Coffee Break






 
 
 

Un loft con piscina in un teatro abbandonato

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Interiors, Interni
Questo loft con piscina, dal design elegante e sofisticato, era in origine un teatro; la struttura si trova nel quartiere di Poblenou, nel cuore di Barcellona ed è stato trasformato in un loft con piscina grazie agli architetti di Cadaval e Sola Morales. Gli arredi ricercati e le grandi vetrate contrastano con successo con i vecchi muri in mattoni riportati alla luce.

A loft with a pool in an former theater

This loft with pool, with an elegant and sophisticated design, was originally a theater; the property is located in the Poblenou district, in the heart of Barcelona and has been transformed into a loft with a swimming pool thanks to the architects of Cadaval and Sola Morales. The refined furnishings and large windows contrast successfully with the old brick walls brought to light.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto: Sandra Pereznieto
_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags: ,

 
 

Un loft brutalista per l’architetto

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Interiors, Interni, Stili
Questo loft dal mood brutalista si trova sull’ Avenida Paulista, l’arteria principale di San Paolo, in Brasile; scelto come propria abitazione dall’architetto Eduardo F. Correia, l’appartamento di circa 65m², è all’interno di un edificio dallo stile brutalista degli anni ’50, disegnato da Jacques Pillon e Gian Carlo Gasperini. Il progetto ha rivisto il layout della casa e l’arredamento, costituito da arredi in stile minimalista con alcuni pezzi iconici. 

A brutalist loft for the architect

This loft with a brutalist mood is located on Avenida Paulista, the main artery of São Paulo, Brazil; chosen as its own lodge by the architect Eduardo F. Correia, the apartment of about 65m², is inside a building with a brutalist style of the 50s, designed by Jacques Pillon and Gian Carlo Gasperini. The project has revised the home’s layout and furnishings, consisting of minimalist-style furnishings with some iconic pieces.

 

Foto: Salvador Cordaro
_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags: ,

 
 

Realizzare ARCHITETTURA (ma non in italia)

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break

L’innovativo progetto dello studio di architettura tailandese Octane architect&design, ci porta in una villa privata tailandese.
L’architettura è caratterizzata da volumi disposti liberamente fuori terra, la struttura e le coperture convergono verso un cortile centrale che svolge le funzioni dell’Atrium di una Domus dell’antica Roma:
“un cortile, dove la luce del sole è lasciata libera di passare e dove può cadere la pioggia. Il muro diagonale collega la struttura esterna dell’edificio con quella del cortile, così come fa il tetto (inclinato)”

Ma, mettendo da parte per un momento l’eleganza della soluzione, concedeteci per una volta uno sfogo.

Sono quasi 10 anni che su Coffee Break condividiamo con voi i progetti di architettura che ci colpiscono e ci ispirano;
la quasi totalità dei progetti che trovate qui NON sono stati realizzati in Italia

In progetti come questi salta dolorosamente agli occhi la libertà di cui hanno potuto godere gli architetti e i loro committenti:
anno di realizzazione 2019, volumi liberamente disposti sul terreno, grandissime vetrate…

Impensabile per noi!

In Italia ci vorrebbero anni; un progetto del genere starebbe ancora girando per uffici pubblici, in 5 copie, accantonato in un angolo da svogliati impiegati, in attesa del nulla osta, del silenzio assenzo, dell’integrazione, con un faldone si riempirebbe di richieste, solleciti, numeri di protocollo ecc ecc

O peggio, sarebbe stato ferocemente osteggiato da tutti coloro che non concepiscono qualcosa di diverso dall’edilizia vernacolare, la famosa edilizia povera ma sapiente, che dovrebbe “sorprendere per la felice sintesi forma-materia”,  ma che nella maggiorparte dei casi delude, perchè l’edilizia che vediamo girando lo sguardo tutta questa sapienza non ce l’ha.

Così mentre in altri paesi gli architetti hanno la possibilità di portare avanti una ricerca architettonica concreta, sperimentare materiali e soluzioni, realizzare architettura, fare cultura,
in Italia, no, un architetto anche quando riceve carta bianca  dal committente, al massimo può progettare qualcosa che sia accettabile dall’articolo di un tal Regio Decreto e che sia anche mimetico coi palazzotti che stanno intorno, costruiti nel dopoguerra, con un pò di mattoni, tufo, e quel pò di cemento che a giudizio del mastro bastava per farli rimanere in piedi.

L’Italia è famosa in tutto il mondo per la sua meravigliosa architettura perchè i nostri predecessori hanno avuto coraggio, hanno osato sperimentare e spingere le tecniche e i materiali ai limiti.
Oggi invece ci viene imposto di arrenderci all’indolenza di una burocrazia elefantiaca che si nasconde dietro leggi e normative, abbassare il livello, non osare, non progettare.

Questo si traduce in immobilismo e arretratezza

E noi non ci stiamo.

immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

La casa curva sulla costa Australiana

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break

Questa casa costruita in un piccolo centro abitato in Australia rispecchia le ondulazioni della marea e del paesaggio con la forma ad arco.

Una lunga curva si estende da Nord a Sud, massimizzando le viste verso il mare e seguire il profilo della scogliera.
Il tetto curvo della Tidal Arc House lascia entrare la luce del mattino in casa ombreggiando l’edificio per il resto del giorno, proteggendolo dal caldo torrido

Dalla facciata esterna, i materiali si estendo con naturalezza agli interni, abbracciando pavimenti e colonne in pietra calcarea e cemento, i freschi toni grigi del cemento contrastano con la brillante luce solare australiana.
Mentre i legni scuri, il marmo grigio, il bronzo e l’ottone danno un senso di lussuosità, accentuata da pezzi di unici realizzati su disegno.

The curved house on the Australian coast

This house built in a small inhabited center in Australia reflects the undulations of the tide and the landscape with the arch shape.

A long curve extends from North to South, maximizing the views towards the sea and following the profile of the cliff.
The curved roof of the Tidal Arc House lets the morning light enter the house shading the building for the rest of the day, protecting it from the scorching heat

From the external façade, the materials extend naturally to the interiors, embracing limestone and concrete floors and columns, the cool gray tones of the cement contrast with the bright Australian sunlight.
While dark woods, gray marble, bronze and brass give a sense of luxury, accentuated by unique pieces made to design.

immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Architettura introversa in Messico

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break

Una casa unifamiliare, solida e chiusa all’esterno, quasi un monolite di cemento disposto attorno a un cortile centrale.
Alla durezza esterna dell’edificio, in cemento e pietra si contrappone un’atmosfera morbida e accogliente per i suoi abitanti, con la facciata sud aperta alla vista e gli interni con pavimenti e pareti in legno naturale

Introverted architecture in Mexico


A single-family house, solid and closed to the outside, almost a concrete monolith arranged around a central courtyard.
The external hardness of the building, in concrete and stone contrasts with a soft and welcoming interior atmosphere for its inhabitants, with natural wood floors and walls.

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Una villa contemporanea in Israele

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Interiors, Interni

Sotto i cieli soleggiati di Haifa, in Israele, House F è stata recentemente completata da A.M.N Architecture.
L’obiettivo principale di questo progetto è stato quello di creare uno spazio moderno e minimalista che avesse tutti i comfort della vita contemporanea, sfruttando allo stesso tempo la bellezza di uno spazio all’aperto in una calda giornata di sole.

Grande enfasi è stata data alle finestre a tutta altezza che, grazie alla pianta fluida permettono alla luce di diffondersi da un ambiente all’altro.

A contemporary villa in Israel

Under the sunny skies of Haifa, Israel, House F was recently completed by A.M.N Architecture.
The main objective of this project was to create a modern and minimalist space that had all the comforts of contemporary life, while exploiting the beauty of an outdoor space on a warm sunny day.

Great emphasis was given to full-height windows which, thanks to the fluid layout, allow light to spread from one room to another.

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Morbidi toni neutri a Taiwan

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Interiors, Interni

Una residenza privata caratterizzata dal delicato utilizzo di superfici materiche raffinate e dai toni neutri e rilassanti

Soft tones in Taiwan

A private residence characterized by the delicate use of refined material surfaces and neutral and relaxing tones

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Zara Home, ecco la collezione Primavera/Estate 2019

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Decor

La collezione Zara Home per la Primavera/Estate 2019 è pensata per godere le lunghe ore di sole da condividere con gli amici e la famiglia. In vacanza o a casa, a leggere a bordo piscina su un asciugamano fresco, a letto con un fresco lenzuolo di lino che copre la pelle, i prodotti sono in materiali ricercati ed organici, con trame riconoscibili e decorative come il lino e i colori che brillano alla luce vivida del sole estivo.

Zara Home, here is the Spring / Summer 2019 collection

The Zara Home collection for Spring / Summer 2019 is designed to enjoy long hours of sharing with friends and family. On holiday at home, a bed by the pool on a fresh towel, the products are in refined and organic materials, with recognizable and decorative textures such as linen and the colors that shine in the bright light of the summer sun.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

L’ex conceria diventa un loft vista lago

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors, Interni
Un’ex conceria di pelle in Svezia, risalente al 1888, è stata trasformata in un loft, con una terrazza sul tetto di 45 m² che offre una vista mozzafiato sul Lago Järla. Sono stati lasciati a vista i pilastri in acciaio e recuperate le ampie vetrate, che donano agli spazi una grande luminosità. L’interno è moderno, con arredi di design e alcuni tocchi classici, tipici dello stile nordico, come bianco ovunque, pavimento in legno naturale e dettagli in ferro finestra nero. 

The former tannery becomes a loft with a lake view

A former leather tannery in Sweden, dating back to 1888, has been transformed into a loft, with a 45 m² roof terrace offering breathtaking views of Lake Järla. The steel pillars were left exposed and the large windows were recovered, which give the spaces a great brightness. The interior is modern, with designer furnishings and some classic touches, typical of the Nordic style, like white everywhere, natural wood flooring and black iron window details.


Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Un capannone rurale trasformato in loft ad Ibiza

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Interiors, Interni
L’architetto Jurjen van Hulzen ha trasformare un capannone abbandonato di 100 anni in un loft contemporaneo. Un tempo il capannone, situato in un remoto campo di montagna nella parte settentrionale di Ibiza, ospitava un laboratorio e un magazzino; oggi è stato trasformato in una foresteria. Dell’edificio originale, in pessime condizioni, sono state mantenute le pareti e parte del tetto, creando un guscio vuoto che ha consentito agli architetti di inventare i suoi elementi spaziali da zero. A complicazione però, l’edificio non aveva elettricità, acqua o sistemi fognari; così è statocreato un pozzo privato e sono stati installati pannelli solari per l’acqua calda, il riscaldamento a pavimento e l’elettricità, donando alla casa anche l’autosostenibilità.

A rural shed converted into a loft in Ibiza

Architect Jurjen van Hulzen has transformed a 100-year-old abandoned shed into a contemporary loft. Once the shed, located in a remote mountain field in the northern part of Ibiza, housed a laboratory and a warehouse; today it has been transformed into a guesthouse. Of the original building, in poor condition, the walls and part of the roof were maintained, creating an empty shell that allowed the architects to invent its spatial elements from scratch. As a complication, however, the building had no electricity, water or sewage systems; so a private well was created and solar panels for hot water, underfloor heating and electricity were installed, giving the home self-sustainability.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 




Torna su