26 Febbraio 2021 / / Idee

Arredare il bagno potrebbe sembrare un’operazione semplice, considerando le dimensioni piuttosto contenute di questo ambiente, ma è l’esatto opposto.

Arredare il bagno

Proprio perché le dimensioni sono ridotte, il margine di errore si riduce sempre di più e bisogna valutare con attenzione lo spazio a disposizione.

Pur mantenendo una finalità principalmente funzionale, il bagno negli ultimi anni ha cambiato pelle ed è diventato un luogo dove rilassarsi o concedere alcuni minuti alla beauty routine. Alla funzionalità deve quindi associarsi la massima praticità, senza ovviamente rinunciare all’estetica ed al design.

I 3 punti da cui partire per arredare il bagno: dimensioni, colori ed usura

Per arredare il bagno bisogna partire dalle sue dimensioni, facendosi così un’idea degli elementi da inserire per mixare utilità ed estetica. È necessario però privilegiare per prima cosa la funzionalità e solo in un secondo momento prestare attenzione all’estetica. Un bagno, per quanto ben curato e con dettagli di design accattivante, dove però è difficile muoversi o che rallenta le operazioni, è del tutto inutile.

Dopo aver scelto i giusti arredi per assolvere ai criteri di funzionalità, è possibile concentrarsi sulla parte relativa al design ed in particolare ai colori. Il bagno è una delle zone della casa che meglio si presta ai più svariati abbinamenti cromatici. Questo non significa creare un’accozzaglia di colori, ma è consigliabile preferire tonalità che ricordano l’acqua e la natura, integrandole con armonici contrasti vivaci. A tal proposito è opportuno scegliere attentamente i rivestimenti, che vanno dalla carta da parati alle diverse tipologie di piastrelle.

Infine l’ultimo aspetto da considerare riguarda l’usura. Il discorso qui si fa più ampio, poiché i diversi elementi ed accessori nei bagni garantiscono durate di vita diverse. Le ceramiche bagno ad esempio devono garantire una durata maggiore rispetto ad una mensola o un armadietto, poiché vanno cambiate meno frequentemente. Molto dipende anche dai materiali scelti, che devono offrire buone prestazioni soprattutto a contatto con l’acqua e l’umidità.

Sanitari e mobili, gli elementi da cui partire

Quando si vuole arredare il bagno, bisogna partire da due elementi: sanitari e mobili. I sanitari, ovvero il lavabo, il Wc e il bidet, vanno scelti con estrema cura, poiché devono durare il più a lungo possibile. Oggi la scelta è molto più ampia e si possono commissionare sanitari su misura, in base alle dimensioni del bagno ed alle proprie esigenze estetiche. In commercio esistono anche sanitari ovali o sospesi, che creano un ambiente più ordinato e pulito. I sanitari bagno possono essere realizzati anche dello stesso colore della vasca, creando una gradevole continuità stilistica in tutto l’ambiente.

Successivamente vanno poi scelti i mobili bagno, che devono essere accoglienti, funzionali e soprattutto in grado di contenere quanti più oggetti possibili per ottimizzare gli spazi. Il mercato offre soluzioni variegate anche per quanto riguarda i mobili bagno, disponibili in diversi colori, forme e dimensioni per adattarsi alle esigenze funzionali ed estetiche.

Doccia o vasca?

Bisogna fare una scelta importante quando si rinnova il bagno: vasca o doccia? Molto dipende dalle dimensioni del bagno, ma anche dalle proprie abitudini personali. In un bagno di piccole dimensioni, dove è necessario ottimizzare gli spazi, è consigliabile una doccia, soluzione più pratica e sbrigativa per chi si lava generalmente in pochi minuti.

Nei bagni di grandi dimensioni una vasca ha un maggiore impatto estetico e visivo e consente di valorizzare meglio l’ambiente. Risulta inoltre la soluzione ideale per chi vuole trasformare il bagno in una piccola spa personale, dove rilassarsi e distendersi dopo una lunga giornata lavorativa.

La scelta dei rubinetti

Tra gli elementi da considerare con attenzione ci sono i rubinetti, che devono essere pratici e naturalmente integrarsi perfettamente con l’ambiente circostante e gli altri arredi. Se ne possono individuare 3 tipologie: rubinetti tradizionali, miscelatori termostatici e miscelatori monocomando, quest ultimi introdotti ormai da quasi 50 anni.

Arredare il bagno

Il rubinetto tradizionale è dotato di due maniglie che consentono di erogare a scelta acqua fredda o calda. Sono modelli poco utilizzati negli ambienti moderni, ma fanno ancora la loro bella figura soprattutto in bagni classici e di ispirazione vintage.

I miscelatori termostatici al loro interno dispongono di un termostato che consente di mantenere costante la temperatura dell’acqua, e possono essere usati anche per la doccia e per la vasca.

I miscelatori monocomando dispongono di un’unica leva che consente di regolare l’erogazione di acqua calda o fredda.

Gli ultimi dettagli

Infine gli accessori bagno contribuiscono ad abbellire il bagno e migliorarne ulteriormente gli aspetti pratici. Gli specchi sono tra gli elementi più importanti, poiché danno un maggior senso di spazio e di ampiezza, soprattutto se posizionati strategicamente per riflettere la luce naturale. Consentono inoltre di creare uno spazio destinato al benessere visivo, dove dedicarsi alla beauty routine quotidiana.

Arredare il bagno

Altri accessori utilissimi sono le mensole, che occupano poco spazio e consentono di riporre ordinatamente i propri oggetti personali, da prendere al momento opportuno. L’offerta comprende tanti altri elementi come porta-asciugamani, appendi-accappatoi, porta-biancheria, scatole funzionali disponibili in diverse forme, colori e dimensioni da scegliere secondo le proprie specifiche necessità.

24 Febbraio 2021 / / Design

sanitari sospesi in ceramica bianca

Per tutto il 2021 l’installazione di nuovi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a basso consumo d’acqua, darà diritto al nuovo Bonus Idrico con un incentivo all’efficienza di 1.000 euro che comprende le spese per le opere idrauliche e murarie e gli oneri di smontaggio e dismissione dei vecchi sistemi.

I prodotti per il Bonus Idrico di RAK Ceramics

Con una portata uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, le soluzioni di sanitari RAK Ceramics permettono di sostituire i sanitari di casa con le agevolazioni fiscali moltiplicando il risparmio.

Tra i sistemi che accedono al Bonus Idrico ci sono i sistemi di risciacquo da incasso RAK-Ecofix e RAK NeoFix, ideali per tutte le tipologie di impianto idrosanitario. Uniscono funzionalità ed estetica, con un notevole risparmio di spazio in ogni tipo di bagno. Le placche di comando invece si integrano perfettamente con qualunque stile e design, mentre i sistemi dual flush (a doppio scarico, 3 o 6 litri) riducono il consumo di acqua. Tutti i sistemi sono perfettamente integrati con la ampia gamma di sanitari sospesi o a filo muro RAK Ceramics e si adattano alla perfezione ad ogni ambiente domestico o alle esigenze dei grandi progetti.





Tra i prodotti che accedono al Bonus ci sono tutti i vasi del catalogo RAK Ceramics tra le quali RAK-Illusion, RAK-Cloud, RAK-Resort, RAK-Metropolitan, RAK-Sensation RAK-Morning e RAK-Feeling. Collezioni caratterizzate dal design pulito ed elegante e dettagli sorprendenti con vasi rimless (senza brida) che garantiscono una maggiore efficienza nel consumo d’acqua, alti standard igienici ed un risciacquo più silenzioso.

Potranno beneficiare del bonus idrico le persone fisiche residenti in Italia. L’agevolazione non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva ai fini dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).

È possibile utilizzare il bonus fino al 31 dicembre 2021.

Le modalità di erogazione non sono state ancora definite e saranno oggetto di un decreto del Ministro dell’Ambiente che verrà emanato entro il mese di marzo.

Per maggiori informazioni www.rakceramics.com

L’articolo Sostituire i sanitari di casa con le agevolazioni fiscali proviene da Dettagli Home Decor.

21 Gennaio 2021 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Contrariamente a quanto si possa pensare, la sala da bagno, anche nel caso di piccoli bagni, è una stanza che merita la giusta dose di attenzione e di cura.
E’ di fondamentale importanza, infatti, cercare di trovare la combinazione migliori di colori, luci, rivestimenti per far sì che anche essa possa godere di un’ottima estetica.

Qual è la miglior tipologia di parete?

Una sala da bagno, in genere, ospita delle pareti dai colori neutri in modo da poter ospitare il tipo di rivestimento che più si desidera.

Tuttavia, è comunque importante tenere a mente che una parete a contrasto può essere installata senza problemi, purché si rispettino una serie di crismi imprescindibili.

Una parete che crei il giusto contrasto con la luce del bagno e con la sua pavimentazione può essere una buona idea, a patto però che ce ne sia soltanto una per non creare una dissonanza tra i vari colori.

All’interno della doccia si può mettere, per esempio, una parete che abbia un’estetica marmorea o magari beige, così da non creare un effetto brutto da vedere.

Un colore come il blu, ad esempio, potrebbe contribuire a dare all’ambiente quel tocco di personalizzazione in più che spesso si ricerca quando si tratta di arredare la propria casa.

Come risparmiare del rivestimento prezioso?

Qualora si volesse risparmiare del prezioso rivestimento, può rivelarsi un’idea vincente adottare lo smalto lavabile, una particolare tipologia di vernice ampiamente utilizzata nelle case.

Lo scopo principale di questa vernice, è quella di rivestire le pareti con colori acrilici con finiture lucide, semi lucide o satinate; grazie alla sua particolare composizione chimica, lo smalto lavabile è in grado di assorbire una parte d’acqua decisamente irrisoria, se non addirittura nulla.

E’ la soluzione ideale per tutti coloro i quali vogliano lavare le pareti del bagno (anche attraverso l’utilizzo di detergenti) senza però compromettere l’integrità del colore, andando così a risparmiare anche preziosi centimetri di rivestimento.

Qualche idea per scelte più particolari e ricercate

Qualora si desideri dare al proprio bagno un tocco del tutto personale, è bene tenere in considerazione l’idea di poter utilizzare dei particolari rubinetti neri o dorati, così da creare un dolce contrasto visivo tra il bianco del bagno e le colorazioni strong della rubinetteria.

Grazie a questa opzione, dunque, si potrà dare al proprio bagno un’identià del tutto diversa e nuova.

Da non sottovalutare anche la possibilità di studiare soluzioni su misura dove potrai stipare asciugamani, accappatoi o altre cose utili per il bagno.

Per avere un’idea più precisa su tutti quelli che sono i mobili migliori da acquistare, il web si rivela essere la soluzione adatta: è possibile, infatti, cercare i Mobili per Bagno Online per poter avere sin da subito un’ampia possibilità di scelta.

L’illuminazione

E’ bene tenere a mente che anche l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale: per far sì che il bagno ispiri una sensazione di relax e di comfort, è importante cercare delle luci che suggeriscano un’atsmofera rilassante e distesa, evitando quanto più possibile delle luci eccessivamente forti che potrebbero risultare fastidiose, soprattutto se si considera il tempo spesso prolungato che si trascorre in una stanza da bagno.

Seguire questi consigli, quindi, sarà risolutivo per arredare al meglio il proprio bagno.

L’articolo Idee di stile e illuminazione per piccoli bagni proviene da easyrelooking.

29 Dicembre 2020 / / Case e Interni

Come scegliere mobili di design per il bagno

Il concetto di interior design non si applica soltanto alle stanze della casa che restano maggiormente in vista, come soggiorno e cucina. La tendenza attuale punta sempre di più anche all’estetica e alla bellezza del bagno, l’ambiente della casa più funzionale per la famiglia in assoluto.

L’obiettivo è rendere l’ambiente organizzato con stile

Il bagno è il luogo della privacy e del comfort, un piccolo paradiso personale in cui è bello ritirarsi dopo le stressanti giornate di lavoro. Ecco perché non bisogna sottovalutarne l’arredo. Dalla scelta del lavabo, singolo o doppio, a quella di mensole, mobili sospesi o a terra fino agli specchi, l’obiettivo è rendere l’ambiente perfettamente organizzato, ma con stile. Quando si cercano mobili per bagno occorre procedere per gradi, innanzitutto valutando gli spazi a disposizione e stabilendo quali siano le personali necessità ed esigenze da rispettare.

Come scegliere mobili di design per il bagno

Lavabo doppio, mobili contenitori e arredo in verticale

Bisogna mettere in chiaro quale sia il ruolo di questo ambiente nel contesto domestico: si tratta dell’unico bagno, magari caratterizzato da dimensioni ampie o di una stanza di servizio? Questo aspetto influirà molto sulle caratteristiche dei mobili, specie per ciò che concerne dimensioni e capacità contenitive.

Una sala da bagno grande potrà per esempio accogliere un mobile con lavabo doppio, sempre più amato nel mondo del design. Questo potrà essere provvisto di un’ampia cassettiera e mensole o pensili, dove riporre asciugamani e prodotti di bellezza. Se opti per questa scelta, dovrai, però assicurarti di avere almeno 140 cm liberi su una parete, per pensare di collocarlo comodamente nella stanza. Nell’ambiente ampio potranno trovare spazio sia mobili da terra, più classici e voluminosi, che mobili sospesi caratterizzati da forme, colori e materiali diversi.

Come scegliere mobili di design per il bagno

Se è il bagno di servizio quello che stai cercando di rinnovare o comunque si tratta di un bagno più piccolo, ci sono soluzioni di design sospese e più facili da pulire. Senza dimenticare di prevedere un tocco di stile, magari ricorrendo a top in marmo e altre finiture di pregio. Potrai rivolgerti a mobili a colonna – che moltiplicheranno lo spazio contenitivo – o sviluppare l’arredo in verticale, inserendo mensole e pensili.

Dimensione e livello di illuminazione della stanza

Progettare al centimetro gli spazi vuol dire scegliere i complementi d’arredo più adatti dal punto di vista stilistico e definire la giusta tipologia dei mobili di design.

