7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

Riordinare casa - Casa Poetica

Hai deciso che è arrivato il momento di riordinare casa e hai capito di aver bisogno di un aiuto professionale.

Fino a poco tempo fa sembrava “un’americanata”, il classico servizio per viziati che non hanno voglia di fare. Per fortuna, questo retaggio culturale si sta poco alla volta sgretolando, lasciando trasparire quello che questo servizio è realmente: un insieme di tecniche e metodi strutturati sulle personali esigenze di ciascuno. In questo modo si riescono a valorizzare spazi e cose, si prende consapevolezza di quello che si possiede e si crea un “nuovo” ambiente, più armonico, funzionale e facile da gestire.

È ora di dir(ci) la verità: non è che tutti sono in grado di organizzare e ordinare casa oppure han voglia di farlo e, come per tutte le cose delle quali non si è proprio dei maestri, è giusto chiamare gli esperti.

L’esperto di questa particolare materia si chiama Professional Organizer (P.O.), consulente di organizzazione.

Ok, direi che fin qui, se mi segui già da un po’, non dico nulla di nuovo.

Quello di cui vorrei parlarti oggi è come scegliere la P.O. che fa per te.



Scegliere con chi riordinare casa

Direi di partire dalle basi, come per la ricerca di qualsiasi altro professionista: fare una ricerca su Internet, verificare che ci sia un sito e consultare proposte e offerte di servizi, cercare recensioni, farsi fare un preventivo dettagliato.

Una P.O, però, va ben oltre l’aspetto puramente pratico perché, come mi ha scritto Claudia in una recensione:

“… aprire la propria casa e i suoi segreti è aprire il cuore e con lei si fa con naturalezza!”

Ci avevi mai pensato?

Per questo è importante capire esattamente da quale professionista farti aiutare.

Come nella vita, non tutte le persone sono giuste per te, tantomeno faresti entrare chiunque nella tua casa.



Da chi farsi aiutare per riordinare casa?

Il mio consiglio è molto semplice: da chi senti parla esattamente a te, con un tono di voce che ti smuove qualcosa dentro. Che significa?

Che deve ispirarti estrema fiducia, che quello che dice e come lo dice (sia nello scritto, che nel parlato) ti piace e ti trova in accordo, che trovi i valori che incarna in linea con i tuoi.

Certo, non è facile, ma i modi per scoprire qualcosa in più dei P.O. ci sono: blog, social, recensioni, webinar… Ti accorgerai in quanti modi diversi è trattata la materia.

Sarà più facile decidere con chi riordinare casa perché, oltre alle competenze, avrai scelto la persona da cui vuoi essere guidata.

Questo lavoro, lo ripeterò fino allo sfinimento, si occupa di persone; il decluttering e il riordino sono gli strumenti che vengono utilizzati per migliorare la qualità della vita.

Questo blog, i miei corsi, i miei social sono l’estensione del mio essere e del mio modo di raccontare quello che faccio.

Sai, in tutti questi anni, uno dei complimenti più belli che mi sono stati ripetuti è “sei esattamente come ti immaginavo”.

Se quello di cui parlo e il modo in cui lo faccio ti piacciono, ti ci ritrovi, forse sono proprio la P.O. che stai cercando per riordinare casa tua.



Vuoi conoscermi meglio?

Se vuoi sapere un po’ più di me e di quello che faccio, magari iniziando dall’organizzazione del tuo armadio, puoi iscriverti al mio prossimo corso.

Pigiando il bottone rosa qui sotto, puoi saperne di più.







Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo Riordinare casa con la Professional Organizer giusta per te proviene da Casa Poetica.

7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

Le case nel mondo - Casa Poetica

Oggi ho deciso di sognare con gli occhi aperti e di scoprire le case nel mondo.

Le case, del resto, sono la mia grande passione e poterne parlare è sempre stimolante. Guardo alle case dal punto di vista emozionale, non da quello architettonico, né da quello dei mq. Per me è importante il concetto di abitare anzi, di buon abitare: avere spazi leggeri, organizzati e funzionali, che favoriscono il benessere personale e famigliare.

E, a proposito di case, un giorno mi imbatto in un post in cui si parla di case giapponesi, senza però snocciolare i soliti luoghi comuni, ma esaltando quegli aspetti che più mi piacciono; un racconto dall’interno, da chi in quelle case ha vissuto.

A scrivere sono Daniele e Luigi, travel blogger a tempo pieno, uomini che amano la cucina, l’imperfezione e parlare tanto. Cioè, in pratica sono me con più peli!!

Dopo quel post, inizio a diventare la loro ombra, seguendo le loro storie e innamorandomi dei posti che raccontano e del loro modo di farlo. Finisce che cominciamo a sentirci (ok, sono sincera, sfodero tutta la mia classe con quel pressing tutto rosa kamikaze di cui sono cintura nera) e nasce quest’idea di parlare di case nel mondo.

Ho chiesto loro di farmi viaggiare, mentre sto seduta sul divano. Se vuoi, puoi accomodarti al mio fianco e leggere con me quello che hanno da raccontare.

Ho già pronte patatine e bibita freschisssssima.

Tra le case nel mondo in cui avete vissuto, quali sono le più organizzate?

Non esistono al mondo case più organizzate di quelle Giapponesi, lo sappiamo, abbiamo un ossessione per il Giappone, ma quando si parla di ordine le case Giapponesi sono in vetta alla classifica.

Ogni oggetto (a volte anche i mobili) hanno un loro posto in un armadio, permettendo di “nascondere” tutto quello che rovina gli ambienti zen, e dando a ogni cosa il loro posto.

Basti pensare che la camera principale nelle case tradizionali giapponesi è la sala/ camera da letto. Una stanza con un morbido e profumato pavimento in bamboo, che prima del tramonto si presenta con un tavolino, delle poltroncine di legno basse e un secondo tavolino dove trovare un kit per il tè, mentre dopo il tramonto viene tutto riposto negli armadi (tavoli e sedie comprese) per far spazio ai futon su cui dormire.

La casa più colorata e giocosa?

Ci sono tantissime case colorate e gioiosissime che abbiamo visto, ma una delle più belle era in Corea del Sud.

Durante il nostro viaggio a Seoul abbiamo deciso di prenotare una casa tradizionale pensando ci saremmo trovati in un ambiente austero e invece era l’opposto.

Il cortile interno era in cristallo, facendo entrare in casa tutti i colori brillanti del giardino. Le camere, piccoline e accoglienti, avevano delle pareti sfumate, ogni camera dai colori diversi. La nostra partiva dal malva, sfumava al bianco per poi diventare giallo lime.

Una gioia per gli occhi.

La casa nel mondo che più vi è rimasta nel cuore?

Ci stiamo provando a cercarne una in particolare, ma non ci riusciamo.

Abbiamo visto tantissimi hotel e case negli ultimi anni, ma stranamente non c’è una casa in particolare che ci è rimasta nel cuore, ma le persone che le gestiscono si, quelle non le dimentichiamo.

Ricordiamo la nonnina giapponese della prima casa tradizionale in cui abbiamo dormito insieme, il ragazzo coreano gentilissimo che ci ha ospitati a Seoul, la famiglia filippina che gestiva un resort di nuova apertura e tanti altri.

Dobbiamo sempre ricordarcelo, una casa può essere la più bella del mondo, ma la cosa che la rende unica è l’anima delle persone che la rendono viva.

Ok, ragazzi, grazie di cuore. Ci avete permesso di fantasticare e avete avvalorato il mio pensiero, il mio credo profondo: la casa è fatta di persone, gesti, emozioni, non di cose.

Daniele e Luigi sono due persone speciali, con la gioia nel cuore e la luce negli occhi (e di solito con qualcosa da mangiare in mano!)

Il bottone rosa qui sotto ti permette di scoprire tanti altri loro viaggi…

Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.

L’articolo Le case nel mondo, tra organizzazione e poesia proviene da Casa Poetica.

7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

Riordinare l'armadio - Casa Poetica

C’è sempre una grande ansia quando arriva la primavera: si dovrebbe riordinare l’armadio.

Non voglio farmi odiare dicendo che il cambio armadio non lo faccio da anni, però una sistematina è sempre una buona idea: mi permette di tenere sotto controllo i vestiti e gli accessori che possiedo, oltre che una pulizia profonda.

Penserai mica che ti racconto come fare il cambio armadio, vero?!

NO.

Ti parlo, invece, di un aspetto ancora più complicato da gestire del cassetto delle calze: come fare decluttering in maniera consapevole. (L’avresti mai detto?!)

Perché eliminare il superfluo è così importante prima di riordinare l’armadio?

Perché se nel tuo guardaroba tieni solo quello che realmente indossi, avrai più spazio, più tempo e andrai sempre a colpo sicuro quando scegli cosa indossare.



Per riordinare l’armadio serve saper scegliere

Quello che il miglior decluttering insegna, praticamente.

So molto bene che decidere di selezionare i tuoi vestiti non è così facile come lo è con gli accessori della cucina o del bagno, perché la componente emotiva è un aspetto complicato da gestire.

Per questo motivo ho pensato che potrebbe essere carino dare ai tuoi vestiti un ruolo e una collocazione ben precisa.

Io cerco di fornirti le informazioni di cui hai bisogno, tu dovresti rispondere con sincerità 😉



Due squadre avversarie per riordinare l’armadio

Nel tuo armadio convivono due categorie di abiti che rientrano di diritto nelle due squadre.

Squadra 1: gli amanti

Capitanata dal tuo paio di jeans preferito, è composta dai vestiti che indossi spesso, da quelli che ti stanno bene e che ti fanno sentire bene, da quelli che indossi per fare sport o nel tempo libero, da quelli che usi per lavorare.

Squadra 2: gli scheletri

Capitanata da quella gonna che indossavi sempre al liceo, è composta dai vestiti fuori taglia, che non rispecchiano né valorizzano il tuo stile, malmessi-rovinati-scoloriti (è un trio indissolubile), con ancora il cartellino attaccato nonostante siano trascorsi 8 anni dall’acquisto, che giacciono dimenticati e sgualciti in fondo al cassetto.

Non so cosa precisamente ci sia nel tuo armadio, ma sono abbastanza sicura di aver azzeccato buona parte del contenuto.



Scegli a chi dare spazio

Non sarò io a dirti “questo devi tenerlo”, oppure “di questo puoi fare a meno”, perché non è il mio compito.

Posso, però, darti una visione nuova, che ti aiuti a scegliere.

I tuoi vestiti devono essere i tuoi alleati, non i tuoi nemici.

Devono essere quelli che ti valorizzano, che ti fanno sentire a tuo agio.

Devono amare e rispettare te, le tue forme, il tuo stile, la tua personalità.

Gli scheletri meritano di essere scacciati, perché occupano abusivamente lo spazio di quelli che ti amano.

In questa eterna partita tra amanti e scheletri, tra presente e passato, tra l’essere e l’essere stata, non credi sia arrivato il momento di gustare e vivere il momento?

Lascia andare il vecchio e fai spazio al nuovo.

Se hai ancora qualche dubbio, la settimana prossima ti racconterò dei messaggi subliminali che ti inviano i vestiti che non vogliono più stare nel tuo guardaroba.

Se invece pensi di avere bisogno di aiuto per fare decluttering, scopri come posso aiutarti, cliccando sul bottone rosa.







Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo Riordinare l’armadio: dentro gli amanti e fuori gli scheletri proviene da Casa Poetica.

7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

Fare decluttering - Casa Poetica

Di fare decluttering si parla e scrive tanto, perché l’argomento è caldo, interessa e appassiona.

È anche un tema che divide, a tratti controverso: è arrivato il momento di fare chiarezza e comprendere cosa significhi davvero e cosa può portare di buono nella tua vita.

Cosa significa fare decluttering?

Il Cambridge Dictionary (avevo bisogno di darmi un tono) afferma che vuol dire “rimuovere le cose che non servono da un luogo, in modo da renderlo più piacevole e più utile”.

Si potrebbe semplificare dicendo “eliminare il superfluo”, anche se in questo processo di semplice non c’è tanto come si vuol fare credere.

In principio fu la Kingston

Il decluttering affonda le sue radici nel feng-shui, ed è proprio con un libro che parla di questo (“Via la polvere dalla casa e dalla mente”, poi ristampato col titolo “Feng- shui e space clearing”) che Karen Kingston lo inizia a far conoscere anche in Occidente.

Inutile negare che la grande popolarità arriva con l’avvento della signora giapponese del potere del riordino e il best seller mondiale.

Il potere del decluttering

Il reale valore che ha portato questo libro, più che insegnare come riordinare casa e liberarsi di inutili fardelli, è che ha messo in luce quanto ci sia bisogno di trovare una soluzione per affrontare il problema della gestione degli spazi e delle cose.



Fare decluttering e riordinare

sono due attività che vanno a braccetto del resto, perché, più ancora della casa piccola o della poca abilità a sistemare, quello che più mina la salvaguardia di un ambiente armonioso e ben organizzato è proprio la quantità di oggetti non utilizzati che si conservano.

Facile dire fare declutteringdecisamente meno facile metterlo in pratica, perché gli oggetti portano con loro un valore affettivo ed emozionale dal quale è faticoso staccarsi.

Facile pensare ad armadi da svuotare e sacchi da riempire, molto meno metterlo in pratica.

Se da una parte la voglia di una casa più libera e facile da gestire  è tanto forte, dall’altra la paura di privarsi di cose che potranno tornare utili, e che una volta si usavano tanto, blocca e impedisce di iniziare una vera e propria “operazione leggerezza”.



Come iniziare?

Il modo migliore per partire è analizzando gli oggetti che occupano gli spazi della casa, capire che significato dare loro e quale beneficio portano nella tua vita (e nella tua casa).

Comincia pensando a quelle cose a cui non puoi proprio rinunciare e che meritano un posto d’onore. In pratica, più che pensare a cosa eliminare, rifletti su cosa sia importante tenere.

La casa ha bisogno di personalità, è il luogo nel quale sentirsi protetti e al sicuro, per questo è importantissimo che tutto quello che si trova al suo interno abbia un ruolo chiaro e preciso.

Una volta stabilito cosa conservare, puoi iniziare ad analizzare quello che resta, per comprendere se continuare a conservarlo o se farlo uscire dalla porta.

  • Da quanto tempo non viene utilizzato? (Se la risposta è “da più di due anni”, non verrà utilizzato neppure in quelli a seguire
  • Ti piace ancora?
  • Lo ricompreresti?
  • È funzionale e/o funzionante?

Se a queste domande rispondi sempre NO, puoi iniziare a eliminare.

Se vuoi  fare decluttering, quindi, inizia dai piccoli spazi e da quelle categorie di oggetti che non hanno un grande impatto emotivo. Ti consiglio di partire, perciò, dai cassetti della cucina, dall’angolo dei medicinali, dal mobile del bagno…



Il circolo virtuoso

Mettersi in moto, iniziare fare poco alla volta, ma con continuità.

Godersi il premio di cassetti in ordini e angoli più leggeri, avere la sensazione che tutto sia più facile da gestire, sarà la carica che ti porterà ad andare avanti, innescando un incredibile circolo virtuoso.

Sta per arrivare la primavera, la stagione della rinascita e della voglia di rimettersi in gioco: perché non approfittarne per far sbocciare anche la tua casa?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, sono felice di aiutarti con le mie consulenze online o dal vivo.  Il bottone rosa te le spiega nel nel dettaglio.







Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo Fare decluttering: le origini e le basi proviene da Casa Poetica.

