ChiccaCasa






 
 
 

DIY – Wall hanging con la lana Merino extra-large

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Decor, Idee

Nuovo semplicissimo DIY!
A grande richiesta, ecco un velocissimo progettino fai da te con la lana grossa! 
Ho ricevuto da tantissime lettrici la stessa domanda: “dove posso trovare i gomitoli di lana Merino XL?”. Ci sono tantissimi shop online che la vendono! Io l’ho acquistata su Etsy, puoi scegliere tu in quale negozio acquistarla cliccando qui

Il mio gomitolo di lana Merino xl è grigio, perché questo è uno dei colori che useremo di più nell’arredo della Casetta.
Adoro la consistenza di questo materiale: è soffice e leggero come zucchero filato! Proprio come te lo immagini guardando le foto dei maxi gomitoli.

Puoi usare questo filato per il crochet, il tricot, il telaio o il macramè. Insomma, è un filato come gli altri, solo molto più voluminoso.
Ovviamente, sono necessari strumenti giganti (puoi usare i bastoni delle scope come ferri), o in alternativa puoi servirti delle tue braccia usandole come ferri (arm knitting) e delle tue mani per lavorare all’uncinetto.

Fantastico, no?

Premesso ciò. ti mostro cosa ne è stato del mio gomitolo paffuto.
Ho realizzato una morbida decorazione da parete, solo con nodi e trecce. Ho voluto inserire anche della stoffa, per aggiungere texture e colore.
Se ti piace l’idea, utilizza pure il tessuto/filato che preferisci. Che ne pensi, ad esempio, della corda, o della fettuccia?


Ogni wall hanging ha un supporto, che può essere un cilindro di legno, un tubo di rame, un ramo, un anello di metallo…
Il mio è un bastoncino di legno di 40 cm.
Ho tagliato delle porzioni di filo di lana, lunghe un po’ di più del doppio della misura che volevo per la mia cascata di lana. Le ho fissate al legno con dei cappi (basta curvare il filo piegandolo a metà. mettere il bastoncino al di sopra de filo, far passare le estremità dello stesso all’interno dell’asola e tirarle, stringendo così il cappio). 


Ho tagliato una striscia di stoffa lunga quanto i fili di lana. L’ho legata con un cappio, in posizione centrale. Il cappio di stoffa è più piccolo e snello di quelli di lana, quindi, per migliorare l’estetica del wall hanging, l’ho nascosto tra la lana!


Volevo rendere dinamico l’aspetto del mio wall hanging, quindi, una volta riempito tutto il bastone, ho tagliato le estremità a forma di V.

Puoi scegliere di lasciarlo così, oppure di proseguire!



A questo punto, ho diviso ogni singola ciocca il 3 più piccole e, come se fossero lunghi capelli da intrecciare, ho fatto le trecce alla lana (nell’immagine qui sotto, passo dopo passo, ti mostro come fare le trecce)! Quando sono arrivata alla stoffa, ho fatto lo stesso, mescolando lana e stoffa nella stessa treccia.
Infine, ho chiuso le trecce con del filo da cucito ed ho rifinito le punte con dei tagli netti.



Voilà, in soli quindici minuti il wall hanging è pronto!
Puoi usare uno spago per appenderlo ad un chiodo. 

Questa è una delle strade più facili da seguire per realizzare un wool hanging. Se sai usare i ferri o l’uncinetto o il telaio o conosci le tecniche del macramè, abbandonati alla fantasia e realizza il tuo arazzo da parete, con il tuo stile personale.

Puoi prendere ispirazione dai profili IG di @druiventuintje (macramè), @willowandthewoolves (telaio) o @knottingonthewall (macramè).

Leggi anche…

ALL ABOUT…FETTUCCIA

CROCHET STARS: MOLLA MILLS




http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags: ,

 
 

Come cambiare piantina ad un kokedama

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee


In ambito botanico questo è l’anno del kokedama. Una tradizione giapponese che vuole le piante più piccole, poste in una sfera di terra e muschio, anziché in vaso. Questa nuova veste delle piante è impazzata su web, diventando una vera e propria tendenza! Sono la prima ad ammettere di essermene innamorata sin dalla prima foto vista su Pinterest!

Puoi comprarli dal fioraio!
Sono composti da una sfera di terricci speciali e uno strato esterno di muschio, attaccato alla terra attraverso vari giri di spago.

