Blogger Ospiti






 
 
 

Piscine con finitura in legno: spazio all’eleganza e alla funzionalità

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Consigli e suggerimenti utili per la scelta della tua piscina con finitura in legno

Avere una piscina è probabilmente uno dei sogni ricorrenti di chi ama godersi ogni momento all’aria aperta immerso in acque rilassanti e rigeneranti. Tra il sogno e la realtà, però, ci sono un gran numero di dettagli che è necessario conoscere prima di decidere quando e come organizzare il proprio giardino.

Il primo elemento importante è la scelta della tipologia di piscina che si andrà a realizzare. Tra le tante, c’è una soluzione che rappresenta al meglio il gusto di chi cerca l’eleganza anche per la propria piscina.

Le piscine in legno sono da sempre un simbolo di stile, senso estetico oltre che un elemento di grande funzionalità. Sì, perché la loro struttura in legno permette di unire con armonia le caratteristiche tecniche con quelle puramente estetiche.

Il vantaggio delle piscine in legno è che il materiale utilizzato per realizzarle è trattato appositamente per resistere all’acqua, ai parassiti, agli agenti chimici e, chiaramente, ai raggi UV.

Scegliere questo tipo di piscina è la soluzione ideale per chi vuole dare un tocco in più al proprio giardino o alla terrazza con elementi di design che siano anche altamente funzionali.

Piscine in legno interrate o fuori terra?

Le piscine in legno non si scelgono soltanto perché sono belle da vedere ed eleganti, ma anche perché permettono di avere uno specchio d’acqua perfettamente integrato nel paesaggio.

Preferisci una piscina interrata o una fuori terra? La prima tipologia di sceglie principalmente perché si desidera avere una soluzione che duri nel tempo. Le piscine fuori terra, invece, sono la scelta migliore per chi vuole godersi la piscina in poco tempo e contenendo i costi. In più sono comode e la manutenzione è più veloce.

La decisione finale dipende soltanto da quelle che sono le tue esigenze! Considera poi che potrai dare libero sfogo ai tuoi gusti, perché quando si tratta di acquistare una piscina i dettagli da decidere sono davvero moltissimi. Ci sono da scegliere i materiali della vasca che possono essere:

  • Cemento armato: resistente e duraturo, ma dai costi elevati
  • Pannelli di acciaio: resistenti e duraturi, economici e adattabili a ogni forma e luogo di installazione
  • Vetroresina: fragile, con un costo elevato e limitato per quanto riguarda le forme

E poi i rivestimenti, le di dimensioni, la struttura. Insomma, la scelta di una piscina non è cosa da poco.

Consigli utili per la manutenzione a regola d’arte della tua piscina

Banale ripetere come una piscina sia il sogno per eccellenza, un tempo difficile da realizzare, oggi invece diventato accessibile un po’ per tutti. L’unico requisito è lo spazio dove poterla realizzare.
Dopo l’installazione però, dovrai considerare anche la manutenzione della tua piscina: è indispensabile che si rispettino degli accorgimenti che la rendano perfetta e utilizzabile in ogni momento.

La pulizia è necessaria per avere una piscina funzionale. Per non pesare troppo sul bilancio mensile puoi utilizzare dei prodotti come il cloro che disinfetta l’acqua, il flocculante che serve per rendere più efficace il sistema di filtrazione, l’alghicida che impedisce la comparsa di macchia verdi e uno stabilizzatore di Ph.

Avere una piscina permette di realizzare il sogno di una vita, ma è opportuno affidarsi a esperti del settore sia per la fase di definizione e progettazione, che per quella di manutenzione!


 
 

Fai da te o bricolage, quello che serve è un’idea!

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Il fai da te bricolage, indica l’attività fatta da principianti e amatori che consiste in piccoli lavori manuali da eseguire per la propria soddisfazione e per risolvere piccoli problemi di casa. Ma il fai da te è anche per le piccole migliorie di casa come riparare un mobile o ridipingere una stanza, ma anche creare nuovi oggetti e abbellimenti come costruire una fioriera o un barbecue, illuminare il giardino o costruire casette per gli uccelli o la casa per il proprio animale domestico. Voglia di fare, inventiva e le guide di portali esperti in fai da te come bricoportale.it sono gli strumenti necessari e sufficienti per il bricolage!

Attività di fai da te

Sono innumerevoli le attività fai da te, se lo puoi pensare lo puoi fare!
Se dovessimo fare una lista non potremmo finirla ma ecco le attività più canoniche che definiscono bene il fai da te:

  • Decorazioni all’interno o all’esterno della vostra abitazione;
  • La posa di parquet o, a livello più avanzato, di piastrelle;
  • Tinteggiatura o ritinteggiatura degli interni;
  • Lavori con impianto elettrico o televisivo o idraulico;
  • Piccoli lavori di muratura, falegnameria o giardinaggio.

Alcune idee creative per il fai da te

Con il fai da te si può costruire davvero di tutto, ecco alcune idee simpatiche che possono stuzzicare la vostra fantasia.

Costruire una sedia di design: riutilizzare vecchie basi, bancali, botti o sedili o tronchi di legno per realizzare sedie con un design originale e tutto vostro.

Recuperare i sacchetti di carta: possono avere nuova vita diventando porta pane o porta pop corn ma anche dei simpatici centro tavola.

Costruire la cuccia del cane: chiodi, tavole di legno e un po’ di inventiva e il vostro cane avrà la sua villa!

Creare un angolo di giardino sul balcone: piante rampicanti abbinate con fiori e qualche supporto per costruire uno splendido giardino verticale sul vostro balcone.

Creare una lampada di design: basta un po’ di attitudine con i fili elettrici e tanta fantasia per riutilizzare damigiane, bottiglie e qualsiasi cosa di vetro abbiate da trasformare in una splendida lampada dal design originale e tutto vostro.

Dipingere una parete con gli stencil: le tue pareti possono avere splendidi disegni, basta avere un po’ di fantasia. Non serve per forza saper disegnare, su internet si trovano centinaia, migliaia di stencil già fatti per decorare le vostre pareti con lo stile che preferite.

Creare le vostre decorazioni: per le varie festività potete costruire centro tavola, decorazioni da appendere alle pareti e alle porte a tema natalizio, pasquale, estivo o qualsiasi altra occasione vi venga in mente!

Riciclare vestiti usati per realizzare nuove creazioni: da una vecchia camicia o da vecchi maglioni potete ricavare una gonna o un grembiule, una nuova federa per il cuscino del vostro divano, dei simpatici bavaglini per i vostri bambini o addirittura una custodia per le vostre bottiglie di vino. Non dimenticate che i guanti possono diventare simpatici peluches e che gli scarti di abbigliamento e tessuti possono diventare giocattoli per i vostri amici a quattro zampe. I vecchi collant imbottiti o le vecchie cravatte possono diventare degli utili para spifferi. I foulard invece possono avvolgere di tutto per dare nuova vita a vecchi oggetti.

Riciclare vecchie cinture: potete riciclare le vecchie cinture per farla diventare un collare per il cane o una cornice ma anche un semplice bracciale di cuoio.

Tags:

 
 

Quando acquistare il climatizzatore ideale diventa un gioco da ragazzi

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Si può dire tranquillamente addio a tutte le difficoltà che solitamente si incontrano nella scelta del condizionatore o del climatizzatore perfetto da installare nella propria casa. Sul sito https://www.desivero.com/configura-il-tuo-impianto c’è un tool di una semplicità disarmante.

Parliamo del nuovo Wizard di Desivero, un percorso mirato in cui vengono poste domande definite a cui rispondere per trovare la soluzione più adatta e acquistare, in questo modo, il dispositivo perfetto per la propria abitazione.

I quesiti, posti da professionisti del settore, prendono in considerazione tutti gli interrogativi sull’installazione di un impianto di condizionamento: le domande alle quali viene chiesto di rispondere sono, infatti, pertinenti e aiutano ad avere un quadro più chiaro della situazione in cui dovrà essere installato il giusto apparecchio per il raffreddamento della casa.

Se la soluzione abitativa è una villa indipendente, un appartamento con più stanze o un monolocale, l’impianto di condizionamento dovrà rispondere a delle esigenze ben definite. Le domande, quindi, riguardano sia aspetti di carattere generale che argomenti più puramente tecnici. Solo progettando un quadro completo della situazione in cui si andrà a installare il condizionatore o il climatizzatore si potrà optare per una scelta buona, quella che rientra nel classico detto “massima resa, minima spesa”.

Soluzione inadatte o accessori sbagliati sono all’ordine del giorno ma alla fine di questo tour dinamico, a cui rispondere semplicemente cliccando sulla risposta che corrisponde alla propria situazione, si avranno dei suggerimenti sui prodotti migliori da scegliere per poter sconfiggere il caldo e ritrovare quell’adorato refrigerio che tanto manca con l’afosa calura estiva.

Con il configuratore di Desivero le soluzioni proposte possono poi essere configurate a seconda della grandezza dell’ambiente ricevendo, inoltre, un prospetto dei costi da sostenere e le azioni necessarie per l’installazione del nuovo impianto di condizionamento.

Wizard di Desivero ti dice qual è la soluzione migliore per te

La soluzione per la scelta del condizionatore ideale prende in gioco diversi fattori: se, per esempio, si vive in un appartamento e, non si intende dimorarvi a lungo, allora il modo migliore per raffreddare l’aria senza spendere un patrimonio è il condizionatore portatile: le sue dimensioni sono ridotte, è una soluzione vantaggiosa economicamente e non comporta lavori di alcun tipo. Il motivo è molto semplice: per installarlo non vanno fatti buchi sul muro e il costo dell’apparecchio è di per sé molto contenuto (ovviamente, all’interno di un range di prezzi che varia in base a prestazioni e funzioni incluse). Il dispositivo esprime il massimo della funzionalità in ambienti di modeste dimensioni ma presenta un consumo energetico piuttosto elevato a fronte di un raffreddamento abbastanza limitato e un grado di rumore alquanto fastidioso.

I condizionatori fissi, invece, possono prevedere l’unità esterna oppure no. Nel caso dei condizionatori con unità esterna, l’unità secondaria può essere collegata a una o più bocchette distribuite all’interno dell’abitazione. Il vantaggio è che il rumore è ridotto a zero (dato che il motore è collocato nella parte esterna dell’abitazione), lo svantaggio è che bisogna praticare dei lavori di muratura e avvalersi di personale qualificato che provveda al montaggio e all’installazione del condizionatore.

I condizionatori senza unità esterna sono ovviamente da preferirsi per quelle soluzioni in cui non si vuole (oppure si è impossibilitati a) installare l’unità esterna (per esempio nelle case situate nei centri storici). Da tenere in considerazione il fattore rumore poiché il motore, interno dell’apparecchio, potrebbe causare lievi fastidi acustici.

Scegliere il condizionatore perfetto soltanto sulla base di preferenze personali potrebbe, quindi, risultare rischioso e avvalersi dei consigli degli esperti potrebbe essere un’ottima mossa, soprattutto se sono semplici e comodi da ottenere come quelli del Wizard di Desivero.

Tags:

 
 

Gli orti spaziali della Nasa scelgono i prodotti Osram

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Si chiama FoodTech ed è un nuovo progetto sul quale sta lavorando la Nasa, l’ente statunitense che si occupa del programma spaziale e della ricerca aerospaziale, per cercare di far crescere verdure e ortaggi per nutrire gli astronauti impegnati nelle missioni.

L’insalata nello spazio

Le navicelle spaziali della Nasa diventano piccoli orti: la notizia, curiosa, arriva proprio dagli Stati Uniti e riguarda il nuovo progetto dell’Agenzia a stelle e strisce, che intende realizzare delle aree attrezzate a bordo delle “astronavi”, per far crescere insalata e ortaggi destinate a nutrire gli astronauti. Un obiettivo reso possibile grazie agli sviluppi della tecnologia, e in particolare ai nuovi sistemi di illuminazione intelligente di Osram.

La tecnologia a servizio della Nasa

Grazie all’intermediazione di Hort Americas, società che lavora a stretto contatto con i principali produttori di materiale elettrico per fornire ai proprietari di serre, agli operatori impegnati nell’agricoltura verticale e ai ricercatori statunitensi i prodotti più all’avanguardia e convenienti in grado di aiutarli a raggiungere i loro obiettivi di produzione e qualità, la compagnia originaria della Germania è stata presentata alla Nasa, a cui ha sottoposto in particolare il progetto Phytofy RL, sistema proprietario connesso per l’illuminazione in agricoltura che dovrebbe consentire appunto di fornire agli equipaggi alimenti freschi e sicuri.

Il nuovo sistema di Osram

Secondo quanto comunicato, la compagnia bavarese ha sviluppato il software, l’hardware e i LED di Phytofy, specifici per l’orticoltura e capaci di emettere le lunghezze d’onda necessarie alla crescita ottimale di una grande varietà di fiori e piante, con la possibilità di adattare la luce alle esigenze delle diverse colture. D’altra parte, è da anni che l’azienda è leader di mercato anche in Italia, con una distribuzione capillare sia offline che sui portali online come shop.puntoluce.net che ha reso l’azienda, che di recente ha lanciato anche la linea Osram Ledvance, uno dei simboli dell’industria globale dell’illuminazione hi-tech.

Una collaborazione esclusiva

A fornire qualche dettaglio ulteriore è Steve Graves, program manager strategico per l’agricoltura urbana e digitale di Osram Innovation America, che ha raccontato che l’azienda “sta sviluppando tecnologie dell’illuminazione intelligenti e innovative, in grado di migliorare la produzione degli alimenti in molti ambienti diversi, persino nello spazio“. Una linea di ricerca che ha intercettato il lavoro che da decenni portano avanti gli scienziati della Nasa, che a loro volta hanno sviluppato un gran numero di invenzioni utilissime nonché straordinarie; per Osram, dunque, “è un onore contribuire alla realizzazione di altre innovazioni attraverso le nostre tecnologie, e siamo entusiasti delle opzioni che Phytofy RL offrirà a una grande varietà di applicazioni orticole; i nostri team sono felici di continuare a imparare e perfezionare la configurazione prima di commercializzare questa soluzione esclusiva entro l’anno prossimo”, conclude il manager.

Un software intelligente per l’illuminazione artificiale

Nello specifico, è stato anticipato che il software intelligente lavorerà insieme a una configurazione unica di apparecchi connessi e dedicati specificamente alla crescita delle piante, integrandosi nella tecnologia dell’illuminazione utilizzata dalla NASA per consentire la crescita ottimale di una grande varietà di fiori e piante, a cominciare appunto dalle colture di insalata e ortaggi che serviranno per alimentare gli equipaggi durante i viaggi nello spazio.

Tags:

 
 

Illuminazione bagno: come scegliere lampade e luci

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Come illuminare il bagno? Guida alla scelta di lampade e punti luce per il bagno: idee, consigli, suggerimenti e foto ispirazione.

Fonte: Pinterest

 

Luci per bagno: quali lampade scegliere

Cerchi un sistema di illuminazione generale per tutto il bagno?

Valuta plafoniere e lampade a sospensione.
Per avere un ambiente tutto illuminato è indispensabile scegliere una luce centrale posizionata molto in alto. Nessun modello può illuminare meglio di un lampadario appeso al centro del soffitto che proietta in modo uniforme dei fasci di luce diffusi in tutta la stanza. Se il bagno è grande o se desideri un’illuminazione intensa monta due plafoniere con accensione sincronizzata.

Ti serve una luce funzionale a servizio dello specchio?

Scegli luci per specchi oppure specchi bagno con luci integrate.
Per illuminare lo specchio del bagno la fonte di luce ottimale è frontale e diffusa, una luce intensa ma non abbagliante, una luce che illumina tutto il viso senza creare ombre.
Per avere la giusta luce vicino allo specchio del bagno puoi acquistare una specchiera con luce integrata oppure posizionare applique o faretti subito sopra lo specchio, direttamente sullo specchio o ai lati. Uno specchio retroilluminato è la soluzione più efficace per illuminare al meglio senza dar fastidio ma se preferisci delle lampade applique da parete valuta bene dove fissarle in modo che il fascio luminoso non rifletta nello specchio.

Vuoi illuminare l’interno della doccia e la zona della vasca?

La soluzione migliore sono i faretti da incasso.
Piccoli, poco ingombranti, funzionali, perfetti per illuminare angoli strategici del bagno. Posizionali sul soffitto sopra la doccia o sopra la vasca così da illuminarle internamente. Valuta l’altezza del soffitto: se le dimensioni lo consentono puoi creare un ribassamento e posizionare uno o più faretti nel controsoffitto. Gioco di luci assicurato.
Presta attenzione alla tua sicurezza e assicurati che i faretti scelti possono entrare in contatto con schizzi d’acqua e umidità senza creare cortocircuti. In tutta la casa, in particolare in bagno, è necessario rispettare le importanti norme di sicurezza che regolano il possibile contatto con l’acqua il grado di protezione IP.

Non sai resistere ad un luce scenografica da accendere in particolari occasioni?

Scegli faretti orientabili, meglio se dotati di dimmer per regolarne l’intensità.
Luci d’atmosfera emozionali perfette durante un bagno rilassante nella vasca idromassaggio o per una doccia più lunga del solito. Per creare un “effetto cromoterapia” scegli luci decorative colorate ad intermittenza e trasforma il tuo bagno in una spa personale, in un’invidiabile zona relax.
In alternativa potresti valutare delle strisce led luminose da posizionare dove desideri, ad esempio intorno allo specchio, sotto un pensile, in una nicchia. Idee brillanti dal grande impatto scenografico.

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTO…
La migliore illuminazione per il bagno prevede fonti di luce diverse: nessun modello di lampada citato fino ad ora esclude l’altro, ognuno è perfetto in una particolare zona del bagno, pensato per svolgere una diversa attività. L’illuminazione ideale si basa su più luci indipendenti che si accendono e spengono ciascuna con il proprio interruttore.

Luce bagno: calda o fredda?

In bagno meglio luce calda o fredda? Meglio luce bianca o gialla? Cosa vuol dire? Come riconoscerla?
La temperatura di colore della luce è comunemente indicata in gradi Kelvin. I valori più bassi (tra i 2400° e 3300° K) corrispondono alle tonalità calde tendenti al giallo mentre i valori più alti (sopra i 5300° K) corrispondono alla luce fredda tendente al bianco freddo appunto. Chi preferisce la cosiddetta “luce neutra” può acquistare lampadine con valori tra i 3300° e 5300° K, la luce percepita tenderà al bianco.

Una tonalità di luce per ogni occasione e utilizzo:
luci per la stanza da bagno: luce fredda per un’idea di ordine e pulizia, luce calda per una sensazione di piacevole calore e accoglienza;
luci per specchio bagno: è consigliata una luce tendente al bianco neutro per non modificare il colore della pelle quando ci si specchia e per avere sempre una luce il più possibile naturale.

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTO…
Un’ottima soluzione per illuminare correttamente il bagno potrebbe essere quella di scegliere un lampadario a luce fredda sospeso a centro stanza che illumina tutto l’ambiente, punti luce e faretti a luce calda per la zona vasca e doccia, applique e lampade da muro a luce neutra per la specchiera.

Lampade bagno: foto gallery

Sei indeciso sull’illuminazione per il tuo bagno? Lasciati ispirare dalle immagini di lampade per bagno proposte in questa fotogalleria.
Per vedere altri modelli, per conoscere tutte le caratteristiche e i prezzi visita il sito Lampade.it.
Se hai bisogno di consigli e aiuto nella scelta contatta gratuitamente il servizio clienti.

Lampade da soffitto rotonde che illuminano tutto il bagno

Plafoniera moderna quadrata perfetta per il soffitto del bagno

Lampada a muro pensata per illuminare la specchiera del bagno

Lampada a led da fissare alla specchiera del bagno

Faretti orientabili per illuminare al meglio ogni angolo del bagno

 

Tags: ,

 
 

Cose da sapere prima di installare un video citofono

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Prima di acquistare e installare un videocitofono ci sono diverse cose di cui bisogna essere a conoscenza, per questo di seguito andiamo ad analizzare quali sono gli incentivi fruibili, come avviene a grandi linee il montaggio e l’installazione ed infine qual è la migliore marca di videocitofoni presente sul mercato.

Innanzi tutto il videocitofono (o il citofono) rappresenta lo strumento ideale per comunicare con chi si trova all’esterno dell’abitazione, potendo prima verificarne l’identità. Proprio per svolgere questa operazione si può scegliere se semplicemente comunicare con l’ospite mediante o vederlo con il videocitofono.

Passiamo ora alle possibilità messe a disposizione di chi vuole acquistare un videocitofono. Si tratta dell’esistenza di incentivi che consentono di detrarre il 50% dell’ammontare speso per comprare, installare o sostituire questo dispositivo. Ciò rappresenta un motivo in più per scegliere questa soluzione visto che si recupera la metà della somma investita godendo così dispositivo moderno.

Come montare un videocitofono

Relativamente al montaggio del videocitofono, spesso siamo portati a credere che si tratti di un’operazione complessa, in realtà non è così e per questo vediamo cosa è necessario sapere prima di realizzarla.

Per il montaggio di un videocitofono, oltre ad esso è necessario avere un cavo a 2 fili, un cavodotto (che sia i grado di collegare l’esterno e l’interno della casa), un corrugato (per collegare il videocitofono all’alimentazione) e un gesso (per l’operazione di stucco sul muro che copra il corrugato). Lo svolgimento di questa operazione richiede sempre l’osservazione di tutte le norme di sicurezza presenti sull’etichetta relativa al prodotto, in modo da evitare con certezza ogni possibile evento negativo, come ad esempio ogni tipo di danneggiamento del dispositivo o eventuali infortuni.

