31 Maggio 2019 / / Blog Arredamento

Quando si ha in casa una persona disabile o un anziano con difficoltà motorie allora si ha il bisogno di trovare un’alternativa sicura che permetta a queste persone di spostarsi tra i vari piani dell’abitazione in totale sicurezza ed autonomia. Una normale rampa di scale, per chi ha difficoltà nel muoversi da solo, può diventare un vero e proprio ostacolo, obbligando a volte la persona a rimanere bloccata in un’unica zona della casa, a meno che non abbia qualcuno sempre pronto ad aiutarla a salire o scendere le scale o, in alternativa, installare un montascale a poltroncina.

I montascale ad oggi sono uno degli strumenti più utilizzati in casa per venire incontro proprio a questo problema, sono facili da installare e, grazie alle agevolazioni fiscali offerte dallo Stato, non si è costretti a spendere una fortuna.

Le agevolazioni fiscali relative ai montascale sono regolate nel nostro Paese dalla legge n. 13/1989, emanata per regolare l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Questa legge prevede che i disabili e le persone affette da menomazioni fisiche che impediscono loro di muoversi se non tramite l’ausilio di un accompagnatore o di strutture mobili specifiche, così come coloro che hanno a carico una persona affetta da uno di questi problemi, abbiano un’IVA agevolata al 4% per l’acquisto di mezzi necessari alla deambulazione e al sollevamento dei disabili e per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici volti all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Inoltre, grazie al Bonus Casa 2019, le persone con handicap fisici hanno diritto ad un rimborso pubblico che copre fino al 50% della spesa sostenuta su una spesa massima di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare per l’installazione di un montascale o di altre strutture analoghe che hanno sempre lo scopo di abbattere le barriere architettoniche.

Il rimborso del 50%, può essere detratto dall’imposta sul reddito di persone fisiche, insieme all’IVA, sia per l’acquisto di un montascale che per la sua installazione.

Chi può usufruire delle detrazioni fiscali?

A poter usufruire delle detrazioni fiscali sono tutti i contribuenti soggetti al pagamento di imposte sui redditi, sia i proprietari dell’immobile, che i titolari di diritti di godimento, che coloro che ne sosterranno le spese dei lavori.

Anche gli edifici condominiali possono usufruire di una detrazione fiscale del 50% sulle spese sostenute, purché i lavori in questione vengano effettuati su parti comuni del condominio (cioè il suolo su cui sorge l’edificio e le parti di cui è composto quest’ultimo, nonché i locali per la portineria, il riscaldamento centrale, ecc.).

Cosa occorre fare per ottenere la detrazione fiscale?

La procedura di richiesta della detrazione è stata semplificata sempre di più nel corso degli ultimi anni. Per ottenerla basterà infatti inserire nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile, gli estremi di registrazione dell’atto e tutti gli altri dati richiesti nella domanda che servono a controllare la detrazione.

Una volta effettuata la richiesta, deve essere comunicato all’Azienda Sanitaria Locale le generalità del committente dei lavori, il tipo di intervento da realizzare, i dati identificativi dell’impresa che effettuerà i lavori con esplicita assunzione di responsabilità e la data di inizio dei lavori di recupero tramite raccomandata o altre modalità richieste dalla Regione di residenza.

Inoltre, la Legge di Bilancio 2018 di cui fa parte il Bonus Ristrutturazioni, ha introdotto l’obbligo di comunicare all’Enea le informazioni sui lavori effettuati entro 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori tramite Enea.

Come si ottiene la detrazione fiscale?

È possibile ottenere la detrazione fiscale solo se i pagamenti vengono effettuati tramite bonifico bancario o postale, da cui devono risultare la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e quello del beneficiario del pagamento (o la sua partita Iva).

Nel caso di edifici condominiali, in cui potrebbero esserci più soggetti a sostenere la spesa, i bonifici devono riportare i codici fiscali di tutte le persone interessate alla detrazione fiscale. Nel caso in cui gli interventi vengano realizzati su parti comuni condominiali, allora nei bonifici dovranno essere riportati il codice fiscale del condominio e quello dell’amministratore o di chi effettua il pagamento.

Le agevolazioni fiscali per l’installazione di un montascale, possono essere ottenute anche dai privati?

La Legge n. 13/1989 prevede delle agevolazioni fiscali anche per i privati per l’installazione di montascale per disabili, anche se in percentuale minore (cioè del 19%).

Inoltre, a differenza di altri interventi volti a modificare la struttura dell’immobile, come la costruzione di rampe o l’installazione di appositi ascensori per disabili, l’installazione di un montascale non richiede l’invio di alcuna domanda per la concessione edilizia, né la dichiarazione di inizio lavori per l’installazione.

Chi può usufruire della detrazione fiscale del 19%?

Ad usufruire del contributo del 19% possono essere tutte le persone portatrici di handicap o che abbiano delle limitazioni o menomazioni fisiche permanenti che compromettano in parte o totalmente la mobilità.

Non è necessario essere riconosciuti invalidi, purché si presenti una patologia tale da rendere impossibile l’utilizzo autonomo e sicuro di una rampa di scale o di altri ostacoli attestata da un certificato medico.

I portatori di handicap invalidi al 100% hanno il diritto di precedenza in graduatoria per l’ottenimento della detrazione fiscale.

7 Maggio 2019 / / Blog Arredamento

Oggi sempre più persone hanno la necessità ad un certo punto di installare per sé stessi o per un membro della famiglia un montascale per anziani nella propria abitazione.

Il montascale esiste da molti decenni, tuttavia è solo in tempi recenti che esso ha visto un vero e proprio “boom” di installazioni nelle nostre case. La popolazione anziana è cresciuta molto numericamente negli ultimi anni, e anche la cultura si è evoluta: oggi l’anziano non solo arriva mediamente più in là con gli anni, ma c’è un’attenzione decisamente maggiore rispetto al passato rispetto a come viviamo in tutte le fasi della vita e la società è più sensibile ai temi che riguardano il benessere dell’anziano. La tecnologia poi ha fatto grandi progressi che, accompagnati dai progressi ingegneristici, hanno permesso a molte aziende di presentare sul mercato soluzioni sempre più innovative a costi sempre più accessibili. Se dunque solo dieci o vent’anni fa poteva sembrare una rarità vedere un montascale in un’abitazione, oggi pressoché tutti sanno cos’è un montascale e ne hanno sentito parlare, e molti hanno un montascale installato in casa.

Monstascale di design Style

Perché parlare di montascale in un blog che tratta di arredamento?

Il motivo è molto semplice: il montascale solitamente è un impianto che viene installato in un contesto architettonico preesistente, e si tratta quindi di un elemento nuovo che interagisce con l’ambiente e con l’arredamento, anche sotto il profilo estetico.

Quando si presenta la necessità di installare il montascale, tipicamente si chiama una ditta specializzata, dei professionisti addetti effettuano un sopralluogo e dei rilievi sul luogo dell’installazione, e laddove possibile si progetta e si installa l’impianto montascale.

L’installazione in sé e per sé di solito non è particolarmente complessa: solitamente è possibile installare un tipico montascale a poltrona per anziani in poche ore e lasciando la scala e l’ambiente puliti e in ordine.

Molte persone, in particolare coloro che tengono molto alla cura della casa e dell’arredamento, al momento di dover installare un montascale si preoccupano che questo nuovo elemento possa risultare ben inserito nell’ambiente ed esteticamente gradevole.

Un montascale bello e ben inserito nel contesto e nell’arredamento

Naturalmente la necessità di una persona anziana di poter tornare a muoversi in casa propria è ben più importante dell’estetica, ma oggi fortunatamente possiamo avere entrambe le cose.

La sempre maggior sensibilità del pubblico verso la qualità anche estetica e al design, ha spinto le aziende a competere fra di loro sempre più anche su questi aspetti, arricchendo molto il ventaglio di soluzioni sul mercato.

In Italia ad esempio, una delle più importanti aziende multimarca del settore con aziende installatrici affiliate su tutto il territorio nazionale, Centaurus Rete Italia, da tempo fra le varie possibilità del proprio catalogo distribuisce, al momento in cui scriviamo in esclusiva nazionale, un modello di montascale volutamente chiamato “Style”, con chiaro riferimento alla particolare ricerca del design. E non a caso questo particolare modello è accompagnato da diverse interessanti possibilità di personalizzazione, ad esempio nei colori della seduta e addirittura nei colori della guida (la guida è il binario installato lungo la scala su cui si muove il montascale).

Si tratta naturalmente solo di un esempio, ma è utile per capire la questione e, soprattutto, capire quali possono essere i piccoli accorgimenti da valutare bene insieme alla ditta installatrice per fare in modo che il montascale si armonizzi bene nell’ambiente e con l’arredamento.

Naturalmente quando i professionisti addetti effettuano il sopralluogo devono valutare molti aspetti, e ovviamente prima di tutto devono valutare fattori fondamentali come la fattibilità, l’idoneità ecc. ma siamo convinti che un buon installatore laddove possibile non debba trascurare di valutare come cosa complementare anche la buona riuscita “estetica” dell’impianto, consigliando e valutando insieme al cliente modelli, colori, personalizzazioni ecc.

Alcune persone hanno un arredamento moderno, altre un arredamento classico, altre ancora un arredamento country… le possibilità sono molte, ed è evidente che lo stesso identico montascale non potrà esteticamente risultare uguale in contesti così diversi.

Prima citavamo come esempio il montascale “Style” proposto da Centaurus Rete Italia, accennando al fatto che in base alle personalizzazioni può adattarsi bene in diversi ambienti. Questa stessa azienda ad esempio ha anche altre proposte altrettanto interessanti sotto il profilo dell’estetica e dell’integrazione nell’arredamento, fra cui addirittura un montascale con la seduta e i braccioli in legno di noce, oltreché configurabile con diversi colori di tessuto per l’imbottitura della seduta stessa.

Al di là comunque di aziende e modelli specifici, ciò che a noi interessa qui è delineare alcuni aspetti principali a cui prestare attenzione in fase di acquisto, consultandosi naturalmente con gli esperti dell’azienda scelta per l’installazione, che se sono abili professionisti e con esperienza sicuramente sapranno anche dare consigli validi su cosa può andar bene nel caso specifico (tenendo conto ovviamente che l’aspetto estetico è sempre subordinato all’aspetto funzionale, quindi dovranno sempre essere dei tecnici qualificati a indicare a cliente i modelli, opzioni e personalizzazioni possibili all’interno delle soluzioni adatte per il caso specifico):

  • tipologia di guida: esistono montascale con guida bitubo e montascale con guida monotubo; dal punto di vista estetico l’aspetto è abbastanza diverso, quindi può essere utile prestare attenzione a quale tipologia offre l’azienda installatrice.
  • design della seduta e del gruppo di trazione: attualmente esistono sul mercato molti modelli e a onor del vero occorre dire che l’attenzione per il design è oggi sempre maggiore.
  • possibilità di personalizzare i colori della seduta: questo è uno degli aspetti più importanti per l’estetica e l’arredamento, perché il colore della seduta è una delle cose che risalta maggiormente e una buona scelta aiuta molto ad armonizzare il tutto con l’ambiente circostante.
  • possibilità di personalizzare il colore della guida: anche questo è altrettanto importante, ed è una cosa a cui prestare attenzione, perché non tutti la offrono, mentre esteticamente può davvero fare la differenza.

Un ultimo consiglio, più generale, potrebbe essere quello di valutare di rivolgersi preferibilmente ad aziende che siano non solo serie e qualificate, ma anche multimarca: oggi infatti un grande problema nel settore dei montascale è che ancora molte aziende sono sostanzialmente monomarca, e quindi hanno solo pochissimi modelli da offrire al cliente se non addirittura uno solo, ed è quindi facile immaginare che possano voler “spingere” sui pregi di quel prodotto. Un’azienda multimarca invece ha solitamente un ampio catalogo che le consente di ricercare la migliore soluzione per il cliente all’interno di un range ampio di prodotti.

12 Luglio 2018 / / Case e Interni

I montascale design e compattezza
Il montascale per disabili è uno strumento indispensabile per la serenità di coloro che, a causa di un’invalidità o di difficoltà motorie, desiderano raggiungere tutti gli spazi della casa in modo autonomo.

Se è la prima volta che ti trovi a dover installare un montascale in casa, sicuramente avrai notato che ne esistono di diversi tipi. Oggi vogliamo parlare dei montascale a poltroncina e di quelli a piattaforma, le due tipologie più consigliate e utilizzate, in modo da aiutarti a fare la scelta giusta in base alle tue esigenze.

È molto importante poter essere in grado di superare le barriere architettoniche, soprattutto della casa in cui si vive, e riuscirci regala un benessere psicofisico sia a coloro che sono affetti da disabilità che ai loro cari.

Se hai qualche dubbio riguardo il rischio di poter intaccare lo stile della stanza in cui sarà montato il montascale, non preoccuparti: oggi è disponibile un’ampia varietà di poltroncine e di piattaforme pensate proprio per mimetizzarsi il più possibile con l’ambiente circostante e non risultare quindi invadenti nei confronti dell’arredamento e della stanza nella quale verranno collocate.

Quali montascale si adattano meglio alla tua casa? Questo dipende dalle tue esigenze e dall’utilizzo che vorrai farne. Come vedremo tra poco, entrambe le tipologie di montascale infatti sono montabili su tutti i tipi di rampe e sia in ambienti chiusi che all’esterno. Vediamo di spiegare un po’ meglio le caratteristiche e in quali casi è meglio scegliere un montascale a poltroncina o uno a piattaforma.

I montascale a poltroncina

La prima tipologia di montascale di cui ti vogliamo parlare è quella che prevede la poltroncina, chiamata anche sedia montascale. È consigliato soprattutto per gli anziani o per chi presenta difficoltà motorie ma non utilizza una sedia a rotelle. Questo particolare montascale è indicato sia per un utilizzo domestico che per gli esterni, quindi sarà importante fare una scelta attenta dei materiali in base alle tue necessità e al luogo in cui deciderai di montarla.

La sua istallazione non è per nulla problematica, non richiede molto tempo e, inoltre, non saranno necessari né interventi di ristrutturazione né lavori all’impianto elettrico. Una caratteristica da non sottovalutare è che avrai la possibilità di adattare perfettamente il tuo montascale a qualunque tipo di scala, sia essa dritta, curva o a chiocciola, perché questo seguirà perfettamente l’andamento della rampa. Anche se può sembrare strano, il montascale è un complemento non ingombrante: le scale infatti resteranno interamente utilizzabili anche per gli altri membri della famiglia che non dovessero avere difficoltà motorie, perché le poltroncine sono pieghevoli e non daranno quindi alcun tipo di fastidio visto che potrai ripiegarle ogni volta che non ne avrai bisogno.

I montascale a poltroncina sono dotati di un telecomando con il quale potrai richiamare e mandare la poltrona dove desideri. Inoltre, per la tua comodità troverai una leva di comando, con la funzione di chiave, che ti darà la possibilità di spostarti verso la cima delle scale o, viceversa, verso il fondo con assoluta naturalezza e facilità.

Come dicevamo, è possibile istallare questi montascale senza la necessità di dare inizio a lavori fastidiosi e invadenti per tutti. La struttura della sedia viene infatti montata a gradino utilizzando i supporti appositi e la rotaia può essere montata sia dalla parte della ringhiera che dalla parte del muro. Questo sistema garantisce massima stabilità, quindi non avrai motivo di temere per la tua sicurezza o per quella dei tuoi cari.

Ultima curiosità, ma non la meno interessante, è che ogni montascale a poltroncina, funzionando a batteria ricaricabile, è dotato di un sistema di sicurezza che permette alla sedia di arrivare a destinazione anche nel caso di interruzione della corrente elettrica.

I montascale a pedana

E adesso vediamo le caratteristiche e i vantaggi di un montascale a pedana, che viene chiamato, più tecnicamente, anche servoscala.

Prima di tutto è necessario specificare che la differenza principale con i montascale a poltroncina è che sono sicuramente più indicati per chi fosse costretto a muoversi in sedia a rotelle. Grazie alla struttura di questo montascale, infatti, non sarà necessario chiamare qualcuno per spostarti sulla poltroncina: basterà salire sulla pedana e spostarti verso l’alto o verso il basso. Queste pedane, infatti, sono tra le più utilizzate grazie alla loro elevata fruibilità, estrema comodità e alla loro semplicità di utilizzo.

Inoltre, la salita e la discesa risulteranno estremamente facili grazie ai comandi intuitivi ed ergonomici di cui ormai sono dotati tutti i servoscale, che donano la completa autonomia anche a coloro che dovessero soffrire di difficoltà motorie alle mani, come nel caso di chi presenta malattie reumatiche più o meno gravi.

Le piattaforme sono sempre personalizzabili, quindi potrai avere pieno potere decisionale sia per quanto riguarda la scelta dei materiali e del design, che per quanto riguarda le dimensioni della pedana, che potrà anche essere ampliata nel caso tu voglia fare spazio a un eventuale accompagnatore.

Anche i montascale a pedana sono completamente sicuri e affidabili. Prima di attivare il movimento desiderato, basta allacciare la carrozzina alla pedana e il gioco è fatto. Inoltre, grazie alla presenza di batterie ricaricabili, se dovesse verificarsi un’interruzione di corrente, la pedana ti porterebbe comunque a destinazione senza interrompere la corsa.

Come per i montascale a poltroncina, i servoscala sono installabili con estrema semplicità e in pochissimo tempo, senza che tu debba ricorrere a modifiche dell’impianto elettrico o a lavori importanti alle pareti della tua casa.

E per finire parliamo di design: anche i montascale a pedana non risultano ingombranti e possono adattarsi in modo armonioso al resto della casa. È infatti possibile richiudere la pedana e utilizzarla solo quando serve e potrai scegliere tra una vasta gamma di colori in modo da abbinare alla perfezione il tuo montascale con l’arredamento circostante.

Anna e Marco CASE E INTERNI

20 Febbraio 2018 / / Blogger Ospiti

Per quanto riguarda la tecnologia per le persone disabili, o a ridotta mobilità, oggi sono stati fatti passi da gigante. Sono vari gli ausili che consentono a chi è costretto a vivere su una carrozzina di spostarsi come crede, all’interno della propria abitazione, lungo delle scale o in situazioni in che un tempo le barriere architettoniche avrebbero reso insostenibili. Chi vive una problematica che lo costringe a muoversi con la sedia a rotelle, o chi non è in grado di spostarsi come crede, può installare questi ausili all’interno della propria abitazione, anche se si tratta di un condominio che condivide con molte altre persone.

Le barriere architettoniche
Uno dei principali problemi per chi ha ridotta mobilità è rappresentato dalle scale, o comunque dall’impossibilità di superare agevolmente un dislivello, anche di pochi centimetri. Nella maggior parte dei locali pubblici queste vere e proprie barriere architettoniche sono state eliminate grazie all’installazione di montascale. Oggi questi ausili possono essere installati anche in casa, grazie alla disponibilità di modelli compatti, adatti a qualsiasi tipo di spazio, senza dover effettuare opere murali di imponente entità. Si possono trovare montascale a Firenze, così come in qualsiasi altra città italiana, in diversi modelli e tipologie. Il più classico è il montascale a poltroncina, adatto anche alle persone anziane, che non sarebbero in grado di superare una scala senza un aiuto esterno. Si tratta di poltrone a motore, ancorate al bordo esterno della scala o anche al corrimano centrale, richiudibili dopo l’uso. Sono così pratiche che le si può installare anche dove il vano scala è di dimensioni veramente molto ridotte, o segue un percorso tortuoso, con varie curve.

Per le persone con sedia a rotelle
Un montascale a poltroncina può non essere ideale per un soggetto con sedia a rotelle. In questi casi in genere si tende a preferire l’utilizzo di ausili cosiddetti a pedana. Il motore solleva una comoda pedana, su cui si accomoda una persona in piedi, o un’intera sedia a rotelle. Dei supporti consentono al soggetto occupante la piattaforma di mantenersi saldamente ancorato durante la marcia, per evitare qualsiasi tipo di problema. Un montascale a pedana può essere installato lungo un vano scale, o anche in altre posizioni. Ad esempio in molti casi si installano all’aperto, per raggiungere i piani superiori di un’abitazione o di un condominio.

Non solo montascale
Il mondo degli ausili per persone a ridotta mobilità è oggi molto ampio. Non solo le scale infatti impediscono un movimento comodo a chi non riesce ad utilizzare in maniera perfetta le proprie gambe. Un tipico esempio di ausilio per disabili è la vasca con porta, adatta sia agli anziani sia a chi vive su una sedia a rotelle. Si tratta di vasche da bagno munite di una comoda porta laterale. Chi intende utilizzarla può raggiungere comodamente il piano di base della vasca, per accomodarsi sul sedile posto al suo interno. Potrà quindi chiudere la porta e cominciare a riempire la vasca per il bagno, oppure potrà utilizzare il sedile per farsi una doccia.

17 Febbraio 2018 / / Idee

montascale

Sapete quanto ci piaccia parlare di design ma ancora di più ci piace parlare di cose che possono rendere migliore la vita in casa per chiunque e ciò, prima di tutto, passa attraverso la sicurezza e l’autonomia, è per questo che oggi vogliamo parlarvi delle poltroncine montascale.

Dover limitare la propria quotidianità, non poter più avere le stesse abitudini di prima, può aggravare il danno fisico di chi ha una mobilità ridotta, con un danno psicologico, per il fatto di sentirsi a disagio e dipendente da altri, persino nella propria casa.

In molti casi abbattere le barriere, grazie a una poltroncina montascale, può rendere la vita nella propria abitazione autonoma e confortevole, anche per chi ha problemi di movimento.

Chi abita in una casa a due piani o deve accedere al proprio appartamento tramite una scala potrà usufruire di apparecchiature dal semplice utilizzo e dall’aspetto estetico piacevole, per muoversi autonomamente dentro e fuori la propria abitazione.

La casa è il nostro nido, il luogo dove vogliamo e dobbiamo sentirci a nostro agio e liberi, dunque, una poltroncina montascale è una risposta immediata al bisogno di autonomia e sicurezza. Questi meccanismi permettono di raggiungere i piani superiori, senza il minimo sforzo, senza difficoltà nei comandi e senza bisogno di essere degli esperti di tecnologia. Si tratta di macchine realizzate con materiali di pregio e molti accorgimenti di tipo tecnico ma che non trascurano e non tralasciano assolutamente l’estetica perché, non dimentichiamolo mai, anche l’occhio vuole la sua parte.

montascale

montascalemontascale

Ogni poltroncina è un prodotto personalizzabile sia dal punto di vista della tecnologia, in quanto le disabilità, come le abilità, sono tutte diverse e necessitano di accorgimenti mirati, sia dal punto di vista estetico, si può infatti scegliere tra diversi colori di rivestimento per permettere un perfetto inserimento della poltroncina nei vari ambienti della casa.

Il rivestimento è in tessuto vinilico, resistente al fuoco e ai detergenti aggressivi e facile da pulire e ha un’ottima resa estetica.

La poltroncina montascala migliore è quella ergonomica, comoda, silenziosa, facile da usare, poco ingombrante e bella!

Esistono modelli per scale dritte e scale curve ed è possibile l’istallazione anche all’esterno, poiché tutte le componenti sono realizzate in alluminio e con materiali estremamente resistenti alle condizioni più estreme; è possibile inoltre dotare le sedie di una cintura di sicurezza. Se la poltroncina rimane inutilizzata per alcuni mesi durante l’anno, è consigliabile comunque coprirla con un telo protettivo per esterni.

montascale

montascalemontascale

montascale

Se è vero che, come dice il piccolo principe, l’essenziale è invisibile agli occhi, come lo è la meravigliosa sensazione di sentirsi autonomi e liberi in casa propria, è vero anche che l’aspetto estetico delle cose ha il suo valore indiscutibile e non sarebbe giusto doverci rinunciare, nemmeno per chi ha bisogno di attrezzature tecnologiche per mobilità ridotta.

Una progettazione attenta riguarda sia le componenti tecnologiche che il design di un prodotto e aziende di qualità sono in grado di offrire montascale, elevatori e mini ascensori dall’estetica assolutamente accattivante. Questo significa poter installare all’interno di qualsiasi contesto abitativo una macchina che non è solo un ausilio sanitario, ma anche un oggetto d’arredo. In questo modo il colpo d’occhio sarà piacevole e l’armonia con gli interni renderà la macchina più gradita a chi ne deve usufruire.

Un buon prodotto è anche quello che si installa in modo semplice, in poco tempo e senza particolari lavori di muratura o legati agli impianti elettrici.

montascalemontascalemontascalemontascale

 

È vero che la caratteristica principale di molti elementi deve essere la loro utilità e usabilità, ma non per questo si deve rinunciare all’estetica soprattutto in un’epoca che è in grado di realizzare prodotti che nascono dall’incontro perfetto tra sicurezza, comodità e design. La tecnologia abbraccia la semplicità di utilizzo per offrire strumenti affidabili, dal minimo ingombro e dal design accattivante, in grado di inserirsi armonicamente in qualsiasi ambienti, non dovendo per forza rimarcare l’aspetto da attrezzatura medica ingombranti e dall’estetica scadente, ma anzi proponendo prodotti dalle linee moderne e di design.

Cerchiamo sempre di rendere il nostro ambiente il più confortevole e bello possibile, anche la possibilità di scegliere il colore di un rivestimento o un dettaglio e un confort in più miglioreranno la qualità della nostra vita in casa.

L’articolo Il design e il benessere alla portata di tutto con le poltroncine montascale proviene da Architettura e design a Roma.

28 Ottobre 2017 / / Case e Interni

Montascale Ceteco

L’abbattimento delle barriere architettoniche è una questione che non riguarda più solo gli edifici pubblici, ma coinvolge anche le abitazioni private.

Soprattutto in palazzine organizzate su più piani o in edifici storici caratterizzati da spazi angusti e pendenze diverse, può nascere il problema di come installare uno strumento elevatore che sia in grado di fornire un utile supporto per chi ne avesse necessità.

Per una persona diversamente abile o in carrozzina, o un anziano con difficoltà motorie, una semplice rampa di scale può a volte trasformarsi in un limite invalicabile, tanto da rendere il proprio appartamento un ambiente ostile.

Per rispondere a questa necessità, tra le scelte più apprezzate, soprattutto nelle villette o nelle unità familiari su più piani, ci sono le piattaforme elevatrici. Sono impianti comodi e funzionali, simili agli ascensori per portabilità, ma con un’installazione più semplice e meno impegnativa a livello strutturale.

L’acquisto di tali strumenti, però, non è una scelta che può essere fatta con leggerezza. Non solo i costi possono essere molto elevati, ma anche, a seconda del supporto prescelto e delle caratteristiche della propria casa, intaccherà fortemente il lato estetico e strutturale.

Per questo motivo è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti, che saranno in grado di consigliarvi la tipologia di piattaforma elevatrice più adatta alle vostre esigenze.

Vediamo insieme le caratteristiche delle piattaforme elevatrici e quali soluzioni potrebbero essere messe in pratica per adattarle alla propria abitazione, senza sconvolgerne completamente il design e l’arredamento.

La piattaforma elevatrice: un ascensore domestico

Quando ci rechiamo in un edificio pubblico, in un albergo o in condominio di tanti piani, siamo abituati alla presenza dell’ascensore, ossia un elevatore verticale in grado di trasportare un certo numero di persone al suo interno e di facilitare le operazioni di carico e scarico di oggetti ingombranti e pesanti.

E se volessimo avere il nostro ascensore a uso domestico, senza dover affrontare enormi costi di installazione e manutenzione? In questo caso la risposta migliore sono le piattaforme elevatrici, ideali per garantire la mobilità domestica alle persone anziane, disabili e a tutti coloro che soffrono di gravi disabilità motorie.

Anche se la funzione che svolge è sostanzialmente la medesima, la piattaforma elevatrice differisce dall’ascensore per alcune caratteristiche, ben spiegate nelle Direttiva Europea 2006/42 CE: le principali sono una velocità ridotta, che non deve superare gli 0,15 metri al secondo, e l’azionamento mediante manovra a uomo presente, contro il funzionamento automatico dell’ascensore.

Il giusto modello per il giusto spazio

Se adesso state pensando che la vostra abitazione non è adatta a ospitare una piattaforma elevatrice, dovete sapere che in commercio esistono molti modelli differenti, in grado di adattarsi a tutti gli spazi e a tutte le necessità.

Anche se è più facile inserirle nelle case prefabbricate, che in genere accostano al vano scale uno spazio idoneo ad ospitare una piattaforma elevatrice, in verità, questi piccoli elevatori possono essere inseriti anche in case di nuova costruzione o in edifici più datati.

A differenza, infatti, degli ascensori, le piattaforme elevatrici possono andare ad occupare anche spazi contenuti: le dimensioni standard per il supporto del vano arrivano fino a circa 110 x 140 cm, ma in commercio esistono anche modelli mini, in grado di garantire il minimo ingombro di 60 x 60 cm. Per adattarle allo spazio esiguo del vostro appartamento, potete quindi scegliere modelli mini da incassare nel vano scale oppure optare per il taglio degli scalini.

Per l’installazione è necessaria solo una parete portante e non serve scavare una fossa molto profonda, al massimo di 10-12 cm. Questo perché è previsto un piano di appoggio molto aderente a quello del pavimento per facilitare l’accesso con le carrozzine.

Per chi è attento al design e all’impatto estetico che l’installazione di una piattaforma elevatrice potrebbe avere sulla propria casa, il consiglio è quello di rivolgersi a dei professionisti del settore. Potranno consigliare la soluzione più efficace e personalizzata, proponendo modelli in grado di combinare estetica, sicurezza e comfort, così da garantire la massima autonomia a chi dovrà usufruire delle piattaforme.

In commercio esistono modelli realizzati in materiali diversi, sia per le finiture esterne che per gli interni, in modo da potersi adattare allo stile e all’arredamento del vostro appartamento.

Se avete arredato la vostra casa secondo uno stile rustico, potete pensare di predisporre delle finiture in legno o granito, in grado di regalare quel tocco di calore in più, anche ai macchinari più tecnologici.

Se invece la vostra casa ha uno stile più moderno e nordico, è sempre d’effetto una piattaforma elevatrice in cristallo autoportante, bella da vedere e perfetta anche per un’installazione in esterna, purché abbiate la pazienza di pulirla periodicamente.

Se poi volete dare un tocco contemporaneo e urbano al vostro arredamento, lo stile industriale va molto di moda e di sicuro non stonerà l’inserimento di un modello cromato o in metallo dallo stile più commerciale.

15 Maggio 2017 / / Blogger Ospiti

Il montascale è una soluzione facile e comoda ai problemi di mobilità. È la soluzione ideale per chi ha problemi di mobilità, come per esempio persone anziane e disabili. La funzione dei montascale o servoscale è garantire lo spostamento a persone con difficoltà motorie, o a chi non possiede più la padronanza completa dei propri arti. Si tratta quindi di soluzioni molto importanti per non perdere l’autonomia nella propria abitazione, ma anche soluzioni sicure perché devono essere garantiti e perfettamente funzionanti. Possono anche essere studiati e personalizzati in base alle esigenze di chi andrà ad utilizzarli.

I montascale

I montascale si adattano a tutti i tipi di scale: curve, dritte e per esterni.
Tutti i montascale racchiudono i comandi in un solo bracciolo e possiedono la garanzia e la qualità necessarie per far sentire l’utente il più sicuro possibile. Possono essere montati anche senza aggiunte murarie, quindi senza modificare la struttura della casa.
Ci sono 3 tipi di montascale: a piattaforma, a poltroncina e a soffitto.

I servoscala

I servoscala a piattaforma per scale curvilinee sono particolarmente indicati per installazioni in spazi molto stretti. Il modello Slim della Extrema, ad esempio, è caratterizzato dall’assenza del gruppo di trazione a bordo macchina: questo permette di limitare al massimo lo spazio occupato dalla pedana. Questo lo rende tra i servoscala meno ingombranti che ci sono in commercio.
I servoscala con piattaforma per il trasporto di persone su carrozzina sono studiati per lo più per il superamento di scale rettilinee. Sono adatti anche all’installazione in ambienti esterni.
La pedana è motorizzata e possiede delle barre di protezione, che ne assicurano la chiusura e l’apertura in maniera totalmente automatica e particolarmente semplice.

Montascale a poltroncina

I montascale a poltroncina effettuano una rotazione che permette all’utilizzatore di sedersi o alzarsi comodamente in piena sicurezza. I sensori di sicurezza determinano l’arresto immediato dell’impianto, in modo da garantire la sicurezza del trasporto, in caso di urto.

Servoscala con guida a soffitto

I servoscala con guida a soffitto sono sia per il trasporto di una persona su poltroncina, sia su carrozzina. Questa rappresenta la soluzione scelta da chi non intende ingombrare la scala con guide laterali fissate a muro o a pavimento e avere libero accesso a porte e finestre senza limitarne la funzionalità. I due servoscala (per poltroncina o per carrozzina) sono intercambiabili poiché utilizzano il medesimo tipo di guida.

L’avanzamento della tecnologia permette oggi di usufruire inoltre di speciali montascale progettati interamente per persone con disabilità, a pedana (o piattaforma) e alimentati a batterie, con dispositivi di sicurezza anti schiacciamento e abbassamento e sollevamento automatico della piattaforma.

I montascale, con i loro impianti di sollevamento delle persone che sono impossibilitate a salire autonomamente le scale o a superare tutti quelle caratteristiche comunemente presenti negli ambienti e che però per alcuni si sono trasformati in ostacoli sia nelle abitazioni private che nei luoghi pubblici, costituiscono oggi delle soluzioni comuni per abbattere le barriere architettoniche, soprattutto in casa, grazie all’ausilio di soluzioni domestiche confortevoli in tutta sicurezza per persone con disabilità e persone anziane.

14 Luglio 2016 / / Design

Vivere su più piani è sicuramente interessante e per me che guardo con occhio progettuale molto stimolante sia a livello visivo che interattivo. Avere la possibilità di sfruttare le altezze per raddoppiare lo spazio oppure avere una casa su due livelli è un plus, però, di cui non tutti possono godere.

Sono attratta dalla progettualità del verticale e per questo ho collezionato molte immagini di riferimento in attesa di progetti futuri. Dalla mia piccola raccolta pinterest vi mostro il bello di vivere su più piani con alcune immagini di queste stupende scale che alle volte sono delle vere e proprie sculture.

scala-linea-minimalscala-bianco-neroscala-chiocciola
scala-ferroscala-imperoscala-liberty
scala-luminosascala-nerascala-pattern
scala-scultura-ferro-legnoscala-scultura-legnoscala-sospesa
scala-sospesa-ferroscala-vetroscala-albero

Progettare una scala non è cosa semplice e bisogna tenere conto di diversi dati tra cui le normative (che possono variare nei diversi comuni), la larghezza della scala, il dislivello, le misure di pedata e alzata del gradino che seguono il rapporto 2a + p = 63cm. L’alzata ideale è inferiore ai 19 cm, anche se più scomode sono accettabili fino a 20 cm. La pedata ideale è di 30 cm, che può restringersi fino a 25 cm in scale abbastanza larghe. Altro fattore non trascurabile è decidere se si vuole realizzare una scala aperta, che quindi permetta il passaggio di persone o cose al di sotto, o anche solo permetta il posizionamento di una poltrona o ad esempio del televisore, oppure se la si vuole realizzare chiusa, in modo da sfruttare lo spazio sottoscala come ripostiglio, armadio o creare vani contenitore.

Sicuramente qualcuno di voi che ha già superato l’età più atletica starà pensando che le scale sono belle finché si è giovani e ‘in gamba’ ma poi??

Mi sono trovata proprio a dare qualche consiglio di restyling d’arredo e anche funzionale ad una coppia, che di nipoti ne ha già tanti, con una casa bellissima ma dalle scomode scale…ho cercato delle soluzioni per rendere la loro bella casa ancora comoda come integrando alla scala un montascale a poltrona

montascala-agiletipi di scalemontascale-agile-flow

Perchè inserire un montascale in casa?

Per abbattere le barriere architettoniche che si presentano all’interno di casa propria con l’avanzare dell’età o per la presenza di disabili. Sebbene la strada per l’abbattimento totale di queste barriere in tutti i luoghi, anche quelli pubblici, sia molto difficile e disseminata di problemi, bisogna cominciare dalla propria abitazione, in modo tale che la vita delle persone con problemi motori o disabilità possa migliorare proprio dal posto in cui passa la maggior parte del tempo.

Quali tipologie di montascale esistono?

Esistono i montascale fissi, che si adattano ad ogni tipo di scala (curva, dritta, multi rampa o a chiocciola) e che sono composti da una poltroncina, o da una piattaforma, in grado di trasportare il disabile al piano superiore o inferiore. In questo caso, anche se i prezzi possono sembrare elevati c’è anche da dire che c’è la possibilità di ottenere delle sovvenzioni , qualora si rientri nelle categorie protette e si riesca a dimostrare l’invalidità.

a presto con idee per soppalchi creativi!

22 Maggio 2012 / / Blogger Ospiti

Probabilmente nell’immaginario comune il montascale così come molti altri impianti per l’abbattimento delle barriere architettoniche rappresenta ciò che di più lontano ci sia dal concetto di design.

Molte installazioni realizzate nei luoghi pubblici come nei condomini, non fanno della gradevolezza estetica uno dei loro principali punti di forza.

Quando si progetta un montascale per un ambiente domestico oltre alle finalità mediche dell’installazione è indispensabile prendere in considerazione anche le esigenze estetiche di chi vive la casa.

Per questo motivo Otolift unisce all’innovazione tecnologica dei materiali anche la costante ricerca in soluzioni di design all’avanguardia.

A testimonianza di questo impegno l’assegnazione, nel 2011, del Red Dot Design Awards, il prestigioso premio internazionale dedicato alle aziende che si sono distinte per la qualità dei loro prodotti.

Non è una blasfemia affermare quindi che un montascale possa essere considerato un elemento d’arredo a tutti gli effetti.

Nel caso che vi presentiamo il montascale Otolift è stato installato su una scala a chiocciola larga meno di 80 centimetri.

La particolarità della scala, per il suo andamento non lineare, per la larghezza dei gradini, insieme all’arredamento dell’abitazione basato sull’accostamento del bianco con le tonalità del parquet, richiedeva quindi di personalizzare sia la rotaia che la poltroncina.

L’impianto sfrutta il lato esterno e, attraverso la realizzazione di curve speciali, è in grado di seguire perfettamente l’andamento della scala. Una soluzione che ha permesso di risparmiare una maggiore quantità di spazio riducendo al minimo l’impatto estetico sulla scala.

Per conoscere tutti i modelli di monacale Otolift potete visitare il sito www.montascaleotolift.it

INFORMAZIONI AZIENDALI
Otolift, controllata dala famiglia Otto Ooms, è una società olandese specializzata nella progettazione, sviluppo e installazione di montascale a poltroncina e impianti per il superamento delle barriere architettoniche. Fondata nel 1891 si distingue per la qualità, sicurezza e gli alti livelli di ergonomia delle sue soluzioni testimoniati dalla certificazione europea ISO 9001.

 

[Articolo sponsorizzato]