Case e Interni






 
 
 

Illuminazione tavolo da pranzo [idee e consigli]!

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni

lampada-sopsensione-mezzaluna oro 
Premessa
Ormai è saputo e risaputo di quanto la luce sia importante nella nostra vita quotidiana e di quanto sia essenziale avere una corretta illuminazione negli ambienti in cui viviamo. A maggior ragione se si tratta di luoghi dedicati al relax. Uno di questi è sicuramente il nostro tavolo da pranzo. A dire il vero il tavolo da pranzo non è esclusivamente una zona di relax, come può essere per esempio il momento della cena, ma anche una zona di lavoro dove si prepara la cena. In entrambi casi, l’illuminazione del tavolo da pranzo deve essere adeguata. La luce deve essere gradevole, calda e accogliente… non deve abbagliare e nemmeno affaticare la vista. Per quanto riguarda il design e lo stile vanno scelti, naturalmente, in base al gusto personale, mentre la quantità e qualità della luce no, è sempre consigliabile farsi guidare dagli esperti del settore!

Quale lampada per il tavolo da pranzo? Ovviamente una lampada a sospensione!

lampada-sopsensione-mongolfier 
Proprio così, per l’illuminazione del tavolo da pranzo la scelta perfetta (punti luce e altezze permettendo) è una lampada a sospensione, possibilmente posizionata al centro del tavolo. Oltre ad essere la soluzione ideale, la lampada a sospensione è anche di gran tendenza. Sarà la continua evoluzione del mondo del lighting unito al sempre più ricercato design, che rende una lampada a sospensione un vero e proprio oggetto d’arredo.

Una lampada sospesa al centro del tavolo riempie la stanza e focalizza la luce su quel preciso punto, diffondendola gradualmente nello spazio attorno. Attenzione però, la lampada va posizionata ad un altezza tale da non sbatterci la testa e in base alla forma e grandezza del tavolo è possibile scegliere modelli, linee e grandezze diverse.

mr magoo 
Se il tavolo è rotondo la lampada a sospensione dovrebbe seguire lo stesso stile quindi ideali sono le lampade a mezza luna o cupola o ancora semplicemente una sfera che dona sempre un po’ di magia. Per il tavolo quadrato si adattano bene sia le linee morbide che squadrate, mentre un tavolo rettangolare o di dimensioni maggiori dello standard richiede qualche accortezza in più. Solitamente in questi casi la scelta azzeccata è quella di accostare più lampade, così l’illuminazione diventa funzionale ed esteticamente piacevole.

IN-ES050L-BL_c 
Numerosi spunti ed idee li potete trovare su questo shop online. Come, per esempio, le originali e coloratissime lampade a sospensione della collezione Matt, realizzate in vetroresina effetto lavagna nella parte esterna, dove possiamo sbizzarrirci con un semplice gessetto, scrivendo, disegnando e cancellando, mentre la parte interna si può personalizzare con il colore a scelta tra quelli disponibili.

Bin lavagna


 
 

[DIY] Decorazione per Natale in stile nordico

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Decor, Idee

D3463801

Natale si avvicina a passi da gigante. Ecco una semplice idea fai da te in stile nordico per creare una bella decorazione, elegante e chic.

Ingredienti:

  • candele bianche
  • porta candele cilindrici alti
  • piatto capiente o sottopiatto
  • sciarpa loop di colore neutro
  • palline e decorazioni natalizie in tono

Come fare:
1. Posizionare la sciarpa attorno ad un piatto in grado di contenere le candele.
2. Disporre sul piatto le candele (meglio se di altezze diverse) con porta candela a cilindro alto. Fate attenzione che la sciarpa sia lontana e ben protetta dalla fiamma.
2. Abbellire con qualche pallina o decorazione natalizia, che fuoriesce dalla sciarpa.

[fonte wunderweib.de]

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Leggi anche:
8 idee per decorare l’albero di Natale

Tags: ,

 
 

Natale in stile nordico in bianco e blu

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Decor

natale-stile-nordico-scandinavo-1

Natale sarà qui, prima che ce ne rendiamo conto. Prepariamoci alla sistemazione delle decorazioni, prendendo ispirazione dallo stile scandinavo, in particolare da questa casa, dove vive Louise Dorph-Petersen, nota giornalista danese con la sua famiglia.


Secondo Louise a Natale dobbiamo assecondare il bambino che c’è dentro ognuno di noi, perchè non c’è giusto o sbagliato, se vi fa sentire bene.
La casa gioca su due tonalità, il bianco ed il blu, declinato anche per le decorazioni natalizie, in tutte le sue sfumature. quindi per tutti gli amanti di questo colore lasciatevi ispirare da queste immagini.

natale-stile-nordico-scandinavo-2

natale-stile-nordico-scandinavo-3

natale-stile-nordico-scandinavo-4

natale-stile-nordico-scandinavo-5

natale-stile-nordico-scandinavo-6

natale-stile-nordico-scandinavo-7

[Fonte: Femina – Styling: Louise Dorph-Petersen, Foto: Fred Heiberg]

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

Come scegliere un videocitofono di design

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Design

video-citofocno-design-monitor-aggiuntivo-aiko

Moderno o Vintage? Simpatico ed estroso o serioso e Minimalista? La scelta dei complementi spesso si rivela complessa, ecco perché se bisogna scegliere un componente di design, anche quando si tratta un videocitofono è bene avere le idee chiare.

Gli Stili

Per qualunque cosa, oggetto o complemento d’arredo, oggi si sente la parola design associata a caratteristiche precise, che fanno assumere a questi oggetti una forma artigianale e cool, pur avendo nella pratica e nella lavorazione degli stessi, nulla a che fare con l’artigianato.
Vista tale premessa conviene quindi concentrarsi sugli stili.

Nell’arredamento d’interni e di esterni lo stile di un’abitazione generalmente è abbastanza univoco e può essere di vario tipo:
- Country Chic
- Shabby
- Moderno
- Minimalista
- Vintage
- Etnico
- Classico
- Classico-Moderno

Di conseguenza le installazioni all’interno di una stanza dovranno seguire lo stile che fa capo a quella stanza e per esteso alla casa.
Per fare un esempio molto semplice, se si ha uno stile rustico con alle pareti delle tavole di legno certamente il videocitofono di questa abitazione non sarà dalle linee moderne, ma si richiamerà ad esempio al vintage.

A questo punto, chi starà leggendo queste parole potrebbe entrare nel panico, perché se si cerca su internet un videocitofono di design le linee e i colori di questo sono per la stragrande maggioranza in stile moderno, e allora? Dovreste forse rassegnarvi a non avere un videocitofono di design che richiami lo stile di una casa rustica? Assolutamente no, è la nostra risposta. Infatti i complementi funzionali di design possono e sono di diversi stili compresi quelli vintage o che richiamino il passato.

video-citofocno-design-monitor-aggiuntivo-aiko-urmet-per-sistema-2voice-art17161

La Scelta Giusta

Quando si discute di design i consigli da accettare da chi è esperto vanno tenuti in considerazione, ma ogni persona ha comunque anche i suoi personali gusti specie se si parla di oggetti funzionali come può esserlo una videocitofono. Ecco perché spesso occorre una mediazione tra il desiderio di avere l’oggetto consigliato e il gusto personale, che magari farebbe propendere per un altro videocitofono rispetto a quello che potrebbe, anche per stile, andar bene in una specifica abitazione.

In sostanza tra queste due parti c’è la scelta giusta e adatta che coniuga:
- Stile
- Gusto personale
- Tendenze

Conviene sempre sfogliare riviste, consultarsi con chi lavora nel campo del design di interni e poi valutare con loro, dopo essersi fatti un’idea grazie all’osservazione dei diversi stili e tendenze inerenti il videocitofono di design. Mediare è essenziale perché il rispetto per il gusto personale è importante, così come fondamentale è creare un’armonia in casa, specie se l’abitazione ha uno stile preciso, al quale necessariamente si deve far riferimento, anche per l’aggiunta di singoli complementi.

Tags:

 
 

Decorare le pareti con Figure geometriche

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Decor

diy-colore-parete-disegno-geometrico-facile
Le fantasie geometriche per le pareti esercitano un gran fascino ultimamente. Su Vtwonen abbiamo trovato questa ispirazione interessante e molto facile da realizzare, per cui abbiamo deciso di condividerla qui.
Con un barattolo di vernice e un po’ di mascheratura si crea un effetto suggestivo, contemporaneo, minimalista, ma originale. L’angolo della forma geometrica è stata fatta partire vicino alla lampada a muro, il che evidenzia graficamente il cono di luce e nello stesso tempo regala un po’ di movimento ad una camera molto sobria.
Se volete provare a dipingere la parete da soli ecco come fare…

Cosa serve

  • un barattolo di vernice di un bel colore neutro o pastello
  • matita
  • nastro adesivo per mascheratura
  • goniometro (facoltativo)
  • riga o tavola di legno
  • pennello

Come fare

  • Segnare con la matita un punto al centro della parete.
  • Col goniometro, sistemato sul punto, se volete essere precisi, oppure “ad occhio” , misurare un angolo di circa 55-60 gradi e da lì far partire due linee, una verso il soffitto ed una verso il pavimento.
  • Posizionare il nastro adesivo lungo le linee, ma anche sul bordo vicino al soffitto, al battiscopa e alla parete vicina.
  • Dipingere la superficie e poi rimuovere il nastro.

[Fonte: vtwonen 11-2016 | Fotografia e styling  Anne Heijmans]

Leggi anche:

Decorare le pareti con strisce dipinte

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags: ,

 
 

10 letti a casetta per la camera dei bambini

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Decor

letto-casetta-bambini-arredamento-1

E’ il sogno di ogni bambino avere una capanna, un rifugio a forma di casetta anche come letto. E’ una tendenza, che si è diffusa da qualche tempo e che piace molto anche agli adulti (fonte immagine di apertura: qui)

Sono sicuramente divertenti  letti per i più piccoli, ma fanno anche venire voglia di tornare subito bambini!

Un letto come questo si può trovare già fatto di produzione, si può far realizzare da un falegname, ma anche un padre creativo può provare a cimentarsi, soprattutto nella tipologia “a cornice” quindi con una struttura semplice: qui ad esempio il tutorial passo passo per la realizzazione.

letto-casetta-bambini-arredamento-0

Prima o poi vi faremo vedere il letto a soppalco a forma di casa, che abbiamo progettato e fatto realizzare noi diversi anni fa, quando le nostre nipoti erano piccoline.

Nel frattempo ecco alcune camere con letti a casetta, che speriamo possano ispirarvi!

letto-casetta-bambini-arredamento-2

[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-3

[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-4

[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-5

[fonte qui]

 

letto-casetta-bambini-arredamento-6
[fonte qui]

 

letto-casetta-bambini-arredamento-8
[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-7

[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-9

[fonte qui]

letto-casetta-bambini-arredamento-10

[fonte qui]

Tags: ,

 
 

Trasformare un appartamento in loft

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Interiors

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-1

Un appartamento a Madrid degli anni ‘70 è stato completamente ristrutturato e trasformato in qualcosa di diverso, tanto da farlo assomigliare ad un loft.

Un look moderno, raffinato e “fresco”, dall’atmosfera cosmopolita è questo il protagonista del post di oggi su Case e Interni.

E’ il sogno di molti è avere un loft, ma non sempre si ha la possibilità di trasformare una vera fabbrica o un laboratorio. E’ proprio qui che la progettazione d’interni ci viene in aiuto: si può mettere in pratica qualche trucco per cercare di avere una casa “tipo” loft.

Le case degli anni 60-70, se hanno già delle ampie finestre, si prestano bene a questo tipo di “metamorfosi”.

I punti chiave della ristrutturazione per avviare la trasformazione sono: eliminare i muri nella zona giorno e giocare con le pareti vetrate.

Un unico grande living ospita ora due aree relax (una attorno al camino), mentre la zona pranzo e la cucina sono separate dal soggiorno da un’affascinante parete vetrata in perfetto stile industriale. Uno spazio in armonia con il resto, che unisce otticamente attraverso una porta e una  parete che per metà è in muratura e per metà è in vetro.

La luce così pervade gli ambienti e mette in risalto il luminoso parquet a doghe, ma anche i pilastri, le pareti ed i soffitti rifiniti con calce grigia, che li fa assomigliare un po’ al cemento.

Altri particolari da cui prendere ispirazione: il battiscopa basso e discreto, i tubi dell’aria condizionata lasciati a vista e le nuove porte nella zona notte in stile shabby/provenzale.

L’arredamento è un mix di mobili recuperati e rinnovati con altri realizzati su misura (come la cucina, il bagno e la camera dei figli). Mobili in legno di provenienze diverse e tessuti materici nei toni del grigio con accenti rossi e verdi, rendono questi ambienti caldi ed accoglienti, senza avere la consueta freddezza dei loft contemporanei.

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-2

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-3

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-4

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-5

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-6

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-7

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-8

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-9

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-10

 

progetto: Erico Navazo

fonte: Nuevo Estilo

 

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

[piccoli spazi] Cucina divisa da vetrata

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Design, Idee

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-1a

Progettare un’abitazione di piccole dimensioni è sempre una sfida. L’appartamento, di oggi mostra ambienti pieni di idee creative, che possono essere d’ispirazione per arredare monolocali e case con pochi mq.

Il progetto riguarda la ristrutturazione di un appartamento in Polonia. Le immagini danno l’impressione di essere dei rendering fotorealistici, ad ogni modo quello che ci interessa è il progetto e gli spunti che si possono prendere, dal bagno alla cucina, dalla camera da letto al soggiorno.

Nello spazio living convivono soggiorno, zona pranzo e cucina. Quest’ultima è separata da una parete vetrata fissa che, come abbiamo già visto in altri progetti di spazi “difficili”, permette di dividere senza separare otticamente, guadagnando dunque una visuale più ampia. Una bella alternativa al classico open space.

Nella camera da letto lo spazio è stato valutato sufficientemente ampio per poter inserire una cabina armadio. Le pareti sono di vetro, accoppiato a listelli di legno, che anche in questo caso, permettono di dividere, senza separare del tutto e soprattutto facendo entrare un po’ di luce naturale anche nella cabina.

Il retro letto è un mobile attrezzato, che permette di avere altri piccoli contenitori.

Come avviene spesso anche in Francia, il bagno e diviso in due parti separate. Mentre la piccola veranda è stata attrezzata con un piano d’appoggio per la prima colazione.

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-1

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-2

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-3

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-4

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-5c

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-5

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-6

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-7

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-8

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-9

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-11b

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-11d

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-10

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-11

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-13

case-e-interni-arredare-ristrutturare-piccoli-spazi-12

progetto: Jenya Likasova

Via:  Architekturawnetrz

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags: ,

 
 

Stile nordico e recupero fai da te

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Design, Interiors

JT_Ase_03_313367

Dalla casa di Åse e famiglia, in Norvegia, si può prendere spunto ed ispirazione per portare lo stile scandinavo in casa propria, con un tocco personale grazie al fai da te.

Lo stile della casa è moderno con mobili in colori neutri in bianco e nero. Åse utilizza materiali naturali come lino, pelle, lana e legno per renderlo più accogliente. Molto piacevoli i contrasti che si creano.

Il soggiorno molto ampio è arredato in modo non convenzionale, con un buon mix di oggetti di tutte le epoche. E’ stato suddiviso in zone a seconda degli utilizzi: c’è una zona per vedere la televisiva, una per ricevere gli amici, una per i giochi e la lettura e per ultimo, ma non meno importante, uno spazio per fare i compiti e le attività creative.

La maggior parte dei mobili è stata acquistata nei negozi dell’usato o nei mercatini di beneficienza, ma molti oggetti sono stati creati da  i componenti della famiglia, in particolare dalla padrona di casa e dalle sue figlie. Åse è molto attenta al riciclo e al recupero, per cui qui tutto trova una seconda vita.

Sulle pareti della casa sono appesi quadri, stampe e fotografie in bianco e nero, acquistate online o durante i viaggi all’estero, oltre ad alcune foto personali. Danno uno sguardo moderno a tutto l’insieme.

In un mix di oggetti così variegati è importante che i colori neutri facciano da comune denominatore, così come è tipico nello stile nordico-scandinavo.

Sul tappeto di Ikea, Ase ha dipinto un grigliato nero, per farlo assomigliare a tappeti di design. Sedia e tavolo sono tutte occasioni vintage.

JT_Ase_00_313369

Molti altri oggetti sono stati composti con pezzi di recupero e ridipinti.

JT_Ase_01_118620

JT_Ase_05_118601

JT_Ase_07_118608

Il vaso nero della foto sotto è stato creato da Åse con cucchiai di plastica e dipinto di nero:

JT_Ase_10_118612

JT_Ase_14_118625

JT_Ase_15_118605

JT_Ase_20_118616

JT_Ase_21_118606

JT_Ase_24_118619

JT_Ase_17_118618

FOTO: Jorunn Tharaldsen

fonte: www.rom123.no

 

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags: , ,

 
 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Uno dei modi migliori per preservare i ricordi è quello di farlo attraverso le fotografie. E le foto al giorno d’oggi non ci mancano, anzi! Le fotografie digitali invadono sempre di più i nostri hard disk, ma quante volte le sfogliamo? Sempre troppo poco. Allora stampiamo le più belle e appendiamole alle pareti.

Ecco qui di seguito alcuni suggerimenti originali per decorare le pareti con le immagini di fotografie, stampe e cartoline, ma senza usare alcuna cornice!

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Composizione casuale

Questa idea testimonia il fatto, che le cose pensate fuori dagli schemi sono spesso le migliori. Una disposizione a grappolo partendo da una cornice, lasciata volutamente vuota. Una collezione eterogenea di cartoline, fotografie, biglietti da visita. Basta applicare le cartoline direttamente al muro con biadesivo spessorato.

Suggerimento: Scegliere diverse immagini su un unico tema, in questo caso gli uccelli.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Esposizione a “scomparsa”

Sfruttando una parete in cui scorre una porta esternamente, si può giocare con l’effetto sorpresa: ora l’esposizione dei vostri quadri appare e ora scompare. A voi la scelta!

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Con la carta

Ecco un’idea low budget di grande effetto! Invece delle classiche cornici, usiamo la texture di alcuni rettangoli di carta, per fare da base alla nostra galleria personale. Uno sfondo ideale per un collage da impreziosire con foto, schizzi e stampe.

Suggerimento: Usare tipi di carte differenti (stropicciata, fatta a mano, riciclata, leggera, cartoncino…), un unico materiale che si declina in modi differenti e per questo arricchisce ogni parete.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Un’immagine in mosaico

Prendiamo la nostra foto preferita e facciamo stampare un ingrandimento da suddividere in quadrati e rettangoli, da applicare su cartone. Non si perde l’unicità dell’insieme e si ottiene una splendida parete decorata.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Tavolette di legno

Niente consuete cornici, anche questa volta, ma pezzi di legno di recupero (chiedete al vostro falegname) di varie dimensioni ed essenze, come frassino, rovere, noce e mogano. Incollare sopra ad ogni pezzo le foto con colla spray removibile, così si può facilmente togliere se cambiamo idea.

Suggerimento: In questo caso le tavolette di legno di recupero sono state disposte in fila, ma per compensare, su una parete dipinta con due tonalità di grigio “mescolate” tra loro.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Assi di legno

Ancora legno, ma questa volta sviluppato in lunghezza, per potere avvitare due viti con occhiello su cui agganciare del fil di ferro. Questa semplice struttura vi permette di appendere le foto con delle mollettine, cambiando la disposizione a piacimento e periodicamente.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Appese ad un ramo

Un’altra idea semplice e low budget. Foto personali scattate in ambiente marino, legate assieme da uno spago ed appese su un ramo, anche questo trovato durante una passeggiata al mare.

Suggerimento: Scegliere un unico tema e magari la versione in bianco e nero, che riesce ad uniformare il tutto ed a sposarsi in ogni ambiente.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Vecchie finestre

Siamo letteralmente circondati da materiali da riutilizzare, soprattutto dopo una ristrutturazione. Le vecchie finestre, ad esempio, come le porte (di cui vi abbiamo già mostrato qui alcune idee) sono un ottimo elemento decorativo. In questo caso, vecchie ante scrostate (davvero shabby chic!) servono da espositore per le foto di famiglia.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Grucce creative

Un’altra idea di riciclo creativo, prevede di utilizzare le grucce in modo insolito. Basta scegliere quelle usate per i pantaloni (in metallo o legno) ed ecco che la struttura per appendere l’immagine è già pronta.

 

10 modi per decorare le pareti con foto senza cornici

Cartelline per appunti

Anche i materiali da ufficio possono fare al caso nostro. Come ad esempio le cartelline per appunti, di quelle con morsetto di metallo, che si usano per tenere insieme i fogli degli appunti. Sono divertenti da utilizzare nei lavori di fai da te per trasformale in insolite decorazioni per la casa, dove esporre foto, citazioni e disegni dei bambini.

[source: 1-2-3-4-5, 6, 7, 8, 9, 10]

Fateci sapere quale stile di foto-appese vi piace di più!

Anna e Marco – CASE E INTERNI

 

Ti può interessare anche:

10 Nuovi usi per vecchie cornici


 
 




Torna su