16 Settembre 2019 / / Architettura

I vantaggi di un riscaldamento smart e connesso sono molteplici, dal risparmio energetico al benessere. Ecco come fare in poche mosse.

L’autunno sta per arrivare e ancora non avete pensato a come rendere smart e connesso il vostro impianto di riscaldamento. Forse perché siete convinti di dover affrontare lavori in casa o spese esorbitanti, oppure per semplice pigrizia.

Eppure, esistono oramai soluzioni alla portata di tutti, che presentano anche innumerevoli vantaggi. 

I vantaggi di un impianto smart e connesso

Con un impianto smart e connesso si possono realizzare notevoli risparmi in bolletta e godere di un maggior benessere. Con un impianto tradizionale, infatti, per consumare mono energia spesso si è costretti ad abbassare la temperatura, rinunciando al benessere. Nel caso degli impianti centralizzati poi, non essendo possibile modulare la quantità di calore, la spesa e il benessere sono soggetti a variabili che non possiamo controllare.

Riscaldamento smart termostato wireless

I sistemi smart garantiscono una maggiore autonomia e flessibilità nella gestione del riscaldamento di casa. Tramite l’accensione o lo spegnimento programmati, la gestione zonale, la coordinazione con le previsioni meteo, andremo a riscaldare solo per il tempo e la quantità necessarie. 

Installando una caldaia a condensazione di ultima generazione, inoltre, il rendimento del vostro impianto vi permetterà di ridurre i consumi fino al 30%.

Il termostato senza fili

Per rendere smart l’impianto di riscaldamento senza affrontare lavori in casa, oggi il mercato offre i termostati senza fili, o wireless.

Il termostato è l’elemento centrale dell’impianto di riscaldamento, come vi ho già spiegato in questo post sul risparmio energetico.

Tramite i termostati wireless si possono impostare numerosi scenari, a seconda della marca e del modello.

Riscaldamento smart termostato senza fili

Di base, questi dispositivi consentono di controllare la temperatura, di impostare il riscaldamento personalizzato in base alle abitudini degli utenti, e di gestire l’impianto a distanza tramite apposite App installate sullo smartphone.

I modelli più evoluti arrivano a modulare la temperatura in base alla temperatura esterna e alle previsioni meteo. Oppure, tramite un collegamento GPS allo smartphone dell’utente, il termostato farà una valutazione dei tempi di rientro a casa per attivare il riscaldamento a tempo debito.

Se poi possedete un assistente vocale, potete comandare il termostato con la vostra voce, a patto che i due dispositivi siano compatibili. Per questo, controllate le specifiche del costruttore prima di acquistarlo.

Valvole termostatiche wireless

E se vivete in un condominio con il riscaldamento centralizzato? Niente paura, con le valvole termostatiche wireless potete avere il vostro riscaldamento smart.

Queste “teste” si applicano alle valvole termostatiche dei radiatori e, connettendosi al wi-fi di casa, funzionano come un vero e proprio termostato.

Riscaldamento smart valvole termostatiche

Inoltre, con le valvole termostatiche possiamo controllare la temperatura in modo più selettivo, intervenendo sui singoli radiatori in base alle necessità. 

Le caldaie di ultima generazione

Mi preme ricordare che, per legge, dal 2015 tutti i produttori di caldaie hanno l’obbligo di produrre e commercializzare sul mercato europeo apparecchi che utilizzano la tecnologia a condensazione.

Riscaldamento smart caldaia a condensazione

Se dovete cambiare la caldaia e siete indecisi sul modello, in un’ottica che predilige il controllo smart della temperatura di casa, forse è meglio optare per un apparecchio dotato di sistema wireless integrato.

E’ vero che i termostati wireless si possono collegare a qualsiasi caldaia tramite un relè, come si vede nello schema riportato qui sotto:

Tuttavia, acquistando una caldaia a condensazione che si può comandare e gestire da remoto con un sistema sviluppato dal produttore stesso, eviterete questo passaggio e ogni problema di compatibilità.

Un impianto così strutturato, con una regolare manutenzione della caldaia unita ad una buona coibentazione della casa, vi garantirà risparmio energetico ed un alto livello di benessere per molti anni a venire.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile e la guida Kitchen Trends 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

23 Luglio 2019 / / Blog Arredamento

Le case sono sempre più intelligenti ed ecosostenibili grazie alle continue innovazioni sia in edilizia che domotica. Ecco, quindi, alcune novità del settore da cui prendere spunto per innovare la tua abitazione.

Sistemi domotici per sicurezza e comfort

La domotica è oggi sempre più alla portata di tutti. Grazie agli incentivi statali e ai costi accessibili, è facile realizzare un sistema domotico in casa per la sicurezza ma anche il comfort.
Esistono diversi sistemi che ti permettono di automatizzare diversi aspetti.
Puoi installare particolari luci in ogni stanza in modo da poterle facilmente accendere con comandi vocali o semplicemente tramite smartphone.

Se vuoi aumentare la sicurezza della tua abitazione, installa le telecamere di sicurezza intelligenti, tramite cui potrai monitorare l’intera casa, anche da remoto. Queste possono essere collegate a infissi intelligenti, con serrature che possono essere aperte o chiuse da un semplice tasto. Inoltre, parlando di infissi, un aiuto interessante sono le tende da sole o altre tipologie di oscuranti intelligenti. Questi si possono automaticamente chiudere quando il sole batte sulla tua abitazione. Un meccanismo semplice come questo ti permette di mantenere le stanze fresche e risparmiare energia.

Pannelli solari per energia pulita

Negli ultimi anni i pannelli solari sono sempre di più elementi essenziali per abitazioni private e fonte di ispirazioni per opere di grandi dimensioni che coinvolgono diversi paesi. Si legge spesso, infatti, di progetti innovativi che hanno come scopo l’installazione di pannelli solari in aree estese, come nel Mar del Nord o nel deserto.
Perché non installare un impianto fotovoltaico nella tua casa?
I pannelli solari producono energia pulita per la tua abitazione, ma oggi è sempre più frequente l’installazione dei pannelli solari termici. Questi dispositivi convertono le radiazioni solari in energia termica che viene utilizzata per riscaldare l’acqua e gli ambienti della tua abitazione. I costi di questa tipologia di pannelli può essere leggermente più alto dei pannelli solari classici, ma vedrai subito notevoli risparmi in bolletta.

5 Giugno 2019 / / ArchitettaMI

Oggi vorrei affrontare con voi un argomento tecnico, ma direi essenziale quando si è in procinto di costruire o ristrutturare la propria abitazione.

Lo so che quando si tocca questo argomento la vostra mente va alle soluzioni decor e al design, ma prima di scegliere le finiture, i colori e i materiali bisogna pensare agli impianti, il sistema “arterioso” del sistema casa.

Per questo oggi mi soffermerò sull’impianto elettrico e più precisamente sul sistema domotico, in continua evoluzione e in grado di fornirci dei plus che possono migliorare la qualità della vita indoor.

Analizziamo innanzitutto cos’è la Domotica:

La domotica è una disciplina che si occupa di studiare quelle tecnologie volte a perfezionare la qualità della vita in casa.

Perché bisognerebbe puntare su questa nuova tecnologia:

Essa, mettendo in contatto tutto ciò che risponde a livello elettronico:

  •  ottimizza i consumi;
  • aumenta il controllo e la sicurezza;
  • semplifica la vita producendo un maggiore comfort;
  • agevola  l’installazione e la gestione dell’impianto.

 

A differenza di un impianto tradizionale, in cui normali comandi (interruttori, regolatori etc.) non sono incapaci di interagire tra loro, il sistema domotico consente di realizzare la gestione coordinata di tutti i dispositivi.

 

Quali sono i vantaggi:

I vantaggi del vivere in una smart home vanno ben oltre quelli di un impianto tradizionale perché con un solo comando ci permette di:

  •  accendere contemporaneamente tutte le luci,
  • aprire porte e tapparelle,
  • pianificare sistemi di irrigazione automatica esterni o su balcone,
  • gestire l’impianto climatico,
  • governare i sistemi di comunicazione e sistemi di sicurezza.

 

Il tutto da remoto attraverso smartphone, tablet o pc.

Gestire le cose in modo più semplice è un grosso aiuto, risparmiare in bolletta poi è sicuramente un aspetto che interessa tutti e se mentre lo fai aiuti anche l’ambiente è sicuramente il massimo.

Ma non è da sottovalutare neanche l’aspetto sulla sicurezza. Ad esempio pensiamo ai videocitofoni. I modelli tradizionali ci permettono di vedere semplicemente  la persona che sta suonando al nostro portone.

I videocitofoni oggi in commercio, ad esempio i videocitofoni wireless di Bticino, possono invece gestire:

  • la chiamata anche quando non siamo in casa con un sistema di segreteria, quindi la persona che citofona ascolta il messaggio che abbiamo precedentemente registrato e lascia la sua comunicazione. Noi successivamente controlliamo chi ci ha cercati e ascoltiamo il motivo per cui era passato a trovarci.
  • tramite l’app possiamo aprire il portone senza dover interrompere quello che stiamo facendo;
  • abbiamo la facoltà di controllare le telecamere, anche tutte contemporaneamente per sorvegliare ad esempio la nostra villetta.

 

E tutto questo non solo dal nostro appartamento, ma soprattutto dal cellulare. Quindi possiamo essere in quel momento dall’altra parte del mondo e avere comunque sotto controllo la nostra casa.

Direi che la domotica ci sta veramente cambiando la vita e decisamente in meglio, non vedo quindi punti a sfavore. Certamente è più caro di un sistema tradizionale, ma se mettiamo insieme tutti i benefici direi che è decisamente vantaggioso.

 

16 Aprile 2019 / / Architettura

Sognate una casa che vi renda la vita semplice e sia in grado di rispondere in modo automatico a ogni vostra esigenza? Grazie alle nuove tendenze legate alla casa domotica, tutto questo è possibile.

Installare un impianto domotico ci permette di rendere più pratica e funzionale  la nostra casa, ma anche renderla più sicura sotto ogni profilo e controllarne i consumi energetici, con un conseguente risparmio economico. Questo perché tutti gli apparecchi elettrici e i sistemi motorizzati, o quanti se ne desiderano, sono connessi e gestibili attraverso smartphone e tablet.

Il vantaggio ulteriore è che possiamo creare degli scenari che prevedono operazioni programmate in modo da automatizzare specifiche attività della casa e possono essere attivati in modo automatico,  programmando un orario specifico, o manuale, con interruttore o touchscreen. Per esempio, impostando lo scenario “mattina”, quando suona la sveglia, si alzano le tapparelle, si accende il riscaldamento, si aziona la macchina del caffè e si disattiva l’allarme.  In qualsiasi momento sarà possibile modificare in modo semplice la configurazione dello scenario in base alle proprie esigenze, sia nelle funzioni che nei comandi. In questo modo lo scenario rispecchierà le tue esigenze di confort per creare una sensazione di benessere in tutta la casa dove ogni spazio ha l’atmosfera giusta.

Maggior risparmio con la casa domotica

Avere una casa domotica non significa soltanto dotarla di nuovi sistemi all’avanguardia, a volte infatti, la tecnologia smart è un ottimo strumento per risparmiare non solo tempo, ma anche denaro ed energia.

Tra le novità proposte dalle aziende del settore, BTicino, leader del mercato smart nel nostro Paese, ha da poco presentato Living Now, il primo comando intelligente con assistente vocale integrato, che si è aggiudicato anche il CES Innovation Award 2019.

Grazie a Living Now di BTicino possiamo gestire luci, tapparelle, impianto di riscaldamento e raffreddamento anche da remoto, con uno smartphone o tablet tramite l’App Home + Control, oppure, novità assoluta per questo settore, grazie ai comandi vocali. Il risparmio energetico è un tema fondamentale nella gestione della propria casa, grazie a Living Now with Netatmo i consumi saranno più consapevoli grazie alla funzione che permette di tenerli sempre sotto controllo in tempo reale via App. Living Now with Netatmo ti avverte anche quando ti stai avvicinando alla soglia massima di consumo per permetterti di disattivare, direttamente dall’App, l’apparecchio meno importante. Domenica mattina vuoi svegliarti più tardi? Nessun problema, puoi controllare tutte le funzioni del tuo impianto semplicemente con la tua voce via smartphone o tramite assistenti vocali. Realizzata in collaborazione con Netatmo, Living Now è infatti in grado di interfacciarsi con gli smart speaker più diffusi, aprendosi a nuovi scenari di utilizzo.

La nuova serie di placche Living Now di BTicino si adatta perfettamente a tutte le case, dotate di impianti tradizionali o di moderni impianti connessi. Inoltre, grazie al design innovativo e alle numerose finiture disponibili, è in grado di personalizzare l’ambiente con colori ed essenze, coordinati o a contrasto.

Boom di assistenti vocali

Gli smart speaker, o altoparlanti intelligenti, stanno dominando il mercato della domotica e sono pronti per entrare nelle case di milioni di italiani.

Questi utili assistenti vocali rappresentano il futuro dell’automazione domestica, non solo perchè sono in grado di controllare numerosi elettrodomestici, ma anche perchè grazie alle smart plug possono controllare qualsiasi dispositivo elettrico collegato alla rete Wi-Fi di un’abitazione.

Il nuovo Amazon Echo, ad esempio, è in grado di rispondere a domande su meteo e informazioni in generale, di registrare una sveglia secondo le nostre decisioni, di organizzare promemoria in base alle nostre direttive e di trasmettere musica.

Basterà infatti pronunciare la parola “Alexa” per attivare la “mente” del dispositivo che saprà rispondere alle domande, riprodurre musica, leggere le notizie, controllare la Casa Intelligente, aggiungere attività alla Lista delle cose da fare, e molto altro ancora.

Chi non possiede gli altoparlanti intelligenti, forse non può apprezzarne i vantaggi, ma chi li prova non può farne a meno!

La cucina e il bagno diventano più smart

Attualmente la conversazione con gli altoparlanti intelligenti si svolge prevalentemente in soggiorno, ma presto sarà possibile impartire comandi vocali agli assistenti virtuali anche in ambienti come la cucina e il bagno. Samsung, per esempio, ha presentato lo scorso gennaio al CES 2019, dei frigoriferi intelligenti in grado non solo di parlare, ma anche di tenere d’occhio il cibo conservato al loro interno tramite un’apposita telecamera.

L’innovazione arriva anche in bagno grazie allo specchio in grado di riprodurre la musica di Simplehuman. Utilizzando U by Moen è invece possibile regolare la temperatura della doccia impartendo dei comandi vocali. L’azienda Kholer ha invece presentato uno specchio in grado di leggere le notizie e un water che regola il tepore della tavoletta.

Vivere in sicurezza nella casa domotica

In questo senso, i prodotti per la sicurezza domotica sono perfettamente in linea con la tendenza alla personalizzazione ormai tipica delle smart home. Con il sistema di antintrusione domotica AVE potrai vivere in sicurezza nella tua casa e sentirti libero di allontanarti con serenità. DOMINA Antintrusione vanta una gamma completa di centrali antintrusione e rivelatori perimetrali ad alte prestazioni (anche con effetto tenda). Una soluzione altamente performante di ultimissima generazione per proteggere ciò che più ami. Collegando il Touch Screen alla centrale antintrusione potrai tenere sempre sotto controllo la mappa dei locali; una segnalazione lampeggiante ti avviserà immediatamente in caso di allarme, segnalandoti l’area di provenienza e il report di tutti gli allarmi rilevati. Attraverso il Touch Screen potrai anche inserire, disinserire o parzializzare il sistema d’allarme, per controllare zone specifiche della casa. A ciò, è possibile aggiungere la trasmissione degli allarmi su linea telefonica o l’attivazione da remoto dell’antifurto. Se abilitata la protezione della finestra e te ne fossi dimenticata una aperta, il sistema domotico DOMINA plus ti avvertirà del possibile rischio inviandoti una notifica sul tuo smartphone. Ma c’è di più: con l’app AVE cloud puoi controllare il sistema domotico e l’antifurto comodamente da remoto! Vuoi dissuadere i malintenzionati? Con DOMINA plus puoi farlo attivando lo Scenario “Simulazione presenza”. La tua casa continuerà a “vivere” mentre sei lontano con una sequenza di comandi pre-programmati nell’arco della giornata.

La tecnologia smart è in grado di garantire una maggiore libertà, semplificare le attività quotidiane e consentire un risparmio di tempo ed energia. Se state pensando di ristrutturare la vostra casa e renderla domotica, il consiglio è di non sottovalutare mai questi aspetti e fate in modo che si adatti perfettamente al vostro stile di vita e alle vostre abitudini.

L’articolo Domotica: le novità 2019 per una casa sempre più intelligente proviene da Dettagli Home Decor.

25 Febbraio 2019 / / Coffee Break

http://www.cafelab.it/progetti/casale_lamandriola.html

Fra le detrazioni fiscali per l’efficentemento energetico è stato confermato anche l‘Ecobonus Domotica e Building Automation che consente di portare in detrazione al 65% gli impianti di riscaldamento e climatizzazione estiva, di produzione di acqua calda, di controllo dell’impianto elettrico
per essere agevolabili gli impianti devono:

  • mostrare attraverso canali multimediali i consumi energetici, con una rendicontazione periodica;
  • mostrare le condizioni di funzionamento, ad esempio la temperatura;
  • consentire l’accensione e lo spegnimento da remoto;
  • permettere la programmazione da remoto.

La detrazione copre le spese di acquisto e installazione dei dispositivi e delle app, ma non l’acquisto dei telefoni o tablet per controllarli.

Nell’immagine, un casale storico restaurato dal nostro studio, dove l’impianto di illuminazione e tutte le funzionalità di apertura chiusura, condizionamento, irrigazione ecc sono integrate e programmate per reagire alla presenza dell’occupante, alle condizioni climatiche esterne, alla temeperatura, all’ora del giorno e al periodo dell’anno.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

31 Gennaio 2019 / / Architettura

Una serratura intelligente è la parte più importante di una casa domotica, ti consentirà di entrare e uscire a tuo piacimento, controllerà chi entra e quando esce di casa mentre sei via. Quasi tutte le serrature intelligenti dispongono di una app che consente di bloccare e sbloccare le porte, alcuni consentono di assegnare privilegi speciali ad amici, familiari o personale di manutenzione, si possono perfino impostare gli accessi a giorni e orari specifici.
Alcuni modelli possono essere attivate usando comandi vocali, biometrici o un touchpad.

Vediamo quali sono i migliori dispositivi disponibili sul market di Amazon:

August Smart Lock

Considerato il migliore prodotto sul mercato, è compatibile con Amazon Alexa, Apple HomeKit, IFTTT e Nest ha una app molto elegante e funzionale sia per iOS che Android e connettività Bluetooth e Wi-Fi

ACQUISTA SU AMAZON

Yale ENTR

Dovendo acquistare una serratura, Yale è una sicurezza.
Entr punta molto sulla sostenibilità, non usa plastica, le batterie sono ricaricabili, il packaging è 100% riciclabile.
E’ disponibile l’app con connettività Bluetooth per iOS e Android, telecomando per creare chiavi virtuali e lettore di impronte digitali Le funzionalità di Yale Entr sono particolarmente indicate per un’attività commerciale, come un B&B o un hotel.

ACQUISTA SU AMAZON

Danalock, Smartlock V3

Una serratura elettronica che ha il pregio di essere discreta
E’ disponibile l’app con connettività Bluetooth per iOS e Android, compatibile con Apple Homekit
Una serratura digitale ad un ottimo prezzo!

ACQUISTA SU AMAZON

_________________________
CAFElab | studio di architettura

12 Dicembre 2018 / / Blog Arredamento

Dato che siamo sempre più connessi, la tecnologia va a toccare sempre più ambiti della vita quotidiana, e la casa non fa eccezione. Molte aziende di eccellenza nella produzione di accessori tecnologici per la casa stanno proponendo soluzioni di ogni tipo per migliorare la vita degli utenti e per ottenere comfort e risparmio. I trend infatti riguardano spesso soluzioni smart per il risparmio energetico, andando sempre più verso abitazioni green. Ecco alcune proposte per connettersi con la propria casa e risparmiare tempo e soldi.

Elettrodomestici

Oggi gli elettrodomestici non hanno bisogno di essere gestiti manualmente: le ultime soluzioni hanno portato grandi novità nella loro gestione. Dal frigorifero intelligente che suggerisce come ottimizzare le posizioni degli alimenti in base a temperatura e tipologia del cibo e notificano le scadenze, alle lavatrici e le lavastoviglie che sanno quanto detersivo utilizzare e si attivano solamente in fasce orarie con il maggiore risparmio sulla corrente elettrica. E poi ci sono i robot che puliscono i pavimenti con i sensori che gestiscono in autonomia il movimento, oppure le macchine del caffè attivabili tramite smartphone.

Illuminotronica

Anche questo è un settore in pieno sviluppo, che punta soprattutto al risparmio dell’energia. Alcuni studi hanno dimostrato che con un impianto di illuminazione smart si può risparmiare fino al 50% rispetto alle luci con attivazione on-off. L’impianto smart si basa sul semplice concetto che le luci si accendono quando la stanza viene utilizzata, quindi ad esempio tramite sensori di movimento. Ma c’è anche la possibilità di impostare l’illuminazione in modo tale che si attivi dipendententemente dal livello di luce naturale della stanza, per esempio attraverso tapparelle e tende che si aprono e si chiudono all’alba o al tramonto. Molte aziende propongono soluzioni per interruttori intelligenti collegati al wi-fi, come il Living Now di BTicino che attraverso interruttori comunicanti tra loro e ad un gateway, consentono la gestione dell’illuminazione di tutta la casa tramite il proprio smartphone anche attraverso i comandi vocali.

Sicurezza

Uno dei campi più interessanti per gli utilizzatori delle tecnologie smart. La domotica fa passi da gigante nella protezione delle case, non solo attraverso l’utilizzo di sensori e videocamere di sorveglianza, ma anche grazie alla possibilità di ricevere notifiche immediate quando avviene un’effrazione, spesso inviata anche direttamente alle forze dell’ordine. Inoltre, la protezione avviene anche contro eventuali fughe di gas, perdite d’acqua o principi di incendio, con il sistema smart che gestisce in autonomia le soluzioni migliori al problema. Troviamo allora impianti che attivano l’areazione in caso di fuga di gas, oppure che chiudono le valvole dell’acqua quando avvertono una perdita. In questo modo la gestione delle difficoltà è sempre più delegata ai sistemi smart, e certamente nei prossimi anni le aziende punteranno molto su questo settore.

Climatizzazione

Il riscaldamento è spesso un incubo che diventa realtà nelle bollette da pagare, per questo le aziende maggiori di domotica si impegnano per trovare soluzioni e far risparmiare gli utenti. Questo passa sempre per i sistemi di gestione autonoma e per il controllo tramite app e comandi vocali. Ecco quindi che abbiamo la possibilità di far partire il riscaldamento poco prima di tornare a casa, oppure di spegnerlo con un semplice comando senza andare ogni volta all’interruttore del riscaldamento. Una proposta interessante che fa risparmiare fino al 31% è stata sviluppata da Tado, con un termostato intelligente che tra le altre cose spegne in autonomia il riscaldamento se ti dimentichi di farlo, grazie alla geolocalizzazione che gli permette di capire la tua presenza in casa. Questi sono solamente alcuni esempi delle novità e delle tendenze della domotica, ma siamo certi che nel prossimo anno ci saranno diversi sviluppi per renderci la vita sempre più semplice.

30 Novembre 2018 / / Architettura

READ IN ENGLISH

La percentuale di crescita delle smart home in Italia oltrepassa il 20% l’anno. Si tratta di soluzioni abitative che garantiscono un elevato livello di comfort e che grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali possono ora essere realizzate senza dover effettuare lavori in muratura. Di conseguenza i costi per eseguire l’intervento sono decisamente ridotti rispetto al passato, così come anche i tempi di messa in opera. La domotica wireless è una modalità sempre più diffusa per la sua versatilità e per i suoi vantaggi. Innanzitutto può essere applicata a qualunque stanza e a ogni dispositivo elettrico, non soltanto gli elettrodomestici. In secondo luogo garantisce una gestione e un monitoraggio in tempo reale via rete.

Ho avuto la fortuna di fotografare un mio progetto di interni in cui i proprietari hanno voluto configurare un sistema che gli permettesse di avere una casa domotica. In questo articolo vedi alcune delle foto di questo progetto e immagina di poter comandare in maniera smart le luci, le tapparelle, la musica e tanto altro di questo splendido attico con piscina.

Ma andiamo con ordine!

EasyRelooking – all rights reserved

I vantaggi di una casa domotica

L’applicazione della domotica alla propria abitazione consente di utilizzare e gestire i sistemi collegati da remoto grazie alla centralina installata. Si ricorda comunque che le funzionalità dell’impianto variano a seconda del tipo e del numero di dispositivi collegati e del livello di complessità della rete creata.

I vantaggi garantiti da questa soluzione abitativa sono:

  • la verifica dei livelli di sicurezza di tutti i dispositivi collegati;
  • la possibilità di attivare e spegnere da remoto gli elettrodomestici, l’impianto di riscaldamento, i sistemi di illuminazione, quelli di sicurezza e quelli oscuranti. Ciò può avvenire tramite un telecomando oppure, grazie ai collegamenti wi-fi, dal proprio pc o da un dispositivo mobile connesso a internet. In quest’ultimo caso per il controllo degli elettrodomestici, delle tapparelle, dell’illuminazione e del riscaldamento è sufficiente impostare parametri e comandi su un tablet o uno smartphone sul quale è stata scaricata l’apposita app;
  • collegare i sistemi video e audio in tutte le stanze dell’abitazione;
  • la possibilità di poter detrarre il 50% o il 65% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione dei sistemi domotici dalla dichiarazione IRPEF. Infatti la Legge di Stabilità fa rientrare queste voci di spesa sia nel Bonus Ristrutturazione che nell’Ecobonus;
  • ridurre i consumi energetici, non soltanto degli elettrodomestici, ma anche dei sistemi di illuminazione e del riscaldamento. Infatti la possibilità di attivare e disattivare i dispositivi a distanza grazie all’interfaccia di controllo consente di realizzare una gestione a risparmio energetico dell’abitazione. Ad esempio, è possibile impostare l’illuminazione delle stanze in base alla presenza di persone al loro interno, della loro funzionalità e della quantità di luce naturale. In questo modo nelle zone di passaggio i risparmi per quanto riguarda i consumi di corrente elettrica possono arrivare persino al 75%.

Le ultime proposte della domotica wireless

La domotica wireless risulta essere estremamente vantaggiosa anche per il fatto che possono essere adattate alle varie situazioni in modo da andare incontro a qualunque esigenza e richiesta dell’utente. Al tempo stesso consente di rendere ogni elettrodomestico e ogni dispositivo elettrico indipendente l’uno dall’altro. Quindi è possibile gestire ogni elemento come se fosse un sistema a sé stante.

Una di queste soluzioni è l’impianto domotico messo a disposizione dall’azienda italiana Bticino che si basa sullo sfruttamento della rete wi-fi per realizzare una vera e propria smart home. Il sistema viene installato da tecnici specializzati della stessa azienda e la gestione avviene direttamente tramite smartphone o tablet grazie all’app. Oltre ad assicurare un maggior livello di automazione permette di evitare sovraccarichi e di ricevere un allarme in caso di perdite di gas o d’acqua. In alternativa la domotica wireless permette di interfacciarsi con l’applicazione Google Assistant, un utile supporto per gestire in maniera performante una casa intelligente. Basta dire all’assistente virtuale cosa deve fare e il sistema digitale programmerà l’impianto domotico.

EasyRelooking_allrightsreserved

EasyRelooking_all rights reserved

 

L’appartamento che vedi in queste foto ha installato proprio BTicino che si interfaccia con Google Assistant. Anche durante il mio servizio fotografico, bastava dire “OK Google” e pronunciare poi la frase per comandare, ad esempio, determinate luci che ci servivano per scattare le foto!

L’articolo Il bello di avere una casa smart proviene da easyrelooking.

4 Ottobre 2018 / / Architettura

Scopri tutte le novità della casa del futuro

Scopri tutte le novità della casa del futuro, un’abitazione moderna e smart in grado di garantire sicurezza e comfort. 

Una casa intelligente e anche molto funzionale. Pensate alla praticità di entrare in casa senza le chiavi, di chiudere le tapparelle con un pulsante o ancora azionare l’aria condizionata, e spegnere la luce attraverso un’app direttamente dall’ufficio. La tecnologia domotica presenta diversi vantaggi tra cui il risparmio energetico, e il tempo. Infatti, per installare impianti domotici non servono grandi opere murarie ma è sufficiente una connessione internet Wifi.
All’inizio, la domotica si conosceva soprattutto per i sistemi legati alla sicurezza, per esempio sensori di movimento o di luce, i cosiddetti occhi della casa perché permettono ai proprietari di accorgersi, attraverso delle telecamere a remoto, di eventuali intrusi. Nel tempo poi questi apparecchi sono diventati sempre più precisi ed affidabili.

My Home Up di Bticino, per esempio, permette di gestire il funzionamento di diversi oggetti solo attraverso una connessione internet. Da remoto, in totale comodità è possibile gestire il videocitofono, la tv, le luci…


My Home Up di BTicono

Questo settore è in continua crescita e per il futuro, gli stessi colossi di internet, prevedono di lanciare in commercio delle app davvero rivoluzionare. La casa del futuro protagonista dei film di fantascienza di trent’anni fa non è poi così lontana dal diventare realtà.

Se avete dei figli adolescenti la domotica può esservi di gran aiuto. Per esempio è  possibile spegnere il televisore della loro cameretta o lo stereo, attraverso un’app e senza muovervi dal divano.


Domotica anche in cucina. E dopo il forno smart che si accende a distanza dallo smartphone, il prossimo passo sarà quello della app che ti permette di risparmiare sul cibo. Basta fotografare gli avanzi in frigorifero e il cervellone ti suggerisce possibili ricette che ti permettano di utilizzare quegli ingredienti così da evitare gli sprechi. Insomma, dalla lavastoviglie super compatta, in formato mini, proposta da una nota azienda americana, ai robot parlanti. Il futuro della domotica sembra davvero trovare un senso, e piano piano ( si spera) diventerà accessibile a tutti.


cucina domotica

Per il momento tutti possono con poco installare un sistema di videosorveglianza via app, come il famosissimo Alfred, che funziona anche da baby monitor.

Per chi invece desidera coltivare in casa un piccolo orto, in commercio esistono sistemi che permettono di crearlo e che ti informano a distanza dello stato della tua produzione.

Non dimentichiamo che una casa cibernetica è una casa in cui si riducono in modo notevole e visibile i costi a fine mese. Le luci si spengono sempre quando non c’è nessuno che le sta usando, e lo stesso vale per tutti i dispositivi elettronici. Non dimentichiamo che la possibilità di azionare la lavatrice oppure il riscaldamento a distanza, permette di sfruttare al massimo le fasce orarie più convenienti. 
Altro fattore importantissimo: la domotica, oltre a rappresentare un vantaggio economico, ha anche un effetto positivo sull’ambiente.

19 Marzo 2017 / / Design d' Ingegno

La domotica è innegabilmente il futuro delle nostre case. Le nuove tecnologie e le ricerche ci porteranno sempre più verso le smart cities e la presenza costante della Rete nella nostra vita quotidiana.

Questo fa parte dell’Internet delle Cose che nel tempo cambierà totalmente il nostro modo di vivere e lavorare. Le case con impianto domotico ci offrono la possibilità di facilitare la nostra quotidianità rendendola anche più conveniente e confortevole.
Possiamo, ad esempio, controllare se abbiamo chiuso o no la porta di casa dopo essere usciti e se necessario farlo da remoto attraverso lo smartphone; oppure possiamo farci leggere le news e le email da strumenti come Alexa – l’assistente vocale di Amazon Echo – mentre siamo ai fornelli a cucinare, senza quindi rinunciare a niente.

Come cambieranno le nostre vite con l’Internet delle Cose?

A seguito di ricerche recenti, gli esperti di Business Insider affermano che il numero delle case intelligenti è destinato a crescere dagli 83 milioni del 2015 a 193 milioni nel 2010. Nella proiezione sono inclusi anche gli elettrodomestici smart (come le lavatrici, le asciugatrici, i frigoriferi ecc…), i sistemi di sicurezza (sensori, monitor, videocamere, sistemi di allarme) e strumenti smart per gestire il riscaldamento e le luci.

Le prime aziende ad investire in questo settore sono state Amazon, Nest (di proprietà di Alphabet, casa madre di Google), Apple, August e Philips. Tuttavia, altre importanti compagnie si sono presto aggiunte alla lista delle aziende che offrono servizi domotici: Notion, Control4, SmartThings (Samsung), Savant, Innit, Ecobee, SistemaCasa, Somfy, Loxone e molti altri ancora.

Naturalmente, questo mercato decollerà sempre più con l’abbassamento dei costi e con la maggiore consapevolezza da parte del pubblico dei reali benefici che può apportare al nostro modo di vivere. Dalla casa smart il passo successivo sarà quello della smart city che punta a diventare un unico grande organismo di efficienza e comfort.

Principali vantaggi e svantaggi della domotica

Il primo e più ovvio beneficio è quello derivato dal risparmio di tempo: se gli elettrodomestici sono connessi tra loro si possono svolgere più operazioni facendo risparmiare del tempo ai residenti.
L’altro rilevante vantaggio è invece quello legato ai consumi. Gli apparecchi smart connessi all’Internet Delle Cose contribuiscono ad ottimizzare l’uso e quindi a risparmiare energia e denaro nel lungo termine.

