28 Febbraio 2019 / / Idee

Alcuni giorni fa parlavo con un’amica e mi raccontava del suo desiderio di rinnovare la casa, renderla più appariscente  e con quel tocco in più da conferirle uno stile più “lussuoso”, senza però cambiare mobili.

Ho preso spunto da questo discorso per scrivere questo post perché penso sia un argomento che può essere utile a diversi target, sia a persone come la mia amica che hanno il desiderio di vedere accessoriata la propria casa al punto da conferirle un nuovo look, sia a persone che hanno una casa in affitto e vogliono impreziosirla senza fare lavori in una casa che non è la propria.
Seguendo gli accorgimenti che ti elenco sotto, otterrai il risultato di una casa che ti apparirà “arredata”, curata e gradevole da vedere.
1. Le tende.
Loro fanno la differenza. Le ho inserite come prima voce perché sono quelle più dispendiose e laboriose, ma è anche vero che puoi optare per tende molto semplici, che richiedono solo la realizzazione di un orlo e l’arricciatura per appenderle. Se non vuoi investire molti soldi nell’acquisto del tessuto, opta per delle semplici tende a tinta unita in cotone o, ancor meglio, in lino. Sarà una scelta neutra, che sta bene con tutto e non ti stuferanno. E non richiedono nemmeno tanta manutenzione.
L’accorgimento che devi seguire per impreziosire la stanza è quello di appenderle dal soffitto fino a toccare il pavimento. Questo farà sembrare la finestra molto più grande e di conseguenza saranno molto più scenografiche rispetto a tende piccole e striminzite che non valorizzano né la finestra e ancor meno la stanza.
2. I cuscini.
Anche questo è un argomento che ho già trattato e lo puoi rileggere qua.
I cuscini sono tra gli elementi più economici che puoi acquistare in casa, basta solo saperli scegliere e combinare tra  loro.
Ricordati di usare sempre dei colori che si abbinino alla stanza e di usare materiali preziosi come la pelliccia sintetica, il velluto e fantasie interessanti.
A proposito delle fantasie da scegliere, ti do un piccolo consiglio:
mischia  le diverse texture e pattern tra di loro, o vai ad occhio scegliendo l’abbinamento più gradevole o armonioso, oppure scegli un motivo fantasia, come un floreale, e abbinalo con uno geometrico e con una  tinta unita oppure con un motivo molto piccolo. In un attimo il tuo divano acquisterà un altro aspetto.
Un altro accorgimento che ti potrebbe essere utile è quello di disporre un telo alla base, sui cuscini della seduta del divano.
A casa mia sono stata costretta a mettere una coperta scozzese perché il cane quando è a casa da solo sale sui divani, e questi sono bianchi… immagina cosa mi combina! E con la coperta sulla base del divano non solo l’ho protetto ma ho anche visto che ha dato un tocco di colore alla stanza.
3. Le piante.
Non mi stancherò mai di ricordarti di mettere piante in case, belle e coreografiche da attirare l’attenzione. Danno colore alla casa e la rendono più calorosa.
4. I fiori recisi.
Sto prendendo l’abitudine di acquistare dei mazzi di fiori una volta alla settimana. Alcune volte ho la fortuna di poterli raccogliere, altre invece li devo acquistare. Anche in questo caso non pensare che sia una spesa esorbitante perché basta acquistare quelli di stagione oppure dei mazzolini già pronti.
Se ti sembrano troppo striminziti, dai consistenza al mazzo aggiungendo dei rami e delle foglie che raccogli quando vai a passeggio col tuo cane.
5. L’illuminazione.
Scegli luci calde perché rendono l’ambiente più accogliente e punta su lampadari, applique e lampade dall’aspetto prezioso perché sono un importante elemento d’arredo.
Ricordati che la casa con luce fredde e con lampade tristi o addirittura luci senza lampada, rendono la casa incompleta e fredda.


6. Metalli.
Specchi, argenti o silver trovati nei mercatini, candelabri, sono degli oggetti decorativi che impreziosiscono la casa.

E infine segui delle piccole regole di interior styling che periodicamente troverai sul mio blog.
Fonti delle immagini partendo dall’alto:
28 Febbraio 2019 / / Colori

Colori soft pieni di sfumature, forme morbide e accoglienti, lo stile che 
ci piace di più per rinnovare e rinfrescare gli ambienti di casa. Amiamo 
molto gli abbinamenti ton sur ton, i tessuti naturali e preziosi, le pic-
cole collezioni di ceramiche, i tappeti morbidi e confortevoli. Dalle pa-
reti ai mobili, ai complementi d’arredo le tonalità di queste ispirazioni 
evocano calma e serenità e una bellezza senza tempo.


coffeeandcat.com
pufikhomes.com
fillyourhomewithlove.com
wordsfromtheheartshop.nl


atelierbaulier.com
doubleg.fr
startpreventivi.it
boligmagasinet.dk

instagram.com – @jeremiahbrent
sfgirlbybay.com
abigailahern.com
pinterest.com

28 Febbraio 2019 / / Architettura

Dopo EDEN Luxury portable suite del FuoriSalone 2018, e vincitore agli ICONIC AWARDS come innovative architecture, Michele Perlini torna quest’anno al Brera Design Week con un nuovo concept per l’abitare “nomade”.

NO.MADE  è una micro abitazione, uno spazio domestico itinerante immaginato come un buen retiro per location scenografiche, una casa galleggiante o un luogo speciale per spazi urbani.

Il modulo prefabbricato è progettato per soddisfare le più strette esigenze di sostenibilità, e consiste in una cellula minimale di dimensioni ridotte (3 x 9 metri) per permetterne un facile trasporto e montaggio, definita da una cornice strutturale in acciaio corten e da una grande facciata vetrata, un dispositivo per immergersi nel paesaggio circostante : “ l’idea è dare vita ad inediti scorci tra interno ed esterno che, così, diventano tutt’uno tra di loro” spiega Michele Perlini.

L’affaccio vetrato permette di riscaldare naturalmente l’ambiente durante l’inverno, mentre nei mesi estivi, i frangisole automatizzati provvedono a proteggere la casa dal caldo eccessivo.

Con un’attitudine spiccata alla sostenibilità che l’architetto Michele Perlini evidenzia in ogni suo lavoro (consulente esperto CasaClima  ha realizzato il primo restauro conservativo CasaClima classe “A“ Nature in Italia, ed il primo CasaClima Welcome in Italia ) anche per NO.MADE lo studio del consumo energetico è stato prioritario ed ha guidato le scelte progettuali : il vetro è basso emissivo extrachiaro ed antiriflesso.

Le facciate in pannelli minerali ad alta densità, con trasmittanza molto bassa e rivestite in fibrocemento garantiscono un’alta efficienza energetica.

Lo spazio interno è concepito come un open space, dove si succedono zona giorno, zona notte e un bagno, che possono essere separabili da pannelli scorrevoli in legno; rende uniforme ed omogeneo l’ambiente il rivestimento a parete color avana.

Gli arredi di NO.MADE sono disegnati su misura da Michele Perlini e concepiti come parte integrante del progetto.

Realizzati artigianalmente, ribadiscono l’estrema attenzione dell’architetto al tema dell’impatto ambientale, attraverso la scelta di materiali naturali per il divano e il letto, con strutture in legno massello di noce americano e rivestimenti in tessuti naturali, seta, cotone – da integrare con accessori in plexiglass riciclato o corten pensati per il massimo confort (porta riviste,vassoio,porta tablet, luce a led di lettura e porta sigari ).

L’ambiente bagno presenta un lavabo freestanding e la doccia con cromoterapia permette di godere di viste panoramiche attraverso la vetrata a tutta parete; infine una mini cucina con tavolino annesso per la colazione o un veloce pranzo ma anche per godersiuna cena a lume di candela.

Anche il progetto illuminotecnico, con faretti e tagli di luce nel soffitto, è studiato per creare un’atmosfera soft,morbida, avvolgente.

Ho concepito NO.MADE come un piccolo luogo raccolto dove isolarsi, sentirsi fuori dalla quotidianità e contemporaneamente dentro il contesto naturale o urbano in cui NO.MADE si troverà. Uno spazio per l’abitare dove i materiali, gli arredi e ogni piccolo dettaglio sono pensati e progettati per creare un’atmosfera avvolgente e familiare capace di regalare panorami sempre nuovi ed inediti” – Michele Perlini.

Milano  Brera Design Week 8-14 Aprile 2019

arcstudioperlini.com

L’articolo Fuorisalone 2019: NO.MADE Luxury Mobile Home proviene da Dettagli Home Decor.

28 Febbraio 2019 / / News

Se vuoi arredare casa con stile senza spendere un capitale, LOVEThESIGN è uno dei migliori e-commerce a cui puoi rivolgerti perché solo qui potrai trovare articoli di design per la casa a prezzi davvero convenienti. Nato a Milano nel 2012, questo sito collabora con alcuni dei più noti brand del settore e con designer affermati, riuscendo in questo modo ad offrire alla propria clientela mobili ed accessori moderni e raffinati che non lasciano nessuno spazio a compromessi. I prezzi sono davvero molto buoni, soprattutto se utilizzi un codice sconto LOVETheSIGN che spesso l’azienda mette a disposizione direttamente sul proprio sito internet oppure su altri portali specializzati nella divulgazione di codici sconto, per incentivare le vendite.

codice-sconto-lovethesign

Qualunque
ambiente della propria abitazione o dell’ufficio tu voglia rinnovare, con
LOVEThESIGN potrai portare una ventata di freschezza e rendere più piacevole ed
accogliente qualunque spazio. Il sito è un portabandiera del Made in Italy e
propone molti articoli realizzati da aziende e designer italiani, ma non
trascura neanche le mode e le tendenze del design internazionale, sempre ben
rappresentato da centinaia di brand affermati.

La
cucina, il soggiorno, la zona living, il bagno, la camera e l’ufficio,
cambieranno radicalmente aspetto e la cosa più importante è che potrai
farlo senza spendere grandi cifre. Come se tutto questo non bastasse,
LOVEThESIGN propone anche un ricco catalogo di articoli di illuminazione:
Plafoniere, lampade a sospensione, piantane e faretti da esterno, dai modelli
più semplici ed economici a quelli più ricercati che lasceranno a bocca aperta
i tuoi ospiti.

Un’altra
categoria molto apprezzata da chi acquista online su questo sito è quella che
riguarda la zona tessile che propone biancheria per la casa, cuscini, lenzuoli,
federe, trapunte, asciugamani, tappeti e tanti complementi utili per svariati
utilizzi.

Se
la tua casa possiede un giardino, un terrazzo o comunque uno spazio esterno che
vuoi arredare, su LOVETheSIGN trovi anche un’ampia disponibilità di
articoli per l’outdoor con offerte davvero allettanti su tavoli, sedie,
poltrone, pouf, lampade, amache ed altro ancora. Con l’arrivo della bella stagione
non c’è niente di più bello che trascorrere qualche ora all’aria aperta
rilassandosi in compagnia degli amici, e questo negozio è ricco di proposte
pensate per le tue tasche.

E
cosa dire della sezione LOVEThESIGN outlet? Questa è probabilmente quella più
visitata dai clienti perché qui è davvero possibile fare grandi affari. Al suo
interno si trovano infatti articoli proposti a prezzi davvero stracciati che
nessun altro sito di arredamento può offrirti.

Uno
dei principali punti di forza dell’azienda è il servizio di consulenza su
misura che lo staff riesce ad offrire ai clienti, non sarai più solo nella
scelta e potrai affidarti ad arredatori professionisti che sapranno
consigliarti al meglio in base alle tue esigenze.

Parlando
invece delle garanzie a tutela del cliente, su questo negozio online troverai
esclusivamente una selezione dei migliori brand di design, articoli al 100%
originali di qualità certificata che non potrai fare altro che apprezzare.

Anche
la spedizione è davvero molto conveniente; ti basta infatti una spesa di appena
150€ per ricevere i prodotti acquistati comodamente al tuo domicilio senza
ulteriori costi. Infine, se per qualunque motivo non ti ritieni
soddisfatto dell’acquisto, puoi sempre avvalerti della formula soddisfatti o
rimborsati.

L’articolo Arreda casa e risparmia con un codice sconto LOVEThESIGN proviene da Architettura e design a Roma.

28 Febbraio 2019 / / Blog Arredamento

Come progettare una cucina personale che non stanca mai?

A volte, la risposta non è quella di seguire una tendenza specifica, di fatto, lo stile industriale si basava sulla assenza di design e sulla mancanza di regole, norme e standard.

Nato negli anni ’50, negli Stati Uniti, quando gli artisti erano alla ricerca di fabbriche abbandonate da installare, lo stile industriale è una proposta semplice, molto personale e pratica che sarà sempre valida.

Per rendere uno spazio industriale sono utili quasi quasi tutti i materiali comunemente usati nella costruzione: mattoni, cemento, cemento armato, legno, vetro, ferro e altri metalli, oltre a mobili usati e persino oggetti decorativi usurati o riciclati, che possono essere integrati in spazi preferibilmente ampi con soffitti alti.

Tubi, travi e pareti in mattoni, tutto a vista, sono elementi caratteristici di questi ambienti, che insieme alle lampade e sedie in metallo sono in grado di creare cucine in stile industriale personali e assolutamente uniche.

Loft con cucina in stile industriale in acciaio

Gli elettrodomestici in acciaio inox o nero sono combinati con mobili da cucina con ante in legno, acciaio o laccate. I mobili possono essere sia semplici che incorniciati con diverse finiture e colori poiché la creatività e la personalizzazione sono l’obiettivo principale nella decorazione di questo spazio.

Di seguito tutti i punti chiave:

1. Loft, lo scenario perfetto

Hanno cominciato a diventare popolari a New York a metà del secolo scorso e da allora fino ad oggigiorno, i loft sono stati trasformati da luoghi di rifugio per gli studenti e gli artisti, che hanno vissuto nei vecchi magazzini e nelle fabbriche perché erano un’alternativa economica ai prezzi elevati delle abitazioni tradizionali, fino a diventare delle costruzioni più “chic”. In entrambi i casi, queste costruzioni sono il massimo esponente dello stile che ci riguarda, visti i soffitti molto alti, gli open space, le travi e le tubature a vista.

2. L’anima nuda

Una delle caratteristiche più rappresentative di questo stile è che, in molte occasioni, espone alcuni elementi della struttura dell’edificio. I muri di mattoni sono una risorsa comune in questi progetti, soprattutto nella cucina industriale. L’apparente decadenza del muro originale è un contrasto più che accurato con il resto della decorazione, una combinazione che porta eleganza e personalità in parti uguali.

3. Accessori alla moda

L’ispirazione industriale è presente anche nelle soluzioni per immagazzinare gli utensili da cucina. Tenendo conto che si tratta di spazi in cui la semplicità non è incompatibile con la funzionalità, gli armadi moderni senza ante, mensole di legno e metallo ricolme di pentole, tegamini e accessori si adatteranno perfettamente alla tua cucina industriale. La sua natura pratica e le linee diritte e levigate saranno la soluzione perfetta per i vostri problemi organizzativi.

4. Il legno, una risorsa da tenere a mente

Come dicevamo le linee diritte e semplici tornano ad essere protagoniste di questo progetto di cucina industriale. L’uso del legno gioca un ruolo fondamentale. L’aspetto grezzo del tavolo, gli antichi mobili un po’ ammaccati e scoloriti, le travi e gli elementi decorativi in legno danno calore e familiarità ad un ambiente che senza il legno potrebbe sembrare un po’ troppo freddo.

28 Febbraio 2019 / / Idee

I mobili della lavanderia vanno scelti con cura per creare una zona di lavoro funzionale ed organizzata. Due progetti fatti con l’ausilio di LionsHome.


Se potessi avere una stanza in più in casa, da adibire a qualsiasi cosa, vi direi che ci vorrei fare una lavanderia. Lo so, lo so: tra tutte le scelte che si potevano fare, proprio questa.

Però diciamoci la verità: quanto è scomodo avere la lavatrice in un posto, stendere i panni in un altro angolo e stirare dove c’è spazio? Non sarebbe stupendo avere un’intera stanza, tutta dedicata a questa funzione?

Sfatiamo un altro mito: per avere un locale lavanderia ci vuole una mega stanza. Vi farò vedere oggi due opzioni diverse di mobili della lavanderia, una versione small e una large.

Come sapete io sono una assoluta promotrice degli acquisti online, per i mille vantaggi che ci sono. Ho scoperto da poco questo sito con un catalogo immenso di arredi e oggettistica per la casa, LionsHome e mi sono divertita un po’ ad immaginare due scenari diversi.

Ve li faccio vedere.

MOBILI DELLA LAVANDERIA PER UNA MICRO AREA DI LAVORO

Moodboard per mobili della lavanderia in una piccola stanza, con mobile coprilavatrice, colonna per lavatrice e cesti portabiancheria

Mettiamo che voi abbiate un piccolo spazio in bagno e lo vogliate attrezzate con dei mobili che vi aiutino a mimetizzare la lavatrice ma al contempo vi diano un minimo di spazio per gestire detersivi e biancheria. In questo esempio che vi faccio vedere serviranno solo 129 cm di larghezza, se scegliete il mobile base con cassettiera, lavatoio e mobile copri lavatrice.

Altrimenti potete optare per la colonna: se non avete l’asciugatrice potete riempire la parte sopra di mensole, così da riporre detersivi e panni sporchi.

A completamento ovviamente i cesti portabianchieria. Io li preferisco chiusi, per tenere al sicuro odori vari e tenere lontana la polvere. Ma c’è anche la possibilità del cesto a tre scomparti, per aiutarvi a risparmiare tempo nel dividere i panni da lavare.

MOBILI DELLA LAVANDERIA PER UNA VERA E PROPRIA STAZIONE DI LAVORO

Moodboard per mobili della lavanderia con colonna stireria, colonna multifunzione a due ante, pensili con ripiani a giorno, cesto portabiancheria, stendipanni da parete e mobile coprilavatrice

E qui mi sono sbizzarrita. Ho pensato: come la vorrei io la lavanderia se avessi spazio e budget? Ecco la risposta. Una vera e propria stanza dei sogni, con tutto quello che può servire, e anche di più.

Come vedete ho inserito una colonna a due ante, con asse da stiro a scomparsa e mille ripiani per detersivi e panni da stirare. A fianco un’altra colonna a due ante, multifunzione: ci potete mettere le scarpe, i cappotti, la biancheria di casa.

Per completare la composizione, il mobile coprilavatrice (che può anche essere chiuso con delle ante) con lavatoio, il mobile basso con cesto porta biancheria e due pensili al di sopra.

Con comodi ripiani a giorno per appoggiare tutto quello che può servire più spesso, un comodo specchio e una lampada.

E i panni dove li mettiamo? Ma su questo stendi panni da parete che quando non serve si richiude. Come vedete non ci sono brutture o elementi solo esteticamente piacevoli ma non funzionali: organizzazione e funzione prima di tutto.

L’articolo Mobili della lavanderia: funzionalità e organizzazione le parole chiave sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

28 Febbraio 2019 / / Design

READ IN ENGLISH

La stanza da bagno ha assunto una sempre maggiore rilevanza e da locale dove passare frettolosamente e soltanto per espletare funzioni necessarie si è trasformata in una vera e propria area di relax.
Per ottenere tale risultato devi fare in modo che ogni zona dell’ambiente sia caratterizzata da funzioni performanti ed esteticamente accattivanti.

In particolare per quanto riguarda il lavabo cerca di armonizzarlo con il miscelatore più adatto e rispettoso del suo stile.

Pensa che Hansgrohe ha svolto anche dei test per definire il livello di comfort di diverse combinazioni di lavabo e miscelatore!

  • ©EasyRelooking project
  • ©EasyRelooking project

Che cosa sono i test di Hansgrohe sulla comfort zone

I seguenti test di funzionamento sono svolti per testare le migliori combinazioni tra lavabo e miscelatore:

  • spazio libero, che analizza quale sia il reale spazio che intercorre tra la rubinetteria e la struttura del lavabo per verificare quanto sia agevole potersi lavare le mani
  • pratica, il cui scopo è quello di verificare l’entità degli spruzzi prodotti durante l’utilizzo del miscelatore
  • spruzzi, ottenuto mediante aperture e chiusure del miscelatore con differenti pressioni.

In seguito a tali prove si ottiene la certezza del migliore abbinamento tra miscelatore e lavabo sia dal punto di vista tecnico e funzionale che da quello estetico.

  • ©EasyRelooking project
  • ©EasyRelooking project

Quali sono i tipi di lavabo

In sintesi è possibile classificare i lavabi nelle seguenti tipologie:

  • a colonna o semicolonna: si tratta di lavabi posti su una struttura che arriva al pavimento, oppure che si ferma a metà parete; sono modelli classici ed estremamente diffusi
  • sospesi: ancorati alla parete senza alcun collegamento con il pavimento e sono caratterizzati da un’estrema leggerezza
  • semincasso: il lavabo è integrato in un mobile progettato a tale scopo e lo spazio occupato risulta notevolmente contenuto
  • incasso soprapiano o sottopiano: il lavabo è contenuto in un mobiletto che, a seconda della modalità di montaggio, ne lascia sporgere il bordo oppure lo contiene
  • da appoggio: in questa soluzione il lavabo è appoggiato su un piano che spesso svolge anche altre funzioni, offrendo continuità con tutto l’arredo
  • free standing: sono quelli posizionabili ovunque, anche al centro della stanza, quando è disponibile un punto d’acqua a pavimento e non a parete
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest

Come scegliere il rubinetto giusto per il proprio lavabo

A seconda della differente tipologia di lavabo di cui disponi, cerca di effettuare una scelta attenta riguardo al miscelatore.

Se il tuo lavabo è dotato di incasso poco profondo, il rischio principale che si configura è quello legato alla generazione di fastidiosi schizzi d’acqua che si distribuiscono ovunque nello spazio circostante. Per evitare questo inconveniente, dovrai scegliere un miscelatore basso che possa così contenere il rimbalzo dell’acqua.

Ricorda che però l’altezza del miscelatore deve essere tale da consentire di lavarsi agevolmente le mani, evitando l’assunzione di posture scomode.
E’ buona regola cercare una corrispondenza tra l’ergonomia del lavabo ed il miscelatore: la profondità del beccuccio di quest’ultimo dovrebbe corrispondere allo scarico del lavandino in modo da indirizzare il getto d’acqua al meglio.

  • Via Pinterest
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest

Per un lavabo da appoggio, sempre più trendy e quindi diffuso nelle nostre abitazioni, puoi valutare eventualmente un miscelatore a bocca alta, necessario per la possibilità di superare la parte laterale del lavabo.

Molto belli e assolutamente di design i miscelatori a muro. Calcola bene l’altezza a cui viene istallato!

L’articolo Bagno: ad ogni lavabo il suo giusto rubinetto proviene da easyrelooking.

28 Febbraio 2019 / / Colori

La scelta del colore e della finitura da applicare su una parete richiede tempo e un’analisi accurata dell’ambiente: l’esposizione al sole, la dimensione dello spazio e lo stile dell’arredamento. Insomma l’individuazione della giusta pittura non è sempre facile. Per questo esistono degli esperti che sanno consigliare e che studiano il colore come Nicola Baccaglini che per Wilson & Morris ha progettato la linea Benessere della Casa.

Stylish workplace with an interesting combination of a black wooden table and a pink chair

Il noto brand di pitture propone una palette pastello dalle tinte delicate e pure come Light Grey (codice 2045), White Cream (codice 2046), Sky (codice 2041) e New Ice (codice 2043).

White Cream e Light Grey, entrambi colori neutri, possono essere applicati in tutti gli ambienti di casa. White Cream è un bianco crema, una tonalità avvolgente e piena. Associando questa tinta ad un tenue rosa o ad un azzurro si crea un perfetto abbinamento per le camere dei bambini.

Photo by Giandomenico Frassi

Il Light Grey è un colore chiaro e luminoso in grado di valorizzare spazi di condivisione come il living oppure lo studio.

Photo by Giandomenico Frassi

All’interno di questa palette esistono sfumature di azzurro come Sky e il più tenue New Ice che sono ideali per la zona notte di casa perché colori simbolo di armonia e calma, che conciliano il riposo.

Photo by Giandomenico Frassi
Photo by Giandomenico Frassi