Puoi agganciarli al soffitto e lasciarli sospesi, o appoggiarli su un piano (la prima versione è la mia preferita!).
I kokedama sono perfetti per le baby plants ed hanno davvero un grande potere decorativo!

Per innaffiarli basta immergerli per un po’ in un contenitore, per poi strizzarli delicatamente. Originale, non trovi?

Ma che si fa se la piantina del kokedama cresce troppo o appassisce? 
No, non devi necessariamente buttare tutto il pacchetto!
Segui queste istruzioni, per cambiare la piantina al tuo kokedama.

1. Libera il kokedama dagli strati di spago.


2. Apri delicatamente il kokedama in due, con le mani ed elimina la piantina e le vecchie radici.



3. Togli una porzione di terra dal cuore delle semisfere e tienila da parte.



4. Aggiungi, in rapporto 1 a 1, del terriccio universale alla terra ricavata dal kokedama. Mescola il composto ottenuto.



5. Aggiungi al composto un po’ d’acqua, impasta e fai una polpetta che possa essere chiusa all’interno delle due parti del kokedama.




6. Apri la polpetta in due e metti in sede la nuova piantina. Poi richiudi la polpetta.


7. Vaporizza le pareti interne del kokedama e poi ricomponi il tutto: avvicina le semisfere alla polpetta e tienili stretti con le mani.


8. Assicura il kokedama con dei giri di spago e nodi. E voilà, il tuo kokedama è tornato splendente!


Sul web ci sono un sacco di video ed articoli che spiegano come autoprodurre un kokedama, ma raramente si parla di come mantenerlo vivo nel tempo. Quindi, se conosci qualcuno che ha un kokedama, consigliagli questo post! 

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Home tour: effetto scandi-wow in 39 m² a Sӧdermalm

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Interiors

Ormai i tour di mini case stanno diventando un must del blog!

Le case molto piccole mi colpiscono di più: sarà perché un ambiente ristretto diventa subito intimo, quando è ben arredato?
Altro must è la location: bazzico sempre sui siti delle agenzie immobiliari scandinave e quasi sempre mi innamoro di una abitazione in vendita tanto da sceglierla per un home tour da condividere.

Questa qui è a Sӧdermalm e, anche se stenterai a crederci quando inizierai a guardare le foto, misura solo e soltanto 39 metri quadri. Hai presente 39 metri quadri?
Eppure, in questo grazioso nido, pronto ad essere vissuto, ci sono tutti i comfort di una casa media. Anche la vista sui tetti di Sӧdermalm, piuttosto caratteristica.

Forse però quello che ti colpirà di più, è quello che ha affascinato anche me! Il delizioso aspetto curato, che è il punto di forza della casa.

A partire dalla galleria d’arte creata sulla stessa parete su cui poggia il divano, fino alla tappezzeria in camera da letto, ogni dettaglio, è un elemento accattivante da gustare con gli occhi.

Sono tantissimi gli elementi da copiare, tipici dello stile scandinavo: il divano in tessuto grigio posto sotto la finestra, la scaffalatura (sistema String system) total white, la cucina super minimal e poi, la panca di recupero utilizzata per coprire i posti a sedere vicino alla parete.

Lo styling, poi, è impeccabile: i vestiti agganciati alla porta, i fiori sulla tavola, i quadri ed il plaid sulla sedia in salotto contribuiscono a creare l’effetto scandi-wow!

Il resto lo lascio scoprire a te!

Happy home tour!









P.s. Mi piacerebbe sapere cosa pensi della carta da parati in camera da letto. Ti sembra troppo audace, troppo retrò o trovi stia divinamente, abbinata ai complementi ed agli arredi della stanza? Scrivi il tuo sincero parere in un commento!

pics via historiskahem.se

GUARDA ALTRE CASE!
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

3 stili per rinfrescare il look della camera da letto partendo dal copriletto

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Decor

Hai voglia di portare una ventata di freschezza in camera da letto?

A me succede ogni volta che cambia stagione!
Quando senti il bisogno di rinnovare qualcosa in casa, vuol dire che qualcosa sta cambiando anche nella tua vita (è un po’ come quando cambiamo taglio o colore di capelli, insomma). Quindi dobbiamo ascoltare il nostro istinto e spaziare con la fantasia.
Non è necessario stravolgere tutto e spendere migliaia di euro.

Cambiare look alla stanza da letto è davvero facile, se consideriamo che il suo punto focale è proprio il letto. 
Non è necessario modificare l’intero arredo dunque, basta sfruttare la versatilità del letto, che può assumere un diverso mood a seconda di come ci divertiamo a vestirlo.

