25 Luglio 2019 / / Blog Arredamento

Se ti stai chiedendo come scegliere il futon, allora devi sapere che non sono poche le info da studiare, anche se non si tratta di nulla di complesso. Innanzitutto, le operazioni di scelta non sono poi tanto diverse da quelle relative ai comuni materassi occidentali, e il motivo è presto detto: dettagli come la qualità dei materiali e lo spessore del materasso possono fare (e fanno) tutta la differenza del mondo. Per questo motivo, conviene partire da una breve premessa sui materassi giapponesi, e in seguito studiare tutti i fattori da analizzare per acquistare il materasso giapponese perfetto per il tuo caso.

Materasso futon matrimoniale srotolato a terra

Che cosa è

Prima di leggere la nostra guida all’acquisto, ti conviene capire esattamente di cosa stiamo parlando. A tal proposito, noi ti consigliamo di approfondire il vasto mondo dei “materassi che si arrotolano” sul sito futon.it: un ricco contenitore di notizie, di curiosità e di guide su questi complementi giapponesi così amati anche in Italia. In questa sezione, invece, ci limiteremo a fornire una breve ma esaustiva definizione. La traduzione dal giapponese è – come detto – “materasso che si arrotola”: si parla di un complemento dalla storia molto antica, realizzato in strati di cotone vergine cardato, del tutto privo di elementi artificiali. In Occidente siamo soliti utilizzare altri materiali insieme al cotone cardato, ma questo avremo modo di scoprirlo fra poco.

Come sceglierlo
Esistono alcuni aspetti preponderanti che vanno presi in analisi, e che approfondiremo uno ad uno nei paragrafi a seguire. Intanto è fondamentale valutare lo spessore del materasso giapponese, perché da esso dipende il grado di comfort e la durezza del complemento. In secondo luogo, non vanno sottovalutati i già citati materiali che compongono l’imbottitura del materasso, ancora una volta per una questione di comodità. Poi troviamo altri elementi che in realtà appartengono a tutti i materassi, ma che diventano decisivi anche in questo caso, come ad esempio la taglia. Pronto per cominciare?

Spessore del materasso

Leggendo la guida all’acquisto del futon sul sito futon.it emerge in primo luogo tutta l’importanza dello spessore, come detto per una questione di comfort. Qui è il caso di dire che esistono delle grandi differenze fra i materassi giapponesi e quelli pensati per l’Occidente. Nel primo caso lo spessore è piuttosto ridotto, e si attesta intorno agli 8 centimetri, ma in Italia i materassini di questa misura vengono usati più che altro per la pratica del massaggio shiatsu. Nel secondo caso, invece, le medie partono da circa 11 centimetri e possono tranquillamente superare i 20. Il nostro consiglio è di optare per un materasso giapponese con uno spessore pari ad almeno 14 centimetri, perché così potrai contare su un complemento più morbido.

Considera che non c’è nulla di male nell’acquistare un materasso con uno spessore più basso, ma non devi farti prendere dalle ansie. Cosa vogliamo dirti? Che un futon più spesso è comunque un futon originale, quindi non andrai ad intaccare lo stile d’arredo della tua camera da letto, se ti piace il look giapponese. Semplicemente, optando per uno spessore maggiore, potrai garantirti una maggiore morbidezza e quindi un grado di comfort più alto. Noi occidentali, infatti, non siamo abituati a dormire su materassi poco spessi, mentre i giapponesi hanno questa abitudine da secoli.

Materiali e strati

Poco sopra ti abbiamo accennato all’importanza dei materiali, e anche qui troviamo alcune differenze fra materassi giapponesi e i modelli progettati per il mercato nostrano. Consultando l’approfondimento sul futon occidentale di futon.it, ecco cosa scopriamo: in questi tipi di materassi non si trovano soltanto gli strati in cotone vergine cardato, ma anche altre lastre, come quelle realizzate in lattice o in fibra di cocco. La funzione di questi inserti è, ancora una volta, una questione di comfort: i suddetti strati aggiuntivi, difatti, hanno lo scopo di rendere il materasso più comodo.

In genere queste lastre vengono inserite in posizione centrale, e possono anche fungere da supporto per la schiena, come nel caso dei filamenti di cocco. Il motivo? Consentono al cotone cardato di schiacciarsi in misura minore. Chiaramente la presenza di questi strati aggiuntivi rende molto complesso arrotolare il materasso, quindi si parla di complementi adatti per una sistemazione fissa sul letto. Questa è un’altra differenza piuttosto importante, se si mettono a confronto i futon all’occidentale e quelli prettamente giapponesi.

Cotone biologico e certificazioni

Un approfondimento a parte lo merita il materasso giapponese biologico, anche perché spesso l’etichetta “bio” non è poi tanto chiara, e viene di frequente fraintesa. Nella guida al futon bio di futon.it si spiega chiaramente quanto segue: per biologico si fa riferimento ai materiali che provengono da coltivazioni di cotone bio. In altre parole, da coltivazioni che seguono i ritmi imposti dalla natura, e che non fanno uso di pesticidi e di altri agenti di questo tipo, come i concimi chimici. Purtroppo non è semplice distinguere un futon 100% cotone da un complemento in cotone biologico, però ci vengono in aiuto le apposite certificazioni.

Taglia
In tal caso ci sarebbe ben poco da aggiungere, perché si parla di un argomento comune a tutti i materassi. Quando arredi la tua zona notte, infatti, devi stabilire la taglia che meglio si adatta ai tuoi desideri e al tuo caso. Ad esempio, se hai intenzione di dormirci insieme al tuo partner, dovrai ovviamente optare per una misura matrimoniale. Se invece lo userai per i tuoi bambini, potrai scegliere un complemento con una taglia ridotta.

Futon singolo con testiera in legno

Tipologia d’utilizzo
Abbiamo deciso di chiudere questa guida su come scegliere il futon concentrandoci su un altro aspetto importante, ovvero la tipologia di utilizzo. Quando acquisti questo materasso, difatti, devi partire da un’idea chiara sull’uso che ne farai. Per farti un esempio, un modello occidentale con uno spessore un po’ più basso (intorno agli 11 centimetri) potrebbe essere la scelta migliore per il letto degli ospiti. Se invece desideri un complemento da usare per i massaggi, allora ti conviene optare per un materassino con uno spessore intorno ai 6 centimetri. Lo stesso discorso vale se intendi portarlo spesso con te, dunque se hai l’esigenza di arrotolarlo in tutta comodità. Infine, puoi anche considerare la possibilità di acquistare un divano futon.

Divano letto futon kanto

11 Luglio 2019 / / Design

letto in tessuto trapuntato matrimoniale rivestimento

Grazie all’ampia scelta di tessuti e colori, i letti imbottiti sono i più versatili e creativi. Scoprite con noi le nuove proposte dal design tutto italiano

La scelta del letto merita sempre la massima attenzione, questo perché insieme alla rete e al materasso contribuisce alla qualità del nostro riposo.

I letti in tessuto offrono dei vantaggi in più, come le testate avvolgenti e confortevoli che arredano da sole la camera da letto, oppure avere utili basi-contenitori, inoltre, grazie ai rivestimenti di cui sono dotati, se sfoderabili, possiamo cambiare volto alla stanza in qualsiasi momento.

Colori e tessuti dei rivestimenti devono essere scelti in armonia con le tonalità e gli arredi presenti nella stanza. Quando scegliamo il tessuto della testata e del giroletto dobbiamo sempre tenere in considerazione la sfoderabilità e la manutenzione. Nel primo caso, visto che possiamo facilmente sostituire il rivestimento, la scelta può ricadere sui motivi e le tinte più attuali e di tendenza. Se invece il rivestimento non può essere sostituito, meglio privilegiare tessuti di colori neutri e decori soft, trattamenti antimacchia e idrorepellenti, facilmente lavabili con prodotti specifici a secco che garantiscono una durata maggiore.

Tra le tante proposte di letti in tessuto ecco i nuovi modelli 100% made in Italy

Letto Bahamas di Milano Bedding

letto in tessuto trapuntato di Milano Bedding

Bahamas si distingue per la trapuntatura che caratterizza la testata e il giroletto: una lavorazione elegante e sempre attuale, che impreziosisce le linee sobrie e razionali che disegnano il letto. Il modello è disponibile in tre versioni: fisso con rete a doghe, con contenitore e con contenitore “Komodo”, un pratico sistema che solleva rete e materasso per rifare il letto senza fatica. Il rivestimento è completamente sfoderabile e lavabile a seconda del tessuto scelto. Bahamas è interamente smontabile per un facile trasporto.

Letto Naxos di Milano Bedding

letto in tessuto con box contenitore

Naxos è caratterizzato da una lavorazione a “volant”, con cucitura a vista, che incornicia la testata e il giroletto per un effetto leggermente stropicciato che, come un morbido abito, riveste tutta la struttura del letto, donando un aspetto caldo e “vissuto”. Naxos regala un senso di accogliente semplicità ed informale eleganza all’ambiente più intimo e personale della casa. La versione in lino esalta maggiormente la lavorazione e lo stile. Il letto è disponibile in tre versioni: fissa, con contenitore e con contenitore “Komodo”, un pratico sistema che solleva rete e materasso per rifare il letto senza fatica. Il rivestimento, disponibile in vari colori, è completamente sfoderabile e lavabile a seconda del tessuto scelto. Anche in questo caso il letto è interamente smontabile per un facile trasporto.

Collezione LOUISE di Bontempi Casa Letti Design: per una camera da letto a misura di sogni

letto singolo in tessuto rosa per la cameretta

Louise è la raffinata collezione caratterizzata da linee semplici ed eleganti, esaltate dal morbido movimento della testata che, grazie alla delicata inclinazione, regala uno stile confortevole e accogliente. La struttura in legno imbottita, totalmente sfoderabile e lavabile, può essere rivestita in tessuto, pelle e pelle ecologica.  Molto ampia la palette cromatica che spazia dalle tonalità neutre ai colori più di tendenza. Le versioni in tessuto sono disponibili in tinta unita o con finiture laterali a contrasto, proposte in 4 raffinati abbinamenti bicolore. Inoltre, per completare il design del letto Louise è possibile scegliere tra diversi piedi extra disponibili.

letto in tessuto matrimoniale di colore bianco

I letti appartenenti alla collezione Louise sono disponibili in 8 larghezze –  King (193), 180, 160, Queen (153), 140, 120, Twin (100) e 90 cm, in versione fisso oppure con contenitore Folding Box®: sistema ideato e brevettato da Noctis, che consiste in un pannello di fondo, posto all’interno del box salvaspazio, ripiegabile senza alcun sforzo che rende estremamente facile l’accesso al pavimento sotto il letto, per pulirlo comodamente, senza dover spostare o sollevare la struttura.  Il sistema Folding Box® prevede anche una versione Automatic, grazie alla quale aprire il box salvaspazio con le mani impegnate non è più un problema.

Collezione MALOU di Bontempi Casa Letti Design: estrema flessibilità e praticità per il massimo comfort

letto matrimoniale con rivestimento in tessuto

Malou è un letto da vivere oltre la notte per crearsi un nido tutto personale, dove rilassarsi e immergersi nella lettura. Elemento fondamentale del progetto Malou è, infatti, il semplice meccanismo nascosto nella testata dai morbidi cuscini che consente di passare da una posizione di totale relax ad una più adeguata alla lettura. La collezione Malou si articola in tre differenti versioni: H27 con cuscini della testata a trama liscia, QUILT H27 con testata caratterizzata da delicati motivi geometrici dei cuscini trapuntati e H17, disponibile solo in versione senza contenitore, con giroletto più sottile per un risultato di maggiore leggerezza. Fino alla larghezza di 120 cm la testata è realizzata con un unico cuscino. Un ulteriore segno distintivo della collezione è rappresentato dai piedi extra disponibili. 

letto tessile matrimoniale dal mood classico contemporaneo

Il rivestimento di Malou può essere in tessuto, nabuk, similpelle e pelle. Molto ampia la palette cromatica che spazia dalle tonalità neutre ai colori più di tendenza, per rispondere alle diverse esigenze di stile. 9 le larghezze disponibili – King (193), 180, 160, Queen (153), 150, 140, 120, Twin (100) e 90 cm, in versione fisso oppure con contenitore Folding Box® manuale o automatico.

Collezione TOPAZIO di Bontempi Casa Letti Design: il letto da vivere comodamente in ogni momento

letto singolo con rivestimento in tessuto giallo

Topazio è un letto dal mood metropolitano e dalle linee avvolgenti, la cui peculiarità risiede nell’ingegnoso meccanismo che permette di riposizionare il cuscino schienale della testiera, al fine di rendere più comoda la posizione per leggere o guardare la televisione. La zona notte si arricchisce così di nuovi significati funzionali all’insegna di una maggiore libertà d’uso. La collezione Topazio si articola in due differenti versioni – H25 e H17, con giroletto più sottile – disponibili in 7 larghezze – King (193), 180, 160, Queen (153), 140, 120 e 90 cm, in versione fisso oppure con contenitore Folding Box® manuale oppure automatico. Per soddisfare qualsiasi gusto ed esigenza, è possibile scegliere tra diversi piedi extra disponibili.

Massima funzionalità per DUPLO di Bontempi Casa Letti Design: la soluzione ideale per la camera dei ragazzi!

letto in tessuto singolo

Smart, intramontabile e funzionale… così si presenta Duplo è una collezione di letti perfetti per la stanza dei ragazzi ma anche per la seconda casa, dove l’ottimizzazione dello spazio è fondamentale.  All’insegna del colore e di un modo di arredare e vivere la zona notte in assoluta libertà, Duplo è proposto nella larghezza da 80 – 90 – 100 cm nelle versioni: con letto estraibile (con rete manuale o automatica) per gli ospiti; con bauletto, comodo per riporre coperte e biancheria; con due contenitori estraibili e scorrevoli su ruote, ideali per la biancheria ma anche per i giochi dei più piccoli; Basic, fissa.

letti in tessuto per la camera dei ragazzi

La massima personalizzazione è garantita anche dalla possibilità di giocare con testiere e schienali. Tutte le versioni possono essere scelte, infatti, negli allestimenti sommier, letto, dormeuse, angolo alto, basso e sagomato, divano normale, basso e alto. Completano la collezione rulli, cuscini d’arredo e spalliere, completamente abbinabili al rivestimento. La struttura in acciaio imbottita può essere rivestita in tessuto, jeans, ecopelle sfoderabili o in pelle. Molto ampia la palette cromatica che spazia dalle tonalità neutre ai colori più di tendenza.

CEFALU’ di NOCTIS: un morbido rifugio per la notte!

letto imbottito matrimoniale con testata trapuntata

Il letto Cefalù simboleggia la linea sottile che unisce un’immagine elegantemente minimal ad una sensuale morbidezza. La soffice e avvolgente testata trapuntata è realizzabile in tutti i tessuti che compongono l’ampia gamma del campionario Noctis. Grazie alla vasta palette cromatica, è possibile spaziare dalle tonalità neutre ai vivaci contrasti che donano al letto un carattere più deciso, oppure dal sofisticato pied de poule fino alle eleganti sfumature di grigio: ogni scelta garantisce sempre massimo comfort e elevata versatilità.

letto in tessuto modello Cefalù di Noctis

Per arredare le camere da letto dei ragazzi o quelle dei millennials ancora single, Cefalù è disponibile anche in versione singolo o da una piazza e mezza, mantenendo la stessa morbidezza e sofficità del matrimoniale. Per rispondere a tutte le esigenze di spazio e stile è, infatti, disponibile in 9 larghezze: King (193), 180, 160, Queen (153), 150, 140, 120, Twin (100) e 90 cm.

Cefalù può essere provvisto del sistema contenitore Box Plus, estremamente solido e robusto. Una soluzione ideale per i piccoli appartamenti, per le seconde case e per le famiglie con bambini, che consente di riporre lenzuola, coperte e tutto il necessario alla zona notte.

L’articolo letti in tessuto: nuovi modelli 100% made in italy proviene da Dettagli Home Decor.

8 Luglio 2019 / / Idee

La camera da letto in estate: tanto bianco per le pareti, biancheria blu o color pastello, e qualche tocco esotico.

camera da letto in estate
San Giorgio Hotel Mykonos, stereosis photography

Ecco 14 immagini cui ispirarsi per un nuovo look della casa al mare, o per dare un tocco di freschezza alla vostra camera da letto in estate.

Sono sicura che in camere da letto come queste, le notti estive sono più confortevoli. Innanzitutto tanto bianco per le pareti, per dare un aspetto fresco all’ambiente. Biancheria in fibra naturale, lino o cotone, bianca, blu o color pastello. Per finire, arredi e semplici pochi complementi, in stile etnico o rustico. Qual’è la vostra preferita?

camera da letto in estate
camera da letto in estate
  • camera da letto in estate
  • camera da letto in estate
camera da letto in estate
  • camera da letto in estate
  • camera da letto in estate
  • camera da letto in estate
  • camera da letto in estate

Trovi altre ispirazioni nella mia bacheca Pinterest Bedrooms.

Ecco tutti i post sull’argomento camere da letto.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

27 Marzo 2019 / / ChiccaCasa


Ci siamo. Tutto è stato pianificato nei dettagli. Abbiamo la lista ufficiale degli arredi da comprare per il makeover della Casetta. Qualche pezzo è già entrato in casa, ma resta ancora inscatolato, gli altri acquisti sono tutti pianificati, con tanto di preventivi e campionature.
Siamo orgogliosi delle nostre scelte! Io non vedevo l’ora di iniziare a spoilerare qualcosa, tu (lo so) sei curioso, e allora che abbia inizio il BIG REVEAL!
Stanza dopo stanza ti rivelerò quale sarà l’aspetto finale della nostra amata dimora.
Il primo spoiler riguarda la camera da letto, uno dei miei posti preferiti della casa, perché è il luogo della nanna!

Partiamo dalla parte più succulenta: i mobili. 
Sogniamo una stanza da letto armoniosa, un posto in cui viene facile rilassarsi. 
Per assicurarci un effetto “sweet dreams” abbiamo optato per una palette neutra condita dai nostri cari materiali naturali.
Il re della stanza, ovvero il letto, ha la testata imbottita ed è rivestito in tessuto beige. I comodini sono una vera chicca: hanno un aspetto un po’ retrò e l’antina ha un dettaglio in treccia di canna.
Non volevo il solito comò, bensì qualcosa di insolito ed originale. Mi sono innamorata di una madia da cucina in legno di mango ed ho deciso di usarla in camera da letto.
La ciliegina sulla torta? Una lampada da parete minimal color oro: il dettaglio prezioso che esalta la neutralità del mood.
 Trovi tutti i riferimenti dei prodotto qui sotto.

La camera da letto ha una conformazione del tutto diversa rispetto alle altre stanze, perché si sviluppa all’interno dell’abitazione adiacente la Casetta. Ha una piccola finestra che, nonostante le dimensioni, lascia passare la giusta quantità di luce.

Grazie all’altezza del soffitto ci siamo potuti permettere un armadio super capiente, alto e, allo stesso tempo, visivamente leggero. Il nostro armadio fa parte della linea Eresem di Colombini Casa.

Puoi avere un’idea più nitida di come sarà la camera da letto della Casetta dando uno sguardo a questa piantina. Il letto sarà di fonte alla finestra, insieme ai comodini. Alla sua destra c’è l’armadio, mentre a sinistra, c’è la madia, non troppo distante dal termosifone.

Allora dimmi un po’, ti piace come abbiamo pensato la nostra camera?

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
16 Marzo 2019 / / Design

Come ogni anno l’ultimo venerdì prima dell’equinozio di primavera (nel 2019 il 15 marzo) è stata la Giornata Mondiale del Sonno.
Istituita a partire dal 2008 per farci riflettere sull’importanza di un buon sonno ristoratore è l’occasione per ricordarci quali sono le regole per dormire meglio.
Tra i fattori ambientali sicuramente la temperatura (tra i 18 ed i 22°C) e l’umidità sono quelli che maggiormente influiscono sulla qualità del sonno,  ma sono fondamentali anche l’ordine e la pulizia, nonché una piacevole disposizione dei mobili.
L’assenza di rumori e di luce sono invece  fattori la cui importanza varia da individuo ad individuo, e a seconda della fase del sonno in cui ci si trova.
Gli esperti sono concordi nell’affermare che gli apparecchi tecnologici (televisioni, computer e smartphone) non dovrebbero entrare in camera da letto, ma la domotica  può aiutarci a creare degli scenari di temperatura, luce, e suoni  per accompagnarci dolcemente verso il sonno e per assicurarci al mattino un risveglio ottimale.
Per quanto riguarda l’arredo, chi non ha mai sognato di dormire in un bel letto a baldacchino? A me piacciono quelli “minimal” che non appesantiscono visivamente l’ambiente e ben si adattano ad uno stile contemporaneo. E se voleste dare un tocco più personale, perché non osare un bel colore vivace?

Sweet sleep

As every year the last Friday before the spring equinox (in 2019 on March 15th) was World Sleep Day.
Established in 2008 to make us reflect on the importance of a good night’s sleep, it is an opportunity to remind ourselves of the rules for sleeping better.
Temperature (between 18 and 22°C) and humidity are  the environmental factors those most influence the quality of sleep, but order and cleanliness are also essential, as well as a pleasant arrangement of the furniture.
The absence of noise and light are factors whose importance varies from individual to individual, and according to the phase of sleep in which one finds oneself.
Experts agree that technological devices (televisions, computers and smartphones) should not enter the bedroom, but domotics can help us create scenarios of temperature,light, and sounds to gently accompany us to sleep and to ensure optimal morning awakening.
As for the furniture, who has never dreamed of sleeping in a beautiful four-poster bed? I like the minimal ones that do not weigh down the environment visually and are well suited to a contemporary style. And if you wanted to give a more personal touch, why not dare a nice bright color?

foto da Pinterest
5 Marzo 2019 / / Design

Cos’è un letto sommier? Si tratta di un letto matrimoniale con contenitore. Vediamo in questo post perché sceglierlo e come.


Se ne sente parlare molto ultimamente, ma non è davvero molto chiaro cosa siano e cosa abbiano di diverso: sono i letti sommier.

Ma cos’è un letto sommier e perché dovremmo sceglierlo per la nostra camera da letto?

Cos’è un letto sommier, guida veloce alla scoperta

Il letto sommier altro non è che un letto con contenitore. La scelta perfetta per chi deve arredare una casa piccola e deve ottimizzare lo spazio, sfruttando ogni centimetro disponibile.

Particolarmente utili nella progettazione razionale dei piccoli spazi sono i letti sommier senza testata per la camera da letto.

Oltre ad avere un comodo contenitore, vi consentiranno di risparmiare almeno dieci cm, cioè quelli della testata. Esistono sia i matrimoniali classici larghi 160 cm, che quelli alla francese larghi 140 cm.

Letto matrimoniale sommier alla francese aperto, di colore grigio chiaro
| letto sommier tomasucci matrimoniale |

Esistono altre due varianti di questo letto, in base al modo in cui si alza la rete. La versione classica prevede che la rete si alzi da un lato solo, ruotando secondo un angolo di 90°. Di solito si alzano verso il lato corto (quello che appoggia verso la testata per intenderci), ma esistono versioni che si alzano anche verso il lato lungo.

Letto matrimoniale sommeri avorio con meccanismo di apertura easy up
| Letto matrimoniale sommier con meccannismo di apertura easy up |

C’è poi una seconda versione più attuale con meccanismo a doppia alzata. Attraverso l’uso di pistoni idraulici il letto si alza orizzontalmente, rendendo molto più comodo sia il rifacimento del letto stesso che il recuperare gli oggetti riposti al suo interno.

Insomma si tratta di letti che coniugano praticità e stile e che si adattano a mille progetti d’arredo diversi.Come ad esempio mettendo delle piccole mensole sul muro sopra al letto per riporre luci e libri, oppure decorando la parete con quadri. Ma potreste anche metterlo al centro della stanza, per un effetto scenografico.

Se avete esigenze particolari di dimensioni e colori su misura, su Duzzle.it potete farlo. Potete anche aggiungere una testata in coordinato se non potete farne a meno e se avete spazio a sufficienza in camera.

L’articolo Cos’è un letto sommier, come sceglierlo e perché farlo sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

11 Febbraio 2019 / / Colori

Il colore blu indica calma e sicurezza ed è da sempre il colore preferito da tutti. Forse perché ci ricorda il cielo, il mare dolcemente ondulato, le vacanze e la quiete dei dei  fiumi e dei laghi  più belli del mondo.

Chi predilige questo colore è una persona pacata con  sentimenti profondi e con una forte capacità di trovare il proprio equilibrio interiore. Il blu è anche associato alla sfera della comunicazione e dell’ascolto del proprio intuito.

L’accostamento di colori quando è fatto in maniera studiata crea una situazione di benessere e secondo i seguaci della cromoterapia è perfino in grado di alleviare i sintomi di alcuni disagi interiori  e di alcune malattie.

Usato all’interno delle camere da letto il colore blu crea spazi che infondono tranquillità e calma conciliando il sonno.

Il blu è un colore primario, questo significa che non lo si può ottenere con la mescolanza di altri colori. Il suo complementare, il colore che  meglio si abbina al blu, è l’arancione, tuttavia il blu in tutte le sue varianti cromatiche è un colore estremamente facile da abbinare.

Pensiamo al blu e al giallo limone, oppure al blu accostato al verde mela oppure al color mattone fino ad osare accostamenti più difficili e arditi.

Fu lo scienziato Michele Eugene Chevreul (1786-1889) a studiare l’influenza reciproca dei colori e a classificarli, dando vita alle moderne teorie della storia dell’arte, applicate da molti pittori anche oggi.
Chevreul intuì che due colori accostati tra di loro tendevano a tingersi l’un l’altro del corrispettivo colore complementare. Ad esempio, il giallo tendeva a colorare di un blu violaceo i colori vicini, il rosso di un verde tendente all’azzurro, il blu di un giallo aranciato.
Dall’osservazione e dallo studio di questi fenomeni Chevreul formulò la legge dei contrasti simultanei: l’occhio percepisce due colori adiacenti in modo diverso da come sono realmente.

Eccovi allora alcuni esempi di camere da letto dove il colore blu viene dosato ed accostato agli altri colori creando ambientazioni suggestive.blu1blu2blu3blu4blu5blu6blu7blu8blu9blu10blu11blu12blu13blu14

 

8 Febbraio 2019 / / BlogArredamento Aziende

Cos’è il letto sommier? Quanto misura? Quali sono i modelli più richiesti? Se anche per te la definizione di “sommier” è piuttosto oscura, sei nel posto giusto. Nell’articolo troverai informazioni utili su questo particolare letto senza testiera, spesso dotato di contenitore, il vero alleato salvaspazio delle camere piccole. Scopriremo quali sono i meccanismi di alzata che ne regolano l’apertura e faremo un piccolo approfondimento sulle dimensioni e le misure più comuni.

In questa mini guida vediamo:

  • Letto sommier: significato
  • I meccanismi di apertura: alzata semplice e doppia
  • Letti sommier: modelli e dimensioni

Letti sommier: cosa sono?

Cosa significa “letto sommier”?

Si tratta di un letto senza testiera, spesso dotato di un ampio contenitore in cui riporre cuscini, coperte, biancheria e molti altri accessori.

Lo spazio contenitivo è collocato sotto il materasso, ed è reso accessibile da un meccanismo che permette di sollevare il piano di riposo in pochi pratici gesti. I sommier moderni nascono da un bisogno pratico: ottimizzare gli spazi sfruttando fino all’ultimo centimetro la superficie occupata dal letto. Difatti, l’uso del contenitore non comporta un ingombro maggiore, bensì un uso intelligente della profondità del letto stesso.

Letto sommier in legno Freeport

Letto sommier contenitore Cinnamon

I meccanismi di apertura del letto sommier

Come abbiamo visto, il sommier è un letto senza testiera che, nella versione più moderna, è dotato di box contenitore. Il motivo del suo successo è evidente. La base del letto, che è cava, mette a disposizione un pratico vano in cui collocare numerosi oggetti. Lo spazio è generoso, ma l’ingombro è ridotto al minimo: infatti, la superficie occupata dal contenitore corrisponde a quella del letto.

Nella versione con box, l’accesso al vano interno è resa possibile da sistemi di apertura pratici ed innovativi. In commercio ne esistono tre: il meccanismo ad alzata semplice, quello a doppia alzata e il meccanismo ad alzata laterale. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

  • letto sommier con alzata singola: è il meccanismo più comune, che permette di sollevare il piano rete con un solo gesto. Il movimento di apertura è verticale e, una volta sollevato, il materasso resta fermo in posizione diagonale. Il riassetto del letto è altrettanto semplice: basta accompagnare delicatamente il piano rete verso il basso, fino a farlo appoggiare al giroletto.
  • letto sommier con alzata doppia: è un meccanismo innovativo, dotato di pistoni idraulici che permettono la movimentazione del piano rete in due tempi. In questa tipologia di sommier, il materasso si alza in verticale e in seguito assume una posizione orizzontale. L’apertura avviene in maniera rapida, senza sforzo e in totale sicurezza, e accedere al vano interno è davvero semplicissimo. I vantaggi dei meccanismi a doppia alzata non finiscono qui. Il piano di riposo del letto contenitore si alza tutto, svelando completamente lo spazio sottostante. Inoltre, l’alzata orizzontale permette di portare il materasso ad un’altezza utile per rifare il letto comodamente, senza piegare la schiena.
  • letto sommier con alzata laterale: è il meccanismo di apertura dei letti singoli e ad una piazza e mezza. Permette di accedere lateralmente al vano interno, un dettaglio che favorisce il posizionamento del letto contro il muro o sotto un armadio a ponte.

Esempi di letto sommier con alzata singola e doppia alzata

Letto sommier singolo ad alzata laterale

Letto sommier: misure e modelli

Per quanto riguarda le misure, i sommier offrono una gamma dimensionale ricca e variegata. Qui sotto troverai alcune dimensioni indicative, che potrebbero variare a seconda dei modelli e dei produttori. In generale, se vuoi farti un’idea, le misure dei letti sommier sono le seguenti:

 LETTO SOMMIER / SOMMIER CONTENITORE
MISURE STANDARD INDICATIVE
Letto Sommier Singolo cm 80 / 90 / 100 / 110 x 200
cm 90 / 100 x 210
cm 100 x 220
Letto Sommier Una Piazza e Mezza cm 120 x 200
cm 130 x 200 / 210 / 220
Letto Sommier alla Francese cm 140 x 190 / 200
Letto Sommier Queen Size cm 150 x 190
Letto Sommier Matrimoniale cm 160 x 200 / 210 / 220
Letto Sommier Matrimoniale Large cm 170 x 200 / 210 / 220
Letto Sommier King Size cm 180 x 200 / 210 / 220
cm 190 x 200 / 210 / 220
Letto Sommier Rotondo Ø cm 220 / 230 / 260

Letto sommier 1 piazza e mezzo Etienne

Letto sommier rotondo Record

Il letto sommier è il salvaspazio per eccellenza.

Nella versione con box può essere addirittura utilizzato come piccolo armadio, e questo in virtù della funzione contenitiva che lo caratterizza.

Ma cosa rende un sommier diverso da un comune letto con contenitore?

La sua struttura: il giroletto privo di testiera permette di risparmiare preziosi centimetri in profondità e di posizionare il letto in centro stanza. A sostegno di questa ipotesi, bisogna ricordare che il design dei moderni letti sommier è davvero impeccabile: il giroletto è curato nei minimi dettagli, e accorgersi della presenza del vano contenitore è quasi impossibile.

I tipi di giroletto esistenti sono davvero tantissimi e la scelta di un modello a scapito di un altro è spesso dettata da motivi di spazio. Se non si hanno molti centimetri attorno al letto, i sommier in legno o con giroletto slim sono l’opzione migliore, poiché riducono l’ingombro perimetrale e agevolano la circolazione nella stanza. Tuttavia, se non hai particolari esigenze di spazio (o se sei un fautore dell’arte per il gusto dell’arte), sappi che esistono dei letti imbottiti senza testiera davvero originali, alcuni addirittura romantici. Tra gli esempi più lampanti non mancano grandi basi con lavorazione capitonné, oppure coperte da gonne o mantovane (rivestimenti tessili che scendono fino a terra nascondendo i piedini del giroletto).

Letto sommier salvaspazio con giroletto slim e piedini alti
Letto sommier imbottito con giroletto arrotondato

Letto con copri sommier a mantovana

 

Un’alternativa al posizionamento in centro stanza?

Collocare il sommier contro il muro e utilizzare la boiserie* al posto della testiera. Una variazione sul tema consiste nel ricoprire il muro con pannelli imbottiti e rivestiti. Sono elementi decorativi davvero funzionali, spesso usati nella cameretta dei bambini o nella camera dei ragazzi. Oltre ad essere utilizzati come testiera (dietro al letto, quindi), questi pannelli possono essere impiegati su più pareti per creare schienali e protezioni laterali. Per non parlare della resa scenografica che danno… impagabile.

 

* Da sapere:

quando si parla di boiserie per letto ci si riferisce ad un sistema di pannelli modulari e componibili, utilizzati per creare testiere su misura e personalizzate. Per saperne di più, dai un’occhiata all’articolo Cos’è la boiserie per letto.

Letto sommier matrimoniale con boiserie Beat P17

Letto sommier singolo con pannelli imbottiti Tamia

Riassumendo:

In questo articolo abbiamo scoperto cosa sono i letti sommier, quali sono i meccanismi che ne regolano l’apertura ed elencato le misure più comuni in commercio. Ora non ci resta che fare un breve riassunto delle ragioni per cui vale la pena di optare per un letto sommier!

Sommier matrimoniale capitonné More&Plus

Scegli un letto sommier se:

  • sei alla ricerca di un letto originale, da posizionare in centro stanza
  • ti affascina l’idea di poter integrare al piano di riposo una testiera su misura e personalizzata
  • stai cercando un’alternativa al classico divano letto: in questo caso, i sommier singoli possono fare al caso tuo

Scegli un sommier contenitore se:

  • devi arredare una camera matrimoniale piccola e devi risparmiare centimetri in profondità
  • vuoi disporre di uno spazio contenitivo in più ma i cassetti sotto-letto non rispondono alle tue esigenze
  • cerchi un modello di letto che si possa rifare senza sforzo (i sommier contenitore ad alzata orizzontale sono i veri best seller)

Ora che sai tutto sui letti sommier, che ne dici di conoscere anche gli altri modelli? Ecco i nostri approfondimenti:

Letto singolo
Letto ad una piazza e mezza
Letto alla francese
Letto matrimoniale
Letto king size

Vuoi saperne di più sui materassi? Nella guida “Come scegliere il materasso” puoi scoprire le caratteristiche dei modelli a molle tradizionali o indipendenti, in memory o lattice.

Hai bisogno di un consiglio per arredare al meglio la camera da letto? Non sai quale sommier scegliere? Clicca qui sotto e chiedi aiuto ai nostri arredatori.

Contatti servizio clienti ArredaClick

6 Gennaio 2019 / / ArtigianaMente

La stanza da letto è uno degli ambienti più preziosi per una casa, essendo il luogo dedicato al nostro riposo, dove possiamo ricaricare le batterie per affrontare una nuova giornata di studio, di lavoro e tutte le altre faccende quotidiane. Trascurare questo ambiente significherebbe risentirne dal punto di vista del nostro benessere.

Alcuni aspetti della camera da letto hanno un ruolo determinante per la qualità del nostro sonno, vediamo insieme quali sono per assicurarci un’atmosfera rilassante che concili appunto sonno e riposo.

1.La posizione della camera da letto

La prima caratteristica fondamentale da approfondire è la posizione della camera da letto all’interno della casa. In generale è sempre meglio che sia distante dall’ingresso e il più possibile al riparo dai rumori. Le medesime regole possono essere applicate anche alla posizione del letto: questo dovrebbe poggiare contro il muro opposto alla porta d’ingresso, vicino a una parete che non dia su altre stanze rumorose.

camera da letto

bedroom

Immagini 1, 2

2. Come scegliere il letto

Passando al letto in sé, non bisognerebbe sottovalutare l’importanza che ha la scelta di un buon materasso, che assicuri il giusto riposo a tutto il nostro fisico. A questo proposito, quindi, è meglio optare per un prodotto di qualità come i materassi in memory foam di Tempur, ad esempio. Anche la struttura che sostiene il peso di materasso e del corpo è di fondamentale importanza, nello specifico andrebbe scelta in legno e non in metallo, in quanto quest’ultimo materiale secondo il Feng Shui potrebbe disturbare il sonno. E poi, lo ammetto, sono una grande fan del legno: trovo che sia un materiale bellissimo, caloroso, profumato, vivo, naturale.

3. I colori più adatti alle pareti

I colori molto scuri e cupi come grigio e viola, insieme a quelli molto accesi e vivaci come rosso e giallo pieno, non sono consigliati per la camera da letto: i primi due influenzano in maniera negativa il sonno, gli ultimi due invece hanno un effetto energizzante che poco si adatta a un luogo dedicato al relax come la stanza da letto.

Di conseguenza, sono le tinte pastello quelle più consigliate, perché trasmettono serenità e benessere. Tra i colori più indicati troviamo il viola lavanda, insieme al verde, al blu marino e al turchese, che mettono tranquillità in quanto richiamano ambienti naturali.

4. I profumi che conciliano il sonno

Infine, per favorire al massimo il sonno bisognerà coccolare tutti i sensi, olfatto compreso. Esistono profumi particolarmente adatti  alla camera da letto le cui proprietà possono essere sfruttate utilizzando un apposito diffusore di essenze. Fra le migliori in questo senso troviamo la lavanda, il gelsomino e l’olio di yling ylang.

Immagine La Tazzina Blu

Che ne pensi? Hai altri suggerimenti per rendere più rilassanti le nostre camere da letto?

The post Le 4 regole da seguire per una camera da letto rilassante appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

31 Ottobre 2018 / / Design

cabina armadio dietro al lettoIl nostro progetto per una cabina armadio a L realizzata dietro al letto con porta scorrevole su binario esterno

Per una mia cliente ho dovuto realizzare una cabina armadio, la camera non era grandissima e la cliente non voleva appesantirla ulteriormente con un grande armadio, preferiva avere una capiente cabina che contenesse tutto.

Abbiamo scelto di posizionare la cabina armadio con pianta ad L dietro al letto con ingresso sul lato, nel nostro caso la scelta è stata quasi obbligata dalla posizione di porte e finestre ed inoltre fa da filtro all’ingresso della casa, confina infatti con la tromba delle scale. Questa soluzione a me piace molto e ho scelto in questo articolo di parlare sì di cabine armadio, ma nello specifico del caso progettuale in cui si sceglie di posizionarle dietro al letto.

cabina armadio dietro al lettoE’ importante progettare al dettaglio la cabina armadio cabina armadio dietro al lettoCabina armadio dietro al letto, un semplice setto senza porte cabina armadio dietro al lettoTante possibilità per la cabina armadio dietro al letto cabina armadio dietro al lettoIl setto che separa il letto dalla cabina armadio può anche non arrivare fino al soffitto

cabina armadio dietro al lettoVista dall’alto!

cabina armadio dietro al lettoAnche in mansarda!

La cabina armadio è un sogno un po’ per tutti, uomini e donne, un guardaroba ordinato in cui immergersi ed, al contrario di quanto si immagini, ci permette di guadagnare spazio sostituendo mobili ingombranti. Magari ci farà diminuire il volume della camera ma il risultato finale sarà lineare, minimale pulito e ordinato ed è stata proprio questa la scelta della mia cliente, che voleva avere solo letto comodino ed un cassettone di famiglia all’interno della stanza.

Utilizzando il cartongesso potremo realizzare in modo semplice ed economico una cabina armadio, alzando con facilità una parete dietro al letto, che funzionerà da testata, potremo poi aggiungere delle porte a battente o scorrevoli, ma non sono strettamente necessarie!

La parete potrebbe anche non essere alta fino al soffitto ma un semplice setto divisorio e, per chi lo desidera, si possono utilizzare anche altri materiali oltre al cartongesso, come il legno o una bella vetrata in stile industriale, ad altri costi ovviamente.

cabina armadio dietro al letto  Setto divisorio in legno chiaro stile nordico

Una buona soluzione che fa filtrare la luce e rende tutta la composizione più leggera può essere un piccolo setto basso sormontato da un vetro opaco

cabina armadio dietro al lettoParete attrezzata in legno

cabina armadio dietro al letto

Tanti modi, materiali e stili per realizzare il setto divisorio della cabina armadio dietro al lettocabina armadio dietro al lettoUn setto basso che abbraccia il letto per la cabina armadio dietro alla testata  cabina armadio dietro al lettoSe siete ordinati potete optare anche per una soluzione che lascia la cabina parzialmente in vista  cabina armadio dietro al lettoIl setto rivestito in legno per una soluzione elegante e preziosa cabina armadio dietro al lettoVetrata industriale bianca, industrial e romantica cabina armadio dietro al lettoIl setto divisorio della cabina armadio dietro al letto si piega ed incassa i faretti

Altre idee possono essere quelle di rivestire la parete della cabina armadio, che sarà anche la testata del letto nel nostro caso, con una carta da parati o dipingerla di un colore particolare, se vogliamo metterla in risalto. A questa parete in cartongesso sarà meglio non attaccare quadri e decorazioni pesanti.

Se avete una camera quadrata o rettangolare di almeno 4 metri di lunghezza, potete disporre la cabina sul lato corto, proprio dietro alla testata del letto.  l’ingombro minimo del vano è di 120 cm di profondità, ovvero 60 di attrezzatura e 60 di passaggio, la cabina armadio dovrà essere lunga minimo 2mt per una composizione lineare.

cabina armadio dietro al lettoCarta da parati per mettere in risalto la cabina armadio dietro al letto cabina armadio dietro al lettoUn colore moderno e una bella scritta e il gioco è fatto, per evitare di attaccare decorazioni pesanti alla parete. cabina armadio dietro al lettoprogettiamo con attenzione la parete della cabina armadio dietro al letto

cabina armadio dietro al lettoElegante rivestimento effetto cemento

cabina armadio dietro al lettoAbbianamento vincente di colori e carta da paraticabina armadio dietro al lettoVernice lavagna e porta a scomparsa cabina armadio dietro al lettoTante possibilità di progettare la cabina armadiocabina armadio dietro al lettoLa cabina armadio a L dietro al letto

Potete decidere di realizzare un’unica cabina armadio oppure dividerla in due (anche semplicemente tramite un elemento contenitore  bifacciale), posizionando le due porte d’accesso ai lati del letto, in modo che ognuno avrà il suo spazio esclusivo. La cabina può essere chiusa da ante a battente, porte scorrevoli a binario a scomparsa o esterno o anche essere completamente prive di porta o chiuse creativamente da una tenda, le possibilità sono le più svariate a seconda del vostro stile e del vostro budget.

cabina armadio dietro al lettoLa cabina armadio con due ingressi differenziaticabina armadio dietro al lettoUna cabina armadio, una porta a battente e tanta creatività

L’elemento divisorio può anche essere un contenitore

Anche i moduli Kallax di ikea sono perfetti per fare da divisorio bifacciale per una cabina doppia, completate da contenitori per riporre ordinatamente  cabina armadio dietro al lettoporta scorrevole su binario esterno molto decorativa

Esistono diversi modelli di porte scorrevoli che potranno caratterizzare la vostra cabina armadio, da quelle in legno a quelle in vetrocabina armadio dietro al lettoOppure le porte possono essere completamente assenti cabina armadio dietro al lettoUn’altra soluzione semplice ma efficacie è l’utilizzo di una tenda cabina armadio dietro al letto…oppure una porta scorrevole a scomparsa
La cabina al suo interno andrà organizzata in modo molto dettagliato con ripiani, scaffali, barre porta abiti, cassettiere e magari anche uno specchio e un piccolo pouf per sedersi. Alcuni che hanno la fortuna di poter avere una finestra in questo spazio dedicato al guardaroba potrebbero dedicarne una parte per un angolo home office e addirittura…il bagno!

Se la camera è abbastanza grande e abbiamo sempre sognato la cabina armadio ma anche il bagno in camera potremmo cercare di progettare entrambi integrando le due funzioni. Una vera sala della bellezza e del benessere come quella di un divo o una diva del cinema!

SE vuoi…puoi!

cabina armadio dietro al lettocabina armadio dietro al letto

Una vera suitecabina armadio dietro al letto

Vetrata industriale perv dare luce alla cabina armadio che diventa home officecabina armadio dietro al letto

Due modi di progettare il bagno e la cabina armadio dietro al letto in camera cabina armadio dietro al lettoDa un lato scrivania dall’altro armadio

cabina armadio dietro al lettocabina armadio dietro al letto

La parete (in materica o vetrata) divide il letto dalla doccia   cabina armadio dietro al lettoAll’apparenza una stanza normale…in realtà una vera suite

Tanti modi di accessoriare la cabina armadio con: partendo da in alto a sinistra modulo Detroit in rovere nobilitato dim1x41,9×208,7h cm, al centro parete attrezzata in alluminio per cabina armadio h fino a 3mt L da 180 a 300cm, a destra specchio armadietto.Nella striscia in basso partendo da sinistra porta pantaloni in pino verniciato, al centro faretto LED autoadesivo ed in fine porta pantaloni estraibilie in metallo cromato

L’articolo Tanti modi di realizzare la cabina armadio dietro al letto proviene da Architettura e design a Roma.