17 Febbraio 2020 / / Decor

Negli ultimi anni ordinare e organizzare l’ingresso di casa è diventato sempre più difficile. Appartamenti compatti e senza ingresso hanno reso quasi superfluo lo spazio d’entrata. Così, dove prima c’erano veri e propri ambienti separati o corridoi su cui si aprivano le principali stanze, oggi entriamo direttamente in soggiorno. Se poi pensiamo a bilocali, monolocali o open space possiamo trovarci ad entrare direttamente in un ambiente che unisce cucina e sala.

Il dilemma è: come arredare un ingresso…se l’ingresso non c’è?

Una delle soluzioni più rapide in termini di realizzazione (e più economiche) sono gli appendiabiti a parete. Ed è proprio pensando a case piccole senza un vero e proprio spazio da attrezzare a guardaroba che abbiamo ideato i nostri ganci appendiabiti della nuova collezione 2020.

Salvaspazio, componibili a parete come vuoi, colorati, belli da vedere quando non ci sono cappotti e borse appesi.
È così che secondo noi devono essere degli attaccapanni a vista. Perché se l’ingresso di casa non è separato dal resto degli ambienti, devi fare di necessità virtù. Insomma, la filosofia è: non disperare, ma ricava il meglio dal poco spazio a disposizione.

Ve li presentiamo qui sotto, uno per uno.

Mensola, appendiabiti, porta cd, porta libri…portatutto!

Onda è una mensola sottilissima di metallo colorato che puoi usare davvero dove vuoi. All’ingresso si possono creare composizioni con la versione appendiabiti oppure senza ganci: da una parte giacche, cappotti e borse, dall’altra le chiavi, il portafogli, il telefono.
È piccola e poco profonda, si può avere con i pomelli attaccapanni o senza, con i fermalibri in legno o senza. La immaginiamo in cucina, per le spezie o le tazzine. In bagno, vicino allo specchio per i prodotti di bellezza, o sulla parete per l’accappatoio. In corridoio come svuotatasche. In cameretta per i libri. In soggiorno come porta cd…può bastare?

Scopri Onda

I colori sono il bianco, il nero, il grigio, l’azzurro. Pomelli in combinazioni a scelta in nero, bianco, azzurro, giallo, verde e rosa.

I gancetti attaccapanni singoli ispirati a Dumbo

Si chiamano, appunto, Dumbo. Sono ganci da parete in metallo su cui, seppur piccolissimi, puoi appendere 3 capi o borse. Infatti puoi usare la “proboscide” o le “orecchie” per agganciare quello che vuoi.

Scopri Dumbo

I colori a disposizione sono tra i più versatili: bianco, nero, grigio e un azzurro che ricorda l’amatissimo verde acqua di Tiffany.

4 in 1: Spider l’attaccapanni che sfrutta ogni angolo (letteralmente)

Arriva dappertutto, persino negli angoli. Con questo appendiabiti a 4 posti abbiamo voluto dare la possibilità di sfruttare anche gli angoli che solitamente sono sotto-utilizzati o semplicemente lasciati vuoti. Perché non usarli meglio?

Scopri Spider Angolare

Coloratissimo o monocromo, lo decidi tu. La struttura a X a parete è bianca o nera con pomelli in tinta oppure in uno o più colori a scelta tra: nero, bianco, azzurro, verde, giallo e rosa. In questo modo potrai creare l’abbinamento perfetto in base alla stanza della casa in cui vuoi inserire Spider.

Scopri Spider

Ti sono piaciuti gli appendini della nuova collezione? Aspetta di vedere i nuovi mobili da ingresso per un 2020 all’insegna della massima organizzazione!

Stay tuned perché ci sono grandi novità (personalizzabili, super componibili, praticamente su misura)…in arrivo!

Vuoi altre idee per arredare un muro all’ingresso? Scopri 11 (+1) soluzioni per gli appendiabiti da parete

 

Se invece hai già trovato la soluzione perfetta per te, clicca qui sotto per scoprire dove trovarla

Rivenditori Italia Maconi

8 Novembre 2019 / / BlogArredamento Aziende

Ingresso con consolle in metallo e vetro, specchio, pouf e libreria a colonna

I mobili da ingresso sono una scelta fondamentale per due ragioni: organizzazione e decor.

Di idee per l’ingresso ne troverai tante online, su Pinterest e su Instagram.
Qui trovi una guida completa per capire cosa ti serve.

Ecco di cosa parliamo:

Si dice che l’ingresso sia il nostro biglietto da visita: è il primo spazio in cui entrano gli ospiti, un’anteprima della tua casa e dell’impronta che le hai voluto dare. Pensaci: ti sei mai presentato con la barba sfatta, le calze spaiate, la felpa della palestra da un cliente, ad un colloquio di lavoro o ad un primo appuntamento…?

Scommetto di no.

Ecco, agli occhi di un ospite il tuo ingresso parla di te e del modo in cui vivi la casa. È un modo per dare a chi entra in casa tua il benvenuto che si merita. Un ingresso ordinato rispecchierà la tua personalità e ti farà sentire meglio ogni giorno, al rientro dal lavoro. Qui puoi finalmente chiudere fuori lo stress e le tensioni.

Se ti stai chiedendo come arredare l’ingresso della tua casa o del tuo appartamento, prima devi analizzare che tipo di entrata hai e quindi quanto spazio hai a disposizione: solo così potrai capire di cosa hai veramente bisogno.

Specchi rotondi e appendiabiti da terra 4 posti

Il primo consiglio è: non fossilizzarti sul classico set da ingresso preconfezionato, il mobiletto con cassetto e ganci appendiabiti.
Magari è proprio quello giusto, magari invece non lo è e puoi sfruttare lo spazio con qualcosa di più intelligente e strutturato.

Cosa ti serve nell’ingresso di casa?

Appurato quanto spazio hai e che tipo di spazio si tratta (piccolo o grande, una parete, due pareti, un angolo, una nicchia, un’intera stanza…) devi capire che cosa ti serve e come puoi far fronte alle tue esigenze usando i mobili giusti. Le opzioni che avrai sono:

Contenere

Scarpe, cappotti, ombrelli, il guinzaglio del cane, chiavi, valigette, cartelle, zaini, portadocumenti, attrezzature sportive (ad esempio: lo skateboard di tuo figlio, il monopattino elettrico o la bicicletta pieghevole).

In questo caso avrai bisogno di un guardaroba, una cappottiera o un vero e proprio armadio, appendiabiti, specchio o specchiera-contenitore, panca per sedersi a indossare le scarpe.

Vedi tutti gli armadi >

Vedi tutti i mobili da ingresso >

Vedi tutte le scarpiere >

Appendere

In un ingresso piccolo, magari non diviso dalle stanze della zona giorno, spesso c’è solo spazio per appendini, ganci e attaccapanni. Giusto il necessario per le giacche e la borsa che si usano tutti i giorni.
In questo caso avrai bisogno di appendiabiti a muro (pannelli attrezzati, ganci, pomoli), a terra o a soffitto. Se la parete e la conformazione della stanza lo consentono, potrai completare la zona appenderia con uno specchio e/o una mensola.

Vedi tutti gli appendiabiti >

Appoggiare

Se all’ingresso vuoi soltanto uno spazio per appoggiare borsa, portafogli, chiavi e posta, la soluzione è semplice: opta per una panca, una consolle, una piccola credenza da ingresso o per delle mensole.

Vedi tutte le mensole >

Vedi tutte le consolle >

Vedi tutte le credenze >

Decorare

Hai una casa ampia e devi arredare un ingresso grande. Non hai problemi di spazio e quindi non hai bisogno di organizzare l’ingresso rendendolo funzionale. In questo caso puoi concentrarti solo sull’abbellimento di questa area con elementi scultorei, un tappeto, delle poltroncine, un tavolino da ingresso o un maxi specchio scenografico.

Vedi tutte le poltroncine >

Vedi tutti i tavolini >

Vedi tutti i complementi >

Che tipo di ingresso hai?

Casa senza ingresso

Succede sempre più frequentemente e non solo nei monolocali o nei bilocali. Anche trilocali e quadrilocali moderni spesso si aprono direttamente sulla zona giorno.
La soluzione ideale è sfruttare al meglio le pareti adiacenti alla porta con quello che più ti serve. Ricorda di pensare prima di comprare: vuoi contenere, appendere, appoggiare o decorare?
Puoi anche definire le pareti di questa area con un colore diverso o con una carta da parati.
Altra soluzione è creare una quinta divisoria attraverso paretine in cartongesso o, ancora meglio, una libreria bifacciale. Se lo spazio è proprio al minimo anche una semplice mensola e alcuni pomoli appendiabiti agganciati al muro faranno sicuramente un ottimo lavoro. Altro utile elemento può essere un pouf su cui sedersi per togliere le scarpe o per appoggiare la borsa.

Ecco le principali soluzioni per una casa senza un ingresso separato.

  • La soluzione minimal #1: l’appendiabiti (a terra, a parete, a soffitto)

Appendiabiti a piantana o a parete per appendere le giacche che si usano tutti i giorni, sciarpa e borsa. L’indispensabile contenuto in un accessorio dall’ingombro minimo. Considerato che l’avrai sempre sotto gli occhi, punta sull’estetica con un appendiabiti di design. Ce n’è per tutti i gusti, anche con illuminazione integrata.

Ingresso con due appendiabiti verticali neri a parete - Geppetto

Ingresso corridoio con due appendiabiti verticali con luce integrata - Ines

Lampada appendiabiti bianca dalla forma originale - Sipario

Appendiabiti piantana bianco in metallo - Baum

Se i metri quadri calpestabili sono limitatissimi…guarda in alto! Esistono gli appendiabiti da soffitto che, oltre a farti risparmiare spazio, sono molto belli da vedere.

Due appendiabiti grigio e giallo sospesi al soffitto - Air

Soluzione ancor più minimalista sono i pomoli attaccapanni. I ganci appendiabiti non offrono superfici di appoggio, ma fanno un ottimo lavoro con giacche, borse, sciarpe. Meglio se decorativi visto che li avrai sempre sotto gli occhi: arrederanno il tuo non-ingresso con un tocco originale.

Pomelli appendiabiti da parete a forma di bottoni bianchi - Bottone

Appendiabiti a parete in legno colorato con gancetti tondi con specchietti - Sax

Attaccapanni da muro composto da tre stecche in metallo cromato con pomoli - Trio

Appendiabiti albero bianco da muro con ganci a forma di uccellini neri - L'Albero

  • La soluzione minimal #2: lo specchio

Sceglilo con ganci appendiabiti integrati per unire due funzioni in una. Se non hai spazio, scegli una specchiera essenziale o un intelligente modello apribile che si trasforma in appendiabiti all’occorrenza.

Specchio lungo figura intera con inserto magnetico - Narciso

Specchio con apertura a libro che nasconde 4 appendini - Narciso

  • Il tris vincente: specchio, mensola, appendiabiti

Con un occhio di riguardo all’estetica, il trio specchio + mensola + appendiabiti, è sempre gradito. Da una parte giacche e borse, dall’altra portafogli, posta, chiavi e specchio per un’ultima occhiata al look prima di uscire.

Ingresso con specchio tondo con mensola in legno e appendiabiti piantana rosso - Wish

Piccolo ingresso con due mensole in vetro, specchio tondo e due pouf - Liberty

Due mensole, due specchi e due ganci appendiabiti bianchi - Diggory

Specchio rotondo con mensola e pannello attaccapanni integrati - Piers

Consolle in legno sospesa a muro con cassetto - Regolo

  • Ricavare un ingresso

Un angolo che non sai come usare è preziosissimo quando hai poco spazio. Basta chiuderlo con una struttura con ante, un armadio a muro su misura per ricavare un vano utilissimo dove prima non c’era niente

Armadio a muro grigio a due ante ad angolo - Tilt Angolare

Armadio a muro bianco a un'anta ad angolo - Tilt Angolare

Ingresso aperto sul soggiorno

Arredare un ingresso che dà direttamente sulla zona giorno richiede un’attenta considerazione degli spazi da dedicare all’area dell’entrata. Serve creare un’armonia stilistica tra due zone che pur avendo una funzione diversa condividono la stessa stanza. In questo caso puoi:

1. Dividere l’ingresso dal soggiorno

Disponi un mobile o una struttura che facciano da “filtro” o da “quinta” divisoria. L’ideale è una libreria bifacciale a scelta tra modelli bassi (perfetti dietro al divano) o librerie divisorie alte anche nei modelli pavimento-soffitto (dette anche “a montanti” o “a pali”).

Progetto di Easy Relooking di soggiorno con cucina a vista e libreria divisoria

Libreria divisoria azzurra alta a soffitto - Almond

Progetto di Easy Relooking di ingresso aperto su soggiorno diviso da libreria bifacciale

Libreria bifacciale con montanti in metallo e ripiani in legno - Airport

Libreria divisoria altezza 150 cm legno noce - Tres

Libreria di design che ricorda una scala o un compasso - Giotto

Se hai abbastanza spazio puoi pensare di creare un ingresso separandolo dal resto della stanza con un armadio divisorio. Puoi scegliere un modello molto alto o dall’altezza standard, e attrezzarlo con appendiabiti e scarpiera.

Grande armadio da ingresso grigio con appendiabiti e scarpiera - Midley Wide

Elegante armadio da ingresso rivestito in ecopelle marrone - Louisiana Pacific

2. Ricavare l’ingresso dalla parete attrezzata o dalla libreria

Se in soggiorno prevedi una libreria componibile puoi utilizzarla per i libri ma anche come parete attrezzata per tv. Potresti pensare di convertirne una parte in mobile da ingresso, dopotutto bastano alcuni ripiani per borse e oggetti, o un vano chiuso da ante da usare come guardaroba e scarpiera

Mobile per soggiorno con basi e mensole con guardaroba a due ante integrato - Wide

Parete attrezzata per tv con piccolo guardaroba estraibile integrato - Way 22

Guardaroba a un'anta estraibile integrato in mobile per soggiorno - Way 22

3. Utilizzare una credenza o una consolle

Se non hai bisogno di appenderia opta per un mobile basso che si armonizzi bene con il resto dell’arredamento, come una piccola credenza o una consolle

Libreria bassa grigia dietro al divano - Almond

Credenza da ingresso a tre ante in legno lavorato - Chiba

Credenza da ingresso a due ante in legno nodato e gambe trasparenti - Nebraska

Consolle minimal rossa in metallo - Chelsea

Consolle da ingresso con gambe in metallo nere - Party

Ingresso con scala

Con l’ampia diffusione della formula “duplex” negli appartamenti di nuova o recente costruzione, sono sempre più richieste soluzioni per arredare questa zona. Se l’ingresso non è delimitato ma si apre direttamente sul soggiorno, il consiglio è di seguire le idee che vi abbiamo dato qui sopra per il soggiorno. Se invece hai un vero ingresso o un atrio, continua a leggere.

Ingresso sotto scala con libreria in metallo e legno - Rain

    • Duplex con porta di ingresso sotto la scala

Qui ci sarà bisogno di arredare la parete adiacente alla porta, se su questa stessa parete devi mettere la parete attrezzata per il tv conviene pensare ad una soluzione onnicomprensiva che funga sia da ingresso che da mobile soggiorno. In alternativa si potrà usare un’altra parete adiacente al portoncino d’ingresso…ovviamente tutto dipende sempre dalle dimensioni a disposizione!

Progetto di soggiorno sotto scala con contenitori per ingresso e porta tv

Contenitori sospesi in legno con ante complanari - Plan

Contenitori e cassetti sospesi laccati neri - Plan

  • Ingresso su un atrio

    Troviamo questo genere di configurazione in villette singole, di solito di costruzione anni ’60 o ’70, dove il piano terra è tutto dedicato a stanze accessorie. Su questo tipo di entrata solitamente si aprono anche gli accessi a garage e locali vari (ripostiglio, lavanderia, taverna, sala hobby), con appartamento ai piani superiori. La stessa situazione, ma più piccola, si può trovare in fabbricati terracielo (o terratetto): anche in questo caso il piano terra è zona di passaggio ma, anche se ridotto, fornisce uno spazio ideale per lasciare scarpe, soprabiti, calzature da lavoro, biciclette, attrezzature varie.

Grande ingresso con specchio con appendiabiti posteriore - Kigo

Ingresso attrezzato con specchiera con appendiabiti posteriore e scarpiera bassa a due ante - Toledo

Set ingresso con armadietto due ante a specchio, mensola, cassetto - Cambridge F09

Ingresso con libreria colorata - Almond

Se hai abbastanza metri quadrati a disposizione puoi anche pensare di arredare completamente questa area con degli armadi.

Ingresso con armadio a 4 ante e consolle - Tilt

Grande armadio angolare grigio componibile - Oregon Pacific

Armadio scorrevole nero a tre ante poco profondo per ingresso - Midley Wide

  • Ingresso sotto a soppalco

    Molto diffuso nei monolocali e nei piccoli loft in stile industriale, questa soluzione non è dissimile a quella del duplex. Se sfruttata bene aiuta a ricavare spazi in più sempre utili in piccoli appartamenti mono-stanza, pied-a-terre e bilocali soppalcati. Guarda il progetto qui sotto, in cui sotto il soppalco è stato ricavato un ingresso separato con funzione di guarardoba e ripostiglio. L’arredamento si risolve facilmente con dei moduli per cabina armadio componibili.

Progetto di Easy Relooking per loft con ingresso soppalcato

Realizzazione progetto di loft con soppalco

Guardaroba all'ingresso ricavato sotto al soppalco

Progetto per ingresso sotto scala

Idea per arredare una cabina da ingresso - Joyce

Ingresso su corridoio

Tipico degli appartamenti degli anni ’60 e ’70 è il lungo corridoio su cui si aprono le porte che conducono alle varie stanze della casa (cucina, soggiorno, salotto, tinello, camere o disimpegno della zona notte che a sua volta conduce a camera, camerette, bagno). Una zona dedicata dove ci si può organizzare alla perfezione con un vero e proprio mobile da ingresso con cappottiera, scarpiera e specchiera. Se il corridoio è stretto e lungo meglio usare le pareti con mobili sospesi e dalla profondità ridotta. Se la larghezza lo consente si può pensare ad armadiature più articolate in cui ci sta veramente di tutto (compresa la lavatrice…troverai un progetto proprio qui sotto!)