Scegli un copriletto che rispecchi l’atmosfera che vuoi creare nel tuo “nuovo” nido.
Esotica e frizzante? Femminile e dal sapore retrò? O forse contemporanea con un tocco rigenerante di natural?

Parti dal copriletto per scegliere accessori e tessili che completeranno il restyling della tua stanza!
Con accessori diversi come una seduta, un tappeto, una lampada e qualche decorazione, quella non sembrerà più la tua stanza!

Ho selezionato tre copriletto totalmente diversi l’uno dall’altro per creare tre esercizi di stile da cui puoi prendere ispirazione per il restyling della tua stanza da letto.

Ready?

FANTASIA FIORI E MANDALA

Una fantasia colorata con fiori e mandala è il perfetto punto di partenza per sviluppare un mood in grado di apportare allegria e brio al tuo ambiente.


A tal proposito, cosa c’è di più azzeccato di un copripiumino Desigual Casa contraddistinto da colori accesi e motivi etnici?

Per creare uno stile hippie – bohemien servono accessori esotici!
Le sedute basse sono un must have se questo è lo stile che fa per te! Puoi inserire pouf e cuscini da terra e creare così il tuo angolo lettura/relax. Non dimenticare di aggiungere un tocco green con piante e accessori botanici come vasi sospesi e cactus di ceramica. Uno sgabello in legno grezzo, con la seduta impagliata (meglio se artigianale) può diventare un  originale comodino. Completa il mood vestendo le pareti: un wall hanging ed uno specchio a raggiera sono perfetti per questo look!



RASO RAMAGE

Raffinata e chic, una trapunta in raso con motivi ramage è uno dei must della tradizione italiana.
Se poi, lo sfondo è in una delicata nuance di rosa puoi approfittarne per creare un mood superfemminile in tutta la stanza.

Usa come temi guida il classico e la femminilità.
Costella la stanza con complementi in garbate sfumature di rosa come il malva, il blush ed il rosa desaturato.
Sì a motivi crochet (che ne pensi di un tappeto che ricordi un centrino della nonna?) ed a frange, entrambi assolutamente di tendenza nonostante siano figli di tecniche antiche.
Inserisci un mobile d’altri tempi: un comodino stile impero con il piano in marmo diventerà un elemento di spicco nella tua stanza, soprattutto se posto in contrasto con arredi minimal e contemporanei.
Prediligi superfici riflettenti imbrunite per completare il mood: uno specchio anticato, un dettaglio d’ottone, una lampada contornata in vetro fumè.

MODERN CHIC

Vuoi trasformare la tua stanza da letto in un rifugio accogliente in cui rigenerarti ed evadere dalla quotidianità?
Per creare la tua oasi urbana. opta per un trapunta moderna in tinte neutre, carica di ispirazioni natural.
Alterna toni urbani come i grigi ed il nero a tinte naturali come il beige e l’ecrù.
Fai lo stesso con i materiali e con le forme: mescola metallo e stutture geometriche con fibre naturali e profili morbidi.
Non possono mancare: una comoda poltrona e/o un pouf tricot sulla quale scorrere le pagine social o sfogliare una rivista, la mappa incorniciata della città del tuo cuore, delle piante (senza piante che oasi sarebbe?) ed un morbido tappeto con frange.

Trovi tante altre proposte per vestire il tuo letto sullo store online Di Stefano biancheria per la casa.

Qual’è il tuo stile preferito? 

Moodboard 1, Hippie Bohemien: 

Moodboard 2, Classic Feminine: 

Moodboard 3, Urban Oasi: 
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Come riempire un pouf ottomano a costo zero

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Se avessi comprato ogni pouf di cui mi sono innamorata in questi ultimi anni, ora probabilmente il mio pavimento sarebbe totalmente non calpestabile.


Non so tu, ma io ho una vera e propria passione per queste sedute dall’aspetto fresco, giovane ed easy.

Finalmente mi sono decisa a comprarne uno (su Etsy), e sono super soddisfatta dell’acquisto. Si tratta del classico pouf ottomano nella tinta natural. Credo starà benissimo in salotto e il suo colore richiamerà le calde sfumature delle pietre sulla parete.
Il pouf ottomano è arrivato qualche giorno fa dall’Inghilterra, dove è stato confezionato artigianalmente.

