Perché mi piacerebbe avere una serra tutta mia

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

L’idea di avere una serra in giardino, o in terrazzo, non è cosa comune.

Non tutti conoscono i vantaggi che una serra può dare e non tutti immaginano che esistono soluzioni anche per viverci!

Dopo che leggerai questo articolo secondo me ti verrà voglia di approfondire la “questione serra”. E parlo di serre di design ovviamente!

Le piante sono al riparo dal freddo

Ogni inverno abbiamo il problema di dove mettere al riparo le piante.

La questione “riparare le piante dal freddo” mi riguarda da vicino, visto che adesso abitiamo in una casa dove abbiamo diversi cactus, un limone, un rosmarino gigante, una pianta di chinotto e un mandarino, un Ficus Benjamin comprato all’Ikea 5 anni fa che ormai sta crescendo a vista d’occhio. In primavera e d’estate sono all’aperto, sul terrazzo.

Puntualmente il Ficus Benjamin e i cactus, al primo freddo, vengono portati in casa, mentre le altre piante vengono coperte. La situazione è che siamo sommersi di piante (anche se un po’ di verde in casa non guasta mai!)

Una serra, anche piccola, risolverebbe la situazione e ho trovato tra le proposte di Unopiù, brand noto da tempo per la sua qualità degli arredi da esterno, la serra Floralia adatta sia a spazi piccoli che a spazi più grandi, essendo disponibile in varie misure.

Si può creare un angolo lettura con vista

Anche d’inverno le serre mantengono una temperatura piacevole, soprattutto se adeguatamente esposte al sole.

E’ quindi possibile disporre nella serra, oltre alle piante, anche un divano, una poltrona e dei tavolini a seconda dello spazio a disposizione. Aggiungiamo un buon libro, una coperta e una tisana, e il relax è assicurato.

In questo caso sarebbe adorabile poter arredare la serra Orangerie, altra proposta di Unopiù, di dimensioni decisamente più grande della precedente! Adatta a chi ha un grande giardino.

Orangerie – Unopiù

 

E’ una soluzione di design… anche dentro casa

Non mancano le proposte di architetti che utilizzano le serre anche negli spazi interni delle case. Si tratta solitamente di spazi di grandi dimensioni, come nei progetti di recupero di ex magazzini industriali.

E’ il caso di Gregoire de Lafforest che in un suo progetto ha inserito la cucina proprio in una serra.

Project by Gregoire de Lafforest

Oppure le serre sono molte utilizzate per la creazione di giardini di inverno o nella copertura di passaggi tra due parti separate di un’abitazione.

Soluzioni accattivanti che mi fanno sognare e che mi fanno desiderare un angolo caldo e accogliente, circondata dal verde, anche d’inverno!

L’articolo Perché mi piacerebbe avere una serra tutta mia proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Ames, anticipazioni dal Salone del Mobile 2019 per l’outdoor

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor

ames, azienda tedesca che propone collezioni di arredi e complementi nati dalle tradizioni dell’artigianato colombiano, sarà protagonista anche quest’anno al Salone del Mobile, con alcune eslcusive collezioni presentate in anteprima a IMM Cologne 2019.

 

In particolare Maraca, la lounge chair ispirata alle classiche sedie-amaca colombiane, realizzata in puro cotone e acciaio verniciato a polvere, disponibile in tre colori; Killa, una collezione di specchi da parete, realizzati a mano con la palma Iraca, famosa per i cappelli Panama; ed infine Cana, l’originale sgabello, attualmente disponibile in tre vibranti colori,  la cui seduta è intrecciata a mano con caña flecha, un materiale naturale che si ottiene dalla varietà di palma che ha lo stesso nome.

Vediamole insieme!

Maraca : la nuova sedia a sdraio-amaca di ames Design: Sebastian Herkner, 2018

Con maraca Sebastian Herkner crea un oggetto del tutto particolare per ames: una lounge chair ispirata alle classiche sedie-amaca colombiane. Colori naturali e motivi folcloristici diffondono gioia di vivere e fanno della maraca una vera attrazione. La sedia realizzata in puro cotone e acciaio verniciato a polvere è disponibile in tre colori.

 

Killa : specchio da parete intrecciato in Iraca Design: Pauline Deltour, 2018

 

Specchio specchio delle mie brame, questo è uno dei più belli del reame: con killa ames si dedica per la prima volta agli specchi da parete come accessori d’arredamento particolari. Killa è disponibile in due versioni di colore e dimensioni ed è realizzato a mano con la palma Iraca, famosa per i cappelli Panama.

 

Cana : sgabello macaron meets sombrero Design: Pauline Deltour, 2018

Cana è il primo arredo nato dalla fantasia di Pauline Deltour per ames: l’originale sgabello è attualmente disponibile in tre vibranti colori e altri sono in programma. La seduta di cana è intrecciata a mano con caña flecha , un materiale naturale che si ottiene dalla varietà di palma che ha lo stesso nome. Il telaio dello sgabello è realizzato in acciaio verniciato a polvere. La sua gamma di colori, unita alla particolare tecnica di realizzazione, rende lo sgabello cana un pezzo unico e disinvolto.

 

L’articolo Ames, anticipazioni dal Salone del Mobile 2019 per l’outdoor proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Ethimo presenta due nuovi arredi per esterni

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor

 

Ethimo amplia l’iconica collezione Swing  con due nuovi arredi per esterni: una poltroncina e uno sgabello,  disegnati da Patrick Norguet.

Sempre caratterizzati da un elegante ‘gioco architettonico’ di ripetizioni di elementi in teak, questi nuovi complementi d’arredo valorizzano non solo l’ambiente outdoor, ma completano con personalità anche lo spazio living.

“In questa fase della mia carriera ragiono sempre più come un paesaggista, usando gli oggetti o le sedute per creare ambienti coerenti. La collezione Swing ne è un esempio. L’aggiunta di nuovi arredi amplia le possibilità di utilizzo, dando vita a un sistema che consente di realizzare un universo a sé stante”, svela Patrick Norguet.

La nuova poltroncina Swing, dalle dimensioni più contenute rispetto all’avvolgente poltrona lounge, già presente in collezione, è ideale per completare gli spazi residenziali dedicati al relax en plain air, mentre lo sgabello Swing si adatta con disinvoltura a qualsiasi ambiente contract dedicato all’accoglienza o ai momenti di ristoro.

L’articolo Ethimo presenta due nuovi arredi per esterni proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Il giardino “La Louve”, firmato Hermes.

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Le Cose Semplici

La-Louve-Bonnieux-750x375

Oggi ci trasferiamo in Provenza , nel borgo di Bonnieux, nella zona di Luberon.

jardin-la-louve-piscine

Vi porto virtualmente a visitare uno dei giardini più belli di Francia, concepito da Mme Nicole De Vésian, stilista specializzata nel settore tessile per la maison Hermes.

le_jardin_de_la_louve_1501

18 IMG_3327

Lavorò a fianco di Christian Lacroix dal 1950 al 1960.

La-Louve-Luberon-view-1024x535

14 IMG_3313

Dopo la morte del marito, decide di trasferirsi da Parigi in Provenza e acquista  la proprietà nel 1986.

La-Louve-juli-2017-03

0d0866e2708c4b91fa80d578fc49e97d

Ci dedica dieci anni della sua vita, trasformando questo terreno di 1700 mq esposto a sud in un giardino a tre terrazzamenti.

La-Louve-France151

Non ha conoscenze di giardinaggio ma un senso estetico eccellente e su questo basa la costruzione,cm per cm ,de Le  Louve ( il lupo ).

La-Louve-France91

Caratteristica dominante del giardino è la fusione delle più svariate piante verdi ( bossi e cipressi in maggioranza ) con la pietra ( muretti a secco, vasche ecc ).

la_louve51628788713667448801

Mme Nicole De Vésian  non voleva interruzione col paesaggio circostante e per questo opta per piante verdi tipiche del luogo come  bosso, lonicera, viburno, cipressi, euphorbia o rosmarini , potati in forme geometriche.

la louve3

Interessanti sono i cipressi tutti potati in punta: molti di essi erano doni dai vivaisti, amici della padrona di casa, che donavano questi cipressi con la punta bruciata.

jardin_louve_11

Geniale fu l’idea di potare tutti i cipressi in questo modo, tanto da essere poi ,con gli anni, copiata da moltissimi altri giardinieri.

glalouve1

Le fioriture sono pochissime,  per lo più rose e lavande.

Cistern-Terrace1

A 80 anni  Nicole DeVésian ha venduto Le Louve a Judith Pillsbury che  a sua volta nel 2014 vende a  Sylvie Verger-Lanel.

b66ace6756d256d4933992a20f3a2391

Nulla è cambiato, anzi è stato tutto preservato molto bene e sono state semplicemente apportate qualche migliorie di tipo edilizio.


FONTI:
La Louve
immagini tratte da Pinterest
 lapassiondesjardins.wordpress.com
perfectly provence
garden travel Hub

 

Tags:

 
 

Arredamento da giardino: stili e idee da sogno

Pubblicato da Eleonora Caseri in Blog Arredamento

La scelta dell’arredamento da giardino è più impegnativa di quanto si possa effettivamente pensare, visto che essendo uno spazio verde all’aria aperto, oltre ai fiori e alle piante, occorre saper scegliere con cura tutti i mobili per rendere l’ambiente vivibile. Il comfort, infatti, deve essere sempre ai massimi livelli.

Nella scelta dei complementi d’arredo per il giardino, è necessario tenere conto di tutta una serie di aspetti. Ad esempio, in presenza di cani o di altri animali domestici, le recinzioni sono di fondamentale importanza. In presenza di bambini, poi, è di prioritaria importanza saper inserire nel giardino i giochi giusti. Sotto questo aspetto, lo spazio verde per antonomasia deve diventare un vero e proprio parco giochi in miniatura.

Fatta questa premessa, in riferimento all’arredamento da giardino, cos’è che proprio non deve mai mancare?

Tavolino in pallet per il giardino

Nell’arredamento del giardino, i pallet sono il materiale per antonomasia. Quelli fatti a mano sono belli a vedersi, funzionali e conferiscono all’area verde un look particolarmente moderno. L’immancabile copertura in cera d’api ha il merito di assicurare una protezione extra. Chi ha il pallino del bricolage ed ha al tempo stesso una certa dimestichezza con vernici e trapano, può tranquillamente costruirne uno da solo.

Tavoli da esterno in teak

Per l’arredo da giardino, il teak si conferma il legno più di moda, in quanto è il top sia a livello di robustezza che di durevolezza. Proprio quello che ci vuole per allontanare la minaccia delle ammaccature, dei graffi e soprattutto delle infiltrazioni d’acqua, pericolo numero uno per i tavoli da giardino. Il fatto che il teak non sviluppi muffe, è una cosa che piace a tutti.
L’unico punto a sfavore risiede nel fatto che a fronte di un’eccessiva esposizione ai raggi solari, vede cambiare il suo colore originario da marrone a grigio. Onde evitare che il problema si palesi, urge proteggerlo adeguatamente.

Sedie per il giardino

Il rattan sintetico è il materiale perfetto per le sedie da giardino, specie se le condizioni meteo nella zona in cui si vive, non risultano poi così ottimali. Feedback positivo anche per il legno di acacia. Il vantaggio di questi materiali è triplice, visto che si evita di cambiare l’arredo del giardino con una certa frequenza, di dover aumentare i lavori di manutenzione e di spostare le sedie per metterle al riparo, nel momento in cui piove o nevica.
Questo legno flessibile, contraddistinto da fibre intrecciate, conferirà allo spazio verde quello stile retro.

Sia per i tavoli che per le sedie, il legno deve essere di qualità, perché si evitano tutti quei problemi di manutenzione dei mobili. Evitare che l’arredamento invecchi vuol dire di fatto risparmiare soldi.

Amaca nel giardino

Per chi vive il giardino come un’area di relax, l’amaca non deve mai mancare. L’importante è che sia colorata, affinché risalti, e che la tonalità risulti in linea con quella del tavolino e delle sedie.
Per ciò che concerne la sua posizione, c’è da dire che la presenza degli alberi si rivela di sicuro utile, anche se non è una conditio sine qua non. L’importante è che la zona dove l’amaca viene collocata sia particolarmente ombreggiata.
Attaccare l’amaca al muro con l’ausilio di due ganci può essere una scelta pratica, specie per gli amanti della lettura. Godersi un libro nei pomeriggi estivi è un’esperienza davvero appagante. Lo stesso dicasi per chi ama sdraiarsi sull’amaca e lavorare con il computer in giardino, lontano dallo stress.

Cuscini da tenere in giardino

Se all’interno del contesto domestico, la scelta dei cuscini è di per sé importante, nel caso del giardino lo è ancora di più, visto che conferiscono carattere ai componenti d’arredo. Occhio alle dimensioni, visto che ad esempio la taglia XXL si rivela il non plus ultra solo se le dimensioni dello spazio sono notevoli. In questo caso, godersi il fresco ristoratore sui cuscini da giardino sarà un’esperienza assai piacevole nel periodo estivo.

Gazebo in giardino

Rimanendo in tema relax, il gazebo risulta fondamentale per divertirsi in compagnia nelle splendide serate estive o per trascorrere momenti indimenticabili. L’importante è che la scelta della rampicante, del tavolino e delle sedie sia indovinata. È sempre bene optare per il legno piuttosto che per le soluzioni in plastica. Il colpo d’occhio sarà di sicuro più appagante.

Lanterne per il giardino

Chi desidera conferire al proprio giardino un’eleganza esotica, troverà nelle lanterne un’idea decisamente originale. Che le si appoggi sui tavolini o a terra o che le si appenda ai rami degli alberi, il risultato finale sarà splendido, specie di notte. Il sistema di illuminazione deve essere adeguato: una luce soffusa si rivela sempre ideale per trascorrere momenti tranquilli e vivaci, come una serata particolarmente romantica o un party in amicizia.

Pedana per il giardino

Funzionale e dal forte impatto visivo: queste devono essere le caratteristiche generali di una pedana da giardino, soluzione ideale per permettere agli ospiti di accedere comodamente all’area salotto, godendosela appieno.

Barbecue nel giardino

Il re delle giornate estive, dei party all’aperto è di sicuro il barbecue. In un giardino non deve mai mancare, ma solo se lo spazio c’è, e in abbondanza. In quest’occasione, realizzare un cucinino esterno nel giardino non sarebbe una cattiva idea. Anzi…

Fontana nel giardino

La fontana in giardino non ha solo una funzione decorativa, per catturare l’occhio degli ospiti, ma anche funzionale. Specie nelle estati torride, dove il contesto deve essere fresco come non mai. Anche una doccia esterna può essere ben gradita, perché con l’inizio del caldo, rinfrescarsi in maniera veloce è una necessità.

Attenzione alla copertura del giardino

La copertura è una di quelle cose che nell’arredo da giardino non deve mai mancare, che sia un ombrellone, la classica vela o il gazebo. Nelle ore serali e in quelle notturne, urge aumentare i livelli di protezione dall’umidità, specie in inverno. E quando le temperature salgono, specie nel periodo estivo, tutti vogliono avere una zona ombreggiata. Optare per le soluzioni richiudibili, assicura una gestione degli spazi in media assai più efficiente.

Cosa fare se il giardino è uno spazio di piccole dimensioni?

Anche a fronte di un ambiente ristretto, l’arredamento va curato. Anzi, a maggior ragione, visto che le operazioni risultano ancora più semplici. Puntare su cespugli e piante basse darà luogo ad uno splendido susseguirsi di alternanze e di giochi di colori unici. Per creare i giusti contrasti, sono i sassi che fanno la differenza. Sceglierli di dimensioni diverse permette di proporre dinamicità e sinuosità delle linee.
Assai utili, per creare contrasti cromatici particolarmente armoniosi, sono di sicuro i sottovasi. Quelli in legno sono quelli che più vanno per la maggiore, in quanto apportano quel sano tocco distintivo di classe e di eleganza nel giardino.

Conclusioni

Avere un giardino curato al meglio e arredato con stile, a prescindere dalle dimensioni, valorizzerà senza ombra di dubbio il proprio contesto abitativo. E, incredibile più a dirsi che a farsi, non ci vuole poi molto per arredare lo spazio verde. L’importante è farlo con gusto, tenendo conto dello stile e della funzionalità. Solo in questo modo, chi verrà accolto in questo ambiente si sentirà effettivamente a suo agio.
Per i materiali dei rivestimenti, è preferibile optare per soluzioni garden-proof, in grado di resistere alle infiltrazioni d’acqua, al sole battente e alle intemperie. Questo è ciò che ci vuole per un giardino arredato a regola d’arte.

Tags:

 
 

Casetta in legno per il vostro giardino

Pubblicato da blog ospite in Non Ditelo all'Architetto

Perché valutare una casetta in legno per il vostro giardino

Pratiche o eleganti, funzionali o d’ arredamento, sono un accessorio
irrinunciabile per dare un’ impronta personale al vostro giardino. Stiamo
parlando delle casette di legno, un elemento d’ arredo che dal concetto di
semplice rimessa per attrezzi o utensili vari, ha raggiunto ben altre
aspettative, e si rivela in continua evoluzione.

Utilizzo pratico della casetta

Il primo motivo per cui installare una casetta in legno nel
proprio giardino rimane certamente la praticità. Con l’ avvicendarsi delle
stagioni, infatti, è fondamentale avere un posto nel proprio giardino in cui
tenere al riparo tutto ciò che generalmente viene lasciato sparso per il prato:
biciclette, giocattoli da esterno, tagliaerba, utensili da giardino, secchi
dell’ immondizia e quant’ altro può tornare utile da conservare all’ asciutto.
Oltre però a proteggere questi oggetti dai possibili danni degli agenti
atmosferici come pioggia, neve o freddo, la casetta è anche una comodissima
risorsa per mantenere ordinato e pulito il vostro giardino, sia durante la vita
quotidiana che nel caso di visite impreviste: riporre tutto all’ interno della
casetta vi permetterà infatti di presentare un giardino impeccabile, confinando
l’ eventuale disordine tra quattro pareti, al sicuro da sguardi indiscreti.

Perché utilizzare il legno

Vista la natura stessa che caratterizza strutture come queste, il legno si presenta naturalmente come il miglior materiale di realizzazione per una casetta da giardino. Utilizzato a scopi di costruzione fin dagli albori dell’ edilizia, infatti, il legno ha delle ottime prerogative: possiede buone doti di isolazione, in modo tale da garantire la tenuta sia per quanto riguarda il punto di vista termico che per quello acustico. Una volta apportata l’ opportuna coibentazione, quindi, la casetta in legno si propone come un edificio capace di resistere negli anni senza rovinarsi e assicurare il comfort dell’ ambiente interno. Se tuttavia la parola “isolante” vi fa suonare un campanello di allarme, non temete: le casette in legno, infatti, non sono soggette al fastidioso fenomeno della formazione di muffa. Il materiale fibroso del legno fa sì che ci sia traspirazione con l’ esterno, evitando così l’ accumulo di umidità e relativa condensa: questa caratteristica ad esempio è un punto di forza rispetto alle analoghe costruzioni in pvc o altri materiali. Tra l’ altro, scegliere il legno vuol dire avere anche un occhio di riguardo per l’ ambiente, vista l’ origine naturale di questo materiale e la sua facilità di smaltimento rispetto a polimeri o materiale plastico.

Stile delle casette di legno

Nonostante le casette di legno siano spesso considerate il
prefabbricato per eccellenza, ad oggi offrono una notevole personalizzazione,
in modo da adattarsi e a volte persino contribuire al design dell’ abitazione.
Sugli store di professionisti del settore come La Pratolina, è possibile scegliere tra
modelli dal design squadrato, adatti ad architetture moderne e funzionali,
oppure modelli più vezzosi e tradizionali, con forme aggraziate e il tipico
aspetto della casetta in legno con porte e finestre decorate. Non va
dimenticata poi la possibilità di far realizzare una casetta di legno su misura
per le proprie esigenze, approfittando dell’ ampia personalizzazione offerta
dalle aziende artigiane che producono queste strutture.  

L’articolo Casetta in legno per il vostro giardino proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Pergole e gazebo, un angolo da sogno in giardino

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

Pergole e gazebo, ma anche strutture mobili come ombrelloni o vele, sono validi elementi per creare angoli da sogno in giardino o in terrazzo.

Pegole e gazebo sogno in giardino

Vi chiederete come mai vi sto parlando di zone ombreggiate in giardino nel mese di gennaio. La risposta è semplice: i mesi invernali sono perfetti per pensare alla sistemazione delle zone outdoor, fare una Check-list delle cose da riparare o sostituire e decidere interventi e acquisti. Sono sicura che non vorrete arrivare al mese di maggio con un terrazzo impraticabile o un giardino in disordine. 

In questo post vi mostro delle pergole e dei gazebo selezionati dal catalogo di Unopiù, azienda al top per qualità e design nel settore outdoor, e una whishlist di arredi e complementi, per creare un angolo da sogno in giardino nel vostro stile preferito. 

A proposto di stile nell’ambiente outodoor, hai letto questo articolo?

Pergole e gazebo per un angolo romantico

Cominciamo con lo stile retrò, il mio preferito, quello, che evoca le atmosfere  rustiche della campagna provenzale o quelle romantiche dei giardini inglesi. Per questo stile le pergole e i gazebo in ferro sono un must.

