12 Ottobre 2021 / / Design Ur Life

La cucina è la stanza dove la famiglia tende a passare la maggior parte del tempo quando è a casa. Dove si incontra per vivere i momenti conviviali come fare la colazione, pranzi, cene ogni giorno. Infatti è importante trovare la giusta armonia con le esigenze funzionali. Il piano snack è un elemento d’arredo molto utile soprattutto se si tratta di una piccola cucina. Qui di seguito parlo di come creare un piano snack in cucina con pochi elementi.

Diversi mesi fa ho arredato una casa a Torino dove la cucina era già presente ma si doveva adattare con le esigenze della nuova proprietaria. Si tratta di una cucina separata da zona giorno. Una stanza poco più di 9 mq con una cucina lineare su una parete. L’intenzione quindi è stato di utilizzare la parete di fronte per creare un piano snack. Tanti pensano al piano snack come una soluzione perfetta per un open space. Mentre non è soltanto perfetta per una cucina open ma si può avere un piano snack anche in una cucina separata. Nel mio progetto poi si tratta di uno spazio lungo e stretto quindi un piano snack è la soluzione migliore rispetto ad un classico tavolo.

Come creare un piano snack in cucina
Planimetria Cucina

Le scelte per fissare questo piano snack erano diverse come ad esempio fare un piano snack a sbalzo con delle staffe metalliche. Oppure usare delle staffe a forma triangolare per tenere su il piano snack. Ma la soluzione che abbiamo scelto è stato quello di utilizzare le gambe metalliche di The Hairpin leg co. Ho già parlato di queste gambe a forcina in questo articolo.

Come creare un piano snack in cucina in pochi semplici passi

Nell’arredare questa casa abbiamo speso il budget per altre stanze quindi ho dovuto trovare una soluzione bella ma con un budget limitato. Per questo motivo ho scartato anche un eventuale tavolo snack fatto su misura da un artigiano. Ho progettato questo piano snack in modo da poter realizzare in pochi semplici passi. Sono bastati le gambe a forcina che sono molto robuste, resistenti, solide e anche esteticamente belle di  The Hairpin leg co e un piano in legno bambù che si abbina con il pavimento in bambù.

 Come creare un piano snack in cucina
Come creare un piano snack in cucina

Scrivimi nei commenti cosa ne pensi di questa soluzione e se vuoi un aiuto per ottimizzare i tuoi spazi mandami una richiesta via Mail: saideh_shirangi@icloud.com


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Come creare un piano snack in cucina proviene da Design ur life.

27 Settembre 2021 / / Design Ur Life

Dopo una lunga pausa torna Cersaie 2021, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno che ha aperto le porte al pubblico oggi a Bologna e durerà fino al 1° ottobre.

Per questa importante edizione della fiera Cersaie 2021, da sempre di riferimento per i professionisti del settore del design delle superfici, che segna il rilancio dell’intero comparto, Ceramiche Refin ha scelto di ispirarsi alla perfetta imperfezione della natura e dell’arte. Riscoprendo appunto il valore della tradizione storica e artistica italiana, del lusso esclusivo delle lavorazioni artigianali e della natura in tutta la sua potenza.

Da questi spunti di ricerca hanno preso vita nuove collezioni create con lo scopo di vestire di emozioni ogni progetto di architettura ed interior design. Tra queste, i riflettori saranno puntati su Affrescati, Cortina e River, protagoniste dello stand Cersaie 2021 di Refin.

Collezione AFFRESCATI a Cersaie 2021

La collezione AFFRESCATI propone un’interpretazione, suggestiva ed eclettica, della storia e della bellezza degli affreschi murari, patrimonio intrinsecamente connesso alla cultura italiana. Una ricca tradizione artistica che è stata proiettata nella contemporaneità mediante superfici intensamente materiche, contraddistinte da lievi ondulature, segni di spatolature e un’originale stratificazione cromatica, dall’identità ricercata che crea sofisticate scenografie.

Le cromie Calce, Ocra, Ombra, Lapis e Terra prendono vita dalle tonalità tradizionali delle superfici, per loro natura polverose e vissute. Ciascuna con potente forza espressiva, in grado di impreziosire superfici e ambienti tra loro differenti.

Collezione CORTINA a Cersaie 2021

Con CORTINA, saggezza ancestrale e sapienza artigianale vengono reinterpretate per sprigionare un valore di autenticità e l’esclusività di un lusso quotidiano.

