30 Aprile 2019 / / VDR Home Design

Come scegliere arredamenti commerciali per comunicare correttamente la filosofia e l’identità del locale e trasmettere le giuste emozioni.


Arredare un’attività commerciale è un’operazione affascinante ed appassionante. È la prima fase di un processo che porterà probabilmente alla realizzazione di un sogno.

Qual è l’obiettivo di un arredamento commerciale? Senza dubbio la scelta dell’arredo deve comunicare correttamente la filosofia e l’identità del locale ma allo stesso tempo deve trasmettere le giuste emozioni: coinvolgere, accogliere e far sentire a proprio agio il cliente.
Come raggiungere quindi tali finalità?

Scegliere arredamenti commerciali cucina professionale in acciaio

SCEGLIERE ARREDAMENTI COMMERCIALI: IL RUOLO EMOZIONALE

Per esprimere correttamente il messaggio del locale e rendere emotivamente partecipe il cliente è importante far leva non sulla sua razionalità ma sul cuore. Occorre intercettare gli interessi, le emozioni, e i gusti. Per farlo è necessario conoscere il cliente.
Studi e letteratura hanno dimostrato che l’atmosfera di un locale e l’illuminazione hanno un’influenza fortissima sulle sensazioni provate dagli utenti.

  • Parliamo delle luci. Sarà capitato a tutti di passare davanti ad un negozio e non capire se fosse aperto o meno. Se questo dovesse capitare anche al tuo locale non sarebbe affatto positivo. Quindi è fondamentale disporre correttamente le fonti di illuminazione. Inoltre la posizione delle luci è in grado di attirare e spinger il cliente verso un determinato acquisto.
  • Altro elemento importante è la scelta dei colori. Questi sono in grado di trasmettere energia e sensazioni. Le tonalità pastello infondono relax e distensione mentre i colori accessi euforia e vitalità. Oppure, per fare un esempio, il rosso trasmette passione in taluni contesti o focalizza l’attenzione su un’offerta in altri. Nella scelta delle nuance va anche tenuto conto degli spazi a disposizione. Se l’ambiente è piccolo i colori chiari alternati a tonalità più scure messe nel giusto posto, aiuteranno a far sembrare più grande e arioso il tuo locale. Al contrario se il negozio o l’attività commerciale è molto grande la giusta combinazione di tonalità, lo renderà più intimo e meno dispersivo
  • Infine non è da sottovalutare la scelta della musica che si trasmetterà in sottofondo. Anch’essa deve fondersi con il contesto per creare un tutt’uno armonico.

Dunque, il segreto è saper giocare con i diversi elementi emotivi, luci, colori, suoni ed arredamenti commerciali studiati ad hoc.

scegliere arredamenti commerciali bancone di un bar in fucsia, acciaio e vetro

A CHI RIVOLGERSI PER PROGETTARE ARREDAMENTI COMMERCIALI

Considerato che i fattori analizzati sono solo alcuni, rispetto ai molteplici elementi da valutare nella scelta dell’arredamento commerciale, è lecito chiedersi a chi rivolgersi per scegliere correttamente l’arredo del proprio negozio o attività.
Imprescindibile è la consulenza del giusto progettista. Gli esperti del settore devono essere in grado di saper realizzare e sviluppare arredamenti commerciali perfetti per le esigenze di entrambi i protagonisti: tener conto degli obiettivi dell’imprenditore e delle esigenze ed emotività del consumatore.
L’arredamento, infatti, non riguarda solo la sfera personale o il proprio gusto, ma è uno strumento che può incidere sul successo dell’attività in termine di profitti.

Se, per esempio, stai cercando arredamenti commerciali a Catania, puoi rivolgerti all’azienda Milazzo Shop Design, leader nel settore dell’arredo commerciale da oltre 30 anni. L’azienda è in grado di fornire dal bancone alla vetrina, dai macchinari alle attrezzature, dagli scaffali all’arredamento completo. Progetta e allestisce negozi a Catania e in tutta la Sicilia.

Guest Post a cura di Milazzo Shop Design

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Come scegliere arredamenti commerciali per coinvolgere i clienti sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

30 Aprile 2019 / / Architettura

Sotto i cieli soleggiati di Haifa, in Israele, House F è stata recentemente completata da A.M.N Architecture.
L’obiettivo principale di questo progetto è stato quello di creare uno spazio moderno e minimalista che avesse tutti i comfort della vita contemporanea, sfruttando allo stesso tempo la bellezza di uno spazio all’aperto in una calda giornata di sole.

