3 Maggio 2019 / / Idee

Un letto per ospiti può diventare un problema se la casa è piccola ma hai davvero bisogno di uno o due posti letto in più.

Si pensa sempre che, in mancanza di una stanza dedicata, il divano letto sia una delle opzioni migliori quando si tratta di ospiti assidui. Ma non sempre è così e ci sono varie ragioni per cui non è detto che tu voglia un divano trasformabile!
Prima fra tutte il costo: se vuoi un divano che sia bello da chiuso e comodo come un vero letto da aperto, il prezzo lievita.

Esistono inoltre dei mobili pensati per risparmiare spazio quando non utilizzati ma che ti permettono di avere un letto comodissimo, con un materasso comodo che non devi essere costretto a ripiegare. Piega che ti ripiega anche il migliore dei divani letto si ritrova con un materasso non proprio in forma perfetta.

Se invece ti capita di ospitare amici e parenti solo saltuariamente ci sono delle alternative più economiche.

Ecco alcune soluzioni per un letto per gli ospiti a prova di risparmio…di spazio e di budget

Letto per ospiti pieghevole

Non chiamatela brandina, perché questo è un letto pieghevole con materasso che una volta richiuso può essere riposto in maniera ordinata all’interno di un mobile.
Le rotelle permettono di spostare agevolmente il contenitore e di posizionarlo dove si vuole. Il mobiletto è la soluzione perfetta per mantenere il materasso lontano dalla polvere ma anche per nascondere la rete: nessuno vuol vedere una branda in giro per casa.

Letto singolo pieghevole chiuso all'interno del mobile

Letto pieghevole aperto ideale per un ospite

Letto a scomparsa a parete

Negli spazi piccoli sfruttare le pareti è il trucco numero 1 per ottimizzare le stanze al meglio. Se hai bisogno di un letto per ospiti saltuari opta per un letto singolo a scomparsa verticale. Sembra una soluzione d’emergenza ma a differenza di una brandina da chiuso sembrerà un semplice armadio, da aperto offrirà un comodo singolo con rete a doghe in legno e materasso alto 18 cm.

Letto per ospite inserito in mobile alto ad apertura verticale a ribalta

Letto singolo aperto a scomparsa verticale con mobile contenitore

Letto matrimoniale a scomparsa verticale

Un mobile con letto matrimoniale a scomparsa con apertura verticale a ribalta: da chiuso occupa una profondità minima, solo 41 cm, una volta aperto offre un vero e proprio matrimoniale con materasso alto 18 cm. Questa altezza consente di riposare su un piano confortevole, paragonabile a quello di un normale letto. Lo si può posizionare in soggiorno o in qualsiasi spazio disponibile (ricordandosi che per aprirlo ci sarà bisogno di uno spazio superiore ai 209 cm).
Questo letto è perfetto anche per chi vive in un monolocale e ha bisogno di utilizzarlo tutti i giorni.

Mobile soggiorno con letto matrimoniale a scomparsa verticale

Letto matrimoniale a scomparsa ideale per gli ospiti grazie al materasso alto 18 cm

Un letto singolo d’emergenza in soggiorno

Un mobile letto richiudibile con rete e materasso che sembra una consolle: la soluzione perfetta per chi ha una casa piccola ma vuole un lettino di emergenza in soggiorno. Il suo design pulito con ripiano superiore e piccolo vano aperto lo rende utilizzabile anche in un ingresso di casa come piano d’appoggio per oggetti, libri, svuotatasche, cd. Basta aprire il pannello frontale per estrarre il letto singolo pieghevole…ma c’è di più perché il mobile, profondo solo 40 cm e alto 1 metro, nasconde anche un piccolo tavolo a ribalta.

Mobile trasformabile contenente letto e tavolo a scomparsa

Letto singolo salavspazio richiudibile

Mobile con letto e tavolo integrati, entrambi a scomparsa

Mettere un letto in corridoio

Se lo spazio in soggiorno è limitato oppure semplicemente non volete occuparlo con un letto a scomparsa, il corridoio o un ampio disimpegno possono essere le aree perfette per un letto a ribalta orizzontale che una volta aperto occupa solo 99 cm. È sicuramente una soluzione per far dormire un ospite occasionale, ma offre un comodissimo materasso da 18 cm di altezza che potrebbe essere usato tranquillamente tutti i giorni.

Mobile profondo solo 33 cm con letto singolo a scomparsa integrato

Letto singolo a ribalta con apertura orizzontale

SOS monolocale: da una parte letto, dall’altra tavolo

Abiti in un monolocale e vuoi un posticino dove ospitare ogni tanto tua mamma, un’amica, tua sorella. Oppure hai una casa vacanze da affittare…e in vacanza ogni posto letto in più è preziosissimo.
Arredare un casa piccola è una sfida, per questo è meglio affidarsi a mobili multifunzionali come un mobile con letto a scomparsa e tavolo incorporati. Durante il giorno il mobiletto chiuso occupa solo 40 cm in profondità, all’ora di pranzo o per lavorare e studiare si apre il piano del tavolo raggiungendo i 111 cm di ingombro. Quando serve basta girare il mobile ed estrarre il letto singolo ripiegato al suo interno. Nella parte sopra si trova anche un piccolo contenitore per il guanciale.

Mobile trasformabile 2 in 1 con letto e tavolo

Mobile trasformabile in letto e tavolo per monolocali o ospiti

Il letto in più in cameretta

Un letto singolo trasformabile può sempre far comodo anche in cameretta per un amico che vuol fermarsi per la notte o per veri e propri pigiama party. Da chiuso sembra una semplice cassettiera e il piano superiore può servire come appoggio per libri o lampade. Da aperto si trasforma in letto singolo con materasso della lunghezza di 190 cm e largo 85.

Il mobile nasconde un letto singolo apribile per gli ospiti

Letto singolo apribile incorporato all'interno di un mobile

Negli spazi piccoli la parola d’ordine rimane una: multifunzionalità.

Il più grande errore è riempire ogni stanza di arredi. Meglio optare per mobili “due in uno”, letti a parete per ottimizzare le superfici utilizzando i muri ed evitando così di ingombrare i pavimenti.
Il volto di una casa piccola o di un monolocale cambia a seconda dei momenti del giorno e delle necessità. Durante il giorno si ha bisogno di muoversi liberamente e di fruire dell’ambiente senza dover saltare di qua e di là o inciampare nelle gambe di un letto.Ci si rilassa sul divano, si fanno le pulizie, si cucina, si pranza e si cena. Trasformare questo panorama domestico diventa necessario la sera: è il momento in cui relax e risposo la fanno da padrone e un letto è tutto quello che ci serve. Scegliere gli arredi giusti ci aiuta a rispettare questa organizzazione intelligente degli spazi, oltre che a vivere meglio la nostra casa, a vederla sempre bella e a tenerla ordinata, anche agli occhi degli ospiti!

20 Febbraio 2019 / / Idee

Come fare per arredare un ingresso piccolo? Cosa mettere? E dove?

E se la casa è senza ingresso, con la porta che si apre direttamente sul soggiorno o in cucina?

Scommettiamo che molti di voi sono alla ricerca di una soluzione ad uno di questi dilemmi d’arredo. Le case nuove non hanno più gli spazi di una volta. Nonni e genitori con case costruite dagli ’60 agli ’80 non avevano di questi problemi, in quegli anni c’era l’ingresso vero e proprio (ampio o su corridoio) e c’erano anche le anticamere e i ripostigli…”questi sconosciuti”, direte voi, specialmente se il vostro appartamento è stato edificato dalla metà degli anni ’90 in poi.

Per tutti noi abitanti di appartamenti moderni, è guerra aperta allo spreco di metri quadrati. Che dico, di centimetri! Siamo tutti campioni di soluzioni salvaspazio e sempre alla ricerca del mobile da ingresso perfetto: non chiediamo tanto, giusto un posto per appoggiare le chiavi, uno svuotatasche, un ripiano per appoggiare una borsetta, un appendiabiti per sciarpa e cappotto. Magari una scarpiera, se non è chiedere troppo. Niente di più.

Ecco 11 idee per organizzare e arredare un piccolo ingresso di casa ottimizzando al meglio lo spazio a disposizione.

  1. Sfrutta gli angoli
  2. Quando lo spazio è ridotto è fondamentale ingegnarsi e sfruttare quanto si ha a disposizione fino all’ultimo millimetro. Avete mai fatto caso a quanto vengono ignorati gli angoli? Si pensa sempre che per arredarli servano mobili su misura, invece no: basta scegliere un pannello rotante che nasconde degli appendiabiti. Questo può essere un espediente perfetto per sfruttare una nicchia, se le dimensioni lo permettono.

    Specchio rotante Twister che nasconde un appendiabiti

    Basta ruotare lo specchio su se stesso per scoprire dei comodi ganci attaccapanni

    Scopri l’ingresso angolare girevole

     

  3. Usa lo spazio dietro la porta con una scarpiera sottile
  4. Se avete spazio dietro la porta, seppur piccolo, potete sfruttarlo con una scarpiera slim. Queste scarpiere poco profonde si infilano dappertutto e possono contenere tantissime scarpe. Inoltre se scelte con apertura scorrevole o a serrandina ingombrano ancor meno.

    Scopri la scarpiera slim

     

  5. Organizzazione verticale con lo specchio appendiabiti 2 in 1
  6. Se lo spazio è davvero piccolissimo, non avete posto a terra per un mobile o una scarpiera ma solo una parete da arredare, lo specchio con ganci è un’ottima soluzione.

    Specchio ovale con cornice dotata di gancetti Evolution

    Scopri gli specchi appendiabiti

     

  7. Gli appendiabiti a muro: quelli sottili, anzi sottilissimi
  8. Con uno spessore di pochi centimetri occupano poco e svolgono alla perfezione il lavoro di appendi giacche e borse. Ideali in un corridoio stretto e corto, in una nicchia (aggiungendo magari un faretto sopra), in un ingresso aperto su cucina o nella zona living per arredare la parete senza dare troppo nell’occhio.

    Appendiabiti a parete verticali sottili Liolà

    Scopri gli appendiabiti salvaspazio

     

  9. Specchiera multifunzione con sorpresa
  10. Da chiusa è una specchiera a tutta altezza, che all’ingresso fa sempre comodo. Perfetta per darsi un’ultima occhiata prima di uscire di casa, aiuta a creare l’illusione di un ambiente più grande e luminoso. Ancora meglio se si apre svelando delle grucce per giacche e cappotti!

    Specchiera Joy apribile a libro, nasconde grucce o appendiabiti

    Specchiera Joy con grucce appendiabiti a scomparsa

    Scopri le specchiere appendiabiti

     

  11. Mensole belle e utili
  12. Meglio se a cubi o in formato “chiuso” tipo libreria – contenitore: le mensole sono il modo migliore per sfruttare il muro e dargli un’aria interessante. Qui infatti potete appoggiare chiavi e borse (basta appenderle in orizzontale), ma anche mettere in bella mostra libri, foto di viaggi e di famiglia, piante, piattini svuotatasche, caricatori per il telefono o il tablet (così non avrete più scuse per averli dimenticati chissà dove in giro per la casa!).

    Mensole tipo scaffale con ripiani Evolution

    Scopri mensole e scaffali d’ingresso

     

  13. Lo scaffale modulare (economico) per arredare su misura
  14. Scegli quanti montanti ti servono (montanti = le parti laterali della libreria che si fissano al muro e su cui si agganciano i ripiani). Aggiungi i ripiani, ma anche cassetti e contenitori, ganci e scaffali obliqui per le scarpe, specchi o piani di lavoro. Con uno scaffale componibile puoi arredare qualsiasi spazio, dall’ingresso più piccolo ad un angolo studio e lavoro in salotto o nel disimpegno.

    Scaffale componibile con montanti in metallo, ripiani e contenitori Link

    Scaffale con scrivania piccola per ingresso o corridoio

    Scopri gli scaffali componibili Link

     

  15. Corridoio lungo e stretto? Scegli l’appendiabiti a pannello
  16. Occupa pochissimo spazio e si può attrezzare con mensole, gancetti attaccapanni, specchi. Questa è una delle soluzioni migliori se il tuo ingresso dà direttamente su un corridoio, magari lungo e stretto. Con il pannello potrai definire l’area principale dedicata a riporre scarpe, cappotti e borse. Possiamo definirla un’area di transizione in cui lasciare tutti gli oggetti che ci legano al lavoro e allo stress, per entrare in casa liberi di rilassarci.

    Pannello con specchio e appendiabiti Family ideale per ingressi piccoli

    Scopri il pannello appendiabiti Family

     

  17. La consolle trasformabile
  18. Una consolle d’ingresso non sfigura mai, non ingombra molto e permette di appoggiare i pochi indispensabili oggetti quotidiani: il telefono, il portafogli, una borsetta o una valigetta da lavoro, un portaoggetti / portachiavi. Se poi nasconde altri superpoteri ancora meglio: questa si trasforma in tavolo, l’ideale se il vostro appartamento è un monolocale piccino o se semplicemente ogni tanto avete bisogno di aggiungere qualche posto a tavola.

    Consolle per ingresso che si trasforma in tavolo Easy

    Consolle ingresso allungata e trasformata in tavolo Easy

    Scopri il tavolo consolle Easy

     

  19. Ganci appendiabiti d’arredo
  20. Se il gancetto a uncino vi sembra un po’ troppo tradizionale e noioso, puntate sui pomelli e trasformate la parete nella vostra personale opera astratta (guardate bene, c’è anche il gancetto per chiavi e borse!). L’opzione ideale per chi ha l’ingresso in soggiorno e vuole un arredo poco ingombrante, funzionale e decorativo allo stesso tempo.

    Pomelli appendiabiti con gancetto metallico inferiore Carambola

    Scopri i pomelli Carambola

     

  21. La consolle che è anche mobile letto…e tavolo
  22. Dedicata ad ingressi piccoli in case molto piccole (monolocali, appartamenti-studio, mini case-vacanza…) la consolle che contiene un letto singolo e anche un tavolo non ha bisogno di ulteriori spiegazioni. È la soluzione perfetta per chi ha un ingresso non definito e deve ottimizzare ogni spazio a disposizione al massimo.

    Mobiletto per ingresso con tavolo e letto singolo a scomparsa Link letto 539 a

    Scopri il mobile con letto e tavolo a scomparsa Link

     

Recap: arredare un ingresso piccolo ma organizzato

Abbiamo visto varie soluzioni per poter arredare l’entrata di casa quando è piccola o quando accede direttamente a soggiorno o cucina. Tra le varie soluzioni e idee abbiamo anche inserito dei mobili trasformabili utilissimi che possono fare al caso vostro se abitate in un monolocale. Altri piccoli consigli che ci sentiamo di darvi sono:

  1. non lasciare le scarpe a vista, l’ingresso di casa è un biglietto da visita e averlo pulito e ordinato fa bene anche a voi. Per qualche consiglio su come organizzare le scarpe puoi leggere la nostra mini guida “Dove mettere le scarpe in casa”. Per contenere il budget non sottovalutare ceste o panchette
  2. scegli soluzioni semplici per organizzare, metti ogni cosa al suo posto: un piccolo portadocumenti per le bollette da pagare o i biglietti aerei che ti servono il giorno dopo, un piattino portachiavi o una placca per appenderle, un vassoio per smartphone, caricatori e portafogli
  3. all’ingresso tieni soltanto il cappotto che usi tutti i giorni, in questo modo avrai bisogno solo di 2 o 3 ganci. Gli altri capi (giacche eleganti, impermeabili per uscire con il cane, soprabiti, smanicati per il giardinaggio o il lavoro…) conservali nell’armadio
  4. regola d’oro per i veri campioni della dura disciplina del salvarespazio in casa: usa lo spazio in verticale, ovvero, sfrutta bene le pareti con mensole, appendiabiti a muro, mensole. Oppure: se sfrutti il pavimento fallo con mobili multifunzionali e trasformabili

 

Se uno dei prodotti nell’articolo ti è piaciuto, clicca qui sotto per scoprire dove puoi acquistarlo

Rivenditori Italia Maconi

4 Ottobre 2018 / / Idee

Se sei alla ricerca di mobili per corridoio vuol dire che:

  1. stai per acquistare una casa nuova e cerchi idee per arredare il tuo nuovo corridoio;
  2. stai per ristrutturare la tua attuale casa e vuoi acquistare l’arredamento giusto per il tuo corridoio;
  3. hai un corridoio vuoto, poco organizzato o che non sfrutti a pieno e vuoi renderlo super funzionale ed accogliente.

Se rientri in una di queste categorie di persone continua a leggere per scoprire come arredare un corridoio moderno con i mobili Maconi, quali sono gli arredi indispensabili che ci vogliono assolutamente, quelli utili che non trovano spazio nelle altre stanze e di quali puoi invece fare a meno. Troverai idee per l’arredamento del corridoio di casa, consigli di stile, esempi compositivi, foto ispirazione.

Ricordati che non esistono mobili da corridoio giusti, esistono piuttosto quelli che vanno bene per te e la tua casa, quelli che si adattano alle dimensione dell’ambiente, quelli che potrebbero servirti e quelli che sai già che non ti serviranno. Esistono tuttavia dei mobili per corridoio che sono dei must have super gettonati, stiamo parlando di: scarpiera da corridoio, specchio da corridoio, appendiabiti da corridoio.

Scarpiera da corridoio

Come arredare un corridoio stretto?

Il modello che fa per te è sottile e salvapazio, una scapiera slim poco profonda e quindi poco ingombrante, come la scarpiera Roll.
17 cm di profondità, capienza massima 22 paia di scarpe (il numero può variare a seconda della taglia e del modello di calzatura), apertura a serrandina con tendina ad avvolgimento automatico. Una soluzione dalla grande funzionalità che permette di risparmiare spazio prezioso in un corridoio piccolo, stretto e di larghezza ridotta. Immagina di dover aprire l’anta di un mobiletto o l’antina della scarpiera ma di avere i centimetri contati e di non avere lo spazio per muoverti… molto scomodo vero?!

Devi arredare un corridoio largo e spazioso?

Se non hai problemi di spazio ma puoi godere di un corridoio arioso e spazioso può scegliere una scarpiere larga, profonda e alta senza dover fare i conti con il centimetro. Se il tuo corridoio è grande puoi scegliere, a seconda dei tuoi gusti, scarpiere con ante scorrevoli, battenti o a ribalta, senza preoccuparti di dover lasciare spazio utile per il passaggio e per l’apertura delle ante.

Hai tante paia di scarpe?

Tenerle in ordine è più facile di quanto pensi. Valuta le misure della scarpiera tenendo conto di quelle del corridoio e dello spazio da destinare al passaggio, scegli scarpiere organizzate internamente con ripiani e ordina tutte le tue scarpe. Se sono davvero tante organizzale per stagione: quando fa bel tempo tieni a portata di mano sandali, mocassini, ballerine, sabot, espadrillas, infradito, sneakers in tela; quando si avvicina la stagione più fredda tira fuori stivali, tronchetti, anfibi, scarponcini, scarpe con pelliccia. Riponi tutte le altre scarpe in scatole che tirerai fuori per fare il cambio di stagione.

Scarpiera capiente per tante paia di scarpe, con un'anta scorrevoleScarpiera a serrandina con tendina ad avvolgimento automatico

Specchio corridoio

Come arredare un corridoio piccolo e buio?

Aggiungi uno specchio! L’utilizzo più intuitivo dello specchio è quello di specchiarsi ma è risaputo che una superficie riflettente fa sembrare l’ambiente più grande e luminoso. Se il tuo corridoio non ha finestre, è poco illuminato, è piccolo e buio cerca un escamotage per renderlo più accogliente e funzionale. Puoi appendere uno specchio da parete piccolo o di grandi dimensioni, valuta lo spazio a tua disposizione e i tuoi gusti.

Specchio + appendiabiti = specchiera appendiabiti

Due (tre) in uno. Davanti specchio, dietro appendiabiti (e mensola).
Se il corridoio è vicino all’ingresso quello che fa per te è un pannello specchiera appendiabiti utile per riporre giacche e cappotti, per appoggiare la borsa, per darsi un’ultima occhiata prima di uscire di casa. Puoi scegliere tra un pannello completamente fissato alla parete arricchito sul frontale da uno specchio verticale a tutta altezza e da ganci appendiabiti oppure un pannello fissato alla parete solo in alcuni punti che presenta sul davanti una specchiera e sul retro un tubo per grucce portabito. Entrambi questi modelli di specchiere appendiabiti vanno fissati alla parete: scegliete attentamente la posizione migliore in corridoio, la meno ingombrante e la più funzionale.

Vuoi uno specchio decorativo?

Funzionalità e comodità prima di tutto ma anche l’occhio vuole la sua parte. Se il tuo corridoio è abbastanza grande e puoi permetterti di inserire anche arredi decorativi potresti puntare su una specchiera moderna e originale, magari dalla forma particolare.

Specchiera appendiabiti con specchio, ganci a pressione, tubo porta grucce

Appendiabiti da corridoio

Un posto per tutto. Ogni cosa al suo posto.

Ganci e pomelli appendiabiti sono il modo più semplice e veloce per appendere giacche e vestiti e tenere in ordine piccoli oggetti come borsette e mazzi di chiavi. Si sa, non c’è niente di più fastidioso del non trovare le chiavi di casa e della macchina quando si sta uscendo. E allora perché non appenderle sempre nello stesso punto, certi di sapere dove trovarle quando si cercano? Per il tuo corridoio scegli dei piccoli pomelli da parete colorati con gancio inferiore. Puoi acquistare la quantità che desideri, scegliere il colore che preferisci e posizionarli dove vuoi sulla parete del tuo corridoio.

Nel tuo corridoio c’è un angolo vuoto inutilizzato?

Sfruttalo con un appendiabiti a piantana. Basamento a terra, lungo stelo che si sviluppa in verticale, ganci nella parte in alto. Il nostro appendiabiti Smile è perfetto per essere posizionato in un angolo del corridoio. Puoi anche sollevarlo e spostarlo tutte le volte che vuoi, per cambiargli posto o per pulire il pavimento.

Il tuo corridoio è piccolo e stretto?

Niente paura! Le soluzioni arredative Maconi non si fanno spaventare dagli spazi angusti e dalle dimensioni ridotte. Il segreto in questo caso è quello di sfruttare la parete in altezza con un appendiabiti stretto e poco profondo. Liolà e Matità fanno al caso tuo: il primo serio ed elegante, il secondo iconico, ironico e originale, che strappa un sorriso ad adulti e bambini. Il primo profondo solo 2,5 cm, il secondo 5 cm. Entrambi sono dotati di ganci a pressione per appendere borse leggere, giacche e sciarpe.

Pomelli portabito con gancio portachiavi

Mobili corridoio stretto

Come arredare un corridoio stretto: idee d’arredo e consigli da seguire.

  • Attenzione alla profondità dei mobili. Scegli mobili poco profondi e dal minimo ingombro che agevolano il passaggio anche in ambienti ristretti.
  • Sfrutta le pareti e lascia libero il pavimento. Mensole slim, ripiani, ganci appendiabiti, specchi, quadri, cornici di foto arredano il corridoio senza occupare centimetri preziosi. Se vuoi inserire un pannello, un armadietto o una scarpiera scegli modelli sospesi, alleggerisci gli ingombri.
  • Rendi l’ambiente visivamente più grande. Uno specchio o una specchiera fanno al caso tuo. Ricordati che lo specchio trasparente dona più luce all’ambiente rispetto ad uno specchio fumè o bronzato.
  • Pittura le pareti di bianco. Potrebbe sembrare scontato ma nuance chiare e pastello fanno sembrare l’ambiente più grande e luminoso. Se poi scegli mobili tono su tono il piacevole effetto potrebbe aumentare.
  • Gioca con i punti luce. Puoi inserire dei faretti nel soffitto, profili led attorno ai mobili, lampade applique da parete.

Arredare corridoio lungo e largo

Come arredare un corridoio lungo: idee d’arredo e consigli da seguire.

  • Puoi sbizzarrirti con mobili e accessori. Non devi rinunciare a nulla, puoi anche aggiungere una panchetta, un baule o una cassettiera da sfruttare sia come contenitori per riporre piccoli oggetti sia per sederti ad allacciarti le scarpe.
  • Presta attenzione ai dettagli. Se ti piacciono i tappeti puoi stendere a terra una passatoia. Rende il corridoio più accogliente, donandogli un tocco personale e colorato.
  • Corridoio di servizio. Se il corridoio è abbastanza largo puoi appoggiare qui la tua consolle allungabile e spostarla in soggiorno solo quando ne hai il bisogno. Nel frattempo puoi usarla come mobiletto per appoggiare fiori, fotografie, il telefono fisso di casa,

Mensole e specchiera con ganci a pressione ideale per un corridoio stretto.Idee per arredare un corridoio: mobiletto contenitore, specchiera rotonda, appendiabiti a parete stretto e sottileIdee per arredare un corridoio: contenitore a terra, specchio rettangolare, appendiabiti a parete a forma di matita

Riflessione: il corridoio nelle case moderne che fine ha fatto?

Le case di vecchia costruzione sono caratterizzate da un corridoio lungo e largo che parte dall’ingresso e collega tutte le stanze. Diversamente, nelle case di recente costruzione in genere non c’è un vero e proprio corridoio, esiste piuttosto un disimpegno all’ingresso o tra la zona giorno e quella notte. Il corridoio è ormai un ricordo lontano delle case delle nonne, ma questo è un bene o un male?
L’eliminazione del corridoio potrebbe essere una valida idea da tenere in considerazione durante la ristrutturazione: togliere il corridoio significa ottenere locali più ampi, più luminosi, più facili da organizzare. Senza corridoio però potrebbe non esserci più un ambiente di passaggio abbastanza spazioso multiuso da attrezzare con un armadio capiente in cui stipare qualsiasi cosa, dalla scatola delle medicine all’aspirapolvere e straccio del pavimento, dalle scatole di alimentari di scorta alle scarpe e ciabatte. L’armadio del corridoio è tradizionalmente l’armadio di Mary Poppins: a seconda dell’anta che apri vieni proiettato in un mondo diverso.
Per te il corridoio è uno spazio vitale, un’area di servizio indispensabile oppure uno spazio morto, inutile, da eliminare?

Rivenditori Italia Maconi

2 Luglio 2018 / / Idee

La scarpiera è un mobile fondamentale per la buona organizzazione degli spazi domestici. La sua utilità è universalmente riconosciuta ma dobbiamo anche ammettere che è spesso difficile trovarne una bella. Per questo motivo la domanda più frequente è: dove mettere le scarpe in casa?

La risposta è ovvia, ma non altrettanto ovvia è la soluzione alla seconda domanda e cioè: dove va la scarpiera?

Scarpe in disordine

Mettere le scarpe all’ingresso

Impariamo dai campioni assoluti di ordine e organizzazione: i giapponesi lasciano sempre le scarpe all’ingresso, addirittura le loro case sono progettate per avere uno spazio ribassato rispetto al resto della casa. Se il pavimento è rivestito in legno, la zona vicino alla porta presenta piastrelle più funzionali e lavabili. Qui posizionano la scarpiera e un cesto contenente le ciabatte (anche per gli ospiti!) da indossare sui preziosi parquet e tatami.

Idee dove mettere scarpe: ingresso giapponese

Soprattutto all’ingresso di casa, l’ordine e la pulizia sono un must: è l’ambiente in cui si accolgono gli ospiti ed in cui tornando dal lavoro ci si sente finalmente liberi di rilassarsi. Nessuno ama entrare in casa e trovare scarpe e ciabatte sparse a terra, ancora peggio se accumulate all’entrata. Senza contare che è veramente un brutto “biglietto da visita” accogliere gli amici con le vostre scarpe in bella vista.

Mobile ingresso scarpiera appendiabiti

Un mobile per ingresso con scarpiera integrata vi permette di riporre con ordine scarpe, stivali, cappotti, giacche e borse. Potete scegliere un modello con specchio integrato per gli utlimi ritocchi al look prima di uscire di casa. Potete poi aggiungere un pouf, una poltroncina o una panchetta su cui potete sedervi per calzare o togliere le scarpe in totale comfort.

Scarpiera in corridoio? Per noi è sì

Zone di passaggio della casa spesso non abbastanza valorizzate, corridoio e disimpegno sono purtroppo sottovalutati e trattati come “terra di nessuno”. In realtà sono uno scrigno di opportunità da sfruttare, posizionando qui proprio quei mobili che non si sa mai dove mettere, come la scarpiera.

Scarpiera a specchio per corridoio

Se volete che il mobile passi inosservato optate per una scarpiera a specchio o per un colore neutro come il bianco. Potrete affiancare più armadietti in cui riporre tutte le vostre scarpe, scegliendo tra ante battenti, scorrevoli o a ribalta. Per disimpegni o corridoi lunghi e stretti, meglio gli armadietti con apertura scorrevole o a serrandina avvolgibile che evitano di ingombrare il passaggio.

Un’altra soluzione è quella di far costruire armadi su misura lungo tutta la lunghezza del corridoio: le ante a tutta altezza costituiscono una seconda parete dietro la quale potete nascondere tutto quello che volete, dalle scarpe ai cappotti alle valigie. Sicuramente più costosi da realizzare rispetto ad un mobile free standing come un armadietto o un portascarpe, questi armadi a muro hanno il vantaggio di essere molto capienti e di mimetizzarsi alla perfezione con lo spazio a disposizione.

Scarpiera anta scorrevole

Se scegliete una scarpiera bassa la potrete anche utilizzare come mobile di bellezza su cui appoggiare foto di famiglia, vasi e soprammobili, creando un piccolo angolo decor nel disimpegno che conduce alla zona notte. Inoltre, basta mettere uno specchio con un punto luce sopra il mobile per illuminare ambienti solitamente privi di finestre.

Scarpiera bassa corridoio disimpegno

La scarpiera in bagno

Un altro ambiente della casa ideale per ospitare le scarpe è il bagno. Se piccolo un’idea perfetta è quella di posizionare la scarpiera slim dietro la porta. Se grande potete scegliere un armadio scarpiera o un mobile basso in cui riporre tutte le calzature e gli accessori che vi servono per la loro pulizia e cura (spazzolini, lustra scarpe, spray protettivi, detergenti e lucidanti…).
Anche in bagno il nostro consiglio è quello di non lasciare le scarpe a vista per una questione igienica ed estetica.

Scarpiera slim bagno

Recap: 10 posti ideali in cui mettere le scarpe in casa

Molte volte online ci capita di vedere ingressi, bagni o ambienti di servizio con scarpe lasciate su rastrelliere o ripiani a vista. Purtroppo, anche se l’effetto da rivista patinata è assicurato, a meno che non si abbia una “mudroom” in stile inglese o nordico dedicata (stanza tipica delle case di campagna inglesi o americane in cui si lasciano scarpe, stivali da giardinaggio, vestiti sporchi ecc…) gli ingressi organizzati in questo modo sono sì scenografici, ma poco funzionali e soprattutto poco capienti.

Mudroom scarpe appendiabiti stile inglese

Pensando alla realtà di tutti i giorni, è difficile che in una tipica abitazione italiana ci sia uno spazio in cui si lascino a vista le sneakers che si usano in palestra o le scarpe da calcio dei bambini!

Ecco secondo noi quali sono i 10 posti perfetti in cui sistemare scarpe, stivali e ciabatte:

  1. ingresso: dal mobile con guardaroba e scarpiera integrati, ad armadietti bassi da usare come fossero consolle, fino alle più funzionali scarpiere a ribalta o scorrevoli, le opzioni sono infinite. Parola d’ordine: praticità ed estetica, perché l’occhio vuole la sua parte, soprattutto all’ingresso di casa
  2. bagno: se lo spazio a disposizione è poco potete mettere la scarpiera dietro la porta, scegliendo un modello a serrandina o slim con ribalte. Se il bagno è grande, perfetto un armadietto a specchio da usare anche come specchiera a figura intera
  3. corridoio: armadietti con ante scorrevoli o battenti, bianchi per donare luminosità all’ambiente o a specchio per dare illusione di maggiore profondità
  4. dietro la porta: qui è d’obbligo un modello ultra sottile, se possibile a doppia profondità per sistemare le scarpe in doppia fila
  5. ripostiglio: se avete una stanza dedicata a ripostiglio o a lavanderia potete sbizzarrirvi senza dare troppa importanza all’estetica. Qui le scarpe potete sistemarle all’interno di armadi, rastrelliere o ripiani, organizzate in scatole o cesti
  6. scale: una scelta inusuale ma non impossibile. In questo caso il consiglio è di optare per mobili a muro poco profondi o armadietti da collocare sul pianerottolo se la scala è a due o più rampe
  7. cameretta: per i bambini la scarpiera può essere più piccola della vostra, ma sicuramente colorata. Per i più piccoli potete mettere uno sgabello o un pouf di fianco, in modo che imparino ad indossare scarpe e stivaletti in autonomia
  8. cabina armadio: molti sistemi per cabine armadio offrono appositi moduli o ripiani obliqui per le scarpe. Se preferite una soluzione più semplice e meno costosa, una cabina si arreda alla perfezione anche con ripiani, cassettiere free standing e armadietti
  9. a vista: come abbiamo scritto poco sopra, la mudroom all’inglese è molto scenografica e utilissima, ma molto rara negli appartamenti moderni italiani. Diciamocelo, le scarpe a vista all’ingresso non sono belle da vedere, secondo noi questa opzione è da seguire se avete una stanza di servizio, dove comunque è meglio collocare le scarpe all’interno di box o ceste
  10. balcone o garage: la scelta che ci piace meno perché freddo, caldo, umidità e sbalzi di temperatura possono rovinare le scarpe. Se avete una zona esterna, meglio se coperta, scegliete un materiale adatto a resistere alle intemperie e con ante che si chiudano bene per evitare infiltrazioni di acqua o di insetti

Rivenditori scarpiere Maconi

30 Maggio 2018 / / Idee

Una scarpiera bianca è un’ottima soluzione per organizzare scarpe e stivali con stile: il bianco non passa mai di moda, è luminoso e anche in spazi piccoli si mimetizza con la parete e sembra così meno ingombrante. A seconda delle dimensioni dell’ambiente che hai a disposizione puoi scegliere una scarpiera singola, piccola o grande, oppure puoi optare per una soluzione modulare che integra armadio-scarpiera-appendiabiti. Questa scelta dipende anche dalla collocazione che vuoi dare al tuo mobile porta scarpe: ingresso, corridoio, bagno o in camera dietro la porta?

Un armadio per calzature di ogni tipo è quello che ci vuole per tenere ordine all’entrata di casa e nelle camere da letto, vediamo quali sono le varie alternative che puoi adottare per una perfetta scarpiera bianca.

I modelli

A seconda di dove metterai il mobile e dello spazio che hai a disposizione, puoi scegliere tra vari modelli:

  • scarpiera a ribalta: queste ante occupano poco spazio e permettono di inserire le scarpe anche in doppia profondità grazie alle speciali rastrelliere, l’unico svantaggio è che qui gli stivali non entrano
  • scarpiera scorrevole: perfetta se hai poco spazio in profondità, si può attrezzare con ripiani o rastrelliere
  • scarpiera con ante o scarpiera ad armadio: ideale se non hai problemi di spazio, si configura come un vero e proprio armadietto da completare con ripiani o rastrelliere. La versione con ripiani regolabili all’altezza desiderata permette di lasciare abbastanza spazio per gli stivali
  • mobile ingresso con scarpiera integrato: se hai una zona di ingresso da attrezzare opta per mobili ingresso componibili in cui combinare appendiabiti, scarpe, stivali e magari uno specchio

Le misure

Tutti i modelli prevedono svariate dimensioni, da un minimo di 45 cm in larghezza. I modelli più larghi sono quelli con 2 ante che possono arrivare ad una larghezza di circa 90 cm. L’altezza varia dal mobiletto basso che parte da circa 80 cm, all’armadietto alto di 180 cm. Se hai bisogno di misure più grandi allora puoi sempre optare per un vero e proprio armadio da camera da letto a 1 o 2 ante.
Ma nel mondo scarpiere a fare la differenza è la profondità. Sappiamo bene che spesso questo mobile è vissuto come un “fastidio”, esteticamente poco elegante e difficile da abbinare con il resto degli arredi. Ma una scarpiera bianca è un vero passepartout perché facile da combinare con altri elementi. Se poi volete nasconderla, basta scegliere un modello slim o con serrandina che puoi nascondere dietro ad una porta.

Le 7 scarpiere bianche più amate

Scarpiera bianca doppia profondità: a 2, 3, 4 o 5 ante, con rastrelliera anche a doppia profondità, contiene fino a 50 paia di scarpe con il minimo ingombro e con uno stile essenziale ideale anche quando il mobile è a vista

Family Wood scarpiera a 3 ante a ribalta cm 64 p.26 h.121

Scarpiera bianca a specchio: una coppia perfetta per donare luminosità a qualsiasi angolo della casa e per mimetizzare il mobile, che svolge così una doppia utilissima funzione

Family Mirror scarpiera a 5 ante cm 64 p.26 h.180

Scarpiera in legno e bianco: struttura color legno e ante bianche per un tocco bicolore che scalda l’ambiente

Scarpiera Evolution Wood bassa a due ante cm 64 p.30 h.100

Scarpiera in tessuto bianco: la serrandina avvolgibile è il non plus ultra dei salvaspazio perché non richiede spazio aggiuntivo per l’apertura. Ideale dietro la porta o in corridoio

Scarpiera slim a serrandina Roll cm 84 p.29 h.87

Scarpiera con maniglie colorate: se il total white non fa per te o la scarpiera è destinata alla camera dei bambini, qualche tocco di colore non fa mai male. Puoi giocare con maniglie vivaci oppure decorare il mobile con stickers

Scarpiera con 5 ante a ribalta Arcobaleno cm 64 p.26 h.180

Scarpiera bianca e grigia: l’abbinamento più trendy del momento, il bianco e il grigio non stancano mai e sono garanzia di eleganza in qualsiasi ambiente

Scarpiera sospesa Roll cm 67 
 p.17 h.174

La tua collezione di scarpe merita di essere organizzata e coccolata. Un buon armadio scarpiera, che sia bianco o di qualsiasi altro colore, ti aiuterà a tenere tutti i tipi di calzature in perfetto ordine, evitando il rischio di accatastarle e schiacciarle. La pelle e il camoscio si rovinano se non vengono correttamente conservate e dopo una stagione intera conservati in malo modo potresti ritrovare i tuoi stivaletti irrimediabilmente rovinati. Anche stivali e scarpe con il tacco devono essere riposti con cura, per evitare che la loro forma originaria sia compromessa. In base alle tue esigenze organizza la tua scarpiera con ripiani o con rastrelliere e fai in modo di attrezzare gli interni con piccoli accorgimenti come scatole, speciali ganci per tacchi, tendiscarpe o forme anatomiche.

Rivenditori scarpiere Maconi

24 Aprile 2018 / / Idee

Armadio guardaroba all’ingresso: perché averlo

Intelligente, salvaspazio e multifunzione. Aiuta a tenere in ordine l’ingresso di casa, a ricavare spazio dove spazio non c’è e ad organizzare abiti e calzature. Avere un guardaroba all’ingresso è segno di igiene e pulizia: i batteri e lo sporco che si annidano sotto le scarpe non vanno in giro per casa così come lo smog e gli odori che impregnano le giacche. Bello da vedere e comodo da utilizzare. Puoi personalizzarlo secondo il tuo stile: sei tu a scegliere il modello, le dimensioni, le finiture e i colori.
Servono forse altre motivazioni per convincerti ad acquistare un mobile ingresso con guardaroba?

Continua a leggere questo articolo: parleremo dei vari modelli di guardaroba, quelli con armadietti contenitore e scarpiere, quelli con specchi piccoli o specchiere a tutta altezza, quelli con mensole e cassetti, fino ad arrivare ai mobili guardaroba utili per sfruttare un angolo. Lasciati ispirare dalle foto e ricordati che tutti i mobili sono personalizzabili: contatta il negozio rivenditore partner Maconi più vicino a casa tua per ricevere la consulenza di un arredatore e un preventivo su misura.

Guardaroba all’ingresso: cappottiera o scarpiera?

La miglior soluzione sarebbe avere entrambe: cappottiera per ingresso per appendere soprabiti, sciarpe, cappelli e borse, scarpiera per ordinare scarpe, stivali, sandali, ciabatte e pantofole.
Il posto migliore per soprabiti e scarpe è l’ingresso, non solo per comodità ma soprattutto per questioni igieniche. Togliersi le scarpe sull’uscio di casa significa non sporcare il pavimento e non introdurre batteri, un vantaggio soprattutto per chi ha l’abitudine di camminare scalzo per casa o per chi ha bambini piccoli che gattonano o che stanno muovendo i loro primi passi. Giacche e cappotti invece sono un vero ricettacolo di smog, odori e acari e andrebbero sempre tenuti separati dalla biancheria personale. Sconsigliato riporli in un armadio con altri indumenti, meglio appenderli in un armadio a parte insieme a sciarpe e cappelli. Ovviamente vietato buttare nel guardaroba tutto alla rinfusa per non trasformarlo nell’ennesimo armadio del caos.

Acquista un mobile guardaroba capiente con spazio per appendere le giacche oppure una colonna portascarpe attrezzata con molti ripiani se la tua famiglia è numerosa, se hai molti vestiti e calzature, se l’ingresso è ampio. Se invece devi fare i conti con spazi ridotti valuta la possibilità di avere un unico armadietto ad un’anta con tubo appendiabiti superiore e ripiani portascarpe inferiori.

Mobile ingresso con appendiabiti, ripiani scarpiera, mensole, specchiera

Guardaroba con armadietto scarpiera molto capiente

Ingresso con guardaroba: quale modello scegliere

Una casa organizzata fin dall’ingresso fa la sua scena, perché si sa che la prima impressione conta, eccome se conta. Non basta tuttavia avere un bel armadietto da mostrare agli ospiti, l’importante è avere un guardaroba funzionale, pratico per tutti i giorni, adatto alle proprie abitudini, comodo per riporre tutti quegli oggetti che si vogliono tenere a portata di mano.
Prima di acquistare un armadio guardaroba devi assolutamente ragionare su quanto spazio hai a disposizione, su come lo vuoi utilizzare, su quanti vestiti vuoi appendere e quante paia di scarpe vuoi riporre. L’utilizzo condiziona l’aspetto e soprattutto determina gli elementi indispensabili.

Guardaroba con appendiabiti

Puoi acquistare un armadio con tubo appendiabiti da destinare esclusivamente ai vestiti oppure puoi optare per un armadietto contenitore con ripiani da affiancare a dei ganci portabito fissati al muro o su un pannello sottile. Se necessiti di molto spazio puoi unire entrambe le soluzioni: puoi appendere sui ganci a vista le giacche di tutti i giorni e riporre nell’armadio quelle per le grandi occasioni.

Guardaroba con scarpiera

Una colonna armadio alta e stretta è sufficiente per riporre vestiti e scarpe di una persona ma se la famiglia è numerosa e gli oggetti da riporre sono di più occorre trovare un’alternativa, magari un armadio a due ante organizzato internamente con ripiani oppure un mobile attrezzato ancor più capiente. Puoi ricavare spazio per le calzature quasi ovunque, anche sotto un pannello con specchiera piccola e cassetto sospeso. È sufficiente un mobiletto piccolo con due ante a ribalta per nascondere fino a quattro paia di scarpe.

Guardaroba con mensole

Ripiani svuotatasche, mensole e cassetti sono una manna dal cielo per chi trascorre ore a cercare il mazzo di chiavi nella borsa o per i più sbadati che non si ricordano dove hanno messo un foglio importante. Appoggia tutto sulla mensola e risparmia tempo prezioso.

Guardaroba con specchiera

Per i meno vanitosi può bastare uno specchio di piccole dimensioni che lascia spazio sotto per uno o più cassetti sospesi o per un altro piccolo armadietto ad un anta; i più vanitosi possono optare invece per una specchiera a tutta altezza. Se vuoi combinare entrambi gli elementi scegli un mobile guardaroba completo con pannello con specchio piccolo e armadio contenitore con una o due ante a specchio.

Guardaroba completo

L’ingresso è dove tutto è a portata di mano e solo un mobile guardaroba completo assicura uno spazio per tutto. Inutile perdere tempo a cercare le chiavi quando puoi trovarle sulla mensola. Scomodo togliersi le scarpe sulla porta e portarle a mano nell’armadietto in bagno quando potresti riporle li vicino. Perché correre in camera a prendere le chiavi della macchina dimenticate nella tasca della giacca quando puoi avere sia la giacca sia le chiavi all’entrata. Non correre in bagno a darti un’ultima occhiata prima di uscire, usa lo specchio applicato sul mobile ingresso.

Sfrutta gli angoli, scegli un guardaroba ingresso angolare

Gli spazi più difficili non hanno segreti per i mobili da ingresso, nemmeno gli angoli. Per creare un guardaroba in un angolo della stanza senza occupare eccessivo spazio opta per un pannello girevole con ganci appendiabiti che puoi nascondere semplicemente ruotando la struttura. Se scegli il modello Twister puoi avere anche una specchiera a tutta altezza.

Pannello girevole per angolo. Specchiera da un lato, quattro ganci appendiabiti dall'altro

Armadio guardaroba per un ingresso open space

Le tendenze degli ultimi anni vedono l’open space tra le soluzioni arredative più gettonate. L’ingresso è spesso inesistente e la porta d’entrata conduce subito nel cuore della zona giorno della casa. Niente paura, il mobile da ingresso continua a giocare un ruolo fondamentale e ad essere un arredo tra i più desiderati e acquistati. Dedicagli lo spazio vicino alla porta e sceglilo in un materiale e in un colore che si abbina ai restanti mobili presenti nell’ambiente.

Guardaroba per ingresso: foto ispirazione

Armadio guardaroba con anta scorrevole affiancato ad un mobiletto scarpiera con ante a ribalta

Scarpiera con ante a ribalta a specchio con pannello con ganci appendiabito

Guardaroba a vista con ganci portabito e scarpiera a ribalta

Rivenditori Italia Maconi

15 Febbraio 2018 / / Design

Casa piccola, monolocale, cameretta piccola, casa vacanze, stanza degli ospiti… queste stanze hanno tutte una cosa in comune: la necessità di un letto a scomparsa.
Come sceglierlo? Quali modelli esistono? Quanto costa? Come utilizzarlo?

Prima di rispondere a tutte le domande e toglierti ogni dubbio sui letti a scomparsa devi sapere che:

  • sono conosciuti anche con altri nomi: letti trasformabili, letti a ribalta, letti ribaltabili, letti abbattibili, letti a parete, letti chiudibili a parete, letti a muro, letti nascosti, letti salvaspazio
  • a volte ci sono anche se non si vedono: sembrano armadi, contenitori e mobiletti di ogni genere, si mimetizzano alla perfezione e svelano il loro vero essere solo una volta aperti
  • sono mobili salvaspazio e arredi multifunzionali: chi acquista alcuni modelli di letto a scomparsa acquista nello stesso tempo anche un tavolo, una scrivania, una mensola, un contenitore.

In questo articolo parliamo di:

Letti singoli a scomparsa verticale

Alti e compatti hanno una profondità ridotta. Sembrano degli armadi, sono dei veri e propri letti singoli dotati di rete e materasso, spesso inclusi. Per aprirli è sufficiente tirare verso il basso il frontale e accompagnarlo fino a terra, alcuni modelli prevedono invece un’apertura assistita, rallentata e ammortizzata con rete che scende da sola in maniera lenta e sicura. Tutti i modelli prevedono un sistema di chiusura tale da prevenire aperture accidentali.

Nei letti a scomparsa Maconi la parte alta del frontale si solleva e una volta a terra diventa il punto d’appoggio dell’intero letto. Questa aletta può essere realizzata in tinta con la struttura oppure in un colore in contrasto.

Letti singoli a scomparsa verticale

Letti singoli a scomparsa orizzontale

Il letto a ribalta orizzontale nasce con le medesime caratteristiche di quello a scomparsa verticale e si differenzia, come dice il nome stesso, per il senso in cui è disposto. Larghezza generosa e altezza ridotta, queste due caratteristiche permettono di sfruttare la parte alta della parete per appendere mensole, pensili contenitore oppure quadri o specchi.

Letto singolo a scomparsa orizzontale

Letti matrimoniali a scomparsa verticale

Insieme ai letti singoli quelli matrimoniali sono i modelli più gettonati e richiesti. Il funzionamento è il medesimo, semplicissimo: tira verso di te il frontale e il letto scende praticamente da solo. Tramite un meccanismo a ribalta l’armadio diventa un letto.
Si, hai letto bene, l’ho definito volutamente armadio anche se non lo è ma che ci posso fare i se questi letti sono maghi nei travestimenti.

Letto a scomparsa matrimoniale chiuso

Letto a scomparsa matrimoniale aperto

Letti a scomparsa con tavolo integrato

Parola d’ordine: multifunzione. L’ho accennato all’inizio e ora te lo dimostro: un mobile con letto nascosto può essere anche tavolo. Guarda il modello presente in foto, sembra una console da parete con piano ad uso tavolo, diresti mai che abbassando completamente il frontale si può svelare una rete letto con materasso incluso? Geniale.
Questo modello di letto trasformabile si rivela particolarmente utile in un monolocale dove lo spazio è davvero ristretto ed è impossibile inserire un tavolo indipendente.

Mobile con letto nascosto e tavolo

Letti a scomparsa con scrivania integrata

Sistema d’apertura pressochè identico al precedente con la differenza che nell’ambientazione proposta nell’immagine il piano è utilizzato come scrivania. Niente e nessuno vieta di utilizzarlo come tavolo per una o due persone.
Questo modello di letto trasformabile si rivela particolarmente utile anche in una cameretta, da utilizzare sia come scrivania sia come lettino occasionale in caso di un ospite.

Mobile con letto nascosto e scrivania

Letti a scomparsa con mensola integrata

I modelli fotografati nelle due immagini precedenti propongono degli esempi concreti: ripiani perfetti per appoggiare libri e piccoli oggetti. Un piccolo dettaglio dalla grande utilità, soprattutto in case piccole dove ricavare spazio è fondamentale.

Letti a scomparsa con vano porta cuscino

Lo spazio in casa non è mai abbastanza ma per i letti a scomparsa multiuso questo non è un problema dal momento che la loro specialità è proprio fare spazio dove spazio non c’&egrave. La parte superiore contenitore di questo mobiletto è dotata di anta a ribalta ed è pensata per riporre un guanciale nascondendolo dalla vista e dalla polvere.

Vano porta guanciale di un letto a scomparsa singolo

Letti a scomparsa per ospiti

Se la casa è piccola ma non vuoi rinunciare ad invitare ogni tanto qualche ospite devi assicurarti di avere un comodo posto letto da offrirgli. Puoi optare per tutti i modelli di letto che abbiamo citato in questo articolo, valuta l’effettivo spazio a tua disposizione e le tue necessità. Ricordati soprattutto che un letto a scomparsa utilizzabile anche per altri scopi potrebbe essere la soluzioni migliore.
Lo spot pubblicitario di un noto gelato ha reso famosa l’espressione “two is mei che uan“, non sei d’accordo anche tu?!

Posso utilizzarlo tutti i giorni?

Si, i letti a scomparsa moderni sono progettati per un utilizzo quotidiano, anche se nulla vieta di lasciarli chiusi per molto tempo e utilizzarli solo all’occorrenza. Quello che rende un letto comodo è il materasso: scegli il modello più comodo per te e più adatto alle tue esigenze e potrai dormire su un letto davvero confortevole.

Alcuni letti a scomparsa Maconi permettono di scegliere tra due modelli: Sirio, materasso in poliuretano espanso indeformabile con imbottitura in memory foam e rivestimento in tessuto di cotone antibatterico e Cometa, materasso a molle biconiche con imbottitura in cotone da un lato e in lana dall’altro, sempre con rivestimento in cotone antibatterico e fascia perimetrale per la traspirazione interna.

Posso lasciare lenzuola e coperte sul letto chiuso?

Lenzuola si, coperte non sempre, guanciale quasi mai. Il mobile con letto chiuso ha una profondità ridotta e lo spazio interno è per lo più occupato dal materasso. Lasciare il letto con lenzuola pronto per l’utilizzo è fattibile poichè l’ingombro della biancheria è davvero minimo, è invece necessario valutare quello di coperte e piumini. Questi potrebbero ostacolare la chiusura del frontale e forzandolo si potrebbero danneggiare i meccanismi e compromettere la stabilità e la sicurezza dell’intero mobile.

Devo fissare il letto alla parete?

Per ragioni di sicurezza è consigliato l’ancoraggio a muro di alcuni modelli di letto a scomparsa. Un letto fissato ad una parete adatta (le pareti in cartongesso sono da evitare!) attraverso idonea ferramenta di supporto è stabile, resistente e sicuro sia da chiuso sia da aperto.

Posso spostare il letto da una stanza all’altra?

Si se il modello è dotato di ruote e non richiede il fissaggio a parete. Alcuni mobiletti hanno delle rotelle che facilitano lo spostamento all’interno della stanza e da un ambiente all’altro. Se per motivi di spazio o di estetica preferisci riporre il letto in un ripostiglio, in un locale di servizio, in una nicchia o nel sottoscala puoi trascinarlo velocemente e senza fatica dove ti serve e quando ti serve.

Mobile con ruote con brandina pieghevole nascosta

Quanto costa un letto a scomparsa?

Dipende. Dipende dalle dimensioni, dai materiali, dai meccanismi, dalla qualità delle finiture e dei particolari. Il consiglio sempre valido è quello di documentarsi prima di acquistare. Un letto a scomparsa poco costoso potrebbe rivelarsi anche poco sicuro, poco stabile, scomodo e non adatto a dormire molte ore di fila.

I letti a scomparsa Maconi coniugano funzionalià, estetica e praticità e lo fanno con un rapporto qualità / prezzo davvero ottimo. I prezzi sono contenuti, a partire da circa 400 euro fino a circa 1100 euro a seconda del modello. Un mobile con brandina pieghevole singola è più economico di un mobile trasformabile in letto per due persone.

 

Se ti piacciono i letti a scomparsa proposti in questo articolo sfoglia il nostro catalogo letti a scomparsa. Se desideri maggiori informazioni o vuoi vedere dal vivo le nostre soluzioni visita il negozio rivenditore Maconi più vicino a casa tua.

Rivenditori Italia Maconi

30 Gennaio 2018 / / Maconi

Siamo orgogliosi di presentare il nostro nuovo blog.

 

Cosa troverai nel blog Maconi?

– Noi, la nostra azienda e le nostre collezioni d’arredo
Parleremo di mobili ingresso, mobili salvaspazio e complementi d’arredo, la nostra specializzazione dal 1980. Parleremo di mobili per ingresso componibili, specchiere e appendiabiti, consolle trasformabili e letti a scomparsa salvaspazio, complementi per cameretta e soggiorno, tavolini, mensole, librerie e oggetti sempre utili. Proporremo approfondimenti su tutti questi prodotti, focus e spiegazioni dettagliate di tutte le loro caratteristiche. Ci occuperemo di materiali, di idee e consigli per arredare alcuni angoli di casa, in particolare l’ingresso ma anche il corridoio, un disimpegno e il soggiorno. Pubblicheremo foto in alta definizione e immagini ispirazione per aiutarti ad immaginare e a scegliere l’arredamento della tua casa.

– Novità, cataloghi e fiere di settore
Abbiamo un occhio di riguardo per le richieste dei clienti, siamo attenti alle nuove tendenze e ai cambiamenti del mercato e siamo sempre pronti ad adattare tutte le nostre proposte alle nuove esigenze abitative. In questo blog parleremo delle ultime mode in fatto di arredamento e ti terremo aggiornato anche sulle novità che ci riguardano, sulle fiere di settore alle quali parteciperemo e sui nuovi prodotti che introdurremo nei nostri cataloghi.

– I nostri Rivenditori, i punti vendita e gli spazi espositivi
Collaboriamo con negozi d’arredamento sparsi su tutto il territorio nazionale presso i quali è possibile recarsi per vedere dal vivo i nostri mobili e verificarne la qualità. Nel nostro blog dedicheremo ampio spazio ai nostri Rivenditori partner e alle soluzioni proposte nei loro showroom, in particolare pubblicheremo le foto di alcuni spazi espositivi allestiti con i prodotti Maconi.

Tante idee e tanti progetti in cantiere… non ci rimane che dirti “STAY TUNED”. A presto!