In una stanza ampia, ma con scarsa illuminazione naturale, sarà importante riuscire a giocare con le superfici riflettenti, dunque via libera a specchi XL con finiture eleganti e fregi contemporanei, ma anche a box doccia in vetro o cristallo con cromoterapia. I mobili sospesi potrebbero a loro volta essere provvisti di superfici riflettenti, come ante lucide o a ante a specchio. Nel caso di un bagno piccolo si può ricorrere a mobili che hanno luci già integrate, così da adattare la luce stessa alle proprie esigenze.

Come scegliere mobili di design per il bagno

Vasca da bagno, box doccia e arredamento diffuso

Una stanza stretta e lunga risulterà più adatta all’inserimento di una vasca da bagno, ad ogni modo la presenza di quest’ultima non esclude quella della doccia, anzi in determinati contesti possono essere presenti entrambe.

L’arredamento cosiddetto ‘diffuso’ è più congeniale a stanze molto grandi, all’interno delle quali i mobili bagno sono distribuiti seguendo un criterio coerente. E i materiali? Il legno è di gran voga tra le soluzioni di design, che consentono di recuperare un rapporto diretto con la natura. Non mancano finiture cromate e mobili decapati, mentre si fa largo lo stile vintage e shabby, assieme a quello industriale.

Come scegliere mobili di design per il bagno

______________________________________

Anna e Marco DMstudio – CASE E INTERNI

18 Dicembre 2020 / / Design

In esclusiva per gli iscritti alla newsletter, la guida per le tendenze bagno 2021, un utile punto di partenza per il vostro progetto di rinnovamento.

Tendenze bagno 2021

In esclusiva per gli iscritti alla newsletter, una piccola guida che spero vi sarà utile nel caso abbiate intenzione di rinnovare il vostro bagno nei prossimi mesi. Visto che si tratta di un intervento impegnativo, spesso è difficile scegliere tra i colori, i materiali, i mobili, gli apparecchi sanitari e la rubinetteria, creando un insieme armonioso. Conoscere in anticipo le tendenze può essere un utile punto di partenza per il vostro progetto. Ecco una piccola anticipazione degli argomenti che troverete nella guida:

Il bagno come rifugio

La parola d’ordine, nel mondo degli interni, per il 2021 è armonia. Pochi selezionati colori, semplicità, materiali naturali per fare del bagno un ambiente caldo e confortevole, un’oasi di relax per dedicarsi a se stessi.

A causa della crisi pandemica, il concetto di casa è cambiato. Non è più solo il luogo dove ci si rilassa, si passa il tempo con la famiglia e si ricaricano le batterie per il quotidiano. In realtà, oramai la casa svolge molti ruoli extra: via via palestra, scuola, ufficio, sala riunioni in videocall. Il bagno, necessariamente, sfugge a questa logica, assumendo il ruolo di luogo intimo, nel quale tutte le preoccupazioni quotidiane sono bandite. Oggi più che mai, i piccoli momenti di piacere che possiamo concederci tra le mura domestiche sono un’ancora cui aggrapparsi, e un bagno accogliente, funzionale e confortevole è fondamentale per regalarci un po’ di serenità. Il bagno nel 2021 sarà il nostro rifugio.

Tendenze bagno 2021, i colori

Scegliere i colori del bagno è sempre un po’ complicato. Si tratta di una decisione importante, perché tali colori ci accompagneranno per molto tempo. Un valido aiuto ce lo possono fornire le anticipazioni sulle tendenze nel design e nel lifestyle. Si possono prendere idee e ispirazioni, così da evitare di stancarsi o di avere un bagno non in linea con i gusti contemporanei. Scoprite i colori per le tendenze bagno 2021.

Tendenze bagno 2021

Rivestimenti e arredo

Per i rivestimenti, continua la contrapposizione tra grandi e piccoli formati che già aveva caratterizzato gli anni passati. Le grandi lastre in grès porcellanato dominano il mercato, e le finiture più ricercate sono le pietre naturali, il marmo e il legno. Nei piccoli formati, piastrelle a motivo geometrico o floreale, e l’ormai onnipresente “terrrazzo”,  si confermano come la migliore scelta per chi desidera un bagno decorativo o in stile retrò.

Tendenze bagno 2021

L’ arredobagno nel 2021 propone mobili compatti dalle linee essenziali, sia con lavabi integrati che da appoggio. Il design pulito non significa neccessariamente che lo stile sia minimalista, tutt’altro. I giochi materici e cromatici, i piccoli spunti decorativi e le citazioni dell’estetica anni ‘60 o degli stili del passato, come l’Art Déco, regalano ad arredi e accessori un tocco eclettico e contemporaneo.

Docce, vasche e rubinetterie

Il box doccia walk in è di grande tendenza, mentre i piatti doccia e le vasche in materiale tecnico vanno per la maggiore, e hanno ormai quasi del tutto sostituito quelli in ceramica. Per quanto riguarda le vasche, grande risalto per i modelli free standing . 

Lo stile e i colori della rubinetteria nel 2021 seguono le tendenze generali, con il nero protagonista assoluto, inserti in marmo  e design essenziale con un tocco decorativo e citazioni Art Dèco.

Tendenze bagno 2021, la Spa in casa

La Spa in casa è la nuova frontiera dell’ambiente bagno. Oggi è possibile installare soluzioni “all in one” prefabbricate, con una spesa contenuta e senza affrontare lavori di ristrutturazione. Saune, Hammam, cromoterapia, idromassaggio, da oggi sono a portata di mano e sempre a disposizione.

Tendenze bagno 2021

Come fare per avere la guida tendenze bagno 2021

Per poter scaricare la guida tendenze bagno 2021, è sufficiente iscriversi alla newsletter mensile. Tutti gli iscritti potranno scaricarla direttamente nella newsletter che avrete ricevuto oggi nella casella e-mail.

Ecco il link per iscriversi: newsletter mensile lagattasultetto design blog.

Buona lettura!

5 Dicembre 2020 / / Design

come rendere speciale il nostro bagno

Oggi vi voglio parlare dei rubinetti per lavabo, o meglio come rendere speciale un bagno grazie alla rubinetteria.

Se avete deciso di ristrutturare il bagno per renderlo più moderno, di design e affascinante, mi raccomando non perdete d’occhio il discorso rubinetti per il lavabo!

Di solito quando scegliamo di rifare il bagno, concentriamo la nostra attenzione maggiormente sui rivestimenti, i sanitari o il mobile portalavabo. Anche la rubinetteria è molto importante però, sia dal punto di vista funzionale (visto che viene usata tutti i giorni più volte al giorno), sia dal punto di vista estetico, perché può essere davvero quella che farà la differenza dello stile.

Per realizzare un bagno originale, di impatto ed elegante, dunque, puntiamo sui rubinetti per lavabo, concentrandoci su tre aspetti: forma, colore e modello

I vari Modelli di rubinetti per il lavabo: focus da parete e da piano

Non esistono solo i classici modelli di rubinetti per lavabo da posizionare direttamente sul lavandino nei fori già predisposti; ci sono modelli a parete e da piano, che a volte possono essere molto utili e risolutivi, oltre che bellissimi.

Se dobbiamo effettuare una ristrutturazione radicale del bagno, possiamo optare per un rubinetto a parete, sarà una soluzione di cui non vi pentirete.

I rubinetti per lavabo a parete sono veramente una scelta di stile; bellissimi ed elegantissimi, non passeranno mai inosservata e saranno sufficienti, quasi da soli, a donare tutto un altro aspetto al bagno, rispetto al classico ambiente, standardizzato e senza personalità.

oltre ad essere molto elegante e di design, il rubinetto a parete, permette di risparmiare parecchio spazio sul piano del lavabo; cosa da non sottovalutare sia per chi dovesse avere poco spazio da sfruttare al meglio, sia per chi, comunque, preferisce avere il piano più libero possibile.

Il posizionamento di un rubinetto a muro, ovviamente, prevede un intervento edile sulla parete in cui dovrà venire alloggiato (poiché dovranno essere portate le tubature a parete a cui collegare il rubinetto).

Si tratta comunque di una lavorazione molto semplice per i professionisti del mestiere.

I rubinetti per lavabo da piano non necessitano invece di lavori di muratura e vanno installati direttamente sul piano del mobile porta lavabo; si usano quando il lavabo è “da appoggio” o quando è integrato al piano del mobile sotto lavabo. Anche questo modello è estremamente elegante e di design la sua caratteristica è di essere più alto rispetto agli altri e dall’aspetto slanciato.

A seconda del modello di rubinetto che sceglierete dovete selezionare accuratamente anche il lavandino (e viceversa); questo non solo per un fattore estetico, ma anche funzionale per il getto d’acqua che riceverà.

Tutti i modelli possono essere miscelatori monoforo, con manopole monoforo o a tre fori.

Rubinetti per lavabo: La forma

Per quanto riguarda la forma dei rubinetti per lavabo, potete sceglierne una più minimale, dalle linee tondeggianti o squadrate, oppure con delle caratteristiche nel disegno più particolari. Esistono i modelli con bocca “a cascata”, molto scenografici, o con miscelatore dal design accattivante, come quelli a forma arcuata o trapezzoidale. Insomma, puntate l’attenzione sulle svariate forme particolari che si trovano in commercio e che possono differenziare la vostra rubinetteria dalle solite viste, però senza esagerare!

Non dimentichiamo, infatti, che il rubinetto deve essere semplice da usare e da pulire e che, per quanto debba essere protagonista, non deve diventare l’unica cosa che risalta nel bagno, ma armonizzarsi con tutto il resto.

Nero, colore di design per i rubinetti per lavabo

In fine parliamo di colore ed in particolare del colore nero. Io adoro la rubinetteria nera da sempre, è elegantissima, moderna, di design e anche il modello più semplice acquista un grande stile con questo colore.

Negli ultimi anni devo dire, inoltre, che la rubinetteria di colore nero, è diventata molto attuale e la ritroviamo proposta da moltissime aziende.

È ideale per realizzare un bagno semplice e con poca spesa; ad esempio, per chi ama lo stile black & White, saranno perfette anche delle semplici mattonelle bianche 20×20, che abbinate alla rubinetteria nera vi faranno ottenere un bagno favoloso con pochissima fatica.

La rubinetteria nera si abbina meglio di quanto possiate credere, certamente a bagni moderni, ma anche eclettici; per uno stile maschile con il grigio, inglese in bianco e nero, eclettico abbinati al legno.

Per il vostro nuovo bagno lasciatevi guidare dall’istinto e dallo stile e puntate sulla rubinetteria!

L’articolo Tre tendenze per i rubinetti per il lavabo. proviene da Architettura e design a Roma.

27 Novembre 2020 / / Design Ur Life

Lo sgabello da bagno può avere un ruolo molto importante sul nostro benessere fisico, ma come si dice, anche l’occhio vuole la sua parte.

Quando ho visto per la prima volta questo sgabello da bagno, non ho pensato che fosse uno sgabello, ma per me poteva essere qualsiasi altro oggetto di design. Invece, è uno sgabello da toilette che fa bene alla salute fisico. Ti starai chiedendo come? Continua a leggere il post e poi ti aspetto nei commenti per sapere la tua opinione.

Sgabello da bagno

Ci sono argomenti che sono un tabù, mentre dovrebbero essere normali e parlarne senza problemi. Come ad esempio, la salute intestinale dato dalla corretta posizione della defecazione. Nella cultura occidentale le persone sono abituate a sedersi sul gabinetto e quindi hanno una posizione a 90 gradi. Tuttavia, questa postura non è corretta e rende i movimenti intestinali difficili. Mentre usando lo sgabello da bagno sotto ai piedi aiuterebbe ad adottare una posizione naturale. Quindi, l’uso regolare ha un effetto positivo sulla nostra salute intestinale in generale.

Sgabello da bagno
Sgabello da bagno

A prima vista, lo stuul non è quindi affatto riconoscibile come sgabello da bagno e diventa un’oggetto di design per il bagno che promuove la salute. Inoltre, è prodotto in Germania con un processo 100% sostenibile. È realizzato con un materiale high-tech, 100% riciclabile, una schiuma antiparticolato ad alta densità. Questo materiale leggero e caldo è delicato sulla pelle, resiste agli urti senza danni ed è resistente alla maggior parte dei prodotti chimici.

Sgabello da bagno

Il set è composto da due sgabelli identici che possono essere incastrati uno dentro l’altro per risparmiare spazio.

Il team di designer ha già ricevuto tre rinomati premi internazionali per lo studio: l’Universal Design Consumer Award, l’IDA Design Award e il Good Design Award
Sgabello da bagno

Questo sgabello è disponibile in sei diversi colori ed è acquistabile direttamente sul sito del produttore. Oppure trovi anche su Amazon.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Sgabello da bagno di design, STUUL® proviene da Design ur life blog.

25 Novembre 2020 / / Design

Uno degli elementi più importanti nella stanza da bagno è sicuramente il lavabo, indispensabile per completare l’arredo del bagno e la cui scelta non va mai sottovalutata.

lavabi

Fra gli aspetti da tenere in alta considerazione nella scelta di un lavabo vi sono funzionalità e design, fondamentali per arredare con gusto e usufruire al meglio di quello che è a tutti gli effetti un vero e proprio complemento d’arredo.

Nella scelta contano anche forme e dimensioni, tonalità, materiali, tutti aspetti da valutare per scegliere il lavabo giusto per il proprio bagno. Il mercato offre diverse soluzioni, ma ecco come orientarsi nel vasto mondo dei lavabi per scegliere quello giusto.

Lavabi da appoggio o sospesi

Per scegliere il lavabo giusto bisogna capire innanzitutto che tipologia di installazione preferisci o quale è più indicata per il tuo bagno. Una delle tipologie più diffuse è quella da appoggio, che richiede un mobile o un top su cui appoggiarsi. Il top o la mensola sono ideali se desideri uno stile più semplice e minimal.

Il lavabo da appoggio coniuga alla perfezione tradizione e modernità e l’ampia gamma di modelli permette di trovare quello giusto per adattarlo al bagno. Anche i lavabi sospesi sono largamente utilizzati, sono versatili e funzionali, e di alta resa estetica.

Questa tipologia di lavabo rappresenta la soluzione ideale anche per bagni ridotti in quanto permette di lasciare libero il pavimento e dona all’ambiente leggerezza e un senso di ampiezza maggiore. E’ anche più semplice da pulire e si può posizionare all’altezza desiderata.

Quale forma e dimensione scegliere

Esistono lavabi di svariate forme, rotondi, ovali, quadrati, rettangolari e sono anche disponibili in design originali e stravaganti, che permettono di trovare la soluzione giusta per qualsiasi tipo di arredo. Ovviamente la scelta va fatta a seconda di dove deve essere posizionato il lavabo e dello stile a cui desideri ispirarti.

Anche per quanto riguarda le dimensioni è possibile optare per lavabi piccoli, medi e grandi, adattabili ad ogni spazio. Forma, dimensione e spessore variano da modello a modello e consentono di trovare il lavabo perfetto da installare nella stanza.

Materiali per tutte le esigenze

Anche la scelta del materiale del lavabo va fatta a seconda dello stile che si desidera adottare nella zona dedicata al relax. Esistono lavabi in ceramica, resistenti a graffi e urti, facili da pulire, eleganti e duraturi nel tempo.

Largamente usati sono i lavabi in resina, materiale di tendenza e di notevole resa estetica. Versatile e flessibile, il lavabo in resina può essere realizzato su misura e nel colore desiderato, vista l’ampia gamma di texture disponibili.

Questo materiale, anche se resistente, può graffiarsi e si può riparare con gli appositi kit. Rispetto alla ceramica è più sensibile alle sostanze molto aggressive, ma è sufficiente usare prodotti neutri per la pulizia e si mantiene a lungo inalterato.

Altri materiali innovativi per lavabi sono i materiali sintetici, anche questi particolarmente resistenti e di facile manutenzione, e disponibili anche in un’ampia gamma di colori per soddisfare qualsiasi esigenza, anche la più ricercata. 

Leggi tutti gli articoli sul bagno, dai sanitari all’arredo

21 Ottobre 2020 / / Dettagli Home Decor

secondo bagno piccolo

Chi non ha un secondo bagno lo vorrebbe e chi cambia casa lo considera indispensabile. La buona notizia è che ricavare il secondo bagno è quasi sempre possibile.

Vivere in una casa con due bagni è una grande comodità, soprattutto se la famiglia è numerosa. Non tutte le abitazioni hanno i doppi servizi ma un secondo bagno può essere ricavato in qualsiasi momento.  I Regolamenti Edilizi non indicano dimensioni minime per realizzare un bagno extra, quindi è possibile ricavarlo anche all’interno della camera da letto o di un locale di servizio, come ad esempio un ripostiglio. E’ possibile rinunciare alla installazione di tutti e 4 i sanitari, inserendo solo gli elementi necessari; non è obbligatoria la finestra ma in questo caso sarà utile dotare l’ambiente di una ventola di aspirazione. L’unico vincolo da rispettare è di natura impiantistica: se il wc è lontano dalla colonna di scarico sarà necessario installare un trituratore.

6 consigli utili per il tuo secondo bagno

mobile lavabo bagno piccolo con cassetto

Scegli un lavabo mini e incassato

Il lavabo incassato consente di avere più spazio contenitivo, anche se le dimensioni sono mini. Al contrario dei sifoni tradizionali, lo scarico dell’acqua dei lavabi a ingombro ridotto garantisce fino al 20% di spazio in più nel cassetto sottostante il lavabo. La foto mostra D+ di Arblu, la collezione di arredo bagno, versatile e funzionale, composta da mobili, colonne, specchiere e vani a giorno, pensata per bagni grandi e piccoli.

sanitari bianchi sospesi
wc e bidet sospesi di Ceramica Cielo

Scegli sanitari sospesi e compatti

I sanitari sospesi sono quelli di minore ingombro e vanno installati su pareti di mattoni forati spesse  cm. Per rendere meno buio e opprimente il secondo bagno piccolo, scegli sanitari dalle forme morbide e dalle linee semplici.

wc con trituratore

Porta il wc dove vuoi senza fare grandi lavori

Grazie al trituratore adattabile a tutti i vasi in ceramica puoi creare il secondo bagno in qualsiasi parte della casa senza la necessita di effettuare opere murarie.  SFA ITALIA SpA, azienda specializzata in soluzioni per il bagno con il marchio SANITRIT, propone SANIDESIGN, la soluzione che coniuga funzionalità ed attenzione all’estetica. Sainidesign, infatti, racchiude un prodotto “tecnico” – il trituratore – all’interno di una struttura progettata con grande attenzione al design.

bagno piccolo con doccia filo pavimento

Scegli un piatto doccia filo pavimento

Dedica un angolo del bagno alla doccia e per ottimizzare lo spazio scegli un piatto doccia filo pavimento, in questo modo il bagno sembrerà più spazioso. Cayonoplan Multispace di Kaldewei è il primo piatto doccia smaltato certificato a filo pavimento che soddisfa tutti i requisiti in termini di assenza di barriere architettoniche, costituendo inoltre per il 60% della sua superficie, spazio utile per muoversi nel bagno piccolo.

termoarredo elettrico con portasalviette

Riscalda con i radiatori elettrici

I radiatori scaldasalviette elettrici sono una valida alternativa ai tradizionali caloriferi, soprattutto per i bagni piccoli. Montecarlo di Tubes, ad esempio, è disponibile nelle versioni orizzontale, verticale e quadrata, inoltre funge anche da elegante contenitore a giorno, attrezzabile con accessori come mensole e comodi ripiani liberamente posizionabili per piccoli oggetti da bagno.

porta salvaspazio scorrevole
porta scorrevole filo muro Essential di Scrigno

Scegli una porta salvaspazio

Per il tuo secondo bagno scegli una porta a ingombro limitato, con apertura scorrevole o a libro. Considera 70 cm di vano utile!

 

L’articolo Stai pensando di ricavare il secondo bagno? Ecco 6 consigli utili proviene da Dettagli Home Decor.

16 Ottobre 2020 / / Design

sistema doccia completo Switch

Switch di Fima Carlo Frattini, disegnato da Davide Vercelli, è l’innovativo sistema doccia ampio e completo ideato per migliorare l’esperienza doccia e dalla necessità di un uso responsabile delle risorse. 

Già a partire dal nome, SWITCH racconta uno dei suoi principali plus che lo rende unico nel settore dal punto di vista funzionale e di design: quello di “azionare” con la semplice pressione di un tasto a sfioro rotondo i flussi di acqua in corrispondenza dell’uscita stessa. Al contrario dei sistemi esistenti Switch fa corrispondere al tasto premuto la relativa uscita. È quindi possibile costruire il proprio sistema doccia con la massima libertà compositiva e spaziale scegliendo tra diverse uscite in grado di alimentare indipendentemente o contemporaneamente vari sistemi tra cui: doccetta, tubo Kneipp, getti laterali, bocca  a parete e pulsante on/off. Al centro rimane il blocco che regola temperatura e portata, anch’esso posizionabile liberamente nello spazio.

sistema doccia switch
Nell’immagine, dettaglio di due getti laterali di SWITCH

All’attivazione di ciascuna uscita, viene sempre erogato il quantitativo di acqua preimpostato all’ultimo utilizzo, che può andare da un minimo a un massimo di portata regolabile attraverso la rispettiva manopola di comando.

L’innovativo sistema SWITCH è proposto in tre versioni: a incasso, a mensola e a colonna.

La versione a incasso è caratterizzata da una serie di singoli elementi, ciascuno con funzioni differenti, che l’utente può disporre liberamente nello spazio così da poter azionare i flussi di acqua in corrispondenza della rispettiva uscita. Questa variante di SWITCH consente due modalità installative: una collocazione dei vari componenti lineare, predefinita e facilitata grazie a un binario incassato al muro, acquistabile separatamente; una disposizione che offre una straordinaria autonomia progettuale, distribuendo liberamente all’interno dell’ambiente doccia tutti i componenti scelti per formare una composizione custom-made.

sistema doccia completo Switch
Nell’immagine, SWITCH MENSOLA di FIMA Carlo Frattini proposto nella finitura nero opaco con vetro satinato scuro e doccetta.

Il fil-rouge delle versioni a mensola e a colonna è la presenza della tecnologia SWITCH racchiusa all’interno di un corpo erogatore a due uscite: sono infatti ad esso integrati sia i comandi di regolazione di temperatura e flusso sia i due pulsanti di attivazione dell’uscita soffione e di quella del doccino. Plasmata nel segno di una sofisticata purezza stilistica e all’insegna di ingombri minimi, la versione mensola ha una doppia funzionalità: oltre a contenere tutti i comandi nella parte frontale massimizzando la praticità di utilizzo, rappresenta una pratica superficie di appoggio impreziosita da un ripiano in vetro satinato, di colore antracite nella finitura nero opaco e di colore grigio chiaro in tutte le altre finiture.

sistema doccia a colonna
Nell’immagine, SWITCH COLONNA di FIMA Carlo Frattini nella finitura bianco opaco con vetro chiaro. Questa versione, particolarmente indicata in fase di ristrutturazione, è un sistema doccia all-in-one caratterizzato da un tubo esterno sottile e minimal che collega il corpo erogatore al soffione.

La versione a colonna, è un sistema all-in-one che deriva direttamente dalla versione mensola in quanto presenta un tubo esterno sottile e minimal che collega il corpo erogatore al soffione. E’ particolarmente indicata per chi desidera rinnovare lo stile del proprio ambiente bagno senza dover affrontare importanti lavori di ristrutturazione, in quanto premette l’installazione sulle tradizionali uscite di acqua calda e fredda con interasse 150 mm.

Completa il sistema SWITCH un utile accessorio che dona maggiore comfort all’ambiente doccia: un piano d’appoggio collocabile in una posizione a propria scelta, disponibile in diverse finiture.

Per maggiori informazioni www.fimacf.com

L’articolo Per una doccia più sostenibile scegli Switch proviene da Dettagli Home Decor.