4 Giugno 2021 / / Blogger Ospiti

Il comfort abitativo è uno stato di benessere in casa che si raggiunge grazie alla compresenza di diversi fattori. Stare bene in casa è fondamentale per vivere e meglio e ne abbiamo avuto la prova soprattutto nel periodo del lockdown che ci ha costretti a passare molto più tempo nella nostra abitazione. È stato un momento fondamentale anche per la convivenza tra familiari, che negli stessi spazi si sono trovati a condividere vita insieme, lavoro ed impegni scolastici. Questo ha fatto diventare la casa il regno del multitasking e, come testimoniano le ricerche, il 63% degli italiani ha condiviso con i propri familiari i momenti dello smart working. Come per le abitudini personali, anche il comfort abitativo ha cambiato i propri parametri e si è adattato alle nuove esigenze per migliorare la qualità della vita degli inquilini. Vedremo insieme i 5 consigli più utili per stare bene in casa.

Luminosità

Uno dei parametri più importanti per il comfort abitativo è la luce. Una casa luminosa dà un senso immediato di serenità e poter godere a lungo della luce naturale è un aspetto fondamentale da considerare quando si sceglie una nuova casa. Il consiglio dunque è quello di optare per case con grandi finestre e disporre la zona giorno e le stanze dedicate al lavoro o allo studio negli ambienti maggiormente esposti.
La luce però è un parametro importante anche nelle ora notturne e l’impianto luminoso può fare molto per creare la giusta atmosfera. Nella zona living ad esempio, oltre alla luce principale, è altamente consigliato disporre delle lampade nei punti strategici, per creare punti di luce confortevoli.

Comodità

Un altro aspetto importante del comfort è la comodità, che spesso parte dalla giusta suddivisione degli spazi e dalla collocazione di arredamenti che non siano eccessivamente ingombranti. Se gli spazi ad esempio sono troppo angusti, sarà difficile muoversi e rilassarsi; se le librerie o i mobili sono troppo alti, diventa scomodo raggiungere le aperture o i ripiani desiderati. Ci sono poi appartamenti che sono caratterizzati da più piani e per trasportare piccole cose o accedere ai piani alla lunga diventa faticoso. Il consiglio è quello di valutare le diverse tipologie di ascensori per interni, alcuni semplici da installare, per muoversi con facilità ed evitare affaticamenti.

Temperatura

Una casa confortevole è una casa che non fa soffrire agli inquilini gli sbalzi di temperatura. Per ottenere temperature ideali tutto l’anno è importante dotarsi di finestre isolanti termicamente e di impianti di climatizzazione efficienti.

Silenziosità

Una casa silenziosa, ossia non disturbata da forti rumori esterni genera benessere e consente agli inquilini di vivere con serenità. In questo caso incide molto sia la collocazione dell’appartamento, ad esempio vicino ad una strada molto trafficata, sia il potere isolante delle finestre. Il consiglio dunque è di dotarsi di finestre isolanti acusticamente, che riescono a tenere fuori i rumori più forti.

Arredamento colorato

In una casa i tocchi di colore sono importanti perché danno ritmo all’arredamento e infondono energia positiva, che è proprio quello che ci vuole se si desidera migliorare la propria qualità della vita. Scegliete dunque degli arredamenti colorati che vi facciano stare bene e, periodicamente, il consiglio è quello di sostituirli per evitare l’effetto di ripetitività.

31 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

zona giorno open space con ampie vetrate

Benessere termico, illuminazione e qualità della vita nella propria casa

Tornare da una lunga giornata e trovare uno stato di benessere aperta la porta della propria casa è una delle sensazioni più belle che si possa provare.

Purtroppo, però, più spesso di quanto ci si possa immaginare le nostre case sono soggette a condizioni che provocano sensazione di malessere che inconsciamente agiscono sulla nostra salute fisica e psicologica.

Soprattutto in vecchi edifici capita di riscontrare dispersione di calore, un basso isolamento acustico e un alto grado di umidità: tutti fattori che incidono sulla nostra vita e che ci impediscono di raggiungere un comfort abitativo ottimale.

Scopriamo insieme quali sono i 3 segreti di una casa accogliente e che regala benessere a chi la vive.

1 – Il comfort termico: il caldo abbraccio di casa

Evitare la dispersione di calore in inverno e il mantenimento dell’aria condizionata nei mesi estivi è di primaria importanza: non solo per poter vivere al meglio l’abitazione, ma anche per evitare spiacevoli costi in bolletta.

Per il raggiungimento di un adeguato comfort abitativo per chi vive la casa, le temperature consigliate si aggirano sui 20°C in inverno e sui 26°C in estate

Raggiungere e mantenere questi valori, specialmente nei vecchi edifici, non è cosa scontata: bisogna realizzare un sistema di isolamento che possa evitare la dispersione di calore.

Una strada percorribile è quella dell’isolamento termico interno: questo tipo di intervento permette di isolare le mura dell’abitazione migliorando il clima interno dell’ambiente e aiutando ad abbattere i costi delle bollette.

2 – Comfort acustico: Il silenzio tra le mura

Le urla dei bambini al piano di sopra, il traffico della strada o la televisione al massimo volume del vicino a tarda sera, sono elementi di disturbo che stressano e non ci permettono di vivere al meglio la nostra abitazione.

Per poterci godere il silenzio tra le mura di casa bisogna individuare i punti di maggiore dispersione sonora e agire di conseguenza.

I punti in cui si può agire sono:

  • Infissi, per i rumori che provengono dall’esterno dell’abitazione
  • Pareti divisorie e soffitto, per i rumori delle abitazioni confinanti

Per diminuire l’inquinamento acustico, migliorando il comfort acustico, della casa si può intervenire con la realizzazione di una coibentazione interna: grazie al posizionando di uno strato isolante nell’intermezzo tra la parete interna e l’esterno, questo intervento edile riduce il rumore e permette di vivere al meglio l’abitazione.

luce naturale in soggiorno

3 – Luce naturale per il comfort visivo

Infine, per raggiungere uno stato di benessere in una abitazione ed aumentare il comfort abitativo, la luce è di primaria importanza.

Avere un’adeguata luminosità, dalle prime ore del giorno fino a sera, permette di vivere al meglio la propria casa.

Dare spazio alla luce naturale, oltre a creare un clima caldo e accogliente, permette di apportare calore gratuito nelle giornate invernali e utilizzando al meglio elementi di oscuramento durante l’estate, evitando di surriscaldare gli ambienti.

Progettare il comfort abitativo

Per raggiungere un ottimale stato di comfort abitativo è necessario conciliare tutte le variabili e studiare la migliore soluzione per l’abitazione in cui andremo a fare l’intervento edile.

L’articolo Comfort abitativo: i 3 segreti proviene da Dettagli Home Decor.

28 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

 

telecamera Wi-Fi interna

Quando ci si immagina l’estate, il pensiero va automaticamente verso spiagge, piscine, picnic e tempo libero. Anche se la sicurezza domestica potrebbe non essere la nostra preoccupazione principale durante questo periodo, è fondamentale mantenere le nostre case al sicuro tutto l’anno, in particolare durante i mesi estivi.

Per una casa più sicura, oltre a prevedere una porta blindata per l’ingresso, finestre antieffrazione e grate, possiamo installare delle telecamere per monitorare ciò che accade dentro e fuori casa, con anche un buon sistema di allarme. Naturalmente è importante affidarsi ad aziende esperte del settore in grado di offrire prodotti tecnologicamente innovativi, proprio come Yale che vanta ben 180 anni di esperienza nel settore sicurezza.

Maggior sicurezza domestica con Yale

In vista delle prossime vacanze estive scopriamo quali sono le novità dell’azienda per una casa più sicura: dalle nuove telecamere Wi-Fi da interno ed esterno al nuovo allarme Sync Smart Home

Le nuove eleganti telecamere da interno ed esterno di Yale

Le telecamere Wi-Fi da esterno di Yale consentono agli utenti di “essere a casa pur non essendo fisicamente presenti”, tenendo d’occhio ciò che più conta in qualsiasi momento del giorno o della notte. Caratterizzata da un nuovo design elegante di colore nero, la gamma è composta da telecamere interamente controllabili tramite app. Se abbinate ad altri prodotti della gamma, quali gli allarmi Smart Sync e le serrature Smart Lock, esse permettono agli utenti di creare un ecosistema su misura in grado di soddisfare le loro esigenze.

La linea di telecamere intelligenti comprende la telecamera Wi-Fi da interno Pan & Tilt, la telecamera Wi-Fi da interno Full HD, la telecamera Wi-Fi per porta d’ingresso Light & Siren e la telecamera Wi-Fi da esterno Pro 4MP. Grazie all’applicazione Yale View, la gamma offre funzionalità aggiuntive come la possibilità di condividere le telecamere con familiari e amici, programmare registrazioni continue e con rilevazione di movimento, raggruppare le telecamere e visualizzarne fino a quattro contemporaneamente.

telecamera interna Yale

La nuova telecamera Wi-Fi da interno Pan & Tilt consente a chi la utilizza di ruotarla in senso verticale (su/giù) e orizzontale (destra/sinistra) al fine monitorare ogni angolo della casa. Per offrire la massima tranquillità, è inoltre dotata della funzione di rilevazione intelligente che attiva le telecamere affinché monitorino e registrino automaticamente gli oggetti e le persone in movimento. Tale funzione attiva inoltre l’invio di avvisi istantanei qualora vengano rilevati movimenti in zone sensibili della casa. Per proteggere la vostra privacy, basta oscurare l’obiettivo tramite l’apposita modalità privacy dell’applicazione Yale View, in modo da avere il pieno controllo della vostra riservatezza.

Grazie all’app Yale View potete ricevere notifiche di rilevazione di movimento, sorvegliare la vostra casa e parlare in tempo reale con le persone che si trovano davanti alle telecamere da interno Yale. Siete curiosi di sapere cosa fanno i vostri animali domestici quando non siete in casa o magari volete controllarli? Ora potete non solo vederli, ma anche parlarci!

Elegante e discreta, la nuova telecamera Wi-Fi da interno Full HD è perfetta da collocare su una mensola in qualsiasi stanza per permettervi di avere sempre sotto controllo ciò che succede in casa, anche quando non ci siete.

Per l’esterno Yale ha messo a punto la telecamera Wi-Fi per porta d’ingresso Light & Siren e la telecamera Wi-Fi da esterno Pro 4MP per consentirvi di sorvegliare chiunque entri ed esca durante la giornata.

telecamera WI-FI porta d'ingresso

La telecamera Wi-Fi per porta d’ingresso è disponibile nei colori bianco e nero per adattarsi a tutte le case. È dotata delle funzioni di rilevamento di movimento e conversazione in tempo reale per permettere, ad esempio, di parlare con il fattorino per non mancare più ad alcuna consegna. La luce e l’allarme incorporati fungono invece da deterrente per i visitatori indesiderati.

Dotata della migliore qualità video della gamma con la sua risoluzione HD 4MP, questa telecamera offre inoltre una visualizzazione HD in diretta e una visione notturna migliorata al fine di garantire immagini nitide a qualsiasi ora della giornata, anche con condizioni meteorologiche non ideali. La funzione di rilevazione personalizzabile offre maggiore flessibilità consentendo di monitorare alcune aree specifiche intorno alla casa.

telecamera WI-FI per esterno

Oltre ad offrire un’esperienza utente eccellente, le nuove telecamere Yale possono essere controllate tramite i principali assistenti vocali, come Amazon Alexa o Google Assistant, e visualizzate sul vostro smart speaker preferito dotato di schermo, semplificando così la frenetica vita moderna.

Arriva l’Allarme Sync Smart Home Yale con tutte le integrazioni di cui hai bisogno

Yale sta contribuendo in modo straordinario a semplificare la vita di tutti i giorni in tante abitazioni europee, e il nuovo allarme Sync Smart Home non fa eccezione. Siamo alle porte della stagione estiva e l’allarme Sync ti regala tranquillità, sapendo che tu e la tua famiglia sarete protetti sia a casa che fuori; inoltre le ultime integrazioni ti danno la possibilità di adattarlo alle tue esigenze di sicurezza domestica e liberarti da tante preoccupazioni. Il tutto senza costi di abbonamento in più.

Riconosciuto per il suo design smart dai prestigiosi premi DIY Week nel Regno Unito, l’allarme Sync Smart Home di Yale è stato selezionato come Prodotto di Sicurezza dell’Anno. Lo Smart Alarm è un perfetto esempio di eccellenza e innovazione nel settore del fai da te e della Smart Home.

allarme Sync Smart Home Yale

L’allarme Sync Smart Home è compatibile con Amazon Alexa, Google Home, Apple Watch*, Philips Hue e altri partner. Le integrazioni forniscono ai consumatori un’esperienza di Smart Home veramente connessa e affidabile.

Perfetto per coloro che desiderano andare in viaggio durante l’estate, l’integrazione dell’allarme con le luci intelligenti Philips Hue combina luci e suoni, fornendo in questo modo un doppio deterrente contro i malintenzionati. Quando si imposta l’allarme, le luci ambientali Philips Hue si accendono per indicare che il sistema è inserito, mentre in caso di intrusione le luci lampeggiano in rosso, avvisando i vicini.

E se invece quest’estate decidessi di rimanere a casa? Allora puoi smettere di preoccuparti di cosa stia succedendo al piano di sotto quando sei sopra. Grazie alla funzione di inserimento parziale infatti, gli utenti possono attivare l’allarme al piano di sotto dall’app Yale Home o dal loro assistente vocale preferito mentre sono al piano di sopra, ed essere rassicurati su ciò che sta accadendo nelle diverse zone della casa.

In caso di imprevisto, scatterà l’allarme e verrai avvisato direttamente tramite una notifica sul telefono, senza doverti spostare. Le opzioni di inserimento, disinserimento e inserimento parziale, nonché la possibilità di controllare lo stato dell’allarme in qualsiasi momento, sono disponibili nell’app Yale Home.

Sync Smart Home Yale

L’allarme Sync Smart Home è stato progettato per una facile installazione con accessori pre-configurati inclusi nella confezione. Per estendere il sistema di allarme, gli utenti possono acquistare accessori facili da collegare e senza bisogno di utilizzare viti per il fissaggio. Questo rende l’allarme Sync Smart Home perfetto per qualsiasi tipo di abitazione, oltre che comodo sia per i proprietari che per gli inquilini. É possibile aggiungere fino a 40 accessori al singolo sistema, Sync fornirà cosi agli user un’esperienza di sicurezza personalizzata.

Infine, i proprietari possono usufruire della portata potenziata di 200m di Sync, che consente loro di proteggere anche i locali annessi, come ad esempio i garage. La funzione di geolocalizzazione viene utilizzata dal sistema di allarme in base alla posizione GPS di chi la utilizza. Ad esempio, permette di ricevere un reminder quando escono di casa, offrendo loro un input smart che gli facilita la vita.

Per un’esperienza di Smart Home completa, Sync si integra anche con le telecamere per interni ed esterni Yale, oltre ad essere completamente controllabile tramite l’app Yale Home.

Per ulteriori informazioni visitate il sito Web: www.yalelock.it

L’articolo Sicurezza domestica: le nuove soluzioni Yale per una casa più sicura proviene da Dettagli Home Decor.

3 Maggio 2021 / / Design

videocitofono connesso

La casa si fa sempre più intelligente, resta aggiornato e scopri con noi i nuovi dispositivi smart home.

Oggi i dispositivi smart home sono una parte fondamentale di ogni casa moderna che si rispetti. Utili e comodi per gestire il riscaldamento e la climatizzazione degli ambienti, l’illuminazione, l’apertura e chiusura di porte, portoni, tapparelle e saracinesche, l’accensione e lo spegnimento degli elettrodomestici, gli impianti di sicurezza e molto altro ancora, creando così una casa smart e funzionale.

Le aziende del settore propongono ogni anno nuovi apparecchi per una casa sempre più intelligente, sicura e connessa, ecco di seguito alcune delle novità 2021.

dispositivi smart home Yale e Philips Hue

Yale e Philips Hue insieme per regalare un’entrata in casa più smart

Yale, esperto di sicurezza domestica, ha appena annunciato una partnership con Philips Hue, leader nell’illuminazione intelligente.  Grazie a questa integrazione, chi utilizza Philips Hue insieme alla nuovissima serratura motorizzata Linus® Yale potrà beneficiare di nuove straordinarie funzionalità.

Benvenuto a casa con le luci: ricevi un benvenuto splendente mentre le luci si accendono e la tua porta si sblocca automaticamente al tuo rientro, illuminando il tuo ingresso. Lascia la casa senza preoccupazioni: usa la funzionalità One-Touch sul Tastierino Smart Yale uscendo di casa e anche le luci si spegneranno. Automatizza le luci per simulare la tua presenza in casa e stare tranquillo anche quando sei lontano. Condividi l’accesso alla tua casa: dai il benvenuto ai tuoi ospiti facendo accendere magicamente le luci al loro arrivo e sbloccando la porta tramite lo smartphone o il tastierino.

ingresso smart

Se hai sempre sognato di arrivare a casa trovando l’ingresso illuminato quando apri la porta e sentirti subito benvenuto e al sicuro, o se stai semplicemente cercando un metodo infallibile che ti ricordi di spegnere le luci quando esci di casa, la nuova integrazione di Philips Hue e Smart Lock Linus® Yale fa al caso tuo!

Gli allarmi smart Sync e SR Yale si integrano già con le luci smart Philip Hue di Signify. La combinazione di luce e suono, resa possibile grazie all’integrazione con le luci smart Philips Hue di Signify, permette di scoraggiare potenziali ladri e offre allo stesso tempo una rassicurazione visiva ai proprietari di casa.

Vimar presenta il nuovo videocitofono smart Tab 5S Up

Tab 5S Up è il nuovo videocitofono Vimar dotato di comodo display touch da 5’’, che offre la possibilità di comunicare con l’esterno da casa ma anche da remoto, in totale sicurezza. Oltre alle tradizionali funzioni videocitofoniche, il dispositivo è infatti dotato di Wi-Fi integrato che consente la gestione delle chiamate tramite la rinnovata App Video Door.

videocitofono gestibile da remto

Basta preoccupazioni di non trovarsi a casa nel momento giusto: ogni volta che un visitatore suona alla porta la chiamata sarà inoltrata direttamente sullo smartphone. Se ci si trova fuori casa e arriva il corriere, è possibile rispondere, aprire il cancello e farlo entrare per la consegna; se ci si trova in giardino o sul terrazzo basta un tap sullo smartphone per aprire al proprio ospite.

La forza di questo innovativo videocitofono risiede nella rinnovata App Video Door, attraverso la quale in pochi passaggi è possibile gestire facilmente e in totale sicurezza fino a 5 diversi impianti videocitofonici: ad esempio quello dell’abitazione principale, quello della casa di vacanza, quello dell’ufficio e quello di persone care. E le chiamate possono essere inoltrate dal videocitofono fino a 10 diversi utenti. Per vivere e muoversi in piena libertà e tranquillità senza perdere mai di vista cosa succede nei tuoi spazi.

Il nuovo termostato smart di Vimar connesso ai tuoi ritmi di vita

Progettato per unire la facilità del comando a rotella alla nitidezza del display a matrice di LED, il nuovo termostato connesso IoT si integra – tramite il gateway IoT Bluetooth WiFi – con l’ecosistema View Wireless dedicato alla smart home ed è trasversale alle serie civili smart di Vimar. La gestione del clima in contesti residenziali o nel piccolo terziario può essere così integrata con il controllo delle luci, la movimentazione delle tapparelle e la gestione dell’energia.

termostato connesso

Gestire il clima diventa intuitivo. Da smartphone tramite l’App View (in locale o remoto) o con la voce tramite assistenti vocali, è possibile impostare programmi in base alle abitudini di vita o associare soglie di temperatura per giorno e per fasce orarie. Ma anche gestire più termostati contemporaneamente nella stessa abitazione per formare un impianto multizona, o includere negli scenari la temperatura preferita. Il tutto all’insegna di un maggior risparmio energetico, riscaldando o raffrescando solo quando serve. Sono inoltre abilitate le integrazioni con altri prodotti grazie servizio cloud IFTTT.

Proposto in versione da incasso e in due colorazioni – bianco e grigio – si integra in ogni stile abitativo essendo disponibile per le serie civili Eikon, Arké, Plana e Idea tramite supporto dedicato.

Il robot aspirapolvere più intelligente di sempre è di Samsung

In occasione del CES 2021, Samsung ha presentato nuovi elettrodomestici per migliorare e automatizzare la gestione quotidiana della casa. Il nuovo JetBot 90 AI+premiato ai CES Innovation Awards e in arrivo anche in Italia a metà anno, vanta nuovissime tecnologie supportate dall’Intelligenza Artificiale che ottimizzano il percorso di pulizia e rispondono all’ambiente circostante.

robot pulizie

I sensori LiDAR e 3D consentono infatti a JetBot 90 AI+ di evitare cavi e piccoli oggetti, mentre pulisce gli angoli più irraggiungibili della casa. JetBot90 AI+ è dotato anche di una telecamera ed è perfettamente integrato con l’app SmartThings, una mano in più nel monitorare la sicurezza della propria casa.

Kaldewei porta la musica in vasca da bagno

Kaldewei trasforma le vasche da bagno in casse di risonanza per ascoltare la propria musica preferita, che sia classica o rock, jazz o metal, grazie a SOUND WAVE. Tra le installazioni più recenti, anche nello studio di registrazione di Bryan Adams a Vancouver, da cui sono passati grandi nomi della musica internazionale.

vasca da bagno con cassa acustica

SOUND WAVE si propone come l’innovazione audio per ogni bagno, capace di trasformare una vasca da bagno in acciaio smaltato Kaldewei in una cassa di risonanza. Questo sistema audio per il bagno, compatibile con tutti i modelli di vasche da bagno Kaldewei, viene installato insieme alla vasca. Sei placchette antirombo e due trasduttori sono applicati all’esterno del corpo della vasca rimanendo assolutamente invisibili. SOUND WAVE riproduce file audio di qualsiasi formato via Bluetooth® da smartphone, laptop, tablet o PC. Il lettore digitale funge quindi da comando che viene sempre riconosciuto dopo il primo login. Fino a otto dispositivi e persone possono connettersi a SOUND WAVE.

L’articolo Nuovi dispositivi smart home per una casa sempre più intelligente proviene da Dettagli Home Decor.

30 Aprile 2021 / / Idee

L’articolo Sicurezza in casa: tutti i vantaggi di installare un allarme domestico è stato scritto da Autore Ospite e si trova su Questioni di Arredamento.

Quando usciamo di casa per andare al lavoro oppure per allontanarci e fare qualche giorno di vacanza, breve o lunga che sia, vogliamo sempre essere sicuri che tutto ciò che è contenuto nel nostro appartamento non diventi oggetto delle attenzioni di qualche malintenzionato. Ma come fare? Certamente occorre dotarsi di una porta blindata e, specialmente nel caso in cui si viva ai piani bassi, è bene rinforzare le finestre con delle sbarre (oltre magari a montare vetri infrangibili). Sarà comunque utile installare anche un allarme domestico, che avrà una assoluta funzione dissuasiva e renderà la casa una fortezza sicura mantenendo gli accessi ben protetti. Vediamo in questo approfondimento quali sono i buoni motivi e i vantaggi che stanno dietro alla scelta di dotare l’appartamento di un impianto d’allarme, la cui installazione spetterà all’elettricista di fiducia.

Proteggere gli oggetti di valore e dissuadere i malintenzionati

Abbiamo accennato al fatto che già la semplice presenza di un allarme domestico potrà fare da deterrente all’attività criminale. Se specialmente le telecamere emettono luci oppure sono ben visibili anche dall’esterno, le possibilità che il colpo venga tentato calano drasticamente.

Uscire di casa inserendo l’allarme equivale a schermare letteralmente la casa. Senza contare il fatto che i sistemi di sicurezza domestici, oltre a proteggere il perimetro, mettono anche al riparo la proprietà stessa e gli oggetti di valore in essa contenuti (anche nel caso in cui sia presente una cassetta di sicurezza).

Il sistema d’allarme evita danneggiamenti inutili e scongiura le effrazioni, specialmente nel caso in cui questi apparecchi siano progettati per avvisare le forze dell’ordine di un’azione criminale in corso.

allarme domestico
Foto di Markus Spiske da Pexels

Meno ansia e stress: si vive l’assenza con più serenità

Sapere di essere al sicuro, assieme alla propria famiglia, aiuta ovviamente a ridurre i livelli di stress e ansia che – specie in questo periodo storico complicato – sono spesso alle stelle. Il sistema monitora costantemente le condizioni della casa e si prende cura della sua sicurezza: è come se qualcuno controllasse costantemente l’abitazione in nostra assenza. La tranquillità di sapere che cose, valori e persone all’interno sono al sicuro non ha prezzo.

Photo by Direct Media from StockSnap

Senza contare il fatto che i moderni impianti di sicurezza domestica consentono di controllare la situazione da remoto, in puro stile smart home. Si può vedere quello che sta accadendo proprio di fronte alla casa, in modo da arginare le azioni dei malintenzionati. Ci sono anche videocitofoni che è possibile attivare tramite app, in modo da poter sempre rispondere e non dare l’impressione che l’appartamento in un certo momento sia vuoto.

Molto spesso, inoltre, i sistemi di sicurezza possiedono funzionalità antipanico che permettono a chi si trovi all’interno della casa di lanciare un segnale di emergenza nel caso in cui stia avvenendo un tentativo di accesso indesiderato e il sistema di allarme non risulti inserito. Infine, sarà utile sottolineare come le compagnie assicurative provvedano – in caso di presenza di un sistema di sicurezza domestica, visto il ridotto rischio di furti e scassi – a ridurre i tassi di assicurazione dei proprietari.

L’articolo Sicurezza in casa: tutti i vantaggi di installare un allarme domestico è stato scritto da Autore Ospite e si trova su Questioni di Arredamento.

18 Febbraio 2021 / / Design

Una casa più accessibile, è possibile. Vediamo quali accorgimenti utilizzare in casa per avere un ambiente sicuro e accogliente nel caso lo si debba approcciare muniti di sedia a rotelle.

casa più accessibile

Se state leggendo queste righe, è possibile che abbiate in casa con voi una persona non più autosufficiente o che soffre di una disabilità agli arti inferiori. 
Oppure, semplicemente, state cercando di guardare avanti e di scongiurare un qualche tipo di brutto incidente domestico, a causa della vostra età avanzata o dell’avanzata età di qualcuno che vive con voi e a cui volete molto bene.
Siete decisamente nel posto giusto, qualora questo fosse il vostro caso: nelle prossime righe cercheremo di scoprire quali accorgimenti utilizzare nelle varie zone di casa per avere un ambiente sicuro e accogliente nel caso lo si debba approcciare muniti di sedia a rotelle.
Un elenco il più possibile completo, che possa darvi il maggior numero di spunti.

Montascale elettrico

Partiamo subito da uno dei più grandi pericoli, da una delle più grandi seccature e da uno degli sforzi che maggiormente attanagliano le gambe e la psiche di coloro i quali non hanno più il pieno utilizzo dei loro arti inferiori: le scale
L’installazione di Handicare montascale potrebbe risolvere la maggior parte dei nostri problemi e delle nostre preoccupazioni. 
Pensate alla rivoluzione: avvicinare la persona disabile al fondo (o alla sommità) delle scale e, semplicemente, legarla. Oppure, altra opzione, ovviamente, la persona in questione che si leghi da sé, mantenendo quel minimo di autonomia in grado di risollevare la sua giornata e rinvigorire il suo sorriso.
Vi è anche la possibilità di acquistare un montascale usato, così da essere sicuri che il prezzo sia il più contenuto possibile.
Insomma, perché non dare un’occhiata a questa soluzione, così comoda per la nostra vita e per quella di chi vive con noi?

Doccia a filo

Abbiamo spesso visto numerose televendite che ci proponevano di sostiruire la nostra vasca da bagno comune con una dotata di sportello di ingresso, onde evitare incidenti anche molto pericolosi. Potrebbe essere un’idea, certo, ma sostiruire una vasca da bagno con una doccia a filo di pavimento potrebbe essere idea ancor più vincente. Ovviamente all’interno dovremo provvedere all’installazione di un comodo seggiolino dotato di poggia braccia e fori sulla superficie (per favorire lo scolo dell’acqua). Non dimentichiamo un altro dettaglio che potrebbe risultare decisamente imprescindibile: un filo per l’allarme, posto all’interno: collegato magari a un campanello a parte, potrebbe essere tirato in caso di bisogno.

Porte a scomparsa

Le porte, si sa, quando anche non di quelle vecchie che davvero sono troppo strette perché una carrozzina ci passi comodamente, sono sempre una piccola tragedia, dato che l’ingombro della porta in sé risulta scomodissimo per le ruote. 
La soluzione? Porte scorrevoli, a scomparsa dentro al muro: con una maniglia bassa, così da essere tirata e spinta facilmente da chi è in carrozzina, esse sono il non plus ultra quando si tratta di comodità di passaggio tra una stanza e l’altra.
Ma anche in fatto di eleganza non scherzano: rendono la nostra casa decisamente di design.

Speriamo che questi tre consigli vi possano essere stati di qualche aiuto: vi lasciamo alle riflessioni.

24 Ottobre 2020 / / Idee

Scegliere i serramenti blindati per proteggere in modo efficace la propria abitazione può essere difficile. Ecco una mini guida alla scelta, con focus sulle porte blindate di ultima generazione.

Serramenti blindati

Sono ormai lontani i tempi in cui i serramenti blindati rappresentavano un problema dal punto di vista estetico. I serramenti, ma soprattutto le porte blindate di ultima generazione, coniugano la sicurezza all’estetica. Grazie all’innovazione tecnologica, oggi non dobbiamo più rinunciare ad uno stile armonioso e al design di qualità, un tempo sacrificati in nome della sicurezza. L’importante è scegliere prodotti di qualità, garantiti e certificati, che rispondano a determinati requisiti. Vediamo quali:

Tipologie dei sistemi antieffrazione

I serramenti blindati, assieme a inferriate, cancelli e recinzioni, costituiscono i cosiddetti sistemi antieffrazione passivi, contrapposti ai sistemi attivi come gli impianti di allarme e di videosorveglianza.

I sistemi passivi rappresentano un ostacolo meccanico ai tentativi di effrazione, e variano secondo le caratteristiche architettoniche dell’abitazione. In linea di massima, per ottenere un alto livello di sicurezza, questi dispositivi vanno installati in corrispondenza di ogni apertura verso l’esterno. Non basta montare una porta blindata di ultima generazione se poi si lasciano senza protezione finestre o lucernari. Che si tratti di un appartamento, di una mansarda, di un seminterrato o di una villa unifamiliare, tutte le vie d’accesso devono essere protette con serramenti, inferriate e recinzioni. I serramenti blindati comprendono le porte blindate, le persiane blindate e le tapparelle blindate. Considerate che anche la porta blindata più resistente, per essere efficace, deve essere dotata di una serratura di ottimo livello. La serratura con cilindro europeo di sicurezza è oggi considerata tra le più sicure, anche se il settore è in continua evoluzione.

Serramenti blindati, le certificazioni

Al momento della scelta, il primo parametro da verificare è quello della classe antieffrazione, che la normativa europea EN 1627-1630 fissa in una scala di valori da 1 a 6. Questi valori definiscono, in pratica, la resistenza del dispositivo all’effrazione.

Per le abitazioni private, i valori ideali sono quelli dal 3 al 4, mentre i valori più alti sono suggeriti per banche, gioiellerie, banche dati, archivi, zone militari.

Ma come vengono rilasciate le certificazioni dei prodotti in commercio? In pratica, un ente certificatore, classificato come tale dalla comunità europea, esegue determinate prove in laboratorio su un campione del prodotto. I manufatti vengono sottoposti a carichi statici e dinamici che simulano tentativi di effrazione di diversi livelli. Ogni elemento, dalle cerniere ai pannelli, dai battenti ai controtelai fino alle serrature, viene testato al fine di certificare la classe di resistenza del prodotto.

Serramenti blindati Sicilinfissi, qualità ed estetica

Oltre alla conformità ai requisiti sopra elencati, i serramenti blindati possono anche essere caratterizzati da un’elevata qualità estetica, come per esempio quelli realizzati da Sicilinfissi. L’azienda propone una gamma di soluzioni per mettere in sicurezza la propria abitazione, che si tratti di un appartamento o di una casa unifamiliare, tra grate, inferriate, persiane e porte blindate. Sicilinfissi realizza le migliori porte blindate a Palermo, apprezzate sia per la sicurezza che per l’estetica, con collezioni adatte ad ogni esigenza.

L’azienda lavora in sinergia con Dierre, marchio di eccellenza del made in Italy, per garantire sistemi e dispositivi di sicurezza di ultima generazione, affidabili e certificati. La collezione Wall Security è perfetta per ambienti dal gusto contemporaneo e dal mood minimalista, grazie al sistema rasomuro che rende invisibili le cerniere, mentre l’apertura a 180° aggiunge praticità e confort.

La collezione Elettra offre invece tutti i vantaggi di un sistema elettronico automatico e sofisticato, grazie al Keyless Sistem e al microchip integrato, che permette un controllo attivo degli ingressi attraverso un codice non clonabile.

Il catalogo dell’azienda offre tante altre collezioni di porte e soluzioni per mettere in sicurezza la casa, oltre a diverse possibilità di personalizzazione.

I servizi fondamentali della ditta produttrice

Questo passo è molto importante nel percorso di scelta dei serramenti blindati. Prima ancora di selezionare il prodotto, vale la pena di soffermarsi sui servizi offerti dalla ditta produttrice. Tra questi, risultano fondamentali i servizi di consulenza tecnica e di posa in opera. Perché non basta acquistare un prodotto super performante, quando la posa in opera non viene eseguita a regola d’arte e da personale di fiducia. Inoltre, verificate che le certificazioni di cui sopra siano rilasciate anche per la fase di montaggio. Infine, la presenza di un servizio di assistenza post vendita vi mette al riparo da qualsiasi inconveniente anche a installazione completata

10 Ottobre 2020 / / Idee

Sempre di più negli ultimi tempi, ci siamo resi conto di quanto sia importante investire nella nostra abitazione e avere una casa accessibile; renderla il più confortevole ed accessoriata possibile.

Ho notato nell’ultimo periodo che, nonostante la crisi, c’è stato un rinnovato grande interesse per la casa, desiderio di ristrutturare, riammodernare, migliore gli spazi; creare nuovi ambienti, doppi bagni, arredare e attrezzare anche i piccoli vani. Questo perché alla fine non c’è nulla da fare, la casa è il nostro nido, il nostro spazio personale; il luogo dove, volenti o nolenti, trascorriamo il nostro tempo e deve essere tempo di qualità. Nella nostra casa dobbiamo avere tutto a portata di mano, ogni comodità; spazi ordinati con i giusti mobili e organizzati in modo funzionale a seconda delle attività che vi vengono svolte. È giusto che ogni componente della famiglia abbia il proprio spazio anche piccolo, per svolgere il proprio lavoro o il proprio hobby.

Una casa Accessibile: i montascale

Tutto questo ovviamente deve essere fatto senza trascurare l’estetica; una casa bella, che rispecchi i nostri gusti e la nostra indole, sarà per noi accogliente e di sollievo e ci farà sentire bene.

Se quanto abbiamo detto fino ad ora vale per tutti, certamente varrà ancora di più per quelle persone che hanno problemi di mobilità e per le quali la casa può diventare, invece che un riparo, una prigione.

Dunque, in questi casi, la prima cosa da fare in assoluto è rendere la casa accessibile, tramite dei dispositivi e attrezzature specifiche come, ad esempio, può essere un montascale handicare-. Certo, spesso si tratta di attrezzature che hanno costi non irrilevanti, ma io credo davvero che sia indispensabile investire in questo tipo di dotazioni per la casa; ne va del nostro benessere, libertà e felicità. Del resto nella vita facciamo tante spese inutili, mentre questa è quella che può davvero cambiare drasticamente il modo di vivere la casa, in libertà e autonomia; non stiamo nemmeno parlando di prezzi montascale inaccessibili, in fondo . Il montascale può essere rettilineo o curvilineo; ovviamente un montascale rettilineo avrà un costo inferiore poiché si tratterà di un prodotto più standardizzato, rispetto ad uno curvilineo. Quest’ultimo è un prodotto creato in base ad un progetto personalizzato, poiché una scala curva al 90% è diversa da tutte le altre! Ne esistono con guida a doppio tubo o monoguida.

Anche una servoscala rettilineo, ad ogni modo, verrà comunque creato su misura per la nostra scala. Infatti, in entrambi i casi, il costo dipenderà da:

  • la lunghezza della scala
  • caratteristiche della scala (curve, pianerottoli, particolarità)
  • design degli interni
  • necessità fisiche dell’utilizzatore

Senza ovviamente dimenticare i propri gusti ed esigenze personali.

Ovviamente rientrano nell’argomento comodità e autonomia non solo i montascale per gli interni ma anche quelli da esterno.

Una casa accessibile

C’è poi un altro dispositivo che sta prendendo sempre più piede nelle nostre case e che ormai praticamente ognuno di noi usa, ma che può essere ancora più necessario ed utile per persone con vari tipi di disabilità. Sto parlando degli altoparlanti intelligenti con comando vocale , come i vari Alexa & co. Questi dispositivi ci permettono di ascoltare musica, informarci, telefonare, accendere e spegnere le luci, ascoltare le ultime notizie, impostare sveglie, controllare dispositivi per la casa e molto altro. Tutto ciò ci farà avere il controllo completo della nostra casa; ci sentiremo liberi, leggeri, indipendenti e davvero padroni della nostra abitazione e del nostro tempo. Trascorreremo le ore nella nostra abitazione con piacere e semplicità e tante cose che potevano sembrarci un ostacolo diventeranno semplicissime.

Io non sono un’amante sfrenata della tecnologia, ma quando questa serve a migliore la qualità della nostra vita, allora sì che la ritengo assolutamente necessaria; una vera espressione del progresso e come diceva Henry Ford “ non è progresso se non è per tutti”.

L’articolo Alcune idee per una casa accessibile proviene da Architettura e design a Roma.

4 Agosto 2020 / / Idee

Finalmente, nonostante tutto, siamo tutti abbastanza in proncinto di partire. Oppure di chiudere le nostre attività per qualche giorno e, dunque, di lasciare tutto incustodito per qualche girno..

per questo credo sia importante parlarvi ancora una volta dell’importanza di avere una buona porta blindata e di come saperla riconoscere.

Come scegliere una porta blindata: sicurezza contro i furti

Negli ultimi anni, l’incremento di furti in appartamento ha portato molte persone a rivolgere la propria attenzione verso le porte blindate. Queste, infatti, rappresentano uno dei primi e più importanti elementi di sicurezza contro le effrazioni da parte di malintenzionati.

Tuttavia è bene sapere che in commercio esistono molte tipologie diverse di porte blindate.

Esse sono caratterizzate da classi anti-effrazione differenti e serrature più o meno complesse, per una maggiore garanzia contro i tentativi di violazione di domicilio.

Il primo aspetto da valutare, quindi, riguarda la classe anti-effrazione: in commercio esistono infatti sei differenti classi di sicurezza. Dalla prima alla sesta classe, il livello di protezione offerto dalla porta è sempre più elevato. Si può quindi dire che le porte blindate di classe 1 offrono una protezione minima, in grado di resistere ai tentativi di effrazione di scassinatori inesperti. La sesta classe, invece, è quella che offre il massimo livello di sicurezza possibile; scassinatori esperti con strumenti professionali non riuscirebbero ad accedere ad ambienti protetti da questo tipo di porte che, infatti, sono tipicamente impiegate presso banche, gioiellerie e ambienti militari.

Per gli appartamenti, invece, solitamente si fa uso di porte blindate di classe 3 oppure 4. In caso di ville o piccoli condomini si può scegliere di utilizzare non una classica porta, ma un portone blindato. In tal modo l’accesso agli appartamenti sarà maggiormente protetto e sicuro.

come scegliere la porta blindata

Portoncino blindato ad anta singola

come scegliere la porta blindata

Portone blindato ad anta doppia

come scegliere la porta blindata

Portoncino blindato con vetrata ad anta singola

come scegliere la porta blindata

Portone blindato con vetrata ad anta doppia

Come scegliere una porta blindata e la serratura adeguata

Un livello ancora maggiore di sicurezza può essere raggiunto abbinando alla porta blindata una serratura adeguata. Le serrature per porta e per portone blindato sono solitamente a 3, 5 o 7 punti di blocco, posti intorno al perimetro della porta stessa. Si può facilmente comprendere che quelle con un maggiore numero di punti di blocco rappresentano la scelta più sicura, in quanto più difficili da manomettere. Attenzione però: per avere la massima garanzia di resistenza è fondamentale che la serratura di elevato livello sia associata a un cilindro altrettanto solido e sicuro. Se un ladro dovesse riuscire a rimuovere questo elemento, la porta non avrebbe più protezione, e potrebbe essere aperta con un normale cacciavite. Alcune serrature per porte e portoni blindati sono dotate anche di un accessorio di sicurezza chiamato defender. Si tratta di una borchia in acciaio temprato montata a protezione del cilindro della serratura, bloccata tramite viti passanti dall’interno e senza alcun fissaggio che possa essere manomesso dall’esterno.

come scegliere la porta blindata
come scegliere la porta blindata

Non solo sicurezza ma anche benessere

L’utilizzo di una porta blindata presenta anche un’altra serie di aspetti interessanti che, tuttavia, spesso passano in secondo piano. In particolare, questo tipo di porte rappresenta una barriera non solo contro i malintenzionati, ma anche contro i rumori, il caldo e il freddo. La funzione di elemento non solo di protezione, ma anche in grado di assicurare un ottimo isolamento termico e acustico non va assolutamente sottovalutata.

Soprattutto nelle grandi città questo può portare un maggiore benessere quando si sta in casa, in termini sia fisici che psicologici.

L’articolo Come scegliere una porta blindata proviene da Architettura e design a Roma.

20 Luglio 2019 / / News

architettura accessibile

Tra Firenze e Caserta, rispettivamente il 26 giugno e il 1° luglio, si sono svolti degli incontri dal titolo “Universal Design – Per un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti” durante i quali si è discusso dell’importanza di ideare e progettare gli spazi in modo tale da garantire il benessere abitativo, nonché di cambiare la forma delle città e degli edifici rendendo ogni ambiente adatto a chiunque senza alcun tipo di discriminazione. Anche la continua evoluzione della tecnologia e tutte le nuove invenzione ci vengono incontro per riuscire ad abbattere le barriere architettoniche, dalla pedana montascale ai sistemi in alluminio per finestre scorrevoli e facciate, fino ai nuovi elettrodomestici che possono essere controllati a distanza tramite apposita applicazione sullo smartphone.

Obiettivi

L’obiettivo dei due incontri è stato quindi quello di far capire che nella realizzazione di nuovi scenari di architettura devono essere messe al centro le persone e le loro esigenze così da realizzare spazi che siano facilmente fruibili da chiunque a prescindere dall’età, dal genere, dal background culturale e dalle capacità fisiche e sensoriali di ognuno, ma il termine Universal Design non è un’invenzione recente anzi, è stato introdotto nel 1985 da un architetto americano di nome Ronald L. Mace che, affetto da poliomielite sin da bambino, ha dedicato tutta la sua vita ai temi della progettazione accessibile.

architettura accessibile

Nascita dello Universal Design

Mace, infatti, costretto sulla sedia a rotelle già a nove anni, si è sempre trovato davanti a numerose difficoltà nell’accedere a determinate strutture, comprese quelle presenti nel campus della North Carolina State University in cui si è laureato proprio in architettura. A partire dalle sue stesse esperienze, Mace introdusse il termine Universal Design e lo definì come la progettazione di prodotti e ambienti che siano utilizzabili da tutte le persone, nella misura più ampia possibile, senza necessità di adattamento o progettazione specifica. Secondo Mace, quindi, il design universale non è una disciplina che realizza degli oggetti specifici per persone con specifiche esigenze ma, piuttosto, una disciplina in grado di realizzare prodotti che siano adatti alla più ampia gamma di persone, degli spazi che possano essere fruiti, utilizzati e compresi indistintamente da tutti.

Nella realizzazione di uno spazio non bisogna quindi rispondere ai bisogni specifici di una fetta della popolazione, o realizzare ambienti che siano destinati ad una minoranza della popolazione ma progettare spazi che incontrino i bisogni di tutte le persone che desiderano utilizzarlo.

architettura accessibile

I sette principi dello Universal Design

Il design, per essere definito buono, deve creare un ambiente accessibile, utilizzabile, comodo e piacevole e, soprattutto, che può essere usato da tutti. Nel 1997 il Centre for Universal Design , composto da architetti, designers, ingegneri e ricercatori guidati proprio da Ronald L. Mace, ha definito i sette principi dell’Universal Design con lo scopo di guidare la progettazione di spazi, prodotti e comunicazione.

I sette principi possono essere utilizzati anche per valutare i prodotti già esistenti sul mercato, per guidare il processo di progettazione e per educare architetti e design, ma anche i consumatori, sulle caratteristiche di prodotti e ambienti.​I sette principi dell’Universal Design

1. Usabilità equa : il design deve essere utile e vendibile a chiunque. Questo significa che l’oggetto o lo spazio deve fornire lo stesso significato di utilizzo a tutti, identico se possibile o almeno equivalente. È importante quindi evitare ogni tipo di categorizzazione del fruitore.

2. Flessibilità d’uso : il design deve sapersi adattare alle preferenze e alle abilità individuali, quindi offrire una scelta nei metodi d’uso e permettere una maneggiabilità sia sinistra che destra.

3. Uso semplice e intuitivo : il prodotto deve risultare facile da capire, a prescindere dall’esperienza, dalla conoscenza e dalle abilità linguistiche del fruitore. È importante eliminare quindi tutte quelle complessità superflue e far corrispondere il prodotto alle aspettative di chi lo acquista.

4. Informazione percettibile : il design deve saper comunicare efficacemente tutte le informazioni necessarie al fruitore, a prescindere dalle sue abilità sensoriali. Il prodotto deve quindi offrire metodi diversi per poter presentare le informazioni essenziali, a livello visivo, tattile, ecc. e deve saper differenziare le informazioni essenziali da quelle secondarie. È fondamentale la leggibilità delle informazioni e che il prodotto sia compatibile con una varietà di tecniche o dispositivi usati dalle persone con limitazioni sensoriali.

5. Tolleranza per gli errori : è importante minimizzare i rischi o le conseguenze accidentali pericolose. È fondamentale quindi prevedere eventuali errori e pericoli ma anche scoraggiare l’utilizzo scorretto del prodotto.

6. Sforzo fisico contenuto : il design può essere utilizzato efficientemente e comodamente con il minimo sforzo. Per poter essere universalmente utilizzabile, il prodotto deve permettere una posizione neutra del corpo durante il suo utilizzo, con il minor sforzo fisico possibile e col minor numero di azioni ripetitive.

7. Dimensione e spazio per approccio e uso : dimensione e spazio devono essere garantiti per poter utilizzare il prodotto, indipendentemente dalle dimensioni del corpo, dalla postura e dalla mobilità fornendo allo stesso tempo una chiara visualizzazione e il facile raggiungimento degli elementi da cui è composto, offrendo quindi anche lo spazio necessario per gli ausili o il personale d’assistenza. ​

architettura accessibile

L’articolo Universal Design: l’evento dedicato all’architettura accessibile proviene da Architettura e design a Roma.