4 Agosto 2020 / / Dettagli Home Decor

The Wild Hotel Mykonos

Situato in posizione dominante su una punta dell’isola ancora grezza e pura, il Wild Hotel è un capolavoro di design dove vivere un’esperienza indimenticabile.

Bello e selvaggio, lo spirito di questo hotel 5 stelle, affacciato sulla spiaggia di Kalafati, coniuga tradizione e contemporaneità. Circondato dalla natura incontaminata il Wild Hotel è una vera e propria oasi di relax per dormire, rilassarsi, ricaricarsi, leggere, meditare e godere dei fantastici spazi all’aperto.

Per alcuni ambienti sono stati scelti gli arredi Baxter della collezione Open Air disegnati da Paola Navone dove le pelli, morbide e accoglienti ma allo stesso tempo di grande carattere, vengono accostate a materiali come il rame e il giunco di Manila. Pelli morbide, naturali e avvolgenti come tessuto lavorate per stare all’aria aperta e per regalare quella sensazione di coccola. I colori che tingono gli arredi e che prevalgono in tutta la struttura sono quelli del blu e di tutte le nuances dei colori della terra; sfumature che richiamano i colori della natura dell’isola.

Il segreto di un relax memorabile risiede sicuramente nella massima attenzione ai dettagli, non solo degli arredi. I rivestimenti e le finiture sono realizzati mediante delle lavorazioni artigianali e i materiali scelti, sempre di alta qualità, rispettano la naturalezza della materia prima. La vista dalle camere è semplicemente mozzafiato.

The Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel MykonosThe Wild Hotel Mykonos

PhotoCredit: Christopher Kennedy, George Kordakis

L’articolo The Wild Hotel a Mykonos: bello e selvaggio proviene da Dettagli Home Decor.

4 Agosto 2020 / / Interiors

Vi parlerò ora del progetto di uno dei lavori più interessanti se non IL PIU’ interessante che mi è capitato di intraprendere da quando faccio questo mestiere.

Si tratta della realizzazione di una guest house deluxe al centro di Roma, ispirata alle quattro stagioni di Vivaldi. In questa struttura ognuna delle 4 camere, di cui due suite, è arredata seguendo le suggestioni delle 4 stagioni (Autunno, Inverno, Primavera ed Estate). Per completare l’opera la sala colazioni si ispira al teatro e vi è anche un miniappartamento intitolato a Vivaldi!

Un lavoro molto bello per la grande creatività che vi è stata espressa all’interno. Certamente impegnativo, poiché la realizzazione di 4 camere con bagno, così diverse l’una dall’altra, ha richiesto il lavoro progettuale ed esecutivo equiparabile a quello per 4 piccoli appartamenti distinti. Non dimentichiamo poi che ci sono anche la sala colazioni e il miniappartamento, due realtà ancora completamente diverse.

Concept progetto completo e obiettivi

Per questo lavoro mi sono occupata della creazione del concept, studio dell’interior design, scelta di arredi e materiali e disegno e progettazione di tutti gli arredi di falegnameria realizzati su misura, che vi sono all’interno della ghuest house.

Il committente, un architetto e imprenditore illuminato che si è lasciato trascinare da me nel vortice della creatività, osando e andando oltre i propri limiti, si è occupato personalmente della direzione lavori e progettazione tecnica. Insieme abbiamo creato un team assolutamente vincente, che ha portato ad una struttura funzionale, magica, accogliente e davvero unica.

Suggestiva ed emozionante, una struttura ricettiva che si distingue dalle altre. Distinguersi significa fare la differenza in un business, dove se non ti differenzi, ti riduci a fare quotidianamente la guerra al centesimo, per essere scelto nel mare magnum delle strutture mediocri che popolano una città grande come Roma.

La concorrenza è tanta e la si può sconfiggere solo con qualità, unicità e convenienza.

Cavour Suites è una struttura ricettiva di altissimo livello estetico e di servizi. Essa ha una posizione invidiabile ad un passo dal Vaticano, dal centro, dalla metro e dalla maggior parte dei punti nevralgici della capitale. Cosa da non sottovalutare…a prezzi accessibili.

Tutte le camere sono caratterizzate dalla scelta di una carta da parati che ha determinato fortemente la connotazione estetica degli ambienti . Questo vale anche per la sala colazioni.

Sala colazioni

Camera Autunno

Bagni da suite

Camera Primavera

Inverno

Estate

Autunno

La camera Autunno è una suite molto elegante, con accenti decò dati dagli stucchi alle pareti, dall’uso delle finiture rame e nero, dall’ottone del letto di recupero e dalle poltroncine. Anch’ esse recuperate e ritappezzate in velluto nero e tessuto lavorato color sabbia. A pavimento come un grande tappeto troviamo incastonata nel marmo una bellissima e affascinante moquette nera che riscalda e caratterizza la zona notte.

La stanza è arredata con letto matrimoniale in ottone e comodini ramati appoggiati sulla testata tappezzata da carta da parati raffigurante grandi foglie autunnali, retroilluminata. Vi è poi un tavolo stile Tulip per la colazione in camera e uno scrittoio da lavoro. Lo scrittoio insieme alle mensole che lo sovrastano è stato realizzato sfruttando una nicchia preesistente.

Completa la suite l’anticamera arredata con mobili in rovere laccato con dettagli in tubolare di rame (sezione quadrata), realizzati su misura su mio disegno. Si tratta di un armadio a giorno e di un elemento multifunzione: porta valigia, specchiera e frigobar.

Tutti i tessuti sono di altissima qualità, ignifughi, scelti con infinita accuratezza ed in linea con il tema di ogni stanza. Tende, copriletto, runner e in alcuni casi la moquette, che si staglia sul pavimento in gres effetto marmo Calacatta. Il marmo bianco caratterizza tutta la struttura e ricopre i pavimenti di tutti gli ambienti e i rivestimenti di tutti i bagni, poi personalizzati ognuno da vari dettagli.

Nel bagno della camera Autunno, oltre al marmo Calacatta, che riveste anche il piano del lavandino, troviamo la bellissima parete della grande doccia walck in, rivestita di marmo Frappuccino. Per completare il bagno di questa suite abbiamo inserito un soffione cromoterapico.

Progetto

Tavola arredi

Foto camera Autunno

tavolarealizzazione bagno camera Autunno

Per tutti gli arredi della camera autunno si sono scelte eleganti finiture ramate e vetri bruniti; per creare un’atmosfera calda ed autunnale caratterizzata dai colori dorati e bruciati di questa stagione. 1. tavolino rame/nero cromato con piano in vetro su Amazon. 2. Tavolo stile Tulip. 3. Lampada da parete con due interruttori Amazon. 4. carta da parati su Bimago.

Le scelte per il progetto e i materiali della camera Autunno, come della maggior parte degli ambienti, sono state praticamente sempre quelle delle prima proposta. Questo è avvenuto grazie alla grande fiducia del committente. Rivestimenti effetto Marmo Marazzi

Tra i varie elementi di recupero inseriti all’interno del progetto ci sono anche tre poltroncine in stile decò che abbiamo ritappezzato e riportato a un nuovo splendore

All’interno delle cornici piccoli quadri

testata con carta da parati retroilluminata

Nel palazzo d’epoca dagli alti soffitti dove erano già presenti degli stucchi abbiamo voluto riproporre tutta una serie di cornici che giocano tra il clasico e il moderno, così come l’illuminazione.

Prima colazione autunnale

Anticamera con mobili di falegnameria

Sala da bagno

Per i bagni abbiamo scelto di posare il rivestimento ad altezza boiserie e poi di dipingere le pareti con uno smalto effetto resina

Lo specchio è di Ikea. In una ristrutturazione così preziosa ci si può anche permettere di mimetizzare un pezzo della grande distribuzione che farà comunque una buona figura

Inverno

Dopo l’Autunno si sa, arriva sempre l’Inverno e la camera Inverno nella guest house suite Cavour è una comodissima ed elegantissima camera singola con letto ad una piazza e mezza, arredata nelle varie sfumature dei bianchi e dei grigi.

Alla parete dietro alla testata del letto, su cui troviamo una boiserie realizzata su disegno completata da un mobile contenitore, abbiamo posato una carta da parati di Caselio.

La carta è chiaramente in stile nordico e molto caratterizzante, non può non ricordare l’inverno, si tratta infatti di una foresta di tronchi di conifere grigio argento su bianco.

Abbiamo progettato in rovere sbiancato, sempre realizzato su disegno, anche l’angolo scrivania, guardaroba, posa valigia e il pannello per sostenere la tv attaccata a parete.

Il piccolo bagno è dotato di ogni confort, vaso bidet, ampia doccia e finestra. Nel bagno, a ricordare l’inverno, troviamo un rivestimento di mosaico irregolare e sfalsato di Porcellanosa. Questa regolare candida irregolarità di quadratini ci ha fatto subito pensare ai fiocchi di neve, così come il lavandino da appoggio, doppio zero di ceramica Flaminia. In origine doppio zero nasce come ispirato dalla forma di una tortiera ma a noi ha subito riportato alla mente l’immagine dei cristalli di neve!

Nonostante nella camera Inverno ci sia molto bianco non risulta assolutamente asettica e fredda, anzi. Anche qui gli elementi decorativi sono numerosi, tutti studiati a perfezione, avvolgenti, confortevoli; i tessuti preziosi e movimentati da trame e pattern, la carta da parati, come i tessuti e gli arredi. La nostra concezione di Inverno, che volevamo trasmettere all’ospite, è quella del comfort e piacevolezza dello stare al caldo sotto le coltri con una tazza di tè mentre fuori scende la neve.

Progetto camera Inverno

Tavola arredi camera Inverno

Foto realizzazione camera Inverno

Tavola realizzazione bagno camera Inverno

i materiali e gli arredi selezionati per la camera inverno si declinano nella scala di grigi, anche qui troviamo un mix equilibrato di classico e moderno. 1. Lavandino doppio zero ceramica Flaminia. 2. Applique Kartell. 3. Poltroncina Confalone. 4 rivestimento effetto mosaico di pietra irregolare di Porcellanosa. 5. Carta da parati Oh la la di Caselio.

Nella camera inverno, come nelle altre, è stata realizzata una decorazione a parete composta da una scritta in legno su plexiglas raffigurante dei versi del sonetto collegato alla sinfonia inverno di Vivaldi

I tessuti per il letto sono stati scelti con cura, un mix di ruvido e soffice, chiaro e scuro.

Dietro la parete del letto è stata realizzata una boiserie e sulla parte superiore è stata posata una carta da parati

Anche la boiserie della camera inverno è retroilluminata.

L’ingresso della camera, l’unica a non avere un’anticamera, è stato ribassato per creare comunque una soluzione di invito

Questa è l’unica stanza in cui gli arredi realizzati su misura prevedono l’utilizzo del rovere sbiancato, insieme alle parti laccate.

Anche il pannello che sostiene la tv, posizionato sulla parete dove sta il cassonetto della porta a scrigno, è stato progettato e studiato con attenzione

Nel bagno il rivestimento è realizzato con un effetto mosaico irregolare

Il piano realizzato, come tutti gli altri, in uno scatolato di legno, è posato il lavabo doppio zero di ceramica Flaminia

La parte superiore del rivestimento ceramico e dipinta con un effetto resina color burro.

Primavera

La suite Primavera è la più grande e romantica. Un’ampia stanza elegantissima, connotata dai colori dei fiori a primavera i porpora, violetti, magenta. Li troviamo sulla carta da parati e tessuti, in particolare la bellissima moquette, illuminati dai bianchi i color panna e crema delle poltroncine e pareti.

Anche in questa stanza abbiamo realizzata una boiserie dietro alla testata del letto. La boiserie è retroilluminata, poiché in ogni ambiente si è fatta grande attenzione all’illuminazione e a giochi di luce.

Sui soffitti delle stanze, dove troviamo spesso dei tagli di luce; dietro le testate dei letti con le boiserie e le carte retroilluminate e anche negli ambienti comuni.

Anche nella camera Primavera abbiamo sia il tavolo per la colazione in camera (dal quale possiamo godere della meravigliosa chiesa del complesso ‘Istituto Nazareth davanti alla struttura) che la scrivania da lavoro; l’anticamera con il guardaroba a vista e un ampio bagno.

Il bagno della suite Primavera è dominato da un fantastico e maestoso rivestimento ceramico basso spessore raffigurante dei fiori di Lotus in colori pastello (dimensioni 3mx2). Il rivestimento sembra una carta da parati e ricopre la parete della grande doccia walck in.

Anche Qui abbiamo inserito un soffione cromoterapico che insieme al marmo bianco Calacatta comunica la preziosità e piacevolezza di questa sala da bagno.

Anche l’impostazione della camera Primavera è rimasta più o meno la stessa sin da subito, abbiamo poi ragionato un pò più approfonditamente sul disegno della boiserie e la scelta della carta da parati

Una delle prime proposte di carta da parati di Elitis e il disegno recnico esecutivo della boiserie retroillinata, con mensoline

Per la stanza primavera si sono scelti arredi dai colori chiari e romantici, i crema, violetti, rosati. 1. Comodino Viola della serie I Componibili di Kartell, disponibile anche su Amazon. 2. Rivestimento ceramico formato maxi basso spessore di Kerlite con disegno Lothus. 3. poltroncina color tortora su Amazon. 4. Attaccapanni per il bagno di Kartell. 4. Tavolo bianco stile Tulip

Progetto

Tavola arredi

Foto realizzazione camera

Realizzazione bagno

La camera primavera risulta elegante, luminosa e romantica proprio come la primavera, grazie alla scelta equilibrata dei colori e della carta da parati che ritroviamo anche sul cappello della lampada di recupero vicino al tavolo

In questa, come in tutte le stanze, gli arredi sono stati accuratamente eseguiti su disegno e realizzati in rovere e lastre di plexiglas 4cm

Alla parete decorativa dietro alla testata del letto si contrappongono colori e linee tenui e regolari

Dall’anticamera si può veder esplodere la primavera

Il rivestimento ceramico 300×200 di Kerlite “Lotus” è stata una scelta scenografica e veramente mozzafiato

Anche in questo caso gli specchi sono di Ikea, ci tengo a sottolinearlo perchè è importante quando si ha un budget cercare di rispettarlo e sapere dove è il caso di investire e dove invece si possono ottimizzare i costi ottenendo sempre un buon risultato

Estate

In fine troviamo la camera Estate, una doppia. La stanza più piccina ma comunque dotata di tutto il necessario tanto è che anche qui abbiamo inserito il tavolo per la colazione in camera. Una possibilità che viene data agli ospiti per aver maggior privacy e libertà. Oltre alla zona colazione c’è sempre la scrivania da lavoro, poiché molti degli ospiti della struttura sono persone che si muove per business.

La camera estate non poteva che essere caratterizzata dai colori della stagione più calda e luminosa dell’anno, che ovviamente sono l’azzurro e il color sabbia. Abbiamo cercato di utilizzare queste nuance con gusto e sempre in maniera non banale.

Abbiamo scelto per l’occasione delle bellissime carte da parati di Elitis. L’azzurra sembra quasi un tessuto batik con fantastiche sfumature; mentre quella color sabbia dorata, retroilluminata, dietro alla testata del letto, vorrebbe richiamare un prezioso incannucciato, come quelli che siamo soliti vedere al mare.

Gli arredi per il resto sono bianchi, come i comodini minimal in plexiglass e il tavolino con sedie stile Tulip con deliziosi cuscini turchesi. Anche la moquette scelta per il pavimento ha un incredibile color azzurro e sembra proprio di tuffarsi nel mare!

Per il bagno abbiamo scelto per la parete dietro al lavandino un rivestimento che si rifà alle onde sabbiose. Lo specchio sembra realizzato con i vari legni portati dal mare o quelli scoloriti delle barche sulla battigia.

In tutte e quattro le stanze, come decorazione a parete abbiamo fatto realizzare una frase con lettere di legno su plexiglas, tratta da ognuno dei sonetti collegati alle quattro sinfonie delle quattro stagioni di Vivaldi

Per la camera estate abbiamo fatto diverse prove prima di scegliere la finitura delle pareti

E alla fine la scelta è ricaduta su due bellissime Carte di Elitis un’azienda raffinatissima, leader nel settore dei parati

Per gli arredi la palette cromatica è tutta in bianco e turchese. 1. Per il bagno rivestimento a parete che imita le dune di sabbia. 2. Lo specchio che sembra realizzato con legni di recupero lasciati dal mare è di maison du Monde.3. Applique a forma di conchiglia di Kartell. 4. Tavolo trasparente stile Tulip. 5. sedie stile Tulip con cuscino turchese 6. Moquette in nuance

Progetto camera estate

Tavola arredi camera Estate

Foto realizzazione camera estate

Bagno camera estate

Anche nella camera estate, come nelle altre ritroviamo la scritta in legno su plexiglas a decorare la parete dell’angolo colazione

Ai lati della testata retroilluminata e leggermente aggettante, rivestita di carta effetto incannucciato, troviamo due comodini in plexiglas bianco. Sono realizzati su nostro disegno e al di sopra vi sono due applique bianco latte di Kartell, che richiamano la forma di una conchiglia

Tagli di luce a soffitto

l’angolo giorno con il tavolino per la colazione e la scrivania è completato da le mensole realizzate in rovere nella nicchia preesistente

La camera, più piccola delle suite Primavera e Autunno è molto luminosa e dà comunque una sensazione di ampiezza anche grazie ai colori e giochi di luce.

