2 Agosto 2019 / / Architettura

esposizione di piante verdi dentro un caffè di Hnoi

Nella città di Hanoi, in Vietnam, nota per essere una delle città più inquinate del mondo, Tayone Design Studio ha progettato una caffetteria piena di piante con lo scopo di creare una vera foresta tropicale nel cuore della città per ripulire l’aria dalle polveri sottili causate dallo smog.

La caffetteria, con i suoi 170 mq, è racchiusa da un sottile reticolato formato da assi di legno chiaro che permettono alla luce di filtrare all’interno. Il pavimento è in cemento grezzo mentre le pareti sono bianche. Tutti gli arredi sono rigorosamente in legno naturale e sostenibile. Un tetto di vetro a due falde spioventi, ispirato ai tetti delle classiche serre, porta abbondate luce naturale in tutto lo spazio.

piante verdi sospese e in vaso

esposizione di piante tropicali

tetto spiovente in vetro e legno

Oltre cento specie di piante da interno e da esterno popolano le pareti e i tavoli della caffetteria, come se fosse un giardino d’inverno. Ogni spazio libero è occupato da piante tropicali in terrari o in vaso, creando un’atmosfera fresca e rilassata. Alcune scaffalature modulari in legno collocate in diversi punti della caffetteria fungono da cornici per le piante rampicanti e offrono maggior spazio contenitivo per esporre le piante in vaso.

I clienti possono rilassarsi su divani o accomodarsi nei grandi tavoli comuni realizzati con legni di recupero.

grande tavolo in legno sostenibile

arredamento in legno sostenibile

parete in listelli di legno ecologico

interno caffetteria Tropical Forest di Hanoi

caffetteria Tropica Forest di Hanoi in Vietnam

 

L’articolo Una foresta tropicale all’interno di una caffetteria contro l’inquinamento proviene da Dettagli Home Decor.

10 Luglio 2019 / / Decor

Quanto è difficile avere un giardino rigoglioso? Con queste piante da appartamento che necessitano di poche cure hai la soluzione.


Quanto è sopravvissuta la tua ultima pianta?

Ti capisco bene dato che la mia ultima pianta in fiore è durata si e no qualche mese. E vedrai questo risultato ripetersi, se ti ostini a scegliere le piante sbagliate.

Infatti ci sono determinate specie di piante da prediligere, soprattutto se hai poco tempo o sei sbadato, che sopravvivono a tutto.

Te ne parlo oggi.

Piante da appartamento che necessitano di poche cure: le specie per tutta la famiglia

Le piante hanno un quantitativo di benefici non indifferenti. Tra i più importanti, il fatto che ci permettano di scaricare lo stress e tornare in pace col mondo.

Il verde è l’ambiente in cui siamo nati come specie e verso la quale tendiamo sempre. Per cui perché non condividere la cura delle nostre amiche verdi con tutta la famiglia?

Prendendocene cura un giorno a testa saremo sicuri di non dimenticarcele e anche il carico di doveri sarà più leggero.
Quali sono le piante per tutta la famiglia?

  • Aloe: adatta sia all’esterno che all’interno, è una rilevatrice dello stato dell’aria. Se sulle foglie vedete comparire macchie marroni, vuol dire che l’aria non è pura. Amante della luce diretta, ha bisogno di acqua solo quando il terreno è secco.
  • piante aromatiche: questi arbusti si adattano bene anche ai vasi ed ai balconi piccoli. L’esposizione al sole dipende dal tipo di pianta. Ma come regola generale scegliete un buon terriccio ed innaffiate spesso.
  • Cactacee: decisamente le più semplici da curare, con la loro scarsa necessità di acqua. Non esponetele a luce troppo forte o deperiranno.
  • Yucca: con la sua chioma rigogliosa ti riempirà casa. Resisterà alle tue dimenticanze perché necessita di poca luce e poca acqua.
  • Ananas: la prossima volta che lo compri, metti in vaso il ceppo di foglie e aspetta che metta radici. Per veder crescere la pianta ci vorranno anni, ma non è difficile da seguire. Necessita di tanta luce e acqua regolarmente.
Piante da appartamento che necessitano di poche cure: aloe, aromatiche, cactacee, yucca, ananas

Le piante da appartamento da evitare

Questo punto è sottovalutato da molti, soprattutto chi ha bimbi o animali. Si sa che tendono a mettere tutto in bocca, per cui è doveroso essere sicuri di portare in casa specie che non nuocciano alla salute.

Ce ne sono 8 a cui non penseresti mai, perché sei abituato a vederle in appartamento.

Vuoi sapere quali sono?

  • Azalea, Clivia, Calla, Oleandro, Gelsomino: ebbene si, belle da vedere ma meno da avere in casa. Foglie e fiori di queste piante causano problemi di diarrea, nausea e vomito se ingerite. Nei casi più gravi si hanno disturbi alla vista, al fegato e problemi respiratori.
  • Stella di Natale: provoca lacrimazione eccessiva, stomatiti, congiuntiviti.
  • Ficus Elastica: intossicazione da contatto o da ingestione, con irritazione cutanea e della gola.
  • Edera: se le foglie vengono ingerite, provocano nausea, diarrea, vomito e tremori.
Infografica delle piante da appartamento che hanno bisogno di poche cure

Le piante perfette per bagno e cucina

Anche per questi due ambienti un po’ difficili esistono le piante perfette. Ovviamente si tratta di piante per la maggior parte di origine tropicale, che non si spaventano dell’umidità.

Ce ne sono 7 in particolare che hanno bisogno di pochissime cure e che depurano anche l’aria:

  • Felce: amanti dell’umidità, hanno bisogno di poca luce e poca acqua.
  • Orchidea: ama gli ambienti umidi e luminosi, ma non la luce diretta. Da annaffiare preferibilmente con acqua poco calcarea, come quella piovana.
  • Aloe
  • Catcacee
  • Dracena: con la sua chioma è la pianta decorativa per eccellenza. Bisognosa di luce non diretta e poca acqua, assorbe le particelle di fumo.
  • Photos: come l’aloe depura l’aria dai compositi inquinanti. Cresce anche con poca luce e va innaffiata solo quando il terreno è secco.
  • Ficus: un’altra meravigliosa pianta che ama l’umidità ma che potrà crescere rigogliosa con scarsità di acqua e luce.

Hai le idee più chiare?

A questo punto dovresti avere le idee più chiare per quanto riguarda le piante da scegliere per casa tua. Sii onesto e definisci il tempo che tu e famiglia potete dedicare alle amiche verdi, così da comprare specie adatte a voi.

Quali tra le piante di cui ho parlato ti piacerebbe avere? Ce n’è qualcuna che ho dimenticato?

Fammelo sapere nei commenti!

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo La guida completa alle piante da appartamento che necessitano di poche cure sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

21 Maggio 2019 / / Decor

In attesa che il meteo sia più clemente con tutti noi, vista la scarsità di giornate all’aria aperta che stiamo vivendo, ma soprattutto per amore dei fiori e delle stupende sensazioni che riescono sempre a regalarci, oggi voglio presentarvi una pianta perfetta per il vostro Giardino, balcone o terrazzo.

Se avete voglia di quel sentimento sempre allegro che fa rima con vacanza, sole, spiaggia e voglia di cocktail allora la pianta perfetta per voi è senza dubbio l’ Hibiscus.
Le fioriture sono generose e continue e nonostante siano un pò delicati, i fiori sono comunque uno spettacolo incredibile di colore, forme meravigliose e allegria da gustarsi con gli occhi spalancati.

Trattandosi di piante estremamente decorative, le piante di Hibiscus possono diventare le protagoniste di angoli del vostro Giardino da dedicare a una atmosfera dal fascino più tropicale e lussureggiante.
Le origini dell’ Hibiscus sono infatti sub-tropicali, ed è per questo che si è trovata subito a suo agio con il nostro clima temperato / mediterraneo. Ama tantissimo il sole e non teme le temperature calde, al contrario invece di quelle rigide. Dategli un terreno ben drenato, ricco di humus e sarà felice regalandovi uno sviluppo rigoglioso ricco di fioriture da per tutta l’estate.

Grazie alla #specialeselezione di SOULGREEN, azienda con la quale avevo già collaborato l’anno scorso perchè primi in Italia a voler diffondere lo sviluppo della cultura del Verde anche grazie a una comunicazione evoluta e integrata nel prodotto stesso, potrete recuperare esemplari bellissimi e in perfetta salute nei sempre più numerosi Garden centers sparsi in tutta Italia. 

Gli stessi Graden che stanno collaborando con Soulgreen per offrire, a noi appassionati, fiori e piante di altissima qualità, frutto di una selezione che viaggia per il Mondo e curata davvero con il cuore.
Pensate che persino le etichette sono realizzate con una innovativa carta minerale che consente di evitare l’abbattimento di alberi per la produzione di carta. L’uso di carta minerale 100% tree free, fotodegradabile entro 18 mesi, è una delle tante scelte etiche che SOULGREEN sta portando avanti in difesa della Natura e io sono molto felice di poter aiutarli a sensibilizzare quanti più lettori posssibile.
Io vi lascio alle foto delle mie piante di Ibiscus, che presto saranno piantate nel Giardino dei nonni e che spero diventeranno sempre più grandi e felici di far parte della nostra famiglia dal cuore verdissimo!!!

Post scritto in collaborazione con SOULGREEN.

21 Marzo 2019 / / Decor

Da sempre la natura è nostra amica e alleata in quanto ci fornisce ossigeno, grazie alle piante trasformatrici di anidride carbonica. Alcune di queste sono oltremodo importanti per le loro proprietà di eliminare dannosi prodotti per la nostra salute e per l’aiuto finalizzato al raggiungimento di un corretto equilibrio psico-fisico.

Tra le più note e utilizzate abbiamo l’ aloe vera, impiegata in diversi esempi campi (erboristeria e cosmesi), utile perché anche durante le ore notturne continua a fornire ossigeno: la citronella, ottima come rimedio antizanzara e utilizzata come ornamento e “repellente” naturale su balconi, terrazze e patii; la lavanda, splendida per il profumo e il colore, da inserire in cassetti e armadi per tenere lontane le tarme.

Non tutti sapranno che l’edera ha una forte capacità di combattere le muffe e di filtrare l’aria mentre le classiche piantine grasse sono utili contro le radiazioni elettromagnetiche derivanti dalle varie apparecchiature elettroniche presenti in casa o sul posto di lavoro.

Lo spatafillo è un antismog capace di assorbire tramite le foglie le polveri sottili; il crisantemo è un filtrante di sostanze tossiche presenti nei detersivi, nelle colle e nelle vernici; la felce è ottima per rimuovere la formaldeide.

Questi sono solo alcuni esempi….molte altre piante, anche meno conosciute, hanno proprietà fondamentali per contrastare tutto ciò che quotidianamente ci colpisce sotto varie forme che a occhio nudo non percepiamo.

Il nostro consiglio? Circondarsi di “verde” in casa per renderla più sana, bella e completa, perché da un elemento considerato un semplice ornamento possiamo in realtà trarre anche eccellenti benefici.

26 Dicembre 2018 / / Decor

9 piante perfette per il periodo invernale

Le piante sono un elemento fondamentale in casa e non solo in primavera, quando la natura si risveglia. Anche l’inverno ha le sue piante e sono perfette per rendere la casa più viva, colorata, e soprattutto più felice.

Delle piante ci si prende cura, le si vede crescere giorno dopo giorno e poi fiorire, a volte sembra che ci stiano abbandonando e poi invece eccole riprendersi inaspettatamente: germogliano, si riproducono, sono una fonte inesauribile di energia.

Decorare casa con le piante è un’abitudine che oltre a regalare soddisfazioni, garantisce forme e colori meravigliosi.

Ecco alcune piante perfette per il periodo invernale, oltre alla classica Stella di Natale, che porteranno felicità nelle nostre case senza bisogno di essere necessariamente esperti giardinieri.

agrifoglio in vaso

Agrifoglio in versione pianta. Invece dei soliti rametti decorativi, perché non osare con un bella pianta in vaso? Perfetto per arredare balconi e terrazze, perché sopporta le basse temperature. Ha bisogno che la sua terra sia sempre umida.

cactus di natale

Sempre in tema natalizio, il Cactus di Natale, Schlumbergera. Pianta originaria del Brasile che preferisce l’interno, e che ama uscire in estate. Rispetto alle altre piante grasse richiede una maggior quantità di acqua, sempre da somministrare con moderazione.

echeveria

Un’altra pianta grassa, molto conosciuta e facilmente distinguibile per la sua forma che ricorda la rosa, è l’Echeveria. Ama la luce, ma non quella diretta. Non bisogna esagerare con l’acqua, perché la sua terra deve essere sempre secca. Molto importante: fare sempre attenzione a non bagnare le foglie perché potrebbero marcire.

croton

Codiaeum variegatum, volgarmente detto croton, è una pianta che trasmette una piacevole sensazione di autunno e cambio stagione, mostrandone gli aspetti e i colori più belli. Giallo, arancione e rosso in tutte le loro sfumature. Ha delle foglie particolari e resistenti.

pianta di agrumi in vaso

Agrumi, fuori in estate e dentro in inverno. Limoni, arance e mandarini vanno portati all’interno durante il periodo freddo. Vi faranno compagnia e in primavera saranno pronti per tornare all’aperto.

ciclamini bianchi

Il ciclamino, la sua fioritura solitamente è a fine inverno ed è una pianta che può durare a lungo. È importante che sia nutrito con potassio e nitrato, e preferisce il freddo al caldo. Trattandosi di un tubero, può durare a lungo, e regala grandi soddisfazioni.

rosa di natale

La Rosa di Natale, Elleboro nero. È una pianta che non ha bisogno di luce ma che si deve annaffiare con regolarità. Fiorisce anche tra le nevi, quindi le probabilità di vedere i suoi bianchi fiori sono decisamente alte.

Amaryllis

Amaryllis belladonna è un’altra pianta che resiste al freddo senza difficoltà, i suoi bulbi vanno in letargo in inverno e germogliano in autunno, cresce rapida e ha bisogno d’acqua.

Nandina domestica

Nandina domestica, Bambù sacro, è una pianta che arriva da oriente ed è abituata a temperature rigide, il che la rende perfetta se si desidera un balcone verde anche quando fa freddo. Fiorisce tra primavera ed estate e proprio durante il periodo natalizio produce bacche rosse. Ricorda il bambù per le sue foglie

 

L’articolo Decorare casa con le piante in inverno porta felicità proviene da Dettagli Home Decor.

23 Ottobre 2018 / / Decor

Anche in questa stagione è possibile il giusto tocco verde, con le piante autunnali da appartamento. Nel post le cinque specie più facili da coltivare.

……….

Anche se le temperature miti e il sole caldo ci stanno pian piano lasciando, non è detto che noi si debba per forza rinunciare al verde e alle piante. Ci sono numerose specie che fioriscono proprio in autunno e che quindi possono tenerci compagnia durante i lunghi mesi freddi.

Bisogna solo informarsi bene e trovare le piante giuste per noi, la nostra casa e il nostro pollice più o meno verde. Io vi ho fatto un po’ di scrematura e vi propongo cinque specie diverse fra loro, ma facili da mantenere.

LE CINQUE SPECIE DI PIANTE AUTUNNALI DA APPARTAMENTO TRA CUI SCEGLIERE

Cominciamo con una delle piante che preferisco in assoluto, il ciclamino. Pianta facile da coltivare, fiorisce proprio tra settembre e marzo. Se ben tenuta può fiorire anche per molti anni di seguito. Amante dei luoghi freschi e umidi, trova perfetta collocazione in luoghi con temperatura non superiore ai 15°. Teme muffe e marcescenze, per cui attenzione a non tenere il terreno troppo bagnato.

Continuiamo con la Yucca. Perfetta pianta da appartamento, dalle foglie appuntite e carnose. Produce fiori bianchi a volte sfumati di rosso dall’estate all’autunno: decisamente ideale per le nostre case.

Ci sono poi i crisantemi: per molti considerati fiori portatori di messaggi tristi, con i loro colori possono trasmettere emozioni decisamente opposte. Il nome significa fiore d’oro ed è considerata una pianta a fioritura invernale. E’ una pianta molto resistente che ama la luce.

piante autunnali da appartamento

Le ultime due piante di cui vi parlo sono la Dracena e la Begonia Corallina. La prima è un arbusto, dalle foglie verdi e appuntite che sono presenti per tutto l’anno. Proprio per questo è una delle piante da appartamento più diffuse, anche per la facilità di mantenimento. E’ una pianta che necessita di luce, quindi evitate zone della casa scarsamente illuminate.

Il suo nome significa femmina di drago (dal greco) e deriva dal fatto che da una specie di queste piante di ottiene una resina utilizzata come colorante (si ottiene il rosso sangue di drago).

Finiamo con la Begonia Corallina: arbusto originario del Brasile. Pianta che fiorisce dalla primavera fino ad ottobre, se ha un luogo gradito in casa può fiorire fino all’inverno. Va posizionata in una zona luminosa, ma non alla luce diretta del sole e con una temperatura tra i 20° e i 24°.

 

L’articolo Piante autunnali da appartamento: le cinque tra cui scegliere sembra essere il primo su VHD.

16 Luglio 2018 / / Coffee Break

Chi ama circondarsi di verde e piante, non solo fuori ma anche in casa, non potrà non amare il floating garden, ovvero decorare la casa con piante appese secondo varie tecniche. Contenitori di iuta decorativi, bolle di vetro, vasi di ceramica decorati, i modi per realizzarlo sono infiniti e si adattano ad ogni tipo di interno; ecco qualche spunto dalla nostra personale ricerca!

Floating Garden or decorate with plants

Those who love to surround themselves with greenery and plants, not only outside but also at home, can not help but love the floating garden, or decorate the house with hanging plants according to various techniques. Decorative jute containers, glass bubbles, decorated ceramic vases, the ways to make it are infinite and adapt to any type of interior; here are some ideas from our personal research!

Mkouo, vasi in vetro trasparente

Somedays, vaso in corda naturale

Mkouo, vaso di macramè

Mkouo, vaso sospeso in metallo

Mkouo, vaso sospeso in macramè

Wartoon Direct, vaso in macramè

_________________________
CAFElab | studio di architettura

2 Maggio 2018 / / Decor

Il Post di oggi è di quelli che non hanno bisogno di testi troppo lunghi, perchè le immagini bellissime parlano davvero da sole.

Il luogo dove vi porto oggi (purtroppo per noi solo virtualmente!!!) si trova a Parigi ed è un negozio che indovinate cosa vende? Piante ok, ma anche tantissime altre meraviglie che ruotano intorno ad un lifestyle green, dal cuore semplice, verdissimo e dalle linee essenziali.
Il negozio in questione si chiama LEAF, un vero e proprio concept store dove protagonisti sono la Natura, le piante e tutto quello che farebbe impazzire un vero urban jungle addicted!!! Io seguivo già il loro profilo da tempo su Instagram, ma la vera novità è che ha da pochissimo cambiato i suoi spazi interni, frutto di una ristrutturazione ad opera di quei due incredibili talenti di HEJU STUDIO che non ne sbagliano mai una ;-)))
La semplicità del progetto (che si sviluppa su 65 mq) ruota intorno al minimalismo contemporaneo dell’architettura giapponese, cercando di definire uno spazio poetico che potesse mettere in risalto non solo le piante (vere protagoniste del negozio) ma anche tutto il mondo ad esse collegato.
Via libera quindi all’uso di neon, richiami alle serre grazie ad elementi in policarbonato e un color terracotta sparso un po’ ovunque a ricordare il colore dei vasi.

Il risultato è un negozio nuovo di zecca che vorrei tanto diventasse fonte di ispirazione per qualche nuovo concept store a tema garden & co. anche qui dalle mie parti, in Puglia.
Visto il risultato ad alto tasso di bellezza, potevo non inserirlo tra i top post di questo mese?
Io dico che ho fatto proprio bene, voi invece?

All the photos are via HEJU STUDIO wesbite.
26 Aprile 2018 / / Decor

Gerani le regole base per una corretta fioritura estiva

Un vaso della giusta misura, la posizione adatta e acqua a sufficienza sono praticamente tutto ciò di cui il Geranio ha bisogno per fiorire in abbondanza. Questa versatile pianta sud africana è robusta e facile da curare, aspetti che la rendono la pianta ideale per tutti coloro che amano circondarsi di fiori, pur non avendo il pollice verde o abbastanza tempo per occuparsi del giardinaggio.

 

Ma quali consigli andrebbero osservati per godere di bei Gerani fioriti durante tutta l’estate? Scopriamolo!

Semina corretta

Non appena le nottate si liberano dal gelo e le temperature raggiungono la doppia cifra durante il giorno, i Gerani possono essere piantati all’esterno, solitamente durante il mese di maggio. 

Una volta acquistati, la maggior parte dei Gerani vengono interrati in un vaso da balcone o in una fioriera: questi recipienti non dovrebbero mai essere troppo piccoli, perchè queste piante apprezzano spazio e terreno in abbondanza.

Uno strato di drenaggio sul fondo serve  a  prevenire l’ostruzione dei fori di scarico, mentre per la semina del Geranio è preferibile utilizzare una varietà di terriccio pre-fertilizzata, fatta appositamente per le esigenze nutritive di questa pianta, che non necessita quindi di ulteriore fertilizzazione almeno per qualche settimana. Inoltre, è importante lasciare circa 20 cm tra una pianta e l’altra, quando le si posiziona.     


gerani semina corretta

 

La giusta posizione

Il Geranio è originario del Sud Africa: ciò significa che si sente a casa in luoghi caldi esposti completamente al sole o in ombra parziale. 

Gerani la giusta posizione

Innaffiare nel modo giusto  


Anche se brevi periodi di astinenza non sono generalmente un problema per i Gerani, queste piante preferiscono essere innaffiate regolarmente e in modo generoso, anche due volte nelle giornate più calde, la mattina così come la sera. Nel caso in cui la cura risultasse troppo impegnativa, è possibile ricorrere a speciali soluzioni auto innaffianti, se ne può trovare una grande selezione all’interno dei garden center, o a soluzioni più economiche, facili da creare anche da soli, ad esempio utilizzando bottiglie di plastica.  È molto importante ricordare che troppa umidità e un ristagno d’acqua eccessivo fanno male alla pianta. L’acqua in accesso deve sempre essere in grado di scolare fuori dal vaso, così da non far marcire le radici. Durante lunghi periodi di pioggia persistente, è consigliabile spostare temporaneamente le piante in un angolo più riparato. 

Gerani innaffiare nel modo giusto

Una corretta fertilizzazione


Per il miglior apporto nutritivo ed una fioritura costante, bisognerebbe aggiungere un fertilizzante standard al sistema di irrigazione una volta a settimana. Speciali fertilizzanti a rilascio lento o terricci pre-fertilizzati eliminano il bisogno di un rifornimento settimanale.


Gerani una corretta fertilizzazione

Rimuovere fiori e foglie secche correttamente


Rimuovere regolarmente fiori e foglie morte, così come i rami secchi, rende il Geranio più bello, lo mantiene in salute e stimola la formazione di nuovi fiori. Per semplificarsi la vita, esistono delle varietà “auto-pulenti”, in particolare tra i Gerani pendenti, i cui fiori marci cadono dai gambi da soli prima di produrne di nuovi, solitamente in un batter d’occhio. 

Gerani rimuovere fiori e foglie secche correttamente

Corretto Svernamento

I Gerani perenni fioriscono di nuovo se tagliati ad un’altezza di approssimativamente 15 cm e se spostati a trascorrere l’inverno in un luogo luminoso e lontano dal gelo. Durante questo periodo di riposo, la temperatura ideale è dai 5 ai 10°Ce la pianta richiede pochissima acqua. Di primo acchito potrebbe sembrare morta, ma non è così! All’inizio della primavera si risveglierà e ricevendo calore e acqua formerà nuovi germogli. L’ideale sarà sistemarla in un vaso più grande provvisto di terriccio fresco.



30 Marzo 2018 / / Filò

Come tutti gli appassionati d’ interior – per lavoro o per pura passione – avrai notato che anche per le piante da interno si è soggetti a delle mode.

Fatta questa premessa sappi che in questo post procederò controtendenza parlandoti di una dei sempreverdi più comuni da sempre: il POTHOS.
In ogni collaborazione – sia on line che non – a fine lavori sottolineo l’importanza del verde in casa.
L’ho scritto molte volte, per me dona vitalità agli ambienti, li rende meno asettici; insomma, è fondamentale perchè regala un’anima agli spazi in cui viviamo.
Molto spesso però mi rispondete di avere il pollice tutt’altro che verde e che piuttosto di vedere ‘piccoli morti’ in casa preferite rinunciarci!
Ecco, questo post è dedicato a tutti voi, o meglio, a tutti noi! –  Anch’io non vanto grandi doti nel giardinaggio! –
Come dice spesso una mia collega ‘questa pianta cresce quasi per dispetto!’, impossibile non farla sopravvivere!
Certo, io stessa non ne portavo gran bel ricordo… 
Alzi la mano chi negli anni 80 non ha convissuto con un Pothos ‘arrampicato’ su un orribile palo rivestito di non so nemmeno io cosa?!?
L’hai riconosciuto???
Ecco questa versione vintage davvero non mi appassiona, ti regalo invece una bella carrellata d’immagini dove questa pianta dal verde così intenso da’ davvero il meglio di se’!
Ti svelo il mio segreto: solo quando mi ricordo di lei provo ad accarezzarle una foglia, se tende ad essere priva di corpo ovvero piuttosto ‘floscia’ – passami il termine – allora innaffio, diversamente me ne dimentico ancora per settimane! 
Convivo con loro da parecchi anni e sono sempre belle come il primo giorno!
Prima o poi imparerò anche a farne crescere di nuove facendole radicare in acqua – per i più tecnici si dice moltiplicazione per talea di fusto radicata in acqua – ma forse potrebbe essere troppo anche per  me!

Ti ho convinto?!? Allora forza, attendo le foto dei tuoi Pothos!!
A presto,
Marianna