Grande enfasi è stata data alle finestre a tutta altezza che, grazie alla pianta fluida permettono alla luce di diffondersi da un ambiente all’altro.

A contemporary villa in Israel

Under the sunny skies of Haifa, Israel, House F was recently completed by A.M.N Architecture.
The main objective of this project was to create a modern and minimalist space that had all the comforts of contemporary life, while exploiting the beauty of an outdoor space on a warm sunny day.

Great emphasis was given to full-height windows which, thanks to the fluid layout, allow light to spread from one room to another.

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

30 Aprile 2019 / / Architettura

Charme and More vi porta in Spagna nella casa della stilista di interni Isabel Flores.

Un’abitazione accogliente, elegante e luminosa dominata dai colori chiari del beige, del grigio, del rosa cipria e bianco.

Un mix equilibrato di stili è il segno distintivo della casa dove l’arredamento moderno accostato a mobili classici, shabby chic e vintage da carattere e personalità agli ambienti.

la-casa-della-stilista-isabel-flores-portico

la-casa-della-stilista-isabel-flores-entrata

la-casa-della-stilista-isabel-flores-salotto

la-casa-della-stilista-isabel-flores-copertina

 la-casa-della-stilista-isabel-flores-5

la-casa-della-stilista-isabel-flores-sala-da-pranzo

la-casa-della-stilista-isabel-flores-dettagli

la-casa-della-stilista-isabel-flores-2

la-casa-della-stilista-isabel-flores-3

la-casa-della-stilista-isabel-flores-divani

la-casa-della-stilista-isabel-flores-camera-bambini

la-casa-della-stilista-isabel-flores-dettagli-studio

I tessuti d’arredo in french style rendono l’ambiente elegante con un tocco di romanticismo dando vita ad un’atmosfera di fresca serenità.

la-casa-della-stilista-isabel-flores-stanza-da-letto

la-casa-della-stilista-isabel-flores-stanza-da-letto-2

la-casa-della-stilista-isabel-flores-guardaroba

la-casa-della-stilista-isabel-flores-dettagli-stanza-letto

la-casa-della-stilista-isabel-flores-stanza-da-letto-dettagli-2

Ph via 

 

L’articolo Decor Inspiration|La casa della stilista Isabel Flores proviene da Charme and More.

30 Aprile 2019 / / Decor

I pouf sono complementi d’arredo multiuso indispensabili in ogni ambiente di casa. Ecco la nostra selezione.

Pratici, funzionali e poco ingombranti, i pouf si adattano alle più diverse esigenze e allo stesso tempo decorano i nostri interni regalando il giusto tocco di colore in ogni stanza della casa. Nel living, ad esempio, sono utili come poggiapiedi, diventando un prolungamento del divano o della poltrona, inoltre, all’occorrenza, si prestano altrettanto bene a svolgere la funzione di sedute aggiuntive o piani d’appoggio. In camera i pouf possono sostituire, in modo creativo, i tradizionali comodini; nella stanza da bagno, invece, è utilissimo per sedersi mentre ci si spalma la crema dopo la doccia. Nella cameretta dei bambini, scelti nella versione “contenitore”, sono un valido alleato per tenere in ordine giochi, libri e molto altro ancora.

Compatti e colorati, i pouf si abbinano facilmente agli altri arredi della casa sia come pezzi a sé, creando un piacevole gioco di contrasti, oppure optando per un tessuto e un colore più in linea con gli altri elementi d’arredo per mantenere un look omogeneo.

Disponibili in diverse forme e dimensioni, in fase di acquisto la scelta dipende dalla funzione che dovrà svolgere. Serve per avere una seduta extra o come piano d’appoggio? Nel dubbio meglio privilegiare i modelli con la seduta piatta e con una dimensione non inferiore ai 40×40 cm. Inoltre, fate attenzione al peso, perchè se l’intenzione è di spostarlo al bisogno, allora dovrà essere leggero e quindi facile da postare ovunque.

Otto pouf comodi e multitasking scelti per voi

Carry On è una soluzione di seduta portatile, progettato da Mattias Stenberg che ha una forte convinzione sulla necessità di complementi di arredo flessibili.‎ Carry On è facilmente adattabile alle diverse esigenze, offre la possibilità di sedersi in un ambiente dove non ci si potrebbe sedere.‎ Grazie alla maniglia sulla parte superiore, Carry On indica subito all’utente come dovrebbe essere utilizzato.‎  Carry On ha forme rotonde ma semplici e combina materiali tradizionali e l’arte con il design contemporaneo e funzionale.‎ Le cuciture comunicano perizia e professionalità.‎

Un’altra variante, molto pratica quando si hanno ospiti e poco spazio a disposizione, è quella del pouf letto. Il pouf letto TOUF di Arketicom ti farà innamorare per la sua multifunzionalità e il suo morbido design!  Se normalmente può essere posto in camera da letto o in salone come poltroncina o poggia piedi, all’occorrenza questo tipo di pouf può essere facilmente trasformato in un letto singolo. Questo pouf letto è inoltre e dotato di una fodera dello stesso colore del pouf, utilissima per proteggerlo dall’usura e per trasformarlo in un vero e proprio pouf per il soggiorno o la camera da letto.

Pouf Apfel di Sitting Bull: una soffice mela funzionale ed esteticamente bella. Simpatico e originale nel design, il Pouf Apfel di Sitting Bull arricchisce e dona funzionalita’ agli ambienti, garantendo un tocco di colore che non guasta mai. Il pouf Apfel e’ dotato di un design moderno e spiritoso, in quanto riproduce una morbida mela con tanto di picciolo marrone. La forma rotondeggiante di un raffinato frutto e’ messa ancor piu’ in evidenza dalla morbidezza del materiale prescelto: il tessuto soft shell che contenendo una percentuale di fibra elastica, asseconda i movimenti durante la seduta, plasmandosi alla perfezione a ogni tipo di fisionomia. La brillante colorazione in verde mela ben si abbina a qualsiasi tipo di tonalita’ di mobilio prescelta, in quanto neutra.

Tiny Moon è un pouf rotondo prodotto dall’azienda danese Trimm Copenhagen. Tiny Moon è un pouf multifunzionale dal design semplice, un ripensamento del tradizionale cuscino marocchino. Caratterizzato da una forma stabile e solida, grazie alle pratiche maniglie è facile da spostare ovunque. Tiny Moon è rivestito con tessuto Sunbrella Plus, un tessuto idropellente e resistente ai raggi UV. Per questo, Tiny Moon può essere utilizzato anche in ambienti outdoor, come terrazzi e giardini. Tiny Moon è riempito con perline di polistirolo.

Bovist di Vitra è un cuscino decorativo da pavimento, uno sgabello e un pouf, tutto in uno.‎ La sua forma simpatica e l‘elevato comfort di seduta sono stati ottenuti grazie alle molteplici cuciture laterali del rivestimento e a una speciale imbottitura compatta in microsfere sintetiche.‎ Ampie sezioni a ricamo conferiscono un fascino particolare al rivestimento, composto da diversi tessuti colorati.‎ Grazie alla pratica maniglia in resistente filato, Bovist può essere facilmente spostato da un posto all‘altro in tutto l‘appartamento.

Bard è un pouf in finto cemento che rievoca l’ambiente urbano, ma che, al di là delle apparenze, si inserisce perfettamente in un ufficio o in un ambiente domestico. Disegnato da Giulio Iacchetti per Internoitaliano, il pouf ha una linea originale che reinventa giocosamente lo spartitraffico progettato da Enzo Mari per gli spazi urbani milanesi. Bard ha una struttura in multistrato di faggio, imbottitura in poliuretano espanso e rivestimento in lycra con stampa che riporta la texture del cemento. Il pouf nasce come omaggio alla città di Milano; forma e texture riprendono, infatti, quelle dei dissuasori della sosta in cemento a forma di “panettone”, distribuiti tra le strade metropolitane.

Il Pouf Baboesjka by Fatboy è un complemento d’arredo innovativo, esclusivo ed accattivante nel design, di forte impatto visivo. Il concetto delle caratteristiche Matrioske russe è rivisitato in chiave ultra-moderna e contemporanea, posizionando tre morbidissimi cuscini uno sull’altro, tenuti insieme da una resistente cinghia in cuoio. Il pouf ottenuto permette così una seduta più alta, quindi più comoda ed ergonomica: il morbido materiale di poliestere che confeziona i cuscini, è facilmente lavabile, resiste all’umidità, offrendo durevolezza nel tempo, facendo sì che l’oggetto d’arredo possa essere posizionato anche negli ambienti esterni. La palette cromatica del pouf Baboesjka sfrutta diverse fantasie, eccentriche e colorate: uno o due cuscini tinta unita, che fruttano tutti i colori dell’arcobaleno, altri in fantasie geometriche con rombi neri su fondo bianco, stampe accese e floreali sui toni del rosso. Il pouf essendo componibile, può essere facilmente separato ed uno dei cuscini utilizzato a proprio piacimento.

 

L’articolo Pouf comodi e multitasking proviene da Dettagli Home Decor.

30 Aprile 2019 / / Architettura

Un piccolo attico con terrazza ritrova la luce naturale e la fluidità degli spazi grazie al progetto del pluripremiato Studio Wok.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok

Si deve al pluripremiato Studio Wok il progetto di questo piccolo attico con terrazza di circa 50 mq. Lo studio milanese, composto dagli architetti Marcello Bondavalli, Nicola Brenna e Carlo Alberto Tagliabue, basa i propri progetti su un approccio artigianale e sull’attenzione alla sostenibilità ambientale.

Prima di cominciare il progetto, gli architetti studiano attentamente anche l’ambiente che circonda l’unità abitativa da rinnovare. Il paesaggio circostante, la luce, i materiali tipici del luogo.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok

Nel caso di questo piccolo attico, è evidente il ruolo giocato dalla luce naturale, che i progettisti hanno sfruttato anche per creazioni d’effetto.

Lo stato di fatto

In origine, l’attico era afflitto da una suddivisione dello spazio poco funzionale che impediva la penetrazione della luce all’interno.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok
Stato di fatto. Crediti Studio Wok

Le pareti divisorie impedivano anche di godere dello skyline della città, visibile dalle finestre della zona notte.

A proposito di piccoli spazi, leggi gli articoli della rubrica arredare piccoli spazi.

Il progetto

I progettisti si sono mossi su due piani: restituire la luce naturale e la fluidità degli spazi, e creare un habitat funzionale e confortevole.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok
Pianta progetto. Crediti Studio Wok

La demolizione delle pareti divisorie interne e della parete che affacciava sulla terrazza, sostituita da un’unica porta finestra scorrevole, ha ridato luce all’ambiente.

Questo è stato possibile perché la struttura dell’edificio è composta da pilastri portanti in cemento armato, che gli architetti hanno deciso di lasciare al grezzo. Un effetto rustico che rende l’ambiente più caldo e vissuto.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok
Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok

Per suddividere gli spazi, i progettisti hanno creato due blocchi posti in perpendicolare. Uno, posizionato al centro, contiene il bagno e crea il passaggio verso la camera da letto. Il secondo blocco si compone dei mobili della cucina e dell’armadio della camera, posti di schiena.

Il tocco di genio di questa soluzione sta nel fatto che i due blocchi non si toccano, così da formare una fessura attraverso la quale la luce penetra nella camera da letto, creando un effetto scenografico.

Giochi di luce anche in bagno, grazie all’apertura sul tetto, che sfrutta la luce zenitale e illumina la zona doccia.

Un piccolo attico con terrazza by  Studio Wok
Sezione in corrispondenza del bagno

Progetto: Studio Wok

Foto Federico Villa studio


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

29 Aprile 2019 / / Decor

Wes Anderson, famoso regista e scrittore di film quali Grand Budapest Hotel, The Royal Tenenbaums o ancora The Darjeeling Limited, ha la capacità di combinare i colori in modo soprendente, dando vita a composizioni cromatiche uniche.

Ogni set è caratterizzato da un’esplosione di colori, textures e patterns che giocano un ruolo fondamentale e influiscono in modo significativo sull’atmosfera dei suoi film. Gli interni sono sempre perfetti e ogni dettaglio viene curato meticolosamente.

I set realizzati hanno come obbiettivo principale quello di suscitare un forte sentimento, di raffigurare una personalità, evocare una particolare attività e sono strettamente legati ai personaggi che vi abitano.

Per ricreare a casa tua ‘lo stile Anderson’ MuralsWallpaper lancia la collezione Wes Anderson Aesthetic, una curata selezione di carte da parati ispirata all’estetica del cinema di Wes Anderson.

Con l’avvicinarsi del 50° compleanno del regista, la collezione è un omaggio al suo senso estetico ed artistico e dà l’opportunità agli amanti delle sue scenografie di ricrearne le atmosfere nostalgiche ed oniriche nei propri interni.

Incorporare l’estetica di Wes Anderson nei propri interni

Ispirata all’estetica del cinema di Wes Anderson, la collezione include una carta da parati con motivi di farfalle monarca dal sapore vintage, un design tropicale accattivante con tigri avvolte da una lussureggiante vegetazione ed un décor elegante a effetto boiserie dai colori pastello dalle note Art Nouveau.

Queste carte da parati sono una celebrazione dello stile del regista statunitense e offrono un modo facile ed efficace per dare ad una stanza il look dei suoi set.

Le atmosfere nostalgiche che hanno reso celebri le scenografie dei suoi film vengono catturate con dei design moderni in linea con i più attuali trend come quello botanico e degli insetti, il massimalismo, i vivaci colori tropicali e il rosa polvere sempre chic.

La collezione è perfetta per chi apprezza l’estetica di Wes Anderson e desidera utilizzare una carta da parati per dare vita a uno spazio eccentrico e nostalgico.

Per maggiori informazioni www.muralswallpapers.com

L’articolo A casa come in un film di Wes Anderson proviene da Dettagli Home Decor.

29 Aprile 2019 / / Charme and More

Con l’arrivo della primavera le giornate si allungano e esplode la voglia di camminare e di trascorrere del tempo all’aria aperta.

Uscire per una passeggiata a passo veloce immersi nella natura favorisce il benessere del corpo e rilassa la mente.

Ph via
Ph via

Scopriamo assieme alcuni benefici di una camminata.

– Camminare a passo svelto per almeno mezz’ora al giorno è un toccasana per le gambe e nella lotta alla cellulite, in quanto favorisce la circolazione e migliora il drenaggio linfatico.

–   L’attività fisica outdoor aumenta la produzione di endorfine (gli ormoni del benessere e del piacere), aiuta la mente a rilassarsi, stimola la creatività e allevia i sintomi dell’ansia rendendoci più ottimisti.

– Migliora la funzionalità cardiaca e favorisce l’ossigenazione dei tessuti riducendo la produzione di radicali liberi, i responsabili del nostro invecchiamento.

– Fare una passeggiata all’aperto tuffandosi nel verde abbassa il colesterolo, aumenta le difese immunitarie, risveglia il metabolismo, aiuta a dimagrire e tonifica il corpo.

– Camminare è un’attività naturale ad impatto zero in pieno spirito green ed ecologico.

Ph via
Ph via

Consigli per chi vuole iniziare. 

Sarebbe ideale camminare tutti i giorni almeno mezz’ora a passo spedito e senza soste.

L’abbigliamento deve essere  traspirante (indumenti in cotone) e comodo; gli indumenti eccessivamente stretti sono da evitare.

Le scarpe da camminata, dette anche “scarpe da walking” sono importantissime in quanto il walking presuppone un ben preciso appoggio del piede a terra.

Da evitare quindi l’uso di scarpe da trekking, delle  sneakers e anche delle scarpe da running.

Costanza e motivazione sono fondamentali per ottenere dei benefici.

Vi è piaciuto questo post?

Condividetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

 

L’articolo Camminare per sentirsi meglio. proviene da Charme and More.

29 Aprile 2019 / / Architettura

Una residenza privata caratterizzata dal delicato utilizzo di superfici materiche raffinate e dai toni neutri e rilassanti

Soft tones in Taiwan

A private residence characterized by the delicate use of refined material surfaces and neutral and relaxing tones

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

29 Aprile 2019 / / Design

Milano Bedding, da oltre vent’anni, coniuga relax, comfort e design made in Italy attraverso i suoi divani, divani letto e letti; proposte in continua evoluzione non solo a livello estetico ma anche funzionale, garantendo meccanismi di apertura/chiusura all’avanguardia, materassi specifici, per necessità e preferenze, e molteplici rivestimenti per ogni gusto.

Presentato al Salone del Mobile a Milano, Oliver è il nuovo divano letto presentato dall’azienda Brianzola. Disegnato da Alessandro Elli, si distingue per le linee decise e pulite e, in particolare, per l’alto schienale dalla forma trapezoidale che crea una decorazione distintiva: esso sostiene i cuscini nella versione divano, esaltandone la comodità, e, una volta aperto a letto, si presenta come una piacevole testata.

Lo stesso design dello schienale viene ripreso nei braccioli sagomati che accolgono e avvolgono aggiungendo comfort, grazie anche alla qualità delle imbottiture dei cuscini.
Oliver è stato progettato e realizzato per trasformarsi, con un solo e semplice gesto, in un vero e proprio letto.

Le doghe di legno o la rete a maglie elettrosaldata e il materasso, da 16/18 cm, sono gli altri requisiti per un riposo rigenerante. I piedini sono rivestiti nel tessuto scelto per il divano. Oliver è interamente sfoderabile e lavabile a seconda del rivestimento ed è disponibile anche nella versione fissa, completamente smontabile per un facile trasporto.

Un oggetto di design, funzionale e bello alla vista, che non può mancare in una casa!

29 Aprile 2019 / / Architettura

Seconda parte del reportage sulle novità tendenza viste a Euroluce 2019 al Salone Internazionale del Mobile di Milano.

Euroluce 2019 le novità tendenza paola navone

Continua la carrellata dedicata a Euroluce 2019 e alle novità presentate. Cominciamo con una sintesi delle tendenze:

Le tendenze

In linea generale, si possono individuare diverse tendenze. La prima propone un’estetica legata al Cosmo. Pianeti, corpi celesti vari, e su tutti la luna, protagonista assoluta nel cinquantesimo anniversario dell’allunaggio.

Per la forma, oltre alle sfere, si è vista una presenza massiccia di lampade lineari e di lampade formate da anelli sovrapposti.

Illuminazione senza cavi, lampade fonoassorbenti, soluzioni LED e OLED integrate ai sistemi di controllo digitale: la tecnologia non può essere considerata una tendenza in sé, ma l’evoluzione dei sistemi per l’illuminazione sta cambiando il nostro modo di vivere in modo sostanziale.

In-es.artdesign

Delle lampade dal modo giocoso di questo brand, fondato dall’artista e designer Oçilunam vi avevo già parlato tempo fa. Le novità presentate a Euroluce si inseriscono nello stesso filone narrativo, con la Luna come musa ispiratrice: la collezione Battery di lampade ricaricabili e Luna Liberty. 

Euroluce 2019 le novità tendenza luna

Karman

Fiore all’occhiello di Karman la lampada a sospensione Bibendum, design Paola Navone. E’ leggera ed elegante, classica ma anche pop: in versione opaca o trasparente, è fatta in vetro soffiato ed ogni pezzo è diverso dall’altro. (foto di copertina)

Kundalini

Si ispira al mondo vegetale la lampada Lilli, firmata dalla designer del momento, Cristina Celestino. Il diffusore in vetro, sostenuto da elementi in ottone, ricorda la forma del giglio matragone, e il risultato è di rara eleganza.

Euroluce 2019 le novità tendenza

Linea Light Group

Spazio alla tecnologia per le lampade Derby, dalle proprietà fonoassorbenti, e Demì, una cupola trasparente che prende forma una volta accesa,  grazie alla tecnologia OptiLight, che consente di deviare e moltiplicare il fascio luminoso grazie alle microincisioni sulla superficie del diffusore. 

Euroluce 2019 le novità tendenza
La lampada Demì

Luceplan

Leggera, elegante, delicata, la sospensione Illan disegnata da Zsuzsanna Horvath per Luceplan è composta da sottili strisce in multistrato di legno.

Euroluce 2019 le novità tendenza
foto Filippo Messina

Martinelli Luce

La novità di quest’anno è Elastica, una striscia LED inserita in una fascia di tessuto, con fissaggio cielo-terra, firmata da Habits. Si accende e si regola semplicemente premendo e rilasciando il tessuto.

Rotaliana

Le lampade da terra a forma di foglia della collezione Eden di Rotaliana hanno un design decisamente originale. Realizzate in materiale fonoassorbente, creano un’atmosfera ovattata grazie alla lampada LED applicata nella parte posteriore.

Seletti

Il brand che si contraddistingue per originalità e idee fuori dagli schemi, ha presentato numerose novità, tutte molto interessanti, che vi mostrerò in un altro post. Tra le lampade, spicca per originalità e ironia la sospensione Cupolone, firmata dal duo Alessandra Mantovani e Eleonora Barbareschi.

La riproduzione del cupolone di San Pietro è realizzata in resina ed è disponibile nella versione total white o con esterno nero e interno dorato.

Euroluce 2019 le novità tendenza seletti

Leggi la prima parte per trovare le novità delle aziende dalla A alla F.

Per scoprire tutte le tendenze emerse dalla MDW 2019, leggi questo articolo.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail: