2 Settembre 2019 / / Architettura

  • Prima proposta con dettagli rossi
  • Seconda proposta con dettagli gialli

Al rientro
dalle ferie vi voglio parlare della consulenza di qualche tempo fa, realizzata
per una giovane ragazza alle prese con l’arredamento della sua prima casa;
questo è un genere di lavoro che mi capita spesso di fare e potrebbe sembrare
semplice, poiché non si tratta di grandi e impegnative ristrutturazioni ma consulenza
di interior design.

In realtà
anche dover contribuire a scegliere “solo” i complementi d’arredo e i dettagli
dell’arredamento di una casa è un lavoro complesso e, soprattutto, importantissimo,
poiché saranno proprio quei complementi a rendere la casa speciale, unica e
personalizzata con carattere.

Mi capita infatti
spesso anche di intervenire come interiore designer in ristrutturazioni d’architettura
appena terminate, perché non è detto che avere una casa nuova appena ristrutturata
significhi averla personalizzata e perfezionata in ogni dettaglio decorativo e
funzionale.

La richiesta di Carla era quella di organizzare al meglio la zona giorno del suo nuovo appartamento, con gli arredi che aveva già acquistato, un tavolo con sedie, un divano e una parete attrezzata.

Gli arredi già acquistati dalla committente che andavano valorizzati con il colore e con i giusti accessori

La necessità era anche, se possibile, di riuscire ad inserire un altro divano, infatti le mie proposte sono state due, una che prevede l’inserimento di un secondo divano e una che preferisce privilegiare lo spazio e vede solo la collocazione di una poltroncina in filo di metallo poco invasiva a livello visivo.

Carla Inoltre
desiderava arredare l’ingresso in modo pratico e funzionale.

Tutti gli arredi che aveva già acquistato erano bianchi e grigi, molto lineari e minimali, ho ritenuto necessario, come prima cosa, dare un pizzico di colore di carattere e di brio all’ arredamento, personalizzandolo, soprattutto considerando che si trattava della prima casa di una ragazza giovane piena di energia e di gioia.

Poi ho
pensato di dividere la zona di ingresso dalla cucina, a vista nel living, con
un separé, per distribuire un po’ lo spazio e mascherare la parte più
operativa.

Le due proposte di paraventi Maison du Monde, per schermare la zona operativa della cucina dall’ingresso e dal passaggio che porta alle camere

Come in molti
casi, per entrambe le opzioni, ho proposto di delimitare la zona conversazione
con un tappeto, anch’esso grigio per accordarsi agli arredi e creare una base
neutra, nello specifico il modello Stenlille a pelo corto con una graziosa
grafica geometrica o Hodde in materiale plastico, facile da pulire e
manutenere.

Sono entrambi
di Ikea e abbastanza ampi per coprire completamente l’area davanti al divano,
circoscrivendola visivamente, poiché la zona giorno comprende salotto, zona
pranzo, cucina e ingresso.

Nella prima
proposta ho verificato la possibilità di inserire un secondo modello di divano,
che si accordasse con quello già acquistato, la scelta è ricaduta su klippan
bianco di Ikea.

Lanciato negli anni ’80 continua ad essere un classico senza tempo perfetto in ogni contesto, ho scelto l’ecopelle che riprende il dettaglio dei braccioli dell’altro divano e crea un bel contrasto con la seduta.

Nella prima proposta con cuscini rossi, come richiesto dalla committenza, ho inserito un secondo divano dalle linee minimali nella zona relax.

Il divano Klippan in ecopelle ben si abbina al divano grigio e bianco scelto da Carla

Il tocco di colore, in questa prima proposta, viene dato dai complementi rossi come il tavolino e i cuscini fantasia.

A completare la zona giorno c’è una
lampada da terra in stile industriale in metallo nero, presente in entrambe le
proposte e che pone l’accento al gusto industriale rappresentato dal grigio e
da complementi in tondino di ferro.

Il tavolo viene corredato e arredato da un ranner e un centro tavola, in linea con il resto dell’arredamento.

Molto belli i cuscini rossi in fantasie miste che danno il giusto tocco decor di colore. Li trovate QUI

Tavolino e lampada da terra Ikea per completare e accessoriare la zona relax

Il tavolo bianco viene allestito con runner e portafrutta in filo di ferro, abbinamento che si addice ad entrambe le proposte. 

Il runner lo trovate QUI mentre il portafrutta è disponibile QUI

Nella seconda proposta la nota di colore è data dal colore giallo ocra dei cuscini, che donano un importante tocco cromatico all’insieme in bianco e nero.

Anche in questo caso è presente il tavolino
Burvik di Ikea in versione nera invece che rossa, divertente e comodo da
spostare al bisogno.

Completa la zona conversazione la poltrona Raane di Ikea, da colorare con i cuscini.

Il paravento di Maiosn du monde per
schermare la cucina, che nella proposta precedente era bianco con stampa 3d,
qui è nero marmorizzato; sotto alla finestra in entrambi i casi trova spazio
una composizione di piante in bellissime ceste di vimini.

Per la seconda proposta ho scelto colori
più scuri ed uno stile più industriale, dato il maggior spazio disponibile reso
possibile dalla mancanza del secondo divano; l’open space con salotto cucina e
ingresso si presta ad una reinterpretazione stile loft. Nella prima proposta
erano stati privilegiati i colori chiari con qualche pizzico di cromia decisa e
un arredamento più POP.

Molto bello e fresco il tocco di colore dato dall’ocra nei cuscini fantasia che trovate QUI

In entrambe le proposte sono presenti delle piante nella parte più luminosa del salotto inserite in delle bellissime ceste che trovate QUI

Stampe alle pareti

Per la parete all’ingresso ho scelto e
proposto una stampa molto bella con una frase in inglese che parla di casa,
cosa che amo spesso fare nelle mie ristrutturazioni come se si trattasse
dell’angelo custode della dimora.

Sulla parete del divano troviamo la
composizione Knoppang di Ikea semplice e creativa, perfetta per chi non ha molta
dimestichezza nel realizzare una composizione fai da te. Sulla parete vicino
alla porta che reca alla zona notte c’è una stampa artistica delle Seichelle,
paese d’origine della padrona di casa.

A sinistra stampa grafica Home e a destra una bella rappresentazione grafica colorata delle seychelles, si possono trovare entrambe su Etsy

Composizione di Ikea…per i più pigri! Può essere ampliata e completata da altre stampe a scelta, ma è comunque graziosa ed equilibrata anche da sola, riprende il tocco naturale delle piante sotto alla finestra.

Ingresso

Per arredare l’ingresso ho utilizzato una
comodissima panchetta multifunzione, utilizzabile anche come scarpiera e
contenitore, il quadro è completato da uno specchio a tutta altezza e un
attaccapanni proposto in due versioni, grigia o con elementi rossi a seconda se
si scelgano i complementi in rosso o in giallo.

In entrambe le proposte sono presenti la panchetta scarpiera svuotatasche e lo specchio che trovate QUI e QUI. Inoltre, se preferite al colore una tonalità neutra, per entrambi gli abbinamenti (rosso o ocra) sarà perfetto l’appendiabiti grigio di Umbra che trovate QUI

Appendiabiti a forma di uccellini bianchi e gialli. Bello da vedere anche quando spoglio, sembra un’installazione. Gli uccellini li trovate QUI

Per la versione in rosso portaombrelli e appendiabiti in tinta

Complementi d'arredo per la zona giorno

L’articolo Come personalizzare e arredare la zona giorno proviene da Architettura e design a Roma.

2 Settembre 2019 / / Dettagli Home Decor

lampada da esterno senza fili

Linea Zero amplia il proprio assortimento di lampade contemporanee e funzionali introducendo una collezione di lampade outdoor. Oggi vi presentiamo la lampada senza fili QUEEN, uno dei best seller dell’azienda che può essere tua ad un prezzo speciale!