In bagno il rivestimento che sembra richiamare le dune sabbiose ricopre la parete di doccia e lavabo.

Anche la camera Estate ha la sua anticamera con ampio armadio e posa valigia

Progetto e realizzazione miniappartamento Vivaldi

Oltre alle 4 camere c’è anche un miniappartamento, come accennavo, intitolato proprio al compositore. L’appartamentino è arredato in modo sobrio ed elegante. Per esso abbiamo scelto come elemento decorativo un fascione di Fornasetti raffigurante dei calamai.

L’appartamento è composto da un salottino, cucinino a scomparsa, un grande ed elegante bagno e un’ampia camera da letto, con scrivania in plexiglass, materiale che vediamo tornare in diverse occasioni all’ interno del progetto e letto in ottone, per un gioco di contrasti tra materiali.

Per l’appartamento abbiamo optato per colori ed elementi tenui e rilassanti come i verdi e le foglie del bellissimo rivestimento di Porcellanosa nel bagno. Del resto per comporre sinfonie di successo eterno ci vuole certamente calma e concentrazione!

Abbiamo scelto complementi d’arredo e materiali abbastanza diversi tra loro ma che insieme creassero un ambiente accogliente e rilassante proprio come quello di una vera casa, un rifugio, un luogo in cui concentrarsi, riposarsi, ristorarsi dalla frenesia della città. 1. scrivania in plexiglas su Amazon. 2. armadio Ikea. 3. Fascia decorativa con pennini di Fornasetti. 4. Lampada da tavola Amazon. 5. rivestimento ceramico per il bagno Porcellanosa

Per la camera da letto abbiamo fatto varie prove di colore anche se sapevamo che in qualche modo ci sarebbbe stato il verde

Per l’area giorno state fate diverse ipotesi di parete attrezzata

Prospetto cucinino a scomparsa

Progetto

Tavola arredi

Foto realizzazione appartamento Vivaldi

Bagno dell’appartamento Vivaldi

Il salottino ha divano letto matrimoniale che può accogliere altri due ospiti e la consolle che diventa tavolo per mangiare se si vuole usare il cucinino

Nella zona giorno sono presenti i colori scelti per il look del miniappartamento, verde, grigio e marsala usati anche per il velluto che ricopre e rinnova la poltroncina di recupero. Il divano è di Confalone

L’elegante atmosfera dell’ambiente un pò retrò è richiamata anche dall’utilizzo del velluto che troviamo sulla poltroncina di Confalone e nei cuscini

La testata in ottone ramato del letto è stata recuperata e restaurata dalla decoratrice Francesca rossetti così come altri arredi utilizzati in questa ristrutturazione. Anche la struttura delle Applique a parete è stata recuperata da un altro appartamento e rinnovata la veletta.

Anche qui tessuti, tendaggi, parati, sono stati studiati con cura nei toni dei verdi per donare relax, smorzati e resi più contemporanei dai grigi e una punta di color Marsala

All’ingresso della camera troviamo una grande scrivania, che però non risulta ingombrante alla vista data la sua trasparenza

Le porte di bagno e camera sono quelle originali dell’appartamento d’epoca, restaurate. Esse presentano al di sopra della porta un elemento in vetro satinato e righettato che lascia filtrare la luce naturale nel corridoio

La zona della doccia e la parete di fondo seno caratterizzate da un bellissimo rivestimento ceramico con foglie in rilievo che rende ancora più elegante, prezioso e romantico questo bagno

Lo specchio è un semplice specchio molato recuperato dal vecchio appartamento che però calza a pennello in questo ambiente un pò retrò elegante e decorato ma anche semplice e minimale nella sostanza

Il bagno dell’appartamento Vivaldi è molto spazioso, luminoso e piacevole. Una vera sala da bagno. Abbiamo senz’altro preferito dare spazio a questo ambiente che al cucinino a scomparsa

Arredamento eclettico

A proposito di Plexiglas, tutte le scrivanie delle stanze vedono questo materiale accoppiarsi al rovere, in un disegno semplice ma ricercato e raffinato. La richiesta è stata fatta espressamente dal proprietario e si è rivelata di successo per la bellezza, l’eleganza e la leggerezza del risultato.

L’arredamento della struttura è senz’altro eclettico ed è proprio questo che lo rende così affascinante ed unico. Le boiserie e altri dettagli dalle linee classiche insieme a mobili di recupero reinterpretati il tutto mixato ad arredi di design contemporaneo, come le carte da parati di Fornasetti e le lampade Kartell e classici del design come i comodini della suite Primavera della serie “I componibili” degli anni 50.

Tutte le scrivanie delle camere hanno una zampa in plexigles. Alcune, come in questo caso, hanno anche incorporato l’elemento portavaligia.

Tutti gli arredi pur seguendo lo stesso stile sono diversi e realizzati su misura e dettagliatamente per ogni stanza. Il mobile poggia valigia e con vano per il frigobar della camera autunno riprende il motivo dell’ottone nel tubolare di metallo a sezione quadrata presente nella struttura

Arredi in rovere naturale con parti laccate

Preparazione delle scritte in legno su plexiglas

1. Comodino Viola della serie I Componibili di Kartell, disponibile anche su Amazon 2. Sedia stile Tulip.

La bellissima carta da parati Teatro di Fornasetti troneggia nella nostra sala colazioni

Progetto e realizzazione reception e sala colazioni

La reception è stata risolta con un semplice scrittoio d’epoca e poltroncina by Confalone. Abbiamo posizionato entrambi alla fine del lungo corridoio, chiuso nella parte posteriore da un armadio a muro realizzato con due ante scorrevoli a tutta altezza.

