7 Agosto 2020 / / Design

Come arredare una cucina moderna bianca?
Partiamo dal presupposto che il bianco è sempre una buona idea. Questo “non colore” è la tonalità neutra per eccellenza, si abbina a tutto e non passa mai di moda.

È una delle scelte più amate per l’arredo di questa stanza della casa, ed è anche una delle più azzeccate.
In questo articolo scoprirai con foto ed esempi pratici come arredare una cucina bianca e come abbinarla con altri materiali per creare lo stile che fa per te. Le combinazioni possibili sono davvero infinite. Laccata opaca o lucida, in legno bianco, sbiancato o decapato. Ma anche nelle modernissime finiture resina, cemento e fenix. Tutta bianca, bianca e legno, bicolore o tricolore. Moderna, di design, minimal, in stile scandinavo, industrial chic o classico contemporaneo.

Continua a leggere, ecco cosa troverai:

Cucina a u bianca lucida in stile nordico con bancone in legno Nine 04

I 3 vantaggi del bianco nell’arredamento

 

  1. 1. PASSEPARTOUT
    Campione di versatilità, si adatta ad ambienti grandi e piccoli, a stili tradizionali e moderni. È l’opzione migliore per open space, per chi vuole illuminare un ambiente piccolo, svecchiare una casa antica, creare degli studiati contrasti con pavimenti e piastrelle retrò (mattonelle, maioliche, cementine, marmo, cotto, graniglie, mosaici) o esaltare al massimo una scelta estetica minimalista.
  2.  

  3. 2. SEMPRE DI TENDENZA
    Dagli anni 50 ad oggi non esiste collezione in cui il bianco non sia contemplato. Se andiamo ancora più indietro nel tempo troveremo la smaltatura bianca delle cosiddette “cucine economiche” dei primi del Novecento (le monoblocco che facevano anche da forno e da stufa). Negli anni ’30 è bianca la Frankfurt Kitchen di Margarete Schütte-Lihotzky, seguita dalla “mobilia” in formica delle cucine all’americana la cui evoluzione porterà ai moderni melaminici e laminati.
  4.  

  5. 3. MASSIMA PERSONALIZZAZIONE
    Come una tela bianca lascia ampio spazio alla fantasia, ad accessori e complementi coloratissimi. È una scelta strategica fatta per durare perché si abbina facilmente a tutto, adattandosi a cambi stilistici repentini, nuovi colori alle pareti o cambi di casa, di pavimento e rivestimenti.

Insomma, le cucine bianche sono una soluzione evergreen.

Vediamo tutti gli abbinamenti e le idee pratiche per usare al meglio questo colore.

CUCINA BIANCA E LEGNO

 

Moodboard cucina: bianco, legno sbiancato, cemento grigio

Come champagne e fragole, il connubio bianco e legno offre un equilibrio cromatico versatile, capace di adattarsi ad ambienti modernissimi o classici. Tutto dipenderà dalla finitura scelta (opaca o lucida) e dal tipo di legno (naturale, tinto, laccato…).

DA SAPERE

Il legno può essere sottoposto a numerosi trattamenti, dando vita a tantissime finiture. Può essere naturale, tinto, verniciato, sbiancato, decapé, spazzolato, oliato, affumicato, laccato, anticato, taglio sega, ossidato…

Ecco un esempio:

Finiture del rovere

Finiture legno segato e laccato bianco

Da sinistra: naturale, sbiancato, tinto, naturale nodato, tranché (o segato), laccato bianco a poro aperto, decapato moderno e decapato shabby.

 

Vediamo le migliori combinazioni.

Cucina bianca e rovere

Per la sua rinomata resistenza e durabilità il rovere naturale è un materiale largamente impiegato nella produzione di arredamento. Presenta gradazioni tra il marrone e il giallo con picchiettature scure. Solitamente viene proposto in due versioni: solo con venature o con venature e nodi. Inoltre può essere lavorato superficialmente per assumere la caratteristica finitura tranché – o segata – dalla texture irregolare.

