Come nasce un evento | Danish Design Exhibition a Roma

Pubblicato da blog ospite in News, Picsilli

La settimana dal 20 al 28 ottobre si è svolta a Roma l’evento/mostra a tema design vintage danese organizzata da me, lo studio di architettura Duilio Secondo e Lack00danishlab. Io ho collaborato all’ideazione dell’allestimento e ho creato il progetto grafico, ecco come.

Come è nato

L’ intenzione di organizzare un evento che avesse come protagonista pezzi meravigliosi di design danese anni ’50 e ’60 era nata da tempo tra me e Lack00, più o meno da quando avevamo chiaccherato a lungo del piacevole disordine danese in casa sua.
Poi l’incontro con Stefano ed Irma, architetti romani di Duilio Secondo,
e il loro spazio-studio messo a disposizione per accogliere l’evento.

L’ allestimento

Lo studio Duilio Secondo si affaccia su di un cortile interno dominato da un’ imponente scalinata che collega la corte seminterrata al piano strada. Stefano racconta che una volta quella scalinata era di accesso alle botteghe che affacciavano nel cortile.
Gli interni dello spazio sono ampi e divisi su due piani, il piano terra dedicato alle esposizioni dei mobili che costruiscono e il soppalco adibito a loro zona studio vero e proprio. I due piani sono collegati da una scalinata in ferro verniciata di nero.

L’ allestimento è nato tenendo conto delle altezze e di ciò che era già presente all’interno dei locali (ad esempio un tavolo lungo sei metri e le luci esistenti).
Si è scelto di posizionare i pezzi di design scelti nello spazio al piano terra, alcuni posizionati sopra al tavolo, insieme a libri e riviste che accompagnavano i pezzi, invece per altri sono state progettate e costruite pedane e cubi in legno MDF di 1 cm. in modo tale da evidenziare l’importanza del pezzo esposto.
Il colore rosa del pavimento era già esistente; si è pensato di dipingere dello stesso colore le pedane e i cubi per non inserire un altro colore di base che facesse da sfondo ai colori dei legni naturali dei mobili.

Per raccontare ogni mobile sono state scritte poche righe che raccontassero aneddoti e curiosità, stampate su carta adesiva trasparente e incollate su tavolette di MDF, poste accanto al mobile corrispondente.
Le luci soffuse e puntuali sopra ogni pezzo avevano il compito di enfatizzare l’atmosfera e dare importanza alla loro storia.

Le grafiche

Le bozze originarie che ho progettato per l’evento sono due, la prima (che poi è stata scelta per rappresentare l’evento) racchiude i simboli dei due protagonisti; il transatlantico Duilio Secondo, simbolo dell’omonimo studio e un’immagine di Finn Juhl e della poltrona Lounge Chair model 133 – The Spade. Il tutto graficamente descritto coni colori dei due loghi, rosso, nero e bianco.

Della locandina sono state progettate diverse versioni, quella ufficiale e quelle da pubblicare sui vari social e siti che hanno annunciato l’evento, adattate ai vari formati di pubblicazione.

I pezzi di design vintage

Sono stati scelti pezzi di design vintage danese anni ’50-’60 che hanno segnato la storia dei loro designer, ecco quali.

Johannes Andersen, Coppia di comodini per CFC Silkeborg, 1960, legno teak
Arne Vodder, Credenza “model 63”, 1958, legno palissandro
Erik Wørts, Sideboard, 1960, legno quercia
Finn Juhl per France & Søn, Lounge Chair “model 133 – The
Spade”, 1954, legno teak
Arne Vodder, Scrivania “model 60”, 1959, legno teak
Kaare Klint, Safari Chair, 1933, legno frassino
Kristian Vedel, Easy Chair “model Modus”, 1963, legno palissandro
Peter Hvidt e Orla Mølgaard-Nielsen, Easy Chair “model FD145” High Back per France&Daverkosen (prima che diventasse France&Son), 1953, legno teak massello


L’articolo Come nasce un evento | Danish Design Exhibition a Roma proviene da .

Tags:

 
 

SAVE THE DATE! Napol @ MoaCasa

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Napol Arredamenti, News

Pastore Arredamenti vi aspetta al MoaCasa di Roma per presentare le novità firmate Napol.

Dal 27 ottobre al 4 novembre 2018, il nostro storico rivenditore partner sarà presente al Padiglione 1 Stand 9 della celebre fiera del mobile della capitale, pronto a guidarvi in un tour alla scoperta di nuovi materiali, nuove finiture e combinazioni cromatiche mai viste prima.

