Coffee Break






 
 
 

Midnight Blue, la collezione di Natale di Zara Home

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

Argento e oro, velluto e marmo, sullo sfondo di un blu profondo, caratterizzano la nuova collezione Midnight Blue di Zara Home; un mood sofisticato e raffinato per il Natale 2018.

Midnight Blue, the Christmas collection of Zara Home

Silver and gold, velvet and marble, against a deep blue background, characterize the new Midnight Blue collection by Zara Home; a sophisticated and refined mood for Christmas 2018.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

La seconda vita di un laboratorio artigianale

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break

Un progetto di cafelab architetti per trasformare un laboratorio artigianale dismesso in una moderna abitazione privata in un angolo di alto pregio nel cuore del Parco dell’Appia Antica a Roma.

La fabbrica è addossata su tre lati al muro di confine del lotto lungo e stretto; una disposizione che ha il vantaggio di garantire la massima privacy nella casa, la nuova costruzione mantiene così i volumi della preesistenza:
si sviluppa in lunghezza ad un solo piano con affaccio unico verso il giardino privato.

Le finestrature sono ampie e riempiono la casa di luce naturale creando una reale sensazione di compenetrazione fra ambiente interno ed esterno.

Per ricordare il passato industriale la casa ha le pareti esterne rivestite con pannelli di corten e infissi acciaio estruso a freddo, quello che una volta prendeva il nome di ferrofinestra.

Il giardino urbano, di dimensioni contenute è così caratterizato da materiali naturali, il corten, delle pareti della casa, il legno del deck e la pietra della pavimentazione.


Hai bisogno di aiuto con il tuo progetto? Clicca qui per richiedere la nostra consulenza preliminare

A former workshop and its second life in Rome

A project of cafelab architects to transform a former craft workshop into a modern private home located in an area of high value in the heart of the Appia Antica Park in Rome.

The factory is leaning on three sides to the boundary wall of the long and narrow lot; a position that has the advantage of guaranteeing the maximum privacy of the house, the new building maintains the volumes of the pre-existence:
the single-storey building has windows only towards the private garden.

The windows are large and fill the house with natural light creating a feeling of interpenetration between internal and external environment.

To remember the industrial past, the house has exterior walls covered with corten panels and cold-extruded steel frames.

The small urban garden is characterized by natural materials, the corten, the walls of the house, the wood of the deck and the paving stone.


Let’s talk about your next project: click here to request preliminary advice

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Calde suggestioni per la stagione AW2018 di Zara

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

Lana e flanella nei colori pastello scaldano gli interni di Zara Home per la collezione AW2018.

Warm suggestions for the Zara Home AW2018 season

Wool and flannel in pastel colors warm up the interior of Zara Home for the AW2018 collection.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags: ,

 
 

Villa Capriglio: la casa che scompare nel nulla

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, News

Nascosta tra i boschi delle colline torinesi, tra le nebbie quasi abituali della strada che congiunge Chieri a Pino Torinese, si erge quello che rimane di una imponente villa settecentesca chiamata Villa Capriglio.

Un esempio di barocco piemontese caratterizzato da signorili influenze juvarriane nell’architettura e nelle decorazioni interne, funestato però una storia lunga e sfortunata che inizia nel 1706 quando gli allora proprietari del terreno, i Marchisio, iniziarono la costruzione della “Vigna Marchisio” e del palazzo da utilizzare come residenza di campagna.

Questa venne ceduta ancora incompleta al Duca di Capriglio, da cui prese il nome, e passò poi al Regio Demanio: si coniò allora la battuta del suo passare “dal Demanio al Demonio”.

Si racconta che la sfortuna di Villa Capriglio iniziò nel 1800 quando un architetto, che si diceva fosse adepto di Satana, decise di costruire nei sotterranei della villa una serie di cunicoli che confluivano in una stanza nascosta dove si sarebbero celebrate messe nere. Si dice inoltre che abbia addirittura convinto i proprietari dell’epoca ad unirsi a lui in tali cerimonie perverse.

Sono di quegli anni le numerose storie di belle e giovani fanciulle prelevate dalle campagne e poi fatte sparire nel nulla.

Le messe nere richiamarono oscure presenze e quando la villa venne acquistata da un’altra famiglia, ai primi del ‘900, il capofamiglia impazzì e spinto dalle presenze maligne che albergavano in quella casa assassinò moglie e tre figli, i cui fantasmi infestano la casa.

Ancora oggi c’è chi racconta di luci all’interno dell’edificio di notte, di suoni di musica di pianoforte, di risate e figure evanescenti che si muovono nel selciato e che spariscono se si punta loro addosso una fonte luminosa.

Si dice che nelle notti invernali di plenilunio, quando cala la nebbia, la casa scompaia nel nulla per ricomparire solo al mattino…

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Un vivace appartamento sulla Rambla

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors, Interni

Situato nel cuore di Barcellona, nella Ciutat Vella (Città Vecchia) questo piccolo appartamento unisce i caratteri dell’edilizia tradizionale con uno stile moderno e accogliente.

Prenota questo appartamento su Booking risparmia 15€!

A lively apartment on the Rambla

Located in the heart of Barcelona, in the Ciutat Vella (Old Town) this small apartment combines the characteristics of traditional building with a modern and welcoming style.

book this apartment on booking and save € 15!

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Icone del design: Pirce di Artemide

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Design

Pierce è un’altra iconica lampada che rappresenta orgogliosamente il made in Italy; disegnata da Giuseppe Maurizio Scutellà per Artemide, è una sospensione semplice ma dallo straordinario effetto:
ricavata da un unico disco di allumino tagliato a laser ricade si dispiega per gravità con una serie di anelli che non sono circolari come può sembrare dalle immagini

Pierce di Artemide ha vinto numerosi premi come per esempio il Red Dot Award, il Good Design Award e l’iF Design Award.
La lampada disponibile nelle versioni sospensione, soffitto e applique e in varie dimensioni 97, 68 e 48 cm di diametro e nelle finiture bianco e oro.

Clicca qui per acquistare Pirce di Artemide su Amazon 

Design icons: Pirce by Artemide

Pierce is another iconic lamp that proudly represents Made in Italy; designed by Giuseppe Maurizio Scutellà for Artemide, has a simple design with an extraordinary effect:
Made from a single laser-cut aluminum disk, unfolds by gravity with a series of rings, not circular as it may seem from the images

Pierce di Artemide has won numerous awards such as the Red Dot Award, the Good Design Award and the iF Design Award.
The lamp is available in the suspension, ceiling and wall versions and in various sizes 97, 68 and 48 cm in diameter and in white and gold finishes.

click here to buy Pirce by Artemide on Amazon

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags: ,

 
 

A Santorini affacciati sui vulcani

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Complici le temperature ancora calde rimane la voglia di fuggire per un weekend in questo boutique hotel sulla scogliera di Imerovigli a Santorini con una fantastica vista sui vulcani e sul mare.

A villa overlooking the volcanoes

Thanks to the temperatures still warm, there is still the desire to escape for a weekend in this boutique hotel on the cliffs of Imerovigli in Santorini with a fantastic view of the volcanoes and the sea.

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Un moderno spazio di vendita in bianco e nero

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Design

Oggi vi presentiamo il progetto e le visualizzazioni fatte da cafelab architetti per il rinnovamento di un negozio di scarpe e accessori a Roma.

Il negozio che abbiamo trovato aveva la tradizionale disposizione frammentata con ingresso, vetrina interna, area di vendita interna, bancone e retrocassa.
Collaborando con la proprietà, forte di molti anni di esperienza nel settore, abbiamo creato un moderno spazio di vendita caratterizzato dal design continuo delle mensole e pedane espositive con una quinta di fondo dedicata a borse e accessorize che si distingue per il trattamento differenziato di forme e colorazione.

Sapevamo che una volta rimosse le partizioni e le pareti di cartongesso avremmo avuto la presenza dei pilastri della struttura in ferro che sorregge il soppalco adibito a magazzino, i pilastri sono stati dipinti di nero, chiusi con policarbonato opalino e retroilluminanti creando degli interessanti elementi  che contrastano sul bianco opaco degli arredi su misura e scandiscono lo spazio.

Il negozio rinnovato risulta molto più luminoso e gli articoli in vendita sono più visibili da un passante occasionale all’esterno e si è incrementata anche superficie espositiva, liberando lo spazio dalla presenza delle ingombranti e poco attraenti scatole di cartone.

L’utilizzo della realtà aumentata e dei renderings a 360 gradi ha giocato un ruolo fondamentale in fase decisionale: la committenza ha potuto *toccare con mano* aree espositive, altezze dei ripiani e vetrine e anche gli artigiani hanno avuto chiaro qual’era il risultato finale che si aspettava da loro.

Hai bisogno di aiuto con il tuo progetto? Clicca qui per richiedere la nostra consulenza preliminare

esplora il progetto a 360 gradi

A retail in black and white

Today we present the views made by cafelab architects for the renovation project of a shoe and accessories store.

The shop we found had the traditional fragmented layout with entrance, inside window, internal sales area, counter and back-setting.
Collaborating with the property, strong of many years of experience in the field, we have created a modern sales space characterized by the continuous design of the shelves and display platforms with a fifth fund dedicated to bags and accessorize that stands out for the differentiated treatment of shapes and coloration.

The refurbished shop is much brighter and the items on sale are more visible from an occasional passer-by outside and the display area has also increased, freeing the space from the presence of bulky and unattractive cardboard boxes.

The use of augmented reality and 360-degree renderings played a fundamental role in the decision-making phase: the client was able * to touch with hand * exhibition areas, shelf heights and shop windows and even the artisans were clear what the result was final that was expected of them.

Let’s talk about your next project: click here to request preliminary advice

immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Il bello dei materiali: il legno 1

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Design

La conoscenza approfondita dei materiali non solo quelli da costruzione ma soprattutto tutti quei materiali che contribuiscono a dare personalità a un progetto è molto importante per un architetto, per noi di CAFElab è molto interessante studiare le possibilità e sperimentare gli utilizzi dei materiali, che siano gli ultimi ritrovati della tecnologia industriale come quelli più tradizionali.
Uno dei materiali da manifattura più diffusi al mondo è naturalmente, il legno,
su cui c’è una sapienza millenaria, fatta di esperienze e tecnicne di lavorazione tradizionali che rischiamo di perdere.
Questo è il primo di una serie di articoli con cui esploreremo le qualità delle essenze più comunemente utilizzate

100.000 alberi diversi

In tutto il mondo sono state identificate oltre 100.000 diverse specie di alberi; molte sono in pericolo, inaccessibili o non sono adatti per essere utilizzati come legname. In effetti, solo una piccolissima parte viene utilizzata come materiale da costruzione, una piccola porzione che però comprende oltre 500 specie

Per lo più tendiamo ad utilizzare essenze geograficamente vicine, la Quercia, il Castagno e varie conifere come il Pino, l’Abete e il Larice ma in tutto il mondo si trovano legni dalle qualità e dai colori più variegati

Misurare la durezza

Uno dei modi per classificare e quindi identificare il possibile utilizzo di un legno è la durezza: ci sono vari metodi empirici, in Europa si predilige il test di Brinell, che consiste nel misurare l’impronta lasciata da una sfera di ferro da 1 cm su cui si esercita una pressione calcolata in chili per centimetro quadrato.

Sulla base della durezza i legni si dividono in tenerissimi, teneri, mediocremente duri, molto duri, durissimi e ossei

Comprensibilmente più un legno è duro, più è difficile lavorarlo

il Ritiro

E’ un indicatore fondamentale: il legno asciugandosi si contrae, questo è spesso un buon indicatore di quanto il legno si deformerà in seguito ai cambiamenti ambientali, un effetto chiamato movimento stagionale.
Si dice spesso che il legno è vivo perchè, per esempio, assorbe l’umidità dell’aria contraendosi o espandendosi.
Un legno che si muove molto non è adatto per applicazioni in cui la deformazione non è accettabile.

Ci sono altri fattori che qualificano un legno come il peso, la stabilità e la presenza e la disposizione dei nodi che possono caratterizzare un legno in maniera distintiva, come per esempio il larice.
E infine il colore gioca probabilmente il ruolo più importante nella scelta dell’essenza anche se naturalmente un legno può essere trattato per assumere qualsiasi tipo di aspetto.

The beauty of materials: wood 1

The in-depth knowledge of both building materials and those that contribute to giving personality to a project is very important for an architect, for us at CAFElab it is very interesting to study the possibilities and experiment with the use of materials, both the latest findings of industrial technology as well as the more traditional ones.

One of the most widespread manufacturing materials in the world is, of course, wood, on which there is a millennial wisdom, made up of experiences and traditional manufacturing techniques that we risk losing.
This is the first of a series of articles with which we will explore the qualities of the most commonly used essences

100,000 different trees

More than 100,000 different tree species have been identified worldwide; many are in danger, inaccessible or are not suitable for use as lumber. In fact, only a very small part is used as a building material, a small portion that however includes over 500 species
Mostly we tend to use geographically close essences, the Oak, the Chestnut and various conifers such as Pine, Fir and Larch but all over the world we find woods with the most varied qualities and colors.

Measure hardness

One of the methods for classifying and therefore identifying the possible use of a wood is the hardness: there are various empirical methods, in Europe the Brinell test is preferred, which consists in measuring the impression left by a 1 cm iron sphere on which pressure is exerted
Based on the hardness of the wood are divided into very tender, tender, moderately hard, very hard and bony. Understandably, more wood is hard, the harder it is to work it

Shrinkage

It is a fundamental indicator: the drying wood contracts, this is often a good indicator of how the wood will deform as a result of environmental changes, an effect called seasonal movement. It is often said that wood is alive because, for example, it absorbs moisture from the air by contracting or expanding. A wood that moves a lot is not suitable for applications where the deformation is not acceptable.

There are other factors that qualify a wood such as weight, stability and the presence and arrangement of the knots that can characterize a wood in a distinctive way, such as larch.
And finally, color plays probably the most important role in the choice of the essence even if naturally a wood can be treated to take on any kind of appearance.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Vecchio e nuovo in un piccolo appartamento polacco

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors
Suggestioni, arredi e strutture vecchie e nuove sono state sapientemente affiancate nel recupero di questo piccolo appartamento a Cracovia, Polonia. Legno, mattoni a vista e una particolare geometria del tetto sono infatti esaltati dal moderno parquet chiaro in terra e dagli arredi minimali, per lo più bianchi.

Old and new in a small Polish apartment

Suggestions, furnishings and old and new structures have been skillfully combined in the recovery of this small apartment in Krakow, Poland. Wood, exposed brick and a particular geometry of the roof are in fact enhanced by the modern light parquet floor and minimal furnishings, mostly white.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 




Torna su