Cucina lineare bianca e rovere naturale con top nero Six 14

Cucina lineare laccata bianca e legno chiaro di rovere Fourty 05

Cucina a penisola con basi legno, pensili e colonne bianche Sistema 901

Cucina in legno o rovere sbiancato

Questo trattamento smorza e schiarisce la tonalità bruno-giallastra tipica del legno naturale conferendo alla superficie delle nuance tendenti al grigio-beige.
In alcuni casi si parla di rovere sbiancato anche quando la naturale colorazione viene scolorita del tutto fino ad assumere un colore neve o ghiaccio, con venature e nodi in tonalità grigiastre.

Cucina in linea in rovere segato sbiancato con pensili bianchi Six 05

Cucina lineare stile vintage in legno sbiancato con top e cappa neri Sixty 02

Con questa finitura di rovere si possono abbinare varie sfumature di bianco, di grigio, colori accesi o polverosi, in base al tipo di ambiente che si intende creare.

Molti altri legni o laminati possono essere realizzati in versione “sbiancata”, tra questi il larice, l’olmo e il noce.

Cucina a parete in noce bianco con piano grigio Nine 05

Cucina bianca e legno chiaro

La maggior parte delle essenze utilizzate nell’arredamento presentano – al naturale – una colorazione chiara con venature più o meno marcate di colore più scuro. Tra queste il rovere, il frassino, il larice e l’olmo sono molto apprezzate nell’ambiente cucina moderno. Pino, abete e castagno sono invece più ricercati in ambito rustico e country.

Cucina laccata lucida bianca a golfo con bancone in legno Nine 04

Si tratta di una combinazione cromatica molto amata ed anche molto versatile. Si adatta alla perfezione a qualsiasi stile, infondendo alla stanza un bell’equilibrio tra il calore del legno e la freddezza del bianco.

Cucina bianca con isola e colonne in legno chiaro finitura larice Five 05

Decapata

Una finitura tipica dello stile classico, country, provenzale e shabby chic, il decapé ha un look accuratamente studiato per sembrare invecchiato. Quasi come se la patina del tempo e i segni dell’uso si fossero posati su un mobile originariamente candido, lasciando riaffiorare le venature del legno.

Cucina classica in legno bianco decapato Twenty 02

Cucina bianca e legno scuro

Per “legno scuro” possiamo intendere due cose.
La prima: essenze che al naturale presentano tonalità dark come il noce, il wengé, l’ebano o il mogano (questi ultimi preziosissimi e raramente utilizzati per la produzione di arredi da cucina).
La seconda: finiture applicate per scurire il supporto ligneo.

Cucina a u bianca, legno scuro di noce e top effetto marmo

I trattamenti applicati a legni chiari per scurirli prendono vari nomi commerciali come: rovere scuro, rovere moro, olmo dark, rovere fumo, noce ardesia, rovere grigio, larice grafite, iris, navy, tabacco…

A differenza della laccatura a poro aperto queste non sono verniciature coprenti, ma sono invece mirate a mantenere visibili le gradazioni dell’essenza di base.

Cucina a isola con colonne bianche e basi legno scuro Ninety 01

Le colorazioni più apprezzate sono quelle che virano verso il grigio, il nero e il marrone “castagna”. Tutte perfette ed estremamente raffinate se combinate con il bianco.

Cucina a elle con basi bianche e pensili in legno scuro effetto segato Six 12

 

DA SAPERE

I laminati di alta qualità riproducono fedelmente tutte le finiture e i legni descritti. La cucina in legno massello è una scelta di pregio validissima anche in ambienti moderni, ma ci sono tantissime alternative, tra cui gli impiallacciati (sottilissimi fogli di vero legno applicati su pannelli di vari materiali) e i nobilitati.

 

Cucina in rovere grigio con pensili e top bianchi Sistema 901

Cucina in noce e bianca

Tra i legni scuri questo è probabilmente il più amato. Noce canaletto, europeo, nazionale, piuma, sono varietà elegantissime perfette per arredare una cucina moderna di cui sarà difficile stancarsi.

