12 giugno 2019 / / Clever

Lo abbiamo annunciato e finalmente è arrivato: vi presentiamo la collezione del nuovo catalogo INMOTION 20.20 – SMART DESIGN FOR DYNAMIC PEOPLE.

Ricco di idee d’arredo originali, salvaspazio e trasformabili, InMotion 20.20 propone un’ampia gamma di soluzioni che permettono di sperimentare uno stile d’arredamento innovativo, in cui al centro si trovano le persone e le loro esigenze.

La novità maggiore riguarda INMOTION 20.20 SYSTEM, collezione di arredi multifunzionali dalla visione progettuale dinamica e di tendenza. Il catalogo propone 15 composizioni in cui sistemi trasformabili (letti a scomparsa, tavoli da parete, scrivanie rotanti o piani estraibili) sono integrati a programmi sistemici componibili “a spalla”. Perfette per progettare zona giorno e zona notte nella stessa stanza, offrono un’esperienza d’arredo all’insegna della trasformazione, della funzionalità e dell’interazione.
Questo video mostra i sistemi di apertura e chiusura brevettati, attestati e certificati dal CATAS.

La sezione LIVING ROOM presenta una collezione di 9 pareti attrezzate complete che rispecchiano le esigenze del vivere moderno. Ambienti eleganti e sofisticati si popolano di elementi sospesi, basi a terra, librerie e colonne ideali per esporre, contenere, ordinare, riporre. Design moderno e finiture di pregio rendono unico un programma d’arredo per il living in cui la modularità è fondamentale.

Anche la camera da letto presenta delle novità. La WARDROBE COLLECTION si arricchisce di armadi componibili e cabine armadio personalizzabili e adattabili allo spazio disponibile. Clever ha sviluppato armadiature multitasking ideali non solo nella zona notte, ma anche in open space, ingressi spaziosi o a completamento di soluzioni con arredi trasformabili.

E per finire, OFFICE, il programma che offre soluzioni per l’ufficio e gli ambienti di lavoro. Sono proposte scrivanie direzionali e operative, che favoriscono il team-working e rendono gli spazi professionali accoglienti ed esteticamente gradevoli.

INMOTION 20.20 porta con sé il connubio tra tecnica e design, l’approccio eco-friendly e l’eccellenza produttiva del Made in Italy che dal 1993 caratterizzano l’attività e la filosofia di Clever.

Trova il Rivenditore più vicino a te per scoprire tutto il potenziale della nuova collezione.


 
 

 
 
 
3 giugno 2019 / / Blog Arredamento

Ok, confesso.

Quando ho comprato la cucina ho voluto risparmiare sugli accessori interni per organizzare la dispensa. Quelli della casa madre erano troppo cari e ho optato per una colonna dispensa con ripiani.

Mi sono pentita di non aver acquistato la colonna estraibile e la verità è che ora mi trovo in difficoltà perché l’interno del mobile (più profondo rispetto a quello dei pensili) è stracolmo di sacchetti e sacchettini.
Spesso ci sono cose che rimangono sul fondo e che non ricordo di avere. Ma il giorno in cui mi sveglio e decido di fare “quella torta al cocco che ho visto su quella rivista”…ahimè, il cocco c’è ma è del 2016, laggiù, sepolto da mille altri pacchetti e scatoline.

La colpa di questo pentimento è anche di Marie Kondo e della sua arte di “organizzare tutto tematicamente in scatole apposite” (magari anche con etichetta!), ma come darle torto quando nell’unica dispensa della cucina non ci entra più nemmeno uno spillo?

credits

E vogliamo parlare di quando si vuol fare una bella pulizia approfondita? Organizzare tutto in scatole e su ripiani in metallo permette di estrarre e riporre tutto velocemente, tenendo le superfici più pulite e perdendo meno tempo per risistemare barattoli e pacchetti.

credits

Come ho organizzato la dispensa della cucina (e non solo)

Organizzare gli spazi è fondamentale, soprattutto quando la cucina è piccola.

La mia, angolare, misura 284 x 334 cm. Non è piccolissima, ma non ho voluto i pensili e quindi un lato è completamente sfruttato con colonne, mentre l’altro è composto di sole basi con ante e cassetti. Se aggiungiamo che il lato colonne comprende ovviamente anche frigorifero, forno e microonde, i vani contenitivi veri e propri non sono molti.
Non mi pento di non aver preso i pensili (non mi piacciono e continuano a non piacermi soprattutto nel caso di cucine a vista sul soggiorno open space), ma da questa scelta estetica ne consegue che un’organizzazione puntuale degli interni è semplicemente NECESSARIA.

Quello che ho fatto per risolvere il mio problema è stato:

  1. un bel decluttering della cucina

    ho aperto tutte le ante, ho tirato fuori tutto quello che c’era dentro e ho buttato / regalato / venduto quello che non ho usato nell’ultimo anno. Tipo: una sac a poche (regalatami 3 anni fa, MAI usata); le forme per fare i biscotti (mai fatti biscotti in vita mia); il tostapane (ne avevo due!); il frullatore (ormai ho il fedele robot da cucina tuttofare)…e tanto altro (compreso il cocco scaduto e i suoi simili ormai fuori data)

  2. dividere tutto in categorie

    ad esempio: cereali, frutta secca e biscotti per colazione; conserve; pasta, riso e cereali per primi e zuppe; spezie, dadi e condimenti vari; vari tipi di olio e aceto; farine, lieviti e altri prodotti per dolci, pane e pizza; piatti, ciotole, insalatiere, taglieri, posate di uso quotidiano divise da coltelli da cucina e altri utensili, ecc…

  3. credits

     

  4. fare una lista degli accessori indispensabili

    non solo scatole portaoggetti ma anche scaffali e cestelli per ordinare la dispensa e sistemare tutto in maniera più funzionale

Ripiani da aggiungere all’interno dell’anta della dispensa trovati su Lionshome

Ho scoperto un mondo di cestini e portatutto, piccoli ripiani super accessoriati e portabottiglie, tutti facili da aggiungere all’interno dei mobili della cucina o da appendere alle ante, utili anche in caso di dispensa bassa o angolare.
Con questi organizer anche i piatti possono essere disposti meglio, liberando tanto prezioso spazio per altri utensili, stoviglie e pentole (basta organizzarli su più livelli!).

Sinceramente quando ho iniziato la mia ricerca mi sono resa conto che sarebbe stata infinita. Il mondo degli accessori per organizzare la cucina è sconfinato, ma alla fine ho trovato molto comodo Lionshome: praticamente un motore di ricerca, ma incentrato solo su mobili e complementi per la casa.
Mi sono trovata benissimo perché ho trovato tutto senza dover saltare da un sito all’altro e ho potuto anche confrontare i prezzi senza perdere tempo.

11 indispensabili per organizzare dispensa, pensili e cassetti in cucina

Ecco gli 11 accessori da cucina di cui non posso più fare a meno.

Secondo me li devi avere se vuoi tenere ordine in cucina o riorganizzare i mobili che hai in maniera intelligente e definitiva:

  1. ripiani estraibili per una dispensa super funzionale
  2. Carrello estraibile e scaffali per dispensa trovati su Lionshome

  3. scaffale piccolo da attaccare dentro l’anta nel caso di dispensa bassa
  4. Scaffale da attaccare all’interno dell’anta, sempre su Lionshome

  5. organizer per padelle
  6. ripiani per sovrapporre i piatti
  7. Porta padelle perfetto anche per piatti!

  8. cestello con maniglia per condimenti e spezie
  9. organizer per carrello dispensa estraibile (piccolo ma potente, soprattutto se si trova vicino ai fuochi diventa lo spazio perfetto per condimenti e spezie più utilizzati)
  10. contenitori per bustine di tè, sacchetti di farina, biscotti, succhi
  11. contenitori per caffè, capsule e cialde
  12. contenitore per sacchetti della spesa da appendere all’anta
  13. portabottiglie di vino
  14. sembra inutile…ma il portalattine è un salvaspazio eccezionale!

  15.  

Ultimo consiglio!

Ho organizzato le cose in modo da avere:

  • davanti e ad un’altezza confortevole quelle che uso con più frequenza (riso, cereali e pasta, più tutto il necessario per la colazione)
  • dietro e in alto quelle che uso solo ogni tanto e a lunga conservazione
  • in basso ho messo alimenti in scatola, che uso raramente
  • olio, aceto, spezie e condimenti li ho messi in contenitori con maniglia all’interno del carrello nelle vicinanze del piano a induzione

Se non si fosse capito fare torte e biscotti non è tra le mie attività preferite, quindi farine, lieviti, cacao, cocco & co. sono stati confinati ai piani alti, ma ben conservati in scatole con chiusura, per evitare farfalline e altri attacchi esterni.
Insomma, con i giusti accessori anche la dispensa e la cucina più piccole possono essere riorganizzate in maniera smart e diventare spazi più vivibili. La mia personale conclusione è che l’ordine fa venire voglia di “fare cose”, cucinare e forse sfornare anche qualche biscotto!

