+deco






 
 
 

Interior Design Trends 2017- il mio contributo

Pubblicato da blog ospite in +deco, Interiors

La redazione prestigioso sito The Lux Pad  mi ha chiesto, insieme ad altri influenti bloggers, quali saranno i trend nell’interior design per il 2017.

Questo è il mio contributo:

Nel 2017 la gente dimostrerà una maggiore coscienza nell’approccio al consumismo, preferendo soluzioni di qualità e materiali naturali. Le piante saranno l’arredo indispensabile per la casa e ispireranno la gamma di colori per le pitture murarie insieme all’Africa (ocra, ruggine, bordeaux). Il legno sarà largamente usato, bilanciato da materiali naturali come il marmo e il plexiglass. Gli anni novanta sono tornati con il velluto, le forme geometriche e i tartan.”

Leggi l’intero articolo qui.

+deco_green_wood

Immagine da www.vtwonen.nl

The post Interior Design Trends 2017- il mio contributo appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags: ,

 
 

Punti di vista

Pubblicato da blog ospite in +deco, Design

Ciao a tutti. Come è cominciato questo nuovo anno?

A sentire le stelle, il 2016 è stato un anno mogio e problematico per molti ma per fortuna il 2017 si  prospetta più roseo.

Non credo particolarmente negli oroscopi ma devo ammettere, mi sento molto più positiva che negli ultimi mesi del 2016.

Mi sento più attiva (che sia il magnesio che sto prendendo?), molto più lucida (che sia stata la settimana al sole a cavallo di Capodanno?) e molto più rilassata (che sia l’influsso di tutti i sorridenti rasta che ho incontrato in Dominica?).

La rete è piena di messaggi motivazionali. Puoi trovare ovunque incoraggiamenti – sii coraggioso, sii felice, sii te stesso, sei il fautore del tuo destino- in Instagram, Facebook, sui muri, stampati su poster, adesivi, t-shirt, tazze; trovi persino all’autogrill libri che promettono di insegnarti ad essere più produttivo, meno stressato, più bilanciato, più sano; puoi seguire corsi, scaricare app che ti guidano nell’arduo processo della soddisfazione personale.

Il Dalai Lama non è mai stato così famoso fra persone che a malapena sanno qualcosa riguardo alla causa Tibetana, Herbalife va a gonfie vele e una nuova categoria di guru riempe i teatri delle nostre città.

Tutti traiamo beneficio da un’iniezione di posività o da un sensato, per quanto generico, consiglio, non c’è nulla di male, anzi.

Ce ne sono tanti in giro, non comincerò pure io a proporvi i miei dogmi motivazionali.

Vi dirò solo che quando mi sento giù o in qualche modo incastrata, viaggiare mi aiuta a rimettere le cose nella giusta prospettiva. Viaggiare non significa necessariamente andare in posti remoti con un una zainetto in spalla (anche se rimane il modo in cui mi piace farlo di più), viaggiare significa prima di tutto aprire il tuo cuore ed i tuoi occhi per veramente vedere le cose che ti circondano, imparare di te, immergersi nella natura ed incontrare gente diversa. Anche sotto casa.

Karen Cantuq viaggia dalla sua scrivania in Messico quando crea le illustrazioni oniriche qui di seguito.

Aggiunge elementi inusuali in set naturali, come elefanti giganti che camminano sui boschi o astronauti che tengono dei palloncinisu un lago ghiacciato, giraffe a pois, o flaminghi giganti fra i bagnanti.

I poster di Karen Cantuq sono l’esempio illustrato di come si può trovare qualcosa di favoloso in un paesaggio conosciuto. Tutto dipende dal punto di vista.

deco_karen_cantuq_illustrations_astronauthsdeco_karen_cantuq_illustrations_flamingosdeco_karen_cantuq_illustrations_giraffe_2 deco_karen_cantuq_illustrations_sea deco_karen_cantuq_illustrations-copia deco_karen_cantuq_illustrations_elephant

The post Punti di vista appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

Eleganza postmoderna a Istanbul

Pubblicato da blog ospite in +deco, Architettura, Interiors

Ciao bella gente, oggi ho deciso di mostrarvi uno stile differente rispetto a quello che generalmente posto e che è più nelle mie corde, molto più classico e post-moderno.

