25 Marzo 2019 / / Creative & Ordinette

Ebbene sì, parliamo di pattumiere della spazzatura, belle, colorate e di design. Perché l’oggetto ecologico per eccellenza ha trovato in cucina e ovunque lo si adopera, una sua dignità, meritata e ben definita.

In un’epoca in cui gli argomenti che riguardano la green economy, l’ambiente e l’inquinamento sono sempre più attuali e riguardano tutta la popolazione globale, l’oggetto in questione acquista una nuova importanza ritrovata e diventa un pezzo di design, da esporre, da abbinare ai colori della cucina, e non certo da nascondere sotto il lavandino.  La pattumiera acquista inoltre, nuove forme, diventa oblunga, acquista la forma del parallelepipedo perfetto da incastrare in uno spazio definito, trasformandosi quindi nel nuovo pezzo imprescindibile di design, della vostra cucina e non solo. Grazie alle nuove forme, la pattumiera può diventare un vero e proprio mobile di appoggio, nell’ingresso, ma anche nella sala da pranzo. Grazie ai doppi scompartimenti interni delle nuove pattumiera,  le bottiglie appena stappate possono essere divise in vetro e plastica, senza neanche fare un passo in cucina. Inoltre, le aperture soft – touch ne rendono perfetto l’utilizzo.

E parlando di pattumiere, quale miglior scelta di Brabantia? I colori alla moda e la qualità di alta gamma, ne fanno degli oggetti da avere a tutti i costi. Avreste mai pensato ad una pattumiera color rosa quarzo? Il colore meno aspettato per un oggetto che fino a ieri era considerato un oggetto da nascondere e di terz’ordine. Non vedo l’ora di sostituire la mia vecchia pattumiera di plastica sotto il lavandino con una bella, nuova e allegra pattumiera di design firmata Brabantia. Eccovi alcune foto per lasciarvi ispirare! 

25 Marzo 2019 / / +deco

Questo è senza dubbio uno dei più affascinanti ed interessanti progetti che ho visto di recente.

Mi piace tutto di questo appartamento: i colori, i materiali, il livello di personalizzazione, lo spazio.

The Beldi, originariamente una fabbrica di scarpe, è un loft situato a Shoreditch , un vivace quartiere nell’est di Londra.

L’appartamento è stato progettato da una coppia di architetti, marito e moglie, Chan e Eayrs , titolari dello studio omonimo.

Il duo si concentra su un progetto per volta e ristruttura solo case proprie, non hanno clienti esterni e viveno nel cantiere durante tutta la fase. In questo modo riescono a realizzare esattamente quello che hanno in mente, senza compromessi. Dal 2004 hanno ristrutturato 4 proprietà che affettuosamente chiamano homes.

Lavorare come interior designer o architetto a volte non è così eccitante come ci si immagina. La parte creativa va di pari passi con un’enorme dose di contrattazione: con il cliente, i fornitori, gli artigiani, a volte addirittura anche con i vicini. Si contratta per fare quello che si ha in mente, si contratta per rimanere in budget, per avere più budget, si discute quando le cose non vengono ben o si discute perchè le cose non arrivano in tempo.

L’altra settimana sono andata alla presentazione di un progetto dello studio cinese Neri e Hu patrocinato da Elle Decor Italia. L’architetto italiano venuto come portavoce dello studio sottolineava che il loro lavoro è un continuo tira e molla con il committente per convincerlo della necessità di una spesa o l’essenzialità di un’idea.

E Neri e Hu è uno studio di fama internazionale che si può permettere di dire “o così o nulla”.

Per la maggiorparte di noi, fare le proprie case è l’opportunità migliore per realizzare la propria idea senza interferenze, budget permettendo; non è un caso che tre quarti degli spazi che vedete pubblicati sulle riviste sono case proprie.

The Beldi è disponibile come location o come casa vacanze su Airbnb.

Guarda un post precedente di +deco per altre immagini di interni verdi.

+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london
+deco_the_beldi_chan_eayrs_london

(Fotografie dal sito di Chan and Eayrs Studio)

The post The Beldi, imperdibile appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

25 Marzo 2019 / / Charme and More

Pranzo di Pasqua: avete già pensato ai delizioso manicaretti da preparare e alla mise en place?

Meglio portarsi avanti e iniziare a pensare a cosa portare in tavola e a come arredare la sala da pranzo per accogliere gli ospiti invitati per il pranzo o per la merenda.

Quando si parla di home decor il colore è il punto di partenza e il rosa nelle sue mille sfumature è il colore simbolo di primavera e della rinascita che si celebra a Pasqua.

tovaglia-rosa-mise-en-place-pasqua

Prendetevi il tempo apparecchiare con cura, con gusto e creatività per creare un’atmosfera speciale.

Bastano pochi dettagli per dar vita ad una tavola semplice, ma d’effetto.

Una tovaglia eco-friendly in lino rosa pastello abbinata a tovaglioli grigi in lino, i candelieri di vetro, che donano eleganza e movimento e gli accenti dorati delle uova decorate, abbelliscono la tavola rendendola ancora più speciale.

tavola-rosa-pasqua

tavola-rosa-ramoscello

I tulipani freschi in un vaso trasparente danno alla tavola di Pasqua un effetto raffinato, sobrio e romantico.

I ramoscelli di eucalipto appoggiati nel piatto sono la scelta ideale per completare con semplicità e in modo naturale la mise en place.

Tovaglia e tovaglioli sono fatti a mano da Cozy Linen.

FirmaFellinSMALL

Vi sono piaciute  idee di Charme and More per la tavola di Pasqua? Lasciate un commento e se avete piacere condividete il post sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto

e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Anticipazioni di Pasqua; tavola, decorazioni & co. proviene da Charme and More.

25 Marzo 2019 / / Decor

home staging living

Dopo aver realizzato una lieve ma significativa ristrutturazione per una casa vacanza, che ci ha permesso di aumentare i vani dell’appartamento, grazie ad una saggia riprogettazione dell’ingresso, mi sono recata a fare il sopralluogo per l’home staging, propedeutico al servizio fotografico che si terrà tra qualche giorno.

Abbiamo ristrutturato l’appartamento recentemente e dunque risulta già di per sé bello e rinnovato, ma di certo sono i dettagli a fare la differenza e a rendere gli spazi ancora più accoglienti e confortevoli.

La scelta delle stampe, dei quadri e dei poster per le pareti, è uno degli aspetti fondamentali e, nel caso dell’home staging per un’abitazione in vendita o una casa vacanza in affitto, io adoro utilizzare stampe con frasi che si riferiscono alla casa come quelle che possiamo trovare sul sito di Posterlounge.

Mi sono trovata benissimo a lavorare con questa azienda che ha una vastissima possibilità di scelta di immagini molto belle, queste possono essere stampate su svariati tipi di supporto come tela, alluminio, poster, vetro acrilico, adesivo, legno, forex e plexi-alluminio,con o senza cornice che può essere scelta in tre colori.

Il servizio è preciso e dettagliato e il customer service molto gentile e disponibile.

  • A Home is. Di M. Belle è la frase che abbiamo scelto per il nostro home staging

Alcune delle stampe a tema casa disponibili sul sito Posterlounge; ( credits Finlay and Noa, GreenNest, Elisabeth Fredriksson, Lily & Val, GreenNest, Andrea Haase)

L’home staging è una vera e propria tecnica di marketing, uno strumento che aiuta i proprietari di casa a valorizzare un immobile con l’obbiettivo di favorirne la vendita o la locazione per breve o lungo termine. Il termine è composto dalle parole inglesi “home” (casa) e “stage” (palcoscenico) e si riferisce all’arte di allestire la casa per mostrarla al meglio.

Nella zona giorno

Secondo le regole dell’home staging, nella zona giorno, è consigliabile valorizzare divano o poltrone aggiungendo cuscini colorati o dalle stampe geometriche. Per un aspetto curato e minimal si possono inserire sulle mensole pochi oggetti selezionati come libri, vasi in ceramica contenenti fiori freschi o piccole stampe. Se poi vogliamo unire le due cose perchè non scegliere una stampa a tema floreale? Mi raccomando che sia minimal e di tendenza come quelle raffiguranti la Craspedia, l’Eucalipto o piante grasse che trovate anche sul sito di Posterlounge, tendenze green dell’interior design degli ultimi tempi. In un salotto l’elemento decorativo essenziale è la presenza di quadri che completano la ricercatezza e l’eleganza dell’ambiente.

