17 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Dormire con il gatto può suscitare diversi interrogativi dal punto di vista della salute e dell’igiene. In questo articolo parleremo dei vantaggi e degli svantaggi di questa abitudine.

dormire con il gatto

Chi ha un gatto sa bene quanto i felini siano affettuosi e come amino godersi la vita. Dormire, naturalmente, è una delle loro attività preferite, e se possono lo fanno proprio accanto ai loro umani, nel loro stesso letto. 

Se si tratta di un’abitudine molto tenera e dolce a prima vista, è anche vero che dormire con il gatto può suscitare diversi interrogativi dal punto di vista della salute e dell’igiene. In questo articolo parleremo dei vantaggi e degli svantaggi di dormire con il gatto.

Perché dormire con il gatto?

Si potrebbe legittimamente porsi la domanda del perché dormire con il gatto. Per molte persone avere un gatto in casa è sinonimo di felicità e allegria, e vogliono che questo sentimento li accompagni anche in camera da letto e durante il sonno. Del resto, c’è persino una spiegazione scientifica: è infatti dimostrato che le fusa dei felini producono un effetto rilassante su noi umani. 

La sensazione di tranquillità e di serenità che procura il gatto al suo padrone è molto positiva per la salute mentale di quest’ultimo, e può persino aiutarlo a dormire meglio. Inoltre la sua presenza durante la notte ha un effetto rassicurante su molte persone, soprattutto i bambini.

dormire con il gatto

Detto questo, anche per il gatto (di solito) è un grande piacere stare vicino alla sua famiglia per farsi coccolare, accarezzare e scaldare di notte, dato che è altrettanto importante per il suo equilibrio e il suo benessere.

Allora perché dormire con il gatto potrebbe non essere una buona idea?

Come detto prima, la compagnia e il contatto del gatto hanno diversi effetti positivi, ma ci possono essere alcuni lati negativi, che possono rendere il riposo degli umani (e anche dei mici) poco gradevole.

La mancanza di spazio

La prima cosa che può infastidirti o addirittura causarti dei disturbi di sonno se dormi insieme al tuo gatto è la mancanza di spazio. I gatti adorano mettersi comodi durante il sonno, allungandosi e cambiando posizione, e noi umani facciamo lo stesso. Per cui se il materasso su cui dormite è troppo stretto, potresti dormire male o, peggio ancora, potresti fare male al tuo micio senza volerlo. 

Se proprio desideri dormire insieme al tuo animale scegli un materasso che si abbastanza grande per voi due. Oggi nei negozi online più interessanti della rete è possibile acquistare i migliori materassi a prezzi straordinari, e in modo semplice e sicuro. Puoi scoprire molti modelli diversi e concludere un ordine nel giro di qualche clic, per poi ricevere il tuo materasso a casa in qualche giorno! Non esitare ad acquistare un buon materasso per te e per il tuo compagno peloso. Ne sarete entrambi felici.

L’igiene

L’igiene è un fattore importante da prendere in considerazione quando si desidera dormire con il proprio gatto nel letto. Questo è tanto più valido se il micio esce liberamente, e può quindi entrare in contatto con altri animali o frequentare luoghi insalubri. Per non dire poi dei peli che i felini perdono in grandi quantità, specialmente se sono sterilizzati. Un consiglio? Insegna al tuo micio a dormire solo su una coperta distesa sul letto, e dedicata appositamente a lui, che potrai lavare spesso.

Disturbi durante il sonno

Se il gatto è un animale famoso per dormire fino a 15 ore al giorno, devi anche sapere che durante il sonno si muove, come te, e che si può alzare diverse volte per andare a gironzolare in camera o in casa, per bere o per mangiare. Può anche aver voglia di giocare e cominciare a correre e saltare sul letto, soprattutto se è ancora cucciolo. Inoltre, il gatto si sveglia non appena sorge il sole e tenderà a voler svegliare anche te giocando con i tuoi piedi e miagolando. 

Se hai l’assoluta esigenza di una buona note di riposo per essere in forma il giorno dopo, dormire con il gatto potrebbe essere problematico. Meglio abituare il micio a dormire nella sua cuccia.

Trasmissione di eventuali malattie

Un gatto che esce abitualmente, o non è vaccinato, o ancora è in contatto con altri animali (magari uccelli, topi o gatti randagi) può trasmettere delle malattie e dei parassiti. Questo significa che se intendi dormire con il tuo gatto, dovrà essere molto pulito e fare visite periodiche dal veterinario. Verifica sempre che il suo pelo sia luminoso e in buono stato, che le zampe siano pulite e le sue deiezioni siano prive di vermi.