7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

Multipotenziale - Casa poetica

Oggi voglio parlarti di multipotenziale, di progetti e di visioni; ma voglio soprattutto farti conoscere una persona interessante, preparata, con la quale ho dato vita ad un progetto che ho tenuto in sospeso per diverso tempo.

Abbiamo pensato a un corso che aiutasse a valorizzare lo spazio e il tempo, i due aspetti che maggiormente complicano la quotidianità. Siamo convinte che fornendo gli strumenti adeguati e un punto di vista nuovo, ognuno può riprendere le redini della propria vita.

Ma prima di raccontare cosa abbiamo pensato, prima di parlarti dei benefici del corso, prima di tutto, è giusto che tu conosca la persona che ho fortemente desiderato al mio fianco…

Questa è l’intervista che ho fatto ad Alessandra Noseda, fondatrice, mente, anima e cuore di PAROLADORDINE



Come sei arrivata a fare quello che fai oggi?

Sono arrivata a fare quello che faccio oggi dopo un lungo, lunghissimo viaggio.

Ho iniziato dall’archeologia, che mi ha fatto innamorare (tra le altre cose) del tempo e della classificazione e mi ha insegnato a organizzare strumenti e fasi di lavoro.

Sono passata attraverso il turismo, che mi ha regalato il piacere della pianificazione e delle tempistiche, e per la scrittura di libri di storia antica per bambini, che mi ha insegnato l’organizzazione di idee e parole nello spazio.

Poi sono approdata nel mondo dell’organizzazione personale, mi sono occupata di spazi domestici e di tempo.

Oggi sono specializzata in uso del tempo per multipotenziali: così ho unito le mie competenze come professional organizer, la mia multisfaccettata passione per il tempo e la mia esperienza come multipotenziale.



Qual è il tuo perché e per chi fai quello che fai?

Voglio contribuire a migliorare il mondo.

I multipotenziali sono persone con molteplici interessi e passioni: da una parte sono capaci di trovare nessi tra materie, argomenti diversi e soluzioni innovative a vecchi problemi; dall’altra, però, tendono ad accumulare impegni, si sentono sopraffatti, sprecano tempo, arrivano a sera senza energia e, cosa ancor più spiacevole, non riescono a progredire nei loro progetti.

Con l’organizzazione imparano a trovare il tempo giusto per ogni attività e l’equilibrio tra il bisogno di esplorare nuove materie e il desiderio di fare progressi nei loro progetti. Per poter, così, rendere il mondo un posto migliore per tutti.



Quali sono i tuoi progetti a breve e a lungo termine?

I miei progetti a breve tempo non sono pochi (da brava multipotenziale!): voglio studiare e approfondire sempre più la mia conoscenza della multipotenzialità, realizzare un paio di corsi, collaborare con altri esperti, scrivere e pubblicare un libro.

Per i progetti a lungo tempo sono aperta a ogni possibilità: di sicuro voglio continuare a scrivere e iniziare a viaggiare sul serio; mi piacerebbe essere un punto di riferimento per i multipotenziali in cerca del loro tempo e magari, chissà?, realizzare un evento sulla multipotenzialità.



Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto l’ho già svelato: cambiare il mondo in meglio.

Voglio aiutare più persone possibile a vivere in armonia con il proprio tempo, libere di esprimere pienamente se stesse e i loro potenziali.



Non solo per multipotenziale

 

Armadio&Agenda: corso di sopravvivenza per donne in carriera

questo è il nome del corso che io e Ale abbiamo costruito.

Abbiamo pensato di mettere in evidenza quanto lo spazio e il tempo siano in forte relazione tra di loro, prendendo a modello i due “spazi caldi” per eccellenza.

Sarà un corso strutturato in 3 appuntamenti, in cui teoria, esercizi, pratica e condivisione saranno le fondamenta della TUA organizzazione.

Spazio (armadio), per valorizzare le tue cose.

Tempo (agenda), per vivere la tua vita.

Il bottone rosa qui sotto ti darà tutte le altre informazioni…







Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo Multipotenziale e altre cose: intervista ad Alessandra proviene da Casa Poetica.

7 Maggio 2021 / / Casa Poetica

I benefici del decluttering

I benefici del decluttering sono tanti, forse anche di più di quelli che ti aspetti e oggi ho deciso di raccontarteli. Il mio intento, più che di esasperarti con l’argomento (potrebbe sembrare ma, giuro, non è così), è quello di offrirti una visione a 360° di questa delicata operazione.

Te ne parlo in continuazione, perché imparare a vivere con leggerezza può davvero grandi cambiamenti positivi nella tua vita. È solo in questo modo che si potrà passare dall’averne un’idea piuttosto vaga, a capirne il vero significat0 e, magari, provare a portarne un po’ nella tua quotidianità.

Quello che trovo straordinario è che si elimina il superfluo, ma si aggiunge positività.

Cosa aggiunge, quindi?!



Maggiore spazio

per conservare le cose che per te sono importanti e, di conseguenza, per riporle meglio e con più facilità.

Anche iniziare a gestire meglio i tuoi impegni crea maggior spazio nel tuo quotidiano: più spazio per te e per le cose che ami fare. Te lo ricordi quanto sei importante, vero?!

Aggiungo una piccola postilla: pensa anche quanto la tua mente può essere più libera se lasci andare le zavorre emotive che ti bloccano al passato, agli errori e ai rimpianti. Non è un tema del quale mi occupo, ma sai bene quanto i benefici del decluttering vadano ben oltre l’aspetto “tattile”.



Più risparmio

Grazie a un decluttering ben fatto, la visione delle cose che possiedi è molto più completa: questo è un grande valore aggiunto per il tuo portafogli.

Ho smesso di ascoltare quelli che dicono che non è elegante parlare di denaro. La cosa davvero ben poco elegante è lo spreco: comprare qualcosa  poi accorgerti di non utilizzarlo perché ne hai altri uguali e/o simili, ma non te ne ricordavi, perché sommerso da altre cose; oppure compri e poco dopo butti, perché non hai fatto in tempo ad utilizzarlo (pensa al cibo, ad esempio).

L’equazione è molto semplice: sai quello che hai –> compri solo quello che ti serve –> risparmi soldi.



Rispetto ecologico

che è strettamente collegato all’acquisto consapevole: compri meno –> compri meglio –> rispetti l’ambiente.



Più attenzione alla tua salute

Gli ambienti più sgombri e ariosi evitano la formazione di polvere, muffe e di quelle situazioni rischiose per le allergie e i problemi polmonari. Non viene mai citata, ma anche la salute psicologica ha il suo grosso peso: saper cos’hai, dove lo hai ed essere in grado di gestirlo con facilità, come minimo, ti evita stress e nervosismo.

A volte ci sono aspetti psicologici molto più pesanti da dover analizzare in caso di ambienti molti carichi e saturi, mi sono limitata a quelli più comuni.



I benefici del decluttering, come vedi, sono molti e mi sembrava giusto raccontarteli, così da farti riflettere su quanta positività porta nelle case e nella vita.

Se dovessi, però, descrivere in una sola parola quello che significa per me, userei semplificazione.

L’enorme potere del decluttering è proprio quello di portare ogni aspetto della vita ad un livello più umano e sostenibile, fatto di ritmi e gesti che il nostro corpo e il nostro cervello sono strutturati per affrontare.

Pensaci, forse è giunto il momento di smetterla di vivere con la batteria perennemente da ricaricare perché abbiamo sprecato troppa energia ed esaurito lo spazio di archiviazione.

Direi che è giunto il momento di SCEGLIERE, in base a una scala di valori e priorità, cosa tenere nella tua vita.

È la tua vita, è la tua casa: non hai bisogno di tutto, ma solo di tutto quello che ti fa star bene.

 

Tengo anche dei corsi in cui approfondisco il tema del decluttering.







Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo I benefici del decluttering nella tua casa e nella tua vita proviene da Casa Poetica.