Linea Zero, leader nel settore dell’illuminazione, ha lanciato una collezione di lampade da giardino 100% Made in Italy, resistenti all’acqua e alimentate anche a batteria di lunghissima durata che le rendono la scelta ideale per illuminare qualsiasi ambiente outdoor.

Il Made in Italy continua ad essere, per Linea Zero, il più importante dei valori aziendali. Da oltre 40 anni, infatti, Linea Zero è sinonimo di ricerca e crescita continua, sempre rivolta ad interpretare al meglio le esigenze di mercati in rapida evoluzione e ponendo la massima attenzione alle esigenze del cliente. Un percorso imprenditoriale dinamico che traccia i confini di un nuovo futuro, espressione di design, smart lighting e innovazione anche grazie ad un team appassionato e giovane.

Lampada QUEEN Outdoor: 100% smart light design

lampada a batteria ricaricabile per outdoor

Disegnata da Elena Trevisan, la lampada QUEEN di Linea Zero è caratterizzata da un design elegante che si distingue per la sua forma maestosa e lussuosa, perfetta per illuminare con stile qualsiasi spazio all’aperto.

Queen è composta da 24 strisce di Polilux, un esclusivo materiale ideato da Linea Zero che dona ai prodotti luminosità pari a quella del vetro. Le lampade in Polilux sono leggere, facili da pulire, antistatiche, atossiche, resistenti, infrangibili e non ingialliscono nel tempo.

lampada Queen a batteria ricaricabile

Il modulo LED dimmerabile per esterni IP67 è dotato di due batterie a polimeri di litio da 2500 mAh che garantiscono quasi 7 ore di funzionamento a massima potenza. Quest’ultima può essere inoltre regolata tramite un comodo telecomando per radiofrequenza, in grado di gestire anche il tempo di accensione. La batteria è facilmente ricaricabile attraverso una base a induzione con presa mini USB.

Ogni lampada in Polilux di Linea Zero può essere completamente personalizzata, dalle dimensioni alle stampe.

lampada a LED portatile da esteno

Codice sconto per i lettori di Dettagli Home Decor

Linea Zero ha riservato un prezzo speciale per i lettori di dettagli Mag. Potete acquistare la lampada QUEEN con uno sconto del 25% inserendo nel carrello il codice sconto DETTAGLIHOMEDECOR2019.

Per acquistare la tua lampada QUEEN vai su www.lineazero.it/shop

L’articolo Lampada QUEEN di Linea Zero: special price riservato ai nostri lettori proviene da Dettagli Home Decor.

2 Settembre 2019 / / Colori

In esclusiva per i lettori del blog, ecco la guida tendenze cucina 2020. Scoprite i colori, i materiali, le linee, gli stili, e le novità tecnologiche.

Tendenze cucina 2020 la guida

Come sarà la cucina del futuro? Le tendenze cucina 2020 vedono una cucina sempre più protagonista. Scoprite i colori, i materiali, gli stili e le novità tecnologiche che andranno per la maggiore.

La guida è divisa in 6 sezioni tematiche, ed illustra come sta cambiando la cucina e il modo di viverla, sempre più smart e conviviale. La guida esplora inoltre i trend per quanto riguarda colori, materiali, forme e stili.

Tendenze cucina 2020 la guida

Nel 2020, la cucina sarà il cuore della casa, l’ambiente intorno al quale ruotano tutti gli altri. Aperta sul soggiorno, con un’isola o una penisola multifunzionale,  oppure integrata alla zona living tramite blocchi separati, la cucina riunisce in uno spazio fluido zona pranzo e soggiorno.

La cucina del 2020 è dunque sempre più smart e integrata al living. Gli elementi tecnici e le aree di lavoro e contenimento, di conseguenza,  vanno il più possibile mimetizzate all’interno della struttura. Ecco dunque cappe aspiranti, lavelli, piani cottura dal design sempre più accattivante e cucine che si chiudono come un armadio.

La scelta dei colori della cucina è una decisione importante: un valido aiuto ce lo possono fornire le anticipazioni sulle tendenze nel design e nel lifestyle. Si possono prendere idee e ispirazioni, ed avere la certezza che la nostra cucina sarà alla moda per molti anni a venire.

L’utilizzo di mobili multifunzionali e l’accostamento di materiali diversi è molto di tendenza, e aggiunge dinamismo all’ambiente, anche nell’ottica di integrare le finiture dell’open space. Per questo il legno sta vivendo un momento di grazia: è perfetto sia per i mobili della cucina che per quelli del soggiorno. Se non siete amanti del Total Wood, giocate sui contrasti con altri colori e materiali. Il legno si abbina perfettamente con tutti i colori e i materiali di tendenza, come il cemento e il metallo.

Scoprite inoltre le novità in fatto di linee e forme dei mobili, e i suggerimenti per lo stile, scaricando la guida.

Pre farlo basta iscriversi alla newsletter, mentre gli iscritti riceveranno il link per scaricar la guida nella mail mensile.

Infine, se volete vedere gli aggiornamenti sulle ultime tendenze nel meraviglioso mondo di Pinterest, seguite le mie bacheche Interior Trends e Interiors – Kitchen.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2019 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

2 Settembre 2019 / / Architettura

Architettura, struttura, elementi di design. Sono tutti dettagli che fanno la differenza in una casa così come in un palazzo storico, ma non sono certo gli unici. L’illuminazione gioca un ruolo determinante nel definire le linee di equilibrio di edifici e strutture, le nuove tendenze di interior design lo confermano.

Si tratta però di scelte che vanno ponderate con attenzione perché è davvero facile trasformare un elemento suggestivo come quello delle luci sui palazzi storici, in qualcosa di poco piacevole alla vista. Per evitare questo è necessario rivolgersi a un esperto di illuminazione di palazzi storici come il light designer Marco Petrucci, che ci ha indicato i 5 palazzi storici dall’illuminazione più bella e suggestiva di cui parleremo in questo articolo.
Palazzi dall’architettura già suggestiva e imponente di per sé, che con la scelta della luce giusta mostrano uno stile ancora più bello e unico.
Quali sono? Il Palazzo Klotild a Budapest, il Teatro dell’opera di Vienna, la Fortezza di San Juan de Ulua a Veracruz, il Palazzo Vetus di Alessandria, il Palazzo Venezia a Roma.
Andiamo a vedere insieme come si sviluppa la scelta dell’illuminazione in questi suggestivi palazzi storici trasformati in qualcosa di ancora più affascinante.

Quali palazzi?

Abbiamo già citato i palazzi storici dall’illuminazione più bella e suggestiva, ma qui ne parleremo nel dettaglio per capire come la scelta delle luci possa trasformarsi in un elemento a dir poco indispensabile.

Il Palazzo Klotild a Budapest ha un progetto di illuminazione che vede protagonisti proiettori con diverse aperture di fasci di luce, collocati direttamente sulla facciata. In questo modo si mette in risalto l’intera architettura del palazzo.
Una retroilluminazione impreziosisce i balconi in ferro battuto che corrono su tutti i quattro lati dell’edificio.

Nel teatro dell’opera di Vienna, in stile neo rinascimentale, sono illuminati tutti i lati, precisamente i punti luce sono oltre 470. Non solo l’illuminazione della facciata, in questo edificio viene messo in risalto anche il tetto con luci appositamente studiate.

La Fortezza di San Juan de Ulua a Veracruz, è un esempio di come anche la luce più lieve, se progettata nel dettaglio, possa rendere unico in luogo. Qui è stato deciso di posizionare batterie di proiettori remoti per l’illuminazione del complesso architettonico con luce riflessa dallo specchio d’acqua, per rispettare la costruzione e i materiali.

Il Palazzo Vetus di Alessandria ha un’illuminazione ben progettata nei minimi dettagli. Quella della facciata viene data dalle sole finestre, ci sono apparecchi a LED con ottica a lama, posti sul davanzale, che illuminano in modo uniforme stipiti e architrave delle finestre.

Il Palazzo Venezia a Roma ha una batteria di 23 proiettori con sorgenti al sodio alloggiati sotto tetto dell’antistante palazzo delle Assicurazioni Generali. Il risultato è a dir poco suggestivo.

Altri esempi di illuminazione ben progettata

Ci sono anche molti altri palazzi storici che hanno un’illuminazione degna di nota. Tra questi non si possono non citare il Grand Theatre di Tianjin, in Cina. Si tratta di un palazzo illuminato con luci a led integrate nella struttura della facciata. Il risultato è qualcosa di veramente unico.

2 Settembre 2019 / / Design Ur Life

Attico contemporaneo in California by Benning Design Construction

Con una bellissima vista sulla città di Sacramento, l’attico contemporaneo disegnato da Benning Design Construction e BRABBU ha creato un’installazione nella sala principale della casa. La società di costruzioni è stata fondata da padre e figlio che provenivano da due firme di successo dell’interior design e della costruzione di Sacramento.

Attico contemporaneo

Questo attico è stato creato con una confortevole estetica contemporanea. “Urbano con un tocco glamour” era il mantra – ed è stata un’enorme sfida per i designer. La priorità per questo interior design era permettere alla vista di rimanere libera e capace di parlare da sola. Al fine di essere ancora in grado di fornire elementi accattivanti di design, i prodotti sono stati intenzionalmente tenuti bassi a terra o alti al soffitto.

Interni dell’attico contemporaneo

Entrando nell’attico, l’attenzione viene attirata da un’audace scultura in bronzo vicino alla finestra, portando lo sguardo verso e oltre la vetrata. L’ingresso presenta una consolle in bronzo in acciaio inox e legno, su uno sfondo di pietra preziosa. Alle pareti e ai soffitti è stata applicata una finta finitura di tessuto metallico, una texture erbosa, conferendo un aspetto glamour e drammatico. In questo attico è incredibile il modo in cui il prodotto si armonizza alla stanza e le conferisce il tocco contemporaneo che i designer stavano cercando. La casa è completamente circondata da vetrate e, per evitare problemi di riflesso, ogni illuminazione è dimmerabile e delicata.

benning-sawyer-18-11-12

Per contrastare l’aspetto lineare della stanza di soggiorno, è stata applicata una grande sezione a forma irregolare. La sezione fornisce posti a sedere flessibili, con la possibilità di vedute all’interno e all’esterno, di conversare o di leggere. Vengono affiancate a due iconici sdrai di Mario Bellini che donano un aspetto elegante alla stanza. La grande sala presenta anche un tappeto di lana rotondo, che serve anche a delimitare un’area separata all’interno della più ampia portata dello spazio.

benning-sawyer-18-11-04

Spostandosi nella sala da pranzo, singoli pendenti adornano il tavolo da pranzo inciso.

Il top personalizzato del tavolo da pranzo è diventato un vero pezzo d’arte. Esso mette in mostra un pannello in ottone tagliato a laser con la mappa di Sacramento, la città natale del cliente, rivolgendosi alla sua passione per le mappe e aggiungendo un altro strato di dimensione e interesse.

Attico contemporaneo

I designer volevano dare alla casa un tocco speciale, con i gusti, le preferenze e i ricordi dei clienti. Per questo motivo, nella camera da letto principale è stato appeso un pezzo d’arte sopra al letto, che fonde una storia fatta di poesie, fotografie e testi di canzoni in una rappresentazione visuale di una storia d’amore classica. Adiacente a questo pezzo d’arte, c’è una stampa full-size delle fotografie personali del cliente, retroilluminato e con cornici personalizzate per aggiungere personalità a una stanza ricca di arte. Una collezione di pezzi eccezionali, che renderebbe fiero qualunque collezionista d’arte, completa questo attico.



Tenendo in considerazione le preferenze dei client, la Benning Design Constructions ha creato una casa perfetta per un weekend con viste mozzafiato della città e spazi rilassanti.








Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram e facebook per rimanere sempre aggiornato.


Guest post di BRABBU

L’articolo Attico contemporaneo in California: Home tour proviene da Design ur life blog.