  • Armadi per corridoio

Corridoio arredato con armadio grigio con vano aperto da appoggio - Focus Wide

Dettaglio: armadio da ingresso con cappottiera e piani di appoggio aperti - Focus Wide

Lungo corridoio con armadio bianco su misura - Focus Wide

  • Altre idee per un corridoio d’ingresso piccolo o stretto

Mobile con anta scorrevole a specchio che nasconde appendiabiti e contenitori a cubo - Welcome

Specchio figura intera ad angolo che ruota e nasconde ganci attaccapanni - Rimpiattino

Composizione di contenitore, mensole e specchio per ingresso piccolo - Dobby

Specchio alto con gancetti per borse e appendiabiti nascosto dietro - Toledo

Mobiletto da ingresso con scarpiera a due ribalte e guardaroba a un'anta - Cambridge F15

Ingresso lungo e stretto con mensola in vetro ad angolo e due pouf - Liberty

Corridoio lungo e stretto con libreria bianca a scala - Tyke

Appendiabiti per ingresso stretto con porta a specchio e ripiani laterali - Futura

Mobile ingresso a onda con specchio e pannello con ganci e ripiani posteriori - Zelda

Anche una cassettiera “rubata” dalla camera da letto può essere una soluzione perfetta per un ingresso a corridoio, o comunque uno spazio separato dal resto della casa quadrato o rettangolare. Basta scegliere un colore o una forma originale, magari aggiungere una specchiera, e il gioco è fatto.

Una composizione perfetta per non occupare il pavimento è quella di mensole, contenitori e appendiabiti a parete.

Progetto di Easy Relooking per ingresso su corridoio stretto e lungo

Composizione da ingresso con mensola a C in legno che integra contenitori sospesi bianchi - Plan

Boiserie in legno da ingresso con ganci appendiabiti, specchio e mensola - Tower

  • Casa piccolissima? Casa al mare o in montagna? Ottimizza il corridoio di ingresso con un letto a scomparsa

Può essere utilissimo in un monolocale o in un piccolo bilocale in cui, di quando in quando, ci sia la necessità di un posto letto aggiuntivo. Un letto a scomparsa che funga anche da piano di appoggio per borse, portafoglie, chiavi…ma che si trasforma in pochi secondi in un comodo giaciglio per gli ospiti. Un’idea perfetta anche per chi deve arredare una casa per le vacanze.

Progetto di Easy Relooking per piccola casa al mare

Letto singolo a scomparsa per corridoio - Slot

Letto a scomparsa aperto in corridoio - Slot

Ingresso direttamente in cucina

Se appena apri la porta ti trovi di fronte la cucina, puoi optare per il cosiddetto “terminale libreria” o con un modulo chiuso da un’anta che potrai usare per riporre giacche e borse.

Cucina da open space con libreria laterale fronte ingresso - Six 03

Open space con cucina finita lateralmente con libreria colorata - Five 04

Cucina classica moderna con libreria laterale fronte ingresso - Fourty 02

Sfruttare una nicchia all’ingresso

Può succedere che per ragioni architettoniche ci si ritrovi con un nicchia nel muro che non si sa come valorizzare. Se si trova all’ingresso puoi sfruttarla con delle mensole (a parete o agganciate ad una boiserie su cui si possono aggiungere altri elementi come dei ganci appendiabiti o delle basi contenitive).

Realizzazione di Easy Relooking con mensole in nicchia

Particolari mensole in legno e laccate a forma di cuneo - Pendola

Boiserie in legno con mensole e basi a panca - Wide

Se la profondità lo permette potresti optare per un armadio a muro su misura. All’interno è possibile allestire un guardarba, una scarpiera, un ripostiglio e perfino una lavanderia.

Ingresso con nicchia chiusa da ante su misura - Tilt Lineare

Corridoio con nicchia nel muro chiusa da porte su misura - Tilt Lineare

Corridoio con nicchia arredata con armadio su misura - Tilt

Se stai cercando una soluzione decorativa, uno specchio è sempre la soluzione perfetta in qualsiasi ingresso.

Nicchia decorativa con specchio - Déjà-Vu Mirror

Arredare un ingresso grande

Quadrato o rettangolare, un ingresso ampio pone meno problemi rispetto ad uno piccolo. Per spazi limitati bisogna ingegnarsi a trovare il mobile giusto e capire cosa ci serve veramente per non incappare nel rischio di sovra-arredare. Ma quando la casa è spaziosa e dotata di un ingresso separato dal resto delle stanze, il compito è certamente più semplice. Basta metterci tutto quello che vi serve! Se poi avete anche garage, cantina o taverna, l’ingresso perde molta della sua funzione pratica, lasciandovi liberi di mettere al primo posto il decor e l’estetica.

Via libera allora a grandi specchi, consolle dal design particolare, panche, tappeti, librerie, poltroncine e tavolini.

Armadio da ingresso a due ante con pannello laterale appendiabiti - Focus Wide

Grande ingresso con consolle, specchio, libreria e pouf - Westin + Emerald

Ingresso ampio con poltroncina, specchio e appendiabiti a soffitto - Janeiro + Air

Ingresso quadrato con pouf e libreria in metallo di design - Arsenal

Ingresso piano terra con poltroncina e tavolini - Edith + Icaro

Ampio ingresso rettangolare con armadio a due ante e panca - Tilt

Atrio di ingresso con tappeto, poltrona design e librerie bifacciali - Naviglio

Idee: ingressi di casa dal mondo

  • Ingresso giapponese

    Si chiama Genkan (玄関) ed è tra i nostri preferiti. Infatti nasce dalla pratica di non calpestare il pavimento di casa (solitamente legno e in alcuni casi tatami) con le scarpe per 3 ragioni: non portare sporcizia e polvere all’interno; dividere nettamente il dentro dal fuori, anche a livello spirituale; non rovinare i preziosi tatami fatti in paglia di riso. Il genkan prevede un’area separata (doma) solitamente più bassa rispetto al vero pavimento dell’abitazione e alcune volte separata nettamente attraverso porte scorrevoli (fusuma o shoji a seconda della posizione)

Esempio di ingresso in stile giapponese

  • Ingresso scandinavo tradizionale

    In nord Europa si usa molto avere un ingresso separato dal resto per ovvie ragioni legate al clima. Fuori la temperatura può essere estrema, per cui la tradizione prevede una porta di accesso a un piccolo atrio, a volte dotato di bagnetto di servizio, antibagno o ripostiglio in cui lasciare scarpe e soprabiti bagnati da neve e pioggia. Le tendenze attuali sono più stilose, ma rimane spesso il guararoba a muro (o una nicchia ben attrezzata con ripiani e ganci) e gli attaccapanni tattici collocati vicino al termosifone

Esempio di ingresso in stile nordico

  • Ingresso country all’inglese (la mudroom)

    Spostandosi nel mondo anglosassone, l’ingresso inglese nelle case tradizionali comprende una mudroom. Come per il resto del mondo nordico, un posto dove – ce lo dice il nome, mud = fango – lasciare vestiti, scarpe e galosce (gli amatissimi wellies grondanti di pioggia e fango

Esempio di ingresso in stile british

Perché abbiamo scelto queste idee dal mondo? C’è una cosa che le accomuna e che crediamo sia fondamentale: togliere le scarpe e lasciarle all’ingresso! Un’ottima pratica per una casa più pulita, per l’igiene, per il comfort dentro casa e per la salvaguardia dei pavimenti (soprattutto in parquet).

Vuoi copiare queste soluzioni? Per l’ingresso all’orientale puoi decidere di creare uno spazio all’ingresso rivestito con un pavimento diverso, magari più resistente e lavabile. Per lo stile nordico, opta per panche, ceste o cassettoni in cui lasciare scarpe e cappotti. Se lo spazio e il budget te lo permettono, puoi creare una zona separata con pareti in cartongesso o armadi a muro su misura.

Hai trovato la soluzione perfetta per arredare il tuo ingresso piccolo, grande, aperto o separato che sia?
Oppure hai delle esigenze particolari e hai bisogno di un progetto?

Clicca qui sotto e raccontaci cosa stai cercando.

Contatti servizio clienti diotti.com

Progetta con Easy Relooking, arreda con diotti.com, ricevi uno sconto extra!
Easy Relooking (Best of Houzz 2016 – 2017 – 2018 – 2019) è lo studio di progettazione di Elisa Monico, ingegnera e interior designer. Grazie alla partnership puoi progettare casa e arredarla con noi, con un arredatore a disposizione e la migliore assistenza post-vendita. Scopri di più >

7 Novembre 2019 / / Idee

Quando a casa si presentano ospiti, si sa, la cortesia è d’obbligo. Saluti calorosi, domande di rito, grandi sorrisi e fin qui, tutto bene.

Poi, inesorabile, arriva il momento di pensare a giacche e soprabiti. E la domanda sorge spontanea (agli ospiti, soprattutto…): dove mettere i cappotti? Abbandonati sul divano, appoggiati su una sedia, stesi sul letto… Ai poveri giubbotti non viene mai concesso un posto d’onore nell’appartamento.

Se pensi che sia arrivato il momento di rivoluzionare l’arredo dell’entrata di casa e trovare una soluzione (finalmente!) per appendere i cappotti, sei nel posto giusto. Ecco 11 idee di attaccapanni a parete indispensabili per ottimizzare l’ingresso.

1. Il salvaspazio – Pannello appendiabiti poco profondo

Soluzione per ingresso piccolo appendiabiti a pannello

O per meglio dire, sottilissimo. Gli appendiabiti a muro con pannello sono la salvezza dei corridoi stretti e lunghi, perché occupano uno spazio davvero ridotto in profondità. Il loro vantaggio sta tutto nelle dimensioni: sviluppandosi in altezza, i pannelli attrezzati sono poco spessi, non ingombrano, né ostacolano la circolazione nell’ambiente.

Camere, corridoi, ma anche il disimpegno: con un pannello appendiabiti da parete, le soluzioni d’arredo sono davvero tantissime. Basta aggiungere qualche accessorio (mensoline, ripiani, cassetti, panchette, moduli guardaroba) e il gioco è fatto.

2. L’originale – Attaccapanni con ganci a sfera

Soluzione per ingresso moderno con attaccapanni con ganci colorati

Quando l’ingresso è aperto sul soggiorno, ci sono ottime probabilità che l’appendiabiti rimanga bene in vista. Quale migliore occasione per renderlo un oggetto di design? Osa con gli stili e i materiali, arreda per contrasto e scegli di fissare un appendiabiti da muro moderno.

Per un effetto WOW, puoi decorare la parete con tanti ganci di forme diverse o con un unico attaccapanni. Quelli con sfere colorate e bracci in metallo, ad esempio, sono particolarmente decorativi ed indicati per arredare l’ingresso di un open space dallo stile eclettico.

3. Il lungo e il sottile – Appendiabiti verticale da parete

Soluzione per ingresso stretto con appendiabiti verticale

Per te, l’appendiabiti ideale deve essere discreto e fondersi con il resto dell’arredamento. Possiedi un bel guardaroba dove mettere cappotti e giacconi, ma vorresti un accessorio su cui appendere cappellino e giacca da moto, per averli sempre a portata di mano prima di uscire di casa.

La soluzione che cerchi ha le sembianze di un appendiabiti da muro verticale, stretto e alto, dotato di gancio a scomparsa da usare al bisogno. Vero complemento salvaspazio, un simile attaccapanni a parete è studiato ridurre al minimo l’ingombro in profondità: in questo modo sarà un gioco da ragazzi fissarlo al muro dietro la porta. In altezza, invece, le dimensioni si fanno importanti: i centimetri disponibili sono 140, misura perfetta per appendere anche impermeabili o trench.

4. Il giocoso – Appendiabiti a forma di matita

Soluzione per ingresso originale con appendiabiti a matita

Ad albero, a cactus, a fiore, a mano… Di appendiabiti particolari ce ne sono di tutti i gusti. Uno davvero originale è l’attaccapanni da parete a forma di matita, accessorio ironico che fa di un oggetto comune una simpatica icona d’arredo. Eccezion fatta per le dimensioni, tutti i dettagli riproducono fedelmente l’aspetto di un lapis: la punta in grafite, l’anima in legno e persino il rivestimento colorato dal forte potere decorativo.

Questa soluzione è perfetta anche per la stanza dei ragazzi o la cameretta dei bambini. L’appendiabiti diventerà, per i piccoli, il punto di riferimento dove sistemare zainetti o cappottini, e il momento di riordino si trasformerà in un grande gioco.

5. L’insospettabile – Appendiabiti da ingresso… nascosto

Soluzione per ingresso funzionale con appendiabiti nascosto

C’è ma non si vede. Con un appendiabiti chiuso davanti avrai la possibilità di appendere cappotti e soprabiti nascondendoli alla vista. La formula è semplice: un pannello frontale posizionato a qualche centimetro dalla parete, un’asta perpendicolare, uno specchio a figura intera e qualche gancio laterale.

Gli abiti possono essere posizionati sul retro del pannello, sulla barra di appenderia che si trova nella nicchia. Il vantaggio è doppio: tu potrai lasciare borse, valigette, giacche e giubbini all’entrata di casa e l’ingresso apparirà sempre ordinato e organizzato.

6. Il classico – Appendiabiti da parete in legno

Soluzione per ingresso minimale: specchio con appendini

Con un appendiabiti a muro in legno non si sbaglia mai. Di olmo o noce, chiaro o scuro, il fascino del legno è così evergreen da potersi adattare a tutti i tipi di ingresso (compresa l’entrata di casa della nonna).

Classico, sì, ma anche contemporaneo. Gli attaccapanni in legno più moderni sono studiati, oltre che per assecondare le esigenze stilistiche, per rispondere alle esigenze pratiche degli appartamenti di nuova generazione. In case sempre più piccole, spesso senza ingresso, diventa a dir poco vitale trovare il giusto compromesso tra ottimizzazione dello spazio e scelte estetiche raffinate.

E uno specchio con appendini o ganci, magari arricchito da un’elegante cornice in legno, può essere la carta vincente. per rendere l’ingresso funzionale senza rinunciare allo stile.

7. Il particolare – Appendiabiti da muro con specchi

Soluzione per ingresso design: specchi con ganci

Specchio, specchio delle mie brame… Uno sguardo prima di uscire di casa, il trucco da perfezionare o la cravatta da aggiustare, ed ecco che lo specchio all’ingresso diventa fondamentale. Meglio optare per un’unica grande specchiera o per tanti specchietti rotondi, esagonali o sagomati?

Non esiste una regola precisa. Certo è che se lo spazio è piccolo e vuoi trovare una soluzione multiuso, puoi optare per una composizione con specchi e ganci dove poter appendere anche piccoli oggetti come mazzi di chiavi o pochette. L’idea in più: alcuni modelli di appendiabiti da muro permettono di orientare gli specchi in base alle tue esigenze.

8. Il pratico – Appendiabiti con cassetto

Soluzione per ingresso con appendiabiti chiuso e cassetto

Chiavi, fazzoletti, mini agenda, telecomando del garage, auricolari… Hai idea di quante cose teniamo nelle tasche del giubbotto? Eppure basterebbe depositare tutto in un cassettino per liberarci da grammi inutili!

In questo, i mobili da ingresso ci danno una grande mano. Esistono soluzioni studiate ad hoc per affiancare, ad un modulo guardaroba chiuso, un pratico pannello attaccapanni con cassetto sospeso dove sistemare la posta, qualche accessorio di cancelleria e piccoli attrezzi da lavoro (come quel cacciavite che, quando serve, non si trova mai…).

L’idea in più? Puoi dare un tocco di classe alla composizione appoggiando, sul cassetto, un bel vaso di fiori freschi.

9. Il funzionale – Appendiabiti con mensole

Soluzione per ingresso: appendiabiti da parete con mensole

A ben vedere, il pannello con attaccapanni e mensole è una variante del mobile da ingresso con cassetto. Sotto forma di grande specchiera, questa soluzione è perfetta per arredare un locale di ampio respiro, dove qualche oggetto esposto non disturba l’armonia dell’ambiente.

Nei migliori appendiabiti da parete, le mensole sono presenti in grandi quantità (anche 3 ripiani per pannello) e sono disposte in maniera tale da lasciare spazio agli abiti appesi sui ganci.

Il vantaggio che non ti aspetti: se opti per un pannello da ingresso a specchio, l’ambiente ne guadagnerà in luminosità e ti restituirà un’illusione di profondità.

10. Il multiuso – Appendiabiti con scarpiera

Soluzione per l'ingresso: appendiabiti da parete con scarpiera

Se ancora non hai scoperto dove mettere le scarpe in casa, beh, allora questa è l’idea che fa per te. Puoi optare per un mobile da ingresso multifunzionale, che oltre ai ganci appendi cappotti abbia anche uno spazio dove sistemare le calzature.

Con un pannello appendiabiti con guardaroba e scarpiera puoi organizzare al meglio l’ingresso… anche se questo fa parte di un ambiente unico. Compatta nelle dimensioni ma generosa nel contenimento, questa soluzione d’arredo assolve a due funzioni. La parte aperta, ovvero il pannello con i ganci, sarà utilissima come appenderia. La parte chiusa, cioè la scarpiera con ante a specchio o in legno, ti permetterà di sistemare con ordine stivaletti, sneakers, mocassini e pantofole.

Aggiungi un portaombrelli e una panchetta da corridoio e voilà, l’arredo dell’ingresso è completo!

11. L’originale – Pomelli appendiabiti da parete

Soluzione per la parete dell'ingresso: pomelli appendiabiti colorati

Hai visto decine di appendiabiti a piantana, ma nessuno faceva al caso tuo. Le soluzioni combinate con specchio-ganci-scarpiera-mensole sono davvero pratiche, ma non rispecchiano lo stile del tuo appartamento. Hai molti capispalla da sistemare, ma una rastrelliera appendiabiti ti ricorda lo spogliatoio della palestra…

La soluzione è una sola: fai da te! Puoi creare tu stesso una parete per i giacche optanto per tanti, tantissimi pomelli colorati con ganci attaccapanni. Ricordi quella parte di muro spoglia, dove non hai appeso nemmeno un quadro? Ora immaginala invasa da appendiabiti a pallina, piccoli pomoli rossi, arancioni, gialli, grigi, neri o bianchi, da posizionare come e dove vuoi.

Bonus! – La specchiera appendiabiti

Soluzione per ingresso alternativa: specchiera appendiabiti richiudibile

Come ogni compilation che si rispetti, anche noi abbiamo una bonus track… L’idea n.12!

Se sei in cerca di una soluzione davvero speciale, puoi sostituire il tradizionale attaccapanni da parete con una specchiera appendiabiti ultra slim. Apribile e richiudibile, il cuore dello specchio racchiude una sorpresa: delle grucce e una barra estraibile su cui appendere capispalla e giacche. La struttura, invece, possiede due piccole calamite con cui fissare chiavi, piccoli appunti o post-it. Niente più bollette perse in giro per casa!

Grazie allo spessore limitato (meno di 10 cm), questo appendiabiti a specchio funziona anche come mini stender. Puoi usarlo in camera per preparare i vestiti da indossare l’indomani, o nel locale stireria per sistemare le camicie appena passate.

Se uno dei prodotti nell’articolo ti è piaciuto, clicca qui sotto per scoprire dove puoi acquistarlo

Rivenditori Italia Maconi

20 Febbraio 2019 / / Idee

Come fare per arredare un ingresso piccolo? Cosa mettere? E dove?

E se la casa è senza ingresso, con la porta che si apre direttamente sul soggiorno o in cucina?

Scommettiamo che molti di voi sono alla ricerca di una soluzione ad uno di questi dilemmi d’arredo. Le case nuove non hanno più gli spazi di una volta. Nonni e genitori con case costruite dagli ’60 agli ’80 non avevano di questi problemi, in quegli anni c’era l’ingresso vero e proprio (ampio o su corridoio) e c’erano anche le anticamere e i ripostigli…”questi sconosciuti”, direte voi, specialmente se il vostro appartamento è stato edificato dalla metà degli anni ’90 in poi.

Per tutti noi abitanti di appartamenti moderni, è guerra aperta allo spreco di metri quadrati. Che dico, di centimetri! Siamo tutti campioni di soluzioni salvaspazio e sempre alla ricerca del mobile da ingresso perfetto: non chiediamo tanto, giusto un posto per appoggiare le chiavi, uno svuotatasche, un ripiano per appoggiare una borsetta, un appendiabiti per sciarpa e cappotto. Magari una scarpiera, se non è chiedere troppo. Niente di più.

Ecco 11 idee per organizzare e arredare un piccolo ingresso di casa ottimizzando al meglio lo spazio a disposizione.

  1. Sfrutta gli angoli
  2. Quando lo spazio è ridotto è fondamentale ingegnarsi e sfruttare quanto si ha a disposizione fino all’ultimo millimetro. Avete mai fatto caso a quanto vengono ignorati gli angoli? Si pensa sempre che per arredarli servano mobili su misura, invece no: basta scegliere un pannello rotante che nasconde degli appendiabiti. Questo può essere un espediente perfetto per sfruttare una nicchia, se le dimensioni lo permettono.

    Specchio rotante Twister che nasconde un appendiabiti

    Basta ruotare lo specchio su se stesso per scoprire dei comodi ganci attaccapanni

    Scopri l’ingresso angolare girevole

     

  3. Usa lo spazio dietro la porta con una scarpiera sottile
  4. Se avete spazio dietro la porta, seppur piccolo, potete sfruttarlo con una scarpiera slim. Queste scarpiere poco profonde si infilano dappertutto e possono contenere tantissime scarpe. Inoltre se scelte con apertura scorrevole o a serrandina ingombrano ancor meno.

    Scopri la scarpiera slim

     

  5. Organizzazione verticale con lo specchio appendiabiti 2 in 1
  6. Se lo spazio è davvero piccolissimo, non avete posto a terra per un mobile o una scarpiera ma solo una parete da arredare, lo specchio con ganci è un’ottima soluzione.

    Specchio ovale con cornice dotata di gancetti Evolution

    Scopri gli specchi appendiabiti

     

  7. Gli appendiabiti a muro: quelli sottili, anzi sottilissimi
  8. Con uno spessore di pochi centimetri occupano poco e svolgono alla perfezione il lavoro di appendi giacche e borse. Ideali in un corridoio stretto e corto, in una nicchia (aggiungendo magari un faretto sopra), in un ingresso aperto su cucina o nella zona living per arredare la parete senza dare troppo nell’occhio.

    Appendiabiti a parete verticali sottili Liolà

    Scopri gli appendiabiti salvaspazio

     

  9. Specchiera multifunzione con sorpresa
  10. Da chiusa è una specchiera a tutta altezza, che all’ingresso fa sempre comodo. Perfetta per darsi un’ultima occhiata prima di uscire di casa, aiuta a creare l’illusione di un ambiente più grande e luminoso. Ancora meglio se si apre svelando delle grucce per giacche e cappotti!

    Specchiera Joy apribile a libro, nasconde grucce o appendiabiti

    Specchiera Joy con grucce appendiabiti a scomparsa

    Scopri le specchiere appendiabiti

     

  11. Mensole belle e utili
  12. Meglio se a cubi o in formato “chiuso” tipo libreria – contenitore: le mensole sono il modo migliore per sfruttare il muro e dargli un’aria interessante. Qui infatti potete appoggiare chiavi e borse (basta appenderle in orizzontale), ma anche mettere in bella mostra libri, foto di viaggi e di famiglia, piante, piattini svuotatasche, caricatori per il telefono o il tablet (così non avrete più scuse per averli dimenticati chissà dove in giro per la casa!).

    Mensole tipo scaffale con ripiani Evolution

    Scopri mensole e scaffali d’ingresso

     

  13. Lo scaffale modulare (economico) per arredare su misura
  14. Scegli quanti montanti ti servono (montanti = le parti laterali della libreria che si fissano al muro e su cui si agganciano i ripiani). Aggiungi i ripiani, ma anche cassetti e contenitori, ganci e scaffali obliqui per le scarpe, specchi o piani di lavoro. Con uno scaffale componibile puoi arredare qualsiasi spazio, dall’ingresso più piccolo ad un angolo studio e lavoro in salotto o nel disimpegno.

    Scaffale componibile con montanti in metallo, ripiani e contenitori Link

    Scaffale con scrivania piccola per ingresso o corridoio

    Scopri gli scaffali componibili Link

     

  15. Corridoio lungo e stretto? Scegli l’appendiabiti a pannello
  16. Occupa pochissimo spazio e si può attrezzare con mensole, gancetti attaccapanni, specchi. Questa è una delle soluzioni migliori se il tuo ingresso dà direttamente su un corridoio, magari lungo e stretto. Con il pannello potrai definire l’area principale dedicata a riporre scarpe, cappotti e borse. Possiamo definirla un’area di transizione in cui lasciare tutti gli oggetti che ci legano al lavoro e allo stress, per entrare in casa liberi di rilassarci.

    Pannello con specchio e appendiabiti Family ideale per ingressi piccoli

    Scopri il pannello appendiabiti Family

     

  17. La consolle trasformabile
  18. Una consolle d’ingresso non sfigura mai, non ingombra molto e permette di appoggiare i pochi indispensabili oggetti quotidiani: il telefono, il portafogli, una borsetta o una valigetta da lavoro, un portaoggetti / portachiavi. Se poi nasconde altri superpoteri ancora meglio: questa si trasforma in tavolo, l’ideale se il vostro appartamento è un monolocale piccino o se semplicemente ogni tanto avete bisogno di aggiungere qualche posto a tavola.

    Consolle per ingresso che si trasforma in tavolo Easy

    Consolle ingresso allungata e trasformata in tavolo Easy

    Scopri il tavolo consolle Easy

     

  19. Ganci appendiabiti d’arredo
  20. Se il gancetto a uncino vi sembra un po’ troppo tradizionale e noioso, puntate sui pomelli e trasformate la parete nella vostra personale opera astratta (guardate bene, c’è anche il gancetto per chiavi e borse!). L’opzione ideale per chi ha l’ingresso in soggiorno e vuole un arredo poco ingombrante, funzionale e decorativo allo stesso tempo.

    Pomelli appendiabiti con gancetto metallico inferiore Carambola

    Scopri i pomelli Carambola

     

  21. La consolle che è anche mobile letto…e tavolo
  22. Dedicata ad ingressi piccoli in case molto piccole (monolocali, appartamenti-studio, mini case-vacanza…) la consolle che contiene un letto singolo e anche un tavolo non ha bisogno di ulteriori spiegazioni. È la soluzione perfetta per chi ha un ingresso non definito e deve ottimizzare ogni spazio a disposizione al massimo.

    Mobiletto per ingresso con tavolo e letto singolo a scomparsa Link letto 539 a

    Scopri il mobile con letto e tavolo a scomparsa Link

     

Recap: arredare un ingresso piccolo ma organizzato

Abbiamo visto varie soluzioni per poter arredare l’entrata di casa quando è piccola o quando accede direttamente a soggiorno o cucina. Tra le varie soluzioni e idee abbiamo anche inserito dei mobili trasformabili utilissimi che possono fare al caso vostro se abitate in un monolocale. Altri piccoli consigli che ci sentiamo di darvi sono:

  1. non lasciare le scarpe a vista, l’ingresso di casa è un biglietto da visita e averlo pulito e ordinato fa bene anche a voi. Per qualche consiglio su come organizzare le scarpe puoi leggere la nostra mini guida “Dove mettere le scarpe in casa”. Per contenere il budget non sottovalutare ceste o panchette
  2. scegli soluzioni semplici per organizzare, metti ogni cosa al suo posto: un piccolo portadocumenti per le bollette da pagare o i biglietti aerei che ti servono il giorno dopo, un piattino portachiavi o una placca per appenderle, un vassoio per smartphone, caricatori e portafogli
  3. all’ingresso tieni soltanto il cappotto che usi tutti i giorni, in questo modo avrai bisogno solo di 2 o 3 ganci. Gli altri capi (giacche eleganti, impermeabili per uscire con il cane, soprabiti, smanicati per il giardinaggio o il lavoro…) conservali nell’armadio
  4. regola d’oro per i veri campioni della dura disciplina del salvarespazio in casa: usa lo spazio in verticale, ovvero, sfrutta bene le pareti con mensole, appendiabiti a muro, mensole. Oppure: se sfrutti il pavimento fallo con mobili multifunzionali e trasformabili

 

Se uno dei prodotti nell’articolo ti è piaciuto, clicca qui sotto per scoprire dove puoi acquistarlo

Rivenditori Italia Maconi

31 Ottobre 2018 / / Design

Complementi d’arredo pensati per piccoli e grandi spazi, che coniugano stile e funzionalità!

Quando rientriamo a casa o riceviamo ospiti, la prima cosa che facciamo è trovare un posto dove riporre cappotti, giacche, borse, sciarpe e cappelli. Per questo è utile organizzare l’ingresso di casa in modo funzionale, magari con un capiente armadio guardaroba. Non tutti, però, dispongono dello spazio necessario per questa soluzione, così è necessario valutare delle alternative: mobili salvaspazio, arredi trasformisti o più semplicemente gli appendiabiti.


Da parete, da terra o appesi al soffitto, gli appendiabiti sono sicuramente la scelta più pratica. Gli appendiabiti sono disponibili in tantissimi modelli, colori e materiali, e possono inserirsi facilmente in qualsiasi ambiente della casa per appendere tutto ciò che si desidera.


Ecco per voi 8 soluzioni originali per tenere in ordine abiti e accessori. Complementi d’arredo pensati per piccoli e grandi spazi, che coniugano stile e funzionalità!

Cosa ne dite di un fantastico armadio che funge anche da “parete divisoria”? Perfetto per un open space, questo particolare armadio si chiama Metamorphic ed è stato progettato dallo studio danese Studiomama.


armadio salvaspazio Metamorphic di Studiomama

Realizzato con una struttura leggera in acero, che può essere facilmente smontata, l’armadio Metamorphic è una soluzione salvaspazio. Le ante possono essere aperte tutte o in parte, fungendo da divisorio e garantire la giusta privacy.

Easy System di Novamobili, invece, è un complemento che si caratterizza per l’estetica essenziale e la grande versatilità. Cassettiere e comodini diventano parte di un sistema componibile più ampio che può comprendere anche boiserie, con o senza mensole, panche a terra, telai appendiabiti, specchi, vani a giorno, composizioni freestanding, scrittoi e 12 Box contenitori, creando infinite soluzioni d’arredo.


sistema componibile per l'ingresso East System di Novamobili

Ognuna delle componenti del sistema può essere personalizzata con l’ampia scelta di finiture disponibili, incluso il noce canaletto per i cassetti con frontali Rays.

Ecco Manhattan, l’appendiabiti da parete componibile, proposto da Birex. Elementi sospesi dalla profondità ridotta, specchi, appendiabiti: tutto ciò che serve a rendere accogliente e funzionale un ingresso, un corridoio, anche se di piccole dimensioni, in modo funzionale e creativo. 

appendiabiti da parete componibile Manhattan di Birex

Manhattan è la scelta ideale anche per attrezzare una parete della cameretta!

L’appendiabiti Toj , firmato Normann Copenaghen, è una soluzione perfetta per tenere in ordine vestiti, scarpe, borse e tanti altri accessori. Semplice e funzionale, presenta un design in stile industriale dal taglio essenziale ma allo stesso tempo curato e contraddistinto da una forte personalità.


appendiabiti stender Toj di Normann Copenaghen

Disponibile in due modelli, grande o piccolo, l’appendiabiti Toj è composto da una struttura a forma triangolare, un’asta su cui agganciare le stampelle e un ripiano capiente su cui riporre gli accessori. L’appendiabiti Toj è un modo elegante per organizzare diversi capi di abbigliamento e può essere posizionato in camera da letto oppure nell’ingresso.

Coniugare estetica e funzionalità: Platel di Punt vi permette di avere i capi d’abbigliamento preferiti a portata di mano in ogni momento. Pratico e versatile omino che permette ottimizzare lo spazio e di aggiungere un tocco di design alla stanza. 

appendiabiti da terra con ruote Platel di Punt

Fornito di ruote nella parte inferiore Platel può essere facilmente spostato ovunque serva!

Cosa ne dite di un appendiabiti appeso a soffitto? In questo modo si ottimizzerà lo spazio. Xam propone SPACE UP + KHAO, un elegante quanto semplice appendiabiti a soffitto realizzato in tubolare di ferro quadro verniciato, al quale è abbinato un box sospeso a parete in lamiera di ferro verniciata.


appendiabiti a soffito SPACE UP + KHAO di Xam

Anche vuoto un appendiabiti può fare la sua bella figura, proprio come quello che segue. Un semplice pannello appendiabiti verde acqua appeso a parete, progettato dall’architetto Maayan Zusman, per uno dei suoi progetti d’interior design. Grazie ai tanti fori presenti sul pannello si possono fissare molti ganci per appendere qualsiasi cosa. 

pannello appendiabiti illuminato sul retro

Per scegliere gli accessori giusti, l’appendiabiti è dotato di un sistema di illuminazione posto sul retro del pannello.

Infine ecco l’appendiabiti da parete Wardrope con 4 ganci bianco lucido di Authentics.  La sua applicazione è duplice, in base ai propri gusti e necessità: o a soffitto, pendente verso il basso, o a parete, attraverso l’aggancio a un apposito montante. La fune viene mantenuta tesa da un peso applicato alla parte terminale dell’appendiabiti. Su ogni fune trovano applicazione quattro ganci a forma di “y” che si immobilizzano appena vi si appende qualcosa.


appendiabiti da parete o soffitto Wardrope di Authentics

Wardrope può essere collocato con un risultato estremamente originale nel living, spesso anche fungendo da divisorio tra la zona relax e quella pranzo. Wardrope è una soluzione in grado di coniugare in modo decisamente discreto funzionalità ed essenzialità.


24 Aprile 2018 / / Idee

Armadio guardaroba all’ingresso: perché averlo

Intelligente, salvaspazio e multifunzione. Aiuta a tenere in ordine l’ingresso di casa, a ricavare spazio dove spazio non c’è e ad organizzare abiti e calzature. Avere un guardaroba all’ingresso è segno di igiene e pulizia: i batteri e lo sporco che si annidano sotto le scarpe non vanno in giro per casa così come lo smog e gli odori che impregnano le giacche. Bello da vedere e comodo da utilizzare. Puoi personalizzarlo secondo il tuo stile: sei tu a scegliere il modello, le dimensioni, le finiture e i colori.
Servono forse altre motivazioni per convincerti ad acquistare un mobile ingresso con guardaroba?

Continua a leggere questo articolo: parleremo dei vari modelli di guardaroba, quelli con armadietti contenitore e scarpiere, quelli con specchi piccoli o specchiere a tutta altezza, quelli con mensole e cassetti, fino ad arrivare ai mobili guardaroba utili per sfruttare un angolo. Lasciati ispirare dalle foto e ricordati che tutti i mobili sono personalizzabili: contatta il negozio rivenditore partner Maconi più vicino a casa tua per ricevere la consulenza di un arredatore e un preventivo su misura.

Guardaroba all’ingresso: cappottiera o scarpiera?

La miglior soluzione sarebbe avere entrambe: cappottiera per ingresso per appendere soprabiti, sciarpe, cappelli e borse, scarpiera per ordinare scarpe, stivali, sandali, ciabatte e pantofole.
Il posto migliore per soprabiti e scarpe è l’ingresso, non solo per comodità ma soprattutto per questioni igieniche. Togliersi le scarpe sull’uscio di casa significa non sporcare il pavimento e non introdurre batteri, un vantaggio soprattutto per chi ha l’abitudine di camminare scalzo per casa o per chi ha bambini piccoli che gattonano o che stanno muovendo i loro primi passi. Giacche e cappotti invece sono un vero ricettacolo di smog, odori e acari e andrebbero sempre tenuti separati dalla biancheria personale. Sconsigliato riporli in un armadio con altri indumenti, meglio appenderli in un armadio a parte insieme a sciarpe e cappelli. Ovviamente vietato buttare nel guardaroba tutto alla rinfusa per non trasformarlo nell’ennesimo armadio del caos.

Acquista un mobile guardaroba capiente con spazio per appendere le giacche oppure una colonna portascarpe attrezzata con molti ripiani se la tua famiglia è numerosa, se hai molti vestiti e calzature, se l’ingresso è ampio. Se invece devi fare i conti con spazi ridotti valuta la possibilità di avere un unico armadietto ad un’anta con tubo appendiabiti superiore e ripiani portascarpe inferiori.

Mobile ingresso con appendiabiti, ripiani scarpiera, mensole, specchiera

Guardaroba con armadietto scarpiera molto capiente

Ingresso con guardaroba: quale modello scegliere

Una casa organizzata fin dall’ingresso fa la sua scena, perché si sa che la prima impressione conta, eccome se conta. Non basta tuttavia avere un bel armadietto da mostrare agli ospiti, l’importante è avere un guardaroba funzionale, pratico per tutti i giorni, adatto alle proprie abitudini, comodo per riporre tutti quegli oggetti che si vogliono tenere a portata di mano.
Prima di acquistare un armadio guardaroba devi assolutamente ragionare su quanto spazio hai a disposizione, su come lo vuoi utilizzare, su quanti vestiti vuoi appendere e quante paia di scarpe vuoi riporre. L’utilizzo condiziona l’aspetto e soprattutto determina gli elementi indispensabili.

Guardaroba con appendiabiti

Puoi acquistare un armadio con tubo appendiabiti da destinare esclusivamente ai vestiti oppure puoi optare per un armadietto contenitore con ripiani da affiancare a dei ganci portabito fissati al muro o su un pannello sottile. Se necessiti di molto spazio puoi unire entrambe le soluzioni: puoi appendere sui ganci a vista le giacche di tutti i giorni e riporre nell’armadio quelle per le grandi occasioni.

Guardaroba con scarpiera

Una colonna armadio alta e stretta è sufficiente per riporre vestiti e scarpe di una persona ma se la famiglia è numerosa e gli oggetti da riporre sono di più occorre trovare un’alternativa, magari un armadio a due ante organizzato internamente con ripiani oppure un mobile attrezzato ancor più capiente. Puoi ricavare spazio per le calzature quasi ovunque, anche sotto un pannello con specchiera piccola e cassetto sospeso. È sufficiente un mobiletto piccolo con due ante a ribalta per nascondere fino a quattro paia di scarpe.

Guardaroba con mensole

Ripiani svuotatasche, mensole e cassetti sono una manna dal cielo per chi trascorre ore a cercare il mazzo di chiavi nella borsa o per i più sbadati che non si ricordano dove hanno messo un foglio importante. Appoggia tutto sulla mensola e risparmia tempo prezioso.

Guardaroba con specchiera

Per i meno vanitosi può bastare uno specchio di piccole dimensioni che lascia spazio sotto per uno o più cassetti sospesi o per un altro piccolo armadietto ad un anta; i più vanitosi possono optare invece per una specchiera a tutta altezza. Se vuoi combinare entrambi gli elementi scegli un mobile guardaroba completo con pannello con specchio piccolo e armadio contenitore con una o due ante a specchio.

Guardaroba completo

L’ingresso è dove tutto è a portata di mano e solo un mobile guardaroba completo assicura uno spazio per tutto. Inutile perdere tempo a cercare le chiavi quando puoi trovarle sulla mensola. Scomodo togliersi le scarpe sulla porta e portarle a mano nell’armadietto in bagno quando potresti riporle li vicino. Perché correre in camera a prendere le chiavi della macchina dimenticate nella tasca della giacca quando puoi avere sia la giacca sia le chiavi all’entrata. Non correre in bagno a darti un’ultima occhiata prima di uscire, usa lo specchio applicato sul mobile ingresso.

Sfrutta gli angoli, scegli un guardaroba ingresso angolare

Gli spazi più difficili non hanno segreti per i mobili da ingresso, nemmeno gli angoli. Per creare un guardaroba in un angolo della stanza senza occupare eccessivo spazio opta per un pannello girevole con ganci appendiabiti che puoi nascondere semplicemente ruotando la struttura. Se scegli il modello Twister puoi avere anche una specchiera a tutta altezza.

Pannello girevole per angolo. Specchiera da un lato, quattro ganci appendiabiti dall'altro

Armadio guardaroba per un ingresso open space

Le tendenze degli ultimi anni vedono l’open space tra le soluzioni arredative più gettonate. L’ingresso è spesso inesistente e la porta d’entrata conduce subito nel cuore della zona giorno della casa. Niente paura, il mobile da ingresso continua a giocare un ruolo fondamentale e ad essere un arredo tra i più desiderati e acquistati. Dedicagli lo spazio vicino alla porta e sceglilo in un materiale e in un colore che si abbina ai restanti mobili presenti nell’ambiente.

Guardaroba per ingresso: foto ispirazione

Armadio guardaroba con anta scorrevole affiancato ad un mobiletto scarpiera con ante a ribalta

Scarpiera con ante a ribalta a specchio con pannello con ganci appendiabito

Guardaroba a vista con ganci portabito e scarpiera a ribalta

Rivenditori Italia Maconi

18 Ottobre 2017 / / Picsilli

M&A sono una coppia cha ha acquistato un appartamento e che ha deciso di ristrutturarlo chiedendo il mio aiuto. 

CHI SONO: Coppia senza figli, tra i 40/50 anni, acquisto prima casa

TIPOLOGIA DI APPARTAMENTO: appartamento distribuito su due piani: soggiorno cottura, camere e bagni al piano primo e locale unico al piano sottotetto.

COSA VOGLIONO: sfruttare la camera da letto in più e creare un piccolo locale in ingresso come guardaroba.



Come puoi vedere qui sopra, la camera da letto è stata trasformata in cabina armadio. All’interno della stanza è stato ricavato un piccolo ripostiglio/guardaroba con pareti chiuse verso la cabina armadio e con l’accesso dal soggiorno.

Qui sotto puoi vedere il cantiere. Nella prima immagine vedi la porta del nuovo ripostiglio invece nella seconda vedi l’interno della nuova cabina armadio con le pareti del nuovo ripostiglio.

Così quando M&A entrano in casa possono appendere giacche e riporre scarpe negli appositi mobiletti. Lasciare chiavi e oggetti che usano spesso.


Le pareti sono state costruite in carton gesso ed è stata scelta una porta scorrevole per non rubare ulteriore spazio al locale, già di dimensioni ridotte. La nicchia che si viene a creare all’interno della cabina armadio ospiterà un armadio con mensole adibito a scarpiera.

Ho arredato il tutto in modo semplice, rispettando il budget e i gusti di M&A, comunque personalizzandola con una carta da parati in stile jungle, dipingendo alcune pareti di sfondo color sabbia, lasciando gli arredi bianchi.

Nell’immagine sopra ho inserito un pouf di un colore che stacca da quelli neutri degli arredi e delle pareti, ma per un TOCCO VINTAGE puoi personalizzare con la poltroncina originale vintage danese che vedi qui sotto. 

M&A hanno scelto armadi a tutt’altezza e chiusi da ante scorrevoli. In questo modo l’ambiente risulta sempre in ordine e più lineare.

cassettiera, specchio, lampada da soffitto, poltroncina, armadio, carta da parati

E per il locale ripostiglio/guardaroba in ingresso? Pezzi semplici con un tocco di vintage, ovvio.

Ho scelto una struttura componibile che permette a M&A di appendere giacche e cappotti e, come da loro richiesta, di riporre le scarpe. Ho aggiunto anche delle mensole per appoggiare chiavi o piccoli oggetti e riporre qualsiasi cosa in scatole magari colorate. Ho inserito uno specchio sopra alle mensole e una panca contenitore con cuscini; così sarà possibile sedersi per infilarsi le scarpe.

struttura componibile, panca, cuscini, specchio (sotto),  applique

Il racconto della trasformazione dell’appartamento di M&A continua perchè oltre che a questa stanza, li ho aiutati a ristrutturare l’intera casa.

Se anche tu vuoi fare delle modifiche sostanziali con abbattimento muri di casa (demolizioni/costruzioni), ricordati di verificare sempre la fattibilità dell’intervento e di chiedere i permessi necessari. 

L’articolo Come ricavare un ripostiglio in ingresso | (E trasformare una stanza in cabina armadio) proviene da Picsilli.

6 Ottobre 2017 / / Dettagli Home Decor

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

In versione minimalista o ricco di dettagli, discreto oppure creativo, l’ingresso di casa deve sempre risultare accogliente.

Nonostante sia la prima stanza che vediamo appena si entra in casa, l’ingresso viene spesso trascurato. Con le giuste scelte di arredo, i colori, qualche decorazione e una bella porta, l’ingresso di casa può cambiare decisamente aspetto.


Ecco per voi 4 consigli per rendere l’ingresso di casa accogliente e funzionale, qualsiasi sia la dimensione.


1 – La scelta della porta d’ingresso


Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

La porta d’ingresso influenza chiaramente la prima impressione che gli ospiti avranno sulla casa e per questo non deve mai essere sottovalutata. Realizzata in acciaio, alluminio o legno, la scelta deve essere perfettamente in linea con lo stile della casa. Oltre alla sua finitura, la porta d’ingresso deve essere bene isolata al fine di limitare suoni, rumori e la dispersione del calore. Un altro aspetto da considerare è la luminosità. Nel caso in cui l’ingresso risulti troppo buio e cupo, meglio optare per una porta con dei vetri in grado di lasciare passare la luce naturale durante il giorno.


Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa
Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

2 – La scelta di mobili e complementi

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

Quando si sceglie l’arredamento occorre fare alcune valutazioni, come la dimensione dell’ingresso e la disposizione degli ambienti della casa.  Prendente in considerazione mobili poco ingombranti, optando per soluzioni funzionali e al tempo stesso decorativi. Se lo spazio in casa non è un problema, una panca di legno può essere una soluzione esteticamente bella, ma non può certo sostituire un mobile contenitore. Prevedere l’inserimento di particolari appendiabitiè una buona idea per coniugare stile e funzionalità. 


Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

3 – Delimitare lo spazio dedicato all’ingresso

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

Le pareti in ferro e vetro sono una delle soluzioni più ricercate e apprezzate degli ultimi tempi.  Perfette per separare gli ambienti mantenendo una corretta luminosità, le pareti in ferro e vetro sono la soluzione più adatta per delimitare l’ingresso di casa e decorare allo stesso tempo.


Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

3 – Personalizzare l’ingresso

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

L’ingresso è parte integrante della casa e per questo deve essere studiato con attenzione per risultare in armonia con il resto degli ambienti. Le soluzioni per personalizzare l’ingresso sono infinite, ad esempio si può prevedere l’inserimento di uno o più specchi a parete, oppure applicare a parete una bella carta da parati scandita da colori soft o vivaci. Un’altra valida alternativa è quella di giocare con i colori, pitturando interamente le pareti oppure a metà. 


Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa

Come arredare e personalizzare l'ingresso di casa


16 Giugno 2017 / / ChiccaCasa

C’è un posto bellissimo nel mio mondo immaginario. È un posto dal profumo fruttato, pieno di fiori rosa, in uno sfondo tenue, verde eucalipto. Ci sono cactus e nuvole soffici e c’è tanta luce.

Il verde è il mio colore del cuore. L’unico con cui posso vivere, senza mai stancarmi.

È il colore delle piante, di cui sto imparando a prendermi cura. Le stesse in grado di aggiungere movimento e brio a qualunque ambiente.
Il verde è una tinta magica e viva, piena di energia positiva.

Il verde ha bussato alla mia porta nelle vesti di una scatola firmata Wilson & Morris.
All’interno, una latta azzurro polvere che dice “Emozionati con il colore”. Curiosa, la apro con l’entusiasmo di una bambina davanti ad un barattolo di caramelle.


Cinque carinissime mini-latte, in altrettante sfumature di verde, ad aspettarmi.
Senza esitare le ho aperte tutte ed ho lasciato fantasia e colore viaggiare liberamente.

Quelle tinte così belle da meritare di stare in prima fila nel coro dei colori, sono ora nella Casetta, sulla prima porzione di parete che si vede aprendo la porta d’ingresso.

Ma cosa è successo nel frattempo?
Ho pensato che avrei voluto vedere quelle tinte ogni giorno, quindi ho deciso di che dovevano stare all’ingresso, vicino al divano.

Ho scelto di realizzare dei disegni geometrici, nitidi in nuances differenti.
Ho fatto uno schizzo del mio progetto immaginario e poi ho disegnato sulla parete con lo scotch di carta. Per il cerchio, ho ricalcato la sagoma del mio tavolino da caffè sulla parete e, poi, ne ho ricavato uno stencil di carta da forno, con il quale mi sono aiutata per dipingere i bordi con precisione.
Le figure geometriche sembrano sovrapposte. In realtà ho pitturato prima quelle visivamente esterne e poi le parti in vista di quelle che sembrano essere poste dietro le prime.


L’ingresso ora è più fresco, ricco di carattere e accogliente. Inoltre, sono finalmente riuscita a mascherare il quadro elettrico che proprio non mandavo giù.

Le emozioni legate al verde sono la tenacia e l’equilibrio. Le cinque sfumature sulla parete, mi ricorderanno ogni giorno di lasciare che facciano parte del mio lifestyle.




Ti piacciono queste nuances di verde? Sono Le Pitture di Wilson & Morris. Sono facili da stendere e disponibili in più di 100 tonalità!


Ecco i codici di quelle che ho usato per trasformare il mio ingresso.
P.s. Mi sono lasciata prendere la mano e le ho utilizzate anche sui vasetti! Un perfetto DIY per conferire un mood estivo alle piantine!
#emozionaticonilcolore #pitturedecorative #wilsonmorris
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
8 Marzo 2017 / / Design

READ IN ENGLISH

La villa a Trento è già stata protagonista di questo blog! Avevamo visto le foto della realizzazione di soggiorno e cucina nel post “Soggiorno con cucina a vista” e la spiegazione di quasi tutto il progetto nella sezione del Portfolio “Villa indipendente per una giovane famiglia“.

Nel post di oggi invece vediamo le foto della realizzazione del progetto ingresso e bagni!

Questo è uno dei progetti che ho svolto interamente online, senza soprallugo dal cliente.

Progetto ingresso

La porta di ingresso dell’abitazione si affaccia sul corridio, che alla destra porta a un bagno (che vedremo dopo) e allo studio oltre che alle scale che portano al piano di sopra. A sinistra, si affaccia sulla zona giorno.

Si voleva quindi arredare l’ingresso in modo da non trovarsi una parete bianca appena aperta la porta di casa e anche per avere un posto adeguato dove lasciare le giacche degli ospiti o appoggiare una borsa.

Le viste 3D sono state sviluppate inserendo inizialmente un appendiabiti a terra. Per avere però più spazio libero in ingresso, ho suggerito la soluzione di inserire degli appendiabiti di design a parete, i Chiodi di Miniforms.

Il mobile sospeso è stato acquistato su Arredaclick, usufruendo della partnership che viene riservata ai clienti di EasyRelooking!

SCOPRI LA PARTNERSHIP

Il pensile sospeso presenta un’apertura a ribalta con mensole laterali in finitura briccola di Venezia. La briccola di Venezia si tratta di una finitura naturale ottenuta mediante il riuso delle “briccole“, strutture formate da grossi pali in legno di rovere posti in acqua al fine di indicare le vie percorribili nella laguna di Venezia. Grazie all’azione naturale dell’acqua e della flora marina la briccola assume negli anni un’estetica inimitabile che diventa vera e propria caratteristica distintiva di questo materiale.

Qui le foto della realizzione finale del progetto ingresso!

Progetto bagni

Il progetto bagni ha riguardato la scelta di illuminazione e degli arredi, dal momento che tutti i rivestimenti erano già stati scelti e posati prima che i clienti mi contattassero.

Il bagno a piano terra non è troppo grande e si accede proprio dalla porta che si vede alla destra del mobile in ingresso.

Per questo bagno, il progetto prevedeva un piccolo tocco industrial, con l’inserimento di un mobile effetto legno insieme a lampade e specchio color rame.

Qui le foto del risultato finale per il progetto bagno del piano terra della villa!

Ci spostiamo ora al piano superiore, attraverso un’ampia scala, per arrivare al bagno padronale.

Si tratta di un bagno molto ampio, con una bella vasca e una grande doccia. Il bagno è mansardato con delle belle travi a vista.

Con le ampie misure disponibili, è venuto spontaneo inserire un mobile con doppio lavabo. Anche in questo caso, il mobile con doppio lavabo è stato acquistato su Arredaclick che è riuscita a creare un piano unico per i due mobili, senza avere tagli visibili. Il colore scelto è stato un frassino laccato bianco, ripreso nella composizione di mensole a parete. Si è optato per colori chiari perché il bagno era già caratterizzato dalle piastrelle grigie e blu scelte e già posate.

Sopra la vasca da bagno, sono stati inseriti degli specchi decorativi, gli Horizon disponibili sempre su Arredaclick: adorabili!

Cosa ne pensi di questa realizzazione? Pensare che è stata svolta interamente online!

Se te lo sei perso e vuoi scoprire anche la cucina e soggiorno, ti rimando al post dedicato.

 

L’articolo Progetto ingresso e bagni della villa a Trento: il risultato proviene da easyrelooking.