In esposizione potrete vedere alcune delle collezioni storiche oltre a due tra le novità del 2019: l’armadio Infinity e il letto Leonard.

Camera da letto composta da armadio 8 ante, letto matrimoniale Leonard e cassettiera Fontana, tutto in rovere termotrattato

L’armadio a 8 ante alterna la solida superficie del legno alle trasparenze di eleganti ante in vetro e alluminio, attraverso cui è visibile la perfetta organizzazione interna. Già, perché i nostri sono armadi belli fuori e dentro, in cui ogni elemento è curato nel minimo dettaglio. Non solo: le attrezzature disponibili sono tantissime e sono pensate per soddisfare le esigenze di uomini e donne.

Il letto Leonard reintroduce la testiera imbottita che ammorbidisce le linee rigorose dell’essenza rovere. Un vero must per camere da letto moderne che non rinunciano alla bellezza intramontabile del legno.

La nuova Napol mantiene il legno come materiale principe del sistema notte e giorno, per una casa accogliente e raffinata. Fa il suo ingresso il rovere termotrattato che insieme a nuove essenze, colori e materiali, propone degli abbinamenti inediti. Insomma, ci stiamo rifacendo il look!

Non vi resta che venire a trovarci allo stand di Arredamenti Pastore (Padiglione 1 Stand 9) dal 27 ottobre al 4 novembre 2018 in questi orari:

Sabato 27 > 10.00-20.00
Domenica 28 > 10.00-20.00
Lunedì 29 > 15.00-20.00
Martedì 30 > 15.00-20.00
Mercoledì 31 > 15.00-20.00
Giovedì 1 > 10.00-20.00
Venerdì 2 > 10.00-20.00
Sabato 3 > 10.00-20.00
Domenica 4 > 10.00-20.00

Vuoi essere seguito personalmente da un arredatore del team? Clicca qui e prendi un appuntamento

Tags:

 
 

Un viaggio tra i secoli: le meraviglie del Gotha

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, News

Ciao amici ho una straordinaria notizia per voi. Si avvicina un evento che aspetto da tempo e che vedrà me, e altre tre blogger, come ambasciatrice. Vi porterò in un mondo che sembra lontano nel tempo, ma in realtà è più attuale di quanto si immagini.

In questi anni l’andata glamour del neo vintage ha fatto sì che in molti cerchino di costruirsi un’identità nel sofisticato mondo del collezionismo internazionale di antiquariato, ma poche realtà al mondo possono vantare il blasone della splendida cornice del Gotha, appuntamento immancabile per tutti gli appassionati.

Quest’anno più che mai Parma, la città che ospita questa bellissima mostra, è intenzionata a ristabilire le gerarchie  nelle agende dei principali buyer mondiali con una manifestazione che, mantenendo il suo core, strizza l’occhio al crescente interesse per la fotografia e l’arte contemporanea.

La fiera di Parma da anni è meta imprescindibile di gallerie internazionali che qui trovano la loro sede ideale per esporre al meglio un catalogo assai variegato fatto da un mix di rarità del 700 e preziosi scatti fotografici.  Dall’ 8 all’ 11 novembre si tramuterà in un affascinante crocevia di mercanti del bello con più di 1500 mq espositivi dove non sarà difficile rimanere rapiti dall’inebriante potenza espressiva di opere d’arte che attraversano 3 secoli di storia.

Un trait d’union tra i secoli, che troverà degna manifestazione nelle fiere collaterali. Tesori del 700: tre opere donate dall’Accademia di Parma, che costituisce uno dei cardini del nutrito programma espositivo, nonché un’ epica scoperta ad opera di Paolo Aquilini, Direttore del Museo della seta di Como, e il critico Roberto Borghi. I bocconiani più attenti potranno vantarsi quindi  di riconoscere l’eccellenza espressiva delle sculture di Arturo Martini (sue il leone e la leonessa che campeggiano nell’atrio del celeberrima università milanese) nell’altra manifestazione Leone e Leonessa 1935-1936. Due sculture ritrovate di Arturo Martini, in quanto gli originali erano custoditi in una villa alle porte di Lecco e per la prima volta verranno rivelati al pubblico. Valore delle opere 150.000 euro.

Insomma un concentrato di bellezza senza tempo ma anche un appuntamento per i sempre più numerosi mecenati che in tutto il mondo per diletto e senso civico si stanno avvicinando al collezionismo d’arte come segno di rinascita culturale da condividere con la collettività aprendo dimore storiche o inaugurando gallerie e musei.

Ma la Fiera non è aperta solo ad un pubblico intenditore e investitore. Il fatto straordinario è che è aperta a tutti e chissà anche voi potreste tornare a casa con un salotto firmato Giò Ponti del 1938 oppure con un barattolo porta tabacco degli anni ’20 firmato Richard-Ginori.

L’arte si mette in mostra a Parma e il Gotha lo fa nei migliori dei modi inaugurando il suo profilo IG, un profilo che vuole condividere l’arte nel senso più democratico e contemporaneo del termine.
Vi aspetto al Gotha dunque, io sarò lì alla preview del 7 novembre, con ospite d’onore il Prof. Vittorio Sgarbi, e voi che aspettate? Seguitemi in questo sogno!

Tags: ,

 
 

MATERIA: appuntamento con il design a Catanzaro

Pubblicato da blog ospite in Design, La Gatta Sul Tetto

Torna anche quest’anno MATERIA, il Design Festival made in Catanzaro giunto alla terza edizione: dal 20 al 23 settembre.

MATERIA design a Catanzaro

Come vi avevo raccontato l’anno scorso in questo post dedicato alla seconda edizione del Festival, la kermesse calabrese è un progetto la cui ambizione è quella di diventare il festival più importante del Mediterraneo nell’ambito del design. I suoi ideatori e sviluppatori, le Officine AD, hanno scommesso sui giovani talenti, sull’innovazione e sulla cultura, sulla tradizione locale e sull’artigianato di alto livello, riuscendo ad attirare migliaia di visitatori e imponendosi ormai come evento ineludibile.

Quest’anno l’evento può contare sulla curatela di Sergio Fabio Rotella,  noto architetto e designer catanzarese che lavora tra Milano e Pechino, e vedrà l’arrivo di  prestigiosi ospiti internazionali, come gli architetti giapponesi compasso d’oro Setsu e Shinobu Ito, l’Israeliano Ronen Joseph e tanti altri.

Tema e momenti clou

Il tema della terza edizione di MATERIA è “PASTmeetsFUTURE”, e i due momenti di punta, giocati sul filo conduttore della contaminazione,  saranno le esposizioni Made in Calabria e Souvenir Calabria, in cui si potranno ammirare gli oggetti nati dall’estro di designer italiani e internazionali e realizzati da artigiani locali. Ecco qualche anteprima:

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Setsu e Shinobu Ito con Menniti & Mercuri: poltroncina e libreria IONIKI

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Ronen Joseph con l’azienda Domenico Cugliari: madia MONTEROSSO

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Imma Matera e Tommaso Lucarini con l’Azienda Salvatori per i vassoi MEDÍ

 

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Domenico Gioia con l’artigiano Marzia De Rosa con FICARAZZA

MATERIA appuntamento con il design a Catanzaro

Gerardo Mari e Fabbriche Musicali Calabresi con TAMBURELLO

Il festival avrà poi anche altri momenti dedicati ad attività formative e ludiche, informali e interattive: showroom, mostre di giovani designer provenienti da tutta Italia, aperiTalk, workshop, esposizione al museo Marca, pranzo informale con i designer, installazioni e la mostra itinerante dedicata al packaging. Insomma, un programma molto ricco che potrete scoprire visitando il sito e i canali social:

sito

pagina facebook


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags:

 
 

Arcadia Ufficio firma il prestigioso progetto ARAGON HOUSE!

Pubblicato da blog ospite in Design, Voglia Casa

Aragon House è un prestigioso moderno fino mercato Business Centre di quattordici piani sviluppato nel cuore di St. Julian’s specificatamente per le esigenze di una clientela di alto livello. Il palazzo è una struttura d’acciaio, racchiuso da una parete vetrata intesa al miglior sfruttamento possibile dell’efficienza energetica.

Arcadia ha progettato per loro delle pareti divisorie eleganti e di design senza venir meno alla funzionalità, sono state realizzate pareti Wall System e Rolling Wall.

Per l’Aragon House sono stati realizzati anche i Bagni in HPL.
Le nostre pareti per bagni sono realizzate in laminato stratificato con spessore 14 mm, rifinite con bordi smussati ed angoli arrotondati. I pannelli sono montati su profili in alluminio anodizzato, sui quali sono collocate le battute per le porte.

Al loro interno trovano alloggio sia le guarnizioni antiurto che le cerniere. Quest’ultime sono realizzate in alluminio anodizzato con sistema di accostamento automatico, regolabili in due direzioni, corredate di boccole anti-sfregamento plastiche e di ammortizzatori di battuta. A terra dispongono di un piedino regolabile in altezza coperto da cover plastica conica removibile. Esso blocca i moduli al pavimento, sospendendoli per un’altezza di 20 cm. Lungo il profilo superiore viene utilizzato il profilo in alluminio, che fissato ai montanti, provvede al collegamento della struttura orizzontale. Le porte sono auto-chiudenti e hanno la serratura in acciaio inox fornita di dispositivo libero/occupato e di apertura di emergenza.

www.arcadiaufficio.it

Tags:

 
 

Cersaie 2018, anticipazioni e programma ufficiale

Pubblicato da blog ospite in Design, La Gatta Sul Tetto

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale manifesto

Mancano ormai solo 20 giorni al Cersaie 2018, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno.

Ecco qualche anticipazione su ciò che ci aspetta in questa 36° edizione, che si terrà a Bologna dal 24 al 28 settembre.

Il manifesto

Cominciamo dal manifesto: si chiama “Scacco bagno”, ed è stato scelto tra i 43 bozzetti partecipanti al concorso Beautiful Ideas. Gli autori sono il team White Stuff, composto da Naima Annoni, Enrica Caiello, Riccardo Piovesan e Maria Cristina Ziviani, studenti dell’Accademia di Brera: la loro idea è stata premiata per aver rappresentato nel modo più efficace il Cersaie come luogo d’incontro internazionale di persone interessate al mondo della ceramica, come richiesto dal bando del concorso. Un manifesto geniale nella sua semplicità, nel quale i sanitari si trasformano in pedine di una partita giocata da chi arreda l’ambiente bagno.

La fiera riqualificata e gli eventi in programma

Sarà un polo fieristico rinnovato di fresco quello che accoglierà espositori e pubblico: tre i nuovi padiglioni, dedicati esclusivamente all’arredobagno, progettati dall’architetto Gianni di Gregorio e concepiti come veri e propri spazi urbani.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale nuovi padiglioni

Crediti Di Gregorio Associati Architetti

Proprio in uno dei nuovi padiglioni si terrà la mostra tematica che da cinque edizioni arricchisce il programma di eventi proposti: quest’anno si intitola ‘The Sound of Design’ e si svilupperà sul tema dell’immortalità del design e della musica. Non a caso la colonna sonora che accompagnerà i visitatori lungo il percorso espositivo, suddiviso in set, sarà composta dagli indimenticabili brani pubblicati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 (sarà difficile non accennare un passo di danza!). Curatori della mostra Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale sound of design

‘The Sound of Design’, set contract bagni pubblici

Nell’ambito dell’evento, mercoledì 26 settembre si terrà la premiazione della quinta edizione dell’ADI Ceramics & Bathroom Design Award, pensato per valorizzare i prodotti italiani più innovativi: per darvi un’idea, l’anno scorso sono stati premiati Cristina con Italy, Art Ceram col prodotto The One, Cotto Etrusco con Terre Ossidate, Ideagroup col prodotto Dolcevita, Coem con il prodotto Shelf project, Provex con Jolly system MinMax,  e Cerasarda col prodotto Abitare la Terra.

ADI Ceramics Bathroom Design Award Cersaie 2017

Uno dei vincitori della scorsa edizione: Shelf di Paolo Benevelli per Coem

Gli amanti dell’Architettura con la A maiuscola, apprezzeranno il programma dell’evento culturale di spicco della fiera, Costruire Abitare Pensare: martedì 25 Lectio Magistralis tenuta da Richard Rogers, mentre il 26 settembre sono previste due conferenze con l’architetto brasiliano Carla Juaçaba e l’architetto portoghese Camilo Rebelo, vincitore del premio Baku UIA International Architecture Award 2017 per il progetto “Ktima House”. Giovedì 27 settembre i due grandi maestri Mario Botta e Guido Canali dialogheranno sul tema del “progetto”, mentre gli architetti Sandra Barclay, Jean Pierre Crousse e Vincenzo Latina presenteranno due progetti che toccheranno il tema della tolleranza attraverso il linguaggio dell’architettura.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale Costruire Abitare Pensare

Camilo Rebelo Photo by Nuno Pinto//Richard Rogers photo by Andrew Zuckerman//Guido Canali photo by Andrea Martiradonna//MarioBotta foto Nicola Gnesi courtesy Fondazione Henraux

I laboratori della “città della posa”

Per tutti gli addetti ai lavori, c’è il laboratorio La città della posa, luogo ideale per aggiornarsi sulle ultime novità tecnologiche e le tecniche più avanzate: seminari, workshop, esercitazioni pratiche rivolte non solo ai posatori, ma anche ad ingegneri, architetti e geometri. Per il publico, sarà interessante assistere alle dimostrazioni di messa in opera dei rivestimenti di grandi formati, una delle tendenze più gettonate del momento.

I Cafè della stampa

Anche quest’anno non mancheranno i Cafè della stampa, momenti di pausa durante i quali i direttori di testate prestigiose come Abitare, AD, Chiesa Oggi, DDN, Domus, Il Bagno Oggi e Domani, Interni, La Repubblica, L’Arca International, Marie Claire Maison, Monitorimmobiliare, Suite e The Plan, dialogheranno con le figure protagoniste dell’architettura e del design nazionale e internazionale, approfondendo  i trend e l’evoluzione del mondo delle superfici, dei materiali, delle tecnologie e dell’ambiente bagno. Gli appuntamenti in programma sono tredici, e scandiranno le giornate della fiera in tre momenti diversi: il Breakfast Time (dalle 10 alle 10.45) l’Appetizer Time (dalle 12 alle 12.45) e infine il Coffee Time (dalle 15 alle 15.45). I Cafè della stampa si terranno nell’“Agorà dei Media” presso il Centro Servizi.

Cersaie 2018 anticipazioni e programma ufficiale

Cersaie disegna la tua casa

Sempre nell’“Agorà dei Media”, nelle giornate di giovedì 27 e venerdì 28 settmbre, si terrà la 7° edizione di ‘Cersaie disegna la tua casa‘, l’attività di consulenze e consigli  gratuiti che 16 testate italiane del settore arredamento, con i loro progettisti, mettono a disposizione del pubblico interessato alla ristrutturazione della propria abitazione. Si consiglia la prenotazione dell’incontro per evitare lunghe attese.

Per maggiori info, visitate il sito

Noi ci ritroviamo settimana prossima per qualche anticipazione sulle novità e le tendenze nell’arredobagno e rivestimenti.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags: ,

 
 

Promo Relax prorogata per tutta l’estate!

Pubblicato da blog ospite in Clever

LA PROMO RELAX 2018 È STATA PROROGATA SENZA VARIAZIONI

Per tutta l’estate, fino al 20 settembre 2018 se acquisti una cameretta Clever potrai ricevere in omaggio un materasso extra comfort.

PROMO A
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 2.290,00 potrai ricevere in omaggio un materasso singolo extra comfort del valore commerciale di € 300 (IVA inclusa).

PROMO B
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 3.490,00 potrai ricevere un omaggio a scelta tra:
– un materasso matrimoniale extra comfort,
– due materassi singoli extra comfort.

Scopri le caratteristiche tecniche dei materassi in omaggio visitando la pagina Promo Relax

INFORMAZIONI UTILI

  • La promozione è valida presso i Rivenditori Partner autorizzati e aderenti all’iniziativa.
  • La promozione è valida fino ad esaurimento scorte.

Per trovare il negozio più vicino a te e prenotare un appuntamento consulta la pagina Rivenditori Partner.

Tags:

 
 

Nella redazione di CasaFacile

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI

Alla fine di giugno arriva una mail di CasaFacile:

tutte le blogger CF Style sono invitate ad una giornata formativa presso la sede Mondadori.

Ho paura ad aprire la mail! Io tra giugno e luglio non ci sono per qualche giorno. Mi sarebbe dispiaciuto non essere presente, l’occasione era proprio da non perdere. Inoltre sarei stata senza l’ansia di ritornare a casa dalle bambine, visto che finalmente le avevo portate in vacanza dalla nonna.

La data è per il 2 luglio alle ore 10:00… Cavolo io rientro proprio il 2 alle 8.30! Faccio un sospiro di sollievo, se l’aereo non porta ritardo posso farcela!

Il mio 2 luglio inizia così:

con una sveglia alle 3.30 del mattino, viaggio fino a Catania, dove consegno la macchina noleggiata e partenza per Milano Malpensa.

Atterro puntuale, prendo la mia macchina lasciata al parcheggio e con un viaggio, che a me sembra infinito nelle tangenziali di Milano, finalmente arrivo a Segrate per le 10. Bene ci sono… ed invece no! Il navigatore impazzisce e mi ritrovo in una stradina sterrata chiusa. Sembra che non ci sia verso, metto anche il navigatore del cellulare e mi dà la stessa indicazione. Sfiduciata lascio quel vicolo cieco e mi immetto nuovamente in strada. Finalmente arrivo nella via Mondadori, che era proprio al di là della mia strada chiusa. Con una mezzora di ritardo, e con 7 ore già trascorse (quasi una giornata lavorativa completa), entro nell’auditorium dove si tiene il corso.

La nostra responsabile Barbara affronta durante la giornata diversi temi: da come gestire wordpress alle logiche della SEO, da come modificare una foto a come renderla rintracciabile sul web. Con pochissime ore di sonno non vi nascondo che il mio cervello ha rischiato di fare cortocircuito diverse volte, ma per fortuna ci sono stati momenti in cui abbiamo potuto rifiatare un po’.

In primis durante la mattina abbiamo visitato gli uffici di CasaFacile, i luoghi dove nasce la mia rivista del cuore e le persone che la rendono tale.

La cosa più bella è che il tour era guidato proprio dalla direttrice Giusi Silighini, che ci ha spiegato come nasce, quali sono gli elementi e quali i ruoli che rendono la rivista unica nel suo genere. Ci ha annunciato anche alcune novità future, ma non sarò io a svelarvele, almeno per il momento 😉

La pausa pranzo invece ci ha dato la possibilità di scambiare due chiacchiere tra noi blogger. Mi ha fatto tantissimo piacere aver ripreso i discorsi lasciati qualche mese prima e trovare punti in comune e bellissimi affiatamenti con alcune di loro.

Il pomeriggio ci ha visto protagoniste di un entusiasmante laboratorio di styling. Divise per gruppi abbiamo creato una moodboard ispirandoci alle cucine Scavolini, sponsor dell’iniziativa. Il mio gruppo si è cimentato con il modello Favilla, che rievoca lo stile country rieletto però in chiave contemporanea. Bellissime la cappe retrò, il blocco cottura e il blocco lavabo laccati opaco effetto ghisa, le maniglie e i pomelli ricercati, i piani in marmo e il lavello monoblocco in marmo travertino o in pietra grey.Tra diverse ispirazioni abbiamo deciso di seguire lo stile della cucina accendendolo di elementi dorati, per dargli ancora più ricercatezza. Spero che piaccia!La giornata è stata intensa, ma piena di stimoli e sorrisi. A fine serata ero distrutta, ma quello che posso dirvi è che sono veramente felice di far parte di questa squadra meravigliosa.

Tags: ,

 
 

teamLab Museum: a Tokyo apre il primo museo della Digital Art

Pubblicato da blog ospite in Design, Things I Like Today

MORI Digital Art Museum Tokyo

Il nome per esteso – Mori Building Digital Art Museum Epson teamLab Borderless – è praticamente impossibile da ricordare ma il nuovissimo museo dedicato alla Digital Art promette invece esperienze indimenticabili!

Grazie alla collaborazione con la MORI Building, è stato inaugurato da pochi giorni il teamLab Museum: il primo museo permanente interamente dedicato alla Digital Art. Sorto sull’isola artificiale di Odaiba, nella baia di Tokyo, e inaugurato il 21 giugno scorso, diventerà sicuramente un’ulteriore attrazione per tutti coloro che vorranno visitare il Giappone nei prossimi anni e soprattutto in occasione delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Il progetto ambizioso e innovativo è nato da un’idea di teamLab, collettivo artistico multidisciplinare che dal 2001, attraverso le sue opere, cerca di fondere arte, scienza, tecnologia e design. Composto da quasi 500 membri con diverse professionalità – artisti, programmatori, animatori di computer grafica, architetti e ingegneri – teamLab vuole esplorare nuove relazioni fra le persone e la natura liberando la percezione dai vincoli fisici per sperimentare emozioni e sensazioni nuove.

• LEGGI ANCHE: Light Paintings di Stephen Knapp l’artista che dipinge con la luce

teamLab Museum Tokyo

Il museo permanente propone installazioni immersive e interattive che si fondono l’una con l’altra.

Il  teamLab Museum è un’immensa superficie di oltre 10.000 mq che ospita una serie di spettacolari installazioni immersive e interattive che si annunciano come un’esperienza unica e straordinaria.
Il nuovo museo dell’arte digitale è diviso in cinque aree: Borderless World, Athletics Forest, Future Park, Forest of Lamps e En Tea House per un totale di circa 50 installazioni diverse.

Esperienze multisensoriali generate da suoni, luci e colori

All’interno della struttura, il visitatore si può perdere in spazi tridimensionali artificiali o in ambienti senza alcun punto di riferimento fisico, dove i confini di spazio e tempo sono annullati e la normale percezione della realtà svanisce, cancellando la separazione fra opera d’arte e spettatore.
I visitatori sono invitati a muoversi a toccare, a interagire con le opere, stimolati da suoni, luci e colori per un’esperienza multisensoriale. Non c’è un percorso prestabilito da seguire e le persone possono vagare liberamente, perdersi e lasciarsi meravigliare e sorprendere dalle immagini e dai video interattivi che riempiono lo spazio creando mondi virtuali da sogno. La particolarità è che le proiezioni a 360° non sono semplici animazioni in loop ma sono generati dinamicamente e organicamente in base alla partecipazione del pubblico. Nessuno quindi potrà vivrà la stessa esperienza due volte!

Guarda il video con le installazioni più spettacolari del teamLab Museum

teamLab Museum - Borderless World

teamLab Museum – Borderless World Photo © Stella Lee

Digital Art Museum - Forest of Resonating Lamps

teamLab Museum – Forest of Resonating Lamps

A Forest of Resonant Lamps

L’articolo teamLab Museum: a Tokyo apre il primo museo della Digital Art proviene da Things I Like Today.

Tags: ,

 
 

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi

La foto dalla Tour la dovrete fare, non si scappa; quella dall’Arco di Trionfo, anche.

Ma per fortuna, non tutti i punti panoramici di Parigi sono a pagamento: ve ne do prova in questo articolo, in cui voglio consigliarvi i posti più indicati a scattare paesaggi meravigliosi senza spendere un euro. 

La collina di Montmartre è senz’altro da considerare: sede della meravigliosa Basilica del Sacro Cuore, si raggiunge con una scarpinata dal quartiere degli artisti e dei pittori (in realtà ci sarebbe anche una funicolare, ma se non volete pagare il biglietto… beh, camminate!). Il panorama è stupendo sia di giorno che di sera, quando l’afflusso turistico cala sensibilmente.

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi Montmartre

Se invece volete fotografare la Tour da una posizione privilegiata, vi consiglio di recarvi all’Esplanade du Trocadéro, il piazzale dell’omonima area monumentale – che prende il nome da una battaglia tra l’esercito francese e quello spagnolo –, da cui è possibile ammirare il monumento più famoso della Francia da posizione privilegiata (se andate con i mezzi, scendete alla fermata Trocadéro). 

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi tour eiffel

Tornando a foto di più ampio respiro, dalla parte alta del parc de Belleville, non lontano dal famoso cimitero Père Lachaise, è possibile abbinare alla vista sulla città l’atmosfera pacifica e rasserenante degli spazi verdi. Di tutt’altro genere sarà la foto che scatterete dall’ultimo piano della Galleria Lafayette: qui vi sentirete immersi nella città, a strettissimo contatto con gli iconici tetti parigini e con alcuni degli edifici più caratteristici del suo skyline, come la basilica del Sacro Cuore (metro Havre-Caumartin).

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi gallerie lafayette

Un bellissimo panorama fluviale è disponibile dal Pont des Arts, che è pedonale e molto frequentato dai pittori; potete salirci e scattare da lì o attendere il tramonto e fotografare il ponte da ragionevole distanza per includere nel paesaggio le guglie di Notre-Dame. 

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi pont des arts

Se vi trovate a Parigi la prima domenica del mese, il Pompidou è ad ingresso gratuito: se riuscite a entrare, potrete accedere all’area panoramica e divertirvi a riconoscere gli edifici più famosi di Parigi dalla loro silhouette.  

I migliori punti panoramici gratuiti di Parigi

Volete abbinare le vostre foto a un’ottima cena, o anche solo a un bicchiere di champagne? Eccovi una lista dei migliori locali di Parigi da cui scattare foto meravigliose!

 

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags:

 
 




Torna su