Conclusione

La scelta di dormire con il gatto o no è del tutto personale, ma va presa con cognizione di causa. Prendi per prima cosa in considerazione i tuoi bisogni in materia di sonno e di riposo di qualità, e anche ovviamente quelli del tuo gatto. Dovrai fare in modo di garantire sia a te che a lui le condizioni che permetteranno una buona e sana convivenza tra di voi. Queste passano da:

  • Un rigoroso controllo del tuo gatto e delle regolari visite dal veterinario.
  • Un letto e un materasso abbastanza spaziosi per voi due.
  • Accettare che il tuo gatto possa svegliarsi e magari svegliare anche te durante la notte.

Scopri come arredare una casa a misura di gatto

16 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Regali di Natale: secondo i dati Klarna, un italiano su due li comprerà online su siti ed e-commerce. Ma quando è scoppiata questa tendenza?

Regali di Natale

Regali di Natale, alzi la mano chi pensa di acquistarli sul web! Un italiano su due li comprerà online su siti ed e-commerce (il 47% dei nostri compatrioti secondo i dati Klarna) prima di condividerli con i propri cari. 

Gli acquisti natalizi oramai sono connubio perfetto tra online e offline: l‘ascesa del web ha rivoluzionato il nostro modo di pensare allo shopping per le feste. Ma quando è scoppiata la wave dei regali di Natale online? Chi è stato il primo a pensarci, e a portare a casa un regalo, dopo averlo acquistato sul web? 

GoDaddy risponde a queste e ad altre curiosità con un video dal forte sapore festivo: vendere online a Natale diventa fondamentale, in particolare per i liberi professionisti e i piccoli imprenditori. Ma chi sono i pionieri degli acquisti online? Il primo acquisto mai effettuato su un e-commerce in Italia risale al 3 giugno 1998: si tratta di una copia del libro La concessione del telefono di Andrea Camilleri, ordinato sul sito di IBS da un utente residente in California. 

Anche se molto probabilmente questo acquisto non era legato al Natale, ha creato una piccola rivoluzione, un universo totalmente nuovo, che da quel momento ha conosciuto immensa e incredibile espansione, soprattutto nel periodo che precede le festività: letteralmente un boom dal 2010 ad oggi, che, c’è da scommettere, riguarderà anche Natale 2021.

14 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Come di consueto, ogni fine anno la redazione del blog omaggia gli iscritti della newsletter con un contenuto speciale in esclusiva. Da oggi è disponibile la guida 2022.

Per il 2022, abbiamo realizzato la guida Arredare piccoli spazi. 4 capitoli nei quali analizziamo la distribuzione degli spazi in base alle misure minime e agli ingombri di arredi e passaggi, per ogni ambiente della casa. Inoltre trovate 10 tips per arredare in modo funzionale, gli arredi giusti, i colori e le decorazioni, + 18 consigli da mettere in pratica.

Riceverla è facile, basta iscriversi alla newsletter, mentre se sei già iscritto, potrai scaricarla dalla e-mail che riceverai oggi pomeriggio.

I contenuti della guida 2022

La guida analizza le problematiche relative ai piccoli spazi, e fornisce consigli, suggerimenti e ispirazioni. Si parte dalla distribuzione delle aree funzionali, con un approfondimento dei parametri dimensionali da rispettare in ogni locale.

guida 2022

Sabrina Montagnoli ci regala 10 tips per arredare un piccolo spazio in modo funzionale, con suggerimenti su colori, mobili, stili e tanto altro.

Sara Pantoni affronta le problematiche relative ai piccoli spazi dal punto di vista dell’Home Therapy, affinché il nostro piccolo nido diventi il miglior posto in cui stare.

guida 2022

Il nostro auspicio è che questa guida rappresenti un utile vademecum per affrontare un progetto di ristrutturazione o di relooking in modo efficace. Ogni spunto può essere approfondito consultando gli articoli di questo blog sull’argomento, oppure, potete chiedere una consulenza a Sabrina o a Sara. L’aiuto di un esperto è essenziale per la buona riuscita di ogni progetto, soprattutto se si tratta di sfruttare al meglio uno spazio ridotto.

Per iscrivervi alla newsletter, trovate gli appositi box in fondo all’articolo oppure in alto a sinistra sulla home page.

Buona lettura!

11 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Very Peri, un blu pervinca, è il Color of the year Pantone 2022. Lo ha annunciato il prestigioso istituto il 9 dicembre scorso. Scopriamolo insieme.

Very Peri PANTONE

Mercoledì sera, guardando una serie su Neflix, ho avuto la sensazione che ci fossero un po’ troppi rimandi al viola. Negli abiti, negli oggetti, perfino nella luce. Ebbene, ho pensato, il colore Pantone per il 2022 sarà il viola. Del resto, chi si occupa di design, moda, arte, digital, entertainment, acquista i prodotti pantone sulle previsioni già molti mesi prima che una moda diventi evidente. In effetti, sono loro poi a creare le tendenze, selezionando, all’interno del campionario, i colori da utilizzare. E il più gettonato, alla fine, vince. 