Mi è sempre piaciuta la combinazione fra tappezzeria grigia e arredi in legno, ravvivati da dettagli neri e questa sala disegnata Escape from Sofa Studio (uno strano nome per uno studio, me ne rendo conto) è un ottimo classico ma anche originale esempio di questo mood.

La varietà di materiali compensa la mancanza di colore. Piani in marmo, tessuti grigio, elementi in legno, strutture dorate, i motivi bianchi e neri della carta da parati, i motivi binachi e grigi delle stoffe, il lucido nero di alcuni dettagli e delle luci, un tocco di ciniglia: decisamente un buon misto di duro (materiali) e morbidi (tessuti) uniti da un gamma colori semplice ma sempre di moda.

Mi piace anche il muro dell’area pranzo: non ha bisogno di quadri, ha una sua personalità a prescindere. E’ un ottimo modo per creare un punto focale che trascende le mode.

deco_khalkedon_penthouse_istanbuldeco_khalkedon_penthouse_istanbul_2deco_khalkedon_penthouse_istanbul_1deco_khalkedon_penthouse_istanbul_3deco_khalkedon_penthouse_istanbul_7deco_khalkedon_penthouse_istanbul_6

Photos by İbrahim Özbunar.

The post Eleganza postmoderna a Istanbul appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

FactoLab concrete world

Pubblicato da blog ospite in +deco, Decor

Natale è quasi alle porte, è incredibile come il tempo passa. E’ tempo di essere allegri, lo so ma mi devo prima togliere un sassolino dalla scarpa.

In quanto madre di un bambino di cinque anni, sono circondata da tanti genitori e non posso non notare che a volte facciamo e diciamo cose ai nostri bimbi senza riflettere troppo.

Dovremmo. Dovremmo fermarci un secondo e pensare a che messaggi diamo a queste piccole spugne che abbiamo il compito di formare.

Per esempio, quello che non sopporto in questo periodo dell’anno è sentire dei genitori dire ai propri figli che devono comportarsi bene se vogliono che Babbo Natale gli porti dei regali.

Che messaggio si nasconde dietro un’affermazione di questo genere?

Allora tutti i bambini le cui famiglie non si possono permettere di comprare regali si sono comportati male? E i bambini ricchi e viziati sono quindi più bravi di altri meno abbienti? I bambini siriani non ricevono nulla perchè non si meritano nulla secondo questa logica. E’ questo il messaggio che vogliamo far passare indirettamente, che se ti comporti bene avrai e quindi quelli che non hanno non si sono comportati bene?

Capisco perfettamente che a volte i genitori sono sotto pressione e usano armi di ricatto per esasperazione ma in un mondo dove alcune persone hanno troppo e la maggiorparte non abbastanza, dovremmo pesare meglio le nostre parole se vogliamo crescere individui consapevoli e giusti

Va bene l’ho detto, possiamo tornare a parlare dell’allegro Natale ed in particolare di regali.

Quest’anno comprerò la maggioranza dei miei regali su Etsy e sicuramente prenderò alcuni di questi eleganti vasi in cemento di FactoLab.

Ogni pezzo è fatto a mano a Firenze e per questo unico con le sue piccole imperfezioni di materia che aggiungono fascino a queste geometriche forme.

A un ragionevole prezzo, i vasi, le ciotole,  i portalampada e porta candela di FactoLab sono sicuramente un regalo che avrà successo un pò con tutti.

Certo, sempre se si saranno comportati bene……

deco_factolabdeco_facto_marble_2 deco_facto_formadeco_facto_esadeco_facto_ore_set3_2 deco_facto_ore_set3_3deco_facto_forma_teacandle-holder_1

facto_geometrica_1deco_facto_cubus_nude_1deco_facto_cubus_nude_2deco_facto_abecedarium_1 deco_facto_cubus_1 deco_facto_diamond deco_facto_esa_boxdeco_facto_ore_3

The post FactoLab concrete world appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags: ,

 
 

Davide Dormino’s studio

Pubblicato da blog ospite in +deco

Lo studio di Davide Dormino è una stratificazione di segni d’arte.

