere…. E il tavolo si crea da solo. (vedi foto d’apertura / fonte: qui).

[fonte lonny]

Puoi pensare anche di dipingere la tua vecchia scrivania riposta in cantina, per darle un aspetto più attuale, che si integri al tuo arredamento esistente.

Potresti anche prendere in considerazione l'uso di pittura a parete o tappeti per delimitare visivamente la zona, in modo che l’effetto risulti più intenzionale, che improvvisato.

Soggiorno: A volte basta poco per creare lo spazio necessario per un ufficio domestico, magari cominciando a cambiare la disposizione dei mobili in soggiorno. Ad esempio, puoi spostare il divano staccandolo dalla parete così da mettere una scrivania o consolle proprio dietro il divano. E’ un ottimo modo per creare spazio per un ufficio domestico.

[fonte Ikea]

Quando lo spazio è limitato, è difficile (se non impossibile) poter dedicare un'intera stanza a un ufficio domestico, quindi vale la pena pensare a come creare molteplici usi per il tuo spazio. Utilizza staffe e mensole economiche, così potrai trasformare una parete non sfruttata (magari in cucina) in una scrivania per due, che puoi usare con sgabelli da bar.

[fonte a beautiful mess]

Camera da letto: Basta anche una piccola nicchia tra l’armadio e il muro per ricavare un piccolo angolo studio attrezzato. Anche se troppo piccola per un mobile, una cassettiera o scrivania, puoi facilmente usare la nicchia per sorreggere un piano di lavoro e creare uno “studio in nicchia”. Pensando ad un oggetto multifunzione, nella camera principale, una scrivania potrebbe facilmente diventare una toletta con l'aggiunta di uno specchio.

[fonte megan georgopoulos]

2. Sfrutta gli spazi non utilizzati

Ricava uno spazio lavoro nell’inutilizzato corridoio, in ingresso o nel sottoscala.

[fonte adore magazine]

In un piccolo spazio ti consigliamo di trovare una consolle o scrivania poco profonda, magari con un cassetto o vano portaoggetti.


[fonte theredhouse]

Esistono anche piccoli mobili con anta ribaltabile: una volta che hai finito di lavorare puoi chiudere il ripiano scrivania per risparmiare ancora più spazio.

[fonte Ikea]

In questi locali, generalmente privi di finestre, cura bene l’illuminazione, in modo da non avere la sensazione di stare in uno spazio angusto.

[fonte alvhem]

Cucina: Se il tuo studio in casa è solo il tuo tavolo da cucina, avrai bisogno di spazio per conservare documenti, articoli di cancelleria e tecnologia. Creare un home office “in scatola” o in un pouf è una soluzione semplice. Apri la scatola sul tavolo della cucina o del pranzo e voilà, l'home office temporaneo è servito! Se non hai la possibilità di comprare un pouf, trova un semplice scatolone, rendilo più bello con un po’ di carta decorativa o carta adesiva (effetto legno o marmo) che si integra con l’arredamento, così anche se lo lascerai in giro non sembrerà qualcosa di precario. Può diventare anche un’improvvisato tavolino o seduta per il soggiorno.


3. Non trascurare l’organizzazione

Mantenere un ufficio organizzato può essere difficile. Aggiungi mensole o scaffali sopra l'area della scrivania e investi in alcuni contenitori o scatole per l’archiviazione, per organizzare i materiali di lavoro. Scaffalature a giorno sono un modo semplice per mescolare oggetti funzionali ed elementi decorativi.

Se hai spazio disponibile i pensili o piccoli contenitori sono ideali per riporre alla vista i documenti e gli oggetti per lasciare tutto in ordine.

[fonte anna carin design]

4. Scegli una palette di colori adeguata

Il tuo studio in casa è un luogo che dovrebbe ispirare la concentrazione, il flusso creativo e consentirti di lavorare senza distrazioni. Ma spesso non è così. In effetti, le zone di lavoro possono essere gli spazi più trascurati nelle nostre case: scrivanie disordinate, ambienti dai colori poco azzeccati, che non favoriscono l'ispirazione.

Uno dei principi fondamentali della teoria dei colori è che le nuance scelte per decorare uno spazio possono avere un forte impatto sui nostri stati d'animo. Il blu, ad esempio, viene spesso interpretato come calmante. Impegnati sulla scelta di una tavolozza di colori in gran parte neutra, che ti consentirà di concentrare la maggior parte della tua attenzione sul compito da svolgere.

[fonte Ikea]

5. Aggiungi tocchi personali

Per quanto all'interno del tuo home office sia importante concentrarsi, è anche fondamentale creare uno spazio accogliente, in cui sarai felice di trascorrere diverse ore. Non dimenticare di aggiungere alcuni elementi decorativi e quadri che mettono in risalto i tuoi gusti personali.

Uno dei modi più semplici per farlo (pur creando un insieme coerente) è quello di consentire ai tuoi oggetti personali di creare i colori d’accento, come piccoli tocchi di pennello.

[fonte littlebigbell]

6. Porta l’esterno all’interno

Una ricerca dimostra che la presenza di luce naturale negli spazi professionali ha un impatto straordinariamente positivo sulla produttività e sul morale dei dipendenti. Ha senso che questi concetti si traducano facilmente anche nell'ambiente dell'home office, quindi trova un modo per includere l'esterno all'interno. Quando possibile, rendi le finestre o verande parte integrante del tuo progetto per il tuo angolo studio...