Presa dalla fretta di acquistare, mi sono dimenticata di verificare se l’imbottitura fosse inclusa o meno nel prezzo (molti pouf sono venduti senza imbottitura per abbattere i costi di spedizione, quindi è sempre meglio verificare i dettagli prima di comprare).

Quindi, sono caduta dalle nuvole quando a casa ho ricevuto un piccolo pacchetto, che evidentemente non conteneva un pouf già riempito!

Non potevo ordinare delle palline di polistirolo e aspettare che arrivassero, ero troppo impaziente di sedermi sul pouf!

Allora ho deciso di risolvere il problema utilizzando solo materiali di riciclo.


Ho aperto il pouf  dalla zip ed ho inserito dei vecchi vestiti, prove di lavori all’uncinetto, qualche asciugamano, un piccolo cuscino e un lenzuolo.

Ho imbottito cercando di colmare ogni spazio, in modo uniforme. Per ogni strato di imbottitura, ho riempito prima i bordi e poi la parte centrale.

Una volta arrivata alla fine, ho definito i bordi del fondo del pouf con della carta di giornale arrotolata.

Ho smesso di aggiungere imbottitura solo quando il pouf iniziava a fare fatica a chiudersi.

Prima di chiudere la zip, ho mosso il contenuto del pouf, affinché si distribuisse al meglio.

Così facendo, ho riciclato cose che non usavo più ed ho completato il mio pouf senza spendere soldi per l’imbottitura.

Tip: con il tempo, forse il pouf si appiattirà un po’, ma basterà aprire la zip e rimpinguarlo di altri panni che facciano volume.

Ed ecco il mio primo pouf! 

Sono sicura che presto ne arriveranno altri a fargli compagnia!






http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Un arredo (made in Italy) di grande impatto per ogni stile

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Stili
Molto spesso capita che, nonostante tu abbia scelto uno stile specifico per la tua casa, il suo mood ti appare poco definito. 
Sei sicuro di aver scelto arredi e decor coerenti con i tuoi gusti e con lo stile che più ti rappresenta, eppure, hai la sensazione di non aver riprodotto l’atmosfera del genere di abitazione che avevi in mente.

Niente paura! 

Probabilmente, quello che manca ai tuoi spazi è la presenza di un focal point: un elemento di spicco che faccia la differenza.
In soldoni, un arredo iper-tipico dello stile che hai deciso di sfoggiare, che diventi il cuore di un ambiente.

Ecco, quindi, una serie di mobili che devi assolutamente avere se hai scelto uno di questi stili per la tua casa.

Hey, tutti gli arredi che ho scelto, sono made in Italy!


Il wabi sabi, più che uno stile è un concetto estetico: l’arte della bellezza imperfetta. 
I suoi principi chiave sono: “niente finisce, niente è finito, niente è perfetto”. Ha a che fare con l’accettazione del ciclo naturale della vita e con la ricerca della bellezza nelle cose naturali.
Applicato all’interior design, questo concetto si manifesta con la semplicità degli arredi, con materiali naturali, con pareti grezze o incomplete e con un’atmosfera Zen. 
Puoi decorare un ambiente in stile wabi sabi con pezzi handmade, oggetti presi al mercatino delle pulci, fiori di campo e lampade in carta di riso.
Un letto Zen non può proprio mancare se hai scelto il wabi-sabi per i tuoi spazi. 
Deve avere il giro-letto basso e più largo rispetto al materasso (che lasci pensare che il letto stia fluttuando su una lastra sottile) e la struttura in legno. 

Nella moodboard, il letto in tessuto Plaid risponde a queste caratteristiche, ma in più, è rivestito da una stoffa che sui bordi resta aperta e libera. La sensazione che il lavoro sartoriale sia incompiuto lo rende in perfetta sintonia con la filosofia wabi-sabi!

