Arredi in teak- in equilibrio tra resistenza e design

Pubblicato da blog ospite in Design, Paz Garden

Il mese scorso vi ho mostrato una bellissima selezione di arredi perfetti per arredare con uno stile minimale non solo l’esterno della vostra casa ma, perchè no, anche i vostri interni.

Vi avevo parlato di Unopiù e del loro percorso progettuale verso la creazione di arredi sempre più focalizzati su una visione di arredamento che sappia armonizzare lo spazio outdoor con quello indoor.
Una vera rivoluzione di pensiero che condivido assolutamente, sia come progettista che come appassionata di arredi e design.
La mia prima selezione ha abbracciato volutamente un mood più contemporaneo e molto attento al design, scegliendo arredi dalle linee semplici e lineari.

Oggi invece voglio parlarvi degli arredi in Teak, che rimane un must have capace di regalare subito quel tocco rustico che subito ci fa respirare aria di vacanza!
Ve ne parlo prima di tutto perchè in assoluto il materiale protagonista del divano Welcome, che mi fa battere il cuore per quanto è bello e assolutamente perfetto in ogni contesto lo si inserisca (soprattutto io adoro la combinazione teak/corda!!!).

Il divano WELCOME perfetto in qualunque contesto!

Secondo perchè, se ancora non foste esperti dei materiali migliori per gli arredi esterni, il Teak è in assoluto uno dei legni più pregiati, tra i pochi che può garantire la resistenza negli anni alle intemperie e agli agenti atmosferici.
La sua facilità di lavorazione inoltre permette di poterlo lavorare declinando molte più possibilità creative e di design. Ecco perchè in passato è stato quasi sempre lui protagonista delle costruzioni navali.
Il valore aggiunto di tutti gli arredi in teak prodotti da Unopiù è poi l’attenta selezione della materia prima, che proviene solo da foreste indonesiane certificate, dove i controlli sono serrati e garantiti dallo Stato e non da foreste sottoposte a disboscamenti senza regole.

Io ho raccolto per voi i miei preferiti. Il mood di oggi vi avviso sarà rustico, contemporaneo e urbano quanto basta per immaginare qualunque arredo e complemento non solo nel vostro Giardino, ma anche tra le mura della vostra Casetta!!!

p.s. Se invece vi sieti persi il Post a tema Contemporaneo + Minimal lo trovate QUI 🙂

Morbido tessuto e robustezza del teak per le sedie di design LES ARCS
Si ispira al design americano degli anni ’50 il divano modulare HUGO
GINGER la sedia da regista può vestirsi anche di verde!!!
TWEED – il divano che armonizza con leggerezza teak e acciao inox
Stile minimale ed evergreen per la brandina da esterni CAMP COT
Il Design vincente della collezione SYNTHESIS

Post scritto in collaborazione con Unopiù.

Tags:

 
 

Anticipazioni d’estate con le sedute del brand NARDI.

Pubblicato da blog ospite in Design, Voglia Casa

Colori che riempiono gli occhi, nella collezione NARDI, tutti giocati sul verde salice, celeste, bianco e qualche pennellata di corallo e rosa, come un prepotente sbocciare di fiori tropicali.

Lo Skylark Negril Beach Resort è ispirato al design tropicale della metà del novecento e al vibrante vocabolario iconografico della Giamaica. Una contemporanea semplicità minimalista locale mixata a pezzi provenienti da tutto il mondo.

Gli esterni, in particolare, sono caratterizzati dalla rielaborazione creativa di materiali, colori, temi e prodotti da costruzione giamaicani comuni. L’approccio minimalista crea una ideale tela per le vivaci tinte della natura e cultura della Giamaica.

L’ampio bar sulla spiaggia con tetto e pavimento in legno locale è popolato dalle sedute Bora e Bora Bistrot (sedute monoscocca in resina fiberglass con o senza braccioli). Lungo il banco bar una fila di Lido, sgabelli che fanno parte della stessa collezione di Bora caratterizzata da un motivo bucherellato su seduta e schienale.

La stessa dicotomia legno/resina si ritrova nella bellissima terrazza affacciata sul mare che accoglie con tavoli lignei accompagnati alle sedute della collezione Bora in celeste.

Sotto il pergolato, un’altra area comune, costituita da un lungo tavolo in legno contrapposto alle poltroncine Net Relax (selezione ADI Design Index 2017, Reddot 2018 e Good Design Award 2018) in verde salice e corallo.

Terrazzini e spazi outdoor davanti alle camere sono arredati con il set costituito dalla comoda poltroncina Net Relax e il tavolino Spritz (entrambi in resina fiberglass), anche qui giocati sui colori verde salice, celeste, bianco e imbottiti rosa, il tutto inserito in una cornice naturale rigogliosa e procace.

Credits foto: Corey Hamilton/Michael Condran/ Nicki Kane

Hotel: kylark Negril Beach Resort – Norman Manley Blvd, Negril Jamaica W.I. www.skylarknegril.com

Arredi outdoor: www.nardioutdoor.com

Tags:

 
 

Illuminare giardini e terrazzi

Pubblicato da blog ospite in Design, Easy Relooking

READ IN ENGLISH

La bella stagione è alle porte e viene naturale tornare a guardare il proprio giardino, terrazzo o balcone con occhi diversi.

Molto spesso pensiamo ai divanetti o tavoli da esterno, dimenticandoci di quanto l’illuminazione outdoor sia fondamentale. Infatti una corretta illuminazione permette di godersi al meglio gli aperitivi e le cene primaverili e estive.

Che sia luce diretta sul tavolo dove si mangia, o d’atmosfera per quando si conversa, l’illuminazione per me è fondamentale.

Considera inoltre che l’illuminazione esterna viene spesso utilizzata dal tramonto all’alba e ciò rappresenta un’eccellente opportunità per risparmiare energia con lampade e apparecchi a LED.

Lampade da terra

Le lampade da terra hanno sempre il loro fascino e sono ottime per i giardini o comunque in spazi esterni dove si possono collocare senza che siano di intralcio.

Un modello che mi ha colpito è la Aton di Unopiù, molto semplice e moderna, può essere collocata sia a terra che su un tavolino poiché disponibile in diverse altezze. O anche la lampada da terra Mizar, più romantica con il paralume.

Lampade a sospensione

Anche all’esterno si possono mettere lampade a sospensione!
La lampada Hamper di Unopiù è una delle mie preferite tra le proposte di questa azienda. Ha una struttura a gabbia metallica di forma trapezoidale ed è molto elegante soprattutto per i giardini estivi. È disponibile sia nei colori di bianco che bronzo e il cavo è rivestito interamente in tessuto color corda. Grazie al suo lungo cavo, la Hamper può cadere dal ramo di un albero o anche da un ombrellone.

Lanterne

La maggior parte delle lanterne ha uno stile leggermente vintage, poiché imitano l’aspetto delle lanterne tradizionali; tuttavia tra le proposte di Unopiù esistono lanterne dal design più moderno. Una scelta sempre piacevole per decorare e illuminare gli esterni.
Di solito, questi apparecchi sono realizzati in metallo e vetro e sono disponibili in una varietà di finiture, tra cui rame, ferro, bronzo e altre finiture dai toni argento, offrendo opzioni che possono adattarsi a quasi tutte le case.
Uno dei modelli che amo è il modello Oslo di Unopiù, una lanterna da terra a LED con l’aspetto innovativo grazie alla sua forma squadrata o a trapezio e alla cornice in metallo lucido.

Oslo – Unopiù

Lampade a parete

Chi vive in case indipendenti e non ha problemi di “facciate comuni” può scegliere anche delle lampade da parete particolari. Ritroviamo la lanterna Oslo proposta come applique, che con la sua forma lineare si può adattare ad ogni contesto.

Oslo – Unopiù

L’articolo Illuminare giardini e terrazzi proviene da easyrelooking.

Tags: , ,

 
 

IKEA lancia SOMMAR 2019, la collezione per l’estate in edizione limitata

Pubblicato da blog ospite in Decor, Dettagli Home Decor

Ispirata dai colori e dall’energia dell’estate, la collezione estate IKEA permette di portare aria di vacanza nella routine quotidiana.

Le colorate stampe grafiche che la caratterizzano sono un’iconica espressione dello stile di IKEA. Dai vivaci teli mare all’occorrente per un picnic sulla spiaggia, la serie SOMMAR 2019 ti offre tutto quello di cui hai bisogno per vivere un’estate indimenticabile.

SOMMAR 2019: un’estate all’insegna dei colori e della fantasia

La collezione estiva IKEA di quest’anno è stata creata con la collaborazione delle designer Lotta Kuhlhorn e Malin Unnborn e al collettivo di design Textilgruppen & Papperian.

Dal 2001 il collettivo viene gestito dalla contea di Växjö, in Svezia, nell’ambito di un’iniziativa che riunisce persone con disabilità e una forte passione per l’arte. Il gruppo è composto da 26 artisti che lavorano principalmente con carta e tessuti, ma realizzano anche sculture.

Un divano quattro stagioni

Grazie alla sua struttura leggera, il divano HAVSTEN si sposta facilmente dall’interno all’esterno della casa, creando un angolo morbido e confortevole per il tuo relax.

Quando le giornate si rinfrescano, si può riporre in soggiorno e gustare in tutta comodità la tua tazza di tè. Chi desidera  qualcosa di meno ingombrante la nuova collezione offre anche pouf multiuso, perfetto sia in casa che all’aria aperta.

 

SOMMAR 2019: un’estate da vivere in compagnia

La bella stagione fa venire voglia di mangiare all’aperto e di stare in compagnia. Per questo la collezione SOMMAR 2019 di IKEA offre tutto quello che serve per vivere un’estate indimenticabile. Dai vivaci teli mare all’occorrente per un picnic sulla spiaggia, ai cuscini idrorepellenti FUNKÖN e FESTOHOLMEN e persino un barbecue a carbonella.

immagini IKEA per la stampa

L’articolo IKEA lancia SOMMAR 2019, la collezione per l’estate in edizione limitata proviene da Dettagli Home Decor.

Tags: ,

 
 

Arredi in ferro e la bellezza dell’innovativo tavolo Loft di Unopiù

Pubblicato da blog ospite in Design, Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Gli arredi realizzati in ferro per l’esterno rientrano tra le tipologie più resistenti, se trattati in maniera adeguata e costruiti con sapienza e passione. Inoltre, esistono pochi materiali come il ferro in grado di evocare sensazioni e ricordi di eleganza e semplicità al tempo stesso.

A livello personale, è impossibile non associare l’utilizzo del ferro a quei romantici scenari parigini con un balcone che si affaccia sulla città dalle mille luci. Le strutture in ferro dei complementi d’arredo da esterno evocano scenari chic ma al contempo informali, ideali per godersi la vita durante un pomeriggio primaverile assieme ad amici e parenti. Tavoli bassi dalle linee eleganti, divani da esterno con strutture essenziali e motivi semplici: il ferro costituisce in sé un elemento in grado di arredare e, come tale, predilige mobili da esterno con strutture a vista, come quelle tipiche dei dehors parigini.

Ne sono un esempio le collezioni Conrad e Aurora di Unopiù.

Conrad – Unopiù

Aurora – Unopiù

Non solo, il ferro richiama subito alla mente le splendide località di campagna, contesti nei quali proprio il ferro riesce a conferire un senso di rustica eleganza. Grazie alla sua resistenza e praticità, il ferro è protagonista assoluto negli arredi da esterno: è sufficiente pensare alle meravigliose sedie che adornano un tavolo per barbecue.

O ancora, quei piccoli e graziosi set per fare romantiche colazioni in terrazza: nulla si adatta meglio di un paio di sedie in ferro per questo tipo di situazioni. Si tratta di atmosfere magiche, che anche in un ambiente urbano riescono a ritagliare una piacevole parentesi rustica, per rilassarsi e godersi gli spazi esterni in maniera inedita. Inoltre, grazie alla sua praticità, il ferro risulta semplice da mantenere, un aspetto che non può che aumentarne il fascino moderno.

Via Pinterest

Il tavolo Loft di Unopiù: ferro ed elementi moderni in un connubio unico

All’interno della collezione 2018 Unopiù, il tavolo Loft, novità firmata dallo
Studio Adolini, costituisce uno dei complementi certamente più interessanti. Tra le caratteristiche distintive di questo tavolo da esterno una delle più rilevanti è certamente l’essenzialità delle sue linee geometriche. Si tratta infatti di una struttura rigorosa e ben delineata che, proprio per la pulizia del suo design, risulta particolarmente adatta ad inserirsi in svariati contesti abitativi. A prescindere che un ambiente esterno presenti elementi d’arredo moderni oppure classici, il tavolo Loft sarà perfettamente in grado di valorizzare i contesti esterni, grazie alla sua eleganza senza tempo.

Loft – Unopiù

Ad esaltare le linee pulite di questo tavolo si trovano dei profili metallici che completano la struttura, donando una particolare eleganza. L’innovativo l’utilizzo del piano in Dekton, una tipologia di materiale che viene di norma utilizzato per i ripiani delle cucine, costituisce una vera e propria novità.

Questo materiale si ottiene da una miscela accurata di materie prime che presentano come caratteristiche di base una porosità molto bassa, una facilità di manutenzione e soprattutto un’ottimale resistenza a tutti quei fattori che potrebbero danneggiare i complementi di arredo per esterno, come ad esempio i raggi UV, i graffi da usura ed eventuali macchie. Il piano, con uno spessore di soli otto millimetri, costituisce perciò uno dei punti di forza principali del tavolo Loft, che vanta caratteristiche tecniche tali da collocarlo al top della gamma.

Loft – Unopiù

Infine va notato come, nonostante Unopiù sia nota principalmente per i suoi arredi da esterno, il tavolo Loft costituisca il perfetto complemento d’arredo anche per altri contesti. Esso infatti si può adattare alla perfezione anche ad ambiente interno, nel quale saprà inserirsi con discrezione grazie alle sue linee eleganti e pulite.

L’articolo Arredi in ferro e la bellezza dell’innovativo tavolo Loft di Unopiù proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Arredi outdoor perfetti per interni minimal

Pubblicato da blog ospite in Design, Paz Garden
Complice quel raggio di sole in più e subito il mio pensiero si concentra sulle realizzazioni dei nostri prossimi giardini. Come vi dico sempre, il periodo di maggior lavoro per il nostro studio è proprio quello che va dalla Primavera a fine Estate. Si ritorna ad immaginare chiacchiere e tempo libero da passare fuori, in giardino, in campagna o semplicemente sul terrazzo di casa, abbandonato per tutto l’Inverno.
A proposito di questo e della possibilità di trascorrere più tempo all’aria aperta, vero che anche voi associate agli spazi esterni quasi sempre la stessa tipologia di arredi? 
E se vi dicessi che esiste anche una linea di arredi Outdoor, che è stata invece progettata per essere versatile e per arredare con Stile anche gli interni delle nostre case?

Linee contemporanee e senza tempo per il design del divano modulabile WELCOME

I prodotti e il Design Unopiù sono la conferma di quanto gli Spazi abitati non sono più etichettabili e rigidi come venivano pensati un tempo. Al contrario si sono evoluti insieme a noi, generazione fluida, aperta e amante delle contaminazioni, con il risultato che possiamo tranquillamente pensare di estendere il comfort casalingo alle aree esterne. Possiamo finalmente armonizzare la resistenza al fascino del Design e trasferire le atmosfere rilassate e vacanziere (tipiche del relax all’esterno) fin dentro casa. Ma ci pensate quale percezione amplificata di benessere è possibile oggi ottenere? 
Nei nostri progetti la scelta degli arredi è fondamentale. Credetemi se vi dico che fa davvero la differenza quando si tratta di conferire valore e personalità ad uno Spazio. Spesso anche il miglior progetto può risultare discreto se si sbaglia la scelta dell’arredamento, per inseguire l’idea del risparmio fine a se stesso. 
E siccome il nostro scopo è accompagnare i nostri clienti verso la realizzazione dei loro desideri, abbiamo notato che le scelte migliori sono sempre quelle dove il rapporto qualità/prezzo è ottimo e garantito. 
Lavorando maggiormente con il design outdoor, abbiamo constatato dal vivo come gli arredi di Unopiù abbiano davvero realizzato le aspettative di tutti! La resistenza alle intemperie è sempre stata ottima e la cura del dettaglio diventa oggi ancora più ricercata. Insomma la scelta migliore per arredare un Giardino progettato e vissuto con amore.
Per questa bellissima collaborazione con Unopiù, ho scelto di dividere in due appassionanti Post tutta la mia personalissima selezione dei loro complementi. Ovviamente le possibilità di scelta sono infinite e rispecchiano davvero tutte le tipologie di gusto, ma voi conoscete benissimo quale Stile mi affascina. Ecco quindi che per  questo primo post la scelta è caduta sulla bellezza del Design essenziale.

E ora ditemi, siete pronti ad innamorarvi di questi incantevoli complementi dal mood minimale e contemporaneo?
L’intramontabile fascino di GINGER la famosa sedia da regista
Illuminare di sera arredando di giorno!!! Ecco la luce elegante di ATON
CONRAD la consolle in ferro amante della semplicità
La poltroncina pieghevole EMY con la sua raffinata finitura in pelle per l’uso indoor. 
Il tavolo MILTON + sedie WILLIAM per un grande classico del Design in teak
La resistenza artigianale del tavolo allungabile in teak SYNTHESIS


Post scritto in collaborazione con Unopiù.

Tags:

 
 

Perché mi piacerebbe avere una serra tutta mia

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH

L’idea di avere una serra in giardino, o in terrazzo, non è cosa comune.

Non tutti conoscono i vantaggi che una serra può dare e non tutti immaginano che esistono soluzioni anche per viverci!

Dopo che leggerai questo articolo secondo me ti verrà voglia di approfondire la “questione serra”. E parlo di serre di design ovviamente!

Le piante sono al riparo dal freddo

Ogni inverno abbiamo il problema di dove mettere al riparo le piante.

La questione “riparare le piante dal freddo” mi riguarda da vicino, visto che adesso abitiamo in una casa dove abbiamo diversi cactus, un limone, un rosmarino gigante, una pianta di chinotto e un mandarino, un Ficus Benjamin comprato all’Ikea 5 anni fa che ormai sta crescendo a vista d’occhio. In primavera e d’estate sono all’aperto, sul terrazzo.

Puntualmente il Ficus Benjamin e i cactus, al primo freddo, vengono portati in casa, mentre le altre piante vengono coperte. La situazione è che siamo sommersi di piante (anche se un po’ di verde in casa non guasta mai!)

Una serra, anche piccola, risolverebbe la situazione e ho trovato tra le proposte di Unopiù, brand noto da tempo per la sua qualità degli arredi da esterno, la serra Floralia adatta sia a spazi piccoli che a spazi più grandi, essendo disponibile in varie misure.

Si può creare un angolo lettura con vista

Anche d’inverno le serre mantengono una temperatura piacevole, soprattutto se adeguatamente esposte al sole.

E’ quindi possibile disporre nella serra, oltre alle piante, anche un divano, una poltrona e dei tavolini a seconda dello spazio a disposizione. Aggiungiamo un buon libro, una coperta e una tisana, e il relax è assicurato.

In questo caso sarebbe adorabile poter arredare la serra Orangerie, altra proposta di Unopiù, di dimensioni decisamente più grande della precedente! Adatta a chi ha un grande giardino.

Orangerie – Unopiù

 

E’ una soluzione di design… anche dentro casa

Non mancano le proposte di architetti che utilizzano le serre anche negli spazi interni delle case. Si tratta solitamente di spazi di grandi dimensioni, come nei progetti di recupero di ex magazzini industriali.

E’ il caso di Gregoire de Lafforest che in un suo progetto ha inserito la cucina proprio in una serra.

Project by Gregoire de Lafforest

Oppure le serre sono molte utilizzate per la creazione di giardini di inverno o nella copertura di passaggi tra due parti separate di un’abitazione.

Soluzioni accattivanti che mi fanno sognare e che mi fanno desiderare un angolo caldo e accogliente, circondata dal verde, anche d’inverno!

L’articolo Perché mi piacerebbe avere una serra tutta mia proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Ames, anticipazioni dal Salone del Mobile 2019 per l’outdoor

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor

ames, azienda tedesca che propone collezioni di arredi e complementi nati dalle tradizioni dell’artigianato colombiano, sarà protagonista anche quest’anno al Salone del Mobile, con alcune eslcusive collezioni presentate in anteprima a IMM Cologne 2019.

 

In particolare Maraca, la lounge chair ispirata alle classiche sedie-amaca colombiane, realizzata in puro cotone e acciaio verniciato a polvere, disponibile in tre colori; Killa, una collezione di specchi da parete, realizzati a mano con la palma Iraca, famosa per i cappelli Panama; ed infine Cana, l’originale sgabello, attualmente disponibile in tre vibranti colori,  la cui seduta è intrecciata a mano con caña flecha, un materiale naturale che si ottiene dalla varietà di palma che ha lo stesso nome.

Vediamole insieme!

Maraca : la nuova sedia a sdraio-amaca di ames Design: Sebastian Herkner, 2018

Con maraca Sebastian Herkner crea un oggetto del tutto particolare per ames: una lounge chair ispirata alle classiche sedie-amaca colombiane. Colori naturali e motivi folcloristici diffondono gioia di vivere e fanno della maraca una vera attrazione. La sedia realizzata in puro cotone e acciaio verniciato a polvere è disponibile in tre colori.

 

Killa : specchio da parete intrecciato in Iraca Design: Pauline Deltour, 2018

 

Specchio specchio delle mie brame, questo è uno dei più belli del reame: con killa ames si dedica per la prima volta agli specchi da parete come accessori d’arredamento particolari. Killa è disponibile in due versioni di colore e dimensioni ed è realizzato a mano con la palma Iraca, famosa per i cappelli Panama.

 

Cana : sgabello macaron meets sombrero Design: Pauline Deltour, 2018

Cana è il primo arredo nato dalla fantasia di Pauline Deltour per ames: l’originale sgabello è attualmente disponibile in tre vibranti colori e altri sono in programma. La seduta di cana è intrecciata a mano con caña flecha , un materiale naturale che si ottiene dalla varietà di palma che ha lo stesso nome. Il telaio dello sgabello è realizzato in acciaio verniciato a polvere. La sua gamma di colori, unita alla particolare tecnica di realizzazione, rende lo sgabello cana un pezzo unico e disinvolto.

 

L’articolo Ames, anticipazioni dal Salone del Mobile 2019 per l’outdoor proviene da Dettagli Home Decor.

Tags: ,

 
 

Ethimo presenta due nuovi arredi per esterni

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor

 

Ethimo amplia l’iconica collezione Swing  con due nuovi arredi per esterni: una poltroncina e uno sgabello,  disegnati da Patrick Norguet.

Sempre caratterizzati da un elegante ‘gioco architettonico’ di ripetizioni di elementi in teak, questi nuovi complementi d’arredo valorizzano non solo l’ambiente outdoor, ma completano con personalità anche lo spazio living.

“In questa fase della mia carriera ragiono sempre più come un paesaggista, usando gli oggetti o le sedute per creare ambienti coerenti. La collezione Swing ne è un esempio. L’aggiunta di nuovi arredi amplia le possibilità di utilizzo, dando vita a un sistema che consente di realizzare un universo a sé stante”, svela Patrick Norguet.

La nuova poltroncina Swing, dalle dimensioni più contenute rispetto all’avvolgente poltrona lounge, già presente in collezione, è ideale per completare gli spazi residenziali dedicati al relax en plain air, mentre lo sgabello Swing si adatta con disinvoltura a qualsiasi ambiente contract dedicato all’accoglienza o ai momenti di ristoro.

L’articolo Ethimo presenta due nuovi arredi per esterni proviene da Dettagli Home Decor.

Tags:

 
 

Il giardino “La Louve”, firmato Hermes.

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Le Cose Semplici

La-Louve-Bonnieux-750x375

Oggi ci trasferiamo in Provenza , nel borgo di Bonnieux, nella zona di Luberon.

jardin-la-louve-piscine

Vi porto virtualmente a visitare uno dei giardini più belli di Francia, concepito da Mme Nicole De Vésian, stilista specializzata nel settore tessile per la maison Hermes.

le_jardin_de_la_louve_1501

18 IMG_3327

Lavorò a fianco di Christian Lacroix dal 1950 al 1960.

La-Louve-Luberon-view-1024x535

14 IMG_3313

Dopo la morte del marito, decide di trasferirsi da Parigi in Provenza e acquista  la proprietà nel 1986.

La-Louve-juli-2017-03

0d0866e2708c4b91fa80d578fc49e97d

Ci dedica dieci anni della sua vita, trasformando questo terreno di 1700 mq esposto a sud in un giardino a tre terrazzamenti.

La-Louve-France151

Non ha conoscenze di giardinaggio ma un senso estetico eccellente e su questo basa la costruzione,cm per cm ,de Le  Louve ( il lupo ).

La-Louve-France91

Caratteristica dominante del giardino è la fusione delle più svariate piante verdi ( bossi e cipressi in maggioranza ) con la pietra ( muretti a secco, vasche ecc ).

la_louve51628788713667448801

Mme Nicole De Vésian  non voleva interruzione col paesaggio circostante e per questo opta per piante verdi tipiche del luogo come  bosso, lonicera, viburno, cipressi, euphorbia o rosmarini , potati in forme geometriche.

la louve3

Interessanti sono i cipressi tutti potati in punta: molti di essi erano doni dai vivaisti, amici della padrona di casa, che donavano questi cipressi con la punta bruciata.

jardin_louve_11

Geniale fu l’idea di potare tutti i cipressi in questo modo, tanto da essere poi ,con gli anni, copiata da moltissimi altri giardinieri.

glalouve1

Le fioriture sono pochissime,  per lo più rose e lavande.

Cistern-Terrace1

A 80 anni  Nicole DeVésian ha venduto Le Louve a Judith Pillsbury che  a sua volta nel 2014 vende a  Sylvie Verger-Lanel.

b66ace6756d256d4933992a20f3a2391

Nulla è cambiato, anzi è stato tutto preservato molto bene e sono state semplicemente apportate qualche migliorie di tipo edilizio.


FONTI:
La Louve
immagini tratte da Pinterest
 lapassiondesjardins.wordpress.com
perfectly provence
garden travel Hub

 

Tags:

 
 




Torna su