[fonte qui]

Pensa a posizionare la scrivania sotto il davanzale della finestra o se questo non è possibile apri le tende per fare entrare la luce naturale. Inoltre, non esitare a includere altri elementi naturali come piccole piante verdi, che aggiungeranno colore allo spazio, migliorando l’umore e la salubrità dell'aria.

[fonte Ikea]

Le piccole case sono piene zeppe di soluzioni salvaspazio, guarda anche le nostre soluzione sui “Piccoli spazi”.

Dubbi o domande su come arredare o rinnovare? Vuoi essere seguito da un professionista architetto specializzato in interior design? Hai bisogno di una consulenza per la tua casa? Contattaci tramite il sito o invia un'e-mail a questo indirizzo.
Anna e Marco - CASE E INTERNI

21 Marzo 2020 / / Case e Interni

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

Non importa quanto sia pulita la tua casa, questi errori di stile la faranno sembrare più disordinata.


Quando arrediamo una casa è impossibile non sbagliare qualcosa, ma è ancora più difficile mantenere nel corso degli anni l’ordine necessario per far apparire accoglienti tutti gli ambienti domestici. Se passi spesso ore a riordinare la tua casa, ma non raggiungi mai davvero lo spazio pulito e privo di ingombri che speravi e ora di agire in un altro modo.

Ci sono diversi fattori "colpevoli di disordine" che potrebbero far apparire la tua casa troppo “carica” e non equilibrata. Dai colori sbagliati alla scarsa illuminazione, non sono solo le cose accumulate negli anni che possono far sembrare sovraccarica la nostra casa.

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

Noi esperti di Case e Interni, abbiamo individuato otto errori di progettazione comuni che possono far sembrare disordinata e satura la tua casa e come risolverli per mantenerla pulita e ordinata.

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

DISORDINE SU LIBRERIE E MENSOLE
Molto spesso, librerie, scaffali e mensole, sono gli elementi della casa che, più di tutti, creano disordine visivo. Non sono il deposito di tutta la casa, ma spesso lo diventano. Troppi oggetti, messi a caso, sembrano effettivamente quello che sono: disordinati.

Guarda la tua libreria o le tue mensole con occhio critico. Cerca di percepire tutto ciò che attira la tua attenzione in modo negativo. A questo punto prendi uno scatolone ed elimina le cose inutili o che non dovrebbero stare lì, quindi riposiziona meglio le cose rimaste, lasciando anche degli spazi vuoti. Puoi anche usare dei cestini o belle scatole per nascondere alla vista alcuni oggetti. Vedrai che la libreria comincerà a respirare e anche la tua casa!

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

CATTIVA DISPOSIZIONE DELL’ARREDAMENTO
Non c'è niente come una disposizione non accurata per far sembrare una stanza sovraccarica e poco accogliente. Non è sempre necessario avere tanto spazio, ma sfruttare quello che si ha a disposizione al meglio. La scelta e il posizionamento dei mobili influenzerà notevolmente la fruizione e percezione di uno spazio, grande o piccolo che sia. Quindi cerca di vedere se c’è la possibilità di eliminare o almeno sostituire i mobili, con qualcosa di più funzionale, che faccia sembrare lo spazio più arioso.

Analizza le dimensioni dei tuoi arredi: il tuo divano ad angolo o penisola occupa molto più spazio del dovuto? Le tendenze più attuali tendono a preferire un divano più compatto in abbinamento a una o più poltroncine per gli ospiti. Il tuo tavolo da pranzo è sproporzionato rispetto al soggiorno? Comprane uno ampliabile, magari una consolle. La parete attrezzata è troppo incombente? Scegli un modello più versatile, arioso e contemporaneo. A volte anche un semplice relooking, una mano di vernice chiara, aiuta a rendere meno ingombranti alla vista alcuni mobili.

DISORDINE SUL PIANO DI LAVORO IN CUCINA
La tua casa non sarà mai pulita e ordinata se è invasa dal disordine. Piuttosto che lasciare bottiglie, barattoli, oggetti della dispensa e altre cose sparse su tutto il piano della cucina o sul tavolo da pranzo, crea punti specifici per poterli conservare. Ad esempio usa un vassoio per raccogliere in un angolo la bottiglia dell’olio, il sale e le altre cose usate quotidianamente. Tutti i componenti della famiglia impareranno a riporre nel vassoio le cose dopo il loro utilizzo. Questo è un semplice trucco, che aiuta a tenere sotto controllo il disordine visivo in cucina. Inoltre, non lasciare il contenitore di plastica del detersivo così com’è in bella vista, le etichette colorate generano confusione: travasalo in un bel dispenser dai toni neutri, vedrai che ti aiuterà a percepire più ordine. Infine, cerca di sostituire man mano i piccoli elettrodomestici con quelli più compatti e multifunzione, così da liberare il più possibile il piano di lavoro.

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

ASSENZA DI SPAZI VUOTI
E’ un errore che si fa, spesso agli inizi, quando si è follemente entusiasti di decorare la propria casa. Non sentirti in dovere di arredare o decorare ogni centimetro quadrato. Lo spazio vuoto è necessario quando si tratta di creare armonia, che si realizza senza inutili ingombri visivi. Pensa a quel muro bianco, a quel ripiano, a quell’angolo, come spazio per respirare e lascialo stare così com’è.

ERRATA COMBINAZIONI DI COLORI
La tua casa è un caleidoscopio di colori? Sebbene ci siano alcune combinazioni di colori insolite che funzionano molto bene, ce ne sono molte altre che non funzionano affatto. L'aggiunta di colore alla tua casa può essere un bel gioco di esperimenti, ma dobbiamo riconoscere che non tutti hanno la magica dote di abbinare bene le tonalità, anche in base allo spazio a disposizione. Per semplicità, è sempre meglio attenersi a uno o due colori e completarli con toni neutri. Puoi seguire una facile regola dell’interior design che si chiama 60/30/10: 60% di colore principale neutro (bianco, grigio, sabbia...), 30% del colore secondario e 10% di tono più vivace per dare punti d’accento e profondità.

Non riesci a decidere una combinazione di colori? Prendi ispirazione da queste palette che funzionano sempre e sii coerente per tutta la casa: 8 combinazioni di colore che non passeranno mai di moda

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

SCARSA ILLUMINAZIONE
Le stanze buie tendono ad essere percepite anguste e disordinate, perchè i nostri occhi faticano a definire le proporzioni, i veri colori e lo spazio vuoto. Se l’ambiente non ha la fortuna di avere una buona dose di luce naturale, considera alcuni trucchi, come quello di appendere uno specchio direttamente di fronte a una finestra per riflettere la luce solare naturale o di sostituire i mobili alti con altri più bassi e di colore chiaro. Anche l’illuminazione artificiale dovrà essere ben curata, ma è sbagliato pensare di farlo solo con faretti e plafoniere a soffitto. Avere un solo punto luce a soffitto non aiuta affatto a creare un ambiente accogliente e ordinato. Cerca di avere anche un buon mix di lampade da terra e lampade da tavolo, in questo modo la luce proveniente da diversi punti aiuterà a rendere l’ambiente più confortevole. Le luci a soffitto lasciale solo per le attività che richiedono un’illuminazione a giorno.

TROPPI CAVI A VISTA
La tecnologia è sempre più presente nelle nostre case, ma lo sono anche i relativi cavi che collegano questi dispositivi o permettono loro di ricaricarsi.
Per mantenere organizzata tutta la tecnologia di casa, crea uno spazio designato in cui telefoni, tablet e laptop possano essere ricaricati. Meglio se questo spazio è discreto e fuori dalla visuale. Potrebbe essere un cassetto o un ripiano specifico in un armadio, dove si è opportunamente predisposta una presa elettrica a cui attaccare una ciabatta.

Anche in soggiorno i fili, i cavi e i telecomandi sembrano non finire mai e devono essere gestiti. Se l'umile unità TV non riesce a farcela da sola, prova con un elegante cestino, come soluzione di organizzazione rapida e semplice.

errori che rendono più disordinata e sovraccarica la tua casa

DISPOSIZIONE SPARSA DI QUADRI E FOTO
Raggruppa i quadri e le foto, anziché fare affidamento su un unico pezzo posizionato qua e là, soprattutto se di medie-piccole dimensioni. I quadri e le stampe, così disposte a gruppi, catturano maggiormente l'attenzione e donano più interesse alla parete, senza creare il disordine visivo di piccoli quadri isolati.

Fonte immagini: 1 - 2 - 3 - 5 - 6 Alvhem ; 4 - 7 Behrer
Dubbi o domande su come arredare o rinnovare? Vuoi essere seguito da un professionista architetto specializzato in interior design? Hai bisogno di una consulenza per la tua casa? Contattaci tramite il sito o invia un'e-mail a questo indirizzo.
Anna e Marco - CASE E INTERNI
15 Febbraio 2020 / / Case e Interni

Salire con stile – scale a chiocciola

Le scale sono davvero diventate un elemento di arredo importante nell'ultimo decennio e non sono più viste soltanto come un modo per salire da un piano all'altro. Ora le scale hanno assunto il ruolo di migliorare l'estetica di una casa e creare quell'effetto “wow” che spesso cerchiamo per la nostra casa dei sogni. Le scale a chiocciola di nuova generazione ci aiutano a raggiungere questo obiettivo.

Ormai molte nuove abitazioni hanno pregiati pavimenti in legno o piastrelle in gres di grande formato, ampie finestre e open space per aggiungere luminosità, colori di base neutri che ben si adattano ad ogni stile e trend contemporaneo. Naturalmente, una scala anonima e standard apparirebbe fuori posto in questi ambienti sempre più sofisticati ed eleganti, quindi quali sono le scale più “alla moda” sul mercato?

Una semplice ricerca su Google image o Pinterest con 'scala a chiocciola di design' fornirà una miriade di risultati, che però creano spesso confusione. Diamo un'occhiata ai temi comuni di quelle che chiamiamo scale a chiocciole moderne.

Salire con stile – scale a chiocciola


Forma della scala a chiocciola
La scala è una vera e propria costruzione edilizia che funge da collegamento verticale fra i diversi piani. Il fatto che una scala permetta di compiere un percorso in verticale, non significa che questo debba essere per forza rettilineo. E' vero che generalmente, una scala ha la forma regolare in linea, anche quando è composta da più rampe, ma non sempre questa è la migliore soluzione possibile.

Le scale a chiocciola sono una soluzione salvaspazio comune in molte abitazioni contemporanee. Abbiamo visto spesso come questa tipologia di scala sia adatta soprattutto in spazi piccoli come un monolocale con soppalco, ma la sua forma la rende particolarmente versatile e anche piacevole a vedersi, soprattutto se dietro c'è uno studio attento dei dettagli e del design, come nel caso di Rizzi scale, leader da anni nel mercato italiano.

Tipica della scala a chiocciola, come sappiamo, è la forma a spirale. Le scale a chiocciola, infatti, hanno gradini che si sviluppano attorno ad un palo centrale, ma c'è una variante più affascinante della forma di scala a spirale, la cosiddetta scala a chiocciola elicoidale.

Se vuoi un look che sia esteticamente più interessante, puoi puntare sicuramente su una scala a chiocciola elicoidale. Dagli stili minimalisti a quelli classici, una scala di questo tipo è una soluzione personalizzabile che si adatta sorprendentemente bene in ogni ambiente. In una casa dallo stile pulito e contemporaneo, ad esempio, inserire una scala a chiocciola elicoidale è un modo per aggiungere un po' di personalità con una notevole architettura.

La scala elicoidale si differenzia dalla scala a chiocciola perchè non ha il palo centrale, ma per sostenersi sfrutta un'elica interna ed una esterna. Proprio per la sua conformazione la scala elicoidale può avere diametri maggiori rispetto alla scala a chiocciola e sicuramente un impatto scenico più spettacolare. La funzionalità e la bellezza di questa tipologia di scale non ha eguali, anche perchè può essere realizzata in molteplici materiali come cemento, acciaio, legno, anche mescolati fra loro.

Non sono molte le aziende che offrono soluzioni intelligenti ed esteticamente accattivanti di scale di design a chiocciola o elicoidali, ma Rizzi scale ha un catalogo davvero vario e completo per cui le immagini d'esempio di questo articolo sono state prese tutte dal loro sito.

Scala a chiocciola elicoidale

Scala a chiocciola aperte
Il passaggio della luce è chiaramente molto importante nelle case di oggi, quindi è sempre più frequente trovare scale lasciate a vista e non più relegate in un buio disimpegno. In questo caso la scala a chiocciola diventa il punto focale in una zona giorno ed è un'opportunità per i progettisti d'interni e gli architetti per poter studiare soluzioni che catturano lo sguardo e diventino un elemento architettonico estremamente caratterizzante.

Il parapetto ha una forte impatto sul passaggio della luce, pertanto una scala con balaustra tutta in acciaio inox con montanti e tondini orizzontali, non è visivamente ingombrante e può essere lasciata a vista per ammirarne la forma e l'ariosità della scala stessa.

Questo tipo di scale possono anche avere le alzate, ovvero gli spazi tra un gradino e l'altro, vuoti, in modo da far passare ulteriormente la luce e dare una maggiore sensazione di leggerezza.

Salire con stile – scale a chiocciola


Le scale a chiocciola elicoidali possono avere una forma aperta, anche quando la loro balaustra è chiusa e continua come nel caso di questa scala con parapetto in legno e gradini illuminati a led, che creano un'atmosfera davvero accogliente e sofisticata.

Scala a chiocciola elicoidale


Scala a chiocciola in nicchia
Naturalmente le scale a chiocciola elicoidali possono assumere un design più classico. Ad esempio, la scala a chiocciola della foto, che per il desiderio dei proprietari è circondata da pareti di pietra.

Si tratta di un rimando più contemporaneo alle scale degli antichi castelli, a cui molte persone pensano quando immaginano una scala a chiocciola. Al giorno d'oggi sarebbe un peccato nascondere elementi architettonici così scenografici, ma la scala elicoidale così ricavata in una nicchia che ne segue la forma, è un'ottima scelta per stili classici e tradizionali. In questo caso la struttura in cemento con gradini in marmo o legno è una soluzione ideale per questo look più romantico.

Scala a chiocciola elicoidale

Funzionalità della scala a chiocciola
E' chiaro che tutte le scale sono funzionali, perchè come abbiamo visto all'inizio, hanno lo scopo di unire verticalmente due o più piani di un'abitazione. Ma c'è da dire che le scale a chiocciola sono particolarmente funzionali soprattutto per la loro caratteristica di ingombrare meno e quindi risparmiare spazio.

Ad esempio, quando si ha una stanza con soppalco, i due livelli differenti vengono uniti facilmente occupando poco spazio se si utilizza una scala a chiocciola. Le scale di questo tipo hanno una forma compatta che si fonde perfettamente anche quando si tratta di inserirle in un ambiente unico.

Inoltre la scala elicoidale può avere diametri importanti rispetto alla comune scala a chiocciola, quindi diventa anche estremante pratica nella sua funzione. Tenendo conto di quanto sia realmente utilizzabile lo spazio circostante, puoi creare uno stile di arredamento senza soluzione di continuità, che può persino cambiare la percezione visiva dello spazio.

Scala a chiocciola elicoidale



Anna e Marco - CASE E INTERNI
12 Febbraio 2020 / / Case e Interni

Mix di stili tra scandinavo, vintage e newyorkese

Pavimento bianco, mobili minimal, grande cucina vintage con piano in legno e splendido bagno in black and white. Sono queste le caratteristiche principali di un appartamento cittadino completamente ristrutturato in un mix di stili tra scandinavo, vintage e newyorkese.

Questa casa si trova in un condominio nella parte alta di Barcellona, nel quartiere di San Gervasio. La ristrutturazione completa dell'appartamento ha unito gli spazi: sala da pranzo, soggiorno e angolo studio condividono lo stesso ambiente total white. Un divano ampio, una poltrona vintage in bianco e nero e alcuni sgabelli etnici, rendono il living eclettico, ma con stile.

Con la scelta giusta di mobili e complementi d’arredo, tocchi di colore e qualche particolare vintage, la casa acquista subito personalità. Insegne di negozi, lampade e sedie anni 50, damigiane e bottiglie danno un tocco vintage all’ambiente, tutti oggetti che si possono facilmente trovare anche nei mercatini delle pulci.

Riguardo i rivestimenti, lo studio di progettazione ha optato per l'uniformità in tutte le stanze: pareti, soffitti e pavimenti sono dipinti di bianco, così come la maggior parte dei mobili. Il colore bianco, che si sposa con ogni tendenza, è sicuramente il collegamento che unisce tutte le stanze e gli stili.

Sul pavimento un parquet dipinto di bianco tranne in cucina e in bagno. In cucina troviamo una posa classica di piastrelle ottagonali bianche con tozzetti neri, mentre il bagno è caratterizzato da un pavimento in mosaico con decoro, sempre black & white.

Senza dubbio di questa casa ci hanno colpito l'ampia cucina in stile scandinavo, nel cuore della casa e l'elegantissimo bagno in bianco e nero che ha le caratteristiche tipiche di un lussuoso attico di New York.

In cucina le piastrelle bianche diamantate in stile metropolitana sono un classico sempre attuale, come abbiamo già scritto in un post dedicato a questo argomento. Nel bagno, gli accenti oro di rubinetteria e specchi creano un’atmosfera chic e femminile.

Come sempre mixare gli elementi principali dell’arredo sarà il modo migliore per ottenere il risultato perfetto per i tuoi ambienti. Affinché un appartamento sia in linea con uno questo tipo di stile eclettico è importante accendere la freddezza del bianco con il calore dell'arredo vintage alternato con elementi dalle forme pulite e minimal.

Guarda bene le foto e non perdere nessun dettaglio.














Dove: Barcellona, Spagna
Fonte: micasarevista.com
Foto: Nina Anton
Progetto: Bárbara Aurell

Anna e Marco - CASE E INTERNI
30 Gennaio 2020 / / Case e Interni

La scelta di una scala a chiocciola: vademecum per non sbagliare

Oggigiorno l’offerta di scale è pressoché infinita: diverse sono le tipologie presenti sul mercato, già pronte o da realizzare su misura, a seconda del risultato da ottenere (e diciamolo, del budget a disposizione). Come puoi fare per non sbagliare nella scelta? Ti diamo di seguito alcuni suggerimenti utili per orientarti nell'oceano di possibilità e saper scegliere la scala più adatta al tuo contesto, partendo da una specifica tipologia di scale: la scala a chiocciola.


Scala a chiocciola perchè
Innanzitutto cerchiamo di capire quando e perchè si renda utile - a volte necessario - installare una scala a chiocciola.

La scala a chiocciola presenta un triplice vantaggio: oltre alla sua intrinseca funzione di unire piani o aree di uno stesso edificio, questa tipologia di scala permette allo stesso tempo di compattare gli spazi a disposizione, ottimizzando gli sprechi, ed infine di creare un gradevole effetto scenico nell'ambiente in cui si inserisce.

Con un solo elemento architettonico avrai dunque ottenuto un passaggio agevole da un piano all’altro, una razionalizzazione dello spazio a disposizione e un elegante complemento d’arredo di sicuro impatto visivo.

Stili, tendenze e materiali
Non tutte le scale a chiocciola sono uguali. Allo stesso tempo, non tutte possono andare bene su qualsiasi tipologia d’interni. Per questo è importante scegliere con cura l’aspetto della scala che si intende installare.

Il risultato finale dipende strettamente da una combinazione di fattori quali il materiale scelto, il progetto della scala, i colori e le finiture.

Ogni dettaglio va pensato in relazione al contesto in cui si inserisce, in particolare all'arredamento - già presente o da installare - e alle tendenze nel settore.

Ad esempio, in un interno dagli arredi classici, country o di tipo “shabby” potrai senz'altro inserire una scala a chiocciola in legno, con colori naturali. Diversamente, in un interno dove prevale un arredamento “minimal”,” “chic” o “metropolitano” diventa più idonea una scala a chiocciola in cemento, su cui potrai applicare diverse tonalità: il bianco innanzitutto, ma anche colori pastello, monocromatici o su più tonalità, fino ai toni accesi e decisi per chi vuole osare.

Infine, se prediligi un arredo contemporaneo o “Industrial” puoi orientarti sulla scelta di una scala in acciaio, anche accostato ad altri materiali quali il vetro, il legno o il cemento. La lucentezza di questo materiale lo rende apprezzato dai più, insieme alle sue caratteristiche di durevolezza e solidità.

La scelta di una scala a chiocciola: vademecum per non sbagliare

La scelta di una scala a chiocciola: vademecum per non sbagliare

Una variante: la scala elicoidale
Se gli stili di una scala a chiocciola sono pressoché infiniti, la sua conformazione invece rimane una caratteristica immutata: il profilo a spirale infatti è l’elemento caratterizzante della scala a chiocciola stessa. Tuttavia, anche la struttura di questa tipologia di scala presenta una variante importante, la cosiddetta scala elicoidale.

Di cosa si tratta? In sintesi, la scala elicoidale è una scala a chiocciola sprovvista di palo centrale: in questo caso, le forme ellittiche non sono vincolate ad una guida centrale e pertanto si possono sviluppare liberamente nello spazio. Per questo motivo spesso la scala elicoidale presenta metrature più generose rispetto alla scala a chiocciola: la sua predisposizione ad avvilupparsi verso l’alto le impone uno spazio maggiore nella gradinata, risultando anche più comoda nel passaggio rispetto alla compatta scala a chiocciola.

Ti consigliamo pertanto di scegliere la scala a chiocciola laddove ci siano maggiori esigenze di ottimizzazione degli spazi e, viceversa, optare per la scala elicoidale se hai la possibilità di spazi maggiori. Un ultimo suggerimento? Valuta di scegliere una scala - a chiocciola o elicoidale - costruita artigianalmente e su misura: solo così avrai la scala perfetta per i tuoi interni e in sintonia con le tue preferenze di stile.

Per maggiori info visita il sito di Rizzi Scale, costruttore di scale a chiocciola elicoidali di pregio dal 1943.

La scelta di una scala a chiocciola: vademecum per non sbagliare


Anna e Marco - CASE E INTERNI
25 Gennaio 2020 / / Case e Interni

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Chiunque apprezzi il design senza tempo di alta qualità e funzionalità è nel posto giusto. Oggi dedichiamo un articolo ad un’impresa italiana che, nel nostro Paese, si distingue per la qualità e l’eccellenza del lavoro artigianale: l’Ebanisteria Gambella da generazioni realizza arredi di pregio fatti a mano, rinnovandosi costantemente nella contemporaneità con mobili di design richiesti in tutto il mondo.

Come architetti e interior designer, ci interessano sempre le belle storie di aziende di arredamento che hanno saputo rinnovarsi, senza rinunciare alla qualità tipica della produzione artigianale italiana.

Fondata nel 1915, l’Ebanisteria Gambella propone al pubblico prodotti di alta qualità estetica e funzionale. Arrivati alla terza generazione di proprietà della famiglia, i mobili vengono realizzati sempre in modo artigianale e sempre con un’irrefrenabile passione per il proprio lavoro, investendo nella continua ricerca della bellezza, sempre coniugata con la funzionalità. Nel corso degli anni, l’impresa familiare ha ampliato il suo potenziale innovativo e creativo, senza voltare le spalle alla propria identità. Ognuno dei mobili è realizzato a mano con materiali pregiati, consentendo di garantire una qualità elevata e rendere ogni pezzo unico.

La designer Erika Gambella ha un forte senso dello stile e lavora come free lance con clienti in America, Canada ed Australia. Grazie al suo orientamento internazionale, per l’impresa di famiglia, Erika ha ideato prodotti vari e diversificati. Credenze, mobili buffet, cassettiere e tavoli prendono vita grazie ai sistemi di lavorazione artigianale di alta qualità, che evidenziano i curati dettagli, studiati dalla giovane designer.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Con queste competenze, l’azienda tradizionale, grazie al sito web, raggiunge una vasta gamma di clienti, anche oltreoceano. Oggi il 90% degli arredi prodotti dall’Ebanisteria Gambella viene esportato all’estero, dove il Design Made in Italy artigianale di qualità viene sempre molto apprezzato. I mobili usciti dal laboratorio dell’Ebanisteria Gambella sono stati spediti in tutti i paesi dell’unione europea inclusa la Svezia, la patria dello stile scandinavo, tanto amato in questi ultimi anni.

Erika lavora in sinergia insieme al padre e ai suoi due fratelli maggiori Roberto e Michele, che trasferiscono nell’attività di famiglia, le conoscenze acquisite in diversi studi e settori, formando così un team perfettamente affiatato.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Roberto Gambella ci conferma che “Tutti i nostri mobili sono realizzati a mano, utilizzando esclusivamente vero legno massello delle essenze più pregiate. Le lavorazioni sono eseguite con tecniche costruttive di alta ebanisteria.” Lavorando direttamente con il cliente finale, senza intermediari, il prezzo che l’Ebanisteria Gambella propone è in linea con l’elevata qualità delle lavorazioni offerte. “Il vero motore della nostra ebanisteria” continua Roberto Gambella “è mio papà, che all’età di 80 anni, continua ad eseguire in prima persona la maggior parte dei manufatti. E’ un lavoratore instancabile, che continua a fare con passione quello che ha sempre fatto fin da bambino: costruire mobili”. Ecco una foto di Eugenio Gambella, con il mobile da lui costruito per un cliente di New York.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

In un mondo frenetico e in continuo movimento, è bello scoprire la presenza di realtà storiche, che hanno saputo rinnovarsi e continuano a farlo, pur mantenendosi legati alla tradizione artigianale italiana. L’Ebanisteria Gambella è una azienda storica a tutti gli effetti ed è in attesa del riconoscimento ufficiale e dell’iscrizione nell’albo delle imprese storiche italiane. Questo è ciò che ci ha spinto a dedicare un post a questa azienda a conduzione familiare, che ci ha affascinato con i suoi pezzi unici di design di alta qualità in legno massello.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

25 Gennaio 2020 / / Case e Interni

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Chiunque apprezzi il design senza tempo di alta qualità e funzionalità è nel posto giusto. Oggi dedichiamo un articolo ad un'impresa italiana che, nel nostro Paese, si distingue per la qualità e l'eccellenza del lavoro artigianale: l'Ebanisteria Gambella da generazioni realizza arredi di pregio fatti a mano, rinnovandosi costantemente nella contemporaneità con mobili di design richiesti in tutto il mondo.

Come architetti e interior designer, ci interessano sempre le belle storie di aziende di arredamento che hanno saputo rinnovarsi, senza rinunciare alla qualità tipica della produzione artigianale italiana.

Fondata nel 1915, l'Ebanisteria Gambella propone al pubblico prodotti di alta qualità estetica e funzionale. Arrivati alla terza generazione di proprietà della famiglia, i mobili vengono realizzati sempre in modo artigianale e sempre con un'irrefrenabile passione per il proprio lavoro, investendo nella continua ricerca della bellezza, sempre coniugata con la funzionalità. Nel corso degli anni, l'impresa familiare ha ampliato il suo potenziale innovativo e creativo, senza voltare le spalle alla propria identità. Ognuno dei mobili è realizzato a mano con materiali pregiati, consentendo di garantire una qualità elevata e rendere ogni pezzo unico.

La designer Erika Gambella ha un forte senso dello stile e lavora come free lance con clienti in America, Canada ed Australia. Grazie al suo orientamento internazionale, per l'impresa di famiglia, Erika ha ideato prodotti vari e diversificati. Credenze, mobili buffet, cassettiere e tavoli prendono vita grazie ai sistemi di lavorazione artigianale di alta qualità, che evidenziano i curati dettagli, studiati dalla giovane designer.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Con queste competenze, l'azienda tradizionale, grazie al sito web, raggiunge una vasta gamma di clienti, anche oltreoceano. Oggi il 90% degli arredi prodotti dall'Ebanisteria Gambella viene esportato all'estero, dove il Design Made in Italy artigianale di qualità viene sempre molto apprezzato. I mobili usciti dal laboratorio dell'Ebanisteria Gambella sono stati spediti in tutti i paesi dell'unione europea inclusa la Svezia, la patria dello stile scandinavo, tanto amato in questi ultimi anni.

Erika lavora in sinergia insieme al padre e ai suoi due fratelli maggiori Roberto e Michele, che trasferiscono nell'attività di famiglia, le conoscenze acquisite in diversi studi e settori, formando così un team perfettamente affiatato.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Roberto Gambella ci conferma che “Tutti i nostri mobili sono realizzati a mano, utilizzando esclusivamente vero legno massello delle essenze più pregiate. Le lavorazioni sono eseguite con tecniche costruttive di alta ebanisteria.” Lavorando direttamente con il cliente finale, senza intermediari, il prezzo che l'Ebanisteria Gambella propone è in linea con l'elevata qualità delle lavorazioni offerte. “Il vero motore della nostra ebanisteria” continua Roberto Gambella “è mio papà, che all'età di 80 anni, continua ad eseguire in prima persona la maggior parte dei manufatti. E' un lavoratore instancabile, che continua a fare con passione quello che ha sempre fatto fin da bambino: costruire mobili”. Ecco una foto di Eugenio Gambella, con il mobile da lui costruito per un cliente di New York.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

In un mondo frenetico e in continuo movimento, è bello scoprire la presenza di realtà storiche, che hanno saputo rinnovarsi e continuano a farlo, pur mantenendosi legati alla tradizione artigianale italiana. L'Ebanisteria Gambella è una azienda storica a tutti gli effetti ed è in attesa del riconoscimento ufficiale e dell'iscrizione nell'albo delle imprese storiche italiane. Questo è ciò che ci ha spinto a dedicare un post a questa azienda a conduzione familiare, che ci ha affascinato con i suoi pezzi unici di design di alta qualità in legno massello.

Anna e Marco - CASE E INTERNI
18 Gennaio 2020 / / Case e Interni

interni dai toni neutri

Il beige è il nuovo grigio? Sempre più spesso negli interni nordici vediamo che le pareti grigio antracite e i toni grigio perla stanno lasciando il posto a qualcosa di più caldo: una combinazione di colori ispirata alla natura con sfumature di bianco che si amalgamano a tonalità sabbiose (ma anche ai grigi chiari) inserendo poi toni cammello, senape o mattone.




Amiamo ancora i toni grigi, non fraintendeteci, ma le nuove tonalità neutre possono offrire nuove opzioni nella decorazione d'interni che non possiamo farci sfuggire.

Il beige non deve essere per forza noioso. Se pensiamo al beige, probabilmente ci vengono in mente immagini d'interni insipidi, decorati con vernice avorio o caffè latte. Oggi i beige sono stati rivisitati in chiave contemporanea, sia che vengano utilizzati per pavimenti in resina, su mobili dalle finiture opache, su semplici tessuti in lino, per non parlare dei caldi complementi in legno chiaro.

Una stanza grigio-beige può sembrare subito elegante, tranquilla e serena, come attesta questo appartamento svedese, che per motivi di budget non ha subito una grande ristrutturazione, ma un relooking parziale, grazie a nuovi arredi e una studiata palette di colori neutri.

In questa casa il beige è uno sfondo neutro per inserire pezzi vintage e accenti più colorati. Il legno color “biscotto” del pavimento, del top cucina, delle sedie (CH24 | Wishbone Chair o Y Chair, modello Hans J. Wegner progettato esclusivamente per Carl Hansen & Søn nel 1949) si sposa alla perfezione con la cucina color sabbia. L'arredamento lineare dai colori chiari, mostra una forte connotazione scandinava ed è impreziosito dalle trame dei tessuti e da alcuni oggetti e mobili vintage che aggiungono carattere all'insieme.

I consigli per copiare lo stile

Come per tutti gli interni dai toni neutri, per rendere interessanti gli ambienti beige, aggiungere profondità allo spazio, è indispensabile giocare con:

  • le trame (contrasti tra morbido e duro, liscio e ruvido per esempio)
  • le fantasie (anche se è solo un tono su tono)
  • le piante, che danno un po' di freschezza ad un interno neutro
  • qualcosa di personale ed originale (arredi ed oggetti vintage, ad esempio)

Per cui se ami i toni neutri, ma temi siano troppo freddi per la tua casa (specialmente nelle stanze esposte a nord), i nuovi grigio-beige sono moderni e freschi, ma molto più caldi dei grigi, indipendentemente da dove vengono utilizzati. I delicati toni di grigio-beige insieme al bianco e al legno chiaro, trasformeranno qualsiasi interno in uno spazio leggero, arioso e accogliente. Beige is the new Grey!















Fonte: Alvhem

Anna e Marco - CASE E INTERNI
21 Dicembre 2019 / / Case e Interni


Dicembre è il mese delle festività natalizie, quindi anche la nostra casa ha bisogno di essere decorata in un modo molto festoso. Questa casa svedese è arredata con un mix di stile scandinavo e shabby chic. La base perfetta per un'accogliente casa di Natale.

Guardando l’arredamento con accenni Shabby chic di questa casa svedese, decorata per Natale, ci immergiamo un po' nella magia natalizia nordica.

Speriamo che la casa di Ellinor possa darti delle ispirazioni per rendere i tuoi spazi domestici più caldi e accoglienti per l'inverno.














Fonte: madeinpersbo.blogspot.com
Fotografie: Carina Olander Photography

Per ulteriori idee o ispirazioni Scandinave, dai un'occhiata ai nostri articoli passati.

Ti auguriamo Buone Feste!

Anna e Marco - CASE E INTERNI
15 Dicembre 2019 / / Case e Interni


Abbiamo trovato una casa con numerose idee da cui prendere ispirazione per decorare la casa per le Feste a tema nordico. Le decorazioni natalizie scandinave possono creare un'atmosfera luminosa, serena e tranquilla per questo Natale.

Questa casa canadese è stata completamente arredata dalla rivista Style at Home, prendendo ispirazione dalle case di campagna svedesi. Qui prevale il colore bianco con elementi semplici e minimalisti che contribuiscono a creare un'atmosfera piacevole, che agisce favorevolmente su di noi e aiuta anche ad alleviare lo stress.

Non c'è miglior periodo dell'anno per rivolgersi allo stile scandinavo. Le decorazioni nordiche colpiscono per la loro semplicità rilassante e sofisticata, non stupisce che anche i canadesi ne abbiano subito il fascino.

C'è un'attenzione particolare alla natura e all'uso del verde, come rami di sempreverde, foglie, pigne, ghirlande verdi fatte di rami di pino, che portano un po' di bellezza naturale dall'esterno all'interno. Quindi quest'anno, perché non guardare il tuo giardino, i parchi e gli spazi verdi come fonte di ispirazione, magari prendendo alcuni ramoscelli per aggiungere un po' di gioia nordica festiva alla tua casa?

Anche la squisita semplicità della luce delle candele è un'arte che i nostri vicini nordici hanno imparato. Mentre la tua casa si illumina a lume di candela, l'atmosfera cattura tutti i colori della stagione, dalle bacche e ghirlande verdi alle decorazioni rustiche in legno.

La combinazione di colori bianco, grigio e verde, con alcuni tocchi d'oro offre un approccio così pulito e fresco alla decorazione delle festività natalizie. La semplicità è la chiave per realizzare un vero ambiente scandinavo, niente di troppo appariscente o sfarzoso.

Se vuoi aggiungere alcuni tocchi rustici e country chic alla tua casa, queste idee potranno ispirarti.










[fotografie: Brittany Devenyi; fonte Style at Home]

Per ulteriore idee o ispirazioni Scandinave, dai un'occhiata ai nostri articoli passati.

Anna e Marco - CASE E INTERNI