Dopo questo mega decluttering mi sento (quasi) come lei 🙂
credits

25 maggio 2019 / / Architettura

La tendenza di questi ultimi anni è quella di puntare su abitazioni sempre più piccole e funzionali, magari posizionate nei pressi dell’ufficio o in centro, in modo da evitare il tanto odiato traffico mattutino. È vero però che in una casa di dimensioni ridotte è necessario ingegnarsi, per riuscire ad arredarla al meglio sfruttando al massimo gli spazi a disposizione. In tal senso l’ambiente che si tende a sacrificare più spesso è il salotto, luogo dedicato al relax e alla convivialità. Esistono però diversi stratagemmi che consentono di ottimizzare gli spazi, in primis l’installazione di pratiche scale a chiocciola che colleghino due piani sviluppandosi in modo verticale. Se ne trovano di varie tipologie, che si differenziano per l’impiego di particolari tecniche costruttive e materiali, quindi non resta che individuare quelle capaci di adattarsi in toto alla casa. Esistono anche altri trucchi che permettono di rendere accogliente un salotto piccolo e nei prossimi paragrafi ne verrà preso in considerazione qualcuno.

Varie tipologie di divano e poggiapiedi estraibile

Il protagonista del salotto è sempre lui, il divano, immancabile compagno nei pomeriggi di relax. Nel caso di una stanza dalla metratura ridotta è bene pensare a un pratico divano componibile, che possa essere modellato a piacimento, in base anche al numero degli ospiti. Da considerare anche un modello di divano in scala, leggermente più piccolo rispetto alle classiche dimensioni “da soggiorno”, sia in termini di larghezza che di profondità. Un elemento poggiapiedi a scomparsa, da tirare fuori solo all’occorrenza, risulta poi essere estremamente funzionale in presenza di spazi di piccole dimensioni, comodo e performante. Stesso discorso riguarda lo schienale reclinabile, da sfruttare esclusivamente quando ci si vuole rilassare, magari mentre si guarda un bel film alla TV.

Parete attrezzata e personalizzazione

Quando si arreda una stanza di piccole dimensioni è necessario sfruttare ogni centimetro disponibile, ecco perché l’idea di una parete attrezzata si sposa a meraviglia con il concetto di ottimizzazione totale. Grazie a una parete attrezzata è possibile personalizzare al massimo un ambiente, tramite moduli dedicati a differenti necessità, come ad esempio quello adibito a ospitare la TV. Gli elementi possono essere aggiunti sia in senso verticale che orizzontale, almeno fino a che lo spazio lo permette, andando a giocare anche con le profondità, per dare un effetto “mosso” alla composizione. Pensili, cassette chiuse, strutture in metallo, non c’è limite alla fantasia e le possibilità sono molteplici. Resta da giocare sullo stile, tradizionale o moderno, e sul numero dei moduli da inserire.

Scale a chiocciola

Come accennato in precedenza, le scale a chiocciola sono la soluzione ideale quando si ha la necessità di mettere in comunicazione due piani e non si vogliono intaccare in maniera eccessiva gli spazi. Già ampiamente sfruttate in antichità, mostrano gradini che possono essere agganciati a un piantone centrale o essere strutturati in modo che poggino a terra, in ogni caso consentono una gestione ottimizzata dell’area a disposizione. Possono essere realizzate in acciaio, legno, vetro, ferro battuto o in una combinazione di più materiali, a seconda delle esigenze. La loro estrema funzionalità è stata persino aumentata dalla vasta gamma di accessori e di elementi d’arredo messi a punto per sfruttarne la particolare costruzione, che vanno dagli appendiabiti ai cassetti porta-oggetti, passando per mensole e pratici svuota-tasche.

Tappeto extra-large

Un altro trucchetto per fare in modo che un salotto sembri più esteso è quello di inserire nella stanza un tappeto di grandi dimensioni, che occupi del tutto o quasi la superficie calpestabile. Così facendo non si crea un effetto spezzato tra le varie porzioni di pavimento e il risultato sarà proprio quello di far sembrare più ampia la stanza.


 
 

 
 
 
21 maggio 2019 / / Interiors

Un appartamento di 40 mq a Milano, in cui più zone funzionali sono ben distinte grazie all’uso sapiente del colore e di alcune idee salva-spazio da copiare.


Una piccola casa di soli 40 metri quadri rappresenta sempre una grande sfida. Riuscire a definire spazialmente e praticamente le zone d’uso è sempre il punto di partenza più importante, che definirà poi la riuscita del progetto.

Avere spazi fluidi e comunicanti, in cui i flussi di passaggio e le attività siano agevolati è il dettaglio di maggior importanza in qualsiasi casa, ancora di più quando i metri sono risicati.

Le designer Anna ed Elena dello studio OZ Interiors con il progetto The Botanical Club ci sono riuscite perfettamente. Colori attuali, rilassanti e freschi contestualmente a soluzioni progettuali innovative contribuiscono a rendere questo appartamento una vera chicca.

Un appartamento di 40 mq a Milano in cui i colori sono protagonisti

Come definire la zona cucina, la zona living e la zona notte in modo che risultino ben evidenziati visivamente? Utilizzando i colori e le decorazioni geometriche.