La collezione racconta diverse essenze e vari gradi di invecchiamento del legno ed è il risultato di un accurato e meticoloso percorso di ricerca volto alla scoperta e scelta delle doghe più particolari per proporre un prodotto del tutto esclusivo. Perfetta per creare caldi e accoglienti scenari interior, rivivendo lo charme tipico degli chalet di montagna, con un design contemporaneo e sofisticato al tempo stesso.

Le tonalità Almond, Honey, Natural e Tobacco accentuano inoltre la ricchezza naturale del legno, recuperato da antiche baite alpine, a cui si ispira la collezione.

Ciascuna sfumatura cromatica si distingue dalle altre attraverso un gioco di colori e nuances proprie, tipiche delle superfici lignee.

Collezione RIVER

La collezione RIVER, invece, nasce dall’osservazione dei fenomeni naturali ed in particolare dell’azione erosiva dell’acqua, elemento naturale originario che da sempre plasma le pietre dei fiumi. Nei punti in cui la pietra emerge, l’effetto permane materico e strutturato, mentre quando è immersa viene levigata dall’acqua e ammorbidita nei contrasti, beneficiando di un aspetto più delicato ed elegante. La sua energia vitale pervade nella quotidianità, instaurando un dialogo tra l’universo naturale e la realtà interiore, in perenne connessione.

Le superfici River richiamano questo originale effetto dando vita a un dialogo tra l’universo naturale e la dimensione interiore in una continua contaminazione tra ambienti e percezioni, natura ed emozioni.

Con queste tre nuove collezioni si conferma ancora una volta il legame intrinseco con l’artigianalità, la ricerca e l’immenso patrimonio culturale italiano, fattori che trovano la massima espressione stilistica nel Made in Italy.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Cersaie 2021 e le collezioni di Ceramiche Refin proviene da Design ur life blog.

27 Settembre 2021 / / Design Ur Life

La rubrica mensile “In vacanza con l’Architettura” si riprende in concomitanza della giornata mondiale del turismo che è oggi 27 settembre. Per questa occasione vi suggerisco 5 top location da non perdere per un soggiorno all’insegna del Design e del Benessere.

Durante il lockdown hanno investito, ristrutturato e rischiato e ora propongono strutture all’avanguardia firmate da rinomati brand dell’arredo. Mare, monti e lago, per il prossimo autunno – inverno, il ritorno alla normalità passa anche attraverso soggiorni in grado di farci evadere dallo stress quotidiano con l’aiuto della bellezza del design tricolore.

1. Grand Hotel Victoria – Menaggio (Lago di Como)

Affacciato sul lago di Como e recentemente sottoposto a un ambizioso progetto di ristrutturazione e ampliamento firmato dall’architetto Franco Pè, il Grand Hotel Victoria Concept & SPA di Menaggio. Nei sofisticati ambienti dell’albergo, storia e tradizione incontrano la modernità del design e il fascino impareggiabile dei complementi di design di marchi d’assoluta eccellenza come Talenti, Flos e Linea Light Group.

design
Grand Hotel Victoria Concept & SPA di Menaggio
design
Grand Hotel Victoria Concept & SPA di Menaggio
design
Grand Hotel Victoria Concept & SPA di Menaggio

2. APfelhotel una struttura di design magnifico a Saltusio (Alto Adige)

In simbiosi con la natura nella suggestiva cornice di Saltusio (Alto Adige), sorge Apfelhotel, una magnifica struttura che si estende su 2.890 m2 incastrandosi come una gemma tra colline, valli e sentieri. Il celebre studio noa *Network of architecture, responsabile del progetto, ha trasformato questo luogo storico in uno spazio dedicato ai sensi e alla condivisione di momenti unici. Per regalare eleganza alle suite, è stato scelto Undici, l’esclusivo e innovativo parquet del brand Listone Giordano.

design
Apfelhotel
design
Apfelhotel
design
Apfelhotel

3. Demo Hotel – Rimini

Apre ufficialmente il DEMO Hotel di Rimini, un concept innovativo e ultra-moderno con le sembianze di un vero e proprio showroom; una struttura alberghiera rivoluzionaria che porta con sé il marchio inconfondibile del design di brand e firme d’assoluto prestigio. A questo nuovo progetto ha preso parte anche lo storico Gruppo Fontanot con un’esclusiva fornitura di soluzioni da esterno per l’hotellerie.

