14 Gennaio 2015 / / My Ideal Home

fresh, bright & modern / bo-laget

14 Gennaio 2015 / / Coffee Break

Quando le dimensioni della casa lo consentono, una cabina armadio può sostituire con successo gli armadi per contenere abiti e biancheria poichè permette un’articolazione dello spazio che può ridurre al minimo gli sprechi.

 LA STRUTTURA 

Se la cabina armadio viene realizzata contestualmente a lavori di ristrutturazione, la sua struttura può essere realizzata direttamente “in muratura” con mattoni forati o laterite; gli accessori interni saranno comprati o inseriti a parte. In ogni caso, può essere acquistata da ditte specializzate o realizzata su misura da un falegname in pannelli di legno o di laminato. Per le ante di chiusura, spazio ai gusti di chi la utilizzerà!
Infatti, possono essere realizzate in vetro traslucido o opaco, legno, laminato, specchio…insomma chi più ne ha più ne metta! 

ILLUMINAZIONE

Le cabine armadio non dovrebbero avere finestre, affinchè non penetri polvere e luce solare a deteriore i tessuti o a favorire la presenza di acari o tarme; tuttavia, per una corretta ventilazione può essere installato un aereatore, come quelli che si usano in bagno.
L’illuminazione, quindi artificiale, diventa molto importante, perchè le lampade non devono alterare la percezione del colore dei vestiti, e non causare alcun riscaldamento!

Noi di solito per illuminarla utilizziamo una luce al neon di colore neutro a soffitto, se possibile un’illuminazione indiretta a pioggia che simuli la luce del giorno. 

QUALCHE MISURA 

 La superficie che la compone, a differenza dei più comuni armadi a muro, non viene completamente utilizzata perchè si risparmiano gli spessori dei pannelli frontali e di fondo ma è necessario lasciare lo spazio per il passaggio. Per accedere alla cabina con comodità e riporre gli abiti, bisogna avere un passaggio di almeno 70 cm. All’interno, la profondità standard è intorno ai 55/60 cm per appendiabiti e 45 cm per cassettiere, mensole e ripiani a giorno; un caso a parte sono le scarpiere per le quali, avendo ripiani molto inclinati, bastano 35 cm. L’altezza necessaria a cui appendere il tubo metallico per abiti e cappotti è di almeno 160 cm, mentre per giacche, gonne e pantaloni si parte da 120 cm.


_________________________

CAFElab | studio di architettura


14 Gennaio 2015 / / Arredabook

Lasciando da parte il solito rivestimento delle pareti del bagno…piastrelle fino al soffitto e non, proporrei di rinnovare il locale più intimo della casa, con un tocco artistico estremamente sofisticato. Trasformiamo le pareti con un qualcosa che ci faccia stare bene e ci trasporti, magari in luoghi lontani, ambienti marini, che risvegliano il desiderio di una vacanza perenne e motivi floreali per “immersioni” nella natura.

Tutto questo è possibile semplicemente scegliendo il motivo di carta da parati che più si adatta al nostro bagno.

Per chi non ama la classica rosa inglese vittoriana, per rendere fresche ed accattivanti la pareti del bagno proporrei questa splendida carta da parati di Sanderson, Dandelion Clocks, disponibile in diverse varianti, grazie alle sue tonalità tenui e discrete è in grado di donare una straordinaria luminosità, non tenendo conto dei metri quadri a disposizione.

dandelion

Un motivo da veri lupi di mare, che lascia libero spazio al desiderio di libertà e quasi riesce a farci assaporare la tipica aria marina frizzante e pungente. Branegat Bay di Thibaut crea storie sempre diverse che ci permettono di rendere ncora più intimo e piacevole un luogo dove tutti amano ritrovare la propria privacy.

barnegat bay

Java sempre di Thibaut è una carta che riesce a coniugare perfettamente semplicità e stile ed interpreta le pareti in modo elegante, delicato e mai invasivo. L’ambiente che si crea è ampio, luminoso e rilassante, invoglia proprio ad immergersi nella vasca tra bolle e profumi per staccare la spina dalla realtà.

