22 Dicembre 2019 / / Decor

mise en place con  stella di Natale

Idee semplici e veloci per creare decorazioni personalizzate con le stelle di Natale: per la tavola delle feste, da appendere oppure da sistemare su un tavolino o su una mensola. Pronti a stupire i vostri ospiti?

Con una varietà di colori, forme e dimensioni, le stelle di Natale illuminano gli ambienti invernali e fanno parte dell’atmosfera natalizia.

In rosso, rosa, bianco, salmone, albicocca o nelle tante altre tonalità di colore disponibili, possiamo trasformare le stelle di Natale in decorazioni uniche da sistemare nella nostra casa, oppure da regalare.

Questa decorazione per la tavola è un modo originale per sorprendere e accogliere gli ospiti. Per realizzarlo, disporre al centro del tavolo un “runner” di verdure tagliate e posizionare candele e piccole stelle di Natale liberamente ungo il piano, insieme a sfere e altri accessori natalizi. Qualche ramoscello di eucalipto è il tocco di magia in più oggi molto di tendenza.

Per completare l’atmosfera aggiungi un allegro tocco natalizio sulla parete: per realizzarlo è sufficiente avvolgere dei rametti di abete intorno alla base della corona e inserite le stelle di Natale recise conservate in tubi con l’acqua. Come fiori recisi, le stelle di Natale rimangono fresche fino a due settimane. L’accorgimento da seguire è immergere gli steli appena tagliati brevemente in acqua a 60°C, poi immediatamente in acqua fredda.

Che si tratti di una pianta in vaso o di fiori recisi, le poinsettie con le loro magnifiche brattee a forma di stella riempiono di magia l’atmosfera natalizia. Il loro rosso acceso è in perfetta armonia con la carta da parati a fiori sullo sfondo.

La natura che stupisce: una Stella di Natale color panna, nel suo piccolo cestino, in tutta la sua bellezza. Ciuffi di erba delle Pampas e ramoscelli di eucalipto costituiscono la base senza tempo della decorazione murale perfetta per il periodo natalizio. Gli asparagi ornamentali e la mirica dipinti in argento donano un particolare splendore alle stelle di Natale recise inserite in tubi con l’acqua.

Disponendo delle Stelle di Natale bianche e color crema su vassoi, è possibile ricreare dei suggestivi paesaggi invernali che impreziosiscono ogni ambiente e sono perfette anche come idea regalo. Questa composizione con pupazzi di neve fatti a mano in filo avvolto intorno a palle di polistirolo è una bella idea di decorazione per tutti coloro che amano il DIY.

Quando i materiali e i colori si completano a vicenda si crea un’ambiente accogliente capace di far sentire tutti a casa. Il mix di legno e ceramica smaltata, posate in oro lucido, pigne e ramoscelli allestiscono questo tavolo da pranzo natalizio, che attira l’attenzione grazie alle Stelle di Natale color crema e bianche. Un dettaglio speciale: ogni commensale ha la sua mini Stella di Natale come segnaposto.

Le Stelle di Natale sono il segreto per realizzare una tavola semplice ma d’effetto nel periodo delle feste. Un esempio è scegliere le mini Stelle di Natale nelle tonalità del bianco e del crema e allinearle a creare una sorta di onda impreziosendo la tavola con tocchi di rame e bianco semitrasparente. Less is more, anche quando si tratta di decorare la tavola di Natale.

C’è sempre molto da fare nelle settimane che precedono il Natale. Comprare regali, pianificare la cena di Natale e molto altro ancora. Ma è importante ritagliarsi dei momenti di pausa in cui apprezzare lo spirito del Natale. Il modo più bello per vivere l’Avvento è con una Stella di Natale in piena fioritura. Una decorazione duratura che richiede poco sforzo e diffonde molta gioia, una gioia da condividere con le persone care.

Un’originale decorazione per la tavola che rievoca i ricordi dell’infanzia e invita a raccontare. A renderla speciale, le Stelle di Natale di varie dimensioni, di colore rosso acceso che illuminano l’atmosfera. Un trenino di legno, figurine di animali del bosco e piccoli abeti completano questo paesaggio invernale. Piccole candele – anche a forma di albero – risplendono di una luce accogliente. Pronti per il Natale!

Xmas effetto Wow!” Le Stelle di Natale sono disponibili in diversi colori e forme e si prestano ad essere utilizzate per le decorazioni più originali: come le letterone che compongono la parola ‘XMAS’ addobbate con le mini Stelle di Natale.

Immagini Stars for Europe

L’articolo Stelle di Natale: le decorazioni più stilose per queste feste proviene da Dettagli Home Decor.

20 Dicembre 2019 / / Decor

Come purificare l’aria con le piante e contrastare l’inquinamento indoor.

Una casa naturale anche in città può esistere e forse deve esistere. Il modo più semplice è quello di riempirla di piante. Le piante hanno dei super poteri, tra i tanti quelli di aiutare a purificare l’aria delle nostre case o uffici. E allora perché non usarle? Con le piante da interni possiamo rendere i nostri ambienti più sani e naturali perché sono capaci di assorbire alcuni inquinanti che purtroppo ci circondano! Vi riporto le piante che la Nasa ha studiato e analizzato come le migliori per purificare l’aria degli ambienti interni.

Negli ultimi anni si sta sempre di più parlando di inquinamento indoor, di qualità dell’aria interna. L’aria all’interno delle abitazioni e in generale degli ambienti interni, è più inquinata dell’aria esterna. Nell’aria indoor si somma l’inquinamento che deriva dall’esterno, e l’inquinamento dovuto ai materiali da costruzione, da arredo o ai prodotti per pulire la casa stessa!

Come possiamo fare se viviamo in città e vogliamo respirare nella nostra casa o nel nostro ufficio senza avere aria “malsana”? Possiamo chiedere aiuto alle amiche piante!

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Consigli utili per una casa naturale

Quando ci troviamo in una casa già realizzata o ristrutturata, dove quindi non abbiamo potuto scegliere materiali il più possibili naturali, possiamo comunque fare alcune scelte importanti. Oltre ad aerare bene gli ambienti e limitare l’utilizzo di prodotti chimici, possiamo utilizzare piante da interni, per migliorare la qualità dell’aria indoor.

La prima soluzione è sicuramente quella di aerare bene gli ambienti, bastano 10 minuti per cambiare l’aria di una stanza. Poi si dovrebbe cercare di limitare l’utilizzo di prodotti chimici per pulire la casa (sostituirli con prodotti naturali a base di bicarbonato, limone, aceto, ecc.. se volete potete vedere qualche consiglio su come creare un kit di pulizia naturale qui). Ma se volete migliorare la qualità dell’aria interna in modo “indiretto”, si può ricorrere alla strategia di purificare l’aria con le piante. Cattureranno loro per voi alcuni inquinanti presenti nella casa. Esistono infatti piante da interno che aiutano a purificare l’aria. E ogni pianta è adatta per una specifica sostanza inquinante.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Che tipi di inquinamento esistono?

Inquinamento chimico: i prodotti chimici immettono nell’aria particelle volatili inquinanti che sono nocive per l’organismo umano. Tra queste vi sono i VOC (composti organici volatili) che si sprigionano per l’umidità e per il riscaldamento, Cloruro di Polivinile (PVC) che si trova in pitture, solventi, amianto, colle, vernici, prodotti per trattamento del legno biocidi; Monossido di carbonio, che può essere emesso da apparecchi a gas, a carbone, a petrolio, a benzina, a gasolio, o a legna (stufa, scaldabagno, sistema di riscaldamento a gasolio, fumo di sigaretta).

Si parla anche di Sick building syndrome “Sindrome dell’edificio malato” per quanto riguarda alcuni malesseri quali irritazione agli occhi o delle vie respiratorie, mal di testa, spossatezza, reazioni allergiche che possono poi trasformarsi in malattie anche più gravi.

Inquinamento elettromagnetico: onde elettromagnetiche che è importante prendere in considerazione (da elettrodomestici, televisori, computer, radio).

Inquinamento biologico: odori corporei, microorganismi, inquinamento derivato dai materiali da costruzione.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration and photo by Kristina Kemenikova

Qualità dell’aria e la NASA

Tornando al tema delle piante che purificano l’aria, è interessante sapere che anche la NASA ha eseguito degli studi scientifici che si sono conclusi pubblicando un documento che descrive 17 piante che purificano l’aria, in quanto assorbono quelle sostanze inquinanti che si trovano all’interno di un determinato ambiente. Trovate il report completo qui.

“Il concetto di qualità dell’aria interna è apparso per la prima volta nel 1974 ed è divenuta oggetto di studi condotti da Bill Wolverton, impiegato dalla NASA per studiare qualità dell’aria nei missili spaziali abitati. Wolverton introdusse in una scatola ermetica contenente una pianta in vaso, dell’aria inquinata e misurò sull’arco di 24 ore le variazioni nella quantità di ciascuna sostanza inquinante assorbita dalla pianta. In seguito estese i suoi studi all’aria presente negli uffici e nelle abitazioni.”

Da qui sono state classificate le piante in base al loro grado di assorbimento di un materiale e quindi della loro conseguente capacità di purificare l’aria interna.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

I principali inquinanti e le piante che purificano l’aria

Per purificare l’aria con le piante bisogna conoscere quali piante in particolare sono in grado di migliorare la qualità dell’aria interna catturando alcuni inquinanti.

I principali inquinanti sono:

  • tricloroetilene (si trova in inchiostri, pitture, lacche, vernici, adesivi, sverniciatori)
  • formaldeide (si trova in sacchetti di carta, carte cerate, tessuti, tovaglioli di carta, truciolari, pannelli di compensato, tessuti sintetici)
  • benzene (usato per fare plastica, tessuti sintetici, lubrificanti di gomma, coloranti, detergenti, droghe e pesticidi. Anche in fumo di sigaretta, gas di scarico, colle, pitture e cere per mobili)
  • xilene (si trova in stampe, gomma, pelle e pitture industriali, fumo di sigaretta e gas di scarico)
  • ammoniaca (si trova in prodotti per pulire i vetri, cera per pavimento, sali profumati e fertilizzanti).

La NASA consiglia di posizionare almeno una pianta ogni 100 mq di casa o ufficio. Attenzione, alcune piante sono tossiche per animali (e immagino anche per bambini piccoli che sono abituati a leccare e mettere tutto in bocca!)

Please note: Several of these plants are known to be toxic to cats, dogs and other pets. If you are a pet owner, please do check the toxicity of plants before introducing them to your home.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Lista delle piante che purificano l’aria, ovvero catturano inquinanti dall’ambiente:

  1. Palma da datteri nana (Phoenix Roebelenii) : formaldeide e xilene
  2. Felce di Boston (Nefrolephis exaltata): formaldeide e xilene
  3. Felce australiana (Nefrolephis obliterata): formaldeide e xilene
  4. Falangium (Chlorophytum comosum): formaldeide e xilene
  5. Aglaonema (Aglaonema modestum): formaldeide e benzene
  6. Palma di Bambù (Chamaedorea seifrizi): formaldeide e xilene
  7. Ficus Benjiamin (Ficus Benjamina): formaldeide e xilene
  8. Pothos (Epipremnum aureum): formaldeide, benzene, xilene
  9. Anthurium (Anthurium andraeanum): formaldeide, xilene, ammoniaca
  10. Liriope (Liriope spicata): tricloroetilene, xilene, ammoniaca
  11. Lady palm (Raphis excelsa): formaldeide, xilene, ammoniaca
  12. Gerbera (Gerbera jamesonii): tricloroetilene, formaldeide, xilene
  13. Tronchetto della felicità (Dracaena fragrans ‘Massangeana’): tricloroetilene, formaldeide, benzene
  14. Edera comune (Hedera helix): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  15. Lingua di suocera (Sansevieria trifasciata ‘Laurentii’): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  16. Spatafillo (Spathiphyllum ‘Mauna Loa’): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  17. Dracena marginata (Dracaena marginata): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca
  18. Crisantemo (Chrysanthemum morifolium): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca
  19. Aloe vera (Aloe vera): benzene, formaldeide
  20. Banana (Musa oriana): formaldeide

In questo sito trovate illustrazione che raggruppa l’inquinante assorbito da ogni pianta. E se volete approfondire le caratteristiche di ogni pianta vi consiglio questo sito qui.

Quali pianta scegliere stanza per stanza

Ecco una selezione di piante che aiutano a purificare l’aria, suddivise per ambienti:

CUCINA o BAGNO

Lady palm (Raphis excelsa): formaldeide, xilene, ammoniaca. Raccomandata per ambienti dove ammoniaca viene emessa da prodotti per la pulizia della casa, 1° posizione NASA per assorbimento di ammoniaca)

Anthurium (Anthurium andraeanum): formaldeide, xilene, ammoniaca

Edera comune (Hedera helix): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene. Raccomandata per tutte le stanze, principalmente cucina e bagno

SOGGIORNO O STUDIO

Cereo del Perù (Cereus Peruvianus): Contro onde elettromagnetiche

Palma di bambù: Per eliminare benzene contenuto in certi profumi, anche formaldeide e xilene. Raccomandata per uno studio ben illuminato e riparato.

Monstera (Filodendrum): Ottimo depuratore di formaldeide. Raccomandata per soggiorno o in bagno dove l’umidità sarà ideale.

TUTTE LE STANZE

Dracena marginata (Dracaena marginata): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca

Ficus Benjiamin (Ficus Benjamina): formaldeide e xilene9 posizione NASA per capacità di assorbimento di formaldeide, xilene e ammoniaca. Raccomandata per: soggiorno, evitare cameretta perché è leggermente tossica a causa della sua linfa che contiene un lattice irritante per ingestione di foglie e rami!

Felce di Boston (Nefrolephis exaltata): 1° posto tra piante che filtrano meglio la formaldeide, raccomandata per stanze umide o esposte a nord.

Pothos (Epipremnum aureum): Capacità di assorbire toluene, benzene e formaldeide. Consigliata per tutte le stanze eccetto cameretta (perché linfa può essere irritante per la pelle).

CAMERA BAMBINI

Falangium (Chlorophytum comosum): formaldeide e xilene.

Tronchetto della felicità (Dracaena fragrans ‘Massangeana’): tricloroetilene, formaldeide, benzene. Raccomandata per: cameretta e qualunque stanza con mobili in truciolato.


E dopo questa carrellata di piante, correte a comprare ultimi regali di Natale…CHRISTMAS GIFT WITH PLANT?!

Illustration by Kristina Kemenikova

Un grazie speciale per le illustrazioni e immagini di questo articolo cortesemente concesse da Kristina Kemenikova. Se volete sbirciare un po’ i suoi lavori potete trovare qui il suo sito website, la sua pagina instagram e etsy.

A special thanks for illustrations and images of this article courtesy of Kristina Kemenikova. If you want to have a look about her works, you can you can find here her website, her instagram and etsy page.


Bibliografia e riferimenti:

Piante che purificano l’aria, Ariane Boixière-Asseray e Geneviève Chaudet, Edizioni il punto d’incontro, 2019 (originale Mes Plantes dépolluantes Rustica Edizioni, 2018)

Articolo della NASA: Interior Landscape Plants for Indoor Air Pollution Abatement.

L’articolo Una casa naturale: le piante e i loro super poteri per purificare l’aria! sembra essere il primo su LEGALOSCEGIALLE.

12 Dicembre 2019 / / Decor

I fiori sono elementi indispensabili per decorare gli ambienti destinati ad eventi, danno un tocco di freschezza e colore agli interni e sono un regalo sempre gradito.

Se siete indecisi su quali fiori scegliere, potete affidarvi al loro significato. Da sempre, infatti, i fiori sono stati associati a simboli ben precisi, e utilizzati per comunicare un messaggio. In questo modo andrete a colpo sicuro nel regalare un bouquet, nell’addobbare la casa o nel scegliere i fiori per il matrimonio.

Di seguito trovate il significato dei fiori più utilizzati per comporre dei bouquet. 

Comporre il bouquet scegliendo i fiori in base al significato

  • Amarillis. Fiore maestoso che nasce da un bulbo. I colori vanno dal rosso intenso al rosa e al bianco. Bellissime le varietà dai petali screziati. Esprime eleganza unita a timidezza. 
  • Bocca di Leone. Si dice che le ragazze un tempo si ornassero il capo con  questo fiore per rifiutare un corteggiatore non gradito. Per questo il suo significato è il capriccio.
  • Calla. La calla è uno dei fiori tradizionalmente usati per i bouquet da sposa, per il suo portamento elegante. E’ molto conosciuta la calla bianca, ma oggi sono disponibili bellissime varietà dai colori accesi, fino alla Zantedeschia Schwarwalder con le spettacolari e vellutate brattee nere. Esprime sentimenti positivi come la stima.
  • Crisantemo. Il suo nome deriva dal greco e significa “fiore d’oro”. In Italia è associato al giorno dei defunti, mentre nei paesi anglosassoni e in Estremo Oriente ha un significato completamente opposto, e si utilizza in occasione di matrimoni, battesimi e compleanni.  Per fortuna questo magnifico fiore oggi è molto apprezzato e di tendenza anche da noi.
  • Dalia. E’ il fiore della gratitudine, è raffinato e dalle mille varietà e colori, dunque un passe-partout per ogni occasione.
fiori dalia
Photo credit Cinzia Corbetta
  • Garofano. Se volete comunicare amore, ammirazione e fedeltà a una persona, allora componete un bouquet di garofani rossi, bianchi e rosa.
  • Giglio. Il fiore principe dei bouquet da sposa tradizionali, il giglio comunica purezza e nobiltà d’animo. 
  • Girasole. E’ il re dell’estate, la sua forma e il suo colore ricordano un sole splendente. E’ perfetto per veicolare messaggi ottimisti, allegria, positività.
  • Iris. Se ci sono buone notizie, allora utilizzate l’iris. Oltre a essere un fiore sontuoso dalle innumerevoli sfumature, veicola un messaggio di letizia.
fiori iris
Photo credit Cinzia Corbetta
  • Narciso. Tutti noi conosciamo la storia di Narciso, il bellissimo pastore innamorato di se stesso. Ebbene, questo fiore delicato e primaverile significa vanità. Non è consigliato per i matrimoni.
  • Orchidea. Il fiore dell’armonia e dell’amore perfetto, l’orchidea è forse il più sensuale tra i fiori, grazie anche al profumo intenso. 
  • Ortensia e Papavero: li ho riuniti perché il loro significato li rende difficili da donare o da utilizzare come decorazione di un evento. L’ortensia esprime distacco, mentre il papavero la nostalgia per chi non c’è più.
  • Peonia. Uno dei fiori più belli in assoluto, la peonia è la protagonista di bouquet davvero sontuosi. Esprime la timidezza.
fiori peonia
Photo credit Cinzia Corbetta
  • Rosa. Per la rosa ci vorrebbe un articolo a parte, tante sono le varietà, i colori e i significati diversi per ognuna. Un bouquet di rose bianche, rosse, rosa e arancioni comunica nello stesso tempo amore, dolcezza, purezza e desiderio.
fiori rosa
Photo credit Cinzia Corbetta
  • Strelizia o Uccello del Paradiso. E’ un fiore inconsueto e di incredibile bellezza, ed esprime nobiltà per il suo portamento e per l’incredibile ricchezza cromatica.
Photo credit Cinzia Corbetta
  • Tulipano. E’ un fiore molto amato per la sua semplicità. In Oriente è il simbolo dell’amore perfetto, mentre in Occidente è più adatto per esprimere onestà.

Ordinare le composizioni on line

Oggi le nostre vite sono sempre più frenetiche e questo può causare inconvenienti. Per esempio, ci si dimentica di una ricorrenza, o non abbiamo pensato ai fiori freschi per il ricevimento che abbiamo organizzato. Per fortuna oggi ci sono molte aziende che offrono la possibilità di ordinare e consegnare a domicilio i fiori freschi. Selezionate un servizio di qualità che offra garanzie sulla freschezza dei fiori, varietà di scelta e cura nella confezione del bouquet. Uno di questi è floraqueen italia, specializzata nelle spedizioni in tutto il mondo e caratterizzata, oltre che dalla qualità dei fiori, da un packaging accattivante. Ogni composizione viene consegnata in una scatola dal design curato, ed è possibile aggiungere biglietti d’auguri, vasi o scatole di cioccolatini. 

Se i fiori non devono mai mancare nella tua casa, leggi come arredare con i fiori.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la Kitchen Trends Guide 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

11 Dicembre 2019 / / Decor

Mancano 15 giorni a Natale ed è il momento di sfoderare il vostro lato più creativo per addobbare la casa per renderla più calda e accogliente con i colori natalizi.

Ogni anno quando arriva dicembre e siamo in prossimità delle feste, ci ritroviamo con le solite decorazioni natalizie che in tutta sincerità ci hanno un po’ stancato. Più si avvicina la Vigilia di Natale più aumenta il desiderio e la voglia di realizzare qualcosa di diverso, ma non sempre si ha il tempo per andare alla ricerca dell’addobbo perfetto. Inoltre, anche se troviamo delle alternative interessanti, vorremmo ridurre o evitare l’uso della plastica e decorare casa con elementi rigorosamente naturali.

Ma come decorare casa in modo innovativo?

Colvin è la soluzione!

Dall’elegante corona alla stella di Natale, dal mini abete ai bouquet di fiori di cotone, agrifoglio ed eucalipto, Colvin è la soluzione perfetta per decorare casa a Natale con i fiori in modo naturale e chic, rispettano i colori della tradizione che vedono protagonisti il rosso, bordeaux, verde e bianco.

bouquet Jungle Bells

Colvin: fiori freschi a casa in sole 24 ore

Fiori freschi a casa a 24 ore dall’ordine, questa la scommessa di Colvin, la startup spagnola arrivata anche in Italia con l’obiettivo di accorciare drasticamente la filiera tra coltivatore  e acquirente. I fiori di Colvin, infatti, vengono raccolti al momento in cui viene effettuato l’ ordine online e vengono consegnati entro 24 ore, o 48 ore se l’acquisto viene effettuato dopo le ore 17, in qualsiasi punto della penisola, sia per la tua casa o per regali.
Una riduzione dei passaggi che permette un maggiore controllo sulla qualità e genera un risparmio che può arrivare fino al 50% per il cliente. Da considerare anche la spedizione, completamente gratuita!

Cosa comprende la collezione Natale 2019 di fiori Colvin?

  • Corone per decorare l’entrata di casa, da appendere a parete in qualsiasi ambiente della casa o da utilizzare come centrotavola durante le feste.
  • Bouquet di fiori freschi, cotone naturale ed i tipici rametti natalizi come bacche, ilex, eucaliptos, normandiana.
  • Stelle di Natale, che per molti sono l’emblema dello spirito di queste feste grazie al colore rosso intenso ed uniforme.
  • Alberelli natalizi perfetti per ricreare l’atmosfera di festa anche quando lo spazio è limitato.

Per il nostro Natale abbiamo ricevuto da Colvin il bellissimo e profumatissimo bouquet “Christmas Dream”.  Un bouquet molto raffinato e composto da rametti di eucalipto, fiori di cotone, magnolia, rose e garofani bianchi, eryngium e lentisco.

bouquet Christmas Dream

I fiori arrivano perfettamente imballati dentro una scatola di cartone riciclato personalizzata Colvin, al cui interno si trova anche una bustina di fertilizzante per conservare più a lungo i fiori. Il bouquet si presenta benissimo, è molto scenografico e l’accostamento dei colori e delle diverse tipologie di fiori esprime gusto e stile.

bouquet Christmas Dream

Domani sarà una settimana che abbiamo ricevuto il nostro bouquet e, contrariamente a quanto pensavo, si presenta ancora benissimo e chiunque lo vede si complimenta per la scelta!

Se anche tu desideri qualcosa di unico e speciale, a Natale decora la casa con i fiori. Colvin è la soluzione ideale e per i tuoi acquisti ecco un piccolo regalo: un codice sconto del 15% valido finno al prossimo 15 gennaio 2020 per i tuoi acquisti su Colvin!

Per usufruire di questo sconto ti basta cliccare su questo link –  http://bit.ly/2PeM5pl – e inserire il codice DETTAGLI al momento dell’ordine.

 

L’articolo A Natale decora la casa con i fiori: Colvin e’ la soluzione proviene da Dettagli Home Decor.

7 Novembre 2019 / / Decor

Le Stelle di Natale sono parte dell’atmosfera natalizia, come l’albero addobbato, i biscotti fatti in casa, o la luce delle candele. In questo articolo ti spieghiamo come prendertene cura.

Non tutti sanno che la Stella di Natale è una pianta estremamente versatile e facilmente trasformabile in decorazioni personalizzate, da sistemare nella nostra casa, oppure da regalare.  In rosso, rosa, bianco, salmone, albicocca o nelle tante altre tonalità di colore disponibili, in miniatura o arbusto, come pianta in vaso o fiore reciso: la Stella di Natale può rappresentare tanti stili differenti.

PRENDERSI CURA DELLA STELLA DI NATALE IN 3 MOSSE

1. Primo Check: all’acquisto assicurarsi del buono stato della pianta

Anche le migliori cure risultano inutili se la pianta non è stata trattata bene già prima dell’arrivo nella nuova casa.

Fare sempre attenzione, al momento dell’acquisto, che la Stella di Natale (o Poinsettia) sia stata conservata all’interno del negozio e in un luogo protetto dalle correnti d’aria e dal freddo. Le temperature inferiori ai 12°C causano danni che, sebbene non visibili all’inizio, possono provocare la caduta delle foglie della Stella di Natale una volta trasportata a casa.

Si consiglia, inoltre, di controllare lo stato del suolo: idealmente non dovrebbe essere né bagnato né del tutto asciutto. Indicatori di buona salute di una pianta sono una vegetazione fitta con foglie giallo-verde, oltre alla presenza di piccoli boccioli gialli tra le brattee colorate (ovvero i fiori veri e propri).

Assicurarsi, infine, che venga accuratamente confezionata dal negoziante per permetterci di percorrere il tragitto verso casa preservandola (ad esempio avvolgendola nella carta).

2. A casa: scegliere la sistemazione ideale  

Per poter avere una bella fioritura la Stella di Natale necessita di un posto caldo e luminoso e ben protetto dagli spifferi (la temperatura ideale della stanza deve essere tra i 15° e i 22°), come ad esempio un davanzale.

Attenzione ai colpi d’aria: prima di aprire la finestra per arieggiare la stanza, ricordarsi di spostare la pianta in un angolo protetto per evitare danni permanenti.

3. L’acqua: imparare a dosarla

La Stella di Natale ha delle esigenze modeste per quanto riguarda ‘il bere’. È infatti importante che le sue radici non siano né troppo asciutte né troppo bagnate.

L’ideale è versare, con moderazione, un piccolo sorso d’acqua a temperatura ambiente ogni due o tre giorni. Non dare mai alla pianta più acqua di quanta il terreno possa assorbire e rimuovere l’acqua in eccesso nel vaso o nel sottovaso non più di 15 minuti dopo l’irrigazione. Troppa acqua potrebbe portare a problemi di ristagno, facendo marcire l’apparato radicale.

Se l’aria nella stanza è secca o se la pianta è in piedi vicino a un calorifero, regolarsi di conseguenza: può essere necessario annaffiare ogni giorno.

La salute della pianta si può facilmente intuire dalle foglie; se si ingialliscono o cadono, si deve prestare maggiore attenzione alla fornitura d’acqua.

Anche la dimensione del vaso gioca un ruolo importante: i vasi piccoli hanno bisogno di essere annaffiati più spesso di quelli grandi e le mini Stelle di Natale dovrebbero essere controllate ogni giorno. Un consiglio: sollevare il vaso può dare un’idea di quanta umidità c’è in esso, se lo si sente leggero è ora di annaffiare di nuovo.

immagini Stars For Europe

L’articolo Il Natale si avvicina scegli la tua stella! proviene da Dettagli Home Decor.

2 Agosto 2019 / / Architettura

esposizione di piante verdi dentro un caffè di Hnoi

Nella città di Hanoi, in Vietnam, nota per essere una delle città più inquinate del mondo, Tayone Design Studio ha progettato una caffetteria piena di piante con lo scopo di creare una vera foresta tropicale nel cuore della città per ripulire l’aria dalle polveri sottili causate dallo smog.

La caffetteria, con i suoi 170 mq, è racchiusa da un sottile reticolato formato da assi di legno chiaro che permettono alla luce di filtrare all’interno. Il pavimento è in cemento grezzo mentre le pareti sono bianche. Tutti gli arredi sono rigorosamente in legno naturale e sostenibile. Un tetto di vetro a due falde spioventi, ispirato ai tetti delle classiche serre, porta abbondate luce naturale in tutto lo spazio.

piante verdi sospese e in vaso

esposizione di piante tropicali

tetto spiovente in vetro e legno

Oltre cento specie di piante da interno e da esterno popolano le pareti e i tavoli della caffetteria, come se fosse un giardino d’inverno. Ogni spazio libero è occupato da piante tropicali in terrari o in vaso, creando un’atmosfera fresca e rilassata. Alcune scaffalature modulari in legno collocate in diversi punti della caffetteria fungono da cornici per le piante rampicanti e offrono maggior spazio contenitivo per esporre le piante in vaso.

I clienti possono rilassarsi su divani o accomodarsi nei grandi tavoli comuni realizzati con legni di recupero.

grande tavolo in legno sostenibile

arredamento in legno sostenibile

parete in listelli di legno ecologico

interno caffetteria Tropical Forest di Hanoi

caffetteria Tropica Forest di Hanoi in Vietnam

 

L’articolo Una foresta tropicale all’interno di una caffetteria contro l’inquinamento proviene da Dettagli Home Decor.

10 Luglio 2019 / / Decor

Quanto è difficile avere un giardino rigoglioso? Con queste piante da appartamento che necessitano di poche cure hai la soluzione.


Quanto è sopravvissuta la tua ultima pianta?

Ti capisco bene dato che la mia ultima pianta in fiore è durata si e no qualche mese. E vedrai questo risultato ripetersi, se ti ostini a scegliere le piante sbagliate.

Infatti ci sono determinate specie di piante da prediligere, soprattutto se hai poco tempo o sei sbadato, che sopravvivono a tutto.

Te ne parlo oggi.

Piante da appartamento che necessitano di poche cure: le specie per tutta la famiglia

Le piante hanno un quantitativo di benefici non indifferenti. Tra i più importanti, il fatto che ci permettano di scaricare lo stress e tornare in pace col mondo.

Il verde è l’ambiente in cui siamo nati come specie e verso la quale tendiamo sempre. Per cui perché non condividere la cura delle nostre amiche verdi con tutta la famiglia?

Prendendocene cura un giorno a testa saremo sicuri di non dimenticarcele e anche il carico di doveri sarà più leggero.
Quali sono le piante per tutta la famiglia?

  • Aloe: adatta sia all’esterno che all’interno, è una rilevatrice dello stato dell’aria. Se sulle foglie vedete comparire macchie marroni, vuol dire che l’aria non è pura. Amante della luce diretta, ha bisogno di acqua solo quando il terreno è secco.
  • piante aromatiche: questi arbusti si adattano bene anche ai vasi ed ai balconi piccoli. L’esposizione al sole dipende dal tipo di pianta. Ma come regola generale scegliete un buon terriccio ed innaffiate spesso.
  • Cactacee: decisamente le più semplici da curare, con la loro scarsa necessità di acqua. Non esponetele a luce troppo forte o deperiranno.
  • Yucca: con la sua chioma rigogliosa ti riempirà casa. Resisterà alle tue dimenticanze perché necessita di poca luce e poca acqua.
  • Ananas: la prossima volta che lo compri, metti in vaso il ceppo di foglie e aspetta che metta radici. Per veder crescere la pianta ci vorranno anni, ma non è difficile da seguire. Necessita di tanta luce e acqua regolarmente.
Piante da appartamento che necessitano di poche cure: aloe, aromatiche, cactacee, yucca, ananas

Le piante da appartamento da evitare

Questo punto è sottovalutato da molti, soprattutto chi ha bimbi o animali. Si sa che tendono a mettere tutto in bocca, per cui è doveroso essere sicuri di portare in casa specie che non nuocciano alla salute.

Ce ne sono 8 a cui non penseresti mai, perché sei abituato a vederle in appartamento.

Vuoi sapere quali sono?

  • Azalea, Clivia, Calla, Oleandro, Gelsomino: ebbene si, belle da vedere ma meno da avere in casa. Foglie e fiori di queste piante causano problemi di diarrea, nausea e vomito se ingerite. Nei casi più gravi si hanno disturbi alla vista, al fegato e problemi respiratori.
  • Stella di Natale: provoca lacrimazione eccessiva, stomatiti, congiuntiviti.
  • Ficus Elastica: intossicazione da contatto o da ingestione, con irritazione cutanea e della gola.
  • Edera: se le foglie vengono ingerite, provocano nausea, diarrea, vomito e tremori.
Infografica delle piante da appartamento che hanno bisogno di poche cure

Le piante perfette per bagno e cucina

Anche per questi due ambienti un po’ difficili esistono le piante perfette. Ovviamente si tratta di piante per la maggior parte di origine tropicale, che non si spaventano dell’umidità.

Ce ne sono 7 in particolare che hanno bisogno di pochissime cure e che depurano anche l’aria:

  • Felce: amanti dell’umidità, hanno bisogno di poca luce e poca acqua.
  • Orchidea: ama gli ambienti umidi e luminosi, ma non la luce diretta. Da annaffiare preferibilmente con acqua poco calcarea, come quella piovana.
  • Aloe
  • Catcacee
  • Dracena: con la sua chioma è la pianta decorativa per eccellenza. Bisognosa di luce non diretta e poca acqua, assorbe le particelle di fumo.
  • Photos: come l’aloe depura l’aria dai compositi inquinanti. Cresce anche con poca luce e va innaffiata solo quando il terreno è secco.
  • Ficus: un’altra meravigliosa pianta che ama l’umidità ma che potrà crescere rigogliosa con scarsità di acqua e luce.

Hai le idee più chiare?

A questo punto dovresti avere le idee più chiare per quanto riguarda le piante da scegliere per casa tua. Sii onesto e definisci il tempo che tu e famiglia potete dedicare alle amiche verdi, così da comprare specie adatte a voi.

Quali tra le piante di cui ho parlato ti piacerebbe avere? Ce n’è qualcuna che ho dimenticato?

Fammelo sapere nei commenti!

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo La guida completa alle piante da appartamento che necessitano di poche cure sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

21 Maggio 2019 / / Decor

In attesa che il meteo sia più clemente con tutti noi, vista la scarsità di giornate all’aria aperta che stiamo vivendo, ma soprattutto per amore dei fiori e delle stupende sensazioni che riescono sempre a regalarci, oggi voglio presentarvi una pianta perfetta per il vostro Giardino, balcone o terrazzo.

Se avete voglia di quel sentimento sempre allegro che fa rima con vacanza, sole, spiaggia e voglia di cocktail allora la pianta perfetta per voi è senza dubbio l’ Hibiscus.
Le fioriture sono generose e continue e nonostante siano un pò delicati, i fiori sono comunque uno spettacolo incredibile di colore, forme meravigliose e allegria da gustarsi con gli occhi spalancati.

Trattandosi di piante estremamente decorative, le piante di Hibiscus possono diventare le protagoniste di angoli del vostro Giardino da dedicare a una atmosfera dal fascino più tropicale e lussureggiante.
Le origini dell’ Hibiscus sono infatti sub-tropicali, ed è per questo che si è trovata subito a suo agio con il nostro clima temperato / mediterraneo. Ama tantissimo il sole e non teme le temperature calde, al contrario invece di quelle rigide. Dategli un terreno ben drenato, ricco di humus e sarà felice regalandovi uno sviluppo rigoglioso ricco di fioriture da per tutta l’estate.

Grazie alla #specialeselezione di SOULGREEN, azienda con la quale avevo già collaborato l’anno scorso perchè primi in Italia a voler diffondere lo sviluppo della cultura del Verde anche grazie a una comunicazione evoluta e integrata nel prodotto stesso, potrete recuperare esemplari bellissimi e in perfetta salute nei sempre più numerosi Garden centers sparsi in tutta Italia. 

Gli stessi Graden che stanno collaborando con Soulgreen per offrire, a noi appassionati, fiori e piante di altissima qualità, frutto di una selezione che viaggia per il Mondo e curata davvero con il cuore.
Pensate che persino le etichette sono realizzate con una innovativa carta minerale che consente di evitare l’abbattimento di alberi per la produzione di carta. L’uso di carta minerale 100% tree free, fotodegradabile entro 18 mesi, è una delle tante scelte etiche che SOULGREEN sta portando avanti in difesa della Natura e io sono molto felice di poter aiutarli a sensibilizzare quanti più lettori posssibile.
Io vi lascio alle foto delle mie piante di Ibiscus, che presto saranno piantate nel Giardino dei nonni e che spero diventeranno sempre più grandi e felici di far parte della nostra famiglia dal cuore verdissimo!!!

Post scritto in collaborazione con SOULGREEN.

21 Marzo 2019 / / Decor

Da sempre la natura è nostra amica e alleata in quanto ci fornisce ossigeno, grazie alle piante trasformatrici di anidride carbonica. Alcune di queste sono oltremodo importanti per le loro proprietà di eliminare dannosi prodotti per la nostra salute e per l’aiuto finalizzato al raggiungimento di un corretto equilibrio psico-fisico.

Tra le più note e utilizzate abbiamo l’ aloe vera, impiegata in diversi esempi campi (erboristeria e cosmesi), utile perché anche durante le ore notturne continua a fornire ossigeno: la citronella, ottima come rimedio antizanzara e utilizzata come ornamento e “repellente” naturale su balconi, terrazze e patii; la lavanda, splendida per il profumo e il colore, da inserire in cassetti e armadi per tenere lontane le tarme.

Non tutti sapranno che l’edera ha una forte capacità di combattere le muffe e di filtrare l’aria mentre le classiche piantine grasse sono utili contro le radiazioni elettromagnetiche derivanti dalle varie apparecchiature elettroniche presenti in casa o sul posto di lavoro.

Lo spatafillo è un antismog capace di assorbire tramite le foglie le polveri sottili; il crisantemo è un filtrante di sostanze tossiche presenti nei detersivi, nelle colle e nelle vernici; la felce è ottima per rimuovere la formaldeide.

Questi sono solo alcuni esempi….molte altre piante, anche meno conosciute, hanno proprietà fondamentali per contrastare tutto ciò che quotidianamente ci colpisce sotto varie forme che a occhio nudo non percepiamo.

Il nostro consiglio? Circondarsi di “verde” in casa per renderla più sana, bella e completa, perché da un elemento considerato un semplice ornamento possiamo in realtà trarre anche eccellenti benefici.

26 Dicembre 2018 / / Decor

9 piante perfette per il periodo invernale

Le piante sono un elemento fondamentale in casa e non solo in primavera, quando la natura si risveglia. Anche l’inverno ha le sue piante e sono perfette per rendere la casa più viva, colorata, e soprattutto più felice.

Delle piante ci si prende cura, le si vede crescere giorno dopo giorno e poi fiorire, a volte sembra che ci stiano abbandonando e poi invece eccole riprendersi inaspettatamente: germogliano, si riproducono, sono una fonte inesauribile di energia.

Decorare casa con le piante è un’abitudine che oltre a regalare soddisfazioni, garantisce forme e colori meravigliosi.

Ecco alcune piante perfette per il periodo invernale, oltre alla classica Stella di Natale, che porteranno felicità nelle nostre case senza bisogno di essere necessariamente esperti giardinieri.

agrifoglio in vaso

Agrifoglio in versione pianta. Invece dei soliti rametti decorativi, perché non osare con un bella pianta in vaso? Perfetto per arredare balconi e terrazze, perché sopporta le basse temperature. Ha bisogno che la sua terra sia sempre umida.

cactus di natale

Sempre in tema natalizio, il Cactus di Natale, Schlumbergera. Pianta originaria del Brasile che preferisce l’interno, e che ama uscire in estate. Rispetto alle altre piante grasse richiede una maggior quantità di acqua, sempre da somministrare con moderazione.

echeveria

Un’altra pianta grassa, molto conosciuta e facilmente distinguibile per la sua forma che ricorda la rosa, è l’Echeveria. Ama la luce, ma non quella diretta. Non bisogna esagerare con l’acqua, perché la sua terra deve essere sempre secca. Molto importante: fare sempre attenzione a non bagnare le foglie perché potrebbero marcire.

croton

Codiaeum variegatum, volgarmente detto croton, è una pianta che trasmette una piacevole sensazione di autunno e cambio stagione, mostrandone gli aspetti e i colori più belli. Giallo, arancione e rosso in tutte le loro sfumature. Ha delle foglie particolari e resistenti.

pianta di agrumi in vaso

Agrumi, fuori in estate e dentro in inverno. Limoni, arance e mandarini vanno portati all’interno durante il periodo freddo. Vi faranno compagnia e in primavera saranno pronti per tornare all’aperto.

ciclamini bianchi

Il ciclamino, la sua fioritura solitamente è a fine inverno ed è una pianta che può durare a lungo. È importante che sia nutrito con potassio e nitrato, e preferisce il freddo al caldo. Trattandosi di un tubero, può durare a lungo, e regala grandi soddisfazioni.

rosa di natale

La Rosa di Natale, Elleboro nero. È una pianta che non ha bisogno di luce ma che si deve annaffiare con regolarità. Fiorisce anche tra le nevi, quindi le probabilità di vedere i suoi bianchi fiori sono decisamente alte.

Amaryllis

Amaryllis belladonna è un’altra pianta che resiste al freddo senza difficoltà, i suoi bulbi vanno in letargo in inverno e germogliano in autunno, cresce rapida e ha bisogno d’acqua.

Nandina domestica

Nandina domestica, Bambù sacro, è una pianta che arriva da oriente ed è abituata a temperature rigide, il che la rende perfetta se si desidera un balcone verde anche quando fa freddo. Fiorisce tra primavera ed estate e proprio durante il periodo natalizio produce bacche rosse. Ricorda il bambù per le sue foglie

 

L’articolo Decorare casa con le piante in inverno porta felicità proviene da Dettagli Home Decor.