4. Hotel 47 per una vacanza all’insegna di design Romana

Nel cuore di Roma, a pochi passi dal Colosseo e dal pittoresco quartiere di Trastevere, il 47 Boutique Hotel è un universo a sé, dove trovare comfort, stile ed eleganza.  A rendere ancora più suggestiva l’atmosfera magica che lo caratterizza, l’illuminazione studiata dallo Studio Faber Technica che, grazie alle luci di Linea Light Group, ha saputo evidenziare, in accordo con i vincoli dettati dalla protezione del Bene, le particolari caratteristiche architettoniche dell’edificio, inserito in un contesto urbano di grande valore artistico.

design
47 Boutique Hotel
design
47 Boutique Hotel

5. I trulli di Ostuni: La Cipressa

Nei trulli pugliesi, nella loro verticalità geometrica e volutamente esibita, c’è qualcosa di inconfondibilmente architetturale. Ne sono perfettamente consapevoli gli architetti pugliesi Aldo Flore e Rosanna Venezia, il cui studio ha recentemente rivitalizzato un complesso di trulli situato tra le colline di Ostuni. Dal progetto di recupero è sorta così “La Cipressa”, per la quale lo studio d’architettura ha scelto la collezione di rubinetterie Canterbury 30 del brand novarese Fir Italia. Lo stile di questa collezione è dichiaratamente British, con forme essenziali e piene di rimandi all’estetica Old England.

La scelta dei due architetti pugliesi non è stata certamente casuale: Fir Italia, sin dal 1957, propone infatti rubinetterie di design ispirate al mondo dell’architettura ma anche agli ambienti naturali. In un contesto paesaggistico come quello in cui è inserito “La Cipressa”, immerso tra ulivi secolari, le linee raffinate della collezione Canterbury 30 sembrano dialogare graziosamente con gli elementi della natura, integrandosi magnificamente nell’ambiente circostante

Un’ispirazione del tutto simile, sempre nutrita dalla Natura, guidò i contadini del posto nella costruzione dei trulli, fortemente influenzati dai diversi elementi naturali, come sole, vento, acqua. Quindi esposizione, ventilazione e raccolta delle acque piovane. Gli architetti Flore e Venezia, negli anni successivi, si sarebbero lasciati spingere dalla stessa mano invisibile. Quella controllata dalla Natura, arrivando a scegliere Fir Italia e una delle sue collezioni più rappresentative. Nel corso della riqualificazione, lo studio pugliese ha utilizzato materiali appartenenti alla tradizione della loro terra. Come la chianca, la resina, il ferro o il tufo rifinito, restituendo ai trulli tutta la loro originaria vitalità. L’essenzialità del ferro si combina così con il biancore dei trulli, dando vita a delicati contrasti. Per gli arredi si sono scelti anche degli elementi antichi rinvenuti sul posto. Mantenendo intatto il legame dell’intero complesso con la ricca tradizione del suo passato.

Scopri qua un’altra destinazione per le tue vacanze di architettura. Se vuoi segnalarmi altri posti interessanti per andare in vacanza all’insegna di Architettura e design, scrivimi nei commenti.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo In vacanza con l’Architettura, Top 5 location all’insegna del Design & Benessere proviene da Design ur life blog.

19 Settembre 2021 / / Design Ur Life

Il supersalone, è stato denominato così sessantesima edizione e con un format totalmente diverso dal solito e particolare. Un format decisamente concentrato e ridotto rispetto alle dimensioni precendenti, perché i padiglioni erano soltanto quattro. Ci sono stati lo stand dei brand che hanno cercato in maniera molto chiara e univoca di comunicare la filosofia dell’azienda esponendo pochi pezzi, altri invece troppo pieni. Ma la mia attenzione era nella ricerca delle novità e tendenze per l’arredamento e della decorazione. Ho visitato anche HOMI, il salone degli stili e poi non poteva mancare un giro al Fuorisalone.

Al supersalone ho trovato tanti soluzioni ecosostenibili come ad esempio l’ufficio sostenibile di CUF Milano, design New modern, ambientazioni evocative e una tendenza alla iperdecorativismo. Vediamo insieme tutte le tendenze nel mondo dell’interior design.

supersalone
Lo stand CUF Milano al SuperSalone

Sicuramente la pandemia ha avuto il suo ruolo cambiando lo stile di vita di tutti noi e di conseguenze il modo di vivere casa è cambiato totalmente. Infatti l’ambiente domestico si evolve in tante funzioni, dall’ufficio alla palestra, il luogo di svago e il bisogno del contatto con la natura, sono alcune richieste e esigenze di tante persone.

supersalone

New Modern uno stile totalmente nuovo

Tra le prime tendenze 2022 negli interni e arredamento sono quindi l’home office e il design biofilico. Poi sicuramente una forte presenza dello stile new modern e le forme sinuose, morbide e moderne. New modern è uno stile totalmente nuovo che prende ispirazione dal design vintage e anni 20-30. Una combinazione tra minimal e lo stile Mid Century.

supersalone
supersalone
supersalone
supersalone

Per quanto riguarda l’ambiente della cucina ho notato questa tendenza di nascondere tutto. Quindi la cucina c’è ma non si vede. Come ad esempio il piano snack allungabile che va a coprire l’isola con i fuochi e il lavello. Oppure le ante a scomparsa che nascondono il piano di lavoro con elettrodomestici. I piccoli elettrodomestici a scomparsa che escono fuori dal top.

