7 Febbraio 2019 / / Architettura

Fap ceramiche presenta Nest, la collezione per pavimenti che coniuga il fascino del legno con la tecnologia del gres porcellanato, per una seduzione immediata dalla naturale contemporaneità.

Nest, che trae la propria ispirazione dalle suggestioni uniche della natura, esplora con la sua palette cromatica calibrata le calde e accoglienti sfumature del legno con 5 essenze matt: Natural, Oak, Maple e Brown a cui si aggiunge la scenografica Silver, nuance ricca di personalità che avvolge gli ambienti ed esalta le superfici.

La collezione gioca con due formati: 20×120 Doga e il nuovo formato 7,5×45 Chevron, tradizionale e contemporaneo. L’eleganza del pavimento risulta spontanea e delicata anche grazie alla carica seduttiva derivante da tre soluzioni di Mosaico: Tratti, formato da fini listelli che disegnano ambienti esclusivi dal gusto industrial; Slash che interpreta la visione contemporanea del design d’interni attraverso l’accostamento di frammenti apparentemente irregolari di piccole tessere e Cube che con la sua forma esagonale crea prospettive inaspettate.

Nell’immagine, pavimento realizzato con la collezione Nest di Fap ceramiche in essenza Oak, nel formato Doga 20×120 cm. A parete i riflessi del Carrara della collezione Roma Diamond e l’effetto wallpaper delle piastrelle in pasta bianca di Milano&Wall, nel colore Moka

Nell’immagine, vista dall’alto dell’ambiente living con la collezione Nest di Fap ceramiche in essenza Natural, nel formato Chevron 7,5×45 cm.

Ideale per la progettazione di spazi dall’ambito residenziale a quello commerciale, fino all’hospitality, Nest è disponibile in due finiture di superficie: una morbida struttura per interno e la versione Out, in finitura R11, per l’uso in esterno. Completano la collezione, i pezzi speciali come battiscopa e scalini, ideali per rifinire gli ambienti in ogni dettaglio.

Nell’immagine, lussuosa reception interamente rivestita dalle collezioni di Fap ceramiche. A pavimento la collezione Nest in essenza Silver – nel formato 20×120 cm – ripresa anche a parete insieme alla texture Deco Black della collezione Pat – nel formato 30,5×91,5 cm. Il bancone della reception è realizzato con il materico ed elegante Roma Diamond Statuario.

Nell’immagine, accogliente spazio esterno rivestito con la collezione Nest di Fap ceramiche. La finitura OUT è stata utilizzata in essenza Oak nel formato 20×120 cm.

Nest conferma la capacità di Fap ceramiche di proporre al mercato soluzioni uniche Made in Italy che combinano eccellenti qualità estetiche e straordinarie prestazioni tecniche. Da sempre, infatti, la mission dell’Azienda è quella di offrire prodotti in grado di esprimere e proiettare sulla casa la personalità di chi vi abita, innovando con un equilibrato mix di tradizione e modernità, qualità tecnica e apporto creativo.

Nell’immagine, sofisticata sala da ristorante con l’originale accostamento delle collezioni Nest e Pat Deco Black di Fap ceramiche. A pavimento è stato utilizzato il formato Doga 20×120 cm mentre a parete si alternano Doga 20×120 e Chevron 7,5×45 cm, entrambe in essenza Maple.

Nell’immagine, vista dall’alto della sofisticata sala da ristorante con pavimento rivestito con la collezione Nest di Fap ceramiche in essenza Maple, formato Doga 20×120 cm. A parete è stato utilizzato il formato Chevron 7,5×45 cm, sempre in essenza Maple.

Nest: un progetto dal carattere inconfondibile.

www.fapceramiche.com

L’articolo Avvolgente effetto cocooning per Nest, la collezione effetto legno di Fap ceramiche proviene da Dettagli Home Decor.

7 Febbraio 2019 / / ArtigianaMente

Questo post è ispirato alle chiacchiere con un’amica che intende ristrutturare il suo appartamento. A lei piacciono molto le cucine nere e io condivido questa sua idea. Finora abbiamo visto un sacco di cucine bianche e luminose in giro, ma per quanto riguarda il lato oscuro? amo una cucina buia e di carattere, nonostante pensi di non essere ancora capace di optare per uno spazio totalmente nero. Però guarda, quanto sono sofisticate e belle queste cucine?! Al momento tutto ciò che potrei fare è ammirarle o prendere un barattolo di vernice per colorare una parete o forse potrei creare tocchi neri con delle bellezze come quelle delle piastrelle Clé . Oppure potrei provare volentieri con delle stoviglie nere {sono fantastiche, ci penso da tempo e in effetti avevo scritto un post}, degli elettrodomestici da cucina o il frigorifero di Smeg!

