Easy Relooking






 
 
 

Cameretta neonato: minimalismo nordico o colore?

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

Come avrai letto se mi segui sulla pagina Facebook o su Instagram, a breve diventerò mamma.

Ormai manca davvero poco! e il tema “cameretta” è un tema a cui penso spesso.

Già, perché non è ancora ufficialmente pronta!

Questo perché nel frattempo stiamo anche ristrutturando quella che da Ottobre 2018 sarà la nostra nuova casa.

Sarà lì che Leo potrà avere la sua vera cameretta, che però prenderà forma piano piano.

cameretta_neonato_EasyRelooking

Nel frattempo sto raccogliendo possibili ispirazioni, cercando di individuare lo stile che possa adattarsi al meglio all’idea di cameretta che ho per lui!

Di seguito, ho diviso le camerette per neonato in due categorie: le camerette che definirei “dal minimalismo nordico” e camerette colorate. Tu quale stile preferisci?

Camerette dal minimalismo nordico 

La cameretta per neonati che definisco dal minimalismo nordico si basa su tonalità assolutamente neutre:

  • grigi
  • tortora
  • legno, chiaro o scuro, ma spesso coperto da tappeti bianchi

Il grigio a volte può variare verso un grigio con una punta di blu ma le tonalità restano sempre molto neutre.

Camerette colorate

Per quanto riguarda le camerette colorate, si può spaziare con la fantasia! ma mi è piaciuto selezionare delle camerette che potessero avere delle idee veramente speciali e che potessero essere replicate senza risultare per forza ridondanti.

Spesso le camerette di questo genere giocano sull’inserire una carta da parati particolare per dare risalto a una parete della camera.

O, perché no, dare risalto anche al soffitto! Infatti da neonato il bambino passa la maggior parte del suo tempo con lo sguardo all’insù 🙂

 

Insomma, le ispirazioni e le idee sono tante!

Ma una cosa che accomuna le camerette più in voga su Pinterest c’è….

 

…i ritratti di animali di Sharon Montrose!

In molte fotografie vi sarà capitato di imbattervi in questi quadretti che raffigurano cuccioli di animali.

Ebbene, questi ritratti sono reali!

Sharon ha realmente fotografato questi animali. Sul sito The Animal Prints Shop potete acquistarli, mentre sul sito Sharon Montrose potete scoprire qualcosa di più su Sharon e le sue fotografie.

 

L’articolo Cameretta neonato: minimalismo nordico o colore? proviene da easyrelooking.

Tags: ,

 
 

Soggiorno in stile country chic

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Interiors, Interni, Stili

READ IN ENGLISH

Chi non l’ha mai confuso con lo stile Shabby Chic? È facile confonderli, ma lo stile Country Chic ricorda prevalentemente le case di campagna e i materiali naturali.

Ricorda la semplicità e le case genuine del West degli Stati Uniti, con un pizzico di stile cottage inglese e provenzale. A differenza dello stile Shabby Chic, che utilizza molti colori pastello anche nei mobili, lo stile Country Chic predilige mobili bianchi e color legno.

I miei clienti volevano un soggiorno proprio così, per la loro seconda casa dove passano i weekend.

Il progetto ha preso in considerazione:

  • studio dei colori
  • studio dell’illuminazione
  • selezione arredi

Colori e materiali

La presenza del legno, laccato o naturale, è immancabile in ogni elemento di arredo per ricreare lo stile Country Chic.

Gli arredi scelti in questo progetto hanno linee semplici ma trasmettono un aspetto robusto. Lo stile Country Chic infatti pone attenzione particolare alla durata e alla praticità.

I colori dei mobili rimangono chiari, sui toni del bianco o, al massimo, leggeri toni pastello.

La madia dietro al tavolo, unico arredo mantenuto, è stato rilaccato con colore RAL a campione. Dalle foto non sembra, ma è di un verde pastello molto molto chiaro!

Lo stile inglese viene richiamato dall’ampia porta a vetri che si apre sul soggiorno.

A parete sono stati utilizzati il verde Lichen e il grigio Mole’s Breath, entrambi della Farrow&Ball. Ho voluto introdurre il verde per inserire un tocco di colore che potesse ricordare i prati delle campagne e allo stesso tempo inserire un colore che contrastasse con i toni chiari utilizzati per i mobili.

stile_country_chic

L’illuminazione

In linea con lo stile Country Chic, ho voluto inserire due Nur a sospensione di Artemide,  di diametro 55cm.

Queste lampade hanno linee morbide che ben si adattano allo stile Country Chic, ma allo stesso tempo la loro finitura bianco lucida dona il giusto pizzico di modernità.

L’illuminazione è completata da due ribassamenti con faretti sui lati corti del soggiorno, oltre al punto luce a parete sopra il divano dove troviamo la Tolomeo di Artemide.

Cosa ne pensi di questa realizzazione in stile Country Chic?

 

L’articolo Soggiorno in stile country chic proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Soggiorno con pareti color ruggine

Pubblicato da blog ospite in Decor, Easy Relooking, Idee, Interiors, Interni

READ IN ENGLISH

Il color ruggine sembra essere uno dei colori in voga in questo momento.

Una rosso con una punta di marrone che può essere adatto a molti interni. Ne avevo già parlato settimana scorsa in questo post.

E’ stato il caso del progetto che ho seguito per Cristiano, per il suo appartamento nel nuovo complesso Parco Vittoria a Milano.

Il color ruggine è diventato protagonista del soggiorno, con spicchi di parete decorati appositamente per creare un effetto ossidato.

color_ruggine_soggiorno

@EasyRelooking

La scelta del color ruggine

Durante il primo incontro con il cliente, l’indicazione iniziale che mi aveva dato era di usare pochi colori. Non amava troppi colori tutti insieme, quindi meglio concentrarsi sui grigi abbinate a tonalità calde.

Ho proposto quindi di creare delle porzioni di parete decorate con l’effetto ruggine. Un effetto di una tonalità calda, non troppo tendente al rosso ma più verso le sfumature dell’arancio.

Per non rendere l’ambiente davvero troppo minimal, ho scaldato l’arredamento con un tavolo con gambe in legno massello, il Decapo di Miniforms e le sedie Hat di Ozzio Italia.

Lo studio delle luci è stato fondamentale.

Trattandosi di un piano terra, l’appartamento non riceve molta luce naturale.

E’ stato essenziale andare a rinforzare l’illuminazione: ho optato per ribassamenti che potessero illuminare a dovere la zona cucina e pranzo, proseguendo poi in soggiorno con luce d’effetto sopra il mobile TV.

Completano l’illuminazione le lampade Parentesi di Flos , lato divano, e la Tolomeo di Artemide, sopra il tavolo.

I render di progetto han presentato a Cristiano quello su cui, anche insieme al cliente, avevo lavorato in termini di selezione arredi e disposizione finale.

Il color ruggine dal vivo è ancora meglio! 

Quando ho potuto vedere la realizzazione e fotografarla, posso assicurarti che il color ruggine, con un vero e proprio effetto ossidato, dal vivo è molto bello. Al tatto è ruvido al punto giusto!

Dona particolarità al soggiorno senza appesantirlo.

Il colore ruggine è stato ripreso anche con i cuscini del nuovo divano. L’arredo e i colori sono stati studiati per essere equilibrati, visto che si è andati ad introdurre un elemento – il color ruggine – che è di impatto e deve essere ben dosato.

Cosa ne pensi dell’utilizzo del color ruggine in questo progetto?

L’articolo Soggiorno con pareti color ruggine proviene da easyrelooking.

Tags: ,

 
 

Color ruggine, tra i più amati su Pinterest

Pubblicato da blog ospite in Colori, Decor, Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Le ultime tendenze in fatto di arredamento vedono come protagonista assoluto il color ruggine, ispirandosi a materiali naturali e in un certo senso grezzi.

Tale tonalità infatti è diventata un vero must nelle case moderne, in modo particolare per ciò che concerne la colorazione delle pareti.

Nel caso del ruggine ossidato, si tratta di un effetto che richiama il metallo usurato e che viene riprodotto adoperando le vernici acriliche che ricreano un’atmosfera industriale e molto urbana. Questo colore è estremamente particolare e se utilizzato nella giusta dose può far diventare qualsiasi ambiente estremamente originale e alla moda.

Qui in foto, un esempio di gres effetto ruggine utilizzato in una doccia.

color_ruggine

@EasyRelooking

 

Nel caso invece del color ruggine uniforme, quindi senza particolari effetti, si tratta di un rosso con una punta di marrone e anche di rosa all’interno.

Color Ruggine

Via Pinterest

Proprio a causa della sua originalità il color ruggine potrebbe portare a pensare a una certa difficoltà nell’abbinamento dei mobili e dei complementi d’arredo ma in realtà non è affatto così.

Pareti color ruggine

Le pareti color ruggine possono trovare largo impiego all’interno di una casa. Esse infatti possono essere adoperate in qualsiasi tipo di stanza, a patto che l’arredamento circostante si sposi bene con tale tonalità.

Il color ruggine può essere ad esempio usato in un soggiorno moderno per fare da sfondo ad un caminetto o una mensola dallo stile retrò.

Il colore può essere usato per decorare una sola parete oppure per tutta la stanza. In quest’ultimo caso però è bene ricordare che, trattandosi di una tonalità piuttosto scura, è necessario che l’ambiente sia abbastanza grande e soprattutto luminoso. In caso contrario è preferibile invece usare il colore su una sola parete e lasciare le altre chiare: in questo modo la stanza apparirà otticamente più grande senza nulla togliere alla luminosità.

Anche la sala da pranzo può essere abbellita con questo particolarissimo colore. Può essere abbinato con soddisfazione a un tavolo e delle sedie dallo stile prettamente industriale, magari utilizzando materiali come l’acciaio oppure l’alluminio. Il resto degli oggetti deve combinare alla perfezione: le lampade in metallo grezzo ad esempio sono perfette per ricreare l’atmosfera di una vecchia officina.

Il legno si combina molto bene a tale nuance, ma trovo perfetto l’abbinamento con i grigi e i bianchi.

In una camera da letto matrimoniale, il color ruggine può diventare protagonista della parete dietro al letto.

La nuance perfetta per i complementi d’arredo

Un modo senz’altro originale e meno invasivo per utilizzare il color ruggine per l’arredamento d’interni consiste nell’utilizzarlo nei complementi d’arredo. In una camera da letto matrimoniale le lenzuola o il piumone color ruggine sono l’elemento perfetto per dare personalità alla stanza ma senza esagerare.

Anche i tendaggi e i cuscini in soggiorno possono essere scelti di questo colore. L’importante è mantenere il resto dell’arredamento piuttosto basico, magari prediligendo mobili e pareti di tonalità neutre.

Cosa ne pensi? utilizzeresti questo colore in casa tua?

L’articolo Color ruggine, tra i più amati su Pinterest proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

GSI Ceramica – sanitari e lavabi opachi per personalizzare il bagno

Pubblicato da blog ospite in Design, Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Come avevo anticipato sul mio profilo Instagram, a Giugno iniziamo i lavori di ristrutturazione della nostra nuova casa! Un’avventura che mi sta impegnando, ormai da mesi, nella ricerca di materiali e arredi. Questa volta, quindi, non per i miei clienti ma per noi.

E ti confesso che mi ritengo una cliente esigente!

Nella mia ricerca ho scoperto la linea Color Elements di GSI Ceramica, che propone lavabi e sanitari sospesi di diversi colori, tutti dalla finitura opaca.

La matericità dei colori proposti mi ha subito colpita!

Devo confessarti, siccome dobbiamo ristrutturare anche i bagni, che mi intriga la possibilità di scegliere i sanitari e i lavabi opachi, ancora meglio se della stessa tonalità di colore.

Si possono creare moodboard cromatiche interessanti anche per i bagni!

Questa è la dimostrazione di come l’ambiente bagno stia diventando sempre più importante e oggetto di personalizzazione, e GSI l’ha capito molto bene.

Estetica ma anche funzionalità

Sicuramente l’estetica è importante ed è la prima cosa che mi ha colpito dei prodotti Color Elements di GSI.

La funzionalità, però, non deve essere da meno! E la domanda che mi sono sempre posta è la seguente:

Un sanitario completamente opaco, anche all’interno, sarà facilmente pulibile come uno con finitura lucida?

Devo dire che GSI Ceramica sembra essere una delle poche aziende che ricopre l’interno dei vasi con Extraglaze®, uno smalto ceramico che rende le superfici più brillanti, resistenti e facilmente lavabili.

Questo risolve i possibili problemi che si possono avere nei sanitari con la finitura opaca.

Colori e forme

I colori proposti da GSI Ceramica nel catalogo Color Elements si adattano perfettamente all’ambiente domestico ma, a mio avviso darebbero un tratto unico e distintivo se inseriti anche in contesti di ospitalità (hôtellerie, spa, ristorazione), come le stesse ambientazioni sul sito dell’azienda suggeriscono.

I colori pastello proposti consentono di ambientarli in ogni situazione.

Agave

Un grigio verde particolare che personalmente adoro e non solo per lavabi e sanitari.  Per un bagno che vuole stupire e da costruire con la palette colori adatta.

Bianco

Il colore classico che non può mancare, per chi non vuole rischiare con colori particolari. Comunque il bianco nella finitura opaca dona sicuramente un “qualcosa in più” al bagno, rispetto alla finitura lucida.

Bistro

GSI propone anche un bellissimo color grigio con all’interno una punta di color caffè.  Per chi ama i colori scuri anche in bagno!

Creta

Per un bagno luminoso e per chi vuole discostarsi dal classico bianco senza osare troppo! E’ un beige caldo con una punta di grigio all’interno, ispirata proprio alla creta con cui si modellano le ceramiche.

Ghiaccio

Un colore freddo che ricorda l’acqua fresca. Sicuramente un colore deciso che diventa l’elemento protagonista del bagno.

Tortora

Un grigio con una punta calda all’interno, che lo rende un colore neutro adatto ad abbinarsi in molti contesti.

 

Cosa ne pensi della proposta Color Elements di GSI Ceramica?

I colori sono veramente stupendi.

Per me, come progettista di interni, si amplia la gamma di proposte e di combinazioni cromatiche che posso proporre per i bagni dei miei clienti, andando a coniugare estetica, funzionalità e design garantiti da una firma 100% Made in Italy.

L’articolo GSI Ceramica – sanitari e lavabi opachi per personalizzare il bagno proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Superfici rigate e ondulate

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

Uno dei trend che ho individuato e che ho inserito nella guida sugli Interior Trend 2019 è il ritorno delle superfici rigate e ondulate!

Il ritorno a frontali e pannelli rigati riporta alla memoria atmosfere vintage e, a mio parere, di gran classe!

Il rigato si adatta a diversi stili, dal contemporeaneo al più classico.

Possiamo ritrovarlo nella basi della cucina, oppure su armadi o mobili bagno.

Si tratta di una lavorazione di pregio, soprattutto quando parliamo di legno: i frontali in questo caso devono essere in massello per consentire la caratteristica lavorazione ondulata o rigata.

Qui di seguito vediamo insieme alcuni brand che hanno deciso di proporre il rigato nelle loro nuove collezioni!

Collezione Dolcevita di Ideagroup

La nuova collezione Dolcevita, disegnata da Riccardo Gava, si è aggiudicata l’ADI Ceramics & Bathroom Design Award 2017, per il “peculiare processo di produzione che permette di integrare il legno all’arredo bagno mantenendo inalterati standard di funzionalità e praticità estese a una varietà di proposte, in primis cromatiche.

 

Collezione Rigadin di Alf Da Fre

Una delle collezioni che più mi hanno colpito.

I frontali della nuova collezione Rigadin di Alf Da Fre sono in massello e presentano la particolare lavorazione ondulata o rigata che secondo me tanto vedremo nel 2019!

Collezione Academy by Oasis

Oasis si occupa principalmente di arredo bagno di lusso.  Non manca nella sua collezione la finitura rigata presentata con la linea Academy.

Collezione Alton di Lema

La nuova poltroncina Alton di Lema firmata da David Lopez Quincoces presenta l’effetto rigato sotto un’altra prospettiva. Si caratterizza per la struttura in metallo verniciato antracite che ne definisce la forma a semicerchio ad accogliere la sagoma asciutta dello schienale proposto in cuoio naturale.

Alton by Lema

Cosa ne pensi di questo ritorno del rigato?

Secondo me un inserto di questo tipo in un soggiorno o in cucina potrà introdurre quell’elemento raffinato e particolare che caratterizza tutto l’ambiente!

L’articolo Superfici rigate e ondulate proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Mensole Ikea Botkyrka

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

In acciaio verniciato, le mensole Botkyrka di Ikea hanno conquistato il mio cuore a prima vista!

Dal design semplice e sottile, come si fa a non amarle?

Sul sito di Ikea Italia al momento sono disponibili solo in bianco. Invece sul sito svedese di Ikea, le troviamo anche in nero e in giallo!

Quando arriveranno anche da noi almeno in versione nera?

Su Pinterest è pieno di immagini di ispirazione per utilizzare le Botkyrka di Ikea.

Qui alcune idee!

In cucina

Le Botkyrka di Ikea sono utilizzate tantissimo in cucina.

Sono bellissime per dare risalto a una parete senza pensili, oppure caratterizzare una parete vuota su cui poggia l’isola.

E’ il caso anche della cucina della stylist Wendy del blog Beeldsteil oppure della proprietaria di Nordic Days Blog.

In soggiorno

Sopra il divano, per la zona lettura o di fianco al televisore, il design semplice delle mensole Botkyrka si adatta perfettamente a ambienti minimal e dallo stile nordico.

C’è chi anche ha pensato di forare la base della mensola per inserirci una lampada (vedere prima foto della galleria). Idea molto carina e originale!

Nello studio

Che sia un semplice angolo scrivania o che sia un vero e proprio studio, le Botkyrka di Ikea secondo me stanno benissimo sopra una scrivania a parete.

In camera da letto

Le stylist inseriscono le Botkyrka di Ikea sia come elementi ad altezza comodino, sia sopra il letto, come porta oggetti.

In bagno

Le ispirazioni per le Botkyrka di Ikea in bagno scarseggiano rispetto alle altre stanze. Qui infatti sembra che siano preferite le più costose e molto simili mensole del brand tedesco Vipp.

Ikea Botkyrka

A me piacciono moltissimo utilizzate in cucina e nella zona studio! tu dove le utilizzeresti?

L’articolo Mensole Ikea Botkyrka proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Legno e marmo nel progetto di Brain Factory

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Interiors

READ IN ENGLISH

Un punto d’incontro tra living e workspace

Un luogo non facilmente classificabile quello progettato dallo studio di architettura romano Brain Factory.

Uno spazio dai confini indecifrabili dove il living si fonde con il workspace e crea un ambiente contemporaneo sospeso tra minimal e design organico.

In questo appartamento convivono in piena armonia spazi privati ed ambienti dedicati ad uno studio di architettura il quale si mette a disposizione dei propri clienti per lasciar vivere e sperimentare le soluzioni proposte dallo stesso studio.

130 metri quadrati al servizio di design e contemporaneità dove i dettagli che definiscono lo stile d’arredo possono essere visti da vicino dal cliente come in un qualsiasi showroom. Una scelta inconsueta, ma attuale ed affascinante.

In questo contesto giovane ed urbano il bianco amplifica l’attenzione verso l’artigianalità e la creatività con la quale sono stati realizzati gli elementi d’arredo, protagonisti di questo spazio unico ed esclusivo.

Le luci giuste

Come su un palco teatrale, le luci disegnano spazi e geometrie.

Il progetto dell’appartamento ha tenuto conto fin dall’inizio dell’importanza dell’ingresso che accompagna proprietari e visitatori verso una zona concepita all’insegna della convivialità attraverso un corridoio laterale di betulle che, per un attimo, fanno dimenticare di trovarsi in un appartamento romano.‘

Il disegno illuminotecnico è in questo ambiente una bussola con la quale orientarsi. Le importanti vetrate riflettono ed amplificano la luce che, partendo da punti studiati ad hoc, si muovono tra i fusti ed i rami dei piccoli alberi inseriti su un verde tappeto erboso che colora, assieme ad altri pochi oggetti, il minimalismo cromatico dell’appartamento.

La tecnologia led delle luci è inserita in modo impeccabile all’interno degli intagli ricavati dalle pareti e che si prestano a delineare spazi e perimetri. É in questo modo che si è accompagnati sino all’open space dove, in una parete vestita solamente delle venature grigiastre del marmo calacatta realizzato in gres, è incastonato uno schermo.

Dalla parte opposta le grandi mensole bianche sono retroilluminate ed animate nel suo monocromatismo esclusivamente da qualche nota di verde naturale.

 

Tra estetica e funzionalità

A colpire è indubbiamente il mood di questo atipico interno urbano, anche se gli aspetti funzionali dell’appartamento riescono a sorprendere piacevolmente.

A partire dagli armadi, rigorosamente a scomparsa e mimetizzati dalla texture ricreata dal bosso artificiale che veste completamente l’armadio fino a renderlo del tutto invisibile. In questo modo anche le porte scompaiono per lasciar ancor più importanza ai veri protagonisti dell’appartamento.

La vasca da bagno centro-stanza annulla l’attenzione verso il letto, proponendo in modo tagliente ed incisivo un nuovo modo di concepire gli spazi.

Gli elementi in pioppo, l’effetto marmo calacatta, il vetro ed il microcemento fanno da sentiero all’interno dell’appartamento.

Questi elementi lasciano fruire i diversi spazi in modo del tutto naturale e confortevole e permettendo inoltre di percepire un’atmosfera ricercata e suggestiva.

Bianco, minimalismo e natura

Un concept realizzato all’insegna del minimalismo e dei materiali naturali, sia in termini di elementi d’arredo, sia per cromatismi ed elementi funzionali.

Il bianco sembra prestarsi ad accogliere i pochi elementi caratterizzati da un design organico.

In queste stanze il superfluo è ridotto al minimo e i dettagli prendono a piene mani dal mondo della natura. La luminosità del bianco sposa alla perfezione arredi fluidi in grado di amplificare gli spazi.

 

L’articolo Legno e marmo nel progetto di Brain Factory proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Milano City Life Shopping District: i negozi di design da vedere

Pubblicato da blog ospite in Design, Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Se ancora non l’hai fatto, ti consiglio di visitare il City Life Shopping District a Milano.

Prima di tutto per ammirarne l’architettura, che accoglie i visitatori con linee sinuose, alternando pieni e vuoti.

Ho potuto apprezzare il fatto che abbiano creato un percorso tra i negozi sia all’aperto che al chiuso.

Inoltre se ami l’arredamento e il design in generale potrai trovare alcuni negozi molto interessanti!

Qui di seguito i miei preferiti.

Democracy Design

Tappa che consiglio per chi cerca regali particolari. C’è veramente l’imbarazzo della scelta.

Carine le tazze con scritte e gli annaffiatoi con canne colorate!

Habitat

Habitat_EasyRelooking

Habitat è un marchio di arredamento inglese fondato a Londra nel 1964 da Sir Terence Conran (del celebre Conran Shop). Anni fa Habitat era già stato aperto a Milano per poi chiudere. Ora ha finalmente riaperto e vale la pena fare una visita!

Disposto su 3 piani, puoi trovare arredamento, accessori e tessili per la casa.

EqLife

EqLife by Equilibri è il negozio dove trovare elementi di arredo di noti brand.

Troviamo marchi come Miniforms, Seletti, Muuto e tanti altri!

In generale, i prezzi in questi negozi non sono a buon mercato. Però da Habitat e da Democracy Design si possono trovare accessori a prezzi interessanti!

Ci sei già stato? raccontami cosa ne pensi!

L’articolo Milano City Life Shopping District: i negozi di design da vedere proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Soffitti decorati e colorati

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

Via Pinterest

Su gli occhi al soffitto!

Hai mai pensato che il soffitto del salotto, della cucina o della camera da letto può essere un complemento d’arredo? Le tendenze del 2018 parlano chiaro: c’è un boom d’interesse verso i cosiddettistatement ceilings”, ovvero i soffitti decorati e/o colorati.

Quanta attenzione stai mettendo nella scelta delle pareti? Se stai arredando da zero una stanza o la stai ristrutturando interamente, non c’è dubbio che tu stia spendendo molto tempo ed energie per accertarti che la tonalità dei muri sia quella giusta. Il soffitto viene invece sempre dato per scontato, una passata di bianco e via, è fatta.

Il soffitto è in realtà la quinta parete. E’ lì, sulle nostre teste, valorizzato al massimo da un lampadario. Eppure, se senti che alla vostra stanza manca qualcosa, o desideri un tocco di originalità che spicchi tra i toni neutri e sobri del resto dell’arredo, forse decorare il soffitto è la mossa giusta.

Dalle accent walls agli statement ceilings

Il soffitto decorato è l’ultimo trend nel settore dell’interior design, ma il concetto alla base è in realtà già un classico dell’arredamento d’interni. Prima dei soffitti decorati, infatti, andava già molto di moda la scelta di diversificare dalle altre una parete della stanza. La “accent wall” (letteralmente: parete accentata) poteva essere pitturata con un colore acceso, in contrasto con il bianco o grigio degli altri muri, oppure decorata con una carta da parati tale da saltare all’occhio.

Le accent wall sono spesso un’idea brillante per decorare una stanza, ma è uno stile che non si addice ad ogni tipo di ambiente e di arredamento. Ecco allora che l’accento può spostarsi al soffitto: una scelta molto più versatile e quasi senza limiti di scelta. Poco importa che la stanza sia grande o piccola, o quale sia la disposizione dei mobili! Un soffitto potrà essere decorato nella stra-grande maggioranza dei casi, senza danni e senza compromessi.

Con quale stile si abbina meglio un soffitto decorato?

Lo stile dell’arredamento moderno suggerisce sempre di prediligere per gli ambienti toni chiari, tendenti al neutro. Optando per delle pareti e dei mobili che si muovono tra un intramontabile bianco ed i toni di un elegante grigio, il catalogo di possibilità che vi si apre poi per le decorazioni è infinito. In particolare, se il resto dell‘ambiente è sobrio, il design scelto per il soffitto spiccherà ancora di più.

Se invece sei amante dei colori, niente paura! Il soffitto può abbinarsi elegantemente anche a toni più caldi e accesi, tutto sta nello scegliere uno stile che si sposi con il resto dei colori e dello stile della stanza. Vediamo alcune idee tra le quali potresti scegliere.

Esempi di soffitti decorati

Tra le decorazioni per soffitti più in voga vi sono i pattern grafici e geometrici e le stampe colorate. I pattern grafici giocano con le figure tipiche della geometria (quadrati, rombi, linee, triangoli…) dando un’aria raffinata all’ambiente. Queste decorazioni danno il loro massimo quando i disegni sono in nero su sfondo bianco. Perfette per dare un tocco originale ad un salotto sobrio, arredato con i toni del bianco, nero e grigio.

Le stampe colorate invece stanno bene in stanze di dimensioni più piccole. E’ importante che il colore dei disegni sul soffitto si accordino con i colori prevalenti nel resto dell’ambiente.

Un’idea simpatica per stanze come la cucina o la camera da letto sono stampe di tipo classico come una quadrettatura, i pois o linee sottili. Infine, un grande classico che sta bene in ogni stanza, è la semplice pittura con un colore diverso rispetto alle altre pareti.

Personalmente è un trend che mi piace molto! cosa ne pensi? ti sentiresti pronto a decorare il soffitto?

L’articolo Soffitti decorati e colorati proviene da easyrelooking.

Tags: ,

 
 




Torna su