Un’altra protagonista del prossimo anno di design è sicuramente la decorazione. La combinazione di finiture e superfici tra elementi d’arredo e pareti. Anche l’effetto foresta è sicuramente una novità per gli interni. Si può definire il lato positivo di questa pandemia. Il bisogno della natura e tenere le piante in casa è una tendenza degli ultimi anni che però negli ultimi mesi ha avuto una accelerazione.

supersalone
supersalone
supersalone

Hai visitato il SuperSalone 2021? Cosa ti ha colpito in particolare? parliamone nei commenti qui sotto.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo SuperSalone e le tendenze 2022 negli interni proviene da Design ur life blog.

6 Settembre 2021 / / Design

CUF Milano, La divisione di office design che fa capo a Centrufficio S.p.A. debutta alla prestigiosa manifestazione milanese, Supersalone 2021 a Milano. FUSION GREEN: il celebre e pluripremiato sistema d’arredo per ufficio “Fusion”, disegnato da John Bennett e Sakura Adachi, riletto in un’ottica di economia circolare. Una nuova interpretazione, frutto della collaborazione con l’architetto Matteo Silverio e le startup Krill Design e Vitesy, in risposta alla Call4Solutions lanciata dal programma di Open Innovation HiHack.

salone del mobile milano, supersalone fusion green l'ufficio sostenibile

L’ufficio sostenibile di CUF Milano

Gli esseri umani sono biologicamente predisposti a ricercare il contatto con la natura. Il celebre biologo Edward O. Wilson, la definisce come una «tendenza innata a concentrare il proprio interesse sulla vita e sui processi vitali». Essere circondati da un ambiente ricco di vegetazione procura benessere e positività, oltre ad aiutare la concentrazione e influire sulle capacità d’apprendimento.

Partendo da questo assunto, CUF Milano debutta al supersalone by Salone del Mobile. Presentando uno spazio di lavoro coadiuvato dall’ecologia, in cui la natura non solo aiuta i lavoratori a ridurre lo stress, ma viene sfruttata soprattutto come potente alleato per il controllo della qualità dell’aria. Agli elementi botanici si affianca l’utilizzo di materiali rigenerati, a rimarcare l’importanza che il brand milanese dà alla sostenibilità ambientale e al concetto di economia circolare.

Sono già diversi anni che il brand di design che fa capo a Centrufficio S.p.A. si impegna per un futuro più sostenibile, adottando comportamenti virtuosi e orientando la sua ricerca verso il recupero della materia di consumo, facendo ricerca in house, ma anche stringendo delle partnership con aziende o start-up che ci stanno già lavorando.

È il caso della collaborazione con l’architetto Matteo Silverio e con le due startup Krill Design e Vitesy. UNA partnership che ha portato CUF Milano a combinare nuovi accorgimenti costruttivi legati a modelli di economia circolare e al benessere ambientale con FUSION, il versatile sistema d’arredo per ufficio disegnato nel 2018 da John Bennett e Sakura Adachi, già pluripremiato per la portata innovativa nel permettere una varietà di configurazioni per il lavoro operativo. Ma anche per riunioni e brevi pause in atmosfere più rilassanti e conviviali. Perfetto anche nel residenziale e quindi per un home office.

Supersalone

Fusion Green: le postazioni per ufficio sostenibili dagli scarti del caffè

Fusion, premiatissimo sistema d’arredo per ufficio pensato per interpretare le esigenze di co-working e smart working, viene rivisitato in ottica di sostenibilità e si traforma in Fusion Green. Questa novità prevede l’utilizzo di materiali naturali per limitare le emissioni nocive, e sostituisce i classici pannelli divisori fra le diverse postazioni con grandi pareti verdi, prodotte da Krill Design utilizzando una bioplastica realizzata con gli scarti del caffè. Queste pareti, oltre a immergere il lavoratore in una piccola “giungla indoor”, permettono di purificare l’aria grazie al sistema Natede sviluppato da Vitesy. Il nuovo prodotto di CUF Milano, divisione di “office design” che fa capo a Centrufficio S.p.A., sarà presentato al supersalone by Salone del Mobile a Milano dal 5 al 10 settembre 2021.

Supersalone

Anche i tappi di chiusura dei tubolari derivano dagli scarti del caffè. I piani di lavoro, le mensole e i mobili contenitivi di FUSION GREEN sono realizzati, invece, con pannelli multistrato rivestiti in linoleum, un materiale ormai in disuso ma di derivazione naturale: olio di lino, farina di legno, canapa e pigmenti coloranti calandrati su tessuti di juta naturale.

FUSION GREEN
Supersalone
FUSION

FUSION GREEN viene presentato al supersalone by Salone del Mobile, in una configurazione originale e di grande impatto che prevede un lunghissimo piano d’appoggio sul quale saranno allestite diverse soluzioni botaniche, tutte diverse e originali. A delimitarne lo spazio, il pannello bifacciale free standing fonoassorbente e decorativo FEI, costituito da fibra di poliestere 100%, totalmente riciclabile e realizzata attraverso il riuso di bottiglie di plastica. Come fonoassorbenti sono i pannelli a forma romboidale della linea Shape, che fanno da soggetto all’originale disegno in macro-camouflage scelto come parete di sfondo.

Supersalone

Evento da non perdere durante il Supersalone

Lunedì 6 settembre, dalle ore 18.00, nello showroom di CUF Milano in via Rosales 3/5, nel cuore di Porta Nuova a Milano, si tiene il primo Archi-Torneo di Calciobalilla organizzato in collaborazione con RS Barcelona, azienda spagnola leader nella progettazione e realizzazione di tavoli da gioco. Il torneo sarà classico e a eliminazione diretta, con squadre di 2 giocatori fra architetti, designer e progettisti, che si sfideranno per aggiudicarsi il primo premio: uno dei due calciobalilla RS Barcelona utilizzati per il torneo. A tutti i partecipanti spetterà come consolazione una bellissima asta completa di sagome giocatori da utilizzare come appendiabiti.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo SUPERSALONE 2021 con l’ufficio sostenibile di CUF Milano proviene da Design ur life blog.

31 Agosto 2021 / / Design Ur Life

L’illuminazione gioca un ruolo determinante nell’armonia dell’ambiente e negli spazi interni. Quando si entra in una casa si cerca luce e calore, quindi creare un’atmosfera accogliente diventa molto importante. In diversi post sul mio blog ne ho parlato ma le novità sono sempre tante e oggi vi presento una lampada da tavolo particolare che si chiama Lafleur. Questa lampada viene realizzata manualmente negli atelier dell’azienda Slamp e per produrla ci possono volere fino a due settimane. Come suggerisce il nome si tratta di un punto luce a forma di fiore disegnata da Marc Sadler.

Lafleur

Ho scoperto l’azienda Slamp grazie alla mia collaborazione con lampade.it dove spesso acquisto per i miei clienti e trovo sempre la soluzione per ogni esigenza grazie alla vasta scelta di aziende d’illuminazione.

Slamp è un’azienda che produce lampade decorative di design, catturando gli stimoli più attuali, attingendo al mondo naturale, ai virtuosismi architettonici e sartoriali, alle tendenze artistiche e li trasforma in oggetti luminosi, suggestivi e versatili, grazie all’impiego di materiali di nuova generazione e a una speciale abilità manuale nell’assemblare elementi che si compongono dando vita a un lussureggiante panorama figurativo.

Lafleur, si spinge oltre i confini del già visto per trovare un nuovo linguaggio compositivo. Lafleur, la delicata e deliziosa lampada da tavolo a batteria ricaricabile. Nasce scaldando il Lentiflex® a temperatura controllata e modellando letteralmente a mano fino a dar vita alla corolla di un fiore.

Le caratteristiche che mi hanno colpito di questa lampada sono diverse. A renderla molto interessante è proprio essere portatile, quindi creare l’atmosfera per una serata all’aperto e gustare un aperitivo in giardino diventa più divertente.

Lafleur
Lafleur
Lafleur

Possiede una base magnetica con in combo un disco in metallo che si può avvitare al muro e cosi si trasforma in una applique.

All’occorrenza, si può utilizzare anche come romantico centrotavola. Basta celare sotto la tovaglia il disco in metallo, fornito con la lampada, da abbinare alla base magnetica.

Questa lampada a me piace tanto, ma vorrei sapere cosa ne pensate voi? Rispondo alle domande nei commenti qui sotto.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Lafleur, Design e artigianalità dell’azienda Slamp proviene da Design ur life blog.

7 Luglio 2021 / / Design Ur Life

Una stanza poco illuminata può creare un’atmosfera suggestiva, ma con il tempo diventa problematica e stancante. Infatti qualche settimana fa sono stata chiamata da una signora stanca del suo living buio in cerca di soluzioni per rendere più luminosa la sua stanza. Con una finestra rivolta a nord, la quantità di luce che entra in questa stanza è davvero ridotta. Tuttavia ci sono soluzioni che permetteranno di rendere più luminosa questa zona della casa e migliorare la situazione dell’illuminazione del soggiorno.

Illuminazione soggiorno

Il punto di partenza in ogni mia consulenza è fare il test dello stile. Il risultato del test di questa cliente è stato lo stile glam. Lo step successivo è stato analizzare tutti elementi che potevano togliere luminosità alla stanza, come ad esempio il pavimento scuro, il colore della parete, le tende e l’illuminazione artificiale non adatta allo spazio. Vediamo insieme qui sotto gli accorgimenti dell’interior designer.

Creare l’illuminazione più adatta per il soggiorno

Spesso parlo dell’illuminazione perché in uno spazio d’interni ha un ruolo molto importante e ho parlato in un articolo tempo fa di come scegliere la luce giusta in ogni stanza. Se non si riesce ad aprire altre finestre e quindi non disponiamo della sufficiente luce naturale, allora bisogna puntare su quella artificiale. Un progetto illuminotecnico aiuta a capire la quantità di luce necessaria e studiare la posizione dei punti luce. In questo soggiorno ad esempio ho preferito distribuire i punti luce e ho suggerito di utilizzare l’illuminazione indiretta aggiungendo la cornice con il led. Con questo sistema ho dato carattere allo spazio oltre che migliorare la luce. Il soggiorno ha un aspetto più elegante e raffinato con un’atmosfera speciale.

Illuminazione soggiorno

La scelta del colore per le pareti del soggiorno

I colori chiari e neutri possono andare bene in una stanza poco illuminata e la scelta dipende da alcuni fattori e caratteristiche della stanza. Ad esempio in questo soggiorno la finestra è rivolto a nord e quindi entra poca luce naturale. Non ho optato per il bianco brillante perché si rischiava di ottenere una stanza grigia e fredda. Invece ho proposto una tonalità di colore rosa molto delicato che illumina istantaneamente la stanza.

Il ruolo del pavimento nell’illuminazione del soggiorno

Un pavimento scuro è da evitare assolutamente in un soggiorno poco luminoso. Infatti la proprietaria mi diceva che nella scelta del pavimento ha solo guardato cosa le piaceva senza considerare il colore e il materiale più adatto al suo spazio. Questo può capitare spesso se non ti rivolgi ad un professionista quando devi prendere delle decisioni cosi importanti. Ma niente panico anche con un pavimento scuro si può migliorare scegliendo un tappeto chiaro.

Illuminazione soggiorno

Scegliere con cura le tende

La scelta delle tende è davvero fondamentale, se hai poca luce potresti anche pensare di non metterle. Ma in caso vuoi avere la possibilità di avere la privacy quando ti serve potresti optare per un tessuto bianco brillante e leggerissimo. Nel caso del mio progetto abbiamo optato per una tenda a pacchetto con un tessuto super leggero di colore bianco.

Illuminazione soggiorno

 La scelta dei mobili

Anche il colore dei mobili e lo stile sono importanti, infatti i colori chiari e superficie lucide aiutano a rendere l’ambiente più luminosa. La scelta dello stile minimal e arredi non troppo alti e ingombranti danno subito la sensazione di uno spazio arieggiante e luminoso. In questo progetto come abbiamo visto all’inizio sono partita con il test dello stile dove il risultato è stato lo stile glamour. Uno stile molto brillante e chic dove l’uso degli specchi e il vetro insieme al colore oro fanno brillare questo soggiorno.

Illuminazione soggiorno

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.

L’articolo Illuminazione soggiorno: Come ho migliorato la luce del soggiorno proviene da Design ur life blog.

28 Giugno 2021 / / Design Ur Life

Solitamente la zona living in una casa è la stanza più importante, perché si trascorrono spesso del tempo in famiglia oppure con gli amici. Quindi è importante progettare questa zona in base alle tue esigenze e i tuoi gusti personali. Infatti per aiutarti ho preparato una piccola guida con una lista di 10 cose che non possono mancare nel living. Se hai delle domande puoi scrivermi nei commenti oppure sul mio Instagram.

10 cose che non possono mancare nel tuo living

  1. Il verde è assolutamente un elemento essenziale e ogni soggiorno dovrebbe avere qualcosa di vivo all’interno. Una pianta vibrante, verde e naturale è quel elemento d’arredo che non deve mancare nel living.
10 cose che non possono mancare nel living

2. Un divano comodo non deve assolutamente mancare in un soggiorno e nella scelta dovresti fare attenzione alle tue esigenze. Guarda lo stile che ti piace e il colore ma ricordati anche la comodità di un divano è essenziale.

10 cose che non possono mancare nel living

3. I cuscini sono molto importanti e hai l’opportunità di cambiare il look della tua zona living, cambiando solo il colore e tessuti dei tuoi cuscini. I cuscini aggiungono calore e contrasto all’ambiente e aiutano a raggiungere lo stile dell’interior che stai cercando.

10 cose che non possono mancare nel living

4. Il tavolino è l’elemento di arredo che riunisce tutti i mobili, con la giusta tonalità di colore e stile di design. Questo complemento d’arredo bilancia tutti i pezzi presenti nel tuo soggiorno e completa la stanza.

10 cose che non possono mancare nel living

5. utilizzo di oli essenziali, fiori freschi o candele possono rendere il tuo soggiorno un posto accogliente, invitante ed intimo. Ogni persona percepisce ogni spazio come confortevole attraverso i propri sensi. Quindi se usi le candele profumate di lavanda, camomilla, gelsomino o vaniglia sono i migliori perché i loro profumo è rilassante.

10 cose che non possono mancare nel living

6. Lo specchio è un complemento d’arredo che aggiunge quel tocco di stile ed eleganza ed è alleato perfetto per far sembrare un piccolo soggiorno più grande. Lo specchio dona luminosità e freschezza ad una stanza. puoi posizionarlo sul camino, dietro al divano oppure se hai un soggiorno poco luminoso, posizionalo di fronte ad una finestra per riflettere la luce.

10 cose che non possono mancare nel living

7. Il vaso usato come elemento di decorazione d’accento per creare equilibrio, funziona molto bene.

10 cose che non possono mancare nel living

8. Le coperte morbide e coccolose sono perfette per rilassarsi sul divano e guardare un film. Infatti sono un accessorio che aggiunge un tocco di accoglienza e calore nella stanza.

10 cose che non possono mancare nel living

9. Un tappeto accogliente e morbido non può mancare nel tuo soggiorno. Fai attenzione all’abbinamento dei colori, il disegno e fantasia del tappeto con lo stile del tuo spazio.

10 cose che non possono mancare nel living

10. Infine aggiungi qualcosa di personale che dona carattere al tuo living, come un oggetto importante e significativo per te e la tua famiglia. Ad esempio un’ opera d’arte, dei libri preferiti, una gallery wall con le foto che hai scattato durante i tuoi viaggi oppure oggetti e souvenir comprati. Cosi puoi rendere il tuo living unico e personalizzato.

10 cose che non possono mancare nel living

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.

L’articolo 10 cose che non possono mancare nel living proviene da Design ur life blog.

5 Giugno 2021 / / Design Ur Life

Oggi è la giornata mondiale dell’ambiente e in vista di questa importante Giornata tematica, parlo di come rinnovare le pareti di casa in modo sostenibile ed ecologico. Il desiderio di decorare la propria abitazione esiste da tempo immemore. Abbellire e decorare l’ambiente nel quale si vive e’ un segno di rispetto per se stessi e per chi si ama.

Come rinnovare le pareti

La carta da parati, è tornata di moda negli ultimi anni tra gli appassionati di interior design grazie al fascino dei motivi ispirati al passato e rivisitati in chiave moderna. È quasi una necessità dell’uomo contemporaneo di circondarsi di cose belle per migliorare la qualità della propria vita. Però purtroppo utilizzare la carta da parati non è una scelta sostenibile per l’ambiente. Perché molti dei materiali utilizzati per le carte da parati richiedono processi di produzione inquinanti e nel prodotto finale sono impossibili da separare e riutilizzare. Fortunatamente però con la crescita della sensibilità verso l’ambiente nel settore del design, ci sono aziende come Foliae Surfaces che presenta il nuovo sistema di rivestimenti murali da interni: FOLIAE FOR PLANET.

Come rinnovare le pareti

Come rinnovare le pareti con carta da parati ecologica

Infatti, la carta da parati ecologica dell’azienda FOLIAE SURFACES è in fibre naturali e materiali di provenienza sostenibile. In quest’ottica, gli inchiostri utilizzati per la realizzazione delle stampe sono tutti a base acqua e certificati secondo le normative UL ECOLOGO ®, UL GREENGUARD GOLD e con stampe che soddisfano i criteri AgBB3 a bassissime emissioni di VOC. FOLIAE SURFACES e’ in grado di fornire un adesivo a base di amidi di origine naturale da utilizzare per la posa delle sue carte da parati in ambienti non umidi. La combinazione col sistema adesivo messo a punto dai loro tecnici rende il prodotto assolutamente riciclabile con la carta o le fibre naturali.

