ArredaClick






 
 
 

Poltroncine per tavolo da pranzo: il comfort a tavola

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick

Quante volte vi è capitato di andare a cena a casa di amici e ritrovarvi per ore seduti su sedie scomode dallo schienale troppo rigido, troppo basso, troppo alto…?
La comodità e l’ergonomia sono importantissimi anche attorno a un tavolo da pranzo. Non è certo uno dei luoghi della casa in cui spendiamo più tempo, ma pranzare e cenare con la propria famiglia o passare dei momenti conviviali con i propri amici sono sicuramente due aspetti fondamentali della vita di tutti. Perché passarli con il desiderio di potersi alzare il prima possibile?
La soluzione è semplice: sostituire le sedie con delle comode, morbide e accoglienti poltroncine per tavolo da pranzo.

Poltroncine design Up Chair.

Poltroncine design Up Chair.

La poltroncina intorno al tavolo da pranzo invita a rilassari e lasciarsi andare all’abbraccio dello schienale arrotondato. Niente di meglio per fermarsi a chiacchierare dopo cena.
Le Up Chair prendono ispirazione dalle forme arrotondate del design anni ’60 a cui si aggiunge un elemento ancor più vintage: le gambe in legno fissate sotto la seduta si aprono come raggi per raggiungere il suolo, ad un appassionato di storia del design non sfuggirà la somiglianza con le celebri sedute di Charles Eames.
Questo ultimo anno ha visto la rinascita dell’arredamento ispirato al modernariato ed al design classico dei primi del ’900. Anche la poltroncina Structure riprende la struttura à la Eames per completarla con una seduta a guscio di poliuretano esternamente decorata da motivi geometrici. D’obbligo un tavolo minimalista.

Structure: gambe in legno e seduta a guscio.

Structure: gambe in legno e seduta a guscio.

L’imbottitura e il calore del rivestimento giocano un ruolo fondamentale nell’offrire una seduta confortevole. Pelle ed ecopelle sono sempre eleganti, ma a livello di accoglienza il tessuto vince su tutti gli altri materiali.

Poltroncine in tessuto con braccioli Carmen.

Poltroncine in tessuto con braccioli Carmen.

Poltroncine Xonia moderne e colorate.

Poltroncine Xonia moderne e colorate.

Per gli amanti delle linee più classiche la scelta è vastissima, dalle poltroncine barocche a soluzioni rivisitate in chiave moderna come Madame: seduta imbottita sostenuta da gambe in metallo sagomato di ispirazione neo-barocca.

Poltroncine stile neo-barocco Madame.

Poltroncine stile neo-barocco Madame.

Stesso design classicheggiante, ma ulteriormente modernizzato, lo ritroviamo nelle poltroncine Rita, con schienale esternamente trapuntato e braccioli dalla linea morbida.

Poltroncine Rita con schienale trapuntato.

Poltroncine Rita con schienale trapuntato.

Tornando sul filone moderno, non possiamo certo ignorare la new wave che ha riportato in voga (era ora) la passione per l’ergonomia. Stili di vita sempre più sedentari ci costringono seduti per la maggior parte della giornata. Tornare a casa la sera e “ri-sedersi” a cenare può diventare uno strazio, specialmente per chi soffre di mal di schiena. Campionesse di ergonomia sono oggi le sedute Variér, pensate sia per lo studio che per i bambini e per la sala da pranzo. Lo schienale alto, sottile, con meccanismo di inclinazione integrato, asseconda i movimenti del corso favorendo la celebre “seduta attiva”. Qui i braccioli non servono, provare per credere.

Date: seduta ergonomica per tavolo da pranzo.

Date: seduta ergonomica per tavolo da pranzo.


 
 

Tavolino trasformabile: praticità e spazio in salotto

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

I cambiamenti e le trasformazioni avvengono quotidianamente in moltissimi campi e non stupisce più che questo accada anche nell’arredamento. Quello che ad una prima occhiata potrebbe sembrare un particolare oggetto d’arredo con una determinata funzione e destinazione d’uso in realtà può diventare tutt’altro. È questo il caso dei tavolini trasformabili da salotto, oggetti camaleontici e multifunzione.

Posizionati in salotto nella zona fronte divano sono degli utili piani d’appoggio per piccoli soprammobili, libri e riviste, telecomando e una tazza di thè in un momento di relax. All’occorrenza possono essere trasformati in veri e propri tavoli da pranzo, pronti ad ospitare diversi commensali.
Da piccoli, bassi e compatti diventano alti, grandi e spaziosi, mutando il loro aspetto estetico e il loro utilizzo.
Come accade per ogni arredo per la casa, i modelli disponibili sono vari e numerosi, ciascuno perfetto per particolari occasioni e usi.

Basic è un basso tavolino da salotto rettangolare dalle linee semplici, regolari ed essenziali. Quello che lo rende diverso da tutti gli altri classici tavolini è la possibilità di trasformarsi in un tavolo da pranzo attraverso un meccanismo di apertura brevettato e dotato di sistema anti-schiacciamento. Il piano viene sollevato in modo da scoprire i bracci che faranno da sostegno e poi ribaltato per aumentare la superficie d’appoggio. Basic può così comodamente ospitare fino ad 8 persone.

tavolino-trasformabile-salotto-basictavolino-trasformabile-salotto-basic-1

Stesso utilizzo ma meccanismo differente per il tavolino trasformabile Apple. Un sistema di apertura a libro permette di raddoppiare le dimensioni del piano, se necessario, e ospitare così fino a 4 commensali. La struttura a vista è dotata di un pistone a gas che permette l’alzata del tavolino in tutte le altezze al millimetro e ruote a scomparsa che ne facilitano lo spostamento. Da cm 23 a cm 76, Apple si può usare come basso tavolino da salotto, alto tavolo da pranzo o anche come tavolino lato divano.

tavolino-trasformabile-salotto-appletavolino-trasformabile-salotto-apple-1

Modello ancora differente per il tavolino E-Motion, dotato di meccanismo elettronico ed automatico. Azionando un pulsante posizionato al di sotto del piano il tavolino si alza e due allunghe laterali escono dalla struttura. In pochi secondi si trasforma in un tavolo da pranzo che può raggiungere anche i 2 m di lunghezza. Per il massimo della modernità è possibile dotare il tavolino di un kit led ricaricabile che illumina e crea atmosfera in un ambiente di tendenza.

tavolino-trasformabile-salotto-e-motiontavolino-trasformabile-salotto-e-motion-1A seconda dello spazio a disposizione, dello stile della casa e dei gusti personali si possono scegliere modelli differenti. Si può optare per tavolini che raggiungono grandi dimensioni oppure prediligere quelli che offrono pochi posti. Si possono scegliere materiali che spaziano dal legno, al vetro, al metallo e colori sobri come il bianco e il nero o accesi e forti per creare macchie di colore.
L’obiettivo rimane quello di risparmiare spazio e ottenere il massimo della praticità e della comodità in ogni occasione.

Ecco una gallery di immagini di tavolini trasformabili perchè le soluzioni salvaspazio e multifunzione per il salotto sono davvero infinite.

tavolino-trasformabile-salotto-transformer tavolino-trasformabile-salotto-rondò tavolino-trasformabile-salotto-piccolo
tavolino-trasformabile-salotto-magnum tavolino-trasformabile-salotto-light tavolino-trasformabile-salotto-kubo
tavolino-trasformabile-salotto-globe tavolino-trasformabile-salotto-flick-1 tavolino-trasformabile-salotto-flick
tavolino-trasformabile-salotto-facile tavolino-trasformabile-salotto-convert tavolino-trasformabile-salotto-cole-1
tavolino-trasformabile-salotto-cole tavolino-trasformabile-salotto-box tavolino-trasformabile-salotto-ugo

Tags: ,

 
 

Come Cenerentola: quando lo scaffale divenne libreria

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

Quando si parla di librerie in metallo gli appassionati di design non potranno fare a meno di pensare immediatamente allo scaffale modulare di Enzo Mari.

Relegata all’arredamento di stanze di secondo piano come ripostigli, dispense, garage o aree di lavoro, la scaffalatura in metallo fa il suo ingresso nelle nostre case a partire dagli anni ’60 quando la personalizzazione e l’espressione della propria originalità vanno a sostituirsi al desiderio di uniformità e opulenza degli anni precedenti. L’innovazione lascia spazio alla rilettura di linguaggi estetici e all’ingresso di nuovi materiali e sperimentazioni. E’ così che lo scaffale, Cenerentola dei mobili di servizio, entra nell’empireo dell’arredo casa trasformandosi a tutti gli effetti in libreria in metallo.

La libreria con montanti in metallo o ferro diventa simbolo di una casa dall’anima artistica e contro corrente. Ancora oggi pensando ad uno scaffale in metallo viene quasi spontaneo immaginare la casa di un giovane studente universitario o di un architetto.

Ci sono moltissime reinterpretazioni dell’opera di Enzo Mari. Uno dei modelli più simili al suo scaffale modulare è Socrate di Caimi Brevetti: sistema componibile di montanti e scaffali che permette di eseguire autonomamente progetti praticamente su misura.

È sicuramente una soluzione che si addice a persone pratiche, alla ricerca di una casa funzionale e dal gusto moderno, con un debole per il minimalismo…e una nostalgica passione per il Lego Technic!

Libreria Socrate Floor in mansarda.Libreria Socrate Floor in mansarda.

I montanti di Socrate sono realizzati in tondino di acciaio elettrosaldato, verniciato o cromato. Il tondino di metallo è un materiale che sbarca nell’arredamento molto prima degli anni in cui Mari inizia ad operare, addirittura nei primi decenni del Novecento (ne abbiamo parlato in questo articolo).

I ripiani sono in acciaio, vetro o melaminico. Questa libreria componibile in metallo rappresenta in realtà una soluzione multifunzionale. Si tratta infatti di un sistema a montanti di varie altezze che permette di creare mobili di varia natura: tavolini, porta tv, mobili per pc, scaffali modulari da ufficio, mobiletti con ante per il bagno, ripiani sospesi, espositori e vetrinette…e per chi pensa siano pensati solo per abitazioni dal design moderno, guardate la foto qui sotto:

Socrate Floor in una sala da pranzo classica.Socrate Floor in una sala da pranzo classica.

Basta aggiungere delle ante colorate o in tinta per fare della libreria in metallo un mobile contenitore multiuso, adatto ad arredare vari ambienti della casa, di un ufficio o di uno studio.

Socrate Floor si trasforma in mobile tv.Socrate Floor si trasforma in mobile tv.

Libreria con ante scorrevoli colorate.Libreria con ante scorrevoli colorate.

Per altri suggerimenti d’uso vi lascio con una foto gallery.
cmb-libreria-componibile-socrate-wall-05_1cmb-libreria-componibile-socrate-wall-08_1cmb-libreria-socrate-floor-04_1
cmb-libreria-socrate-floor-06_1cmb-libreria-socrate-floor-07_1cmb-libreria-socrate-floor-12_1
cmb-libreria-socrate-floor-18_1cmb-libreria-socrate-floor-20_1cmb-libreria-socrate-floor-30_1
cmb-libreria-socrate-floor-35_1

Tags:

 
 

Idee per arredare casa: letto matrimoniale imbottito

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

Torna l’appuntamento settimanale con la rubrica “Idee per arredare casa: oggetti del desiderio” e per l’occasione abbiamo scelto un letto matrimoniale imbottito.
Questa breve descrizione non rende però giustizia all’originale look del letto Sharpei che solo un’immagine può ben rappresentare…

letto-matrimoniale-imbottito-sharpeiL’aspetto morbido, soffice ed accogliente lo fa entrare di diritto nella lista degli “oggetti del desiderio” per arredare casa e in particolare la camera da letto.
La struttura interamente imbottita non lascia scampo alla voglia di sedersi sul letto e lasciarsi dolcemente sprofondare nel soffice rivestimento. Giroletto e testiera sono infatti interamente imbottiti in tessuto e il materasso sembra quasi “galleggiare” all’interno della struttura.
Ma ancora non è tutto, Sharpei è personalizzabile per finiture, dimensioni e modello. È disponibile in tessuto sfoderabile cotone, lino e Missmacchio, un particolare tessuto traspirante ed idrorepellente; ma anche in pelle, ecopelle ed ecopelle Kaiman. A seconda delle necessità e della grandezza della camera in cui si vuole inserire, il letto Sharpei può essere scelto in 7 diverse dimensioni: singolo, ad una piazza e mezzo, alla francese, matrimoniale standard, queen size, king size e super king size; tutti con profondità variabile. Infine si può scegliere se dotare Sharpei di un box contenitore ad alzata singola o doppia per sfruttare anche il vano interno del letto.
Dobbiamo ammettere che quello che più ci ha colpito di Sharpei è l’insolito aspetto estetico ma tutte queste caratteristiche aumentano il nostro amore verso questo arredo.
Ogni dettaglio è estremamente curato e pensato per offrire un piacevole impatto alla vista e il massimo del comfort durante il suo utilizzo.

letto-matrimoniale-imbottito-sharpei-01letto-matrimoniale-imbottito-sharpei-03letto-matrimoniale-imbottito-sharpei-02

E se il nome non fosse stato scelto a caso?! Sharpei è anche una razza canina caratterizzata dalla pelle raccolta in pieghe che possono vagamente ricordare l’imbottitura e i cuscinetti che si vengono a creare con le numerose cuciture di questo letto.

Tags:

 
 

Come sfruttare le pareti del bagno

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

In un bagno piccolo diventa necessario sfruttare le pareti a disposizione in maniera intelligente. Mobiletti bagno sospesi, contenitori e pensili, mensole e colonne, favoriscono lo sviluppo “in verticale” dell’arredo bagno, permettendo di lasciare il pavimento libero da ingombri, più facile da pulire e più ordinato da vivere quotidianamente.

Contenitori pensili componibili: una parete bagno su misura
Se il lavabo è collocato su un parete stretta che non permette l’integrazione di altri elementi, la soluzione è sfruttare le altre pareti disponibili, ad esempio attraverso contenitori pensili. Quando si è a corto di spazio, anche la parete sopra i sanitari e sopra la vasca da bagno diventa spazio utile. Contenitori bagno collocati sopra la vasca.Contenitori da muro bagno Arredaclick.Il bello di questi contenitori è che sono acquistabili singolarmente e componibili a piacere, adattandosi a pareti di ogni genere e dimensione. Grazie all’alternanza di vani a giorno e mobiletti con ante si possono realizzare vere e proprie pareti attrezzate che sembrano ispirate alla modularità dei mobili per il soggiorno. La componibilità si spinge fino a dove serve, così da poter sfruttare fino all’ultimo centimetro qualsiasi superficie. Pensili bagno componibili, con o senza ante.Pensili design per il bagno Split.Colonne Bagno: sfruttare anche gli spazi più ristretti
Se la parete a disposizione è molto stretta o se volete sfruttare spazi spesso lasciati inutilizzati come quelli tra i sanitari, tra una parete e la vasca, o ancora tra muro e porta…l’ideale è una colonna bagno. Questo tipo di mobiletto integra vari spazi contenitivi ed è posizionabile sia sospeso che a terra, a seconda dei modelli. Colonna bagno a 1 anta Split Aquna.Colonna bagno a terra Revenge.Vi lasciamo con una gallery di foto di vari mobiletti e contenitori che possono aiutarvi a trovare tante altre idee per sfruttare al meglio le pareti del vostro bagno.
colonna-bagno-cassetti-split-aquna  colonna-contenitore-bagno-natural-03_1  contenitore-bagno-quadrato-flower
contenitore-pensile-mensole-bagno-tweed-06  contenitori-ante-ribalta-bagno-dixi-07  contenitori-aperti-bagno-dixi-00_1
contenitori-bagno-dixi-05  contenitori-da-parete-bagno-arredaclick  contenitori-design-bagno-split-glamour-12
contenitori-parete-bagno-split-15  contenitori-pensili-bagno-flower  mobiletto-bagno-ante-vetro-dixi-18
pensile-contenitore-bagno-dixi-08  pensili-bagno-colorati-arredaclick  sfruttare-pareti-bagno-arredaclick

Tags: ,

 
 

Bianco e nero, tendenza intramontabile nell’arredamento

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design, Interiors

Si potrebbe definirli “Yin e Yang dell’arredamento”, gli opposti che si attraggono, alternano e che coesistono perfettamente.
Il bianco e il nero sono una tendenza intramontabile nella scelta dell’arredamento per la casa, sono un accostamento di colori che non passa mai di moda.
È a questa conclusione che sono giunta osservando molte delle immagini presenti sul vastissimo catalogo di ArredaClick. La ricerca è iniziata un po’ per caso, cercavo un tavolo moderno rettangolare allungabile e mi sono imbattuta in questa foto del tavolo Slim:

arredamento-bianco-nero-tavolo-slim

La domanda mi è sorta spontanea: ma il bianco e il nero sono ancora una tendenza nell’arredamento della casa? Presa dalla curiosità ho iniziato a spulciare il nostro vasto catalogo. Sono presenti tutti i colori, anche quelle sfumature che nemmeno riusciremmo ad immaginare, dalle tinte pastello a tonalità forti ed accese, da accostamenti bicolore ad arredi monocromatici. C’è davvero di tutto ma quello che è certo è che il bianco e il nero ci sono sempre.
Il bianco riflette la luce e dona brillantezza e luminosità all’ambiente, il nero evoca un’idea di rigore, vigore ed eleganza. L’accostamento di questi due colori è quindi il mix perfetto per uno ambiente di fascino e stile. E’ un abbinamento versatile ed eclettico, ideale per chi vuole una casa sempre elegante e di classe.
Ogni ambiente si può arredare con questo gioco di contrasti scegliendo arredi di un colore e tinteggiando le pareti di quello opposto oppure affiancandoli ed alternandoli.
Nessun ambiente della casa è stato risparmiato dall’abbinamento black & white e queste immagini ne sono la prova:
in salotto e soggiorno:
arredametno-bianco-nero-libreria-jokerarredamento-bianco-nero-divano-cloud-arredamento-bianco-nero--libreria-mosaico

in camera da letto:
arredamento-bianco-nero-letto-deluxe-00arredamento-bianco-nero-letto-lionearredametno-bianco-nero-letto-iseo

in bagno
arredamento-bianco-nero-mobile-bagno-slidearredamento-bianco-nero-mobile-bagno-mono-fusion-cassettiarredamento-bianco-nero-mobile-bagno-nice

Queste due tonalità si abbinano alla perfezione, sono un binomio senza tempo, saldo e perfetto, un po’ come Romeo e Giulietta, con l’unica grande differenza che il loro abbinamento non ha tanti ostacoli.
Arredare una casa in bianco e il nero è infatti molto semplice, è sufficiente non abusare di una tonalità a discapito dell’altra e amalgamare tutti gli arredi fino a creare un risultato esplosivo e di grande effetto.

arredamento-bianco-nero-sedia-romeo-giulietta

Tags:

 
 

Idee per arredare casa: cabina armadio componibile

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

L’oggetto dei desideri che abbiamo scelto per questa puntata della nostra ormai consolidata rubrica farà brillare gli occhi delle donne e stupirà anche gli uomini. Non parliamo di gioielli e diamanti, ma di Byron, la cabina armadio componibile.

cabina-armadio-componibile-byron

Al contrario di quanto spesso si pensa, per realizzare una cabina armadio nella propria casa non servono necessariamente grandi spazi o alti budget. Quello che è il sogno di molti si può facilmente trasformare in realtà in pochi e semplici click scegliendo una soluzione low cost.
Byron infatti è totalmente componibile e personalizzabile a piacere per dimensioni, forma, colori e accessori.
Partendo dall’effettivo spazio che si ha a disposizione si può scegliere se realizzare una composizione lineare, a ferro di cavallo o ad “L” o ancora, a tutta altezza o che segua una particolare inclinazione del soffitto.
A seconda delle dimensioni dell’ambiente e di quanti e quali capi si vogliono riporre si può scegliere il numero dei ripiani e delle barre appendiabiti e completare il tutto con cassettiere sospese, in appoggio a terra o con ruote.
Byron può essere ancorata alla parete oppure posizionata a centro stanza come divisorio. Un sistema di montanti assicura il fissaggio dei pali e dell’intera attrezzatura al pavimento e al soffitto lasciando invece i lati liberi. L’essenzialità della struttura e l’assenza di ante alleggeriscono visivamente l’intera composizione lasciando ogni accessorio a vista.
Non sarà certo questo piccolo dettaglio a scoraggiare qualcuno dal volere la cabina armadio Byron. Tutte le caratteristiche la rendono un oggetto dei desideri tanto apprezzato e desiderato.
Siamo certi che ognuno ha ben in mente la cabina armadio dei propri sogni ma per chi volesse immaginare altri scenari ecco qualche spunto…

cabina-armadio-componibile-byron-02cabina-armadio-componibile-byron-01cabina-armadio-componibile-byron-03

E’ il caso di prendere in prestito un famoso proverbio e rivisitarlo per l’occasione: “Tra il volere una cabina armadio e averla c’è di mezzo ArredaClick“.

Il nostro Team Tecnico è a vostra completa disposizione per aiutarvi a realizzare la cabina armadio dei vostri sogni. Non esitate a contattarci al numero 0362.682.682; parole d’ordine “cabina armadio Byron”. :-)

Tags: , ,

 
 

L’insostenibile leggerezza di un tavolo in vetro

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

Che il vostro stile sia classico, moderno, contemporaneo, il tavolo in vetro è un classico intramontabile capace di donare un tocco di grande eleganza a qualsiasi ambiente. Vetro e cristallo sono materiali ampiamente utilizzati nell’arredamento, in particolare per tavoli e tavolini, ma anche per rivestimenti di superfici e per ante di mobili soggiorno, armadi, cucine.
Partiamo però dal principio, perché immagino che molti di voi si stiano chiedendo qual è la differenza tra vetro e cristallo:
- il cristallo prende il suo nome dalla struttura reticolare che lo compone: è di fatto un vetro ma è arricchito con ossido di piombo. Questo additivo aumenta la densità del materiale donandogli una maggiore resistenza e brillantezza;
- il vetro deriva dalla fusione e dal successivo raffreddamento di un mix di silicati e sostanze chimiche vetrificanti. La sua struttura non è reticolata come quella del cristallo. Può essere soffiato, temprato, forgiato, curvato, colorato…

Tavoli in vetro: ad ognuno la sua lavorazione

Il vetro può essere sottoposto a varie lavorazioni e può essere soffiato. Conosciamo tutti la manifattura d’eccellenza dei vetri di Murano, famosa in tutto il mondo proprio per il vetro soffiato e modellato nelle forme più disparate. Nonostante la sua fragilità in realtà vetro e cristallo sono materiali estremamente resistenti, tanto da rendere possibile la realizzazione di tavoli come Blow che sembrano pronti a sollevarsi da terra tanto appaiono leggeri. Il vetro soffiato diventa elemento portante dimostrando tutta la sua forza.

Tavolo Blow in vetro di Murano.

Tavolo Blow con gambe in vetro soffiato di Murano.

Questo duttile materiale può anche essere curvato. I tavoli Mirror e New Cillo sono un esempio. Il primo è composto da un unico pezzo di vetro temprato curvato dalla superficie completamente liscia e priva di giunture. Il secondo presenta due scultorei supporti in vetro forgiato trasparente.

Tavolo in vetro temperato curvato Mirror.

Tavolo in vetro temperato curvato Mirror.

Il vetro temprato è indurito tramite trattamento termico detto, appunto, “tempra”. Conosciuto anche come “vetro di sicurezza” per la sua robustezza, in caso di rottura produce pezzi smussati poco pericolosi.

Tavolo con supporti in vetro curvato New Cillo.

Tavolo con supporti in vetro curvato New Cillo.

Il vetro forgiato deriva da una tecnica di modellazione ad altissima temperatura, spesso utilizzata nel settore dell’arredamento d’interni, arredo bagno o oggettistica.

Il vetro curvo permette inoltre di ottenere forme che sembrano quasi intagliate. Il processo di curvatura e modellazione avviene infatti quando il materiale, a temperature tra i 500 e i 600°, rammollisce aderendo agli stampi predisposti sul fondo della camera di riscaldamento. E’ così che è possibile realizzare supporti dal design complesso come quelli di Ghost:

Ghost con gambe modellate in vetro curvo.

Ghost con gambe modellate in vetro curvo.

La trasparenza è la sua caratteristica principale, ma un tavolo in vetro può anche essere colorato: si parla di vetro laccato quando una o entrambe le superfici di una lastra sono verniciate tramite laccatura. Se le due superfici sono laccate di colore diverso allora si parla di vetro bicolore.

Party presenta due supporti centrali curvi e laccati bicolore.

Party presenta due supporti centrali curvi, laccati bicolore bianco e viola.

Valencia abbina superfici trasparenti e laccate bianche.

Valencia abbina superfici trasparenti e laccate bianche.

Per la sua versatilità e leggerezza formale un tavolo in vetro è un arredo in grado di rispondere a vari gusti ed esigenze. Dalla casa più elegante alla più informale, i modelli sul mercato sono pensati per completare spazi di qualsiasi tipo, dal soggiorno alla cucina. Non dimentichiamo infatti che tra i vari trattamenti applicabili al vetro ve ne sono alcuni dedicati proprio all’uso quotidiano, come trattamenti antigraffio e anti-impronta.

Tags: ,

 
 

I mille usi dei pouf contenitore

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design

Rotondi, rettangolari o quadrati, in tessuto, pelle o ecopelle, fissi o con ruote, non esistono forme, colori o caratteristiche che accomunano tutti i pouf. Esiste però una qualità che descrive la sottocategoria dei pouf contenitore: il nome stesso lo dice, sono dotati di vano contenitore interno.

I pouf hanno molteplici utilizzi: all’occorrenza diventano delle pratiche sedute, possono essere usati come tavolino o superficie d’appoggio o, ancora, come macchie di colore che arredano la casa. Solamente i pouf contenitore però hanno un’altra qualità: contengono, racchiudono e nascondono gli oggetti più vari.
Sollevando la parte superiore, quella che potremmo chiamare il “coperchio”, si avrà a disposizione dello spazio extra sempre utile.

Un pouf contenitore posizionato in salotto vicino al divano può contenere coperte, plaid o riviste. Non solo si avranno a disposizione questi oggetti rimanendo comodamente seduti o sdraiati, ma l’ambiente sarà anche più ordinato. Il pouf aiuta infatti a trovare un posto a tutti gli oggetti, evitando il crearsi di una confusione generale.
Un pouf contenitore con vassoio offre un’ulteriore utilità: vi si possono appoggiare tazzine di caffè, thè o cocktail quando si hanno ospiti o quando si vuole godere di un momento di relax sul divano.

pouf-contenitore-patPouf contenitore con ruote Pat, dotato di vassoio in legno.

In cameretta un pouf contenitore può essere il punto di raccolta di peluche e giocattoli. Se colorato o con una forma strana ancor meglio, i bambini saranno ancor più propensi a riordinare.

pouf-contenitore-clownPouf contenitore rotondo Clown, rivestito in ecopelle con piano disponibile anche in laminato.

Se posizionato in camera da letto un pouf può essere usato anche come comodino. Nel vano interno si possono riporre libri, occhiali o altri piccoli oggetti e sulla superficie superiore una lampada da tavolo e una sveglia, facilmente spostabili all’occorrenza.

pouf-contenitorePouf Contenitore quadrato con ruote.

Ma ancora non è tutto, un pouf contenitore può diventare il cestone della biancheria in bagno, una soluzione estremamente elegante ma di grande utilità.

pouf-contenitore-puffoPouf contenitore Puffo dalla forma a cono, con sacca sfoderabile.

Modelli, colori e forme sono davvero infiniti, questa gallery di immagini è solo un assaggio di tutti i pouf contenitore effettivamente disponibili.

pouf-contenitore-plissè-1 pouf-contenitore-plissè pouf-contenitore-puffo
pouf-contenitore-plissè-2 pouf-contenitore-clown-1 pouf-contenitore-clown
pouf-contenitore-clown-2 pouf-contenitore-pat pouf-contenitore

 

Tags:

 
 

Idee per arredare casa: tavolo a scomparsa a muro

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Decor, Design

L’oggetto dei desideri di questo martedì potrebbe essere descritto come uno “speciale 2×1“; compri un tavolo e in omaggio ottieni un quadro.

Non sto parlando della nostra nuova promozione, vi sto semplicemente offrendo un’idea per arredare casa. In poche parole vi sto presentando Opera.

ffm-tavolo-opera-02

Opera è un tavolo a scomparsa a muro che può essere utilizzato come pratico tavolo da pranzo per 6 persone oppure come quadro decorativo per la parete.

Il piano è realizzato in laminato con un rivestimento antigraffio a protezione di una serigrafia disponibile in 8 motivi.

Fashion, Lovebirds, Jazz, Car, Kiss, Shoes, Chinatown, Fantasy. Sono queste le 8 decorazioni possibili: due uccellini con cuori per gli innamorati, linee irregolari e macchie di colore per i più creativi e fantasiosi, una macchina per gli amanti dei motori, scarpe col tacco rosse per le fanatiche della moda.

ffm-tavolo-opera-modello

Non perdiamoci tra le fantasie, ancora non vi ho parlato dell’enorme potenziale di questo arredo. La struttura in acciaio cromato è pieghevole: quando si decide di utilizzare Opera come un tavolo le gambe vengono appoggiate a terra, al contrario quando lo si vuole usare come quadro le gambe vengono piegate e fissate sotto il piano. La struttura può essere così appesa al muro su un adeguato supporto fornito di serie.

Opera è un tavolo multifunzione e salvaspazio, è un arredo che riesce ad ottimizzare gli spazi ed offrire il giusto comfort nel giusto momento.

Stupisce e dona un tocco di eleganza a qualsiasi casa ma è particolarmente adatto per monolocali o ambienti di piccole dimensioni. Le sue caratteristiche e la sua versatilità si incontrano con le necessità di spazio che questi luoghi richiedono.

Opera è un tavolo moderno e originale, perfetto per la casa di una giovane coppia o per un appartamento di studenti. Il grande impattivo visivo e l’enorme adattabilità lo rendono però ideale in qualsiasi contesto in cui si voglia dare un tocco di originalità e funzionalità allo stesso tempo.

Questo tavolo a scomparsa entra di diritto nella nostra lista degli oggetti del desiderio per arredare casa. D’altronde, chi non vorrebbe una promozione “2×1″?!

ffm-tavolo-opera-01 ffm-tavolo-opera-03 ffm-tavolo-opera-00

Tags: ,

 
 




Torna su