12 Gennaio 2019 / / Case e Interni

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Se stai cercando un’idea decorativa ed originale per il tuo angolo studio, quale modo migliore di aggiungere una mood board fai-da-te?

Molti creativi usano le moodboard per raccogliere le idee, lo facciamo anche noi, come professionisti di interior design. Le mood board, infatti, sono un ottimo strumento per aiutare il processo creativo.

Una moodboard è semplicemente una bacheca dove si appuntano immagini, disegni, tessuti, palette di colori, ma anche cartoline, poesie, citazioni e qualsiasi altra cosa permetta di definire il progetto che dobbiamo realizzare.

Quello che appare sempre più spesso sulle pagine di Pinterest, sono mood board a puro scopo decorativo. Generalmente sono griglie metalliche, dove appendere illustrazioni, piccoli oggetti o frasi motivazionali con semplici mollette.

La cosa divertente è che, puoi facilmente modificare il contenuto della bacheca, a seconda dell’umore, della stagione, dello stile, delle idee creative che hai in mente. Una bacheca di questo tipo, infatti, è anche molto bella da vedere, a patto di non renderla troppo disordinata.

Oggi raccogliamo per te alcune idee fai da te, che puoi realizzare in meno di mezz’ora, per avere una mood board, che possa raccogliere suggerimenti, promemoria e citazioni ispiratrici per il tuo prossimo progetto creativo, ma che riesca anche a rendere più originale ed accogliente il tuo angolo studio.

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Foto: Frida Ramstedt, Trendenser.se

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte e tutorial: ohcaro

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte e tutorial: forthemakers.com

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte e tutorial: abeautifulmess.com

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte qui

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte: tamsynmorgans.com

Moodboard nell'angolo studio per l'ispirazione e la decorazione

Fonte: homedit.com

idee-arredare-studio-scrivania

Fonte

Anna e Marco – CASE E INTERNI

12 Gennaio 2019 / / Charme and More

Weekend Inspirations

Una gallery fotografica  da cui farsi ispirare durante il weekend per rinnovare il guardaroba con le tendenze più hot della primavera estate 2019.

Idee e look da copiare, oggetti dei desideri.

Fashion + Denim Love.

Il denim è stato uno dei trend forti dell’inverno 2018 e sarà super cool  anche la prossima stagione.

Un classico del guardaroba che non passa mai di moda e che si reinventa declinato su abiti, camicie, jumpsuit, borse, scarpe e piccoli accessori.

Sempre cool sono i modelli cropped a vita alta e i cinque tasche tradizionali o con inserti patchwork.

 Le tendenze da tener presente al momento dell’acquisto sono jeans larghi (flare jeans)  a vita alta nelle tonalità scure, chiare o anche colorati.

Ph via Vogue Karen Walker Spring 2019 Ready-to-Wear Collection - Vogue
Ph via Vogue
Karen Walker Spring 2019 Ready-to-Wear Collection – Vogue

 

Ph via ew York Fashion Week Spring 2019 - Street Fashion
Ph via
New York Fashion Week Spring 2019 – Street Fashion

 

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

Il jeans chiaro, modello dritto si riconferma anche per la prossima primavera come protagonista di outfit dallo stile unico in abbinamento a camicie eleganti e morbidi pullover.

Ph via
Ph via Jeremy Scott at New York Fashion Week Spring 2019 – Details Runway Photos

Jeremy Scott e Isabel Marant puntano sugli stivali in denim per completare i look da mattina a sera.

Ph via Isabel Marant Spring-Summer 2019
Ph via
Isabel Marant Spring-Summer 2019

Via libera alle gonne, alle giacche delavé, alle camicie e agli abiti.

Ph via Sfilata Miu Miu Parigi - Collezioni Primavera Estate 2019 - Vogue
Ph via
Sfilata Miu Miu Parigi – Collezioni Primavera Estate 2019 – Vogue

 

Ph via Sfilata Miu Miu Parigi - Collezioni Primavera Estate 2019 - Vogue
Ph via
Sfilata Miu Miu Parigi – Collezioni Primavera Estate 2019 – Vogue

 

Ph via Balenciaga Spring 2019 Ready-to-Wear fashion show now on Vogue Runway.
Ph via
Balenciaga Spring 2019 Ready-to-Wear fashion show now on Vogue Runway.

