5 Aprile 2019 / / Charme and More

5 Aprile 2019 / / News

Lo sapete, vero, che mancano ormai pochissimi giorni all’appuntamento imperdibile con la settimana più felice ed eccitante dell’anno, per noi Design addicted?

La Milano Design Week è alle porte e io non ho ancora organizzato la mia valigia ma… ho già pronta una super lista di posti belli, brand imperdibili e designers che vorrei incontrare anche solo due minuti per complimentarmi e dir loro grazie di tutta l’ispirazione che ci offrono.
Per me quest’anno saranno 3 gg. pieni (uno in più dell’anno scorso yeahhhh!!!) e ho voglia di tenervi molto più connessi rispetto agli altri anni, che dite, ci riuscirò a usare anche il cellulare invece di camminare ubriaca di felicità? Io voglio impegnarmi davvero, promesso, ma intanto vi lascio una super lista di quelli che per me saranno i Must See in questi 3 giorni che si preannunciano davvero carichi! 😉
Che dite, ci vediamo in giro per un abbraccio dal vivo?
P.S. Per tutti gli altri eventi imperdibili il sito ufficiale del FUORISALONE vi aspetta mi raccomando!!!
PORTA VENEZIA
/ La nuova collezione MUUTO 
_
SALONE DEL MOBILE Hall 24 – B14:B18
_
FUORISALONE  A Space for Being – Spazio Maiocchi, via Achille Maiocchi 7

Un’esibizione secondo me imperdibile, creata insieme a Google Design Studio, Reddymade Architecture e la International Arts + Mind Lab della Johns Hopkins University, che esplorerà il mondo della Neuroestetica e i modi in cui il Design può cambiare totalmente la nostra percezione del Benessere!!! Adoroooo!!!

BRERA
Posso non passare dal famoso Giardino Botanico di Brera (che mi sono già persa l’anno scorso quindi questa volta ci vado come prima tappa?).
Quest’anno l’installazione si chiama “The Circulation Garden” ad opera dello studio di Carlo Ratti insieme a ENI con l’utilizzo del micelio, ovvero la radice fibrosa presente nei funghi, materia che permetterà alla fine della settimana di restituire alla Terra l’intera architettura costruita.

Il Palazzo di via Palermo 1, uno dei più belli situati nel cuore di Milano, si riempie invece anche quest’anno di appartamenti da esplorare in cui sentirsi accolti.
Al 1° piano l’appartamento parigino di Constance, cuore pulsante di THE SOCIALITE FAMILY arredato con i nuovi complementi della collezione ispirata alla libertà e alla fantasia delle nuove famiglie contemporanee.
Troveremo poi al 3° piano il Brera Design Apartment trasformato in PLANETARIO da Cristina Celestino con la collaborazione di BESANA Carppet Lab ed ESPERIA.
Sempre nella stessa location la casa-galleria PALERMO UNO di 150 mq trasformata in esposizione per designer e creativi emergenti a cura di Sophie Wannenes. Un luogo dove tutto si può toccare e anche acquistare, bello vero?
_
FUORISALONE Via Palermo 1 
Sedia Milano di THE SOCIALITE FAMILY
Artigianato e Design celebrati con un percorso ad hoc tra allestimenti e bellezza ovunque grazie ad ARTEMEST nome di riferimento per l’artigianato di eccellenza Made in Italy, in collaborazione con TED Milano. Un’intera villa anni ’30 diventerà infine la location dove potremo ammirare opere, arredi e decorazioni che per l’occasione trasformeranno l’intera villa in una sorta di Teatro.
_
FUORISALONE Via Giovanni Randaccio 1
Ispirazione OUTDOOR (imperdibile per il mio lavoro) grazie a TALENTI
/ PRATOFIORITO dell’architetto Davide Fabio Colaci per EATALY manifesto della biodiversità anche in città.
_
FUORISALONE Piazza 25 Aprile
Da vedere assolutamente anche:
/ Artek – Via Lovanio 6 
/ Marimekko – P5 Apartment, Via Palermo 5
/ MT Masking Tape – Via Ciovasso 17


5 VIE
/ L’affascinante location di Palazzo Turati sede delle mille meraviglie del Design olandese a cura di MASTERLY – THE DUTCH IN MILAN
_
FUORISALONE Palazzo Francesco Turati via Meravigli 7
La Mostra che porta a Milano il meglio del design e dell’arte olandese, attraverso una selezione curatissima e di grandissimo prestigio di designer, artigiani,artisti e aziende innovative e tecnologiche, da contemplare sia nelle sale antiche che in quelle contemporanee.
ISOLA District
/ Il Collettivo belga BRUT porta in scena il meglio del design belga attraverso una scenografia ispirata ai siti archeologici.
FUORISALONE SPAZIO MARANIELLO – Viale Stelvio 66 

/ Il progetto CA’VENTIQUATTRO di Roberta e del suo MAKEYOURHOME Studio.

FUORISALONE Via De Castillia 24

“E’ una casa legata al tema dell’ospitalità ma è sopratutto sinergia tra uno studio di progettazione, due clienti e le aziende che entreranno a farne parte, perseguendo l’obiettivo di creare legami e vincoli emozionali nel fruitore finale, portandolo ad essere esso stesso un promotore inconsapevole dello spazio.”

TORTONA

/ FEEL HOME di IKEA 
Vuoi non passare a salutare i nostri amici di Ikea a guardare cosa avranno combinato stavolta per farci sentire a casa?
_
FUORISALONE via Tortona 32
Il nome è già un programma che fa venire l’acquolina in bocca e infatti tantissime saranno, come al solito, le cose da guardare e fotografare in questa spettacolare location eclettica e multifunzionale!!!
Per questa edizione del Fuorisalone si parlerà di INNOVAZIONE e TRADIZIONE, tema per nulla scontato affrontato con mostre a tema contaminate da moda, tecnologia e design.
_
FUORISALONE SUPERSTUDIO Group – Via Tortona 27
BUDBRAND “ESSENCE OF JOURNEY”

5 Aprile 2019 / / Design

Ritorna per il settimo anno consecutivo Din – Design In, evento di design internazionale che avrà luogo dal 9 al 14 aprile 2019 in occasione del Fuorisalone di Milano.

Dopo il successo delle 6 edizioni precedenti conferma la sua presenza all’interno del distretto più stimolante della Milan Design Week: il Lambrate Design District, dove il visitatore potrà perdersi fra mostre di qualità realizzate da designer e realtà imprenditoriali indipendenti, scuole e accademie internazionali.

La sede espositiva è un ex capannone industriale di 2000 mq, dove Promotedesign.it creerà un percorso esperienziale scovando e selezionando accuratamente brand, young label e marchi storici per mostrare il meglio che il panorama del design contemporaneo ha da offrire. Nelle edizioni precedenti Din – Design In ha ospitato oltre 800 realtà provenienti da più di 80 nazioni differenti che hanno mostrato la propria idea di design, raccontando l’iter progettuale che ha portato alla realizzazione dell’oggetto e messo in evidenza le caratteristiche distintive di ogni singolo Paese.

Sulla parete esterna del capannone vivrà l’Installazione “Beyond the Wall” dell’artista Erika Calesini. L’opera vuole veicolare un messaggio attuale e dal forte impatto comunicativo: “Non arrendersi, andare oltre, superare le barriere quando veniamo messi a confronto con situazioni difficili, come le barriere che ci dividono dagli altri”. Il design, in primis, stimola a superare i classici confini della progettazione per raggiungere l’essenza dell’innovazione e della sperimentazione.

All’interno dell’esposizione troviamo i progetti RIMUPUKEN eWALUNG di Alessio Tanzini – Alma Eterea Zero Waste Design. RIMU è una compostiera organica orizzontale che aiuta le persone a ridurre i propri rifiuti organici, trasformandoli in humus utile per le piante da giardino. PUKEN è un contenitore per conservare a freddo frutta e verdura senza l’utilizzo della corrente elettrica. WALUNG è un contenitore per alimenti sfusi, con la caratteristica di possedere un corpo in vetro e una base in terracotta su cui vi è un taglio che permette la fuoriuscita controllata degli alimenti.

UnKnown Furniture, il brand creato dal designer lettone Raimonds Cirulis, presenta [BLACK] series, la prima linea di arredi interamente in lava / basalto vulcanico mai creata al mondo. Bricks è, invece, una collezione di mobili per i bambini creata dal designer russo Max Kasymov. Ispirati al lego permettono di creare una composizione polifunzionale ultramoderna che non solo può ospitare vestiti e giocattoli per bambini, ma può insegnare come mantenere in ordine i propri oggetti personali trasformando il noioso processo del riordino in un gioco.

L’Università degli studi G. d’Annunzio di Chieti-Pescara presenta parte delle attività didattiche sviluppate nel Dipartimento di Architettura, all’interno Corso di Laurea in Design. Nello specifico gli studenti espongono artefatti comunicativi progettati durante i corsi di studio. Vengono mostrati i migliori risultati ottenuti nei primi due anni di vita del corso di Product Design nell’ambito del sistema cucina e Design del sistema arredo bagno e wellness. Per l’area Comunicazione gli studenti propongono i migliori elaborati sui temi progettuali legati al Design del Manuale d’uso dell’immagine coordinata per i musei della Provincia di Pescara.

Le studentesse del NID, Nuovo Istituto Design di Perugia, rinnovano la loro presenza al Din, per il terzo anno consecutivo, ed espongono una serie di oggetti in ceramica derivati da uno studio sulla semiotica di oggetti esclusivamente decorativi, secondo un trend che vede gli spazi domestici sempre più popolati da accessori iconografici.

BANNACH è un marchio di arredo con sede a Berlino, fondato da Moritz Bannach nel 2018. Design purista e una combinazione audace di colori sono tra le principali caratteristiche del design del brand. A Lambrate nel 2019 BANNACH presenta la collezione UNO, quattro tavoli da pranzo e da conferenza le cui caratteristiche distintive sono due serie di gambe incrociate che supportano un piano d’appoggio massiccio. L’intera collezione presenta un forte carattere scultoreo, enfatizzato dalla combinazione di un design essenziale con una selezione di colori espressivi.

All’interno dello spazio industriale riconferma inoltre la sua presenza il Temporary shop di circa 300 mq firmato Artistarjewels.com e dedicato alla vendita di creazioni uniche e creative di gioiello contemporaneo. Nell’area esterna invece, dedicata al food, verrà realizzato un giardino d’inverno, pronto ad accogliere i visitatori che da tutto il mondo creeranno sinergie stimolanti con i designer coinvolti dell’esposizione.


Durante l’edizione 2018 – afferma Enzo Carbone, CEO di Prodes Italia, società che ha fondato nel 2010 Promotedesign.it – abbiamo piacevolmente constatato negli occhi dei visitatori lo stupore nel trovare così tante realtà internazionali e innovative all’interno di un unico spazio così ampio. Per il 2019 abbiamo lavorato attivamente per coinvolgere organizzazioni e aziende da tutto il mondo, che con i propri prodotti possano valorizzare il Distretto di Lambrate”.

L’articolo Din Design In 2019: il giro del mondo in 2000 metri quadri proviene da Dettagli Home Decor.


Pc, tablet, smartphone sono ormai parte integrante della nostra vita quotidiana. Sempre più persone lavorano da casa (o si portano a casa il lavoro). Una cosa è certa: chi per il tempo libero, chi per studio o lavoro, tutti abbiamo bisogno di un angolo computer in soggiorno con una scrivania, una consolle oppure un mensolone su cui poter organizzare un’area attrezzata da piccolo home office.

Progetti e idee per una postazione pc in salotto

Magari sei tra i fortunati ad avere una stanza adibita a studio o un home office, se non è così allora avrai bisogno di una postazione per il computer nella zona giorno.

Richieste di progetti per un angolo computer in soggiorno sono costanti, in particolare nelle grandi città dove moltissimi single e coppie vivono in monolocali e bilocali. Anche le nuove costruzioni impongono una riorganizzazione delle aree della casa, perché le famiglie scelgono sempre più spesso la formula del trilocale (cucina e soggiorno in open space, 2 camere, 1 o 2 bagni). Nelle case tradizionali e nei grandi appartamenti degli anni 60 e 70 esisteva spesso “lo studio” ma nei trilocali moderni un ambiente dedicato è oggi impensabile, a meno che non si trasformi – almeno temporaneamente – la cameretta in home office.

#1: scrivania a penisola

Per rispondere alle esigenze di case dagli spazi ridotti l’arredamento si deve adeguare con soluzioni versatili e salvaspazio, alternative ai soliti standard: la scrivania non deve per forza avere 4 gambe, si può fissare alla parete e deve offrire un’ampia flessibilità. L’esempio perfetto è la scrivania a penisola di questo progetto.

Plan scrittoio è l'ideale per sfruttare l'angolo del soggiorno con un piano a penisola

In questo progetto il committente desiderava un angolo home office in soggiorno.

Questi scrittoi sono pensati per essere integrati a mobili soggiorno perfettamente abbinati. La componibilità è stata studiata proprio per andare incontro a chi per ragioni di spazio deve integrare più funzioni all’interno dello stesso mobile.

Esempi di come utilizzare queste soluzioni:

Scrittoio alto a penisola Hyperion

Scrittoio Plan integrato in mobile soggiorno

#2: una vera e propria scrivania attrezzata per un pc

Se hai spazio non rinunciare a creare il tuo personale angolo da dedicare ai tuoi dispositivi elettronici e strumenti tecnologici. In questo caso c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il nostro consiglio è una scrivania super attrezzata con foro passacavi e copri cavi per evitare il disordine e mantenere uno spazio ordinato e presentabile, visto che si trova in soggiorno o in salotto.

#3: postazione pc sospesa

Ecco un altro progetto in cui abbiamo sfruttato i moduli di una parete attrezzata per ricavare un angolo studio-lavoro. In questo caso la postazione pc è ricavata da una mensola con schienali a protezione della parete e mensole superiori.

Se preferite arredi non coordinati alla parete attrezzata, potete optare per altre soluzioni come consolle a parete o mensole apribili.

Consolle sospesa per pc Kosmos

Mensola apribile Riddle

#4: angolo pc integrato a mobile tv

Qualsiasi parete attrezzata componibile che si rispetti comprende sicuramente dei moduli ideati per creare una zona dedicata a studio e lavoro al computer. Nel progetto qui sotto la parete attrezzata e il mensolone porta computer sono perfettamente integrati. La postazione risulta così completa di pensili contenitore e piccola libreria.

#5: libreria con postazione per pc

Le librerie componibili sono la soluzione perfetta per integrare tutte le funzionalità che cercate in un unico mobile per il soggiorno. Oltre a poter essere trasformate in pareti attrezzate porta tv, le librerie modulari possono integrare scrivanie, scrittoi, ripiani profondi adatti ad ospitare un angolo dedicato al lavoro o allo studio

Libreria a montanti con scrittoio integrato Airport

Scaffale componibile Bagel con ripiano porta pc

Libreria componibile su misura Almond a ponte con scrivania

#6: ricavare un angolo studio in una nicchia

Può accadere di trovarsi con nicchie che non si sa mai come utilizzare. In questo caso sono bastate poche mensole e un armadio a muro su misura per ricavare una zona studio nel piccolo soggiorno con cucina a vista.

Progetto di un monolocale con angolo studio in nicchia

L'angolo studio è stato ricavato da una rientranza, attrezzata con ripiani

#7: una consolle dietro al divano

Se il divano è a centro stanza, lo usi per separare la zona living dalla cucina o per delimitare un’area di passaggio o un ingresso, puoi posizionare una consolle proprio dietro allo schienale. Puoi completarla con una sedia o un pouf in base allo spazio che hai a disposizione. A seconda della profondità del mobile potrai usarlo per un pc fisso o per un portatile. Se vuoi davvero una soluzione perfetta opta per una consolle su misura in larghezza ed altezza, in modo da rispettare le proporzioni del divano. Il tocco in più: una lampada da tavolo di design e una pianta.

#8: uno scrittoio per un angolo computer di classe

Se hai tanto spazio in soggiorno, magari con una zona dedicata solo alla libreria, alla lettura, allo studio e al lavoro, la scelta diventa più semplice. Non dovendo scendere a compromessi con metri e centimetri puoi optare per la soluzione ideale: un vero e proprio scrittoio, moderno o di design, perfetto per definire la tua “area tecnologica”.

#9: consolle fissa o allungabile

La profondità di una consolle standard si aggira tra i 35 e i 50 cm, ma tutto dipende dal modello e dallo stile. Le consolle allungabili possono essere più profonde perché contengono le prolunghe e i meccanismi. Semplici nella forma e sempre più spesso adornate da gambe dal design spettacolare, questi mobili sono diventati fondamentali nelle case moderne, in particolare i modelli trasformabili ed estensibili. Il vantaggio di questa soluzione è che puoi usarla come arredo “di bellezza” quando non ti serve per lavorare, e trasformarlo in scrivania da pc solo se necessario. Se il piano si apre o si allunga, ancora meglio!

#10: un piccolo home office in sala

Se hai uno spazio vuoto abbastanza capiente puoi pensare di attrezzarlo con un piccolo home office completo di postazione pc, ripiani e armadietti. Nel progetto qui sotto l’angolo computer è stato addirittura ricavato all’ingresso.

#11: mensola porta computer o laptop

Un’altra valida soluzione è una semplice mensola o un piccolo scaffale. Una soluzione relativamente low cost (dipende dal materiale che scegli!) e che occupa il minimo spazio. Perfetta se lavori con laptop o tablet, per pc fissi controlla bene dimensioni e peso.

Quale sedia scegliere per la postazione pc in salotto

La risposta è: dipende. Dipende da quante ore usi il computer e di conseguenza da che tipo di supporto hai bisogno.

Lavori da casa

Se la tua postazione è in realtà il tuo home office allora meglio optare per una sedia da ufficio ergonomica. Non sarà esteticamente in linea con il resto della zona giorno, ma non puoi rischiare di rovinarti la schiena lavorando 8 ore al giorno su una seduta non adeguata.

Usi la postazione per studiare

Tu – o i tuoi figli – usate l’angolo pc per studiare o fare i compiti. Anche in questo caso l’ideale sarebbe una sedia da ufficio, ma non è strettamente necessaria se punti su uno sgabello o una sedia ergonomica. L’obiettivo è favorire una postura corretta.

Usi il pc poche ore a settimana

Se la zona computer è usata saltuariamente o qualche ora nell’arco della settimana, puoi puntare molto di più sull’estetica. In ogni caso, non dimenticare il comfort. La postura davanti a laptop portatili e pc è sempre poco naturale, quindi una buona seduta può aiutare a scongiurare fastidi al collo, alla cervicale e alla zona lombare. Una poltroncina con braccioli è sempre la più indicata.

Spero di averti aiutato con i suggerimenti che hai trovato in questo articolo. Hai visto che, come sempre, anche in una casa piccolissima è possibile creare un angolo computer in soggiorno o una postazione pc in salotto…perfino all’ingresso di casa. Basta cercare e organizzare al meglio gli spazi, anche i più impensati.

Non dimenticare gli angoli, spesso impiegati male o semplicemente ignorati. Una nicchia nella parete, un ingresso, un disimpegno: se hai bisogno di un angolo computer per lavorare, studiare, giocare, non disperare ma guardati intorno e individua le aree della casa con maggiori potenzialità. Poi, immagina cosa puoi farci e comincia a cercare quello che ti serve: una mensola? degli scaffali componibili o una parete attrezzata modulare? uno scrittoio o una vera scrivania da lavoro? o magari la soluzione è un piccolo porta pc dal design curato?

Il decalogo ANTI-mal di schiena

  1. 1. usare sedie convenzionali quando si lavora al pc è una delle principali cause di disturbi muscolo scheletrici, meglio optare per sedie da ufficio o sedie ergonomiche o a seduta attiva
  2. 2. la postura ideale è la neutral position della colonna vertebrale: mantenere in verticale l’asse collo schiena per non sovraccaricare nessun punto
  3. 3. il tuo peggior nemico è la staticità, stabilisci delle pause in cui alzarti per sgranchire le gambe e muoverti, mentre sei al telefono approfitta per alzarti dalla sedia e camminare o fare dei piccoli esercizi (alzarsi sulle punte dei piedi, ruotare collo, spalle, tronco, flettere le gambe in avanti e indietro)
  4. 4. una seduta “attiva” con opportuni sistemi di oscillazione e che permette il cambio di posizione è l’ideale
  5. 5. ogni tanto fermati e fai caso alla postura che stai mantenendo: sei troppo in avanti col collo? sei troppo indietro e stai inarcando la zona lombare? hai le gambe accavallate? siedi sul bordo della sedia? cosa fanno i piedi? le spalle sono troppo rigide? Questo ti aiuterà a capire di cosa hai bisogno: occhiali? una seduta con supporto lombare? una sedia con braccioli? un poggiatesta?…
  6. 6. se passi tanto tempo davanti agli schermi scegli una sedia ad altezza regolabile e ricorda che la posizione degli avambracci rispetto al corpo deve essere di 90°
  7. 7. i piedi attivano il flusso di ritorno del sangue verso il cuore e le gambe lavorano come un sistema di “pompaggio”, ma quando non camminiamo questo diventa più difficoltoso: un poggiapiedi regolato alla giusta altezza può aiutare
  8. 8. la lordosi lombare (una leggera curvatura in avanti) è normale, non è possibile stare completamente dritti con la schiena e anzi potrebbe essere origine di dolori
  9. 9. se lo schermo del pc è troppo basso alzalo con appositi supporti per evitare di sforzare troppo gli occhi
  10. 10. bevi! Acqua, si intende. Con i caffè meglio non esagerare!

Ti stai ancora chiedendo dove mettere il computer in casa? Parlane con i nostri arredatori

Contatta un arredatore di ArredaClick

5 Aprile 2019 / / Design

Al Fuori Salone arriva lei. Angie. La nuova collezione di portabiti firmata Toscanini, azienda leader nella produzione di soluzioni per appendere, all’edizione 2019 della Milano Design Week lancia una nuova linea disegnata da Giulio Iacchetti.

Verrà presentata in Via San Damiano 5 a Milano dal 9 al 14 aprile (10-22h) con un’allestimento curato dallo studio del designer  che rimanda e si ispira ad un’opera di Man Ray intitolata Obstruction. Giovedì 11 aprile 2019 dalle ore 18.30 ci sarà un cocktail party per il lancio ufficiale del progetto alla presenza di Giulio Iacchetti.

Un oggetto comune, forse ordinario nella nostra quotidianità, come il portabito  viene interpretato in una visione decisamente nuova.

Toscanini Angie Collection_Giulio Iacchetti_19866

Con il progetto Angie – racconta Giulio Iacchetti – ho voluto innanzitutto affrontare un tema di “sistema”. Esistono portabiti per giacche e camicie, per pantaloni e per gonne… che dire di un’unica gruccia in grado di adeguarsi, attingendo ad un piccolo repertorio di accessori, alle varie esigenze funzionali sopra elencate?”

Questa linea offre un gancio antifurto ed è dedicata al mondo dell’ospitalità, dove solitamente i portabiti sono fissi e parte integrante degli armadi. Invece la particolarità del modello Angie è la possibilità di separare con una rotazione “magnetica” il gancio, che rimane appeso all’asta del guardaroba, dal portabito consentendo una maggior praticità nel suo utilizzo.

toscaninigi_19906.jpg

Il portabito Angie ha inoltre un’altra caratteristica unica e distintiva: appoggiato su un piano, resta perfettamente in posizione verticale. In questo modo si lascia apprezzare a tuttotondo, evidenziando la sua squisita fattura e la corposità del legno massello, ribadendo ulteriormente la dignità di uno strumento tanto umile quanto necessario per la nostra vita quotidiana.

Ma il mondo Toscanini non è solo contract. Ve ne parlerò più avanti…

 

5 Aprile 2019 / / ChiccaCasa

Questo è un post dedicato a tutti gli orgogliosi proprietari di mini-case, o di case normali dotate di mini-soggiorno.
Arredare un piccolo spazio, spesso significa fare a botte con il metro, cercare per ore mobili di misure non-standard e pensare a lungo a quale sia la migliore disposizione degli arredi, affinché gli spazi siano più liberi da ingombri.
Per fortuna esistono dei trucchi evergreen che ci facilitano la vita. Qui ti svelo qualche tip per far sembrare più grande un piccolo soggiorno.
Come fonte di ispirazione, ho preso un meraviglioso salotto – all’interno di un appartamento proposto dalla super cool agenzia immobiliare svedese Entrance Makleri – il quale, di fatto, non è per niente piccolo (50mq). Ma quando mi ricapitava di trovare un salotto grande con tutte le caratteristiche per ampliare visivamente gli spazi? 
E poi non lo trovi anche tu accogliente ed extra-trendy?
come far sembrare un soggiorno piccolo più grande

Sedute extra basse
Lasciare che la luce transiti indisturbata all’interno della stanza, è senza dubbio uno dei modi migliori per aprire visivamente un ambiente. 
Le sedute complementari al divano, sono ammesse, anche se la stanza è piccola. Meglio però se basse, o visivamente leggere.

far sembrare un salotto più grande

Spazi vuoti
Uno dei principali “segreti” per far sembrare uno spazio più grande è far percepire l’essenza dello stesso spazio. In pratica, permettere a chi osserva di immaginare senza troppi sforzi come sarebbe la stanza, senza niente dentro.
Basta tenere lo spazio leggero, curando gli intervalli tra un arredo e l’altro, e lasciare una o più aree del tutto libere da ingombri.

far sembrare una salotto più grande

Mobili stretti
Le dimensioni, nell’interior design contano eccome! Per le credenze, le madie, le librerie e tutti gli altri mobili da accostare alla parete (come ad esempio la panca in questo salotto) opta per profondità ridotte. In questo modo recupererai qualche centimetro calpestabile in più. Non dovrai per forza ricorrere al “su misura”, perché in commercio ci sono un sacco di proposte di mobili con una profondità inferiore ai 40 cm. 

come far sembrare un soggiorno piccolo più grande
Decorazioni discrete
Less is more è un principio sempre valido nel campo della decorazione dei piccoli interni.
Scegli decorazioni discrete, sia nei toni che nelle dimensioni, ma soprattutto, non sovraccaricare pareti, mensole, nicchie o quant’altro con troppi oggetti addossati. Ricordati che le decorazioni hanno il compito di avvalorare un ambiente, non di sminuirlo.

come far sembrare un soggiorno piccolo più grande


Pareti bianche
When in doubt, go white! Il bianco è sempre la soluzione più semplice per dare profondità ad una stanza. Inoltre, se usi il bianco come tinta di base, oltre che per le pareti, anche per il divano o i tendaggi, tutti i dettagli colorati saranno messi in risalto.

trucchi per arredare un piccolo salotto

Allora, cosa ne pensi di questo salotto?

Sono sicura che questi semplici consigli, ti saranno utili. D’altronde, sono i piccoli accorgimenti a fare grande uno spazio! 

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
5 Aprile 2019 / / La Gatta Sul Tetto

Durante la MDW la città si popola di installazioni sempre più coinvolgenti e spettacolari, per veicolare messaggi o mettere in valore prodotti e progetti.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone
Maestà Soffrente – Gaetano Pesce per B&B Italia

La MDW è ormai l’evento più importante al mondo non solo per il design. Architettura, arte, fashion, food, tecnologia si incontrano per offrire esperienze sempre più coinvolgenti per il pubblico. Lo scopo è quello di mettere in valore i prodotti proposti dai brand, attirando più visitatori grazie a installazioni spettacolari.

Vediamo, a grandi linee, quali sono le installazioni da vedere durante la MDW 2019:

Raytrace – Benjamin Hubert per Cosentino

Sotto la Stazione Centrale, in via Ferrante Aporti 27, il gruppo spagnolo Cosentino presenta l’innovativo Dekton®, un materiale estremamente resistente e flessibile. Benjamin Hubert, dell’agenzia di design LAYER ha progettato un tunnel nel quale i visitatori avranno l’impressione di camminare sott’acqua.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone
Courtesy of Cosentino & LAYER

MateriAttiva – SOS – School of Sustainability e lo studio Mario Cucinella Architects per Iris Ceramica Group

Nella prestigiosa location di via Balzan/via San Marco, nel ditretto di Brera, l’azienda leader nella produzione di grès porcellanato Iris Ceramica Group presenta gli innovativi materiali realizzati con la tecnologia ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™ in una grotta, progettata da SOS – School of Sustainability e dallo studio Mario Cucinella Architects.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone

DesignByGemini – The Pool Club

Un’installazione interattiva ispirata alla Miami degli anni ’90, con palme e colori fluo accoglierà i visitatori in un container in Piazza XXV Aprile. All’interno, gli arredi e gli elementi creati dalle designer Elena e Giulia Sella, fondatrici dello studio, e una piscina riempita di palline rosa nella quale il pubblico potrà scattare foto e stamparle in tempo reale.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone

Maestà Soffrente – Gaetano Pesce per B&B Italia

Nel 50° anniversario dell’iconica poltrona UP 5 & 6 disegnata da Gaetano Pesce, l’azienda B&B installa in Piazza Duomo la sua versione gigante, trafitta da frecce: un messaggio che vuole sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne.

Interstellar – Dimore Studio

L’eclettico duo Emiliano Salci e Britt Moran, titolari del celebrato Dimore Studio, presentano la loro nuova collezione Interstellar in via Pietro Mascagni 8.

An Extraordinary World -Marc Ange

Il designer franco-italiano Marc Ange trasformerà gli spazi di Palazzo Cusani, in via Brera 15, in un mondo onirico costellato di installazioni straordinarie, tra le quali una nuova versione del celebre Le Refuge: Le Refuge de La Nuit.

Les Arcanistes – Studiopepe

Studiopepe promette una nota di misticismo nella sua installazione Les Arcanistes, che esplora il rapporto tra la materia e il potere archetipico dei simboli. Prodotti su misura e riedizioni saranno esposti in uno spazio inedito che un tempo ospitava un’officina per la produzione di oro nel 1900. In via Garofalo 24.

Vi lascio alcuni link per approfondire le informazioni:

2019.breradesignweek.it/it/

fuorisalone.it/2019/it/percorsi/zone-del-design

fuorisalone.it/2019/it/percorsi/percorsi-tematici

I miei articoli-anteprima:

mdw 2019 il design sostenibile è a lambrate

mdw 2019 focus su tortona district


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail: