Design






 
 
 

MaxMeyer meets Pantone: #justcolouryourselfie

Pubblicato da blog ospite in Design, Idee, Rooms Interior Design Lab


Vi ricordate il post sul Marsala e sui suoi abbinamenti di qualche tempo fa? Ecco, oggi torno volentieri a parlarvi della collaborazione tra Pantone e MaxMeyer perché in occasione della Design Week milanese ho avuto il piacere di partecipare all’evento di presentazione del contest #justcolouryourselfie.

Si tratta di un concorso fotografico su Instagram e partecipare è veramente semplice:
  • scattatevi un selfie e postatelo sulla vostra bacheca Instagram con l’hashtag #justcolouryourselfie
  • collegatevi al sito collectionpantone.maxmeyer.it e registratevi tramite la funzione Instagram Connect completando l’apposito form online.
 Il selfie dovrà essere colorato e originale, quindi non ponete limiti alle vostre capacità artistiche ed esprimete liberamente la vostra creatività e la vostra personalità!
Il premio in palio è di quelli che fanno gola a tutti gli appassionati di design: un week-end per due persone al Pantone Hoteldi Bruxelles! Non male no?

Il contest è valido dal 14 aprile al 14 settembre 2015, quindi mani agli smartphone e iniziate subito a scattarvi splendidi selfie perché io non so se vi rendete conto che potreste svegliarvi la mattina tra queste amenità:


Io li amo.

Tags:

 
 

Padiglione Satellite: my personal top 10

Pubblicato da blog ospite in Design, La Tazzina Blu

Il padiglione Satellite è da sempre il mio buen retiro quando ho bisogno di respirare un po’ di aria fresca durante l’estenuante tour tra gli stand del Salone, è la mia isola felice quando non ne posso più di vedere commerciali in giacca e cravatta che accarezzano divani o hostess sui tacchi a spillo che non vedono l’ora di caricarti di cataloghi. Qui trovo la pulizia e la freschezza delle novità che ci propongono gli emergenti designer under 35, appena “sfornati” dalle più importanti scuole di design di tutto il mondo, i quali non esitano ad avvicinarsi per svelarti le loro visioni ed i “dietro le quinte” del loro lavoro… E’ questo il trampolino di lancio più prestigioso ed è qui che si ha la possibilità di avere una preview sul futuro del design. Ho selezionato per voi i 10 designer emergenti di cui mi piacerebbe sentir parlare in futuro e, perché no, magari vederne le creazioni nelle vetrine di qualche negozio :)

Silje Nesdal:collage1

Pepe Heykoop:collage2

Morten & Jonas:collage3

Ingrid Hulskamp:collage4

Antje Pesel:collage5

Antonio Gramegna:collage6

Alessandra Meacci:collage7

Phil Procter:collage8

Daisuke Kitagawa:collage9

Anna Badur:collage10

Cosa ne pensate? Vi portereste a casa qualcuno dei loro prototipi? :)
Tags: ,

 
 

Carl Hansen & Sons’s stand

Pubblicato da blog ospite in +deco, Design
 
Quello di Carl Hansen & Sons è stato uno degli stand che mi è piaciuto di più al Salone del Mobile quest’anno. Sembrava di stare dentro un’appartamento e praticamente mi piace tutto quello che producono. Quello che però mi ha conquistato è stato l’uso del colore e l’attenzione al dettaglio. 
 
Tags: ,

 
 

A SPASSO PER IL FUORI SALONE.

Pubblicato da blog ospite in Casa al 21, Design

Eh, sì! La mia è stata più una piacevole passeggiata in zona Ventura-Lambrate e Tortona, che un reportage vero e proprio!. Ho avuto a disposizione solo una giornata purtroppo e così ho deciso di dedicarmi al Fuori Salone, ma il tempo è volato e la pioggia non mi è stata d’aiuto. Si parte.

Pronta a fotografare! _MG_5857

E via per l’avVENTURA-LAMBRATE, dove s’incontrano soprattutto i giovani designer del futuro. Una serie di officine meccaniche e spazi industriali che ospitano e interpretano perfettamente lo spirito del Fuori Salone.

Giopato & Coombes, sono rimasta incantata dalle loro creazioni.

_MG_5829

_MG_5832

Floor Nijdeken, che dire, bravi e belli!

_MG_5836   _MG_5837

Spazio 900, arredi di modernariato che hanno fatto la storia del design.

_MG_5842

Da quì in poi ho girovagato lasciandomi trasportare dalle frecce rosa sulla strada!

_MG_5845  _MG_5859  _MG_5854

_MG_5864  _MG_5865

_MG_5883  _MG_5884

_MG_5887  _MG_5890

_MG_5870  _MG_5898

Ad un certo punto tra macchina fotografica, cellulare, bigletti da visita da prendere e cataloghi, ho fatto una gran confusione e così ho optato per una bella pausa relax nell’area dedicata al ristoro dove mi sono ricaricata con un bagel di California Bakery. Questa è l’aria che si respirava!.

_MG_5881  _MG_5891

_MG_5894

E adesso in metro verso zona TORTONA.

Qui, la quantità di cose da vedere era tale che a volte bisognava fare la fila, ma con un pò di pazienza si riusciva a vedere tutto. Peccato che il tour sia stato interrotto presto da un fortissimo temporale e molti espositori, come nell’area dell’ex-Ansaldo, hanno dovuto chiudere in anticipo! Tristezza. Ecco cosa sono riuscita a vedere.

Lo spazio moooi ti catapultava in diverse atmosfere, grazie alle bellissime gigantografie di Rahi Reznavi.

_MG_5902  _MG_5924

_MG_5938  _MG_5904

_MG_5944  _MG_5949

_MG_5947

Le carte da parati realizzate da Paola Navone e Daniel Rozensztroch per NLXL, mi hanno fatto venir voglia di tappezzare anche il ripostiglio! Ormai è da un pò che si vedono in giro bellissime carte da parati, ma queste hanno un’altissima qualità fotografica!

_MG_5968   _MG_5972

_MG_5978

_MG_5973

Ed infine un pò di relax, sul mega divano vegetale nel Design Center ex-Ansaldo.

_MG_5980

A questo punto la pioggia battente ha messo la parola FINE al mio primo Fuori Salone, ma l’anno prossimo mi organizzerò guardando prima le previsioni meteo!!

Archiviato in:cosebelle, design, Milano, Salone del Mobile Tagged: design week milano, fuori salone, Tortona, Ventura-Lambrate

Tags: ,

 
 

Fuorisalone – COS x Snarkitecture

Pubblicato da blog ospite in Design, Nook Twelve

 

COS x Snarkitecture - Fuorislaone - Nook Twelve

Come una nuvola gigante, come una grotta di cotone … il temporary store di COS per quest’edizione del Salone del Mobile attira i visitatori in uno spazio completamente bianco, che reinventa il rapporto tra materia e forma.

L’installazione ha coinvolto migliaia di strisce di tessuto bianco che pende a strati dal soffitto al pavimento. Il concetto semplicistico riflette la filosofia dell’etica e il design di COS. In collaborazione di Daniel Arsham e Alex Mustonen dello studio Snarkitecture basato a Brooklyn, hanno creato uno spazio per rilassarsi, meravigliarsi ed esplorare. Un posto che mi ha rubato cuore e anima.

cos x snarkitecture - nook twelve

Un video pubblicato da Ivelina R (@nooktwelve) in data: 16 Apr 2015 alle ore 04:42 PDT

First photo: self portrait . Second photo by Noah Kalina

The post Fuorisalone – COS x Snarkitecture appeared first on Nook Twelve.

Tags: ,

 
 

MDW 2015: the best of Salone del mobile

Pubblicato da blog ospite in Design, La Tazzina Blu

Ok, let’s do this!
Con le gioie della Milano Design Week arrivano sempre i dolori della selezione delle fotografie da condividere sulla tazzina….
Quest’anno ho deciso di suddividere l’ormai tradizionale avventura milanese in tre post diversi in maniera da non tediarvi troppo: il primo sarà dedicato ai miei stand preferiti del Salone, il secondo sarà una top ten dei migliori designer emergenti del padiglione Satellite ed il terzo sarà dedicato ad una carrellata del Fuorisalone.. Siete pronti? :)

Prima di tutto devo puntualizzare una cosa: per vedere TUTTOTUTTO il Salone ci vogliono almeno tre giorni. Io ho avuto solo sette ore per visitare gli stand che avevo precedentemente selezionato in base ai miei interessi, e come al solito sono riuscita a farne solo la metà… E’ una cosa che bisogna mettere in conto fin dall’inizio: sei interessato a 26 stand? Ne vedrai solo 13. Ormai l’ho imparato. Tutto regolare.

Nota a me stessa: Camilla che ne dici se per il prossimo anno cominciamo a considerare l’idea d’indossare delle scarpe da ginnastica ammortizzate per il tour? Non sarebbe malaccio. Pensaci.

Twils

Twils è stata la mia prima tappa: avevo voglia di cominciare il “giro” immergendomi nei colori dell’anno: marsala, color terracotta, rosa e copper orange…E così è stato. Già l’anno scorso ero rimasta affascinata dalla palette calda e intima proposta da questo brand che si è rivelato uno degli anticipatori del trend-colore 2015.

Danish Living room

Danish Living room è una delle punte di diamante tra gli stand scandinavi: racchiude in sé svariati brand danesi la cui bellezza sta nella semplicità delle linee (tipicamente nordiche) e nella ricercatezza dei materiali…Ho adorato in particolare il “tavolaccio” in legno e sono rimasta ipnotizzata dalla cucina (Linak)..Se volete capire di cosa parlo, guardate il video qui sotto.. Questa sì che è tecnologia!

Zilio A&C

Zilio A&C per me è stata una scoperta. Non era nemmeno programmato nel mio tour ma i colori di questo brand (made in Italy!) mi hanno attirato come una calamita: molto fifties!

Gervasoni

Gervasoni non ha bisogno di presentazioni ed era scontato che comparisse tra gli “ imperdibili” del mio tour. Anche in questo stand il rosa non manca, così come i metalli caldi dalla texture grezza delle lampade.

Letti&Co

Letti&co by Paola Navone è l’appendice notturna di Gervasoni, e propone tutto per la zona notte… Dai letti ai comodini, passando per consolle e salottini degni di una master bedroom coi fiocchi :)

Carl Hansen

Carl Hansen: procura infarti alle scandi-design addict dal 1908.
Ho trascinato Valentina del blog Appunti di casa dal mio amico Carl, promettendole del materiale fotografico da urlo e così è stato: avremmo passato un’ora a fotografare il meraviglioso allestimento di questo stand, il tutto contornato dalla nostra soundtrack ufficiale composta da gridolini e “ooooh” “che meraviglia” “adesso muoio”….
Guardate le foto e ammettetelo: avreste fatto la stessa cosa anche voi. ;)
Moroso
 
Il mondo di Moroso, con le sue inconfondibili forme e colori, mi prende sempre per la gola.. Saranno le tonalità sorbetto degli imbottiti o il magnifico contesto architettonico in legno ricreato per lo stand? Quasi come fosse un padiglione nel padiglione, questa struttura spiccava su tutto il resto accendendo dibattiti su quanto architettura e design siano indispensabili l’una all’altro.
Muuto
 
Di Muuto forse avrei dovuto fare un post a sé…Troppo bello per essere raccontato solo in cinque fotografie. Adoro lo schema di colori di questo stand: si va dai pastelli al rosso acceso, dai grigi tenui al giallo canarino, con una disinvoltura che solo i nordici riescono ad azzardare…

Mi piacciono i divani “cicciotti” e finalmente posso dire di essermi seduta sul Rest, il sofà dei miei sogni *sospiro*.

Normann Copenhagen
 
Normann Copenhagen ha vinto il premio “miglior gadget per la stampa” regalandoci la miniatura della nuova Form Chair del colore che preferivamo…
Grazie Normann! Hai reso migliore la parte finale della mia maratona, e sulla metro, con le gambe distrutte e la schiena dilaniata dal peso di tutte le cartelle stampa collezionate durante il tour, avevo comunque il sorriso stampato in faccia sapendo che con me c’era una piccola Form a farmi compagnia… :)
Tags: ,

 
 

Luxury Furniture at Isaloni2015

Pubblicato da admin in Design, Expo Milano Design

The idea of luxury according to Modà at Isaloni 2015: luxurious furniture suits customers’ needs with unique and hand made products.

What do we mean when we say luxury furniture? My mind pictures the shiny golden furniture of some billionaire’s penthouse: such as, for example, tufted sofas and ottomans, leather armchairs, richly decorated tables, inlaid consoles. This is it then? No, nowadays a luxurious piece of furniture matches customers’ taste instead of just showing off its precious and expensive details.

This last statement seems to be Modà’s idea of luxury at Isaloni 2015; an idea that relies on the customisation of products in order to satisfy any appetite. Most of Modà products are customisable: a fine example is  Page velvet armchair. This upholstered armchair is available in two models, fitted either with a high back or a lower one. Customers can personalise this product by choosing a cover from a wide range of leather or fabric models, plus the colour they fancy most. Moreover, they can choose the type of stitching and its colour, always by picking among a lot of possibilities.

page highback
Page High Back
Page Low Back2mod
Page Low Back

This year at Isaloni 2015,  the trendy material has been Dark Emperador marble which originates from Spain and is characterised by fine grain and some irregular and lighter veins. Most of the manufactures have displayed tables and coffee tables featuring tops made of such first-class material:  an icon of luxury and durability at the same time. Following this trend, Modà has decided to display a spot-on example: Heloise round Dark Emperador marble table that combines such a noble and elegant material with a linear and clean layout. This table furnishes sophisticated living rooms creating warm and luxurious atmospheres.

Heloise3
Heloise Marble Top
 

A consolidated trend is the influence of fashion on furniture, which has been seen also this year at Isaloni 2015. For example, famous and luxurious fashion brands such as Fendi or Trussardi have created their own furniture collections and showed them at the Milan fair. And nowadays, most of furniture manufacturers look at the hue of the year to get some inspiration for their products. Modà has celebrated this influence by displaying one of its most eye-catching accessories “Birk”: the wooden and leather bag that serves as  an elegant magazine rack for books and objects. Just as a high fashion suit, Birk is a hand-made, exclusive product that suits refined and sophisticated tastes.

Modà Collection
Birk
Tags: ,

 
 

Burro&Salvia

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor
dettagli home decor
Burro e Salvia è un delizioso pastificio-ristorante londinese dove i clienti possono scoprire e gustare il mondo della pasta fatta in casa, in uno spazio interamente arredato con mobili vintage di provenienza tutta italiana.

Progettato dallo studio elips design, il locale si sviluppa su due livelli:  il piano seminterrato ospita la cucina, il magazzino e un piccolo locale ufficio, mentre il pianterreno è un open space con un lato destinato alla produzione della pasta e l’asporto, e uno per consumare il cibo. Il bancone della pastificazione in vetrina consente ai clienti di osservare dall’esterno la preparazione della pasta che, una volta pronta, viene esposta e messa in vendita.  I venti coperti situati di fronte al bancone comprendono anche 4 posti a sedere al bar, che è posizionato alla fine del bancone, in modo da creare un ambiente più accogliente. Per la decorazione degli interni, elips design ha collaborato con  l’artista Lise Casalegno Marro e tutti i mobili che compongono l’arredo sono pezzi originali anni ‘50 che provengono da Balon, un mercato vintage a Torino.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

Tags:

 
 

Salone del Mobile 2015: the past is trendy.

Pubblicato da admin in Design, Expo Milano Design

Salone del Mobile 2015 has finished and probably it was its busiest year ever. Streams of people visited the fair, exchanged information and business cards, commented the thousands of pieces of furniture on show, took part to the various events organized all over Milan. Salone del Mobile is becoming a fair for all furniture design lovers not just the professionals. This year, walking around the stands, I had the clear idea that the inspiration in the furniture design world comes, more than ever, from the past. In fact the new key pieces are a modern and creative revisitation of past styles. Fifties inspired armchairs share the space harmoniously with baroquesque lights and industrial looking bookshelves. Glass is the material for new lights, velvet is back in fashion, busy patterns covering seats and walls. In fact some of the themes my colleague was speaking about in the previous post -childhood, storytelling, local, travel- touch on the fact that the past is trendy. The styles are recognisable but the final products are new, made with new materials, new associations of colours and textiles, a contemporary idea of comfort. The Modà‘s Priscilla bookcase with its linear look, the sixties Air chairs or the Prince armchair with its baroque structure and funky upholstering are all perfect examples.

Salone del Mobile 2015 is over but the message is clear: the past is the new future, the trend is the past.

Prince armchair, Modacollection Air chair,ModacollectionPriscilla bookcase, Modacollection

Tags: , ,

 
 

Fuorisalone 2015

Pubblicato da blog ospite in Design, Rooms Interior Design Lab
Come ogni anno, aprile arriva e porta con sé la settimana di “Natale + 4 mesi”, universalmente conosciuta come settimana del Salone del Mobile.
Non mi stancherò mai di dirvi quanto la amo, e soprattutto per noi che facciamo i designer di mestiere è davvero una festa.


Quest’anno non sono andata in fiera, quindi tecnicamente il salone non l’ho visto, ma in compenso ho distrutto piedi e fegato andando in giro per i vari eventi cittadini a rifarmi gli occhi e a lasciarmi ispirare. Ma se dovessi dare un giudizio complessivo sarebbe meh. Non ho visto grossi guizzi di creatività rispetto all’anno scorso, e anzi ho notato un fin troppo visibile fine commerciale in molte delle cose esposte. Il trend è più o meno rimasto lo stesso degli ultimi anni, ovvero la sempre maggiore attenzione all’ecosostenibilità dei materiali e dei processi produttivi, e mi sembra che in questo senso l’innovazione tecnologica stia un po’ superando quella formale. In soldoni: non ho quasi visto niente di nuovo, soprattutto sul fronte del complemento d’arredo. Le due cose che mi sono piaciute di più sono state la mostra di Domus ai Bastioni di Porta Nuova e l’esposizione dei lavori del celeberrimo studio Nendo, capeggiato dal mio adorato Oki Sato.

“Youthful Stories – Storie di Ventenni” è la mostra che Domus dedica ai lavori giovanili di dieci designer iconici (Alessandro Mendini, Jasper Morrison, Alberto Meda, Paolo Rizzatto, Mario Bellini, Michele de Lucchi, Antonio Citterio, Humberto e Fernando Campana, Ronan ed Erwan Bouroullec e Konstantin Grcic) per mostrarci il loro percorso creativo e ciò che ha contribuito alla formazione della loro personalità come progettisti. Vale la pena farci un salto anche solo per i video in cui questi personaggi raccontano i loro punti di vista sul design, quindi visto che la mostra è visitabile fino al 30 aprile consiglio a chi è a Milano di andarci.

Nendo works 2014-2015 è stata la cosa più interessante che ho visto dal punto di vista del design. E questo soprattutto per un motivo: sia gli arredi che gli accessori erano di una semplicità e di una bellezza disarmante, la forma rivelava la funzione, l’idea era visibile. A dimostrazione del fatto che Mies buonanima aveva ragione: less is more funziona sempre.


Tags: ,

 
 




Torna su