Lo schema colori dell’appartamento utilizza il colore salvia, il colore tortora, il bianco e l’oro. Colori di tendenza che ricordano la natura bucolica, la terra e i raggi del sole che accarezzando dolcemente le foglie in una giornata estiva. Un armonia ed un’unità che ci fanno percepire questo appartamento come molto più spazioso di quanto in realtà non sia.

Appartamento di 40 mq a Milano con vista su cucina e zona living evidenziate dai decori tortora a soffitto.
| Image courtesy: OZ Interiors |
Appartamento di 40 mq a Milano con vista su zona living ed ingresso evidenziate dai decori geometrici.
| Image courtesy: OZ Interiors |

L’uso di colori diversi e di decori geometrici assolvono alla funzione pratica di definizione delle aree funzionali. Una fascia continua tra pareti e soffitto in colore tortora definisce la cucina e la separa dalla zona living, come una parete invisibile. Una delicata fascia color salvia invece, scandisce quella che è la zona ingresso.

Entrambi i colori si rincorrono per tutto l’appartamento, creando armonia ed equilibrio. La cucina in due colori (bianco e salvia) è di assoluta tendenza e con il bianco sui pensili da ancora più leggerezza, facendo quasi scomparire alla vista la parte alta.

Il parquet con listoni a correre in legno chiaro posato in tutto l’appartamento contribuisce ad ampliare visivamente la superficie della casa e dare luminosità.

Appartamento di 40 mq a Milano con vista della camera da letto dalla zona pranzo
| Image courtesy: OZ Interiors |
Appartamento di 40 mq a Milano con vista della camera da letto dalla zona pranzo, con le tende chiuse
| Image courtesy: OZ Interiors |

Un’idea assolutamente da copiare è il modo in cui la zona notte viene schermata quando non in uso. Grazie all’utilizzo di binari a soffitto è stato possibile realizzare una “quinta” con l’utilizzo di tende schermanti, nei toni del salvia e del bianco.

Con un solo gesto la zona notte riappare, per mostrarci il meraviglioso decoro a parete che fa da trait d’union: tutti i colori dello schema sono presenti in questo disegno che rappresenta un albero stilizzato.

Tortora, marrone, salvia, oro: una soluzione semplice ma d’effetto che contribuisce a creare un focus che definisce una stanza nella stanza. Una parete icona che è anche il simbolo di tutto l’appartamento.

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Ispirazione botanica per un appartamento di 40 mq a Milano sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

16 maggio 2019 / / Design

Arredare una cucina piccola può sembrare molto difficile, ma ti voglio mostrare che non è così con due esempi di cucine componibili e micro.


Metti il caso che tu abbia preso una casa piccola, con una cucina ancora più ridotta. Sono sicura che all’idea di arredarla ti prenderebbe lo sconforto, perché finiresti per spendere molti soldi senza essere soddisfatto del risultato finale.

Ci sono alcune soluzioni che sono compatte e anche carine, ma più che altro sembrano espedienti trovati per accontentare chi non ha spazio. Non sembrano idee pensate proprio per chi deve concentrare quante più funzioni in magari un metro e mezzo. Eppure qualcosa si sta muovendo e delle cucine progettate proprio per chi spazio non ne ha sono venute fuori.

E sono stupefacenti.

Arredare una cucina piccola con il sistema A la carte

Questa prima cucina introduce un concetto rivoluzionario: la cucina come componibile, che si adatta agli spazi e alle conformazioni esistenti. I designer Linda e Oliver Krapf della Stadtnomaden GmbH hanno progettato il sistema A la carte. Avete presente quando andate al ristorante e potete scegliere cosa mangiare liberamente dal menu?

Ecco, il concetto è lo stesso. Comporre liberamente una cucina, senza dover fare i conti di trigonometria per capire quanti e quali pezzi di una certa cucina ci stanno nella nostra. I designer hanno ridotto la cucina ad una serie di moduli tutti uguali nelle dimensioni, ognuno dei quali svolge una funzione individualmente.

Dalle forme bombate, con piedini da 9 cm regolabili che le rendono stabili, hanno un aspetto unico nel loro genere. Si adattano ad ogni ambiente possibile: potete installarli rasenti al muro, in mezzo alla stanza per dividere due ambienti o addirittura in gruppo.

arredare una cucina piccola con la cucina a blocchi stadtnomaden
Stadtnomaden

I moduli si uniscono tra loro tramite magneti e arrivano già pronti per essere attaccati a prese e tubi. Non c’è nulla da forare nei moduli, perché hanno già gli incavi necessari per tutti gli alloggiamenti del caso. Sono senza maniglie, con pratiche gole per l’apertura di cassetti ed ante. Potete scegliere voi i moduli che volete: forno, lavastoviglie, vaporiera, cassetti…

In dotazione ci sono anche la rastrelliera per far asciugare le stoviglie, un vassoio porta spezie ed un piccolo tagliere.

Perfetta anche per un piccolo ufficio: bella da vedere, pratica, geniale.

Arredare una cucina piccola con la libertà di Critter

Critter è una cucina rivoluzionaria di un’azienda italiana, Stip, nata dall’incontro di Elia Mangia (designer) e Maria Mendez (ingegnere). A primo sguardo pensereste tutto, tranne che si tratti di una cucina. Ridotta all’osso e libera da ogni tipo di schema progettuale consueto a cui siete abituati.

Nessuna cucina monolitica attaccata a parete: una consolle che si stacca dalle pareti perimetrali per portare al centro della stanza il piacere e la convivialità del cibo. La struttura è in massello di Frassino e si assembla in pochissimi minuti grazie a 8 viti.

arredare una cucina piccola con Critter di Stip
Critter by Stip

Quello che si può scegliere e che cambia è il layout: differenti colori, finiture e accessori possono essere installati sulla struttura. Oltre al lavandino (il tubo cilindrico al di sotto contiene i tubi) potete avere due fuochi ad induzione e un tagliere, che nasconde un cassetto porta attrezzi.

Al di sotto del piano di lavoro, invisibile, c’è una rastrelliera in acciaio per agganciare pentole e mestoli. Avete bisogno di una dispensa? Potete utilizzare l’armadio su ruote Outing (che vedete nella foto a sinistra).

Tu quale sceglieresti?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Idee originali per arredare una cucina piccola sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

4 maggio 2019 / / Case e Interni

Una parete vetrata per separare la camera

Per chi non è convinto degli open space, ma desidera comunque non sacrificare la visione ampia degli spazi e la luminosità anche in un piccolo appartamento, la soluzione migliore è quella di realizzare pareti vetrate con porte, per dividere gli ambienti. Come in questo spazio di soli 40 mq.

In questo mini appartamento svedese c’è tutto, ma in forma più piccola. C’è un soggiorno, un angolo cottura, un bagno e una camera da letto. E’ proprio quest’ultima che è stata chiusa da una parete vetrata. Il vantaggio di questa scelta è di evitare soprattutto il rumore e garantire la tranquillità, quando diversi membri della famiglia utilizzano entrambi gli spazi.

Gli ambienti visivamente rimangono uniti e grazie alla trasparenza, la luce si diffonde in tutti gli angoli della casa. Essendo una camera da letto, una tenda, che scorre lungo la partizione vetrata, riesce a garantire un minimo di privacy.

Non è una soluzione economica, sia ben chiaro, ma è sicuramente di grande effetto ed adatta ad appartamenti piccoli e poco luminosi.

La scelta non poteva essere più attuale: sia nei paesi nordici, come nel nostro, la divisione con pareti vetrate è uno dei trend più amati, grazie allo stile loft-industriale, sempre molto popolare.

E tu, sceglieresti delle pareti di vetro per separare la tua camera?

Una parete vetrata per separare la camera

Una parete vetrata per separare la camera
Una parete vetrata per separare la camera

Una parete vetrata per separare la camera

Una parete vetrata per separare la camera

Una parete vetrata per separare la camera

Una parete vetrata per separare la camera

Fonte: blumenthalhoffman.se

Anna e Marco – CASE E INTERNI

5 aprile 2019 / / ChiccaCasa

Questo è un post dedicato a tutti gli orgogliosi proprietari di mini-case, o di case normali dotate di mini-soggiorno.
Arredare un piccolo spazio, spesso significa fare a botte con il metro, cercare per ore mobili di misure non-standard e pensare a lungo a quale sia la migliore disposizione degli arredi, affinché gli spazi siano più liberi da ingombri.
Per fortuna esistono dei trucchi evergreen che ci facilitano la vita. Qui ti svelo qualche tip per far sembrare più grande un piccolo soggiorno.
Come fonte di ispirazione, ho preso un meraviglioso salotto – all’interno di un appartamento proposto dalla super cool agenzia immobiliare svedese Entrance Makleri – il quale, di fatto, non è per niente piccolo (50mq). Ma quando mi ricapitava di trovare un salotto grande con tutte le caratteristiche per ampliare visivamente gli spazi? 
E poi non lo trovi anche tu accogliente ed extra-trendy?
come far sembrare un soggiorno piccolo più grande

Sedute extra basse
Lasciare che la luce transiti indisturbata all’interno della stanza, è senza dubbio uno dei modi migliori per aprire visivamente un ambiente. 
Le sedute complementari al divano, sono ammesse, anche se la stanza è piccola. Meglio però se basse, o visivamente leggere.

far sembrare un salotto più grande

Spazi vuoti
Uno dei principali “segreti” per far sembrare uno spazio più grande è far percepire l’essenza dello stesso spazio. In pratica, permettere a chi osserva di immaginare senza troppi sforzi come sarebbe la stanza, senza niente dentro.
Basta tenere lo spazio leggero, curando gli intervalli tra un arredo e l’altro, e lasciare una o più aree del tutto libere da ingombri.

far sembrare una salotto più grande

Mobili stretti
Le dimensioni, nell’interior design contano eccome! Per le credenze, le madie, le librerie e tutti gli altri mobili da accostare alla parete (come ad esempio la panca in questo salotto) opta per profondità ridotte. In questo modo recupererai qualche centimetro calpestabile in più. Non dovrai per forza ricorrere al “su misura”, perché in commercio ci sono un sacco di proposte di mobili con una profondità inferiore ai 40 cm. 

come far sembrare un soggiorno piccolo più grande
Decorazioni discrete
Less is more è un principio sempre valido nel campo della decorazione dei piccoli interni.
Scegli decorazioni discrete, sia nei toni che nelle dimensioni, ma soprattutto, non sovraccaricare pareti, mensole, nicchie o quant’altro con troppi oggetti addossati. Ricordati che le decorazioni hanno il compito di avvalorare un ambiente, non di sminuirlo.

come far sembrare un soggiorno piccolo più grande


Pareti bianche
When in doubt, go white! Il bianco è sempre la soluzione più semplice per dare profondità ad una stanza. Inoltre, se usi il bianco come tinta di base, oltre che per le pareti, anche per il divano o i tendaggi, tutti i dettagli colorati saranno messi in risalto.

trucchi per arredare un piccolo salotto

Allora, cosa ne pensi di questo salotto?

Sono sicura che questi semplici consigli, ti saranno utili. D’altronde, sono i piccoli accorgimenti a fare grande uno spazio! 

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
4 aprile 2019 / / ArtigianaMente

Una casa di dimensioni ridotte {come la mia} potrebbe inizialmente scoraggiare chi vi abita, per via delle minori possibilità di personalizzazione che sembra offrire. Eppure basta un po’ di astuzia per sfruttare al meglio anche uno spazio in formato ridotto e, per farlo, è sufficiente ricorrere ad alcune pratiche soluzioni. La ristrutturazione è sicuramente una delle strade più consigliate, ma non è l’unica disponibile: è infatti possibile ottimizzare al massimo gli spazi con qualche piccolo ma utilissimo accorgimento.

Ristrutturare: sì o no?

Davanti all’ipotesi di ristrutturare casa sorge sempre qualche scrupolo e ci si domanda se ne varrà davvero la pena. Sebbene gli interventi in casa possano risultare piuttosto impegnativi, c’è da dire che grazie ad alcuni lavori di ristrutturazione mirati si può creare più spazio di quanto si pensi: un esempio lampante è l’aggiunta di un piano soppalcato, così come non è da escludere l’opzione dell’open space. Ovviamente lo scoglio più grande della ristrutturazione è la spesa da sostenere, ma non farti prendere dal panico e informati il più possibile sulle soluzioni migliori in questo senso, scoprendo come trovare un prestito per la casa a tassi vantaggiosi su Prestiti.it, per esempio.

1 Giocare con gli specchi

Una delle soluzioni più semplici e stilose? gli specchi, sono ottimi alleati se si parla di valorizzare un ambiente di piccole dimensioni. Basta posizionarli in posti strategici per dare un’idea di maggiore spazio e profondità in casa, aumentando inoltre la luminosità degli ambienti a costo zero. Osa pure creando un’intera parete a specchi, oppure posizionandoli su un punto focale della stanza. Ultimo consiglio: mai posizionarli per terra o in basso, se non vuoi e creare l’effetto opposto!

piccoli spazi

Immagini 1, 2

2 Sfruttare ogni angolo

Abitare in una casa piccola e non utilizzare alcuni spazi è un paradosso: fatti furbo e cerca  piuttosto di sfruttare ogni angolo in maniera intelligente. Come fare? Affidatevi ad esempio a mobili e complementi d’arredo multifunzione, come le librerie che fanno anche da parete divisoria oppure i tavolini e letti sotto i quali è possibile riporre libri e riviste.

 

Immagini 1, 2

3 No ingombro: soluzioni smart

Sempre nell’ottica di fare economia di spazio, evita tutto ciò che finisce per occuparlo in maniera superflua. Preferisci ad esempio i pouf alle classiche poltrone che rischiano anche di essere sproporzionate rispetto alla dimensione del soggiorno e opta per porte scorrevoli: non danno ingombro, sono super pratiche e risultano anche chic!
Scegli mobili sospesi, mensole e pensili sono di grande aiuto, non occupano superficie e offrono leggerezza visiva se non troppo profonde.

4 I colori

Hai mai pensato alla possibilità di puntare tutto sui colori per dare l’impressione di uno spazio più ampio? Se hai intenzione di intervenire con lavori di ristrutturazione, prendi in considerazione l’idea di giocare con i contrasti dei colori del pavimento (con il parquet ad esempio, ma anche con delle maioliche particolari o con i tappeti) tra due o più ambienti: li aiuterà a differenziarli, dando l’illusione di maggiore spazio.
Pavimenti a parte, i colori in generale sono di grande aiuto in questa missione: sii furba quindi nella scelta dei colori degli arredi e cerca di puntare sui contrasti e  sul richiamo di alcune tonalità per delimitare e differenziare in maniera particolare i vari ambienti della casa.

Immagini 1 e 2

The post 4 soluzioni smart per valorizzare una casa piccola appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

23 marzo 2019 / / Architettura

Ispirazioni e consigli per il bilocale
E’ possibile rendere un bilocale più ampio e luminoso? Certo con tre metodi collaudati ed infallibili: aprire gli spazi, usare grandi porte scorrevoli e superfici riflettenti. Sfrutta al massimo il tuo spazio con le idee da copiare di questo piccolo appartamento!

I piccoli appartamenti hanno i loro lati positivi: costano meno, spesso sono più facili da trovare in centro città e con la giusta progettazione d’interni, si dimostrano quasi sempre dei “nidi” accoglienti. Il lato negativo è, ovviamente, il poco spazio a disposizione e la difficoltà nelle scelte di arredo.

L’appartamento di oggi, di soli 55 mq, presenta tutti i vantaggi di un piccolo appartamento: si trova in uno dei quartieri alla moda di Barcellona ed è stato ristrutturato ed arredato, in modo da sfruttare al massimo i pochi metri quadrati disponibili.

La progettazione degli spazi, ha dovuto superare le difficoltà poste dalla difficile distribuzione originaria dell’appartamento. Si è deciso quindi di partire da zero e suddividere la casa in due zone abitative facilmente collegabili tra di loro, grazie ad una porta scorrevole a tutta altezza.

Nella prima zona si è riunito nello stesso spazio cucina-pranzo e soggiorno, rispettando i limiti di ognuno. I rivestimenti hanno svolto un ruolo chiave qui: i diversi materiali nei soffitti e sui pavimenti aiutano a separare gli ambienti. Così, la cucina ha un soffitto in legno (che copre anche gli impianti tecnici) e un pavimento a disegni geometrici, mentre nel soggiorno sono stati realizzati rivestimenti in cemento a soffitto e pavimento in rovere.

Ottima la scelta del disegno geometrico in bianco, nero e grigio scelto per le piastrelle che, come un tappeto, copre la cucina e la zona pranzo. Le stesse piastrelle sono state scelte per il pavimento del bagno.

L’unica camera da letto e il bagno si trovano nella seconda zona, quella privata. Il bagno stesso aiuta a separare la zona notte da quella giorno, anche quando la grande porta scorrevole rimarrà aperta, per godere della luce di tutte le finestre.

In un appartamento così piccolo, l’arredamento deve essere semplice e funzionale. Lo stile qui è un mix molto sobrio di varie tendenze del momento: il tavolo rotondo e le sedie Eames danno un tocco nordico-scandinavo, il divano con i cuscini romantici e lo specchio strizzano l’occhio allo stile provenzale, le scaffalature e le lampade virano verso lo stile industriale. Non occorre spendere molto per avere un insieme armonioso: molti degli arredi sono di Maisons du Monde e Ikea.

Ed a proposito di specchio, questo, che ricorda una finestra, ingrandisce visivamente lo spazio e riflette la luce che entra dalle porte-finestre.

Anche i colori hanno giocato un grande ruolo. Utilizzare toni bianchi e beige come base della decorazione d’interni va bene, se si desidera creare atmosfere rilassanti, ma si può cadere nella monotonia cromatica. Ecco perchè in un piccolo appartamento è importante aggiungere un accento di colore. Qui tessuti e complementi aggiungono una nota di colore essenziale, in un delicato verde acqua, che trasmette freschezza.

Sia che tu ti stia trasferendo in un nuovo appartamento o semplicemente tu abbia voglia di risistemare il tuo, segui alcuni suggerimenti per la progettazione d’interni di un piccolo appartamento.

Da questo piccolo appartamento possiamo trarre alcuni consigli:

  • Scegli la tua combinazione di colori – Per decorare un piccolo appartamento, in particolare uno con un soggiorno open space che deve ospitare una piccola sala da pranzo, è prudente attenersi ad un massimo di due/tre colori principali. Questo, tuttavia, non significa che il tuo arredamento debba essere noioso! Gioca con le tonalità tono su tono e le texture differenti.
  • E’ tempo di “riflettere” – Vale la pena investire in un grande specchio o in pareti divisorie vetrate. Questo è un trucco vecchio ma sempre utile. Oltre a creare l’illusione di uno spazio più dilatato, gli specchi riflettono anche la luce naturale e artificiale, rendendo la stanza più luminosa. Gli specchi sono anche decorativi di per sè, se giochi con la finitura della cornice, ad esempio. Le pareti vetrate, come abbiamo visto più volte, aiutano a separare senza dividere visivamente, dilatando gli spazi e aumentando la luminosità. Per cui, se hai una casa che è suddivisa in molte piccole stanze, la sostituzione delle porte e porzioni di pareti con alternative trasparenti può immediatamente aprire lo spazio.
  • Porte scorrevoli di grandi dimensioni – Pareti divisorie scorrevoli stanno diventando sempre più popolari per la loro versatilità. A seconda di dove e come vengono utilizzate, possono schermare o unire gli ambienti. Qualunque sia lo stile, un’ampia porta scorrevole invia un chiaro messaggio: che l’area che sta dietro è privata. È un pezzo di arredamento ideale per piccoli appartamenti e aree open space, poiché sono facili da aprire/chiudere in base alle tue esigenze. Una mancanza di definizione dello spazio, anche in un appartamento di piccole dimensioni, può portare al disordine. Fai del tuo meglio per definire aree separate e dare a ciascuna area uno scopo specifico.
  • Decorare senza sovraccaricare – Metti in pratica la massima “less is more” se la tua casa è piccola. Vesti le pareti e le mensole con cura, con elementi e quadri ben scelti, senza eccedere. Non troppo monotono, non troppo ingombro. Non c’è niente di più opprimente e poco accogliente di un piccolo spazio pieno zeppo di mobili e complementi. Liberarsi degli oggetti che non servono più è una delle parti più difficili, ma più importante, nel percorso di ottimizzazione della vita in spazi ristretti. Le persone tendono a conservare le cose per ragioni irrazionali, basate sulle emozioni, che sono alla base della maggior parte del disordine domestico, soprattutto in uno spazio piccolo. Se non ti serve, liberatene!
  • Trova il giusto equilibrio – Se stiamo parlando di un monolocale o di un piccolo bilocale, usa gli stessi colori, trame e motivi su tutti gli ambienti, allo scopo di creare un senso di armonia.

Dai un’occhiata a tutti gli ambienti!

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Ispirazioni e consigli per il bilocale

Fonte: www.micasarevista.com
Progetto: Nice Home Barcelona

Anna e Marco – CASE E INTERNI

29 gennaio 2019 / / Idee

Quando lo spazio è poco tutto concorre a dividere gli ambienti in modo intelligente. Avete mai pensato ai mobili come elementi divisori?


Avete una stanza sola per mille usi diversi, quando la vivete tutto si confonde e vi viene mal di testa. Fare divisioni fisiche con pareti è impensabile sia per i costi che per lo spazio.

Ci sono dei piccoli trucchi che possono venire in vostro aiuto e che vi possono permettere di separare le zone d’uso senza dividere e senza togliere luce.

Vediamone qualcuno.

I MOBILI COME ELEMENTI DIVISORI: UN NUOVO PUNTO DI VISTA

I mobili li vediamo sempre come elementi si funzionali, ma che devono prima di tutto piacerci. Vi sarà capitato di sceglierli perché vi piacevano un sacco ma non c’entravano davvero con la vostra stanza. Vero?

Eppure prima dell’aspetto estetico, ci sono molti altri fattori da considerare: innanzitutto la qualità che cercate e quindi la durevolezza dei vostri mobili. E’ ovvio che meno spendete e meno dureranno. Poi la misura: se la stanza è piccola, allora anche i mobili lo dovranno essere. Non c’è cosa peggiore di un arredo fuori scala per far sembrare lo spazio più piccolo o più grande di quello che è.

mobili come elemento divisorio

Una volta che avete gli elementi base per le vostre stanze, potete pensare a come usarli per separare le funzioni in ambienti unici. Se ad esempio vivete in un monolocale e il divano letto vi deprime, va bene il letto matrimoniale. Potete separarlo con delle tende pesanti bianche, ecrù o grigio chiaro, sul quale magari applicare delle tasche porta oggetti. Con i binari a soffitto il gioco è fatto.

Oppure usate delle librerie senza fondo: sono dei perfetti separatori, che lasceranno filtrare la luce.

Esiste anche la possibilità (un po’ più dispendiosa) dell’armadio autoportante. Dividerà in modo più netto, soprattutto nel caso di una camera. Il retro potete rivestirlo con della carta da parati, per mimetizzare e far sembrare l’armadio un pannello decorativo.

mobili come elemento divisorio

Se invece volete dare una divisione a sala pranzo e soggiorno potete usare dei mobili bassi che separano senza interrompere la visuale. Se a questi mobili ci aggiungete delle rotelle, potrete spostarli dove volete, in base alle esigenze.

Non c’è spazio per delle poltrone oltre al divano? Usate due sedie: avrete definito la zona soggiorno con poco sforzo.

L’articolo Usare i mobili come elementi divisori nei piccoli spazi sembra essere il primo su VHD.