Come rinnovare le pareti

FOLIAE SURFACES offre un’ampia gamma di rivestimenti per l’arredamento e l’interior design che spazia dai rivestimenti murali ai rivestimenti per superfici verticali e orizzontali. Inoltre, Atelier Foliae è un servizio sartoriale in cui le carte da parati delle collezioni vengono realizzate su misura, nei colori e nelle dimensioni più confacenti agli spazi e per rispondere alle esigenze specifiche di clienti e progettisti. ATELIER FOLIAE è disponibile per realizzare specifici disegni su richiesta dei clienti e per fornire soluzioni personalizzate ai progetti di architetti e designers.

Guarda il Video

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.


Photo credit FOLIAE SURFACES

L’articolo Come rinnovare le pareti di casa in modo sostenibile proviene da Design ur life blog.

17 Maggio 2021 / / Design

Forme e volume che trasmettono la sensazione di un generoso relax: Glove è il fascino dello stile in piena comodità. Con i suoi caratteristici braccioli ripiegati, questo nuovo divano firmato Felis crea l’occasione di morbidi appoggi, anche da sdraiati.

GLOVE

In Glove l’architettura del comfort dialoga con la tecnologia del movimento. Un divano di ultima generazione che, con un semplice cambio di inclinazione, ridefinisce spazi e momenti del quotidiano.

GLOVE

Glove può essere scelto nella versione fissa, dove i poggiatesta sono inclinabili manualmente in ben 15 posizioni, oppure elettrica. Nella versione elettrica, il doppio meccanismo recliner consente di regolare comodamente sia le sedute che i poggiatesta. Con l’opzione batteria UPS, il divano è libero di essere protagonista al centro del living.

GLOVE

La libertà di composizione è totale: gli elementi motorizzati e fissi, infatti, sono combinabili a piacere per creare divani per ogni esigenza. La costante è la certezza della più alta qualità costruttiva Felis, abbinata a un design contemporaneo.

GLOVE

FELIS: 30 ANNI DI IMBOTTITI MADE IN ITALY

Abitare nel modo più confortevole possibile, senza mai rinunciare allo stile. L’azienda Felis, attraverso i suoi imbottiti, più che offrire dei semplici arredi, vuole far vivere ai suoi clienti una vera e propria “esperienza” positiva: l’ambiente – living o zona notte che sia – diventa non solo accogliente e rilassante ma anche bello da vedere, un vero piacere per gli occhi.

 Nata nel 1990 e con sede a Sacile, in provincia di Pordenone, Felis è guidata dalla famiglia Marcon: con il fondatore e attuale CEO Francesco, sono presenti in società i figli Gianluca, product manager e direttore marketing, e Alessia, direttrice amministrativa. Da 30 anni l’azienda offre collezioni di divani, divani letto, letti e complementi d’arredo Made in Italy che da sempre assicurano comfort, qualità, durata nel tempo. Le ultime proposte in particolare spiccano anche per originalità, per brevetti esclusivi studiati per migliorare il relax e l’appeal dei prodotti e per un design esclusivo sempre unito a un tratto distintivo della produzione Felis: la completa personalizzazione.

Sono oltre un centinaio, infatti, i modelli a disposizione che possono variare nelle dimensioni secondo le necessità e possono essere rivestiti con oltre 750 varianti di tessuto. Grande attenzione è riservata alle nuove tecnologie, sia in ambito produttivo, dove molta cura è riservata alla tutela e salvaguardia dell’ambiente, che dal punto di vista commerciale con l’utilizzo di social network, configuratore 3D e CRM avanzato. Nonostante Felis utilizzi macchinari all’avanguardia nella produzione, il livello di artigianalità resta alto. La realizzazione di imbottiti necessita infatti di una manualità costante che l’azienda trova nei suoi artigiani specializzati dando la possibilità al cliente di personalizzare al massimo il prodotto. Come un sarto, Felis crea l’imbottito su misura per il cliente, privato o contract che sia.

Crediti Felis

Distribuiti in tutta Italia, i divani e i letti Felis sono già presenti in diversi Paesi dell’Unione Europea e in alcuni stati extra europei ma lo sguardo dell’azienda è sempre proiettato più lontano, per riuscire a portarli in tutto il mondo.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.


Crediti Felis

L’articolo GLOVE: stile in piena comodità proviene da Design ur life blog.