Dettagli Home Decor






 
 
 

Risparmio energetico: i trucchi per l’inverno

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor

riscaldare casa evitando gli sprechi

Vuoi riscaldare la casa in modo efficiente e funzionale, facendo attenzione agli sprechi? Ecco qualche consiglio pratico.

Il risparmio energetico in casa è importante, non solo per salvaguardare l’ambiente ma anche per risparmiare sulla bolletta.

A partire dal prossimo anno l’Unione Europea ha stabilito che tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere quasi a zero consumo (ECCN).  Le caratteristiche principali di questa tipologia di edifici sono un design bioclimatico per sfruttare al meglio il sole, un isolamento termico che facilita lo scambio ottimale di temperature tra l’interno e l’esterno, una ventilazione controllata per garantire la qualità dell’ambiente, l’utilizzo delle energie rinnovabili e l’applicazione di materiali ecologici e natuarali.

Per chi vive in una casa vecchia e utilizza i tradizionali sistemi di riscaldamento, ci sono alcune soluzioni da poter adottare per ottenere un risparmio energetico e quindi economico.

Isolamento delle pareti

Per isolare la casa dal freddo, possiamo iniziare con l’isolamento delle pareti di casa che danno sull’esterno. La soluzione ottimale è quella di rivestire le pareti con appositi pannelli isolanti, ad esempio in sughero o in polistirene, i due materiali più utilizzati nell’edilizia per le coibentazioni. In alternativa all’applicazione dei pannelli isolanti, si può scegliere di collocare i mobili della casa, come ad esempio un armadio, una credenza, sulle pareti che danno verso l’esterno. In questo modo diminuiscono le dispersioni dovute al freddo che penetra dai muri ma, naturalmente, si tratta di una soluzione meno efficiente.

isolamento delle pareti

 Sostituire la vecchia caldaia

Per un miglior risparmio energetico è importante valutare la sostituzione della vecchia caldaia con un modello a condensazione. Non dimenticate che in questo caso è possibile usufruire delle detrazioni fiscali, confermate anche per tutto il 2019.

Programmare il cronotermostato

Il termostato è uno dei trucchi più efficaci per un risparmio energetico ed economico. La temperatura interna deve essere mantenuta costante, così facendo non ci ritroveremo al freddo mentre il riscaldamento va al massimo per raggiungere la temperatura desiderata aumentando i consumi. Programmando il termostato per avere una temperatura costante di 19°-20° si risparmia e la casa sarà sempre confortevole.

programmare il cronotermostato

Evitare gli spifferi

Per chi vive in una casa vecchia gli spifferi che passano dalle finestre e da sotto le porte sono un problema. Per un risparmio energetico è importante eseguire un corretto e attento isolamento degli infissi. La soluzione ottimale resta comunque la sostituzione dei vecchi infissi con modelli ad alta efficienza energetica.

evitare gli spifferi

Il cambio d’aria d’inverno

Un altro accorgimento per evitare dispersioni di calore è il cambio d’aria. Evitate di spalancare le finestre per un tempo troppo lungo, per fare il cambio d’aria bastano infatti 10 minuti!

Tappeti per isolare il pavimento

Durante la stagione invernale i tappeti sono un ottimo alleato contro il freddo: arredano e isolano il pavimento dal freddo. Il nostro consiglio è di prevedere l’inserimento di un tappeto negli ambienti più vissuti della casa.

tappeti per isolare il pavimento

 

L’articolo Risparmio energetico: i trucchi per l’inverno proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Cucina in legno, perché piace sempre di più

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor

cucina moderna legno naturale di Stosa

Cucina in legno, un classico? Si. Senza tempo. Ed è proprio per questa sua peculiarità che in un’epoca dove tutto ha vita breve e dove le cose vengono create per essere utilizzate e gettate nel breve termine, tutto ciò che racchiude in sé le caratteristiche di durevolezza e atemporalità conquista sempre più consensi.

Una cucina di legno è per sempre. Il suo carattere atemporale la rende irresistibile. Non ci si stanca perché è facile darle un nuovo look adattandola alle tendenze del momento. Sembra un paradosso però è proprio così: a differenza dei più moderni laccati e delle cucine colorate, che vincolano molto di più possibili cambiamenti, il legno permette di essere sempre al passo con la moda, adattandosi con piccoli dettagli di stile. Un esempio? Gli elettrodomestici colorati, come il frigorifero Smeg. Una nota di colore che darà un volto nuovo alla nostra cucina in legno.

cucina legno scuro con figorifero smeg colorato

cucina in legno di Febal

Per chi invece preferisce il ton sur ton, il legno e i marroni possono anche combinarsi insieme. Molto diffuso nell’ultimo periodo è il pavimento in parquet che si interrompe nella zona lavoro per lasciare spazio alle piastrelle, più funzionali e meno delicate. La cucina in legno si abbina perfettamente anche al pavimento bianco, creando un piacevole contrasto di tonalità.

cucina moderna di Stosa

cucina moderna in legno naturale di Stosa

cucina Boffi

isola cucina moderna di Boffi

Il legno si combina con stile non solo con tutti i colori, ma anche con tutti i materiali. I tessuti dei complementi d’arredo, l’acciaio del piano cottura, la ceramica delle piastrelle e la pietra del top cucina sono in completa armonia proprio grazie alla presenza importante del legno che funge da connettore.

cucina BRASS di Miniforms

cucina legno e ottone modello BRASS di Miniforms

Chi l’ha detto che legno significa antiquato? In passato si è pensato erroneamente che una cucina in legno sia una cucina antiquata e che sia molto più interessante sperimentare materiali nuovi, dimenticando il grado di personalizzazione offerto dal legno e la sua capacità di adattarsi alle linee più moderne. Proprio grazie alla sua capacità di fondersi con ogni materiale, il legno può essere accompagnato da piani cucina realizzati con materiali di ultima generazione o pareti in microcemento.

cucina moderna Cloe di Cesar

cucina legno e finitura cemento Cloe di Cesar

piano cucina in acciaio

cucina in legno con piano di lavoro acciaio. Miniforms

Non dimentichiamoci infine dello scopo fondamentale dell’arredamento: l’importanza di stare bene in un ambiente. E se si parla di calore e senso di casa, il legno non ha rivali, soprattutto in cucina, luogo di aggregazione per antonomasia all’interno dell’ambiente domestico. La cucina deve essere accogliente e esprimere calore. E cosa c’è di più caldo del legno?

cucina Artematica di Valcucine

cucina Artematica di valcucine

Un consiglio: quando si sceglie una cucina in legno è importante prestare attenzione alla provenienza della materia prima. Il legname deve sempre essere certificato e proveniente da zone controllate e non soggette a disboscamento.

L’articolo Cucina in legno, perché piace sempre di più proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Chalet in stile minimal sulle Alpi francesi

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor, Stili

chalet Komani - Le Collectionist

In affitto nel sito Le Collectionist, chalet Komani è il risultato di un mix perfetto tra design contemporaneo e tradizione.

Situato in Alta Savoia, chalet Komani èstato pensato per ospitare fino a 10 persone, offrendo il massimo comfort. Tutti gli ambienti in stile minimal sono caratterizzati da pareti di un raffinato grigio perla che ben si sposano con il caldo soffitto di legno, mentre gli elementi d’arredo neri e dalle tinte soft creano un piacevole gioco di contrasti. Una palette cromatica neutra che contribuisce a creare un’atmosfera rilassata, casual e allo stesso tempo elegante.

Le ampie finestre inondano gli spazi di luce naturale e regalano una vista spettacolare sulle Alpi.

chalet Komani, il soggiorno

chalet Komani, parete con camino

chalet Komani, il soggiorno

chalet Komani, zona giorno

chalet Komani, tavolo da pranzo

chalet Komani, la cucina

chalet Komani, tavolo cucina

chalet Komani, camera da letto

chalet Komani, bagno con sauna

chalet Komani, camera da letto

chalet Komani, bagno

chalet Komani, ingresso

www.lecollectionist.com

L’articolo Chalet in stile minimal sulle Alpi francesi proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Sostituzione vasca doccia senza opere murarie

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

sostituire vasca con doccia senza opere di muratura

Unico, veloce e pratico. E’ il nuovo metodo di Fiora per la sostituzione vasca doccia senza opere murarie.

La sostituzione vasca doccia è un argomento di grande attualità. Spesso in bagno si utilizzano vasche obsolete che non si caratterizzano per comodità e design; la loro sostituzione spesso si rimanda per timore di perdersi in lavori di muratura che implicano tempi lunghi e costi elevati.

Grazie al metodo di FIORA queste criticità non hanno ragione di esistere. Si tratta un supporto estensibile, SEP SYSTEM, che consente di sostituire agevolmente la vasca da bagno, un pratico sistema di montaggio su binari che non richiede alcuna opera muraria, nè malta. Un sistema intelligente, nel rispetto della norma DIN.

Per creare uno spazio doccia intimo e avvolgente, le pareti possono essere rivestite facilmente con i pannelli della collezione SKIN PANELS nella stessa finitura del piatto doccia. Sono pannelli decorativi ideati per rinnovare in poco tempo spazi esistenti o rivestire pareti di nuova costruzione.

Questi pannelli costituiscono il complemento perfetto nella sostituzione della vasca con la doccia perché vanno a rivestire l’area su cui rimangono scoperte le vecchie piastrelle apportando immediata estetica allo spazio in questione.

Tutto questo permette la sostituzione vasca doccia senza operere murarie: si installano sulla parete con colla adesiva abbinata al colore del pannello, e si incastrano tra loro con un semplice clic. Le misure standard dei pannelli sono 2,40 metri di altezza e larghezze di 0,70, 0,80, 0,90 e 1 metro.

ristrutturazione bagno

doccia Fiora

Nel caso in cui queste misure non fossero sufficienti, Fiora offre la possibilità di personalizzare i pannelli tagliandoli su misura, rendendoli adatti a ricoprire spazi come colonne, finestre o angoli particolari. Il materiale utilizzato per i piatti doccia e per i pannelli è il SILEXPOL, un brevetto FIORA: si tratta di un composto omogeneo di silice e quarzo agglomerato con un polimero che lo rende antiscivolo, resistente allo sporco, ai batteri e alla muffa, con una densità di 1.900 kg/m3 e un coefficiente di assorbimento dello 0,01%. La resistenza all’urto è decisamente simile alla media delle pietre naturali e presenta inoltre una buona resistenza alla flessione. In caso di rotture accidentali il prodotto può essere ripristinato com’era in origine, permettendo un ulteriore risparmio economico e di tempo.

ristrutturare il bagno

doccia Fiora

FIORA utilizza Nanobath, la nanotecnologia che trasforma i piatti in materiali repellenti all’acqua, facile da pulire e mantenere.

L’articolo Sostituzione vasca doccia senza opere murarie proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Wikkelhouse, la casa prefabbricata di cartone

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor

Wikkelhouse by Fiction Factory

Wikkelhouse, ovvero “casa da imballaggio”, nasce da un’idea della società olandese Fiction Factory. Questa casa, costituita interamente da cartone 100% riciclabile, è davvero una rivoluzione per il mondo della costruzione: si assembla in sole 24 ore e può durare per molti anni.

La Wikkelhouse viene realizzata con cartone ad alta resistenza con uno stampo a forma di casa, che viene avvolto da 24 strati di cartone che a loro volta vengono ricoperti con un foglio impermeabile ma traspirante. Questo garantisce che il cartone non si alteri durante la pioggia, consentendo comunque all’umidità di fuoriuscire dal cartone. Il rivestimento esterno viene invece realizzato in legno di pino tinto e protegge la lamina contro i raggi UV / luce solare.

Wikkelhouse, la casa prefabbricata di catone  immersa nel bosco

Wikkelhouse, ingresso casa pprefabbricata di cartone

Wikklehouse, parete vetrata casa prefabbricata di cartone

Wikkelhouse è un concetto flessibile e modulare. La costruzione può essere infatti ampliata con moduli aggiuntivi contenente servizi igienici, bagno e cucina, semplicemente interconnessi per formare una casa o un piccolo ufficio. In generale, per via della sua costruzione leggera in cartone, non sono necessarie fondamenta.

Wikkelhouse, interno

 

Wikkelhouse, inerno

Wikkelhouse, casa prefabbricata modulare

Wikkelhouse, camera e bagno

Questa casa prefabbricata di cartone soddisfa inoltre gli standard di alloggio temporanei e permanenti: è tre volte più sostenibile rispetto alla costruzione tradizionale con una durata stimata di almeno 50 anni e la possibilità di riutilizzare i moduli, ne garantisce la sostenibilità.

Wikkelhouse, la casa prefabbricata di cartone in costruzione

Wikkelhouse in costruzione

Wikkelhouse, casa prefabbricata in cartone 100% riciclabile

Wikkelhouse, una casa prefabbricata installata in giardino

Wikkelhouse, una casa prefabbricata sull'acqua

Già installate in numerosi campeggi in tutta Europa, queste micro case in cartone sono ora disponibili per l’acquisto in Francia, Germania, Regno Unito, Danimarca, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. In Italia la Wikkelhouse dovrebbe arrivare quest’anno.

L’articolo Wikkelhouse, la casa prefabbricata di cartone proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Toni neutri, da sempre i più amati. Ecco perché

Pubblicato da blog ospite in Colori, Dettagli Home Decor

toni neutri nell'interior design

Dalla moda all’interior design, i toni neutri sono una risorsa molto importante quando si lavora con i colori.

I toni neutri sono composti da tre colori completamente acromatici: il bianco, il grigio, nelle sue diverse sfumature, e il nero. Miscelandoli tra loro si ottiene la gamma completa dei toni neutri come il beige o il visone, il terracotta, oppure un elegante grigio perla e un’ampia varietà di verdi, marroni e blu.

Ecco i principali vantaggi nello scegliere i toni neutri per arredare casa.

Stanno bene con tutti i colori

La caratteristica principale dei toni neutri è la capacità di combinarsi con facilità a qualsiasi altro colore. Una qualità estremamente utile quando si deve arredare una stanza o l’intera casa.  Se volete essere certi di ottenere un buon risultato finale, prima di procedere con gli acquisti scrivete in un foglio quali colori e sfumature vorreste utilizzare. Valutate bene come interagiscono tra loro ed eventualmente modificateli fino a trovare la combinazione perfetta.

toni neutri nell'interior design

toni neutri nell'interior design

Si adattano a qualsiasi stile di decorazione

I toni neutri non solo stanno bene con tutti i colori, ma si adattano perfettamente a qualsiasi stile di decorazione. Dal classico a quello industriale, dallo stile rustico al minimalista scandinavo, ma anche interni dal carattere eclittico o bohemien, scegliere una buona palette di toni neutri vi permetterà di valorizzare al meglio gli spazi e lo stile d’arredo scelto.

toni neutri nell'interior design

 

toni neutri nell'interior design

Il bianco è sempre un must

Tra i colori che fanno parte dei toni neutri, il bianco è sempre un must e in assoluto il più versatile e ancora il più usato nell’interior design. Il bianco si sa, è il colore che rende più luminosi e spaziosi gli interni, due caratteristiche che potete ottenere optando per altri toni neutri, come le sfumature più soft dei grigi e dei marroni. Inoltre, queste due tonalità, contribuiranno a spezzare la freddezza del bianco in favore di uno spazio più caldo e accogliente. Per chi invece desidera ottenere un interno dal carattere più forte, allora meglio puntare sul nero.

toni neutri nell'interior design

toni neutri nell'interior design

Interni puliti e sofisticati

La scelta di utilizzare i toni neutri come base per la decorazione degli interni è una delle chiavi per ottenere uno spazio pulito, sofisticato e dal look attuale. Inoltre, un mix di toni neutri regalerà agli interni una piacevole atmosfera rilassata. Per aggiungere qualche elemento a contrasto vi basterà giocare con diverse sfumature di colore, o inserire qualche complemento e oggetto decor dai colori vivaci.

toni neutri nell'interior design

toni neutri nell'interior design

 

L’articolo Toni neutri, da sempre i più amati. Ecco perché proviene da Dettagli Home Decor.

Tags: ,

 
 

Party di Capodanno: idee in bianco, nero e oro

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

Due giorni ci separano dalla notte di Capodanno e fervono i preparativi per la festa più frizzante dell’anno.

Se avete scelto di festeggiare l’arrivo del 2019 tra le mura domestiche, la tavola sarà la protagonista e per questo andrà allestita con una speciale mise en place pensata per l’occasione. Naturalmente, oltre a pensare alla tavola, non bisogna trascurare le tante decorazioni utili a ricreare l’atmosfera di festa, quindi sbizzarritevi con festoni, palloncini, sfere di carta, cappellini, coriandoli e così via!  

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

Per chi desidera un allestimento vivace e frizzante, il bianco, nero e oro sono l’abbinamento perfetto. Ecco per voi tante idee e spunti per un party di Capodanno scintillante!

elegante mise en place di Capodanno

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

idee e spunti per un party di Capodanno scintillante

 

L’articolo Party di Capodanno: idee in bianco, nero e oro proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

5 elementi fondamentali per la cameretta dei bambini

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

arredare la cameretta dei bambini

Quando si arreda la cameretta, spesso ci si lascia prendere dall’entusiasmo e si commettono errori dati dalla voglia di creare un ambiente il più possibile “da bambini”. In realtà la maggior parte degli elementi d’arredo, se scelti con una visione a lungo termine, possono durare fino alle scuole primarie e oltre. La regola fondamentale è quella di optare sempre per la qualità e valutare il valore dell’investimento in termini di durata e prestazioni.

Letto evolutivo

Il primo elemento d’arredo, indispensabile per una cameretta, è il letto evolutivo. Ormai esistono in commercio tantissime varianti di questo tipo di letto, che vanno dalla prima fino alla quarta o addirittura quinta posizione. Dalla culla si passa al divanetto fino ad arrivare a letti junior di 160 m. Un unico investimento iniziale che permette di essere sfruttato a lungo.

Basterà scegliere un colore neutro che si adatti alle varie tappe della camera dei bambini.

lettino evolutivo e trasformista

lettino evolutivo Oliver Furniture

lettino evolutivo e trasformista Matata

lettino evolutivo e trasformista Matata

lettino evolutivo e trasformista Matata

Scrivania

Anche per quanto riguarda la scrivania è bene andare con cautela quando ci si accinge a comprare. L’opzione evolutiva rimane la soluzione migliore. Molte scrivanie per bambini offrono la possibilità di ampliarsi in larghezza e in altezza, e questo è importantissimo per evitare acquisti inutili. Piuttosto che scegliere una scrivania brandizzata con i personaggi del momento, meglio lasciare che questo tipo di personalizzazioni le faccia il bambino, acquistando mobili in tinta unita che si possano adeguare ai cambi di moda e crescere insieme ai loro piccoli proprietari.

scrivania evolutiva per bambini

panca e scrivania Evolution

scrivania evolutiva per bambini

scrivania evolutiva Brooklyn

Mensole

Un oggetto che non passa mai di moda e che è sempre utilissimo sono le mensole. Nella cameretta è bene posizionarle in modo strategico: alcune alla loro altezza, magari con i loro libri e con i loro peluches preferiti, altre invece in alto, fuori dalla loro portata, per riporvi tutto ciò che è meglio che non venga usato senza supervisione!

Il legno è sempre un materiale perfetto, versatile, e che si presta ad essere colorato per poi essere riportato nuovamente al suo tono originale.

mensole in legno per bambini

mensole Rafa Kids

In alternativa alle mensole vanno benissimo anche dei semplici contenitori da fissare a parete, magari optando per alcuni chiusi e altri aperti!

contenitori a parete per camerette

contenitori colorati aperti e chiusi LAGO

Cassettiere

Sotto al letto. Una soluzione che risolve tantissimi problemi di spazio e di ordine. La maggior parte dei bambini invade la propria cameretta con tantissimi giochi, e poi la voglia di riordinare è sempre poca. Con delle cassettiere alla loro portata sarà più semplice indurli a rimettere a posto quando finiscono di giocare. Quando poi non giocheranno più, questi pratici contenitori potranno essere destinati ad altro, ad esempio al cambio stagione.

letto singolo con cassetti per la cameretta

letto singolo con cassetti Nidi

Armadi e librerie fai da te o di recupero

Sempre a proposito della continua necessità di ordine e pulizia richieste dalla camera dei bambini, armadi e librerie realizzati fai da te, in cartongesso oppure in compensato, si rivelano essere un ottimo alleato. Anche in questo caso si tratta di elementi di arredo che non smettono di essere utili, dai primi anni dei bambini fino all’adolescenza, passando dai giocattoli ai libri di scuola. Funzionali, nascondono i giochi (e il disordine) con stile!

armadio fai da te per la cameretta

Se invece avete a disposizione un vecchio armadio inutilizzato, potete procedere con un veloce restyling e sfruttarlo nella cameretta.

armadio di recupero per la cameretta

 

L’articolo 5 elementi fondamentali per la cameretta dei bambini proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Ghirlanda fai da te con la frutta

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

come realizzare una ghirlanda con la frutta

Cosa ne dite di realizzare una decorazione profumata per abbellire la cucina durante le feste?

Oggi vi proponiamo un semplice tutorial per realizzare una ghirlanda fai da te con la frutta.

Le ghirlande di Natale sono un vero e proprio must have, ma se ne realizziamo una con la frutta, possiamo lasciarla appesa anche dopo le feste.

Ecco di cosa avrai bisogno per creare la tua ghirlanda di frutta:

  • Mele assortite, pere e arance
  • Noci
  • Ago per tappezzeria
  • Spago
  • Carta da forno

ghirlanda con frutta secca

Tutorial

1. Scegli una varietà di mele, pere e arance dai colori vivaci.

frutta fresca

2. Taglia la frutta a fette sottili e disponile sulla griglia da forno sopra una teglia.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

3. Lascia cuocere la frutta in forno a 150 gradi, dalle cinque alle sei ore.  Quando la frutta sarà completamente secca, potrai toglierla dal forno. Lascia raffreddare la frutta prima di procedere con il passo successivo.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

4. Utilizza un ago per tappezzeria per infilare la frutta secca nel filo di corda. Tra un frutto e l’altro puoi aggiungere anche qualche noce e dei bastoncini di cannella.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

5. Appendi la ghirlanda alla finestra della cucina e il gioco è fatto!

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

 

L’articolo Ghirlanda fai da te con la frutta proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Decorare casa con le piante in inverno porta felicità

Pubblicato da blog ospite in Decor, Dettagli Home Decor

9 piante perfette per il periodo invernale

Le piante sono un elemento fondamentale in casa e non solo in primavera, quando la natura si risveglia. Anche l’inverno ha le sue piante e sono perfette per rendere la casa più viva, colorata, e soprattutto più felice.

Delle piante ci si prende cura, le si vede crescere giorno dopo giorno e poi fiorire, a volte sembra che ci stiano abbandonando e poi invece eccole riprendersi inaspettatamente: germogliano, si riproducono, sono una fonte inesauribile di energia.

Decorare casa con le piante è un’abitudine che oltre a regalare soddisfazioni, garantisce forme e colori meravigliosi.

Ecco alcune piante perfette per il periodo invernale, oltre alla classica Stella di Natale, che porteranno felicità nelle nostre case senza bisogno di essere necessariamente esperti giardinieri.

agrifoglio in vaso

Agrifoglio in versione pianta. Invece dei soliti rametti decorativi, perché non osare con un bella pianta in vaso? Perfetto per arredare balconi e terrazze, perché sopporta le basse temperature. Ha bisogno che la sua terra sia sempre umida.

cactus di natale

Sempre in tema natalizio, il Cactus di Natale, Schlumbergera. Pianta originaria del Brasile che preferisce l’interno, e che ama uscire in estate. Rispetto alle altre piante grasse richiede una maggior quantità di acqua, sempre da somministrare con moderazione.

echeveria

Un’altra pianta grassa, molto conosciuta e facilmente distinguibile per la sua forma che ricorda la rosa, è l’Echeveria. Ama la luce, ma non quella diretta. Non bisogna esagerare con l’acqua, perché la sua terra deve essere sempre secca. Molto importante: fare sempre attenzione a non bagnare le foglie perché potrebbero marcire.

croton

Codiaeum variegatum, volgarmente detto croton, è una pianta che trasmette una piacevole sensazione di autunno e cambio stagione, mostrandone gli aspetti e i colori più belli. Giallo, arancione e rosso in tutte le loro sfumature. Ha delle foglie particolari e resistenti.

pianta di agrumi in vaso

Agrumi, fuori in estate e dentro in inverno. Limoni, arance e mandarini vanno portati all’interno durante il periodo freddo. Vi faranno compagnia e in primavera saranno pronti per tornare all’aperto.

ciclamini bianchi

Il ciclamino, la sua fioritura solitamente è a fine inverno ed è una pianta che può durare a lungo. È importante che sia nutrito con potassio e nitrato, e preferisce il freddo al caldo. Trattandosi di un tubero, può durare a lungo, e regala grandi soddisfazioni.

rosa di natale

La Rosa di Natale, Elleboro nero. È una pianta che non ha bisogno di luce ma che si deve annaffiare con regolarità. Fiorisce anche tra le nevi, quindi le probabilità di vedere i suoi bianchi fiori sono decisamente alte.

Amaryllis

Amaryllis belladonna è un’altra pianta che resiste al freddo senza difficoltà, i suoi bulbi vanno in letargo in inverno e germogliano in autunno, cresce rapida e ha bisogno d’acqua.

Nandina domestica

Nandina domestica, Bambù sacro, è una pianta che arriva da oriente ed è abituata a temperature rigide, il che la rende perfetta se si desidera un balcone verde anche quando fa freddo. Fiorisce tra primavera ed estate e proprio durante il periodo natalizio produce bacche rosse. Ricorda il bambù per le sue foglie

 

L’articolo Decorare casa con le piante in inverno porta felicità proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 




Torna su