 

Ph via Chanel Spring Summer 2019 Runway Bag Collection
Ph via
Chanel Spring Summer 2019 Runway Bag Collection

 

Ph via Sfilata Miu Miu Parigi - Collezioni Primavera Estate 2019 - Dettagli - Vogue
Ph via
Sfilata Miu Miu Parigi – Collezioni Primavera Estate 2019 – Dettagli – Vogue

Sandali con zeppa total denim.

 

Ph via Proenza Schouler Spring 2019 Ready-to-Wear fashion show now on Vogue Runway.
Ph via
Proenza Schouler Spring 2019 Ready-to-Wear fashion show now on Vogue Runway.

Anche per la prossima primavera – estate 2019 borse e scarpe si vestono del tessuto jeans e si abbinano agli outfit da giorno estivi.

Vi è piaciuto questo post? Condivididetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

𝐿𝑒𝓉’𝓈 𝓀𝑒𝑒𝓅 𝒾𝓃 𝓉𝑜𝓊𝒸𝒽!

FirmaFellinSMALL

 

L’articolo Weekend: Idee & Suggerimenti total denim proviene da Charme and More.

11 Gennaio 2019 / / Amerigo Milano

Il 14 febbraio 2019 torna la festa degli innamorati, torna San Valentino.

E proprio in vista di questa occasione speciale, il 9 febbraio, il Concept Store Amerigo Milano cambia pelle, trasformandosi in un auditorium dedicato all'amore e alla poesia.


"La poesia ha mille anni, ha la nostra età e deve ancora nascere” così scriveva Octavio Paz avvicinando l'umanità a quel fenomeno letterario incredibile che tutti conoscono come poesia.

san valentino amerigo milano

Proprio per scoprire ancora di più questo Universo, Amerigo Milano ha organizzato una giornata, con lo scopo di riunire le persone e di condividere sensazioni ed emozioni... una giornata in cui i racconti e le poesie diventano i protagonisti, in vista proprio della festa degli innamorati. 

Il Concept Store di via Carlo Alberto 35 a Monza si trasforma e ti aspetta a partire dalle ore 10:00. 

slippers love

Il tutto avverrà grazie alla presenza di Tiziana Fraterrigo, autrice e scrittrice e Marzia Astorino  che in un reading dal gusto raffinato intratterranno gli appassionati di questa nobile arte.


tiziana fraterrigo amerigo milano

Arte, poesia, emozioni, si aggiungono al Concept Store Amerigo Milano, che solitamente, viene riconosciuto dalle persone solite frequentarlo e dai nuovi avventori, come la casa dell'eleganza e della maestria artigianale; soprattutto grazie alle numerosi collezioni che spaziano in diversi ambiti, dal fashion, al design, al lifestyle.


amerigo milano concept store

Insomma, l'occasione giusta per portare il vostro innamorato o la vostra innamorata, passare un po' di tempo in compagnia delle poesie d'amore e scoprire un'idea perfetta per un regalo indimenticabile. 

AMERIGO MILANO Concept Store

Via Carlo Alberto 35 MONZA

store@amerigomilano.com

11 Gennaio 2019 / / Architettura

Gli arredi Pedrali nella nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un’apertura importante, carica di storia, in uno dei quartieri più caratteristici di Milano. Il primo ottobre scorso è stato inaugurato, all’interno della Pinacoteca di Brera, il Caffè Fernanda che nel nome rende omaggio alla visionaria direttrice Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia, cui si deve la riapertura della Pinacoteca nel 1950, dopo i terribili bombardamenti del ‘43.

Collocata al primo piano, la caffetteria è concepita come parte del percorso museale, inserita nel nuovo allestimento delle 38 sale promesso 3 anni fa e realizzato dal direttore James Bradburne. Un progetto di interior curato dallo studio milanese rgastudio, focalizzato sia sulla coerenza cromatica e materica con le sale espositive, sia sulla reinterpretazione dell’architettura dello spazio risalente agli anni ’50.

L’intenso color ottanio scelto per le pareti esalta le grandi opere d’arte presenti nel Caffè: la Conversione del Duca d’Aquitania di Pietro Damini, Le tre Grazie di Bertel Thorvaldsen, il busto di Fernanda Wittgens di Marino Marini e il suo ritratto eseguito da Attilio Rossi.

Gli splendidi pavimenti marmorei in Fiore di Pesco e le cornici in Rosso Lepanto, ereditati dal progetto dell’architetto Piero Portaluppi, sono stati recuperati e restaurati. Sotto la tela seicentesca del Damini è stato posto il grande bancone del bar, che reinterpreta i mobili anni ’50 in legno cannettato stravolgendone le dimensioni, costituito da grandi liste semicircolari di noce canaletto e da un sottile piano in ottone anticato dalle estremità arrotondate.

In quest’atmosfera unica e suggestiva si inseriscono gli arredi dell’azienda Pedrali, capaci di esaltare la raffinatezza del locale senza interferire con la visione delle opere d’arte presenti.

Una parete della sala è completamente arredata dalle sedute modulari Modus accostate all’eleganza delle poltroncine Jazz, con imbottitura in ecopelle color rosa cipria e telaio in acciaio con finitura ottone anticato, e ai tavoli Inox, con ripiano in noce e basamento sempre con finitura ottone anticato. Nella parte centrale della sala le sedute Nym, dal caratteristico schienale ad arco in legno curvato, e Nemea, che abbinano il frassino ad un telaio in pressofusione di alluminio, accolgono gli ospiti che possono rilassarsi sorseggiando un drink e ammirando lo scorcio de Il bacio di Francesco Hayez, esposto nell’ultima sala del museo.

La caffetteria offre anche uno spazio esterno, che si affaccia sul cortile, protetto dal loggiato: qui i tavoli e le sedute della collezione per esterni Nolita, realizzati completamente in acciaio per garantire il massimo della solidità e durevolezza, permettono di vivere momenti di convivialità all’aria aperta.

E’ chiaro quindi che il Caffè Fernanda ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo salotto milanese.

L’articolo Arte, storia e design animano il Caffè Fernanda proviene da Dettagli Home Decor.

11 Gennaio 2019 / / Decor

Un nuovo tappeto in soggiorno può davvero cambiare il look della stanza. Ma scegliere il tappeto giusto può essere difficile: ecco qualche suggerimento.

Tappeti di tendenza 2019

Buondì cari amici. Con uno dei miei soliti “colpi di testa” ho deciso di cambiare il tappeto in salotto. Per carità, il vecchissimo persiano decisamente shabby, per non dire consumato,  è molto bello, e infatti non ho intenzione di buttarlo. Ma è troppo grande per l’ambiente e un po’ scuro: preferisco averne magari un paio chiari, più piccoli, facili da lavare ed economici, cosicché quando mi sarò stancata non sarà un problema sostituirli.

Tappeti di tendenza 2019

Prima di partire alla carica, mi sono fatta un’idea delle tendenze in fatto di tappeti nel 2019, e mi fa piacere condividerle, nel caso siate anche voi in cerca di un nuovo tappeto e non sappiate da dove cominciare . Pronti?

Tappeti shaggy

Si chiamano così i tappeti a pelo lungo, di grande tendenza. Morbidi, in lana (i più costosi) o in poliestere, vien voglia di rotolarcisi sopra. 

In questa categoria spadroneggiano ancora i tappeti berberi, originali (leggete questo post per capire la differenza) o d’imitazione: comunque sia, scegliendo uno di questi tappeti non rischiate di sbagliare.

Collezione Bliss disegnata da Mae Engelgeer per CC-Tapis

Poi ci sono i tappeti in tinta unita, proposti più o meno da tutti i brand di arredamento. Anche qui non rischiate di trovarvi con un complemento troppo ingombrante dal punto di vista estetico: basta scegliere un colore che si armonizzi con l’ambiente e l’arredo, e il tappeto resterà con voi per molti anni.

Saliamo di livello con i tappeti di design. Qui entriamo nel campo degli investimenti a lungo termine, visto il costo, ma sicuramente un tappeto come quelli proposti da CC-Tapis non passerà inosservato. Tuttavia, potete ispirarvi alla grafica Art Déco della collezione Bliss, disegnata da Mae Engelgeer per cercare un prodotto simile meno costoso. (Nella mood board qui sotto)

Tappeti di tendenza 2019 Shaggy

In senso orario: Tappeto in lana Freya, Westwing Now//Tappeto Kalpasi, La Redoute//Tappeto in stile berbero Ustril, La Redoute//Tappeto rotondo della collezione Bliss, CC-Tapis//Pelle di pecora Cassy, Westwing Now//Tappeto Fidji, Alinea//Tappeto Adum a pelo lungo rosa, Ikea.

Tappeti a pelo corto

Per chi non se la sente di investire in un tappeto a pelo lungo, per paura che non sia troppo igienico, la scelta si può orientare sui tappeti a pelo corto. Qui si trovano comunque le lavorazioni tradizionali in lana, e quelle in juta o altre fibre vegetali, molto di tendenza.

Tra i tappeti tradizionali troviamo sia i persiani, sia i francesi (tipo Abusson), ma devono essere rigorosamente tessuti con colori chiari ed avere un aspetto usurato (lo shabby chic resiste nei dettagli).

Se amate lo stile etcnico, quest’anno puntate sui tappeti in fibra vegetale, con motivi bicolore, uno chiaro e uno scuro, disposti in strisce orizzontali, alternate con pattern geometrici.

E a proposito di pattern geometrici, ebbene sì, sono ancora di attualità, come dimostrano i cataloghi dei brand più popolari come Ikea o MDM.

Concludo anche qui con un tappeto di design di alto livello, come il Valencia proposto da Covet Paris, con quella macchia color jaune moutarde tanto in voga in questo momento. (Nella mood board qui sotto)

Tappeti di tendenza 2019 pelo corto

Tappeto giallo senape in cotone, MDM//Tappeto vintage Cedar, Benuta//Tappeto STENLILLE, Ikea//Tappeto Valencia, Covet Paris//Tappeto stampato a mano Block, Westwing Now

Trend Alert 2019

Nel 2019, i tappeti appesi al muro saranno di grande tendenza, secondo alcuni osservatori del settore. Staremo a vedere.

Frange, frange e ancora frange. Ebbene sì, anche le frange sono tornate di moda. Le trovate naturalmente a guarnire i tappeti, ma anche coperte, cuscini, lampadari, sedute, da sole o in compagnia di pompom.

Ispirazioni: visita la mia bacheca Pinterest Carpet & Rugs

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

11 Gennaio 2019 / / ChiccaCasa

Non avrei mai creduto di scegliere come copertina di un post due immagini in cui il rosso fa da padrone. Non è un segreto che non è una delle tinte che amo di più, ma il trend di stagione ha influenzato anche me!

Rosse sono le pareti esterne di questo grazioso appartamento, posto in un complesso architettonico del 1924 a Södermalm (Svezia).
L’agenzia che lo propone in vendita, mostra, tra le pagine dedicate a questa casa, anche il quartiere, immerso in un suggestivo paesaggio autunnale, che mette in luce proprio il calore del rosso.


Lo styling allestito per la vendita infonde alle stanze un aspetto accogliente e vissuto. Sulla tavola da pranzo è imbandita una disordinata colazione, gli scaffali sono stati riempiti e la cucina è completa di utensili e di accessori necessari a preparare pasti deliziosi.
L’arredamento è un cocktail di pezzi second hand rivisitati, tra cui spiccano l’armadietto accanto alla scrivania e la poltroncina tappezzata di motivi floreali. Il bianco è alla base della palette cromatica che si tinge qua e là di colori pastello desaturati. È proprio questa caratteristica delle tinte a permettere ai dettagli black di armonizzarsi alla perfezione.

Quello che adoro di questo appartamento è l’atmosfera rassicurante ed accogliente che si respira. Sono sicura che non resterà ancora a lungo “on sale”.
Buon home tour!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
11 Gennaio 2019 / / Design Ur Life

Con l’arrivo dell’anno nuovo arrivano anche i saldi invernali e nella mia wish list da brava mamma ci sono un pò di complementi d’arredo per la cameretta.

I saldi invernali sono iniziati anche in tutti shop online ed è il momento giusto per comprare e sentirsi meno in colpa risparmiando! Di seguito potete cliccare su ogni prodotto nella moodboard per vedere tutti i dettagli.

  1. L’elefante è un oggetto amato da tutti bambini, che trasmette ai più piccoli tenerezza, forza, coraggio e bellezza. Disegnata dal designer francese Marc Venot, questa sedia elefante sembra essere molto confortevole e pronto ad accogliere i piccoli sul dorso! E’ costituita da legno di faggio proveniente da foreste europee e ha un design semplice e funzionale. Insomma è un must da adottare subito!
  2. Portatoto a forma di palloncino che consente di decorare la cameretta dei bambini, un corridoio o una stanza dei gioichi. Trovate due colori sullo shop, rosa o un blu scuro che decoreranno le pareti…
  3. La mensola a forma di lumaca apporta il suo buonumore nella cameretta dei bambini. Questo mobile-scultura in metallo è un vero trampolino di lancio per l’immaginazione dei piccoli. Il suo guscio aspetta di essere abitato da oggetti, libri e dai soprammobili preferiti dei bambini!
  4. Un carillon a forma di balena che suona la ninna nanna di Brahms ed è dotato di un cavo per sospendere.

Saldi Invernali

Questa moodboard è pensato per arredare la cameretta di un maschietto. Ma potrebbe anche arredare la cameretta di una bimba. Se andate a sbirciare nei link che ho taggato sulla foto potete vedere la disponibilità dei colori.

Voi avete una wish list per approfittare dei saldi e fare un pò di shopping?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto. Puoi scriverti al mio blog per non perderti i miei post e seguirmi su Instagram e facebook per rimanere sempre aggiornato.

Credits: moodboard creato da Saideh Shirangi, Design UR Life Blog, ©2018- fotocopertina di madeindesign.it

L’articolo Saldi Invernali, Weekly Moodboard #06 proviene da Design ur life blog.

10 Gennaio 2019 / / ArtigianaMente

Ti piacciono gli oggetti un po’ strani, colorati, magari provenienti dall’altra parte del mondo? A me tanto. Per questo sono felice che {finalmente} sia online lo shop di Funky Table. Funky Table è un negozio di Milano dove puoi trovare gli stili più disparati: richiami gipsy, ispirazioni pop, evocazioni kitsch. Tutto mescolato a oggetti cosmopoliti come i milagros che richiamano la spiritualità messicana, le teste di moro siciliane, stoviglie portoghesi, talismani napoletani contro il malocchio, brocche indiane dipinte a mano e accessori africani e altri artigianali.

L’idea della Funky Table nasce da Mariangela e Cristiana, due sorelle veronesi, dopo carriere votate a marketing, moda, interior design ed editoria.

 

 

Vi riporto la loro presentazione, perché mi piace così come l’hanno scritta.


“Tradizioni, storie, pensieri guidano la nostra ricerca di oggetti provenienti dall’Italia e da ogni continente. Dal 2015 raccontiamo le nostre passioni e la nostra visione del mondo.

Mescolare, trovare la perfezione in ciò che è volutamente imperfetto, enfatizzare la singolarità di ogni oggetto mettendo l’accento sullo stile e cogliendone il genius loci. Con Funky Table proponiamo un nuovo linguaggio decorativo.

Siamo due sorelle veronesi, Mariangela e Titti Negroni, dopo diverse esperienze nei settori design e moda, abbiamo unito i nostri sfaccettati percorsi professionali e personali per dar vita a questo nuovo progetto. Lavoriamo con un dinamico e prezioso team di cui Elisa Libera Maccioni è il nostro caposaldo.

Siamo a Milano in via Santa Marta 19, nel cuore delle 5Vie, tra antichi palazzi, cortili nascosti e laboratori artigiani. Rapidamente i nostri confini si sono allargati, sviluppiamo progetti con Le Bon Marché a Parigi. Inoltre siamo presenti, con la collezione La Tavola Scomposta in co-branding con Bitossi Home, in alcuni dei più prestigiosi department store come La Rinascente Milano, Roma Tritone, e da Selfridges a Londra.”


Questa caraffa artigianale c’é l’ho anch’io. Ceramica di Bassano del Grappa, la produce TuttoAttaccato.

Questi tappeti di lana mi fanno impazzire…

La tavola scomposta è tra le idee di Funky Table che amo di più

 

Diciamo che non è soltanto un negozio dove trovare oggetti funky. Funky Table crea allestimenti per ogni occasione.

Ecco per esempio, alcuni dei Funky Party organizzati negli ultimi anni:

  • Social dinner “Rompete le righe” di Benetton (Primavera/Estate 2017), ristorante Contraste, Milano.
  • Christmas press day di Ikea “Siamo fatti per cambiare”
  • Matrimonio a Gstaad per 240 persone
  • Compleanno nella Palazzina di Caccia di Stupinigi per 100 persone
  • Cena privata a Parigi per 80 persone

Per tutti gli eventi è disponibile, oltre alla consulenza creativa, il noleggio di prodotti Funky Table e la personalizzazione di oggetti e arredi.

Adoro questi spazi creativi, e tu?

 

The post Funky Table: c’è lo shop online appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

10 Gennaio 2019 / / Architettura

Case piccole e pavimenti, le scelte giuste da fare per ampliare visivamente gli ambienti e moltiplicare i metri quadrati.


State per entrare nella vostra nuova casa che non è piccola, è micro. Ma tant’è, questo è quello che passa il convento.. Anzi magari non siete neanche padroni ma solo affittuari.

Il che è ancora peggio, perché il ventaglio di opzioni attuabili per migliorare lo (seppur poco) spazio si riducono drasticamente.

Eppure che decidiate di smantellare e sostituire i vecchi pavimenti o semplicemente coprirli, ci sono alcuni consigli che posso darvi quando si tratta di case piccole e pavimenti.

Case piccole e pavimenti in legno, gres o resina

Se la micro casa in questione è anche datata allora è probabile che abbiate più tipi di rivestimenti a terra. Non c’è cosa peggiore per evidenziare i limiti di una stanza ed ovviamente le dimensioni ridotte.

Molto meglio un unico pavimento per tutta casa (si, cucina e bagni inclusi) che renda fluidi e comunicanti gli spazi. In questo modo si avrà l’impressione di avere più metri a disposizione di quelli reali, soprattutto se il rivestimento scelto ha fughe piccole ed impercettibili.

Anche in case in affitto si può fare: scegliendo ed installando laminati o vinilici dagli spessori minimi.

case piccole e pavimenti

Se siete amanti del parquet allora sceglietelo con listoni lunghi ed ampi, posati a correre. Che vuol dire? Vuol dire che i listoni sono posati uno accanto all’altro nel senso della lunghezza.
Va da sé che questo tipo di posa evidenzierà la lunghezza, dando l’impressione di spazi più ampi.

Scegliete essenze chiare come il rovere sbiancato, il faggio, l’acero e il frassino.

Se il legno vero vi mette ansia, allora optate per il gres. Che sia ad imitazione del legno o nei classici formati quadrati, poco importa.
Quello che importa è il formato delle piastrelle: più grandi sono, meglio è. Avrete più ampiezza e potrete anche applicarle alle pareti in soggiorno come in bagno. La continuità dei rivestimenti confonde i limiti e farà sembrare la stanza gigante.

Addio battiscopa però: spezzando visivamente la parete la accorciano, tagliando anche l’altezza del locale.

case piccole e pavimenti

Per gli amanti dello stile minimal e industriale, una possibile scelta sono la resina e il cemento.

Il cemento può essere opaco o lucido, in base alle preferenze. La resina a differenza del cemento si posa più facilmente ed è realizzabile in mille colori e decori.
Il cemento invece andrebbe verniciato, nel caso in cui il suo colore grigio non fosse di vostro gradimento.

In entrambi i casi l’assenza di fughe e la continuità di posa ingrandisce gli spazi e facilita la pulizia.

case piccole e pavimenti

L’articolo Case piccole e pavimenti: le scelte giuste per moltiplicare lo spazio sembra essere il primo su VHD.

10 Gennaio 2019 / / Decor

Quadri moderniQuadri moderniQuadri moderni

La casa diventa tale, nel suo significato più intimo, tramite il suo arredamento. Ogni componente ha una sua utilità primaria che è immediatamente percepibile dal suo nome, ed una secondaria che riguarda lo stile. Così è un mobile, un tavolo, una porta, una libreria e cosi via. Ogni camera assume una particolare connotazione per scelta fatta da parte del suo proprietario.
Manca qualcosa, lo avvertiamo immediatamente quando entriamo in un mondo asettico, come un ospedale, un ufficio pubblico, una casa abitata da poco.
Per capire ciò che sentiamo come incompiuto rivolgiamo il nostro sguardo ad un concetto più familiare. Una persona viene definita, ancor prima di parlarci, dal suo abbigliamento, dai colori, addirittura può risultare simpatica solo perché il suo stile ne anticipa il suo stato d’animo. Una persona che indossa un’uniforme comunica un ruolo attivo nella società, un abito da sera connota l’eleganza, si tratta di esempi di stile.
Il vestito anticipa la personalità, poi però c’è la conferma di ciò che è stato solo intuito. La persona si palesa con i movimenti, il sorriso e lo sguardo e molto altro. Il tutto miscelato, attribuisce un’identità ben precisa ed il suo nome fornisce un modo per riunire tutti i significati appresi.
Il proprietario di una casa manifesta la sua personalità attraverso lo stile ed il colore, poi però da vita agli ambienti che si arricchiscono con i quadri. Le pareti diventano, da barriere tra spazi di un edificio unico, a punti focali, proprio come lo sono gli occhi, le espressioni del viso e la voce.
In entrambe i casi siamo di fronte ad una comunicazione più profonda che tocca l’emotività, con il potere di trasformare le sensazioni. Ciò accade perché siamo coinvolti per mezzo dei sensi. I Quadri moderni sono perfetti per spaziare tra colori, forme e dimensioni, perché non hanno confini interpretativi, liberi dagli schemi sono più in grado di toccare la sfera delle sensazioni.

Quadri moderniQuadri moderniQuadri moderni

 

Atmosfera e stile

Dopo questa premessa bisogna calarsi negli ambienti ed immaginare quale atmosfera vogliamo evocare quando entriamo in una stanza. Da ciò ne deriverà il nostro personale senso di accoglienza e la sensazione di far parte di un luogo tanto materiale quanto emotivo, la familiarità.
La decorazione segue normalmente il gusto e la personalità di chi arreda, questa è un’ottima giustificazione a chi preferisce abbellire la casa personalmente, senza l’ausilio di un interprete come può essere un arredatore o un designer. C’è comunque una via di mezzo, il professionista può elaborare dei messaggi individuali espliciti o impliciti che lo portano a disegnare un ambiente secondo una tendenza che ha saputo cogliere e che, cosa più importante, rappresentano la famiglia che vi abita.
Gli attrezzi del mestiere sono: il proprio senso estetico, la passione per la comunicazione espressiva dei colori e delle forme, la pazienza di provare soluzioni diverse.
Dai quadri ci si aspetta che forniscano la giusta personalità, e che questa possa durare nel tempo senza stancare.
Il gusto personale è decisivo, un influencer esterno può permetterci di tenere conto dell’eleganza che dona fascino all’ambiente. Il tono generale deve rimanere al di sopra dello stile. In un mondo ideale si arreda la casa partendo dai quadri e si completa il messaggio con l’arredamento.
Sappiamo che così non è, per abitudine o semplicemente per dimenticanza.

Quadri moderniQuadri moderniQuadri moderni

Il quadro moderno giusto per ogni stanza

L’arte arreda la casa in ogni suo ambiente. Sfruttiamo le pareti più in evidenza per trasmettere personalità ed armonia.

I quadri moderni in salotto

Il luogo più attivamente vissuto da un nucleo familiare è senza dubbio il salotto, oggi molti amano chiamarlo living un po’ per modernità ma anche per la sua più corretta traduzione della funzione di un ambiente.
Andiamo per gradi e cerchiamo di scomporre gli elementi uno per uno a partire dalla dimensione.
Una bella parete grande si può valorizzare con una generosa dimensione di un quadro moderno ma anche con l’elemento opposto.
Nel primo caso la vastità del messaggio abbatte le pareti vicine come il sole del mattino, il tono della comunicazione si fa corposo e l’ospite si trova ad essere spettatore e si pone in ascolto dell’emozione evocata dal tema raffigurato. Al contrario un quadro volutamente piccolo e centrato funziona come un punto di attenzione esasperato, in cui il contenuto del messaggio diventa una calamita a cui cercare di resistere.
Nei musei si gioca questa ambivalenza unicamente dovuta alla dimensione. Il colore della parete fa parte del quadro in uno o nell’altro caso, può essere neutro, cupo o solare.
I quadri moderni possono essere composti da più pannelli, oppure assumere forme tradizionali. I pannelli amplificano la portata del messaggio o perché richiamano la forma della propagazione, oppure perché lasciano uno spazio tra un pannello e l’altro che la mente forza per unire a tutto vantaggio dell’eleganza.
L’elemento della originalità aumenta la personalità dell’ambiente, va dosata per non invadere lo spazio dell’armonia della convivialità, un elemento decorativo importante non è intenso in senso assoluto ma di complemento, altrimenti si vivrà il luogo in maniera ossequiosa ed innaturale.
Il salotto è comunque un luogo importante e non va fatto vivere con pressapochismo, con un poster o una gigantografia, preferiamo il tratto di una tela in cui si vede l’artista, presente ed unico.
Un quadro contemporaneo offre un tipo di contenuto dinamico, il movimento spesso lo caratterizza ed il colore è scelto per dare voce.

Quadri moderniQuadri moderni

Quadri moderni

Arredare la camera da letto con i quadri moderni

L’ambiente più intimo ha quasi sempre a disposizione la parete sopra la testata del letto. E’ un luogo in cui necessitiamo del riposo e del silenzio. L’elemento accoglienza è maggiormente spinto, e ciò che desideriamo è ottenere benessere.
Colori tenui e dimensioni non esagerate, più di un segno vivace servono visioni non delineate, lo sfumato aiuta ad entrare in sintonia con il nostro io.Quadri moderni

Quadri moderniQuadri moderni

Altri luoghi della casa sono arredabili con minori esigenze ed impegno, ciò che conta è centrare la dimensione ed il colore. Il senso del trasporto della personalità c’è poiché deriva da una visione d’insieme, e pur non accorgendocene ogni ambiente si salda all’altro.

In ogni caso un quadro moderno  ci aiuterà  ad arredare e completare gli ambienti in modo armonico e non eccessivamente impegnativo.

Quadri moderniQuadri moderniQuadri moderni

L’articolo Arredare casa con i quadri moderni proviene da Architettura e design a Roma.