CHE Java F

CHE Jolie F

14 Gennaio 2015 / / Creative & Ordinette

So che potrò sembrare leggermente ripetitiva ma i colori tenui e neutri sono i miei preferiti da sempre e specialmente quando si tratta di sceglierli per la stanza da letto. Dato che quest’ultima è ancora in fase di completamento in termini di decorazione e di styling, sono continuamente alla ricerca di ispirazione, pur avendo comunque in testa un’idea ben chiara di quello che voglio ottenere. Diciamo che comincio ad avere qualche dilemma sul colore da scegliere per le pareti. Al momento, è tutto bianco, ma guardando ad alcune delle foto che vi propongo oggi, un beige tenue o un grigio deciso potrebbero essere davvero la scelta migliore per conferire all’ambienta intimità e calore. Spero vi piacciano!
14 Gennaio 2015 / / Blogger Ospiti

Quando si deve rinnovare l’ambiente bagno una delle principali preoccupazioni è quella di cercare un arredamento moderno che non si scontri con la libertà di movimento giustamente pretesa da chi vive questi spazi così intimi. Realizzare un bagno moderno significa dotare lo spazio dei sanitari con mobili e complementi d’arredo non soltanto belli, ma anche convincenti dal punto di vista della funzionalità.
Non è un caso se il numero degli utenti interessati all’acquisto di un piatto doccia su misura è in costante aumento, a conferma di un maggior peso dato al fattore design nell’arredo bagno. Le ragioni di questa tendenza sono da ricercare nell’importanza data alla dimensione di box doccia o cabine create ad hoc per valorizzare al massimo gli spazi disponibili in un bagno.
Nasce quindi negli utenti il bisogno di piatti doccia di design con una lunghezza e larghezza appositamente pensata per soddisfare ogni esigenza arredativa.
Trattasi anche di una soluzione immediata per sostituire vasche da bagno per dei più pratici e moderni piatti doccia, utilissima in fase di ristrutturazione.
Leader di questa concezione innovativa di arredare un bagno è senza dubbio Martinstone, in grado di proporre piani doccia a filo pavimento di ultima generazione.
Tra le caratteristiche principali dei piatti doccia Martinstone vi è la presenza di un elegante fondo ultra slim, reso ancora più funzionale grazie ad una piletta di scarico ed una griglia estremamente discreta. La possibilità di scegliere tra la finitura granito o quella “lavagna” risponde alla precisa scelta da parte dell’azienda di realizzare dei prodotti cha appaghino in toto l’utente finale.
Piani doccia colorati per un’idea bagno originale, al passo che ultime tendenze nell’arredo dello spazio dei sanitari.
Chiunque scelga un piatto per doccia su misura Martinstone è una persona votata al moderno, in grado di apprezzare il design avanguardistico dei dettagli e la qualità di caratteristiche di funzionamento che rendono questo articolo bagno una spanna sopra gli altri.
I materiali utilizzati per la realizzazione di questi piani per doccia sono stati studiati per facilitare la pulizia e mantenere sempre altissimo il livello di igiene nello spazio del bagno. Trattasi di piatti antibatterici a tutti gli effetti, capaci di scongiurare le formazioni batteriche e garantire una limpidezza assoluta, in un luogo della casa così delicato.
Il materiare di costruzione usato è il sintextone, di primissima qualità, risultato della combinazione tra una resina poliestere in combinazione con altri agregati. La resistenza di queste idee per il bagno è 5 volte superiore al calcestruzzo utilizzato tradizionalmente e non indossa alcun tipo di armatura, soluzione perfetta per scongiurare i tipici problemi causati dalla vicinanza del mare.

piatti doccia su misura

Piatti per box doccia 70×90 ma anche per cabine 71×93

La possibilità di richiedere una particolare dimensione del piatto doccia, in relazione alle proprie esigenze d’arredo nel bagno, consente di ampliare la gamma dell’offerta.
E’ proprio la comodità di ricevere prodotti realizzati al centimetro è il grandissimo vantaggio di questi piatti. Si potrà spaziare quindi da misure più grandi a quelle più piccole, soddisfacendo sia l’utente alla ricerca di un piatto doccia quadrato, che quello interessato all’acquisto ad uno di forma rettangolare.

Anche la scelta di un eventuale bordo sul piatto doccia resta a discrezione dell’utente, a seconda della sua particolare preferenza verso un piano a livello con il pavimento o meno.
Una serie di optional che fanno gola ai clienti più esigenti che ne riescono ad apprezzare anche i costi di vendita piuttosto contenuti, nonostante i tempi di lavorazione più lunghi richiesti da prodotti così particolari.
Ulteriore punto di forza di questo articolo bagno di design è la facilità del montaggio. Nessuno sforzo ulteriore che lo differenzino dalle tradizionali operazioni che consentono qualunque altro piatto di essere montato nella zona doccia.

Consigli per il gruppo doccia

Per completare l’arredo di un bagno moderno con altri prodotti di design del livello dei piatti Martinstone bisognerà fare molta attenzione alla scelta dei soffioni e dei miscelatori. E’ fondamentale mantenere nell’ambiente di servizio una certa coerenza tra gli elementi, affinchè l’estetica generale risulti coerente e per questo credibile.
Come fattore di continuità tra gli elementi arredativi si dovrà far leva sull’estetica minimal, fattore imprescindibile per consolidare un’idea di pulizia e modernità nel tuo bagno. Il soffione doccia da abbinare in questo caso potrebbe avere forma sferica, sullo stile dei soffioni doccia a parete proposti da Frattini Rubinetteria.
Questo prodotto, fiore all’occhiello di casa Frattini, donerà grande eleganza all’arredo del bagno e offrendo performarce qualitative di tutto rispetto e una pulizia nel getto d’acqua invidiabile.
Un’altra idea bagno che si sposa perfettamente con la progettazione di un bagno moderno è un miscelatore doccia con deviatore Paffoni.
Un marchio di rubinetteria sempre più affidabile che abbina con saggezza il design a prezzi al pubblico piuttosto economici. Una scelta che appare del tutto vincente, considerata la tendenza sempre più marcata da parte degli utenti di realizzare acquisti online, anche per quel che riguarda l’arredo bagno.

14 Gennaio 2015 / / Arredamento Perfetto

Laccatura lucida 81 gloss

Non bisogna essere degli esperti laccatori o dei navigati mobilieri per distinguere una buona laccatura da una economica, basta sapere cosa osservare  e come guardare.
Con questo non voglio dire che bisogna snobbare la laccatura economica, ma che occorre sapere cosa si acquista e fare scelte consapevoli.

Prendiamo in considerazione i tre tipi di laccatura ottenuti con procedimenti differenti.

Laccatura molto economica

Se vi ricordate, con il metodo diretto, la superficie non è trattata e lo strato di lacca viene applicato direttamente sul supporto.
Ebbene, basta che guardate frontalmente e con attenzione la superficie e vi accorgerete della presenza di piccoli puntini, sparsi un po’ qua e là, che fuoriescono dallo strato di lacca oppure rientrati, a mo’ di piccoli buchetti. Questi difetti sono anche riconoscibili al tatto.
Di solito questo tipo di laccatura è poco spessa e non viene per nulla spazzolata, quindi, se vi posizionate lateralmente alla superficie e la osservate, vi accorgerete anche che la laccatura procede come se fosse ondulata e non liscia ed uniforme.
Addirittura questo tipo di laccatura viene eseguita su carte melaminiche che rivestono superfici in truciolare!

Laccatura medio-economica

Nella laccatura spazzolata, i difetti dovuti al deposito di polveri durante la laccatura è quasi del tutto assente, grazie al trattamento di spazzolatura che si esegue alla fine della verniciatura. L’effetto ondulato, sebbene meno evidente, rimane.
Anche in questo caso, basta osservare la superficie ponendovi di fianco per riconoscere il tipo di laccatura.

Laccatura di qualità elevata

Per ultimo, impariamo a riconoscere la laccatura poliestere e/o poliuretanica. E’ la laccatura migliore, quella che rende un mobile pregiato. La superficie è priva di qualsiasi imperfezione.
A differenza degli altri tipi di laccatura, se vi ponete di fronte o di lato alla superficie, non troverete nessuno dei difetti descritti prima. Inoltre, al tatto, riconoscerete un certo spessore di laccatura e una robustezza che non troverete nè in quella realizzata con metodo diretto nè in quella spazzolata.

Adesso non vi resta che andare in giro per negozi e provare a riconoscere i vari tipi di laccatura  o verificare quella del mobile di casa vostra.

Questi sono i metodi che utilizzo io per riconoscere i diversi tipi di laccatura.
Tu ne conosci altri?
Scrivili nei commenti.

14 Gennaio 2015 / / Idee

Come trasformare la casa dividendo  spazi e ambienti con pareti di vetro.

VIA
L’idea di crare un post che parlasse e mostrasse immagini di “pareti di vetro” mi è venuta meditando se fosse meglio, in particolari casi, avere un open space o ambienti divisi. 
Cercando quindi qua e là su internet ho trovato l’ispirazione e la soluzione..!Pareti di vetro che lasciano intravedere gli spazi e creano ambienti più ampi e luminosi e all’occorrenza…li dividono!

VIA
VIA
VIA
VIA
VIA
VIA
VIA
VIA
VIA
14 Gennaio 2015 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor
Se siete alla ricerca di idee e spunti low cost per organizzare la vostra cabina armadio, oggi vi proponiamo un bellissimo appendiabiti stender da realizzare rigorosamente fai da te.
  
Una soluzione semplice ma decisamente piacevole, ispirata al design scandinavo e realizzata con accessori idrotermosanitari di rame e bastoni di legno rotondi, il tutto acquistabile in un qualsiasi negozio di bricolage. 

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
foto © P. Petrozelis
Bello vero? L’artefice di questo bellissimo progetto DIY è Petros, architetto greco, designer e autore del blog Hommie .  Ora vediamo come realizzarlo:

dettagli home decor
Tagliate i bastoncini di legno in due pezzi lunghi 1,25 mt (B); due pezzi da 70 centimetri (A); quattro pezzi da 20 centimetri (D); 6 pezzi da 10 cm (C).
Collegate i bastoncini di legno con i pezzi di rame, come illustrato nella immagine.
Controllate che lo stender sia dritto e stabile e procedete ad incollare tutti i pezzi insieme.

Ricordatevi di controllare il diametro degli accessori di rame che dovrà  essere uguale al diametro dei bastoncini di legno. Per questo progetto Petros ha utilizzato un diametro di 23 mm. Naturalmente potete modificare le dimensioni secondo le vostre esigenze, aumentando sia l’altezza che la larghezza dei bastoncini A e B.


14 Gennaio 2015 / / Detail of Us

Ora che il nostro alberello é stato tolto e il clima natalizio si é perso, la voglia di primavera cresce! Iniziamo a decorare la casa con colori più freschi e a creare angolini tematici. La consolle che prima ospitava l’alberello, si trasforma in zona espositiva! Durante il periodo natalizio la casetta si é arricchita con interessanti novità! I bellissimi quadri sono di Mario Albergati, l’artista e amico di famiglia, artefice della nostra maxi tavola tra la cucina e la sala da pranzo. La tecnica di queste opere ci affascina molto: la fotografia si unisce al dipinto in una combinazione di sfumature e forme. Consigliamo di curiosare nel suo profilo Instagram! Il vassoio, invece, é opera di Alessandro Ferri, un giovane restauratore che con creatività e maestria artigianale realizza manufatti e complementi a tiratura limitata. Una grandissima passione per il legno, l’arte del recupero e l’unicità Hand Made  rendono i suoi lavori davvero esclusivi! Realizzato in legno e ceramica, il vassoio é centrotavola, supporto espositivo, ma anche una perfetta base per uno sfizioso tagliere in una cena tra amici! É davvero pratico, infatti, l’interno in ceramica si può facilmente estrarre dalla base per essere pulito. Prossimamente vi presenteremo altri suoi progetti! Stay tuned! 😉

14 Gennaio 2015 / / Arredabook

Slimtech Lea Ceramiche

Oggi vogliamo presentare una soluzione innovativa, ecologica, economica e di facile impiego, nell’ambito dei pavimenti e rivestimenti. Lea Ceramiche ha prodotto “Slimtech“, un gioiello di tecnologia spesso solo 3 mm con incredibili capacità di carico che vi permetterà di ricoprire pavimenti già esistenti, rivestire intere facciate esterne, arredare ambienti come discoteche, piscine o semplici abitazioni, con uno stile unico.

Ebbene si, le mattonelle in gres della serie slimtech possono essere facilmente incollate su pavimenti vecchi che sareste altrimenti costretti a smantellare ad un costo che tante volte può rivelarsi eccessivo. Per rendere invece questo prodotto incredibilmente resistente, interviene il processo produttivo, estremamente efficace, che aumenta la resistenza alla flessione  e all’urto che non sarebbe possibile ottenere su un tale spessore e una “pressatura” standard.
Il nostro partner Lea Ceramiche è pronto con le sue molte collezioni a rispondere a tutti i tipi di gusti ed esigenze: la serie “Pixel + Nest” ad esempio è un omaggio al nostro bel paese, con tutti i colori che lo caratterizzano, ma soprattutto con tutte le forme, date le infinite composizioni geometriche realizzabili che dipendono solo e soltanto dall’estro del progettista.