Nulla è lì per caso e ci vuole un pò di tempo per notare e capire tutti quei vari segni disseminati nel studio al Pigneto, una delle zone più in fermento a Roma.

Appena arrivati l’attenzione si concentra sulle grandi opere illuminati dai finestroni di questo spazio inaspettatamente dal sapore industriale. L’occhio indugia sulle sculture -i chiodi in ferro arruginito, i busti, il teschio in legno casualmente appoggiato in un angolo- e sulla parete dedicata al suo ultimo progetto “Anything to Say” che ha avuto grandissima risonanza.

Poi la mente si accomoda e, piano piano, saltano agli occhi mille altri particolari, dalle bellissime tracce della calligrafia di Davide sparse un pò ovunque, alla collezione di vecchi chiodi, gli affascinanti schizzi, le scarpe sulle mensole che sembrano essere lasciate da un personaggio del passato, le tele al contrario, le sedie appese, il punto di ceralacca sotto la scultura di ferro-ghigliottina.

E non che sia difficile passare qui qualche ora perchè Davide Dormino ti mette a tua agio, con quel suo misto di passione ed indifferenza, il sorriso dolce ed i gesti sicuri, quel candore che a tratti lo fa sembrare svampito.

Per saperne di più e per vedere i suoi progetti, compreso “Anything to say”, visitate il suo sito e date anche un’occhiata anche alle immagini che saltano fuori cercando ‘Davide Dormino‘ su google che sono un pò la cronaca a grandi linee del suo fare e apparire.

Fotografie di Elena Giavarini.

deco_davide_dormino_studio_18deco_davide_dormino_studio_5 deco_davide_dormino_studio_28deco_davide_dormino_studio_7deco_davide_dormino_studio_3deco_davide_dormino_studio_20 deco_davide_dormino_studio_6deco_davide_dormino_studio_26 deco_davide_dormino_studio_34deco_davide_dormino_studio_21 deco_davide_dormino_studio_36 deco_davide_dormino_studio_17deco_davide_dormino_studio_37 deco_davide_dormino_studio_23 deco_davide_dormino_studio_2 deco_davide_dormino_studio_24deco_davide_dormino_studio_40 deco_davide_dormino_studio_31

deco_davide_dormino_studio_38

(Foto di Elena Giavarini)

The post Davide Dormino’s studio appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Divani in velluto

Pubblicato da blog ospite in +deco

E’ incredibile come le cose tornino di moda ma in versione diversa. Venti, trent’anni fa, i divani rivestiti in velluto erano molto comuni ma i colori scelti erano prevalentemente beige, marrone-giallo e alcune tonalità di blu. Mia mamma ha recentemente ri-battezzato con una stoffa bianca  il divano e le poltrone di sua nonna, prima in un originalissimo velluto verde/blu di seta (non la perdonerò mai).

Il velluto è tornato di moda ma i toni sono cambiati. I nuovi divani di velluto sono rosa, giallo intenso, verde scuro, viola acceso; vogliono farsi notare e non sparire nello spazio.

Tecnicamente il velluto non è una stoffa ma un intreccio. Il più comune tipo di velluto è fatto di fili di cotone ma può anche essere un intreccio di seta, o un misto dei due o fatto con fibre artificiali. E’ generalmente una copertura morbida, non troppo caldo e abbastanza durevole. Può essere pulito a secco (ma solo se specificato nelle istruzioni, attenzione!) o, per un rapido intervento, può essere pulito strofinando sulla parte interessata con un panno umido (prima lo fai, migliore il risultato).

Il velluto di seta è più lucente degli altri ed anche più costoso. Era largamente usato nei palazzi antichi for il suo aspetto prezioso.

I colori che preferisco fra i divani selezionati per voi qui di seguito sono il rosa pallido in combinazione con una struttura di legno, il verde bottiglia abbinato ad un pavimento grigio (prima e seconda foto dall’alto) e un arancione mattone a copertura di un divano delle linee classiche (penultima foto dal basso).

Quali sono i vostri invece?

deco_velvet-sofa_13

deco_velvet-sofa_11 deco_velvet-sofa_10deco_velvet_sofas_12deco_velvet-sofa_9deco_velvet-sofa_7deco_velvet_sofas_7deco_velvet_sofas_10deco_velvet_sofas_14deco_velvet_sofas_16deco_velvet-sofa_1

(Images from Pinterest)

The post Divani in velluto appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Le stampe di Leah Bartholomew

Pubblicato da blog ospite in +deco, Decor, Design

Il sito di Leah Bartholomew è da vedere non solo per le sue vibranti stampe ma anche perché lo styling delle foto che presentano il suo lavoro è molto bello e cibo per la mente creativa. L’immagine qui sotto, ad esempio, presenta un’attraente camera da letto dove tutti gli elementi si combinano in armonia: i pezzi in legno funzionali ma di stile, la biancheria da letto in lino ben abbinata, i quadri dai colori intensi.

Agli Italiani piacciono i muri bianchi. Generalmente investono in lavori di ristrutturazione, materiali e finiture di qualità e per questo motivo scelgono poi soluzioni decorative prudenti, che non li stanchino nel giro di qualche mese. Quando poi si trasferiscono nelle loro case nuove di zecca, trovano lo spazio freddo e privo di personalità e spesso mi chiedono come aggiungere colore e carattere. Il miglior modo è quello di scegliere cose da attaccare al muro originali e accessori colorati. Tieni presente che colorato non significa necessariamente rosso accesso o giallo sole. Può anche significare una ben pensata composizione di tessuti naturali in colori presi dalla natura, una combinazione inusuale di toni (come in alcune delle foto prese dal sito di Leah Bartholomew) o piante e fiori.

 

Non mi stancherò mai di dire che tenere la casa decentemente ordinata e mettere in mostra solo oggetti carini è tassativo. Non importante se la vecchia zia si potrebbe offendere se non vedo l’angelo di porcellana orrido che vi ha regalato al matrimonio. Il tuo benessere estetico è molto più importante.

deco_leahbartholomew_its_bright_and_warm deco_leahbartholomew_sea_dasies deco_leahbartholomew_electric_blue_day deco_leahbartholomew_cool_breeze deco_leahbartholomew_autumn_is_here deco_leahbartholomew_i_think_of_youdeco_leahbartholomew_cunvejoi_plantsdeco_leahbartholomew_mural_kids

The post Le stampe di Leah Bartholomew appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

Sulle panche di Torafu Architects e su quello che la gente sostiene con il proprio voto

Pubblicato da blog ospite in +deco, Design

La gente sembra essere sorpresa ma io non lo sono.

Il fatto che gli Americani abbiano votato Trump e che la Gran Bretagna abbia votato di lasciare l’Europa mi preoccupa ma non mi ha stupito.

La gente ha coscientemente votato per un paese più individualista e nazionalista. In un periodo in cui le responsabilità che i paesi capitalistici hanno avuto in aizzare o creare conflitti e atrocità in giro per il mondo stanno venendo a galla, molta gente ha deciso, con il proprio voto, di affermare una tendenza.

Hanno ammesso che non vogliono o possono prendersi la responsabilità delle sorti del mondo, che preferiscono concentrarsi su stessi, sostenere una politica più chiusa e se possibile pretendere che quello che succede altrove non li riguarda. Troppo è il peso di quello che i cittadini non sanno neanche di aver fatto, troppo è il pesa della politica passata.

Oltretutto questi risultati evidenziano il fatto che la gente vede gli immigrati come una minaccia alla propria stabilità e alla propria posizione all’interno della società.

Spero che i nostri governi e noi stessi, abitanti dei paesi capitalistici, saremo capaci di trovare il modo di costruire una società più sostenibile per noi stessi e per i paesi più poveri.

Vi lascio con questi pensieri e con, a supporto, le panche Dozo di  Torafu Architects.

Fatte in legno di cedro rosso e acciaio, queste panchine incorporano un bastone da passeggio. La linea essenziale della seduta è resa più poetica dall’aggiunta di un elemento inusuale, il bastone, che funge anche da supporto nell’alzarsi.

Bellissima!
deco_torafu-architects-dozo-bench

deco_torafu-architects-dozo-bench-1

deco_torafu-architects-dozo-bench_1 deco_torafu-architects-dozo-bench-3jpg

deco_torafu-architects-dozo-bench-4

 

 

The post Sulle panche di Torafu Architects e su quello che la gente sostiene con il proprio voto appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

Maud Interiors

Pubblicato da blog ospite in +deco, Decor

Oggi è festa e moltissima gente ha fatto ponte e si è presa una pausa di 4 giorni (in Gran Bretagna le festività, in inglese le ‘bank holidays’, sono sempre di lunedì ed il giorno ovviamente cambia ogni anno; non hanno per questo la possibilità di fare ponte ma neanche il rischio che la festività cada di domenica).

A Roma questo weekend è stato forse l’ultimo tributo all’estate, con temperature miti e un cielo di un blu accecante

In questo periodo, la mia divisa è maglione e una grande sciarpa; ho una collezione di scialli di fatti ed i miei preferiti sono o quelli in tartan o quelli fatti a mano e presi in giro per il mondo. Non viaggio mai senza averne uno in borsa, mi salvano dall’aria condizionata all’aeroporto, fungono da ulteriore copertura se fa freddo o mi permettono di lasciare in albergo la giacca se la temperatura sale.

Amo le trame ed i colori dei tessuti asiatici, africani. Se sei daccordo con me, dai un’occhiata al sito di Maud Interiors. Nicola Paisley, la fondatrice, sembra avere uno dei più bei lavori possibili, girare il mondo per scovare bellissimi artefatti da vendere.

Dopo il lavoro di scrittrice di una colonna in un quotidiano di Carrie Bradshaw nella serie Sex & The City, viaggiare in cerca di tessuti ed arredi interessanti è senza dubbio l’impiego che vorrei.

Adoro la coperta marocchina da matrimonio color crema con lustrini, è uno di quei complementi che troverà sempre un posto a casa tua.

deco_maud-interiors-namibian-collection

deco_maud_interiors

deco_patchwork-cushion-jasmina-maud-interiors

deco_berber-basket-collection-maud-interiors

deco_contemporary-bedroom

deco_kilim-pouf-mounia-maud-interiorsdeco_stylingformaudinteriors-hannahbullivant

deco_ahem-maud-interiors

The post Maud Interiors appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

L’autunno vicino a Roma

Pubblicato da blog ospite in +deco

Ieri siamo andati a fare una passeggiata in un posto che ha riempito il mio cuore di bellezza, la valle di Caldara a Manziana, 50 minuti in macchina da Roma.

Vivere in Italia a volte è difficile: il paese sta attraversando una lunga e difficile crisi economica, migliaia di rifugiati sbarcano sulle nostre coste quasi ogni giorno o perdono la vita nei nostri mari mentre l’Europa nicchia; per non parlare dei terremoti che scuotono le viscere della nostra terra, l’ultimo dei quali, potentissimo, ha fatto nascondere sotto un tavolo pure noi abitanti di Roma.

Grazie al cielo la bellezza del paese controbilancia tutte le cose che stanno minando l’Italia.

Adoro i colori dell’autunno quando incorniciati dal cielo cristallino come in queste foto che ho fatto ieri e che non potevo non condividere con voi.

P.S: Se decidete di visitare Caldara, allungatevi poi per pranzo a Campagnano di Roma da Iotto, una piccola gemma di ristorante che vi lascerà con il sorriso sul volto.

deco_autumn_caldara_manziana_4

deco_autumn_caldara_manziana_3

deco_autumn_caldara_manziana_7

deco_autumn_caldara_manziana_2

deco_autumn_caldara_manziana_10

The post L’autunno vicino a Roma appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 




Torna su