2 Aprile 2019 / / Blog Arredamento

La cura dell’arredamento della stanza da bagno è diventata una priorità di tutti coloro che stanno costruendo o ristrutturando la propria casa.
Da ambiente riservato e di servizio del quale non valeva darsi troppa pena, è diventata una vera e proprio stanza da vivere e a cui è affidato un aspetto molto importante, anzi quasi essenziale, della vita di tutti i giorni: il momento dedicato al relax.

Arredare il bagno: puoi farlo anche online!

Stai pensando di rendere più accogliente il tuo bagno ma non hai tempo per andare in negozio?
Allora sarà il negozio a venire da te!
Vai su acquaclick.com: troverai una gamma completa di sanitari, piatti doccia, box doccia e vasche di tutte le migliori marche presenti sul mercato. E se vuoi un preventivo completo per ristrutturare il tuo bagno, devi solo completare un velocissimo questionario e l’ufficio progettazione farà tutto il resto per te!

Arredo bagno: i piatti doccia colorati

Una delle novità di tendenza degli ultimi tempi è il piatto doccia colorato.
Dopo anni di onorato servizio, la classica ceramica bianca sta lasciando il passo a nuove miscele naturali, più duttili e soprattutto colorate: benvenuti piatti doccia in acrilico!

Un ottimo piatto doccia in acrilico è l’Ultra Flat S di Ideal Standard.
È realizzato in Ideal Solid, una miscela di minerali naturali e resine brevettata e prodotta proprio da Ideal Standard. I piatti doccia Ultra Flat S hanno finitura opaca effetto pietra, elegante e contemporanea e sono disponibili in cinque colori: bianco, sabbia, grigio cemento, moka e nero.
Per rendere ancora più raffinato il tuo piatto doccia puoi abbinare la griglia di scarico dello stesso colore, per ottenere così un elegante effetto tono su tono.

I piatti doccia in acrilico si possono tagliare facilmente su misura sia in lunghezza che in larghezza.
Per esigenze di progettazione particolari, come ad esempio la presenza di una colonna all’interno del box doccia, l’installatore può seguire le istruzioni presenti nella confezione ed effettuare direttamente in cantiere lo scasso su misura.
La flessibilità del materiale con cui i piatti doccia Ultra Flat S sono realizzati si traduce anche nella produzione di piatti doccia su misura dal più piccolo 70×70 fino alla dimensione massima 90×250.
Hai scheggiato o graffiato il piatto doccia? Niente paura, l’Ultra Flat S è riparabile con un apposito kit che lo fa tornare come nuovo!

Con uno spessore di soli 3 cm, sono tra i più sottili piatti doccia in acrilico sul mercato e possono essere installati sopra pavimento o a incasso a filo pavimento.

I piatti doccia filopavimento Ultra Flat S sono davvero un’eccellenza! Belli, resistenti, facilmente adattabili ad ogni ambiente bagno e ad ogni esigenza di spazio e… garantiti 5 anni!

Arredare il bagno: puoi farlo anche online!

Vuoi dare un’occhiata ai piatti doccia Ultra Flat S di cui ti abbiamo parlato così bene? Vuoi farti un’idea di quali altri articoli Ideal Standard potresti acquistare per il tuo bagno? Vai su Acquaclick e dai un’occhiata alla gamma completa di prodotti Ideal Standard!

2 Aprile 2019 / / Charme and More

I biscotti di Pasqua sono degli ottimi dolcetti di pasta frolla; genuini e  semplici da realizzare.

Se in casa abbiamo dei bambini ci possiamo divertire con loro nel prepararli per la colazione della mattina di Pasqua o per fare dei piccoli regali a parenti e amici, come alternativa alla tradizionale colomba.

Ecco la ricetta per sei persone e le istruzioni necessarie per una veloce pasta frolla.

INGREDIENTI

300 g di farina
150 g di burro
150 g di zucchero a velo
1 uovo
2 tuorli
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE

Per preparare degli squisiti biscotti di pasta frolla iniziate dalla lavorazione del burro  con lo zucchero a velo. Mettete lo zucchero a velo in un mixer, aggiungete il burro  appena tolto dal frigorifero e frullate fino ad ottenere un composto sabbioso.

Versate il composto su una spianatoia, aggiungete la farina e il pizzico di sale e formate una fontana. Rompete l’uovo e aggiungete i 2 tuorli. Iniziate a mescolare con la punta delle dita.

Lavorate l’impasto velocemente e fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti e formare una palla. Avvolgete la pasta frolla con la pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Trascorso questo tempo, stendete la pasta frolla (spessore di almeno 5 millimetri)  con un matterello in legno inciso con laser e formate con degli  stampini che rappresentano i classici simboli pasquali tanti biscotti, che andrete ad adagiare su una teglia foderata di carta da forno.

Cuocete in forno caldo a 200° per circa 10 minuti o fino ad una leggera doratura.

mattarello-pasqua-biscotti-frolla

Mattarello in legno di faggio inciso con il laser di GOODYWOODYcompl

biscotti-frolla-pasqua-mattarello

Mattarello piccolo perfetto per lavorare con i bambini.

https://www.awin1.com/cread.php?awinmid=9607&awinaffid=566167&clickref=&p=https%3A%2F%2Fwww.etsy.com%2Fit%2Flisting%2F670425162%2Fnuove-uova-di-pasqua-mattarello%3Fref%3Duser_profile
Mattarello inciso dal laser con decorazioni pasquali
Confezione per un simpatico regalo di Pasqua. Mattarelli di faggio incisi al laser.
Confezione per un simpatico regalo di Pasqua. Mattarelli di faggio incisi al laser.

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.

 

L’articolo Biscotti di Pasqua di pasta frolla. proviene da Charme and More.


Relooking bancone
Foto by Danilo Marrocchi

Relooking con poco si può!

Con poco davvero si può! Bastano la creatività, l’ingegno, la buona volontà e l’aiuto del professionista giusto per migliorare qualsiasi ambiente.

Certo se avete un monolocale non potrà mai diventare la reggia di Versailles e se avete un bar con arredamento rimasto agli anni ’80 non potrà mai trasformarsi per magia in un locale di tendenza, all’ultimo grido, ma con un piccolo investimento si potranno certamente fare delle modifiche e delle migliorie che doneranno nuova luce al locale e lo valorizzeranno nel modo giusto.

Prendiamo il caso del bar di cui abbiamo curato il restyling
qualche tempo fa, un bar normale, senza infamia e senza lode come si potrebbe
dire!

Un po’ datato nel look e negli arredi, molto sovraccarico di materiali inutili accumulati e foglietti attaccati su ogni superficie, con un pavimento imponente!

Cambiare il colore delle pareti

I nuovi gestori volevano rinnovare il look del bar ma volevano investire davvero poco, viste tutte le spese già affrontate, l’idea è stata dunque, prima di tutto, quella di ispirarsi proprio a ciò che mi infastidiva parecchio ma non si poteva cambiare…il pavimento e così per le pareti si è scelto un verde che riprendesse i colori delle piastrelle, che si accordasse e coordinasse con esse. Per la parte superiore della parete è stato scelto un verde più chiaro mentre per la parte inferiore, già divisa da una bacchetta di legno, si è optato per un bel verde patina, più scuro. Si è venuta a creare così una gradevole ed elegante boiserie molto svecchiata rispetto alla precedente, con il colore più chiaro ad illuminare, nella parte più alta, ed il colore più scuro a proteggere, nella parte bassa.

  • La parete viene dipinta di verde chiaro nella parte superiore e verde scuro “patina” nella parte inferiore

Il verde tra l’altro si è scoperto essere il colore
preferito delle proprietarie, quindi siamo entrati subito tutti in sintonia,
cosa molto importante se non fondamentale.

Ridipingere il bancone

Il secondo passo è stato quello di rinnovare l’imponente bancone, che è stato svecchiato ridipingendolo con una vernice panna che lo ha alleggerito, rinnovato e modernizzato.

  • Prima e dopo

Tutto l’ambiente ha acquistato nuova luce e nuova armonia, anche il bel controsoffitto che seguiva dall’alto il bancone è tornato a farla da padrone e ad avere motivo di esistere.

Scegliere i giusti complementi

Lavagnette, gabbiette, piantine sospese, elementi in ferro battuto bianco, hanno completato l’opera dando quell’aspetto di giardino d’inverno in stile un po’ liberty, al quale avevamo cercato di ispirarci, sempre seguendo il motivo dell’amato/odiato pavimento!

arredi ferro battuto

Scaffale alto, per patatine e altro, in ferro battuto bianco effetto anticato, disponibile QUI anche in altri colori

arredi ferro battuto

Etagere a muro in ferro battuto bianco anticato, la trovate QUI anche in altri colori

arredi ferro battuto

Tavolo e sedie in ferro battuto da giardino, utilizzabili anche all’interno per ricreare un ambiente che faccia pensare ad una serra o a un giardino di inverno, sarebbe opportuno mettere una lastra di vetro sul piano per renderlo più comodo. Set disponibile QUI

Ecco alcuni grazioso decori che hanno contribuito a completare l’arredamento del bar rendendolo ancora più accogliente. In alto a destra lavagnetta a forma di cuore che trovate QUI di seguito set di 10 pz di minilavagnette/targhette disponibili QUI, successivamente due modelli di gabbiette decorative da appendere al soffitto o appoggiare sul bancone disponibili QUI e QUI

arredi ferro battuto

Orologio da parete bifacciale bianco disponibile QUI

Spesso far diventare un punto di forza quello che sembrava essere un problema può rivelarsi una grande trovata e così è stato per noi in questo caso. Se l’ostacolo non si può eliminare allora non resta altro che farselo amico!

L’articolo Relooking di un bar, il bancone cambia volto proviene da Architettura e design a Roma.

2 Aprile 2019 / / Design

Dall’estetica industriale, Multiplo è una soluzione intelligente per arredare la stanza da bagno in modo dinamico e versatile. Pochi elementi danno vita ad una molteplicita’ di combinazioni: dal semplice piano in ceramica su cui appoggiare diverse collezioni di ciotole alla soluzione piu’ completa con vano contenitore o vano portaoggetti a vista.

Multiplo, disegnato da Andrea Parisio e Giuseppe Pezzano per Ceramica Cielo, è l’innovativo sistema componibile di piani in ceramica e contenitori, che mette in scena sofisticate micro-architetture contemporanee che esaltano funzionalità e semplicità.

Cuore del progetto è sempre la ceramica, caratterizzata da dimensioni, spessori, superfici e colori inediti, frutto dello straordinario lavoro di ricerca di Ceramica CIELO, che ha declinato questo materiale in una collezione dal concept unico e geniale. La libera componibilità dei piani in ceramica, integrati in strutture modulari in acciaio ed elementi contenitori e vani portaoggetti a vista, origina, infatti, un sistema flessibile ed articolato in grado di vestire gli ambienti con elementi orizzontali e verticali, in soluzioni simmetriche e speculari, in un gioco di pieni e vuoti che dà ritmo alle pareti.

Le numerose configurazioni di Multiplo permettono di ridisegnare gli spazi attraverso un linguaggio dinamico. Ad arricchire questa eccezionale collezione, caratterizzata da forte personalità e adattabilità, è Minimultiplo, l’inedito modulo compatto concepito per rispondere alle esigenze arredative di spazi particolarmente contenuti.

Con un’estetica minimal all’insegna della massima personalizzazione, Multiplo sorprende per l’estrema modularità e gli incomparabili abbinamenti cromatici: ben 18 i lavabi compatibili e installabili su piani in ceramica – disponibili in 6 formati (40×29 cm, 50×48 cm, 70×48 cm, 90×48 cm e 120×48 cm) e nelle 16 nuance e tattilità ispirate alla natura della straordinaria palette cromatica “Terre di Cielo” e contenitori e vani portaoggetti in legno laccato, declinabili in 8 delicate tonalità della gamma: Talco, Pomice, Brina, Arenaria, Avena, Cemento, Basalto e Muschio. Massimizza la funzionalità delle composizioni senza mai comprometterne l’armonia, l’elemento portasciugamani di design in finitura Nero Matt e Cemento come la struttura.

Una soluzione trasversale ideale per arredare ambienti residenziali e contract di ogni dimensione.

MULTIPLO: una collezione semplicemente unica

L’articolo Multiplo: industrial mood reloaded proviene da Dettagli Home Decor.

2 Aprile 2019 / / Idee

Dove cominciare per arredare casa? Una delle domande più richieste, per uno dei compiti più importanti. Semplifichiamo il processo passo dopo passo.


Quando si affronta il grande passo di andare a vivere da soli/ in coppia o si acquista la nuova casa l’emozione è alle stelle. Una casa intera tutta nostra, bianca come una tela e da riempire con arredi e complementi che abbiamo sempre sognato.

Quello che fino a ieri era una emozione pura ora pian piano si trasforma un po’ in ansia: da dove comincio per arredare casa? Cosa mi servirà? Quanto spenderò? Tutte domande legittime che però se poste tutte assieme hanno come risultato finale un gran mal di testa.

Innanzitutto non auto-acceleratevi: non c’è nessuno che vi aspetta al traguardo e non c’è una scadenza oltre la quale non potete più arredare casa. Cerchiamo di fare chiarezza ed analizzare passo dopo passo il processo che vi porterà a definire l’arredo e lo stile di casa vostra.

Dove cominciare per arredare casa: non abbiate fretta

Questa frase può sembrare fuori luogo ma è il principio base con cui far pace. Pensateci bene: una volta che avete gli elementi base per vivere, non c’è fretta di avere tutta la casa arredata al completo, giusto?

Prendervi il tempo di riflettere, valutare, guardare farà sedimentare meglio le vostre scelte che saranno dettate dalle reali necessità che incontrate man mano che vivete nella vostra nuova casa. Acquistare tutto molto prima crea il rischio di avere elementi che pensavate vi sarebbero serviti o che sarebbero stati bene nel complesso, e invece no.

Aiutatevi compilando una check-list degli arredi e complementi che vi serviranno

Mettere tutto nero su bianco vi aiuterà a catalizzare l’attenzione sugli oggetti ed arredi che realmente pensate vi serviranno. Analizzate stanza per stanza definendo le attività che andrete a svolgerci e fate un elenco di arredi ed oggetti che usate abitualmente per quei compiti. Partite dai grandi arredi e scendete nel dettaglio, senza dimenticare nulla.

Questo vi permetterà di definire il numero di oggetti che vi servono, vi darà un’idea di budget e vi permetterà di cominciare a definire le priorità.

Man mano che delineate le vostre abitudini ed esigenze potrete aggiornare l’elenco aggiungendo o togliendo elementi e spuntando quelli che comprate strada facendo.

banner blog per scaricare la checklist dove cominciare per arredare casa

Pinterest lo conoscete?

Se la risposta è no, vi consiglio di correre ai ripari: Pinterest è il miglior motore di ricerca quando si è in cerca di idee ed ispirazioni.

Grazie a Pinterest potrete trovare migliaia di immagini di case da salvare in bacheche virtuali. Il mio consiglio è di creare una bacheca per ogni stanza, così da salvare le idee con più facilità. Se non sapete da dove partire, date un occhio al mio profilo!

Ovviamente sono perfetti sia i cataloghi delle aziende di arredi che le riviste di settore: tenete da parte queste immagini per creare una tavola d’ispirazione sulla quale attaccare tutte le immagini che avete selezionato. In questo modo si comincerà a definire un gusto ed uno stile da perfezionare man mano.

La tavola d’ispirazione (anche detta moodboard) potete farla anche online, con il programma gratis online Canva. Vi basterà caricare le immagini scelte nel sito e comporle in griglie, scegliendo tra i tanti modelli disponibili. Una volta fatto, stampatelo per poterci annotare i vostri commenti e le vostre revisioni.

infografica dove cominciare per arredare casa processo in cinque passi

Dove cominciare per arredare casa: definire i colori da usare in casa

Se avete collezionato un bel gruppo di immagini di ispirazione potrete notare che ci sono dei colori che si ripetono. Questi con molta probabilità sono i colori che preferite e quindi potete cominciare a dividerli in grandi gruppi: i blu, i verdi, i grigi.. Fatto questo, potete selezionare 5 colori che andranno a formare il vostro schema colore da applicare in tutta casa.

Secondo me l’ideale è avere due colori saturi (carichi di colore), un pastello e due neutri. In questo modo avrete un buon mix di tonalità facilmente accoppiabili, che vi garantiranno un equilibrio cromatico.

Definire le priorità d’acquisto

A questo punto le idee dovrebbero cominciare a schiarirsi, ed è qui che arriva il bello. Avete stretto il campo intorno allo stile che volete dare a casa vostra, state definendo i colori che più preferite. Avete la vostra check-list di arredi e complementi da acquistare: ora dovete priorizzare gli acquisti.

Cosa vuol dire? Significa che dovete scegliere prima gli arredi senza i quali non potete vivere in casa: letto, divano, cucina. Questi sono anche gli elementi che vi prenderanno la parte più grande del budget, per cui prendetevi il tempo di selezionare i rivenditori di mobili che vi piacciono di più. Date un occhio ai loro siti e definite quelli che meritano una vostra visita in persona.

Girate, guardate, fotografate e prendete nota di dimensioni, colori, prezzi. Fate anche un secondo ed un terzo giro nei negozi, se serve. In questo modo le decisioni avranno il tempo di sedimentare e le decisioni saranno davvero semplici.

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?
Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Dove cominciare per arredare casa: giorno #1 sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

2 Aprile 2019 / / Decor

Quando si giunge alla conclusione
di un progetto d’interni, a volte ci si accorge che manca “qualcosa”, quel
tocco originale che renderebbe l’intervento di restyling davvero ultimato.

Un piccolo accessorio, infatti,
può essere utile e indispensabile.

Ecco che un bel tappeto, piccolo o grande che sia, ha sicuramente la capacità di delineare al meglio il nostro ambiente, connotandolo di particolarità e caratterizzandolo in stile e decor.

L’ elemento che in primis va sottolineato, è la meravigliosa sensazione tattile che questo complemento d’arredo fornisce. Camminare a piedi nudi e avere il contatto diretto con il tessuto è un modo per assaporare pienamente la propria casa, oltre a percepire senso di calore e benessere.

Altro fattore importante è la delimitazione degli spazi che offre.

Inserire un tappeto in una stanza
crea delle zone di passaggio, delinea percorsi e aree dedite a svariate
attività. Molte utile se utilizzato in camere con pochi arredi e con necessità
di essere personalizzate.

E’ oltremodo un oggetto versatile che trova la sua collocazione in ogni contesto. Dalla passatoia allo scendiletto, dal bath mat allo zerbino…

Il mood di tendenza, le
dimensioni o i colori da scegliere, non hanno vincoli prestabiliti e combinare
soluzioni differenti tra gli stili in casa o propendere per una soluzione più
neutra dipende dall’azzardo che ognuno di noi ha voglia di affrontare!

2 Aprile 2019 / / Blog Arredamento

Insieme alle ristrutturazioni i traslochi sono senza dubbio tra gli avvenimenti più stressanti nella vita di tutti noi.

Lo dimostrano studi psicologici (Hooper & Ineichen, 1979): si tratta di un cambiamento enorme definito da una fase di passaggio ad alto rischio, caratterizzata da svuotamento, disordine, perdita di punti di riferimento. Molti si possono sentire tristi, addirittura depressi, privati di tutti gli oggetti che fino ad allora hanno rappresentato il proprio personale paesaggio familiare. Si abbandona una routine per iniziarne una nuova, la mattina al risveglio non ci saranno più i rumori conosciuti, la stessa luce, lo stesso modo di muoversi in casa. I primi tempi in una nuova casa moltissime persone non la riconoscono come propria, nonostante l’abbiano scelta e magari costruita.

È tutto normale! Ma è per queste ragioni che per un trasloco è sempre meglio chiedere aiuto: affidarsi a dei professionisti può aiutare a non sentirsi persi, ad organizzarsi meglio e ad avere al proprio fianco qualcuno che sia “padrone della situazione” e ci trasmetta sicurezza.

Svuotare gli armadi, gettare via ciò che non ci serve più, dividere tutti gli oggetti per categorie e organizzarli nelle scatole, preparare scatoloni di piatti e bicchieri perfettamente imballati…è solo la prima fase.

Vogliamo parlare di tutta la seconda fase? Smontare, trasportare e rimontare i mobili non è un gioco da ragazzi.

Se hai la fortuna di avere una squadra di familiari esperti in questo genere di attività (e intendo: falegnami, idraulici, elettricisti e forzuti volontari disposti a trasportare arredi e pacchi su e giù per le scale…magari senza ascensore), allora sei a cavallo.

Ma non sempre è così.

Una casa non è solo una casa, dentro c’è tutta la nostra vita e dobbiamo trasportarla da un’altra parte: i tuoi ricordi, i tuoi oggetti del cuore, le foto del vostro primo viaggio insieme, il primo disegno del tuo bambino, i piatti che ti hanno regalato quando hai comprato la prima casa o i peluche di quando eri piccolo. Spesso quello che serve è una ditta di traslochi seria ed affidabile.

Fai da te o ditta di traslochi?

Prima di decidere chiediti cosa devi fare:

  • trasloco di casa
    include il trasporto di tutto ciò che è contenuto in casa, compresi i mobili che richiedono smontaggio, rimontaggio, allacciamenti ed eventuali modifiche
  • piccolo trasloco
    include solo il trasporto di pacchi o piccoli mobili che non richiedono lo smontaggio e il rimontaggio

Per i piccoli traslochi che coinvolgono solo scatole e oggetti, il fai da te rimane l’opzione più economica.

Per traslochi che coinvolgono arredi e complementi che richiedono smontaggio e rimontaggio, spostamenti nazionali o internazionali, piani alti che potrebbero richiedere elevatori, autoscale e piattaforme, spostamento di attrezzature speciali o di oggetti particolari (grandi acquari, ad esempio): in tutti questi casi il nostro consiglio è di rivolgersi ad una ditta specializzata.

Una ditta di traslochi può fare la differenza, senza costarti molto di più rispetto ad un trasloco fai da te, per 3 semplici motivi:

  1. ASSICURAZIONE
    improvvisarsi traslocatore è rischioso, potresti farti male seriamente o chi ti aiuta potrebbe avere incidenti. Sei disposto a correre il rischio? Una ditta di traslochi seria è assicurata contro i danni nei confronti di persone e cose, tu non devi preoccuparti di nulla
  2. BUROCRAZIA
    se hai bisogno di elevatori o autoscale nel fai da te aumenta il rischio di farsi male. Inoltre per occupare la strada servono degli specifici permessi per l’occupazione del suolo pubblico da richiedere al comune. Già hai addosso lo stress del trasloco, vuoi davvero sorbirti le lungaggini amministrative?
  3. NOLEGGIO MEZZI
    se non hai un furgone di tua proprietà, di un familiare o amico, dovrai noleggiarlo, quindi anche con il fai da te avrai delle spese. Se il camion è di un parente o amico…ricordati il punto 1: l’assicurazione e i rischi di farsi male!

Letti questi 3 punti, sei davvero sicuro ti convenga il fai da te?

Il costo di un trasloco

Ti abbiamo consigliato di riflettere bene sui costi del fai da te – ma soprattutto sui rischi che comporta. Ora ti starai chiedendo: ok, mi consigliate una ditta, ma quanto mi costa un trasloco? E c’è modo di risparmiare?

Secondo i siti specializzati un trasloco “standard” può costare dai 700 ai 1000 €.
Attenzione però a fidarsi di queste tabelle generiche, perché ci sono tante variabili in gioco: dipende da dove vivi, da cosa devi trasportare (solo mobili “normali” o anche attrezzature particolari, strumenti musicali, sculture e altro?), quanti km separano le due case e cosa le separa (mare? confini statali?).

Come sempre: chiedi dei preventivi, fatti fornire un listino prezzi, cerca una risposta su misura.

Online puoi trovare tanti siti su cui puoi calcolare il preventivo inserendo pochi semplici dati. Il calcolo viene fatto sostanzialmente prendendo in considerazione due elementi:

  • ore di manodopera di stivatori, facchini, montatori
  • utilizzo mezzi: standard (furgone e sua dimensione) o speciali (piattaforme, elevatori, carrelli, montacarichi, autoscale…)

Per questo motivo per calcolare il prezzo finale ti verrà chiesto:

  • quantità e mole di oggetti e mobili da trasportare
  • quantità e mole arredi da smontare e rimontare
  • eventuale servizio di imballaggio
  • distanza tra le due case: stessa città, due città diverse, nazionale, necessità di trasporti via mare, ecc…
  • piano a cui si trovano vecchia e nuova abitazione, presenza di scale praticabili / ascensore ed eventuale necessità di mezzi speciali

Risparmiare sul trasloco

Se decidi di rivolgerti ad un’azienda specializzata in traslochi puoi risparmiare su alcune voci come:

  • preparazione scatole e imballaggi
  • smontaggio mobili: è più facile smontare che rimontare, ma presta attenzione a farlo con ordine, segna a matita su ante e pannelli quelli che compongono lo stesso modulo, raggruppa la ferramenta in sacchetti divisi e apponi delle etichette per agevolare il lavoro dei montatori. Il risparmio non è elevatissimo, quindi meglio affidarsi a montatori esperti che sanno cosa fare e lo fanno nella metà del tempo che impiegheremmo noi!
  • smontaggio e rimontaggio accessori e complementi: a differenza dei mobili qui puoi risparmiare davvero. Siamo tutti capaci di riappendere quadri, specchi, tende, mensole e lampade da terra da soli

Trasloco no stress: i consigli e la check list

La to do list

  1. PREPARAZIONE SCATOLE
    procurati scatole (ricicla, chiedi a un negozio di fiducia, compra o chiedi alla ditta di traslochi), imballaggi (carta di giornale, pluriball, carta velina) e inizia e preparare i pacchi (non superare i 20 kg per scatolone) così:

    • svuota una stanza alla volta e scrivi sulle scatole la stanza di destinazione
    • inizia con oggetti di scarso utilizzo, non indispensabili e decorativi (soprammobili, libri, cd e dvd, peluche, giochi…)
    • per tv, schermi, stampanti, fax, pc, consolle di gioco e altri dispositivi elettronici, se li hai, usa gli imballaggi originali con le loro sagome in polistirolo (unisci i cavi con i dispositivi a cui appartengono così non farai confusione)
    • dove necessario segnala sulle scatole degli avvertimenti come “FRAGILE” o “NON CAPOVOLGERE”
    • attenzione alle piante: svuota eventuale acqua residua e proteggi le chiome
  2. CIBO E INDISPENSABILI
    Nelle settimane che precedono il trasloco consuma i surgelati e fai piccole spese in base a quello che ti serve ogni giorno, non riempire la dispensa!
    Separa i medicinali da tutto il resto e portali con te durante il trasloco, non affidarli a nessuno. La stessa cosa vale per valori personali, gioielli, denaro.
    Oltre a questi indispensabili, se ci pensi bene ti serviranno solamente: sapone, spazzolino e dentifricio, asciugamani, lenzuola e coperte, posate, piatti, bicchieri, smartphone e caricabatterie, pigiama, intimo e pochi vestiti.
  3. VOLTURE E ALTRE UTENZE
    Con largo anticipo contatta le società che si occupano di fornire gas, luce, acqua, elettricità, linea telefonica, internet, Sky o altri servizi satellitari. Informati sui tempi di voltura o di annullamento del contratto. Inoltre mettiti d’accordo con acquirenti e/o venditori per gestire il cambio di intestazione delle utenze.

Ricordati di avvisare…

  • vicini e condomini: se vivi in un palazzo o condominio prima dell’inizio del trasloco meglio avvertire l’amministratore e apporre un avviso in bacheca, nell’androne, in portineria
  • datore di lavoro / ufficio risorse umane: potresti aver bisogno di permessi e inoltre il cambio di residenza va comunicato all’ufficio paghe
  • commercialista / ufficio imposte / albi professionali
  • poste (cambio di indirizzo, necessità di fermoposta) / banca / assicurazioni
  • comune (anagrafe) per cambio residenza e aggiornamento patente
  • asilo / scuola / università

Quando lasci la vecchia casa…

Evita spiacevoli inconvenienti e ricordati della chiusura del rubinetto generale di acqua e gas, spegni l’interruttore generale della luce e fai una lettura finale dei contatori (magari anche qualche foto).

Attenzione a…

Accertati che la ditta di traslochi sia assicurata, concorda bene con loro la data di inizio del trasloco (ricordati che l’estate è alta stagione anche per gli spostamenti di casa!), definisci bene le tue richieste e avvisa se hai necessità particolari.

Se hai un pavimento in parquet o delicato, avvisa prima in modo che l’impresa possa organizzarsi con apposite coperture.

Durante il trasloco non assentarti troppo a lungo, i traslocatori potrebbero aver bisogno di chiarimenti.

Immagine via Aaron Thong
2 Aprile 2019 / / Amerigo Milano

Il jeans inteso come icona diventa arte e si trasforma in un oggetto di design.

Le sculture in jeans per Roberto Spadea sono una evocazione di presenza; il jeans è la stoffa del lavoro che diventa un manifesto generazionale della libertà. Il denim è il tessuto che ha segnato la parità di genere nell’abbigliamento, è la vera divisa della società senza classi.

ll jeans acquista bellezza perdendo colore, pian piano decolorandosi.

Roberto Spadea reagisce all’effetto slavato con la sua consueta arma: quello dello spruzzo di colore intenso ed indelebile. Un soffio di colore e i jeans riprendono a vivere con una nuova anima… dentro”

dreaming jeans objects 

La storia si tramanda anche attraverso il TUO jeans.

Tutti quanti noi abbiamo nell’armadio un paio di jeans che se potessero parlare, racconterebbero mille storie incredibili come concerti, amori, film, vacanze, incontri, esperienze…

Trasforma il tuo jeans in un oggetto di design! Un oggetto da tramandare, il jeans da cui non possiamo separaci diventa DREAMING JEANS OBJECTS per accogliere: fiori, frutta, champagne… Fortuna!

Vere sculture domestiche, nuove protagoniste nella vita quotidiana, con la forza attrattiva e seduttiva. Sculture da percepire in tutti i sensi, scoprendo nuove prospettive, da vedere e da toccare, da usare… creazioni che parlano, che ci osservano, che ci accompagnano verso nuovi e migliori orizzonti, da perdersi…  Il jeans deventa così un oggetto di design.

dreaming jeans objects

Divertire è la parola d’ordine! Oggetti di uso quotidiano ripensati in chiave ironica, per colorare con allegria le nostre case.

Prende forma così DREAMING JEANS OBJECT una collezione nata dalla mente di Roberto Spadea con l’architetto Matteo Perego.

Una famiglia di creature plastiche che diventano complementi d’arredo (vasi) oppure presenziano sulla tavola sotto forma di portafrutta, secchiello porta champagne ed altro ancora.

jeans oggetto di design

I materiali scelti sono la resina e il jeans due materiali che fanno parte del DNA dell’artista. Oggetti materici, visionari, rigorosamente fatti a mano, ognuno diverso dall’altro, geneticamente più vicini all’arte che al design.

Dreaming Jeans Object è un progetto dell’arch Matteo Perego con Roberto Spadea 

Dreaming Jeans Object è distribuita e venduta da Amerigo Milano via Carlo Alberto 35 MONZA

WWW.AMERIGOMILANO.COM 

2 Aprile 2019 / / Design tra le Righe

Chi mi segue da anni sa bene che per la zona del Brera Design District ho una particolare propensione. È il distretto a cui dedico ad ogni edizione tanto tempo rispetto ad altre parti della città e della fiera (che visito sempre ma mi priva dell’effetto a sorpresa che il fuori salone invece mi regala).

Proprio nel cuore di Brera a fianco della meravigliosa Chiesa di Santa Maria del Carmine vi segnalo un evento che vede coinvolte due importanti realtà italiane nel segmento dell’arredo bagno: Ideagroup e Rubinetterie Treemme.

Dal 9 – 14 aprile 2019 in Via del Carmine 11 a Milano | Brera Design District l’installazione Riflessi Materici racconterà un nuovo modo di vivere l’ambiente bagno.

Matericità, innovazione, colore e design in uno spazio emozionale ed evocativo.

L’evento Riflessi Materici è ideato per esprimere una visione innovativa dell’ambiente bagno, attraverso moderne prospettive che mettono in evidenza l’elemento materico che si trasforma e si evolve nel tempo.

L’allestimento racconta una nuova esperienza sensoriale tra suggestioni scenografiche che vedono protagoniste esclusive collezioni delle due aziende, alcune realizzate ad hoc per questo evento.

Entrambe le realtà rappresentano un’eccellenza nel settore arredo bagno e in occasione del fuori salone 2019 si sono unite per sostenere e dare maggiore visibilità alla qualità della produzione made in Italy.

2 Aprile 2019 / / Decor

Il cambio di stagione è alle porte, anche per la biancheria da letto. Qualche consiglio su come scegliere quella giusta per dormire bene in primavera.

Scegliere la biancheria da letto giusta per la primavera

E’ arrivata la primavera: finalmente le giornate sono più lunghe e si ricomincia con la vita all’aria aperta. Tuttavia, alcuni fattori della bella stagione possono influenzare la qualità del nostro sonno.

Le notti primaverili sono soggette a sbalzi di temperatura, cosicché non sappiamo come coprirci. Se usiamo ancora il piumone invernale, rischiamo fastidiose sudate, mentre con la trapunta leggera può capitare di soffrire il freddo.

Sul fronte delle allergie, l’aumento della temperatura rende gli acari della polvere, responsabili di molte allergie respiratorie, molto prolifici. Se si aggiungono i pollini e gli altri allergeni, che in primavera raggiungono il picco di diffusione, per i soggetti predisposti la camera da letto può diventare davvero inospitale.

Una soluzione, è quella di scegliere la biancheria da letto adatta e di qualità.

Un letto confortevole  anche nelle mezze stagioni 

Per coprirci durante le notti primaverili, di solito si usa una trapunta o una coperta leggera. Negli ultimi anni si è affermata la tendenza del piumone 4 stagioni, per chi non vuole rinunciare alla praticità e al confort tutto l’anno. Tuttavia, perché questa soluzione sia davvero efficace, l’imbottitura deve essere in vera piuma d’oca. I motivi sono presto elencati:

  • ha una funzione termoregolatrice naturale
  • è leggera
  • ha una funzione termoisolante
  • è traspirante 
  • è efficace contro le allergie. E’ ormai accertato, infatti, che gli acari della polvere non sono attratti dalla piuma d’oca, come spiegato in questo articolo.

Il sistema 4 stagioni si compone di due piumini, uno sottile per l’estate e uno medio per le mezze stagioni, da unire tra loro per i mesi più freddi. 

Quello che non mi piace di questo sistema è che in inverno ci si ritrova con due piumoni sovrapposti, che risultano pesanti e poco avvolgenti. Meglio un bel piumone invernale super caldo e un piumone più leggero per le mezze stagioni.

I piumoni Dreamin’101

Per chi ama il Made in Italy, fatto di materiali di qualità, sapienza artigianale e design di alto livello,  i piumoni Dreamin’101 sono la scelta giusta. 

Scegliere la biancheria da letto giusta per la primavera

La qualità del prodotto è garantita dall’utilizzo di materie prime esclusive e dalla lavorazione accurata in tutte le fasi, dall’imbottitura alla cucitura. I piumoni in vera piuma d’oca proposti sul sito sono tre: Essential, Classic e Luxury , tutti disponibili nelle versioni invernale e mezza stagione, e tutti ricoperti con un tessuto di cotone pregiato a trama fitta, che assicura la circolazione dell’aria all’interno ma rappresenta una barriera insormontabile per gli acari.

l’esclusivo e pratico sistema slippin’simple, che fissa piumone e copripiumone

I piumoni Dreamin’101, nella versione mezza stagione, sono ideali per un sonno confortevole nelle notti di primavera.

Per chi invece non vuole rinunciare alla trapunta, Dreamin’101 ha in catalogo il trapuntino di vero piumino, confezionato con eleganti cuciture orizzontali e in freschi colori pastello.

Per completare il cambio di stagione, nel sito e nell’e-shop di Dreamin’101 potete trovare tutta una gamma di biancheria da letto nei colori e nei tessuti di tendenza, elegante e curata nei dettagli, e una linea di cuscini imbottiti in piuma d’oca, ideali per un sonno confortevole al riparo dalle allergie.

Scegliere la biancheria da letto giusta per la primavera

Pensate che, per migliorare ancora di più il confort, gli esperti di Dreamin’101 hanno realizzato un cuscino diverso per ogni tipo di postura: Soft, perfetto per chi dorme di fianco o supino, Cloud, per chi ama abbracciare il cuscino e Royal, adatto a tutte le posizioni, grazie alla doppia imbottitura.

Esperienza, etica e convenienza

Dietro Dreamin’101 c’è un’azienda con oltre cent’anni di esperienza nella produzione e nella lavorazione della piuma d’oca, la Minardi Piume. L’azienda può vantare numerose certificazioni ed è membro di EDFA (European Down and Feather Association), che tutela gli interessi dei consumatori, ma anche degli animali. Questo assicura che nessuna piuma è prelevata da animali vivi e che la materia prima è un sottoprodotto dell’industria alimentare.

Da non sottovalutare, infine, la politica sui prezzi portata avanti dall’azienda, che mira a rendere accessibili i propri prodotti grazie alla produzione interna e alla  distribuzione diretta attraverso lo shop on line.

Se vi ho incuriositi, ecco il link al sito e allo shop di Dreamin’101.


Tutti i post sulla camera da letto, con consigli di arredo, DIY, idee di stile.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail: