ArredaClick






 
 
 

Come abbinare i colori in camera: tende e letto verdi

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Per arredare una camera da letto matrimoniale è necessario abbinare i colori degli arredi e dei complementi. La scelta delle tonalità dev’essere ben ponderata affinché l’abbinamento soddisfi i gusti personali di chi la vive e sia allo stesso tempo esteticamente piacevole.

Se le tende della camera sono in tessuto pesante verde a righe gialle in quale colore scegliere il rivestimento del letto? Non esiste un’unica risposta corretta ma per la Cliente che ci ha contattato non vi sono dubbi: tessuto verde.

Vorrei acquistare un letto matrimoniale con box contenitore, per materasso cm 160×190, in tessuto verde sfoderabile e lavabile in acqua.

Optare per un “verde su verde” a volte può rivelarsi un azzardo poiché si rischia di accostare sfumature differenti che stonano tra di loro. È proprio questa la situazione che ha voluto evitare la Cliente che ci ha contattato chiedendoci un aiuto per scegliere correttamente il colore del letto.

La sua camera è molto ampia, con pareti in bianco calce ed importanti tende verdi con dettagli gialli. Il suo desiderio è quello di poter acquistare un letto verde che possa abbinarsi alla perfezione. È interessata ai modelli Atena e Dolphin: il primo è un letto imbottito con testiera arrotondata, il secondo è un letto contenitore con importante testiera curva.

Durante il primo contatto Sara del Servizio Clienti si è preoccupata di elencare i consigli utili per scegliere i materiali e i colori partendo dal nostro campionario digitalizzato. Il campionario di ArredaClick è infatti appositamente studiato per offrire una resa visiva di texture e colori equivalente alla realtà.

Nonostante la totale affidabilità del nostro campionario digitale la Cliente ha voluto spedirci un campione di tessuto della sua tenda da confrontare con i campioni dei rivestimenti dei letti in nostro possesso. In questo modo abbinare il colore del letto a quello delle tende sarebbe risultato per lei più sicuro.

Ecco gli accostamenti  fotografati dalla nostra Sara:

Letto Atena

La prima immagine è stata scattata per mostrare l’abbinamento tra il campione della Cliente e il tessuto cat.D art.679. La seconda immagine con il tessuto cat.D art.B22.

In entrambe vi sono diverse sfumature di tessuto verde.


campioni tessuto letto Atena (1)campioni tessuto letto Atena (2)

 

Letto Dolphin

La prima tirella di colori corrisponde a “Planet”, una proposta fornita in anteprima alla Cliente che verrà inserita nel campionario a breve. La seconda tirella mette a confronto il campione che ci ha inviato la Cliente con i tessuti “Patrick” e “Peter”, accostati poiché differiscono leggermente solo per texture.

campioni tessuto letto dolphin (1)campioni tessuto letto dolphin (2)

Letto Ionia

Il campione delle tende è stato qui accostato ai rivestimenti disponibili per questo letto, in particolare alle sfumature di verde nelle categorie “Amelie”, “Newman” e “Tex”.

campioni tessuto letto Ionia (2)campioni tessuto letto Ionia (3)campioni tessuto letto Ionia (1)
(È possibile visualizzare tutti i campioni cliccando sul tasto grigio “Visualizza Campionario” presente in ciascuna scheda prodotto.)

Sara ha inviato gli scatti alla Cliente che in totale tranquillità e sicurezza ha potuto scegliere il colore e procedere con l’acquisto del letto matrimoniale.

La sua scelta è ricaduta sul letto Atena di dimensioni cm 182×216 con vano rete 160×200, con rivestimento in tessuto cat.D art.B22 codice 007. Esattamente il campione che si può visualizzare nella seconda immagine della prima gallery di foto.

Cosa pensate dell’abbinamento di colori scelto? Avreste fatto la stessa scelta?

Per qualsiasi dubbio sui colori da scegliere ed abbinare in casa potete contattare il nostro Staff, sempre al vostro completo servizio, pronto a rispondere ad ogni vostra emergenza arredativa.

Potete contattarci per email scrivendo all’indirizzo servizioclienti@arredaclick.com o telefonandoci al numero 0362.682.682.

Tags: ,

 
 

Come scegliere online i colori e i materiali per il divano

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Quando si acquista arredamento per la casa online bisogna prestare attenzione anche alla scelta dei colori e dei materiali che, per ovvie motivazioni legate all’acquisto in rete non possono essere nè visti dal vivo nè toccati con mano.
Prendiamo spunto da una richiesta inviata al nostro Servizio Clienti per parlare degli strumenti che abbiamo messo in campo per scegliere colori e materiali degli arredi.

“Vorrei acquistare il divano letto a 3 posti Ruben in grigio molto scuro, ho però qualche difficoltà a capire le tonalità di colore soprattutto perché su due schermi ho due rese differenti.”

Come scegliere il materiale e il colore di un arredo in vendita su ArredaClick?
È sufficiente visualizzare la tendina del configuratore che riporta le finiture disponibili e cliccare sul tasto “Visualizza Campionario”. In questo modo si apre una pagina contenente un menù ad immagini che riporta tutte le finiture presenti in una determinata collezione. Passando con il mouse sopra ad ogni voce vengono mostrati i nomi delle categorie disponibili. Cliccando poi sui singoli nomi o sul gruppo viene mostrata una pagina con i campioni digitalizzati dei singoli materiali.

categoria-materiali-campionario

Come valutare i campioni di colori e materiali in un campionario online?
Il campionario online di ArredaClick è realizzato con avanzati strumenti tecnologici e una scrupolosa attenzione per il dettaglio. Un team di esperti fotografa ogni campione in condizioni di luce neutra avvalendosi di macchine fotografiche professionali. Lo scopo è quello di produrre un campionario digitalizzato con una resa visiva di texture e colori perfettamente equivalente alla realtà.
Tuttavia, per essere certi di visualizzare sul proprio dispositivo il campione nel modo corretto è necessario adottare piccoli accorgimenti.

  • verificare che il proprio monitor abbia le impostazioni di fabbrica, in caso contrario resettare lo schermo e riportarlo alle condizioni di illuminazione iniziali;
  • accertarsi che non vi siano sorgenti di luce diretta sul video nel momento della visualizzazione del campionario;
  • “muoversi” leggermente davanti al monitor per verificare come il colore cambia in base all’angolo di visualizzazione. Il campione è infatti tarato dai nostri esperti in condizioni di perfetta visione frontale;
  • tenere in considerazione la possibilità che si verifichi un effetto ottico: qualunque colore visualizzato su una superficie limitata può essere percepito come più scuro del reale;
  • il campione di un materiale lucido può apparire leggermente più chiaro rispetto al corrispettivo materiale opaco;
  • il colore e la texture reale dei materiali naturali possono essere leggermente differenti da quelli rappresentati poiché variano a seconda delle effettive caratteristiche di ogni singolo pezzo;
  • per accertarsi che il proprio monitor offra una visione affidabile consigliamo di scaricare gratuitamente il software della EIZO, rinomato produttore di monitor professionali di alta fascia.

All’interno del campionario è presente una rappresentazione a livelli dei materiali, come proposto in questo collage.

campioni-materialiI campioni sono raggruppati per categoria e fotografati ad una distanza di circa cm 30 con lo scopo di ricreare la “profondità” del materiale.
Il righello presente nella parte sinistra è utile per percepire la reale grandezza della texture e dei dettagli. La lente d’ingrandimento posizionata sulla destra indica invece la presenza di un’immagine che rappresenta l’intera tirella di colori disponibili per una determinata categoria. Cliccando con il mouse sulla lente è possibile visualizzare l’immagine che può aiutare nel confronto dei colori e nello studio degli abbinamenti.

Dopo aver selezionato il materiale e la categoria non rimane che scegliere il colore effettivo dell’arredo. Internamente il campionario è organizzato in modo tale da mostrare un campione di tutti i colori disponibili, ognuno abbinato al proprio nome / codice che si rivela indispensabile al momento dell’ordine. Spesso viene indicata anche la composizione dei materiali e vengono forniti alcuni consigli sull’uso e sul lavaggio.

campioni-digitalizzati-arredaclickNel caso specifico, il divano letto Ruben è disponibile in tessuto, ecopelle e pelle in una vasta gamma di colori. Tra le alternative possibili vi sono diverse sfumature di grigio che potrebbero fare al caso della nostra Cliente. È proprio da qui che è partita l’analisi di Sara che, visualizzando il campionario online, ha individuato alcuni campioni:
- tessuto: Alias 000, Lotus 570, Parigi 003
- pelle: Melbourne 200, Melbourne 101, Praga 200, Praga 100
- ecopelle: Emotion 134, Emotion 006, Espirit 000, Espirit 006

Tessuto - sfumature di grigioPelle - sfumature di grigio
Ecopelle Emotion - sfumature di grigioEcopelle Esprit - sfumature di grigio

Con la sicurezza di poter visualizzare il campione nel modo corretto e con la rassicurazione di ricevere direttamente a casa un divano il cui colore corrisponde esattamente a quello scelto, la Cliente ha potuto compiere una scelta consapevole e in totale tranquillità.

Siete forse curiosi di sapere qual è stata la scelta finale?
Il divano letto Ruben è stato acquistato nel modello 3 posti maxi cm 233 con rivestimento ecopelle Emotion 006. Siamo certi che farà la sua bella figura nel salotto di una casa di Dubai. Si, avete letto bene! Ruben è in viaggio verso Dubai, d’altronde spediamo in tutto il Mondo

Tags: , ,

 
 

Il progetto di Sara #4: arredare una lavanderia lunga e stretta

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Torniamo ad allietare la settimana di chi è alle prese con qualche dubbio d’arredo.
Oggi vi presento un progetto per arredare una lavanderia con un mobile della larghezza di 226 cm e la profondità di 62 cm, sfruttando una sola parete da cm 240 e una profondità massima di cm 65. Il locale lavanderia è un ambiente non più così diffuso nelle case nuove, ma chi ha la fortuna di averlo sa che è un ambiente molto utile e “scaccia disordine”. Infatti può ospitare lavatrice, asciugatrice, scarpiere, detersivi, mobiletti per le scope, portabiancheria sporca…fungendo anche da ripostiglio.
Ma vediamo la richiesta che ci è arrivata.

Ho una lavanderia stretta e lunga (sembra più un corridoio che una stanza vera e propria!) e vorrei trovare il mio mobile ideale.
La parete è di 240 cm in larghezza, mentre in profondità ho a disposizione 65 cm che vorrei sfruttare in pieno. Il mobile che vorrei progettare ha quindi una profondità ideale di almeno 60 cm.
Ho visto il modello “n34 Atlantic” e vorrei sapere se è creabile con una profondità maggiore, ad esempio 62 cm

Il mobile con porta lavatrice e lavatoio Atlantic N34 che ha colpito il nostro cliente lo vedete nella foto qui sotto:Mobile lavanderia cm 226 Atlantic N34

Cosa fare prima di progettare un mobile per la lavanderia

Siamo sempre pronti ad assistere chi ci chiede aiuto, ma troviamo sia giusto fornire tutte le indicazioni possibili a chi vuole cimentarsi nella progettazione autonoma di un mobile o di un ambiente. Molto spesso infatti il “lo voglio uguale alla foto” non può funzionare, soprattutto se si parla di arredi sistemici che richiedono impianti particolari o anche il semplice attacco alla corrente elettrica.
Progettare bene e a monte fa risparmiare tempo e soldi: come regola generale un progetto intelligente può evitare costosi tagli su misura e interventi di muratura, idraulici o elettrici.

Vediamo tutti gli step da seguire e uniamoli con le informazioni del progetto specifico che stiamo vedendo insieme:

1. larghezza, profondità e altezza a disposizione:
in questo caso abbiamo una parete da 240 cm, profondità cm 65;

2. se e dove sono posizionati gli scarichi, impianti, prese elettriche:
da quanto inviatoci dal cliente Sara nota fin da subito che lavatrice e lavabo condividono lo stesso scarico. Inoltre non c’è una presa della corrente a livello della lavatrice;

3. individuare eventuali impedimenti:
il cliente ha una stanza stretta e lunga, per cui il mobile deve per forza occupare una sola parete e non può svilupparsi ad angolo perché sulla parete adiacente è presente una rientranza con uno scaldabagno e una finestra;

4. disegnare una piantina:
usate gli strumenti che avete a disposizione, vanno benissimo anche foglio, matita e righello. L’importante è indicare precisamente le quote (distanza da terra e dalla parete adiacente) a cui si trovano impianti, prese, scarichi o possibili “impedimenti” (finestre, rientranze, vani, irregolarità…).

Dall’idea iniziale al progetto finale

Solo con i dati elencati sopra è possibile progettare una composizione di mobili ben strutturata, con vani contenitivi organizzati e alternati secondo una logica che risponda a funzionalità e armonia estetica.
Qui sotto vedete lo schema disegnato dal cliente.Misure della parete cm 240 su cui sarà posizionato il mobile lavanderia da cm 226Ecco invece il suo “mobile ideale”:

Progetto del mobile disegnato dal cliente.Progetto del mobile disegnato dal cliente.

Come ho già scritto prima, non tutto quello presentato in foto può essere realizzato tale e quale, lo stesso vale per un disegno. Quello che però ci impegniamo a fare è rispettare nel limite del possibile (anche se a volte cerchiamo di valicare il possibile!) l’idea iniziale di chi ci chiede aiuto.

Cosa abbiamo modificato e perché?

Viste tutte le misure e le quote degli scarichi e degli attacchi, Sara ha individuato una sola necessaria modifica rispetto al disegno del cliente:

scarico della lavatrice e del lavabo in comune = base portalavabo con ante

Lo scarico in comune ha reso necessario praticare un foro (scanso) sui fianchi del mobile portalavatrice e della base portalavabo, questo è indispensabile per il passaggio del tubo di scarico dalla lavatrice. I cestoni sono normalmente dotati di guide che avrebbero semplicemente intralciato il passaggio del tubo.
Lo scanso si trova all’interno del mobile ed è quindi invisibile. Richiede solo un piccolo supplemento.

Problemi risolti senza ricorrere a lavorazioni su misura

Uno degli impedimenti nella progettazione di questa lavanderia stretta e lunga erano le prese della corrente, situate in alto, sopra il top del mobile…dove attaccare la lavatrice?

Le soluzioni prospettate erano due:
- forare il top in mineralmarmo per consentire il passaggio del cavo
- spostare le prese di corrente / far installare una nuova presa della corrente dietro al mobile lavanderia
Il cliente ha preferito conservare intatta l’estetica minimalista del top facendosi spostare la presa della corrente più in basso.

Dettaglio del top in mineralmarmo lucido bianco con vasca integrata Wet.Dettaglio del top in mineralmarmo lucido bianco con vasca integrata Wet.

Dopo aver definito tutti i dettagli tecnici, aver scelto le finiture e le maniglie e aggiunti due accessori pensili e una mensola, il progetto viene disegnato per l’approvazione finale:
Schema definitivo mobile lavanderia cm 226

Spostata la mensola, aggiunto un portasalviette integrato al mobile pensile con anta unica…è finalmente giunto il momento di mostrarvi il risultato finale direttamente attraverso le foto inviate dal cliente.
Mobile lavanderia cm 226 Atlantic N34: foto di un clienteMobile lavanderia cm 226 Atlantic N34: foto di un clienteDettaglio top in mineralmarmo mobile lavanderia Atlantic N34: foto di un cliente

Insieme alle foto Sara ha ricevuto i complimenti del cliente…che fanno sempre bene :)
Buongiorno Sara. Come promesso le mando le foto del mobile. Purtroppo la lavanderia è lunga e stretta quindi la prospettiva ne risente…proprio bello! Peccato “nasconderlo” in un angolo della casa non accessibile a tutti!
Ancora grazie per l’ottima assistenza ed al prossimo acquisto! M.P.

Quasi dimenticavo: molti di voi si staranno ponendo delle domande sul montaggio, vero?
Don’t panic: i mobili vengono consegnati completi di istruzioni di montaggio, per tutto quello che non trovate nelle istruzioni abbiamo girato un video che potete vedere qui sotto:

Un altro tipico caso di “l’ho visto e lo voglio uguale (ma ci starà???)” brillantemente risolto dalla nostra Sara, proprio come il mobile bagno e lavanderia in meno 2 metri progettato qualche tempo fa.
Gli altri progetti di Sara li potete trovare qui.

Per qualsiasi informazione potete telefonarci allo 0362.682.682 o mandarci una email all’indirizzo servizioclienti@arredaclick.com

Tags: ,

 
 

Materasso BioMemory, dispositivo medico detraibile

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Il materasso BioMemory con rivestimento BioActive di HomePlaneur, attualmente in vendita esclusiva su ArredaClick.com, è riconosciuto come dispositivo medico sanitario (*) e come tale gode delle agevolazioni fiscali dedicate (**)(***).

materasso-biomemory-dispositivo-medico-sanitarioIl Materasso BioMemory con rivestimento BioActive è un dispositivo medico acquistabile usufruendo di agevolazioni fiscali.

Caratteristiche materasso BioMemory
È formato da uno strato superiore in Memory Foam e uno inferiore in Waterlily con aggiunta di soia ed olii essenziali.
Il Memory Foam è una schiuma evoluta in poliuretano addizionato ad acqua, sensibile alle variazioni di peso e temperatura. Esercitando una pressione sulla superficie questa si adatta perfettamente alle forme anatomiche; quando il peso viene a mancare questa recupera gradualmente la forma iniziale. BioMemory ha 9 zone a portanza differenziata che rispondono in modo differente ai diversi carichi di pressione esercitati.
Il Waterlily è una schiuma espansa realizzata unicamente ad acqua, priva di clorofluorocarburi e sostanze nocive per la salute. La lastra di Waterlily ha pori aperti ed interconnessi che favoriscono la traspirabilità della superficie e la dispersione di calore e umidità. L’aggiunta di soia ed olii essenziali, oltre ad offrire una gradevole e delicata profumazione e a conciliare il sonno, dona al materasso proprietà nutritive, antinfiammatorie, idratanti e rigeneranti.

Caratteristiche rivestimento BioActive
Il rivestimento BioActive è realizzato con una fibra igienica bioattiva con effetto antimicrobico che previene la proliferazione dei batteri. La fascia laterale è in tessuto traspirante per favorire il corretto riciclo dell’aria, combattere l’umidità e l’annidamento di possibili microbi. Sui lati vi sono quattro maniglie in tessuto 3D che facilitano la movimentazione del materasso stesso.
Il rivestimento è sfoderabile grazie alla presenza di una doppia cerniera su tutti e 4 i lati ed è lavabile in lavatrice a 40°.

A chi è consigliato questo materasso in memory e soia?
BioMemory è consigliato a quanti cercano un sostegno flessibile ma indeformabile e una superficie ad “elasticità calibrata”. Realizzato con materiali ecologici ed anallergici, è pensato anche per chi soffre di qualche forma di allergia e desidera riposare in un ambiente salubre ed igienico.
La sfoderabilità del materasso è poi una caratteristica indicata per le persone che necessitano di far prendere spesso aria al materasso e di lavare e disinfettare il rivestimento frequentemente. BioMemory è ideale per chi soffre di qualche malattia che richiede un ambiente di riposo con le caratteristiche indicate.
Questo materasso è compatibile sia con reti letto fisse sia motorizzate.




(*) BioMemory è classificato Dispositivo Medico di Classe 1 in conformità agli standard richiesti dalle Direttive Europee 93/42/CEE e D.L. 24 febbraio 1997 – n.46 (concernente i dispositivi medici) e 2001/95/CE e D.L. 21 maggio 2004 – n.1 72 (concernente la sicurezza generale dei prodotti immessi sul mercato).
(**) L’acquisto di BioMemory può comportare una detrazione di imposta per spese sanitarie (art.15 comma 1, lettera C del TUIR).
(***) Le spese sostenute possono essere detratte nella dichiarazione dei redditi come spese sanitarie per un ammontare pari al 19%. Per la parte che supera la franchigia di € 129,11 da applicarsi sull’ammontare complessivo di tutte le spese sanitarie sostenute. Per usufruire della detrazione deve essere riconosciuta una patologia comprovata da prescrizione medica che attesta la necessità di sostenere determinata spesa.

Tags: ,

 
 

Tavolo da cucina resistente e pratico: quale materiale?

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design, Idee

Prima regola per una casa funzionale: il tavolo della cucina deve essere resistente, pratico…e possibilmente bello.
Negli ultimi anni abbiamo assistito allo sviluppo di materiali estremamente innovativi e resistenti. Tra questi, a nostro parere, spicca la vetroceramica. Sì, avete letto bene: la ceramica, ma non quella fragile dei vasi della dinastia Ming, bensì quella di nuova generazione, conosciuta anche come super-ceramica, cristalceramica o Laminam, dal marchio italiano che la produce.

Piano del tavolo ultra-resistente con i nuovi materiali in commercio: vetro antigraffio e  super-ceramica.

Cruz è un tavolo allungabile in vetroceramica bianco pietra.Cruz è un tavolo allungabile in vetroceramica con gambe in metallo laccato.

Superceramica, vetroceramica, cristalceramica: com’è fatta e quali sono i vantaggi?

La potete trovare sul mercato come superceramica, vetroceramica, cristalceramica o Laminam: si tratta infatti di una materiale accoppiato che unisce uno strato di ceramica superficiale ad uno strato inferiore in vetro o cristallo che rafforza e rende il piano resistentissimo. Il materiale che ne risulta è oleorepellente, resistente agli acidi e al calore, antigraffio, atossica e facilmente pulibile, inattaccabile da liquidi e grassi.

Tavolo con piano in cristalceramica Diamante.Tavolo con piano in cristalceramica e gambe in metallo Diamante.

Un tavolo in ceramica pratico, ma anche bello: le finiture

Come avrete notato dalle immagini le finiture della ceramica propongono una superficie opaca e materica, con una gamma di colori neutri che può andare dal bianco al beige, fino al grigio scuro.
Bontempi propone top pratici e moderni, dalle linee essenziali e il look industrial style.Tavolo in SuperCeramica Dublino di Bontempi, su ArredaClick.com

Dettaglio del tavolo da cucina Dublino in super-ceramica.Dettaglio di un tavolo con piano in super ceramica color grigio antracite.

A seconda dell’azienda produttrice si possono anche trovare effetti maculati e screziati come quello del tavolo in ceramica bianca Octa di Bonaldo, realizzato in Laminam®.
Questo marchio registrato indica un particolare ed innovativo composto di ceramica lavorata attraverso compattazione e cottura in forni a temperature che si aggirano intorno ai 1220°. La superficie ceramica viene poi unita ad una lastra in cristallo.

Tavolo design in vetroceramica bianca Octa di Bonaldo.Per chi vuole unire praticità ed eleganza classica, ci sono anche piani Laminam come quello del tavolo da pranzo in ceramica effetto marmo Zeus. Tavolo Zeus con piano in ceramica Laminam effetto marmo.

Quali sono le caratteristiche di un tavolo resistente…e a prova di bimbi?

Quando si tratta di cucina parliamo di uno degli spazi più utilizzati della casa.
Se lo spazio è poco e il piano di lavoro del mobile cucina è piccolo, il tavolo si trasforma in un prezioso alleato e viene sfruttato per tagliare, tritare, mondare, appoggiare pentole e contenitori ad elevate temperature…subendo delle sollecitazioni a cui sicuramente il tavolo della sala da pranzo non viene sottoposto.
Se poi in casa ci sono bambini, si sa, il tavolo della cucina è vittima di giochi, scodelline e bicchierini allegramente utilizzati come strumenti musicali (naturalmente usando come percussione il top del tavolo!), matite, forbici, penne e pastelli.

Abbiamo visto che la vetroceramica è resistente a grassi, acidi, liquidi e calore.
Visti i piccoli e grandi fattori in gioco, ecco quindi quali sono le caratteristiche principali da ricercare nel piano di un tavolo da cucina che sapete verrà sfruttato al massimo, da tutta la famiglia:

- materiale resistente: agli urti, alle abrasioni, al taglio, al calore, ai detergenti
- superficie igienica: impermeabile, non porosa, atossica
- agevole manutenzione: facile e rapido da pulire, possibilmente senza il bisogno di dover asciugare in continuazione per evitare aloni

Nella prossima puntata vi parlerò del vetro antigraffio, altro materiale di nuova generazione pensato per chi non vuole rinunciare all’eleganza di questo materiale anche in cucina.

Tags: , ,

 
 

Architetto online per un progetto d’interni su misura

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

Un architetto al tuo completo servizio per aiutarti ad arredare casa.
Se stai scegliendo l’arredamento della tua nuova dimora o se stai ristrutturando qualche ambiente c’è forse qualcosa di meglio?
Improvvisarsi architetti e progettisti può alla fine rivelarsi controproducente. Non vogliamo certo discutere sul gusto personale di ciascuno ma la professionalità e le conoscenze di un architetto vanno oltre gli accostamenti di colori e le scelte dettate dal gusto.

ArredaClick offre un servizio di progettazione d’interni per quanti vogliono affidarsi ad un esperto ed appassionato d’arredamento che si mantiene in costante aggiornamento e che lavora quotidianamente in questo ambito.
Ecco i 4 passaggi che portano al nostro progetto casa completo:

 

sviluppo di un progetto casa online-1

ACQUISTO
il nostro servizio di progettazione 3D si acquista online ad un costo contenuto compilando il form dedicato. È sufficiente selezionare l’ambiente ed eventuali optional, cliccare sul tasto “Aggiungi al Preventivo” e completare l’ordine con i dati personali richiesti.

 

acquisto progetto casa online-1

 

CONTATTO
a seguito dell’acquisto del servizio verrà inviato al Cliente un modulo di progettazione utile all’architetto per conoscere colori, materiali ed elementi già presenti nell’ambiente, preferenze cromatiche e stilistiche, particolari richieste e desideri. È utile allegare anche piantine e foto.

 

contatto per un progetto casa online-1 SVILUPPO
i nostri architetti analizzano la piantina, le foto e le richieste del Cliente e studiano la miglior proposta possibile. In caso di dubbi o chiarimenti possono contattare il Cliente per procedere con il lavoro. Per realizzare il progetto finale sono necessarie due settimane lavorative.

 

invio del progetto casa online

 

INVIO
il progetto finale viene inviato al Cliente per email in formato 3D completo di file SketchUp, render fotorealistici, eventuali schemi d’impianti e una breve relazione descrittiva.
L’architetto rimane a disposizione per qualsiasi domanda e chiarimento sul lavoro svolto.

 

La richiesta di progettazione può riguardare qualsiasi ambiente della casa ed i vantaggi sono sempre innumerevoli:

  • comodità: dall’acquisto del servizio alla ricezione del progetto, tutti i passaggi avvengono comodamente online. Non vi è la necessità di incontrare l’architetto o di spostarsi in diverse città.
  • esclusività: solo ArredaClick fornisce il modello 3D originale, facilmente navigabile, sempre disponibile e modificabile all’occorrenza.
  • condivisione: il materiale fornito può essere facilmente condiviso con chiunque per mettere così al corrente del progetto finale sia amici e parenti sia gli addetti ai lavori come muratori, idraulici ed elettricisti.
  • scelta dell’arredamento: è possibile acquistare online gli arredi proposti ed inseriti dall’architetto nel progetto. Tutti gli arredi sono infatti presenti sul nostro portale e-commerce, personalizzabili ed acquistabili con pochi e semplici click.

progetto casa online

progettare casa online

 

Scegliere il servizio di progettazione 3D di ArredaClick significa avvalersi dell’esperta consulenza di professionisti, con un occhio di riguardo per il proprio portafoglio e con la sicurezza di ottenere un progetto online per la casa personalizzato e su misura.

Potete farvi un’idea di tutti i progetti d’interni realizzati dal nostro Team 3D visualizzando la sezione dedicata a idee e soluzioni d’arredo.

Tags: , ,

 
 

5 must have per arredare una casa in stile scandinavo

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Stili

Per arredare una casa in stile scandinavo bisogna conoscere i tratti distintivi di questo stile e applicare semplici accorgimenti. Prima di inoltrarci nelle elenco di consigli è tuttavia necessario fare un piccolo passo indietro per capire le origini dello stile scandinavo e le motivazioni che hanno portato a compiere determinate scelte stilistiche.

Nasce e si sviluppa nei Paesi del nord Europa costretti a vivere molti mesi dell’anno e molte ore del giorno con pochissima luce naturale. Per assolvere a questo disagio le case vedono la grande predominanza del bianco e di colori chiari. Questa tonalità ha infatti la capacità di donare luminosità e brillantezza agli ambienti, ancor meglio se di grandi dimensioni. Da qui un’altra caratteristica ovvero la preferenza di pochi ambienti aperti rispetto a tante stanze piccole.
L’ambiente naturale in cui vivono i Paesi del nord suggerisce poi un’altra imprescindibile caratteristica di questo stile ovvero la costante presenza del legno nelle case. Il materiale più antico per eccellenza viene utilizzato per donare calore all’abitazione, a sostengo anche della tendenza ecosostenibile che sta prendendo sempre più il sopravvento.

Ma quali sono i 5 mobili immancabili in una casa arredata in stile scandinavo?

TAVOLO IN LEGNO
Per riprendere quanto appena scritto, un tavolo in legno massello con superficie grezza e venature a vista. Le linee squadrate ed essenziali richiamano ad uno stile essenziale ma riescono comunque ad imporsi e a farsi notare. La texture chiara non appesantisce l’ambiente rimanendo in linea con la necessità di avere arredi dalle sfumature molto tenui e chiare.

tavolo-legno-soundessTavolo in legno Soundness in massello di rovere sabbiato naturale.

LAMPADA MINIMALISTA
Inutile rimarcare l’importanza vitale di avere punti luce in casa. È preferibile scegliere lampade e lampadari sobri e misurati con struttura e paralume ridotti al minimo prediligendo così la luce vera e propria. L’abbinamento legno / bianco è sicuramente una delle migliori scelte.

lampade-sospensione-legno-slopeLampada in legno Slope: a sospensione, da parete, da tavolo, da terra.

CHAISE LONGUE DI DESIGN
I Paesi nordici da cui ha preso vita lo stile scandinavo sono patria di famosi designer di fama internazionale, di conseguenza nelle case non possono mancare articoli di design.
Questa chaise longue riprende inoltre le altre caratteristiche ovvero legno chiaro e sfumature di bianco, rispettivamente per la struttura e per il rivestimento di seduta.

chaise-longue-breuerChaise longue Breuer, un classico della storia del design del XX secolo.

CONTENITORE DALLE LINEE GEOMETRICHE
Ogni casa necessità di spazi contenitivi per riporre gli oggetti più svariati ma per rispettare a pieno lo stile questi contenitori devono avere una forma squadrata e geometrica ed essere realizzati in legno. La struttura sospesa contribuisce ad alleggerire visivamente la parete, rigorosamente bianca.

contenitore-anta-legno-tolaContenitori pensili Tola con anta in legno grezzo di abete antico.

TAPPETO NATURALE
Per donare calore e scaldare un ambiente arredato in stile scandinavo non può mancare un tappeto. La volontà di prediligere materiali e tinte naturali è qui declinata in un tappeto in feltro di lana color avorio con frange laterali.

tappeto-feltro-frange-makalu Tappeto in feltro con frange Makalu disponibile su misura.

5 + 6 must have: COMPLEMENTI CASA
Per chi vuole riproporre lo stile scandinavo anche nei dettagli suggeriamo una selezione di arredi e complementi per la casa. Le caratteristiche si ripetono: predominanza del legno e delle sfumature chiare, scelta di arredi dalle linee essenziali con strutture ridotte al minimo, immancabile tocco di design funzionale e un aspetto generale sobrio e misurato.

cuscini-tessuto-fantasiaorologio-legno-riciclato-oredodicisgabello-legno-dedo
sedia-lengo-pelleossatavolino-multifunzione-cappuccinopoltrona-legno-valeriona

Tags:

 
 

#4zampesuimobili, concorso fotografico con mobili e cuccioli

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Idee

#4zampesuimobili-arredaclick

DI COSA SI TRATTA?
#4zampesuimobili è l’ultimo concorso lanciato da ArredaClick che prevede lo scatto di una foto ad un animale domestico vicino ad un qualsiasi mobile di casa.

COME PARTECIPARE?

  • Scatta una foto al tuo amico a 4 zampe su un mobile di casa.
  • Decidi se vuoi partecipare al concorso su Facebook o su Instagram.
  • Per Facebook: invia la tua foto a concorso@arredaclick.com, aspetta l’email di risposta che ti conferma l’inserimento della tua foto nell’album dedicato al concorso creato appositamente sulla pagina Facebook ufficiale di ArredaClick. Invita tutti i tuoi amici a mettere “Mi Piace” alla tua immagine.
  • Per Instagram: condividi sul tuo account personale la tua foto utilizzando gli hashtag #arredaclick e #4zampesuimobili.
    Accertati che il tuo account personale sia pubblico e quindi visibile a tutti. Consigliamo di scrivere anche altri hashtag noti e utilizzati dalla community di Instagram per aumentare la possibilità di ricevere “Mi Piace”.
  • La partecipazione è gratuita e si svolge esclusivamente online.
  • Il termine ultimo per condividere le foto è il 30 giugno 2015.

CHI VINCE?
Saranno elette vincitrici le due foto (rispettivamente una su Facebook e una su Instagram) che riceveranno il maggior numero di “Mi Piace”.

COSA SI PUO’ VINCERE?
In palio due buoni Store Credits pari a € 100,00 da spendere sul portale e-commerce d’arredamento www.arreaclick.com
Un buono sarà assegnato al vincitore su Facebook, un buono al vincitore su Instagram.
Se la foto del vincitore raggiunge la soglia dei 1000 “Mi Piace” il premio raddoppia e verranno erogati 200 Store Credits.
I vincitori non riceveranno alcun compenso in denaro.

Per maggiori informazioni e per leggere il regolamento completo cliccare qui.

Tags: ,

 
 

Il progetto di Chiara: libreria componibile angolare

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

L’email iniziale recitava così: “Vorrei arredare due pareti della zona soggiorno / studio utilizzando librerie e scaffali componibili“. Tra le righe si leggeva chiaramente che un nuovo progetto d’interni era all’orizzonte.
Data la natura della richiesta è stato interpellato il nostro Team Tecnico, specializzato nello sviluppo di collezioni altamente personalizzabili con elementi componibili e modulari; esattamente quello che faceva al caso del nuovo Cliente.

Chiara ha prontamente analizzato la situazione e contattato il Cliente per ricevere informazioni e dettagli tecnici necessari per procedere con il progetto.
Le idee erano molto chiare e lo scenario che si è configurato è stato il seguente:

progetto-libreria-componibile-soggiorno-studio

- Parete 1: da attrezzare a zona studio con postazione scrivania e computer, spazio per telefono e stampante; profondità 45 cm.
- Parete 2: da attrezzare a zona soggiorno con spazio per televisione e piccolo mobiletto bar con anta a ribalta; profondità 30 cm.
- Caratteristiche struttura: altezza totale come intera parete, 4 metri. Scaletta in metallo scorrevole su binario. Interamente in finitura nero antracite. Struttura dotata di ripiani a vista, ripiani con ante, vani vuoti.

Tutto perfettamente indicato nello schema seguente, inviatoci dal Cliente stesso.

progetto-libreria-componibile-soggiorno-studio-2Cliccare sull’immagine per ingrandirla

(In nero il perimetro delle pareti, in blu la suddivisione degli spazi e il loro utilizzo, in verde le misure, in rosso la scaletta con binario.)

Dopo l’invio di una così precisa documentazione da parte del Cliente il passo successivo è toccato a Chiara. Ha analizzando il nostro catalogo e scartato i prodotti che non avrebbero permesso una tale configurazione ed è arrivata ad un’unica soluzione: la collezione di librerie componibili Almond. Ottimo rapporto qualità/prezzo, ampia gamma di finiture disponibili, completabile con numerosi accessori.
Subito si è messa in contatto con la ditta produttrice per raccogliere le informazioni necessarie per poter assistere il Cliente nei migliori dei modi e, schema alla mano, ha realizzato questo progetto:

  • larghezza: modulo cm 90 + angolare cm 89,4 x 89,4 + modulo cm 90 + modulo cm 60 + modulo cm 45.  Dimensioni totali comprese di spalle finali: cm 182,2 x 287,2
  • altezza: confermati 4 m, raggiungibili solamente sovrapponendo due librerie, accostando quindi il cielo della libreria inferiore al fondo di quella superiore, mantenendo come da progetto del Cliente i 10 vani complessivi

Con queste precisazioni:

  • per un aspetto puramente estetico si consiglia di prevedere della ante di chiusura per nascondere la sovrapposizione delle due librerie.
  • tutte le ante sono dotate di maniglia, ad eccezione dell’anta a ribalta con apertura verso il basso dotata di sistema push-pull.
  • è possibile avere dei vani “vuoti” mantenendo però la spalla centrale in quanto necessario elemento strutturale.
  • la scala scorrevole ha un’altezza fissa di cm 203 mentre la larghezza è realizzabile su misura a seconda dell’effettiva larghezza della libreria. La scala è unica e può essere sganciata e posizionata all’occorrenza sulla libreria opposta.
  • sarà necessario fissare tutti gli elementi sia a muro sia a quelli vicini utilizzando pezzi di ferramenta e staffe ad L forniti in dotazione dalla casa produttrice-

Accettata questa proposta il passaggio successivo è stato quello di definire le caratteristiche dei singoli elementi desiderati. In questa fase a Chiara è bastato mostrare le schede prodotto dalle quali poter acquistare online scala scorrevole, cassetti e scrivania a penisola e lasciar configurare ogni dettaglio al Cliente che in poco tempo ha inoltrato l’ordine completo.
Dopo un controllo finale a cui siamo soliti, Chiara ha inviato l’ordine in produzione. Merito della precisione e forse dell’esperienza del Cliente, merito dell’assistenza nella fase pre-acquisto e, lasciatecelo dire, merito anche della chiarezza con cui realizziamo le nostre schede prodotto, il preventivo era perfetto e il periodo di tempo tra l’invio dell’ordine e la messa in produzione degli articoli è stato davvero ridotto.

Il progetto definitivo per la libreria componibile angolare è ben riassunto da questo schema:

progetto-libreria-componibile-soggiorno-studio-3Cliccare sull’immagine per ingrandirla

81 colli sono stati recapitati direttamente a casa del Cliente da corrieri specializzati in arredamento e quando Chiara è stata ricontattata per alcune informazioni circa la fase di montaggio è stata pronta e disponibile ad aiutare il Cliente. La nostra assistenza si estende infatti anche nella fase post-vendita per risolvere eventuali problemi.
Dopo essersi nuovamente confrontata con la produzione ha inviato istruzioni di montaggio aggiuntive e immagini per chiarire ogni passaggio. Questo materiale si è rivelato fondamentale per montare definitivamente l’intera libreria angolare e solo a questo punto il progetto si è potuto considerare concluso.

Precisione e fiducia del Cliente, unita ad assistenza e professionalità del nostro Staff e ad un contatto diretto con la produzione hanno portato ad una libreria componibile di qualità perfettamente montata, ad un ennesimo Cliente soddisfatto e ad uno Staff orgoglioso del lavoro eseguito.

Rimaniamo in attesa delle foto della libreria componibile del Cliente e nel frattempo vi lasciamo con questa gallery di immagini della libreria Almond.

Libreria componibile Almond (2)Libreria Almond con scrivania integrataLibreria componibile Almond
Libreria componibile Almond (1)Scaletta scorrevole per libreria AlmondScrivania per libreria Almond

Se questo progetto vi è piaciuto vi diamo appuntamento al prossimo e vi ricordiamo che il nostro Staff è al vostro completo servizio per aiutarvi ad arredare casa. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci telefonicamente allo 0362.682.682 o via email scrivendo a servizioclienti@arredaclick.com

Tags: ,

 
 

Il progetto di Sara: una cabina armadio ad “L”

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende, Design

Era un giorno come tanti altri quando nella mail del Servizio Clienti di ArredaClick è arrivata questa richiesta: “Vorrei realizzare una cabina armadio ad “L” da affiancare ad un armadio già in mio possesso. Ho visto sul vostro sito il modello cabina armadio Emerald e vorrei avere alcune informazioni per acquistare online il prodotto.”
Sara è stata la prima a leggere il messaggio e subito si è premurata di contattare il nuovo Cliente per raccogliere tutte le informazioni necessarie per assisterlo al meglio.
Per formulare il progetto e il preventivo era infatti necessario conoscere al millimetro le dimensioni disponibili e avere un’idea dell’effettiva composizione desiderata, tutto questo senza dimenticare materiali, finiture e attrezzature interne.

Il Cliente aveva le idee molto chiare e ha inviato lo schizzo di ciò che voleva realizzare con l’unica richiesta di poter avere una cabina armadio che raggiungesse i cm 288 di altezza per poter pareggiare quella dell’armadio adiacente.

progetto-cabina-armadio-ad-LPiantina alla mano e scheda prodotto Emerald aperta sul computer, Sara si è cimentata nella progettazione richiesta.
L’alta componibilità e modularità che questo modello di cabina offre ha permesso di soddisfare ogni richiesta. Dalle schede prodotto dedicate a “elementi lineari per cabina armadio Emerald” e “elementi angolari per cabina armadio Emerald“ è stato sufficiente aggiungere al preventivo i seguenti elementi:

  • un modulo cm 56,8 con spazio interno utile di cm 51,6 e fianchi chiusi
  • un modulo angolare cm 101,6 x 101,6 con fianchi aperti
  • un modulo cm 64,8 con spazio interno utile di cm 59,6 con fianchi chiusi

I moduli lineari sono dotati di serie di 1 ripiano e 2 tubi appendiabiti, il modulo angolare di 1 ripiano e 4 tubi appendiabiti. Sara ha quindi consigliato al Cliente di completare l’interno della cabina secondo gusti e necessità, scegliendo tra ulteriori ripiani, cassettiere o accessori quali porta pantaloni estraibile, vaschetta svuotatasche, porta cravatte.

Per quanto riguarda l’aumento di altezza Sara si è messa in contatto con la casa produttrice e ha purtroppo dovuto riferire al Cliente che questa richiesta era irrealizzabile. Per motivi tecnici e di lavorazione l’altezza standard non può essere modificata e deve necessariamente essere mantenuta di cm 253.
Gli elementi di fissaggio al cappello sarebbero rimasti a vista e per non intaccare l’estetica della cabina armadio e della camera in generale è stato quindi necessario trovare una soluzione di copertura. Sara ha proposto una fascia di tamponamento superiore e il Cliente ha accettato l’idea e il piccolo supplemento che l’azienda produttrice ha richiesto per la lavorazione ad hoc e su misura.
Ai moduli precedenti si è andati quindi ad aggiungere i seguenti elementi:

  • 4 fasce di tamponamento superiore, ciascuna di altezza cm 35 e lunghezza tale da coprire sia i frontali che la profondità della cabina
  • 1 cassettiera a quattro cassetti per modulo cm 64,8
  • 5 ripiani per modulo cm 56,8

Il progetto finale è ben riassunto da questo schema:

progetto-per-cabina-armadio-ad-L

Stabilita la configurazione ci si è potuti concentrare sulle finiture.
L’armadio al quale sarebbe stata affiancata la cabina armadio si presentava di colore bianco e inizialmente si era pensato di mantenere uniformità cromatica scegliendo la cabina armadio in laminato materico bianco. L’esperienza di Sara ha tuttavia fatto notare la possibilità di ricevere un colore bianco leggermente diverso da quello dell’armadio poichè la texture del materiale e la sfumatura di colore variano a seconda del materiale stesso e della tecnica di lavorazione della casa produttrice.
Seguendo queste precisazioni il Cliente ha optato per una cabina armadio in essenza noce tanganika.

Definito anche questo dettaglio il Cliente si è giustamente voluto accertare dei passaggi che avrebbero portato alla montatura della cabina in totale sicurezza. Sara ha nuovamente preso contatto con l’azienda produttrice e ha riferito che il prodotto sarebbe stato consegnato completo di istruzioni di montaggio e che la fascia di tamponamento avrebbe necessitato esclusivamente di viti ed eventualmente di squadrette.

A questo punto l’assistenza poteva definirsi conclusa.

Immagine d'esempio - cabina armadio EmeraldImmagine d'esempio - ripiano con tubo appendiabitiImmagine d'esempio - cassettiera a 2 cassetti
Immagine d'esempio - portacravatteImmagine d'esempio - portacravatteImmagine d'esempio - vaschetta svuotatasche

Se siete interessati ad un progetto cabina armadio vi consiglio di leggere anche quello che ha seguito Pamela per realizzare una cabina armadio in mansarda.
Per qualsiasi informazione ed assistenza potete contattare il nostro Servizio Clienti telefonicamente allo 0362.682.682 o scrivendo a servizioclienti@arredaclick.com

Tags: ,

 
 




Torna su