7 Aprile 2024 / / ChiccaCasa

ADV – Questo post è frutto di una piacevole e desiderata collaborazione con CASAFIKA

Sogni un home office scandinavo in cui trascorrere serenamente le tue giornate in smart working?
Sei nel posto giusto in cui trovare ispirazione per allestirne uno autentico, dalla bellezza intramontabile.

La cura dell’arredamento dell’home office non è un capriccio estetico: sai che uno studio fruibile, luminoso ed esteticamente appagante ti rende subito più produttiv*?

Nell’era post pandemica moltissime professioni sono interamente gestibili in smart working.

Questo stesso articolo è battuto da un delizioso scrittoio vintage, posto accanto a una parete di pietra di una casetta in campagna.

Ti rendi conto? Hai la possibilità di costruire un’area di lavoro tagliata esclusivamente sul tuo buon gusto e puoi finalmente dire basta al look asettico e tristissimo che contraddistingue la maggior parte degli uffici aziendali.

Basta rimandare, è tempo di arredare a regola d’arte il tuo ufficio domestico .
Per un mood nordico e senza tempo, non c’è modo migliore che selezionare con cura arredi autentici, vintage e provenienti proprio da Svezia, Danimarca, Finlandia o Norvegia.

Ecco, step by step, come arredare un home office scandinavo che ti rappresenti e che ti faccia brillare gli occhi ogni giorno.

Fonte immagine

Dove collocare l’home office in casa? Le domande da porti in linea con i principi del design scandinavo

Luminoso, funzionale, accogliente, intramontabile: questi aggettivi sono i 4 requisiti chiave per creare un home office secondo i principi del design scandinavo.
Un posto in cui svolgere le mansioni quotidiane diventa facile e in cui si respirano serenità e vibrazioni positive.

Ecco tre domande chiave da porti, per scegliere la location giusta in cui creare il tuo ufficio domestico, che sia questo in una stanza separata o in un ambiente multifunzionale (in salotto, in camera, in cucina…).

Fonte immagine

  1. Questa zona della casa è tranquilla durante le mie ore di lavoro?

Seleziona uno spot che possa restare indisturbato quanto più possibile da rumori e via vai di persone.
Nelle case che non hanno una stanza interamente dedicata allo studio, non sempre questa condizione è facile da realizzare.

In questo caso sono utilissimi i room divider: degli oggetti o dei mobili in grado di creare una separazione tra il tuo angolo studio e il resto della casa.
Lo puoi fare con dei pannelli insonorizzati freestanding o con una pianta, ma c’è un arredo che è davvero perfetto per questo compito: la libreria.

Usa una libreria scandinava come schermo per separare l’ufficio dal resto della stanza. Sceglila senza fondo per non bloccare il passaggio della luce nel resto della stanza, oppure chiusa sul retro, se la tua priorità è la privacy.

Fonte immagine

2. Se colloco la scrivania qui, potrò sfruttare al massimo la luce naturale?

La filosofia svedese Lagom è un promemoria alla pratica dell’equilibrio, come stile di vita.

Coltivare l’equilibrio significa anche godere a pieno delle risorse naturali evitando inutili sprechi.

Se applichiamo questa filosofia alla progettazione di interni, è inevitabile tenere in considerazione la luce naturale, proprio come se fosse un elemento architettonico tangibile da enfatizzare e massimizzare.

In un home office scandinavo, la posizione del piano di lavoro dovrebbe essere baciata dalla luce naturale nel corso di tutte le ore di lavoro.
Quando scegli dove collocare la scrivania, considera anche l’ombra che produce il tuo corpo quando sei sedut*.

Per massimizzare la luce naturale fai buon uso degli specchi (a proposito, qui trovi specchi scandinavi vintage di cui innamorarti follemente).

Collocati nel posto giusto possono davvero fare la differenza. Per capire qual è la parete giusta su cui posizionare lo specchio, fai le prove durante le tue ore lavorative e sposta lo specchio in base al giro che fa la luce nella stanza.

Fonte immagini

3. Qual è la mia vista dalla sedia?

Oltre al pc c’è molto di più!

Hai una bella vista dalla finestra? Colloca la scrivania vicino alla finestra o usa uno specchio per accedere alla vista dalla tua prospettiva.
Se non hai questo privilegio, creati un punto di interesse.

Per esempio, se la scrivania è addossata a un muro, rivesti quella parete con una bella carta da parati.
Evita i motivi optical e le fantasie molto piccole, se la tua postazione è molto vicina al muro. Prediligi pattern ariosi, magari con richiami alla natura, per favorire una sensazione di libertà e apertura verso l’esterno.

Fai scorta di piante e quadri, se li tieni sott’occhio, hanno un sacco di benefici in studio, ma questo argomento richiede un paragrafo a parte (lo trovi più giù).

 

Arredi per un home office nordico: 3 moodboard con pezzi originali del design scandinavo

Veniamo alla parte sostanziosa: la scelta degli arredi per il tuo home office scandinavo.
La soluzioni migliori, senza ombra di dubbio consistono nel puntare tutto su qualità e autenticità e nel predisporre con razionalità il layout della zona lavoro.

Come scegliere gli arredi, secondo il funzionalismo scandinavo

Fonte immagine

Per ottimizzare il tuo ufficio, fai tesoro dei principi del funzionalismo.

  • La funzionalità è il punto di partenza per scegliere gli oggetti. Il gusto e lo stile si possono definire in molti modi diversi, ma la praticità è alla base per la buona riuscita del tuo progetto.

    Pensiero contenuto in Acceptera, il manifesto dell’architettura moderna svedese.

  • La bellezza è legata al modo in cui un oggetto è stato realizzato. Gli oggetti che copiano arredi d’epoca, non hanno mai lo stesso livello di fascino.

    Pensiero contenuto in Acceptera, il manifesto dell’architettura moderna svedese.

  • Coltivare l’estetica della semplicità, partendo dai tuoi bisogni e dall’autenticità degli oggetti ti permette di selezionare arredi che non passano di moda nel tempo.

    Pensiero estrapolato dagli studi della teorica del design e riformatrice pedagogica Ellen Key.

Tu che hai un debole per gli arredi nordici, apprezzerai di certo questa selezione di mobili e complementi vintage, che provengono direttamente dalla Scandinavia.
Li trovi tutti sul sito di CASAFIKA. Sono stati accuratamente scelti da Martina e Daphni, founder dell’azienda e curatori della selezione di arredi.

Portare a casa questi oggetti vuol dire trovarsi quotidianamente in contatto con dei pezzi di storia scandinava.

Ogni oggetto ha alle spalle una storia di design e una manifattura accurata, quasi sempre testimoniata da firme di aziende che hanno collaborato con i progettisti del periodo d’oro (anni ‘50-’60) del design scandinavo.

Se ti stai chiedendo come abbinare tra loro queste chicche scandinave, ecco 3 moodboard che attraversano varie sfaccettature del design nordico.

⭣Prendi ispirazione e usa le shopping list per ricreare l’atmosfera che preferisci a casa tua.

  1. L’home office scandinavo ispirato a una casa di campagna rosso Falun

Legno verniciato opaco e metallo bianco sono i materiali cardine di questo home office, che attraversa più di un ventennio, passando dagli anni ‘40 della scrivania, agli anni ‘60 della sedia e del portariviste.
Ho mescolato questi pezzi immaginando di arredare una casa di campagna svedese dipinta di Rosso Falun.

Qui c’è un’aria tranquilla, dalla finestra si vede un giardino con una piccola glasshouse in cui godersi i momenti hygge. Il blu trasmette quella positività necessaria per concentrarsi sulle attività lavorative, il tempo scorre lento e tranquillo.

Ti piace questo ufficio scandinavo?
Ricrea questo mood, ecco la lista dei pezzi chiave.

 

2. Lo studio scandinavo di città: spazioso e imponente

Elegante, imponente e dal fascino eterno, questo home office gioca sui grandi arredi: una scrivania in rovere da più di due metri e l’iconica sedia Grandessa. Un vero e proprio regno in cui lavorare comodamente in tranquillità.

Ho immaginato di arredare lo studio di in un appartamento storico di fine ‘800, uno di quelli con i soffitti alti e le cornici nella parte superiore delle pareti.
Uno studio di città, domestico oppure professionale.

Ti ci vedi in uno studio scandinavo così?
Scopri i dettagli dei singoli arredi cliccando sui link della shopping list.

 

3. Home office nordico compatto e young

Una postazione smart working colorata, moderna e giovanile.
Perfetta se lo spazio è mini o se si vuole ricavare una zona studio in una stanza della casa già arredata, come un salotto, una cucina, o una camera da letto.
La libreria con scrittoio estraibile, può, infatti, essere usata anche come divisorio, così da creare un’area circoscritta da dedicare allo studio o al lavoro.

In più, questo piccolo home office è trasformabile. Basta chiudere lo scrittoio e spostare lo sgabello per ripristinare l’area.

Questa postazione studio/smart working è proprio quello che fa per te?

Qui sotto trovi tutti gli arredi scandinavi che ti occorrono.

Piccola pausa lettura : sono curiosa di sapere quale tra questi 3 home office scandinavi è quello che più ti rappresenta. Scendi giù e fammelo sapere in un commento.

Home office nordico: i colori che aiutano la concentrazione

Ovviamente i colori delle moodboard qui sopra non sono stati scelti a caso. Ora ti spiego perché ho prediletto proprio nuances di blu, di marrone e di verde.

Premessa doverosa: ogni colore ha una sua valenza sotto il piano percettivo. Questa valenza cambia non solo in base alla tonalità, ma anche in base al singolo individuo che la percepisce.
Per esempio, anche se il colore arancione è l’unico a non generare emozioni negative, io non vivrei mai in un ambiente arancione, a causa di ricordi spiacevoli che, nel mio vissuto, sono associati a questa tinta.

Nella rosa dei colori che meglio si sposano con il mood nordico (disclaimer: non si tratta solo di colori neutri), ecco quelli con delle proprietà speciali, particolarmente adatte allo studio.

Fonte immagine

Blu

È il colore del pensiero logico e trasmette positività e tranquillità.
Stress e tensione davanti al pc? Dimenticali!
Una sfumatura tenue di blu è in grado di abbassare moltissimo queste sensazioni negative.

In più, il blu è il colore della professionalità.
Usalo come sfondo delle tue call di lavoro, dipingendo la parete alle tue spalle. Aumenterai il senso di fiducia da parte dei tuoi interlocutori.

Fonte immagine

Verde

Il verde è il colore della natura, ma anche del denaro e della crescita. Queste associazioni lo rendono perfetto per contraddistinguere una zona studio.

Trasmette serenità, e, nelle nuance più scure, anche fiducia.
Prediligi le tonalità tenui rispetto a quelle brillanti e con forte componente giallastra, di solito correlate a sensazioni negative (veleno, acidità, cattiveria).

Fonte immagine

Marrone e derivati

Il marrone in tutte le sue sfumature (beige, tortora, ruggine, testa di moro…) instaura una connessione con la terra e con la natura. È un colore legato al comfort e al calore.
Abbinato a materiali naturali e grezzi, aggiunge un tocco rustico allo studio.

Pensi sia solo un colore per interni rustici? Non è così.
Se combinato con metalli preziosi (oro o argento) regala ricercatezza ed eleganza all’ambiente.

 

Arte e piante nell’ufficio scandinavo: ecco perché aiutano a lavorare meglio

Arte e piante sono un must per un home office scandinavo e ti permettono di rendere fresco, personale e vivace l’ambiente. Insomma, fanno sì che la zona in cui lavori sia piena di vita e tutt’altro che noiosa.

I benefici dell’arte nel tuo home office

  • Stimola la creatività. I colori e le fantasie che ti trasmettono positività ti metteranno nelle condizioni di produrre in modo più attivo e creativo (ammesso che dalla tua postazione tu riesca a vedere i quadri).

  • Scegliere il soggetto giusto aumenta la motivazione. Stai scegliendo i poster per il tuo ufficio?
    Mantieni la tua linea e non piegarti ai trend del momento. Seleziona dei soggetti in grado di spronarti a crescere professionalmente al punto da brillare nel tuo lavoro.
    Anche le frasi motivazionali sono perfette per questo intento. Incorniciale e tienile vicino a te.

  • È un mezzo per apportare nella tua palette quel colore d’accento che stupisce.
    Conosci la regola del 60 – 30 – 10?
    È un segreto da pro per dosare i colori in uno spazio abitativo. In breve, il 60% dello spazio dovrebbe essere occupato da quello che scegli come colore principale (di solito soft o neutro). Il 30% dello spazio è dedicato a un nuovo colore che può declinarsi su superfici verticali (pareti) o arredi.
    Il 10% è dedicato al colore d’accento. Una nota un po’ pazzerella oppure più scura degli altri colori, insomma, una tinta che spicca e che stupisce, da usare per alcuni piccoli dettagli.
    Ecco, se non te la senti di usare un colore forte che adori per grandi oggetti o pareti, puoi rifarti con i piccoli accenti. Per esempio puoi scegliere una lampada super colorata o degli accessori da scrivania vivaci.

  • Scopri i pattern scandinavi da usare nei tuoi dettagli artistici in questo articolo.

Fonte immagine

Perché le piante in ufficio ti fanno lavorare meglio?

  • La presenza di piante verdi ci trasporta idealmente in un ambiente all’aria aperta. L’ispirazione naturale allevia la condizione di dover stare al chiuso per molte ore.

  • Un celebre studio della NASA, ha dimostrato che le piante abbassano in modo significativo i livelli di stress.
    Diciamocelo, lavorare in casa non è meno stressante che stare in ufficio e ogni professione (anche lo studio) ha le sue difficoltà e le sue fonti di stress.

  • Oltre a purificare l’aria distruggono i VOC.
    VOC sta per “composti organici volatili”. Si tratta di quelle sostanze disperse nell’aria che contribuiscono a generare allergie e disturbi cronici.

  • Le piante ti aiutano a dare un aspetto di completezza all’ambiente e ad apportare all’istante freschezza al tuo spazio.

Fonte immagine

 

To do list per arredare uno home office di design scandinavo

Riepilogando, ecco una to do list da screenshottare e salvare, se vuoi dare un’impronta scandinava al tuo home office.

  • Parti dalla funzionalità. Scegli arredi pratici per te e per il tuo spazio.

  • Dai uno sguardo al processo produttivo e all’autenticità degli arredi. Le cose belle sono quelle ben fatte, originali, con una storia di design da raccontare alle spalle.

  • Considera la luce naturale come se fosse un elemento decorativo tangibile. Razionalizza la disposizione del tuo studio tenendone conto e amplifica la luce con uno scaltro uso degli specchi.

  • Le sfumature tenui o scure di blu, verde e marrone, sono ideali per infonderti quella serenità necessaria per lavorare bene (e stanno benissimo i colori caldi di teak e palissandro, tipici di molti mobili scandinavi).

  • Arte e piante miglioreranno le tue vibes in studio, scegli con cura e tieni quadri e vasi ben in vista.

6 Aprile 2024 / / Case e Interni

Palette grigio blu per la casa raffinata di gusto scandinavo

Stai cercando di rinnovare il tuo soggiorno o la tua casa, ma non sai da dove cominciare? Che ne dici di scegliere una classica combinazione di colori grigio blu?

Un mix cromatico intramontabile, la combinazione grigio-blu, ispirata al mondo dell’abbigliamento classico, offre un’eleganza raffinata e una seducente atmosfera a tutti gli ambienti della casa. Questo duo di colori, amato per la sua bilanciata armonia, si adatta perfettamente a una vasta gamma di stili, dal classico al minimalista, aggiungendo modernità e personalità. È una scelta interessante per chi è alla ricerca di nuove combinazioni cromatiche per l’arredamento.

Dunque, se stai puntando a un soggiorno dal design contemporaneo elegante, sei nel posto giusto. Oggi condivideremo con te tutti i segreti per realizzare un arredamento moderno in grigio blu. 

Guardare il mondo in grigio, di solito può essere una cosa negativa, ma nel design degli interni non è così. In questi anni abbiamo visto come monocromatico non significa più noioso: se applicato sapientemente, questo approccio di design può rinnovare una casa, anche senza interventi murari.

Esistono innumerevoli modi per utilizzare le sfumature di grigio in modo interessante e coinvolgente, ma se dobbiamo dirla tutta, gli interni scandinavi sono quelli che mostrano alla perfezione come inserire questa nuance con un approccio non banale e senza far sembrare tutto piatto e monotono. 

Inoltre è una scelta che può essere facilmente personalizzata o rinnovata nel corso degli anni, senza interventi costosi, basta aggiungere piccoli tocchi di colore. Come in questa casa dove si è scelto di abbinare il grigio al blu scuro. Una combinazione di colori che non stanca mai. Insomma, una scelta di design classica, intesa come “senza tempo”.

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

In questo home tour, ci troviamo a Stoccolma, dove visitiamo un appartamento di 74 mq, affascinante e sofisticato, anche senza l’utilizzo di colori accesi. Il design è giocato essenzialmente, proprio sul contrasto di bianco, grigio e nero e su piccoli tocchi di colore soprattutto blu. Gli interni sono di gusto scandinavo contemporaneo, con qualche citazione d’epoca gradevolmente inserita nel contesto.

Oggi, quindi, ti proponiamo un viaggio attraverso una palette di colori spirata all’abbigliamento elegante, che ha trasformato questo appartamento di città, in un rifugio raffinato.

Consiglio: In un soggiorno moderno ti suggeriamo innanzitutto di aggiungere un tocco di contrasto, così da evitare di renderlo troppo uniforme e rigido.

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Il palazzo è probabilmente dei primi del novecento ed è qui che il design scandinavo contemporaneo si fonde armoniosamente con elementi d’epoca. I soffitti con modanature in gesso sono tutti bianchi, così come le porte (tranne una, che è stata riportata a legno) e le finestre, mentre il pavimento è in doghe di legno naturali.

Per quel che riguarda le pareti, i toni del grigio perla sono riservati alla zona giorno, mentre la camera da letto è conquistata dai toni di grigio-blu, lo studio/camera degli ospiti ha romantica carta da parati floreale, sempre in toni bianco e grigio-blu infine la cucina, invece, è total white. Questa scelta neutra offre una tela versatile per gli arredi, consentendo loro di brillare.

Nell’affascinante appartamento scandinavo, il design d’interni è un gioco di contrasti e armonie, focalizzato principalmente sui tre colori intramontabili e piccoli accenti di materiali naturali.

Consiglio: Se usi una palette di colori come questa, dovrai prestare molta attenzione alle texture e a dare a ciascuna area il proprio punto focale: magari un mobile in legno chiaro, delle poltroncine in cuoio o un gruppo di stampe in bianco e nero; tutti elementi che servono ad attirare l’attenzione sulle diverse zone e mantenere interessante la disposizione.

La texture è il modo perfetto per aggiungere interesse a uno spazio monocromatico. Non solo legno e tessuti, ma anche il vetro o il metallo possono essere utilizzati in modo efficace in questi ambienti, poiché attirano l’attenzione, invitando la luce a brillare.

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

La scelta del minimalismo delle forme per gli arredi contribuisce a definire l’essenza di questa abitazione. Il grigio dona alla casa una sensazione di serenità, invitando al relax. Un divano contemporaneo in tessuto grigio e gambe di legno, aggiunge interesse alla stanza grazie anche ai numerosi cuscini, che riprendono anche qualche tono blu. Aggiunge anche un posto accogliente dove i proprietari possono rilassarsi per guardare un film o in compagnia di un buon libro. Il mix di tessuti e texture aggiunge profondità, creando un’atmosfera accogliente.

Consiglio: Avere un mobile scuro in un contesto monocromatico aiuta a creare contrasto, come il mobile sospeso che qui è dipinto di nero, ma puoi rinvigorire la palette dei colori con sfumature più calde come quelle del legno che qui è usato per la vetrina. Se la luce nella casa è scarsa, mantieni l’arredamento luminoso e arioso con superfici a specchio rivolte verso fonti di luce da riflettere nello spazio.

L’accostamento cromatico tra grigio e blu dona un’atmosfera rilassante ed elegante, rendendolo la scelta ideale per arredare la zona notte. Ideale per le pareti, il blu scuro scelto per questa camera, aggiunge una profonda intensità ed eleganza. Crea un contrasto armonioso con le tonalità delicate del grigio perla e gli elementi grigio antracite dei tessili del letto. Come possiamo vedere, questa combinazione offre un arredamento raffinato e sofisticato. 

È importante valutare attentamente l’equilibrio tra le sfumature di colore, mantenendo una tonalità unica per tutte le pareti e variando le altre tonalità con sfumature più chiare o più scure su tessuti e fantasie. Questo è esattamente ciò che è stato fatto in questa casa. Per bilanciare le varie sfumature di grigio, è stata aggiunta un’unica nota di blu scuro.

Ricorda che la luce naturale e artificiale influisce sulla percezione dei colori. Solitamente, negli ambienti orientati a sud è possibile utilizzare una vasta gamma di colori, compresi quelli freddi; tuttavia, se la luce proviene da nord, gli stessi colori risulteranno meno vivaci.

Lo studio/camera degli ospiti è impreziosito da una delicata carta da parati con foglie blu scuro su sfondo bianco, per conferire un tocco romantico ed accogliente. Un blu tranquillo e sobrio che evoca la luce del mare durante l’inverno.

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Questo appartamento è un buon esempio di come la scelta attenta dei colori e dei dettagli possano trasformare uno spazio qualunque in un ambiente accogliente, anche senza modificare la suddivisione interna. Un mix di antico e moderno, di chiaro e scuro, di colori classici che si fondono in una straordinaria armonia.

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Palette grigio blu per la casa raffinata di gusto scandinavo

Palette grigio blu per la casa raffinata di gusto scandinavo

Palette grigio blu per la casa raffinata di gusto scandinavo

Palette grigio blu per la casa raffinata di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Arredamento bianco grigio e nero per la casa di gusto scandinavo

Credit photo: Entrance

___________________________________

Anna e Marco – CASE E INTERNI

5 Aprile 2024 / / Laura Home Planner

I comodini sospesi per camera da letto sono la soluzione alternativa ai comodini da terra,

sempre più di tendenza ,

sono la soluzione ideale per chi ha poco spazio in camera.

Possono essere a giorno,

con anta ribalta,

oppure con cassetti ,

o semplicemente delle mensole,

e perché no, possono essere degli elementi pendenti dal soffitto.

Comodini sospesi per camera : come sceglierli

Dal momento che si tratta di comodini sospesi per camera, è scontato che vanno appesi in qualche modo a muro,

Ma come sceglierli ?

Come abbinarli al letto ?

Quali misure devono avere?

La prima cosa da fare è verificare quanto è lunga la parete del letto e quanto spazio utile resta per i comodini sospesi per camera.

Non ci sono regole per definire la distanza esatta tra letto e comodino,

è ovvio però,

che tutto ciò che si trova sul comodino ,

come la sveglia, gli occhiali, la lampada o la bottiglietta dell’acqua,

deve essere facilmente raggiungibile dal letto.

Dunque,

in generale si può dire che le misure dei comodini,

siano essi comodini sospesi o a terra,

variano dai 30 ai 60 cm di lunghezza,

dai 15 ai 60 cm di profondità,

mentre,

la loro altezza da terra dovrebbe essere pari o inferiore all’altezza del letto compreso il materasso,

perciò

variabili dai 40 ai 60 cm da terra.

Detto ciò,

i comodini sospesi per camera possono avere anche una distanza minima dal letto,

purché siano comodi.

comodini sospesi laurahomeplanner.com
Immagine Nardi Interni

Comodini sospesi per camera : a giorno, chiusi , di design, o solo una mensola?

I comodini sospesi per camera, tanto quanto quelli a terra,

oltre ad essere utili piani d’appoggio,

possono essere dei contenitori,

tutto dipende dallo stile della camera e da ciò che si vuole ottenere esteticamente.

Intanto, ce da dire che non esistono regole per sceglierli,

certo,

a parte le dimensioni che sono dettate dallo spazio.

Per avere una camera da letto dal look originale,

possono essere scelti:

  • Con un materiali differente rispetto a quello del letto

ad esempio i comodini sospesi per camera possono essere mensole in vetro o in metallo

  • Con una forma e uno stile particolare

avete mai pensato ad esempio ad un’altalena che scende dal soffitto o ad un cubo appeso?

  • Colorati a contrasto o con la stessa palette della camera

Vantaggi e Svantaggi dei comodini sospesi per camera

Avere dei comodini sospesi , offre dei vantaggi:

  • Il primo è sicuramente l’ingombro e lo spazio che occupano.

Rispetto ai comodini a terra, quelli appesi lasciano più spazio libero.

  • Come tutti gli arredi appesi sono la gioia degli addetti alle pulizie,

io che sono una fanatica della casa pulita adoro tutto ciò che è appeso ,

non mi fa cercare la polvere dietro sotto e di lato perché non va spostato nulla.

  • I comodini sospesi per camera danno un look originale alla camera da letto,

insomma, non si tratta del solito mobile a terra.

Unico svantaggio che trovo nell’avere un comodino sospeso è la sua capacità di carico,

inferiore rispetto ad un comodino tradizionale con i piedi.

consigli per scegliere i comodini sospesi per camera :

  • 1) Verificare che possano essere appesi alla parete:

è fondamentale conoscere cosa c’è dietro e dentro la parete , come porte scorrevoli, tubi dell’acqua o cavi passanti.

  • 2) Considerare le misure

lo spazio della parete per capire le misure e massime e dove posizionarli

  • 3) Pensare alle esigenze estetiche e funzionali

belli e di design ok, ma che possano essere utili

L’articolo Comodini sospesi per camera : idee se c’è poco spazio proviene da Laura Home Planner.

2 Aprile 2024 / / Casa Poetica

Mantenere l'ordine -Casa Poetica

In un mondo che corre sempre più veloce, mantenere l’ordine nelle nostre case e nelle nostre vite può sembrare un obiettivo sempre più irraggiungibile.

Eppure, l’ordine gioca un ruolo cruciale nel nostro benessere quotidiano, influenzando non solo la funzionalità dei nostri spazi ma anche la nostra serenità interiore.

Ma perché, nonostante i nostri sforzi, sembra così difficile mantenere l’ordine?



La sfida di mantenere l’ordine: capire la radice del problema

La difficoltà nel mantenere l’ordine spesso deriva non tanto dalla mancanza di volontà, ma dalla mancanza di una struttura organizzativa adeguata.

Senza un sistema personalizzato che rispecchi le nostre abitudini e il nostro stile di vita, anche il tentativo più determinato di mettere in ordine può fallire, lasciandoci frustrati e sopraffatti.

Questo diventa ancora più evidente quando consideriamo la dinamica familiare: una struttura organizzativa chiara e condivisa è essenziale per aiutare tutti i membri della famiglia, inclusi eventuali collaboratori domestici, a capire esattamente dove ogni cosa dovrebbe andare.

Senza spazi definiti e chiari, c’è il rischio che ognuno finisca per mettere le cose a caso, contribuendo al caos piuttosto che all’ordine.

Questa frustrazione non è solo un piccolo fastidio; può influenzare profondamente il nostro umore e la nostra produttività. Lo spazio in cui viviamo e lavoriamo riflette e influisce sul nostro stato interno: un ambiente caotico può generare stress e ansia, mentre uno spazio ordinato promuove calma e chiarezza mentale.



Alimentare abitudini per un ordine duraturo

Mantenere l’ordine non è un’azione isolata ma un processo continuo, alimentato da abitudini quotidiane. L’adozione di piccole ma significative routine può trasformare l’ordine da un compito gravoso a una componente naturale della vita quotidiana.

Ecco cinque consigli per mantenere l’ordine:

1. Definisci la “casa” di ogni oggetto

Uno dei segreti su come mantenere l’ordine è assicurarsi che ogni cosa nella tua casa abbia un posto ben definito. Questo non solo facilita il riordino ma previene anche l’accumulo di oggetti in aree non designate.

2. Implementa la regola dei cinque minuti

Se un’azione richiede cinque minuti o meno per essere completata, fallo subito. Che si tratti di riporre i vestiti, lavare una tazza o rispondere a un’email, agire immediatamente previene l’accumulo di piccole attività, mantenendo l’ordine e riducendo lo stress.

3. Usa il potere del decluttering mirato

Invece di affrontare l’intera casa in una volta, dedica 10-15 minuti al giorno per declutterare un’area specifica. Questo approccio rende il compito meno opprimente e incoraggia l’abitudine di mantenere l’ordine.

4. Crea sistemi che riflettano il tuo stile di vita

L’ordine non è un concetto unico; ciò che funziona per una persona potrebbe non essere efficace per un’altra. Sperimenta con diverse soluzioni di organizzazione fino a trovare quelle che si integrano armoniosamente con le tue abitudini quotidiane.

5. Festeggia i piccoli successi

Riconoscere e celebrare i progressi fatti nel mantenere l’ordine può essere incredibilmente motivante. Che sia riuscire a tenere il piano di lavoro della cucina sgombro per una settimana o gestire la posta in entrata in modo efficiente, ogni passo avanti merita di essere valorizzato.



Mantenere l’ordine: un viaggio verso il benessere

Ricorda, mantenere l’ordine è più di un semplice compito domestico; è un percorso verso un’esistenza più serena e organizzata.

Se ti trovi a lottare con questo percorso, non sei sola.

È del tutto normale avere periodi in cui sembra più difficile mantenere l’ordine, ma ciò non significa arrendersi. Anzi, in questi momenti, un piccolo consiglio può fare la differenza: prova a stabilire una “zona tampone”. Questa è un’area dove, nei giorni più caotici, puoi temporaneamente depositare oggetti senza una casa definitiva, limitando il disordine al resto della casa. Ricordati, però, di svuotare regolarmente questa zona per non trasformarla in una nuova fonte di caos.

È anche assolutamente normale non riuscire a fare tutto ogni giorno. La chiave sta nell’accettare che il percorso verso l’ordine è fatto di piccoli passi e che ogni sforzo contribuisce al tuo benessere generale.

Sei pronta a trasformare il tuo spazio e, con esso, la tua vita? Se senti il bisogno di una guida esperta per scoprire il sistema organizzativo che funziona meglio per te, contattami.

Insieme, possiamo costruire l’ordine che desideri e meriti. Trasformiamo la tua casa in un rifugio di pace e produttività, passo dopo passo, insieme. Ricorda: anche nei momenti in cui sembra più difficile, non sei solo in questo viaggio.





Cover Photo by Jeff Sheldon on Unsplash.





Stai con me, a Casa Poetica?

Iscriviti alla newsletter per riscoprire i processi di consapevolezza del riordino e del decluttering, sempre con una punta di ironia e friccicore (mica Freud, eh!). Ricevi subito il mio regalo di benvenuto, il codice sconto -10% che puoi usare sulle consulenze online.





L’articolo Mantenere l’ordine: una guida per trasformare la casa proviene da Casa Poetica.

31 Marzo 2024 / / Laura Home Planner

Tornata di gran moda da diverso tempo, tra le tendenze arredamento della zona giorno troviamo la credenza soggiorno moderna,

chiamata anche madia,

la credenza soggiorno moderna è un mobile che ,

a seconda delle dimensioni,

delle forme,

e delle sue finiture,

può arredare e organizzare il soggiorno con stile.

Credenza soggiorno moderna: misure e modelli

Dal classico al moderno

e persino allo stile industrial,

ci sono tantissimi modelli di credenza soggiorno moderna.

credenza soggiorno moderna laurahomeplanner.com
Mobile Plato

Il mobile Plato ad esempio,

in MDF laccato bianco finitura nitrocellulosa

con 4 ante spigate,

può adattarsi perfettamente ad un ambiente moderno,

nordico,

e minimal ,

ma anche ad un soggiorno più classico.

Inoltre,

come per altre madie,

essendo un complemento d’arredo versatile,

può essere inserito,

oltre che in soggiorno,

all’ingresso di casa,

oppure in uno studio.

credenza soggiorno moderna laurahomeplanner.com
Metropolis di Tomasella Mobili

In alcuni casi,

come per il modello Metropolis di Tomasella,

la credenza soggiorno moderna è una versione componibile delle madie,

creato con moduli basi ante, cassetti, cassettone.

Tra le sue caratteristiche principali ci sono le due profondità che le permettono di adattarsi ad ogni spazio:

la profondità 51,5 cm per spazi più generosi,

e 40,3 cm , misura perfetta per una nicchia, una zona di passaggio

o semplicemente per uno spazio più contenuto.

Ad ogni modo,

in generale si può dire che le misure di una credenza soggiorno moderna sono indicativamente le seguenti:

Profondità : varia dai 42 ai 60 cm

Altezza : tra i 60 e 150 cm

Lunghezza : dai 90 ai 220 cm circa.

Dove mettere la credenza soggiorno moderna

Quando si arreda un soggiorno,

lo spazio riservato alla credenza è solitamente la parete adiacente al tavolo.

credenza soggiorno moderna laurahomeplanner.com
Immagine Unsplash

Se il tavolo è rettangolare ,

con dimensione circa 200cm come nell’immagine,

sarà esteticamente più appagante abbinare una credenza delle stesse dimensioni o leggermente più grande,

questo perché,

con una credenza soggiorno moderna dalle dimensioni nettamente inferiori,

come ad esempio una madia da 140 cm,

il rischio potrebbe essere quello di minimizzarla,

al contrario ,

se la credenza fosse troppo grande,

il tavolo perderebbe d’effetto.

In ogni caso,

come dico sempre io ,

tutto dipende :

  • dallo stile,
  • dalle dimensioni della stanza
  • e da ciò che si vuole creare.

Ci sono altri punti in cui posizionare la credenza in soggiorno:

Se finita anche sul retro,

è perfetta in centro stanza come divisorio,

Diagonal Tomasella Mobili

altrimenti,

può essere utilizzata come mobile per la tv,

credenza soggiorno moderna laurahomeplanner.com
Immagine Unsplash

oppure,

se posizionata dietro il divano,

è utile per separare il living dalla zona relax.

Cosa mettere sulla madia

Per abbellire una credenza soggiorno moderna ci sono vari elementi decorativi che si possono considerare:

  • quadri
  • specchi
  • vasi
  • elementi di desgin
  • lampade
  • piante

L’articolo Credenza soggiorno moderna: come arredare il soggiorno proviene da Laura Home Planner.

31 Marzo 2024 / / Case e Interni

Spazi Piccoli, Grandi Idee: Trasforma il tuo Bilocale in un Rifugio Accogliente

Esplora l’eleganza moderna dell’arredamento nordico in un piccolo, ma raffinato appartamento, con cucina in acciaio. Prendi spunto!

Questo bilocale svedese è stato trasformato, grazie a sottili accorgimenti di stile e pochi interventi strategici, in un rifugio perfetto per un single o una giovane coppia. Le sue soluzioni offrono spunti preziosi anche per le case vacanza o le case di città di dimensioni ridotte.

Lo stile nordico è perfetto per ricreare ambienti rilassanti nella propria casa, perché genera un’atmosfera accogliente, calda e confortevole grazie ai colori chiari e luminosi e al sapiente utilizzo dei materiali naturali. C’è da dire che  lo stile degli interni scandinavi si è evoluto da quando abbiamo iniziato a scriverne qui sul blog.

Questo appartamento ha pareti bianche, pavimento in legno, design nordico, elementi Industrial e occasionali accenti di colori caldi o terrosi: è il design scandinavo nella sua forma più elegante, ma con un tocco low cost grazie ad elementi Ikea. Questo a dimostrazione che si possono mescolare mobili più costosi o di design ad altri più economici, senza perdere lo charme.

Soggiorno accogliente con divano moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Uno stile scandinavo industriale cozy, potremmo dire, piuttosto ben riuscito. Nonostante tutte le pareti dell’appartamento siano bianche, lo spazio non sembra freddo e monotono: i poster con cornici di legno, i mobili in legno naturale, i tessuti e gli oggetti beige-marroni conferiscono un piacevole tocco di calore familiare.

Questa piccola casa di 61 metri quadrati, situata in un edificio storico risalente al 1932, conferma l’attenzione al dettaglio dello stile nordico e il fatto che anche un piccolo appartamento, con le giuste scelte di interior design, colori e materiali, può essere confortevole da vivere e bello da vedere. Ogni ambiente è stato arredato per offrire angoli accoglienti, dove la luce naturale si riflette sulle pareti bianche e il pavimento in legno chiaro.

Ingresso accogliente con mobili Ikea Ivar
Vediamo le caratteristiche dell’appartamento.
  • L’ingresso accoglie gli ospiti con una bella atmosfera. E’ arredato con un armadio di fianco alla porta, uno specchio appoggiato a terra che riflette la finestra del soggiorno, un morbido tappeto, una sedia in metallo e cuoio ed un mobile in legno grezzo. Per creare un elegante stile scandinavo, non è sempre necessario acquistare costosi mobili di design. Questi semplici mobili in legno sono i contenitori Ivar di IKEA, molto ben decorati con tecniche di home styling. Guarda come si armonizzano bene tele, poster e stampe sui toni neutri, insieme a lampada, vasi e porta candele. Grazie all’ampio passaggio si entra in soggiorno.
  • Il soggiorno ci accoglie con un mix di mobili in legno o bianchi, tonalità terrose, specchi, quadri e dettagli curati, che aggiungono personalità e carattere. Molte texture rendono questo ambiente perfettamente bilanciato e ricco. E’ uno spazio luminoso, dall’atmosfera calda e accogliente con un bel divano beige chiaro dalle forme squadrate che dà le spalle alla grande finestra, dove sul davanzale sono esposte collezioni di bottiglie di ceramica tono su tono. Un grande e soffice tappeto aggiunge comfort, su cui appoggiano una sedia in cuoio uguale a quella dell’ingresso, un tavolino in legno e un paio di sgabelli a tronco d’albero. I mobili bassi bianchi sono del sistema componibile di Ikea Besta e sono decorati con quadri e diversi oggetti sapientemente disposti. Vicino all’ingresso il tavolo da pranzo in legno grezzo è abbinato a sedie vintage dai toni più caldi (ecco come non aver paura a mescolare colori del legno differenti). Fa da sfondo una libreria a tutta parete creata semplicemente con mensole bianche e tanti libri.
  • La cucina si trova in una zona di passaggio verso la camera da letto. Anche se piccola, è comunque di classe. Presenta un angolo cottura, che ha blocco fuochi e forno a libera istallazione, affiancato da pochi mobili con ante e piano in acciaio. Il tutto è incastrato in una nicchia formata da una dispensa in muratura e la camera. Sarebbe stato un locale buio, se non avessero sostituito la parete con finestra e porta di tipo industriale. Piastrelle bianche con fughe nere rivestono la parete e mensole nere al posto dei pensili rendono tutto più leggero e arioso. Anche la soluzione dell’illuminazione è interessante: semplici cavi neri con lampadine nude, che escono dall’unico punto luce. Di fronte all’angolo cottura, il frigo in acciaio e alcuni scaffali in alluminio di Ikea, completano l’attrezzatura.
  • Separata dalla cucina con serramenti neri, in stile industriale, si trova la camera da letto rialzata di cinque gradini. E’ abbastanza grande per un letto matrimoniale e meravigliosamente luminosa grazie all’ampia finestra.
  • Una stanza adiacente al soggiorno, ora adibita a studio per lo smartworking, è arredata con pezzi vintage e moderni, che si fondono armoniosamente, creando un ambiente stimolante e funzionale, ideale per le lunghe giornate di lavoro o studio. E’ arredata con un piccolo tavolo vintage, un mobile antico, una sedia nera, una panca in pelle capitonné. Potrebbe anche contenere un armadio ed essere usata come guardaroba, visto che in camera non sembra esserci molto spazio per i vestiti, se non un scenografico, ma poco pratico stend legato a soffitto.
  • Infine, anche il bagno ha idee di classe: ha una vasca classica a libera istallazione, doccia con soffione in stile retrò e pavimento a scacchi bianco e nero. Tutte idee da copiare!

Ti può interessare anche: 14 Consigli e idee per arredare un monolocale

Questo piccolo appartamento scandinavo, con la sua combinazione di hygge e charme nordico, incarna perfettamente lo spirito accogliente e sofisticato dello stile svedese più contemporaneo, offrendo una visione affascinante della casa moderna.

Lasciati ispirare dai nostri migliori home tour di piccoli appartamenti e monolocali.

Soggiorno accogliente con divano moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Soggiorno accogliente con divano moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Soggiorno accogliente con divano moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Soggiorno accogliente moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Soggiorno accogliente moderno zona pranzo con libreria

Soggiorno accogliente con divano moderno mobili Ikea besta e toni neutri e terrosi

Cucina piccola in acciaio

Cucina piccola in acciaio, piastrelle bianche, mensole nere

Cucina piccola in acciaio, piastrelle bianche, mensole nere

Parete vetrata industriale per camera da letto

Camera da letto minimal

Studio con mix di arredi vintage e moderni

Studio con mix di arredi vintage e moderni

bagno con vasca classica e pavimento a scacchi bianco e nero

Credit photo: Notar

_______________________________

Anna e Marco – CASE E INTERNI

30 Marzo 2024 / / diotti.com

Se c’è un colore versatile che si adatta ad ogni stile di arredamento, quello è il grigio. Si abbina facilmente a qualsiasi tonalità e texture materica, le sue numerose sfumature si prestano a tutti gli ambienti della casa.

Semplice, elegante e senza tempo: arredando con il colore grigio non si sbaglia mai!

 

Cucina ad isola con gola Seven 07

 

Se stai cercando suggerimenti per creare gli abbinamenti giusti nelle varie zone della tua abitazione, qui troverai le risposte alle tue domande.

Scopri nell’articolo come utilizzare il grigio negli ambienti e quali sono i colori che meglio si abbinano.

 
 

Indice:

 
 

Il grigio nella camera da letto

 

Il grigio è un colore spesso considerato freddo, neutro e ciò può indurre a non considerarlo adatto per la zona notte.
Al contrario, questa tonalità è considerata dagli armocromisti (gli scienziati dei colori) come estremamente rilassante e ideale per favorire un buon riposo notturno.

Via libera quindi all’ampio utilizzo nella camera da letto di quelle tinte che spaziano dal bianco sporco fino al grigio antracite scuro.

 

Letti nelle sfumature grigie

 

Un letto sulle tonalità grigie ti permette di creare un’atmosfera neutra e sobria, perfetta per la stanza da letto grazie al suo effetto rilassante. Il grigio è un colore impalpabile, rarefatto, adatto sia ad ambienti classici che minimalisti.

 

Letto in legno grigio con piedini alti Macan


 

Un letto grigio si accompagna particolarmente bene a colori come il blu marino, il turchese e il bianco, che sono complementari rispetto alle tonalità più tenui. I letti dalle colorazioni grigie si abbinano anche ai colori pastello, che creano un effetto a contrasto. Puoi anche accostare un letto grigio a colori intensi come blu, viola e rosa, per controbilanciarli o sottolineare dei dettagli originali.

 

Letto singolo rivestito con piedini alti Tonight di Bonaldo


 

Armadi con ante grigie

 

Scegliere un armadio grigio è un ottimo modo per aggiungere un tocco di eleganza alla camera da letto, soprattutto nel momento in cui si ha bisogno di spazio aggiuntivo. Sofisticato, elegante e versatile, questo sistema si sposa perfettamente con temi di arredamento sia tradizionali che moderni.

 

Armadio angolare con ante grigie a battente Wide


 

Un armadio grigio può cambiare istantaneamente l’aspetto della tua camera da letto e aggiungere maggior spazio contenitivo alla stanza.

Il versatile tono neutro funziona bene con la maggior parte degli interni, indipendentemente dallo stile di arredamento.

 

Un salotto dalle tonalità grigie

 

Il soggiorno grigio e bianco è un classico dell’arredamento, che sta bene in tutti i contesti. Per un salotto in stile classico, meglio optare per l’arredamento grigio e beige mentre per un ambiente dal sapore shabby chic, non si può sbagliare scegliendo arredi color grigio perla o glicine.

 

Un divano grigio per il living

 

Un divano sulle tonalità del grigio è capace di inserirsi in maniera armoniosa nella zona giorno, sia uniformandosi allo stile degli arredi già presenti, sia nel caso di una casa nuova che miri ad ottenere e rispettare una certa coerenza cromatica.

 

Divano modulare di design Biarritz


 

Tende, tappeti, poltrone o sedie possono essere scelti in tinta con il divano per creare un unico filo cromatico che lega complementi diversi.
Lo stesso discorso può essere fatto per i materiali. Texture simili di tessuto, velluto o pelle legano l’ambiente aumentando il percepito di attenzione ai dettagli.

 

L’arredo bagno grigio e le sue sfumature

 

Avere un bagno grigio offre una serie di vantaggi, oltre a darti la possibilità di arredare questa stanza della casa con lo stile d’arredo che preferisci.

 

Mobili bagno con finiture grigie

 

Il grigio è versatile non solo da abbinare, ma anche per lo stile di arredamento che sceglierai per popolare questa stanza della casa. Sebbene esistano complementi di arredo bagno grigio in qualsiasi stile, questo colore dà il meglio di sé con lo stile moderno e tutte le sue sotto tendenze, come lo stile industrial, lo Japandi, lo stile svedese e molti altri.

 

Mobile bagno con lavabo in tinta N100 Frame


 

Quindi, se vuoi un bagno moderno, arredare un bagno grigio è la soluzione più facile per realizzarlo.

 

Mobile bagno minimal con cassetti sospesi


 

Inoltre, se ti piace cambiare il gusto degli ambienti di tanto in tanto perché odi la monotonia di qualcosa sempre uguale ed immutevole, il bagno in grigio è la scelta ideale: il segreto in questo caso risiede nella scelta di articoli minimalisti, che non possiedono molti particolari che potrebbero vincolare eventuali cambi strutturali (come un cambio del colore delle pareti, per esempio).

 

Arredi bagno con top grigio

 

Se non si vuole optare per l’intero arredo bagno sulle tonalità del grigio, si può valutare un top sulle tonalità scure con struttura del mobile bagno a contrasto.

 

Mobile bagno sospeso in legno con top a contrasto N68 Atlantic


 

Un top lavabo grigio è l’alleato perfetto per nascondere alla vista gli schizzi d’acqua che escono dal lavandino. Pratico ed elegante, si abbina perfettamente al legno essenza o al laccato.

 

Una cucina dalle finiture grigie

 

La cucina grigia viene spesso scelta come alternativa al bianco o al nero da chi ama circondarsi di un ambiente rilassante e al tempo stesso moderno.
Versatile, facile da accostare a qualsiasi stile, colore o materiale, il grigio può essere la soluzione ideale per dare personalità ad uno degli ambienti più importanti della casa esaltandone gli spazi.

 

Cucina ad isola con gola KLab 07


 

Scegliere una cucina dalle sfumature grigie significa approcciare un progetto che ben si sposa con tutti i colori, ma che va attentamente studiato negli abbinamenti, fondamentali per ravvivare le tonalità principali. Via libera quindi all’utilizzo di colori accesi come il giallo, il verde o il blu, al legno, al marmo per il top e alle parti in metallo verniciato bronzo o ottone.

 

Dettaglio del piano cottura della cucina KLab 07


 

Un tavolo da pranzo con piano grigio

 

Da inserire in una cucina dai toni grigi, un tavolo con piano in legno laccato, marmo o pietra ceramica color antracite, fumo di Londra o tortora è in grado di legarsi alle finiture dei pensili della cucina per creare un ambiente coordinato che catturi l’occhio per l’attenzione ai dettagli.

 

Tavolo con piano in ceramica grigia Mad Max


 

Questa soluzione è particolarmente indicata per gli ambienti open space dove cucina e soggiorno sono parte della stessa stanza e il tavolo da pranzo è condiviso.

 

Come inserire in casa complementi grigi

 

I complementi d’arredo grigi sono estremamente versatili e possono essere collocati in diversi ambienti: dall’ingresso alla camera da letto. Vediamo alcuni esempi.

 

Un appendiabiti grigio per l’ingresso

 

Un appendiabiti dal design accattivante posizionato all’ingresso cattura l’occhio di chi entra in casa.

 

Appendiabiti a forma di albero Tree di Bonaldo


 

Scelto nelle sfumature grigie si abbina al meglio con un mobile ingresso in laccato bianco o con una credenza in legno per dare all’ambiente un tono più caldo.

 

Appendiabiti a piantana di design Valdo


 

Un tappeto grigio per completare la zona living

 

Quando si prende la decisione di inserire un tappeto nella propria abitazione, si deve considerare lo stile dell’arredamento. Le varie tonalità di questo colore, scelte con logica e accuratezza, sono in grado di creare ambienti sofisticati e moderni allo stesso tempo, curati nei minimi particolari.

 

Tappeto grigio Delhi


 

Il grigio in tutte le sue sfumature lo troviamo prevalentemente nei tappeti contemporanei. Talvolta un tappeto grigio può apparire neutro, e quindi può risultare facile collocarlo in ogni tipo di residenza. Per dare più calore è necessario quindi scegliere un tappeto tendente al beige, mentre se si desidera rendere più elegante il nostro ambiente raffreddando l’atmosfera, un tappeto grigio-azzurro farà al caso nostro.

 

Tappeto rettangolare in lana Marek


 

I migliori abbinamenti con il grigio

 

Il grigio potrebbe sembrare un colore facile da abbinare ma non lo è trattandosi di un colore non “piatto” come possono essere considerati il bianco ed il nero.

A seconda della tonalità e della saturazione dello stesso possiamo trovarci in situazioni differenti che meritano di essere considerate singolarmente:

– i grigi sporchi rendono al meglio con materiali naturali come il legno, il cemento e la pelle. Elementi del genere smorzano la natura un po’ anonima portando nell’ambiente una sensazione di poca artificiosità e ricerca voluta dei dettagli.

– i grigi scuri sono invece adatti a materiali come l’oro, il rame e i legni più scuri, come l’olmo ed esempio o il rovere grigio. Combinazioni particolarmente apprezzate sono il grigio ferro con l’amaranto o il giallo limone.

– i grigi chiari come il tortora invece, ben si abbinano l’arredamento bianco. Soprattutto se si vuole ricreare in casa un ambiente dalle linee semplici e lineari in stile nordico.


29 Marzo 2024 / / Laura Home Planner

Avere una camera da letto con cabina armadio è il sogno di molti,

purtroppo però,

non sempre si ha a disposizione lo spazio necessario per poterla realizzare,

infatti,

la prima cosa da fare per capire se la cabina armadio è la soluzione adatta alla camera da letto,

è partire dalle misure della stanza.

Partiamo dalle misure

camera da letto con cabina armadio laurahomeplanner.com

Ho disegnato la pianta di una stanza con misure 349cm di lunghezza per 405 cm di profondità.

In generale,

la profondità minima di una cabina armadio deve essere 120/130 cm ,

di cui :

60 cm circa occupati in profondità dagli elementi che compongono la cabina (la misura può variare dai 50 ai 65 cm circa a seconda del modello),

mentre,

i 60/70 cm restanti,

utili per accedere alla cabina armadio senza troppe difficoltà.

camera da letto con cabina armadio laurahomeplanner.com

Posizionando il letto come nell’immagine,

lo spazio tra la sua fine e l’inizio della parete che delimita la cabina armadio è di 75 cm,

perfetto per muoversi agevolmente.

Per questa camera da letto con cabina armadio lineare,

si può optare anche per un’altra soluzione,

ovvero quella di appoggiare il letto alla parete della cabina,

spostando però la porta d’ingresso alla cabina sulla sinistra,

in questo modo:

camera da letto con cabina armadio laurahomeplanner.com

Nell’ipotesi invece di una stanza piccola,

la camera da letto con cabina armadio non sempre è la giusta soluzione,

come in questo caso,

in cui le dimensioni sono: 324 cm di lunghezza per 350 di profondità.

In questa circostanza,

oltre alle misure,

anche la presenza di una finestra e di una porta finestra posizionate sulle pareti opposte alla porta d’ingresso non aiutano,

pertanto,

l’opzione migliore è un armadio scorrevole.

Camera da letto con cabina armadio: le dimensioni della cabina

Dunque,

considerato che la profondità minima di una cabina armadio lineare deve essere 120/130 cm,

e che lo spazio necessario per muoversi agevolmente all’interno di essa deve essere almeno 60 cm,

per realizzare una camera da letto con cabina armadio ,

la stanza deve avere almeno una dimensione di circa 320 cm per 400 cm,

in ogni caso,

tutto dipenderà dalla posizione della porta, delle finestre e delle porte finestre,

perciò ,

per ogni stanza come per ogni ambiente ,

andrà fatto un proprio progetto.

Come realizzare lo spazio per la cabina armadio:

A questo punto vi starete chiedendo:

“Se le misure della stanza lo permettono..

cosa serve per realizzare la camera da letto con cabina armadio?

Ci sono diverse opzioni:

  • la muratura

realizzando un muro di divisione in cui inserire la porta d’accesso alla cabina,

questa soluzione è la più invasiva , soprattutto se fatta in un secondo momento quando la stanza è già utilizzata.

  • il cartongesso

che oltre ad essere una soluzione più economica rispetto alla muratura, ha il vantaggio di non essere un intervento invasivo ,

infatti ,

il cartongesso può essere realizzato in qualsiasi momento e montato direttamente sul pavimento esistente senza necessità di demolire.

  • il truciolare

come per il cartongesso, si tratta di un’alternativa alla muratura,

più semplice, veloce e meno dispendiosa.

  • con la cabina stessa

Utilizzando dei moduli armadio in legno con schienale a vista,

in questo modo,

oltre ad avere più spazio contenitivo,

la realizzazione può essere fatta con un solo intervento.

  • con porte scorrevoli e vetrate

questa è una scelta che evita interventi di muratura.

Le ante vengono ancorate a soffitto e pavimento con montanti e profili che possono essere realizzati in varie finiture,

effetto legno, laccate, metallizzate.

Anche le ante possono essere realizzate con varie tipologie di vetro,

trasparenti, in fumé,

satinati,

tutto dipende da quanto si vuol far vedere all’interno.

Camera da letto con cabina armadio : come realizzarla

Dunque,

definito che la misura minima di una cabina armadio deve essere ameno 120cm di lunghezza per 120 cm di profondità,

camera da letto con cabina armadio laurahomeplanner.com

esistono varie tipologie di strutture per realizzare la cabina armadio,

le principali sono:

  • a spalla

ovvero all’interno del locale cabina viene utilizzato il modulo degli armadi, che può essere progettato con o senza ante di chiusura

  • A Telaio o montanti

 è una cabina armadio formata da telai in metallo fissati a parete e a soffitto

Immagine Liberty di Tomasella mobili
  • a gremagliera

composta da profili metallici e boiserie sulle quali vengono posizionati diverse soluzioni di attrezzature

Immagine Pratico di Tomasella mobili

Camera da letto con cabina armadio: i miei consigli

Per realizzare una camera da letto con cabina armadio ci sono degli errori da evitare e dei consigli da seguire:

  • Mai farsi ingannare dalle immagine prese sui social

ogni stanza , ogni spazio ha le sue dimensioni ,

dunque, prima di decidere che la vostra camera da letto deve avere una cabina armadio , verificate le misure .

  • Considerate l’illuminazione

Una cabina armadio deve essere illuminata,

se non naturalmente , con lampade ,led, faretti,

insomma ,

la luce non deve mancare.

  • Fate un elenco dei vostri vestiti, degli accessori e di tutto quello che volete inserire

per accessoriarla nel modo utile alle vostre esigenze

L’articolo Camera da letto con cabina armadio: quanto spazio serve? proviene da Laura Home Planner.

29 Marzo 2024 / / Coffee Break

Oggi vi proponiamo uno degli ultimi progetti del nostro studio di architettura, Cafelab Architetti, una casa privata di
architettura mediterranea, uno stile che incarna l’eredità di bellezza e
tradizione legate al territorio, all’uso sapiente di materiali naturali e alla
gestione della luce naturale.

Le dimensioni contenute del lotto ci hanno vincolato in una forma semplice,
articolata in due volumi distinti di altezza e materiali differenti: intonaco
bianco per la zona giorno e pietra vista per le camere più private.

Nonostante le dimensioni del terreno limitate siamo riusciti a ottimizzare
l’esposizione e l’orientamento della casa. Aperture ampie e luminose accolgono
generosamente la luce solare, creando un’atmosfera accogliente e calda in ogni
ambiente e dissolvendo i confini tra interno ed esterno.
Per mitigare l’intensità del sole mediterraneo, abbiamo integrato portici e
pergolati che offrono ombra e un rifugio piacevole durante le ore più calde
della giornata.

I due volumi hanno differenti altezze e sistemi di copertura: la zona notte ha
una copertura a tetto giardino estensivo a bassa manutenzione, che contribuisce
a isolare termicamente gli ambienti; mentre per la zona giorno abbiamo previsto
un tetto a quattro falde, con cui abbiamo ottenuto ambienti interni più alti ed
è ideale per l’installazione di pannelli solari. rendendo la casa
energeticamente autonoma.

La casa è circondata da un piccolo giardino sassoso, con piante che richiedono
poca acqua e manutenzione, come cactus e piante succulente.

DT House Project: The Charm of Mediterranean Style

Today, we present one of our latest projects, a private house with Mediterranean architecture, a style that embodies the heritage of beauty and tradition associated with the region, the skillful use of natural materials, and the management of natural light.

The limited size of the plot constrained us to create a simple form, articulated into two distinct volumes of varying heights and different materials: white plaster for the living area and exposed stone for the more private rooms.

Despite the limited size of the plot, we managed to optimize the exposure and orientation of the house. Wide and bright openings generously welcome sunlight, creating a warm and inviting atmosphere in every space while blurring the boundaries between the interior and exterior. To mitigate the intensity of the Mediterranean sun, we integrated porches and pergolas that provide shade and a pleasant retreat during the hottest hours of the day.

The two volumes have different heights and roofing systems: the sleeping area features a low-maintenance extensive green roof, which contributes to thermal insulation, while for the living area, we designed a four-pitched roof that provides higher ceilings and is ideal for solar panel installation, making the house energy self-sufficient.

The house is surrounded by a small rocky garden, adorned with plants that require minimal water and maintenance, such as cacti and succulents.

28 Marzo 2024 / / Maconi

Stai pensando di acquistare uno specchio ma non sai dove metterlo? Stai cercando qualcosa che sia utile e allo stesso tempo bello da vedere in un ambiente moderno e curato nei minimi particolari?

Scopri nell’articolo idee originali e soluzioni innovative per inserire il giusto specchio negli ambienti della casa.

Lasciati ispirare da complementi capaci di allargare gli spazi che talvolta integrano ganci appendiabiti e vani portaoggetti con un obiettivo ben preciso: massimizzare la loro funzionalità in poco spazio.

Scopri di più nell’articolo!

 

Uno specchio moderno per il salotto

Uno specchio a parete in un living moderno cattura inevitabilmente l’occhio per il gioco di riflessi che crea con i complementi del soggiorno.
Appeso al muro è un’ottima soluzione salvaspazio per monolocali e open space piccoli dove serve sfruttare al meglio ogni centimetro.

 

 

L’integrazione dei ganci appendiabiti permette di riporre giacche, cappotti e cappelli per averli sempre a portata di mano prima di uscire da casa.
A fianco di un divano o di una porta, uno specchio a parete completa così il soggiorno e dona un percepito di maggior larghezza degli spazi.

 

Uno specchio da posizionare sopra la credenza

Trovi che sopra la credenza manchi qualcosa e cerchi quel complemento ideale per riempire la parete e non lasciare in salotto nessun effetto di vuoto? Una specchiera sospesa può sicuramente fare al caso tuo.

 

 

Le forme accattivanti e le finiture ricercate della struttura facilitano l’abbinamento con gli altri arredi della stanza.

Specchi rotondi o ovali si inseriscono alla perfezione sopra madie in appoggio o sospese. I giochi di profondità che creano questi complementi donano all’intero living un percepito di movimento, soprattutto nei salotti dove lo spazio è poco.

 

Una specchiera in camera da letto

Finito di vestirsi è irrinunciabile dare un’occhiata al proprio outfit per vedere se si sono scelti i vestiti giusti e i corretti abbinamenti. Una specchiera in camera da letto diventa quindi pratica e indispensabile.

 

 

A fianco del guardaroba o da parte al comodino, uno specchio alto a parete è una soluzione per potersi dare un’ultima sistemata prima di uscire.

I modelli con ganci appendiabiti sono un’alternativa salvaspazio che unisce due funzioni in un solo complemento. Si possono così appendere quegli abiti che non volete si stropiccino nell’armadio, oppure sciarpe e giacche da usare quotidianamente.

Il design accattivante di una soluzione del genere la rende collocabile non solo nella camera da letto, ma anche in un ingresso con poco spazio.

 

 

*Se prediligi un’estetica moderna e pulita, opta per gli specchi senza cornice che si fondono con l’ambiente circostante aggiungendo un tocco di eleganza discreta e dal design unico.

 

Uno specchio da inserire in un corridoio stretto

Da posizionare in un corridoio stretto, gli specchi assolvono l’importante funzione di riuscire a illuminare spazi spesso piccoli e poco luminosi come sono appunto i disimpegni.

 

 

 

Una specchiera con appendiabiti per l’ingresso

Arredare l’ingresso può talvolta richiedere dei compromessi per il poco spazio a disposizione in un ambiente della casa spesso sottovalutato.

 

 

Per dare una sensazione di apertura all’ingresso, gli specchi sono l’ingrediente segreto che rende tutto più luminoso e interessante.
Uno specchio collocato a fianco della porta d’ingresso allarga lo spazio visivo rendendo l’entrata un invito caloroso di benvenuto.

 

Non hai trovato la soluzione che fa per te? Contattaci!

Rivenditori Italia Maconi