Bonus Domotica 2019 e agevolazioni fiscali

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, News
http://www.cafelab.it/progetti/casale_lamandriola.html

Fra le detrazioni fiscali per l’efficentemento energetico è stato confermato anche l‘Ecobonus Domotica e Building Automation che consente di portare in detrazione al 65% gli impianti di riscaldamento e climatizzazione estiva, di produzione di acqua calda, di controllo dell’impianto elettrico
per essere agevolabili gli impianti devono:

  • mostrare attraverso canali multimediali i consumi energetici, con una rendicontazione periodica;
  • mostrare le condizioni di funzionamento, ad esempio la temperatura;
  • consentire l’accensione e lo spegnimento da remoto;
  • permettere la programmazione da remoto.

La detrazione copre le spese di acquisto e installazione dei dispositivi e delle app, ma non l’acquisto dei telefoni o tablet per controllarli.

Nell’immagine, un casale storico restaurato dal nostro studio, dove l’impianto di illuminazione e tutte le funzionalità di apertura chiusura, condizionamento, irrigazione ecc sono integrate e programmate per reagire alla presenza dell’occupante, alle condizioni climatiche esterne, alla temeperatura, all’ora del giorno e al periodo dell’anno.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Le migliori serrature intelligenti del 2019

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Coffee Break

Una serratura intelligente è la parte più importante di una casa domotica, ti consentirà di entrare e uscire a tuo piacimento, controllerà chi entra e quando esce di casa mentre sei via. Quasi tutte le serrature intelligenti dispongono di una app che consente di bloccare e sbloccare le porte, alcuni consentono di assegnare privilegi speciali ad amici, familiari o personale di manutenzione, si possono perfino impostare gli accessi a giorni e orari specifici.
Alcuni modelli possono essere attivate usando comandi vocali, biometrici o un touchpad.

Vediamo quali sono i migliori dispositivi disponibili sul market di Amazon:

August Smart Lock

Considerato il migliore prodotto sul mercato, è compatibile con Amazon Alexa, Apple HomeKit, IFTTT e Nest ha una app molto elegante e funzionale sia per iOS che Android e connettività Bluetooth e Wi-Fi

ACQUISTA SU AMAZON

Yale ENTR

Dovendo acquistare una serratura, Yale è una sicurezza.
Entr punta molto sulla sostenibilità, non usa plastica, le batterie sono ricaricabili, il packaging è 100% riciclabile.
E’ disponibile l’app con connettività Bluetooth per iOS e Android, telecomando per creare chiavi virtuali e lettore di impronte digitali Le funzionalità di Yale Entr sono particolarmente indicate per un’attività commerciale, come un B&B o un hotel.

ACQUISTA SU AMAZON

Danalock, Smartlock V3

Una serratura elettronica che ha il pregio di essere discreta
E’ disponibile l’app con connettività Bluetooth per iOS e Android, compatibile con Apple Homekit
Una serratura digitale ad un ottimo prezzo!

ACQUISTA SU AMAZON

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

La casa intelligente del nuovo anno: tendenze e novità

Pubblicato da Eleonora Caseri in Blog Arredamento

Dato che siamo sempre più connessi, la tecnologia va a toccare sempre più ambiti della vita quotidiana, e la casa non fa eccezione. Molte aziende di eccellenza nella produzione di accessori tecnologici per la casa stanno proponendo soluzioni di ogni tipo per migliorare la vita degli utenti e per ottenere comfort e risparmio. I trend infatti riguardano spesso soluzioni smart per il risparmio energetico, andando sempre più verso abitazioni green. Ecco alcune proposte per connettersi con la propria casa e risparmiare tempo e soldi.

Elettrodomestici

Oggi gli elettrodomestici non hanno bisogno di essere gestiti manualmente: le ultime soluzioni hanno portato grandi novità nella loro gestione. Dal frigorifero intelligente che suggerisce come ottimizzare le posizioni degli alimenti in base a temperatura e tipologia del cibo e notificano le scadenze, alle lavatrici e le lavastoviglie che sanno quanto detersivo utilizzare e si attivano solamente in fasce orarie con il maggiore risparmio sulla corrente elettrica. E poi ci sono i robot che puliscono i pavimenti con i sensori che gestiscono in autonomia il movimento, oppure le macchine del caffè attivabili tramite smartphone.

Illuminotronica

Anche questo è un settore in pieno sviluppo, che punta soprattutto al risparmio dell’energia. Alcuni studi hanno dimostrato che con un impianto di illuminazione smart si può risparmiare fino al 50% rispetto alle luci con attivazione on-off. L’impianto smart si basa sul semplice concetto che le luci si accendono quando la stanza viene utilizzata, quindi ad esempio tramite sensori di movimento. Ma c’è anche la possibilità di impostare l’illuminazione in modo tale che si attivi dipendententemente dal livello di luce naturale della stanza, per esempio attraverso tapparelle e tende che si aprono e si chiudono all’alba o al tramonto. Molte aziende propongono soluzioni per interruttori intelligenti collegati al wi-fi, come il Living Now di BTicino che attraverso interruttori comunicanti tra loro e ad un gateway, consentono la gestione dell’illuminazione di tutta la casa tramite il proprio smartphone anche attraverso i comandi vocali.