Appena si entra, invece ci si trova subito davanti alla sala colazioni che colpisce per la scelta molto caratterizzante della carta da parati di Fornasetti “il Teatro”, trait d’unione di tutto il mood scelto per la struttura. Anche per questo ambiente abbiamo progettato una boiserie retroilluminata, completata da una panca contenitore che vi è appoggiata (per unire l’utile al dilettevole).

Anche il mobile sotto la finestra così come i tavolini, che al centro della cornice in rovere presentano incastonato il grès effetto marmo Calacatta del pavimento, sono stati realizzati su disegno.

Davanti all’area colazione/relax, arredata con panca e tavolini, c’è poi la cucina a vista Lube, laccata nera, senza pensili, per un suggestivo contrasto black & white, classico e moderno.

Sopra alla cucina abbiamo progettato un soppalco contenitore vano tecnico e anche nei corridoio abbiamo fatto realizzare un lungo armadio a muro come contenitore per i materiali di manutenzione e gestione della struttura. Perché oltre all’estetica in questo progetto è racchiusa anche tanta sostanza e soluzioni tecniche.

Le parole non possono bastare per descrivere la soddisfazione per la realizzazione di questa struttura ricettiva. Per me è davvero un fiore all’occhiello e rappresenta tutto quello che l’arredamento dovrebbe essere: creatività, gioia, funzionalità e coraggio.

La carta da parati Teatro di Fornasetti è stata una certezza fin dal primo momento, abbiamo ragionato un pò di più sulla scelta dei complementi, sedie e lampade

La progettazione degli arredi su misura della sala colazioni, boiserie con panca e sopratutto mobile sottofinestra e l’armadio del corridoio, ha richiesto molto attenzione e professionalità. Grazie anche al supporto di un’ottima falegnameria siamo stati tutti soddisfattissimi del risultato.

Foto sala colazioni

Reception

La reception di questa struttura è davvero minima poichè la guesthouse è tutta domotica e i clienti a cui viene inviato un codice per messaggio possono tranquillamente essere autonomi in tutto. E’ pur sempre importante il rapporto con i clienti e la presenza anche solo per un saluto o un’informazione.

Appena entriamo veniamo accolti dalla bellissima sala colazioni che può anche essere utilizzata durante la giornata come punto d’appoggio o lavoro essendo dotata di wii-fi, macchina del caffè distributore dell’acqua ecc. In fondo al corridoio sulla sinistra troviamo la piccola reception, informale e poco invasiva.

La panca contenitore con boiserie illuminata è stata progettata per essere bella comoda e funzionale, i tessuti dei cuscini sono stati scelti in abbinamento alla carta da parati ed è stato pensato un vano contenitore dato i pochi spazi di archiviazione per le scorte presenti nell’appartamento

La cucina della Lube, laccata nera con anche il piano e il rubinetto neri, è elegante e minimale , per nulla invasiva e veramente mimetica, anche il piano cottura nero è praticamente invisibile. Al di sopra del piano è stato realizzato un soppalco (vano tecnico) con luce ad incasso e due scaffali laterali in muratura, a cui sono stati applicati degli sportelli con la stessa finitura della cucina.

L’armadio a muro realizzato nel corridoio che porta alle stanze è sagomato e studiato nel minimo dettaglio per quanto riguarda ingombri, funzione ed estetica

L’articolo Progetto completo per una guesthouse di lusso proviene da Architettura e design a Roma.

17 Luglio 2020 / / Design

ex chiesa convertita in hotel

Si chiama Bunk Hotel ed è sbarcato ad Amsterdam per la sua seconda tappa olandese.

Il Bunk Hotel apre i battenti all’interno della ex chiesa di Santa Rita su progetto dall’architetto Rob Salemans (Raumkultur) che propone una struttura moderna senza rovinare lo scheletro della chiesa ospitante, un monumentale reperto degli anni venti sopravvissuto ai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

L’esterno del Bunk Hotel infatti è rimasto intatto, così come archi in mattoni e capriata in legno, inoltre un monumento al suo interno commemora la sua classicità e rende onore alla storia.

ex chiesa convertita in hotel

All’interno dimentichiamo il vecchio stile di ostello, il Bunk Hotel nasce anche per ridurre il divario tra i vari livelli di ospitalità: gli spazi sono divertenti e funzionali, punta su sostenibilità e tecnologia. Alcuni esempi: materassi di prima qualità e sistema di illuminazione ambientale, docce nebulizzata ad alta pressione, shampoo biologico e teli in cotone equo – solidale.

camera ex chiesa convertita in hotel

Oggi l’edificio ospita 107 camere ricavate all’interno di blocchi bianchi galleggianti nel volume della navata di santa Rita, inoltre si può trovare una biblioteca, uno studio di registrazione e 52 pod privati.

pod ex chiesa convertita in hotel

La versione pod è la soluzione proposta per viaggiatori cheap che con un piccolo budget può soggiornare in piccole stanze più economiche che al Bunk Hotel include comunque il meritato lusso della privacy.

ex chiesa convertita in hotel

Inoltre, per allietare gli ospiti il Bunk Hotel offre eventi sociali e attività ricreative sempre nuove nei ristoranti e negli spazi comuni.

Articolo di Silvia Fabris

L’articolo Amsterdam, una vecchia chiesa diventa il Bunk Hotel proviene da Dettagli Home Decor.