  • La scelta dei colori, i giusti arredi e sopratutto i giusti complementi rendono un ambiente perfetto!
  • Tele di Posterlounge : Equilibrio di danza by 
    © Editors Choice. A Home is by  M. Belle  e Craspedia by Ohkimiko

Stampe Posterlounge raffiguranti eucalipto e piante grasse. Credits by
© Science Photo Library; Goed Blauw; Mandy Reinmuth G.

In camera da letto

La camera da letto deve ispirare tranquillità e relax, una stanza curata nei dettagli che eviti gli eccessi e che focalizzi l’attenzione solo su alcuni complementi di arredo.
I cuscini ed il copriletto sono da preferire nelle tonalità pastello non eccedendo in stampe e colori eccessivamente vivaci. Per rinnovare ambienti classici, si possono inserire stampe moderne e poltroncine di design, come quelle che abbiamo scelto noi con la committente, il modello Master di Kartellsapientemente collocate per creare dei piacevoli angoli lettura.

  • Per la camera da letto copriletto dai colori pastello e stampe rilassanti
home staging bedroom
Anche su una carta da parati molto decorativa, come quella di Caselio che abbiamo deciso di posare in senso orizzontale invece che verticale, può essere interessante porre un quadro, che crei il giusto equilibrio e valorizzi ancora di più l’insieme. In questo caso abbiamo scelto su Posterlounge Flower di Jens Berger, stampata su legno per un effetto ancora più naturale e pastello
home staging bedroom
Angolo relax!

In bagno

Il bagno, secondo i canoni dell’home
staging, deve essere arredato con alcuni elementi essenziali, lasciando poco
spazio agli oggetti personali, sistemati all’interno dei mobili.  Anche in quest’ambiente possono trovare spazio
decorazioni come stampe e vasi, come in qualsiasi altra stanza della casa.

home staging bagno
home staging bagno
Anche il bagno si può arredare!

L’articolo L’home staging con il supporto delle stampe decorative proviene da Architettura e design a Roma.

25 Marzo 2019 / / Amerigo Milano

In occasione del Fuorisalone Monza 2019,  lo spazio Amerigo Milano Concept Store di Monza diventa un Omaggio a Freddie Mercury.

I Jeans realizzati dall’artista Roberto Spadea, sono i veri protagonisti di questa originale installazione e si “trasformano” in diffusori di musica riproducendo l’atmosfera della storica esibizione al Wembley Stadium per il Live Aid del 13 luglio 1985.

Un’installazione di opere sonore di design ( Jeans appesi), che diventano così gli attori dello spazio, mettendo in relazione l’esperienza visuale e  quella musicale.

Musica, arte e design si fondono riproducendo un’esclusiva atmosfera di altri tempi.

fuori salone monza

DREAMING JEANS: OMAGGIO A FREDDIE MERCURY A MONZA

DAL 3 AL 18 APRILE 2019 IN OCCASIONE DEL FUORISALONE MONZA 2019

DURATA E ORARI DI APERTURA

Evento Fuorisalone Monza 2019   Dreaming Jeans: Omaggio a Freddie Mercury  – presso Amerigo Milano Concept Store via Carlo Alberto 35 MONZA

Vernissage: mercoledì 3 Aprile alle ore 18

Durata installazione: dal 3 Aprile al 18 Aprile 2019

In occasione del Fuorisalone Monza2019  Amerigo Milano Concept Store rimarrà aperto:

da Lunedi a Domenica   10|13   14|21

LUOGO

Amerigo Milano Concept Store

Via Carlo Alberto 35 MONZA

www.amerigomilano.com

Fuorisalone Monza 2019 è un’iniziativa  organizzata dal Comune di Monza

25 Marzo 2019 / / Decor

Una nuova settimana comincia e io voglio salutarla e darle il benvenuto, nel modo più colorato e allegro che conosco.
Presentandovi una delle talentuose illustratrici che il web mi ha permesso di incontrare, conoscere e subito inserire tra le mie preferite. Oggi infatti vi presento Alice, meglio conosciuta come Little Pine Alice e il suo Mondo illustrato ispirato ai boschi, alle gite avventurose zaino in spalla, con il vento tra i capelli e le montagne a riempire gli orizzonti.
Alice ha uno stile che mi ha subito affascinato. Semplice, estremamente però coinvolgente e dai colori che, anche se leggeri, riescono a comunicare con molta personalità la sua visione delle cose.
Se ancora non la seguite su Instagram la trovate con il nome di @littlepinealice, ma adesso vogliamo tutti sapere qualcosa di più sul suo lavoro, vero?


1. Quando ti sei avvicinata al mondo dell’ illustrazione?
Da quando ho ricordi il disegno è sempre stato una costante, matite, pennarelli, acquerelli, tempere, che ho potuto sperimentare con tecniche tradizionali durante il periodo del Liceo artistico.
Finito il Liceo la mia scelta principale era l’accademia di belle arti ma non sapevo bene cosa avrei voluto fare, alla fine scelsi Design di prodotto all’ Accademia di belle arti Laba a Brescia, scelta che comunque rifarei perchè in qualche modo ha cambiato in positivo la mia visione delle cose e l’approccio a qualsiasi forma progettazione (che sia design di un prodotto piuttosto che un progetto illustrato). 
Durante tutto il percorso formativo ho sempre avuto una particolare attenzione per la grafica digitale che successivamente si è tramutata in una forma di illustrazione tornando però al disegno manuale.

2. Quali progetti ti appassiona seguire di più o che vorresti inserire in portfolio? 
I miei progetti preferiti sono tutti legati alla montagna o ai viaggi.
Solitamente chi mi commissiona un’illustrazione o un logo per il proprio brand ha le mie stesse passioni e questo facilita molto il lavoro e crea un legame con il cliente.
In particolare uno dei miei lavori preferiti è stato proprio il logo per una giovane coppia di fotografi  che adorano la montagna e viaggiano spesso e la richiesta principale era quella di unire la fotografia e la passione per l’avventura.

3. Quali sono le tre parole che meglio descrivono i tuoi lavori e il tuo Stile?
Semplicità, tranquillità (dicono) e forse ingenuità.

4. Puoi descriverci la tua giornata tipo?
La mia giornata è divisa in 2, faccio un lavoro part time legato al marketing e finito li torno a casa per lavorare sui progetti di illustrazione: sia su commissione che progetti di prodotti miei (cartoline illustrate, stampe calendari ecc) che poi rivendo sul portale Etsy, quindi mi tengo un giorno durante la settimana per la preparazione degli ordini e la spedizione. Solitamente sono di corsa e in ritardo :/

5. Come hai sistemato la tua zona di lavoro?
La mia zona di lavoro è la mia scrivania: ho una lampada, una pila di fogli disegnati, una pila di fogli nuovi, pennelli e altri strumenti vari, un computer, lo scanner per scansionare i disegni e le cuffie per la musica.
All the illustrations are published
with the kind permission of Alice Pasinetti – LITTLE PINE ALICE

6. Pensi che un illustratore abbia bisogno di uno stile personale? e quali sono i tuoi suggerimenti per svilupparne uno?
Penso che ogni cosa che facciamo, i posti che frequentiamo e quelli ancora da esplorare ci influenzino in qualche modo e anche le nostre passioni, essendo sempre in continuo mutamento, vengano a loro volta influenzate da altre mille cose. Penso che lo stile personale sia sempre in evoluzione, per svilupparne uno proprio bisognerebbe capire prima di tutto cosa ci piace, i nostri riferimenti artistici, musicali e cinematografici. Per un illustratore penso sia fondamentale, è il proprio biglietto da visita. Ad esempio io vorrei essere contattata non perchè sono “brava a disegnare” ma perchè piuttosto disegno in un certo modo.

25 Marzo 2019 / / Blog Arredamento

Se state pensando di cambiare la vostra vecchia cucina o semplicemente siete in procinto di arredare casa, i prezzi delle cucine in offerta su MobiliDesignOccasioni sono scontanti minimo del 40%. Cucine Outlet per tutti i gusti ed esigenze che vi danno la possibilità di scegliere tra un’ampia gamma di soluzioni. Dalle composizioni semplici come le cucine lineari alle configurazioni più articolate come le cucine angolari, oppure soluzioni personalizzate come le cucine con penisola o quelle esclusive con isola.

Cucina angolare in outlet

Le offerte spaziano dalle cucine tradizionali a quelle di design, tutte prodotte e realizzate con alti standard di artigianalità italiana e materiali di eccellenza.

Cucine in offerta: come scegliere quella perfetta

Ogni cucina è studiata e progettata da professionisti del settore ed i modelli a disposizione sono davvero tantissimi, tutti realizzati in diverse forme e misure e con materiali e colori diversi.

Prima di scegliere tra le cucine in offerta è bene, innanzitutto, valutare gli spazi a disposizione.
Cucine lineari o cucine angolari sono consigliate per favorire gli spostamenti e lavorare liberamente all’interno di questo spazio. Cucine a isola o penisola sono perfette, invece, per arredare ambienti open space.

Nelle cucine lineari elettrodomestici e pensili di sviluppano tutti su un’unica parete e l’ingombro viene sensibilmente ridotto. Le cucine ad L o angolari sono, invece, perfette per ottimizzare gli spazi avendo a disposizione una parete lunga e una più corta. Entrambi disponibili nella versione classica o con un design più moderno, consentono di lasciar spazio ai movimenti e all’integrazione di un tavolo da pranzo per le vostre cene in famiglia o con amici.

La cucina a isola si caratterizza per l’aggiunta di un blocco indipendente e si presta bene agli ambienti open space; non si preclude, però, che sia adattabile anche a spazi più ridotti. Lo stesso vale per le cucine a penisola che, come nel caso precedente, rappresentano la scelta
preferita da chi desidera fare una distinzione degli spazi.

Caratteristiche necessarie per la vostra cucina

Sono diverse le caratteristiche di cui tener conto per avere una cucina perfetta. La cucina deve essere un ambiente luminoso, ventilato e salutare. Di fondamentale importanza sono la praticità, la funzionalità e ovviamente l’estetica. La cucina deve essere un ambiente comodo, ma al contempo bello da vivere.

Naturalmente è importante tener presente la componente “green” ovvero l’uso di materiali riciclabili ed ecosostenibili, che abbiano un basso impatto sull’ambiente. Queste caratteristiche imprescindibili per una cucina perfetta.

Avere in dotazione elettrodomestici efficienti a livello energetico è una componente importate e necessaria per avere massima funzionalità all’interno della cucina. Ultimi, ma non meno importanti, elementi quali: porte, finestre, mobili, pensili, prese elettriche e attacchi dell’acqua. I dettagli di cui tener conto nella scelta di una cucina sono davvero tanti, ma ci sono sempre professionisti pronti ad aiutarvi per qualsiasi dubbio.

Elettrodomestici cucina design outlet

Fortunatamente le offerte proposte MobiliDesignOccasioni consentono di personalizzare interamente l’arredo della cucina, così da poter creare un ambiente unico e adattabile a qualsiasi tipo di esigenza e preferenza. Dalle cucine di design a quelle contemporanee, da quelle moderne a quelle minimal, senza farsi mancare le cucine classiche oppure dallo style country o shabby chic. Le proposte sono infinite e basta decidere quale fa al caso vostro!

25 Marzo 2019 / / Dettagli Home Decor

La stanza che non c’è è innanzitutto un’idea, tanto originale, quanto versatile, per avere una stanza in più quando manca spazio in casa

Proposta dal brand friulano Il Giardino di Corten, la casetta è realizzata interamente in acciaio corten, un materiale dalla forte personalità in continuo divenire, dove le nuance dei colori della terra ben si armonizzano nei contesti sia moderni che tradizionali, e può essere progettata con le misure che più si adattano alle esigenze di chi la utilizza.

La stanza che non c’è è un ricovero per gli attrezzi da lavoro, una sala lettura, uno studiolo, una zona relax o appositamente “vestita” una sauna; una piccola rimessa per le bici o una stanza per il bricolage

Nell’hotellerie, ad esempio, può essere anche quì una sauna o una zona riparata, ma al tempo stesso aperta, per i massaggi; uno spazio wellness o una sala lettura; una sala per i giochi dei più piccoli o un deposito per le biciclette degli ospiti.

La stanza che non c’è può essere realizzata in diverse dimensioni; è componibile, facile da installare in quanto può essere posizionata direttamente a terra, su pavimento predisposto, oppure fornita con pavimento in doppia lamiera e coibentazione. La tenuta termica è assicurata da monopannelli sistemati sulle pareti; il materiale (cor-ten) garantisce elevata resistenza meccanica e alla corrosione, mentre gli spessori contenuti sono sufficienti per avere comunque grande resistenza. Lavorando in edilizia libera, non necessita di permesso di costruzione.

Per maggiori info, è preferibile rivolgersi direttamente all’Azienda inviando una mail a info@ilgiardinodicorten.it

L’articolo La stanza che non c’è: una casetta in giardino proviene da Dettagli Home Decor.