Sicurezza

Uno dei campi più interessanti per gli utilizzatori delle tecnologie smart. La domotica fa passi da gigante nella protezione delle case, non solo attraverso l’utilizzo di sensori e videocamere di sorveglianza, ma anche grazie alla possibilità di ricevere notifiche immediate quando avviene un’effrazione, spesso inviata anche direttamente alle forze dell’ordine. Inoltre, la protezione avviene anche contro eventuali fughe di gas, perdite d’acqua o principi di incendio, con il sistema smart che gestisce in autonomia le soluzioni migliori al problema. Troviamo allora impianti che attivano l’areazione in caso di fuga di gas, oppure che chiudono le valvole dell’acqua quando avvertono una perdita. In questo modo la gestione delle difficoltà è sempre più delegata ai sistemi smart, e certamente nei prossimi anni le aziende punteranno molto su questo settore.

Climatizzazione

Il riscaldamento è spesso un incubo che diventa realtà nelle bollette da pagare, per questo le aziende maggiori di domotica si impegnano per trovare soluzioni e far risparmiare gli utenti. Questo passa sempre per i sistemi di gestione autonoma e per il controllo tramite app e comandi vocali. Ecco quindi che abbiamo la possibilità di far partire il riscaldamento poco prima di tornare a casa, oppure di spegnerlo con un semplice comando senza andare ogni volta all’interruttore del riscaldamento. Una proposta interessante che fa risparmiare fino al 31% è stata sviluppata da Tado, con un termostato intelligente che tra le altre cose spegne in autonomia il riscaldamento se ti dimentichi di farlo, grazie alla geolocalizzazione che gli permette di capire la tua presenza in casa. Questi sono solamente alcuni esempi delle novità e delle tendenze della domotica, ma siamo certi che nel prossimo anno ci saranno diversi sviluppi per renderci la vita sempre più semplice.

Tags: ,

 
 

Il bello di avere una casa smart

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Easy Relooking, News

READ IN ENGLISH

La percentuale di crescita delle smart home in Italia oltrepassa il 20% l’anno. Si tratta di soluzioni abitative che garantiscono un elevato livello di comfort e che grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali possono ora essere realizzate senza dover effettuare lavori in muratura. Di conseguenza i costi per eseguire l’intervento sono decisamente ridotti rispetto al passato, così come anche i tempi di messa in opera. La domotica wireless è una modalità sempre più diffusa per la sua versatilità e per i suoi vantaggi. Innanzitutto può essere applicata a qualunque stanza e a ogni dispositivo elettrico, non soltanto gli elettrodomestici. In secondo luogo garantisce una gestione e un monitoraggio in tempo reale via rete.

Ho avuto la fortuna di fotografare un mio progetto di interni in cui i proprietari hanno voluto configurare un sistema che gli permettesse di avere una casa domotica. In questo articolo vedi alcune delle foto di questo progetto e immagina di poter comandare in maniera smart le luci, le tapparelle, la musica e tanto altro di questo splendido attico con piscina.

Ma andiamo con ordine!

EasyRelooking – all rights reserved

I vantaggi di una casa domotica

L’applicazione della domotica alla propria abitazione consente di utilizzare e gestire i sistemi collegati da remoto grazie alla centralina installata. Si ricorda comunque che le funzionalità dell’impianto variano a seconda del tipo e del numero di dispositivi collegati e del livello di complessità della rete creata.

I vantaggi garantiti da questa soluzione abitativa sono:

  • la verifica dei livelli di sicurezza di tutti i dispositivi collegati;
  • la possibilità di attivare e spegnere da remoto gli elettrodomestici, l’impianto di riscaldamento, i sistemi di illuminazione, quelli di sicurezza e quelli oscuranti. Ciò può avvenire tramite un telecomando oppure, grazie ai collegamenti wi-fi, dal proprio pc o da un dispositivo mobile connesso a internet. In quest’ultimo caso per il controllo degli elettrodomestici, delle tapparelle, dell’illuminazione e del riscaldamento è sufficiente impostare parametri e comandi su un tablet o uno smartphone sul quale è stata scaricata l’apposita app;
  • collegare i sistemi video e audio in tutte le stanze dell’abitazione;
  • la possibilità di poter detrarre il 50% o il 65% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione dei sistemi domotici dalla dichiarazione IRPEF. Infatti la Legge di Stabilità fa rientrare queste voci di spesa sia nel Bonus Ristrutturazione che nell’Ecobonus;
  • ridurre i consumi energetici, non soltanto degli elettrodomestici, ma anche dei sistemi di illuminazione e del riscaldamento. Infatti la possibilità di attivare e disattivare i dispositivi a distanza grazie all’interfaccia di controllo consente di realizzare una gestione a risparmio energetico dell’abitazione. Ad esempio, è possibile impostare l’illuminazione delle stanze in base alla presenza di persone al loro interno, della loro funzionalità e della quantità di luce naturale. In questo modo nelle zone di passaggio i risparmi per quanto riguarda i consumi di corrente elettrica possono arrivare persino al 75%.

Le ultime proposte della domotica wireless

La domotica wireless risulta essere estremamente vantaggiosa anche per il fatto che possono essere adattate alle varie situazioni in modo da andare incontro a qualunque esigenza e richiesta dell’utente. Al tempo stesso consente di rendere ogni elettrodomestico e ogni dispositivo elettrico indipendente l’uno dall’altro. Quindi è possibile gestire ogni elemento come se fosse un sistema a sé stante.

Una di queste soluzioni è l’impianto domotico messo a disposizione dall’azienda italiana Bticino che si basa sullo sfruttamento della rete wi-fi per realizzare una vera e propria smart home. Il sistema viene installato da tecnici specializzati della stessa azienda e la gestione avviene direttamente tramite smartphone o tablet grazie all’app. Oltre ad assicurare un maggior livello di automazione permette di evitare sovraccarichi e di ricevere un allarme in caso di perdite di gas o d’acqua. In alternativa la domotica wireless permette di interfacciarsi con l’applicazione Google Assistant, un utile supporto per gestire in maniera performante una casa intelligente. Basta dire all’assistente virtuale cosa deve fare e il sistema digitale programmerà l’impianto domotico.

EasyRelooking_allrightsreserved

EasyRelooking_all rights reserved

 

L’appartamento che vedi in queste foto ha installato proprio BTicino che si interfaccia con Google Assistant. Anche durante il mio servizio fotografico, bastava dire “OK Google” e pronunciare poi la frase per comandare, ad esempio, determinate luci che ci servivano per scattare le foto!

L’articolo Il bello di avere una casa smart proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Domotica. Le ultime novità per una casa cibernetica

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor
Scopri tutte le novità della casa del futuro

Scopri tutte le novità della casa del futuro, un’abitazione moderna e smart in grado di garantire sicurezza e comfort. 

Una casa intelligente e anche molto funzionale. Pensate alla praticità di entrare in casa senza le chiavi, di chiudere le tapparelle con un pulsante o ancora azionare l’aria condizionata, e spegnere la luce attraverso un’app direttamente dall’ufficio. La tecnologia domotica presenta diversi vantaggi tra cui il risparmio energetico, e il tempo. Infatti, per installare impianti domotici non servono grandi opere murarie ma è sufficiente una connessione internet Wifi.
All’inizio, la domotica si conosceva soprattutto per i sistemi legati alla sicurezza, per esempio sensori di movimento o di luce, i cosiddetti occhi della casa perché permettono ai proprietari di accorgersi, attraverso delle telecamere a remoto, di eventuali intrusi. Nel tempo poi questi apparecchi sono diventati sempre più precisi ed affidabili.

My Home Up di Bticino, per esempio, permette di gestire il funzionamento di diversi oggetti solo attraverso una connessione internet. Da remoto, in totale comodità è possibile gestire il videocitofono, la tv, le luci…


My Home Up di BTicono

Questo settore è in continua crescita e per il futuro, gli stessi colossi di internet, prevedono di lanciare in commercio delle app davvero rivoluzionare. La casa del futuro protagonista dei film di fantascienza di trent’anni fa non è poi così lontana dal diventare realtà.

Se avete dei figli adolescenti la domotica può esservi di gran aiuto. Per esempio è  possibile spegnere il televisore della loro cameretta o lo stereo, attraverso un’app e senza muovervi dal divano.


Domotica anche in cucina. E dopo il forno smart che si accende a distanza dallo smartphone, il prossimo passo sarà quello della app che ti permette di risparmiare sul cibo. Basta fotografare gli avanzi in frigorifero e il cervellone ti suggerisce possibili ricette che ti permettano di utilizzare quegli ingredienti così da evitare gli sprechi. Insomma, dalla lavastoviglie super compatta, in formato mini, proposta da una nota azienda americana, ai robot parlanti. Il futuro della domotica sembra davvero trovare un senso, e piano piano ( si spera) diventerà accessibile a tutti.


cucina domotica

Per il momento tutti possono con poco installare un sistema di videosorveglianza via app, come il famosissimo Alfred, che funziona anche da baby monitor.

Per chi invece desidera coltivare in casa un piccolo orto, in commercio esistono sistemi che permettono di crearlo e che ti informano a distanza dello stato della tua produzione.

Non dimentichiamo che una casa cibernetica è una casa in cui si riducono in modo notevole e visibile i costi a fine mese. Le luci si spengono sempre quando non c’è nessuno che le sta usando, e lo stesso vale per tutti i dispositivi elettronici. Non dimentichiamo che la possibilità di azionare la lavatrice oppure il riscaldamento a distanza, permette di sfruttare al massimo le fasce orarie più convenienti. 
Altro fattore importantissimo: la domotica, oltre a rappresentare un vantaggio economico, ha anche un effetto positivo sull’ambiente.

Tags:

 
 

Domotica e futuro: come le nuove tecnologie e le start up cambieranno la nostra vita

Pubblicato da blog ospite in Design d' Ingegno, Interiors

La domotica è innegabilmente il futuro delle nostre case. Le nuove tecnologie e le ricerche ci porteranno sempre più verso le smart cities e la presenza costante della Rete nella nostra vita quotidiana.

Questo fa parte dell’Internet delle Cose che nel tempo cambierà totalmente il nostro modo di vivere e lavorare. Le case con impianto domotico ci offrono la possibilità di facilitare la nostra quotidianità rendendola anche più conveniente e confortevole.
Possiamo, ad esempio, controllare se abbiamo chiuso o no la porta di casa dopo essere usciti e se necessario farlo da remoto attraverso lo smartphone; oppure possiamo farci leggere le news e le email da strumenti come Alexa – l’assistente vocale di Amazon Echo – mentre siamo ai fornelli a cucinare, senza quindi rinunciare a niente.

Come cambieranno le nostre vite con l’Internet delle Cose?

A seguito di ricerche recenti, gli esperti di Business Insider affermano che il numero delle case intelligenti è destinato a crescere dagli 83 milioni del 2015 a 193 milioni nel 2010. Nella proiezione sono inclusi anche gli elettrodomestici smart (come le lavatrici, le asciugatrici, i frigoriferi ecc…), i sistemi di sicurezza (sensori, monitor, videocamere, sistemi di allarme) e strumenti smart per gestire il riscaldamento e le luci.

Le prime aziende ad investire in questo settore sono state Amazon, Nest (di proprietà di Alphabet, casa madre di Google), Apple, August e Philips. Tuttavia, altre importanti compagnie si sono presto aggiunte alla lista delle aziende che offrono servizi domotici: Notion, Control4, SmartThings (Samsung), Savant, Innit, Ecobee, SistemaCasa, Somfy, Loxone e molti altri ancora.

Naturalmente, questo mercato decollerà sempre più con l’abbassamento dei costi e con la maggiore consapevolezza da parte del pubblico dei reali benefici che può apportare al nostro modo di vivere. Dalla casa smart il passo successivo sarà quello della smart city che punta a diventare un unico grande organismo di efficienza e comfort.

Principali vantaggi e svantaggi della domotica

Il primo e più ovvio beneficio è quello derivato dal risparmio di tempo: se gli elettrodomestici sono connessi tra loro si possono svolgere più operazioni facendo risparmiare del tempo ai residenti.
L’altro rilevante vantaggio è invece quello legato ai consumi. Gli apparecchi smart connessi all’Internet Delle Cose contribuiscono ad ottimizzare l’uso e quindi a risparmiare energia e denaro nel lungo termine.

Tra gli svantaggi c’è sicuramente l’impatto iniziale con i costi, poiché i sistemi domotici sono generalmente più costosi degli impianti tradizionali e ciò vale anche per i componenti, come ad esempio le luci al LED rispetto alle lampadine normali.
È dunque importante precisare che i costi delle apparecchiature e strumenti smart stanno gradualmente diminuendo, facendoci supporre che in futuro saranno convenienti anche per il consumatore medio.

Smart flat

Cosa significa avere una casa domotica?

Scegliere di rendere la propria casa domotica significa fare un investimento importante i cui frutti arriveranno con il passare del tempo. Ci sono molte variabili ed aspetti che vanno considerati per valutare quale sia la soluzione più adatta alle vostre specifiche necessità. Esistono infatti due principali tipologie di sistemi:

Domotica per l’intera casa

Riguarda impianti più costosi ma che hanno più caratteristiche e connettività, soprattutto per quello che riguarda gli home theatre. Questo tipo di impianti richiede un cablaggio personalizzato ed un lavoro di programmazione che può richiedere in alcuni casi diverse settimane.

Sistemi di controllo della sicurezza

Questi sono invece focalizzati su una specifica funzione che riguarda la sicurezza, anche se alcuni offrono la possibilità di implementazione per diventare più simili ad un sistema di domotica totale. In questo caso non si tratterà di strumenti per la gestione della casa altrettanto complessi e strutturati, ma si tratterebbe comunque di una soluzione abbordabile ugualmente gestibile con apposite App.

I rivenditori sono in grado di selezionare i prodotti e componenti più adatti e compatibili con le vostre necessità e questo allo scopo di garantisce sicurezza nel risultato e nelle prestazioni dell’impianto. I costi, infine, variano in base alla combinazione tra la tipologia di controller, la qualità e il numero delle parti hardware e dal lavoro di programmazione necessario, poiché le case possono essere anche molto diverse tra loro.

appartamento domotico

Le start up più innovative

La domotica è in continua crescita ed evoluzione, per questo, le aziende migliori saranno quelle che più delle altre riusciranno a rispondere ai bisogni reali delle persone. A questo proposito, la rivista Wired ha stilato una lista delle start up più promettenti in Italia e all’estero:

  • Domotica Undici: questa start up ha inventato dei dispositivi quasi invisibili chiamati “End Points”. La loro funzione è quella di modulare i consumi per rispondere a tante più esigenze dell’utente quanto maggiore è il loro numero.
  • Mind: questa azienda crea una rete di sensori per raccogliere ed apprendere le informazioni che riguardano la presenza, la temperatura, la luminosità e i consumi, adattandosi autonomamente (ovvero senza richiedere una continua programmazione) allo stile di vita di ognuno.
  • Morpheos: ha creato Momo, un robot discreto (integrato in una lampada) che rileva le temperature domestiche e configura le stanze in base all’umore delle persone, utilizzando sistemi di intelligenza artificiale. Momo rileva la temperatura, l’umidità, le luci, i movimenti, la presenza di fumo (per attivare manovre di sicurezza) e molto altro.
  • Sesto Senso: brevettato da ENEA, si tratta di un sistema multisensoriale in grado di monitorare e ottimizzare i consumi energetici di abitazioni e uffici assicurando temperatura e illuminazione ideali sia in estate che in inverno. Può attivare o disattivare autonomamente luci, elettrodomestici, tapparelle e schermature solari nella casa; inoltre, attraverso un’analisi qualitativa della CO2, avvisa anche se occorre aprire le finestre per arieggiare i locali.
  • Iooota: questa start up ha invece creato Jarvis, una piattaforma tecnologica capace di controllare in modo semplice e diretto dei parametri importanti come il risparmio energetico, il controllo dei consumi, le inefficienze, la sicurezza degli spazi ecc… Allo stesso tempo è in grado di intervenire in attivandosi prontamente in caso di incendio, perdite di gas e allagamenti.
  • Nuvap: ha realizzato N1, la prima “black box” di casa specifica per il monitoraggio delle principali fonti inquinanti che con il tempo possono nuocere alla salute della famiglia. La tecnologia Nuvap è brevettata a livello internazionale e – a seconda delle versioni – N1 monitora costantemente fino a 26 parametri ambientali, tra cui il monossido di carbonio, le polveri sottili, il metano, l’inquinamento elettromagnetico, il wifi, il gas radon, la radioattività, l’inquinamento acustico, l’inquinamento dell’acqua (filtri esterni), la temperatura, l’umidità e la presenza incendi.
  • Leapin Digital Keys: questa azienda si rivolge ai produttori di serrature ed ha sviluppato un software che permette di aprire le porte tramite smartphone. Per tutelare la sicurezza degli utenti, la chiave di accesso ha un grado di crittografia pari a quella militare e può avere una durata variabile, cambiando spesso o mai, in base alla volontà del proprietario.
  • Celestial Tribe LTB: creatrice di Muzo, un dispositivo che applica una tecnologia anti-vibrazione ed una di mascheramento dei rumori che riduce queste fonti di disturbo rendendo l’ambiente più piacevole e rilassante. Inoltre, Muzo è un ottimo strumento di gestione e di analisi del sonno.

Tags: , ,

 
 

Domotica: cos’è e a cosa serve

Pubblicato da blog ospite in Design, Rooms Interior Design Lab
l termine domotica è un neologismo che unisce la radice domus(casa) al termine informatica. Se ne coglie quindi immediatamente il senso: la domotica è la disciplina che studia le tecnologie che possono migliorare la qualità della vita nelle case e nei luoghi pubblici. Ci risulta molto facile oggi pensare ad una casa “informatizzata”: grazie al boom degli smartphone, e soprattutto delle app, ci siamo resi conto che gestire molti aspetti del nostro quotidiano può essere più semplice utilizzando un’interfaccia digitale.

Questa “intrusione” dell’informatica nell’ambiente domestico è però in atto da qualche tempo: il contatore elettrico è già diventato un dispositivo in grado di raccogliere e trasmettere informazioni, internet è ormai diffuso praticamente ovunque, un impianto di allarme che invia una telefonata in caso di emergenza non è certo una novità, il termostato digitale programmabile è diventato di uso comune, tutti noi abbiamo elettrodomestici con display.

Qual è allora l’aspetto innovativo della domotica?

Via

La domotica non è un oggetto, un prodotto, una soluzione specifica. Non è neppure una particolare tecnologia. La domotica è soprattutto un sistema in grado di coordinare i diversi aspetti impiantistici e funzionali di una casa al fine di migliorare il comfort, la sicurezza e la fruibilità degli edifici.La cosa più importante quindi non è tanto la dimensione tecnologica quanto le possibilità che la tecnologia ci offre per mettere a punto soluzioni che siano di effettiva utilità per la nostra vita di tutti giorni. Per capire quale può essere la reale utilità della domotica è importante comprendere che un sistema domotico non solo utilizza le nuove tecnologie per la gestione degli impianti della casa, ma che proprio per questo offre nuove soluzioni e nuove funzioni che prima, con impianto elettrico tradizionale, non erano possibili.
In questa direzione la domotica può offrire delle soluzioni concrete ed utili in grado di dare risposte ai bisogni abitativi e alle diverse esigenze delle persone. In sostanza rende la casa “intelligente”. 

Via

Ma come si compone un sistema domotico? Semplificando possiamo dire che, come in un impianto elettrico tradizionale, un sistema domotico sia composto da dispositivi di comando e attuatori.
I dispositivi di comando forniscono al sistema l’indicazione dell’azione da compiere. Gli attuatori eseguono le azioni del sistema nei confronti dell’ambiente. Per fare un esempio concreto pensiamo al caso banale di una lampada: prendiamo un pulsante per dare il comando di accensione, il sistema chiude il contatto e la luce si accende. Così in un impianto domotico i comandi avvengono tramite un’interfaccia utente e successivamente elaborati dal sistema di controllo che provvederà ad attuare l’azione, ovvero accensione/spegnimento di luci, chiusura/apertura delle imposte, regolazione della temperatura eccetera. 

Via

Un sistema domotico, inoltre, è per sua natura flessibile. Dal momento che la configurazione dei comandi non dipende dai collegamenti fisici dei dispositivi ma dalla programmazione del sistema, una delle caratteristiche base dei sistemi domotici è proprio quella di poter permettere, in futuro, una diversa programmazione per gli stessi dispositivi. Questo consente di riorganizzare il sistema ed eventualmente di inserire al suo interno nuove dispositivi di comando o nuovi attuatori che possono essere completamente integrati con l’impianto esistente.

E infine l’annosa questione: come si possono individuare le soluzioni più adatte o le funzioni più utili? La risposta a questa domanda non si trova nella tecnologia ma nell’utente finale: per impostare al meglio il progetto di un sistema domotico è necessario mettere al centro la persona.

Se cercate maggiori informazioni sui vari tipi di prodotti potete visitare il sito www.somfy.it/ che mi sembra esaustivo e ben fatto.


Tags: , ,

 
 

Sistemi di domotica wireless per la sicurezza di casa

Pubblicato da Elisa in Blogger Ospiti, Idee

I telegiornali ne parlano e anche i siti ufficiali di Carabinieri e Polizia di Stato trattano l’argomento: il mese di agosto è ad alto tasso di rischio di furti ed effrazioni. Non vogliamo certo seminare il panico tra i nostri lettori ma è ormai di dominio pubblico che le tanto agognate vacanze estive portino anche preoccupazioni e paura per la propria casa.
I classici sistemi di allarme spopolano ma sempre più spesso risultano inefficienti e di facile disattivazione. Ci siamo quindi messi alla ricerca di soluzioni alternative più valide e sicure. Per partire per le ferie in tranquillità lasciando la casa in totale sicurezza si può fare affidamento su sistemi di domotica wireless che assicurano un controllo a distanza della casa da qualsiasi parte del mondo, in qualsiasi momento della giornata.

Cos’è un sistema di domotica wireless?
È il motore di una casa intelligente, di una casa sicura da vivere dall’interno e dall’esterno. È un sistema di controllo dell’intera abitazione basato su connessioni senza fili, capaci di funzionare con un semplice collegamento alla rete elettrica e ad un modem. Una casa domotica è dotata di sensori che trasmettono dati ad una centralina impostata a sua volta per trasmettere le informazioni ad un apparecchio collegato in rete, che si tratti del proprio smartphone, tablet o computer.  Il sistema di controllo lavora in totale autonomia e svolge le azioni programmate in precedenza dal proprietario di casa. In ogni momento è possibile accedere al sistema per gestire o modificare le impostazioni e per controllare tutto quello che si desidera.

Cosa si può fare con un sistema di domotica wireless?

  • Installare un sistema di allarme a sensori di ultima generazione,
  • installare telecamere con sensori di movimento in casa e giardino,
  • automatizzare cancello e porta del garage,
  • accendere e spegnere le luci,
  • alzare ed abbassare le tapparelle, le persiane e le tende motorizzate,
  • modulare la luce naturale movimentando i frangisole esterni e gli screen verticali,
  • regolare la temperatura degli ambienti attivando il sistema di riscaldamento o il climatizzatore,
  • controllare il funzionamento di apparecchi elettronici,
  • programmare alcune attività impostando timer orari,
  • conoscere eventuali fughe di gas, principi d’incendio, perdite d’acqua, corti circuiti.

Cosa può fare la domotica per la sicurezza di casa?
Complice l’estate e il periodo di vacanza, non possiamo che concentrarci sulla sicurezza e la prevenzione di furti ed effrazioni della proprietà privata. L’installazione di un impianto domotico assicura un’affidabile gestione dei serramenti e un controllo generale di tutto il perimetro dell’abitazione. Le telecamere e i rilevatori di movimento sono in grado di intercettare qualsiasi attività sospetta e di inoltrare l’informazione direttamente sul dispositivo collegato mettendo a conoscenza il proprietario di casa in tempo reale. L’impianto domotico è indipendente e funziona anche in caso di assenza di corrente. I più smemorati possono controllare quando lo desiderano se si sono ricordati di attivare l’allarme e chiudere porte e finestre una volta usciti di casa.

Quali sono i vantaggi di un sistema di domotica wireless?
Realizzare una casa domotica intelligente non richiede opere di muratura che comporterebbero disagi e costi aggiuntivi. L’installazione necessita solamente di una connessione alla rete senza fili, l’invasione degli spazi è minima e l’estetica dell’ambiente non viene intaccata.
Un tale sistema garantisce di poter vivere la propria casa in totale tranquillità sia dall’interno che dall’esterno.
Un sistema di domotica è sinonimo di sicurezza: controllo a distanza della propria abitazione, certezza di poter ricevere in tempo reale informazioni e notifiche, certezza di poter visualizzare immagini inviate dalle telecamere. Un sistema di domotica è anche sinonimo di risparmio di tempo: da un unico dispositivo è possibile monitorare più apparecchi a distanza e saranno gli apparecchi stessi a svolgere determinate funzioni in totale autonomia.
Nel lungo periodo i vantaggi interessano anche l’abbattimento dei costi di energia. Il controllo di molti apparecchi della casa, la costante informazione sul loro funzionamento, la possibilità di accensione e spegnimento a distanza, la verifica di eventuali sovraccarichi e la predisposizione di timer contribuisce infatti a tenere sotto controllo consumi e sprechi e ad attuarne un’intelligente gestione.

Se siete fidanzate, mogli o mamme ansiose il vantaggio di un sistema di domotica wireless è ancora maggiore: potete controllare a distanza che i vostri figli, o vostro marito, non “distruggano” casa. Volete ancora qualche sicurezza in più?

Tags: , , ,

 
 

La Domotica, questa sconosciuta!

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Arredabook

domotica1Il più grande esperto di materiale elettrico online, Gianluca Bassi, ci spiega come accessoriare casa con tanti accessori elettrici: oggi parliamo di DOMOTICA !

La prima domanda che di solito mi fanno quando si parla di domotica è: “ma con la domotica posso abbassare insieme tutte le tapparelle di casa con un solo tasto?”

E la domanda non me la fanno solo nel negozio fisico ma anche e soprattutto nel mio store di materiale elettrico online.

La risposta che ovviamente è sì, e di solito la accompagno con un sorriso perché’ in realtà la domotica è ben altro e va ben al di là della chiusura delle tapparelle di casa che è forse una delle cose più semplici da realizzare in un impianto domotico. La domotica è davvero ben altro ma adesso cerco, con parole semplici di spiegarti cosa puoi realizzare.

Il sistema domotico non e’ altro che un impianto elettrico evoluto che permette di gestire il sistema casa con una serie di comfort aggiuntivi, non perdendo mai di vista il risparmio energetico.

Quest’ultimo infatti sta diventando sempre più un tema d’interesse generale oltre che un’esigenza per molte persone. Attraverso i sistemi domotici potrai difatti controllare istantaneamente il consumo di energia di ogni singolo carico (lavatrice, frigorifero ecc. ecc.) ed andare in questo modo a creare una serie di regole che moderino il consumo eccessivo di energia all’interno della tua casa.

(Es. Se c’è il forno acceso non far partire la lavatrice, se ho l’asciugacapelli attaccato, non far scattare l’interruttore generale ma spegni tutte le luci di casa).

domoticaOggi la domotica è prodotta da quasi tutte le aziende Leader nel settore elettrico. Quini Bticino con il sistema MY-Home la Vimar con il sistema BY-Me, l’Ave con il sistema Domina Plus e la Master con il suo sistema UNA. Tutte queste aziende alle quali per dovere di cronaca aggiungo Urmet, ABB e Gewiss (qualcuno mi perdoni se dimentico qualche nome) producono sistemi domotici che in pratica possono svolgere tutti le medesime funzioni, a differenza solo del sistema diverso di cablaggio. Ora mi sembra inutile stare qui a spiegare come si installa un impianto domotico, mi sembra invece più interessante farti capire a cosa serve e cosa puoi farci.

La prima cosa da precisare e’ che di solito il sistema domotico di un’azienda si integra perfettamente con il resto dell’impianto. Mi spiego meglio. Se scegliamo di fare un sistema domotico Ave, i comandi domotici possono essere montati accanto a prese ed interruttori Ave negli stessi supporti e quindi anche con l’utilizzo delle stesse placche di finitura.

domotica3I sistemi domotici odierni, ti consentono di gestire praticamente ogni parte elettrica della tua casa, dal tuo smartphone o da un monitor touch che puoi installare nel salone di casa tua.

Da questi due dispositivi, ma ovviamente anche dai comandi posti classicamente sulla parete, puoi avere tutto sotto controllo a partire appunto dalla gestione delle tapparelle a finire all’impianto di riscaldamento.

Ma vediamo tutto passo per passo: 

          TAPPARELLE E AUTOMAZIONE

Con i comandi per le tapparelle come già anticipato in precedenza puoi aprire e chiudere singolarmente le tapparelle o chiuderle/aprirle tutte insieme da un solo pulsante. Oltre a questa funzione esistono anche temporizzatori astronomici che regolano l’apertura delle tapparelle di casa a seconda dell’alba o del tramonto. Puoi quindi decidere di alzare tutte le tapparelle all’alba e farle chiudere al tramonto o regolare un orario in cui alcune tapparelle si alzano e altre restano chiuse e viceversa per dare l’impressione che ci sia sempre qualcuno in casa anche se in realtà non e’ così. Ovviamente tutto e’ tele gestibile dal tuo smartphone. In questa ottica, esistono anche mini impianti che ti consentono di aprire o chiudere il cancello di casa tua con uno squillo dal tuo telefono o con un semplice sms.

          ILLUMINAZIONE

Immaginiamo di avere degli amici in casa e di voler accendere tutte le luci nel soggiorno e nell’ingresso, possiamo farlo dal nostro smartphone con un semplice click. Ovviamente attraverso il tuo telefono o attraverso un semplice pulsante, puoi decidere di accendere o spegnere tutte o alcune luci della tua casa a seconda dello scenario che vorrai impostare. Ad esempio sei a letto e hai dimenticato le luci accese nel corridoio… Un click con il tuo smartphone ed eviterai di alzarti!

          domotica2TERMOREGOLAZIONE

La gestione della termoregolazione può essere impostata in maniera generale o per singole zone.

Attraverso il tuo smartphone o attraverso il Monitor di controllo puoi impostare la temperatura desiderata ora per ora o durante tutto l’arco della giornata. Puoi inoltre come dicevo prima , decidere di avere una temperatura diversa in ogni ambiente della casa. Non dimenticare inoltre che puoi accendere, spegnere e regolare l’impianto con un semplice click del tuo telefono e quindi anche se non sei in casa. Se per esempio sei fuori, stai per rientrare e vuoi trovare la tua casa già riscaldata…. Basta solo un click!

          VIDEOSORVEGLIANZA e ANTIFURTO

Anche qui il sistema domotico ci viene in aiuto, consentendoci non solo di vedere le telecamere dal nostro telefono, ma anche di gestire e integrare lo stesso con l’impianto di antifurto e videocitofonia. Applicando la domotica ad un impianto antifurto ad esempio all’attivazione dello stesso, tutte le luci si spengono e tutte le tapparelle (o quelle che desideri) si chiudono automaticamente e il sistema di termoregolazione va in modalità risparmio energetico.

DIFFUSIONE SONORA

Con lo stesso principio dell’Illuminazione, con l’impianto domotico potrai accendere e spegnere l’impianto sonoro dal tuo telefono o decidere la stazione radio da ascoltare o più semplicemente abbassarne o alzarne il volume, sempre dal tuo telefono o da una qualunque postazione di casa tua.

domotica4

          PREZZI

Devo Ammettere che questa e’ una delle domande che forse più interessano all’utilizzatore finale, ma una domanda alla quale rispondere e’ quasi impossibile…. Ci provo.

Innanzi tutto dipende ovviamente da ciò che si desidera realizzare. Un impianto per 5 tapparelle (ma solo le 5 tapparelle) può costare anche sui 300 euro per il solo materiale. Poi non esistendo limite a quello che puoi realizzare con la domotica, non esiste neanche un limite verso l’alto! Ho realizzato forniture domotiche anche di 20.000 euro (per una sola villa). Quindi a seconda delle tue esigenze la spesa può variare e anche di molto. Puoi comunque dirci cosa ti piacerebbe realizzare e ricevere un preventivo di massima J

Insomma con la domotica al giorno d’oggi puoi realizzare veramente di tutto e sbizzarrirti nella creazione di scenari di illuminazione. Sempre di più il mercato si sta rivolgendo a questa nicchia del materiale elettrico proprio perché’ i costi, sempre più contenuti, ti consentono una gestione della casa davvero completa anche in tua assenza.

Se hai altri dubbi o domande in merito o vuoi capirne di più o ancora hai argomenti da proporre, puoi contattarmi all’indirizzo di posta elettronica info@emmebistore.com o postare un commento sulla nostra pagina Facebook. Saremo a tua disposizione per ogni chiarimento!

{youtube}IrJzF8pHD18{/youtube} 

Tags: , , ,

 
 

Siemens lancia un’applicazione domotica per iPhone

Pubblicato da admin in Guida Arredamento e Casa

La Divisione Building Technologies di casa Siemens ha appena lanciato sul mercato una nuova applicazione per iPhone chiamata HomeControl che permette di controllare comodamente i sistemi di ventilazione, riscaldamento e climatizzazione di casa da qualsiasi angolo del mondo.
Home Control Siemens
Con la nuova applicazione Siemens scaricabile gratuitamente dall’App Store della Apple tutti i possessori di controllori HVAC Synco 700, Synco living, Albatros e Sigmagyr (sistemi di ventilazione e climatizzazione) di poter accedere ai propri sistemi da qualsiasi parte del mondo dove ci sia una connessione a internet.
Con HomeControl della Siemens è possibile visualizzare le informazioni riguardo al funzionamento dei sistemi, regolare i valori di riferimento e modificare i regimi di funzionamento. Cosa vuol dire, in parole povere?
Che è possibile accendere il riscaldamento della casa in montagna il giorno prima di arrivare, controllare di aver spento l’aria condizionata dopo aver lasciato l’ufficio e alzare o abbassare le tapparelle della sala senza neanche alzarsi dal letto, con conseguente ottimizzazione del controllo sia a livello di sicurezza che di risparmio energetico.
Disponibile in lingua italiana, dotata di un’interfaccia user-friendly e quindi facile e intuitiva sia da scaricare che da utilizzare, HomeControl della Siemens permette di eseguire tutta una seria di funzioni semplicemente premendo dei pulsanti e visualizzando gli scenari pre-impostati, e consente anche di essere avvisati tramite il sistema di notifiche nel caso in cui le impostazioni non siano impostate nel modo corretto o si dovessero verificare dei malfunzionamenti.
Chi dovesse aver bisogno di un controllo più esteso e approfondito sui propri controllori HVAC può anche decidere di accedere al sistema direttamente tramite il browser del computer e impostare manualmente tutte le regolazioni e i livelli.

Tags:

 
 




Torna su