5 Marzo 2021 / / Design

Padiglione Italia Expo Dubai

Il racconto esclusivo a tre voci d’eccezione: il Direttore artistico Davide Rampello e i progettisti Carlo Ratti e Italo Rota. Nell’approfondimento un dizionario dei materiali innovativi e sostenibili della vetrina dell’Italia all’Esposizione Universale

Italian beauty: questo è il titolo dell’articolo che INTERNI, the magazine of interiors and contemporary design, rivista del Gruppo Mondadori, dedica al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai. Sul numero di marzo in edicola da oggi, la pubblicazione in anteprima dell’architettura e dei contenuti del Padiglione.

L’Esposizione Universale, in programma dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, sarà la prima a tenersi in un Paese dell’area ME.NA.SA., Medio Oriente, Africa Settentrionale e Asia Meridionale, un evento di importanza strategica per i temi legati alla sostenibilità, in chiave di economia circolare e di ottimizzazione delle risorse.

Expo Dubai rappresenta l’occasione di una riaffermazione dell’Italia in tutte le sue espressioni di ingegno e know how, in linea con il concetto espresso dal claim dell’atteso evento globale “Connecting minds, creating the future“ (“Connettere le menti, per creare il futuro”) che il nostro Paese declina in “La Bellezza unisce le Persone”, la bellezza italiana da sempre elemento di connessione tra popoli, talenti e ingegno, eredità culturale mediterranea e ponte verso il futuro.

cover INTERNI magazine Marzo 2021

In esclusiva per INTERNI, diretto da Gilda Bojardi, tre voci narranti d’eccezione – il Direttore artistico del Padiglione Italia Davide Rampello e i progettisti Carlo Ratti e Italo Rota – svelano i segreti della struttura, frutto di creatività, ricerca avanzata e innovazione sostenibile made in Italy.

All’interno dell’articolo, una Guida-Glossario dei materiali utilizzati per l’architettura e gli interni del Padiglione, elencati e descritti in ordine alfabetico, diventa uno strumento di dialogo e confronto per architetti, progettisti, designer, arredatori e naturalmente un’ispirazione per le aziende del Made in Italy.

L’iniziativa editoriale si inserisce nella media partnership tra Mondadori Media, Official Gold Sponsor del Padiglione, e il Commissariato italiano per Expo Dubai. Per rafforzare con attività culturali, editoriali ed eventi il progetto di partecipazione del nostro Paese alla prossima Esposizione Universale 2021-2022, sono infatti previste numerose attività di comunicazione del Gruppo editoriale Mondadori sia nel periodo di avvicinamento che durante il semestre espositivo.

 

L’articolo Expo 2020 Dubai: sul numero di marzo di Interni un’anteprima dedicata al Padiglione Italia proviene da Dettagli Home Decor.

4 Marzo 2021 / / Dettagli Home Decor

La Pina sul set della campagna Geberit

Il gruppo Geberit dal 1° marzo 2021 è on-air con la nuova campagna di comunicazione multimediale di Geberit AquaClean con l’headline accattivante “E’ tutta un’altra musica” e una testimonial d’eccezione: La Pina.

Una delle voci più amate e riconoscibili nel mondo delle radio, scrittrice e viaggiatrice attenta alle novità e le tecnologie che migliorano la vita di tutti i giorni, Orsola Branzi, in arte La Pina, grazie alla sua simpatia e al suo modo di essere un po’ “fuori dagli schemi” riesce ad arrivare al cuore dei suoi spettatori, accompagnandoli nella loro quotidianità e stili di vita con hit, racconti e aneddoti curiosi.

Parte della campagna di comunicazione globale “My Confidence” di Geberit, con cui da alcuni anni l’azienda ha trasformato il suo sanitario di punta in un oggetto di stile coinvolgendo testimonial diversi per genere ed età seduti sul profilo disegnato di un vaso bidet AquaClean, La Pina è stata scelta per comunicare in Italia la “rivoluzione” per la routine quotidiana insita nel concept di questo prodotto, di cui, una volta provato, diventa impossibile fare a meno.

vaso bidet Geberit Acqua Clean

Appare con La Pina il vaso bidet più venduto in Europa, Geberit AquaClean Mera, il cui design essenziale progettato da Christoph Behling nasconde un sofisticato sistema integrato. Oltre alla comprovata tecnologia della doccia WhirlSpray con un getto d’acqua pulsante miscelato dinamicamente con aria e al vaso senza brida con tecnologia di scarico TurboFlush che consente un processo di risciacquo particolarmente accurato e silenzioso, Mera vanta alcune funzioni aggiuntive come l’aspirazione dei cattivi odori, il riscaldamento del sedile, il meccanismo automatico d’apertura del sedile tramite sensore di prossimità, il telecomando e il pannello di comando a parete e il sistema d’illuminazione d’ambiente. Accanto a Mera, il modello di punta caratterizzato da un design elegante e una tecnologia sofisticata, completano la gamma AquaClean i modelli Sela dalle linee raffinate che si adattano ad ogni cotesto con varie funzionalità e Tuma, che offre le funzioni base di un vaso bidet come soluzione completa o nella versione da integrare a ceramiche preesistenti, portando freschezza e comfort in ogni ambiente bagno. Adatto a tutti coloro che vogliono coccolarsi con nuove sensazioni di benessere, il vaso bidet AcquaClean è tutta un’altra musica, e se lo dice La Pina!

L’articolo La Pina testimonial della nuova campagna di Geberit AquaClean proviene da Dettagli Home Decor.

3 Marzo 2021 / / La Gatta Sul Tetto

Arredo bagno, il marchio italiano EX.t presenta le collezioni 2021, tra novità assolute, nuovi accessori per le linee iconiche e colorate riedizioni.

arredo bagno
Consolle-lavabo Eileen, box doccia e carta da parati Nouveau

Il marchio italiano EX.t, presente sul mercato dal 1945, ha presentato le nuove collezioni arredo bagno 2021. Innovazione e valori della tradizione Made in Italy caratterizzano le proposte dell’azienda, nell’ottica di realizzare ambienti dinamici, capaci di trasformarsi e rinnovarsi secondo le esigenze del vivere contemporaneo. Grazie alla collaborazione con designer provenienti da tutto il mondo, il catalogo EX.t offre soluzioni originali, funzionali e curate nei dettagli.

Noto, il sistema multifunzionale di mobili contenitori

Novità assoluta del catalogo EX.t è la collezione Noto, un sistema multifunzionale di mobili contenitori per il bagno. Disponibili in due dimensioni e spessori, i mobili sono dotati di lavabi in Riverstone® integrati, scatolati o da appoggio. I mobili, con uno o due cassetti, oppure con cassetto e mensola, si installano a muro, così da ottenere uno spazio pulito ed essenziale.

arredo bagno
Mobile contenitore Noto, box doccia Nouveau

Molteplici soluzioni per un unico complemento dalle linee rigorose, capace di adattarsi a varie tipologie di bagno ed esigenze di spazio. Pensato per arredare grandi e piccoli ambienti, può essere realizzato in rovere naturale oppure in MDF laccato nei colori verde chiaro, grigio, blu, e il particolare beige red.

Nuovi accessori e complementi per le collezioni iconiche

Le collezioni iconiche Nouveau e Rest si arricchiscono di nuovi accessori e complementi. Per la linea Nouveau sono stati introdotti due nuovi specchi basculanti, nei formati rotondo e quadrato. Completano la collezione la tenda doccia di lino idrorepellente rosa pastello e il porta asciugamani in ottone e metallo. Come tutta la collezione disegnata da Bernhard & Vella, anche questi nuovi accessori presentano raffinati accenti tipici dell’Art Déco, trasformandosi in un gioco di simmetrie e chiare geometrie.

arredo bagno
Specchi collezione Nouveau, consolle Frame
arredo bagno
Tenda doccia e vasca collezione Nouveau

New entry anche per la collezione Rest dei Norm Architects con l’introduzione di un piccolo pouf che riprende il tema dell’intera collezione, ispirata alla filosofia giapponese. Il pouf Rest è disponibile in due dimensioni, rivestito con i tessuti standard della collezione o con i nuovi rivestimenti in lino, lana, pelle ed ecopelle.

Arredo bagno dai colori vivaci con Eileen

Infine, restyling colorato per la collezione Eileen, la consolle minimale con lavabo integrato, con le nuove versioni in blu e beige red della consolle minimale Eileen di Ex.t Studio e la barra multifunzione Row di Oustudio. Il mobile è progettato per arredare i piccoli spazi, e la sua struttura in tubolare di metallo può essere utilizzata anche come porta asciugamani. Eileen è disponibile in due misure diverse con finiture verniciato nero, blu e beige red.

arredo bagno
Consolle Eileen colore beige red

Qui il sito ufficiale EX.t.

27 Febbraio 2021 / / Dettagli Home Decor

rivestimento decorativo atermico Mi-Ku Therm

Con Mi-Ku Therm di Novacolor puoi isolare le pareti con uno splendido effetto scintillante. 

Il rivestimento decorativo Mi-Ku Therm è un esempio concreto della cura e attenzione che Novacolor rivolge all’ambiente, un decorativo funzionale per superfici interne che disegna sulle pareti splendidi effetti materici in rilievo. Un prodotto dalle alte performance che è atermico e anti-condensa, ovvero è in grado di modificare il punto di rugiada per far assumere alla superficie una temperatura più elevata del supporto. Grazie a questa tecnologia Mi-Ku Therm è in grado di aumentare il confort abitativo, e al tempo stesso di decorare le pareti con uno splendido effetto scintillante alla luce e morbido al tatto.

Un prodotto tecnico adatto al consumatore consapevole, Mi-Ku Therm fa bene sia all’ambiente domestico che al nostro pianeta, è certificato REDcert2 per la riduzione delle emissioni di Co2 nell’atmosfera, ottenuta grazie ad un processo produttivo, il Mass Balance Approach di BASF, che è stato adottato da Novacolor nel 2018 e che prevede la sostituzione massiva delle risorse fossili con risorse rinnovabili provenienti da biomassa. Fonti di biomassa sono, ad esempio, bio-nafta e biogas derivati principalmente da rifiuti organici e olii vegetali.

Novacolor produce e distribuisce in tutto il mondo prodotti innovativi e a basso COV (composti organici volatili) ed è costantemente impegnata nell’analisi LCA (Life Cycle Assessment) che prende in esame l’intero ciclo di vita del prodotto e il suo impatto sull’ambiente. L’offerta di prodotti formulati con materie prime sostenibili che mantengono inalterato lo standard qualitativo è molto vasta, oltre a Mi-Ku Therm infatti Novacolor utilizza l’approccio Mass Balance anche per la produzione dei suoi rivestimenti decorativi ad effetto metallizzato Dune, Africa, Swahili, Luce_Wall Painting, Animamundi e Texi ,per la finitura ad effetto pietra R-Stone, la velatura Antiche Patine adatta all’applicazione su prodotti minerali come CalceCruda e per Puro_titanium & VOC free, l’idropittura 100% green.

Per maggiori informazioni www.novacolor.it

L’articolo Novacolor presenta Mi-Ku Therm proviene da Dettagli Home Decor.

23 Febbraio 2021 / / Dettagli Home Decor

set tavolo e sedie da giardino

Nata come linea lounge, Rafael di Ethimo diventa anche dining set, proponendo tavoli di diverse dimensioni e poltroncine.

Grazie all’eccezionale e visionaria creatività di Paola Navone e all’esperienza progettuale di Ethimo, il tavolo da pranzo diventa un ‘progetto’ sorprendente, capace di trasformare lo spazio dining in un mode de vie elegante, originale ed emozionante.

La preziosa tattilità dei materiali, la particolare e affascinante fisionomia dei piani e i dettagli pensati per rendere unici i tavoli e le sedute dining Rafael, creano, così, una nuova esperienza di contatto con la natura e una nuova ‘forma’ per stare a tavola, en plein air.

Il marmo statuario e la pietra lavica smaltata, dal colore intenso e brillante, che enfatizza la materia richiamando le diverse sfumature del mare, diventano irregolari, disegnando i piani dei tavoli. La pregiata e sapiente lavorazione della pietra e del marmo dona loro straordinarie asimmetrie e geometrie, forme che ‘abbracciano’ i commensali per suggerire una nuova esperienza di convivialità.

tavolo da giardino piano in pietra lavica

I tavoli sono disponibili in due dimensioni (264 x 155 cm o 160 x 160 cm) e sono realizzati in teak spazzolato o decapato. L’accostamento di materiali nobili come il legno e la pietra crea effetti così affascinanti da caratterizzare l’intero contesto che accoglie gli arredi.Il tavolo dining Rafael è, inoltre, disponibile in una terza proposta interamente realizzata in teak, sempre in finitura spazzolata o decapata, e piano rotondo da 230 cm di diametro.

tavolo da giardino piano marmo

Questa versione può essere arricchita da un elemento fortemente caratterizzante, che rende il tavolo ancora più funzionale: Lazy Susan, il piano girevole realizzato in marmo statuario, da 110 cm di diametro.

In un bilanciamento perfetto tra comfort e design, i tavoli Rafael vengono accostati dalle poltroncine. Ergonomiche e confortevoli, abbinano la struttura in teak a un inaspettato gioco di intrecci – realizzati in corda Round Rope Light Grey – della seduta, rinnovando quell’inconfondibile anima eclettica che caratterizza l’intera collezione. I supporti in plastica Grey della struttura fungono da elegante ‘vezzo’ decorativo e funzionale. Forza delle linee, bellezza dei materiali ed energia cromatica si riflettono, così, nei tavoli e nelle poltroncine dining Rafael, creando continuità con l’intero progetto.

sedia e tavolo da giardino

La collezione dining Rafael è un ‘omaggio’ alla tavola outdoor contemporanea, consente di personalizzare con unicità ed estro creativo gli ambienti residenziali e di valorizzare i più esclusivi spazi contract, interpretando la convivialità con originalità e ricercatezza.

www.ethimo.com

L’articolo Ethimo presenta Rafael dining set proviene da Dettagli Home Decor.

18 Febbraio 2021 / / Design

showroom Porro a New York

Un duplex per raccontare la produzione sartoriale del brand

A 5 anni dall’apertura di West NYC HOME, lo spazio espositivo dalla concezione innovativa progettato come una casa open-space affacciata sulla Fifth Avenue, Porro apre le sue porte poco distante, all’incrocio con la 20esima strada, il nuovo showroom multipiano West | Out East: uno scenografico duplex al 2° e 3° piano di un suggestivo palazzo del Flatiron District.

Ambientazioni giorno e notte dove l’altissima qualità dei sistemi e delle collezioni Porro incontra con l’eleganza morbida degli imbottiti Living Divani, si susseguono in un percorso sorprendentemente ricco di scorci e variazioni di scena: i muri completamente rivestiti dai sistemi sembrano sparire e gli arredi diventano architettura, in uno spazio dove su misura è la parola d’ordine.

Lo spazio si propone di intercettare il mondo degli architetti e dei developer newyorkesi, che possono contare su una produzione a catalogo particolarmente varia e articolata ed allo stesso tempo sulla propensione al servizio bespoke del brand.

Nell’ingresso accoglie il visitatore la sala da pranzo, utilizzabile anche come ufficio, dove la purezza geometrica del tavolo Materic di Piero Lissoni con sottile piano rotondo in marmo calacatta oro e base rastremata in massello di frassino naturale è abbinata alla madia pensile Modern laccata color sabbia, ideale come console e mobile contenitore.

showroom Porro a New York

Un armadio Storage design Piero Lissoni + Centro Ricerche Porro sceglie una struttura in ciliegio white, melamminico chiaro che riproduce la venatura del ciliegio stemperandone la colorazione rosacea con toni più neutri e passe-partout. Per la struttura delle ante in cristalllo trasparente è scelta la finitura cuvée, colore ricercato e prezioso che contribuisce ad alleggerire esteticamente la composizione.

showroom Porro a New York

Protagonista nel living room il sistema giorno di contenitori Modern, dove la ricerca quest’anno verte sul concetto del “tutto pieno”, per dare vita a intere pareti attrezzate perfettamente integrate nell’architettura e riservate al contenimento. Un’ampia composizione pensile, sollevata da terra e abbinata ad un’elegante e pratica base a cassetti, dove appoggiare a piacere televisore e oggetti o sedersi comodamente grazie al cuscino opzionale, crea una grandissima zona di contenimento animata dal piacevole gioco grafico delle ante realizzate in rovere.

showroom Porro a New York

Nella cucina, una composizione pavimento-soffitto Modern design Piero Lissoni + Centro Ricerche Porro per la zona pranzo gioca sullo svuotamento della fascia centrale impreziosita da un’alzata in marmo grey valantine, che separa la zona inferiore a cassetti e i pensili superiori in laccato avorio, colorazione neutra in forte contrasto con gli interni in black sugi. Tra essi 4 vetrine, con ante in cristallo trasparente, ripiani luminosi trasparenti e fondale in marmo, sulle cui basi sono inseriti i faretti a illuminare il piano di lavoro.

showroom Porro a New York

Nella media room una libreria System in rovere termotrattato opta per una divertente disposizione random con vetrine, anta scorrevole in vetro, cassetti vassoi e aree prive di schienale che danno vita a suggestioni vedo-non vedo.

showroom Porro a New York

Nell’angolo studio del salone principale, una composizione Modern + Load-it design Piero Lissoni e Wolfgang Tolk abbina mensole e pannelli a muro in acciaio al piano scrittoio e ai pensili Modern in pale moon, essenza riccamente venata dalle suggestioni tropicali.

showroom Porro a New York

Il design su misura Porro accompagna il visitatore anche nelle scale, dove viene scelta una libreria System nelle nuance calde e bionde dell’olmo termotrattato.

showroom Porro a New York

Nella master bedroom, il letto è accompagnato dai comodini HUB di Gabriele e Oscar Buratti in noce canaletto con top in marmo bianco carrara.

showroom Porro a New York

La cabina armadio principale, vero e proprio cuore della casa, sceglie il sistema di armadi, armadi a giorno e cabine Storage in melamminico hemlock cenere, dalle colorazioni neutre e passe-partout. Il nuovo profilo a sezione quadrata di 25x25mm alleggerisce ancora di più la sua struttura creando una sensazione aerea e di maggiore spazio, rendendo possibile l’integrazione tra Storage e Storage air e l’alternanza di vani completamenti trasparenti in cristallo ad altri parzialmente o completamente chiusi da ante.

showroom Porro a New York

Tra i suoi moduli si inserisce la Scarpiera Storage con ripiani inclinati e una Nicchia Vanity Modern + Load-it con pannelli a muro e mensole Load-it grigio porfido, pannello a specchio e piano sospeso Modern laccato grigio seta: perfetta per il trucco la sedia Draped Chair delle svedesi Front confortevole ma estremamente leggera con il suo rivestimento ispirato ad un drappeggio. A completare uno spazio perfetto in una casa cosi come nella più raffinata boutique di vestiti o calzature, vivono al centro 2 cassettiere Isola in melamminico black sugi, che alternano cassetti in legno e in vetro con il top rivestito in ecopelle tortora.

showroom Porro a New York

Infine, la grande area ufficio è animata dalla sequenza di pieni e di vuoti della libreria System, presentata in eucalipto con scala per raggiungere i piani superiori, fondali in cristallo fumé e moduli vetrina con ante in cristallo trasparente.

showroom Porro a New York

Con una presenza cosi importante dei 3 sistemi aziendali – il sistema di contenitori Modern, le librerie e pareti attrezzate System e gli armadi e le cabine armadio Storage – e delle collezioni per la zona giorno e la zona notte della casa, il nuovo showroom West | Out East si candida come il nuovo punto di riferimento a New York del brand italiano, che riafferma così la propria forza sui mercati esteri e la capacità di creare grazie all’ampiezza del proprio catalogo ed all’incredibile varietà delle finiture disponibili sempre diverse atmosfere raffinate e accattivanti, in forza di un approccio sartoriale che consente di declinare ogni prodotto a seconda del proprio gusto.

west | out east

133 Fifth Avenue @ 20th Street, 2nd & 3rd floor NY, NY 10010

  1. 212.529.3636

Monday – Friday | 9 am – 6pm

www.porro.it

L’articolo Porro presenta il nuovo showroom West | Out East di New York proviene da Dettagli Home Decor.

18 Febbraio 2021 / / Design

Living Divani Gallery Milano

Audace, specchiante, onirica: Living Divani Gallery in corso Monforte 20 a Milano cambia il suo layout mettendo in scena un allestimento dal fascino siderale e dalla forza suggestiva.

Inaugurato lo scorso settembre e concepito come uno stage teatrale dove mostrare le mille sfaccettature dello stile Living Divani, il nuovo avamposto milanese del brand di imbottiti di Anzano del Parco, si trasforma in un paesaggio surreale abitato da forme geometriche lucidissime e riflettenti, che creano uniformità estetica con l’architettura che le circonda.

Living Divani Gallery Milano

Firmato ancora una volta da Piero Lissoni, Art Director e designer di Living Divani dal 1989, il nuovo allestimento – a tratti glamour, a tratti puro ed eclettico – racconta la perfezione rigorosa, l’armonia degli spazi e il lusso understated del brand rivestendo con un tessuto argentato alcuni tra i prodotti iconici dell’azienda ad emblema della sua ricerca costante per definire nuove forme di relax, suggerire nuovi modi di abitare e ispirare nuovi stili di vita.

Living Divani Gallery Milano

Sulle vetrine di Corso Monforte sfila un’ampia composizione Extrasoft, nato nel 2008 come evoluzione in chiave più morbida di Extra Wall con l’obiettivo di disegnare un prodotto più rassicurante, sostituendo ad un’idea di rigore un nuovo concetto di morbidezza più adatto agli interni domestici: un divano componibile dalla stupefacente versatilità, costituito da sedute accoglienti e ospitali che si accostano l’una all’altra secondo composizioni sempre diverse e su misura. Un’idea semplice e dirompente; un modello decostruito e ricostruito in un gioco di continua rielaborazione, che ha saputo negli anni conquistare il pubblico internazionale entrando nelle abitazioni più belle di tutto il mondo, sempre pronto ad invadere “nuovi territori” con nuove declinazioni spaziali e materiche, come allude il singolare rivestimento metallizzato.

Living Divani Gallery a Milano

Sul lato Visconti di Modrone invece, tra la lamiera grecata che riveste le pareti con inserite luci al neon, ed il pavimento in lamiera lucida, si inserisce una seconda ambientazione dove protagonista è Ile Club, sempre a firma Piero Lissoni, caratterizzato da forme piene e soffici sostenute da un perimetro metallico sottile. Presentato nelle varianti divano e dormeuse, viene declinato sia in argento che in pelle color antracite, lo stesso rivestimento utilizzato anche per le poltroncine Confident dalle linee arrotondate accostate ad Extrasoft, grazie a cui l’allestimento acquisisce un progressivo realismo alludendo a possibili scenari progettuali.

Living Divani Gallery Milano

Una scenografia poetica e teatrale, in grado di ammaliare con i suoi riflessi l’intera Milano grazie alle maestose vetrine su uno degli incroci più trafficanti della città oltre a ribadire la forza comunicativa intrinseca nel brand dall’eleganza silenziosa. Living Divani Gallery, con questo restyling, regala ai visitatori l’occasione per vivere in maniera unica e personale l’esperienza dello stile Living Divani, mai scontato, e che al contempo non rinuncia alla raffinatezza, alla ricercatezza e alla personalizzazione, valori che l’hanno resa punto di riferimento nel panorama del design internazionale.

L’articolo Living Divani Gallery: nuovo allestimento firmato Piero Lissoni proviene da Dettagli Home Decor.

19 Gennaio 2021 / / Laura Home Planner

La Scelta controcorrente del brand

Con 2,5 milioni di followers, l’azienda italiana Bottega Veneta ha deciso di iniziare l’anno nuovo col botto, tagliando i ponti coi social. 

Ebbene sì. L’azienda guidata da Daniel Lee ha dato un taglio ai social networks – tra cui i big della comunicazione Facebook, Instagram e Twitter –

lasciando tutti a bocca aperta, innescando fin da subito perplessità negli utenti followers del brand.

Molti gli humor, sulla nascita di una strategia marketing controcorrente agli standard utilizzati non solo dal fashion system ma dal mondo business per intero.

Trovandoci oggi in un’era in cui i social sembrano essere essenziali per un efficace strategia marketing, la mossa del marchio ha fatto scalpore richiamando a sé – la probabile – attenzione sperata.

Ma facciamo un passo indietro: da cosa sembra essere scaturita questa mossa radicale anti-social?

Essenzialmente dalla presentazione Salon 01 London avvenuta lo scorso dicembre e annunciata dal marchio a Londra, alla quale solo un illustre gruppo di celebrità ha avuto accesso.

Insomma, fin qui oserai dire nulla di strano… eccetto il divieto dato da Lee ai propri ospiti ad interagire con qualsiasi tipo di social media, segnalando una possibile uscita di scena dalle reti sociali online tanto temute da Lee.

Nonostante l’avvertimento, nessuno si sarebbe mai aspettato che il marchio italiano sarebbe divenuto offline in breve tempo.

Ma come possiamo interpretare questa iniziativa portata avanti da Bottega Veneta?

Come anticipato precedentemente, questa decisione potrebbe rappresentare la nascita di una strategia marketing offline verso obbiettivi aziendali differenti.

Sicuramente tra i primi, l’affermazione di unicità della maison italiana, dunque, allo sviluppo di un’aura misteriosa volta alla crescita del valore del brand. A tal proposito, è d’obbligo menzionare il marchio Martin Margiela: pioniere di una gloriosa assenza.

Tra gli altri, la diversificazione dunque l’affermazione del marchio ad un target di pubblico offline, fuori dalla presenza social.

Concludendo, la scelta del brand, potrebbe tracciare la nascita di un nuovo trend nel settore moda, oppure rimanere un rumore in mezzo alla caotica follia dei social.

Ovviamente, solo il tempo ci darà nuove risposte e chissà, forse Bottega Veneta tornerà in auge sulle reti sociali online, abbattendo nuovamente gli stereotipi mediatici ad oggi tanto lodati.


B.

L’articolo BOTTEGA VENETA DICE NO AI SOCIAL proviene da Laura Home Planner.

19 Ottobre 2020 / / Design

realtà virtuale e interior design

Allo spazio di Visioninterne, ‘Ambassador’ di Archiproducts, il più grande catalogo ed e-commerce di arredamento, abbiamo provato l’emozione di muoverci, come dal vivo in un progetto di interior design in Realtà Virtuale Immersiva.

Durante la Fall Design Week siamo stati invitati da Archiproducts alla scoperta di pezzi all’ultimo grido per le tendenze d’arredo che quest’anno non avevamo ancora avuto modo di toccare con mano. Una proposta inaspettata inoltre è stata quella della realtà virtuale che ci ha mostrato un nuovo modo di progettare e non da meno un nuovo modo di relazionare tra professionisti e clienti.

La realtà virtuale, il progetto in versione immersiva

Un’avventura per chi è del settore, una sicurezza per chi si trova a cambiare case ed è alle prese con ansie e difficoltà di scelta. È questa l’idea che ha spinto Visioninterne a realizzare progetti in Realtà Virtuale Immersiva. Analizzando l’esigenza di clienti che spesso vivono con ansia la fase di progetto abitativo, l’incubo della scelta, il panico dell’attesa che lo accompagna fino al fatidico momento di entrare nella nuova casa, una volta completata ecco che il virtuale arriva in soccorso.

visore realtà virtuale immersiva

Abbiamo indossato il visore per voi ed abbiamo fatto un’emozionante esperienza, curiosi vero?Beh la situazione è la stessa per chi sta definendo i dettagli della propria casa, “ci si ritrova nella propria abitazione come in una scena di Matrix” definiscono infatti i membri dello studio Visioninterne, primo ad occuparsi e proporre questo tipo di elaborazione. E noi possiamo confermare che è proprio così! “Ci si muove tra mobili e stanze come dal vivo, si ‘toccano’ superfici e si ‘provano’ i dettagli costruttivi, si sperimentano prospettive e sguardi d’insieme.”

Visioninterne alla Milano Design City 2020

Porgettare con esperti di housing

La tecnologia avanzata di Visioninterne consente al cliente di inserire in diretta varianti di colore e materiali per arrivare alla soluzione ottimale e alla completa sicurezza dell’investimento.

Il progetto è legato alla consulenza di esperti di housing e psicologia, una nuova scienza entrata da poco nelle università italiane e che oggi ha nelle neuroscienze una fonte di metodi di indagine e di informazioni che possono davvero aiutare tutti a trovare le soluzioni di arredo più consone alle proprie esigenze di autorealizzazione e di benessere.

www.visioninterne.it

Articolo di Silvia Fabris

L’articolo La realtà virtuale immersiva di Visioninterne proviene da Dettagli Home Decor.

11 Luglio 2020 / / Laura Home Planner

Un occhio all’alta moda digitale

In risposta al Covid-19 ed in accordo con la prossima settimana della moda digitale Milanese, anche la Paris Haute Couture week si è presentata in formato virtuale.

In scena dal 6 all’8 luglio scorso, l’esibizione si è conclusa ieri alle 18:00 con Valentino.

Le collezioni Fall/Winter 20-21 sono state rese accessibili online ed attraverso specifici canali.  

Per visionare le collezioni, è stata implementata la piattaforma dedicata alla Paris Haute Couture Week. Le presentazioni virtuali di ciascun stilista in calendario, sono state rese accessibili agli utenti che connettendosi al sito, hanno potuto essere aggiornati in tempo reale sulla manifestazione parigina.

Sempre online, attraverso i profili social della Fédération de la Haute Couture et de la Mode, è stato possibile seguire le sfilate.

Tra gli altri emittenti, i canali ufficiali delle case di moda presenti in calendario, il programma televisivo ParisFashion istituito da Canale + e Radio Nova.

Il numero delle maisons protagoniste? Trentaquattro.

Ma come si è svolta concretamente la Paris Haute Couture Week? Quali maisons hanno segnato questo evento? Vediamolo insieme.

Per prima cosa, ci sono stati dei cambiamenti radicali nella presentazione delle sfilate. Infatti, molti dei marchi presenti in calendario, hanno deciso di partecipare alla settimana d’alta moda di Parigi presentando le proprie collezioni sotto forma di fashion film, video musicali, interviste e documentari.

6 luglio 2020.

Di fatto ad inaugurazione dell’evento, la maison Schiaparelli ha scelto di rimandare la propria sfilata a dicembre 2020 presentando online un cortometraggio a rappresentanza della collezione.

Da nominare tra gli Haute Couture members, sicuramente la maison Christian Dior. Il fashion film dall’animo delicatamente surrealista realizzato da Matteo Garrone è uno splendido omaggio all’artigianalità del marchio ed al suo legame con il surrealismo.

Proseguendo fra i Guest members, consiglio la visione del docu-fashion film del marchio Ulyana Seergenko. Gli abiti finemente ricamati d’ispirazione anni ’40, grazie alla loro sinuosità, sembrano prendere vita addosso alle modelle.

Successivamente, suggerisco di guardare la video presentazione musicale del marchio Azzaro Couture. Di stampo anni ’80, riflette un’atmosfera retrò.

7 Luglio 2020.

Ad avviare il secondo giorno di manifestazione online, il marchio Chanel. Elegantemente punk, la presentazione del brand è un chiaro omaggio al direttore artistico Karl Lagerfeld, scomparso il 19 febbraio scorso.

Molto interessante il progetto di rielaborazione Face to Face del designer Yuima Nakazato di cui consiglio vivamente la visione.

8 luglio 2020.

A conclusione della manifestazione, da nominare tra i Correspondent members le maison Viktor&Rolf e Valentino. Se il primo tra i due marchi ha scelto di creare una presentazione irriverente ed assolutamente attuale, il secondo ha creato un cortometraggio sensualmente astratto che invita alla performance live della collezione F/W 20-21 che si terrà a Cinecittà il 21 luglio prossimo alle ore 16:00

Dunque, una Paris Haute Couture Week di gran lunga differente da quelle passate, ma di certo, un esperimento di successo dove creatività e maestranza artigiana sono riuscite a farsi spazio, nonostante l’incontro forzato sul web.

Ricordo inoltre l’appuntamento con la Paris Fashion Week. Le collezioni uomo saranno presentante online da oggi al 13 luglio 2020.


B.

L’articolo PARIS HAUTE COUTURE WEEK proviene da Laura Home Planner.