6 Febbraio 2020 / / Dettagli Home Decor

Clover Hill Residence

Lo studio di New York Ravi Raj Architect ha trasformato una vecchia fonderia della fine del XIX secolo in una casa accogliente e moderna in mezzo alla natura

Situata nel mezzo di una collina boscosa nella città di Somers, a un’ora da New York, questa ex fonderia risalente alla fine del XIX secolo è stata trasformata in una casa per il fine settimana dallo studio Ravi Raj Architect. La costruzione originale in pietra e mattoni funge da cornice al progetto che mantiene vivo il passato ma con soluzioni innovative e pezzi all’avanguardia.

Originariamente costruita come parte integrante di una serie di edifici per l’estrazione mineraria, la fonderia di Clover Hill fu chiusa poco dopo la sua apertura. Gli edifici caddero in rovina, fino a quando tre artisti acquistarono la proprietà negli anni ’40 e la trasformarono in tre case separate per le loro famiglie. L’edificio posto più a sud è quello che lo studio Ravi Raj Architect ha trasformato, puntando tutto su una nuova distribuzione interna.

La cucina, originariamente situata al piano inferiore, è stata spostata al livello superiore ed è stato creato uno spazio completamente diafano e a doppia altezza in cui sono alloggiati la cucina, la sala da pranzo e il soggiorno. Inoltre, sempre a questo livello, una scala accanto al pianerottolo d’ingresso conduce ad una sala di proiezione e alla camera da letto a “sbalzo” con vista sulla zona giorno. Spostare la cucina ha permesso di ricavare anche due camera da letto al piano inferiore e un bagno. Una struttura laterale in legno, già presente con la funzione di pensione, è stata completamente rinnovata per diventare la nuova camera da letto padronale.

Di fronte al sapiente mix di trame e materiali che accentuano l’interazione tra la struttura in muratura esistente e gli spazi abitativi appena rinnovati, sono stati scelti interni neutri, basati su una tavolozza minimalista che a sua volta funge da sfondo per la raffinata collezione di mobili del proprietario.

L’articolo Ex fonderia trasformata in una casa per il fine settimana proviene da Dettagli Home Decor.

6 Febbraio 2020 / / Coffee Break

 
Casa S+J si trova in Argentina a poche ore di viaggio da Buenos Aires.
La casa è progettata per essere una casa vacanze utilizzabile da due famiglie, lo studio di architettura serbo Luciano Kruk arquitectos ha progettato una casa dalla spiccata impronta brutalista in cemento a vista con interni minimali e una relazione fluida tra spazi interni ed esterni che permette di vivere da vicino al natura circostante.

La casa sorge infatti in una fitta pineta e per costruirla si sono rimossi solo gli alberi strettamente alla costruzione.
La disposizione della casa è improntata al rigore geometrico, su una griglia ortogonale che la ordina in uno schema di architettonico elementare sintetizzato da due piattaforme disposte su altezze diverse collegate da ponti comunicanti e patii verdi, una striscia di cemento continuo avvolge la casa, costituendo così un unico volume composto da spazi pieni e vuoti, preservando la spazialità interna degli elementi visivi esterni, preservandone l’intimità senza disconnetterla dal suo ambiente naturale.

Sia l’involucro esterno che i muri divisori interni sono realizzati in cemento a vista mentre i pavimenti sono in cemento levigato.
L’alluminio anodizzato scuro L’alluminio anodizzato è stato scelto per enfatizzare le aperture.

A brutalist house in Argentina

Casa S+J is located in Argentina just a few hours journey from Buenos Aires.
The house is designed to be a holiday home that can be used by two families, the Serbian architectural firm Luciano Kruk arquitectos has designed a house with a marked brutalist
style in exposed concrete with minimal interiors and a fluid relationship between indoor and outdoor spaces that allows you to live close to the surrounding nature.

The house stands in fact in a dense pine forest and to build it only the trees were removed strictly to the construction.
The layout of the house is marked by geometric rigor, on an orthogonal grid that orders it into an elementary architectural scheme synthesized by two platforms arranged on different heights connected by communicating bridges and green patios, a continuous concrete strip wraps around the house, thus constituting a single volume composed of full and empty spaces, preserving the internal spatiality of the external visual elements, preserving their intimacy without disconnecting it from its natural environment.

Both the external envelope and the internal dividing walls are made of exposed concrete while the floors are in smooth concrete.
The dark anodized aluminum The anodized aluminum was chosen to emphasize the openings.

 
 
_________________________
CAFElab | studio di architettura

5 Febbraio 2020 / / Design Ur Life

In questo post ho preparato per voi un calendario di tutti eventi che si terranno a febbraio nel mondo di design e architettura.

Per scoprire tutte le tendenze nel mondo di design e architettura ci sono le fiere e gli eventi con le novità dei principali brand internazionali. In questo articolo scoprite tutti gli eventi, appuntamenti e le fiere di Architettura & Design del mese febbraio 2020. Questi eventi sono dedicati agli addetti ai lavori come ad esempio, architetti, designer, progettisti, aziende e imprenditori del settore, ma anche agli amanti del design e chi vuole curiosare e scoprire le novità.

Sono qualche giorno in ritardo con la pubblicazione ma come si dice, meglio tardi che mai.

1. Firenze Home TexStyle 01-03 Febbraio 2020

Dove: Firenze, Italia

La più importante fiera di collezioni di biancheria per la casa, tessile per l’arredamento e la nautica in Italia.

Una vetrina elegante offerta ai più prestigiosi brand del panorama nazionale e internazionale come piattaforma di business per il lancio di nuovi progetti e prodotti, un appuntamento irrinunciabile rivolto ai principali key player del settore tessile.

2. Stockholm Design Week 03-09 Febbraio 2020

Dove: Stoccolma, Svezia

Insieme alla Stockholm Furniture & Light Fair, la Stockholm Design Week si è affermata come la settimana più importante dell’anno per il design scandinavo

3. Budma 04-07 Febbraio 2020

Dove: Poznan, Polonia

La Fiera annuale Budma in Poznán una eccellete opportunità da presentare i prodotti dell’ industria della costruzione che attira gli espositori e visitatori professionali di tutta Europa del Est. I prodotti che vengono esposti sono, i pavimenti e muri, tetti, pietre per la costruzione, ceramiche, legno e tecnologia per la costruzione cosi come gli investimenti immobiliari.

4. World of concrete 04-07 Febbraio 2020

Dove: Las Vegas, USA

Las Vegas è una abitazione Annuale di tecnelogia World of Concrete (Mondo di Cemento) per i professionisti della costruzione.

5. Ambiente 07-11 Febbraio 2020

Dove: Francoforte, Germania

La fiera Internazionale dei beni di consumo. Ambiente È una delle piattaforme di consumatori più grande e più internazionale di merci.

6. IO Casa 08-09 Febbraio 2020

Dove: Treviso, Italia

Nei weekend 1-2 e 8-9 febbraio in zona dogana a Treviso le proposte dedicate alla casa.
Torna a Treviso il tradizionale appuntamento con FIERA IO CASA

7. Paralela Móvel 12-14 Febbraio 2020

Dove: Sao Paulo, Brasile

Questa fiera è tra gli appuntamenti dedicati all’arte e al design più interessanti di tutta l’America Latina.

8. Interdecoraçao 20-23 Febbraio 2020

Dove: Oporto, Portogallo

E’ la fiera della decorazione e dell’interior design, dove saranno presentate le tendenze per il nuovo decennio e i nuovi creatori che stanno suscitando il mercato del settore.

9. KBIS 21-23 Febbraio 2020

Dove: Las Vegas, USA

KBIS espone gli ultimi prodotti e le idee di design d’avanguardia nel settore cucina e bagno.

10. Minneapolis Home + Garden  show 21-01 Febbraio-Marzo 2020

Dove: Minneapolis, USA

Minneapolis Home & Garden Show offre le ultime tendenze del design, architettura del paesaggio e rinnovamento.

11. Nordhaus 22-23 Febbraio 2020

Dove: Oldenburg, Germania

E’ la fiera internazionale di costruzioni e progettazione d’interni a Oldenburg in Germania.

12. Interdecoraçao 20-23 Febbraio 2020

Dove: Oporto, Portogallo

E’ la fiera della decorazione e dell’Interior design, dove saranno presentate le tendenze per il nuovo decennio e i nuovi creatori che stanno suscitando il mercato del settore.

13. Design Indaba Conference 26-28 Febbraio 2020

Dove: Città del Capo, Sud Africa

i relatori invitati a partecipare a Design Indaba rappresentano un ampio spettro del design e delle industrie creative, con particolare attenzione alla leadership di pensiero internazionale e al problem solving innovativo, in linea con l’idea di costruire “Un mondo migliore attraverso la creatività”.

14. Madrid Design Festival 01-28 Febbraio 2020

Dove: Madrid, Spagna

Il festival che trasforma il design, l’architettura, la grafica, la comunicazione e l’Interior design in una festa, di tutti e per tutti.

15. Expocasa 29-08 Febbraio-Marzo 2020

Dove: Torino, Italia

Expocasa è il più importante appuntamento del nord-ovest Italia dedicato all’arredamento e alle soluzioni per la casa, nato e pensato per coinvolgere il grande pubblico.

16. Casa su misura 29-08 Febbraio-Marzo 2020

Dove: Padova, Italia

Fiera dedicata all’arredamento. Il nuovo progetto Casa su Misura 2020 concentra la sua attenzione sugli stili di vita e dell’abitare, perché la casa e le sue componenti sono sempre più spesso il riflesso dei comportamenti, delle passioni e dello stile di chi ci abita.

Infine vi segnalo anche queste due eventi in Germania a fine mese

17. BAUExpo 28-01 Febbraio-marzo 2020

Dove: Giessen, Germania

18. Paderbau 28-01 Febbraio-marzo 2020

Dove: Paderborn, Germania

Parteciperai a qualche evento di questi? condividi la tua esperienza con me e seguimi su instagram e pagina facebook . Se vuoi segnalarmi qualche evento oppure fiera e mostra, puoi contattarmi qui, oppure scrivimi un commento.

 

L’articolo 18 Fiere di Arredamento & Design febbraio 2020 proviene da Design ur life blog.

30 Gennaio 2020 / / Dettagli Home Decor

masseria in pietra modicana

Dal sapiente recupero di una masseria in pietra modicana nasce Rifugio Lanzagallo, un raffinato b&b immerso nel cuore della Val di Noto circondato da carrubi e ulivi centenari.

Daniela Rao Rubera, architetto siciliano che da 23 anni lavora a Bruxelles, nel 2016 ha acquistato questa splendida masseria e ne ha curato l’intero progetto di ristrutturazione, che oggi ci racconta.

«Rifugio Lanzagallo nasce da un progetto dal design contemporaneo influenzato certamente da caratteri del Nord Europa che, con sofisticata semplicità, si integrano nel poetico paesaggio siciliano, in cui si fondono i profumi e i colori del Mediterraneo.
Il complesso porta in sè tutta la tradizione delle forme e degli spazi delle più tipiche masserie del sud della Sicilia: la struttura in pietra, gli archi, gli scorci sul mare, sul baglio in roccia e sulle corti riparate.
Il progetto di recupero ha epurato i volumi di pietra calcarea di origine sedimentaria, e ne ha esaltato l’estetica con interventi contemporanei, privilegiando il riuso di materiali grezzi, senza togliere la patina del tempo.

Attraverso un’ampia e austera prospettiva si entra nel primo fabbricato caratterizzato da una sequenza di arcate in pietra e antiche mangiatoie. Questo era lo « Stallone » destinato un tempo al ricovero degli animali, oggi abitazione dalla architettura sofisticata ma al contempo semplice ed evocativa, sfondo adatto alla strategia delle luci che sottolineano i diversi piani e componenti di questo antico contenitore. Due ampie camere da letto con bagno e un moderno volume annesso completano l’abitazione.

L’annesso, risolutamente moderno, dalle linee regolari e pure, è stato accortamente integrato alla struttura originaria, sovrapponendosi alla texture della pietra con materiali, come lamine in ferro, lamine di luce, pavimenti in cemento bianco, ampie superfici vetrate.

Al secondo fabbricato, luogo in cui un tempo si produceva il formaggio e si affumicava la ricotta, è dedicata l’ospitalità: tre ampie residenze, sviluppate su due livelli e indipendenti tra loro.
In ogni residenza si può respirare il gusto per la fabbricazione artigiana di elementi architettonici evocativi delle tradizioni di un tempo, che in un connubio di eleganza e accoglienza moderna regalano un senso di appartenenza e familiarità.

Ogni residenza porta il nome dell’antica funzione:

L’Edicola” votiva, un tempietto (dal latino, aedicula) di valenze magiche e religiose. Una nicchia nel muro o in una base di calce, costruita appositamente per ospitare il simulacro di un Santo, della Madonna o del Cristo. Una mini cappella con lo scopo di proteggere il luogo nel quale erano state edificate.
La Centrale“, una residenza il cui nome deriva dalla sua posizione.
La Cisterna sul mare“, una residenza il cui nome deriva dalla presenza di un antica cisterna, scavata nella roccia, e al di sopra della quale essa si trova.
Gli interni sono monacali: il bianco, il nero, la pietra naturale, gli infissi e le lamine in ferro, il legno, creano ambienti eterei, ed uniscono i volumi. Finestre a tutto vetro aprono quadri sul paesaggio e gli spazi esterni, dialogando con armonia tra passato e contemporaneo.

A tutto questo si affiancano il rispetto e l’amore per l’ambiente, grazie all’ausilio dell’energia solare, ad un impianto di riscaldamento e raffrescamento a basso consumo, e alle moderne tecniche di bioedilizia utilizzate.

Componente fondamentale del progetto è la zona della piscina, per riappropriarsi del contatto con la natura ed il paesaggio.

La piscina, concepita come un’antica gebbia, è incastonata in una collina sopraelevata verso il mare, per conquistare un orizzonte ancora libero. L’area è arricchita da un giardino aromatico e fiorito, disegnato in una logica spaziale giapponizzante, una topografia immaginaria, evocata da zone colorate. »

Dalla scorsa estate, Rifugio Lanzagallo è un b&b raffinato situato nel cuore del Val di Noto, immerso nella bellissima campagna incontaminata e vicino ai percorsi turistici più interessanti.  Da qui, è possibile effettuare escursioni giornaliere nelle città protette dall’UNESCO di Modica, Ispica, Noto, Siracusa, Marzamemi, Scicli, Ragusa Ibla e le riserve naturali di Vendicari e Cava Grande.  Una delle spiagge più belle della regione, Santa Maria del Focallo, è proprio di fronte al Rifugio e visibile dalla casa.

Grazie alla posizione dominante in cima alla collina, l’intera proprietà offre una vista spettacolare sui carrubi e ulivi delle colline incontaminate circostanti.

www.lanzagallo.com

 

L’articolo Rifugio Lanzagallo proviene da Dettagli Home Decor.

29 Gennaio 2020 / / Interiors

A Rimini in centro storico, una casa di passaggio

In una piccola mansarda vive B.

Con un diploma all’Istituto grafico di Moda, una Laurea in Tecnica e cultura della Moda e una Laurea Magistrale a marzo in Fashion culture management,

la casa di una studentessa fuori sede, dove la luce , il bianco, i libri , i colori accesi dei tessuti e di alcuni elementi d’arredo di design e no

…ed una macchina per il caffè americano, fanno da protagonisti

Quando penso alla padrona di casa, penso ad una persona fragile, piccola, esile, ma allo stesso tempo penso a Wonder Woman

un personaggio femminile con tutta la forza di Superman e in più il fascino di una donna brava e bella

(William Moultom Marston)

Si è trasferita a Rimini sette anni fa, per inseguire la sua voglia di evasione, iscriversi all’università di Rimini al corso di Tecnica e Cultura di Moda e non è più tornata indietro nei suoi passi

dopo aver trascorso i primi anni di studi in convivenza con altri studenti, ha deciso di prendere in affitto questa piccola mansarda che è diventata il suo rifugio

Pavimenti lucidi, mobili bianchi per la cucina, tavolo e sedie in legno

essendo una casa in affitto già arredata ha cercato di renderla sua con tanti complementi d’arredo , rendendo caldo e accogliente seppur semplice, l’ambiente

in un piccolo angolo di bianco dove la luce esterna filtra dalle tende semi trasparenti, si intravede il colore della femminilità

una Fitball rosa acquistata da Tiger, un paralume bianco di carta , una piccola statuetta a forma di fenicottero , una a forma di unicorno e un coprivaso, tutto di colore rosa

appoggiata su una mensola in legno, tra un porta penne e qualche pupazzo , cè Saika-fiore colorato- una piccola Kimmidoll dallo spirito energico e vitale

In una libreria bianca ci sono alcuni libri, una mano di ceramica bianca porta penne e i personaggi goffi di alcune stampe

I COMPLEMENTI D’ARREDO SONO I VERI PROTAGONISTI DI UNA CASA DI PASSAGGIO

e poi lampadine appese alle mensole, un teschio colorato proveniente dal Messico e le sue piantine grasse

Una casa di passaggio è la casa di B, del rosa, del bianco, dei libri

Per trovare ispirazione su come abbellire e personalizzare la tua casa e non sai da dove partire contattami ti e dai un’occhiata a questo link .

L’articolo Una casa di passaggio proviene da Laura Home Planner.

29 Gennaio 2020 / / BlogArredamento Aziende

Un appartamento di nuova costruzione da arredare con soluzioni pratiche ma di grande valore estetico. Il punto forte dell’abitazione? La cucina con isola centrale dall’effetto materico. Ti presentiamo le nostre proposte d’arredo.

Il pre-progetto: le richieste della Cliente

“Ho appena acquistato un appartamento a Milano, da arredare completamente. Sono abbastanza in alto mare, non lo nego, e non so da dove cominciare… Ho in mente delle idee, ma avrei bisogno di vedere in anteprima come potrebbero concretizzarsi in casa mia. […]”

Arredare un’intera abitazione può rivelarsi un’impresa complicata, come testimoniato dalla nostra Cliente. Rilievi misure da eseguire, spazi da organizzare, finiture da scegliere… e non sempre si riesce a immaginare, soprattutto se l’abitazione è vuota, quale sarà il risultato finale. Per questo motivo, le abbiamo proposto di affidarsi al nostro Servizio di Consulenza e Progettazione 3D: partendo dalle sue idee, il nostro team di Interior Designer ha sviluppato la soluzione d’arredo migliore per lei e la sua famiglia.

Ecco le richieste riguardanti la zona giorno :

“[…] Ho sempre sognato una cucina con isola e, data l’ampiezza del locale, vorrei realizzare il mio desiderio. Vivo la cucina ogni giorno, sia per cucinare che per cenare con i bambini, perciò considero questo il locale più importante della casa. L’ambiente è unico, a vista sul soggiorno, quindi mi piacerebbe che le finiture e i colori scelti per la cucina si ritrovassero anche in salotto.
Per il soggiorno, ho un’esigenza pratica da sottoporre alla vostra attenzione: arredare al meglio una piccola parete, perdipiù inclinata. Magari potrei collocare in quel punto il televisore, voi cosa ne pensate?

E infine, le indicazioni sulla camera matrimoniale e i bagni:

“Non ho richieste particolari sulla camera da letto: gli unici elementi che chiedo di inserire sono un letto con testiera alta e un armadio scorrevole. Vi informo sul colore delle pareti, che saranno rosse.

Per i bagni, avete carta bianca. Sappiate che in quello padronale sarà installata una vasca angolare e che quello di servizio non ha finestre.”

Cucina grigia con isola a vista sul soggiorno

L’appartamento, situato in una gradevole zona residenziale, ha una zona giorno ampia e luminosa, condivisa tra soggiorno e cucina. Data la recente costruzione dell’abitazione, per il gusto estetico e lo stile degli arredi ci siamo potuti spingere verso le tendenze contemporanee, che vedono primeggiare colori scuri, texture non omogenee, abbinamenti di materiali diversi e richiami cromatici tra gli elementi.

Fatta questa doverosa premessa, partiamo subito dalla cucina. Luogo conviviale, dove la famiglia si ritrova per cenare insieme, la cucina ha subito stimolato la nostra immaginazione. Era indispensabile pensare ad una soluzione su misura, altamente funzionale ed esteticamente impeccabile, che tenesse conto di un grande modulo ad isola a centro stanza.

Abbiamo lavorato su due frangenti:

  • una composizione lineare inserita in una nicchia creata ad hoc, dove posizionare i grandi elettrodomestici e prevedere uno spazio contenitivo generoso, distribuito tra cassetti e moduli con anta
  • un’isola centrale, perfettamente attrezzata con piano cottura a induzione e lavello integrato nel top in effetto marmo, alla quale aggiungere un angolo pranzo con sedie (più pratiche degli sgabelli, vista la presenza di due bambini)

Per gli arredi, la scelta è ricaduta su un nuovo modello di cucina con maniglia integrata dal design moderno, caratterizzata da linee pulite e finiture materiche.

Render della cucina: progetto sviluppato dai nostri Interior Designer

Progetto terminato: cucina installata e montata nell'abitazione

In fase di costruzione dell’appartamento, la Cliente ha chiesto di apportare modifiche agli impianti per favorire l’installazione del modulo centrale. In questo modo, il progetto dell’isola ha potuto contare sulla posizione strategica di un punto acqua e di un attacco elettrico, indispensabile per allacciare il blocco cottura.

Isola centrale con lavello integrato, piano a induzione e cappa incassata

Senza dubbio, l’isola centrale ha un impatto estetico notevole. Ma non solo. Dal punto di vista pratico, si possono attribuire a questo modulo indipendente almeno tre funzioni:

  • organizzare un angolo cottura/lavaggio decentrato
  • aumentare il numero delle basi utili come contenitore
  • favorire l’installazione di una zona pranzo versatile e discreta, nascosta dietro al pannello divisorio che funge anche da paraschizzi.
I CONSIGLI DELL’ARREDATORE
Creare un’isola con zona pranzo annessa è una soluzione moderna e funzionale, con risvolti pratici che non tutti immaginano. Il modulo operativo può trasformarsi in un vero e proprio piano snack, oppure essere affiancato da un tavolo della stessa larghezza.
Una valida alternativa al binomio isola più tavolo è la consolle allungabile. I modelli apribili a libro, ad esempio, permettono di raddoppiare la profondità del piano quando l’occasione lo richiede. In altre parole, da arredo salvaspazio si passa ad un tavolo per 4 o 6 persone perfettamente funzionante.

Soggiorno con parete TV: l’idea per ottimizzare lo spazio

Dalla cucina si passa al salotto, sviluppato in un ambiente condiviso sia con la zona pranzo che con l’ingresso dell’appartamento. La pianta del locale è irregolare e, come accennato dalla Cliente, presentava una potenziale difficoltà: un muro non ortogonale dalle dimensioni ridotte che, propriamente arredato, sarebbe potuto diventare una parete per TV.

Progetto terminato: soggiorno completo di parete TV e zona relax

Sfida accettata: sulla parete “problematica” è stata posizionata una credenza bassa con 4 ante, profonda poco più di 50 cm ma ideale per appoggiare un grande televisore.

Perché questa scelta? Innanzitutto, per la versatilità della credenza, che svolge il doppio ruolo di porta TV da terra e mobile contenitore. Inoltre, per il design del modello: dal nostro punto di vista, gli angoli stondati tipici degli anni 60 e la particolare lavorazione delle ante inclinate sono elementi così particolari che, da soli, bastano a dare alla parete un twist particolare.

Connie, modello di credenza bassa proposto tra gli arredi del soggiorno

La parete opposta ospita il cuore pulsante del salotto: un comodo divano angolare. Considerate le abitudini della famiglia, che ama ospitare amici e parenti, abbiamo optato per occupare il muro intero posizionando un modello ad angolo con terminale aperto.

Il rivestimento dell’imbottito, impreziosito da fibbie e cuciture a nervetto, è il medesimo delle sedie che si trovano in cucina: una piccola accortezza, questa, che ha creato una piacevole connessione tra ambienti comunicanti.

Lo spazio davanti al divano è stato arredato con due tavolini rotondi laccati, dalla struttura minimalista. Come si suol dire, less is more.

Newark, divano scelto per arredare il soggiorno

Bali, coppia di tavolini da salotto selezionati per il progetto

L’idea in più: in mancanza dell’ingresso (o meglio, l’ingresso c’è ma è aperto sul salotto), è stato indispensabile trasformare una nicchia a muro in un pratico e discreto armadio guardaroba.

Una camera matrimoniale dai toni accesi

Nella camera doppia, è il grande letto sommier a farla da padrone. L’iniziale richiesta di un imbottito con testiera alta è stata accantonata a favore di una soluzione modulare, che prevede l’utilizzo di boiserie componibile al posto di una spalliera fissa. Il letto matrimoniale dispone di un box ad alzata doppia, un piccolo lusso che permette di accedere al contenitore in due tempi e senza sforzo.

Progetto terminato: camera matrimoniale con letto e boiserie componibile

Letto e boiserie della collezione Freeport

L’ambiente è stato completato con un moderno armadio ad ante scorrevoli. L’anta centrale è specchiata, uno stratagemma d’arredo che permette non solo di duplicare visivamente la profondità dell’ambiente, ma anche di moltiplicare la luce naturale che filtra dalla finestra. Una soluzione funzionale doppia, sia dal punto di vista pratico che da quello cromatico.

L’anta a specchio, in posizione centrale, sopperisce alla mancanza di altre superfici riflettenti. E, come accade con le finiture scelte per l’armadio e i comodini, lo specchio illumina e alleggerisce l’importante presenza del rosso usato per le pareti della stanza.

Progetto terminato: camera matrimoniale con armadio scorrevole

Armadio scorrevole con anta specchiata Utah Pacific

I CONSIGLI DELL’ARREDATORE
Armadio con ante battenti o scorrevoli? Nell’eterna lotta tra modelli, lo scorrevole è l’armadio che desta più ammirazione e che, da molti, è considerato un vero campione salvaspazio.
Ma attenzione: in camere molto piccole, l’armadio battente potrebbe essere la soluzione migliore, nonostante il sistema di apertura frontale e non laterale delle ante. Puoi approfondire l’argomento nella Guida alla scelta dell’armadio.

Due bagni dal design moderno, con qualche differenza

L’appartamento ha la fortuna di avere due bagni, uno dei quali attrezzato con vasca idromassaggio. Ad ogni ambiente è stata data un’identità precisa, e di conseguenza gli arredi si sono diversificati per tipologia e finiture.

Per il bagno padronale, quello con vasca angolare, è stato scelto un mobile con doppio lavabo in appoggio. La struttura sospesa è composta da due moduli con ante e due cassetti, il giusto compromesso per sistemare asciugamani, prodotti di bellezza e accessori per l’igiene personale. Il tocco di calore è dato dalla finitura in legno scuro di top e basi.

Progetto terminato: bagno padronale con mobile doppio lavabo

Atlantic Tuttofuori, mobile bagno scelto dalla Cliente

A differenza di quello padronale, al bagno di servizio è stato dato un carattere più maschile, accentuato dalla presenza di forme geometriche squadrate e dall’assenza di linee arrotondate. Il top con lavabo integrato, scelto in finitura effetto marmo, si sposa alla perfezione con le basi bianche in laccatura opaca. Per dare maggiore luminosità al bagno, non finestrato, è stata inserita una grande specchiera rettangolare retroilluminata.

Progetto terminato: bagno di servizio dallo stile contemporaneo

Specchiera rettangolare con illuminazione LED Net

Vuoi saperne di più sull’appartamento? Scopri tutti i dettagli nella Scheda del Progetto.
Vuoi visualizzare tutti i progetti? Dai un’occhiata al nostro Portfolio.
Vuoi realizzare il tuo progetto personalizzato? Contatta i nostri Interior Designer per trovare la soluzione più adatta a te.

29 Gennaio 2020 / / Coffee Break


Questo appartamento si trova a Stoccolma, Svezia; organizzato su due livelli, occupa in parte il sottotetto di un edificio per abitazioni. Il legno dei pavimenti, i soffitti spioventi, una particolare finestra ovale e alcune pareti trattate con finitura grezza gli conferiscono un’atmosfera d’altri tempi, calda ed originale.

A duplex apartment in Stockholm

This apartment is located in Stockholm, Sweden; organized on two levels, it partially occupies the attic of a residential building. The wood of the floors, the sloping ceilings, a particular oval window and some walls treated with a rough finish give it an atmosphere of the past, warm and original.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

27 Gennaio 2020 / / Dettagli Home Decor

ristorante Mobeus a Milano

Lo studio Q-bic ristruttura un ex magazzino tessile dal fascino industriale trasformandolo in un locale contemporaneo e inusuale.

Il recente progetto Moebius, realizzato dallo Studio Q-bic a Milano, non è solo un ristorante. Può cambiare aspetto, a seconda dell’orario e del punto di vista da cui viene visto diventando Osteria Gastronomica, Tapa Bistrot, cocktail bar, negozio di vinili e spazio per la musica dal vivo. Ma anche luogo dove sostare e ritrovarsi per leggere, studiare e ascoltare musica. Insomma il concept alla base del progetto è quello di uno spazio poliedrico, di circa 700 mq, in cui architettura, design e cucina si fondono perfettamente.

Lo spazio del Moebius, che prende il nome dal fumettista francese Jean Giraud, era un ex magazzino tessile rinato grazie ad un interessante ristrutturazione che ne ha conservato la sua anima industriale.

Abbiamo cercato di conservare il fascino del posto, la sfida principale – dichiarano Luca e Marco Baldini, fondatori dello studio di architettura Q-bic stava nel riempire in modo equilibrato uno spazio così grande e vuoto, creando spazi intimi e riservati. Inoltre abbiamo cercato di creare un ambiente contemporaneo, architettonicamente pulito e rigoroso che dialogasse con un arredamento più caldo e romantico, un’atmosfera che facesse sentire il cliente a proprio agio, invitandolo a restare in qualsiasi momento del giorno”.

E’ stato immaginato un locale dentro il locale: un cubo di vetro e acciaio di 60 mq sospeso per più di 4 metri d’altezza accoglie al suo interno l’Osteria Gastronomica, in grado di accogliere 30 coperti, in cui poter sperimentare una cucina d’avanguardia. “E’ stato l’elemento architettonico sicuramente più impegnativo da realizzare. Appare come un acquario.” spiegano i progettisti.

Scendendo al piano inferiore, lo sguardo è catturato da uno splendido ulivo andaluso di 700 anni, posto a simbolo di un legame molto forte con il passato. Qui, al piano terra, troviamo il Tapa Bistrot e Cocktail bar che riesce ad ospitare 120 coperti. E’ uno spazio riservato a cene veloci e informali, con un offerta culinaria originale e ispirata a terre spagnole, francesi e americane. Su di un lato della sala, all’interno di una galleria di metallo, è stato posizionato, poi, il palco per i concerti che affaccia sia sull’ambiente interno che su una veranda esterna in cui è stata creata un’atmosfera più intima.

Alla guida nelle cucine, lo chef riminese 37 enne Enrico Croatti, che forte delle sue molteplici esperienze in Italia e all’estero e con 2 stelle Michelin sulle spalle, propone un percorso degustato davvero unico e intrigante.

Articolo di Eleonora Bosco

L’articolo Moebius, il ristorante poliedrico apre a Milano proviene da Dettagli Home Decor.

25 Gennaio 2020 / / Case e Interni

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Chiunque apprezzi il design senza tempo di alta qualità e funzionalità è nel posto giusto. Oggi dedichiamo un articolo ad un’impresa italiana che, nel nostro Paese, si distingue per la qualità e l’eccellenza del lavoro artigianale: l’Ebanisteria Gambella da generazioni realizza arredi di pregio fatti a mano, rinnovandosi costantemente nella contemporaneità con mobili di design richiesti in tutto il mondo.

Come architetti e interior designer, ci interessano sempre le belle storie di aziende di arredamento che hanno saputo rinnovarsi, senza rinunciare alla qualità tipica della produzione artigianale italiana.

Fondata nel 1915, l’Ebanisteria Gambella propone al pubblico prodotti di alta qualità estetica e funzionale. Arrivati alla terza generazione di proprietà della famiglia, i mobili vengono realizzati sempre in modo artigianale e sempre con un’irrefrenabile passione per il proprio lavoro, investendo nella continua ricerca della bellezza, sempre coniugata con la funzionalità. Nel corso degli anni, l’impresa familiare ha ampliato il suo potenziale innovativo e creativo, senza voltare le spalle alla propria identità. Ognuno dei mobili è realizzato a mano con materiali pregiati, consentendo di garantire una qualità elevata e rendere ogni pezzo unico.

La designer Erika Gambella ha un forte senso dello stile e lavora come free lance con clienti in America, Canada ed Australia. Grazie al suo orientamento internazionale, per l’impresa di famiglia, Erika ha ideato prodotti vari e diversificati. Credenze, mobili buffet, cassettiere e tavoli prendono vita grazie ai sistemi di lavorazione artigianale di alta qualità, che evidenziano i curati dettagli, studiati dalla giovane designer.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Con queste competenze, l’azienda tradizionale, grazie al sito web, raggiunge una vasta gamma di clienti, anche oltreoceano. Oggi il 90% degli arredi prodotti dall’Ebanisteria Gambella viene esportato all’estero, dove il Design Made in Italy artigianale di qualità viene sempre molto apprezzato. I mobili usciti dal laboratorio dell’Ebanisteria Gambella sono stati spediti in tutti i paesi dell’unione europea inclusa la Svezia, la patria dello stile scandinavo, tanto amato in questi ultimi anni.

Erika lavora in sinergia insieme al padre e ai suoi due fratelli maggiori Roberto e Michele, che trasferiscono nell’attività di famiglia, le conoscenze acquisite in diversi studi e settori, formando così un team perfettamente affiatato.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

Roberto Gambella ci conferma che “Tutti i nostri mobili sono realizzati a mano, utilizzando esclusivamente vero legno massello delle essenze più pregiate. Le lavorazioni sono eseguite con tecniche costruttive di alta ebanisteria.” Lavorando direttamente con il cliente finale, senza intermediari, il prezzo che l’Ebanisteria Gambella propone è in linea con l’elevata qualità delle lavorazioni offerte. “Il vero motore della nostra ebanisteria” continua Roberto Gambella “è mio papà, che all’età di 80 anni, continua ad eseguire in prima persona la maggior parte dei manufatti. E’ un lavoratore instancabile, che continua a fare con passione quello che ha sempre fatto fin da bambino: costruire mobili”. Ecco una foto di Eugenio Gambella, con il mobile da lui costruito per un cliente di New York.

Ebanisteria Gambella – quando Il design incontra l'artigianato

In un mondo frenetico e in continuo movimento, è bello scoprire la presenza di realtà storiche, che hanno saputo rinnovarsi e continuano a farlo, pur mantenendosi legati alla tradizione artigianale italiana. L’Ebanisteria Gambella è una azienda storica a tutti gli effetti ed è in attesa del riconoscimento ufficiale e dell’iscrizione nell’albo delle imprese storiche italiane. Questo è ciò che ci ha spinto a dedicare un post a questa azienda a conduzione familiare, che ci ha affascinato con i suoi pezzi unici di design di alta qualità in legno massello.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

25 Gennaio 2020 / / Dettagli Home Decor

La cucina Ego di Abimis arreda un prestigioso appartamento a New York

 Abimis conferma il suo importante percorso internazionale sancendo un’importante collaborazione con lo studio di architettura newyorkese Bonetti Kozerski. L’azienda italiana è stata scelta infatti per la ristrutturazione di un prestigioso appartamento al trentanovesimo piano di un grattacielo che sorge proprio nel cuore di New York, la celebre V strada di Manhattan.

In un ambiente ricercatissimo in ogni dettaglio, dalla disposizione degli spazi alla scelta di iconici complementi d’arredo e di originali opere d’arte contemporanea, gli architetti hanno progettato insieme ad Abimis una cucina Ego tanto piccola quanto affascinante: un cubo di specchi in cui luce e riflessi creano un incredibile gioco visivo.

living appartamento a New York

zona pranzo appartamento a New York

Pur se realizzata per uno spazio contenuto, la cucina è estremamente funzionale. Il progetto ad hoc e la capacità sartoriale di Abimis hanno permesso ancora una volta di portare in un piccolo ambiente domestico tutti i plus di una cucina di origine professionale: blocco cottura e blocco lavaggio si trovano sui lati speculari della stanza, a pianta rettangolare, mentre sistemi di colonne con moduli contenitivi personalizzati ricoprono le pareti a tutta altezza. La particolare finitura lucida a specchio dell’acciaio riesce a creare riflessi e suggestioni che rendono la cucina un vero e proprio gioiello.

cucina ego di Abimis finitura acciaio a specchio

L’effetto visivo e scenico è decisamente d’impatto, e dimostra l’abilità artigianale di Abimis: i numerosi elettrodomestici sono sapientemente incassati nei moduli della cucina, perfettamente nascosti dietro le ante che mantengono la tipica raggiatura a filo battente completamente integrata nella struttura. Seguendo le indicazioni dello studio Bonetti Kozerski, inoltre, è stato possibile realizzare una cantina per i vini sottostante un comodo vano accessoriato nel quale riporre calici e accessori.

L’esclusivo zoccolo rientrato della linea Ego, che consente una maggiore agilità ai movimenti dei piedi, è stato illuminato per sottolineare l’ergonomia del blocco cottura ed esaltare il valore estetico dell’intera realizzazione.

cucina Ego di Abimis a New York

Anche in questa occasione l’azienda ha messo a servizio dei suoi committenti una totale attenzione in tutte le fasi del progetto, dall’ideazione alla realizzazione, studiando soluzioni ad hoc e arrivando a saldare gli elementi della cucina direttamente in loco, dopo una delicata operazione di trasporto. Ancora una volta, Abimis ha portato la tradizione del ‘saper fare’  italiano in America, dimostrandosi uno straordinario ambasciatore del Made In Italy nel mondo.

www.abimis.com

L’articolo Un affascinante gioco di specchi proviene da Dettagli Home Decor.