Design






 
 
 

Sofà

Pubblicato da blog ospite in Design, Filò, Idee

E chi l’avrebbe mai detto?!?
Ecco come una vecchia vasca si trasforma in comodo divano!

Tags:

 
 

MOODBOARD – Little Red Riding Hood

Pubblicato da blog ospite in Decor, Design, Mommo Design
Questa settimana una moodboard fiabesca. Partendo dal bellissimo wall sticker gigante di Funky Little Darling che rappresenta una foresta incantata mi è venuto in mente di creare una stanza ispirata alla favola per eccellenza: Cappuccetto Rosso! Gli elementi ci sono tutti: il bosco appunto, il letto loft Casita di Kid’s Modulor per la casa della nonna e il lupo sul copriletto di By Nord………
1 – Regolit lampshade by IKEA
2 – Woodland friends giant wall stickers by Funky Little Darling
3 – Casita loft bed by Kid’s Modulor
4 – Wolf duvet cover by By Nord
5 – DIY bedside table, tree stump on wheels, by Barbara Groen

6 – Livingstone pebble pillows by Smarin
7 – Mushroom lamp by Egmont



 
 

Up in the Air Table di Ramón Úbeda + Otto Canalda

Pubblicato da blog ospite in Design, Hugs and Violence

È caldo. E quando è caldo scrivo di meno perchè il lago mi chiama.
Adesso però Francoise Hardy canta dal mio stereo e ho fatto più docce di Edwige Fenech, quindi sono abbastanza fresca da sopportare il calore del pc sulle gambe.
Visto che siamo nella stessa barca ho pensato di darvi un po’ di sollievo con un design fresco e divertente. Eppure estremamente contemporaneo e minimal.
Ecco il Up in the Air Table di Ramón Úbeda + Otto Canalda per Viccarbe che risponderà alla domanda fondamentale: lo vorreste un tavolino e un animale domestico nello stesso pacchetto?

Un cilindro laccato con pesciolini in resina ecologica estremamente realistici.
Ha quel pizzico di macabro che adoro.

Ho trovato poche immagini dato che il tavolino è appena stato lanciato allo scorso Salone del Mobile, ma non vedo l’ora di vederlo ambientato in una casa vera.
Con i gatti di polvere sotto il divano e una copertina colorata e stropicciata sul divano.
Emily
Tags:

 
 

American Apparel rende omaggio al design di Memphis

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, Design, News

Quando la moda ispira il design la cosa mi diverte. Ma quando è il design ad ispirare la moda io mi esalto da morire!!!

Soprattutto poi se il design in questione è un periodo particolare del design italiano, soprattutto se questo periodo è durato un battito d’ali, soprattutto se questo periodo ha trasformato il design contemporaneo e soprattutto se chi l’ha creato non è altro che il “papà” del design italiano Ettore Sottsass!

Ve l’ho detto all’inizio che sono esaltata :-)

Non potevo non scriverlo sul mio blog! Il colosso mondiale dell’abbigliamento American Apparel ha creato in collaborazione con l’artista francese Nathalie Du Pasquier una collezione moda donna-uomo-casa che riporta alla ribalta le stampe che l’artista aveva creato con il gruppo Memphis negli anni ’80.

In realtà il movimento ispirò già la moda con la collezione haute couture autunno-inverno 2011-12 di Christian Dior (vedi qui la collezione). Ma ora è diverso! Perchè quel periodo è ritornato a parlare al pubblico di massa, a cui originariamente era rivolto (visto che le opere di Memphis oggi sono diventate passione più per galleristi e collezionisti). Adesso tutti possono indossare un capo con quelle famosissime stampe che hanno fatto il giro del mondo!

Oggi sono profondamente felice! Questa occasione mi ha fatto rivivere l’esperienza lavorativa, ma soprattutto umana, con Ettore. Ringrazio lui, Barbara Radice, Enzo Cucchi per avermi regalato il periodo più bello, più intenso e ricco di esperienze della mia vita!

Eh si Ettore, quel sogno è ancora nel cassetto…

Per vedere tutta la collezione digitate qui.

Qui invece una bellissima intervista, su questa collaborazione, a Nathalie Du Pasquier su Domus.


 
 

Armadio ad angolo: quando e perché sceglierlo?

Pubblicato da blog ospite in Design, Interiors, Napol Arredamenti

Un armadio ad angolo presenta notevoli vantaggi a livello di ottimizzazione degli spazi a disposizione e possibilità progettuali.

Quando scegliere un armadio ad angolo
Solitamente si opta per un armadio angolare quando la camera da letto matrimoniale è piccola oppure quando, per la presenza di molte aperture (più finestre o porte), ci si ritrova senza una grande parete lineare su cui disporre un armadio in grado di contenere tutto il necessario per due persone.
La misura minima dell’angolo necessario alla realizzazione di un armadio di questo tipo è di cm 101,6 x 101,6 o di cm 115 x 115 per angoli con ante curve. Se lo spazio a disposizione è maggiore si può scegliere un angolo spogliatoio, una sorta di piccola cabina armadio con un’area calpestabile ed in cui è possibile inserire elementi aggiuntivi quali cassettiere, specchiere e altri optional.
Nelle immagini dell’armadio Anta Curva (che potete vedere qui) si nota come, a seconda dello spazio a disposizione sulle due pareti, l’angolo dell’armadio può costituire un terminale o essere inserito tra due elementi lineari:

Armadio con angolo terminale

Armadio con angolo terminale.

Armadio con angolo inserito tra due elementi lineari.

Armadio con angolo inserito tra due elementi lineari.

Perché scegliere un armadio ad angolo
Come abbiamo già detto un armadio angolare permette di sfruttare al meglio gli spazi della camera da letto, in particolare se questa presenta una configurazione complessa: più finestre disposte su due pareti o più porte (porta d’ingresso e magari una seconda che conduce ad un bagno interno). L’angolo a disposizione viene spesso ignorato o occupato solo dal fianco di un armadio lineare: ci si può invece avvalere di questo prezioso cantuccio sfruttandone appieno le superfici, collocandovi un elemento angolare o uno spogliatoio.

Armadio con angolo spogliatoio.

Armadio con angolo spogliatoio.

Reflex ad esempio offre due modelli di spogliatoio: uno terminale (come in foto) e un angolare inseribile tra moduli lineari, proprio come nel caso visto sopra. Il terminale spogliatoio ha il vantaggio di occupare, sul lato esterno, solo 23 centimetri. Il lato più profondo può essere attrezzato con ripiani e appendiabiti, mentre il secondo può ospitare appendini e mensole per borse e accessori.

Angolo spogliatoio attrezzato.

Angolo spogliatoio attrezzato.

Armadio ad angolo Reflex con spogliatoio terminale.

Armadio ad angolo Reflex con spogliatoio terminale.

Certamente l’estetica ha il suo peso. Il consiglio è quello di evitare colori forti e legni scuri in camere da letto piccole, o seguire l’esempio dell’armadio Reflex e optare per ante di diversa finitura: un laccato per i moduli lineari e il vetro per l’angolo, materiale che per eccellenza trasmette leggerezza e dona alla camera un tocco di moderna eleganza.

Tags: ,

 
 

Idee dal Giappone: lo stile Kawaii declinato alla casa

Pubblicato da blog ospite in Design, Stili, The Orange Deer
Qualche tempo fa ho visto alla tv un documentario su una delle ultime tendenze nate in Giappone: era un viaggio alla scoperta di tutto ciò che è considerato kawaii.
Kaw-che???
Kawai! E’ un termine giapponese che significa semplicemente carino, ma pensate, dietro a questa parolina si è sviluppato un vero e proprio stile di vita che, se negli anni ’70 interessava solo gli adolescenti, oggi è perseguito da persone di ogni età in tutto il mondo.
Si parte dalla base per cui è considerato kawaii ciò che è carino, tenero, colorato, dolce e infantile. Queste caratteristiche vengono quindi declinate agli oggetti di uso quotidiano, all’abbigliamento, al cibo, al modo di comportarsi o qualsiasi altra cosa. Per capirci, se tutto il mondo fosse kawaii vivremmo all’interno di un manga (oh, non c’è niente di più tenero di quegli occhioni enormi e luccicanti dei personaggi dei fumetti giapponesi)!
Ma perchè questo stile apparentemente così infantile piace tanto agli adulti? A questo c’è un spiegazione più o meno scientifica: sembra che gli esseri viventi siano istintivamente portati a provare un senso di tenerezza, di protezione e di amore verso tutto ciò che sembra piccolo e indifeso. Questo dovrebbe aiutare i cuccioli di ogni specie a sopravvivere pur non potendosi difendere. Quindi non cercate di resistere al kawaii, tanto il vostro istinto si ribellerà!
Naturalmente questa tendenza si è estesa anche all’arredamento e agli accessori per la casa. Una abitazione troppo kawaii sarebbe decisamente di cattivo gusto anche per una teenager, ma ho scovato alcuni oggetti che forse potrebbero piacervi:
Link immagini: 1, 2, 3, 4, 5, 6

Inserireste un oggettino kawaii nella vostra casa? Io comprerei subito la panda-lampada!

Se volete più informazioni sulla cultura kawaii vi consiglio di leggere l’articolo Kawaii: the power of cuteness. Ovvero: come l’impero del sol levante abbia trovato nella “carineria” una insospettabile chiave di egemonia culturale. che ho trovato sul blog Gorgonia creato dal marketing manager e interior designer Francesco Catalano. 


 
 

Che gambe!

Pubblicato da blog ospite in Design, Filò, Idee

Oggi un’ispirazione semplice per crearsi piccole vetrinette o semplici contenitori chiusi.
Si può considerare di riutilizzare un vecchio comodino, ad esempio, privarlo delle gambe e applicarci una struttura a telaio metallica, pulita ed essenziale, che lo renda più alto e di più facile accesso.
Magicamente mi tornerà utile anche in ingresso o in cucina o dove preferisco!


 
 

IKEA PLAY KITCHEN MAKEOVERS

Pubblicato da blog ospite in Design, Mommo Design

seesarado.com                        

Tags:

 
 

Comodino fai da te

Pubblicato da blog ospite in Design, Filò, Idee

Questa è un’idea facile e pratica da copiare all’istante.

1- un piccolo tavolino da poter personalizzare ritinteggiandolo o realizzando delle semplici fasce colorate
2- una lampada tecnica da tavolo, magari in nuance (si possono riverniciare) fissata direttamente al comodino
3- il tocco in più? Rinunciare alle coppie e inserire una lampada di tutt altro genere per l’altro lato!

Tags:

 
 

Una casa ad Oslo

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break, Design

Linee verticali ed una scala-scultura fanno di questa casa ad Oslo, progettata da Haptic Architects, uno spazio luminoso, dall’interessante geometria.

_________________________
CAFElab | studio di architettura
Tags:

 
 




Torna su