Il mid century glam è una rielaborazione del vintage anni 50′ che prevede l’inserimento di materiali e finiture dall’aspetto lussuoso, come il color oro, il velluto ed il marmo.
Uno stile elegante e ricercato, costituito da comode sedute imbottite, lampade retrò, accessori glamour, decorazioni semplici ed impeccabili e colori pastello desaturati.
Gli spazi sono vestiti da materiali di pregio e arredi dall’aspetto fresco e moderno. 
In un contesto simile non può di certo mancare un tavolino da caffè con piano in marmo. 
Nella moodboard, il tavolino da salotto Tray di Meme design è costituito da una struttura in metallo in tinta con il piano in marmo nero Marquinia, dalla base rettangolare, con gli angoli smussati.
Il mood rustico è perfetto sia da solo che abbinato ad altri stili. è straordinariamente valorizzante se inserito in contesti country, industrial, ma anche vintage e scandinavo.
Pensa ad un cottage, uno chalet o una casa in campagna. Il legno grezzo è alla base di questi ambienti ed è anche il loro punto di forza.
Il fulcro dello stile rustico è proprio lui, il legno, con venature a vista e tutte le imperfezioni che lo rendono tanto affascinante.
Dà il meglio di sé, abbinato a pareti in pietra, travi del soffitto a vista e decorazioni artigianali come oggetti di ceramica, cesti di vimini e coperte di lana grossa intrecciate a mano. Le piante aromatiche sono ideali per completare questo mood.
Non può proprio mancare, in un ambiente rustico, un tavolo in legno massello, meglio se usurato o non del tutto rifinito. I segni del tempo oppure i solchi del legno, non fanno altro che accrescerne il valore.
Nella moodboard, il tavolo Jaguar ha il piano ricavato da un unico tronco di quercia secolare. La sua naturalezza si fa evidente grazie alle venature ed ai bordi, volutamente non trasformati in angoli, ma lasciati grezzi ed ondulati.


Lo stile scandinavo è tipico dei Paesi del nord Europa quali Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia.
Alla base, ci sono il candore e la luce, in principio scelti per godere al meglio della luce, che in alcuni periodi dell’anno, in queste zone, dura solo poche ore, poi diventati un trend universale.
Gli arredi sono realizzati con materiali naturali, e spesso si tratta di mobili di riciclo. Il mood è minimalista e la palette di colori è neutra. Gli spazi sono decorati secondo il concetto di hygge, legato alla comodità, al relax, al distacco dagli impegni lavorativi ed alla condivisione. Non è raro trovare, quindi, angoli dedicati alla lettura, calde coperte disposte assieme ai cuscini sul divano e fiori di campo che rendono l’atmosfera delle case scandinave bella e confortevole.
In una casa in stile scandinavo, deve assolutamente esserci un divano dalle linee pulite, rivestito in tessuto, comodo e ben imbottito. Meglio se di un colore neutro, e con le cuciture in evidenza, come il divano Bolb, nella moodboard.

Lo stile etnico è ideale per i viaggiatori e per gli spiriti liberi.
Racchiude in sé l’essenza di tante culture diverse facendo sì, che la casa prenda le sembianze del perfetto nido per un cittadino del mondo.
Un ambiente in stile etno chic, è composto da uno sfondo bianco e mobili, spesso antichi, provenienti da posti differenti e mixati tra loro.
Grande importanza è attribuita ai tessili, rigorosamente fatti a mano e dotati di nappe, pom pom e motivi tribali.
I materiali più gettonati sono lana, legno e bamboo, ma sono ammessi anche tutti gli altri materiali naturali purché il design degli arredi sia originale e artigianale.
Un mobile indispensabile per creare questo mood è una madia, sulla quale esporre piante esotiche e decorazioni.
La madia Renate nella moodboard è realizzata a mano. La particolarità sta nelle ante, lavorate con un motivo geometrico.


Dove ho scovato i mobili protagonisti di queste moodboard? Su Arredo Design Online, un negozio digitale super assortito di mobili made in Italy e personalizzabili.

E tu? Di che stile sei? 

Fonti delle foto nelle moodboard (in senso orario, partendo da in alto a sinistra): 
Moodboard wabi sabi 1. 2. 3. 4. 
Moodboard mid century glam 1. 2. 3. 4.
Moodboard rustico 1.  2. 3.  4.
Moodboard scandinavo 1. 2. 3. 4.
Moodboard etno chic 1.  2.  3. 4.
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

SAVE THE BUDGET EP. 8 – Living + Zona pranzo scandi-retrò a poco più di 1600€

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee, Stili
Pronto per un nuovo entusiasmante episodio di Save the Budget?
Questa volta ho aiutato, una simpatica lettrice, in cerca di idee vincenti per la sua zona giorno.
Ha appena ristrutturato casa e mi ha raccontato di essere amante del vintage e dello stile scandinavo, proprio come me!
Quando mi ha mandato la piantina, ho subito adorato lo spazio a sua disposizione! Una stanza rettangolare ed aperta sia sulla cucina che sull’ingresso. Due finestre, una opposta all’altra. Insomma, un ampio e luminosissimo ambiente che non vedevo l’ora di vestire!
Questa volta la sfida ha compreso un nuovo punto: sfruttare un mobile vintage che si trova già in casa. Il mio compito è stato far sì, che questa credenza anni ’60, si intonasse con il mio progetto.
La padrona di casa, inoltre, mi ha chiesto di usare i suoi colori del cuore: il verde acido ed il rosso.

Ho scelto una base neutra e ricca di carattere, aggiungendo solo qualche tocco di colore.
Ho deciso di proporre una carta da parati retrò per rivestire la nicchia della credenza, al fine di renderla coerente con il resto della stanza.
Due poltroncine della stessa tinta contrassegnano i capitavola, mentre sui lati del tavolo rustico, figurano delle sedie da bistrot bianche rivisitate in chiave moderna.
Per il mobile tv, ho scelto un contenitore bianco, super essenziale, da sospendere sulla parete.
A completare il mood un divano da urlo grigio completato da un piccolo tavolino da caffè total red.
Sono super soddisfatta del mio operato. Confesso: invidio alla padrona di casa diversi arredi!

1. BESTA, IKEA. Una delle strutture della famosa serie Besta, può diventare una base tv essenziale, se sospeso con gli appositi binari. Questo mobile è composto da due pratici contenitori da riempire con ceste, scatole o oggetti di decòr. 40€ (30 struttura + 10 dei due binari)
2. CARTA DA PARATI FOGLIE VINTAGE, DECOCHIC. Una carta da parati autoadesiva e removibile. Disponibile in tantissimi colori e nelle finiture tessuto o pvc. Il design è ispirato al celebre motivo di Orla Kierly. 25,00€
3. SEDIA IMBOTTITA VERDE ACIDO, AMAZON: Una sedia-poltroncina da capotavola, con una spessa imbottitura che permette di stare comodi. Il rivestimento è in lino, in verde acido. I piedini obliqui sembrano in legno, ma in realtà sono di metallo! Ancora più robusti di quanto si possa pensare, insomma. 79,90€ al pezzo
4. TAVOLO ALLUNGABILE RUSTICO, AMAZON: Un tavolo destinato a durare per sempre. Il design è quello del tavolo della nonna. Sembra proprio un pezzo vintage, invece è tutto nuovo, in legno di tiglio, facilissimo da montare e robusto come quelli di una volta. Un altro punto a favore? Si estende in orizzontale e diventa perfetto per le serate con gli amici.
P.s. è difficilissimo trovare un tavolo con questo design, questo prezzo e la caratteristica di essere allungabile. Una vera chicca! 450€
5. 2 SEDIE BISTROT, LA REDOUTE INTERIORS: Come in un bistrot, queste sedie sono semplici e raffinate, ispirate allo stile retrò. La struttura è in olmo massello, verniciata di bianco opaco. Arrivano a casa già montate! 
6. TAVOLINO ROTONDO ROSSO: La ciliegina sulla torta. Un tavolo tondo dal diametro di 45 cm, minimal, leggero e molto cool! La struttura in metallo è sottile, un grande vantaggio per la luce, che è libera di attraversarlo. 22,50€
7. DIVANO OBO, KAVE HOME: Un divano in stile scandinavo, rivestito da un morbido tessuto grigio trapuntato. I piedini sono obliqui, in legno. Le linee morbide gli conferiscono uno stile elegante e femminile! 619€

Se vuoi copiare lo stile, puoi accedere alle schede prodotti o acquistarli facendo direttamente click sul sue nome.

Non dimenticare di farmi sapere cosa ne pensi! 


http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Il calore degli arredi classici in una casa a Sodermalm

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Stili

Södermalm è un’isola che costitutisce un quartiere di Stoccolma.
Una zona che comprende diverse tipologie di abitazioni: dalla più semplice alla più lussuosa. Il posto perfetto per fare uno spuntino o prendere un caffè.
Un’area sofisticata e dal gusto bohemièn, che vanta di essere una delle più ricercate in ambito immobiliare.

Questo delizioso appartamento sorge proprio qui.
La sua peculiarità è la forte atmosfera di “casa” che emana.
Io, l’ho associata all’abile combinazione di mobili moderni ed arredi classici, in legno massiccio.
Una palette composta da tinte neutre, calza a pennello. Il bianco di fondo illumina gli ambienti ed il grigio ricorrente, smorza i toni caldi dell’abbondante legno.
Questa abitazione è piena di piacevoli contrasti: il candore con il colore, il moderno con l’antico, il minimal con la poesia dei pezzi d’antiquariato.
Una serie di meravigliosi incontri di stili ed epoche differenti che rendono questa casa calda ed accogliente.