Cucina bianca con pensili noce su unica parete Nine 01

CUCINE BIANCHE BICOLORE

 

Moodboard cucina bicolore bianca e grigia effetto cemento

Cucina bianca e grigia

Inutile dire che le sfumature del grigio sono ben più di 50. Può essere grigio perla, grigio scuro, antracite, piombo, ferro, canna da fucile, grigio azzurro, polvere, ardesia, greige…

Isola cucina bianca con tavolo integrato e top grigio-marrone in ecoresina Six 17

Progetto: cucina bianca e grigio chiaro Vega ad angolo

Cucina con penisola in legno bianco e colonne in legno grigio Fifty 03

Con il grigio chiaro si crea quasi un tono-su-tono, mentre le varianti più scure rendono la cucina più formale ed elegante.

Cucina in legno laccato bianco e grigio con penisola centrale effetto cemento Fifty 04

Progetto: cucina bianca e grigia scura Sistema 901 a ferro di cavallo

Cucina bianca e tortora

Parte della famiglia del grigio, ma più caldo, da diversi anni il color tortora la fa da padrone nell’interior design. Grazie a quella punta di marrone trova nel legno un alleato di classe.

Cucina bianca e grigio tortora con top in legno Five 06 modello lineare

Cucina con penisola bianca e tortora Nine 08

Progetto: cucina bianca con top e mensole tortora

Il tortora funziona molto bene anche in ambientazioni shabby chic molto femminili, dove il marmo bianco trova la sua perfetta collocazione.
Grazie alle sue molteplici nuance e interpretazioni questo best seller è favoloso anche con il nero, con colori rosati come il cipria, con il beige e con un altro colore: il blu balena, amatissimo dagli italiani negli ultimi anni.

Cucina shabby chic con ante tortora e top in marmo bianco-grigio Sixty 01

Cucina bianca e nera

Yin e Yang, bianco e nero. Un abbinamento decisamente basato sul contrasto ma che supera indenne la prova del tempo, mantenendo il primato delle combinazioni più amate. Armonioso chiaro-scuro sempre in voga, si svilupperà in configurazioni di ante bianche con top nero (o viceversa) oppure basi nere e pensili bianchi (o viceversa).

Open space con cucina bianca e nera a isola Kitchen Lab

Cucina con isola bianca e nera KLab

Modernissimo l’accostamento con dettagli acciaio e cromati. In questa composizione predomina il nero delle ante, mentre il bianco è utilizzato per il top e per tutto l’ambiente cucina.

Cucina a L senza pensili nera con top bianco Six 06

Dettaglio: ante cemento nero, top bianco, maniglie a gola cromate

Legno sbiancato, laccato grigio lucido e cemento nero: bellissima la combinazione con basi e colonne a contrasto.

Grande cucina minimal bianca, nera e grigia Six 01

L’aggiunta di maniglie dorate trasforma l’abbinamento bianco-nero. Nel progetto, una cucina in stile americano contemporaneo.

Progetto: cucina in stile americano bianca con grande isola centrale

Cucina bianca e rossa

Colore stimolante ed energizzante, il rosso è un classico delle cucine moderne. Attenzione a non esagerare, soprattutto se l’idea è quella di una cucina dove il bianco è predominante. In questo caso scegli la nuance di rosso che meglio ti rappresenta (Ferrari, Valentino, corallo, magenta, bordeaux, terracotta…) e usala per pochi elementi.

Cucina bianca e rosso corallo su due pareti parallele Five 05

Cucina bianca e rossa con isola e colonne Nine 07

Cucina angolare bianca e tortora con mensola rossa Nine 09

Cucina bianca e gialla

Un po’ come il rosso anche il giallo è spesso associato al suo potere “energizzante”. Per questo motivo è un ottimo alleato in cucina, dove non si sta certo con le mani in mano! Il nostro consiglio è di usarlo a piccole dosi, collocate strategicamente.

Open space con cucina in legno sbiancato con elementi gialli Six 07

Cucina bianca e gialla laccata opaca ad angolo Seven 03

Cucina ad angolo con basi legno, colonne bianche lucide, mensole gialle Five 04

Una soluzione per chi ama i blocchi di colore: un progetto con basi bianche e pensili gialli.

