31 Dicembre 2022 / / Nell'Essenziale

Ciao Creativa! oggi ti propongo un tutorial a tema gnomi: come fare un centrotavola con gnomi scandinavi! ll centrotavola è composto da uno gnomo femmina con le treccine e da uno gnomo maschio barbuto. Gli gnomi sono solitamente descritti come esseri piccoli e paffuti, con un lungo cappello a punta e un naso molto pronunciato. Questi buffi esserini sono stati a lungo oggetto di leggende e racconti popolari in Europa, soprattutto in Paesi come la Svezia, la Finlandia e il Regno Unito, da qui ne deriva il nome “gnomi scandinavi”.

Oggi, gli gnomi sono spesso utilizzati come decorazioni natalizie e sono popolari anche come giocattoli per bambini oltre che come decorazioni perenni per la casa.

gnomi scandinavi

Come fare un centrotavola con gnomi scandinavi DIY senza cucire

Gli gnomi sono figure mitologiche della tradizione europea, spesso associate al Natale e al folklore natalizio. In alcune tradizioni, gli gnomi sono considerati portafortuna e protettori della casa per questo ho deciso di creare un centrotavola che rallegri la casa e che porti fortuna allo stesso tempo.

Materiale occorrente per creare il centrotavola con gnomi scandinavi:

  • Base in legno ovale da 25/30cm.
  • Tessuto elasticizzato in velluto, 2 sezioni 25x15cm, una per ogni gnomo e 4 sezioni 8×6 cm per le braccia, due per gnomo.
  • Lana per le trecce e per il fiocco.
  • Pile o pellicciotto 2 sezioni 25x15cm, oppure entrambi se vuoi fare i cappelli diversi come ho fatto io.
  • Striscia di pelliccia 25 cm per gnomo.
  • 6 Palline di legno da 3 cm per mani e nasi.
  • Imbottitura per bambole.
  • Barba per gnomi.
  • Nastro.
  • Sagome in legno da 5/7 cm, io ho utilizzato un cuore ed un fiocco di neve.
  • 2 Pompon per decorare i cappelli.
  • Pistola e colla a caldo.

Video Tutorial per creare il centrotavola

Procedura per creare lo gnomo con le trecce (gnomo femmina):
  1. Taglia il corpo del primo gnomo dal tessuto elasticizzato in velluto, incolla lateralmente, attendi che la colla si raffreddi e gira sul dritto.
  2. Su uno dei lati aperti crea un punto filza, chiudi e imbottisci con l’imbottitura per bambole.
  3. Sempre con un punto filza chiudi l’apertura rimanente.
  4. Crea le trecce con la lana ed incollale al corpo.
  5. Incolla il naso.
  6. Crea le braccia incollando i pezzi di velluto 8×6 cm su di un lato. Gira sul dritto ed incolla le palline di legno da un lato per formare le mani.
  7. Incolla le braccia al corpo.
  8. Crea il cappello tagliando il cono come come da cartamodello, incollalo lateralmente e poi incolla il pellicciotto per rifinire.
  9. Blocca il cappello sul corpo con degli spilli e incolla in alcuni punti.
  10. Togli gli spilli e incolla gli spazi aperti tra cappello e corpo.
  11. Fissa con la colla a caldo il cuore sulla pancia e blocca le mani sul cuore.
Procedimento per creare lo gnomo con la barba (gnomo maschio):
  1. Taglia il corpo del secondo gnomo dal tessuto elasticizzato in velluto, incolla lateralmente, attendi che la colla si raffreddi e gira sul dritto.
  2. Su uno dei lati aperti crea un punto filza, chiudi e imbottisci con l’imbottitura per bambole.
  3. Sempre con un punto filza chiudi l’apertura rimanente.
  4. Crea il cappello con il pellicciotto tagliando il cono come come da cartamodello, incollalo lateralmente.
  5. Blocca il cappello sul corpo incollando in alcuni punti.
  6. Crea le braccia incollando i pezzi di velluto 8×6 cm su di un lato. Gira sul dritto ed incolla le palline di legno da un lato per formare le mani.
  7. Incolla le braccia al corpo infilandole sotto al cappello.
  8. Incolla il naso appena sotto il cappello.
  9. Taglia la barba come da cartamodello ed incollala sotto il naso.
  10. Incolla il nastro di pelliccia intorno al cappello.
Procedura per assemblare il centrotavola:
  1. Incolla gli gnomi sulla base in legno.
  2. Decora i cappelli con elementi decorativi, io ho utilizzato un fiocco per la gnomo femmina con le trecce ed un cristallo di neve in legno per lo gnomo maschio.
  3. Aggiungi i pompon ai cappelli se non lo hai fatto in precedenza.
  4. Aggiungi altri elementi decorativi per completare il tuo centrotavola. Io ho aggiunto un fiocco perché la base che ho scelto non è molto grande. Se la tua base è più grande potresti ad esempio aggiungere candele, fiori artificiali, palline o elementi naturali come ramoscelli di abete o pigne.
Scarica qui i cartamodelli: cartamodello gnomi

Tempo necessario: 35 minuti

Abbonati al canale Youtube per contenuti super: Abbonamento a Nell’Essenziale su YouTube. Gli abbonamenti sono disponibili sia su YouTube che su Facebook, vai alla sezione abbonamenti per saperne di più.

Per tutti i miei tutorial visita la sezione Tutorial creativi.

Spero che questi tutorial ti siano stati utili! Buon divertimento a creare il tuo centrotavola con gnomi, ci vediamo al prossimo tutorial.

Ciao

Rosa

Questo articolo Come fare un centrotavola con gnomi scandinavi proviene da NellEssenziale.

30 Dicembre 2022 / / Clever

Soluzioni salvaspazio, design moderno, stile minimal e colori vivaci: l’anno non è ancora finito e siamo già alle prese con le tendenze d’arredo che inaugureranno il 2023.

Tra nuovi trend, vecchie glorie e idee evergreen, l’arrivo dell’anno nuovo porta con sé la promessa di un restyling formale dall’alto potenziale decorativo, che coinvolgerà ogni angolo della casa prestando un’attenzione speciale alla camera dei ragazzi, ai soggiorni piccoli e agli ambienti condivisi.

Vediamo di cosa si tratta.

 

TENDENZE ARREDO 2023

 

Organizzazione dello spazio

 

 

Angoli studio improvvisati, soggiorni trasformati in dormitori, camerette nel caos: due anni di pandemia hanno inciso sugli equilibri domestici anche dal punto di vista dello spazio.

Se prima del 2020 ogni ambiente della casa ricopriva un ruolo più o meno definito, con l’avvento di smart working, telelavoro e didattica a distanza le certezze sono venute meno. In poco, pochissimo tempo abbiamo dovuto ripensare gli spazi e adattarli a nuove esigenze, optare per soluzioni estremamente funzionali anche a scapito del design e della resa estetica.

Il 2023 segnerà il tanto atteso cambio di rotta. Lo spazio ritrovato darà il via libera a progetti d’arredo capaci di razionalizzare le dimensioni ridotte, nobilitare le pareti spoglie e dare un senso alle grandi superfici inoccupate.

Promossi dunque gli arredi multifunzionali, le composizioni sospese e il posizionamento di letti e scrivanie a centro stanza.

 

Mobili salvaspazio

 

 

Bestseller del 2022 e autentici evergreen, gli arredi salvaspazio manterranno il loro primato anche nei prossimi mesi offrendo soluzioni funzionali dedicate agli ambienti di piccole dimensioni.

Letti a scomparsa, richiudibili a parete, scorrevoli o sovrapposti condividono la stessa missione: allestire, seppur temporaneamente, una superficie di riposo per gli ospiti, i parenti in visita, gli amichetti dei bambini.

Ma guai a chiamarli letti d’emergenza. L’attenzione dedicata al comfort è tale che i modelli di ultima generazione entrano di diritto in camerette condivise tra fratelli o sorelle, monolocali moderni e insospettabili soggiorni da trasformare all’occorrenza in camere da letto.

 

Angoli ottimizzati

 

 

Ogni centimetro risparmiato è un centimetro guadagnato. Una massima che diventa ancora più vera quando la questione riguarda le stanze piccole, che da sempre richiedono un uso intelligente e funzionale dello spazio a disposizione.

La soluzione arriva dalle pareti, o meglio, dai loro angoli, che da elementi potenzialmente problematici diventano occasioni d’arredo imperdibili. Un angolo dimenticato può infatti trasformarsi in una nicchia dove inserire due letti perpendicolari, un armadio a ponte o una cabina spaziosa – tutti rigorosamente angolari.

 

Soluzioni sospese a parete

 

 

Anno nuovo, vita nuova. E anche nuovo assetto alla casa, alleggerita nell’aspetto da soluzioni d’arredo che suggeriscono un’ottimizzazione vincente delle pareti vuote.

Il 2023, che per molti aspetti segnerà un ritorno alla leggerezza e alla spensieratezza, promuoverà l’allestimento di aree studio, zone notte e angoli guardaroba sollevati da terra, fissati a mezz’altezza per liberare il pavimento sottostante e dare nuova linfa a muri spogli o abbandonati.

Via libera dunque a scrittoi, testiere e armadi sospesi, che all’estrema funzionalità del loro posizionamento abbinano un design accattivante, contemporaneo e innovativo.

 

Arredi a centro stanza

 

 

Non solo spazi piccoli. Anche per gli ambienti di grandi dimensioni la progettazione degli arredi, e il loro posizionamento all’interno dei locali – può destare qualche dubbio.

Così concentrati sulle esigenze di chi ha poco spazio, si rischia di non assecondare le richieste delle superfici ampie che non sanno come razionalizzare metri quadrati importanti, volumi generosi e piantine particolarmente estese.

I trend anticipano una nuova percezione del centro stanza, che da spazio libero e area di passaggio diventa un luogo privilegiato dove inserire un letto decorativo o uno scrittoio a isola.

 

Design, linee e silhouette

 

 

Less is more, pronunciava Ludwig Mies van der Rohe riferendosi a uno stile architettonico promotore dell’essenzialità. In tempi recenti abbracciata anche da Marie Kondo e applicata al decluttering domestico, la filosofia minimalista continuerà la sua scalata senza registrare interruzioni, forte com’è della sua diffusione a macchia d’olio.

Ciò che rende così interessante la tendenza minimal chic è la sintesi perfetta tra resa estetica ed equilibrio formale, attentamente calibrata per allestire un ambiente accogliente e privo di eccessi.

Il ritorno all’essenziale è segnato da precise scelte stilistiche che promuovono geometrie regolari, forme semplici e silhouette morbide.

 

Forme curve e arrotondate

 

 

Curvo è bello! Il 2022 ha registrato una certa tendenza all’uso delle linee arrotondate, un segno distintivo che ha caratterizzato intere collezioni di divani, letti, poltrone, ma anche tavoli, credenze e mobili per il soggiorno.

L’affermazione di questo design trend non ci abbandonerà nemmeno durante il 2023, anzi. Il suo vigore sarà tale da fare coraggiosamente capolino in un universo dominato da rigore formale, linee dritte e spigoli vivi.

Non mancheranno dunque letti da cameretta con giroletto arrotondato e testiera modellata, pouf cilindrici e tavolini-comodini di forma tonda.

 

Geometrie semplici

 

 

La tendenza curvilinea va di pari passo e non esclude un’altra sfida estetica, che in parte deriva e in parte alimenta il celebre stile minimalista: l’utilizzo di forme geometriche semplici.

Rettangoli, quadrati, cerchi: tanto basterà per conferire all’ambiente un aspetto estremamente ordinato senza snaturarlo né privarlo del suo carattere. Al contrario, la semplicità formale diventerà una risorsa per gli spazi piccoli che temono di saturare l’ambiente con stili e arredi (troppo) decorativi.

 

Materiali e finiture trend-setter

 

 

Resa estetica, funzionalità e coerenza formale: gli spazi abitativi contemporanei sono costantemente alla ricerca dell’equilibrio tra ciò che è bello e ciò che è pratico. Forti di questa certezza, le future tendenze confermano l’uso di materiali decorativi facilmente abbinabili e adattabili a qualsiasi stile d’arredo, con un attenzione alla salvaguardia dell’ambiente e alle tecniche di produzione.

Il 2023 sarà l’anno dell’effetto legno, finitura iconica dello stile nordico scandinavo, e del vetro, materiale passepartout impegnato insieme al metallo a creare una versione minimal e moderna del tradizionale industrial style.

 

Metallo e vetro

 

 

Erano gli anni ‘50 quando una nuova concezione d’arredo imperversò negli Stati Uniti: era nato l’industrial style. Largamente diffuso, rinvigorito da varianti chic e sofisticate, lo stile industriale continuerà a definire la tendenza, seppur alleggerito rispetto alla versione originale.

Il 2023 vedrà dunque l’affermazione del metallo, che da mera componente strutturale sigillerà il suo potenziale decorativo in combinazione con legno e vetro.

E anche il vetro tornerà alla ribalta in una veste inedita. Trasparente o bronzato, diventerà materiale d’eccezione per grandi ante scorrevoli, supporti o pannelli divisori.

 

Effetti materici e incisioni

 

 

Tra le tendenze decor del 2023 non potrà mancare un grande classico dell’interior design: le finiture materiche. Pannelli che imitano le venature del legno o l’aspetto texturizzato della pietra saranno determinanti per determinare il carattere nordico o industriale di una zona notte moderna.

Il titolo di vero trend setter, però, sembra spettare a un altro tipo di lavorazione: le incisioni decorative. Ante, cassetti e frontali saranno scanditi da sottili scanalature verticali per evocare, con il loro pattern regolare, le preziose decorazioni lignee realizzate da maestri ebanisti.

 

Colori e Palette

 

 

Con la fine del 2022 si chiude un anno simbolicamente rappresentato da una selezione di colori che, per motivi diversi, ne hanno scandito gli eventi.

Come tradizione vuole, è arrivato il momento di fare un bilancio cromatico e una previsione per il futuro, certi del fatto che anche il prossimo anno sarà ricco di abbinamenti inediti, sperimentazioni giocose e, perché no, una reinterpretazione dei grandi classici.

Gli osservatori cromatici non hanno dubbi: saremo invasi da palette esuberanti e luminose, rivitalizzanti e sature, un chiaro invito a riprendere in mano le redini della quotidianità, affermare la nostra personalità e buttarci in nuove avventure.

 

Toni accesi e tinte vivaci

 

 

Complice il tradizionale annuncio di Pantone e la proclamazione di Viva Magenta a Color of the Year, il 2023 sarà un anno vissuto all’insegna dei colori vivaci e metallizzati.

Rossi, blu, viola, gialli saranno impiegati nelle più fantasiose combinazioni per realizzare progetti d’arredo carichi di vitalità e ottimismo, così audaci da mettere in discussione i dettami dell’interior designer e dare vita a soluzioni estremamente personalizzate.

In cameretta, in camera da letto, nel soggiorno o all’ingresso: ogni ambiente diventerà teatro di azzardi cromatici energizzanti e dinamici, limitati a piccole pennellate o estesi a grandi macchie di colore.

 

Sfumature neutre e unisex

 

 

Affrancarsi dallo stile scandinavo? Impossibile. La tendenza nordica si è affermata in maniera così capillare che arginare la sua avanzata è fuori discussione.

Spazio dunque a palette cromatiche che vedono beige, tortora, sabbia e panna come colori base da abbinare a tinte pastello e desaturate per infondere nell’ambiente un’atmosfera rilassante e raffinata.

Spazio anche ai colori unisex come verde oliva e grigio, da impiegare in camerette condivise da fratello e sorella o nelle stanze di ragazzi adolescenti che desiderano avvicinarsi a uno stile d’arredo più adulto.

 

Leggi anche:

 

29 Dicembre 2022 / / diotti.com

Giunti alla fine dell’anno è ora di tirare le somme: quali sono stati i prodotti più venduti del 2022 sul nostro e-commerce? Cosa hanno apprezzato maggiormente i nostri clienti? Scopri nell’articolo i bestseller dell’anno!

Ingresso con consolle in metallo e vetro, specchio, pouf e libreria a colonna

Ogni persona ha le sue esigenze e proprio per questo motivo il nostro sito si è ancor più sviluppato per offrire la massima personalizzazione in termini di finiture, materiali e colori.
Abbiamo chiesto ai nostri arredatori di selezionare i prodotti a cui vanno i nostri diotti.com awards 2022. Prosegui per vedere la classifica ufficiale.

Iniziamo!

#5 Sedia moderna in metallo Lollipop

In quinta posizione troviamo la sedia Lollipop, perfetta per l’uso quotidiano con la sua struttura in metallo e lo schienale in plastica, legno o tessuto, che la rendono durevole ed estremamente versatile in ogni contesto: dalla cucina alla sala da pranzo.

Sedia Lollipop

Non solo sedia, ma anche sgabello! Lollipop è disponibile in entrambe le versioni per dare vita ad un piacevole abbinamento di sedute. Gli sgabelli, per esempio, possono essere posizionati sotto il piano snack-bar, mentre la sedie sono perfette per completare il tavolo da pranzo e creare un ambiente coordinato.

Sgabello Lollipop

Cosa rende questo complemento particolarmente apprezzato? Il design contemporaneo e la solidità garantita dalla struttura in metallo sono ottime caratteristiche per l’utilizzo frequente e prolungato. In aggiunta le numerose finiture disponibili permettono di personalizzare questo complemento per inserirlo in ambienti già arredati, soprattutto se in stile vintage.

#4 Divano con sedute scorrevoli Newport

In quarta posizione si colloca il divano Newport, angolare o lineare, morbido e confortevole per godersi un film davanti alla TV con gli amici o la famiglia.

Divano Newport

La sua particolarità? Le sedute scorrevoli permettono di allungare le gambe offrendo anche una soluzione salvaspazio che consente di estrarre la parte di seduta solo nel momento in cui serve per trasformare il divano in una comoda zona relax.

Divano Newport

Perché questo divano 2, 3 o 4 posti è stato così venduto? Oltre alle sedute estraibili, i nostri clienti hanno apprezzato i poggiatesta reclinabili e la possibilità di sfoderare completamente il rivestimento in tessuto, in velluto o in similpelle, caratteristica perfetta per chi condivide la casa con animali o bambini.

Facilmente lavabile in lavatrice, è il perfetto alleato per chi desidera un rivestimento pratico senza rinunciare all’estetica.

#3 Letto con giroletto sottile California

Sul gradino più basso del podio si posiziona il letto California nella versione Wood e Textile con i caratteristici piedini alti in metacrilato trasparente che suggeriscono l’idea di un letto leggero e dall’aspetto fluttuante.

Letto California

Perché scegliere un letto matrimoniale sospeso? Un giroletto con i piedi in plastica trasparente è ottimo per esaltare un ambiente moderno ed elegante dove l’attenzione ai dettagli è massima.

Il letto così costruito appare senza piedi, appoggiato al muro. In una camera da letto con poco spazio, anche il basamento, se trasparente, aiuta a ridurre gli ingombri complessivi, dando così una maggiore percezione di spazio.

Letto California

E come sfruttare ancor meglio lo spazio intorno alla testiera? Per questo modello sono disponibili una serie di mobili contenitori che si agganciano alla testiera e vanno a creare una boiserie con comodini e pensili dove appoggiare la lampada da lettura e nascondere le riviste, i libri e la piccola biancheria.

#2 Libreria componibile Betis

Il secondo posto se lo aggiudica una libreria bifacciale moderna ed estremamente componibile: Betis. La sua particolarità? Senza dubbio la versatilità. Il fissaggio a parete o a soffitto viene incontro indistintamente alle esigenze di chi cerca una libreria per riempire una parete o dividere un open space in due ambienti.

Libreria Betis

Come utilizzare una libreria a soffitto? La possibilità di agganciare i montanti al soffitto permette di organizzare spazi ampi della casa in due locali o un monolocale in due ambienti per separare, ad esempio, la zona pranzo dal salotto.

Libreria Betis

Tra gli accessori che è possibile aggiungere, l’elemento porta TV girevole permette di ruotare il televisore da una parte all’altra della stanza per poterlo guardare comodamente dal divano così come seduti al tavolo da pranzo.

Libreria Betis

Che materiali utilizzare per comporre la libreria? I montanti in alluminio, solidi e resistenti nel tempo, si legano ai ripiani e ai cassettoni in legno per creare un piacevole contrasto effetto industrial.
I dettagli in cuoio dei cassetti interni, eleganti e formali, impreziosiscono la composizione e la rendono adatta non solo per ambienti domestici ma anche per uffici di alto livello.

#1 Cabina armadio in legno Pacific

E finalmente siamo arrivati a scoprire il vincitore. Rullo di tamburi, il premio di arredo più venduto su diotti.com per l’anno 2022 va a …

La vincitrice è la CABINA ARMADIO PACIFIC!

Perché è il nostro prodotto più venduto dell’anno? Cosa ci hanno detto i nostri clienti?

Pacific è una cabina armadio estremamente personalizzabile in termini di dimensioni, elementi, materiali e finiture. Un armadio su misura che si adatta sia ad ambienti grandi che a spazi stretti, angolari e addirittura mansardati con la possibilità di regolarne l’altezza. Viene incontro alle esigenze di ogni persona.

Cabina armadio Pacific

L’elevata personalizzazione della cabina armadio unita all’elevata qualità delle finiture proposte sono due aspetti da considerare per arredare un ambiente elegante, di alto profilo.

Il telaio in metallo, solido ma poco impattante alla vista, prevede una maniglia integrata per garantire una pulizia formale tipica negli armadi moderni. Alla struttura si legano i ripiani, il fondo e lo schienale realizzabili in legno nobilitato materico o in laccato opaco.

Cabina armadio Pacific

E per quanto riguarda le ante? Perchè scegliere una cabina armadio con ante in vetro?

Le porte del guardaroba in vetro trasparente, fumè o satinato mettono in bella mostra i vestiti riposti sugli appendiabiti, una vera chicca per gli amanti della moda che possono così osservare i propri abiti senza dover aprire le ante.

È poi importante considerare che la possibilità di vedere oltre l’anta aumenta lo spazio in profondità, soluzione ottimale per corridoi o stanze strette.

Cabina armadio Pacific

In un guardaroba con le ante a vista è fondamentale che tutto sia in perfetto ordine.

Lo spazio interno può essere allestito con accessori che permettono di organizzare al meglio i vani: rastrelliere per i pantaloni, ripiani per le borse e gli zaini e cassetti per le cinture e le cravatte.

Cabina armadio Pacific

Con questa classifica tiriamo le somme di un anno ricco di soddisfazioni, passato a realizzare le idee dei nostri clienti, anche quelle che sembravano impossibili.

Accantonato così il 2022, non ci resta che provare ad immaginare quelle che saranno le tendenze del 2023. Cambieranno? Rimarranno le stesse? Chi può dirlo! Al prossimo anno per scoprire i vincitori dei diotti.com awards 2023.

Leggi anche:

Augurando un felice anno nuovo ti invitiamo a contattarci per sentire il parere di un nostro arredatore qualora pensi possa interessarti qualcosa di quanto hai appena letto. Clicca sul banner e raccontaci cosa stai cercando.

25 Dicembre 2022 / / Nell'Essenziale

Ciao Creativa, oggi ti condivido una raccolta di video tutorial per creare palline di natale fai da te in stile country chic

Video tutorial palline di natale fai da te

In questa stagione Natalizia mi sono appassionata a creare Gnomi natalizi e palline di Natale, in ogni periodo dell’anno ho delle passioni un po legate ai miei gusti ed uno po legate ai trend del momento.

Materiale necessario per realizzare le palline di natale fai da te in stile country chic:

  • Palle in polistirolo di misure varie.
  • Palle trasparenti di misure varie.
  • Calzini in tinta unita oppure con fantasie country.
  • Filo di yuta.
  • Tessuti country.
  • Decorazioni come nastri, pompon, foglie finte, pannolenci.

Palline con petali

Procedura per creare la pallina con calzino e petali:

  1. Infila la palla di polistirolo nel calzino e lega la parte superiore con un laccio creando l’asola per appendere la palla.
  2. Stampa e ritaglia il cartamodello dei 5 petali sul pannolenci.
  3. Dopodichè cuci i petali con un punto filza centrale ed incolla la corolla appena formata all’apice dalla palla.
  4. Decora con fiocchi a piacere.

Procedura per creare la pallina con tessuto e petali:

  1. Incolla il laccio all’apice della palla trasparente creando l’asola per appendere la palla.
  2. Avvolgi la palla con il tessuto country chic scelto e legalo all’apice.
  3. Taglia il tessuto in eccesso.
  4. Stampa e ritaglia il cartamodello dei 5 petali sul pannolenci.
  5. Cuci i petali con un punto filza centrale ed incolla la corolla appena formata all’apice dalla palla.
  6. Decora a piacere.

Scarica qui i cartamodelli dei petali

Palla natalizia con calzino e fiocchi

Procedura per creare la pallina con calzino e fiocchi:

  1. Infila la palla di polistirolo nel calzino e lega la parte superiore con un laccio creando l’asola per appendere la palla.
  2. Incolla il nastro in pompon sulla palla.
  3. Decora con fiocchi e perline a piacere.
  4. Infine incolla foglie e pigne.

Palline di natale in stile country chic

Procedura per creare la pallina con filo di juta e filo di lana:

  1. Incolla il laccio all’apice della palla in polistirolo creando l’asola per appendere la palla.
  2. Dopodichè avvolgi la palla con il filo fino a ricoprirla tutta.
  3. Decora con  fiocchi e nastri a piacere, se vuoi aggiungi perle o pompon.
Novità:

Sono attivi sia su YouTube che su Facebook gli abbonamenti ai miei contenuti esclusivi. Questi contenuti comprendono una serie di video corsi e progetti esclusivi da me creati su articoli per la casa come copriforno, runner tovaglie, e tanti altri progetti

Vai a vedere di cosa contiene  l’abbonamento a Nell’Essenziale su YouTube!

Ciao ed al prossimo tutorial!

Rosa

Questo articolo Video tutorial palline di natale fai da te in stile country chic proviene da NellEssenziale.

24 Dicembre 2022 / / Dettagli Home Decor

Scopri le potenzialità dei profili LED per l’illuminazione lineare da parete

Scopri le potenzialità dei profili LED per l’illuminazione lineare da parete e cosa devi sapere per scegliere i modelli giusti.

La luce è un elemento cruciale per la valorizzazione degli ambienti domestici: essa permette di aumentare il comfort degli occupanti della casa, oltre che esaltare gli stili di arredamento e generare un’atmosfera calda e accogliente.

Un tempo le principali soluzioni in commercio per illuminare erano costituite da lampade alogene o neon, ma che rispetto alle soluzioni odierne comportavano un consumo energetico molto maggiore e una durata considerevolmente inferiore. La tecnologia a LED, al contrario, garantisce una migliore resistenza, un consumo energetico più ridotto e una durata molto superiore alle soluzioni precedenti.

Profili LED a incasso: la soluzione giusta per una illuminazione efficace

I profili LED a incasso nel soffitto sono soluzioni versatili per garantire alla casa la luce della quale ha bisogno, in modo discreto ma efficace. Essi conferiscono un apprezzabile tocco di eleganza all’ambiente e, applicando delle luci dimmerabili, consentono di regolare la luminosità per ottenere l’illuminazione ideale per ogni circostanza. Un profilo LED a parete si può applicare praticamente ovunque, su scale, balconi, contropareti, controsoffitti in cartongesso.

L’illuminazione lineare permette di dare vita a contesti ammalianti nei quali fasci di luce circondano lo spazio interno ed esterno, superando gli ostacoli che in passato ne limitavano la portata e donando una luce chiara e intensa in ogni angolo della casa.

I profili a LED per l’illuminazione lineare permettono di rischiarare adeguatamente corridoi e percorsi calpestabili, mediante vere e proprie installazioni luminose in grado di generare un’atmosfera soffusa e ricercata.

Cosa sono i profili a LED e perché sceglierli?

Il profilo LED è un piccolo contenitore di metallo che serve a contenere una o più strip LED di vari colori e potenze, adatto a essere installato in qualsiasi spazio. Può essere avvolto in un supporto plexiglass opaco o trasparente a seconda dell’effetto estetico e della luminosità che si intende ottenere.

Questi supporti permettono di rischiarare un ambiente in modo discreto, senza che il corpo illuminante sia visibile. Possono essere appoggiati a una superficie e rimanere visibili, oppure incassati nel cartongesso per produrre una luce soffusa in maniera discreta.

Per merito della loro versatilità vengono utilizzati in un gran numero di ambienti e stili, ad esempio per illuminare mensole, librerie, armadi o sezione degli stessi; possono essere applicati in cabine armadio, sopra i letti così come essere rivolti verso le mensole del bagno.

Si tratta di complementi di arredo ideali per l’installazione in nicchie a vista e che garantiscono una resa estetica ottimale. I LED sono sistemi di illuminazione domestica molto convenienti: si accendono istantaneamente alla massima luminosità e durano molto a lungo nel tempo.

I vantaggi dei profili per l’illuminazione LED

I profili di alluminio sono molto consigliati per ospitare strisce LED: offrono un’ottima resistenza all’usura, disperdono il calore in eccesso prolungando la vita utile del dispositivo e possono aiutare a ridurre l’insorgere dell’umidità.

I profili in alluminio LED sono una modalità di illuminazione molto apprezzata dagli interior designer per l’efficienza energetica che apportano e per la versatilità di applicazione. I contenitori in alluminio garantiscono la dispersione del calore scongiurando il rischio di riscaldamento: in commercio vi sono diversi modelli che si prestano alle esigenze estetiche di diversi ambienti.

I profili in alluminio LED da incasso possono essere inseriti su supporti in legno anche con finiture già presenti e possono essere realizzati secondo stili differenti.

Per ambienti moderni di forte impronta essenziale e minimalista sono molto indicati i profili per illuminazione lineare.

Infine, i profili lineari in gesso ceramico sono l’ideale per contenere la strip LED a lungo nel tempo. Si tratta di profili lineare a scomparsa totale discreti che permettono di realizzare tagli di luce LED molto intriganti che valorizzano il valore scenico della luce e il suo impatto su mobili e pareti. Rispetto ad altri sistemi di illuminazione più vistosi garantiscono la possibilità di ottenere la luce della quale si ha bisogno in modo completo ma anche discreto.

Profili LED per l’illuminazione lineare da parete, guida alla scelta

Come scegliere i profili a LED adatti a ogni stile di arredamento

I profili per l’illuminazione lineare a LED sono una tecnica moderna molto conveniente ed efficace per illuminare ambienti domestici con un occhio di riguardo ai consumi energetici.

I profili LED permettono di far giungere la luce ovunque, senza rischiare di generare spiacevoli zone d’ombra, garantendo una illuminazione sobria ma efficace. Le strisce LED nei profili in alluminio munite di diffusori producono una luce accogliente eliminando il rischio di abbagliare e di ferire gli occhi.

La scelta dei profili a LED indicati in base a ogni ambiente dovrebbe essere effettuata tenendo conto delle caratteristiche di:

  • forma (es. rettangolare, flessibile ecc.)
  • profondità (più lo spazio è ridotto più si consiglia un profilo sottile)
  • modalità di installazione (es. piastrelle, terreno, intonaco)

Modelli tra cui scegliere

In base alle caratteristiche del progetto in questione, possiamo optare per profili in alluminio a superficie (ideali per costruzioni esistenti in bagni, camere da letto, soggiorno). Da incasso (per nuove costruzioni per le quali si vuole generare una illuminazione da incasso a basso profilo). Oppure in versione angolare (per emettere la luce verso una superficie adiacente).

I profili piatti emanano una luce diretta e in genere vengono applicati a plafone, a sospensione, a incasso, ad applique, e costituiscono valide alternative dei tradizionali lampadari.

I profili angolari riversano a luce su un angolo di 30/45 gradi. Questi sono particolarmente indicati per essere applicati fra parete e soffitto, fra mobili e muro. Permettono di avvalersi di una luce tagliata più contenuta e uniforme, che raggiunge ogni spazio anche di rimbalzo.

I profili lineari e minimali sono adatti a enfatizzare la bellezza insita di ambienti pubblici e privati. Vengono impiegati sia come fonte di luce principale che secondaria dove serve una fonte di illuminazione aggiuntiva per realizzare determinati effetti estetici. I profili flessibili sono indicati per installazioni con forme ovali e rotonde. Quelli angolari sono realizzati in modo da produrre un angolo da 45 gradi. I profili calpestabili sono indicati per pavimenti soggetti a passaggi frequenti.

Mentre i profili piatti sono molto indicati per l’applicazione della luce diretta dal soffitto verso terra e per pareti con particolari finiture. I profili angolari sono indicati per rivolgere la luce verso il soffitto e ottenere così una superficie di riflesso maggiore rispetto a quella che offre un profilo piatto.

I profili a LED sono soluzioni versatili che possono essere installate ovunque raggiungendo ottime performance. In commercio vi sono diversi modelli di profili in alluminio per LED in vari colori come bianco, nero, argento… in grado di rispondere a specifiche esigenze di installazione.

Tipologie in commercio

Tra i profili LED in commercio possiamo scegliere la specifica tipologia in grado di rispondere maggiormente alle nostre esigenze:

  • profili in alluminio LED da pavimento: profili concepiti per illuminare, mediante gradini e scale, strisce LED a bassa tensione. Si tratta di sistemi utili per assicurare
  • profili in alluminio a sospensione LED: profili moderni e versatili per illuminare tavoli, scrivanie, aree reception
  • profili in alluminio LED impermeabili: profili concepiti per essere utilizzati anche all’aperto e resistenti alle intemperie
  • profili in alluminio LED da parete: profili che possono essere applicati sulla superficie della struttura in cartongesso, marmo e piastrelle e applicati per produrre illuminazione lineare
  • profili angolari in alluminio a LED: profili montati negli angoli che emettono un raggio di luce orientato in modo da illuminare le aree prescelte
  • profili alluminio mini LED: profili in alluminio di piccole dimensioni che possono essere installati in luoghi stretti

9010 realizza innumerevoli modelli di profili a LED da parete installabili su cartongesso, cemento, murature in laterizio, installazioni luminose a scomparsa in grado di illuminare con discrezione ma in maniera efficace. Visita il sito e scopri la soluzione che fa al caso tuo!

L’articolo Profili LED per l’illuminazione lineare da parete: cosa devi sapere proviene da Dettagli Home Decor.

23 Dicembre 2022 / / My happy place

Diciamo che una volta definita la struttura del bagno, la parte importante sarà la scelta degli accessori per il bagno. Con gli accessori potrete dare quel tocco unico alla vostra sala da bagno. In questo modo riuscirete a riammodernare il vostro bagno senza rompere o stravolgere tutto. Vi avevamo già parlato di come arredare un bagno moderno, in questo articolo ci soffermeremo solo sugli accessori e sui dettagli per renderlo unico.

Accessori per il bagno, quali sono quelli giusti?

Quando si parla di accessori effettivamente il discorso è talmente ampio che non se ne riconosce il confine. Stiamo parlando di quegli elementi che ti permettono di dare il tuo tocco personale all’ambiente. Nel caso particolare del bagno si tratta di tantissime cose: a partire dallo specchio, di cui ormai esistono infinite varianti, dal portasalviette, fino alle mensole e cose via.

accessori bagno Ever Life Design

Linea bagno Ever Life Design

Nel caso in cui stiate ristrutturando il bagno, sono sicura che sarete concentratissimi sulle piastrelle, i sanitari e i mobili. Ecco che poi alla fine avrete un bel bagno ma vi mancherà sempre quel tocco in più per poterlo rendere perfetto. Avete quindi mai pensato di procedere inserendo nella vostra idea di ristrutturazione anche tutti quanti gli accessori? Questo tendenzialmente è quello che fa anche un architetto che si occupa anche degli interni o più in particolare un interior designer.

scaletta per bagno con mensole

Scaletta per asciugamani con mensole Leroy Merlin

Ecco quindi a cosa dovrete pensare quando selezionerete i vostri accessori per il bagno:

  • Porta asciugamani
  • Porta sapone e spazzolino
  • Mensole
  • Specchio
accessori per il bagno specchio design

Specchio design Sklum

Accessori bagno Ikea

Uno dei nostri negozi low cost preferiti, ormai lo sapete, è Ikea.
Sempre più spesso la vostra richiesta riguarda accessori bagno con ventosa, che non hanno bisogno di forare muro/piastrelle. In questo Ikea è senza dubbio molto fornita. Hanno fatto una nuovissima serie, “ÖBONÄS”, di quel grigio verde che piace tanto in casa My Happy Place che è davvero molto funzionale. La ventosa funziona perfettamente e gli accessori spaziano dal porta asciugamani al porta spazzolini, fino a delle mensoline che noi abbiamo messa all’interno della doccia per i saponi e sono ancora lì immobili. Se state quindi cercando accessori bagno senza fare fori sul muro, questa è un’ottima idea.

Accessori bagno moderni – porta asciugamani e accappatoi

Per quanto riguarda i bagni moderni, la parola d’ordine è minimalismo. Evitare accuratamente ghirigori, forme particolari, eccessi e quant’altro. Linee pulite, colori giusti ed in linea con il contesto. Potete pensare a dei coordinati, stessi colori per tutti quanti gli accessori del bagno. Importante è anche la scelta del materiale, inutile dirvi che se si tratta di un accessorio che sta a contatto con l’acqua, come un portaspazzolino, il legno non è proprio il materiale migliore da utilizzare.

porta asciugamani da terra design sklum

Porta asciugamani da terra minimal Sklum

Per i portasalviette bagno la scelta è molto vasta. Potete scegliere tra i modelli fissati al muro o meno. Se si ha spazio sufficiente a disposizione si può pensare anche ad una scaletta, è un accessorio comodo e molto “arredante”, utile sia per gli asciugamani sia per inserirci delle mensoline porta tutto, ci sono davvero molti modelli a disposizione.

Dove posizionare gli accessori per il bagno

Tutto quanto parte dalle dimensioni del bagno. Da lì potrete scegliere se utilizzare accessori sospesi o poggiati a terra. In base alla vostra scelta il risultato dovrà essere in ogni caso iper funzionale. Un porta asciugamani al lato del vostro lavabo e uno all’uscita della doccia. Sospeso nel caso in cui il bagno sia di dimensioni ridotte o una bella scaletta se si hanno più mq a disposizione. Il portarotolo deve avere uno spazio tutto suo ed evitare di diventare un elemento su cui si potrebbe urtare muovendosi. La cosa migliore sarebbe quella di pensare una nicchia a cubo dedicata appositamente a questo accessorio, se state ristrutturando vi consiglio di rifletterci.
L’importante è trovare sempre il giusto compromesso tra funzionalità ed estetica e scegliere quindi l’accessorio perfetto per il nostro bagno.

L’articolo Accessori per il bagno, le idee più alla moda del momento proviene da My Happy Place.

23 Dicembre 2022 / / Non Ditelo all'Architetto

Costruire alla perfezione gli ambienti della casa in cui si andrà ad abitare, potenzialmente anche per tutta la vita, è il sogno di tutti, anche se non è così facile realizzarlo perché spesso bisogna scontrarsi con la realtà e soprattutto lasciarsi guidare da esperti del campo, che in base alle esigenze e all’ambiente sapranno consigliare nel modo migliore sia a livello estetico che funzionale. Questo diventa più che mai vero per la cucina, spazio dell’abitazione in cui si passa buona parte del tempo e indubbiamente uno dei più sfruttati. Trattandosi di un contesto dove versatilità e funzionalità la fanno da padrone, la progettazione per questa stanza dovrà richiedere maggiore cura e dettaglio. La cucina perfetta non è solo quella che esprime un design personalizzato, seppur anche tale aspetto sia importante, ma dev’essere un contesto in cui impianti, arredi ed elettrodomestici riescono a combinarsi al meglio.

Cucina: le tipologie compositive

Una buona progettazione della cucina deve partire dalla considerazione degli spazi a disposizione, dalle esigenze di chi dovrà viverla, dalle misure minime dei mobili, dalle distanze degli spazi minimi ergonomici e dal rispetto di tutte le indicazioni normative, soprattutto per quanto riguarda gli impianti elettrici, le altezze e i requisiti igienico-sanitari. Per essere funzionale una cucina deve saper sfruttare al meglio l’ambiente circostante. Se la stanza è lunga e stretta la cucina in linea rappresenta la soluzione ottimale: qui gli elementi d’arredo vengono disposti lungo un’unica parete, consentendo un risparmio di spazio nel muro centrale. In presenza di ambienti allungati, ma sufficientemente larghi da permettere di muoversi agilmente, si può pensare anche a una cucina in linea doppia. Altrimenti, in caso di contesti molto ampi, la cucina con isola al centro è la scelta più congeniale, specialmente se l’idea è di puntare su un arredo contemporaneo o sullo stile open space. In questo caso si avrà una parte distaccata dagli altri elementi che compongono la cucina, utilizzabile come lavello, piano cottura o piano da lavoro. Nella cucina ad angolo invece gli arredi vengono disposti lungo due pareti adiacenti, con uno spazio centrale che funge da passaggio tra un ambiente e l’altro. Per far sì che la disposizione non vada a scapito della funzionalità però è importante posizionare lavello, fornelli e frigorifero vicini, così da ridurre le distanze e concentrare le mansioni collegate tra loro in un unico spazio.

Studio ergonomico e impianti
Le cucine alto design fanno certamente gola, ma senza prestare attenzione alle dimensioni degli arredi e all’analisi dei percorsi che si effettueranno nello spazio, la cucina perderà la sua funzione principale ovvero quella di essere un “ambiente di lavoro”, prima che uno spazio abitativo, dove i movimenti dovranno risultare comodi e facili da eseguire, senza oggetti ad intralciarli. Da prendere in esame per primi piano cottura, lavello e frigorifero, che generalmente assumono una forma a triangolo o, qualora non fosse possibile svilupparlo, vengono intervallati da piani di lavoro. L’altezza ideale per collocare i pensili è fissata a 55 cm dal piano lavoro, mentre l’altezza delle basi è solitamente 90 cm da terra. Tra tavolo e parete dovranno intercorrere almeno 120 cm per consentire a una persona di passare agevolmente. A determinare la posizione di lavello e fuochi, laddove già presenti, saranno gli attacchi e lo scarico, a meno che non si decida di optare, come spesso avviene nella progettazione cucine di design, per un piano a induzione. Il frigorifero dovrà essere disposto vicino al lavabo e il forno incassato in una colonna per evitare di doversi continuamente chinare per controllare la cottura dei cibi.

Creare una cucina di lusso
Vero che la cucina è prima di tutto uno spazio funzionale, ma al giorno d’oggi è frequente trovare cucine di lusso moderne che sono anche pratiche. Se si prediligono ambienti raffinati non bisogna rinunciarvi, anche se non è semplice combinare l’eleganza con la praticità, ed è per questo che molti apprezzano le cucine già arredate ed esposte negli showroom, perché cercare di arredare di proprio pugno o un pezzo alla volta un ambiente dove il design la fa da padrone può rivelarsi un’impresa tutt’altro che semplice.
Sicuramente una cucina su misura o artigianale si differenzierà sempre dalle soluzioni standardizzate industriali, che di contro possono non riuscire a soddisfare appieno le necessità dell’acquirente.
Chi ha la possibilità di progettare una cucina di lusso spesso dispone di uno spazio abbastanza grande da poter accogliere un’isola centrale, o addirittura due, in cui includere anche molti spazi di conservazione estraibili dove riporre oggetti antiestetici o rifiuti per sottrarli alla vista. Espressione di design in una cucina di lusso può essere anche la pavimentazione, che grazie all’introduzione di materiali innovativi ora può essere sia di classe che pratica. Un esempio è il legno tecnico, che rispetto al legno massello richiede meno manutenzione ma non manca di conferire all’ambiente la stessa eleganza della sua controparte.
Non possono inoltre mancare dei pezzi distintivi per distinguersi come una cantinetta per il vino, così da avere sempre a portata di mano una selezione di bottiglie per ogni occasione.

L’articolo Come progettare una cucina di lusso proviene da Architettura e design a Roma.

23 Dicembre 2022 / / Dettagli Home Decor

6 idee last minute per realizzare un albero natalizio fai da te con le Stelle di Natale 

Cosa sarebbe la Vigilia di Natale senza un albero decorato per le feste? L’abete è il simbolo del Natale per antonomasia per la maggior parte delle famiglie. Gli esperti di Stars for Europe, associazione dei coltivatori europei di Poinsettia, ci vengono in aiuto con alcune idee facili da realizzare. Gli spunti DIY metteranno d’accordo sia gli amanti degli alberi tradizionali, che gli appassionati delle opzioni più alternative. 

Per i minimalisti: albero ntalizo con Stelle di Natale color crema

Le Stelle di Natale color crema si adattano perfettamente a uno stile natalizio minimalista e scandinavo. Con le loro brattee a forma di stella rendono l’aria davvero festosa, inoltre, quando si usano come fiori recisi, fanno risaltare gli alberi di Natale e i pacchetti regalo.

alberi natalizi fai da te con le stelle di natale

Questa semplice struttura in legno, dalla forma triangolare, rappresenta un sostituto ideale dell’albero di Natale per chi desidera un’alternativa riutilizzabile al classico abete. Per decorarlo, riempite le mensole con le Stelle di Natale, pigne, piante verdi, regali e decorazioni varie, infine aggiungete un filo di luci… Fatto! Le rotelle consentono di spostarlo dove meglio preferite, meglio in un posto dove attira maggiormente l’attenzione.

Suggerimento per il fai-da-te: potete costruire da soli uno scaffale triangolare usando due scalette di legno. Sarà poi sufficiente fissare delle tavole di legno tra i vari pioli creando un ponte tre le due scale. Dunque fate la stessa cosa con il livello inferiore in modo da poter avvitare le rotelle.

Una pianta di Poinsettia per sostituire un albero di Natale? Nessun problema con questo imponente esemplare, grazie alle magnifiche brattee color crema, molto d’impatto, qualsiasi ulteriore decorazione risulta superflua. Le piante così slanciate, a portamento colonnare sono rare e non facili da reperire ma con un pò di fortuna, potete trovarla in un buon negozio specializzato.

Ricordiamoci che le Stelle di Natale sono disponibili in diversi colori, dimensioni e forme, per cui ciascuno può trovare quella che fa più al caso suo.

Per i romantici: un albero di Natale da favola… alternativo

come creare un albero natalizio fai da te

Questo albero natalizio fai da te, decorato con Winterberry (Ilex verticillata) e luci fiabesche, ha un’aria romantica e moderna. È composto da cinque tronchi naturali rotondi, lunghi 1,8 metri, legati insieme a un’estremità e disposti ricreando una tenda indiana. L’attenzione ricade sul cesto colmo di Stelle di Natale; i regali possono essere disposti alla base della struttura in legno per risparmiare spazio.

E se una decorazione da appendere diventasse un albero natalizio ‘minimal chic’? Potete trovare ovunque un posto adatto a questa spirale di filo metallico, ricoperta di rametti di ginepro e decorata con Stelle di Natale e palline: una graziosa decorazione pendente, molto semplice da realizzare, con il giusto pizzico di abilità.

Per appendere l’alberello di Natale occorrono fil di ferro (spessore 1 – 2 mm), due paia di pinze (una tronchesina e un paio di pinze a becco piatto per piegare il filo), rametti di ginepro, palline, spago/nastro, filo d’argento, tre provette e tre mini Stelle di Natale.

Ecco come realizzarlo fai da te

Step 1: tagliate un filo di 50-60 cm di lunghezza con la tronchesina e con le pinze a becco piatto fate un piccolo occhiello a un’estremità per appenderlo. Steap 2: partendo dall’occhiello, create il filo a spirale, unendo un cerchio alla volta. Aggiungete un altro anello alla fine. Step 3: legate i rametti di ginepro alla spirale con il fil di ferro. Step 4: fissate le palline e le provette al filo di ginepro avvolto con un nastro e appendete l’alberello di Natale nel punto prescelto. Riempite le provette d’acqua e metteteci dentro le Stelle di Natale recise.

Albero natalizio vintage da parete 

Con questo albero fatto in casa con Stelle di Natale e altre decorazioni, la vostra immaginazione non avrà limiti. Questa idea da parete molto creativa è una soluzione salvaspazio per chiunque voglia dare una veste più moderna al classico abete. Oltre alle Stelle di Natale, anche i telai da ricamo con motivi natalizi sono davvero accattivanti e facili da realizzare, procuratevi: un vecchio maglione, forbici, teali da ricamo, colla a caldo e una pistola per colla.

Albero natalizio vintage da parete

Tutorial

Step 1: posizionate l’anello interno del telaio da ricamo al centro del motivo scelto sul maglione e segnate una linea di taglio circolare di almeno due centimetri più grande del cerchio. Ritagliate il motivo lungo questa linea. Step 2: posizionate il cerchio del maglione al centro dell’anello interno, inserite l’anello esterno aperto sulla parte superiore e stringete la vite di tensione. Quando il motivo è nella posizione desiderata, fissate la parte in eccesso all’interno della cornice con la colla a caldo.

Suggerimento: questo albero da parete fai-da-te offre spazio per diversi telai da ricamo a tema natalizio di varie dimensioni. Arrichhire poi con altri oggetti e fiori a piacere.

 

 

L’articolo Idee last minute per un albero natalizio fai da te con le Stelle di Natale proviene da Dettagli Home Decor.

23 Dicembre 2022 / / Dettagli Home Decor

Nuove strisce led per case più belle ed ecologiche

L’uso del led per arredare la nostra casa è qualcosa che sta iniziando a diventare sempre più frequente per due semplici motivi: la grande varietà di colori e possibilità di posizionamento lasciano piena libertà alla fantasia, e in più sono ecologiche.

Infatti il led non contiene sostanze tossiche o gas nocivi, e illumina l’ambiente ma non lo satura, producendo perciò zero inquinamento luminoso.

Ormai, vista la loro grande diffusione, strisce led di qualità sono trovabili anche online, su siti specializzati come King-led che ne offre davvero una vasta quantità, per ogni gusto ed esigenza.

Inoltre, acquistare online permette non solo di avere la pronta consegna, ma lo store offre anche la possibilità di avere un’assistenza clienti sempre a disposizione, così che si possa avere qualcuno su cui contare in caso di ogni difficoltà.

Strip led multicolore 

Utilizzate soprattutto per le camerette dei bambini o dei ragazzi, questa tipologia di strisce led offre la possibilità di dare un tocco di colore in più in una stanza. Estremamente eleganti, l’uso del colore aggiunge un pizzico di fanciullezza e gradevolezza, ideale per i più giovani e chi vuole arredare con una pennellata di colore.

nuove strisce led colorate

Trattandosi di strisce abbiamo possibilità anche di far correre un po’ la fantasia: possono essere fissate al muro per creare dei disegni, delle forme colorate, ad esempio. L’uso più comune, invece, può essere quello di fissarle al letto, alla sua testata o agli angoli del soffitto, per dare quel senso soft all’ambiente, a metà tra l’oscurità e la luce.

Strip led impermeabili

La possibilità di acquistare strip led impermeabili ha dato modo di estendere la fantasia dell’arredamento a led anche in zone a rischio umidità o addirittura all’esterno. Sta andando, infatti, sempre più di moda il giardino di design, ovvero giardini arredati in maniera originale e che richiamano determinati stili come quello mediterraneo, il moderno o il giapponese.

le nuove strisce led impermeabili

L’illuminazione a led impermeabile dà la possibilità di donare a questi spazi esterni un tocco chic, oltre che essere estremamente funzionale potendo illuminare la zona durante le ore notturne e serali.

Inoltre, come accennato, sono utilizzabili anche in ambienti particolarmente umidi, come ad esempio il bagno: utile in caso di necessità notturna, senza dover accendere tutte le luci, ma soprattutto di grande impatto visivo, donando eleganza.

Strisce led su misura o 20 metri

A volte si vorrebbe arredare con strisce led luoghi eccessivamente ampi, ma il loro vantaggio risiede anche nella possibilità di acquistarle su misura. Si avrà così la possibilità di arredare il corridoio con una retroilluminazione elegante e utile ai movimenti notturni, o potrà essere utilizzato lungo tutto il bordo di una stanza, indipendentemente dalla sua ampiezza.

Se non si ha la possibilità di prendere le misure e decidere a priori la lunghezza, si potrà invece optare per una bobina di 20 metri che potrà essere tagliata da noi stessi della lunghezza che più ci è congeniale. E non dimentichiamoci, infine, della grande possibilità di far sempre ricorso all’assistenza clienti in grado di darci supporto su ogni nostro dubbio e problematica in fase di installazione.

Tutto questo ci permetterà di dare davvero un tocco in più alla nostra casa con un nuovo elemento estremamente versatile, elegante e a bassissimo impatto ambientale ed economico.

Foto via Depositphotos

 

L’articolo Case più belle ed ecologiche grazie alle nuove strisce led proviene da Dettagli Home Decor.

22 Dicembre 2022 / / Nell'Essenziale

Ciao Creativa oggi ho realizzato un video tutorial su come realizzare un soldatino Schiaccianoci di Natale gigante fai da te con poco materiale ma con risultato top! Bon ti spaventare se la lista del materiale sembra lunga, la maggior parte è materiale che trovi in casa!

Video tutorial per creare lo Schiaccianoci di Natale gigante fai da te

Materiale occorrente per realizzare lo schiaccianoci:

  • Tubi in cartone dello scottex, ne ho utilizzati 2 per le braccia e 4 per le gambe.
  • Bottiglia di plastica per il corpo, meglio se trasparente.
  • Imbottitura per bambole.
  • Tessuto tartan per il vestito circa 1 mt.
  • Velluto per le gambe 60x 30cm.
  • Calze, una per il corpo color panna (da questa ho tagliato la parte utilizzata per il collo, una color carne per la testa, un paio nere per gli stivali.
  • Pile per le mani
  • 1 Palla di polistirolo per le mani da 7 cm.
  • Rivestimento per le mani pile 2 pezzi 25x25cm.
  • Pellicciotto per le maniche due pezzi 10x 25cm.
  • 1 palla trasparente per i piedi, una parte per piede.
  • Basi per Torta, tutte da 10cm, 2 per i piedi, due per la testa ed 1 per il cappello.
  • Barba a boccoli per i capelli.
  • Barba per gnomi per la barbetta.
  • Pannolenci nero per cappello, sopracciglia, occhi e baffi 30x 60cm
  • Pannolenci rosso per la bocca, un ritaglio, in assenza utilizza del cartoncino rosso.
  • Passamaneria dorata da 1 o 2 cm 2 mt.
  • 1 rotolo di nastrino dorato.
  • Nastro in velluto da 5 cm circa 30 cm.
  • Filo metallico dorato per decorazioni di scarpe e cappello 1 confezione.
  • Filo metallico per le giunture 50 cm.
  • Cordino per bloccare le parti 1mt.
  • Tessuto nero o pannolenci per il mantello 50x50cm.
  • Pistola e colla a caldo.

Schiaccianoci di Natale gigante fai da te

Procedura per creare le gambe ed il corpo:

  1. Prendi i  4 tubi in cartone ed incollali 2 a 2 per creare le gambe, fissali con del nastro adesivo.
  2. Realizza i piedi tagliando la sagoma della base di torta in polistirolo con il tubo.
  3. Incolla sulla sagoma dei piedi sia la base in polistirolo, sia il tubo. Incolla la mezza sfera trasparente sulla base per torta per ogni piede.
  4. Inserisci il calzini neri per creare gli stivali.
  5. Taglia la base della bottiglia di plastica ed Inserisci all’interno fino a circa metà bottiglia l’imbottitura per bambole.
  6. Blocca le gambe con la colla, lega con cordino e inserisci altra colla. Importante: Taglia il cordino solo quando la colla si è raffreddata, cosicché il tutto si sarà stabilizzato,

Procedura per creare la testa

  1. Taglia la barba ed Incollala alla testa per formare i capelli
  2. Taglia ed incolla gli occhi, bocca e baffi, barba, le sopracciglia le ho incollate alla fine perché me ne sono dimenticata, ma puoi incollarle ora.
  3. Incolla la base per torta sopra i capelli e rivestila con il pannolenci nero lasciando aperta la parte alta, che dovrai riempire con dell’imbottitura per bambole.
  4. Taglia e rivesti la visiera con il pannolenci nero ed incollala al cappello.
  5. Taglia 2 cerchi di cartoncino come da cartamodello inseriscine uno sull’imbottitura e bloccalo con i bordi di pannolenci che dovrai tagliuzzare.
  6. Rivesti il secondo cerchio con pannolenci o con il tessuto del vestito e incollalo come chiusura per il cappello.
  7. Comincia a decorare con nastrini e lustrini. Io ho decorato in momenti diversi perché non avevo tutto il materiale a disposizione.

Decorazioni finali dello Schiaccianoci di Natale gigante fai da te

  1. Sistema le calze nere che hai utilizzato come stivali e bloccale con la colla a caldo .
  2. Decora gli stivali, io ho utilizzato il nastrino dorato come suola e dei fili metallici come lacci.
  3. Inserisci la cintura, io ho utilizzato un nastro in velluto.
  4. Decora il vestito, io ho utilizzato il nastro in velluto con quello dorato.
  5. Taglia ed incolla i bordi del mantello, incolla il nastrino dorato ai bordi.
  6. Incolla il mantello sulle spalle.
  7. Termina le decorazioni, io ho incollato ora le sopracciglia!

Tempo necessario: 145 minuti

Scarica qui i Cartamodelli: cartamodelli schiaccianoci

Cosa ne pensi di questo video?? Realizzerai questo schiaccianoci in versione country?

Novità:

Sono attivi sia su YouTube che su Facebook gli abbonamenti ai miei contenuti esclusivi. Questi contenuti comprendono una serie di video corsi e progetti esclusivi da me creati su articoli per la casa come copriforno, runner tovaglie, e tanti altri progetti

Vai a vedere di cosa si tratta l’abbonamento a Nell’Essenziale su YouTube!

Ciao ed al prossimo tutorial!

Rosa

Questo articolo Schiaccianoci di Natale gigante fai da te proviene da NellEssenziale.