31 Marzo 2020 / / Architettura

Gli spazi, le strutture destinate all’accoglienza del nuovo turismo, quello fatto del mordi e fuggi, dei soggiorni brevi, dei millennial affamati di tappe sono pensati per competere con le nuove forme di ospitalità. La concorrenza, più che dagli alberghi arriva dalle piattaforme web; chi non le ha mai usate? Sono pratiche, veloci, economiche, numerose, e ne hanno per tutti i gusti.

Non sempre però ciò che si vede è ciò che si presenta nella realtà. Delusione per vacanze rovinate, cattiva cura degli ambienti, arredi mancanti, scortesia possono condizionare il soggiorno. Non è la regola, ma chiunque ne abbia fatto uso più di una volta può dire di aver sperimentato con mano. Prende piede una nuova frontiera, quella delle strutture alberghiere smart; spazi minimi, accessoristica polifuzionale, stretto indispensabile, luce naturale e colori a tema. Tutto all’interno di una struttura all’insegna della sostenibilità e del green new deal in atto, per poter competere sul profilo economico ma aver capacità e disponibilità di offrire servizi e certezze non paragonabili.
ATIproject se n’è già occupato con un discreto successo, progettando strutture ad hoc per tre città europee molto diverse tra loro, ma unite dalla spinta di fare qualcosa per l’ambiente incontrando le esigenze delle nuove generazioni, come Firenze, Praga e Berlino.

13 Gennaio 2020 / / Architettura

Il Mohr Life Resort si arricchisce di una zona wellness di nuova concezione, rispettando lo spirito del luogo e le sue geometrie.

Al Mohr Life Resort, storico hotel del comprensorio turistico delle Alpi Nordtirolesi, è stata concepita una nuova area wellness di circa 600 mq dal design innovativo. Lo scenario è perfetto: la vallata del Ehrwalder Becken e il suo incredibile paesaggio. “Il monte Zugspitze, in particolare, per bellezza, forza e complessità formale è indubbiamente l’elemento ispiratore e, direi, il protagonista del progetto. La nuova area wellness, infatti, è pensata come la platea di un teatro, da cui ammirare quello straordinario spettacolo della natura.”  spiega l’architetto Christian Rottensteiner, uno dei fondatori dello studio Noa* che ha curato l’intera progettazione. Impossibile non realizzare un’architettura capace di valorizzare l’anima del luogo e le sue caratteristiche morfologiche. Il risultato è mozzafiato. Sono state costruite due differenti aree: una parte outdoor, provvista di una piscina che si estende dall’interno verso l’esterno e una zona coperta, disposta su due livelli e plasmata sulla pendenza del terreno.

L’esterno, più rigoroso, è contrapposto ad ambienti interni dalle linee morbide ed avvolgenti, immaginati come palchi teatrali che si affacciano sulla vallata. Lo spazio è stato suddiviso in aree relax dal design ricercato. Si alternano spazi a doppia altezza con bellissime altalene sospese a logge chiuse per una privacy totale. Anche i tessuti sono stati curati nei dettagli, impiegando cotoni e velluti dalle nuance delicate e calde, dal rosso-bordeaux al marrone.

Scendendo al piano terra dalla spettacolare scala elicoidale, è possibile utilizzare la Spa con sauna panoramica usufruibile da 20 persone, un mini bistrot e un bar con piccoli spuntini.

I materiali, scelti con attenzione, includono superfici in cemento e in vetro, che riescono a rendere il progetto contemporaneo e minimale. In particolare l’utilizzo del vetro crea una suggestione davvero unica poiché il paesaggio è totalmente riflesso sulla superficie.  A rafforzarne lo stile, i pavimenti in resina che creano un piano continuo, senza giunti, dando una percezione di grande respiro.

Progetto: studio Noa* – Photo credit: Alex Filz

Articolo di Eleonora Bosco

L’articolo Una SPA da sogno in Tirolo proviene da Dettagli Home Decor.

8 Gennaio 2020 / / La Gatta Sul Tetto

Iniziamo il 2020 con la visita di un hotel di charme. La villa che lo ospita è adagiata su una collina che domina la sponda veronese del lago di Garda. Arredato con gusto eclettico, offre molti spunti cui ispirarsi.

hotel di charme villa Collivo

Progettato dall’architetto Francesca Rapisarda, l’hotel offre una vista ineguagliabile sul lago e sulle colline circostanti. Gli interni sono decorati e arredati con gusto eclettico, soprattutto nelle parti comuni. L’intento era quello di creare un ambiente accogliente e famigliare, elegante senza essere pomposo, che rispecchiasse i gusti diversi degli ospiti. 

Le parti comuni

L’architetto ha privilegiato lo stile eclettico soprattutto nelle parti comuni. Abbiamo il salone, illuminato da ampie vetrate che danno sul verde e sulla piscina, arredato con comodi divani Chesterfield, e con pezzi di design come il tavolino Alanda ’18 disegnato da Paolo Piva per B&B, o il lampadario Vertigo di Petite Friture.

Oppure l’intimo salottino dalle pareti rosso mattone, con poltrone in pelle in stile retrò con decorazioni di gusto orientale. E poi la spaziosa sala da pranzo, dominata da un tavolo king size con piano in massello, circondato dalle sedute Comback di Kartell.

hotel di charme villa Collivo

I bellissimi bagni delle suites

Le suite sono piuttosto spartane, con arredi in acciaio nero e legno grezzo, qualche pezzo di antiquariato e pochi fronzoli.

hotel di charme villa Collivo
Foto credits: Enrico Dal Zotto – courtesy www.eclisse.it

Sicuramente questa scelta è stata dettata dalla volontà di dare risalto al magnifico paesaggio, che cattura la vista attraverso le generose aperture.

hotel di charme villa Collivo
Foto credits: Enrico Dal Zotto – courtesy www.eclisse.it
Foto credits: Enrico Dal Zotto – courtesy www.eclisse.it

I bagni fanno eccezione rispetto alla sobrietà delle camere da letto. Il gusto è classico, ispirato ai bagni inglesi, con la carta da parati e la boiserie e con accenti retrò nei complementi in ottone.

hotel di charme villa Collivo bagni
Foto credits: Enrico Dal Zotto – courtesy www.eclisse.it

Ma l’aspetto non deve trarre in inganno: i piatti doccia, della serie Campo di Planit, sono stati realizzati su misura in Corian® Glacier White, un Solid Surface di ultima generazione. Anche i lavabi da appoggio, sempre di Planit, sono stati realizzati nello stesso materiale, e la loro forma essenziale e minimalista dialoga alla perfezione con l’involucro decorativo.

Foto credits: Enrico Dal Zotto – courtesy www.eclisse.it

Per informazioni: hotel di charme Villa Collivo


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la Kitchen Trends Guide 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

27 Dicembre 2019 / / Architettura

Arctic TreeHouse Hotel a Rovaniemi

Tradizioni lapponi e moderno design scandinavo si fondono nel suggestivo Artic TreeHouse Hotel di Rovaniemi progettato da Studio Puisto.

Il progetto Arctic TreeHouse Hotel è iniziato con un concept design realizzato in stretta collaborazione con il cliente. L’ispirazione per il design degli alloggi – situati su un ripido pendio naturale – è arrivata dalla natura e dalla cultura nordica, nonché dal magico mondo di SantaPark da cui dista solo 2 km.

32 suites sono state collocate nella natura in coppia e ce ne sono di due tipi diversi. Gli edifici, strutturati e rivestiti in legno, sono nidi caldi accuratamente progettati. Il contrasto tra la natura selvaggia e uno spazio sicuro, simile a un nido, è stato un elemento guida dell’intero design. L’arredamento ha dettagli sorprendenti e deliberati che si legano alla zona e al suo concetto esperienziale. I materiali morbidi e caldi utilizzati nel design degli interni sottolineano l’atmosfera simile a un nido. L’impronta ecologica dei materiali e delle soluzioni tecniche utilizzate ha avuto un impatto importante in ogni fase del processo di pianificazione e costruzione. Il tetto verde aiuta a gestire il deflusso urbano e riporta il valore della vegetazione dell’impronta dell’edificio al cantiere. Il legno che riveste le superfici interne crea un ambiente confortevole, aria sana e un’acustica piacevole.

L’illuminazione esterna è stata ridotta al minimo per ammirare l’aurora boreale e per consentire una vera esperienza immersi nella natura selvaggia. Ci sono abbastanza luci che garantiscono un’accessibilità sicura alla propria camera, inoltre, alcuni bellissimi alberi sono stati appositamente illuminati per essere dei punti di riferimento. Di sera e di notte gli edifici si illuminano nella foresta come lanterne, proiettando ombre particolari e invitando ad entrare nel caldo interno.

Oltre all’Arctic Tree House Hotel, l’area ospita un edificio di accoglienza e di ristorazione oltre a 5 unità abitative più grandi.

L’articolo Comfort di lusso nel cuore della Natura Artica proviene da Dettagli Home Decor.

9 Ottobre 2019 / / Architettura

READ IN ENGLISH

Palazzo Daniele è un lussuoso Hotel che si trova nel cuore del Salento, a Gagliano del Capo, in provincia di Lecce. Gli ambienti ricchi di storia, valorizzati da complementi d’arredo moderni e funzionali, sono in grado di regalare un soggiorno unico e indimenticabile, all’insegna del benessere e del lusso raffinato.

Palazzo Daniele – Puglia

L’idea architettonica che ha ispirato il restauro dell’Hotel è stata quella di creare spazi il più ampi possibile, per esaltare i soffitti decorati con affreschi preziosi e i bellissimi pavimenti, elementi storici che costituiscono il fondamento del grande pregio dell’edificio.

Le pareti, lasciate preferibilmente spoglie, valorizzano in misura ancora maggiore soffitti e pavimenti; si nota un’insolita e piacevole alternanza di antichi ritratti di famiglia ad opere d’arte contemporanea.

In questo modo, si assiste a una magica fusione tra antico e moderno; quest’ultimo si combina perfettamente con il primo, grazie al minimalismo degli arredi, che sono funzionali e rispondono a tutte le esigenze degli ospiti, i quali possono godere della bellezza della struttura antica e della discreta, solida e contemporanea presenza degli elementi d’arredo moderni.

Palazzo Daniele – Puglia

 

Una overview agli ambienti dell’Hotel: minimalismo e lusso d’altri tempi

In ogni stanza sono presenti elementi dal design contemporaneo, che sono parte di un dialogo senza soluzione di continuità con le numerose opere d’arte. Queste ultime divengono, a loro volta, funzionali: la scatola luminosa di Simon d’Exea dona luce agli ambienti; l’installazione di una doccia con cascata d’acqua a pioggia, in un contesto progettato traendo ispirazione da un’antica fonte, con un soffitto alto sei metri ed una vasca rotonda di grandi dimensioni, frutto dell’abile mente di Andrea Sala.

Palazzo Daniele – Puglia

Il rituale della doccia diventa, in questo modo, un momento intimo, piacevole, in cui ci si ritrova catapultati in un mondo antico, con ritmi lenti e rilassanti, e godere allo stesso tempo di tutto il comfort dato dal grande soffione moderno, che sembra quasi calare magicamente dal meraviglioso soffitto a volte.

La grande finestra, che si trova in questo ambiente, offre uno scorcio da sogno sul verde circostante: un paradiso bucolico in cui ci si può spogliare di ansie, stress e preoccupazioni, per potersi dedicare unicamente alla cura del proprio corpo e della propria mente.

Palazzo Daniele – Puglia

É proprio questo la punta di diamante della Royal Junior Suite, resa unica dall’ambiente dedicato alla doccia.

Il bagno ha caratteristiche particolari, anche per la presenza di ceramiche Flaminia e specchi retroilluminati. Design contemporaneo e arte antica convivono, trasmettendo un’energia unica e rigenerante.

L’atmosfera delle stanze: la magnificenza si sposa al minimalismo

In ognuna delle nove stanze presenti a Palazzo Daniele si respira un’atmosfera fuori dal tempo, in cui si fondono in modo eccellente arte contemporanea, decorazioni monastiche, meravigliosi soffitti a volta decorati con affreschi antichi e arredi minimal.

In particolare, le suite si affacciano sul cortile rigoglioso e fonte d’ispirazione; i soffitti, con le volte ed affreschi del XIX secolo, rivelano tutto il loro pregio e la magnificenza tipica dei tempi passati. Gli arredi minimal, come gli armadi con cornice in acciaio nero, non si pongono in contrasto con l’ambiente ricco di storia, ma lo esaltano in modo discreto e funzionale. I letti king size sono perfetti per regalare agli ospiti un riposo rigenerante e regale.

L’articolo Palazzo Daniele: storia e raffinattezza in Salento proviene da easyrelooking.

25 Settembre 2019 / / Architettura

READ IN ENGLISH

L’Angolo del Poeta a Matera propone 3 diverse case vacanza in cui ritrovare l’essenza delle cose e rigenerarsi, grazie alla semplicità e raffinatezza della struttura, ai colori chiari e all’assenza del superfluo.

Le pareti sono in pietra chiara e mantengono la struttura antica delle case di un tempo. I muri terminano con volte che impreziosiscono in modo discreto le pareti, di altezza importante, tipiche del passato.

Gli arredi: nulla è lasciato al caso

Nelle suite ogni arredo ha una sua specifica funzione: il divano di ispirazione dandy, la console antica in legno con specchio, la poltrona in stile Luigi XVI, il letto con struttura in legno bianco.

L’essenziale non deve essere confuso con minimale, in quanto ogni complemento d’arredo è studiato per favorire la concentrazione e la rilassatezza, con discrezione e funzionalità allo stesso tempo.

Anche gli infissi bianchi donano ancora più luce all’ambiente, che si affaccia su un delizioso spazio esterno in mattonato, ideale per trovare ispirazione, godere del silenzio e rigenerarsi. Le poltrone in rattan sono comode e regalano momenti piacevoli, per contemplare i vasi posizionati qua e là nella piccola terrazza, decorata alle pareti con elementi tipici dell’antica cucina contadina, che ben si sposano con complementi d’arredo di altri tempi, come il baule di legno.

Le volte degli ambienti interni: una fonte di mistero e ispirazione

Visitando gli spazi interni dell’Angolo del Poeta, non si può non rimanere profondamente colpiti dalle colonne e dalle volte presenti sul soffitto: sembra di essere in un altro mondo, misterioso e ricco di storia, e allo stesso tempo viene voglia di scoprire il resto degli ambienti, in un percorso sapientemente costellato da diverse fonti di luce: candele, lampade a pavimento, discrete e quasi impercettibili appliques.

Seguendo il percorso delineato dalle scale, ci si trova di fronte a un bagno funzionale e minimal, seppur delimitato dalle pareti in pietra chiara. Lo spazio non è delimitato da porte o elementi divisori, ma anche in questo risiede la sua particolarità: la discrezione che aleggia in tutti gli ambienti rende il bagno una naturale continuazione degli altre stanze, in totale naturalezza.

La cucina: tradizione e semplicità, con raffinatezza

La ricercatezza della cucina si nota sin dal primo momento, a cominciare dalle maioliche colorate che decorano il piano con lavandino e fuochi. Lo stile richiama quello di una volta, delle antiche case contadine, seppur con una ricercatezza tipica del design contemporaneo, in cui ogni elemento è funzionale. Gli spazi sono sapientemente utilizzati, rendendo l’ambiente di lavoro pratico e dotato di tutto il necessario. Anche qui, nulla è lasciato al caso, né nascosto: le funzioni quotidiane sono rese semplici e ricche di significato, e impreziosite dal legno antico dei complementi d’arredo e dal pregio dei materiali.

 

É questo l’ambiente che fa ritrovare il contatto con la realtà, e che tuttavia coesiste con gli altri spazi dell’Angolo del Poeta, pieni di ispirazione e sogno.

L’articolo Angolo del Poeta: semplicità e raffinatezza a Matera proviene da easyrelooking.

23 Settembre 2019 / / Architettura

L’Amangiri Hotel, della catena Aman sorge in pieno deserto americano, in un paesaggio quasi soprannaturale di canyon, mesas, montagne e gole, l’albergo confina con la più grande riserva di nativi americani negli Stati Uniti, per poterlo costruire è stato necessario un Atto del Congresso

Le ville che compongono l’hotel sono un felice mix di minimalismo e lusso, i muri sono in cemento, i mobili in legno grezzo, l’acqua elemento di contrasto per eccellenza quando si inserice in ambienti desertici, dà risultati particolarmente drammatici

L’Amangiri Hotel ha un minimalismo rilassante ma lussuoso che fa apprezzare maggiormente il panorama inconsueto

The hotel in the canyon

The Amangiri Hotel, of the hotel chain Aman, rises in the middle of the American desert, in an almost supernatural landscape of canyons, mesas, mountains and gorges, the hotel borders the largest Native American reserve in the United States, in order to build it an Act of Congress was needed

The hotel suites are an happy mix of minimalism and luxury, the walls are in cement, the furniture in rough wood,
water, an element of contrast par excellence when inserted in desert environments, gives particularly dramatic results

Amangiri Hotel has a relaxing but luxurious minimalism that makes it more appreciated the unusual panorama

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura