La Preston House: una casa ispirata alla celebre onda di Hokusai

Pubblicato da blog ospite in Design d' Ingegno, Interiors

Un lavoro di architettura è sempre qualcosa di livello sartoriale: è generalmente misurato nel gusto secondo le richieste del cliente, strutturato in modo da assecondare il budget previsto ed impreziosito dalla competenza dell’architetto attraverso la scelta di determinati materiali e di specifiche soluzioni.

Quando poi tutto questo sposa una bella dose di libertà e creatività, ne esce un edificio notevole come quello della Preston House, in California, progettato dall’architetto Mario Romano.

La casa è un raffinato progetto che trae ispirazione da un’opera antica dell’arte giapponese e si integra ottimamente con il luogo in cui è stata edificata.
La California, ricca di luce e di colori, diventa così la sede più adatta per accogliere questo progetto architettonico e lo fa diventando parte del progetto stesso in un rimando di forme e tonalità che contribuiscono a rendere questa abitazione un vero e proprio ibrido tra arte e architettura.

La nascita del progetto

L’ispirazione per il design di questa casa nasce da un’antica e famosa xilografia del pittore giapponese Hokusai (1760-1849) dal titolo “La Grande Onda di Kanagawa” ( Kanagawa oki nami ura ).

È la prima e la più celebre stampa tra quelle che compongono la serie intitolata “Trentasei vedute del Monte Fuji” ( Fugaku sanjūrokkei ) e raffigura una grande onda tempestosa che minaccia alcune imbarcazioni nel mare al largo di una zona corrispondente all’odierna prefettura di Kanagawa. Sullo sfondo della stampa si vede il Monte Fuji e nella composizione della xilografia viene appunto catturato l’istante in cui l’onda forma una spirale quasi perfetta il cui centro passa per quello dell’immagine, dando la possibilità di scorgere la montagna sacra del Giappone.

Il mare è naturalmente l’elemento predominante dell’opera e si estende per tutta la scena. Allo stesso tempo, la forma del Monte Fuji viene riproposta all’interno delle varie onde e la ripetizione delle forme è ancora più evidente nella superficie dell’acqua, la quale presenta una fitta trama di piccoli riccioli (uguali all’increspatura della grande onda principale).
Un’altra caratteristica che salta subito agli occhi è poi la scelta di usare solo i colori bianco e blu sia per la grande onda che per la montagna sacra.

È possibile rileggere tutto questo nella Preston House, dalla scelta di creare un tetto che riflette il cielo, con l sua luminosità (bianca) e le sue gradazioni di blu, frazionandolo attraverso le onde metalliche proprio come accade nella modularità della stampa.

Naturalmente anche gli interni sono pensati per riflettere la poesia e la simbologia della casa, dando forma ad un edificio con un forte carattere artistico.

La Grande Onda di Kanagawa di Hokusai

La Preston House

Quasi tutti gli edifici progettati da Mario Romano hanno tra loro dei punti in comune che si possono evidenziare nell’attenzione per gli elementi modulari, nella forte presenza del segno e delle linee, nella chiara fascinazione per la forma dell’onda e della curva in generale.

La sua è una sensibilità che deriva dall’essere sia un architetto che un artista. Per questa ragione la casa ha molti punti in comune con un’opera pittorica, con elementi e materiali che accolgono le innovazioni ed aprono nuove prospettive e possibilità all’architettura.

Il tetto

Il tetto curvo della Preston House si increspa per tutta la facciata con tante onde e le numerose strisce di metallo curvato rendono l’illusione di tante pennellate di colore. Queste centinaia di strisce di alluminio sono state tagliate su misura e riflettono l’ambiente circostante creando anche un effetto di distorsione.

La facciata in alluminio è tuttavia posta a pochi centimetri dalla superficie impermeabile della reale struttura del tetto. Ciò permette di avere due importanti vantaggi: anzitutto la ventilazione tra uno strato e l’altro delle strisce di metallo consente di evitare l’accumulo di umidità e la formazione di muffa, mentre dall’altro contribuisce alla dispersione del calore in eccesso dalla casa favorendo la ventilazione anche per la casa stessa.

