3 Marzo 2020 / / Dettagli Home Decor

loft con letto sospeso

A Madrid un ex magazzino trasformato nella casa studio con letto sospeso progettata da Pía Mendaro per l’amica e artista Clara Cebrian.

Desiderava uno spazio simile alla casa di Ron Weasley – della saga di Harry Potterin grado di mutare nel tempo per rispondere alle nuove esigenze di vita e lavorative. Il risultato è un appartamento studio progettato su misura per Clara, ricavato all’interno di un ex magazzino di 100 mq con tetto a due falde sorretto da due travi in acciaio, una facciata con due finestre e una porta.

Eravamo sicuri di tre cose: che lo spazio dovesse essere inteso come quello che è, un quadrato 10×10, che dovessimo usare una cucina che Clara aveva acquistato in saldo e che i pluviali fossero impossibili da spostare“, spiega l’architetto Pía Mendaro. “Abbiamo deciso di costruire un muro fittizio, utile a fare dell’angolo cottura il protagonista del progetto e a nascondere le stanze di servizio, soprattutto il bagno”, continua l’architetto.

A rendere unico lo spazio all’interno del loft è la collocazione del letto. “Abbiamo pensato di creare un letto con ruote, una cabina, una scatola con finestre … finché non abbiamo deciso di staccarci da terra“, continua l’architetto. Una struttura molto leggera, sospesa tra il pavimento e il tetto, ospita così un grande materasso, a cui si accede tramite una scala mobile che, nell’ottica di un progetto in continua evoluzione, può essere anche nascosta. La piattaforma, che può ospitare al massimo cinque persone, funge anche da collegamento con esterno: tre scalini consentono di raggiungere il balcone sul tetto.

Progetto: arch. Pía Mendaro www.piamendaro.com

Fotografía: Manuel Ocaña

L’articolo La casa studio con letto sospeso progettata da Pía Mendaro: Topo’s Shed proviene da Dettagli Home Decor.

3 Marzo 2020 / / Blogger Ospiti

Progetto padiglione italia expo 2020

‘Beauty connects people’, tema del padiglione Italia ad Expo Dubai 2020, viene qui interpretato come espressione del genio creativo e della ricchezza culturale del nostro paese. Forti dello storico rapporto fra estetica e tecnica, la proposta progettuale riprende il tema dell’impianto tipologico a corte, ora scrigno di un simbolico albero centrale, metafora della centralità e della bellezza propri della natura. Attorno alla corte si sviluppa il percorso espositivo, leggibile dall’esterno tramite il gioco di bucature che disegna i prospetti. L’involucro riprende i temi della tradizione portandoli ad un livello estetico e tecnico fatto di contrasti espressivi e materici, all’interno del quale la luce e trasparenza giocano un ruolo cardine nel dare ordine allo spazio.

Scopri il progetto completo sul sito ATIproject >>> 

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

Progetto padiglione italia expo 2020

PROGETTO: Padiglione Italia _ Expo 2020
LUOGO: Dubai (Emirati Arabi)
TIPOLOGIA: Culturale
ANNO: 2019
STATO: Progetto Preliminare
DIMENSIONI: 5.150 mq
DISCIPLINE: AR

3 Marzo 2020 / / DOHA INTERIORS

Il Nobu Restaurant di Doha è una vera e propria perla del design, con dettagli preziosi al suo interno e un’architettura studiata per stupire. Progettato dal designer David Rockwell del Rockwell Group, (ormai gruppo di fiducia dello chef Nobu Matsuhisa che gli ha affidato la progettazione di tutti i suoi ristoranti sparsi per il mondo), il Nobu si adagia sul litorale del Four Seasons Hotel, conquistando una vista privilegiata sul porto e sullo strabiliante skyline di Westbay.balizroom-interiorblog-nobu-restaurant-doha-view.jpgL’esperienza al Nobu comincia già dal percorso che porta al ristorante: un flessuoso ponte si snoda nell’acqua, facendone intravedere in lontananza l’architettura. Fatta di nastri di pietra ellittici, da cui fanno capolino le sfumature bronzate della copertura, l’immagine che balena alla mente è quella di una sinuosa conchiglia, che al suo interno richiamerà reminiscenze del mondo marino.balizroom-interiorblog-nobu-restaurant-westbay-doha.jpgAttraversato il ponte, l’ingresso a questo piccolo gioiello è sormontato da uno sbalzo impressionante, che accentua in maniera ancora più drammatica la circolarità della struttura, mentre una lenta cascata lungo una lastra di pietra contribuisce a innescare il mood giapponese.

Varcata la soglia, ad accompagnare il visitatore verso la scala di ingresso ai piani, c’è la poetica installazione del designer canadese Ken Gangbar progettata in esclusiva per il Nobu.balizroom-interiorblog-restaurant-nobu-doha-ken-gangbar.jpg

balizroom-interiorblog-restaurant-nobu-doha-ken-gangbar-porcelain.PNGComposta da centinaia di pezzi di porcellana iridescente, è la prima suggestione legata al mare, con la sua somiglianza a un banco di luminosi e brillanti pesci bianchi.

Al primo piano si raggiunge la sala principale a doppia altezza. Qui le influenze orientali si adocchiano subito dai pannelli che avvolgono lo spazio, personalizzati per il ristorante dal designer Kenneth Cobonpue, che utilizza la fibra di abaca, tipica delle Filippine, per produrre questi scenografici pannelli intrecciati.balizroom-interiorblog-nobu-restaurant-sushi-doha.jpgbalizroom-interiorblog-restaurant-nobu-doha-lighting-detail.PNGIl soffitto della sala è costellato da una serie di splendide luci a soffitto, create appositamente per il ristorante: una pioggia di sfere di vetro di diverse dimensioni e colori che incantano di giorno, ma ancora di più di sera, conferendo una piacevole illuminazione soffusa all’ambiente.

Allo stesso piano gli ospiti possono godersi un drink al White Pearl Bar. La sua elegante struttura in alabastro, impreziosito da inserti in bronzo, ben contrasta con il pavimento in granito e i divanetti a zigzag. Il risultato è un ambiente casual ma sofisticato.balizroom-interiorblog-nobu-restaurant-doha-white pearl- bar-02.jpgIl compito di concludere il percorso esperenziale al Nobu è affidato alla magnifica lounge esterna, il cui spazio è stato progettato su vari livelli per poter godere di una vista a 360° su Westbay, sul porto e sulla Corniche. Nell’arredo ritornano echi dello stile orientale, con coperture scultoree in resina che contribuiscono a creare intimità tra le varie aree di seduta della lounge.balizroom-interiorblog-nobu-restaurant-westbay-doha-lounge-roof.jpgbalizroom-interiorblog-nobu-restaurant-doha.jpgIl Nobu Restaurant si afferma a Doha come un importante riferimento nell’ambito del restaurant design, con un’architettura iconica impreziosita da elementi custom e spazi studiati nei minimi dettagli, tutto con lo sfondo di una vista che non ci si stanca mai di contemplare, a qualsiasi ora del giorno.

 

 

Images source: Credits to Four Seasons Hotel, Architizer, Rockwell Group, Ken Gangbar