Schemi di colore per bambini anti-noia ed energetici

Pubblicato da blog ospite in Colori, VDR Home Design

Quando si parla di schemi di colore per bambini e ragazzi, si tende a rimanere nel campo dei colori soft e neutri. Mai scelta più ovvia.. E se invece andassimo a tutto colore?

……….

Di solito succede sempre così: siamo li con le mazzette colore per scegliere le tinte da usare in cameretta. Partiamo con l’idea di scegliere delle tonalità diverse dal solito, per rendere la stanza divertente e accogliente. Però la paura di sbagliare, esagerare e fare un pastrocchio ci attanaglia. Risultato?

Scegliamo sempre i soliti colori: blu, azzurro, giallino, rosino. Che per carità, sono ottime scelte. Forse un po’ troppo usate e inflazionate, no?

Per darvi una mano e farvi vedere che scegliere ed usare colori audaci non vuol dire creare stanze da incubo, vi ho fatto tre schemi di colore a cui ispirarvi. 

Sono partita da caramelle e giocattoli. Curiosi?

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI IN ROSSO E TURCHESE


SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

Eccolo qui il primo schema: ispirato a delle piccole statuine in colori davvero esplosivi. Rosso e turchese come colori saturi e poi azzurro chiaro, rosa e arancione. Può sembrare uno schema per sole bimbe, ma non è così. Se usate il turchese in maggior parte, automaticamente la stanza prenderà un’aria mascolina. Anche se ci sono accenti di rosso e arancione qui e là. Il mio consiglio (che vale per tutti e tre gli schemi) è di non usare nessuno di questi colori a parete, ma solo negli accessori e nei dettagli. 

Questo perché eviterete di creare stanze sovraccariche di colore e stimoli e perché sarà più facile aggiornare la stanza man mano che il piccolo / a cresce.

Pensate che così la stanza sia troppo anonima? Guardate questa stanza che bella che è. I muri sono una tela bianca e si è intervenuti poi con stampe e trame. Il filo di unione sono proprio i colori.

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

|Image credits: fourcheekymonkeys.com|

SCHEMI DI COLORE IN ROSSO, FUCSIA E AZZURRO

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

Qual è il cibo preferito dei più piccoli? I dolci e le caramelle. E per invitarli a mangiarli i dolciumi di solito si presentano in colori sgargianti a cui è impossibile resistere. Perché quindi non ispirarsi a loro per uno schema colore?

Anche qui ci sono il rosso e l’arancione, ma in tonalità più chiare perché con più presenza di bianco all’interno. E poi fucsia, giallo e azzurro come il cielo d’estate.

Un mix davvero esplosivo per delle camerette uniche nel loro genere!

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

|Image credits: Oh Joy for Nod – ohjoy.blogs.com|

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI IN LILLA E VERDE

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

Ed eccoci qui con l’ultimo schema che forse è anche il più adatto a ragazzi e ragazze già adolescenti. Colori sempre audaci e coraggiosi, ma meno giocosi. Lilla e verde sono un’accoppiata senza tempo, per stanze dal sapore romantico e dal fascino d’altri tempi. Se ve la sentite in questo caso potete usare il lilla per le pareti: è un colore pastello che non fa mancare luce e non appesantisce l’insieme.

Anche in questo caso in base a come decidete di usare i colori, lo schema è perfetto sia per i maschi che per le femmine.

SCHEMI DI COLORE PER BAMBINI

|Image credits: Benjamin Moore – Adairs.com|

L’articolo Schemi di colore per bambini anti-noia ed energetici sembra essere il primo su VHD.

Tags: ,

 
 

Decorare a costo zero con i quadri gratis per bimbi

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Potete aver scelto i mobili più belli per la vostra cameretta, ma se le pareti sono spoglie, il lavoro non è completo. Dove trovare dei bei quadri da appendere? Ci ho pensato io. Leggete per scaricare i vostri quadri gratis per bimbi. 

………

Chi di voi ha figli o è in attesa di averli, ha sperimentato l’ansia da cameretta. Cioè: quando vanno scelti i mobili? Come li prendiamo? Da neonato o già da adolescente? Quelli che crescono con lui?

Dopo aver speso mesi arrovellandosi il cervello in cerca delle risposte, qualcosa ne è venuto fuori ed una cameretta ha preso forma. Però di solito ci si ferma ai mobili veri e propri e si tralasciano i dettagli. Che poi sono il cuore di ogni progetto di interior design e architettura in generale.

Pensate ad una stanza arredata ma senza i complementi: non vi sembra spoglia e non accogliente? Quindi potete aver scelto i mobili più belli che c’erano, ma se non avete anche scelto tende, tappeti e quadri, il progetto non è finito.

Almeno su un punto posso venirvi incontro facendovi risparmiare un po’.

I DETTAGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA: QUADRI GRATIS PER BIMBI

Come dicevo, almeno su un punto posso aiutarvi: i quadri. Come sapete ne ho già creato qualcuno che potete scaricare gratis e stampare. Questa volta è la volta dei bimbi.

Ho pensato a quattro quadri da stampare nel formato che meglio credete o che meglio si adatta alle vostre esigenze. Il formato ideale a cui ho pensato è il 20 x 30 cm.

 quadri gratis per bimbi quadri gratis per bimbi

Si tratta di disegni adatti ai più piccoli, principalmente maschietti ma non è detto. Se piacciono anche alle femminucce nessuno vi vieta di metterglieli in camera!!

quadri gratis per bimbi quadri gratis per bimbi

Hanno temi vari con colori decisi ma anche un po’ effetto cartone. Si adattano bene davvero ad ogni tipo di stanza, per cui sentitevi liberi di metterli dove più vi piacciono.

Spero vi piacciano e se la risposta è si, potete scaricarli qui!

 

 

L’articolo Decorare a costo zero con i quadri gratis per bimbi sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Cameretta in mansarda: il nostro progetto

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Idee, VDR Home Design

Come si arreda una cameretta in mansarda? Vi faccio vedere il progetto che abbiamo pensato per la nostra, a budget contenuto.

……….

Come ormai saprete bene, abbiamo cambiato casa ed avuto un bimbo. Un sacco di novità insomma, per essere solo a settembre di questo 2018. E in questi cambiamenti ci sono due variabili abbastanza complicate, che oltretutto si presentano insieme. Arredare una mansarda e arredare una cameretta. Mettete insieme le due cose e il livello di difficoltà diventa incalcolabile.

Che mobili scelgo per sfruttare al meglio l’altezza della mansarda? Quanti armadi mi serviranno per il neonato che poi diventerà adolescente? Dove li trovo dei mobili che si trasformino nel tempo?

Dopo aver spremuto le meningi per mesi su queste e altre duemila domande, siamo arrivati ad una soluzione pratica ed economica che ci permettesse di realizzare una cameretta che resistesse alla crescita del nostro piccolo.

LA NOSTRA SOLUZIONE PER ARREDARE LA CAMERETTA IN MANSARDA

Cominciamo da un punto che può sembrare scontato ma non lo è. Le dimensioni (larghezza e altezza) della cameretta che avete in mansarda. Molto spesso le mansarde hanno altezze quasi ridicole, nel senso che sono troppo basse per rendere davvero vivibile (e arredabile) la stanza. Tenete conto che in Lombardia una mansarda per essere abitabile deve avere altezza minima di 1,5 mt e altezza media di 2,4 mt.

Ma anche l’altezza massima è un dato importante, perché sarà proprio sulle pareti più alte che troveranno posto la gran parte degli armadi e degli arredi in generale. I metri quadri minimi per una cameretta sono 9, per cui attenzione anche a questo dato.

Nel nostro caso, l’altezza massima che abbiamo è di 3,8 mt per un totale di quasi 13,5 mq. Per cui non abbiamo molti vincoli, a parte il tetto inclinato in legno.

cameretta in mansarda

Abbiamo valutato la possibilità di far fare armadiature su misura ma il budget non lo permetteva. Abbiamo perso un po’ di mesi alla ricerca di armadi più alti di 2,4 mt che non costassero una fortuna, ma non abbiamo trovato molto. Finché qualche mese fa ci siamo imbattuti in una novità di Ikea: il sistema Platsa. Si tratta di un sistema modulare componibile, con strutture disponibili in quattro altezze: 40 cm, 60 cm, 120 cm, 180 cm. Le strutture sono sovrapponibili ed attrezzabili con ante e cassetti, oppure si possono lasciare aperte come scaffali.

Potete capire quanto sia flessibile questo sistema e quanto sia perfetto per noi e per chi come noi abita in mansarda. Combinando un modulo da 180 cm, con uno da 60 cm e uno da 40 cm riusciamo ad arrivare a ben 2,8 mt di altezza! Che per un armadio è davvero notevole.

I tre moduli che vedete (due larghi 80 cm e uno largo 60 cm) sono attrezzati con tubi appendiabiti ma soprattutto cassetti ed hanno un prezzo che si aggira intorno agli € 800. Ovviamente noi per gli armadi abbiamo scelto la parete più alta, mentre su quella opposta (che ha altezza sotto trave di 1,1 mt) abbiamo pensato ad una serie di cassetti e scaffali (sempre serie Platsa). Si tratta di moduli da 40 cm di altezza sovrapposti, in cui inseriremo alcuni cassetti.

Il letto è il modello Flekke sempre di Ikea che ha due cassetti sotto e un doppio materasso, in quanto all’occorrenza può diventare letto matrimoniale. Di giorno invece funziona come comodo divano.

In tutto la spesa per una cameretta del genere è intorno ai € 1200, ma si tratta di un arredo che non necessita di essere cambiato man mano che il bimbo cresce. Al massimo si possono sostituire gli accessori interni degli armadi, ma direi che si tratterebbe di una spesa assolutamente accessibile.

 

L’articolo Cameretta in mansarda: il nostro progetto sembra essere il primo su VHD.

Tags: ,

 
 

Una cameretta per due

Pubblicato da blog ospite in Filò, Interiors, Interni

Oggi ho deciso di raccontarti come si è trasformata ‘la sua cameretta’ in questi sei anni.

Ovviamente lo stravolgimento più grande è stata la necessità di far posto al fratellino.
Anna e Giorgio  hanno cinque anni di differenza, quasi sei, esigenze molto diverse.
Ho deciso che lei avrebbe dovuto continuare ad avere una sua ‘privacy’ e soprattutto la sensazione di un piccolo rifugio tutto per sè.

Come sempre parto dai vincoli: spostare il grande armadio bianco era cosa impensabile, anche per me – nonostante ormai mi sia creata un ottimo curriculum da traslocatore: a casa mia e dai miei clienti non mi limito a progettare, passo spesso all’azione in prima persona! –
Oltre a questo c’era da considerare la vicinanza di finestra e portafinestra, certamente meravigliose vista la luce che riesce ad entrare in camera ma molto vincolanti in quanto mettono fuori gioco ben due pareti!

Ecco la situazione prima del cambiamento.

Come creare due ambienti diversi?

L’idea è arrivata grazie ad una necessità – succede sempre così, per questo consiglio di metterle bene a fuoco prima di procedere con radicali stravolgimenti – 
La cassettiera di Anna era inadeguata per l’arrivo del fratello.
Mi spiego.
La nostra casa è piuttosto piccola, il grande armadio bianco contiene al 90% biancheria per la casa , cappotti, scatole per il cambio stagione, lo spazio a loro dedicato è minimo = ho bisogno di una cassettiera più grande (va da se’ che un’altro armadio nella stessa camera non l’avrei mai messo).

A questo punto unisco due tasselli: la stessa esigenza l’abbiamo anche in camera nostra e così arriva la soluzione!

La nostra bella HEMNES  con 8 cassetti diventa la loro cassettiera (ho esattamente raddoppiato la capienza che avevo prima) mentre da noi, potendo sfruttare lo spazio libero in altezza, abbiamo inserito due MALM da sei cassetti ciascuno ( su INSTAGRAM puoi vedere come l’ho personalizzata!).

Ho posizionato la Hemnes in modo inusuale, ovvero non appoggiata al muro con il lato lungo ma sul lato corto; il mio falegname di fiducia ha realizzato un pannello con finte doghe per coprire la schiena della cassettiera (se ti piace l’idea puoi realizzarla da sola utilizzando delle perline ad incastro come QUESTE ) e così il letto di Anna si è trasformato in un divanetto. 
Le fa da comodino/libreria  un modulo cassettone STUVA, perfetto come contenitore giochi, accanto un contenitore DRONA verde pastello per tutto i suoi pupazzi. Tra le finestre invece ho lasciato la sua sedia a dondolo così come nella soluzione iniziale. A terra il grande tappeto in tinta neutra trasforma ogni centimetro di pavimento libero in area giochi .

La nuova cassettiera oltre ad essere perfetta per le nuove esigenze è riuscita a creare due zone ben distinte.

Sopra al lettino di Giorgio una mensola reggiquadro – QUESTA – raccoglie tutti gli albi illustrati che abbiamo iniziato a leggergli.

Il gioco è fatto? Che dici, ti sono stata utile?
Se hai ancora dei dubbi su come trasformare o rinnovare la sua camera SCRIVIMI!
‘La sua cameretta’ sarà in promozione fino a fine ottobre, QUI puoi leggere come funziona.

A presto,
Marianna

Tags:

 
 

Come arredare una cameretta piccola: 9 soluzioni

Pubblicato da blog ospite in Clever

Arredare una cameretta piccola può essere una sfida, che sia per uno o per due bambini.

Progettare una stanzetta di piccole dimensioni mette a dura prova qualsiasi genitore. Tu vuoi dare il meglio ai tuoi figli: vuoi creare un ambiente personalizzato in cui possano giocare, studiare, invitare gli amici.

In questa guida vi diamo alcune idee su cosa fare se la cameretta è mini ma tu sei determinato a creare uno spazio super attrezzato, bello e capiente.

Partiamo dalla più piccola, passando ad una standard di 9 mq in su, con soluzioni destinate ad un bambino o bambina, ad un ragazzo o ragazza, a due fratelli o sorelle.

7 / 8 metri quadri: arredare una cameretta molto piccola

Per il momento non avete intenzione di cambiare casa e pensate di convertire lo studio, l’home theatre o la grande cabina armadio in stanzetta. Per loro, questo ed altro!

Per ottimizzare al massimo lo spazio a disposizione un’ottima idea è optare per una cameretta con letti estraibili.

Piantina cameretta 390 cm

Idea cameretta piccola due letti

Oppure puntare su una soluzione stretta e lunga che si sviluppa su un’unica parete.

Pianta cameretta larghezza 440 cm

Mobili cameretta piccola su unica parete

 

Idee per arredare una cameretta di 9 mq

Anche se la superficie a disposizione è limitata ricordate sempre che i bambini hanno bisogno di uno spazio centrale libero per giocare e che l’ideale è riuscire sempre ad organizzare una cameretta con angolo studio.

Piantina cameretta singola 375 x 209 cm

Esempio di cameretta con armadio a ponte e scrivania

Se il primo mantra degli ambienti piccoli è sfruttarli in altezza, il secondo è non dimenticare di usare gli angoli. In questo caso sono state fatte entrambe le cose, con una cameretta a ponte con letti contenitore: due must salvaspazio in un’unica composizione.

Pianta cameretta 420 x 209 cm

Cameretta angolare con due letti e armadio a ponte

 

Suggerimenti per l’arredamento di una cameretta piccola per una ragazza

La camera di una ragazza deve avere tanto spazio contenitivo per vestiti, scarpe e borse. Se lo spazio è piccolo allora meglio preferire una soluzione con grande armadio a ponte ed un letto contenitore o con cassetti.

Piantina cameretta 420 x 225 cm

Soluzione per cameretta piccola per una ragazza

Inoltre la perfetta combinazione per le ragazze è quella di una zona studio-relax per accogliere le amiche, chiacchierare e organizzare pigiama party. Un arredamento cameretta con letto a scomparsa o divano letto possono essere la soluzione ideale per tutte queste esigenze.

Pianta cameretta 437 x 229 cm

Idea per arredo cameretta con divano letto e letto a scomparsa

 

Che mobili scegliere per la piccola cameretta di due bambini

Se la stanzetta è molto ridotta potete pensare ad una composizione con letto a castello a scomparsa.

Piantina cameretta 448 x 180 cm

Cameretta piccolissima con letto a castello a scomparsa

Se invece lo spazio ve lo consente, un arredo cameretta con letto a soppalco e armadio è fantastico per permettere ad ognuno di avere un vero e proprio spazio personale, su due livelli.

Piantina cameretta larghezza 380 cm

Mobili cameretta con letto a soppalco e cabina armadio

 

Se la cameretta piccola è per due ragazzi

I ragazzi passano molto tempo fuori casa e quando sono in cameretta è per studiare o invitare gli amici per giocare alla Play o al pc. Una camera da ragazzi con due letti a scomparsa unisce spazio riposo, studio, relax in pochi – e compatti – metri quadrati.

Pianta cameretta 312 x 319 cm

Cameretta compatta con due letti a scomparsa integrati con armadio

 

Le misure standard delle camerette in Italia

Nel 1975 un Decreto del Ministero della Sanità ha fissato alcune importantissimi regole per la costruzione delle abitazioni private per cui la superficie minima di una cameretta (intesa come stanza singola) deve essere di 9 mq. Inoltre la lunghezza e la larghezza dell’ambiente devono permettere l’inserimento di:

  • un letto singolo (ingombro minimo cm 80 x 190 in su)
  • un armadio (profondità minima 60 cm, larghezza e altezza variabili)
  • un comodino (dimensioni variabili)
  • una scrivania (dimensioni variabili)

I fatidici 9 metri quadrati sono quelli più diffusi negli appartamenti di recente o nuova costruzione. Ma abbiamo visto che con i mobili giusti si possono arredare camerette minuscole perfettamente attrezzate.

Ecco secondo noi i 3 mobili indispensabili per organizzare camerette piccole e piccolissime:

  • letto salvaspazio multifunzionale: a soppalco, a castello, estraibile o a scomparsa. Tutti arredi salvaspazio di varie tipologie che, se progettati intelligentemente, possono avere la scrivania o l’armadio integrato
  • armadio a ponte: una delle indiscusse leggi per ottimizzare gli spazi piccoli è quella di sfruttarli in verticale, usate i muri in altezza il più possibile (= più spazio calpestabile)
  • mobili trasformabili: letti a scomparsa con scrittoi integrati, armadi con scrivanie a ribalta o libreria incorporati, mobili-letto con divanetti o pouf e molte altre soluzioni aiutano a creare un ambiente da utilizzare giorno e notte al pieno delle sue possibilità

 

Clicca qui per richiedere un progetto personalizzato dal rivenditore Clever più vicino a te.

Tags: ,

 
 

LA SUA CAMERETTA… progettiamola insieme!

Pubblicato da blog ospite in Filò, Idee

Qui fervono i preparativi per la scuola. Mercoledì Anna inizierà la prima elementare e l’emozione è tanta!

Zaino, astuccio, etichette ovunque: ma era così anche quando andavamo a scuola noi?!?
Mi parlano di un sacco di libri già in prima elementare, pomeriggi interi da dedicare ai compiti e tanta pazienza per riuscire a supportarli in questa nuova avventura!

Avvolta in questo clima prescolastico mi sono onestamente chiesta: dove metteremo i libri? 
E lei, dove starà meglio per studiare in tranquillità senza subire i pianti del fratellino?

Presa da una piccola rivoluzione casalinga ho ripensato a quanto ti avevo chiesto tempo fa:
troveresti utile una consulenza per la sua cameretta? 

BENE, CREDO CHE QUESTO POSSA ESSERE PROPRIO IL MOMENTO GIUSTO PER PROPORTELA!

L’ho chiamata ‘LA SUA CAMERETTA’ perchè è importante che sia pensata per le loro esigenze!

Ma l’ho chiamata così anche in riferimento al post che anni fa avevo scritto mossa dall’incredibile gioia d’essere finalmente riuscita a concludere la ‘sua’ di cameretta, quella di Anna – qui lo puoi rileggere – Mi ero concessa del tempo anche per dipingere le pareti e non solo per progettare e arredare! Che soddisfazione!

‘LA SUA CAMERETTA’ sarà in promozione fino a fine ottobre al costo di 200 € 
così avrai tutto il tempo per riflettere sulle nuove esigenze di tuo figlio!

Attenta però! Non l’ho pensata solo per camerette di bimbi in età scolare! 

FA A L CASO TUO SE:

  • non sai più come risolvere il caos che regna sovrano nella sua stanza;
  • il tuo piccolo/a sta diventando grande e non sai come inserire una piccola zona studio magari completa di libreria;
  • tuo figlio non sopporta più ninnoli e pupazzi di quando aveva due anni e vorrebbe lo spazio idoneo per uno stereo o comunque un ambiente che meglio rispecchi la sua personalità;
o ancora…
  • aspetti un secondo bimbo ma la seconda cameretta la dovrai aspettare ancora per anni, nel frattempo? Come gestire due bimbi di età diverse nella stessa stanza?
  • desideri semplicemente dare una nuova immagine alla sua camera perchè al momento non ha una vera identità.

RICEVERAI:
  • ‘progetto planimetrico’, ovvero il disegno del nuovo posizionamento degli arredi;
  • ‘tavole emozionali’ con immagini esplicative e descrizioni delle soluzioni proposte;
  • ‘lista della spesa’, suggerimenti con immagini e costi dei mobili da acquistare per completare l’ambiente (in questo rispetto la mia politica: economico e facilmente personalizzabile!) 
  • oppure ‘proposte di recupero mobili esistenti’, ovvero come rinnovare, adattare o integrare personalizzando arredi che già hai e magari tieni altrove inutilizzati.
infine, solo per te e solo fino a fine ottobre, compreso nel prezzo anche la guida su come procedere per non perdere tempo e riuscire a realizzare senza intoppi la sua nuova cameretta!
Se sei interessata scrivimi a ilmiofilo@gmail.com anche solo per semplici domande!
Io intanto mi rimbocco le maniche e inizio a trovare nuove soluzioni!
A presto,
Marianna

Tags:

 
 

Idea da copiare: una scrivania per disegnare a prova di bimbi

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Cosa piace di più fare ai bambini e ai ragazzi? Disegnare e scrivere liberamente, magari avendo una scrivania per disegnare intera.

………..

Pensate un po’ a quando eravate bambini o ragazzi: qual era la cosa che vi piaceva fare di più? Disegnare e scrivere liberamente. Lo facevate dappertutto, su qualsiasi superficie dritta. Con buona pace dei santi che tiravano giù i vostri genitori quando vi scoprivano a usare il muro del soggiorno come tela.

Meno male che negli ultimi anni sono state inventate pitture lavagna e carte da parati che si possono colorare, così da ridurre un po’ i danni. Ma quando si tratta di mobili? Come si fa a ridurre i danni da penna e pennarello?

Mi è venuta un’idea anche abbastanza facile per realizzare una scrivania per disegnare e con un budget sotto i € 100 (precisamente € 75,75).

UNA SCRIVANIA PER DISEGNARE E PER STUDIARE

La scrivania in cameretta serve, già da quando i vostri piccoli cominciano ad andare all’asilo e prendono confidenza con i pennarelli. L’attività del disegno è una delle più belle da far fare ai piccoli, perché permette loro di sfogare e allenare la loro fantasia.

Il disegno diventerà poi scrittura quando si comincerà la scuola. Quindi si tratta di un elemento fondamentale quando si pensa ad arredare la stanza. Invece che prendere una semplice scrivania e tenerla come tale, perché non trasformarla in un grande blocco da disegno? 

scrivania per disegnare

| Ikea | Linnmon / Adils |

Io sono partita dalle dimensioni dei fogli bianchi che ci sono in commercio, mi sono basata sui fogli da disegno in formato A1 (84 cm x 59,4 cm). In particolare questi che trovate su Amazon di Artway Studio da 13o gm². Date le dimensioni dei fogli ho cercato una scrivania semplice, che non mi dispiacerebbe modificare e senza un costo esorbitante.

Il modello che ho trovato è il piano bianco con le gambe nere di Ikea Linnmon / Adils.  Il costo è di soli € 19,95 e potete sceglierlo in più varianti di colore, se l’accoppiata bianco – nero non vi convince.

Infine vi serviranno degli anelli apribili in alluminio, come questi di Niji dal diametro di 5,2 cm (ci sono anche da 8 cm di diametro). A cosa servono? Ad attaccare i fogli da disegno alla scrivania e girarli quando sono completamente scritti. Proprio come se si trattasse di un blocco da disegno.

scrivania per disegnare

| Fogli da disegno formato A1 Artway Studio | Anelli apribili di alluminio diametro 5,2 cm Niji | Scrivania Ikea Linnmon / Adils |

Come vedete si tratta di fare una sola operazione: fare 5 fori da 3 cm di diametro sulla scrivania, utilizzando la punta del trapano per il legno nel diametro indicato o che preferite voi. Il piano della scrivania è lungo 100 cm, le gambe hanno diametro 4 cm e sono poste a 5 cm dal bordo del piano al centro della gamba.

Rimangono all’incirca 86 cm, a cui dovrete togliere i 15 cm dei fori che andrete a realizzare. Per definire a che distanza fare i fori, dividete per 6 i 71 cm rimasti. Io per comodità ho tenuto i due fori esterni a 11 cm dalla gamba della scrivania e quelli centrali a 12 cm. Ma potete anche farli tutti alla stessa distanza, cioè circa 11,8 cm.

Una volta fatti i fori anche sui fogli non vi resta che assemblare il super blocco da disegno e far sfogare i vostri artisti!

 

L’articolo Idea da copiare: una scrivania per disegnare a prova di bimbi sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Soluzione salva spazio: LETTO A SOPPALCO

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

Design per i più piccoli…

Siamo sempre alla ricerca di nuove soluzioni per rendere speciali e frizzanti le camere dei nostri figli. Tuttavia, quando lo spazio è ristretto o si vogliono prediligere attività quali il gioco e il divertimento, l’impresa diventa ardua.

Ecco allora che può giungere in aiuto il tanto adorato “letto a soppalco“.

Soluzione salva spazio!

Utilizzato da moltissimi per risolvere situazioni di piccole metrature e abbinato ad armadi incorporati, trova oggi largo impiego con progettazioni contemporanee e originali.

Soluzione salva spazio

Soluzione salva spazio Solitamente, nella parte inferiore, viene inserito l’angolo studio, anche se la parte dedicata al gioco e allo svago è sempre presente. Il grande e classico armadione non viene quasi più preso in considerazione. E’ vero, i vestiti e la biancheria devono essere riposti ma le opzioni utilizzate sono altre. Piccole cassettiere da utilizzare come piani d’appoggio, armadi a muro chiusi da tendaggi o soluzioni di ante proprio sotto al letto.

Letto a castello Letto a castello

Salva

Salva

Salva

Salva

Tags: ,

 
 

Culle in vimini sempre più di tendenza

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

Culle in vimini sempre più di tendenza

Che siano nuove di pacca o vintage, a forma di navicella o di lettino, sospese o su rotelle, le culle in vimini oggi sono sempre più di tendenza.

Oltre a essere belle, queste culle hanno diversi vantaggi: sono realizzate con materiali naturali che favoriscono la traspirazione, sono leggere e facili da spostare, e generalmente sono più economiche delle culle o dei lettini in legno o in materiali super tecnologici.

Vimini, midollino, rattan, giunco: qual’è la differenza?

Ho deciso di usare il termine vimini per il titolo del post, perché questo termine è utilizzato indifferentemente per indicare gli oggetti in fibra vegetale intrecciata. In realtà andrebbero fatte alcune distinzioni. Per cominciare, i materiali più utilizzati per realizzare mobili e oggetti in fibre naturali intrecciate provengono da due piante diverse: il salice, da cui si ottiene il vimini; il giunco, o canna d’India, da cui si ottengono il rattan e il midollino. Il termine vimini in realtà designa la lavorazione intrecciata dei rami di salice scortecciati e deriva dal latino vimen, ossia intreccio: questa lavorazione delle fibre per creare oggetti ha origini antichissime ed era la più diffusa in Europa prima dell’arrivo delle fibre ricavate dalle specie esotiche. Tra queste, spiccano il bambù e il giunco, provenienti dall’estremo Oriente: da quest’ultimo si ricava il rattan, ovvero una canna molto elastica e resistente, ideale per realizzare la struttura dei mobili. Il midollino, infine, è simile al vimini, ma è molto più resistente ed è ricavato dal midollo del giunco.

Culle in vimini sempre più di tendenza

Una culla per diversa per ogni esigenza

Le culle in vimini sono comode e funzionali, grazie ad alcune caratteristiche. Quelle dalle dimensioni più contenute, a forma di navicella, hanno il vantaggio di garantire il massimo comfort al neonato, che si sente avvolto e protetto come nel grembo della mamma. Le culle montate su ruote son molto comode in quanto si possono spostare facilmente in tutte le stanze della casa, permettendovi di avere sempre il bebé vicino a voi. Alcuni modelli, tra l’altro, sono dotati di manici e si possono staccare dalla struttura e spostare ancora più agevolmente. Le culle a sospensione, infine, vi permettono di cullare il vostro cucciolo per aiutarlo a rilassarsi e ad addormentarsi facilmente.

Culle in vimini sempre più di tendenza

Le culle più personalizzabili che ci siano

Generalmente le culle in vimini sono fornite nella versione “nuda”: questo vi permette di personalizzarla secondo i vostri gusti e secondo lo stile della cameretta. Potete dotarle solo di un semplice materasso e dotarla di lenzuola e copertine, oppure potete rivestire le sponde con un coordinato in lino o cotone. Infine, su alcuni modelli è possibile montare un velo di protezione, utile per filtrare la luce e molto scenografico: in alternativa, si può utilizzare un ciel de lit sospeso.

Culle in vimini sempre più di tendenza

 

Per altre ispirazioni sulle camerette, visita la mia bacheca Pinterest: https://pin.it/lfwiw5tbblebmk

Credits: 1.petit m/2.Coosje/3.petitpan.com/4.darlingclementineshop.com/5.Jamie Street Photography for 100 Layer Cake-let/6.rock that label/7@thebeachpeople/8.@noc_noc_wooden_toys/9.@maraserene/10.@mrsmighetto/10.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags: , ,

 
 

una cameretta per due, con tanto spazio per giocare e contenere

Pubblicato da blog ospite in Design, Non Ditelo all'Architetto

cameretta per duecameretta per duecameretta per duecameretta per due

Una cameretta per due, con letti sovrapponibili, due scrivanie, tanto spazio per contenere e tanto spazio per giocare…cominciamo a fare le prove, a giocare con gli incastri, a trovare la soluzione migliore!

L’avventura di questa volta è stata una cameretta per due bambini, che sfruttasse al massimo gli arredi preesistenti, armadio 4 stagioni e letto a castello e nella quale ci fosse una postazione con due scrivanie, tante mensole e ripiani per contenere e un bello spazio al centro per giocare.

Anche le decorazioni a parete, la tinta arancio e la carta da parati con lettere dell’alfabeto, molto graziose, andavano mantenute e ci hanno ispirato per i colori dei nuovi arredi.

La cameretta di due bambini, una femminuccia di 7 anni e un maschietto di 5, doveva avere tutte le caratteristiche necessarie a soddisfare le esigenze di entrambi i bambini.

Sono state fatte diverse proposte:

Due versioni con scrivania angolare con una doppia proposta per quanto riguarda il posizionamento delle doppie scrivanie affiancate. Poiché la portafinestra della camera da letto non veniva quasi mai aperta se non con l’apertura a vasistas ci è stato detto che una scrivania poteva anche essere messa davanti al vano della portafinestra (cosa che avrebbe permesso di aver più spazio contenitivo tramite scaffalature) ma abbiamo proposto anche l’alternativa che lasciava il vano finestra libero  con meno scaffalatura o con la seconda scrivania sul lato opposto.

cameretta doppia

Soluzione ad angolo con libreria realizzata con mensole e cubotti e letti perpendicolari.cameretta doppia

Soluzione ad anglo conlibrerie billy a tutta altezzae letti paralleli

Le scrivanie possono essere affiancate o essere posizionate ai lati opposti della stanza

la seconda scrivania può anche essere una scrivania a scomparsa, da aprire all’occorrenza vista anche la tenirissima età di uno dei due bimbi, che si trasforma in una divertente lavagna, come quella che trovate QUI

Nella versione angolare l’armadio a 6 ante avrebbe mantenuto il suo posto davanti alla porta, nella seconda versione che abbiamo proposto, invece, l’armadio si sarebbe spostato sulla parete di fronte alla finestra e al suo posto avrebbe trovato spazio un’ampia scrivania con mensole e libreria, sempre tutto realizzato con moduli ikea come da richiesta.

Un’ampia scrivania la cui base è realizzata con cassettiere Alex e piano su misura e cubotti eket arancioni alla parete; anche in questo caso abbiamo sviluppato una seconda possibilità che avesse maggior possibilità di contenimento e lasciasse ancora più spazio libero al centro per giocare grazie a delle scrivanie a scomparsa e ad una parete attrezzata realizzata con moduli billy, eket e mensole su misura.

cameretta per due

Scrivania in linea con libreria composta da mensole e moduli arancioni eket di Ikea cameretta per due

Versione con parete attrezzata in linea e scrivanie al posto che precedentemente era occupato dall’armadio a 4 stagioni

cameretta per due

Comodissima la scrivania estensibile a profondità ridotto che permettere di guadagnare spazio a centrostanza per l’area giochi. La trovate QUI a 142.60€

Possiamo realizzare una doppia scrivania anche utilizzando le cassettiere Alex di Ikea ed un piano su misura

 

L’area giochi è sempre perfetta se completata da un allegro e comodo tappeto: a sinistra tappeto con bottoni colorati di ikea e a destra tappeto con scacchi varipinti in diverse misure disponibile QUI

In entrambi i casi sono state rispettate le richieste del committente, che avrebbe preferito non dover spostare l’armadio ma al quale abbiamo voluto dare una possibilità in più perché…mai dire mai!

L’articolo una cameretta per due, con tanto spazio per giocare e contenere proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: , ,

 
 




Torna su