L’abitazione

L’edificio è di circa 530 mq e la sua costruzione si basa anche su algoritmi che hanno reso le forme complesse del progetto una struttura funzionale. La casa conta 6 camere da letto (al secondo piano), 5 bagni, la zona living con i salotti e la sala da pranzo, ma la cucina è posta al centro della casa, come fulcro dell’abitazione.
Questa villa così unica è in vendita per oltre 4 milioni di dollari e grazie alle nuove start up di successo sorte nella zona, il prezzo non è affatto fuori mercato. Lo stesso Romano, parlando di questa sua realizzazione, ha detto:

“È davvero un incrocio fra arte e scienza. Niente di tutto questo poteva essere fatto senza la potenza di elaborazione del computer che aiutasse a costruire e ricostruire.”

Un’altra specifica caratteristica della Preston House è l’uso di materiali innovativi come il Simowood, un materiale che esteticamente appare simile al legno, ma che possiede la flessibilità della plastica.
Il Simowood è fatto con buccia di riso pressata unita ad una specifica termoplastica ed è stato utilizzato sia all’ingresso esterno che nelle rifiniture interne come alcuni pavimenti e le scale che richiamano di nuovo il motivo dell’onda e del tratto pittorico allo stesso tempo.

Interni della Preston House

Curiosità

Il suo design così fortemente legato alle tecnologie e ai software è in realtà pensato per interpretare e dare una perfetta collocazione a quelli che Mario Romano considera i fruitori ideali di questa casa: le famiglie.

La casa tenta quindi di inserirsi in maniera armoniosa con l’ambiente, pur essendo un’abitazione all’avanguardia, e forse è questa sua dualità fra la tradizione e la sperimentazione che riesce davvero a renderla un perfetto trait-d’union fra arte ed architettura.

Retro con piscina della Preston House

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 

Una nuova ospitalità a Milano: Conti Guest House

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor, Interiors
Elegante guest house dallo stile urban chic

Nella città simbolo del design è stata da poco inaugurata un’elegante guest house dallo stile urban chic: Conti Guest House. 

Per il progetto di restauro, progettazione ed interior design è stato scelto l’Arch. Nicola Gisonda che, attraverso scelte mirate ha permesso alla struttura di essere in perfetta sintonia con le esigenze di una clientela cosmopolita che viaggia per lavoro, turismo, ecc.

La volontà della proprietà, da cui la struttura prende il nome,  è quella di promuovere la guest house come “residenza” di lusso, un luogo che fa sentire l’ospite come a casa e gli permette di vivere / lavorare, durante il soggiorno, in un’atmosfera rilassata e familiare. L’ospitalità fornita ruota intorno al concetto di eleganza degli ambienti e ad un’accoglienza meno formale rispetto alle grandi strutture, pur donando grande attenzione a tutti i dettagli.

Situato a ridosso del centro città, in un tranquillo quartiere residenziale costruito nei primi del Novecento, seguendo la concezione degli english village, Conti Guest House è stata realizzata all’interno di una palazzina sviluppata su tre piani. La chiave interpretativa del progetto segue la volontà di un cambiamento dei luoghi ma senza snaturare l’identità morfologica preesistente.

Le camere, tutte dotate di bagno privato interno, si suddividono in quattro matrimoniali e due singole, per un totale di dieci ospiti. Originale la scelta del nome che, pur riprendendo una nomenclatura numerica si affida al numero campionario colore assegnando ad ogni camera una tonalità: viola (camera 42), rubino (camera 10), rosa (camera 4), cipria (camera 58),  ruggine (camera 45) e azzurro (camera 25). Filo conduttore cromatico è costituito dal nero e dal grigio declinati costantemente su materiali diversi. A caratterizzare le camere internamente un design contemporaneo che punta allo studio dei volumi e alla conformazione degli ambienti valorizzando comfort e funzionalità.


Elegante guest house dallo stile urban chic

Nulla è lasciato al caso e anche i complementi di arredo sono pezzi unici disegnati su misura per la struttura e valorizzano l’artigianalità dell’autentico Made in Italy curando nel dettaglio materiali e finiture.

Inoltre, la presenza di materiali naturali, come legno e marmo, accanto ad un attento studio dei colori, rendono gli ambienti caldi ed accoglienti, dalle atmosfere rilassanti;  ideali dopo una giornata nella dinamica Milano.


Elegante guest house dallo stile urban chic

Per ampliare il concetto di ospitalità della struttura è stata ideata una zona living attrezzata con cucina e accessibile in ogni momento della giornata, che rende lo spazio funzionale a momenti di incontro. Per rilassarsi, invece, è stato pensato un dehor ed un giardino privato che rendono quest’area una piacevole oasi di pace.


Elegante guest house dallo stile urban chic

Volendo essere un “vero e proprio mondo” per i viaggiatori, luogo vivo da abitare, Conti Guest House offre una vasta gamma di servizi. Oltre ad una totale copertura wifi delle camere e di tutte le zone comuni ed un accesso alla struttura con codice privato, su richiesta è possibile richiedere transfer da e per aeroporto / stazione, noleggio auto, prenotazione biglietti per musei / teatri, ecc. La colazione, disponibile tutte le mattine dalle 7.30 alle 9.30 presso l’area living, è stata pensata anche per coloro che dovranno lasciare la struttura di primissima mattina. A loro è dedicato l’Early breakfast box, un vassoio completo per non rinunciare al primo pasto della giornata.

A disposizione, inoltre, alcune biciclette per chi ama visitare la città spostandosi velocemente su due ruote.


Conti Guest House, unendo design, eleganza, buon gusto, modernità e funzionalità percorre i tempi, adattandone la propria essenza e si proietta verso il futuro, verso un concetto di lusso contemporaneo che coccola il cliente permettendo di essere a casa pur lontano da essa.


Conti Guest House

Via G.B.Tiepolo, 38 – 20129 Milano
Tel. +39-02.83536547

E-mail:info@contiguesthouse.it



Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 

Piccoli giardini creativi

Pubblicato da blog ospite in Decor, Dettagli Home Decor, Idee
5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te

5 idee originali per realizzare giardini e orti creativi rigorosamente fai da te  riutilizzando qualche complemento d’arredo

Non occorre disporre di un grande spazio esterno per creare un giardino creativo dove piantare fiori, piante verdure e ortaggi. Con un po’ di fantasia e creatività anche in poco spazio si può creare un orto e giardino fai da te!
5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
Se siete a corto di spazio, utilizzate le pareti per creare un giardino verticale fai da te


5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
I contenitori di plastica IKEA sono perfetti per coltivare un piccolo orto domestico. Sono facili da trasportare e riorganizzare ma ricordatevi di  creare qualche foro nella parte inferiore per permettere all’acqua di defluire


5 idee originali per creare un giardino originale e fai da te
Anche il carrello Rasgok di IKEA può risultare utile per realizzare un piccolo giardino. Ogni ripiano può essere sfruttato in base alle proprie esigenze. Naturalmente nella parte superiore andranno piantati i semi, il ripiano centrale può ospitare vasi e attrezzi, mentre il sacchetto di terra può andare nel ripiano in basso.  

Le cassette di legno sono perfette se si hanno tante piante. Rinnovatele nel look con il colore che preferite, riempitele di terra e piantate tutto ciò che desiderate!


immagini via Pinteres


Tags: ,

 
 

 
 

 
 
 

 

Pulizie di primavera…di design!

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Scommetto che anche tu le hai già iniziate e ti ritrovi a girare per casa con capelli legati in modo molto instabile. 
Cito la mia vicina di casa, che trovandomi intenta a spazzare ha esclamato in dialetto (traduco solo per una questione di chiarezza, ma in italiano, si sa, la frase è meno incisiva) “è questo che tocca fare alle donne!”.
Non mi annoia pulire casa, perchè sono riuscita a trovare un certo ritmo organizzativo, e si sa, in una casa che profuma si vive meglio.
La luce che filtra dalle finestre in questi primi giorni di sole mette a nudo ogni minima zona trascurata nella routine invernale. Ho avuto la triste idea di scegliere il bianco per pareti, divano, cucina e (udite udite…) pavimento. Credo di passare almeno la metà della mia giornata “in piedi”, ad aspirare, lavare e strofinare.

Rendere le pulizie domestiche un momento emozionante SI PUÒ’!
Hai presente l’irrefrenabile voglia di lavare i pavimenti che viene quando hai appena comprato un detersivo nuovo? 
Beh, succede lo stesso se ti regali, o meglio ancora, ti fai regalare, un set di design per le pulizie di primavera!
Ho raccolto per te i miei 5 utensili preferiti in una moodboard.

via 1.  2.  3.  4.  5.


1. CIOTOLA CON SPAZZOLA, NORMANN COPENHAGEN. Un contenitore da riempire di acqua e sapone ed una spazzola adatti a mille usi diversi. Dal design Scandinavo, è disponibile in molti colori. €68 su normanncopenhagen
2. MENU, PALETTA  E SCOPINO. Per il camino, set di scopino e paletta. Lo scopino è in legno e crini di cavallo, mentre la paletta è in plastica. Quando non sono utilizzati, lo scopino può essere incastrato nella paletta per risparmiare spazio. Disponibile anche in nero. € 69,90 su lovethesign.

3. SPAZZOLA PER COMPUTER, HAY. Due spazzole per raggiungere le aree più nascoste del tuo computer. Le setole in crini di capra e di cavallo sono delicate e pensate per non “graffiare” i supporti, mantenendoli puliti e privi di polvere. 35€ su COS

4. PEDAL BIN NEW ICON BY BRABANTIA, PATTUMIERA. Compatto e trendy, dalla finitura opaca. Questo cestino è dotato di una pratica apertura a pedale. Il cilindro interno è estraibile per facilitare la pulizia e la chiusura è mirata a non far fuoriuscire i cattivi odori. Quella in foto è la colorazione Clay Pink, ma i colori tra cui scegliere sono svariati!  € 24 su brabantiastore

5. PULA BY GIULIO IACCHETTI, SCOPA. La struttura è in legno di faggio, le setole in fibra di saggina o cocco, a seconda se deve essere utilizzata outdoor o indoor. € 68 su internoitaliano.

Se ti piace l’idea condividi questo post sui tuoi canali social per far sapere al mondo di quali regali hai bisogno!




http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Packaging design creativo ispirato alla primavera

Pubblicato da blog ospite in Design, Things I Like Today

La funzione principale del packaging è quella di proteggere il prodotto ma la funzione principale del packaging design è quella di attrarre e farci innamorare!

Quando ci innamoriamo di un prodotto è quasi sempre perchè siamo attratti dalla sua confezione e il packaging design ha proprio questo scopo! Ovviamente un buon packaging deve anche rispettare la personalità del brand e comunicare l’identità del prodotto al pubblico di riferimento.
Freschezza, leggerezza, vitalità, gioia… sono spesso associati alla primavera e al risveglio della natura, concetti positivi che si possono adattare facilmente a tanti prodotti, dai profumi alla bellezza al cibo…
Vediamo quindi alcuni packaging creativi ispirati alla primavera.

Profumi

La prima cosa che viene in mente quando si pensa alla primavera sono i fiori che sbocciano col loro meraviglioso profumo. Sarà per questo che sono decine le bottiglie di profumo a forma di fiore? Il packaging design in questo caso non brilla per originalità ma ciò nonostante gli esempi interessanti non mancano, come le deliziose bottiglie della linea Daisy di Marc Jacobs.

Packaging design ispirato alla primavera - Profumo Daisy by Marc Jacobs

Il profumo Daisy by Marc Jacobs ha un packaging a ispirato alla primavera

Japanese Cherry Blossom con il tappo ispirato ai fiori di ciliegio

LEGGI ANCHE: 5 Spot per un profumo, pubblicità firmate Hollywood

Beauty

Nel mondo dei prodotti di bellezza e del make up, la primavera è sinonimo di freschezza, giovinezza e luminosità.
Il packaging design per la nuova cipria illuminante di Lancome non poteva fare di più per esprimere questi concetti, perchè ha preso alla lettera l’ispirazione primaverile inserendo una rosa di seta all’interno della confezione, i cui petali sono impregnati di polvere iridescente. La Rose à poudrer di Lancome è stata realizzata in edizione limitata solo per la primavera 2017; un oggetto prezioso e delicato che sorprende e traduce visivamente l’idea di luminosa perfezione del prodotto.

Packaging creativo ispirato alla primavera - Lancome Rose Powder

La cipria illuminante di Lancome al suo interno nasconde una rosa!

Il packaging design per la linea beauty di Occitane invece è un progetto personale della designer californiana Shanti Shiue. Prendendo spunto dal nome della linea, Bloom en Provence l’idea, bella e originale, è di creare una confezione che si apre come un fiore che sboccia, svelando al suo interno il prodotto. Un modo perfetto per rendere immediatamente visibile il concetto di fioritura espresso nel nome della collezione.

Packaging design per prodotti beauty: questa confezione si apre come un fiore che sboccia!

Food and Drink

In ambito food, soprattutto quando si parla di dolci è facile associare al packaging i colori e le sensazioni della primavera. Tinte pastello, pattern floreali, forme stondate, tutti elementi grafici che contribuiscono a rafforzare l’idea di qualcosa di dolce, tenero e appagante. Il packaging design dei Macarons Mixville da questo punto di vista è l’esempio perfetto.

Packaging creativo ispirato alla primavera - Mixville Macarons

Packaging creativo ispirato alla primavera – Mixville Macarons

Ma anche l’acqua minerale, con la sua naturale frizzantezza, l’idea di purezza che si porta dietro e la freschezza che ci ispira è uno dei prodotti ideali da declinare in tema primaverile. D’altra parte spring in inglese non vuol dire solo primavera ma anche sorgente/fonte!
Per migliorare il posizionamento dell’acqua minerale Mount Franklin Lightly Sparkling è stata pensata dall’agenzia Creative Platform un’edizione limitata dedicata ai ristoranti più esclusivi.
L’acqua è stata imbottigliata in bottiglie da Champagne con decorazioni floreali disegnate dal fashion designer Akira Isogawa, dal titolo “Bird Garden” e il risultato è decisamente affascinante!

Packaging design ispirati alla primavera - Acqua Minerale

Mount Franklin Lightly Sparkling, acqua minerale in edizione limitata “Bird Garden” disegnata da Akira Isogawa

E anche lo Champagne ci fa pensare alla primavera, con le sue bollicine che richiamano alla mente il fermento della natura che sboccia. Il concept per Estivale Champagne è della designer svedese Hanna Jansson. Questa confezione apparentemente normale si apre sbocciando come un fiore in primavera e rivela fra i suoi quattro petali quattro bottiglie mignon di Champagne. Al suo interno ha un cuore colorato, arricchito da foto e consigli di degustazione.
La designer ha risolto brillantemente il problema di trasportare le bottiglie con una confezione pratica ma elegante, perfetta anche per una scampagnata o un picnic fra amici, perchè… è sempre l’occasione giusta per brindare a Champagne!

LEGGI ANCHE: 10 Bellissime bottiglie per la vostra sete di Design

Packaging ispirato alla primavera - Champagne

Packaging dai colori pastello ispirato alla primavera – Estivale Champagne

Candele profumante per l’ambiente

Anche la nostra casa può rinfrescarsi in occasione della primavera, magari con qualche candela profumata per l’ambiente. Queste appaiono così fresche e colorate con i loro colori pastello che ci aspetteremmo subito di sentire i tipici aromi floreali… e invece NO!
La creatività stavolta non è solo nel design del packaging ma anche nell’idea che ha ispirato questa collezione: Daily Affection infatti è una serie di candele ai profumi strani ma attraenti che incontriamo tutti i giorni. Il designer Albert Junghwan Son ha pensato a: Strada Bagnata, Giocattolo di Plastica, Nastro Adesivo e Formaggio Puzzolente (quest’ultimo forse avrà meno successo). Insomma, tutti quegli odori che ci attraggono anche se non sappiamo perchè! Di sicuro Erba Tagliata è quella più adatta alla primavera!

Tags:

 
 

DKUK Studio

Pubblicato da blog ospite in +deco, Idee

Alcuni dei miei migliori amici vive a Peckham, nel sud di Londra. La nostra amicizia è nata a Brixton e Clapham e circa 10 anni dopo ci ritroviamo ancora a sud, solo che a volte a Sud di Roma e a volte a Sud di Londra 🙂

Peckham è cambiata tantissimo da quando vivevo a Londra, in un modo cos’ veloce e radicale che è possibile solo nella capitale britannica.

E’ adesso un posto pieno di bar e negozi cool, popolato da molte persone  vestite vinateg e con barbe lunghe quanto il Tamigi.

I  miei amici hanno un pub molto vivo qui, chiamato The Montpelier; se siete in zona e volete vedere la vera Londra, fateci un salto (per una pinta o due).

Un buon esempio della nuova vita a Peckham è DKUK Salon , un parrucchiere dove si espongono quadri  che propone un nuovo concetto e degli interni che colpiscono firmati da Sam Jacob StudioDKUK Salon è stato aperto nel 2014 da Daniel Kelly, un artista e parrucchiere che ha avuto l’idea di attaccare quadri invece che specchi nel suo Salone di modo che i clienti potessero apprezzare senza fretta le opere invece che fissare la propria immagine. E’ un’idea concettualmente molto carina ed in questo caso anche ben presentata (anche se devo ammettere, la sensazione di non essere in controllo sull’operato della forbice del parrucchiere, mi mette l’ansia). Questo piccolissimo negozio cattura con muri coperti di assi bianche e un dettagli gialli ispirati agli anni ottanta.

Le foto sono di Jim Stephenson.

The post DKUK Studio appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

Happy Monday

Pubblicato da blog ospite in REDaddress

www.stay-positive-believe.tumblr.com


 
 

Spring is here!

Pubblicato da blog ospite in REDaddress

Aria di primavera, passeggiate per ammirare gli alberi in fiore e “sweetnesses” 
da offrire agli amici per festeggiare l’arrivo della nuova stagione. Hello spring!


1 pavillon – www.zsazsabellagio.com
2 ciliegi a Parigi www.etsy.com
3 China style – rockandfiocc.com
4 ciliegi in fiore www.zenfolio.com

1 bedroom www.pinterest.com
2 bicicletta www.weheartit.com
3/4 ciliegi in fiore in Giappone www.pinterest.com 

1/2 donuts e coppa con yogurt e frutta www.instagram.com
3 torta con macarons www.callmecupcake.se 
4 gelato www.bedifferentactnormal.com

Tags:

 
 

Inspiration mood – Pastel colors

Pubblicato da blog ospite in Idee, REDaddress

Sfumature cromatiche soft dal fascino discreto, look etereo e grafismi 
per ritrovare il benessere, pochi oggetti dai toni morbidi per una casa 
rifugio minimale e armonica.

1 piatti e ciotole www.normcph.com
2 wall decor www.yellows.dk
3 bedroom www.pinterest.com
4 living room www.unduetre-ilaria.com

1 boiserie www.karwei.nl
2 mensola a casette www.wonenmetlef.nl
3 wall decor www.interiorjunkie.com
4 open space apartmenttheraphy.com

1 consolle www.glamourparis.com
2 piatti www.printpattern.blogspot.co.uk
3 bedroom www.cheaphomedecorideas.com
4 still life www.onlydecolove.com

Tags:

 
 

Babies rooms

Pubblicato da blog ospite in Idee, REDaddress

Perfetti anche per la camera dei più piccoli, i colori pastello addolciscono 
gli ambienti senza diventare stucchevoli e caramellosi. Leggerezza e glamour 
per ambienti allegri e luminosi.

1 mensola con casette www.mollymeg.com
2 letto a baldacchino www.pinterest.com
3 cassettiera www.britmorin.com
4 parete dipinta a motivi geometrici www.casinhacolorida-simone.blogspot.com

1 letto a ponte www.rafa-kids.blogspot.nl
2 casetta di cartone www.petitspetitstresors.tumblr.com
3 letto a castello www.nubie.co.uk

1 appendiabiti www.instagram.com
2 copripiumino www.hm.com/home
3 quadro floreale www.le-sojorner.tumblr.com
4 pareti a pois www.pinterest.com

Tags: , ,

 
 
               

Torna su