+deco






 
 
 

Studio 140 Italian Arts and Crafts

Pubblicato da blog ospite in +deco

Conosco e lavoro con Emanuele Pricolo da anni e sono veramente contenta della sua nuova avventura creativa,  Studio 140, insieme alla bella e brava Lucia Olmetti.

Emanuele è un esperto restauratore, un abile artigiano, un vulcanico designer ed una persona meravigliosa.

Negli ultimi vent’anni, ha creato moltissimi bei tavoli, cornici, sedie; quello che vedete sul sito oggi è solo una selezione di quello che ha fatto fino ad ora.

Emanuele ha un approccio raro perché unisce l’esperienza dell’artigiano, la precisione del restauratore e l’inventiva del creatore.

Il risultato è Studio 140, una collezione di pezzi per la vita, finemente eseguiti.

Gli arredi possono essere quasi tutti fatti su misura, a parte i pezzi unici.

Studio 140 sta anche lavorando su una nuova linea di arredi fatto con la tecnica scagliolauna amalgama di selenite, colla e pigmenti naturali che ricorda il marmo e le pietre semi-preziose.

La tecnica era molto popolare durante il Barocco e permette di creare superfici dure con una ricchezza di colori impossibile da trovare nei marmi naturali.

Qui vi riporto i miei pezzi preferiti poi vi farò vedere le cose che abbiamo fatto per clienti privati!

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

The post Studio 140 Italian Arts and Crafts appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Vivere in una vecchia chiesa

Pubblicato da blog ospite in +deco, Interiors

Buona Domenica a tutti!

Spero stiate tutti magnificamente.

Maggio è in genere un mese molto intenso per me e quest’anno non è eccezione.

Abbiamo amici e parenti in visita da tutto il mondo, forse attratti dalla primavera dorata di Roma e, suppongo, anche dalla nostra compagnia.

Al lavoro si trotta e sembra che tutti abbiamo messo il piede sull’acceleratore in previsione di un normale deceleramento dell’attività nei mesi piuù caldi alle porte.

Stiamo poi ancora cercando casa. Attraversiamo periodi, umori, cambi di strategia ma la realtà è che non è impresa semplice.

Abbiamo visto una casa che ci piaceva molto Sabato scorso: ci siamo galvanizzati, siamo stati due e tre giorni sotto la naturale pressione data dall’idea di perdere un affare (gli agenti immobiliari ci campano con questa forma di stress) e alla fine abbiamo deciso che non ne valeva la pena: l’appartmento non era abbastanza grande.

Cambiare casa richiede tempo, investimenti e duro lavoro; non vale la pena forse farlo solo per ottenere una piccola stanza in più.

Nel frattempo continuo a sognare case grandi, possibilmente antiche, con soffitti alti e uno spazio esterno. Sogno anche di vincere la lotteria, se solo giocassi.

Questa è una ex-chiesa del 1910 Hawthorn, Australia, ristrutturata da Doherty Design Studio.

La struttura di quattro piani è stata trasformata e adattata ai bisogni di una famiglia ma mantenendo alcune caratteristiche del precedente uso religioso. Il risultato è un luogo arioso, luminoso, funzionale ma non noioso.

L’attenzione ai dettagli e alcune intelligenti soluzioni architettoniche, come i soffitti incurvati, l’alternanza di legno e pietra, pezzi di arredo d’impatto, compensano la mancanza di colore.

Per caso è in vendita? Perchè prenderei in considerazione di trasferirmi in Australia….!

 

Se vuoi vedere più bellissimi interni bianchi, non perderti la casa di Ghiora Aahroni,  l’appartamento della fotografa Paulina Arcklin’s  e l’eccentrico ristorante Hueso in Messic

 

source

SalvaSalva

SalvaSalva

The post Vivere in una vecchia chiesa appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

+deco + il 12° miglior trending blog al mondo!

Pubblicato da blog ospite in +deco

Che bello, +deco è al dodicesimo posto della classifica dei Best Trending Interior Design Guide di Feathr!

FEATHR è un marchio di arredamento d’interni che lavora con artisti contemporanei per creare carte da parati originali, tessuti e cuscini (vedi ad esempio il bel lavoro di Kiki Slaughter per Feathr qui.

Come stilano le loro classifiche che sono diventate ormai un punto di riferimento nel campo per professionisti e appassionati? Feathr “traccia i dati che dimostrano la performance di un blog. Questi dati includono dimensione, attiva sui social media, menzioni, influenza, autorità e molti altri. Un vero e proprio algoritmo che analizza l’insieme di data e crea la classifica finale dei 50 migliori”.

Sono molto orgogliosa che + deco cresca ogni anno, grazie a tutti voi!

(Nella foto, io su un trono usato per un set pubblicitario).

The post +deco + il 12° miglior trending blog al mondo! appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

I ❤ Diederick Kraaijeveld

Pubblicato da blog ospite in +deco, Design

Diederick Kraaijeveld è una delle migliori scoperte del Fuori Salone.

Stavo girovagando per lo  Spazio Rossana Orlandi quando il mio sguardo è stato catturato da due bellissime sculture in legno rappresentanti i vecchi serbatoi d’acqua Newyorkesi.

I due pezzi erano appesi in uno dei miei angoli preferiti dello spazio di Rossana Orlandi. Non sono riuscita a parlare con l’autore purtroppo, quindi, appena sono riuscita a sedermi un attimo (evento raro durante la Milano Design Week), mi sono connessa col telefonino per scoprire qualcosa su questo scultore dal nome complesso.

Diederick Kraaijeveld (vedi il suo autoritratto in coda al post) viaggia per tutto il mondo in cerca dei giusti pezzi di legnoche poi diventano  i tasselli che vanno a formare le sue figure realistiche.

Riproduce vari soggetti, persone, oggetti iconici, macchine e altro, in misure differenti: alcuni pezzi sono abbastanza piccoli, alcuni grandi (come le scarpe All Star ad esempio) ma tutti ugualmente dettagliati.

Mi sono innamorata dei due serbatoi d’acqua che ho visto a Milano, la luce si appoggiava elegantemente sui vari legni, enfatizzandone le diverse tonalità e trame (vedi la mia foto qui sotto).

Se vuoi vedere più sculture di Diederick Kraaijeveld visita il sito Oudhout.

The post I ❤ Diederick Kraaijeveld appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags: ,

 
 

I ♥ le sculture di Marco Barina

Pubblicato da blog ospite in +deco

Sono nata in Emilia Romagna nel centro-Nord dell’Italia, nella Bassa Parmense in una terra piatta come una tavola,  famosa per il prosciutto e per il Parmigiano, nonché per molte altre prelibatezze, per i numerosi castelli  e meraviglie artistiche e per il clima estremo e umido, caldissimo d’estate e immerso in una nebbia densa come il latte d’inverno.

Anche se ho vissuto buona parte della mia vita a Roma, mi sento emiliana. Questa è la mia terra e il luogo della memoria della mia famiglia.

Questo è il posto dove un giorno sarò sepolta (senza fretta, aggiungerei).

In questa zona, sono nate personalità geniali ed eccentriche, famose o meno. Forse il clima estremo forgia la passione negli animi di questa terra.

Uno dei cugini di mio padre è un raffinato collezionista che negli anni ha scovato, archiviato e amato bellissimi pezzi di vario genere.

Mio cugino è un fotografo pluripremiato che da anni testimonia la situazione in Congo.

A Pasqua ho incontrato anche un’altra persona molto interessante e genuinamente simpatica come è la gente della Bassa; è un interior designer che abita in una casa affascinate piena di pezzi recuperati da splendidi pezzi alberghi e arredi di design che hanno fatto la storia. E’ una fedele lettrice di +deco!

Torno sempre volentieri insomma nella mia bella terra natia.

Questa volta ho anche scoperto il Labirinto della Masone e un artista incredibile chiamato Marco Barina che espone lì la momento

Marco Barina crea figure ancestrali, quasi sacrali, con oggetti di uso quotidiano trovati in mercatini.

Le sue sculture riescono ad essere primitive e robotiche e sembrano fissarti con occhi sempre diversi.

Marco Barina – che, buffo a dirsi, è Romano- è entrato di gran forza nell’olimpo delle mie referenze artistiche.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

The post I ♥ le sculture di Marco Barina appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Il ristorante della Masseria Le Carrube

Pubblicato da blog ospite in +deco, Interiors

E’ quasi monastico il ristorante della Masseria Le Carrube ad Ostuni, in Puglia.

L’architettura è così bella che non ha bisogno di abbellimenti.

Le tradizionali masserie in questa meravigliosa regione hanno i muri esterni in calce bianca e i muri interni in pietra per una migliore isolamento termico.

Il ristorante, diretto dallo chef Massimo Santoro, è vegetariano.

Scatti per gentile concessione di Elio Rosato.

The post Il ristorante della Masseria Le Carrube appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

La bella carta da lettere

Pubblicato da blog ospite in +deco

Ho recentemente notato che sto imparando a non stressarmi per le cose che non posso controllare.

Le cose che non puoi controllare sono le cose su cui non hai potere, come il destino o le situazioni creati da altre persone. Sono però anche le cose che non arrivi a fare per mancanza di tempo.

Oggigiorno lavoriamo, cerchiamo di formarci, di rimanere in forma, di accudire la nostra famiglia, di divertirci ma la realtà è che non abbiamo tempo per fare tutto. Se si vuole vivere una vita sopportabile, bisogna avere chiaro in mente quale sono le priorità, cosa è importante e lasciare il resto andare.

Io, per esempio, mi sono rassegnata al fatto che il mio guardaroba è un casino il più delle volte. Non ho tempo di piegare le mutande, preferisco leggere un libro. Non ho tempo durante la settimana di cucinare bene, preferisco andare un pò più a zonzo con Giulio.

Non ho tempo di fare dei biglietti d’auguri carini anche se mi divertirebbe ma, grazie al cielo, li posso comprare. Ad esempio, la carta da lettere di  Papel & Co è bellissima!

L’idea è semplice: carta di qualità, colori eleganti, varie calligrafie che sembrano fiori al vento.

Mi piacciono molto le buste nei veri verdi e ocra!

The post La bella carta da lettere appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Ruggine, rossi terrosi e rosa melanconici

Pubblicato da blog ospite in +deco, Idee

Viola è il colore Pantone del 2018 ma a me quest’anno piacciono le tonalità ruggine, i rossi della terra e i rosa malinconici. In tutto onestà, sono un pò stufa di tutta questa risonanza data al colore Pantone dell’anno. Tutto sommato, chissenefrega.

A proposito, ecco per voi una selezione di bellissimi spazi dominati da colori che non sono terracotta, non sono rossi, non sono ruggine, non sono rosa ma molto di più o forse queste tonalità insieme.

Come sapete, ci stiamo guardando in giro per vedere se troviamo una nuova casa che faccia a caso nostro; se la trovassi domani, sicuramente userei una sfumatura simile a queste.

Immagini da Pinterest

The post Ruggine, rossi terrosi e rosa melanconici appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

L’arte di Unskilled Worker (Gucci già lo sa)

Pubblicato da blog ospite in +deco, Design

Tutti parlano di Gucci e di Alessandro Michele; a ragione.

Segue Lallo, come si fa chiamare su Instagram, da quando Alessandro Michele è diventato direttore creativo di Gucci nel Gennaio del 2015.

Da sempre sostengo che la creatività ha bisogno di essere alimentata dalla cultura; la gente più creativa del mondo è curiosa, legge, guarda, viaggia.

Alessandro Michele è illustre esempio di questo concetto. Mi hanno recentemente mostrato delle foto del suo studio e la prima cosa che ho notato è stato un lungo (bellissimo) tavolo coperto di libri d’arte e  di oggetti affascinanti.

La sua moda è influenzata dalla pittura, dal cinema, dal mondo.

Non solo ma Alessandro Michele è anche molto bravo a scoprire o usare nuovi artisti.

Abbiamo già parlato di Jayde Fish che ha ‘incontrato’ in Instagram, le cui illustrazioni sono state usate per la collezione SS17 e anche prima.

Oggi è il turno di Helen Downie in arte Unskilled Worker , una pittrice britannica, scoperta dal fotografo Nick Knight ma presto inglobata nella scuderia Gucci di Alessandro Michele.

P.S: E a proposito di cultura ed influenze, gli occhi dei suoi personaggi mi ricordano Il ritratto di Wally by Egon Schiele…

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

The post L’arte di Unskilled Worker (Gucci già lo sa) appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

Elegante e maschile: l’Hotel National des Arts et Métiers

Pubblicato da blog ospite in +deco, Interiors

Parigi deve avere i più begli alberghi del mondo.

Ho scritto molti post su hotel parigini su +deco ma sembra esserci sempre qualche nuovo posto da farvi vedere, come l’Hotel National des Arts and Métiers, una vera gemma pensata da Raphael Navot.

L’albergo è elegante, intramontabile e maschile il che -in un periodo dominato da abusi di rosa e di oro- è piacevole.

L’uso dei colori -dagli azzurri ai rossi corposi e al verde- è magistrale.

La scala in marmo grigio è una scultura. Il disegno geometrico fa in modo che il pavimento di granito nella zona ristorante sembri quasi un tappeto morbido.

La tappezzeria in lino pitturata con inchiostro giapponese da Gael Davrinche è per me una poetica rappresentazoine degli umori del cielo.

Il resto è elegante e sobrio, creato per regalare un’esperienza rilassante.

E tu quali preferisci fra l’Hotel National des Arts and Métiers raffigurato qui, l’Hotel Henriette e l’Hotel Panache a Parigi?

Foto di  Eve Campestrini @thesocialitefamily

The post Elegante e maschile: l’Hotel National des Arts et Métiers appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 




Torna su