Ci sono molti modi per affrontare una cucina nera {ultima tendenza}.

Ecco i miei consigli:

1. Se hai una cucina a vista sul soggiorno, come nel caso della mia amica, e vuoi creare un ambiente unico in cui la funzione cucina non sia separata dal resto, i mobili di colore scuro sono una scelta perfetta ed elegante. La cucina tende a mimetizzarsi con la parte attrezzata.

2. La cucina nera si abbina perfettamente a pavimenti speciali, come quelli in cementine antiche che di solito hanno colori scuri {bordeaux, a scacchi neri e bianchi}.

3. Il colore nero dà un tocco raffinato a un ambiente rustico.

4. Se ami lo stile nordico, il nero – abbinato al bianco e al legno chiaro – è immancabile.

5. Se hai una casa con cucina a semi-vista, per esempio divisa dal soggiorno da una parete vetrata, la cucina nera è elegante e crea giochi di visuale interessanti.

6. Una cucina nera con elementi in legno nocciola è l’ultima tendenza del design: è una soluzione che adoro perché il color nocciola riscalda molto il nero creando un ambiente accogliente e confortevole.

7. Se non te la senti di optare per un total black giocatela con gli utensili da cucina, gli elettrodomestici, le cementine come accennavo all’inizio del post.

Di seguito potrai trovare una carrellata di immagini da cui farti ispirare.

1. NERO CON TOCCHI INDUSTRIALI O RUSTICI

2. NERO RUSTICO

3. NERO SU BIANCO

4. NERO, BIANCO E LEGNO

5. NERO E VETRO

6. TOCCHI DI NERO

Tutte le immagini sono salvate nella mia bacheca “Cucine nere” di Pinterest: ne troverai altre ancora e potrai anche risalire alla fonte da cui sono state copiate.

Non posso terminare il post senza la domanda fatale: sei pronto per la cucina nera?

The post Cucina nera: come e perché appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

7 Febbraio 2019 / / Architettura

Veniamo al lato pratico della mia professione: come arredare un soggiorno rettangolare o quadrato. Come disporre i mobili? Come separare le zone d’uso?


Quando avete dovuto arredare il vostro soggiorno, da cosa siete partiti? Dalle dimensioni della stanza, dalle funzioni d’uso che prevedevate di dare alla stanza? O semplicemente dal sentimento della giornata?

Immagino sia stata l’ultima opzione, per cui nessuna meraviglia se ogni sei mesi vi trovate a spostare mobili nella speranza di trovare la quadratura del cerchio.

Diciamo che il progetto d’interni di una stanza all’inizio è molto “ingegneristico”: bisogna prendere le misure della stanza, capire cosa andremo a farci e chi lo farà. L’esposizione della luce e i nostri particolari bisogni. Solo dopo questa analisi si può veramente passare alla fase d’attacco.

Voglio darvi una mano facendovi vedere le due forme più comuni di soggiorno: quadrato e rettangolare. Ci troverete dei principi base che sono validi per qualsiasi tipi di soggiorno.

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato: la prima ipotesi

Prima di tutto una nota. Io ho considerato un soggiorno che ingloba la sala da pranzo, anche perché ormai le due stanze non esistono più in modo indipendente. Anzi, avrei dovuto considerarlo unito alla cucina, ma per semplicità progettuale ho voluto tenere le due parti separate.

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato

Questo soggiorno misura sei metri per quattro, quindi di tutto rispetto. Come vedete la stanza si divide principalmente in due aree: conversazione e pranzo. La zona pranzo è ovviamente disposta vicino alla cucina, per praticità funzionale.

Per la parete Tv e libreria si è sfruttata la parete lunga, di modo da avere quanto più spazio contenitivo possibile. L’ingombro della libreria è ridotto al minimo, per non disturbare il corridoio di passaggio verso la zona notte. In linea di massima il mobile Tv non dovrebbe stare di fronte alle finestre, per evitare riflessi e riverberi. In questo caso non utilizzando la parete lunga si sarebbe sprecato tantissimo spazio, utile per tenere lo spazio in ordine.

Un grande divano modulare è protagonista della stanza. Il bello è che si può liberamente configurare in base alle esigenze. I tappeti aiutano a definire le aree. Mi raccomando le dimensioni: devono essere grandi abbastanza da inglobare del tutto (o quasi) gli arredi soprastanti.

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato: la seconda ipotesi

Il soggiorno quadrato è davvero molto comune e di solito manda anche facilmente in panico, perché finestre e porte spezzano le pareti. Soprattutto in ambienti piccoli può diventare difficile capire che tipi di arredi scegliere.

Teneteli staccati dalle pareti per far sembrare la stanza più grande e privilegiate i piccoli pezzi d’arredo da comporre a piacere. In questo modo riuscirete a sfruttare tutti i centimentri.

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato

In questo caso la parte destra della stanza è dedicata alla zona conversazione e tv. La Tv avrebbe potuto essere anche tra le due finestre: in questo modo però lo spazio sarebbe risultato sacrificato, potendo inserire solo un divano e una piccola poltrona (oltre alla brevissima distanza tra seduta ed elettrodomestico). In questo modo invece è possibile inserire elementi grandi ed accoglienti.

Non la solita parete precomposta per la Tv, ma un mobile basso e mensole libere per sfruttare al meglio la parete.

La zona pranzo è vicina alla cucina e c’è ancora spazio per inserire una credenza bassa utile per riporre piatti, bicchieri e biancheria della casa.

Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato

L’articolo Arredare un soggiorno rettangolare o quadrato: qualche idea sembra essere il primo su VHD.

7 Febbraio 2019 / / ChiccaCasa



Ci sono correnti e trend che rubano il cuore e che fanno sperare che non passino mai di moda. Non perché se non è di moda non è bello (disdegno del tutto questo concetto), ma perché quando qualcosa è di tendenza, è più facile da trovare ed in più, è più facile scoprire le millemila ispirazioni a tema.


Due dei trend riemersi dal passato ultimamente, hanno reso felici un sacco di vintage lovers. Sto parlando di paglia di Vienna e canne, fibre naturali che, intrecciate, creano motivi regolari e geometrici. 

Sono tornati sulla cresta dell’onda da più di due anni ormai. Inizialmente, la loro diffusione è stata incoraggiata dalla collezione IKEA Stockholm 2017 (madre della panca qui in basso e dalla ambita ed introvabile credenza, entrambi attualmente non acquistabili in Italia) e dalla corrente natural che già dal 2015 aveva preso piede nel mondo dell’interior design.

Per fortuna non è stata solo una ventata passeggera!
Molte aziende hanno fatto dei mobili cannage i loro capolavori.

La combo vincente li vede insieme a strutture curvilinee di legno. Sarà merito delle sedie Thonet?
A guardare la paglia di Vienna, la prima cosa che mi viene in mente, per associazione, è proprio la sedia Thonet: il primo arredo ad essere stato realizzati in legno curvato. 
Le sedie ideate nel 1861 ed ora rappresentate dal marchio Ton, si sono presto tramutate in vere e proprie icone di design grazie all’abbinamento ben riuscito della struttura sinuosa e sottile con la seduta in paglia di Vienna.

Il connubio tra figure circolari, ovali o curve con la texture disciplinata del cannage rivela un design essenziale e retrò, visivamente leggero e, nel complesso, molto raffinato.

Ecco una selezione dei pezzi più interessanti presenti sul mercato e, alla fine del post, una gallery dalla quale puoi acquistare i tuoi mobili direttamente con un click!


http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
7 Febbraio 2019 / / Blog Arredamento

Per arredare nel modo giusto la tua casa non hai necessariamente bisogno di un professionista, ti basterà avere chiari alcuni punti e qualche regola d’oro per evitare errori comuni.
Il punto di partenza sono gli spazi, è in base a questi che dovrai scegliere i colori delle pareti, i mobili e tutto ciò che acquisterai (o realizzerai) per trasformare la tua casa donandole personalità e carattere.
Passiamo però ora a quelli che sono gli errori che dovrai evitare se desideri scegliere gli arredi giusti per la tua casa.
Creare ambienti monocromatici. Uno spazio total white o total black renderà l’atmosfera in un caso asettica e nell’altro pesante. Dovrai cercare di scegliere pezzi di design che abbiano carattere ma che non siano dello stesso colore, il consiglio è optare per il tradizionale tono su tono che fa sempre il suo bell’effetto.
Scegliere gli arredi con distrazione. Dovrai scegliere i singoli elementi, che siano mobili o complementi di arredo più piccoli, con estrema cura, senza fretta, pensando a quelli che sono i tuoi gusti ma anche lo stile della casa. Questo perché un elemento che stona con il resto dell’arredamento rischia di rendere poco accogliente l’intera casa.
Utilizzare colori diversi in una stanza. Ogni stanza ha un’anima, per questo è indispensabile che racconti qualcosa di sé e delle persone che la abitano. Per farlo dovrai scegliere colori che si addicano perfettamente gli uni con gli altri, che creino un equilibrio cromatico e che rendano l’ambiente elegante e ricco di stile. Più semplicemente dovrai scegliere una palette di colori invece di tinte diverse che rischierebbero di non risultare piacevoli insieme. Se lo farai per tutta la casa o soltanto per una stanza, sarai tu a sceglierlo.

La scelta degli arredi

Scegliere gli arredi della tua casa non è così semplice. La scelta infatti dipende da molti fattori come lo spazio, i colori, lo stile del resto dell’arredamento.
Prima ancora dei complementi di arredo è necessario capire a chi affidarsi. È importante rivolgersi a professionisti del settore come Barzotti che con i suoi 40 anni di esperienza propone prodotti di qualità che si fondono perfettamente con le esigenze dei clienti e degli ambienti.
Lo shopping online è diventata ormai una consuetudine per comodità e per convenienza, per questo sono sempre di più quelli che la scelgono come modalità di acquisto. Barzotti offre ai suoi clienti la possibilità di scegliere i suoi migliori prodotti (pavimenti e rivestimenti, arredo bagno, cucine, termoarredo, stufe, wellness, camini, arredo da esterno e da giardino) direttamente online sul sito ufficiale, così come nel suo showroom in provincia di Teramo.
Una volta ben chiaro a chi affidarsi è necessario scegliere gli arredi in base allo stile del resto dell’arredamento, perché una scelta sbagliata può portare a una sbagliata immagine degli spazi. Questo principio vale sia per i modelli che per le nuance dei mobili e di tutti gli altri elementi che decidi di
acquistare per la tua casa.

Qualche segreto sull’arredamento

Se hai deciso di arredare la tua casa ti farà comodo sapere qualche segreto per raggiungere risultati perfetti, proprio come desideri.
Uno di questi è legato alla scelta dei quadri. Fai attenzione all’altezza a cui si appendono. La regola sarebbe quella di appenderli a 160 cm da terra, assemblandoli per dimensione e colore, magari se fosse possibile sarebbe meglio scegliere una sola parete. Questo vale per i quadri, ma anche per le foto.
L’illuminazione ha la sua importanza. È necessario che tu sappia che la luce cambia profondamente la percezione della casa, per questo dovrai pensare all’inizio dei lavori alla disposizione delle luci, quindi punti luce, plafoniere e lampade.

7 Febbraio 2019 / / Decor

C’é chi dice che il minimalismo è superato; io penso invece che attualmente nell’ambito dell’arredamento e della decorazione ci sia una maggiore libertà (finalmente!), una maggior voglia di uscire dai rigidi schemi e di sentirsi liberi di seguire lo stile che più ci è congeniale.

Certo se qualche anno fa ci avessero detto che sarebbe tornato di moda un elemento squisitamente decorativo e retrò come le frange -e le passamanerie in genere- forse non ci avremmo creduto.

Ma è proprio così, alle ultime fiere, come Maison & Object a Parigi, si sono viste frange ovunque.
Frange per poltrone, pouf, divani, ma anche per lampade, cuscini e perfino specchi, in tinta ma anche a contrasto. Alcuni esempi? Guardate immagini qui sotto. (foto da Pinterest)

Fringes!!!

There are those who say that minimalism is overcome; I think instead that currently in the field of furniture and decoration there is greater freedom (finally!), a greater desire to get out of rigid patterns and feel free to follow the style that is most congenial to us.

Of course if a few years ago they had told us that an exquisitely decorative and retro element like the fringes – and the trimmings in general – would have come back into fashion – maybe we would not have believed it.

But that’s right, at the last fairs, like Maison & Object in Paris, fringes were seen everywhere.

Fringes for armchairs, poufs, sofas, but also for lamps, cushions and even mirrors, in the same color but also in contrast. Some examples? See images below. (photo from Pinterest)

7 Febbraio 2019 / / Interiors

Chi ama l’home decor sogna sempre di poter ricreare in casa propria un’atmosfera che fonda perfettamente un mix di stili come quello scandinavo, shabby chic ,industriale , moderno e brocante.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0789

Essendo una cosa al quanto complicata è facile cadere in una cozzaglia di accostamenti stonati.

Per questo quando mi sono imbattuta in questo reportage , dove questo mix risulta praticamente perfetto, me lo sono divorato.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0520

Innanzitutto la particolarità di questo appartamento  è che si trova in centro di Parigi, ma una volta che vi si è entrati, sembra di essere in una stupenda casa di campagna.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0678

 

E’ la casa di  Zoe Las Cases, una graphic designer professionista; i suoi libri da colorare per adulti sono dei veri best seller.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0982

 

Un appartamento di 75 mq all’ultimo piano, affacciato sui famosi tetti di Parigi, super luminoso.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0652

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0623

Per far risaltare ancora di più la luce è stato scelto come pavimento uno splendido parquet bianco, rifacendosi allo stile scandinavo.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0218

Il brocante fa la sua comparsa nei dettagli e in alcuni pezzi di arredamento, come lo splendido tavolo da cucina,realizzato con un banco da lavoro.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0273

Lo stile scandinavo si rivede nella piccola postazione ” ufficio” e nei bagni.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0932

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0914

6visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0224

 

Bellissima la cucina Ikea ridipinta e trasformata, per richiamare un’ atmosfera più agreste e allo stesso tempo più moderna con il bellissimo piano di marmo e gli elettrodomestici “vintage”.

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0698

1visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0514 (1)

Nelle camere da letto si evidenzia maggiormente uno stile scandinavo associato a quello industriale, attraverso la bellissima vetrata che divide il bagno dalla camera.

3visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0636

4visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases-0292

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0642

E’ veramente una “chicca” questo meraviglioso appartamento, tutta da copiare e da lasciare che diventi fonte di ispirazione.

2visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0612 (1)

visite-appartement-paris-campagne-chic-zoe-de-las-cases0620


immagini tratte da Hello-Hello
6 Febbraio 2019 / / Decor

Parigi è sempre Parigi e Maison & Object è sempre Maison Object.

Tastare il polso delle nuove tendenze di  Design e Decòr in questa splendida cornice è sicuramente il modo migliore di iniziare l’anno lavorativo. Dopo aver fatto il pieno di tanta bellezza, si torna a casa cariche di entusiasmo e di idee ( e anche di brochure, cataloghi e foto…) e non si vede l’ora di iniziare i nuovi progetti.

Ci abbiamo messo qualche giorno a filtrare e riordinare tutto il materiale raccolto ma anche a dare un filone logico a quello che abbiamo visto, per raccontarvelo in maniera compiuta. Abbiamo selezionato una serie di colpi di fulmine che, un po’ sono delle vere e proprie tendenze che si rincorrevano attraverso i vari stand e un po’ sono singoli marchi che ci hanno ispirato per linee e qualità dei materiali.

 

LE TENDENZE

In generale la tendenza è verso forme morbide e rassicuranti,  il leit motiv che si poteva leggere tra i vari stand era fatto di linee curve, velluto, colore, dettagli metallici in oro o ottone,  richiami più o meno accennati all’Art Déco o agli anni ’60.

I colori di tendenza che hanno dominato il salone sono senza dubbio tre: terracotta abbinato all’azzurro e al rosa. La tavolozza completa di questi abbinamenti la trovate riassunta nella creazione di Patricia Urquiola per CC Tapis, nella seconda foto.

Gli stessi colori li abbiamo ritrovati nello stand  di SKLO e di Alki (foto 2 e 4), nei dettagli degli arredi di Objecto (foto 5) e nei mobili e complementi per bambini di Gambettes (foto 6). Per l’Outdoor, Pedrali propone, per la sedia Tribeca, le stesse tonalità (foto 7).

 

maison & object eno studio

 

SKLO vasi colorati

 

 

mobili in legno chiaro

 

objecto

 

mobili per bambini gambettes

 

pedrali sedie

 

Con grande piacere abbiamo potuto constatare una grande attenzione verso i materiali e le metodologie produttive. Sostenibilità  era una parola ricorrente e speriamo che questa non sia una tendenza ma una nuova filosofia di intendere il mondo dell’abitare e non solo.

Le Pet Lamp di Alvaro Catalan de Ocon ne sono un esempio. Sono state pensate nel 2011, per riutilizzate le bottiglie in PET che hanno la grande contraddizione di un brevissimo tempo di utilizzo contro un tempo lunghissimo di decomposizione. Il progetto prevede di far incontrare questo materiale di scarto con le tradizionali tecniche di impagliatura e con la produzione industriale di apparecchi illuminanti. Avviato in Colombia questo progetto è poi stato portato in Cile,Etiopia e Giappone dove, le differenti tecniche artigianali di intreccio hanno dato vita a creazioni che rispecchiano le antiche tradizioni locali, pur partendo da un materiale di scarto.

 

Alvaro Catalan de Ocon

 

Anche le creazioni di Ay Illuminate uniscono l’ispirazione dei designers con le tradizioni locali di artigiani Africani ed Asiatici.

 

illuminazione artigianale ay illuminate

 

Ay illuminate

 

Riguardando le foto una volta rientrate da Parigi ci siamo accorte che moltissime erano dedicate agli stand di illuminazione.

Tantissimi gli spunti di ispirazione. La luce è una grande protagonista in ogni progetto di arredo e le proposte dei brand presenti a M&O erano tutte assolutamente d’effetto. Ci sono piaciute molto le lampade in ceramica di Myriam Ait Amar, e le luci con richiami all’Oriente presentate da Forestier e da Market Set.

 

Myriam Ait Amar

 

 

forestier illuminazione

 

forestier illuminazione

 

illuminazione market set

 

Ancora oriente nello stand di Moheim che ha presentato una serie di prodotti di quel raffinato minimalismo tipico dei giapponesi.

 

complementi di arredo moheim made in japan

 

moheim

 

 

Un post a parte meriterebbero i mobili e gli accessori per l’infanzia: materiali naturali, colori  sofisticati, come da Muskhane e fantasie coordinate come da Lorena Canal dove i tappeti sono stati pensati e realizzati per poter essere lavati in lavatrice. Le nuove collezioni hanno fantasie dedicate agli english gardens, fiori di cotone e all’animale simbolo di quest’anno, dopo i tucani e i fenicotteri, ecco a voi… l’ aragosta!  Eccola nella versione di Lorena Canals, in quella tricottata a mano di Anne Claire Petit e nella stampa sulla sediolina di Rice.

 

Muskhane arredamento bambini

 

tappeti lorena canals

 

tappeti lorena canals

 

 

 

 

Questa è solo una piccola selezione di quello che abbiamo visto.Alcuni Brand che ci hanno colpito ci piacerebbe raccontarli singolarmente, con dei post dedicati. Alcuni li conoscevamo già ma altrii sono stati delle vere e proprie scoperte. Il bello delle fiere e delle manifestazioni del Design è proprio questo: poter scoprire nuovi prodotti e i loro progettisti, nuovi materiali e i loro utilizzi. Si torna a casa con gambe e schiena doloranti ma anche con tantissime idee.

A breve faremo un breve resoconto dei brand che ci hanno colpito di più, tra M&o Parigi e Homi Milano.

Enjoy Your Home!

 

Qui trovate i link diretti ai marchi fotografati.

Foto 1.Enostudio –  Foto 2. SKLO – Foto 3 CCTapis  –  Foto 4 Alki –   Foto 5. Objekto  –  Foto 6 Les Gambettes. – Foto 7. PedraliFoto 8. Pet Lamp

Foto 9 e 10. Ay Illuminate  –   Foto 11. Myriam Ait Amar Foto 12, 13 e 14. Forestier LightFoto 15. Sospensioni Market set

Foto 16 e 17 Moheim.  –  Foto 18. Muskhane –  Foto 19, 20e 21. Lorena Canals  –  Foto 22. Anne Claire Petit  –  Foto 23. Rice

L’articolo Paris Maison & Object: tendenze e colpi di fulmine proviene da Home Refreshing.