Din Design In 2019: il giro del mondo in 2000 metri quadri

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor, News

Ritorna per il settimo anno consecutivo Din – Design In, evento di design internazionale che avrà luogo dal 9 al 14 aprile 2019 in occasione del Fuorisalone di Milano.

Dopo il successo delle 6 edizioni precedenti conferma la sua presenza all’interno del distretto più stimolante della Milan Design Week: il Lambrate Design District, dove il visitatore potrà perdersi fra mostre di qualità realizzate da designer e realtà imprenditoriali indipendenti, scuole e accademie internazionali.

La sede espositiva è un ex capannone industriale di 2000 mq, dove Promotedesign.it creerà un percorso esperienziale scovando e selezionando accuratamente brand, young label e marchi storici per mostrare il meglio che il panorama del design contemporaneo ha da offrire. Nelle edizioni precedenti Din – Design In ha ospitato oltre 800 realtà provenienti da più di 80 nazioni differenti che hanno mostrato la propria idea di design, raccontando l’iter progettuale che ha portato alla realizzazione dell’oggetto e messo in evidenza le caratteristiche distintive di ogni singolo Paese.

Sulla parete esterna del capannone vivrà l’Installazione “Beyond the Wall” dell’artista Erika Calesini. L’opera vuole veicolare un messaggio attuale e dal forte impatto comunicativo: “Non arrendersi, andare oltre, superare le barriere quando veniamo messi a confronto con situazioni difficili, come le barriere che ci dividono dagli altri”. Il design, in primis, stimola a superare i classici confini della progettazione per raggiungere l’essenza dell’innovazione e della sperimentazione.

All’interno dell’esposizione troviamo i progetti RIMUPUKEN eWALUNG di Alessio Tanzini – Alma Eterea Zero Waste Design. RIMU è una compostiera organica orizzontale che aiuta le persone a ridurre i propri rifiuti organici, trasformandoli in humus utile per le piante da giardino. PUKEN è un contenitore per conservare a freddo frutta e verdura senza l’utilizzo della corrente elettrica. WALUNG è un contenitore per alimenti sfusi, con la caratteristica di possedere un corpo in vetro e una base in terracotta su cui vi è un taglio che permette la fuoriuscita controllata degli alimenti.

UnKnown Furniture, il brand creato dal designer lettone Raimonds Cirulis, presenta [BLACK] series, la prima linea di arredi interamente in lava / basalto vulcanico mai creata al mondo. Bricks è, invece, una collezione di mobili per i bambini creata dal designer russo Max Kasymov. Ispirati al lego permettono di creare una composizione polifunzionale ultramoderna che non solo può ospitare vestiti e giocattoli per bambini, ma può insegnare come mantenere in ordine i propri oggetti personali trasformando il noioso processo del riordino in un gioco.

L’Università degli studi G. d’Annunzio di Chieti-Pescara presenta parte delle attività didattiche sviluppate nel Dipartimento di Architettura, all’interno Corso di Laurea in Design. Nello specifico gli studenti espongono artefatti comunicativi progettati durante i corsi di studio. Vengono mostrati i migliori risultati ottenuti nei primi due anni di vita del corso di Product Design nell’ambito del sistema cucina e Design del sistema arredo bagno e wellness. Per l’area Comunicazione gli studenti propongono i migliori elaborati sui temi progettuali legati al Design del Manuale d’uso dell’immagine coordinata per i musei della Provincia di Pescara.

Le studentesse del NID, Nuovo Istituto Design di Perugia, rinnovano la loro presenza al Din, per il terzo anno consecutivo, ed espongono una serie di oggetti in ceramica derivati da uno studio sulla semiotica di oggetti esclusivamente decorativi, secondo un trend che vede gli spazi domestici sempre più popolati da accessori iconografici.

BANNACH è un marchio di arredo con sede a Berlino, fondato da Moritz Bannach nel 2018. Design purista e una combinazione audace di colori sono tra le principali caratteristiche del design del brand. A Lambrate nel 2019 BANNACH presenta la collezione UNO, quattro tavoli da pranzo e da conferenza le cui caratteristiche distintive sono due serie di gambe incrociate che supportano un piano d’appoggio massiccio. L’intera collezione presenta un forte carattere scultoreo, enfatizzato dalla combinazione di un design essenziale con una selezione di colori espressivi.

All’interno dello spazio industriale riconferma inoltre la sua presenza il Temporary shop di circa 300 mq firmato Artistarjewels.com e dedicato alla vendita di creazioni uniche e creative di gioiello contemporaneo. Nell’area esterna invece, dedicata al food, verrà realizzato un giardino d’inverno, pronto ad accogliere i visitatori che da tutto il mondo creeranno sinergie stimolanti con i designer coinvolti dell’esposizione.


Durante l’edizione 2018 – afferma Enzo Carbone, CEO di Prodes Italia, società che ha fondato nel 2010 Promotedesign.it – abbiamo piacevolmente constatato negli occhi dei visitatori lo stupore nel trovare così tante realtà internazionali e innovative all’interno di un unico spazio così ampio. Per il 2019 abbiamo lavorato attivamente per coinvolgere organizzazioni e aziende da tutto il mondo, che con i propri prodotti possano valorizzare il Distretto di Lambrate”.

L’articolo Din Design In 2019: il giro del mondo in 2000 metri quadri proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

DREAMING JEANS: OMAGGIO A FREDDIE MERCURY

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano, News

In occasione del Fuorisalone Monza 2019,  lo spazio Amerigo Milano Concept Store di Monza diventa un Omaggio a Freddie Mercury.

I Jeans realizzati dall’artista Roberto Spadea, sono i veri protagonisti di questa originale installazione e si “trasformano” in diffusori di musica riproducendo l’atmosfera della storica esibizione al Wembley Stadium per il Live Aid del 13 luglio 1985.

Un’installazione di opere sonore di design ( Jeans appesi), che diventano così gli attori dello spazio, mettendo in relazione l’esperienza visuale e  quella musicale.

Musica, arte e design si fondono riproducendo un’esclusiva atmosfera di altri tempi.

fuori salone monza

DREAMING JEANS: OMAGGIO A FREDDIE MERCURY A MONZA

DAL 3 AL 18 APRILE 2019 IN OCCASIONE DEL FUORISALONE MONZA 2019

DURATA E ORARI DI APERTURA

Evento Fuorisalone Monza 2019   Dreaming Jeans: Omaggio a Freddie Mercury  – presso Amerigo Milano Concept Store via Carlo Alberto 35 MONZA

Vernissage: mercoledì 3 Aprile alle ore 18

Durata installazione: dal 3 Aprile al 18 Aprile 2019

In occasione del Fuorisalone Monza2019  Amerigo Milano Concept Store rimarrà aperto:

da Lunedi a Domenica   10|13   14|21

LUOGO

Amerigo Milano Concept Store

Via Carlo Alberto 35 MONZA

www.amerigomilano.com

Fuorisalone Monza 2019 è un’iniziativa  organizzata dal Comune di Monza

Tags: , ,

 
 

L’8 marzo si celebra Women in Lighting

Pubblicato da blog ospite in Luxemozione, News

L’articolo L’8 marzo si celebra Women in Lighting proviene da Luxemozione.

La luce è donna? Io penso di sì. Ho sempre sostenuto che, per
progettare bene la luce, non occorra solo la conoscenza della tecnica, ma una
sensibilità che, è più probabile riscontrare nel femminino.

Personalmente credo che, in uno studio perfetto, non debba
mai mancare una figura di designer donna: parlare di lux è una condizione
necessaria ma non sufficiente ad essere un bravo lighting designer, è
necessario arrivare a soluzioni che coniughino tecnica ed emozione, sempre.

Women in Lighting

Questa premessa per segnalarvi l’evento internazionale intitolato Women in Lighting, una piattaforma digitale che celebra la figura professionale della donna nell’ambito dell’illuminazione. Il progetto è creato per condividere le loro passioni e promuovere risultati e obiettivi lavorativi con la finalità di far emergere i loro profili professionali all’interno della communità dei professionisti della luce.

L’iniziativa lanciata da Light Collective di Londra, sarà presentata 8 Marzo 2019 in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

“When we talk about
women in design, we should not turn it into a minority issue. We need to honour
our heroines because unless they are visible, we will not encourage the next
generation of female designers.”
Ilse Crawford

Il progetto raccoglierà
statistiche nell’ambito della professione illuminotecnica rispondendo alla “call
to action” dell’Interior  Designer
inglese Ilse Crawford: “Come possiamo mettere in risalto le donne di successo
che lavorano in questo settore in maniera da incoraggiare le future
generazioni? Chi è già inserito in questo settore come può dare loro supporto?”

ll sito web www.womeninlighting.com  raccoglierà una serie di interviste a donne di tutto il mondo: partendo dalle professioniste Lighting Designer l’obbiettivo sarà quello di includere tutte le donne che operano nei diversi campi all’interno del settore dell’illuminazione: insegnamento, giornalismo, produzione, arte e ricerca.

Il tema della Giornata
Internazionale della Donna 2019 è Balance
for Better
: un invito ad agire per promuovere l’equilibrio di genere in
tutto il mondo. Questo messaggio è direttamente collegato ad uno dei risultati
a cui mira il progetto Woman in Lighting.

Abbiamo rilevato che le
donne sono sottorappresentate analizzando la loro partecipazione a conferenze,
comitati e giurie. Poiché circa il 50% dei progettisti di illuminazione sono
Lighting Designer donna, l’obbiettivo principale è che ottengano una visibilità
del 50%.

Le ambasciatrici nel mondo

Il progetto è già supportato da donne designer in circa 50 diversi paesi. Queste “ambasciatrici” sono il punto di riferimento per tutte le donne che vogliono saperne di più sul progetto. Il sito sarà lanciato con oltre 30 interviste realizzate da Light Collective e inviterà altre donne a partecipare caricando la propria.

Tra i nomi delle ambasciatrici  nel mondo compaiono anche nomi di amiche e colleghe, tra queste Giorgia Brusemini, designer e fondatrice del blog “Ognicasa è illuminata” che è ambasciatrice per l’italia

Ed Helena Gentili, lighting designer, attualmente di stanza a Bangalore, in India, che rappresenterà il paese di cui è al momento ospite.

Tutti le colleghe o i colleghi italiani interessati a quest’iniziativa  possono contattare  per maggiori informazioni ed essere coinvolti in questo progetto l’organizzazione all’indirizzo hello@womeninlighting.com oppure la nostra “ambasciatrice” italiana Giorgia Brusemini mail@ognicasailluminata.com.

La co-fondatrice del progetto, Sharon Stammers di Light Collective, ha dichiarato: “Essendo state coinvolte fin dall’inizio nel lighting design, le donne hanno avuto un ruolo maggiore nel plasmare la professione del lighting designer sia in architettura che in ingegneria. Il settore del lighting design con le sue numerose applicazioni, apre a diverse opportunità lavorative in altrettanti diversi scenari. È un settore in grado di condividere informazioni tra i membri della sua comunità e può quindi offrire supporto ad altre donne che potrebbero averne bisogno. Vogliamo creare modelli da seguire, bilanciare gli equilibri e incoraggiare le donne a scegliere di lavorare nell’illuminazione o in altri posti di lavoro correlati “.

Woman in Lighting non parla di disuguaglianza di genere ma di inclusività e i vantaggi che questo porta all’intera professione.

Il lancio di Woman in Lighting è supportato da Formalighting, produttore di illuminazione a conduzione familiare con oltre 50 anni e 2 generazioni dedicate all’illuminazione architettonica. Light Collective ha scelto di accostare formalighting a questo progetto poiché l’azienda ha un’alta percentuale di donne che ricoprono ruoli chiave

Bell’iniziativa, non è vero?

L’articolo L’8 marzo si celebra Women in Lighting proviene da Luxemozione.

Tags: ,

 
 

Le meraviglie del Mercanteinfiera

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, Decor

Antiquariato, modernariato, design e collezionismo vintage gli indiscussi marchi di fabbrica di Mercanteinfiera.

Una delle kermesse internazionali più ricche e strabilianti sta per tornare ad animare gli spazi delle Fiere di Parma. Dal 2 al 10 marzo, Mercanteinfiera aprirà i battenti ed io sarò lì insieme ad altre 3 fantastiche blogger e a migliaia di visitatori a gustarmi l’evento.

Mercanteinfiera non è solo un’esposizione, ma una vera e propria città antiquaria. Nel tempo si è conquistato il rango di uno tra i più importanti appuntamenti del settore su scala europea, più di mille espositori  esibiscono le loro preziose opere a decine di migliaia di appassionati, collezionisti e cultori della memoria.

 

I miei occhi luccicheranno davanti alle rarità esposte che abbracciano cinque secoli di storia e il mio entusiasmo salirà semplicemente alle stelle davanti alle creazioni  dei grandi maestri del design, Gio Ponti, Joe Colombo e Franco Albini  (giusto per citarne alcuni).

A Mercaneinfiera  inoltre non può mancare la moda vintage dove potrete trovare  tra l’altro le “Marlene”, le scarpe in piuma di Jimmy Choo rese celebri da Carrie Bradshow in Sex and the City, i collier di Larry Vrba monumentale firma delle sfilate di Victoria’s Secret, le famose mini-bag di Morris Moskowiz o i coloratissimi abiti da sera firmati Versace, LV, Hermés , Chanel.  I signori uomini non devono temere, però, c’è tantissimo anche per voi.  Molto vasta la sezione dedicata all’orologeria: Rolex, Audemars Piguet, Vacheron Constantin, Patek Phlippe, Hublot.

E i figli?  Questo è un viaggio che potrete fare con tutta la famiglia, ci saranno due straordinarie mostre collaterali all’interno dei Padiglioni, la prima è:

Let’s play: come giocavamo. Giochi e giocattoli della collezione Gianni Marangoni, collezione privata che abbraccia gli anni ’30 e ’60 del Novecento.  Un viaggio nella fantasia da intraprendere con i vostri bimbi, alla scoperta dell’universo ludico dei nostri genitori e dei nostri nonni.

L’altra è Storie della città di Luna. Frammenti di vita all’ombra di Roma. Realizzata in collaborazione con il Polo museale della Liguria, la mostra è un viaggio nell’antica città di Luna (oggi Luni) fondata nel 177 a.C come avamposto militare romano grazie al console Marco Emilio Lepido (uno dei triunviri cui si deve la Via Emilia).

Disegni inediti realizzati da Carlo Promis nel 1857 sugli scavi condotti sul sito a partire dal 1800, faranno da sfondo, negli spazi di Fiere di Parma, a materiali archeologici, bronzi, formelle di età augustea, come ad esempio la testa di Marte. Opere importanti finora sconosciute al grande pubblico perché collocate nei depositi del Museo di Luni.

Questa mostra permette di scoprire quegli oggetti che non vengono esposti nei musei, che restano nei depositi, ma che comunque sono importantissimi frammenti della nostra storia. E di questi oggetti “nascosti” sono ricchi non solo i musei italiani, ma quelli di tutto il mondo.

L’offerta di Mercanteinfiera è talmente vasta che ce n’è per tutti i gusti, basta staccare il biglietto e  intraprende questo fantastico viaggio. Parma vi attende! La sera, la capitale della Food Valley vi delizierà  il palato con proposte gastronomiche da gourmet e appuntamenti dedicati alla musica classica e all’arte.  Quale occasione più glam per organizzare un bel weekend!

INFORMAZIONI:

Luogo: Fiere di Parma – Viale delle Esposizioni 393/A

Data: da sabato 2 marzo a domenica 10

Orari: dalle ore 10 alle ore 19

Prezzo giornaliero: Euro 10 (intero); gratuito per ragazzi fino a 14 anni

 

Tags:

 
 

Come nasce un evento | Danish Design Exhibition a Roma

Pubblicato da blog ospite in News, Picsilli

La settimana dal 20 al 28 ottobre si è svolta a Roma l’evento/mostra a tema design vintage danese organizzata da me, lo studio di architettura Duilio Secondo e Lack00danishlab. Io ho collaborato all’ideazione dell’allestimento e ho creato il progetto grafico, ecco come.

Come è nato

L’ intenzione di organizzare un evento che avesse come protagonista pezzi meravigliosi di design danese anni ’50 e ’60 era nata da tempo tra me e Lack00, più o meno da quando avevamo chiaccherato a lungo del piacevole disordine danese in casa sua.
Poi l’incontro con Stefano ed Irma, architetti romani di Duilio Secondo,
e il loro spazio-studio messo a disposizione per accogliere l’evento.

L’ allestimento

Lo studio Duilio Secondo si affaccia su di un cortile interno dominato da un’ imponente scalinata che collega la corte seminterrata al piano strada. Stefano racconta che una volta quella scalinata era di accesso alle botteghe che affacciavano nel cortile.
Gli interni dello spazio sono ampi e divisi su due piani, il piano terra dedicato alle esposizioni dei mobili che costruiscono e il soppalco adibito a loro zona studio vero e proprio. I due piani sono collegati da una scalinata in ferro verniciata di nero.

L’ allestimento è nato tenendo conto delle altezze e di ciò che era già presente all’interno dei locali (ad esempio un tavolo lungo sei metri e le luci esistenti).
Si è scelto di posizionare i pezzi di design scelti nello spazio al piano terra, alcuni posizionati sopra al tavolo, insieme a libri e riviste che accompagnavano i pezzi, invece per altri sono state progettate e costruite pedane e cubi in legno MDF di 1 cm. in modo tale da evidenziare l’importanza del pezzo esposto.
Il colore rosa del pavimento era già esistente; si è pensato di dipingere dello stesso colore le pedane e i cubi per non inserire un altro colore di base che facesse da sfondo ai colori dei legni naturali dei mobili.

Per raccontare ogni mobile sono state scritte poche righe che raccontassero aneddoti e curiosità, stampate su carta adesiva trasparente e incollate su tavolette di MDF, poste accanto al mobile corrispondente.
Le luci soffuse e puntuali sopra ogni pezzo avevano il compito di enfatizzare l’atmosfera e dare importanza alla loro storia.

Le grafiche

Le bozze originarie che ho progettato per l’evento sono due, la prima (che poi è stata scelta per rappresentare l’evento) racchiude i simboli dei due protagonisti; il transatlantico Duilio Secondo, simbolo dell’omonimo studio e un’immagine di Finn Juhl e della poltrona Lounge Chair model 133 – The Spade. Il tutto graficamente descritto coni colori dei due loghi, rosso, nero e bianco.

Della locandina sono state progettate diverse versioni, quella ufficiale e quelle da pubblicare sui vari social e siti che hanno annunciato l’evento, adattate ai vari formati di pubblicazione.

I pezzi di design vintage

Sono stati scelti pezzi di design vintage danese anni ’50-’60 che hanno segnato la storia dei loro designer, ecco quali.

Johannes Andersen, Coppia di comodini per CFC Silkeborg, 1960, legno teak
Arne Vodder, Credenza “model 63”, 1958, legno palissandro
Erik Wørts, Sideboard, 1960, legno quercia
Finn Juhl per France & Søn, Lounge Chair “model 133 – The
Spade”, 1954, legno teak
Arne Vodder, Scrivania “model 60”, 1959, legno teak
Kaare Klint, Safari Chair, 1933, legno frassino
Kristian Vedel, Easy Chair “model Modus”, 1963, legno palissandro
Peter Hvidt e Orla Mølgaard-Nielsen, Easy Chair “model FD145” High Back per France&Daverkosen (prima che diventasse France&Son), 1953, legno teak massello


L’articolo Come nasce un evento | Danish Design Exhibition a Roma proviene da .

Tags:

 
 

Un viaggio tra i secoli: le meraviglie del Gotha

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, News

Ciao amici ho una straordinaria notizia per voi. Si avvicina un evento che aspetto da tempo e che vedrà me, e altre tre blogger, come ambasciatrice. Vi porterò in un mondo che sembra lontano nel tempo, ma in realtà è più attuale di quanto si immagini.

In questi anni l’andata glamour del neo vintage ha fatto sì che in molti cerchino di costruirsi un’identità nel sofisticato mondo del collezionismo internazionale di antiquariato, ma poche realtà al mondo possono vantare il blasone della splendida cornice del Gotha, appuntamento immancabile per tutti gli appassionati.

Quest’anno più che mai Parma, la città che ospita questa bellissima mostra, è intenzionata a ristabilire le gerarchie  nelle agende dei principali buyer mondiali con una manifestazione che, mantenendo il suo core, strizza l’occhio al crescente interesse per la fotografia e l’arte contemporanea.

La fiera di Parma da anni è meta imprescindibile di gallerie internazionali che qui trovano la loro sede ideale per esporre al meglio un catalogo assai variegato fatto da un mix di rarità del 700 e preziosi scatti fotografici.  Dall’ 8 all’ 11 novembre si tramuterà in un affascinante crocevia di mercanti del bello con più di 1500 mq espositivi dove non sarà difficile rimanere rapiti dall’inebriante potenza espressiva di opere d’arte che attraversano 3 secoli di storia.

Un trait d’union tra i secoli, che troverà degna manifestazione nelle fiere collaterali. Tesori del 700: tre opere donate dall’Accademia di Parma, che costituisce uno dei cardini del nutrito programma espositivo, nonché un’ epica scoperta ad opera di Paolo Aquilini, Direttore del Museo della seta di Como, e il critico Roberto Borghi. I bocconiani più attenti potranno vantarsi quindi  di riconoscere l’eccellenza espressiva delle sculture di Arturo Martini (sue il leone e la leonessa che campeggiano nell’atrio del celeberrima università milanese) nell’altra manifestazione Leone e Leonessa 1935-1936. Due sculture ritrovate di Arturo Martini, in quanto gli originali erano custoditi in una villa alle porte di Lecco e per la prima volta verranno rivelati al pubblico. Valore delle opere 150.000 euro.

Insomma un concentrato di bellezza senza tempo ma anche un appuntamento per i sempre più numerosi mecenati che in tutto il mondo per diletto e senso civico si stanno avvicinando al collezionismo d’arte come segno di rinascita culturale da condividere con la collettività aprendo dimore storiche o inaugurando gallerie e musei.

Ma la Fiera non è aperta solo ad un pubblico intenditore e investitore. Il fatto straordinario è che è aperta a tutti e chissà anche voi potreste tornare a casa con un salotto firmato Giò Ponti del 1938 oppure con un barattolo porta tabacco degli anni ’20 firmato Richard-Ginori.

L’arte si mette in mostra a Parma e il Gotha lo fa nei migliori dei modi inaugurando il suo profilo IG, un profilo che vuole condividere l’arte nel senso più democratico e contemporaneo del termine.
Vi aspetto al Gotha dunque, io sarò lì alla preview del 7 novembre, con ospite d’onore il Prof. Vittorio Sgarbi, e voi che aspettate? Seguitemi in questo sogno!

Tags: ,

 
 

MATERIA: appuntamento con il design a Catanzaro

Pubblicato da blog ospite in Design, La Gatta Sul Tetto

Torna anche quest’anno MATERIA, il Design Festival made in Catanzaro giunto alla terza edizione: dal 20 al 23 settembre.

MATERIA design a Catanzaro

Come vi avevo raccontato l’anno scorso in questo post dedicato alla seconda edizione del Festival, la kermesse calabrese è un progetto la cui ambizione è quella di diventare il festival più importante del Mediterraneo nell’ambito del design. I suoi ideatori e sviluppatori, le Officine AD, hanno scommesso sui giovani talenti, sull’innovazione e sulla cultura, sulla tradizione locale e sull’artigianato di alto livello, riuscendo ad attirare migliaia di visitatori e imponendosi ormai come evento ineludibile.

Quest’anno l’evento può contare sulla curatela di Sergio Fabio Rotella,  noto architetto e designer catanzarese che lavora tra Milano e Pechino, e vedrà l’arrivo di  prestigiosi ospiti internazionali, come gli architetti giapponesi compasso d’oro Setsu e Shinobu Ito, l’Israeliano Ronen Joseph e tanti altri.

Tema e momenti clou

Il tema della terza edizione di MATERIA è “PASTmeetsFUTURE”, e i due momenti di punta, giocati sul filo conduttore della contaminazione,  saranno le esposizioni Made in Calabria e Souvenir Calabria, in cui si potranno ammirare gli oggetti nati dall’estro di designer italiani e internazionali e realizzati da artigiani locali. Ecco qualche anteprima:

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Setsu e Shinobu Ito con Menniti & Mercuri: poltroncina e libreria IONIKI

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Ronen Joseph con l’azienda Domenico Cugliari: madia MONTEROSSO

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Imma Matera e Tommaso Lucarini con l’Azienda Salvatori per i vassoi MEDÍ

 

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Domenico Gioia con l’artigiano Marzia De Rosa con FICARAZZA

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Gerardo Mari e Fabbriche Musicali Calabresi con TAMBURELLO

Il festival avrà poi anche altri momenti dedicati ad attività formative e ludiche, informali e interattive: showroom, mostre di giovani designer provenienti da tutta Italia, aperiTalk, workshop, esposizione al museo Marca, pranzo informale con i designer, installazioni e la mostra itinerante dedicata al packaging. Insomma, un programma molto ricco che potrete scoprire visitando il sito e i canali social:

sito

pagina facebook


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags:

 
 

Arcadia Ufficio firma il prestigioso progetto ARAGON HOUSE!

Pubblicato da blog ospite in Design, Voglia Casa

Aragon House è un prestigioso moderno fino mercato Business Centre di quattordici piani sviluppato nel cuore di St. Julian’s specificatamente per le esigenze di una clientela di alto livello. Il palazzo è una struttura d’acciaio, racchiuso da una parete vetrata intesa al miglior sfruttamento possibile dell’efficienza energetica.

Arcadia ha progettato per loro delle pareti divisorie eleganti e di design senza venir meno alla funzionalità, sono state realizzate pareti Wall System e Rolling Wall.

Per l’Aragon House sono stati realizzati anche i Bagni in HPL.
Le nostre pareti per bagni sono realizzate in laminato stratificato con spessore 14 mm, rifinite con bordi smussati ed angoli arrotondati. I pannelli sono montati su profili in alluminio anodizzato, sui quali sono collocate le battute per le porte.

Al loro interno trovano alloggio sia le guarnizioni antiurto che le cerniere. Quest’ultime sono realizzate in alluminio anodizzato con sistema di accostamento automatico, regolabili in due direzioni, corredate di boccole anti-sfregamento plastiche e di ammortizzatori di battuta. A terra dispongono di un piedino regolabile in altezza coperto da cover plastica conica removibile. Esso blocca i moduli al pavimento, sospendendoli per un’altezza di 20 cm. Lungo il profilo superiore viene utilizzato il profilo in alluminio, che fissato ai montanti, provvede al collegamento della struttura orizzontale. Le porte sono auto-chiudenti e hanno la serratura in acciaio inox fornita di dispositivo libero/occupato e di apertura di emergenza.

www.arcadiaufficio.it

Tags:

 
 

Cersaie 2018, anticipazioni e programma ufficiale

Pubblicato da blog ospite in Design, La Gatta Sul Tetto

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale manifesto

Mancano ormai solo 20 giorni al Cersaie 2018, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno.

Ecco qualche anticipazione su ciò che ci aspetta in questa 36° edizione, che si terrà a Bologna dal 24 al 28 settembre.

Il manifesto

Cominciamo dal manifesto: si chiama “Scacco bagno”, ed è stato scelto tra i 43 bozzetti partecipanti al concorso Beautiful Ideas. Gli autori sono il team White Stuff, composto da Naima Annoni, Enrica Caiello, Riccardo Piovesan e Maria Cristina Ziviani, studenti dell’Accademia di Brera: la loro idea è stata premiata per aver rappresentato nel modo più efficace il Cersaie come luogo d’incontro internazionale di persone interessate al mondo della ceramica, come richiesto dal bando del concorso. Un manifesto geniale nella sua semplicità, nel quale i sanitari si trasformano in pedine di una partita giocata da chi arreda l’ambiente bagno.

La fiera riqualificata e gli eventi in programma

Sarà un polo fieristico rinnovato di fresco quello che accoglierà espositori e pubblico: tre i nuovi padiglioni, dedicati esclusivamente all’arredobagno, progettati dall’architetto Gianni di Gregorio e concepiti come veri e propri spazi urbani.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale nuovi padiglioni

Crediti Di Gregorio Associati Architetti

Proprio in uno dei nuovi padiglioni si terrà la mostra tematica che da cinque edizioni arricchisce il programma di eventi proposti: quest’anno si intitola ‘The Sound of Design’ e si svilupperà sul tema dell’immortalità del design e della musica. Non a caso la colonna sonora che accompagnerà i visitatori lungo il percorso espositivo, suddiviso in set, sarà composta dagli indimenticabili brani pubblicati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 (sarà difficile non accennare un passo di danza!). Curatori della mostra Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale sound of design

‘The Sound of Design’, set contract bagni pubblici

Nell’ambito dell’evento, mercoledì 26 settembre si terrà la premiazione della quinta edizione dell’ADI Ceramics & Bathroom Design Award, pensato per valorizzare i prodotti italiani più innovativi: per darvi un’idea, l’anno scorso sono stati premiati Cristina con Italy, Art Ceram col prodotto The One, Cotto Etrusco con Terre Ossidate, Ideagroup col prodotto Dolcevita, Coem con il prodotto Shelf project, Provex con Jolly system MinMax,  e Cerasarda col prodotto Abitare la Terra.

ADI Ceramics Bathroom Design Award Cersaie 2017

Uno dei vincitori della scorsa edizione: Shelf di Paolo Benevelli per Coem

Gli amanti dell’Architettura con la A maiuscola, apprezzeranno il programma dell’evento culturale di spicco della fiera, Costruire Abitare Pensare: martedì 25 Lectio Magistralis tenuta da Richard Rogers, mentre il 26 settembre sono previste due conferenze con l’architetto brasiliano Carla Juaçaba e l’architetto portoghese Camilo Rebelo, vincitore del premio Baku UIA International Architecture Award 2017 per il progetto “Ktima House”. Giovedì 27 settembre i due grandi maestri Mario Botta e Guido Canali dialogheranno sul tema del “progetto”, mentre gli architetti Sandra Barclay, Jean Pierre Crousse e Vincenzo Latina presenteranno due progetti che toccheranno il tema della tolleranza attraverso il linguaggio dell’architettura.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale Costruire Abitare Pensare

Camilo Rebelo Photo by Nuno Pinto//Richard Rogers photo by Andrew Zuckerman//Guido Canali photo by Andrea Martiradonna//MarioBotta foto Nicola Gnesi courtesy Fondazione Henraux

I laboratori della “città della posa”

Per tutti gli addetti ai lavori, c’è il laboratorio La città della posa, luogo ideale per aggiornarsi sulle ultime novità tecnologiche e le tecniche più avanzate: seminari, workshop, esercitazioni pratiche rivolte non solo ai posatori, ma anche ad ingegneri, architetti e geometri. Per il publico, sarà interessante assistere alle dimostrazioni di messa in opera dei rivestimenti di grandi formati, una delle tendenze più gettonate del momento.

I Cafè della stampa

Anche quest’anno non mancheranno i Cafè della stampa, momenti di pausa durante i quali i direttori di testate prestigiose come Abitare, AD, Chiesa Oggi, DDN, Domus, Il Bagno Oggi e Domani, Interni, La Repubblica, L’Arca International, Marie Claire Maison, Monitorimmobiliare, Suite e The Plan, dialogheranno con le figure protagoniste dell’architettura e del design nazionale e internazionale, approfondendo  i trend e l’evoluzione del mondo delle superfici, dei materiali, delle tecnologie e dell’ambiente bagno. Gli appuntamenti in programma sono tredici, e scandiranno le giornate della fiera in tre momenti diversi: il Breakfast Time (dalle 10 alle 10.45) l’Appetizer Time (dalle 12 alle 12.45) e infine il Coffee Time (dalle 15 alle 15.45). I Cafè della stampa si terranno nell’“Agorà dei Media” presso il Centro Servizi.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale

Cersaie disegna la tua casa

Sempre nell’“Agorà dei Media”, nelle giornate di giovedì 27 e venerdì 28 settmbre, si terrà la 7° edizione di ‘Cersaie disegna la tua casa‘, l’attività di consulenze e consigli  gratuiti che 16 testate italiane del settore arredamento, con i loro progettisti, mettono a disposizione del pubblico interessato alla ristrutturazione della propria abitazione. Si consiglia la prenotazione dell’incontro per evitare lunghe attese.

Per maggiori info, visitate il sito

Noi ci ritroviamo settimana prossima per qualche anticipazione sulle novità e le tendenze nell’arredobagno e rivestimenti.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags: ,

 
 

Promo Relax prorogata per tutta l’estate!

Pubblicato da blog ospite in Clever

LA PROMO RELAX 2018 È STATA PROROGATA SENZA VARIAZIONI

Per tutta l’estate, fino al 20 settembre 2018 se acquisti una cameretta Clever potrai ricevere in omaggio un materasso extra comfort.

PROMO A
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 2.290,00 potrai ricevere in omaggio un materasso singolo extra comfort del valore commerciale di € 300 (IVA inclusa).

PROMO B
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 3.490,00 potrai ricevere un omaggio a scelta tra:
– un materasso matrimoniale extra comfort,
– due materassi singoli extra comfort.

Scopri le caratteristiche tecniche dei materassi in omaggio visitando la pagina Promo Relax

INFORMAZIONI UTILI

  • La promozione è valida presso i Rivenditori Partner autorizzati e aderenti all’iniziativa.
  • La promozione è valida fino ad esaurimento scorte.

Per trovare il negozio più vicino a te e prenotare un appuntamento consulta la pagina Rivenditori Partner.

Tags:

 
 




Torna su