L’ho adorata al primo sguardo ed ho desiderato fortemente di stare sdraiata sul divano di tessuto o seduta attorno al tavolo tondo insieme alla mia famiglia.

Happy home tour!

pics via historiskahem

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Marble and gold trolley restyling

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee
Un carrello di metallo è di certo uno dei più comuni arredi al mondo. Ce n’è o ce n’è stato almeno uno in ogni casa.
Ho deciso di dare un nuovo aspetto al mio carrello, con un DIY facilissimo, veloce e super economico. Ho speso solo 6€ per questo restyling, tuttavia, a giudicare dal suo nuovo look sembra proprio che io l’abbia pagato una fortuna!
Ho trasformato le mensole con una pellicola effetto marmo ed ho tinto di oro la struttura tubolare per un effetto elegante e super glam.
Questo è un restyling che si abbina perfettamente ad ogni tipo di carrello in metallo e sai cosa vuol dire questo? Puoi copiarlo a prescindere da quale sia la forma del tuo carrello!
Il mio è uno scaffale a due mensole a base quadrata. I piani di appoggio sono di vetro fumè. Per rimuoverli, mi è bastato sollevarli.
Ho acquistato un rotolo di pellicola adesiva effetto marmo a pochi euro. Si tratta di uno sticker in pvc, completo di griglia sul fondo per facilitare il taglio.
Ho tagliato un quadrato di carta adesiva più grande rispetto alla mia mensola di due o tre centimetri per ogni lato.
Ho posato sul piano di lavoro la porzione di carta al contrario (la parte decorata sotto, quella quadrettata sopra). Quindi, partendo da un angolo e procedendo con molta calma ed attenzione, ho tolto la pellicola quadrettata protettiva. Mi sono aiutata tenendo fermo l’angolo opposto rispetto a quello di partenza con un vaso.
Ho sollevato la mensola tenendola ben centrata al di sopra l’adesivo. L’ho avvicinata a quest’ultimo e poi, l’ho lasciata andare facendola cadere sulla pellicola. 
Una volta attaccati vetro e adesivo, ho passato sulla superficie della mensola una tessera (quale potevo usare se non quella IKEA?) per evitare la formazione di bolle. Una volta terminato questo passaggio ho piegato i bordi in eccesso  al di sotto del vetro.

E voilà, in pochi minuti le mensole sono pronte!







Per quanto riguarda la struttura, invece, dopo aver pulito e sgrassato la superficie, l’ho levigata con della carta abrasiva a grana fine, per renderla più ruvida e far aderire meglio lo spray.
Ho scelto uno spray color oro. La vernice spray è la più adatta per le superfici tubolari e la scelgo sempre per sedie, carrelli e piccoli oggetti a base rotonda.
Dopo la levigatura, ho spolverato la struttura, ma per assicurarmi di non lasciare neanche un granello di polvere, ho fasciato la mia mano con del nastro di carta e l’ho passata su tutta la superficie.

Una sola mano di spray è stata sufficiente per coprire il colore originale del carrello. Ho esteso la verniciatura anche alle ruote.




 

Ho rimontato le mensole e voilà!
Il carrellino ora ha tutto un altro aspetto!
Sono piuttosto soddisfatta di questo makeover.
Non so ancora se utilizzare il carrello come mobile bar, o plant stand. In ogni caso, si presta benissimo ad entrambi gli usi!




Ok, la versione marmo ed oro è una delle mie preferite, ma tu puoi spaziare con la fantasia ed scegliere uno sticker con un pattern differente per rivestire le mensole ed una delle tue tinte preferite per colorare la struttura. In questo modo avrai un carrellino super personalizzato!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

10 Etsy finds per un mood natural in camera da letto

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee, Stili

Non senti anche tu una gran voglia di riposo e relax in queste caldissime giornate estive?
Un fresco pisolino rigenera i sensi e regala sollievo al nostro corpo, affaticato dal caldo.

Adoro vestire la stanza da letto in modo differente, a seconda della stagione.
D’estate, il mood che preferisco è quello naturale. Mi diverto ad inserire tessuti freschi, motivi che attirano l’attenzione e tanto, tanto legno.

I material naturali, ed i colori neutri sono protagonisti delle ultime tendenze di design.
Il trend “Lagom” li pone alla base di un arredamento equilibrato e magazine e cataloghi mostrano accattivanti interni contraddistinti da mobili e decorazioni semplici e genuine.

I miei pezzi preferiti sono quelli fatti a mano. Quando cerco qualcosa di unico e davvero originale, vado sempre a dare un’occhiata al sito di Etsy.
Etsy è un portale che raccoglie articoli retrò ed handmade di artigiani e vintage finders di tutto il mondo. Per me, non è solo un negozio, ma una fonte di ispirazione! È per questo che ho deciso di inserirlo tra i NEGOZI CONSIGLIATI (trovi la lista completa a destra se leggi da pc, o in basso se leggi da mobile).

Ho raccolto tutto il necessario per vestire la tua stanza da letto dei colori della sabbia. Ho stilato questa top 10 pensando ad una spiaggia d’estate rinfrescata da una lieve brezza marina.
Sai cos’altro è di tendenza? Il plywood: il compensato di legno, il quale è formato da pannelli di legno incrociati e pressati. Un materiale resistente spesso impiegato nella costruzione di mobili robusti. Se non lavorato, conferisce un aspetto fresco e young agli arredi.
 È il caso di questo letto, realizzato artigianalmente a partire da legno di betulla nordica.
LETTO PLYWOOD 

Il fascino natural può proseguire fino a qualche centimetro prima de soffitto. Questo paralume è in bamboo ed i suoi intrecci oltre ad essere incantevoli, creano un gioco di ombre, quando la luce è accesa, che contribuisce a rendere l’ambiente soft e rilassante.



Il mood natural si combina bene non il minimalismo dello stile nordico.Questo comodino è del tutto realizzato in plywood. Il suo design è semplice ed essenziale. Adoro le maniglie cave, realizzate solo con un foro circolare!


Se cerchi un elemento eye catching per la tua camera da letto, una meravigliosa ed infallibile soluzione è rappresentata dai wall hangings. Gli arazzi tessili realizzati con la tecnica del macramè sono vere e proprie opere d’arte. Richiedono ore ed ore di lavoro e contengono centinaia di nodi. Il posto in cui li preferisco è la porzione di parete al di sopra della testata del letto.


L’essenza di una stanza da letto accogliente sta nella biancheria da letto. Fresca e avvolgente.  È eterno il fascino del lino, perfetto per un fresco pisolino estivo.

Le stampe botaniche sono perfette ovunque in casa. Stanno bene con qualsiasi stile, come le piante che rappresentano. Su Etsy ci sono negozi che permettono di stampare direttamente da casa tua, magnifiche illustrazioni come questa di ArtLanaPrint.


Se hai bisogno di un bel contenitore per riporre cuscini e coperte extra puoi scegliere di acquistare un bel cesto. I cesti tailandesi sono ormai prodotti in tutto il mondo. Sono caratterizzati dalla parte superiore più stretta rispetto a quella inferiore. Sono realizzati in fibre naturali, intrecciate a mano.


Amo decorare le stanze con composizioni floreali e foglie recise. Gli elementi naturali più adatti per questo mood sono le spighe di grano. Puoi utilizzare per completare un bouquet oppure sistemarle in vaso riunite in un fascio.
Se non ti va di reperirle da solo, puoi acquistarle online in negozi come Elizabetsroom.


I cuscini extra sono tanto importanti in camera da letto quanto lo sono in salotto. Meglio ancora poi, se aggiungono texture e movimento all’ambiente. Gli knitted pillows (cuscini con fodere realizzate con i ferri) sono belli, comodi ed in grado di creare subito un atmosfera cosy!
Questo arriva dalla Germania ed è da un lato ricoperto da una tessitura sferruzzata a mano di lana d’agnello, dall’altra liscio, di tessuto grigio.



Ritengo le panche un vero must have per le stanze da letto. Oltre ad essere una pratica seduta su cui accomodarsi senza sgualcire il letto, rappresentano un punto d’appoggio per piantine, scarpe e decorazioni. Puoi metterla ai piedi del letto o usarla come comodino.Quelle in legno, minimal, sono le mie preferite. Questa arriva dalla Polonia, è in pino massello e misura 110×30 cm.

Ti piacciono questi pezzi natural?
Ce ne sono tanti altri, tutti da gustare, su Etsy!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 




Torna su