Very Peri Pantone, numero 17-3938, un blu tendente al viola, riscaldato da una punta di rosso, è un colore intrigante. Un colore ispirato al mondo virtuale e, forse, destinato soprattutto alla creatività digitale.

Come spiega Leatrice Esima, Executive Director dell’Istituto Pantone, 

“Poiché viviamo un momento di cambiamento senza precedenti, la selezione di PANTONE 17-3938 Very Peri porta una nuova prospettiva e visione nella collaudata e amata famiglia dei blu, racchiudendone le qualità, ma allo stesso tempo, con il suo sottotono rosso violetto, mostrando un atteggiamento vivace e gioioso e una presenza dinamica che incoraggia la creatività e l’espressione”

Le palette per gli abbinamenti di Very Peri Pantone 17-3938

Vediamo ora gli abbinamenti suggeriti per sfruttare al meglio questo colore negli ambiti creativi.

BALANCING ATC

Balancing Act è una tavolozza di colori complementari il cui equilibrio tra toni caldi e freddi fa si che si sostengano e migliorino a vicenda. La brillantezza del COY 2022 è intensificata all’interno di questa tavolozza calibrata ad arte, iniettando una sensazione di vivacità e vibrazione visiva.

WELLSPRING

Una miscela olistica e armoniosa di sfumature infuse nella natura, Wellspring evidenzia la compatibilità dei verdi con PANTONE 17-3938 Very Peri, e le proprietà salutari di queste tinte deliziosamente sottili ed energetiche.

STAR OF THE SHOW

La presenza dinamica del COY 2022 emerge in The Star of the Show, mentre circondiamo questa felice e calda tonalità blu con una tavolozza di classici e neutri la cui essenza di eleganza e sobrietà trasmette un messaggio di sofisticatezza senza tempo.

AMUSEMENT

Amusements, una storia di colori gioiosa e stravagante, di divertimento incontenibile e spontaneità è amplificata dalla fiducia spensierata e dall’atteggiamento gioioso di PANTONE 17-3938 Very Peri. Per sperimentazioni audaci e disinibite, soprattutto nel digitale.

Esplora tutti i colori di tendenza nel 2022

7 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Scopriamo arredi e accessori firmati PG Crations, creazioni realizzate artigianalmente e curate in ogni minimo dettaglio.

Arredi e accessori PG Creations

Oggi la tendenza “naturale” nell’arredo è sempre più diffusa, spinta dalla crescente attenzione per il tema della sostenibilità. Basta dare un’occhiata ai cataloghi delle aziende, ed è tutto un fiorire di proposte dal mood green. Se anche voi desiderate adottare questo stile nella vostra casa, il mio consiglio è quello di scegliere i prodotti realizzati da una delle tante piccole realtà che uniscono la tradizione artigiana al design contemporaneo. I vantaggi di questa scelta sono molteplici: le creazioni di fattura artigianale sono uniche e personalizzate, curate in ogni minimo dettaglio e realizzate con materiali selezionati. Oggi vi presento alcune proposte di arredi e accessori firmati PG Creations, una realtà che mi sta molto a cuore e di cui vi ho parlato settimana scorsa a proposito delle lampade

L’autenticità della natura negli arredi e accessori PG Creations

Una delle qualità che apprezzo maggiormente del lavoro di Peppe Gallo, il designer che sta dietro PG Creations, è l’autenticità. Le sue creazioni non sono semplicemente ispirate alla natura, ma sono realizzate con oggetti offerti dalla natura, raccolti e rielaborati con la sensibilità di chi agisce in base ad una visione. Solo un artista è in grado di vedere in un ciottolo di pietra il pomello di un’anta, in un ramo contorto un appendiabiti, nella sezione di un albero un dipinto.

Il lavoro del designer parte, più che dalla funzione, dall’essenza stessa del materiale, soprattutto per quanto riguarda il legno. Il tutto sta nell’individuare il potenziale nascosto nell’oggetto, nell’inseguire l’ispirazione. 

appendiabiti Socket

E’ il caso dell’appendiabiti Socket, composto da un semplice telaio in pino massello laccato in bianco, nel quale sono inseriti piccoli tronchi di essenze diverse. Più che un appendiabiti sembra un’opera d’arte contemporanea, che si accompagna perfettamente ai dipinti su stoffa realizzati con le sezioni di tronco d’albero.

quadro in tessuto con cornice laccata nera

Porte, tavoli e accessori in legno e ferro

Nel lavoro di Peppe Gallo, il legno è spesso e volentieri accompagnato dal ferro, in creazioni dal mood industrial. Porte, tavoli e accessori  in ferro e legno sono il risultato di una grande inventiva coniugata ad abilità ed esperienza artigianale nella lavorazione della materia prima.

Minimalista ed elegante, l’albero di Natale in ferro battuto può essere decorato a piacere, ed è declinato in diverse dimensioni e finiture. 

Arredi e accessori PG Creations

Realizzate su misura e declinate in varie finiture, le gambe in ferro sono l’elemento perfetto per realizzare il tavolo dei sogni. Da quelle massicce a forma di x a quelle sottili in tondino di ferro, passando per la stilosa versione rettangolare a profilo piatto, le gambe per tavoli in ferro si possono montare su qualsiasi tipologia di piano in legno. In coordinato, si possono abbinare ad una porta su binario scorrevole in ferro, realizzata con un’anta in legno massello della stessa essenza del tavolo.

Ti sono piaciuti gli arredi e i complementi PG Creations? Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato su novità e promozioni.

4 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

I colori tendenza per il 2022 sono ormai stati annunciati dalle principali marche di  vernici. Il verde è il più gettonato, nelle tonalità salvia, ma c’è una novità.

colori tendenza 2022 verde
Farrow & Ball

Jotun e Dulux, come vi avevo raccontato in due precedenti articoli, ma anche Benjamin Moore, Sherwin Williams, Behr, Farrow & Ball, hanno annunciato i rispettivi colori dell’anno 2022. È il momento di tirare le somme e di selezionare i colori che tingeranno i nostri interni nei prossimi 12 mesi. In generale, si può notare che le tinte stanno diventando più profonde e più sature. Il grigio, il nero, il bianco sono in caduta libera, sostituiti, rispettivamente, da verdi e blu desaturati, dal bronzo e dal beige. 

Largo ai colori caldi, soprattutto nei neutri, con l’ingresso tra i top del marrone. Il rosa resiste, ma come comprimario e nei toni delicati del cipria. Resiste anche il blu, che allarga lo spettro dall’azzurro al blu notte. Tra i colori tendenza 2022, spicca il verde, declinato nei soliti verde salvia, ma per fortuna c’è una new entry: scopriamola insieme. 

Primo in classifica nei colori tendenza 2022: il verde

Se c’è un vincitore in questa rincorsa ormai consueta al colore dell’anno, è senz’altro il verde. Lo hanno scelto come colore dell’anno Benjamin Moore, Sherwin Williams, Behr, ed è protagonista della palette Playful di Jotun.

colori tendenza 2022 verde
Poster White Leaf by Desenio //Carta da parati A Million Leaves by Limelace //Credenza collezione Midi In Sage by by Mustard Made on Cranmore Home//Sedie Deon by MADE.COM

October Mist di Benjamin Moore, letteralmente nebbia di ottobre, è un verde salvia che può essere scelto sia per dipingere intere pareti che per le ante dei mobili della cucina, degli armadi e delle librerie. Si accorda perfettamente con il legno chiaro, il bianco, il rosso. L’interior designer Holly Marder ha usato il verde salvia per il suo studio, combinato con mobili bianchi e materiali naturali.

Holly Marder

Il verde di Sherwin Williams non si discosta molto dal precedente: si chiama Evergreen Fog, dunque siamo sempre in tema nebbia. Ciò significa verdi tendenti al grigio, e siamo ancora lontani dalla rivelazione che scoprirete leggendo questo articolo. Evergreen Fog è un verde più scuro e più impegnativo del precedente, adatto per interni rustici. 

Il verde viene proposto anche da Behr, con Breezeway, che ricorda un bel bicchiere fresco di latte e menta. Posso dire che non è una novità, il verde menta lo abbiamo visto spesso e volentieri negli ultimi anni, e personalmente non lo vedo bene  accostato ai colori caldi ora in tendenza. 

Verde Oliva, una gradazione inedita

Finalmente entriamo nel vivo, presentando una novità nel panorama della decorazione d’interni degli ultimi anni. PPG propone come colore dell’anno 2022 Olive Sprig, un verde chiaro tendente al giallo e al grigio, come una bella oliva non ancora  matura. 

colori tendenza 2022 verde

E ora arriviamo alle tendenze colore 2022 di Farrow & Ball, che ha collaborato con Liberty per una nuova collezione di colori e tessuti per interni. Si tratta di 15 colori dall’archivio di Farrow & Ball, accostati a tessuti per interni degli storici magazzini Liberty. Tra questi, un verde ricco, profondo, pieno di personalità: Olive.

colori tendenza 2022 verde
Cuscino Ellis Abstract by Cult Furniture//Lampada a sospensione by Original BTC//Carta da Parati Leicester Chocolate-olive by Morris & Co.//Poltroncina in velluto The Marielle by AUDENZA//Piastrelle Alberts Olive Green Crackle by Porcellain Superstore 

Rispetto ai verdi salvia la quantità di grigio è presente in minor percentuale rispetto al giallo. Per questo il verde oliva, quando viene colpito dalla luce, assume quei toni dorati che lo rendono caldo e ricco. Proprio per questo si accorda molto bene con colori caldi o neutri, ma anche con il bianco e l’oro. Perfetto accanto al rosso, ma di questo vi parlerò nel prossimo post dedicato poi colori 2022.