In ogni caso prima di procedere in qualsiasi tipo di lavoro, in questo ambito è necessario interrompere ogni fonte di energia elettrica, proprio per evitare spiacevoli conseguenze come la scossa, sempre deleteria per la nostra salute.

Per procedere al montaggio bisogna innanzi tutto prendere una pulsantiera esterna da collocare appositamente in una zona riparata dal sole e ad un’altezza grosso modo di 1 metro e 60 centimetri, stesso discorso, anche per quanto attiene alle misure, vale per il videocitofono. Dopo di che bisogna collegare tutte le unità utilizzando i cavi prima citati. Quando tale operazione è completata resta solo il fissaggio rispettivo che avviene sfruttando un supporto a muro o una base. Per fissare il supporto si possono utilizzare una livella e un trapano, dopo di che utilizzando i cavi giusti si può procedere con il completamento del videocitofono a disposizione.

Qual è la migliore marca presente sul mercato?

Detto di come procedere al montaggio di un videocitofono andiamo ora a vedere qual è la principale marca di questo prodotto che si trova sul mercato e che ci garantisce qualità ed affidabilità. Le marche note sono tante, ma fra queste spicca sicuramente uno dei dispositivi più richiesti nel nostro paese, stiamo parlando dei videocitofoni Bticino, questo perchè ha sempre soddisfatto le esigenze di tutti, come provano le tante testimonianza dei clienti.

Tags: ,

 
 

Bella Casa: il nuovo modo di fare shopping per il tuo ambiente

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Un’oasi dedicata allo stile per la casa all’interno dei punti vendita Brico Io: Bella Casa è il nuovo corner shop che porta nel mondo del fai da te una vasta selezione di prodotti di arredamento con un’innovativa esperienza di shopping.

L’acquisto in negozio si unisce infatti alla comodità dello shopping online grazie alla presenza di tanti prodotti in esposizione ai quali si affianca un catalogo di oltre 5000 articoli disponibili tramite l’esclusivo sistema i-Wall®.

Il monitor touch screen del sistema i-Wall® permette di esplorare il catalogo prodotti e consultarne tutti i dettagli, nonché scoprire di più sugli articoli presenti in esposizione, il tutto utilizzando un sistema di facile utilizzo e completo di tutte le informazioni.
L’ordine può essere inviato direttamente dal dispositivo i-Wall® e poi concluso alle casse del punto vendita.

Un mix fresco e innovativo tra negozio fisico e shop online che non manca di accompagnare il cliente in ogni fase grazie al Personal Shopper sempre presente nel corner shop, una figura dedicata pronta a offrire assistenza e una consulenza mirata e competente.

Sempre in linea con le tendenze del momento e con una particolare attenzione verso lo stile e la funzionalità, la proposta Bella Casa include complementi d’arredo per ogni ambiente e un’ampia varietà di modelli e fasce di prezzo.

L’esposizione di ogni punto vendita è unica perché progettata in modo esclusivo e rinnovata periodicamente per offrire ai propri clienti una proposta sempre fresca, varia e aggiornata.

Un’esperienza di shopping ancora più comoda e conveniente perché integrata ai servizi offerti dai negozi Brico Io, da trent’anni insegna di riferimento nel mondo del fai da te e del bricolage.

Gli ordini inviati tramite i-Wall® possono essere ritirati presso il punto vendita oppure consegnati direttamente al proprio indirizzo, in più è possibile approfittare delle promozioni periodicamente offerte dai punti vendita.

Inaugurato nel novembre 2017 con l’apertura del primo shop in shop a Bergamo, il format Bella Casa conta già una serie di punti vendita dislocati sul territorio italiano e tante nuove aperture previste, con l’obiettivo di allargare il servizio a tutto il territorio coprendo le maggiori città italiane.

Per scoprire di più sul progetto Bella Casa è possibile visitare il sito http://bellacasa.it e la pagina Facebook https://www.facebook.com/BellaCasaShopIT

Tags: ,

 
 

5 ragioni per scommettere sul microcemento in terrazza

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Il microcemento è uno dei rivestimenti decorativi più resistenti ideale per gli esterni, in un giardino, una terrazza o una corte con piscina. È un materiale che deriva dal cemento tradizionale che viene in seguito scomposto in molecole rendendolo così più duraturo, più omogeneo e visualmente più attraente. È un’ottima scelta per gli esterni perchè, oltre ad essere impermeabile al 100%, sopporta molto bene i cambi di temperatura.
Così se stai pensando di rinnovare la tua terrazza ti darò 5 motivi che ti convinceranno a optare per il microcemento come scelta principale. Cosa ne dici?

1-Perchè non ha bisogno di giunte di dilatazione e alla vista è prezioso

Uno degi aspetti positivi di questo rivestimento è che la superficie, che sia parete o pavimento, appare completamente omogenea e continua. Al contrario di piastrelle o ceramiche, il microcemento non prevede giunte e perciò il risultato è uno spazio uniforme e liscio, molto più gradevole alla vista.
Dal momento che è prevista l’applicazione di una rete di fibra alla base per far in modo che il microcemento aderisca adeguatamente, è importante che sia un professionista ad installarlo.

2-Perchè è impermeabile

Ed è pertanto un’ottima scelta per rivestire un pavimento intorno alla piscina. In ogni caso è meglio aggiungere una mano di antiscivolo, come consigliano da Topciment®, impresa fabbricante di microcemento che ha apportato la sua esperienza in progetti prestigiosi come quello della Casa Sardinera.
La sua impermeabilità all’acqua aiuta il microcemento di fronte a cambi bruschi di temperatura che generalmente si producono negli esterni di una casa con il cambio di stagione.
Al momento di scegliere lo spessore, sarà necessario consultare un professionista per capire quante mani richiederà il rivestimento, in base alla tipologia di costruzione. Avere il microcemento in una zona dove ci siano piogge costanti è diverso da averlo in una zona dove il sole brilla la maggior parte dell’anno.

3-Perchè dura nel tempo


E perciò in esterno, dove l’usura dei pavimenti è più considerevole, (con il frequente transito, i sassi, gli urti..) è una buona opzione da tenere in conto. Nonostante ciò, bisogna comunque prendersene cura e trattarlo evitando gli urti violenti o le abrasioni, cosicchè il nostro materiale possa godere della miglior vita, soprattutto nel pavimento.

4-Perchè è veloce da installare


Da Topciment®, l’impresa pioniera nella fabbricazione di microcemento in Spagna, assicurano che un altro dei suoi grandi vantaggi è che “lo puoi aggiungere domani stesso nella tua terrazza, senza dover fare troppi lavori di ristrutturazione”. Sì, perchè per farlo non è richiesto nè il taglio di porte, visto che il suo spessore è molto sottile (solo 2 o 3 mm), nè la rimozione delle piastrelle o del pavimento originale. Così non dovrai passare un lungo periodo tra ristrutturazione e polvere. Inoltre, la sua rapida installazione permette che ci si possa camminare sopra già dal giorno dopo!

5-Perchè ha una manutenzione semplice


Può essere facilmente pulito con un panno umido e un po’ di detergente neutro, anche se i professionisti consigliano di utilizzare una cera specifica per questo tipo di rivestimento. Non avendo giunte di dilatazione non presenta accumuli di polvere come altri materiali, però è importante prendersene cura. L’ideale è pulirlo ogni settimana: così facendo è possibile evitare che lo sporco si incrosti nel materiale.
Qualche attenzione e un po’ d’affetto e il nostro pavimento sarà sempre come nuovo!

Tags:

 
 

Infissi in PVC: perché le finestre in PVC sono un’ottima scelta

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Design

È opinione diffusa che installare una finestra in pvc è la migliore scelta per ristrutturare casa grazie all’eccellente rapporto qualità prezzo di questi infissi. Principalmente per questo motivo negli ultimi anni abbiamo visto una crescente vendita di finestre e porte finestre in pvc sia per la sostituzione di vecchie finestre durante una ristrutturazione che nuove installazioni per le costruzioni da zero di edifici o anche in case prefabbricate.

Costo infisso in pvc al mq

 

Il motivo di tale successo risiede nelle ottime proprietà tecniche del pvc e dal suo costo relativamente basso. Ad esempio se parliamo di costi e prezzi al mq degli infissi, notiamo subiro che una finestra in pvc in media costa da 150€ ai 350€ al mq rispetto ad una finestra in legno o in alluminio a taglio termico che possono costare anche 300€ o 400€ al mq.

Sempre in tema di costi da non sottovalutare che il costo finale di una finestra, dipende ovviamente dalla sua dimensione in mq, ma anche dai seguenti parametri che lo possono far variare anche del 50%:

  • Apertura: numero ante, a ribalta, a vasistas, a bilico, …
  • Finiture: serrature, tapparelle, motorizzazione, …
  • Colore: finto legno, semplice, colorata, …
  • Vetro: doppio, triplo, antisfondamento, …

 

A chiusura, considerate che nel prezzo di sostituzione ed installazione di nuovi fineste dovete anche considerare quanto costa la posa in opera di una finestra. Questo valore si calcola per singola finestra o porta finestra da installare e in media vale 100€ se non si devono fare particolari lavori di muratura per posizionare il telaio.

Ricordatevi che sostituire gli infissi in pvc vi permette di usufruire anche delle detrazioni fiscale del 65% per il risparmio energetico.

Vantaggi finestre in pvc

Torniamo alla domanda iniziale, perché le finestre in PVC sono le più vendute? Il PVC è un materiale plastico che permette di ottenere dei prodotti con ottime caratteristiche di isolamento e resistenza ad un costo non elevato. Grazie alle sue proprietà diversi sono i vantaggi delle finestre in pvc.

Un infisso in PVC gode di una bassa conducibilità termica garantendo al calore interno di casa di non disperdersi esternamente con un notevole risparmio energetico. Oltre ad un isolamento termico possiamo ottenere un ottimo livello di isolamento acustico dai rumori di strada. Il PVC è un materiale leggero, resistente al fuoco e durevole nel tempo.

Tags:

 
 

Tavolo di Design resistente e pratico: il legno massello

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Design

Il tavolo è il battito del cuore di ogni casa intorno al quale si vivono una moltitudine di situazioni, esperienze ed emozioni: un appuntamento, una festa tra amici, una cena con le persone più care… per questo motivo scegliere un bel tavolo è di fondamentale importanza per rendere il tuo soggiorno, la tua cucina o il tuo living unico e speciale.

Il legno è il materiale che da sempre siamo abituati a vedere, toccare e odorare nelle nostre case: il senso di calore, di accoglienza e di calma intimità lo rendono senza alcun dubbio il principe di ogni concetto di design, moderno o classico che sia.

In questo articolo vogliamo farvi conoscere un’azienda che dei tavoli in legno massello ne ha fatto il suo più grande vanto e virtù: Xlab Design.

Artigianato digitale Xlab Design

Xlab Design è una realtà ormai consolidata nel panorama dell’artigianato italiano, un team di giovani ragazzi che si è posta una semplice domanda a cui ha saputo dare una risposta: nell’era del trionfo digitale, c’è ancora spazio per il “fatto a mano?”.
La soluzione è stata quella di racchiudere in un’unica strada concetti che potrebbero sembrare anteposti: una falegnameria online dove manualità, ingegno e creatività sono strumenti di crescita e innovazione.

Artigiani digitali potremmo definirli.

Il “saper fare con le mani” utilizzando l’e-commerce per proporsi al meglio, vendere in tutto il mondo, realizzando nella “bottega digitale” tavoli in legno massello di design non standardizzati, altamente personalizzabili mantenendo la relazione post- vendita con il cliente in modo semplice, veloce ed efficace.

Perché scegliere un tavolo in legno massello Xlab Design?

Tornando al principio del nostro articolo, la domanda allora è: perché acquistare un tavolo Xlab Design?

Non vogliamo annoiarvi con le molteplici caratteristiche e gli infiniti pregi che rendono il legno massello il “materiale per eccellenza” tra i materiali. Il vero obiettivo è rendervi partecipi di quanto i tavoli in legno massello di design a marchio Xlab racchiudano la bellezza, la gioia e la vera essenza interiore del mondo che ci circonda.
L’artigianato made in Italy è il più apprezzato sin dai tempi più remoti: Xlab tramanda segreti e metodi di lavoro di generazione in generazione realizzando tavoli in legno massello di design di altissima qualità, abile progettazione e invidiabile bellezza estetica.

I tavoli di design Xlab realizzati in legno massello garantiscono resistenza e durata nel tempo, aggiungendo all’ambiente calore e tradizione, semplicità ed essenzialità: caratteristiche inseparabili ed insostituibili che solo una materia come il legno è in grado di offrirci. Uno tra i principi cardine di Xlab Design è quello di lavorare la vera natura del legno, senza alterarne l’aspetto.

Ogni tavolo di design Xlab è un gioco di sfumature, contrasti di luce ed ombre dove le fiammature, le venature e le crepe prendono vita donando un insieme di emozioni e sensazioni, forti e profonde.
Siamo certi che quando guarderai il tuo tavolo Xlab Design saprai di aver fatto la scelta giusta.

Tags: ,

 
 




Torna su