Progetto: cucina bianca e gialla a L

Cucina bianca e beige

Combinazione ton sur ton rilassante, perfetta se abbinata a grigi, legno chiaro, resina e corten. Ideale anche con tocchi di colore come nero, rosso corallo, mattone, terracotta, marrone, terra bruciata, blu, navy, ottanio, azzurro, giallo senape, verde bosco, petrolio, bosco, salvia, oliva, kaki.

Cucina bianca con top beige e bancone centrale Fourty 03

Cucina a l con basi bianche, top beige in quarzoresina e pensili in legno scuro Six 12

Dettaglio: cucina bianca con top in quarzoresina beige

Progetto per cucina bianca, beige e legno tinto con colonne staccate

Aggiungi una mensola colorata per dare un tocco vivace all’ambiente.

Cucina a L basi beige, top, pensili e tavolo bianchi

Cucina bianca e marrone

Meno diffusa negli ultimi anni ma sempre validissima, questa accoppiata può essere ricreata utilizzando un laccato marrone oppure un legno scuro o tinto.

Cucina con isola in stile industriale in legno bianco e laccato marrone Sixty 03

Cucina lunga e stretta con colonne bianche, basi marrone scuro, top nero Six 11

Cucina bianca e blu

Il blu è tornato alla ribalta negli ultimi anni, in particolare nelle sue nuance più delicate e “polverose” come l’ormai celebre blu balena, l’avio, il Faded e il Dark Denim di Pantone. Ha un effetto calmante e insieme al bianco è la scelta perfetta per ambienti di ogni tipo: urban, stile marinaro o per la casa in montagna.

Per mantenere il bianco protagonista puoi aggiungere un tocco di blu solo nella maniglia a gola.

Cucina bianca con maniglie a gola blu Six 10

Dettaglio: ante bianche e gola laccata blu

Qui sotto invece l’azzurro incontra il legno in due finiture: laccato poro aperto bianco e rovere scuro.

Cucina bianca, legno e azzurra Six 04

Dettaglio: pensili in legno bianco e mensole azzurre

Cucina bianca e verde

E dopo il blu arriva il verde, non a caso.
Due tonalità strettamente legate alla natura e correlate tra loro (giallo + blu = verde), ispirano calma e rilassamento, salute ed energia vitale. È vero che in cucina si lavora, ma è anche il luogo della casa dove possiamo dedicarci con amore al nostro benessere personale e a quello della nostra famiglia.
Anche questa tinta ha conosciuto una rinascita negli ultimi anni, complice il verde smeraldo di Pantone (colore dell’anno 2013) e lo stile tropical jungle promosso dai blogger di settore. Sono loro ad aver aperto la strada ad un’infinità di sfumature. Tra le più amate: verde salvia, menta, oliva, petrolio e ottanio. Per chi vuole osare: verde mela o acido.

Cucina su due pareti verde con top e colonne bianche Seven 05

Cucina con ante verdi e top bianco

Ricorda: se ami questa tinta ma temi di stancarti o pentirti, lascia la cucina bianca e tinteggia le pareti di verde. Così potrai cambiarle quando vuoi.

Cucina abitabile con mobili bianchi stile country e pareti verdi Twenty 01

Cucina bianca e acciaio

L’acciaio è solitamente scelto per il piano di lavoro: igienico, resistentissimo e dal look professionale. Semplicemente perfetto con ante bianche per un look minimal che non passa mai di moda.

Grande cucina a isola con ante bianche, top in acciaio e bancone in legno one 02

Cucina bianca e arancione

Un’iniezione vitaminica che dà luce e un tocco informale a tutto l’ambiente, l’arancio trova il suo habitat naturale in cucina. Trasmette buonumore e secondo il Feng Shui è collegato all’ottimismo e alla socialità. Quale posto migliore di questa stanza della casa per il colore simbolo di convivialità?

Dal più vivace zucca, ai più caldi terra bruciata, ruggine e mogano, tutte le sue varianti si accompagnano benissimo al bianco e ai legni.
Molto bello se completato da dettagli effetto corten, materiale che simula l’acciaio ossidato e che si è imposto negli ultimi anni sia nell’edilizia che nell’interior design.

Cucina tricolore bianca, arancione e legno con tavolo a penisola effetto corten Six 08

Dettaglio: la cucina bianca, arancio e legno è completata da tavolo e panca effetto ruggine

Bianco, arancione e legno sono un accostamento che va per la maggiore.

Cucina bianca con gola arancione e basi in legno Sistema 901

CUCINA TUTTA BIANCA

 

Dettaglio cucina bianca in stile nordico con penisola in legno laccato

Il bianco porta con sé innumerevoli vantaggi estetici che abbiamo visto all’inizio dell’articolo. È senza dubbio la scelta migliore per un open space e per chi è alla ricerca di una soluzione elegante, dallo stile senza tempo.

Il cosiddetto “bianco puro” o “ottico” è solitamente associato al RAL 9010 ma questa tinta ha migliaia di sfumature. Ghiaccio, avorio, latte, antico, fumo, crema, gesso, magnolia, perla, neve. E ancora, spostandoci a casa Pantone: i lattiginosi Sea Salt e Buttercream, il Brilliant White e le nuance come vaniglia, zucchero, cigno, tofu, cocco, gardenia…

Vediamo alcune opzioni.

Cucina bianca lucida

Le ante lucide più pregiate sono quelle laccate. Per un risultato uniforme e senza giunture la laccatura viene applicata a mano, omogeneamente, su tutti i lati dei pannelli che costituiranno i frontali dei moduli della cucina (ante e cassetti).

L’alternativa sono i melaminici, i laminati, i nobilitati e il policarbonato lucidi, meno delicati e più pratici.

L’anta lucida bianca viene particolarmente esaltata se scelta senza maniglie, con apertura a gola o con unghiatura. Se si desiderano delle maniglie meglio optare per modelli di dimensioni ridotte.

Cucina laccata lucida bianca con colonne bianco-grigie Sirio

Colonne cucina laccate lucide bianche con mensolone legno scuro Six 11

Cucina bianca opaca

Valgono le stesse considerazioni fatte per il lucido. Come questo anche l’opaco presenta due alternative: quella più prestigiosa della laccatura e quella più funzionale di laminati o pvc.
Se si desidera una cucina tutta bianca dallo stile impeccabile, anche in questo caso consigliamo di non applicare maniglie.

Cucina bianca opaca angolare con piccola isola centrale e piano snack Fourty 03

Cucina ad angolo con gola laccata bianca Six 20

Cucina in legno bianco

Abbiamo parlato di laccati e laminati bianchi, ma per un look total white si possono anche scegliere ante in legno laccato a poro aperto (o nobilitati effetto legno laccato). Questo tipo di verniciatura è coprente quindi l’effetto finale sarà omogeneo a livello cromatico, ma con le tipiche venature “scavate”.

Cucina bianca contemporanea lineare con ante a telaio e top nero Fifty 02

 

DA SAPERE

Il legno bianco è ottenuto tramite verniciatura superficiale (laccatura) che può essere completamente uniforme oppure con venature sui toni del grigio.

Ecco un esempio:

Esempi di finiture di legno bianco per ante cucina

 

Cucina effetto cemento bianco

Tra le finiture più innovative troviamo gli effetti cemento che possono essere ottenuti tramite laminati stampati o, per cucine di maggior pregio, con eco-resine (Keracoll). La superficie di queste ante si presenta lievemente disomogenea al tatto, con imperfezioni e segni che riproducono il cemento spatolato o grezzo.

Cucina a isola con ante effetto cemento bianco in eco-resina One 04

Dettaglio: ante in ecoresina bianca

Un altro dettaglio dell’accurato effetto “spatolato” disponibile sulle cucine su misura Kitchen Lab.

Cucina a u con colonne e pensili effetto cemento spatolato bianco Kitchen Lab

Dettaglio: ante effetto cemento

Cucina con marmo bianco

Per amanti del marmo chiaro (solitamente Carrara o Calacatta) il consiglio è di applicare questo materiale sul piano e sul paraschizzi.

Esistono anche materiali che imitano il marmo (laminati e hpl) che sono stati concepiti per ottenere ante effetto pietra. Il vantaggio dell’hpl è l’elevatissima resistenza e la possibilità di integrare il lavabo nel top a costi meno proibitivi rispetto al vero marmo.

Cucina a ferro di cavallo con grande penisola in hpl effetto marmo Kitchen Lab

Dettaglio del top cucina in hpl finitura marmo con lavabo integrato

Splendido anche in cucine ispirate allo stile country o provenzale rivisitate in chiave contemporanea.

Cucina con penisola effetto marmo, colonne bianche e pensili tortora Sixty 01

Cucina bianca con isola o penisola

Se la lineare è più facile da personalizzare, quando entrano in gioco elementi come l’isola bisogna trovare il giusto equilibrio. Se il monocolore totale non fa per te, dovrai scegliere un abbinamento diverso, in tal caso puoi prendere ispirazione dalle varie combinazioni che abbiamo proposto in questo articolo.

Anche per la penisola vale lo stesso consiglio che abbiamo dato per l’isola: o tutto bianco, o penisola in altro materiale / colore. Potresti abbinare il bancone al top delle cucina oppure scegliere un materiale completamente diverso dal resto, come ad esempio un legno.

Singoli elementi bianchi: piano ed elettrodomestici

Indipendentemente dal colore delle ante, puoi usare il bianco anche solo su singoli elementi come il top, la penisola, il bancone snack, gli elettrodomestici e il lavello.

11 esempi di top, fornello o lavello bianchi

 

  • top bianco con lavello e piano a induzione bianchi

  • Top cucina con lavello integrato e piano a induzione bianchi

    Piano di lavoro e paraschizzi bianchi, lavello e fuochi in vetro bianco

  • top bianco lucido con lavello integrato e bianco opaco con lavello a incasso in acciaio

  • Top cucina bianco lucido

    Top cucina bianco opaco

  • top bianco con fuochi e lavello in colore / materiale diverso

  • Isola con top bianco, fuochi e lavello acciaio

    Cucina con piano in marmo ed elettrodomestici neri

    Top cucina finitura marmo con fuochi acciaio satinato e lavello incassato sottopiano

    Isola con piano cottura e lavello monoblocco a incasso in acciaio

  • elettrodomestici bianchi

  • Cucina con piano beige ed elettrodomestici bianchi

  • penisola snack / tavolo bianchi

  • Cucina in legno con top e bancone snack bianchi

    Tavolo estraibile bianco integrato nelle basi della cucina

       

      Maniglie sì o no? E quali?

       

      Una cucina moderna bianca può essere scelta con o senza maniglie. La scelta è puramente soggettiva. Le opzioni sono:

      • anta senza maniglie con gola / unghiatura / profilo metallico: estetica moderna e minimal, ideali anche nello stile nordico contemporaneo
      • anta a telaio: ideale per ambientazioni country chic, provenzali o classico – contemporanee, con maniglie adatte allo stile preferito, o senza maniglie (unghiatura integrata, push pull…)
      • maniglie applicate: i modelli sono talmente tanti che l’anta con maniglia è la scelta perfetta sia per chi predilige un mood moderno, scandinavo o industriale, sia per chi preferisce il classico. Si avranno a disposizione maniglie in metallo cromato, satinato, laccato, verniciato, e dalle forme più disparate. La differenza sarà estetica, ma in alcuni casi anche funzionale. Pensa al cosiddetto interasse o “passo” della maniglia (ovvero lo spazio in cui si possono inserire le dita per aprire/chiudere): può essere più o meno largo, influendo così sull’ergonomia di utilizzo di ante e cassetti, sulla facilità di apertura e sul comfort di impugnatura. Ultimo dettaglio: prima di scegliere una maniglia pensa anche alla facilità di pulizia e igienizzazione
        • Ecco alcuni esempi di anta senza maniglia (unghiatura o gola) e di maniglie applicate (stile moderno, industriale e classico).

          Confronto tra maniglie da cucina integrate o applicate

           

          Recap: tutti i materiali e le finiture per cucine bianche

           

          Che le tue preferenze vadano per il moderno, il contemporaneo o il classico, sappi che i materiali sono gli stessi.
          Facciamo un riassunto:

          Ante bianche

           

          • laccate: opache o lucide

          • legno: massello o impiallacciato laccato (a poro aperto, sbiancato, decapato, spazzolato, tranché…)

          • fenix

          • vetro

          • ecoresine effetto spatolato o cemento

          • nobilitato / laminato / melaminico / policarbonato: finiture opache o lucide

          •  

            CONSIGLIO

            Quando scegli l’anta pensa al tuo stile di vita, a quanto userai la cucina e a chi la userà. Non focalizzarti solo su estetica o budget, pensa invece a fare un investimento a lungo termine che sia in grado di soddisfare i tuoi gusti e le tue esigenze nel corso del tempo. Chiediti se ti piacerà quella maniglia tra 5 anni, se quel materiale sarà difficile da pulire, se aloni e ditate saranno più visibili o meno, se prevedi di cambiare casa…insomma, scegli il materiale più performante in base alle tue specifiche necessità e al tuo “lifestyle”, ma ricorda che stai investendo in uno degli arredi più importanti e utilizzati della casa.

             

            Piani di lavoro bianchi

             

            • solid surface (chiamati anche Corian, DuPont): mix di minerali, resine e polimeri acrilici, pigmenti. Plasmabile a piacere, privo di giunture, non poroso, inerte, igienico e antibatterico. Sensibile al calore troppo elevato e ai graffi, ma rinnovabile. Può avere vasca integrata

            • pietra sinterizzata (chiamata anche Dekton): miscela di minerali e inerti (vetro, materiali ceramici, silicio, argilla…) ultra compattati attraverso un processo ad alta tecnologia che prevede la metamorfosi accelerata dei minerali attraverso elevate temperature e alta pressione. Stabile nel tempo, resistentissimo a macchie, graffi, abrasioni e incisioni, fuoco, sbalzi termici, raggi UV, acqua e umidità, prodotti chimici aggressivi. Giunture invisibili, può avere vasca integrata

            • gres porcellanato (chiamato anche Laminam): materiale composto da lamine ceramiche (argille, sabbie, pigmenti) e resine compattate attraverso pressatura e cottura a 1200°C. Impermeabile, anti macchia, resistente a graffi, calore, raggi UV, facile da pulire, antibatterico, ecologico. Monolitico, con giunture poco visibili, può avere vasca integrata.

              Laminam è un marchio che ha sviluppato un materiale ceramico contenente caolino (componente della porcellana) di ultima generazione, ecosostenibile e dalle straordinarie proprietà. Utilizzato anche in architettura e edilizia, offre elevata impermeabilità e resistenza a sollecitazioni meccaniche, abrasioni, prodotti chimici, sbalzi termici, raggi UV, muffe. Opaco o lucido, può avere vasca integrata

            • quarzo resina (chiamato anche Okite): composizione di quarzi naturali, vetro, sabbie, inerti e resine. Non poroso, antibatterico, resistente a calore e urti, liquidi e macchie, facile da pulire. Teme prodotti chimici aggressivi. Può avere vasca integrata

            • marmo e pietre: esistono numerose varianti nel colore bianco e simili, caratterizzate dalla presenza di venature e imperfezioni tipiche dei materiali naturali. Carrara e Calacatta sono i due marmi bianchi più conosciuti. Sono superfici resistentissime e pregiate, ma possono anche essere molto delicate. Attenzione a calcare, candeggina, macchie di olio e limone, liquidi colorati. Possono avere vasca integrata

            • Fenix: materiale composto da carta impregnata internamente con innovative resine termoindurenti, ed esternamente con resine acriliche. Viene sottoposto a trattamenti nanotecnologici e ad un processo di polimerizzazione a freddo. L’evoluzione in Fenix NTM ha portato alla creazione di una superficie compatta super-opaca, impermeabile, resistente ai graffi, al calore secco, a solventi, igienica, riparabile, antimpronta e piacevolissima al tatto. Può avere vasca integrata

            • HPL: (High Pressure Laminate = laminato ad alta pressione) un laminato stratificato tecnologico costituito da un pannello rivestito da strati di carta impregnati di resine, e poi compattati attraverso pressatura con calore e alta pressione. Resistente a graffi, impermeabile, igienico, teme il calore di oggetti roventi, i detergenti acidi e per metalli, va sempre asciugato con cura. Permette elevata personalizzazione del piano di lavoro e può avere vasca integrata

            • laminati: rivestimento superficiale costituito da fogli impregnati di resine melamminiche applicato a una base in truciolare, mdf altro materiale. L’overlay (il foglio protettivo in superficie) ricopre il foglio decorativo sottostante che può essere bianco o di qualsiasi altro colore, può imitare il legno, la pietra, il cemento, il marmo. Il piano in laminato bianco è la scelta più pratica, funzionale ed economica. In ogni caso un laminato di alta qualità garantisce elevate performance in termini di resistenza all’usura. Teme detergenti aggressivi, calore e umidità elevati, deve essere asciugato attentamente. Non può avere vasca integrata

            Gli stili che meglio interpretano il bianco sono…tutti. Come abbiamo già detto, stiamo parlando del colore più versatile che ci sia: sempre attuale, abbinabile a qualsiasi colore o materiale, adattabile a qualsiasi tendenza. Fallo tuo e interpretalo come più ti piace, solo in questo modo avrai una casa davvero personalizzata e che ti rispecchia.

            Hai bisogno del consiglio di un arredatore esperto? Clicca qui sotto e raccontaci cosa stai cercando.

6 Agosto 2020 / / Decor

tappeti moderni disegni geometrici

Trame, effetti ottici e intrecci di linee affascinano con la loro stessa rappresentazione

AntonioLupi è da sempre riconosciuto come leader di stile nell’ambiente wellness domestico per  bagni da copertina. L’estetica ed il design del brand colpiscono notevolmente ed era giunta l’ora di aggiungere un tassello alla lunga lista di prodotti che compongono il puzzle di eleganza e decor. Il potenziale di questa azienda ha concesso la possibilità di espandere le sue competenze oggi anche al di là dell’ambiente bagno arrivando ad utilizzare anche il tessuto.

tappeti in bianco e nero effetto optical

Ecco che per AntonioLupi arriva Tramato, una collezione dedicata ai tappeti, uscendo dai canoni del bagno e disponendosi in altri locali della casa. Si unisce alla precedente proposta di carte da parati con un gioco di geometrie contenute, nel vero senso della parola, proprio nei bordi del tappeto pur spostando il disegno su una nuova superficie, questa volta orizzontale.

tappeti Gumdesign

La collezione Tramato è composta da 16 referenze, tutti sono realizzati con velluto stampato per mezzo della tecnica tufting e rientrano nel concept più ampio di “Tra le righe” firmato da Gumdesign.

I tappeti Tramato si uniscono alle carte da parati per completare l’aspetto decorativo della stanza facendo da nuovi protagonisti a fianco di docce, sanitari e mobili bagno.

tappeti a righe bianco e nero

Tramato per AntonioLupi è una vera e propria decorazione a pavimento fatta di trame, effetti ottici e intrecci di linee per un continuo movimento che gioca con il bianco ed il nero.

I due colori non colori compongono un gioco di volumi e profondità, un effetto ottico che caratterizza lo spazio. La sagoma del tappeto, non più solo rettangolare, accentua questo effetto grafico.

www.antoniolupi.it

Articolo di Silvia Fabris

L’articolo Tramato, i tappeti di Gumdesign per AntonioLupi proviene da Dettagli Home Decor.

6 Agosto 2020 / / Charme and More