Sono strutture leggere, impreziosite da delicati decori come riccioli e cerchietti. Sono perfette per far arrampicare rose, gelsomini o buganvillee, che creano una fresca zona d’ombra e aggiungono un tocco di colore.

Guardate l’eleganza della pergola Ermitage, in ferro zincato e verniciato in polvere color grafite, o la classe dei gazebo e padiglioni della collezione Tibisco. Quest’ultima si ispira ad una struttura molto antica, ritrovata in un monastero cistercense, che testimonia una tradizione secolare nell’arte dei giardini.

Pergole e gazebo sogno in giardino stile romantico

Classico o contemporaneo con il legno

Un altro materiale della tradizione è il legno, forse il più utilizzato per pergole e gazebo. Il motivo risiede nella sua versatilità: con il legno si possono immaginare innumerevoli soluzioni per attrezzare lo spazio outdoor, declinabili in diversi stili, dal classico al contemporaneo. 

Per un look attuale, è sufficiente scegliere una struttura semplice e lineare, come per esempio il gazebo Menton, in pino nordico, e dipingerla con un colore di tendenza. Unopiù ha in catalogo una linea di impregnanti all’acqua con una palette da urlo: oltre ai classici bianco, verde inglese e grafite, ci sono i colori di tendenza blu navy, celeste antico, giallo antico, rosso capri e verde salvia.

Pergole e gazebo sogno in giardino
Pergole e gazebo sogno in giardino stile contemporaneo

Chi preferisce uno stile più tradizionale, può scegliere la finitura naturale del pino nordico o utilizzare l’impregnante nei toni del teak o del noce.

Pergole e gazebo sogno in giardino stile tradizionale

Versatilità e personalizzazione

Quello che più apprezzo di questi prodotti è la possibilità di personalizzarli nei decori, nella scelta delle coperture ombreggianti e soprattutto nelle misure. 

Pergole e gazebo sogno in giardino pergola ermitage unopiu

Non occorre possedere un parco per creare il propio angolo da sogno, a volte possono bastare anche un terrazzino o un piccolo cortile. 


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

Tags:

 
 

Arredi per esterni, a ciascuno il suo stile

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Gli arredi per esterni sono sempre più considerati l’ampliamento dello spazio indoor, rispecchiandone lo stile.

Arredi per esterni pergola Shibuya Unopiu

Che si tratti di un semplice balcone o di un ampio giardino, gli spazi outdoor sono ormai diventati il naturale prolungamento degli interni: un ambiente da vivere nel confort senza rinunciare allo stile.

Nella scelta di arredi e accessori per il terrazzo e il giardino giocano un ruolo importante la funzionalità e la resistenza, tuttavia sarebbe un grosso errore trascurare lo stile, che deve essere in continuità con quello interno.

Del resto, lo stile che abbiamo scelto per arredare la casa rispecchia i nostri gusti, e gli esterni non fanno eccezione. Oggi vi propongo alcune soluzioni di arredi per esterni in stili diversi firmate da Unopiù, azienda leader nella produzione di arredi outdoor Made in Italy.

Collezioni in stile rustico e classico

Ambienti ispirati al passato e alle atmosfere provenzali, strutture in ferro e morbidi cuscini. Unopiù, celebre per gli arredi per esterni dal look contemporaneo, ha in catalogo anche  diverse proposte in stile rustico e classico. 

Arredi per esterni collezione Aurora Unopiu
collezione Aurora

Le collezioni in ferro forgiato come Aurora, o le sedie Camille, il tavolo Thor, gli elementi per il decoro perimetrale come le pensiline Dafne ed Esedra, le lampade Elettra o l’étagère da parete Demetra, sono solo alcuni dei prodotti che si abbinano perfettamente con interni in stile provenzale o shabby chic.

Arredi per esterni Titanic Unopiu
chaise longue Titanic

Le collezioni classiche si contraddistinguono per le linee semplici e la struttura massiccia in teak, come le poltroncine e le panchine Green, in stile anglosassone, o le chaise longue Titanic, ispirate al décor dei primi transatlantici. O ancora il tavolo Milton, il lettino Henry o il sistema di pannelli, fioriere e pergole Wood Garden, che rifiniscono perfettamente lo spazio outodoor dal gusto classico.

Intrecci di stile

I mobili in fibre intrecciate arredano gli spazi esterni da tempi immemorabili. Poltroncine, tavolini, cesti in vimini o in giunco evocano paesaggi esotici e portano sempre una nota di eleganza agli spazi esterni.

L’unico neo di queste soluzioni d’arredo è la scarsa resistenza alle intemperie, problema che Unopiù ha risolto egregiamente grazie a materiali innovativi dalle elevate prestazioni tecniche.

Tra questi, la corda poliolefinica intrecciata a mano, o la fibra sintetica WaProLace, resistente ad ogni tipo di agente atmosferico e la cui resa è del tutto simile alle lavorazioni tradizionali del rattan o del giunco, come nelle collezioni Eden, Mamy, Olimpia o l’iconica poltroncina Capri.

Arredi per esterni collezione capri Unopiu
poltroncina Capri
Arredi per esterni Olimpia Unopiu
collezione Olimpia

Tradizione ma non solo: gli intrecci caratterizzano anche le linee più moderne di Experience, Indobrittan o Sunlace.

Stile contemporaneo

Lo stile contemporaneo è sinonimo di design, innovazione e funzionalità. Alcune collezioni di Unopiù, realizzate in collaborazione con affermati designer, sono ormai entrate nell’olimpo dei prodotti iconici, come vi ho raccontato in un precedente articolo.

Arredi per esterni Conrad Unopiu
collezione Conrad

Tra le altre collezioni dal carattere spiccatamente contemporaneo, il salotto Welcome, un sistema modulare realizzato in un inedito accostamento tra listelli di teak curvato a vapore e corda intrecciata a mano; per ambienti dal look informale, scoprite l’elegante la collezione Equinox in acciaio inox e listelli di teak, e la pratica linea Conrad, in ferro zincato verniciato a polvere.

Arredi per esterni tavolo equinox Unopiu
collezione Equinox

Tra le strutture ombreggianti, spicca per il carattere fortemente innovativo la pergola Shibuya, brevettata da Unopiù come la prima pergola al mondo montata su ruote: caratterizzata da un design pulito ed essenziale, è composta da due strutture traslanti che si possono configurare secondo le necessità, ed eleva il confort nell’ambiente outdoor al massimo livello.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

Tags:

 
 

L’arredo outdoor conquista gli interni

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

La tendenza più attuale nel settore dell‘arredo outdoor è quella di proporre elementi adatti anche per gli interni.

arredo outdoor per gli interni unopiu

Il confine tra outdoor e indoor diventa sempre più impercettibile. Lo spazio esterno viene vissuto come una continuazione di quello interno; allo stesso tempo gli arredi solitamente confinati in giardini e terrazzi conquistano living e dining room. Anticipatore di questa tendenza è il brand Unopiù, leader nella produzione di elementi outdoor di alta gamma: divani, poltrone, tavolini e accessori pensati per gli spazi aperti che, grazie al design accattivante, conquistano gli interni.

I salotti “cross” di Unopiù

Nel catalogo Unopiù ci sono diverse soluzioni “cross”, adatte sia per gli esterni che per le mura domestiche, per arredare la zona conversazione.

arredo outdoor per gli interni unopiu collezione deauville

Collezione Deauville

Design essenziale, colori di tendenza e dettagli curati: il sistema modulare componibile di sedute Deauville, firmato da Meneghello Paolelli Associati, può essere considerato il precursore di questa tendenza. Adatti sia in ambienti classici che moderni, gli elementi della collezione Deauville permettono infinite combinazioni. Si possono coordinare con i cuscini Jolly Colour Collection e con il tavolino-vassoio indipendente. 

Il salotto della collezione Hugo è perfetto per interni moderni e minimalisti: le sedute “tutto in uno” con tavolino incorporato e la struttura in acciaio combinata con il teak ricordano lo stile Bauhaus, il trend del momento.

Sedie e poltroncine

Suggestioni scandinave per l’elegante poltroncina Indobrittan, dalla struttura minimalista in teak, rivestita con corda poliolefinica intrecciata a mano.

arredo outdoor per gli interni unopiu indobrittan

Per uno stile più classico, le poltroncina pieghevole Emy e la sedia Ginger nelle versioni in pelle lavorata artigianalmente, si possono integrare nell’arredamento indoor.

arredo outdoor per gli interni unopiu pltroncina Emy

Tavoli e tavolini

Nel catalogo Unopiù si trovano tavoli e tavolini in teak declinati nella versione con piano in vetro, perfetti per arredare la zona pranzo indoor: le collezioni Croisette, Indobrittan, e Swing. Quest’ultima si distingue per il design particolarmente attuale, nella struttura del tavolo e degli sgabelli, in listelli di teak curvato disposti in  modo da formare un motivo a righe verticali. (vedi foto di copertina).

Accessori e complementi

Tra gli accessori, oltre ai già citati cuscini Jolly, vale la pena di scoprire la collezione di tappeti Baku: realizzati in fibra tecnica intrecciata, resistono all’umidità, alla luce solare, ai batteri e alle macchie in genere. Grazie alla vasta scelta di colori, decori  e misure, i tappeti Baku possono integrarsi in ogni stile d’arredo.

arredo outdoor per gli interni unopiu baku

Per l’illuminazione, Unopiù  offre diversi prodotti con tecnologia a LED, progettati per illuminare gli ambienti outdoor, adatti anche per gli interni. La lampada da tavolo Sketch, dal design classico, è alimentata con batteria ricaricabile, e si può facilmente collocare in punti sprovvisti di prese elettriche.

arredo outdoor per gli interni unopiu oslo

Firmata da Studiomartino.5, la collezione di lanterne a LED Oslo è il fiore all’occhiello del settore illuminazione. Innovativa, elegante, nella versione a batterie ricaricabili si può spostare in qualsiasi zona del giardino, del terrazzo e della casa, sia in appoggio che sospesa.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

Tags:

 
 

Progettare un giardino 4 stagioni

Pubblicato da admin in Architettura, Design Ur Life

Il giardino 4 stagioni è un nuovo concetto tra gli architetti del paesaggio e significa seguire il normale ciclo di vita delle piante all’interno del proprio giardino. Qui di seguito vediamo come progettare un giardino 4 stagioni:

Progettare un giardino con il prato inglese e le piante sempre verdi è bello, ma per chi ama avere un giardino che segue i ritmi delle stagioni questo nuovo concetto è molto interessante.progettare un giardino

La scelta delle piante

Nella fase della progettazione del giardino e la scelta delle piante e i fiori bisogna tenere in considerazione quelle che sono belle esteticamente anche durante i mesi di sfioritura. Tanti Garden designer ritengono che non sempre la presenza delle piante con i fiori è necessaria per dare un aspetto bello al nostro giardino. Anzi, spesso è molto più suggestivo quando le piante sono in fase di infiorescenze. La loro sfumature e caratteristiche naturali, i colori ambrati e le gradazioni rossastre visibili solo durante il periodo autunnale e invernale, impreziosisce il giardino. Quindi non serve cambiare tipologia di pianta, ma basterà inserire fioriture stagionali per dare al giardino un aspetto sempre diverso. Progettare un giardino

La gamma cromatica

La scelta della gamma cromatica varia in base a diversi parametri, come l’espossizione, il tipo del terreno e di irrigazione, che variano da giardino a giardino. Questa scelta può variare anche in base alle esigenze della propria personalità e il gusto personale. Il mio consiglio è di non utilizzare troppe specie differenti, ma limitarsi a 3 o 4.Progettare un giardino

Manutenzione

Un bravo giardiniere si dedica anima e corpo nel realizzare e curare costantemente il suo giardino. Un bel cortile fiorito deve essere mantenuto in buone condizioni durante tutte le stagioni dell’anno e non solo nel periodo primaverile ed estivo. La cura e il mantenimento costante del proprio angolo verde, sono aspetti da tenere in considerazione se si desidera progettare un giardino bello in tutti i mesi dell’anno.Progettare un giardino

Arredamento

Arredare un giardino non significa acquistare un tavolo e 4 sedie con un ombrellone. Ma bisogna scegliere uno stile e una propria impronta per caratterizzare lo spazio. Innanzitutto c’è da pensare alle esigenze di tutte le stagioni per poter vivere lo spazio outdoor anche nei mesi freddi dell’anno. Quindi la scelta dell’oggettistica e i complementi d’arredo sono molto importanti. Ad esempio i vasi, i cuscini, tendaggi, le coperte, le candele e magari un caminetto da esterno.

progettare un giardino

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche scriverti al blog per non perderti i miei post.

L’articolo Progettare un giardino 4 stagioni proviene da Design ur life blog.

Tags:

 
 




Torna su