Un casale ristrutturato dalla vocazione eco sostenibile

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
Casa Le Querciole

Pietra e legno caratterizzano Casa Le Querciole, il casale ristrutturato da ORA Officina Rigenerazione Architettura, immersa nella campagna toscana e dalla vocazione eco-sostenibile.


“Ogni scelta sia estetica che architettonica è finalizzata a sottolineare un legame che diventa inscindibile con la circostante ruralità: pietra e legno sono gli elementi fondanti di un menage che vede i due attori simbioticamente compenetranti.
Le ampie vetrate diventano quinte che lasciano entrare lo spazio quale parte integrante del progetto, accentuando intensi effetti di luce che irradiano gli interni, dove si prediligono materiali tecnici e scarsamente impattanti, ma ugualmente capaci di restituire un forte senso di calore e accoglienza. Le soluzioni cromatiche spaziano nelle varianti della terra e del “galestro”, i materiali si intersecano in un equilibrio potente dove fil rouge è sempre il legno.
Una solida scatola architettonica che dischiude al proprio interno un ambiente “hygge”, perfetto per accogliere la giovane famiglia che insieme a noi ha pensato per sé questo luogo magico”.


Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole
Casa Le Querciole

Tags:

 
 

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju

Pubblicato da blog ospite in Interiors, La Gatta Sul Tetto

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju salotto

Buondì cari amici. Oggi vi porto a Parigi, per visitare un appartamento rinnovato dallo studio d’architettura Heju, fodato da due giovani architetti, Hélène Pinaud e Julien Schwartzmann. In realtà l’intervento si è limitato ad un parziale relooking riguardante alcuni mobili, i materiali e i colori. La proprietaria, fondatrice di una marca di camicette, aveva già le idee chiare in proposito:

stile eclettico, materiali naturali, colori chiari con una dominante rosa e ottone.

La mescolanza di oggetti di varie epoche e stili appartenenti ai proprietari è perfettamente studiata: lo stratagemma vincente in questi casi è quello di lasciare ad ogni elemento spazio sufficiente per emergere: collocando pochi oggetti dalla forte personalità in angoli diversi di ogni stanza l’armonia è assicurata e si evita di scivolare  nell’effetto museo, tipico dello stile eclettico. Oggetti Art déco, vintage, coloniali, minimalisti: tutto convive perfettamente, armonizzato dalla palette di base in rosa e ottone, con tocchi di blu e di nero, che fa da sfondo in tutti gli ambienti della casa.

Gli architetti hanno disegnato su misura alcuni mobili, come la cucina e il mobile del bagno padronale, mentre quasi tutto il resto del mobilio proviene dalle incursioni ai mercatini dell’usato della proprietaria. I complementi come lampade, specchi, maniglie, sono stati selezionati attentamente, mentre la cura per i dettagli, che si può osservare anche a livello delle finiture e della posa dei rivestimenti, aggiunge un tocco di perfezione.

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju ingresso

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju soggiorno

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju camino

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju scala

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju cucina

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju cucina

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju cucina

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju camera padronale

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju camera padronale

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju mobile vintage

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju bagno padronale

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju rubinetto ottone

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju doccia

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju cameretta

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju cameretta

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju bagno

Un appartamento in stile eclettico firmato da Heju mobiletto rosa oro

 

Qualche indirizzo per arredi e complementi: le lampade vintage sono di Vanity Boum, mentre lo specchio in midollino dietro il divano è stato acquistato nella boutique di India Mahdavi. Stampe di Lèa Maupetit, piccoli oggetti in ceramica di Dodo toucan, lampada in corda di Mélanie Clénet. Per il mobile del bagno, gli architetti si sono affidati a Superfront, un’azienda che produce frontali, maniglie, top e piedini per personalizzare i mobili Ikea. Infine, lo specchio a forma di mela è firmato Honoré.

Foto e progetto studio d’architettura Hejus – Parigi

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags:

 
 

HOME TOUR – JANE FOSTER

Pubblicato da blog ospite in Il Sottomarino a Pois, Interiors
Potrebbe entrare a far parte anche della rubrica – non solo case – in quanto Jane Foster è una disegnatrice, illustratrice e autrice bravissima, ma oggi vi volevo mostrare la sua casa in perfetto stile nordico. Su instagram la trovate cliccando qui, in più ha un blog pieno di idee, disegni, illustrazioni e simpatia, da non lasciarselo scappare 😉. Possiamo dire che la sua casa è una tela bianca dove ogni tanto si incontrano colori accesi come il giallo o il rosso, accostati con gusto. Ma non solo… nel giardino della sua abitazione, Jane, ha costruito insieme alle figlie, una piccola casetta di legno, dove lei lavora! Ma andiamo a vedere gli interni della sua casa anni ’60.

Nel soggiorno, i cuscini con le sue illustrazioni, spiccano su questo sfondo bianco e luminoso, da annotare anche l’idea di inserire una mensola bassa al posto di una panca o una madia…idea sicuramente economica e d’effetto.


Non è una porta che divide la cucina dal soggiorno ma una tenda, anch’essa bianca e nera, con una fantasia a quadri, che riprende lo stile grafico del resto della casa.
I piatti appesi sulla parete sono di Donna Wilson.
e quando la tenda è chiusa sembra quasi una parete con la carta da parati.


La cucina, con altre sedie, sgabelli e tavolo, (prima del restyling).
La sedia a dondolo RAR degli Eames gialla sembra fatta apposta per stare in questo ambiente 😄



Questa camera da letto è un inno alla semplicità! Vi avevo parlato di una certa casetta di legno in giardino…chi non vorrebbe avere uno spazio così!!! 



Se volete vedere altro, cliccate qui, troverete anche lo shop con le sue creazioni.
A presto spero con altri post e altri home tour, come sempre vi lascio un po’ di musica! Buon ascolto.. ops la mia ossessione del momento MICAH P. HINSON – Take off that dress for me


Foto: Jane Foster

Tags:

 
 

Un mini appartamento dai toni neutri a Stoccolma

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Interiors

Ho un’incurabile dipendenza per le abitazioni scandinave! L’ultima scovata si trova a Stoccolma. Mi ha colpito la palette neutra e la disposizione strategica degli arredi che fa sembrare gli ambienti più spaziosi. Non avrei mai detto che tutto questo bel design fosse racchiuso in soli 45 metri quadri. 
Il parquet a lisca di pesce riscalda l’ambiente e si interrompe solo in cucina, dove è stata scelta della resina nera come rivestimento del pavimento.
Dal divano la vista è molto graziosa. Si vede il tavolo da pranzo composto sa un asse di legno su due cavalletti neri e la cucina, con il frigo nero SMEG in primo piano.
La chiave vincente che rende questa casa così bella è la semplicità. Niente fronzoli nè pensate architettoniche complicate. Solo un mirato abbinamento di tinte. L’uso del nero attribuisce personalità e connette visivamente soggiorno e cucina. Il bianco, invece, amplifica la luce.
Una vetrata è stata sostituita alla porta dell’open space nel 2015. Ora anche la camera da letto riceve la luce delle grandi finestre!
Il bagno è tutto bianco, rivestito da piastrelle quadrate. In questo mini spazio c’è persino una meravigliosa vasca con i piedini!

Goditi l’home tour!

pics via historiskahem
LEGGI ANCHE…

METRO TILES IN VERSIONE “SQUARED”

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Una casa bohemien a L’Aia

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors
Questa casa a L’Aia è caratterizzata da un’atmosfera particolarmente piacevole, dalle suggestioni bohemien, grazie soprattutto alle grandi vetrate, da cui penetra molta luce e dalla gran quantità di piante, esotiche e non, poste in ogni angolo.

A bohemian house in The Hague

This house in The Hague is characterized by a particularly pleasant atmosphere, bohemian charm, thanks above all to the large windows, which penetrates a lot of light and the large amount of plants, exotic and not, placed in every corner.
_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Restauro di un appartamento d’epoca

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
appartamento RJ Mantova

Nel pieno rispetto per la sua storia, Archiplan Studio ha dato nuova vita ad un appartamento all’interno di un edificio del ’500 a Mantova. I nuovi elementi si fondono perfettamente con il tessuto dell’edificio creando un raffinato gioco di contrasti.

L’intervento dello studio Archiplan interessa il recupero di un intero edificio multipiano a Mantova, risalente al 1500, in cui l’appartamento costituisce una porzione. Il progetto affronta il tema di una casa di lusso, affermando la sua condizione di appartenenza a questo ambito attraverso la ricerca di una spiritualità degli spazi che si esprime nello studio dei dettagli e nella sensualità dei materiali che sono stati utilizzati. La casa è caratterizzata dalle decorazioni nei soffitti e in alcune pareti che risalgono a 500 e la prima metà dell’800, il progetto mantiene la sua stratificazione di segni nella loro ambiguità senza tracciare una selezione filologica. L’organizzazione distributiva degli spazi è mantenuta in condizioni originali, mentre la suddivisione degli spazi interni avviene attraverso l’introduzione di elementi di arredo che riconfigurano in parte la struttura, specificando le gerarchie. Il progetto procede per stratificazione di elementi che si sovrappongono senza scomparire.
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartammento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
appartamento RJ Mantova
Progetto: studio Archiplan – fotografie: Davide Galli

Tags:

 
 

Una casa vista mare in Australia

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Questa casa minimale a vista mare, sulle coste dell’Austalia, il total white è la chiave dominante; insieme alla luce grazie agli arredi ricercati, anche la natura sembra entrare nella casa e pervaderla di un senso di calma.

A beach house in Australia

This minimal house overlooking the sea, on the coast of Austalia, the total white is the dominant key; together with the light thanks to the refined furnishings, even nature seems to enter the house and pervade it with a sense of calm.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Trasformazione di un ufficio in appartamento in stile mix & match

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Interiors

Trasformazione di un ufficio in appartamento in stile mix & match
Con la giusta ristrutturazione, si è potuto trasformare un vecchio ufficio in un appartamento, adattatandolo alle esigenze e ai gusti di una giovane coppia senza figli. La decorazione d’interni è un affascinante mix & match di mobili dallo stile vintage, industriale e contemporaneo, che con l’auto di alcuni accenti di colore, aiuta a creare una casa dal gusto molto personale e definito.

Il primo passo della ristrutturazione è stato quello di organizzare i 90 mq dell’ufficio, situato in Spagna, per ottenere un appartamento moderno e luminoso, con una grande area living dove intrattenere gli amici.

Dopo la demolizione di alcune pareti, la distribuzione di questo immobile è cambiata completamente. Cucina e soggiorno sono completamente integrati: acquisendo profondità da entrambi gli ambienti, si percepisce la sensazione di vivere in uno spazio più ampio. La cucina è comunque delimitata dal soggiorno grazie alla presenza di una penisola, che funge da bancone per la colazione e ai diversi materiali utilizzati per rivestire il pavimento.

I controsoffitti dell’ex-ufficio sono stati eliminati per guadagnare altezza. Le pareti sono state dipinte di bianco o grigio e il pavimento originale è stato sostituito da parquet di laminato scuro in tutta la casa, tranne che nella cucina e nei bagni, dove è stato posato un rivestimento in gres.

Un altro punto saliente del progetto è l’uso del grigio come filo conduttore di tutta la casa. Questo colore è presente, non solo nelle porte, nei rivestimenti, ma anche in mobili, complementi e nelle pareti. Questo sfondo dall’aria industriale è perfetto per inserire una combinazione di pezzi di design, mobili vintage acquistati nei mercatini e pennellate di colore dalle tonalità intense e vivaci.

I complementi e i tessuti in blu elettrico, petrolio e giallo senape sono stati combinati con grigio scuro e finiture dorate. Il risultato è un bell’esempio di stile mix & match pop, ricercato e chic. Questa atmosfera lounge riflette la passione del proprietario per la musica. Nella zona ingresso, un angolo delle pareti, oltre a presentare la collezione di chitarre elettriche, è stato decorato con modanature dipinte di grigio antracite, per differenziare questa zona dal resto.

Se lo stile minimal scandinavo o shabby chic non ti convince, spesso la soluzione giusta è mixare gli stili, associando colori e forme con audacia, ma con estremo equilibrio.

NOTA SUL CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO

In Italia, la procedura del cambio di destinazione d’uso è una materia complessa: le procedure sono diversificate da località a località, per cui è consigliabile rivolgersi a un professionista della zona (se sei nelle Marche puoi contattare noi). Occorre infatti controllare che sia urbanisticamente permesso il cambio di destinazione che si intende attuare, secondo i Piani Regolatori Comunali. In secondo luogo bisogna accertarsi che vengano osservate tutte le norme igienico-sanitarie prescritte dai regolamenti locali.

trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (2)
Trasformazione di un ufficio in appartamento in stile mix & match
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (4)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (5)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (6)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (7)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (8)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (9)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (10)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (11)
trasformazione-ufficio-appartamento-stile-mix-match (12)
Imprimir
Progetto: Backsteen, Víctor Zorita
Foto: Patricia Gallego
Fonte: micasa

Anna e Marco CASE E INTERNI

Tags: ,

 
 

Un triplex dallo stile neorustico a Barcellona

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Quest’appartamento su tre livelli si trova a Barcellona, Spagna ed è stato ristrutturato da Valentí Albareda nel 2017. Il legno chiaro, dall’aspetto molto naturale, crea un mix perfetto con le pareti in pietra a vista e il total white degli arredi e dona alla casa un aspetto neorustico.

A triplex with a neo-rustic style in Barcelona

This triplex apartment is located in Barcelona, Spain and was renovated by Valentí Albareda in 2017. The light wood, with a very natural look, creates a perfect mix with the exposed stone walls and the total white of the furnishings. gives the house a neo-rustic appearance

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Passione micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti indiscussi

Pubblicato da blog ospite in Interiors, VDR Home Design

Era da un po’ che mancava la rubrica delle micro case, quelle piccole si, ma bellissime. Che a guardarle sembrano nascondere metri alla vista. In questa micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti dello spazio.

……….

Dalle piccole case si può davvero imparare molto. Si sa che è il bisogno che aguzza l’ingegno, perché quando si ha poco a disposizione bisogna tirarne fuori il massimo. Siccome nei prossimi mesi cambieremo casa ci aspettano grandi cambiamenti, ma il budget ahimè, è quello che è.

E quindi mi sento un po’ come i cani di tartufo: alla disperata ricerca di idee super furbe ma che non comportino un esborso da prelievo del sangue. Mi sono detta: quale modo migliore se non prendendo spunto dai progetti delle micro-case?

Anche perché è da un po’ che non ne parliamo e devo essere sincera, un po’ mi mancava. Ho trovato tanti progetti che son sicura vi piaceranno, perché mixano bene le idee smart, con l’estetica, con il budget. Come i progetti dello studio di architettura polacco Hilight: sono sicura che ve ne innamorerete.

POLONIA + MICRO-CASA, VELLUTO E MARMO SONO I PROTAGONISTI

I giovani architetti di questo studio si distinguono ovviamente per il loro approccio 2.0: molto social e presenti online, sono assolutamente protagonisti in ogni fase del progetto. Ma soprattutto sono attenti alle spese e al budget, che non è un dettaglio da poco. Perché se non ci sono limiti di spesa è chiaro che le soluzioni mirabolanti siano facili da scegliere.

Eppure loro riescono a mettere insieme le necessità, come nel loro progetto per l’appartamento P14.  Un bilocale che risponde in pieno alle tendenze del momento, con tessili in morbido velluto, piani in marmo e mobili dalle forme semplici ed essenziali. Tutte le pareti perimetrali sono state sfruttate al centimetro con mobili a giorno che integrano anche le porte.

In questo modo lo spazio centrale rimane libero per il passaggio, contribuendo a far sembrare lo spazio più grande di quello che è in realtà.

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Image credits: Hilight Architects

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Photo credits: Hilight Architects

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Image credits: Hilight Architects

Nessuna concessione ad accessori o forme organiche per questo appartamento; una morbida geometria che permette di tirare fuori il massimo da una piccola casa. Luci come tagli all’interno dei rivestimenti a parete, che illuminano senza essere invasive.

Il grigio scaldato dal rovere cenere è il tratto comune di tutta la casa; qui e la il verde smeraldo da un tocco di brio ad insieme altrimenti molto razionale. E poi si sa che il velluto fa subito calore, casa, accoglienza. Oltre al marmo e al velluto, in questo appartamento troviamo un’altra grande tendenza del momento: una grande cucina monolitica, che diventa tutt’uno con il soggiorno. Ante senza maniglie, in cui basi e pensili sembrano dei blocchi unici. Un locale scenografico, da tenere in mostra e in cui spendere tanti bei momenti.

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Photo credits: Hilight Architects

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Image credits: Hilight Architects

micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti

Image credits: Hilight Architects

Gli stessi concetti li troviamo nella camera, dai colori chiari e dai tessuti accoglienti e nel bagno. Una piccola zona studio ha trovato posto in camera, vicino alla finestra. Rivestimenti a parete che si integrano con la scrivania e le mensole creando un piccolo angolo lavoro perfetto, in cui lo spazio è raddoppiato dallo specchio di fondo.

E vi dirò: le graniglie in bagno non sono così male 🙂

L’articolo Passione micro-casa, velluto e marmo sono i protagonisti indiscussi sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 




Torna su