Il verde oliva viene introdotto negli interni negli anni Settanta, utilizzato soprattutto nei velluti di rivestimento di divani e poltrone, per le piastrelle e a volte, per le pareti.

2 Dicembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Sono tanti gli elementi che possono rendere unico un ambiente, ma nessuno è così determinante come un quadro d’autore. 

quadri d’autore

Il soggiorno è, ancora oggi, l’ambiente più rappresentativo della casa, il suo cuore pulsante; è lo spazio dedicato all’accoglienza degli ospiti, alle ore di relax. Per questo la scelta dei quadri da appendere alle pareti deve essere fatta con cura. Le tipologie fra cui scegliere sono molte e variano per tecnica, formato e genere. Per farvi un’idea, potete dare un’occhiata alle proposte della prestigiosa Galleria Raffaello. L’abbondanza di opzioni può tuttavia mettere in difficoltà anche i più esperti, generando indecisione. Tanti gli interrogativi che sorgono: quale dimensione e quale forma, quante opere si possono appendere, quale stile si adatta all’ambiente del soggiorno, e così via. Vediamo, in questa mini guida, quali criteri adottare per scegliere le opere del soggiorno.

Come scegliere i quadri per il soggiorno

Prima di scoprire le tipologie di opere nello specifico, analizziamo l’ambiente in cui andranno inserite. In generale, vale la regola per cui è meglio esporre pochi e selezionati elementi di valore, anziché una galleria eterogenea per soggetti e stile. Secondo la dimensione dell’ambiente, uno o due quadri d’autore, opportunamente valorizzati da una collocazione consona, conferiscono al soggiorno un carattere unico e prestigioso. Dunque, abbiamo già limitato la rosa a un paio di quadri, e il passo successivo consiste nel decidere su quale porzione di parete collocarli.

quadri d’autore

I punti migliori sono, nell’ordine: una parete vuota, o la porzione di parete sopra il divano, sopra un mobile basso e, per chi lo possiede, sopra il camino. In pratica, il quadro deve essere protagonista del soggiorno, dedicando via via le pareti più in vista della casa, fino a completare anche quelle più secondarie e di passaggio. Per valorizzarlo ulteriormente, pensate ad illuminarlo con un faretto per quadri posto al disopra, proprio come in una galleria d’arte. Sarà una soluzione di stile che conferirà una nota elegante e ricercata al soggiorno. Naturalmente dimensione e formato dell’opera dovranno essere proporzionati agli spazi disponibili e agli eventuali mobili sottostanti. 

Quadri d’autore per il soggiorno, quale tipologia 

La scelta di quadri d’autore spazia dalle opere uniche alle grafiche fino alle fotografie. Vediamo qual è la differenza. Le opere uniche sono realizzate in esemplari unici e irripetibili. Secondo il supporto ed il materiale utilizzato dall’artista, abbiamo dipinti ad olio, acquarelli, acrilici, disegni, tempere, chine, etc. Un’ulteriore variante è costituita dal supporto, che può essere una tela, un foglio di carta, una tavola di legno, una lastra di alluminio, o altro. 

Le grafiche sono, invece, opere d’arte riprodotte in esemplari numerati e firmati dall’autore. Questo non significa che si tratta di copie dell’originale, ma di opere multiple, di cui si conosce la tiratura. Queste possono essere ricavate da incisioni su lastre metalliche, come nelle tecniche dell’acquatinta, dell’acquaforte, della puntasecca, dall’incisione su legno o xilografia, da matrici non incise come nella litografia o nella serigrafia, oppure riprodotte tramite macchine professionali digitali.

quadri d’autore

Anche le opere fotografiche rientrano nella tipologia dei quadri d’autore e possono essere stampate in esemplari unici o in edizioni limitate; nel qual caso, si tratta di opere multiple.

Per quanto riguarda il soggiorno, il mio consiglio è quello di scegliere un’opera unica, che saprà valorizzare l’ambiente in modo esclusivo, donando un contributo di unicità e prestigio.

Genere, stile, colore, artista: i criteri per la scelta dell’opera

Dopo aver valutato le dimensioni, la forma e dopo aver appreso le varie tipologie di tecniche, finalmente siamo giunti alla selezione dell’opera, forse la parte più piacevole. La scelta può essere fatta secondo diversi criteri, anche combinati tra loro. Il genere indica il contenuto dell’opera e, tra i più diffusi ed apprezzati, rientrano nature morte, paesaggi, scene di genere, ritratti. Secondo la corrente stilistica, i dipinti possono essere realisti o pittorici – dove il soggetto quasi scompare dietro pennellate spesse-, impressionisti, espressionisti o astratti. 

A questo punto, entrano in gioco i gusti personali, anche se esistono ancora dei criteri orientativi nella scelta. L’obiettivo principale è che l’opera vi trasmetta emozioni, vi comunichi una sensazione piacevole, rispecchi la vostra personalità. Ogni opera va, però, contestualizzata rispetto all’ambiente che l’accoglie per raggiungere una certa omogeneità di stile. Valutate anche i colori predominanti del quadro, l’eventuale accostamento di cornici e confrontate il tutto con la palette cromatica del soggiorno. Le infinite possibilità possono disorientare e confondere chi inizia ad approcciarsi a questo mondo. Per venirvi in aiuto, vi consiglio di scorrere la selezione di quadri per soggiorno proposta da Galleria Raffaello, così da farvi un’idea di opere proposte per colori, generi e soggetti. All’interno dei suoi cataloghi troverete opere di artisti di caratura internazionale come Juan Mirò, Pablo Picasso, Andy Warhol, Salvador Dalì, Marc Chagall, o affermati artisti nel panorama nazionale come Guttuso, Fiume, Cascella, Sassu, Croce Taravella, Navarra, Faccincani, fino agli artisti emergenti come Giuseppe Bartocci, Baldassare Orlando, Vita Vassallo, Luca Quaranta, Matteo Must e tanti altri.

30 Novembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Per arredare nel modo giusto l’ingresso di casa, occorre tenere presente il suo ruolo e valore. Essendo il primo ambiente visibile, è quello che ci accoglie quando rientriamo e la sua funzione è anche quella di fare da filtro tra il mondo esterno e la nostra casa, introducendoci all’atmosfera familiare.

arredare l'ingresso
Collov Home Design – Unsplash

Nella zona ingresso, infatti, troviamo quasi sempre gli stessi elementi perché qui si concentrano le varie funzioni legate all’uscire o al rincasare

Tra i vari arredi, serviranno sicuramente un piano d’appoggio – che possa fare da svuotatasche oltre che da sostegno per elementi decorativi – qualche supporto per riporre cappotti, giacche e borse, uno specchio e volendo contenitori e sedute per cambiarsi.

Se volete un ingresso in stile minimalista, le funzioni ovviamente devono rimanere le stesse, ma si dovrà lavorare sul design dell’arredo e sulla quantità di oggetti, che deve essere ridotta al minimo indispensabile. 

Alcune soluzioni semplici per spazi piccoli

Per un ingresso funzionale, è importante che tutto sia proporzionato. Le soluzioni seguenti sono ideali per chi ha una casa piccola o comunque un ingresso stretto, perché arredano e accolgono senza occupare troppo spazio. Il principio è infatti quello di avere un mobile dalla profondità ridotta per lasciare un passaggio comodo. 

Il modo più semplice per arredare la zona ingresso è con un piano d’appoggio che può essere una mensola, con o senza cassetto. Lo spazio libero al di sotto può essere sfruttato per collocare un piccolo pouf, utile per sedersi e cambiare le scarpe.

Altra soluzione è usare un mobile consolle, meglio se in metallo. Questo materiale, infatti, consente di ottenere spessori ridottissimi e di avere quindi un arredo dalla forma leggera ed essenziale.

Un mobile contenitore stretto, che occuperà quanto le consolle appena nominate, fa al caso vostro se avete la necessità di riporre vari oggetti.

Arredare l’ingresso in modo più articolato

Per sfruttare l’ingresso come zona dove collocare i cappotti, occorre creare un piccolo spazio dedicato al guardaroba.  

Sebbene si possano trovare attaccapanni dal design minimal e molto meno ingombranti degli appendiabiti da terra, in verità una volta appesi voluminosi soprabiti e qualche borsa, l’effetto disordine è istantaneo. Per questo motivo sarebbe meglio collocare il vestiario in un’area non direttamente visibile dall’ingresso, realizzando anche un armadio a muro se avete lo spazio. Questo svolgerà la funzione di guardaroba nascondendo gli abiti nelle ante e nella parte inferiore potete prevedere una seduta e uno scomparto dedicato alle scarpe. 

Non trascurate poi l’illuminazione, anche perché capita spesso che l’ingresso sia una zona priva di finestre, quindi occorre illuminarla in modo adeguato con luci artificiali. Scegliete un’illuminazione a soffitto mediante faretti o strisce led.

Grazie ai led, potete anche utilizzare un’illuminazione più d’atmosfera e nascosta, magari dietro un mobile o uno specchio.

Se desiderate una progettazione ottimale del vostro ingresso, consultate il sito https://zeumadesign.com/.

27 Novembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Next Fiber è l’offerta di Sorgenia per la connessione Internet green e ultraveloce. Scopriamo come funziona, le offerte e i vantaggi.

Next Fiber

Lo sapevate che Sorgenia, il primo operatore green in Italia per la fornitura di luce e gas, offre anche la fibra per la connessione superveloce? Ebbene sì, da un paio d’anni Sorgenia è entrata nel mercato della fibra a banda larga per la connessione internet con una proposta intelligente e innovativa. Pensate al vantaggio di avere un unico operatore per luce, gas e connessione internet. Next Fiber di Sorgenia offre sia la fibra FTTH, per le abitazioni già cablate con la fibra ottica fino a casa, e la fibra FTTC, per coloro che ancora non sono raggiunti da questo servizio. Ma prima di continuare, vediamo di fare un po’ di chiarezza tra sigle e acronimi, cosi da aiutarvi a scegliere in modo consapevole.

Un po’ di chiarezza tra sigle e acronimi

Come ho spiegato nel paragrafo precedente, Next Fiber di Sorgenia si basa sulla fibra ottica, una tecnologia che assicura più stabilità e maggiore velocità rispetto all’ADSL. Questo grazie all’uso di cavi composti da filamenti di vetro, meno soggetti alle condizioni meteo o alla perdita di velocità dovuta alla distanza dalla centrale di trasmissione. Oggi la quasi totalità della rete che collega le centrali di trasmissione dati degli operatori con le cabine di smistamento dislocate nel territorio è realizzata in fibra ottica. Purtroppo  non si può dire lo stesso per il collegamento dalla cabina fino all’abitazione. In un caso abbiamo la fibra FTTC (Fiber To The Cabinet), nel quale la fibra si ferma alla cabina, mentre i dati arrivano alla casa attraverso la rete di distribuzione in rame – il doppino telefonico. Nel secondo caso abbiamo la fibra FTTH (Fiber To The Home), dove la rete è interamente realizzata in fibra ottica, dalla centrale di trasmissione alla cabina, e poi fino all’abitazione. Vediamo ora di capire cosa si intende per Gibps, che sta per Gigabits per secondo, dato che indica la velocità di trasmissione dei dati. Attenzione a non confondere i bit con i byte, che misurano la grandezza di un file. Tenete presente che 1 Gigabit al secondo non equivale a 1 Gigabyte, bensì a 0,125 Gigabyte al secondo. Per questo, quando un operatore nelle offerte parla in modo generico di Giga, occorre capire se si riferisce alla velocità della connessione o alla quantità di dati che si possono scaricare o inviare. 

Uno sguardo più da vicino: come funziona Next Fiber Sorgenia

Tornando alla nostra Next Fiber di Sorgenia, abbiamo già visto che è molto veloce, grazie al sistema di fibra ottica FTTH. Infatti, si possono raggiungere velocità fino a 2,5 Gbps, o, espresso in Megabit per secondo, fino a 2500 Mbps. Tuttavia, non tutte le abitazione sono collegate con il sistema FTTH, così Sorgenia mette a disposizione la fibra FTTC a 200 Mbps, comunque più veloce del classico collegamento ADSL, che può arrivare fino a 20Mbps.  

Sottoscrivendo Next Fiber di Sorgenia potrete usare il vostro modem, oppure utilizzare in comodato d’uso gratuito quello incluso nel contratto. Si tratta del modello FRITZ!Repeater 1200, perfetto per creare una connessione WiFi omogenea in tutta la casa. Inoltre, Sorgenia utilizza i modelli di ultima generazione, che sono progettati per consumare sempre meno energia.

Per quanto riguarda l’attivazione, potete approfittare dell’offerta FIBRA CASA, che unisce i vantaggi del piano Next Energy 12 con quelli della fibra Next Fiber. Il piano si chiama Next Energy Luce&Gas+Fibra, e offre la fibra con prezzo fisso a partire da 19,90€/mese, con attivazione inclusa per i primi 12 mesi. Come fare? Se non siete ancora clienti Sorgenia, attivate il piano Next Energy 12, comodamente on line dal sito internet o attraverso l’App MySorgenia.

I vantaggi di Next Fiber Sorgenia

Per prima cosa il contratto non prevede vincoli di tempo, dunque potete rescinderlo in qualsiasi momento senza penali per recesso anticipato. L’attivazione del servizio è rapida e gratuita, e in pochi giorni verrete contattati per fissare l’appuntamento con il tecnico che si occuperà dell’installazione. 

Attraverso l’App MySorgenia potete seguire tutte le fasi dell’attivazione, oltre a monitorare e gestire i consumi.

Uno dei grandi punti di forza di Sorgenia è senz’altro il servizio clienti, efficiente e rapido, che è raggiungibile attraverso diversi canali: via chat, e-mail, Whatsapp, numero verde e App MySorgenia. 

Next Fiber offre una connessione green a zero emissioni di CO2 e dal basso impatto ambientale, visto che utilizza fonti di energia rinnovabili. 

Infine, non dimentichiamo la convenienza: sottoscrivendo il piano Next Energy Luce&Gas+Fibra potete risparmiare fino a 200,00 € l’anno rispetto al mercato tutelato e ricevere un welcome gift fino a 100€ da scegliere dal catalogo premi Sorgenia.

Scopri le offerte Sorgenia per Luce e Gas.

25 Novembre 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Panoramica sulle soluzioni per illuminare con stile e in modo adeguato ambienti difficili come la zona pranzo e la camera da letto. Le proposte di Mazzola Luce.

soluzioni per illuminare

Un buon progetto di illuminazione deve prevedere soluzioni specifiche per ogni zona della casa. Ogni ambiente ha esigenze differenti, che variano secondo le attività che si svolgono, e l’illuminazione gioca un ruolo importante in ognuna di esse. Occorre progettare l’illuminazione generale e quella puntuale, mixando diverse tipologie di lampade in modo che forniscano una luce gradevole e funzionale. Inoltre, la scelta delle lampade deve essere omogenea nello stile, così da creare un ambiente armonioso. 

Tra le zone della casa, le più difficili da illuminare sono la zona pranzo e la camera da letto. Uno store on line come Mazzola Luce può essere un importante supporto per il vostro progetto, vista la vasta scelta di lampade di design.

Le soluzioni per illuminare la zona pranzo

La zona pranzo è una di quelle parti della casa in cui l’illuminazione gioca un ruolo da protagonista. Il lampadario sospeso sul tavolo non deve passare inosservato, seppur integrandosi armoniosamente nell’arredo. Il tavolo deve essere illuminato in modo adeguato per potervi svolgere diverse attività, che si tratti di pranzare, di prendere un caffè o di lavorare. La tipologia di lampade adatta a questo scopo è quella a sospensione, un aspetto tutt’altro che ovvio, vista la varietà di modelli presenti sul mercato. Una prima distinzione divide le lampade a sospensione che possono fornire anche un’ illuminazione generale da quelle che si limitano a rischiarare il piano del tavolo. 

Nel secondo caso occorre integrare l’illuminazione con apparecchi come faretti, applique, lampade da terra o profili LED installati lungo il soffitto. 

La scelta della lampada è subordinata anche alla forma del tavolo, alla quale dovrà armonizzarsi nella forma. Sopra un tavolo quadrato o rotondo scegliete un unico lampadario o un gruppo di lampade a grappolo.

Per tavoli rettangolari o ovali sono da privilegiare due o più lampade. In quest’ultimo caso la scelta si allarga fino ad includere diverse tipologie, dall’apparecchio unico doppiato da un secondo esemplare, fino alle lampade montate su binari o su placche. Un altra soluzione è offerta dai lampadari moderni tubolari, disponibili in modelli semplici e minimali o declinati in composizioni scenografiche, spesso di grandi dimensioni. Quest’ultima soluzione è perfetta per illuminare tavoli importanti collocati in ambienti dalle dimensioni generose.

L’illuminazione perfetta per la camera da letto

Il progetto di illuminazione della la camera da letto deve garantire da un lato la funzionalità e dall’altro il benessere e il confort. L’ideale per questo ambiente dedicato al riposo sono senz’altro le luci soffuse, ma d’altro canto occorrono luci anche per l’illuminazione generale. Questa ultima funzione è generalmente assolta dalla plafoniera, ma per evitare la sensazione di disagio provocato dall’abbagliamento, privilegiate lampade dalla luce schermata. Inoltre, con la sola plafoniera, alcune zone come l’armadio, la testata o gli angoli restano al buio. Integrate quindi la dotazione con lampade per una illuminazione puntuale da collocare dove occorre, e con apparecchi capaci di produrre una illuminazione diffusa morbida e calda. Per questo scopo sono perfette le applique a parete opportunamente schermate da paralumi in tessuto, in metallo o in vetro opaco. Le stesse applique possono esser utilizzate in coordinato per la zona comodino. 

soluzioni per illuminare

Tra le soluzioni per illuminare adeguatamente l’interno dell’armadio, esistono le strisce LED, senza contare il fatto che ormai molti brand forniscono armadi con illuminazione integrata. Per l’illuminazione della zona testata, oltre alle già citate applique, potete scegliere tra diverse opzioni. Molto di tendenza le lampade a sospensione collocate sopra il comodino, una soluzione alternativa e molto scenografica. Si tratta di lampade di piccole dimensioni, opportunamente schermate per evitare l’effetto abbagliamento, che possono essere installate anche a grappolo. Un’altra alternativa dal mood contemporaneo è rappresentata dai faretti orientabili, un tempo utilizzati soprattutto nelle camere dei ragazzi, ma oggi di grande tendenza anche nelle camere matrimoniali. Infine, non può mancare un grande classico, ovvero la lampada da appoggio da comodino, sempre pratica e capace di arredare con stile.

Non perdetevi il Black Friday 2021 di Mazzola Luce

Per l’occasione vi segnalo le speciali promozioni di Mazzola Luce in vista del black friday 2021. Lo speciale coupon sconto sarà attivo da venerdì 26 novembre fino a domenica 28 novembre 2021, e vi permetterà di ottenere un extra sconto sui vostri acquisti.