Tra gli svantaggi c’è sicuramente l’impatto iniziale con i costi, poiché i sistemi domotici sono generalmente più costosi degli impianti tradizionali e ciò vale anche per i componenti, come ad esempio le luci al LED rispetto alle lampadine normali.
È dunque importante precisare che i costi delle apparecchiature e strumenti smart stanno gradualmente diminuendo, facendoci supporre che in futuro saranno convenienti anche per il consumatore medio.

Smart flat

Cosa significa avere una casa domotica?

Scegliere di rendere la propria casa domotica significa fare un investimento importante i cui frutti arriveranno con il passare del tempo. Ci sono molte variabili ed aspetti che vanno considerati per valutare quale sia la soluzione più adatta alle vostre specifiche necessità. Esistono infatti due principali tipologie di sistemi:

Domotica per l’intera casa

Riguarda impianti più costosi ma che hanno più caratteristiche e connettività, soprattutto per quello che riguarda gli home theatre. Questo tipo di impianti richiede un cablaggio personalizzato ed un lavoro di programmazione che può richiedere in alcuni casi diverse settimane.

Sistemi di controllo della sicurezza

Questi sono invece focalizzati su una specifica funzione che riguarda la sicurezza, anche se alcuni offrono la possibilità di implementazione per diventare più simili ad un sistema di domotica totale. In questo caso non si tratterà di strumenti per la gestione della casa altrettanto complessi e strutturati, ma si tratterebbe comunque di una soluzione abbordabile ugualmente gestibile con apposite App.

I rivenditori sono in grado di selezionare i prodotti e componenti più adatti e compatibili con le vostre necessità e questo allo scopo di garantisce sicurezza nel risultato e nelle prestazioni dell’impianto. I costi, infine, variano in base alla combinazione tra la tipologia di controller, la qualità e il numero delle parti hardware e dal lavoro di programmazione necessario, poiché le case possono essere anche molto diverse tra loro.

appartamento domotico

Le start up più innovative

La domotica è in continua crescita ed evoluzione, per questo, le aziende migliori saranno quelle che più delle altre riusciranno a rispondere ai bisogni reali delle persone. A questo proposito, la rivista Wired ha stilato una lista delle start up più promettenti in Italia e all’estero:

  • Domotica Undici: questa start up ha inventato dei dispositivi quasi invisibili chiamati “End Points”. La loro funzione è quella di modulare i consumi per rispondere a tante più esigenze dell’utente quanto maggiore è il loro numero.
  • Mind: questa azienda crea una rete di sensori per raccogliere ed apprendere le informazioni che riguardano la presenza, la temperatura, la luminosità e i consumi, adattandosi autonomamente (ovvero senza richiedere una continua programmazione) allo stile di vita di ognuno.
  • Morpheos: ha creato Momo, un robot discreto (integrato in una lampada) che rileva le temperature domestiche e configura le stanze in base all’umore delle persone, utilizzando sistemi di intelligenza artificiale. Momo rileva la temperatura, l’umidità, le luci, i movimenti, la presenza di fumo (per attivare manovre di sicurezza) e molto altro.
  • Sesto Senso: brevettato da ENEA, si tratta di un sistema multisensoriale in grado di monitorare e ottimizzare i consumi energetici di abitazioni e uffici assicurando temperatura e illuminazione ideali sia in estate che in inverno. Può attivare o disattivare autonomamente luci, elettrodomestici, tapparelle e schermature solari nella casa; inoltre, attraverso un’analisi qualitativa della CO2, avvisa anche se occorre aprire le finestre per arieggiare i locali.
  • Iooota: questa start up ha invece creato Jarvis, una piattaforma tecnologica capace di controllare in modo semplice e diretto dei parametri importanti come il risparmio energetico, il controllo dei consumi, le inefficienze, la sicurezza degli spazi ecc… Allo stesso tempo è in grado di intervenire in attivandosi prontamente in caso di incendio, perdite di gas e allagamenti.
  • Nuvap: ha realizzato N1, la prima “black box” di casa specifica per il monitoraggio delle principali fonti inquinanti che con il tempo possono nuocere alla salute della famiglia. La tecnologia Nuvap è brevettata a livello internazionale e – a seconda delle versioni – N1 monitora costantemente fino a 26 parametri ambientali, tra cui il monossido di carbonio, le polveri sottili, il metano, l’inquinamento elettromagnetico, il wifi, il gas radon, la radioattività, l’inquinamento acustico, l’inquinamento dell’acqua (filtri esterni), la temperatura, l’umidità e la presenza incendi.
  • Leapin Digital Keys: questa azienda si rivolge ai produttori di serrature ed ha sviluppato un software che permette di aprire le porte tramite smartphone. Per tutelare la sicurezza degli utenti, la chiave di accesso ha un grado di crittografia pari a quella militare e può avere una durata variabile, cambiando spesso o mai, in base alla volontà del proprietario.
  • Celestial Tribe LTB: creatrice di Muzo, un dispositivo che applica una tecnologia anti-vibrazione ed una di mascheramento dei rumori che riduce queste fonti di disturbo rendendo l’ambiente più piacevole e rilassante. Inoltre, Muzo è un ottimo strumento di gestione e di analisi del sonno.