31 Maggio 2019 / / News

Da quasi tre anni ormai si aggira per il web una Community di creativi e colorati personaggi che sognano di portare in Italia “un magazine che è molto più di un semplice magazine”.
Una vera e propria scatola delle Meraviglie, che di nome fa F L O W Magazine e di cui vi avevo già parlato con il cuore aperto QUI:
Per averlo in italiano sono arrivata 2 anni fa persino a Bologna, con un microfono a parlare davanti ad un mare di gente al Mondo Creativo, spiegando cosa per me rappresenta Flow Magazine, sin dalla lettura del suo primo numero!

“Flow è Colore, Passione, Ispirazione. Un mondo fatto di Carta e Persone speciali. 
Persone creative e romantiche che amano le piccole cose belle che ognuno di noi, quasi sempre, ha la fortuna di possedere già e lo dimostrano raccontandole e mettendo a frutto ognuno, in modo diverso e unico, i propri talenti.
Amo davvero con tutto il cuore Flow perchè in ogni sua singola pagina e anche in ognuno di quegli sguardi leggo quello che brilla in tutte le persone ispirate da qualcosa di più grande, di più ambizioso, di più appassionato.

Leggo lo sforzo che ci vuole ad essere diversi, ad accettare le cose imperfette della Vita riuscendo a guardarle con una tale forza e consapevolezza da riuscire a coglierne solo il Bello, trasformandolo in opere d’arte o meravigliose esistenze fatte di creatività e condivisione di valori davvero importanti.
Leggo la determinazione di non arrendersi alle prime difficoltà, l’ umiltà con la quale si condivide ogni traguardo o successo, e la speranza che se non è facile almeno è possibile.”

RACCOLTA FIRME – VENERDI 31 MAGGIO
Condividi la tua foto su Instagram, 
partecipando con l’hashtag #MILLEPERFLOW
dicendo che vuoi #flowinitaliano
taggando @flowmagazineIrene @irenesmitflow 

Scarica la mia illustrazione e CONDIVIDILA su Instagram
Quello che ti chiediamo oggi è di scegliere un’ illustrazione o una foto preferita (da questo ma anche dal Post di Anabella) e unirti alla nostra raccolta firme QUI con un commento sotto l’ultima foto di Ana, per portare la nostra voce oltre il web, oltre la nostra fortissima Community, per arrivare dove bisogna farla sentire e poterla trasformare in un’ edizione cartacea scritta e pensata per noi italiane/i!!!
Non sappiamo se questa sarà la nostra ultima chiamata per cercare di realizzare questo grandissimo Sogno, ma so che le persone bellissime che sono dietro a questo progetto non sono fragili, sebbene siano sensibili, sono determinate nonostante siano riservate, e non si arrenderanno mai davanti alle difficoltà ma anzi continueranno a crescere e a seminare desideri sempre più grandi!
Ti aspettiamo nella nostra Community di #flowinitaliano e mi raccomando, oggi più che mai, Passaparola ;-)))!!!

25 Marzo 2019 / / Decor

Una nuova settimana comincia e io voglio salutarla e darle il benvenuto, nel modo più colorato e allegro che conosco.
Presentandovi una delle talentuose illustratrici che il web mi ha permesso di incontrare, conoscere e subito inserire tra le mie preferite. Oggi infatti vi presento Alice, meglio conosciuta come Little Pine Alice e il suo Mondo illustrato ispirato ai boschi, alle gite avventurose zaino in spalla, con il vento tra i capelli e le montagne a riempire gli orizzonti.
Alice ha uno stile che mi ha subito affascinato. Semplice, estremamente però coinvolgente e dai colori che, anche se leggeri, riescono a comunicare con molta personalità la sua visione delle cose.
Se ancora non la seguite su Instagram la trovate con il nome di @littlepinealice, ma adesso vogliamo tutti sapere qualcosa di più sul suo lavoro, vero?


1. Quando ti sei avvicinata al mondo dell’ illustrazione?
Da quando ho ricordi il disegno è sempre stato una costante, matite, pennarelli, acquerelli, tempere, che ho potuto sperimentare con tecniche tradizionali durante il periodo del Liceo artistico.
Finito il Liceo la mia scelta principale era l’accademia di belle arti ma non sapevo bene cosa avrei voluto fare, alla fine scelsi Design di prodotto all’ Accademia di belle arti Laba a Brescia, scelta che comunque rifarei perchè in qualche modo ha cambiato in positivo la mia visione delle cose e l’approccio a qualsiasi forma progettazione (che sia design di un prodotto piuttosto che un progetto illustrato). 
Durante tutto il percorso formativo ho sempre avuto una particolare attenzione per la grafica digitale che successivamente si è tramutata in una forma di illustrazione tornando però al disegno manuale.

2. Quali progetti ti appassiona seguire di più o che vorresti inserire in portfolio? 
I miei progetti preferiti sono tutti legati alla montagna o ai viaggi.
Solitamente chi mi commissiona un’illustrazione o un logo per il proprio brand ha le mie stesse passioni e questo facilita molto il lavoro e crea un legame con il cliente.
In particolare uno dei miei lavori preferiti è stato proprio il logo per una giovane coppia di fotografi  che adorano la montagna e viaggiano spesso e la richiesta principale era quella di unire la fotografia e la passione per l’avventura.

3. Quali sono le tre parole che meglio descrivono i tuoi lavori e il tuo Stile?
Semplicità, tranquillità (dicono) e forse ingenuità.

4. Puoi descriverci la tua giornata tipo?
La mia giornata è divisa in 2, faccio un lavoro part time legato al marketing e finito li torno a casa per lavorare sui progetti di illustrazione: sia su commissione che progetti di prodotti miei (cartoline illustrate, stampe calendari ecc) che poi rivendo sul portale Etsy, quindi mi tengo un giorno durante la settimana per la preparazione degli ordini e la spedizione. Solitamente sono di corsa e in ritardo :/

5. Come hai sistemato la tua zona di lavoro?
La mia zona di lavoro è la mia scrivania: ho una lampada, una pila di fogli disegnati, una pila di fogli nuovi, pennelli e altri strumenti vari, un computer, lo scanner per scansionare i disegni e le cuffie per la musica.
All the illustrations are published
with the kind permission of Alice Pasinetti – LITTLE PINE ALICE

6. Pensi che un illustratore abbia bisogno di uno stile personale? e quali sono i tuoi suggerimenti per svilupparne uno?
Penso che ogni cosa che facciamo, i posti che frequentiamo e quelli ancora da esplorare ci influenzino in qualche modo e anche le nostre passioni, essendo sempre in continuo mutamento, vengano a loro volta influenzate da altre mille cose. Penso che lo stile personale sia sempre in evoluzione, per svilupparne uno proprio bisognerebbe capire prima di tutto cosa ci piace, i nostri riferimenti artistici, musicali e cinematografici. Per un illustratore penso sia fondamentale, è il proprio biglietto da visita. Ad esempio io vorrei essere contattata non perchè sono “brava a disegnare” ma perchè piuttosto disegno in un certo modo.

5 Luglio 2018 / / Design

Jasmin Darnell illustrazioni di pinup vittoriane - Serafina

Jasmin Darnell crea illustrazioni dal gusto retrò in cui convivono l’aristocrazia vittoriana e le ragazze pin-up di ispirazione Manga

Fra i tanti artisti che si promuovono in rete ce ne sono di tutti i tipi: da quelli super esibizionisti che raccontano ogni aspetto della loro vita per mettersi in mostra, a quelli più schivi e riservati che non sono interessati a parlare troppo di sé e preferiscono esprimersi attraverso le loro opere. Jasmin DarnellYasahime sui social – fa sicuramente parte di questa categoria. E’ difficilissimo trovare informazioni su di lei e molto poco c’è scritto anche sul suo sito internet:

Sono un’artista autodidatta e vivo in Nuova Zelanda. La mia arte si ispira principalmente alle fiabe, al fantasy e alla storia della moda. Uso matite, inchiostri, pennarelli e Clip Studio.

Tutto qui. A dir poco laconica…

Jasmin Darnell illustrazioni pin-up - Bonsai

Jasmin Darnell – Bonsai

Un mix di Oriente e Occidente

Jasmin Darnell è un’artista di origine inglese e forse per questo è chiaramente influenzata dalla moda di epoca vittoriana. Ma è altrettanto evidente l’influsso dei disegni manga e nelle sue illustrazioni riesce a fondere il gusto occidentale per l’ornamento di fine ‘800 con le influenze dell’arte giapponese.

L’artista spazia dai disegni a matita e inchiostro, colorati a pastello, alle illustrazioni realizzate al computer con la digital art, e tutte hanno in comune lo stesso gusto retrò. In ogni caso Jasmin è ossessionata dalla bellezza femminile e rappresenta le sue pin-up vittoriane in pose ammiccanti, sempre sul filo di un sottile erotismo. Ingenui Lolite che ci trasportano in un piccolo mondo antico dove convivono uno affianco all’altro i personaggi delle fiabe, il fantasy e il mondo del circo con costumi sgargianti e balocchi.

Queste originali bamboline retrò mantengono però una loro eleganza nonostante le pose e gli atteggiamenti provocanti anche grazie allo stile dell’artista, sempre sofisticato e ricco di dettagli, decorazioni e motivi ornamentali. Le palette dai toni tenui e desaturati, poi, suggeriscono il passare del tempo e allo stesso tempo ricordano i colori delle stampe tradizionali giapponesi.

• LEGGI ANCHE: Illustrazioni digitali fantasy e sognanti di Anna Dittmann

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga

L’articolo Jasmin Darnell, pin-up vittoriane in stile Manga proviene da Things I Like Today.

26 Giugno 2018 / / Design

Loish Digital Art

Uno stile personale e l’uso di colori originali e armoniosi caratterizzano le illustrazioni digitali di Loish, completamente realizzate in Photoshop

La giovane digital artist Lois van Baarle – Loish – è sempre stata appassionata di disegno e a soli 16 anni ha iniziato a sperimentare con l’arte digitale. Ha imparato a disegnare e a creare illustrazioni digitali in Photoshop come autodidatta ma dopo il diploma ha studiato animazione ed ora lavora ad Utrecht come illustratrice e animatrice freelance. Lois van Baarle è attivissima sui vari social dove è conosciuta come Loish, il suo nickname in rete, e ha migliaia di follower su DeviantArt, Facebook, Instagram e Kickstarter.

Le sue illustrazioni si caratterizzano per i bellissimi colori e l’uso di palette vibranti esaltate da linee sottili che danno profondità e personalità ai suoi personaggi riuscendo a trasmettere emozioni attraverso la luce. Gli abbinamenti di colore sono sempre molto originali e il trattamento finale spesso arricchito da texture e trame, dà corpo alle sue illustrazioni digitali.

Ispirandosi inizialmente ai disegni manga, all’art nouveau di Alphonse Mucha e ad altri artisti digitali come Bara-Chan e Yi Lee, Loish è riuscita presto a sviluppare un suo stile personale, continuando ad esercitarsi ogni giorno per migliorare la sua tecnica. Oggi ammira molto il lavoro di Bao Pham il cui uso dei colori è fonte di ispirazione e una motivazione per continuare ad allenare il suo talento.

Penso che sia importante trarre ispirazione dagli stili che più ti ispirano e trarre ispirazione da una varietà di fonti piuttosto che da una o due. Penso che lavorare in modo intuitivo sia anche molto importante: disegnare ciò che ti fa stare bene, invece di fare troppe riflessioni sulla tecnica o sul processo di disegno. Questo rende più facile sviluppare un approccio personale al disegno.
Art Sketch

Ispirazione e tecnica

Lavorando sempre in Photoshop, Lois van Baarle parte da una base di colore neutro più o meno scuro e comincia ad aggiungere i colori utilizzando tinte vivaci che risaltino fra loro in modo armonico e facciano “parlare” il disegno. Poi lavora sui i colori modificando la tinta, la saturazione i contrasti, aggiungendo le texture finchè non è soddisfatta del risultato. Infine aggiunge altri dettagli per completare l’opera.

Loish è molto generosa con i suoi fan. Realizza tantissimi tutorial, condivide le sue tecniche e dispensa consigli a tutti coloro che vogliono approcciarsi a Photoshop per realizzare le loro illustrazioni digitali.

Un consiglio utile è quello di evitare l’uso di ombre o luci che sono semplicemente versioni più chiare o più scure del colore di base. Prova a utilizzare un colore diverso per le ombre o le luci per dare più dimensione e vita alla tua foto. Un altro metodo che uso è quello di aggiungere trame all’inizio del processo, che può aggiungere colori, profondità ed effetti interessanti allo schizzo colorato.
Art Sketch

Loish illustrazioni digitali in Photoshop

Loish illustrazione digitale in Photoshop

Loish crea illustrazioni digitali in Photoshop

Lois van Baarle - Illustrazioni digitali in Photoshop

Lois van Baarle - Loish - illustrazioni digitali

Lois van Baarle - Loish - illustrazioni digitali in Photoshop

L’articolo Loish, illustrazioni digitali in Photoshop proviene da Things I Like Today.

4 Maggio 2018 / / Design

Thomas Danthony illustrazioni per la campagna pubblicitaria Magnum

La nuova campagna pubblicitaria del Magnum è sofisticata ed elegante e mira non solo a promuovere il prodotto ma anche a rendere più belle le nostre città grazie alle illustrazioni di Thomas Danthony!

Create dall’agenzia Lola Mullenlowe Madrid e disegnate dall’artista francese Thomas Danthony, queste illustrazioni fanno parte della nuova campagna pubblicitaria per il gelato Magnum e giocano in modo originale con l’identità del marchio. Protagonista di queste illustrazioni è infatti la sagoma inconfondile del gelato con lo stecco, fusa abilmente all’interno della scena, in modo discreto ma realistico. Il claim “True to pleasure” si rispecchia nei diversi momenti di piacere raffigurati: una bellissima donna, un bacio sul ponte, una fresca nuotata in piscina o una musica suadente.

Thomas Danthony è un illustratore e pittore francese che lavora fra Londra e Barcellona. Ama creare immagini caratterizzate da un intenso uso del colore e delle luci, sfruttando spesso lo spazio negativo per ottenere composizioni sorprendenti con un tocco di mistero. Fra i suoi molti clienti ci sono Google, The New York Time, Penguin, The New Yorker… e il gelato Magnum!

Thomas Danthony per la nuova Campagna Magnum

Thomas Danthony per la nuova Campagna Magnum. Le affissioni riguarderanno Londra, Barcellona, Roma e Parigi.

Le illustrazioni di Thomas Danthony per la Pleasure Campaign hanno uno stile minimalista ed elegante e fondono perfettamente illustrazione e advertising per un risultato piacevole e immediatamente riconoscibile. L’uso del blu sofisticato ed elegante sottolinea l’esclusività del prodotto rivolto a un pubblico metropolitano e cosmopolita.

“Ho iniziato cercando di capire la forma attraverso un sacco di schizzi, poi ho cercato situazioni che non avevano nulla a che fare con il gelato, ma erano momenti piacevoli che potevo incorporare.
Le pubblicità di Magnum sono tradizionalmente abbastanza sensuali ma l’obiettivo era di adottare un approccio completamente diverso. Mi piace mescolare composizioni audaci con idee sottili e questa serie sembrava essere una grande opportunità per fare proprio questo con colori vibranti. Spero che la gente lo veda come un nuovo tipo di pubblicità, anche se l’obiettivo principale è quello di vendere un prodotto, può anche essere visivamente interessante. Potrebbe essere un po ‘ingenuo, ma mi piacerebbe pensare che la pubblicità possa decorare la città piuttosto che renderla più brutto: se le persone si fermassero per due secondi durante il tragitto, sarebbe già un successo. ”
Creativeboom

Thomas Danthony ha uno stile che a volte mi ricorda quello della bravissima Malika Favre… evidentemente il french touch è proprio inconfondibile!

 THOMAS DANTHONY Pleasure Campaign Magnum

Thomas Danthony per la nuova Pleasure Campaign Magnum

Pleasure Campaign Magnum

 THOMAS DANTHONY Pleasure Campaign Magnum

 THOMAS DANTHONY Pleasure Campaign Magnum

L’articolo Thomas Danthony per Magnum, un piacere anche per gli occhi! proviene da Things I Like Today.

13 Ottobre 2017 / / Design

Dito Von Tease Melting Pop - Hello Killy

In Melting Pop Dito Von Tease gioca ancora una volta col tema dell’identità, rielaborando e trasformando le icone pop che hanno accompagnato la nostra infanzia

Dopo averci fatto sorridere con Ditology e iDollz, il misterioso grafico bolognese Dito Von Tease torna a far parlare di sè con un nuovo progetto grafico intitolato Melting Pop. Il titolo dice già tutto perchè quello che ci propone stavolta è una galleria di 24 tavole in cui personaggi a noi ben noti della cultura pop contemporanea, assumono nuove identità ambigue e fuorvianti.
Fra giochi di parole e assonanze visive, Dito Von Tease attinge a piene mani nell’immaginario pop alla ricerca di personaggi-icona e oggetti quotidiani da rielaborare e trasformare: star del cinema, supereroi, cartoni animati…

• LEGGI ANCHE: Ditology l’impronta della celebrità

"Melting Pop" il nuovo progetto grafico di Dito Von Tease

“Melting Pop” il nuovo progetto grafico di Dito Von Tease

Il progetto si sviluppa in due fasi, come in un gioco di squadra, fra parole e immagini che si sostengono a vicenda: il primo passo è quello di accostare due parole o nomi già esistenti per creare un portmanteau (parola macedonia), nella seconda fase questo neologismo viene reso visivamente mescolando le immagini dei personaggi – apparentemente diversissimi e inconciliabili – per creare nuove identità immaginarie.
Ecco quindi “Marionymous“, un audace mix fra Mario Bros e Anonymous oppure l’improbabile “Bart Vader“, un frullato fra il simpatico Bart dei Simpson’s e il malvagio Darth Vader! Ma ce ne sono tanti altri uno più divertente dell’altro.
Per il progetto Melting Pop Dito Von Tease ha creato 24 nuovi personaggi giocando ancora una volta col tema dell’identità, rielaborando e trasformando in modo spiritoso e geniale le icone pop che hanno accompagnato la nostra infanzia.

• LEGGI ANCHE: iDollz le bambole icona di Dito Von Tease

Dito Von Tease Melting Pop - Pikachups

Dito Von Tease Melting Pop - Ice Scream

11 Ottobre 2017 / / Design

L’illustratrice newyorkese Kim Salt ha uno stile tutto personale e ci tiene a ribadirlo nelle sue illustrazioni estrose e stravaganti

Kim Salt è un’illustratrice freelance che vive e lavora a New York ed è specializzata in illustrazioni editoriali, per libri, riviste e magazine. Ha clienti importanti e internazionali come The Boston Globe, The Guardian, The New York Times, NOWNESS, The Washington Post, The Wall Street Journal ed è molto apprezzata in quest’ambito perchè il suo è uno stile molto personale e riconoscibile. Le illustrazioni di Kim Salt trasmettono una sensazione di gioia e relax, sono colorate, morbide, grandi e sproporzionate. Ed è proprio questo il bello, il suo tratto distintivo.

Kim Salt - Winter Hues

Winter Hues

Kim ha un grande senso della forma e dello spazio e usa colori tenui e golosi. Il suo lavoro celebra “la magia interna del mondo e i ritmi unici delle cose viventi“. Nelle sue illustrazioni fantasiose e sognanti la natura è sempre protagonista, con bellissimi fiori, enormi piante e animali. Ma la sua immaginazione vola anche nello spazio, con una visione sempre positiva e colorata. Le sue immagini hanno un forte senso della forma e della composizione e sono dinamiche ed estrose.

Quando è in cerca di ispirazione si rivolge al mondo reale, all’arte, alla danza o alla musica. Cerca invece di stare lontana dal lavoro di altri illustratori per evitare di rimenerne influenzata mentre cerca di rafforzare il suo stile e  la sua voce. Se ti piace il lavoro di Kim Salt visita il suo portfolio online.

• LEGGI ANCHE: Steve Scott illustrazioni editoriali vintage

Kim Salt "Jiji in the Flowers"

“Jiji in the Flowers” illustrazione ispirata al film di Studio Ghibli “Kiki’s Delivery Service”

Kim Salt "A few burning questions" - Illustrazioni editoriali per The Globe and Mail

A few burning questions – Illustrazioni editoriali per The Globe and Mail

Illustrazioni editoriali - Kim Salt - Peopled Places

Peopled Places

18 Settembre 2017 / / Design

Buon Lunedì pazzerelli, ho appena finito la mia pausa pranzo e sono prontissima a cominciare una nuova settimana insieme a voi scoprendo un’altra talentuosa e delicata illustratrice di cui mi sono innamorata tempo fa, di origine giapponese, autrice della bellissima illustrazione che ho condiviso qualche tempo fa qui su Instagram.
Lei si chiama Maki Hasegawa in arte ABSTRACT TALES, e vive a Milano dal 1999.
Ho da subito perso la testa (si può dire vero?) per le sue illustrazioni dal tratto naïf e poetico che mi hanno subito fatto venir voglia di fare qualcosa insieme a lei.
I suoi colori sono acquerellati e gentili, proprio come lei, e riescono appena li guardi a regalarti quel qualcosa in più che si nasconde nei nostri gesti quotidiani, quelle piccole cose che ci circondano nella vita di tutti i giorni e da cui Maki si lascia ispirare per le sue opere.
In più è un’appassionata illustratrice di set creati per gli amanti delle Snail mail, e vi assicuro, dopo averli acquistati sul suo SHOP (visto l’alto numero di amiche di penna che ho), che sono  S T U P E N D I!!!
Quindi… se son riuscita a farvi innamorare della sua bravura e del suo stile ecco che vi piacerà tantissimo scoprire anche qualche altra curiosità sulla sua arte che trovate nell’intervista qui sotto.
P.s. un grazie di cuore davvero per tutto alla meravigliosa Maki perchè è stato bellissimo lavorare insieme 😉


1. Quando ti sei avvicinata al mondo dell’illustrazione?
Quando ero molto piccola, perche’ a casa disegnavo sempre. Mi ricordo che quando disegnavo da piccolissima, mi ispiravo molto spesso dai libri illustrati che avevamo in casa oppure quelli che ho visto (letto) all’asilo, e dalle cose che ho visto in giro quando giocavo con gli altri bambini di vicino. Al primo anno di scuola elementare ho fatto un piccolo libro illustrato con l’aiuto della mia madre
sui giorni di campeggio estivo.

2. Cosa ami di più del tuo lavoro? 

Non e’ da molto tempo che ho iniziatio a fare l’illustratrice, ma sono molto felice di aver iniziato. Per iniziare, oltre che dipingere le illustrazioni ho fatto una serie di set di carte da lettera utilizzando i miei dipinti e con questi prodotti ho creato il negozio Etsy “Abstractales”. Le carte da lettere sono ancora usate molto in Giappone, Nord America e Nord Europa, anche in Australia e Nuova Zelanda e anche io scrivo dei biglietti e lettere ogni tanto… Ho ricevuto dei messaggi molto positivi e racconti dell’esperienze di averle usato dagli acquirenti di Etsy allora ho capito che i messaggi scritti a mano portano veramente le emozioni delle persone. 
Quando ho visto gli occhi delle persone che si illuminano vedendo i miei dipinti o prodotti o libro illustrato ai mercatini, ho sentito una bella sensazione di onore e soddisfazione.
Quando le cose che ho creato io rendono le persone felici, e quando posso comunicare con le persone, sono molto contenta. Perche’ ogni persona e’ differente, diversa, e se riesco a creare un filo di comunicazione con una energia positiva, sento che il lavoro che faccio è relativa all’arte.


3. Quali sono le tre parole che meglio descrivono i tuoi lavori?
Trasparenza, Dettagli, Storie.


4. Puoi descriverci la tua giornata tipo?
Faccio diverse cose: le mie attività sono progetti personali, il negozio Etsy, e attualmente un progetto di libro illustrato insieme alla Galleria d’arte San Francesco (Dieci notti di sogni), poi se c’è, il lavoro commissionato. 

Il lunedì e il venerdì, al primo mattino vado all’ufficio postale in centro per spedire gli ordini online . Per il resto dei giorni, dopo che ho controllato se ci sono e-mail e messaggi, lavoro! 
Cerco di uscire da casa almeno una volta al giorno, approfittando il giorno che devo ritirare qualcosa stampata dalla tipografia, oppure semplicemente per fare una camminata al parco vicino a casa. 

5. Come hai sistemato la tua zona di lavoro?

Ho una stanza piccola, ma pensata per lavorare in casa. La stanza è piena di cose: tanti scaffali (per prodotti e materiali di spedizione per Etsy, carte, blocchi, CD ,stereo, etc) 2 scrivanie (tavolo per lavorare, tavolo per computer). 

Ho posizionato il mio tavolo da lavoro davanti alla finestra, cosi ricevo la luce del sole. Devo ancora sistemare tante cose, ma mi piace uno spazio piccolo e per me è già comodo. 

6. Pensi che un illustratore abbia bisogno di uno stile personale? e quali sono i tuoi suggerimenti per svilupparne uno?
Penso che un’illustratore ottiene un suo stile lavorando, e ammirando i maestri. 

I maestri possono essere qualsiasi cosa che può dare ispirazione e idea sulla bellezza o un segreto per realizzarla. Possono essere i quadri antichi o contemporanei, decorazioni di architetture, gioielli, oggetti di vita quotidiana, paesaggi, frammenti di natura, animali, libri, e pittori e illustratori storici o attuali….penso che ammirandoli, cerchiamo di trovare un segreto per visualizzare l’idea di bellezza di ognuno. 



28 Agosto 2017 / / Design

Lera Kiryakova Selena Gomez cartoon portrait

Lera Kiryakova è un’illustratrice russa che ama disegnare attori, cantanti e celebrità del mondo dello spettacolo con lo stile dei cartoon. Selena Gomez, Beyonce o Rihanna non sono mai state così adorabili!

Le illustrazioni di Lera Kiryakova ci piacciono moltissimo perchè in fondo ci fanno tornare un po’ bambini, quando anche noi provavamo a disegnare i personaggi dei nostri cartoni animati preferiti. Ormai cresciuta, Lera non ha perso il desiderio di ritrarre i suoi beniamini, che oggi sono personaggi in carne ed ossa, e lo fa secondo la sua interpretazione, trasformandoli in cartoon o personaggi dei fumetti.
Le sue scelte ricadono su attori, cantanti e celebrità, seguendo sempre l’attualità e i trend del momento senza dimenticare i personaggi delle serie TV, come Sherlock, o del cinema, come Harry Potter o La La Land.
Fra le varie celebrità Lera ammette di preferire Maddie Ziegler, la ragazzina protagonista di alcuni video di Sia:

“Ho disegnato Maddie diverse volte perchè è un personaggio solare e mi piace come danza.
E poi amo disegnare teenager e bambini.”

Ma la realtà è che sono tutti fantastici ed è difficile decidere quale sia il più bello.

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Maddie Ziegler

Maddie Ziegler come un personaggio dei cartoni animati

Guarda il video con la gallery dei personaggi più riusciti di Lera Kiryakova

Partendo dalle foto che trova su internet, Lera Kiryakova crea i suoi deliziosi ritratti in stile cartoon, realizzati con pochi tratti semplici e puliti ma allo stesso tempo anche molto realistici. Ma soprattutto quest’artista ha la capacità di cogliere le espressioni e gli atteggiamenti che rendono speciale ciasun personaggio, quella scintilla nello sguardo che ti fa capire subito di chi si tratta e che rende un ritratto perfettamente riuscito!

Lera ha iniziato a disegnare da bambina e ha frequentato per un paio d’anni una scuola d’arte.
Ha iniziato a creare i suoi ritratti cartoon prima solo con penne a inchiostro e poi a sperimentare con varie tecniche, dai pastelli colorati agli acquerelli ai colori ad olio e persino la pittura digitale ma attualmente il suo strumento preferito sono i pennarelli COPIC.

E’ seguitissima su Facebook e sul suo canale YouTube dove ci sono alcuni video delle sue creazioni in speed drawing, ma soprattutto sul suo profilo Instagram dove ha superato i 200.000 follower. Insomma, non perdetela!

LEGGI ANCHE: Butcher Billy trasforma Robert Smith in un fumetto horror

Lera Kiryakova ritratti stile cartoon di Taylor Swift e Beyonce

Lera Kiryakova – Ritratti stile cartoon di Taylor Swift e Beyonce

Lera Kiryakova ritratti stile cartoon di Johnny Depp

Johnny Depp in Cry Baby è perfetto come personaggio dei fumetti!

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Lana del Rey

Il ritratto stile cartoon di Lana del Rey è fantastico!

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Rihanna

Rihanna, bellissima anche in versione fumetto

Maddie Ziegler lera kiryakova art on Instagram

Ancora Maddie Ziegler

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Ryan Reynolds

L’attore Ryan Reynolds

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Anthony Hopkins

Anthony Hopkins

Lera Kiryakova ritratto stile cartoon di Mathilda, la protagonista del film Léon

Mathilda, la protagonista del film Léon

2 Agosto 2017 / / Design

Illustrazioni popup di Tullius Heuer

Il digital artist brasiliano Tullius Heuer mescola fotografia e disegno per creare incredibili illustrazioni popup che sembrano saltare fuori dal foglio!

Avete presente i libri popup per bambini in cui le figure “saltano fuori” mentre si sfogliano le pagine? Ecco cosa mi ricordano le illustrazioni popup di Tullius Heuer, immagini surreali tridimensionali che nascono dalla fantasia e schizzano fuori dal foglio!

Tullius Heuer è un digital artist brasiliano che lavora come freelance occupandosi principalmente di creare illustrazioni per CD cover, poster, copertine di libri, loghi, branding, visual identity o campagne pubblicitarie…
Nel tempo libero però ama realizzare i suoi progetti personali e mostrarli su DeviantArt con il nickname di Iskander1989.  E così è diventato presto famoso per il suo talento e la sua capacità di fondere in modo invisibile la fotografia e l’illustrazione per ottenere immagini tridimensionali strabilianti in cui il disegno sembra prendere vita.

Le sue illustrazioni popup non solo ci danno l’illusione di un disegno che si trasforma in realtà ma sembra quasi che i personaggi, magicamente dotati di vita propria, vogliano fuggire dal foglio in cui sono imprigionati per entrare nel mondo reale, come nella bellissima immagine Don’t leave me in cui una ragazza tende le braccia verso di noi in cerca di aiuto per liberarsi dal foglio in cui è imprigionata.

Illustrazioni popup di Tullius Heuer - Transcending Reasons

Tullius Heuer – Transcending Reasons

Illusioni ottiche 3D

Per simulare l’illusione della tridimensionalità su una superficie piana, Tullius Heuer ha sviluppato diverse tecniche, lavorando principalmente con Photoshop e Illustrator:

“Inizio con una ricerca approfondita di una foto con una specifica angolazione e con una prospettiva che mi permetta di lavorare con le ombre per dare la sensazione di qualcosa che si sviluppi dal foglio alla realtà. Queste ombre non sono necessariamente realistiche ma devono essere sufficientemente morbide per dare l’apparenza del volume all’immagine e creare una sottile transizione.
Altri elementi, come una matita o una mano possono essere sistemati in modo strategico per dare l’impressione che parti del corpo stiano venendo fuori e aumentare l’illusione del 3D.”

LEGGI ANCHE: Sebastien Del Grosso disegni che prendono vita

In una lunga intervista online, Tullius parla un po’ di sè e racconta come trova l’ispirazione per le sue bellissime illustrazioni popup:

“Ho iniziato a concentrarmi sull’arte quando ho capito di poter rappresentare i miei pensieri in un’immagine, il che è abbastanza importante per me – è quello che voglio per la mia vita. Sono una persona molto empatica e paziente, cerco di non arrabbiarmi mai. Sono anche molto emotivo (piango facilmente quando sono sopraffatto dalle emozioni per qualcosa).
Le mie principali influenze sono davvero semplici, nient’altro che la vita e i suoi sentimenti. Mi sento ispirato dalla musica, da quando mi sveglio e vedo i miei cani giocare, da un bambino senza tetto che chiede un pezzo di pane, dai film e da tutto ciò che mi circonda. A volte mi metto in meditazione profonda sull’esistenza e penso alle cose che posso fare per cambiare me stesso ed essere una persona migliore.
Voglio fare arte per avere un impatto positivo sulla vita delle persone. Non importa quante persone la vedono, se anche solo una persona ne sarà toccata, ne vale la pena.”

 

Ecco come nascono le illustrazioni popup di Tullius Heuer

Illustrazioni popup di Tullius Heuer - Winter of Life

Illustrazioni popup di Tullius Heuer – Winter of Life

Illustrazioni popup di Tullius Heuer - My Love is Higher

My Love is Higher

Illustrazioni popup di Tullius Heuer - The Helping Hand

The Helping Hand